Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War

By Ramzy Baroud

Entire communities in the West Bank either have no access to water or have had their water supply reduced almost by half.

This alarming development has been taking place for weeks, since Israel’s national water company, “Mekorot”, decided to cut off – or significantly reduce – its water supply to Jenin, Salfit and many villages around Nablus, among other regions.

Israel has been ‘waging a water war’ against Palestinians, according to Palestinian Authority Prime Minister, Rami Hamdallah. The irony is that the water provided by “Mekorot” is actually Palestinian water, usurped from West Bank aquifers. While Israelis, including illegal West Bank settlements, use the vast majority of it, Palestinians are sold their own water back at high prices.

By shutting down the water supply at a time that Israeli officials are planning to export essentially Palestinian water, Israel is once more utilizing water as a form of collective punishment.

This is hardly new. I still remember the trepidation in my parents’ voices whenever they feared that the water supply was reaching a dangerously low level. It was almost a daily discussion at home.

Whenever clashes erupted between stone-throwing children and Israeli occupation forces on the outskirts of the refugee camp, we always, instinctively, rushed to fill up the few water buckets and bottles we had scattered around the house.

This was the case during the First Palestinian Intifada, or uprising, which erupted in 1987 throughout the Occupied Palestinian Territories.

Whenever clashes erupted, one of the initial actions carried out by the Israeli Civil Administration – a less ominous title for the offices of the Israeli occupation army – was to collectively punish the whole population of whichever refugee camp rose up in rebellion.

The steps the Israeli army took became redundant, although grew more vengeful with time: a strict military curfew (meaning the shutting down of the entire area and the confinement of all residents to their homes under the threat of death); cutting off electricity and shutting off the water supply.

Of course, these steps were taken only in the first stage of the collective punishment, which lasted for days or weeks, sometimes even months, pushing some refugee camps to the point of starvation.

Since there was little the refugees could do to challenge the authority of a well-equipped army, they invested whatever meager resources or time that they had to plot their survival.

Thus, the obsession over water, because once the water supply ran out, there was nothing to be done; except, of course, that of Salat Al-Istisqa or the ‘Prayer for Rain’ that devout Muslims invoke during times of drought. The elders in the camp insist that it actually works, and reference miraculous stories from the past where this special prayer even yielded results during summer time, when rain was least expected.

In fact, more Palestinians have been conducting their prayer for rain since 1967 than at any other time. In that year, almost exactly 49 years ago, Israel occupied the two remaining regions of historic Palestine: the West Bank, including East Jerusalem, and the Gaza Strip. And throughout those years, Israel has resorted to a protracted policy of collective punishment: limiting all kinds of freedom, and using the denial of water as a weapon.

Indeed, water was used as a weapon to subdue rebelling Palestinians during many stages of their struggle. In fact, this history goes back to the war of 1948, when Zionist militias cut off the water supply to scores of Palestinian villages around Jerusalem to facilitate the ethnic cleansing of that region.

During the Nakba (or Catastrophe) of 1948, whenever a village or a town was conquered, the militias would immediately demolish its wells to prevent the inhabitants from returning. Illegal Jewish settlers still utilize this tactic to this day.

The Israeli military, too, continued to use this strategy, most notably in the first and second uprisings. In the Second Intifada, Israeli airplanes shelled the water supply of whichever village or refugee camp they planned to invade and subdue. During the Jenin Refugee Camp invasion and massacre of April 2002, the water supply for the camp was blown up before the soldiers moved into the camp from all directions, killing and wounding hundreds.

Gaza remains the most extreme example of water-related collective punishment, to date. Not only the water supply is targeted during war but electric generators, which are used to purify the water, are often blown up from the sky. And until the decade-long siege is over, there is little hope to permanently repair either of these.

It is now common knowledge that the Oslo Accord was a political disaster for Palestinians; less known, however, is how Oslo facilitated the ongoing inequality under way in the West Bank.

The so-called Oslo II, or the Israel-Palestinian Interim Agreement of 1995, made Gaza a separate water sector from the West Bank, thus leaving the Strip to develop its own water sources located within its boundaries. With the siege and recurring wars, Gaza’s aquifers produce anywhere between 5-10 percent of ‘drinking-quality water.’ According to ANERA, 90 percent of Gaza water (is) unfit for human consumption.’

Therefore, most Gazans subsist on sewage-polluted or untreated water. But the West Bank should – at least theoretically – enjoy greater access to water than Gaza. Yet, this is hardly the case.

The West Bank’s largest water source is the Mountain Aquifer, which includes several basins: Northern, Western and Eastern. West Bankers’ access to these basins is restricted by Israel, which also denies them access to water from the Jordan River and to the Coastal Aquifer. Oslo II, which was meant to be a temporary arrangement until a final status negotiations are concluded, enshrined the existing inequality by giving Palestinians less than a fifth of the amount of water enjoyed by Israel.

But even that prejudicial agreement has not been respected, partly because a joint committee to resolve water issues gives Israel veto power over Palestinian demands. Practically, this translates to 100 percent of all Israeli water projects receiving the go-ahead, including those in the illegal settlements, while nearly half of Palestinian needs are rejected.

Presently, according to Oxfam, Israel controls 80 percent of Palestinian water resources. “The 520,000 Israeli settlers use approximately six times the amount of water more than that used by the 2.6 million Palestinians in the West Bank.”

The reasoning behind this is quite straightforward, according to Stephanie Westbrook, writing in Israel’s +972 Magazine. “The company pumping the water out is ‘Mekorot’, Israel’s national water company. ‘Mekorot’ not only operates more than 40 wells in the West Bank, appropriating Palestinian water resources, Israel also effectively controls the valves, deciding who gets water and who does not.”

“It should be no surprise that priority is given to Israeli settlements while service to Palestinian towns is routinely reduced or cut off,” as is the case at the moment.

The unfairness of it all is inescapable. Yet, for nearly five decades, Israel has been employing the same policies against Palestinians without much censure or meaningful action from the international community.

With current summer temperature in the West Bank reaching 38 degrees Celsius, entire families are reportedly living on as little as 2-3 liters per capita, per day. The problem is reaching catastrophic proportions. This time, the tragedy cannot be brushed aside, for the lives and well-being of entire communities are at stake.

– Dr Ramzy Baroud has been writing about the Middle East for over 20 years. He is an internationally-syndicated columnist, a media consultant, an author of several books and the founder of PalestineChronicle.com. His books include “Searching Jenin”, “The Second Palestinian Intifada” and his latest “My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story”. His website iswww.ramzybaroud.net.

Sorgente: Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War – Politics for the People | Politics for the People

Advertisements

‘Israel cutting W Bank water out of spite’

A commentator says Israel has cut the water supplies to the northern West Bank out of spite.

Sorgente: PressTV-‘Israel cutting W Bank water out of spite’

L’acqua libera sconfigge la Nestlè

Ci sono storie esemplari che vale la pena raccontare. A volte arrivano dagli Stati Uniti e questa volta dall’Oregon, da una piccola cittadina di circa mille abitanti che non a caso si chiama Cascade Blocks. Un posto incantevole circondato da ricchi corsi d’acqua e cascate. Un bel giorno nel 2007 arriva la Nestlè e propone di imbottigliare un po’ di quella ricchezza naturale. Un progetto che prevedeva l’accaparramento di circa cinquecento milioni di litri l’anno di quell’acqua e venderla in 1,6 milioni di bottigliette di plastica l’anno. Come nella migliore tradizione delle multinazionali, il progetto vantava la creazione di circa 50 posti di lavoro, la valorizzazione del territorio e tanti altri benefici. Sindaco e amministrazione dalla parte della Nestlè ma popolazione quanto meno scettica. Un gruppo di donne si organizza, sensibilizza sull’importanza dell’acqua come bene comune, sui rischi per l’ambiente. A loro si uniscono subito diversi soggetti tra i quali gli indiani delle tribù per i quali quell’acqua è sacra. Riescono a indire un referendum cittadino che il 17 maggio scorso ha visto la partecipazione del 68% degli aventi diritto e quel manipolo di cittadini consapevoli ha riportato una vittoria secca con il 69% dei votanti che hanno rifiutato “l’offerta” della Nestlè. È la prima volta che negli USA semplici cittadini riescono a evitare l’imbottigliamento dell’acqua pubblica. Insomma Davide e Golia. Una piccola storia da cui trarre insegnamento. (Fonte: http://www.comune-info.net)

Sorgente: L’acqua libera sconfigge la Nestlè

Ispra, pesticidi nel 64% delle acque di fiumi e laghi. Glifosato nel cocktail

Cresce la percentuale di pesticidi nelle acque: +20% in quelle superficiali, +10% in quelle sotterranee. Lo afferma l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale) nell’edizione 2016 del Rapporto Nazionale Pesticidi nelle Acque (contenente dati relativi al biennio 2013-2014)  spiegando che le acque superficiali (fiumi, laghi, torrenti) “ospitano” pesticidi nel 63,9% dei 1.284 punti di monitoraggio (nel 2012 era 56,9%); quelle sotterranee nel 31,7% dei 2.463 punti (31% nel 2012). La contaminazione è più ampia nella pianura padano-veneta.

L’analisi dei dati di monitoraggio non evidenzia una diminuzione della contaminazione, spiega l’Ispra precisando che l’aumento di punti contaminati “si spiega in parte col fatto che in vaste aree del centro-sud, solo con ritardo, emerge una contaminazione prima non rilevata”. Durante i controlli sono state trovate 224 sostanze diverse, “un numero sensibilmente più elevato degli anni precedenti (erano 175 nel 2012)”, dice l’Ispra, che indica “una maggiore efficacia delle indagini condotte”.

Secondo l’Ispra, 274 punti di monitoraggio delle acque di superficie hanno “concentrazioni superiori ai limiti di qualità ambientali” e fra le sostanze off-limit c’è il glifosato, l’erbicida più diffuso al mondo su cui si è in attesa di capire se sia cancerogeno o meno visto che c’è divergenza di opinioni e di cui l’autorizzazione al commercio in Europa scade a fine giugno. Ci sono poi i neonicotinoidi, ritenuti fra i principali responsabili della moria di api.

Gli erbicidi sono ancora le sostanze più rinvenute, mentre è aumentata notevolmente la presenza di fungicidi e insetticidi. Nelle acque superficiali, 274 punti di monitoraggio (21,3% del totale) hanno concentrazioni superiori ai limiti di qualità ambientali mentre in quelle sotterranee 170 punti (6,9% del totale) hanno concentrazioni superiori ai limiti di qualità ambientale.

L’Ispra indica che la contaminazione è più ampia nella pianura padano-veneta dove le indagini sono generalmente più efficaci. Nelle cinque regioni dell’area, infatti, si concentra poco meno del 60% dei punti di monitoraggio dell’intera rete nazionale. In alcune regioni la contaminazione è molto più diffusa del dato nazionale, arrivando a oltre il 70% dei punti delle acque superficiali in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, con punte del 90% in Toscana e del 95% in Umbria. (Tabelle regionali)

Nelle acque sotterranee la diffusione della contaminazione è particolarmente elevata in Lombardia 50% dei punti, in Friuli 68,6%, in Sicilia 76%. Più che in passato, avverte l’Ispra, sono state trovate miscele di sostanze nelle acque, fino a 48 in un singolo campione, quindi con una tossicità più alta rispetto a quella dei singoli componenti.

thanks to: ANSA

L’inchiesta: il 97% dell’acqua a Gaza non è compatibile con gli standard

get_imgRamallah-PIC. Un’inchiesta palestinese mostra che la porzione individuale dell’acqua a Gaza è scesa da 91,3 litri nel 2013 a 79,7 litri nel 2014. Più del 97% dell’acqua della Striscia non è conforme agli standard dell’Organizzazione mondiale della Sanità per quanto riguarda l’acqua potabile.

L’inchiesta è stata effettuata sia dal dipartimento di statistica centrale palestinese sia dall’Autorità per l’acqua palestinese e diffusa il 22 marzo, Giornata mondiale dell’Acqua. Si rivela che la popolazione di Gaza riceve il livello minimo raccomandato dalla stessa organizzazione che è di 100 litri di acqua al giorno per persona.

L’esercito israeliano controlla le fonti principali di acqua nella zona e impedisce ai palestinesi l’accesso a tali risorse. Le pratiche israeliane impediscono anche la creazione di stazioni per il trattamento delle acque reflue, afferma il rapporto.

Viene anche sottolineato che i palestinesi devono comprare l’acqua dalla Mekorot, compagnia idrica israeliana. L’acqua acquistata ha raggiunto i 63,5 milioni di metri cubi nel 2014, con una percentuale del 18,5% dell’acqua disponibile.

Traduzione di Marta Bettenzoli

thanks to: Infopal

Acqua “privata” in Africa: la lotta della Nigeria contro la Banca Mondiale

Il nuovo colonialismo in Africa non sta solo derubando il continente delle terre, si sta anche impadronendo delle risorse primarie, tra cui l’acqua. I fondi della Banca Mondiale sono legati a doppio filo alle privatizzazioni e molti governi ormai, corrotti o con il cappio al collo, condannano le popolazioni a una nuova schiavitù.

di Redazione – 13 Agosto 2015

Non bastavano il Mali, il Sud Africa (6 Corporation hanno contratti), il Ghana (dove dopo la privatizzazione il costo dell’acqua è aumentato del 95% e un terzo della popolazione non ha accesso ad acqua pulita), la Namibia. Ora la Banca Mondiale preme sulla Nigeria per permettere a una partnership pubblico-privata di mantenere e ampliare la gestione dell’erogazione dell’acqua aumentandone i costi. Ma la popolazione si sta opponendo con tutte le sue forze. La capitale Lagos, che conta 21 milioni di abitanti, è il “boccone” che le Corporations si sono servite in tavola e bramano il resto della preda. «Da decenni la Banca Mondiale sta facendo di tutto per impedire lo sviluppo di un sistema pubblico di gestione – spiega Akinbode Oluwafemi, responsabile per i diritti ambientali di Friends of the Earth Nigeria – tanto che oggi nove persone su dieci non hanno accesso ad acqua potabile. Sappiamo bene quali interessi si nascondono dietro la trasformazione dell’acqua in un bene di mercato. Nel mio villaggio ho realizzato una pompa che permette ai vicini di avere libero accesso a questa preziosa risorsa e per questo ho ricevuto minacce dalle società che invece l’acqua la vogliono vendere a peso d’oro, poiché stavo mettendo a rischio i loro profitti. Ma non farò retromarcia. La Banca Mondiale ora sta tentando di convincere le comunità anche al di fuori della capitale che la privatizzazione dell’acqua è la risposta ai problemi della gente, se ne infischia dei processi democratici. Abbiamo ospitato a Lagos in questi giorni attivisti ed esperti per il Lagos Water Summit, co-promosso insieme a Corporate Accountability International. Ma abbiamo bisogno di far sentire la nostra voce anche oltre confine, anche nel resto del mondo. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, per questo chiediamo ad ogni cittadini in ogni nazione di scrivere alla Banca Mondiale sollecitando lo stop al processo di privatizzazione (qui trovate la lettera da mandare e le istruzioni). Il nostro movimento vuole crescere nei prossimo mesi, ma abbiamo bisogno che il nostro problema diventi il problema di tutti». E Akinbode Oluwafemi sa bene come sia in corso non solo in Africa (con effetti assolutamente devastanti), ma anche negli altri paesi del mondo il processo di privatizzazione dell’acqua. In Italia la situazione non è affatto migliore. «C’è un preciso piano attraverso il quale il Governo intende rilanciare con forza il processo di privatizzazione e finanziarizzazione dei beni comuni ma ciò avviene in maniera molto più subdola degli anni passati – ha spiegato Paolo Carsetti, del Forum italiano dei Movimenti per l’acqua–  Tutti i provvedimenti elencati non esplicitano un attacco diretto all’acqua o ai servizi pubblici locali come fatto nel 2009 dal governo Berlusconi, l’attacco è strisciante, non si pronuncia la parola privatizzazione perchè è un tema su cui si è già registrato una sconfitta epocale ma la sostanza è la stessa. Il governo si muove dietro la propaganda che prova a descrivere uno scenario come quello della necessità di riduzione della spesa pubblica anche attraverso la razionalizzazione delle cosiddette partecipate o ex municipalizzate che sarebbero coacervo di sprechi, clientele e malapolitica. È la retorica che sta dietro a questa propaganda, con la quale si prova a raggiungere il medesimo obiettivo del governo Berlusconi: cedere al mercato la gestione dei servizi pubblici e dei beni connessi».

«L’acqua è un bene comune e tale deve rimanere – aggiunge Shayda Naficy, direttore della Campagna Internazionale per l’Acqua di Corporate Accountability International (CAI) – quando se ne impadroniscono i privati, ecco che nascono fortissime disparità nell’accesso e nei costi».  Eppure, malgrado la Banca Mondiale continui a preere per la privatizzazione dell’acqua soprattutto nei paesi del Terzo Mondo, i dati rivelano che un’eleveta percentuale dei suoi progetto è in condizioni di distress. Il database dell’ente internazionale documenta un 34% di fallimenti.

Nel 2013 il CAI ha inviato una lettera aperta alla Banca Mondiale per chiedere lo stop al sostegno dato ai progetti di privatizzazione, ma nulla è cambiato.

Ma come si può dimenticare che l’accesso e il diritto all’acqua pulita sono la base della vita stessa?

 thanks to: il Cambiamento

Allarme sul monte Amiata dopo l’avvio della nuova centrale geotermica di Bagnore

maelstrom_20141129Allarme sul monte Amiata, dopo l’avvio avvenuto nei giorni scorsi, della nuova centrale geotermica di Bagnore 4 (40 MW), tra Santa Fiora e Arcidosso.
Non solo le insopportabili maleodoranze denunciate vigorosamente dai residenti dell’area e le preoccupazioni per le emissioni di Bagnore 3, dove Enel sta mettendo mano all’impianto Amis di filtraggio di mercurio e idrogeno solforato, ma anche i gravissimi rischi per la risorsa acqua, come sostiene il prof.Andrea Borgia, geologo e vulcanologo di fama mondiale, il quale allerta l’attenzione dei comitati, dei cittadini, delle autorità sul rischio per la falda acquifera potabile del Monte Amiata, tra le più importanti dell’Italia centrale.

“Da quando sono in corso le manovre di attivazione dell’impianto di Bagnore 4, il piezometro di Poggio Trauzzolo sale e scende vertiginosamente da un giorno all’altro, come non era mai successo prima”, spiega Borgia, molto allarmato dai grafici schizofrenici (vedi sotto) elaborati dall’apparecchio di misurazione della falda acquifera che si trova appunto nell’area di ricarica delle sorgenti del Fiora, “Per molti anni ho sostenuto la necessità di una chiusura temporanea, o almeno di una riduzione dello sfruttamento del vapore, degli impianti geotermoelettrici amiatini nei comuni di Santa Fiora e Piancastagnaio, proprio al fine di sperimentare il collegamento della falda idrica superficiale con la falda profonda geotermica. Più volte questa richiesta è stata ufficializzata alla Regione da me ed è ben nota ai comitati ed alla stampa”.

Quello che sta avvenendo a livello della falda potrebbe corrispondere alla messa in funzione di Bagnore 4 e indicare i gravi rischi che si stanno correndo. “È urgente ripristinare i livelli originali degli acquiferi al livello della falda misurata da ENEL prima dello sfruttamento geotermico”, aggiunge Borgia, “e richiedere alla Regione Toscana di sospendere in autotutela le autorizzazioni VIA di Bagnore 4 e del piano di Riassetto di Piancastagnaio”.

Le interferenze tra acquifero superficiale e quello geotermico producono serie ripercussioni tra cui un drastico abbassamento del livello della falda acquifera – il piezometro ha indicato un abbassamento di 200 metri rispetto ai livelli precedenti agli anni ’60 – il rilascio di sostanze gassose tossiche nell’acquifero (in particolare sembrano particolarmente aumentate le concentrazioni di metalli pesanti come l’arsenico) e potenziali problemi alla salute. Dall’inizio degli anni ’60 il bacino acquifero dell’Amiata (ha una utenza di 700.000 persone) sembra aver perduto circa duecento miliardi di litri di acqua potabile, pari al consumo di acqua da bere della popolazione mondiale per circa un mese, ed altrettanto di acqua immagazzinata!

Rete Nazionale NOGESI “No Geotermia Elettrica, Speculativa ed Inquinante”

a cui aderiscono:

————————————

Qui sotto il Grafico con variazioni del livello della falda idropotabile, misurato sul piezometro della Regione Toscana a Poggio Trauzzolo. Le brusche oscillazioni degli ultimi giorni, in coincidenza con l’inizio dello sfruttamento di Bagnore 4,  sono la prova del collegamento della falda idropotabile con la falda geotermica, come sempre sostenuto dal Prof.Borgia, ma negato dalla Regione Toscana spalleggiata dall’Università di Siena e una vasta schiera di arruolati alla causa geotermica. CHI OGGI SPIEGHERA’ AI CITTADINI COSA STA SUCCEDENDO E COSA CI ASPETTA???

20141128_trauzzolo 20141128_trauzzolo_crop(ingrandimento)

—————————————-

Il Tirreno del 30 novembre 2014
NO GEOTERMIA
«Piezometri impazziti,  acqua dell’Amiata a rischio»
SANTA FIORA.  Se Arpat e sindaco rassicurano, sul monte Amiata continua la forte preoccupazione dopo il recente avvio della nuova centrale geotermica di Bagnore 4 (40 MW). Sul piatto di chi ha paura ci sono i cattivi odori denunciati dai residenti dell’area, ma anche i gravissimi rischi per la risorsa acqua. Lo ribadiscono i comitati amiatini aderenti alla Rete “NoGesi” ( No geotermia elettrica, speculativa e inquinante) che rendono pubblica un’inquietante segnalazione del professor Andrea Borgia, geologo e vulcanologo di  fama mondiale sul rischio per la falda acquifera potabile del Monte Amiata, tra le più importanti dell’Italia centrale. «Da quando sono in corso le manovre di attivazione dell’impianto di Bagnore 4, il piezometro di Poggio Trauzzolo sale e scende vertiginosamente da un giorno all’altro, come non era mai successo prima», spiega Borgia, allarmato dai grafici schizofrenici elaborati dall’apparecchio di misurazione della falda acquifera che si trova appunto nell’area di ricarica delle sorgenti del Fiora. «Per molti anni ho sostenuto la tesi di una chiusura temporanea (o almeno di una riduzione dello sfruttamento del vapore)  degli impianti geotermoelettrici amiatini nei comuni di Santa Fiora e Piancastagnaio, proprio al fine di sperimentare il collegamento della falda idrica  superficiale con la falda profonda geotermica. Più volte questa richiesta è stata ufficializzata alla Regione da me ed è ben nota ai comitati e alla stampa». Per Borgia quello che sta avvenendo a livello della falda potrebbe corrispondere alla  messa in funzione di Bagnore 4. «È urgente ripristinare i livelli originali degli acquiferi al livello della falda misurata da Enel prima dello sfruttamento geotermico – aggiunge _ e richiedere alla Regione Toscana di sospendere in autotutela le autorizzazioni Via di Bagnore 4 e del  piano di Riassetto di Piancastagnaio». Le interferenze tra acquifero superficiale e quello geotermico producono serie ripercussioni tra cui un drastico abbassamento del livello della falda acquifera _  il piezometro ha indicato un abbassamento di  200 metri rispetto ai livelli precedenti agli anni ‘60 _, il rilascio di sostanze gassose tossiche nell’acquifero (in particolare sembrano aumentate le concentrazioni di metalli pesanti come l’arsenico) e potenziali problemi alla salute. Dall’inizio degli anni ‘60 – ammoniscono i Comitati – il bacino acquifero dell’Amiata (utenza di 700mila persone) sembra aver perduto circa duecento miliardi di litri di acqua potabile, pari al consumo di acqua da bere della popolazione mondiale per circa un mese, e altrettanto di acqua immagazzinata.

La Nazione del 30 novembre 2014
IL CASO. LA DENUNCIA DEL VULCANOLOGO

«Allarme sull’Amiata per la falda acquifera»
ALLARME sul monte Amiata, dopo l’avvio avvenuto nei giorni scorsi, della nuova centrale geotermica di Bagnore 4 (da 40 megawatt), nel territorio comunale di Santa Fiora. Non solo le insopportabili maleodoranze denunciate vigorosamente dai residenti dell’area, ma anche i gravissimi rischi «per la risorsa acqua, come sostiene Andrea Borgia, geologo e vulcanologo di fama mondiale , il quale allerta l’attenzione dei comitati, dei cittadini, delle autorità sul rischio per la falda acquifera potabile del Monte Amiata, tra le più importanti dell’Italia centrale. Da quando sono in corso le manovre di attivazione dell’impianto di Bagnore 4, il piezometro di Poggio Trazzuolo sale e scende vertiginosamente da un giorno all’altro, come non era mai successo prima molto allarmato dai grafici schizofrenici elaborati dall’apparecchio di misurazione della falda acquifera che si trova appunto nell’area di ricarica delle sorgenti del Fiora. Per molti anni ho sostenuto la tesi di una chiusura temporanea (o almeno di una riduzione dello sfruttamento del vapore) degli impianti geotermoelettrici amiatini nei comuni di Santa Fiora e Piancastagnaio, proprio al fine di sperimentare il collegamento della falda idrica superficiale con la falda profonda geotermica». Quello che sta avvenendo a livello della falda potrebbe corrispondere alla messa in funzione di Bagnore 4 e indicare i rischi che si stanno correndo. «È urgente ripristinare i livelli originali degli acquiferi al livello della falda misurata da Enel prima dello sfruttamento geotermico aggiunge Borgia e richiedere alla Regione Toscana di sospendere in autotutela le autorizzazioni Via di Bagnore 4 e del piano di riassetto di Piancastagnaio. Le interferenze tra acquifero superficiale e quello geotermico producono serie ripercussioni tra cui un drastico abbassamento del livello della falda acquifera – il piezometro ha indicato un abbassamento di 200 metri rispetto ai livelli precedenti agli anni 60 – il rilascio di sostanze gassose tossiche nell’acquifero (in particolare sembrano particolarmente aumentate le concentrazioni di metalli pesanti come l’arsenico) e potenziali problemi alla salute».

Contropiano.org del 29 novembre 2014
Piezometro di Poggio Trauzzolo “impazzito” dopo l’accensione della centrale di Bagnore 4
…segue ns. comunicato.

Il Cittadino online del 29 novembre 2014
Piezometro di Poggio Trauzzolo “impazzito” dopo l’accensione della centrale di Bagnore 4

Lo dichiara Andrea Borgia, geologo e vulcanologo
…segue ns. comunicato.

Maremmanews del 29 novembre 2014
Piezometro di Poggio Trauzzolo “impazzito” dopo l’accensione della centrale di Bagnore 4
Lo dichiara il prof. Andrea Borgia, geologo e vulcanologo di fama mondiale.
…segue ns. comunicato.

GrossetoNotizie del 29 novembre 2014
Geotermia, i comitati: “Bagnore 4 inquina l’acqua”
…segue ns. comunicato.

thanks to: Sos Geotermia

Gaza, alla ricerca di una goccia di acqua…

Gaza-Younes Arar. I bambini palestinesi cercano disperatamente acqua per riempire bottiglie…
La Striscia di Gaza sta soffrendo per una grave crisi idrica, a seguito della recente aggressione israeliana, che ha distrutto pozzi e fonti idriche, e impianti di potabilizzazione.

Inoltre, lo stato sionista sottrae le risorse idriche palestinesi: l’80% dell’acqua palestinese viene rubata da Israele a favre delle colonie illegali.

10639368_10153175796310760_3154756181098174402_n

10592758_10153175796320760_7668977744122364258_n10665764_10153175796315760_7951997441353753930_n(Foto: Younes Arar, Fb)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

thanks to: Infopal

Crescente crisi dell’acqua a Gaza

Imemc.  Di Connie Hackbarth. Dopo oltre una settimana di attacchi aerei israeliani, centinaia di migliaia di abitanti di Gaza restano senza acqua corrente. Le agenzie di aiuto internazionali hanno avvisato martedì che la distruzione continua da parte di Israele delle infrastrutture di Gaza minaccia tutta la Striscia con una crisi idrica entro pochi giorni.

 

Gli attacchi aerei israeliani stanno esacerbando la già terribile situazione dell’accesso all’acqua potabile per gli abitanti di Gaza e il trattamento delle acque reflue, esponendo decine di migliaia di persone alla minaccia di gravi malattie.

 

“Fra pochi giorni, l’intera popolazione della Striscia può essere disperatamente a corto d’ acqua”, ha osservato Jacques de Maio, capo della delegazione del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) in Israele e nei territori occupati.

 

In una dichiarazione pubblicata, de Maio ha aggiunto che “la questione non è se, ma quando una popolazione già assediata si troverà ad affrontare una grave crisi idrica”. Ha inoltre sottolineato che l’acqua sta diventando contaminata e le acque reflue straripano, portando un serio rischio di malattie.

 

I recenti attacchi hanno messo acqua e impianti elettrici fuori uso. I funzionari palestinesi hanno reso noto che gli israeliani hanno colpito pozzi d’acqua in diverse aree della città di Gaza.

 

Anche il sistema fognario di Gaza è un obiettivo di Israele: aerei da guerra hanno colpito le centrali di trattamento delle acque reflue nella città di Gaza, sabato mattina. Le zone più colpite sono il campo profughi di Shati, Tal al-Hawa, Sheikh Ejleen e la maggior parte dei quartieri occidentali della città, secondo Saed al-Din Atbash, capo dei servizi idrici del comune di Gaza.

 

A peggiorare le cose, gli intensi bombardamenti israeliani impediscono ai tecnici di effettuare le riparazioni essenziali. Dopo la morte di diversi tecnici comunali negli ultimi giorni, il gestore del servizio idrico di Gaza ha sospeso tutte le operazioni sul campo fino a quando non sarà garantita la sicurezza del personale.

 

La conseguenza è che centinaia di migliaia di persone presto non troveranno acqua quando apriranno il rubinetto.

 

Gaza è una delle aree più densamente popolate al mondo, con oltre 4.500 persone per kmq. Oltre il 90% dell’acqua della falda acquifera di Gaza è dannosa per il consumo umano, se non è trattata.

 

Traduzione di Edy Meroli

thanks to: Edy Meroli

Infopal