A Bad Week for the U.S. Fifth Generation Fighter Fleet; Priceless F-22 Destroyed, F-35 Grounded

F-35 (top) and F-22 Fifth Generation Fighters

Shortly after the first crash of an F-35 fifth generation single engine light fighter, the U.S. military moved to ground its entire fleet of the jets globally. This was shortly followed by similar measures by the Israeli Air Force, and later the British armed forces, both of which rely heavily on the F-35 for their fleet modernisation programs. This cast a shadow over the already highly troubled weapons program, which has faced several serious glitches and performance shortcomings over its short history. The importance of the F-35 to the future of U.S. air power is unprecedented for any single fighter in recent history, relied on heavily for the Air Force, the Navy and the Marines with over 2,500 of the jets planned for the future. Flaws in its development therefore have severe implications for the future of the country’s ability to wage war.

Shortly after the grounding of several hundred F-35 jets across the world, news of an arguably more serious nature with potentially more dire implications for America’s air fleet emerged – the destruction of several F-22 Raptor stealth jets on the U.S. East coast at Tyndall Air Force base, Florida, by Hurricane Michael. The F-22 is with little doubt one of the world’s most capable fighters – and was designed as a heavier complement to the F-35 with twin rather than single engines and far superior air to air combat capabilities. Most critically however, and in stark contrast to the F-35, the Raptor is both priceless and irreplaceable – with production lines closed for almost ten years and no American ally producing or ever likely to produce a fifth generation air superiority which could replace jets lost. The F-22 is the most costly fighter jet ever designed, and until the induction of the Chinese J-20 in 2017 was a league ahead of all potential competitors. Any losses therefore represent a considerable blow to American air power.

The F-22 fleet is already heavily overstretched, with just 187 of the 750 jets originally planned ever having been produced due to the Raptor’s extreme cost – particularly in terms of maintenance. When factoring in maintenance costs over its lifetime, each F-22 is expected to cost approximately $750 million over its lifetime – more than the annual defence budgets of most of the world’s countries. The loss of even half a dozen Raptors therefore could be devastating, and losses may well be several times as many particularly considering how delicate the aircraft are and the large numbers situated at the facility. The potential implications are particularly critical given the rapid deployment of advanced air superiority fighters by near peer rival powers – namely China and Russia – which have both developed fifth generation air superiority fighters alongside advanced ‘4++ generation’ jets of their own – all threats which only the Raptor is fit to meet.

The central role played by the F-35 and the F-22 in U.S. war plans against near peer adversaries, in the Asia-Pacific theatre in particular under AirSea Battle, means that the beginning of October 2018 bodes ill for the future of the country’s plans to modernise its air fleet. The full damage to the F-22 fleet remains to be seen, but the military may attempt to compensate for losses either by upgrading its ageing F-15 air superiority jets or redoubling its efforts to develop a sixth generation fighter as quickly as possible to supersede and eventually replace the Raptor. As for the F-35, production is likely to continue to be expanded – though bugs are likely to continue to plague the program while performance shortcomings may well deter a number of potential clients from acquiring the jets in large numbers as they did with its predecessor, the F-16.

thanks to: Military Watch
Advertisements

Russian Defense Minister: Israel Bears Full Responsibility For Downing Of IL-20 Off Syrian Coast

Russian Defense Minister: Israel Bears Full Responsibility For Downing Of IL-20 Off Syrian Coast

Russia’s Defense Minister Sergei Shoigu officially stated that Israel bears full responsibility for the downning of Russian IL-20 plane off Syrian coast because its actions had led to this situation.

“The blame for the downing of the Russian plane and the deaths of its crew members lies squarely on the Israeli side,” Shoigu said during a convesation with Israeli Defense Minister Avigdor Lieberman on the phone. “The actions of the Israeli military were not in keeping with the spirit of the Russian-Israeli partnership, so we reserve the right to respond.”

Earlier, the Russian Defense Ministry revealed that Israeli warplanes used the IL-20 to hide from Syrian air defense fire during the September 17 strike on targets in the war-torn country. MORE HERE

On September 4, the Israeli Defense Forces (IDF) stated that over the last 1.5 years Israel has carried out around 200 airstrikes on Syria using 800 munitions. The scale of the strikes shows Israel’s long-standing intention to remain a powerbroker in the ongoing Syrian conflict. It’s interesting to note that in most of the cases, the IDF strikes led to a further escalation of the war thus making situation more complicated.

The situation is developing.

thanks to: South Front

Russian Military: IL-20 Was Shot Down By Syrian S-200 Because Of Israeli F-16s Used It As Cover

Russian Military: IL-20 Was Shot Down By Syrian S-200 Because Of Israeli F-16s Used It As Cover

On September 18, the Russian Defense Ministry revealed additional details on the IL-20 disappearance over the Mediterranean Sea last evening.

According to Defense Ministry spokesman Igor Konashenkov, the plane was shot down by Syria’s S-200 air defense system because Israel’s F-16 fighters used it as a cover.

By using the Russian plane as a cover the Israeli air pilots made it vulnerable to Syrian air defense fire. As a result, the Ilyushin-20, its reflective surface being far greater than that of F-16, was downed by a missile launched with the S-200 system,” Konashenkov said. “The bombing raid was not far from France’s frigate The Auvergne and in close proximity to the UIyushin-20 plane of Russia’s Aerospace Force that was about to land.”

Konashenkov added that Israeli warplanes had been carrying out strikes in the area of Latakia and deliberately created a dangerous situation for surface ships and aircraft in that area. He added that Russia reserves the right to give a due response.

We see these provocative actions of Israel as hostile,” Konashenkov said. “Israel did not warn the command of the Russian troops in Syria about the planned operation. We received a notification via a hotline less than a minute before the strike, which did not allow the Russian aircraft to be directed to a safe zone.”

Israel’s Embassy in Moscow has refused to comment on the Russian statement on the IL-20 incident.

Meanwhile, Russian forces found the crash site of the downed IL-20. It’s located in the sea 27km west of the settlement of Banias, the province of Latakia. 8 vessels are participating in the search and rescue operation.

thanks to: South Front

US jets strike Syrian town with banned white phosphorus bombs

US jets strike Syrian town with banned white phosphorus bombs – Russian Defense Ministry

FILE PHOTO. © Scott Nelson / Getty Images

Two US jets have bombed a town in the Syrian Deir Ez-Zor province with white phosphorus munitions, causing massive fires, Russian military has said.

Two F-15 jets on Saturday bombed the town of Hajin with white phosphorus incendiary munitions, banned under the Geneva Convention, according to the Russian Center for Reconciliation in Syria.

“Following the strikes, large fires were observed in the area,” Lieutenant-General Vladimir Savchenko said Sunday. There’s still no information on casualties caused by the bombing run, he added.

A Pentagon spokesperson denied the allegations of dropping white phosphorus bombs. “At this time, we have not received any reports of any use of white phosphorous,” Commander Sean Robertson told the media on Sunday. “None of the military units in the area are even equipped with white phosphorous munitions of any kind.”

The use of any incendiary munitions in populated civilian areas was banned by the 1980 Protocol III of the Convention on Certain Conventional Weapons. The US signed the protocol back in 2009.

White phosphorus, however, is also used for smoke screens and signals, which are not banned under the Convention. The loophole allows several nations, including the US, to keep the white-phosphorus based weapons in their arsenal.

The chemical burns when it comes into contact with oxygen, producing high-temperature heat and white smoke. Exposure to burning phosphorus causes deep burns, which are very hard to heal, while its fumes are highly toxic.

Russia’s accusations against the US come as tensions between the two countries soar in the region. The Russian Defense Ministry has repeatedly warned of a false-flag chemical attack being prepared by militant groups in Idlib, which it says will be used to justify a new US strike against the Syrian government. Moscow has also held massive naval drills in the Mediterranean Sea near Syria.

The US, in its turn, has also ramped up its military presence in the area, getting several ships equipped with cruise missiles closer to Syrian shores. President Donald Trump has meanwhile been “routinely” briefed by the Pentagon on the potential “military options” the US might take in case of chemical weapons attack.

thanks to: RT

La guerra in Libia da maggio 2017 a settembre 2018

Alessandro Lattanzio

Nel sud dell’Egitto, nella provincia di Minya, il 26 maggio i terroristi del SIIL uccidevano 28 pellegrini cristiani in viaggio su un autobus. Il Presidente Abdalfatah al-Sisi dichiarava che avrebbe colpito il terrorismo sponsorizzato dall’estero, colpendo le basi dei terroristi, all’interno o all’estero. “L’attentato di oggi non sarà ignorato. Puntiamo ai campi in cui vengono addestrati i terroristi. L’Egitto non esiterà a colpire tutti i campi che ospitano o addestrano terroristi, sia all’interno dell’Egitto che all’estero”. Gli attacchi aerei avvenivano in Libia alcune ore dopo l’attentato. Le forze di sicurezza egiziane avevano distrutto circa 300 autoveicoli dei terroristi in due mesi. L’Egitto aveva effettuato 6 attacchi aerei presso Derna in Libia orientale, “dopo averne confermato il coinvolgimento nella pianificazione e nell’attacco terroristico nel governatorato di Minya”. Il 26 maggio scoppiavano scontri a sud di Tripoli, ad Abu Salim, dove 17 miliziani del GNA furono giustiziati presso la prigione al-Hadhaba dalle milizie islamiste rivali del Fajr al-Lybia di Qalifa Ghwayl e Salah Badi. Negli scontri si avevano 52 morti e più di 100.
L’avvocato di Sayf al-Islam Muammar Gaddafi, Qalid al-Zaydi, dichiarava che il figlio del defunto leader libico è un uomo libero, in conformità con l’amnistia approvata dal “Parlamento libico”, e che Sayf al-Islam aveva lasciato Zintan. Qalid al-Zaydi affermava che Sayf al-Islam ha rispetto e gratitudine per tutti i Paesi arabi, tra cui l’Arabia Saudita, secondo cui la fine del leader Muammar Gaddafi nel 2011 suscitò una grave minaccia per il regno, che verrebbe diviso da agenti influenzati dal Qatar. Secondo il Consiglio supremo delle tribù libiche di Mahmudi al-Baghdadi, Sayf al-Islam si sarebbe recato nella parte orientale del Paese, dato che gli anziani del Consiglio di Bayda avevano detto ai capi di Zintan che, in caso di rilascio, l’avrebbero accolto come “un secondo figlio”.
Il 28 giugno, aerei da guerra egiziani distruggevano un convoglio di 12 autoveicoli carichi di armi, munizioni e esplosivi provenienti dalla Libia.
Il feldmaresciallo Qalifa Haftar, leader dell’Esercito nazionale libico (LNA), il 6 luglio dichiarava la liberazione completa di Bengasi. “Le nostre forze armate dichiarano la liberazione di Bengasi dal terrorismo, piena liberazione e vittoria della dignità sul terrorismo. L’LNA si congratula con il popolo libico e ringrazia tutte le forze di sostegno e i vicini che ci hanno sostenuti. Bengasi entrerà in una nuova era di sicurezza, stabilità, prosperità e pace. Gli sfollati ritorneranno a casa”. L’LNA aveva liberato il Suq al-Hut e Sabri, nella città vecchia di Bengasi.
Il 16 luglio, l’Aeronautica egiziana distruggeva 15 autoveicoli dei terroristi entrati nel confine occidentale dell’Egitto dalla Libia. Inoltre, la 3.za Armata egiziana e l’Aeronautica egiziana sventavano un attacco terroristico nel Sinai, distruggendo un’auto carica di esplosivi, eliminando i 6 terroristi a bordo, in una zona montuosa del Sinai centrale.
Il 22 luglio, l’Esercito nazionale libico si scontrava con gruppi islamisti a Bengasi, mentre le forze LNA effettuato attacchi aerei presso Derna. Le forze speciali effettuavano un attacco alle ultime sacche del Majlis Shura Thuwar, nella zona di Quraybish, eliminando 6 terroristi.
Il 25 luglio, il presidente francese Emmanual Macron ospitava a Parigi Qalifa Haftar e Fayaz al-Saraj, per un accordo che impegnasse un cessate il fuoco in Libia e a tenere le elezioni nazionali nella primavera 2018. “Macron vuole essere molto più coinvolto in Libia, va bene, ma ci ha spazzato via, non siamo stati consultati. C’è molta rabbia su questo”, affermava un diplomatico nel ministero degli Esteri italiano. Il 29 luglio 1 MiG-21 del LNA si schiantava a Zuhr al-Haram, a sud ovest di Darna. I due piloti si eiettarono, ma il colonnello Adil Jihani veniva ucciso.
Il 14 agosto, Il leader dell’Esercito Nazionale Libico Nazionale Qalifa Haftar si recava a Mosca per colloqui con il Ministro degli Esteri Sergej Lavrov. Haftar dichiarava: “Confermiamo il nostro desiderio di continuare a costruire la nostra amicizia con la Russia e la cooperazione con il vostro Paese in tutte i campi. I nostri Paesi hanno una storia di forti relazioni e ci aspettiamo di continuare a costruire la partnership. La Russia può svolgere un ruolo nella riconciliazione della crisi libica e saremo lieti se le azioni della Russia saranno utili… Non abbiamo concordato un particolare ruolo della Russia, ma vorremmo accogliere qualunque ruolo che Mosca giocherà nel processo”.
Il 15 agosto, il Generale Qalifa Haftar visitava Mosca incontrando i Ministri degli Esteri Lavrov e della Difesa Shojgu della Federazione Russa. Era la terza visita in Russia. Haftar sottolineava il ruolo dell’esercito nazionale libico nella lotta al terrorismo, affermando che “circa il 90 per cento del Paese è stato liberato”, nonostante l’embargo sulle armi e “un supporto finanziario e militare illimitato dei terroristi”. Lavrov osservava che “Purtroppo, la situazione in Libia rimane complicata, la minaccia dell’estremismo nella vostra patria non è ancora superata. Tuttavia, siamo consapevoli dei passi intrapresi e sosteniamo attivamente il processo… per la riconciliazione politica, il pieno ripristino della stato nel vostro Paese di tutte le forze politiche, tribù e regioni principali. È stato anche confermato che la Russia è pronta a fornire ulteriori assistenza per promuovere il processo politico, contattando tutti i partiti libici”. Haftar dichiarava che “L’esito dei colloqui è molto positivo. Abbiamo informato Lavrov sui nostri problemi, descrivendo il quadro completo. Naturalmente, i russi pensano a come partecipare nelle decisioni necessarie. Saremmo lieti se la Russia continui a parteciparvi. Sì, abbiamo discusso dell’aiuto militare. Sono certo che la Russia rimane un nostro buon amico e non rifiuterà di aiutarci”. Dopo l’incontro con Lavrov, Haftar incontrava il Ministro della Difesa Sergej Shojgu, dove l’attenzione si concentrava sugli sviluppi in Nord Africa, con particolare attenzione alla situazione in Libia.
Il 18 agosto, per la prima volta in sette anni, un aereo siriano atterrava sull’aeroporto Benina di Bengasi, inaugurando i voli regolari tra Damasco e Bengasi. Questo era anche il primo aereo estero ad atterrare a Bengasi dal 2014.
Il 4 settembre, il Generale Qalifa Haftar vietava ai funzionari del Governo dell’Assemblea Nazionale (GNA) e del Consiglio Presidenziale guidati da Fayaz al-Saraj l’ingresso nell’est della Libia, ciò poche ore dopo che al-Saraj aveva nominato il comandante delle Forze Speciali Faraj Iqaym, segretario del ministro degli Interni del GNA. I membri del Consiglio presidenziale di Saran, Fathi al-Mijibri, Ali al-Gutrani e Umar al-Asuad sostenevano la decisione di Haftar, e invitavano la missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia, a condannare al-Saraj per attentato all’unità della Libia, e riconoscere solo la Camera dei Rappresentanti in Tobruq e le Forze Armate guidate da Haftar.
I leader dell’Esercito nazionale libico si recavano a Cairo per incontrare il Capo di Stato Maggiore egiziano Mahmud Hijazi, poiché “i capi dell’Esercito nazionale libico hanno scelto l’Egitto come punto di partenza per la riorganizzazione dell’esercito libico, nel quadro degli sforzi egiziani per porre fine allo stato di divisione e unificare l’esercito libico. La delegazione militare libica ha discusso con lo Stato Maggiore egiziano tutte le fasi della crisi affrontata dall’istituzione militare in Libia negli ultimi sette anni”. La delegazione dell’Esercito nazionale libico ha dichiarato d’impegnarsi “a creare uno Stato moderno, democratico e civile basato sui principi del trasferimento pacifico del potere, del consenso e dell’accettazione dell’altro, nonché del rifiuto di ogni forme di emarginazione e di esclusione di qualsiasi parte libica”. Egitto e Libia “formano comitati tecnici congiunti per discutere i meccanismi di unificazione dell’istituzione militare in Libia e studiare tutte le questioni che potrebbero sostenerla. Oltre a lavorare sull’unità della istituzione militare libica e sulla responsabilità dell’esercito libico su sicurezza e sovranità dello Stato, nonché combattere estremismo e terrorismo e respingere le interferenze estere negli affari libici”.
Il 28 settembre l’Aeronautica egiziana distruggevano almeno 10 autoveicoli dei terroristi carichi di armi provenienti dalla Libia, mentre il 25 settembre l’esercito egiziano eliminava 6 terroristi e 6 autobombe a sud di Zuayd, nel nord del Sinai.
Il 29 settembre, a Sabratha si avevano scontri tra l’Esercito nazionale libico (LNA) e le forze del governo dell’accordo nazionale di al-Faraj. Lo sceicco a capo della Fratellanza musulmana, e agente di Roma, il Gran Muftì Sadiq al-Ghariani, incitava le milizie della Fratellanza musulmana a combattere l’LNA, come “prosecuzione della battaglia per Bengasi” e invitava i cosiddetti “rivoluzionari libici” (la Fratellanza musulmana) a supportare il governo di al-Faraj e a unirsi contro l’LNA, che “combatte contro la rivoluzione”.
Il 23 ottobre, 8 autoveicoli islamisti venivano distrutti da attacchi aerei egiziani sul confine libico-egiziano.
Il 1° novembre 2017, l’aeronautica egiziana eliminava in una zona montuosa ad ovest di Fayum, a sud di Cairo, una base dei terroristi, assieme a 3 autoveicoli che trasportavano armi, munizioni ed esplosivo. Combattimenti scoppiavano nel Warshafana, Libia occidentale, tra gruppi armati locali e le forze militari del Maggior-Generale Usama Juayli, nominato da Fayaz Mustafa al-Saraj, presidente del Consiglio presidenziale della Libia e Primo Ministro del Governo di Accordo Nazionale (GNA). La Brigata dei rivoluzionari di Tripoli (TRB) prendeva parte all’operazione, assieme alle brigata Zintan di Haytham Tajuri, del consiglio militare di Zintan, contro Jafra e Aziziya, nel Warshafana. In realtà tali forze si scontravano con la 4.ta Brigata del LNA. Il 7 novembre, la 4.ta Brigata veniva dispersa e il LNA perse le posizioni nella regione. Si consolidava così l’alleanza tra le suddette forze islamiste e le milizie Janzur e Zawiya, dietro si delinea la regia dell’Italia.
Il 18 dicembre, il comandante dell’Esercito nazionale libico Feldmaresciallo Qalifa Haftar denunciava la fine degli accordi di Shqirat del 17 dicembre 2015, firmati in Marocco, nonostante l’opposizione dell’ONU alla mossa di Haftar, che aveva dichiarato: “la legalità di tale cosiddetto accordo politico è scaduto insieme a tutte le strutture create con esso. Le forze armate non seguiranno gli ordini di alcun partito che non abbia ricevuto legittimità dal popolo libico”, sottolineando che il Comando supremo delle Forze Armate libiche colloquia direttamente con la comunità internazionale per la risoluzione della crisi libica. Due giorni prima, a Bengasi si ebbe la prima dimostrazione che chiedeva ad Haftar di prendere il potere, ed altre piccole manifestazioni si svolgevano a Shahat e Marj, ad est, mentre il sindaco islamista e filo-turco di Misurata, Muhamad Shatui, un fratello mussulmano collegato all’Italia, veniva liquidato a poche centinaia di metri dall’aeroporto della città base operativa delle unità dell’esercito italiano schierate in Libia. In tale contesto, i ministri degli Esteri di Algeria, Tunisia ed Egitto s’incontravano a Tunisi il 17 dicembre per chiedere ai partiti libici di “assumersi le proprie responsabilità per porre fine rapidamente alla fase di transizione, creando un clima politico e di sicurezza che permetta l’organizzazione di elezioni presidenziali e legislative”, e inoltre sottolineavano l’importanza di unificare tutte le istituzioni libiche, compreso l’Esercito nazionale libico. Haftar quindi dichiarava illegale il governo-fantoccio di F. al-Saraj, posto al potere in Libia dai governi Renzi e Gentiloni. Ciò significava che l’Esercito nazionale libico era pronto al conflitto armato contro il governo al-Saraj, burattino dell’UE, in particolare di Francia e Italia. In questa situazione, Sayf al-Islam Gheddafi annunciava l’intenzione di partecipare alle elezioni presidenziali in Libia del 2018. Subito dopo, il ministro degli Esteri france Le Drian incontrava a Tripoli Saraj, e a Bengasi Haftar, “per discutere del processo politico in Libia e della guerra al terrorismo guidata dall’esercito libico”. Le Drian chiedeva ad Haftar e all’ENL di rispettare l’Accordo politico libico (LPA) di Shqirat. “Le Drian, le Nazioni Unite e le potenze occidentali ancora non capiscono che l’LPA è respinto dal popolo libico come totalmente illegittimo ed irrilevante per il processo di pace”. Haftar non cedeva, sottolineando l’importanza del riconoscimento da parte delle Nazioni Unite e della comunità internazionale dell’azione dell’LNA contro il terrorismo, e concludeva, “Togliere l’embargo sulle armi all’esercito, se deciso dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sarà molto apprezzato”. Haftar riteneva che tale embargo serviva a dare una leva alla fazione di Saraj e agli islamisti in Libia, di cui Saraj è un agente.
Il 14 gennaio 2018, si avevano combattimenti presso l’aeroporto di Tripoli tra la “forza di deterrenza” del governo, che controllava l’aeroporto e il carcere, e la milizia di Tajura, con la morte di almeno 20 miliziani e un aereo di linea A319 e altri quattro velivoli danneggiati. L’attacco alla prigione presso l’aeroporto Mitiga, aveva come obiettivo la liberazione dei terroristi di al-Qaida e SIIL detenuti nella prigione gestita dalla forza RADA di Abdarauf Qara. Le milizie che avevano attaccato la prigione era forze fedeli al governo nominato dall’ONU di Fayaz Seraj ed alleate anche all’ex-primo ministro islamista Qalifa al-Gual e del Gran Mufti dei Fratelli musulmani al-Ghariani. Inizialmente la RADA aveva contrastato l’attacco con l’aiuto di almeno 10 milizie filo-governative guidate da Haitam Tajuri e di un aereo da ricognizione statunitense decollato da Sigonella, che aveva sorvolato Tripoli all’inizio dei combattimenti. A metà dicembre a Mosca il Viceministro degli Esteri Mikhail Bogdanov incontrava Bashir Salah, ex-Capo di Stato Maggiore del Colonnello Muammar Gheddafi, per discutere come sviluppare i contatti nella regione del Fizan, dove Salah è alleato con le tribù locali. Il presidente del gruppo di contatto russo-libico è Lev Dengov, consigliere del presidente ceceno Ramzan Kadyrov, che ha contatti regolari con fazioni di Tripoli e Misurata.
Il 19 gennaio, il Comitato per la difesa della Camera dei rappresentanti di Tobruq deplorava il voto del Parlamento italiano per aumentare le forze italiane presenti a Misurata, considerandola una violazione della sovranità della Libia. Il comitato dichiarava che l’aumento di forze italiane un Libia è il riconoscimento del Parlamento italiano della presenza di truppe italiane, fatto che l’Italia aveva finora negato.
Il 21 gennaio l’esercito nazionale libico (LNA) compiva attacchi aerei nel sud-est della Libia, presso Rabiana, distruggendo un convoglio di 15 autoveicoli dell’opposizione sudanese e ciadiana, tre giorni dopo che il Movimento per la Giustizia e l’Uguaglianza sudanese aveva ucciso 6 soldati dell’LNA nell’oasi di Jaqabub.
Il 22 gennaio 2 autobombe esplodevano a Bengasi, facendo 50 morti e 100 feriti nel quartiere Salmani, frequentato dai combattenti della 210.ma brigata, composta da salafiti. Tra i morti vi era Ahmad al-Fituri, capo della brigata salafita al-Tuhid, alleata dell’Esercito Nazionale Libico. Ahmad al-Fituri era stato anche membro della Brigata di Difesa di Bengasi (BDB) contraria ad Haftar. La BDB massacrò oltre 140 uomini, donne e bambini il 18 maggio 2017, a Braq al-Shati.
Il 3 maggio si verificavano potenti esplosioni presso la sede della Commissione elettorale nazionale di Tripoli, uccidendo oltre 15 persone, in coincidenza del ritorno di Qalifa Haftar da Parigi, in Libia. dopo due settimane di degenza. Inoltre, Aqila Salah, presidente del parlamento di Tobruq, la Camera dei rappresentanti (HoR), chiese le elezioni presidenziali tra settembre e dicembre 2018, ottenendo il sostegno do Francia ed Egitto.
L’8 maggio, il comandante dell’Esercito nazionale libico (LNA), Maresciallo Qalifa Haftar, avviava le operazioni per liberare Darna, occupata dai terroristi di al-Qaida dal 2011. Derna era considerata l’ultima roccaforte dei terroristi nell’est del Paese. Infatti, quando il Feldmaresciallo Qalifa Haftar tornò da Parigi, dichiarò “l’ora zero per liberare Darna” dal controllo della “Mujahideen Shura Council” (DMSC), una coalizione di fazioni islamiste.
Il 7 maggio veniva avviata l’offensiva del LNA su Darna, liberando aree rurali e montagnose nei pressi della città, e i quartieri periferici di Fatayah, Bab Tobruq e Tamasaqat. All’operazione dell’LNA partecipavano i battaglioni 101.mo, 102.mo, 106.mo e 309.mo, le brigate Tariq bin Ziyad e Tobruq Muqatila (coi battaglioni 104.mo, 159.mo, 409.mo e 501.mo, la Brigata delle forze speciali al-Sayqa, in totale oltre 1000 uomini. I velivoli impiegati comprendevano 1 Beechcraft B350 da ricognizione, che decollava dalla base aerea Qadim, 6 turboelica antiguerriglia AT-802, 2 UAV GJ-1 Wing Long dell’aeronautica degli EAU. Non mancava la componente navale costituita dal pattugliatore d’altura al-Qarama e dal pattugliatore costiero Damen Stan 1605, che avrebbero affondato 3 motoscafi che fuggivano da Darna con a bordo i capi del Consiglio e della liwa Shahin Abu Salim. Gli scontri avvenivano contro i gruppi islamisti di al-Qaida e Fratellanza Musulmana e fazioni a sostegno di Saraj, come i mujahidin del Consiglio della Shura di Darna (MCSD) e delle Forze di Protezione di Darna (FPD), nei quartieri Shiha e Sahal al-Sharqi. LNA impiegava cannoni D-30, M-1938, lanciarazzi BM-21 e mortai M-37, per distruggere depositi di armi e postazioni islamiste, a coprire l’avanzata dei carri T-54 e T-62 del 106.mo Battaglione che, supportato da velivoli MiG-21MF e MiG-23 avanzava su Shiha, Sahal, Qadija e Lamis, liberando il 70% della città, mentre gli islamisti tenevano al-Balad e Jabala. Il 15 giugno, l’Esercito nazionale libico (LNA) liberava a Darna i quartieri al-Qala, al-Muahshah, Shabiat Ghazi, la scuola al-Umar, Jabal al-Aqdar, Daman al-Ijitmai e Qab al-Ali. I droni statunitensi avevano lanciato in Libia, nei primi sei mesi del 2018, 243 missili anticarro Hellfire, oltre il 20% del totale di tutti i missili Hellfire lanciati in 14 anni.
Il 21 giugno, l’Esercito nazionale libico liberava la cosiddetta “mezzaluna petrolifera”, le aree petrolifere delle coste libiche da Tobruq a Sidra. L’Esercito nazionale libico al comando di Qalifa Haftar prendeva il controllo completo della “mezzaluna petrolifera” libica, dopo aver liberato i porti petroliferi di Ras Lanuf e al-Sidra, costringendo i gruppi terroristici filo-NATO, guidati da Ibrahim al-Jadran, a ritirarsi verso Misurata. Il capo della compagnia petrolifera libica NOC Mustafa Sanala dichiarava al vertice OPEC di Vienna, che le attività dei porti sarebbero riprese entro due giorni.
Il 29 giugno, il comandante Qalifa Haftar annunciava la liberazione della città di Darna dai terroristi di al-Qaida. “Annunciamo con orgoglio la liberazione di Darna, città cara a tutti i libici”. Darna, una città costiera di 150000 abitanti, segnava un importante passo del LNA per consolidare il controllo sulla regione.
Il 1° settembre, mentre avanzava verso Tripoli la 7.ma Brigata ‘Qanyat‘ di Tarhuna (guidata dai fratelli Qani), un razzo Grad colpiva l’ex-campo IDP di Tawargha a Tripoli, e ignoti liberavano dalla prigione di Ruaymi centinaia di prigionieri (probabilmente ex-ufficiali e funzionari della Jamahiryia Libica). Le milizie islamiste accusavano le forze di Tarhuna di essere forze combattenti leali a Gheddafi, mentre le forze dall’ex-capo di Fajir al-Libya, Salah Badi, avanzavano verso la periferia di Tripoli. L’avanzata delle forze di Tarhuna si scontrava coll’alleanza delle milizie islamiste di Misurata e Zintani, collegate alle intelligence italiana, saudita, qatariota e turca. Le forze di Tarhuna si scontravano quindi con gli islamisti delle brigate rivoluzionarie di Tripoli (TRB) di Haytham Tajuri, appena tornato dal pellegrinaggio in Arabia Saudita, a cui sottraevano la caserma Yarmuq, della forza di deterrenza centrale di Qanua Qiqli e della brigata Halbus 301 presso l’aeroporto, Qalat al-Furjan e Salahudin. Ciononostante, le forze di Tarhuna raggiungevano i quartieri Furnaj, Ayn Zara e Siahiya, dalla popolazione amazigh, mobilitandone quindi la Forza Mobile, altra milizia collegata all’intelligence italiana. Le forze islamiste di Zintani, guidate da Imad Trabalsi, occupavano una caserma presso l’Islamic Call Society, ad al-Jib, Tripoli. La forza di Trabalsi prende ordini dal Consiglio di Presidenza di Fayaz Saraj, che li aveva invitati a Tripoli per combattere come “forza neutrale” le forze di Tarhuna.
Muhamad al-Hadad, comandante della zona militare centrale, che era stato rapito nella città di Misurata, era stato appena nominato da Saraj comandante supremo dell’esercito di Tripoli, insieme a Usama Juayli, comandante della zona militare occidentale. I combattimenti avevano ignorato un simulacro di cessate il fuoco concordato il 31 agosto a Tripoli. Risultato ultimo dell’inefficienza del Consiglio della Presidenza e del Governo di Accordo Nazionale di Fayaz Saraj. Intanto Tripoli veniva bombardata nei quartieri Dahra, Bin Ashur e Qut Shal. Le forze di Tarhuna accusavano Saraj di aver tentato di “comprarle” durante i colloqui di mediazione, affermando di avergli offerto 250 dollari USA per ritirarsi da Tripoli; risposero rifiutando la “bustarella” e chiedendo lo scioglimento delle milizie per creare un esercito nazionale e una polizia unificata.
Il Supremo Consiglio delle tribù e città libiche nella regione occidentale dichiarava che “ciò che accade nella capitale Tripoli negli ultimi 8 anni non è altro che ingerenza delle milizie e del loro controllo sulle articolazioni dello Stato, con l’aiuto dei terroristi e guidati da capi stranieri”. Il Consiglio dichiarava che tali milizie usavano l’immigrazione clandestina come fonte di reddito, assieme a contrabbando di droga e carburante, furto di fondi bancari, e che ricorrevano all’intervento straniero, culminato nella violazione della sovranità nazionale della Libia. La dichiarazione condannava l’attacco aereo straniero sulla città di Tarhuna, uccidendo civili e soldati dell’esercito popolare. Il Consiglio esprimeva stupore per la Missione delle Nazioni Unite in Libia che aveva lasciato i prigionieri politici della Jamahiriya ed ufficiali dell’Esercito popolare nelle mani delle milizie, mentre si preoccupava dei migranti illegali e del loro desiderio di allontanarli dalle aree degli scontri, mostrando così la doppia morale della Missione ONU. Il consiglio dichiarava infine che le tribù marceranno libereranno i loro figli dalle prigioni delle milizie nel caso la missione delle Nazioni Unite non si assumesse le proprie responsabilità nei loro confronti, confermando di sostenere i fratelli di Tarhuna e che qualsiasi aggressione su Tarhuna sarà considerata come diretta contro le tribù e le città dell’ovest libico.

Thanks to: Alessandro Lattanzio

Activists win appeal against UK arms sales to Saudi

Displaced Yemeni children sit inside a tent at a make-shift camp for displaced people in the Haradh area, in the northern Abys district of Yemen. (Photo by AFP)

Displaced Yemeni children sit inside a tent at a make-shift camp for displaced people in the Haradh area, in the northern Abys district of Yemen. (Photo by AFP)

Activists campaigning to stop British arms sales to Saudi Arabia to prevent their use in Yemen have been granted an appeal against a High Court ruling allowing the UK to continue selling weapons to Riyadh.

Last July, the Campaign Against Arms Trade (CAAT) sought a High Court order to block export licenses for British-made fighter jets, bombs and other munitions it said were being used by Saudi forces in the war in Yemen. However, the court decided that the licenses were not unlawful.

Responding to the attempt by CAAT to overturn last summer’s verdict, the Court of Appeal said Friday the British government should “not grant a license if there is a clear risk that the items might be used in the commission of a serious violation of international humanitarian law.”

Campaigners will now be able to challenge the High Court decision that the government had not acted unlawfully or irrationally in refusing to block export licenses for sale and transfer of arms and military equipment to Saudi Arabia.

An activist with CAAT said his group believed the arms sales are immoral.

“The Saudi-led bombardment of Yemen has killed thousands of people and created one of the worst humanitarian disasters in the world,” Andrew Smith said after Friday’s judgment.

“Despite this, the Saudi regime has been armed and supported every step of the way by successive UK governments. We believe that these arms sales are immoral, and are confident that the Court of Appeal will agree that they are unlawful.”

Saudi Arabia and its Arab allies launched a war on Yemen in March 2015 to reinstall its former Riyadh-allied government. The military aggression has so far killed over 13,600 Yemenis.

The issue of Britain’s arms sales to Saudi Arabia, and its support for the Saudi aggression in Yemen, has become more controversial as the war has created the world’s worst humanitarian crisis.

The conflict has displaced more than 2 million people and caused a cholera epidemic that has infected about 1 million people. The United Nations says food shortages have created the world’s worst famine in Yemen.

British Prime Minister Theresa May has defended her government’s weapons exports to Saudi Arabia, saying all such sales are strictly regulated.

The issue has provoked heated debate in parliament, with the main opposition Labour Party accusing the government of being complicit in civilian deaths in Yemen.

“It cannot be right that the government is colluding in what the United Nations says is evidence of war crimes,” Labour leader Jeremy Corbyn told parliament in March.

Britain sells billions of pounds worth of arms to Saudi Arabia, by far its largest weapons buyer. There was a sharp increase last year in licenses that critics such as shadow foreign secretary Emily Thornberry described as being completed “behind closed doors, and shrouded in secrecy.”

The UK Department for International Trade said it would defend last July’s High Court verdict.

 

Sorgente: PressTV-Activists win appeal against UK arms sales to Saudi

UK drones firing organ-destroying ‘vacuum bombs’ on the rise in Syria – FOI request reveals (VIDEO)

 

The UK is ‘indiscriminately’ using thermobaric missiles as part of its ongoing air war in Syria, a Freedom of Information (FoI) request has revealed.

The Ministry of Defence (MoD) admitted, for the first time, using thermobaric weapons during strikes carried out by Royal Air Force MQ-9 Reaper drones during missions in January and February, in response to the FoI request by anti-war campaign group Drone Wars UK.

Thermobaric weapons, known colloquially as “vacuum bombs,” differ from conventional munitions – which cause damage by spreading shrapnel – as they create a high-temperature explosion with an extremely powerful blast radius. The pressure created causes severe internal damage to the organs of people caught in the blast radius.

According to Drone Wars, the request saw “officials give a breakdown of the type of Hellfire missiles fired, stating that 19 AGM-114N4 and 44 AGM-114R2 had been used. The ‘N’ version of the missile uses a Metal Augmented Charge (MAC) warhead that contains a thermobaric explosive fill using aluminum with the explosive mixture. When the warhead detonates, the aluminum mixture is dispersed and rapidly burns.”

While use of vacuum bombs remain legal under international law, their use has been criticized by human rights organizations as they have the potential to create unnecessary human suffering.

“Anyone in the vicinity is likely to die from internal organ damage,” the group added.

Manufactured by US arms giant Lockheed Martin, the company boasts that over 21,000 units of the missile have been delivered to the US Air Force and over 13 of Washington’s international partners, including the UK.

Coming in three configurations, Hellfires have been integrated on a variety of air platforms including the Apache and Super Cobra attack helicopters. As well as Predator and Reaper drones. They have also been added to turboprop fixed-wing aircraft, offering operators a cheaper platform to carry out counter-insurgency missions.

Increased use by the RAF

The UK’s use of thermobaric missiles was first reported in 2008 when the British military used Apache helicopters equipped with Hellfires to tackle Taliban insurgents in Afghanistan. News that troops were using such weapons caused a stir in Westminster with The Times reporting that “MoD weapons and legal experts spent 18 months debating whether British troops could use them without breaking international law.”

They settled on redefining the missiles as “enhanced blast weapons” in order to get around any potential legal wrangling.

Since then, and until the request granted by the FoI, the MoD has tried to avoid answering questions on their use of the thermobaric variant of the Hellfire.

Admission of their use comes the same week as UK Defense Secretary Gavin Williamson admitted that a recent RAF airstrike resulted in a civilian casualty. In a ministerial statement, Williamson said that the casualty “crossed into the strike area at the last moment,” during a targeted strike in northeastern Syria on March 26, that killed three militants of the Islamic State (IS).

In recent months, the RAF has been upping its use of drone strikes in Syria in favor of its dedicated multi-role strike bomber, the Tornado. According to Drone Wars, between January and March of this year, “UK drones fired as many weapons in Syria (92) as they have over the previous 18 months,” and is seeking further information on whether their use is increasing in favor of manned aircraft.

Sorgente: UK drones firing organ-destroying ‘vacuum bombs’ on the rise in Syria – FOI request reveals (VIDEO) — RT UK News

NE HANNO GIA’ UCCISI MILIONI.

“Quanti milioni di persone sono state uccise nelle guerre  sferrate dagli Stati Uniti dopo l’11 Settembre?”  E’  la domanda a cui cerca di rispondere da anni Nicolas JS Davies, un giornalista americano   con un gruppo di collaboratori volontari. Pubblica articoli e libri che sono poco giornalistici, perché cercano di valutare attraverso le varie fonti quanti sono i morti ammazzati da Usa e Gran Bretagna. Sono articoli e libri faticosi da leggere. Davies cerca di essere preciso  e documentato, perché, scrive “rendersi conto della vera scala dei crimini commessi resta un dovere pressante, da un punto di vista morale, politico e giuridico”.

Dunque è in vista  di un processo internazionale che occorre la triste precisione dei morti, con l’indicazione delle fonti  e  la  loro valutazione critica.

Perché “è importante sapere se le nostre guerre uccidono milioni di persone, o soltanto 10 mila, come dai sondaggi, crede  la gente nel Regno Unito e negli USA”.

http://www.comresglobal.com/wp-content/themes/comres/poll/Iraqi_death_toll_survey_June_2013.pdf

“La maggior parte degli americani direbbero che  importa sapere se la parte della Germania nella seconda guerra mondiale ha causato milioni di morti o solo 10 mila.  Preferire il secondo termine è un delitto penale in Germania e in altri paesi”.

“Il sangue sulle nostre mani”, ultimo libro di N Davies.

Per  il solo Irak, Davies valuta il numero di civili – non soldati combattenti né insorti  in armi  – ma civili uccisi,  nei 15 anni dal 2003 al 2017, ammonta a 2 milioni e 440 mila, di cui forse il 40 per cento sotto i 15 anni.  Le fredde cifre non riescono a dire gli orrori  che  hanno sparso le truppe occidentali, i bambini  nati mostruosi per l’uranio impoverito,  quelli   mai disseppelliti dalle macerie a cui sono state ridotte città intere, i 1600 corpi mutilati che nel solo mese di ottobre 2006 riempirono l’obitorio di Baghdad, per gli squadroni della morte sunniti contro gli sciiti, e la vendetta di questi  – una   violenza settaria deliberatamente eccitata secondo il Piano Kivunim.  Le fredde cifre non possono dire quello che ciascuno  di quei 2 milioni e 400 mila civili  ha provato di spavento, orrore e sofferenza di morte.

Davies ripubblica un’immagine che in qualche modo li riassume tutti.

E’ Samar Hassan, di 5 anni,  che urla disperata perché papà e mamma sono stati appena uccisi mitragliati da soldati americani;   con la loro vecchia auto si erano avvicinati  ad un posto di blocco, era il crepuscolo del  18 gennaio 2005.   La bambina ha nelle mani e sul volto il sangue ancor fresco dei genitori  massacrati  e di uno dei cinque fratellini, ferito.  Gli assassini appartenevano al primo  battaglione, 5 ° corpo di combattimento della Brigata Stryker della 25 ° divisione di fanteria di Ft. Lewis, Washington.

Il fotografo, Chris Hondros, premiato per questa foto, è poi stato ucciso in Libia nel 2011. Le foto appartengono a Getty Images.

Pubblico questo perché dalle espressioni di soddisfazione dei capi sionisti, si capisce gli Macron, la lobby e l’Arabia Saudita hanno convinto  Trump a mantenere le truppe in Siria del Nord, quindi a continuare la guerra per gli anni a venire.

Nella conferenza stampa a Washington se ne è vantato. “Dovremo costruire la nuova Siria ecco perché la tenuta americana è importante.  Il giorno in cui finiremo questa guerra contro lo Stato Islamico [sic] se noi partiamo definitivamente e totalmente, lasceremmo la parola al regime iraniano, a  Bachar Assad e i suoi uomini, ed essi prepareranno la nuova guerra. Alimenteranno i nuovi terroristi”.

Quanto ad Avigdor Lieberman, il ministro della guerra israeliano, parlando ad un media saudita: “Questi sono gli ultimi giorni del regime dell’Iran.  Se  l’Iran attacca Tel Aviv [e  perché dovrebbe attaccare Tel Aviv? Si prepara un false flag? Israele colpirà Teheran e ogni postazione militare in Siria”.

Poiché  tutte le guerre scatenate dagli Stati Uniti dopo l’11 Settembre sono state guerre per Israele,  ad Israele non basta ancora.

Irak. Nati  così  per uranio impoverito.

Aiutino italiano ai jihadisti?

Un tweet di Don Lazzara: “altro mistero che è sfuggito al mainstream: tra il materiale militare consegnato dai jihadisti ai governativi è stata trovata un’ambulanza di una onlus italiana. Forse non è chiaro che i “ribelli moderati”, sono i terroristi che hanno fatto stragi di civili in Siria”.

Sorgente: NE HANNO GIA’ UCCISI MILIONI. – Blondet & Friends

In Siria è emersa la verità. Sotto scacco la narrativa mainstream che non può fare altro che censurare tutto

A Ghouta è emersa la verità. Sotto scacco la narrativa mainstream che non può fare altro che censurare tutto

PICCOLE NOTE

Il governo siriano, dopo la caduta del quartiere di Ghouta, ha intensificato le campagne militari contro altri bastioni della resistenza, che sembra meno agguerrita di prima.

Dopo Ghouta, i ribelli hanno accusato il colpo, almeno momentaneamente. E ciò perché il quartiere Damasceno era la punta di diamante della resistenza, il suo cervello pulsante. Anche per questo è stata così cruenta la battaglia.

Abbiamo usato i termini usuali del mainstream, che identifica le forze che si oppongono a Damasco come “ribelli” e “resistenza”.

Sotto Ghouta

L’abbiamo fatto apposta, per far vedere quanto questa identificazione, parte fondante della narrazione che vede un regime sanguinario alle prese con un’opposizione libertaria, strida con quanto sta emergendo da Ghouta.

Anzitutto gli orrori. Li documenta un filmato siriano, certo di parte, ma che rimanda immagini che non possono esser frutto di manipolazione.
Nel filmato al quale rimandiamo (cliccare qui) si vedono gli orrori di Ghouta. Le immagini inquadrano la “prigione del pentimento”, dove si vedono le celle oscure e le gabbie interrate, esposte all’aperto. O l’attrezzo che mostriamo nella foto in alto, dove i prigionieri erano legati per essere torturati.

Non solo orrori. Un altro video (cliccare qui) mostra i tunnel scavati nel sottosuolo: un labirinto a quindici metri di profondità, che si snoda per chilometri e chilometri.

Si può notare dal video come, accanto alle immagini di tunnel scavati nella roccia,  si vedono gallerie larghe, ben illuminate. Prodotti di alta ingegneria. Che necessitano di mezzi sofisticati per lo scavo e le rifiniture.

Opere fatte in poco tempo, che non possono essere ascritte ai quattro straccioni armati asserragliati nel quartiere e ai loro schiavi, i poveri civili mandati sottoterra a scavare. No. Ci vuole ben altro. Macchine pesanti, ingegneri altamente qualificati. E tanti, tanti soldi. Milioni di euro. Soldi fluiti dall’estero: dai sauditi e dall’Occidente.

Le foto che invece mettiamo in calce all’articolo le abbiamo prese dal sito www.palaestinafelix.blogspot.co.uk

Anch’esso è decisamente schierato dalla parte del governo. E può essere tacciato di partigianeria. Ma le foto sono inequivocabili. E mostrano i prodotti chimici rinvenuti nei tunnel, provenienti dal mercato occidentale…

Vi risparmiamo le immagini degli arsenali bellici scoperti nel sottosuolo: armi pesanti, bombe, missili e quanto altro, a tonnellate. C’era una emergenza alimentare, dicevano le agenzie umanitarie, chiedendo l’apertura di corridoi per portare provvigioni (peraltro trovate immagazzinate). Allora come facevano ad arrivare tutte queste armi?

Lo scacco della narrazione mainstream

Quanto sta emergendo dice altro da quanto raccontato per anni. Come raccontano altro i sopravvissuti, che sono tornati a vivere nel Ghouta, sotto il controllo del governo.

Evidentemente non lo giudicano così sanguinario, se hanno preferito restare piuttosto che andar via con i miliziani jihadisti, come potevano.

Civili di Ghouta sui quali ci si stracciava le vesti, perché bersaglio delle bombe di Assad. E dei quali oggi non importa nulla a nessuno. Nessun cronista occidentale che vada a intervistarli.

Concludiamo questo articolo con un sondaggio del Corriere della Sera di ieri.

Solo l’11% ritiene che i raid in Siria sono stati “giusti”. Solo il 20% ritiene che Assad sia “responsabile delle centinaia di migliaia di morti” (evidentemente l’80% non ci crede, ma sul punto il Corriere tace).

Il 27% degli intervistati ritiene che “non ci siano prove” che l’attacco chimico di Ghouta sia opera di Damasco, mentre ben il 39% ritiene che sia solo “un pretesto per intervenire contro Assad”.

Un sondaggio che indica la debacle della narrativa corrente. E ciò nonostante sia stata propalata da tutti i media mainstream senza eccezione. E non certo per i troll russi o le Fake news. Semplicemente la gente ha visto troppe guerre giustificate con ogni mezzo in questi anni, dall’Iraq alla Libia a quanto altro.

Ci ha creduto una volta, due magari. Tertium non datur.

Notizia del:

Sorgente: A Ghouta è emersa la verità. Sotto scacco la narrativa mainstream che non può fare altro che censurare tutto


Siria, DOUMA: chi sono le milizie di « Jaych al Islam » che occupavano la città.

Siria, DOUMA: chi sono le milizie di « Jaych al Islam » che occupavano la città.

A cura di Enrico Vigna, 23 aprile 2018

In questi giorni in tutti i media, la città di Douma è salita all’attenzione del mondo, causa l’ennesima aggressione missilistica, da parte di una coalizione a guida USA con al fianco Gran Bretagna e Francia, con Israele che in fatti di guerra non manca mai, oltre al solito coinvolgimento logistico dell’Italia, confermato dal primo ministro Gentiloni, visto che alcuni sottomarini per l’attacco sono partiti da Napoli. Il turro giustificato dal presunto e finora non accertato uso di armi chimiche da parte dell’Esercito Arabo Siriano.

Penso che però, non tutti sono a conoscenza di chi siamo andati ad aiutare in loco, chi sono le milizie islamiste che occupavano la città, quali le loro pratiche e su cosa si fonda la loro proposta di una nuova società siriana.

Gli ultimi jihadisti rimasti nella città, ora liberata, erano appartenenti alla milizia di ” Jaych al Islam ??? ??????? (Armata dell’Islam), una formazione salafita che ha nel suo programma, l’abbattimento del governo laico siriano e l’instaurazione di uno Stato Islamico governato dalle leggi della Sharia.

La sua fondazione risale al 2011 e prima di finire nella Ghouta orientale e poi asseragliarsi nella città di Douma come ultimo caposaldo, aveva operato anche nell’area di Damasco, Aleppo. Homs e nel governatorato di Rif Dimachq.

La sua prima definizione fu Liwa al Islam ( Brigata dell’Islam), poi adottò l’attuale definizione, dopo la fusione con altri gruppi islamisti radicali. I suoi membri sono stati calcolati in circa 2/3.000 uomini.

Suo leader e fondatore era stato Zahran Allouche, 44 anni, figlio del predicatore Abdallah Allouche, membro dei Fratelli Mussulmani, rifugiatosi in Arabia Saudita. Zahran era stato arrestato nel 2009, perché seguace dei Fratelli Mussulmani e poi rilasciato nel giugno 2011 durante un’amnistia del governo siriano, tre mesi dopo l’inizio del conflitto.

Per anni Zahran Allouche aveva terrorizzato gli abitanti di Damasco dichiarando che avrebbe “ripulito” la città. Ogni venerdì annunciava attacchi che avrebbe sferrato alla capitale. Nel 2013 ad Adra rapì delle famiglie alawite, utilizzò i prigionieri come scudi umani e ne portò in giro rinchiusi in gabbie, un centinaio; poi giustiziò un centinaio degli uomini, perché gli “infedeli” sapessero quale sorte li aspettava.

Ucciso dall’Esercito Arabo Siriano nel 2015, alla sua morte gli subentrò un uomo d’affari, lo sceicco Isaam Buwaydani, detto “Abu Hamam al Boueidani, che ne prese il posto. Ma secondo la giornalista ed esperta di questioni mediorientali Lina Kennouche, de L’Orient- Le Jour , al-Boueidani, è un leader senza capacità né carisma, e di fatto è il religioso Abu Abdarrahman Kaaké che ha assunto la vera leadership del gruppo.

Questa formazione ha fatto parte di vari fronti islamisti e jihadisti : nel 2012-2013 del Fronte Islamico Liberazione Siria, poi dal 2013 al 2016 al Fronte Islamico e infine in Fatah Halab fino al 2017, infatti dopo la sconfitta della battaglia di Aleppo, liberata dall’Esercito Arabo Siriano, le varie componenti jihadiste sono andate ad una resa dei conti sanguinosa tra loro, con accuse reciproche che hanno sciolto il cartello jihadista.

Ha sempre rifiutato di entrare nell’Esercito Siriano Libero, non ritenendolo sufficientemente radicale. Ha ricevuto supporto, armi e finanziamenti in particolare dall’Arabia Saudita e dal Qatar; si tratta di diversi milioni di dollari di finanziamenti in armi e addestramento militare, come documentato da The Guardian , del 7 novembre 2013.

Fortemente dipendente dall’Arabia Saudita , Jaych al Islam è anti sciita, anti alawita e molto ostile all’Iran e a Hezbollah, al suo interno vi è anche una tendenza vicina ai Fratelli Musulmani nella loro componente più estrema.

Jaych al-Islam ha finora beneficiato anche di un fiume di soldi raccolti nei circoli salafiti dei paesi del Golfo, direttamente dal padre di Zahran Allouche. Questa disponibilità di denaro ha sempre permesso a Jaych al-Islam di imporsi agli altri gruppi criminali nella regione.

Una famiglia, quella Allouche, molto implicata nei giochi di guerra destabilizzanti la Siria. Il cugino di Zahrane Allouche, Mohamed, anche lui un jihadista salafita, ed anche leader del gruppo terrorista, era a Ginevra come invitato ai colloqui di pace nella veste di delegato del suo gruppo.

Nato nel 1970, Mohamed Allouche ha studiato legge islamica nella capitale Damasco, prima di continuare a perfezionare le sue conoscenze presso la famosa Università islamica di Medina, in Arabia Saudita. Questo cugino di Zaharan Allouche, Mohammed, si rese celebre in Siria, per la violenta repressione dei costumi. Creò il Consiglio Giudiziario Unificato, che impose a tutti gli abitanti della Ghouta la versione saudita della sharia. Ed è famoso, non solo per l’odio contro le donne, ma anche per aver organizzato esecuzioni pubbliche di omosessuali, lanciandoli dai tetti delle case. Costui è ora il rappresentante di Jeych al-Islam ai negoziati di pace dell’ONU….

Di lui il quotidiano belga di Bruxelles, La libre Belgique scrisse il 14 marzo 2016: “…una personalità piuttosto chiusa, Mohamed Allouche è uscito dall’ombra a fine gennaio, quando è stato nominato capo negoziatore per la coalizione principale dell’opposizione siriana. A 45 anni, questo ribelle siriano della regione di Damasco sarà sotto i riflettori a Ginevra, dove è previsto l’inizio delle discussioni tra il governo siriano e l’opposizione…”

“…La sua uscita dall’ombra, aggiunge il quotidiano di Bruxelles, Mohamed Allouche la deve, in un certo modo, alla morte del cugino Zahrane, il leader del gruppo ribelle Jaych al Islam, ucciso lo scorso 25 dicembre (…). La sua presenza nei negoziati, non resta senza critiche. Alcuni sono perplessi che la partecipazione ai negoziati sia gestita da un membro di un gruppo armato che bombarda la capitale siriana… “. La famiglia Allouche oggi vive confortevolmente a Londra.

Anche istruttori provenienti dal Pakistan sarebbero stati usati per aiutare a formare militarmente il gruppo.

L’accademico Fabrice Balanche su challenges.fr, scrive che, dopo essere stata indicata come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti alla fine del 2012, il Fronte al-Nusra…ha creato tatticamente nuovi piccoli gruppi con nomi falsi per continuare ad avere i finanziamenti USA. Il gruppo Jaych al-Islam è stato per esempio finanziato dagli Stati Uniti prima che fosse dimostrata la sua affiliazione con al-Qaeda“. Secondo lo scienziato accademico e politico libanese, Ziad Majed: “…L’Armata dell’Islam coopera con il Fronte al-Nusra, ramo di al-Qaeda in Siria, purché questo non cercasse di infiltrarsi nella Ghouta. Infatti in quest’area in questi anni ha sistematicamente liquidato qualsiasi altro gruppo di ribelli che potevano rivaleggiare con il suo predominio in questa regione…”.

Il 28 aprile 2016 vi furono violenti scontri nella Ghouta orientale tra Jaych al-Islam e Faylaq al-Rahman , la più grande brigata dell’Esercito Siriano Libero nella regione.

Poi Jaych al-Islam è entrata in guerra con Jaych al-Fustate, un’alleanza formata dal Fronte al-Nusra e dal Liwa Fajr al-Umma.

Dal 28 aprile al 17 maggio 2016, combattimenti sanguinosi tra loro e altri gruppi ribelli minori costarono più di 500 uccisi nella parte orientale di Ghouta; infatti Jaych al-Islam era dominante nell’est della regione, mentre altri gruppi avevano basi nella parte occidentale.

Il 25 maggio 2016, un cessate il fuoco fu raggiunto tra le varie fazioni ribelli, ma poi nuovi combattimenti mortali scoppiarono nell’aprile 2017.

Secondo Laure Stephan, giornalista ed esperto di medioriente di Le Monde, gli uomini di Jaych al-Islam “…hanno imposto la loro egemonia con un pugno di ferro feroce, non esitando a imprigionare o combattere i rivali, seppur anch’essi antigovernativi; utilizzando in città pratiche dispotiche; dai racket sul commercio e sulla gestione dei vari aspetti sociali, dell’uso dei tunnel che permettevano l’approvigionamento della città, taglieggiamento, reclutamento forzato, tortura sistematica, fucilazioni e imposizioni alla popolazione civile, alle donne, esecuzioni pubbliche …”.

Il gruppo è anche accusato di essere responsabile del rapimento e della scomparsa di una leader non violenta dell’opposizione siriana: Razan Zaitouneh.

Questa era una avvocatessa e giornalista, che dal 2001 si occupava in Siria della difesa dei diritti umani. Il 9 dicembre 2013, lei e altre tre persone: Waël Hamada, suo marito, Samira Al-Khali e Nazem Al-Hamadi, furono rapiti a Douma, dove si erano spostati dal marzo 2011. Secondo quanto denunciato da membri dei Comitati di coordinamento locali della Siria, una rete di attivisti dell’opposizione siriana, il rapimento e il loro assassinio furono compiuti dal gruppo Jaych al-Islam. Nel novembre 2015, come rappresaglia per un bombardamento governativo sulle loro postazioni, che causò decine di morti e centinaia di feriti, gli uomini di Jaych al-Islam radunarono centinaia di prigionieri, soldati siriani e civili, donne comprese, e dopo averli messi in gabbie, li dislocarono intorno, per servire da scudi umani contro gli attacchi governativi. Anche Human Rights Watch (HRW), ha denunciato, riportato da Le Figaro di Parigi, che: “… gruppi di ribelli siriani hanno usato ostaggi civili nella zona di Ghouta, come scudi umani per scoraggiare raid aerei. Non appartengono né a Daesh né a Nusra, ma all’esercito dell’Islam (“Jaich al-Islam”)…”.

Il 7 aprile 2016, un portavoce di Jaych al-Islam, Islam Allouche, ammise pubblicamente l’uso di armi chimiche “proibite” in scontri con le YPG curde, per il controllo del quartiere di Sheik Maksoud in Aleppo, costato la vita a 23 persone e il ferimento di altre 100, come riportato dal giornalista francese Bruno Rieth sul giornale “Marianne”, l’11 aprile 2016.

L’8 aprile la Croce Rossa curda accusava Jaych al-Islam di aver effettuato un attacco chimico a Sheikh Maqsud, ritenendo che, stante i sintomi, le armi contenessero in particolare del cloro .

Dopo la denuncia della CRCurda ed essendo di dominio pubblico, il gruppo per non farsi esautorare dai finanziamenti soprattutto USA, rilasciò una dichiarazione di autocritica, molto ambigua: “…il portavoce del gruppo siriano Jaych al Islam riconosce che durante “gli scontri con l’YPG per il controllo del distretto di Sheik Maksoud (…) uno dei leader di Jaysh al-Islam di Aleppo, ha utilizzato armi che non sono permesse e ciò costituisce una violazione delle regole interne del gruppo Jaysc al-Islam… il comandante è stato portato al tribunale militare interno per ricevere la punizione appropriata…”.

Come qui documentato i “nostri amici eroi” di Jaych al Islam ( nel senso dei paesi occidentali…), la sanno lunga circa l’uso di armi chimiche…

Comunque sia con la caduta della Ghouta orientale, sono stati liberati circa 200 prigionieri, unici sopravvissuti, che erano rinchiusi nelle carceri conosciute o clandestine di Jaych Al-Islam. Secondo l’OSDH, un organismo finanziato e supportato da varie Intelligence occidentali, e fortemente antigovernativo, almeno 3.500 persone, tra cui molte donne e bambini, sono state prigioniere di Jaych al-Islam. Ma altre fonti arrivano anche a cifre di oltre 6.000 prigionieri, a parte le esecuzioni compiute. In tutti questi anni il gruppo salafista ha fatto prigionieri, sia dissidenti dal suo operato o combattenti di fazioni rivali anti governative, che uomini e donne di altre fedi o leali al proprio governo e alla Siria. Una delle sue pratiche più ricorrenti erano i rapimenti, soprattutto di donne e bambini di altre fedi, ma anche di sunniti anti terroristi, fuori dai suoi territori, per poterli usare come ricatti o merce di scambio con il governo siriano. Vi è un forte timore e presentimento che, non appena l’area sarà ispezionata dalle forze dell’Esercito Arabo Siriano, saranno trovate molte fosse comuni e così capiremo dove sono finiti i prigionieri dei terroristi “moderati”, sponsorizzati dalle potenze occidentali. Una prima, è già stata trovata proprio in questi giorni, come documentato dai media, con oltre 30 corpi, ma che potrebbero diventare anche centinaia.

Il gruppo è classificato come organizzazione terrorista dalla Repubblica Araba siriana, dalla Russia, dall’Iran e dall’Egitto.

Nonostante questo, nello sforzo per trovare soluzioni negoziali e fermare la guerra in Siria, la Russia attraverso il suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov, che guida i negoziati internazionali per la pace, ha spinto per una presenza nei negoziati a Ginevra, di due rappresentanti dei ribelli armati, di Jaysh al-Islam e Ahrar al-Sham, che erano presenti ai colloqui. Invitati “a titolo personale” e non considerati come partner nei negoziati.

In questa pagina del sito del gruppo, il 15 marzo 2018, si può leggere una preghiera contro i non-sunniti, siano mussulmani sciiti o cristiani o ebrei che si conclude così: «Uccideteli. Dio li strazia per mezzo delle vostre mani. Dio vi concederà la vittoria».

A cura di Enrico Vigna – SOS Siria/CIVG – 23 aprile 2018

Notizia del: 23/04/2018

Sorgente – Siria, DOUMA: chi sono le milizie di « Jaych al Islam » che occupavano la città. – L’Antidiplomatico

Medici Senza Frontiere a Gaza osserva lesioni da arma da fuoco devastanti

Dal 1° aprile, le squadre di MSF a Gaza, in Palestina, hanno prestato assistenza post-intervento a più di 500 persone ferite da colpi di arma da fuoco durante le dimostrazioni della Marcia del Ritorno. Il numero di pazienti trattati nelle nostre cliniche nelle ultime tre settimane è più del numero che abbiamo trattato durante tutto il 2014, quando l’operazione militare di Israele è stata lanciata sulla striscia di Gaza. Lo staff medico di MSF riferisce di aver ricevuto pazienti con lesioni devastanti di una gravità insolita, che sono estremamente complesse da trattare. Le ferite riportate dai pazienti lasceranno la maggior parte con gravi disabilità fisiche a lungo termine.

Le squadre mediche negli ospedali di Gaza si preparano ad affrontare un possibile nuovo afflusso di feriti questo venerdì nelle ultime dimostrazioni della Marcia del Ritorno. I chirurghi di MSF a Gaza riferiscono devastanti ferite d’arma da fuoco tra le centinaia di persone ferite durante le proteste nelle ultime settimane. La stragrande maggioranza dei pazienti – principalmente giovani uomini, ma anche donne e bambini – ha ferite insolitamente gravi agli arti inferiori. Le equipe mediche di MSF sottolineano che le lesioni includono un livello estremo di distruzione delle ossa e dei tessuti molli e ferite di grandi dimensioni che possono avere le dimensioni di un pugno.
“La metà degli oltre 500 pazienti che abbiamo ammesso nelle nostre cliniche ha ferite in cui il proiettile ha letteralmente distrutto il tessuto dopo aver polverizzato l’osso“, ha detto Marie-Elisabeth Ingres, capo missione di MSF in Palestina. “Questi pazienti avranno bisogno di operazioni chirurgiche molto complesse e molti di loro avranno disabilità per tutta la vita“.
Gestire queste lesioni è molto difficile. Oltre alla normale assistenza infermieristica, i pazienti spesso necessitano di un ulteriore intervento chirurgico e di essere sottoposti a un lungo processo di fisioterapia e riabilitazione. Molti pazienti manterranno carenze funzionali per il resto della loro vita. Alcuni pazienti potrebbero ancora aver bisogno di un’amputazione se non vengono forniti di sufficiente cura a Gaza e se non riescono a ottenere l’autorizzazione necessaria per essere trattati al di fuori della striscia.
Per far fronte a questo massiccio afflusso di pazienti, MSF ha rafforzato le sue capacità, aumentato il numero di posti letto nelle sue cliniche post-operatorie e reclutato e formato personale medico aggiuntivo. Una quarta clinica si aprirà presto nella regione di Gaza per fornire ai pazienti le cure specialistiche necessarie.
In risposta alla crisi, MSF ha anche schierato una squadra di chirurghi (compresi chirurghi vascolari, ortopedici e ricostruttivi) e di anestesisti per operare – o riattivare – i casi più gravi. Questa squadra attualmente lavora fianco a fianco con il personale medico palestinese negli ospedali pubblici Al-Shifa e Al-Aqsa.

( Fonte: facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste )

Sorgente: 21-4-18_MSF-Gaza-Lesioni-gravi-e-devastanti