UNSC passes resolution to end Israeli settlements

The United Nations Security Council (UNSC) has passed a resolution censuring Israel for its settlement activities in the occupied Palestinian territories after the US refused to veto it, reversing its longstanding policy of shielding the Israeli regime from condemnatory resolutions at the world body.

The Egyptian-drafted resolution was passed with 14 votes in favor and one abstention on Friday.

Egypt had withdrawn the measure after the Israeli regime asked US President-elect Donald Trump to pressure the North African country to delay voting on the draft resolution.

Israel, wary of indications that the US might veto the resolution, turned to Trump for support , who has defended Israel against condemnation for the settlement construction, and slammed the Obama administration for the “shameful move” against Tel Aviv.

It is the first resolution on Israel and the Palestinians that the 15-member body has passed in about eight years.

The Security Council was initially scheduled to vote on the resolution on Thursday.

However, on Friday, Malaysia, New Zealand, Senegal and Venezuela put forward the draft again, which called on Israel to “immediately and completely cease all settlement activities in the occupied Palestinian territory, including East Jerusalem” al-Quds.

It also said the construction of Israeli settlements has “no legal validity and constitutes a flagrant violation under international law.”

In this image released by the UN, US Ambassador to the UN Samantha Power (C) votes to abstain during the December 23, 2016 vote on Israeli settlements.

The vote possibly marks a short-lived turning point in US policy vis-à-vis the Israeli regime. Outgoing US President Barack Obama has said that the Israeli settlements pose an obstacle to the so-called Middle East peace process.

During the Friday session, US Ambassador to the UN Samantha Power told the council that the vote reflected the country’s complaints about Israel’s settlement construction.

“Our vote today is fully in line with the bipartisan history of how American presidents have approached both the issue and the role of this body,” she said, adding that settlement activity “harms the viability of a negotiated two-state outcome and erodes prospects for peace and stability in the region.”

‘Shameful resolution’

Infuriated at Washington’s abstention, Israel’s envoy lashed out at the Obama administration and expressed hope that both Trump and the incoming UN secretary general, António Guterres, would establish closer ties with Tel Aviv.

“It was to be expected that Israel’s greatest ally would act in accordance with the values that we share and that they would have vetoed this disgraceful resolution,” said Danny Danon.

“I have no doubt that the new US administration and the incoming UN secretary-general will usher in a new era in terms of the UN’s relationship with Israel,” Dannon added.

Meanwhile, the chief Palestinian negotiator and secretary general of the Palestine Liberation Organization, Saeb Erekat, hailed the UN vote as a “victory for the justice of the Palestinian cause,” while Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu voiced resentment.

Erekat said Trump now had to choose between “international legitimacy” or siding with “settlers and extremists.”

In a statement released on Friday, the Israel prime minister said it “rejects this shameful anti-Israel resolution at the UN and will not abide by its terms,” adding that Obama failed to “protect Israel”.

“Israel looks forward to working with President-elect Trump and with all our friends in [US] Congress, Republicans and Democrats alike, to negate the harmful effects of this absurd resolution,” the statement said.

Netanyahu’s office also announced in the early hours of Saturday that Tel Aviv had recalled its envoys to Senegal and New Zealand for consultations, and had tasked the Foreign Ministry with cancelling a scheduled visit to Israel by Senegalese Foreign Minister Mankeur Ndiaye and scrapping an aid program for the West African country.

Trump vows change at the UN

Shortly after the resolution was approved, Trump promised that Washington’s policies at the world body would “be different” during his administration.

“As to the UN, things will be different after Jan 20th,” he said in a tweet, referring to the date of his inauguration.

White House defends abstention

Dismissing Trump’s remarks, the White House on Friday defended its decision to allow the motion to pass at the UN, and reminded Trump that Obama was the US president until January 20.

“We could not in good conscience veto a resolution that expressed concerns about the very trends that are eroding the foundation for a two-state solution,” said Ben Rhodes, the White House deputy national security adviser.

In a statement released on Friday, US Secretary of State John Kerry said the UN resolution “rightly condemns violence and incitement and settlement activity and calls on both sides to take constructive steps to reverse current trends and advance the prospects for a two state solution.” He added, however, that Washington does not agree with every single aspect of the motion. 

The developments come more than a week after Trump announced his decision to nominate hardliner David Friedman as the US ambassador to Israel. Friedman is notorious for his fervent support of Israel’s illegal settlement expansion in the occupied territories, and has been characterized as an “obstacle to peace” by successive US administrations. He has said that he plans to work at “the US embassy in Israel’s eternal capital, Jerusalem.”

A picture taken on November 17, 2016 shows a general view of the illegal Israeli settlement of Ofra in the occupied West Bank, established in the vicinity of the Palestinian village of Beitin (background).

Earlier this month, Israeli lawmakers approved a hugely-controversial bill legalizing some 4,000 settler units built on private Palestinian land in the occupied West Bank, in the first of three readings needed to turn it into law.

The United States, Israel’s strongest ally, Germany, the country least critical of Tel Aviv in Europe, UN officials, and the European Union have strongly criticized the bill.

More than half a million Israelis live in over 230 illegal settlements built since the 1967 Israeli occupation of the West Bank and East Jerusalem al-Quds.

Built on occupied land, the settlements are internationally condemned as illegal and equal to land grab.

The Palestinian Authority wants the West Bank as part of a future independent Palestinians state, with East al-Quds as its capital.

thanks to: PressTV

Advertisements

‘Time for world to recognize Palestine’

An analyst says it is time for the international community to recognize Palestine and withdraw recognition from Israel.

Sorgente: PressTV-‘Time for world to recognize Palestine’

Informazioni essenziali sulla Palestina

Stato di Palestina

Organizzazione per la Liberazione della Palestina

Dipartimento per i Negoziati

5 novembre 2015

 

Informazioni fondamentali da tenere in considerazione quando si parla di Palestina occupata.

  1. Israele occupa lo Stato di Palestina

Non si tratta di un conflitto tra pari ma di un’occupazione militare belligerante, nella quale Israele è la potenza occupante e la Palestina una nazione sotto occupazione straniera. Israele nega sistematicamente i diritti inalienabili del popolo palestinese, compreso il diritto alla libertà e all’autodeterminazione. Israele impone una politica di espulsione forzata della popolazione palestinese autoctona per insediare al loro posto coloni stranieri.

  1. La questione principale è l’occupazione israeliana.

Il governo israeliano tenta di sviare l’attenzione dalle attività di colonizzazione e occupazione illegali che sono la causa principale delle continue rivolte del popolo palestinese, che da decenni subisce un regime di apartheid. I portavoce di Israele sostengono che le questioni principali sono il complesso di Al-Aqsa e “l’istigazione palestinese”, ma la verità è che Israele continua sistematicamente a negare i diritti palestinesi. I leader israeliani continuano a incitare contro i palestinesi, così come il cosiddetto “accordo su Al-Aqsa” non affronta il nodo centrale della questione.

  1. Al riconoscimento di Israele da parte palestinese Israele ha risposto intensificando la colonizzazione.

Nel 1988 l’OLP accettò uno storico compromesso, quello di riconoscere Israele sul 78% della Palestina storica (i confini del 1967), e dichiarò uno stato palestinese sul restante 22% del territorio. Sono passati 28 anni da allora e Israele non ha ancora riconosciuto l’esistenza o il diritto di uno stato palestinese indipendente. Al contrario, Israele ha scelto di rafforzare la sua occupazione aggressiva, continuando ad attuare politiche di colonizzazione e imponendo un regime di apartheid sul popolo palestinese. È un dato di fatto che, da quando la Palestina ha riconosciuto Israele, il numero dei coloni è triplicato (da 190.000 a più di 600.000 circa).

  1. Per Israele le politiche ufficiali sono l’espulsione forzata e la colonizzazione e non la soluzione a due stati.

Alla vigilia delle elezioni israeliane, nel marzo 2015, Netanyahu ha promesso agli elettori: “Se sarò eletto non ci sarà nessuno stato palestinese”. Questa affermazione è stata ribadita dal suo governo quando Ayelet Shaked ha dichiarato: “Non ci sarà mai uno stato palestinese”. Tzipi Hotovely, una diplomatica di punta di Israele, ha chiarito ulteriormente le intenzioni del governo Netanyahu: “Tutta la terra ci appartiene”. Israele continua a rifiutare la soluzione a due stati mentre le sue politiche di espansione delle colonie e di espulsione forzata continuano a ferire il desiderio di pace e sicurezza del popolo palestinese.

  1. Gerusalemme Est è parte integrante dello Stato Occupato di Palestina.

Gerusalemme Est è stata occupata da Israele nel 1967 e, successivamente, annessa in violazione del diritto internazionale. Nonostante le affermazioni e i tentativi israeliani di cambiare la narrazione storica della città occupata, 360.000 Palestinesi risiedono a Gerusalemme Est, vale a dire il 40% della popolazione della città. Gerusalemme Est è giuridicamente un territorio occupato e come tale deve continuare ad essere considerata.

  1. Gli insediamenti israeliani a Gerusalemme Est occupata sono illegali al pari degli insediamenti nei territori occupati dello Stato di Palestina.

Israele definisce “quartieri” gli insediamenti illegali a Gerusalemme Est occupata, nel tentativo di normalizzare l’annessione della capitale palestinese. In realtà, questi insediamenti hanno lo stesso status giuridico del resto degli insediamenti nella Palestina occupata e coloro che vi risiedono sono pertanto coloni illegali. Pisgat Ze’ev, Gilo, French Hill, Neve Ya’akoub, Har Homa, Ramat Shlomo, Giva’at Hamatos, East Talpiyot (Armon HaNetziv) e Ramot, tra gli altri, sono tutti insediamenti israeliani illegali e dovrebbero essere considerati come tali.

  1. Il complesso della Moschea di Al-Aqsa è sotto occupazione israeliana come il resto di Gerusalemme Est.

Alcuni mezzi di informazione focalizzano il dibattito sulla domanda se il complesso di Al-Aqsa sia un luogo di culto per i musulmani o per gli ebrei, omettendo il fatto che questo luogo sacro musulmano è sotto occupazione israeliana, come il resto della città vecchia di Gerusalemme Est occupata. Il diritto internazionale vieta tassativamente alla potenza occupante di interferire con le istituzioni dello stato occupato. Israele ha di fatto interferito e modificato lo status quo dei luoghi di culto cristiani e musulmani e delle istituzioni di Gerusalemme Est occupata.

  1. Israele ha di fatto modificato lo status quo del complesso di Al-Aqsa.

Il complesso della moschea di Al-Aqsa è un luogo di culto che si estende su 14,4 ettari di terra, ed include due moschee (la Cupola della Roccia e Al-Qibli) oltre ad aree all’aperto destinate alla preghiera. Lo Status Quo dei Luoghi Santi che sancisce il diritto di preghiera, il diritto di accesso e le disposizioni relative a scavi e manutenzione, risale al periodo ottomano. Tuttavia, dal 1967 Israele, la potenza occupante, ha di fatto modificato lo status quo del complesso di Al-Aqsa attuando diverse politiche tra le quali attentati terroristici, la distruzione del vecchio Minbar (pulpito) di Salah ad-Deen al Ayyubi (1969), raid militari e incursioni al complesso (tra i quali quello guidato dall’ex primo ministro Ariel Sharon nel 2000), scavi illegali e non autorizzati, la distruzione di 20 tombe islamiche per fare spazio al “Giardino Biblico Ebraico” (2014), nonché chiusure sistematiche del luogo sacro. In base allo Status Quo il custode della Waqf (pia fondazione islamica) è amministratore e gestore del sito. Tuttavia, le forze occupanti israeliane limitano l’accesso ai fedeli palestinesi, accedono sistematicamente senza autorizzazione e limitano la libertà di culto dei musulmani. Nel 2012, in tre diverse occasioni sono stati imposti limiti di età ai fedeli musulmani per l’accesso al complesso. Nel 2014 le forze occupanti israeliane hanno imposto limiti di età in 41 occasioni. Inoltre, il 30 ottobre 2014 Israele ha chiuso per una giornata il complesso ai visitatori e a tutti i fedeli musulmani, la prima chiusura totale in 14 anni. L’installazione di telecamere collegate ai circuiti delle forze occupanti israeliane è un’ulteriore violazione dello Status Quo.

  1. La protezione internazionale è un diritto del popolo palestinese.

Dopo mezzo secolo di occupazione militare aggressiva, le politiche israeliane di espulsione forzata e di punizioni collettive hanno pesantemente influenzato la vita dei civili palestinesi. Tutto ciò è stato reso possibile da una cultura dell’impunità senza precedenti, concessa agli Israeliani da diversi attori internazionali, compreso il Consiglio di Sicurezza. Gli attacchi su vasta scala a Gaza, gli attacchi terroristici compiuti dai coloni o dalle forze occupanti israeliane sulla popolazione civile e le espulsioni non sono un’eccezione, ma la realtà che i Palestinesi subiscono quotidianamente sotto l’occupazione israeliana. La protezione internazionale è un diritto universalmente riconosciuto per il nostro popolo ed è responsabilità della comunità internazionale garantirlo.

  1. Il diritto internazionale, le risoluzioni delle Nazioni Unite e gli accordi sono stati sottoscritti per essere implementati e non per essere “negoziati”.

Di fronte alla situazione attuale, diversi partner internazionali hanno chiesto la ripresa dei negoziati con Israele. Sebbene la Palestina sia a favore di una soluzione a due stati negoziata, sono necessari certi requisiti di base affinché i negoziati siano realmente significativi e non un mero esercizio di pubbliche relazioni teso a rafforzare l’impunità di Israele. Per avviare negoziati credibili, gli obblighi già sottoscritti da Israele in accordi precedenti, come, ad esempio, la totale sospensione delle attività di insediamento, il rilascio dei prigionieri palestinesi e la riapertura delle istituzioni palestinesi a Gerusalemme Est, devono essere pienamente applicati. Occorre un mandato ben definito e basato sul diritto internazionale, compreso un calendario di attuazione dettagliato e la fine dell’occupazione iniziata nel 1967. Qualsiasi processo politico dovrebbe portare all’attuazione del diritto internazionale e delle risoluzioni dell’ONU e non al rafforzamento delle politiche di occupazione, colonizzazione e apartheid di Israele e della sua cultura dell’impunità.

Sito web: www.nad-plo.org                Twitter: @nadplo

 A cura di Assopace Palestina

(traduzione di Manuela Pezzano)

thanks to: Assopace Palestina

L’Italia non riconosce la Palestina

— Eleonora Martini, ROMA, 27.2.2015

Camera. Passano col sostegno del governo due mozioni «non contrapposte», del Pd e del Ncd. Democratici spaccati. L’unico impegno è a «promuovere il riconoscimento» e i negoziati. Hanan Ashrawi e l’Anp deluse per i condizionamenti ai palestinesi

GAZA, OPERA DEL GRAFFITISTA BANKSY © Reuters

Il rico­no­sci­mento pieno non è arri­vato. L’Italia per il momento si impe­gna solo a «soste­nere l’obiettivo della costi­tu­zione di uno Stato pale­sti­nese» nella logica di «due popoli, due stati» e a «pro­muo­vere il rico­no­sci­mento della Pale­stina quale stato demo­cra­tico e sovrano entro i con­fini del 1967», con «Geru­sa­lemme capi­tale con­di­visa», soste­nendo e pro­muo­vendo i nego­ziati di pace «diretti tra le parti». Con­tra­ria­mente a quanto annun­ciato dalla mag­gio­ranza di governo, le due mozioni appro­vate ieri dalla Camera — quella del Pd votata anche dai depu­tati di Sel che con­tiene i punti sopra ripor­tati, e quella del Ncd e del gruppo di Area popo­lare, con­trap­po­sta alla prima ma solo in parte — non seguono le orme della riso­lu­zione del Par­la­mento euro­peo votata appena il 17 dicem­bre scorso anche dall’Italia che soste­neva «in linea di prin­ci­pio il rico­no­sci­mento dello Stato pale­sti­nese e la solu­zione a due Stati», rite­nendo che «ciò debba andare di pari passo con lo svi­luppo dei col­lo­qui di pace, che occorre far avanzare».

Ben lon­tani dalla Sve­zia che è stato il primo Paese euro­peo a rico­no­scere appieno lo Stato di Pale­stina, e dif­fe­ren­te­mente anche dai par­la­men­tari della Gran Bre­ta­gna, della Fran­cia, della Spa­gna, dell’Irlanda, del Por­to­gallo e del Bel­gio, i depu­tati ita­liani ieri hanno mostrato tutta la dif­fi­coltà poli­tica di una mag­gio­ranza che porta in seno posi­zioni incon­ci­lia­bili. La prima mozione appro­vata con 300 voti a favore, 45 con­trari e 59 aste­nuti è il risul­tato di una lunga e dif­fi­cile trat­ta­tiva con­dotta dal capo­gruppo demo­cra­tico Roberto Spe­ranza all’interno del suo stesso par­tito. Su di essa sono con­vo­gliati anche i voti di Sel che ha visto boc­ciare la pro­pria mozione, deci­sa­mente più schie­rata in favore della Pale­stina così come lo era anche il testo del M5S, i cui depu­tati però hanno pre­fe­rito astenersi.

Ma per sal­vare capra e cavoli in casa pro­pria, il governo ha dato parere favo­re­vole anche alla mozione del Ncd che è stata appro­vata in coda alla prima con 237 sì, 84 no e 64 asten­sioni. Un testo che si limita a «soste­nere la tem­pe­stiva ripresa del nego­ziato diretto, come via mae­stra per la rea­liz­za­zione degli Accordi di Oslo», ma soprat­tutto impe­gna il governo «a pro­muo­vere il rag­giun­gi­mento di un’intesa poli­tica tra Al-Fatah e Hamas che, attra­verso il rico­no­sci­mento dello Stato d’Israele e l’abbandono della vio­lenza, deter­mini le con­di­zioni per il rico­no­sci­mento di uno Stato pale­sti­nese». Una mozione, quella di Ac-Ncd, che in molti hanno rite­nuto con­trap­po­sta alla prima ma che invece, spiega il vice capo­gruppo Pd Andrea Mar­tella, costi­tui­rebbe un’«integrazione al primo testo» secondo «il rego­la­mento della Camera» per­ché i due testi non sono «né pre­clusi né assor­biti» l’uno dall’altro.

Eppure, gli applausi della mag­gio­ranza a con­clu­sione del voto e gli entu­sia­smi del Pd e di Sel non durano a lungo. «Oggi è un bel giorno per il Par­la­mento. Appro­vata mozione per il rico­no­sci­mento della Pale­stina. #due­po­po­li­due­stati», twitta Spe­ranza. Gli fa eco il coor­di­na­tore di Sel Nicola Fra­to­ianni, pur incassa il risul­tato pur stig­ma­tiz­zando il dop­pio sì del governo. Ma quello che sem­bra un tra­guardo rag­giunto viene sciu­pato dalle rea­zioni di Israele e dai ter­ri­tori occu­pati: «Acco­gliamo posi­ti­va­mente la scelta del Par­la­mento ita­liano di non rico­no­scere lo Stato pale­sti­nese e di aver pre­fe­rito soste­nere il nego­ziato diretto fra Israele e i pale­sti­nesi», scrive in un comu­ni­cato l’ambasciata israe­liana a Roma. «Con­tento» anche il pre­si­dente della comu­nità ebraica di Roma, Ric­cardo Paci­fici, che accusa Hamas di essere «un osta­colo» alla pace.

Men­tre da Ramal­lah la prima a com­men­tare è la rap­pre­sen­tante dell’Olp, Hanan Ash­rawi, che defi­ni­sce «infe­lice» («unfor­tu­nate», nel testo in inglese) una «riso­lu­zione non si impe­gni per l’incondizionato e uffi­ciale rico­no­sci­mento dello Stato di Pale­stina» e chiede «al governo ita­liano di rico­no­scere lo Stato pale­sti­nese senza con­di­zioni». Aggiunge il medico e atti­vi­sta pale­sti­nese Mustafa Bar­ghouti, parente di Mar­wan dete­nuto nelle car­ceri israe­liane, che «non ha senso col­le­gare il rico­no­sci­mento della Pale­stina alla ripresa dei nego­ziati, quando è chiaro che è Israele a non volersi sedere al tavolo delle trat­ta­tive e con­ti­nua nelle sue poli­ti­che di amplia­mento delle colo­nie e di espro­pria­zione delle terre pale­sti­nesi». Per Bar­ghouti comun­que «le due mozioni votate non si esclu­dono a vicenda e natu­ral­mente apprez­ziamo molto la posi­zione del Pd».

Si dice «ama­reg­giato e deluso», il medico Yus­suf Sal­man, rap­pre­sen­tante della Mez­za­luna pale­sti­nese in Ita­lia: «Rim­piango in que­sto momento la poli­tica di Andreotti, Craxi e Ber­lin­guer — dice al mani­fe­sto — que­sta ambi­guità non serve a nes­suno. Chiedo all’Italia un po’ di coe­renza, visto che nel 2012 ha votato in sede Onu a favore del rico­no­sci­mento dello Stato, e nel 1980 riunì a Vene­zia l’intera Europa per rico­no­scere il diritto all’autodeterminazione del popolo pale­sti­nese». Arrab­biato anche Salem Ashur, pre­si­dente della comu­nità pale­sti­nese in Ita­lia: «Un voto che rispec­chia la con­fu­sione che vive l’Italia sul piano poli­tico — dice al tele­fono -. Pec­cato, per­ché doveva essere un mes­sag­gio forte per Israele che è oggi in mano agli estre­mi­sti e ai raz­zi­sti che stanno distrug­gendo l’immagine degli ebrei».

thanks to: il manifesto

Dr. Ashrawi On the Vote of the Italian Lower House

Dr. Ashrawi On the Vote of the Italian Lower House of Parliament

PLO Executive Committee member, Dr. Hanan Ashrawi stated:

“We thank the members of Italy’s Lower House of Parliament for voting in favor of a motion from the Democratic Party of Premier Matteo Renzi that supports “the goal of …establishment of a Palestinian state.” It is unfortunate, however, that the resolution did not commit to the unconditional and official recognition of the state of Palestine.

We are also dismayed by the second motion from the New Centre Right (NCD) that not only failed to mention the recognition of a Palestinian state, but instead called for direct negotiations between the Palestinians and Israelis. Our independence is not dependent on the outcome of negotiations, mutual recognition or other pre-conditions. We are entitled to self-determination and to exercise sovereignty on our own land without permission from the occupying power.

We call on the Italian government to recognize the Palestinian state without conditions, to take serious and concrete measures to end the military occupation and to work towards a just peace.

We also urge all parliaments and governments worldwide to officially recognize the independent Palestinian state on 1967 borders with Jerusalem as its capital and to bring Israel to account with punitive measures for its flagrant violations of international law and war crimes against the Palestinian people.”

ENDS

thanks to:© Scoop Media

Se il Parlamento italiano si facesse pagare per tutti gli inginocchiamenti altro che crisi!

Sulla Palestina vergognosa sceneggiata alla Camera

  • Venerdì, 27 Febbraio 2015 22:49
  • Sergio Cararo

Sulla Palestina vergognosa sceneggiata alla Camera

Pensiamo che nella storia parlamentare di questo paese – che pure ne ha viste tante – non sia mai accaduto che il governo appoggi due mozioni diverse sullo stesso argomento. Probabilmente la fregola di togliersi dalla scatole e dall’agenda la seccatura palestinese e la richiesta di riconoscimento dello Stato di Palestina, già approvata dall’assemblea plenaria delle Nazioni Unite e da diversi governi europei, ha provocato un pastrocchio senza precedenti.  In aula il governo è riuscito ad approvare due diverse mozioni: una presentata dal Pd (sul quale sono convenuti i voti di Sel e del Psi che hanno rinunciato alla propria mozione e francamente non se ne comprende l’utilità), l’altra presentata dagli alleati di governo del Ncd/Sc completamente appiattita sulla posizione israeliana. Anche la mozione del Pd, nei fatti, non riconosce lo Stato Palestinese ma si limita ad invitare al riconoscimento a patto che l’Olp riprenda i colloqui con Israele e costringa Hamas al riconoscimento dello stato israeliano. In pratica un nulla di fatto. La mozione migliore era quella del Movimento Cinque Stelle che però è stata bocciata.  Ma le curiosità, se così possiamo definirle, non sono finite qui. L’ambasciata israeliana appena cinque minuti dopo la votazione esprimeva la propria soddisfazione per l’esito del voto parlamentare e per la posizione del governo israeliano. “Accogliamo positivamente la scelta del Parlamento italiano di non riconoscere lo Stato palestinese e di aver preferito sostenere il negoziato diretto fra Israele e i palestinesi, sulla base del principio dei due Stati, come giusta via per conseguire la pace”  recita un comunicato dell’ambasciata israeliana. Anche l’ambasciata palestinese, in una nota molto ma molto sintetica ringrazia l’Italia. Ma alcuni fonti rivelano che da Ramallah, capitale dell’Anp, i giudizi sul voto italiano siano assai meno lusinghieri, ritenendo molto più avanzate le mozioni approvate da paesi come Francia o Gran Bretagna, “Il Presidente Abu Mazen è l’estremo baluardo negoziale, le ha provate tutte prima di rivolgersi alle Nazioni Unite e all’Europa, da mesi Israele lo delegittima in tutti i modi costruendo colonie in barba agli accordi e rendendo la sua azione inefficace”.

La mozione di Pd, Sel, Psi ha ottenuto 300 voti favorevoli, 40 contrari, 59 astenuti e impegna il governo a sostenere la costituzione dello Stato palestinese. La posizione del governo, però, ha subito scatenato la reazione della minoranza del Pd.  Stefano Fassina  ha definito “ridicolo” il placet fornito a due documenti  “in contrapposizione”.  L’altra mozione, quella del Ncd, Scelta Civica e centristi ha ottenuto 237 sì (tra cui i parlamentari del Pd che avevano votato anche l’altra mozione) 84 no e 64 astenuti  antepone invece la ripresa del dialogo tra israeliani e palestinesi e la fine della violenza al riconoscimento, quale condizione per il riconoscimento dello Stato di Palestina.  La mozione del M5S, decisamente quella più coincidente con i diritti dei palestinesi, è stata respinta. Difficile non condividere in questo caso la valutazione del M5S su quanto accaduto in Parlamento: “Abbiamo assistito a un bluff vergognoso da parte del governo, che ha votato due mozioni dal significato e dal valore diametralmente opposto sul riconoscimento dello Stato di Palestina, negando ancora una volta il sacrosanto diritto di esistere ad un popolo che da 67 anni attende giustizia” dicono in una nota i parlamentari del M5S, “Per questo riteniamo deliranti e infondate le soddisfazioni espresse da parte di Pd, Sel e maggioranza. Non c’è stato alcun riconoscimento dello Stato di Palestina e a confermarlo è la stessa nota diffusa in queste ore dall’ambasciata di Israele”.

Insomma una sceneggiata che rimuove ogni impegno concreto dell’Italia per far si che possa nascere un legittimo Stato Palestinese. In compenso da Israele fanno sapere che l’Italia si conferma il loro migliore alleato in Europa. Una prova ulteriore di questo servilismo delle autorità italiane verso Tel Aviv è l’enorme padiglione assegnato a Israele al prossimo Expo di Milano. Sarà collocato a fianco di quello italiano, ossia del cuore dell’esposizione. Una vergogna in più per chi ha ancora un minimo di senso della giustizia e della dignità dei popoli. Una occasione in più per i movimenti di solidarietà con il popolo palestinese per dimostrare che esiste un’altra Italia, migliore del suo governo e del suo parlamento e che attraverso la campagna di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni può attuare quello che le istituzioni non intendono fare.

thanks to: Contropiano