Razzi lanciati da Gaza atterrano a Tel Aviv dopo aver eluso il sistema missilistico Iron Dome di Israele

Almeno due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza assediata sono atterrati nella capitale israeliana Tel Aviv, eludendo il sistema missilistico Iron Dome per segnare l’ennesima imbarazzante sconfitta di una delle forze militari più costose del mondo. L’attacco di giovedì sera ha fatto scattare l’allarme missilistico in tutto il centro di Israele, hanno riferito i media…

via Razzi lanciati da Gaza atterrano a Tel Aviv dopo aver eluso il sistema missilistico Iron Dome di Israele — Notizie dal Mondo

Annunci

Putin fa pagare a Netanyahu la morte degli aviatori russi ospitando Hamas e premendo per la ricomposizione del fronte della Resistenza palestinese!

Una delegazione del Movimento Palestinese di Resistenza Hamas é stata accolta ieri sera con tutti gli onori nella capitale russa. Hamas è determinato a cercare una via d’uscita dall’attuale situazione palestinese, ha detto al suo arrivo il membro dell’Ufficio politico di Hamas, Mousa Abu Marzouq. In un comunicato stampa, Abu Marzouq ha aggiunto che la…

via Putin fa pagare a Netanyahu la morte degli aviatori russi ospitando Hamas e premendo per la ricomposizione del fronte della Resistenza palestinese! — Notizie dal Mondo

La resistenza palestinese continuerà a combattere l’occupazione

La camera delle operazioni congiunte dei gruppi della Resistenza palestinese ha riaffermato l’impegno nella lotta contro l’occupazione israeliana e nel sostenere le proteste della Grande Marcia del Ritorno nella Striscia di Gaza.

resistenza-palestineseIn una dichiarazione, la camera delle operazioni congiunte dei gruppi della Resistenza palestinese ha acclamato gli sforzi dell’Egitto volti a materializzare le richieste della nazione palestinese, esprimendo la disponibilità a continuare a contrastare l’occupazione israeliana e gli atti di aggressione.

La camera ha anche espresso il sostegno al diritto alla libertà del popolo palestinese e alle proteste della Grande Marcia di Ritorno organizzate ogni settimana al confine di Gaza. Ristabilendo l’impegno per i principi di un’azione preventiva contro gli occupanti, la dichiarazione afferma che i gruppi palestinesi si oppongono a qualsiasi tentativo di far deragliare le proteste popolari.

La Grande Marcia di Ritorno, organizzata dai palestinesi nella Striscia di Gaza, è iniziata il 30 marzo, la commemorazione del Land Day, che segna gli eventi del 30 marzo 1976, quando la polizia israeliana ha sparato e ucciso sei cittadini palestinesi mentre protestavano contro l’espropriazione di terre da parte del regime sionista.

Le proteste della Grande Marcia di Ritorno chiedono il riconoscimento del diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi, un diritto sancito dalla legge internazionale e la fine dell’assedio imposto alla Striscia di Gaza da Israele ed Egitto per oltre un decennio, che ha causato inaudite sofferenze ai palestinesi che vivono nell’enclave costiera. Più di 200 palestinesi sono stati uccisi dall’inizio delle proteste (30 marzo).

L’alto funzionario del Comitato Internazionale della Croce Rossa (Cicr), Robert Mardini, ha dichiarato che la stragrande maggioranza dei circa 14mila palestinesi feriti durante le manifestazioni della “Grande marcia del Ritorno” nell’enclave costiera assediata hanno subito gravi ferite, tra cui ferite multiple da arma da fuoco durante la repressione israeliana. Il funzionario Cicr ha aggiunto che gli operatori sanitari stanno lottando per far fronte alla grave emergenza.

thanks to: ilfarosulmondo

Intervista ad Ahmad Sa’adat: “Cessare i negoziati, rinnovare l’unità nazionale e ricostruire la resistenza”

Nella primavera del 2002, al culmine della seconda intifada in Cisgiordania[…] le forze israeliane portarono avanti campagne di arresti ad ampio raggio in tutti i territori occupati e invasioni su larga scala di numerose città palestinesi. Ahmad Sa’adat […] [rappresenta una ] delle figure politiche palestinesi più importanti e conosciute arrestate in quella campagna, diventando nel tempo anche un leader del movimento dei prigionieri.

Ahmad Sa’adat è il segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) ed ex membro del Consiglio Legislativo Palestinese (CLP). È il funzionario di più alto rango appartenente a una fazione palestinese attualmente imprigionato dal regime israeliano di occupazione. La prigionia di Saadat non è atipica per i leader politici in Palestina, molti dei quali sono stati arrestati e detenuti, con o senza accuse, da Israele. Tuttavia, ad essere uniche erano le circostanze dell’arresto iniziale di Saadat ed i primi quattro anni della sua detenzione.

Uno degli aspetti critici degli arresti del 2002 era la collaborazione di sicurezza tra l’Autorità Palestinese (AP) e le forze di occupazione israeliane. Grazie al suo alto profilo e al livello di coinvolgimento dell’AP, l’arresto di Saadat si distingue in particolare come uno degli esempi più eloquenti di questa stretta cooperazione. […]

Giudicato da un tribunale militare israeliano nel 2006, Saadat è stato condannato come leader di un’organizzazione terroristica illegale. Nel periodo di detenzione israeliana, tra cui tre anni di isolamento, Saadat ha partecipato a numerosi scioperi della fame per migliorare le condizioni dei detenuti, e dal 2011 è stato uno dei leader più risoluti del movimento dei prigionieri. Nella politica palestinese, Saadat è diventato il simbolo di molte cose: il militante tenace (munadil), la vittima del tradimento dell’AP, il leader del partito, il prigioniero, e altro ancora. Ma Saadat è anche un fratello, un marito, un padre e ora un nonno. Come molti prigionieri, anche lui ha subito una serie di restrizioni non solo al suo lavoro politico, ma anche alla possibilità della sua famiglia di fargli visita in carcere e, come prolungamento della pena israeliana, alla loro [dei membri della famiglia, ndt] possibilità di ottenere permessi per viaggi personali e, pertanto, ai loro movimenti quotidiani. […]

In che modo la prigione ha cambiato la tua vita personale? Qual è il significato della tua vita? Come vedi e come ti tieni aggiornato sulla situazione politica? Puoi scrivere?

La mia esperienza carceraria ha forgiato ed ha temprato allo stesso tempo la mia visione politica e la mia appartenenza di partito, ma il tempo che ho trascorso in prigione è stato anche arricchito dalla mia esperienza di lotta vissuta al di fuori [della prigione, ndt]. A intermittenza, ho trascorso un totale di 24 anni in carcere, ed eccomi qui, incarcerato ancora una volta con il resto dei miei compagni. Passo il mio tempo a leggere e ad impegnarmi in attività legate alla nostra lotta di prigionieri, che comprende l’istruzione dei miei compagni e l’insegnamento di un corso di storia all’interno del programma dell’Università di Al-Aqsa. La maggior parte dei miei scritti riguarda le esigenze dell’organizzazione dei prigionieri del PFLP e le questioni di interesse nazionale. Cerco anche di sostenere i membri della dirigenza del FPLP all’esterno ogni volta che posso. Se dovessi descrivere in che modo la detenzione attuale mi ha cambiato, lo riassumerei dicendo che osservo gli eventi politici con più distacco in quanto mi è stata offerta l’opportunità di non essere immerso nei piccoli problemi quotidiani del lavoro politico e di organizzazione all’esterno. Questa prospettiva non ha fatto altro che rafforzare la mia convinzione della solidità della visione del FPLP dal punto di vista ideologico, politico o in termini pratici, comprese le sue posizioni sulle questioni urgenti ed esistenziali attualmente al centro della polemica: i negoziati, la riconciliazione [intra-palestinese] e le prospettive di uscita dalla crisi e dall’impasse attuale.

Sei stato arrestato nel 2002 e detenuto in una prigione dell’AP di Gerico sotto la supervisione di guardie americane e britanniche. Nel marzo 2006, sei stato trasferito in una prigione israeliana e condannato a trent’anni. Puoi fare un confronto tra la tua esperienze sotto “custodia internazionale” e nelle prigioni israeliane?

In breve, la detenzione sotto controllo britannico e americano ha reso evidenti le aberrazioni causate dal processo di Oslo. Sotto il cosiddetto Accordo Gaza-Gerico, sono stato messo in prigione a Gerico dall’AP, per conto degli israeliani, sotto la supervisione americana.

Per ragioni politiche, in particolare per la campagna elettorale del partito Kadima di quell’anno, il governo israeliano dichiarò nel 2006 che ero di loro competenza, svelando il vero significato del termine “al-Himaya” [1] – l’appellativo usato per descrivere l’ondata di arresti politici eseguiti dall’AP in conformità con i dettami israeliani di sicurezza. Il termine fu propinato dall’AP al pubblico per giustificare l’ondata di arresti.

In sostanza, la mia opinione è che [a Gerico], gli americani e gli inglesi si siano accordati con gli israeliani, e le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese si siano arrese, mettendoci nell’impossibilità di difenderci o di combattere per la nostra libertà. Mi duole dire che da questo assurdo episodio non è stata imparata alcuna lezione né è stata tratta alcuna conclusione e che, sotto diversi nomi, continuano ad essere svolte altre operazioni ugualmente sbagliate.

In pratica, a gestire la prigione di Gerico erano sorveglianti stranieri, e il ruolo dei funzionari palestinesi, dal ministro degli Interni al più umile poliziotto, era semplicemente quello di far rispettare le direttive e le condizioni base degli israeliani. Questo ha condotto alla nostra detenzione ma anche all’arresto di decine di altri militanti, rastrellati sia a Gerico che in altri luoghi. Essere in una prigione israeliana è un’esperienza completamente diversa: lì ci troviamo di fronte alla deliberata politica israeliana di spezzare la nostra volontà, calpestare i nostri diritti umani e fiaccare le nostre energie da militanti. Per i detenuti in generale, e per i capi del movimento dei prigionieri in particolare, la prigione diventa a tutti gli effetti un altro campo di battaglia contro l’occupazione.

Puoi descrivere il rapporto con la tua famiglia durante il periodo di detenzione, e il rapporto con il tuo nuovo nipote?

Per me come essere umano, la mia famiglia, per quanto stretta o larga la si possa intendere, è stata e rimane la parte maggiormente lesa. Hanno pagato un prezzo pesante per i miei continui arresti, pur rimanendo una delle principali fonti di sostegno per me come militante.

Mio fratello, Muhammad, è caduto nel fiore della sua giovinezza; i miei genitori, i miei fratelli e i miei figli sono tutti stati privati ​​del mio amore per loro. Fatta eccezione per mia moglie, Abla, e mio figlio maggiore, Ghassan, le cui carte di identità di Gerusalemme permettono loro di viaggiare fino al carcere senza bisogno di un permesso da parte degli israeliani, negli otto anni trascorsi dal mio ultimo arresto la mia famiglia non ha potuto farmi visita. Per quattro anni e mezzo, tre dei quali trascorsi in isolamento, perfino Abla e Ghassan non hanno potuto visitarmi, e la mia comunicazione con loro si limitava alle lettere.

In breve, ho gravemente trascurato i miei doveri nei confronti della mia famiglia. Spero che arrivi il giorno in cui potrò farmi perdonare, per quanto tardivamente. Per quanto riguarda la mia nipotina, lei ha ereditato i geni della “minaccia per la sicurezza”, così, in assenza di una parentela di primo grado [2], le è stato impedito di visitarmi – per non parlare naturalmente delle onnipresenti “ragioni di sicurezza”.

Come passi le tue giornate in prigione? E come tieni il passo con gli affari del FPLP? La prigionia ti limita in questo proposito? Fai affidamento sulla leadership esterna per guidare il partito?

Cerco di conciliare i miei impegni di partito con i miei impegni globali di nazionalista sia in carcere che all’esterno. Naturalmente, il fatto che io sia in prigione limita la mia capacità di adempiere ai miei doveri di segretario generale del FPLP: perciò faccio affidamento sullo spirito collegiale dei miei compagni nella direzione del partito e sui processi democratici che regolano l’esercizio della loro leadership. Questi due fattori hanno contribuito all’iniezione di sangue fresco nelle nostre file. I giovani rappresentavano oltre la metà dei partecipanti al nostro recente congresso.

Il FPLP ha recentemente tenuto il suo congresso nazionale [3]. Anche se i risultati e le risoluzioni non sono stati resi pubblici, è trapelata la notizia di un grande dissenso che ha offuscato l’incontro e ha portato alle dimissioni di ‘Abd al-Rahim Malluh, il vice Segretario generale, nonché di alcuni funzionari di alto rango. Abbiamo anche sentito che il congresso ha insistito sulla tua candidatura come leader del partito. Non credi che la detenzione prolungata ostacoli la tua leadership del partito e perché il FPLP non ha proposto ad altri di unirsi alla leadership?

Dato che siamo un partito democratico di sinistra, le differenze di opinione e di giudizio all’interno della leadership sono solo naturali. Non siamo l’uno la fotocopia dell’altro, il che sarebbe contro natura. Tuttavia, non è a causa delle nostre differenze che un certo numero di compagni ha lasciato la leadership del partito – e non uso la parola “dimissioni” perché sono ancora membri del PFLP. Il partito beneficerà ancora della loro presenza e partecipazione, dal momento che continueranno a dare il loro contributo grazie alla loro preziosa e variegata esperienza di militanti. Come hanno affermato in diversi media, il motivo che li ha spinti a lasciare i posti che occupavano è stato quello di aprire la strada dei vertici della dirigenza ad una serie di giovani quadri.

Qui devo ribadire la mia stima e il mio apprezzamento per questa iniziativa, che ha ulteriormente consolidato il percorso già intrapreso dai nostri leader fondatori, tra i quali George Habash, Abu Maher al-Yamani e Salah Salah. Per quanto riguarda la mia rielezione come segretario generale nonostante la mia reclusione: questa non è stata una mia scelta personale, ma la scelta dei miei compagni – i delegati al congresso ed i quadri del partito. Considero mio dovere rispettare la loro fiducia in me, e raddoppiare i miei sforzi nell’adempiere alle sfide derivanti dalle mie responsabilità.

Pensi che il Documento dei prigionieri (Documento di riconciliazione nazionale) [4] sia ancora valido? E se sì, che cosa ostacola la sua attuazione? Se il documento ha bisogno di modifiche, quali cambiamenti proponete?

Il documento dei prigionieri resta una base politicamente valida per arrivare alla riconciliazione e rinnovare l’unità nazionale. Inoltre, esso stabilisce il quadro generale della struttura organizzativa, con l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) come avanguardia, fondata sul nazionalismo democratico, vale a dire, ove possibile, elezioni democratiche e partecipazione popolare.

In realtà, il documento è già stato modificato dagli accordi scaturiti da anni di colloqui bilaterali tra Fatah e Hamas. Questo comporta necessariamente la revisione e la ricostruzione delle istituzioni dell’OLP, in particolare il Consiglio Nazionale Palestinese (CNP). Inoltre, favorirà il consolidamento del documento e ci permetterà di passare dalla co-esistenza politica nell’arena di palestinese alla vera unità nazionale, sia in termini di azioni che di programmi.

A causa delle circostanze che hanno portato alla sua creazione, il testo del documento dei prigionieri presenta alcune ambiguità in alcuni punti, in particolare per quanto riguarda l’approccio ai negoziati e la strategia più efficace da adottare nel contrastare l’occupazione.

Venti anni dopo Oslo, non c’è né la pace né uno stato – solamente trattative e divisione politica. Come si supera questo stallo?

Trascorsi due decenni, gli esiti dei negoziati hanno definitivamente dimostrato che è inutile continuare il processo secondo il quadro di Oslo.

Per quanto mi riguarda, la continuazione degli inutili negoziati e l’attuale divisione nella classe politica palestinese sono indistinguibili. Il presupposto per la creazione e il consolidamento dell’unità nazionale è nell’impegno unanime verso una piattaforma politica chiara e unitaria fondata su un compromesso tra le varie forze e correnti all’interno del movimento nazionale palestinese.

Pertanto, se vogliamo superare l’attuale fase di stallo, dobbiamo smettere di puntare tutto sui negoziati e non prendervi più parte. Se queste dovessero continuare, allora come minimo il gruppo interessato deve riportare i negoziati sulla pista giusta tenendo fede ai principi e alle condizioni già definite, e cioè: la fine degli insediamenti, il ricorso alle risoluzioni delle Nazioni Unite e il rilascio dei prigionieri e dei detenuti. Questo presuppone ripartire dal successo ottenuto con la nostra adesione alle Nazioni Unite come Stato non membro al fine di elaborare un approccio globale per cui la questione palestinese viene essere risolta sulla base del diritto internazionale, come espresso nelle dichiarazioni e nelle risoluzioni delle Nazioni Unite alle quali Israele deve conformarsi; e infine, insistere nella nostra richiesta di adesione a tutte le istituzioni delle Nazioni Unite, in particolare alla Corte Internazionale di Giustizia.

Infine, dobbiamo lavorare per attuare i termini dell’accordo di riconciliazione formando subito un governo di riconciliazione nazionale e mettendo in piedi una struttura direzionale di transizione. Il compito di questa istituzione transitoria sarebbe quello di impegnarsi nella ricostruzione e nel rafforzamento dell’OLP e nell’organizzazione delle elezioni legislative e presidenziali dell’AP, nonché delle elezioni del Consiglio nazionale palestinese [CNP] entro sei mesi (anche se questo lasso di tempo può essere esteso, se necessario). L’aspetto di gran lunga più importante, però, è che la popolazione deve essere mobilitata intorno ad una piattaforma politica unitaria di resistenza nazionale in tutte le sue forme.

Dove ci porteranno i negoziati in corso secondo lei?

Chi ha seguito le posizioni del governo israeliano e statunitense capisce che le probabilità di raggiungere un accordo politico sancito dal diritto internazionale e dalle risoluzioni delle Nazioni Unite, vale a dire, in conformità con i diritti del popolo palestinese al ritorno, all’autodeterminazione e all’indipendenza nazionale, sono pari a zero.

Credo che nessun leader palestinese, non importa quanto flessibile, sia in grado di soddisfare le richieste israeliane o americane e abbandonare questi principi fondamentali. Tutt’al più, i negoziati non faranno altro che prolungare la gestione delle crisi fornendo una copertura per i progetti israeliani di insediamento coloniale sul terreno, per scongiurare il biasimo internazionale e per imporre la propria visione di un soggetto politico palestinese pari a poco più che un protettorato. Inoltre, i negoziati consentono agli Stati Uniti di disinnescare le tensioni e contenere il conflitto in Palestina, e di concentrarsi sulle questioni regionali che ritiene fondamentali, vale a dire la Siria e l’Iran.

Il movimento nazionale palestinese deve essere ricostruito. In che modo e con quali prospettive politiche?

Sono d’accordo con te che il movimento nazionale palestinese ha bisogno di essere ricostruito. Credo che il punto di partenza debba essere la riconfigurazione di tutte le fazioni, sia nazionaliste che islamiste, al fine di razionalizzare programmi e punti di discussione e rafforzare il nostro riesame del modo migliore di procedere nella lotta contro l’occupazione. Ciò include una rivalutazione dell’OLP sia come organo sia come organizzazione quadro che rappresenta tutti i palestinesi, ovunque si trovino, e qualsiasi prospettiva sociale o politica abbiano. Organizzato come un vasto fronte nazionale e democratico, questa struttura sarebbe investita della massima autorità politica per guidare la nostra lotta.

Considero le nostre prospettive politiche le seguenti: a livello strategico, dobbiamo ripristinare quegli elementi del nostro programma nazionale che sono stati smantellati dalla leadership dominante dell’OLP a favore dell’opportunismo pragmatico, e ricollegare gli obiettivi storici dell’organizzazione per quanto riguarda il conflitto con quelli attuali: in sintesi, la creazione di un unico stato democratico in tutta la Palestina storica. A livello tattico, dovremmo unirci intorno ad una piattaforma comune con la componente islamista del movimento nazionale palestinese su un terreno comune, vale a dire il diritto al ritorno, all’autodeterminazione e alla creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme come sua capitale.

La resistenza popolare viene propagandata come alternativa alla resistenza armata. C’è un conflitto tra le due? E, se sono metodi complementari, come possono essere combinati?

La lotta quotidiana del movimento dei prigionieri è parte della più ampia lotta palestinese. Chiunque abbia seguito l’attivismo popolare palestinese nel corso degli ultimi tre anni o giù di lì scoprirà che esso ha ruotato in larga parte attorno al sostegno alle battaglie del movimento nazionale dei prigionieri. E questa non è una novità – in ogni fase della nostra lotta nazionale i prigionieri hanno svolto un ruolo di primo piano e di incitamento all’azione. Quanto meno, agli uomini e alle donne del FPLP, sia nella base sia nella direzione, prometto di impegnarmi, insieme con i miei compagni del PFLP in carcere, per soddisfare le loro speranze ed aspettative, in particolare per quanto riguarda la mobilitazione del Fronte [FPLP], rafforzando la sua presenza, e il sostegno al movimento nazionale palestinese in generale.

Come dimostrato altrove dalle rivoluzioni popolari, abbracciare la resistenza popolare non significa favorire una forma di lotta ad un’altra. Confinare la resistenza popolare alla sola lotta nonviolenta svuota la resistenza del suo contenuto rivoluzionario. L’intifada palestinese è stata un modello per la resistenza popolare, oltre ad essere la nostra bussola mentre percorrevamo diverse ed efficaci forme di resistenza: pacifica, violenta, popolare, di fazione, economica, politica e culturale. Non solo la letteratura accademica rifiuta la logica di spezzare la resistenza in varie forme e metodi, ma la realtà delle sfide che il popolo palestinese si trova ad affrontare nella sua lotta contro l’occupazione israeliana esclude un approccio del genere: noi ci troviamo ad affrontare una forma globale di colonialismo di insediamento che si basa sulle forme più estreme di violenza convenzionalmente associate con l’occupazione, combinate con politiche di apartheid. E l’ostilità in cui si imbattono [i palestinesi] si estende a tutti i segmenti della nostra popolazione, ovunque si trovino.

È quindi necessaria la combinazione creativa e l’integrazione di tutti i metodi di lotta legittimi che ci permettono di impiegare qualsiasi tipo o metodo di resistenza in relazione alle condizioni specifiche delle diverse congiunture politiche. Al livello nazionale più ampio, abbiamo bisogno di un programma politico unitario che, in primo luogo, fornisca i mezzi per mettere in pratica la resistenza. Occorrono posizioni politiche e discorsi che siano allo stesso modo uniti intorno alla resistenza. Infine, abbiamo bisogno di un quadro nazionale generale reciprocamente concordato, che definisca le principali forme di resistenza che determineranno poi tutte le azioni di resistenza. Dobbiamo essere capaci di proporre questa o quella forma con particolare attenzione alle circostanze specifiche, e in base alle esigenze di una situazione o di un momento politico specifico, senza escludere alcuna forma di resistenza.

Gli inviti alla resistenza popolare nonviolenta e gli slogan sullo stato di diritto e sul monopolio dell’uso delle armi all’AP sono meri pretesti per giustificare l’attacco alla resistenza e rispondere ai dettami di sicurezza israeliani. Lo stato di diritto è privo di significato se posto in contrasto con il nostro diritto di resistere all’occupazione e se nega la logica di tale resistenza. E per quanto riguarda il monopolio dell’uso della forza, non ha senso se questa forza non è diretta contro il nemico.

Qual è la tua lettura delle rivolte arabe, e quali sono state le ripercussioni sulla causa palestinese?

Le rivolte arabe nascono in risposta alla necessità popolare di cambiamento democratico e rivoluzionario dei sistemi politici di ogni paese arabo. Sebbene questo sia il quadro generale di riferimento per comprendere queste rivoluzioni, le particolarità di ciascun paese variano, così come le conclusioni che si raggiungono. Penso che le rivoluzioni tunisina ed egiziana rientrino nel quadro sopra descritto. In ogni caso, questi cambiamenti rapidi e dinamici contraddistinti dall’azione collettiva di massa hanno spostato l’equilibrio interno del potere, inaugurando un periodo di transizione.

Altrove, condizioni analoghe hanno portato la gente a sollevarsi e a chiedere il cambiamento, ma in quei casi, gli Stati Uniti e i suoi agenti nella regione hanno compiuto notevoli sforzi per condizionare e intervenire a sostegno del “Progetto per il Nuovo Medio Oriente” degli Stati Uniti [5].Pertanto, occorre una certa precisione nel valutare le rivolte e nel trarre conclusioni. Bisogna distinguere attentamente tra i propositi e le richieste di cambiamento democratico e di giustizia sociale che rappresentano la legittima volontà delle popolazioni arabe di riappropriarsi della loro dignità, dei diritti e delle libertà, da un lato; e, dall’altro, le forze internazionali e regionali che sfruttano la potenza scatenata da questi movimenti popolari per i propri fini, fomentando efficacemente la contro-rivoluzione, come è avvenuto in Libia e in Siria.

In generale, tuttavia, le rivolte arabe hanno ampliato le prospettive di una transizione con potenziale a lungo termine. Hanno agitato ciò che una volta era stagnante, aprendo la strada a diversi possibili scenari, nessuno dei quali prevede un ritorno al passato, cosa che credo sia ormai impossibile. A mio avviso, qualsiasi movimento popolare che conduca i popoli arabi più vicini al raggiungimento delle loro libertà e dei loro diritti democratici pone le basi per una lotta fondata su principi veramente democratici e costituzionali, che sono i presupposti per una società democratica e civile. Tutti questi obiettivi sono d’importanza strategica sia per la causa nazionale palestinese sia per il progetto di un rinnovamento arabo.

Note:

[1] Letteralmente, “protezione”, in arabo.

[2] Solo i parenti di primo grado (genitori, fratelli, coniugi e figli) sono autorizzati a visitare i loro parenti in carcere.

[3] Eletto per un mandato di quattro anni, il congresso nazionale è il supremo organo di governo del FPLP. Formula e modifica la strategia, il programma del partito e il regolamento interno, discute e decide in merito ai rapporti del comitato ed elegge il comitato centrale (esecutivo).

[4] Il Documento di riconciliazione nazionale, largamente conosciuto come Documento dei prigionieri, è stato pubblicato l’ 11 maggio 2006. Redatto da detenuti palestinesi nelle carceri israeliane in rappresentanza di Hamas, Fatah, Jihad islamica, FPLP e FDLP, al fine di risolvere la faida tra Fatah e Hamas e unificare le fila palestinesi. È il documento alla che è stato alla base di ogni successivo tentativo di riconciliazione palestinese. http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/page/documento-dei-prigionieri

[5] Una neologismo usato dall’allora Segretario di Stato americano Condoleezza Rice in una conferenza stampa a Washington DC il 21 luglio 2006: “Quello che stiamo vedendo qui, in un certo senso, è la crescita – le doglie di un nuovo Medio Oriente e qualunque cosa facciamo, dobbiamo essere certi che stiamo portando avanti il nuovo Medio Oriente e non stiamo tornando al vecchio.” Vedi: Condoleezza Rice,” Briefing speciale sul viaggio in Medio Oriente e in Europa”, 21 Luglio 2006, trascrizione a cura di US Department of of State Archive, http://2001-2009.state.gov.

Pubblicato su Institute for Palestine Studies
Traduzione per Palestina Rossa a cura di Enrico Bartolomei (*)


(*) ricercatore e attivista della Campagna di solidarietà per la Palestina – Marche

 

thanks to: Palestina Rossa

Omaggio ai fedayyin palestinesi di Gaza

In questi giorni l’attenzione si è concentrata sulle vittime civili del massacro genocidario israeliano a Gaza. Secondo i dati del 3 agosto del Palestinian Center for Human Rights sono stati assassinati da un esercito di criminali 1.545 civili, mentre 272 sarebbero i guerriglieri palestinesi uccisi.

Non possiamo, non dobbiamo dimenticare che la Resistenza dei fedayyin palestinesi è stata superiore ad ogni previsione provocando, secondo i dati ufficiali israeliani, almeno 64 morti tra i soldati israeliani. La Resistenza palestinese non si è lasciata trovare impreparata, ha adottato le tecniche di guerriglia degli Hezbollah e dei Vietcong e ha tenuto in scacco uno degli eserciti più forti del mondo.

Ci siamo trovati di fronte a una Intifada dei razzi, come l’ha chiamata Abdel Bari Atwan, a una Intifada dei tunnel e a una Intifada popolare. Il morale e la determinazione dei palestinesi di Gaza non è stato fiaccato dalla ferocia dell’attacco israeliano.

Il massacro continua. La Resistenza continua.

Noi assistiamo da lontano, nelle pieghe di un mese estivo e festivo, misurando nel quotidiano la nostra impotenza e il cinismo della nostra classe politica (un miserabile è andato al Cairo a incontrare l’autore di un colpo di stato militare, ripetendo una richiesta risibile e vergognosa di un altro miserabile, il presidente americano, di liberare il soldato israeliano che sembrava essere stato fatto prigioniero – rapito nel lessico osceno dei miserabili -, mentre in Italia in combutta con un noto pregiudicato sta attentando alla nostra costituzione).

La Resistenza palestinese costituisce, in questi tempi oscuri, una lezione morale e una lezione politica.

In silenzio le rendiamo un omaggio commosso e consapevole.

Alfredo Tradardi
Torino, 3 agosto 2014

ISM-Italia

thanks to: PALESTINAROSSA

A Gaza si combatte la battaglia degli sfruttati e degli oppressi di tutto il mondo!

La sanguinosa aggressione in corso a Gaza dimostra pienamente la natura genocida del regime sionista, avamposto fondamentale del campo imperialista a guida Usa nell’area mediorientale. Il regime sionista, fondato e perpetuatosi sul razzismo e la pulizia etnica, sta conducendo ancora una volta una guerra dispiegata contro l’intero popolo palestinese, volta a piegarne l’eroica Resistenza. 

 

 

Ma la Resistenza Palestinese, basandosi sulla straordinaria forza delle masse popolari, sta impedendo ai sionisti di avanzare a Gaza, dimostrando la debolezza dell’occupante, che non può fare altro che accanirsi verso gli inermi, con continue stragi di civili e bambini in particolare. La Resistenza Palestinese rappresenta nel concreto il più alto esempio di lotta, unità e forza per tutti i popoli oppressi: essa costituisce un faro per tutti coloro che lottano contro l’imperialismo e le sue guerre. 

 

Il fronte imperialista Usa, Ue e Israele costituisce il principale nemico dei popoli nell’attuale fase globale, ma la straordinaria lezione della Palestina tende ad estendersi ovunque laddove questi predatori mettono le loro mani. Come avviene nel Sud-Est dell’Ucraina dove le masse popolari tengono testa al governo golpista di Kiev, impiantato da Usa e Ue per accerchiare la Russia e porre sotto proprio controllo le vie energetiche verso l’Europa. 

 

La Resistenza Palestinese ci dice che il nemico che abbiamo difronte è lo stesso: il sistema del capitalismo imperialista che in Palestina assume l’evidenza brutale della colonizzazione e della repressione dell’occupante sionista e che qui, nei paesi imperialisti, si traduce in misure e “riforme” antipopolari, in attacchi alle conquiste sociali e licenziamenti di massa, mentre sempre più finanziamenti vengono riservati alle “grandi opere”, utili solo ai profitti della borghesia, e al sostegno delle missioni di guerra spacciate per “interventi di pace” o “umanitari”. Lo stato italiano che ospiterà quello sionista all’Expo 2015, è il primo fornitore nell’Ue di armi e quarto partner commerciale mondiale di Israele, al quale vengono passati anche velivoli da addestramento avanzato M-346 “Master” prodotti da Alenia Aermacchi, una collaborazione che ha portato vantaggiose contropartite per le industrie israeliane quali Elbit Systems, Israel Aerospace Industries (IAI) ed Elta Systems. Allo stesso tempo l’intera penisola costituisce una sorta di portaerei per le forze Usa-Nato, che le disseminano di strumenti di morte, come a Niscemi, in Sicilia, con il radar Muos. 

 

La borghesia imperialista italiana è alleata strategica del regime sionista perchè ne condivide le mire di guerra e dominio e vuole partecipare da protagonista alle crociate che Usa, le potenze della Ue e Israele conducono per spartirsi a proprio favore il pianeta. 

 

Noi proletari, lavoratori e studenti siamo oggettivamente nel campo degli oppressi dall’imperialismo e dal capitalismo e per questo dobbiamo rilanciare l’incondizionata solidarietà al popolo palestinese, consapevoli dell’urgenza di lottare concretamente contro l’imperialismo di casa nostra.

 

La lotta del popolo palestinese è anche la nostra lotta, appoggiamola e impariamo da essa! 

 

Rilanciamo e rafforziamo la lotta contro la guerra imperialista, a partire dalla mobilitazione contro il Muos a Niscemi!

 

Al fianco del popolo palestinese, delle Repubbliche Popolari in Ucraina e di tutti i popoli oppressi e aggrediti! Resistenza fino alla vittoria!

Collettivo Tazebao – per la propaganda comunista
Fronte Palestina – Padova
collettivo.tazebao@gmail.com

 

thanks to: PALESTINA ROSSA

MAI COMPLICI DEL SIONISMO!

Un nuovo fervore in Italia sta dando vita ad un movimento che ha scelto di costruire la solidarietà con la Palestina sostenendone la Resistenza. Questo viene testimoniato sia dalla partecipazione ai tre convegni “Dalla solidarietà alla lotta internazionalista – al fianco della Resistenza palestinese” organizzati quest’anno [1], sia dalle mille persone provenienti da tutta Italia presenti al corteo di Torino, determinate a portare in piazza le nuove parole d’ordine che creano la piattaforma di lotta elaborata dall’Assemblea Nazionale basata sul rispetto dei diritti inalienabili dei palestinesi, tra cui il ritorno dei profughi e la liberazione dei prigionieri, la fine dell’occupazione ma anche la decolonizzazione della Palestina, l’applicazione del Diritto Internazionale e la fine degli accordi di Oslo.

Su quest’ultimo, che non ha l’apparenza di un diritto in quanto tale, è necessario soffermarsi: alcuni palestinesi percorrono la strada delle trattative “convinti” che possa rappresentare per loro “una possibilità”, mentre per molti altri risulta una chiara scelta fallimentare che farà capitolare definitivamente i diritti dei palestinesi. Ciò rappresenta indubbiamente qualcosa che “divide” i palestinesi, almeno da un punto di vista di strategia di liberazione o compimento della pace. Oggi, fuori e dentro la Palestina, sono molte le testimonianze di coloro che non credono più (o non hanno mai creduto) al percorso delle cosiddette “trattative di pace”. La leadership palestinese dovrebbe leggere e capire le aspirazioni della propria gente, seguirle ed esserne ambasciatrice. A prescindere dal sempre più evidente disastro rappresentano da tali accordi – almeno in termini di Lotta di Liberazione – questi non interpretano più neanche una scelta popolare… Persistere su quella strada, quindi, significa anche dover reprimere il volere dei palestinesi.

Gli accordi di Oslo rappresentano le trattative portate avanti tra il potere occupante e una piccola parte degli occupati, selettivamente scelti tra le élite delle borghesie palestinesi, dalla stessa macchina imperiale che determina l’occupazione. L’ANP nasce come conseguenza di quegli accordi, delegittimando, di fatto, l’OLP (unico vero rappresentante di tutti i palestinesi nel mondo). Se gli Stati Uniti puniscono i palestinesi per aver richiesto all’ONU di essere riconosciuti come Stato membro [2], negando loro i fondi stanziati in termini di aiuti economici [3], allo stesso tempo sostengono a pieno regime un governo che, con la farsa della sicurezza, continua a compiere e a minacciare attacchi presenti nell’intera regione, continua a costruire insediamenti di colonizzazione [4], etc. Come possono allora gli USA essere lo sponsor di “trattative di pace”, che invece prevederebbero quanto meno una tregua della macchina da guerra ed espansionistica israeliana? La visione dello Stato è il miraggio dato ad alcuni palestinesi dallo stesso potere che ne occupa le terre e ne uccide i fratelli, uno Stato che lo stesso potere ha già deciso che mai ci sarà prima ancora di iniziare qualunque trattativa [5].

La trappola del ricatto è dietro l’angolo: anche nel caso dell’ultima tregua tra Hamas e Israele i palestinesi hanno dovuto “essere rappresentati” da qualcuno che si facesse da garante, in quel caso il “nuovo” Egitto [6], sempre alleato strategico dell’imperialismo nonostante le sue evoluzioni (da Mubarak, ai Fratelli Musulmani, alla borghesia militare). La macchina culturale sionista lavora anche per cercare di declassare e screditare i palestinesi a “popolo non in grado di rappresentarsi autonomamente”.

Oggi la Palestina attraversa un momento molto difficile, la sua economia dipende dagli aiuti stranieri che arrivano con il subdolo e non sempre evidente scopo di appoggiare la colonizzazione. La tendenza alla normalizzazione sia da parte dell’Autorità Palestinese sia da parte del governo di Gaza mina il campo della resistenza perché si riflette pericolosamente sulla popolazione, che invece dimostra ancora di voler percorrere la strada della lotta e non della resa.

Per gli stessi motivi si è scelto di manifestare in occasione dell’incontro bilaterale Italia-Israele inizialmente (e fino alle ultime due settimane a ridosso del vertice) annunciato a Torino [7]. Solo pochi giorni prima, invece, si è appresa la notizia che sarebbe stato spostato a Roma, dove il papa “finalmente” avrebbe accolto Netanyahu [8]. Per noi era un’occasione per dire che consolidare accordi con uno stato che viola impunemente il Diritto Internazionale significa macchiarsi degli stessi crimini. Il governo italiano quindi si rende complice, questo anche grazie alla scarsa opposizione e resistenza che i cittadini italiani riescono a porre nei confronti delle sue scelte, dell’occupazione e della pulizia etnica della Palestina, compiuta per mano di Israele, ma manovrata e sostenuta dalla struttura internazionale che il sionismo ha messo in piedi, di cui l’Italia è parte.

Chi ha partecipato alla manifestazione di Torino ha scelto di inserirsi in un contesto antagonista alle scelte del governo italiano sempre più fantoccio e privo di sovranità. E’ ormai evidente la direzione che sta prendendo il nostro paese, sempre più abile e coeso nel rafforzare la militarizzazione ed il controllo sulla popolazione e che trova un valido partner in Israele, paese sempre più spinto a destra verso un fascismo etnocratico e coloniale. Gli accordi tra questi due stati hanno principalmente due obiettivi: favorire le borghesie attraverso il libero scambio commerciale (proviamo ad immaginare a beneficio di chi, non certo della popolazione italiana) e usare l’Italia come ponte per l’Europa di cui Israele non è membro, ma in cui riesce a trovare modi e forme per essere sempre presente ed estendere la sua influenza anche nell’ottica di mistificare la sua immagine di paese tutt’altro che democratico.

Allo stesso modo riteniamo che anche per i palestinesi non sia il tempo di accordi o trattative, utili solo ad indebolire la resistenza palestinese e a corrodere ogni possibilità di unità del popolo nella lotta contro l’occupazione, che invece rimane l’unica via d’uscita che può e deve essere sostenuta anche a livello internazionale, da quei soggetti, governi ed interlocutori che credono nella Lotta di Liberazione della Palestina, perché battersi per i diritti, l’autodeterminazione e libertà di un popolo, non può che giovare alla libertà di tutti.

Proprio per approfondire anche questi aspetti, il primo dicembre, il giorno dopo la manifestazione, è stato tenuto sempre a Torino un Convegno/Seminario sul Sionismo [9] in cui grazie all’altissimo profilo delle relazioni e ai contributi apportati da esperti in materia di accordi tra Italia e Israele (anche attraverso minuziose ricerche che hanno rivelato le complicità e le implicazioni di intellettuali, ricercatori, politici, etc) è stato possibile sviscerare molte delle problematiche innescate da tali accordi e approfondire come questi si riflettano negativamente sulla popolazione italiana.

L’obiettivo prefissato è quello di costruire un sostegno alla Resistenza palestinese in tutte le sue forme, di contrastare e denunciare ogni fenomeno di complicità con il nemico ovunque e comunque si presenti. Su questo stiamo lavorando, nel costruire la nostra solidarietà. Il nostro lavoro passa dai convegni ma si concretizza in varie tappe: la Manifestazione che voleva portare in pizza questi contenuti c’è stata, anche se qualcuno ha provato a depistare la partecipazione dopo lo (o approfittando dello) spostamento del vertice, puntando più su un dato politico di basso profilo “essere dov’è Netanyahu” piuttosto che essere in tanti dove da mesi si stava costruendo, con il contributo di tante città italiane [10], una manifestazione nazionale che avesse dei nuovi contenuti nella scena politica italiana, ma che riscontrano ancora reazioni conservatrici da parte di coloro che non condividono questo percorso e provano a boicottarlo con ogni mezzo.

Come dicevo però, si tratta di tappe che demarcano un percorso chiaro, definito e già avviato, in sostegno alla Resistenza palestinese, che oggi ci vede impegnati anche nel sostenere la costruzione di un asilo a Gaza a cura dell’associazione Khanafani [11], perché crediamo che la resistenza passi anche attraverso la possibilità per i bambini di conoscere sin da subito un’alternativa al sistema settario di Hamas.

Altre tappe arriveranno, certi che un giorno i palestinesi scriveranno la loro storia di lotta di liberazione. A noi il dovere di sostenerli, ben sapendo che una Palestina libera farà bene a chiunque aspiri e si adoperi per un mondo più giusto.

Redazione PalestinaRossa

[1] Convegni Nazionali
.invito primo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/dalla-solidarieta-alla-lotta-internazionalista
.report primo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/report-convegno-dalla-solidariet%C3%A0-alla-lotta-internazionalista-fianco-della-resistenza
.invito secondo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/event/secondo-convegno-nazionale-firenze
.report secondo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/report-del-secondo-convegno-dalla-solidariet%C3%A0-alla-lotta-internazionalista-fianco-dell
.invito terzo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/event/terzo-incontro-dellassemblea-nazionale-verso-la-manifestazione-del-30-novembre
.report terzo convegno:http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/report-del-terzo-convegno-dalla-solidariet%C3%A0-alla-lotta-internazionalista-fianco-della-
[2]http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=42628&typeb=0&Palestina-Stato-osservatore-LA-DIRETTA
[3]http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=21923&typeb=0&AIUTI-ESTERI-TRAPPOLA-PER-POLITICA-PALESTINESE
[4]http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=44695&typeb=0&Da-USA-no-a-condanna-Israele-per-nuove-colonie
[5]http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/non-ci-sar%C3%A0-alcuno-stato-palestinese-qa-con-linformatore-dei-palestine-papers-ziyad-cl
[6]http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/11/21/gaza-accordo-per-cessate-fuoco-tra-palestinesi-e-israele/421822/
[7]http://www.internazionale.it/news/italia-israele/2013/07/01/letta-il-2-dicembre-il-bilaterale-a-torino/
[8]http://vaticaninsider.lastampa.it/en/world-news/detail/articolo/israele-israel-israel-29903/
[9]http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/event/sionismo-antisionismo-teoria-e-prassi
[10]http://www.palestinarossa.it/?q=it/manifestazione-torino
[11]http://www.freedomflotilla.it/2013/10/22/asilo-vittorio-arrigoni-come-aiutare-a-realizzarlo/

thanks to: PALESTINAROSSA

Una prima riflessione sulla Manifestazione ed il Convegno

Nelle due giornate di Torino, sabato 30 novembre e 01 dicembre sono stati raggiunti con coerenza gli obbiettivi che l’Assemblea Nazionale si era prefissata: dire no al vertice bilaterale Italia-Israele, sostenere la resistenza palestinese.

Nonostante il boicottaggio subito (del quale non sono ancora completamente chiari i dettagli per poter riportare esplicitamente le responsabilità), in particolare proprio nella città di Torino dove tra l’altro nevicava come in molte altre città del nord Italia, circa un migliaio di persone ha scelto di essere presente in un corteo contraddistinto da molte bandiere rosse oltre che palestinesi, con un chiaro e determinato carattere internazionalista. Un corteo che ha scelto in che modo schierarsi in sostegno alla cosiddetta “causa palestinese”: dalla parte di chi lotta e resiste contro l’occupazione. Le realtà presenti, provenienti da tutta Italia, sono le stesse che hanno condiviso il percorso dell’assemblea nazionale “Dalla solidarietà alla lotta internazionalista – al fianco della Resistenza palestinese” che ha visto tre convegni in Italia (Milano, Firenze e Torino) nei quali si sono potute condividere un’analisi politica ed una piattaforma di lotta chiara e priva di quell’approccio umanitario e di solidarietà fine a se stessa verso un popolo che soffre, perché i palestinesi prima di tutto sono un popolo che resiste all’oppressione da oltre sessant’anni.

La manifestazione è stata costruita su vari obiettivi: primo tra tutti quello di dire no al vertice intergovernativo Italia-Israele, perché non vogliamo essere complici dei crimini perpetrati dal sionismo contro i palestinesi, calpestandone interrottamente i diritti nel totale silenzio della comunità internazionale; si voleva inoltre protestare contro il Piano Prawer (un’altra testimonianza del razzismo sionista e del suo progetto di pulizia etnica della Palestina, che con questo piano vuole deportare le comunità beduine che vivono nel deserto del Negev) nella settimana che i palestinesi hanno definito “della rabbia”; infine volevamo dare un chiaro segnale che un nuovo fermento in Italia sta dando vita ad un movimento di solidarietà con la Palestina che ha scelto di sostenere la Resistenza palestinese, sempre più abbandonata dalla sua leadership che invece insegue vane se non dannose trattative che portano solo ad una resa incondizionata (considerando che il chiaro progetto espansionistico di Israele non prevede uno Stato Palestinese indipendente); per ultimo, non per importanza, la manifestazione è stata un’occasione per dimostrare che la solidarietà internazionalista va costruita in ogni circostanza, per questo il corteo ha chiesto anche la liberazione del compagno Bahar, catturato dalla polizia italiana a seguito di un mandato d’accusa internazionale della Turchia e che il lunedì successivo avrebbe affrontato la seconda udienza davanti al tribunale di Brescia

Chi ha partecipato alla manifestazione di Torino ha scelto di inserirsi in un contesto antagonista alle scelte del governo italiano sempre più fantoccio e privo di sovranità. E’ ormai evidente la direzione che sta prendendo il nostro paese, sempre più abile e coeso nel rafforzare la militarizzazione ed il controllo sulla popolazione e che trova un valido partner in Israele, paese sempre più spinto a destra verso un fascismo etnocratico e coloniale. Gli accordi tra questi due stati hanno principalmente due obiettivi: favorire le borghesie attraverso il libero scambio commerciale (proviamo ad immaginare a beneficio di chi, non certo della popolazione italiana) e usare l’Italia come ponte per l’Europa di cui Israele non è membro, ma in cui riesce a trovare modi e forme per essere sempre presente ed estendere la sua influenza anche nell’ottica di mistificare la sua immagine di paese tutt’altro che democratico.

Proprio per approfondire questi aspetti, il primo dicembre, il giorno dopo la manifestazione, è stato tenuto sempre a Torino un Convegno/Seminario sul Sionismo in cui grazie all’altissimo profilo delle relazioni e ai contributi apportati da esperti in materia di accordi tra Italia e Israele (anche attraverso minuziose ricerche che hanno rivelato le complicità e le implicazioni di intellettuali, ricercatori, politici, etc) è stato possibile sviscerare molte delle problematiche innescate da tali accordi e approfondire come questi si riflettano sulla popolazione italiana (*).

Continueremo a costruire la solidarietà con i popoli che lottano per la libertà e la giustizia sociale, contro l’imperialismo e la sua aggressione militare e culturale, contro le borghesie che tessono rapporti con esso trovando i modi per difendere i propri interessi a danno delle classi sfruttate, denunciando i complici e provando ad esercitare la nostra egemonia in contrasto alle opzioni antidemocratiche del nostro paese.

VIVA LA RESISTENZA PALESTINESE!
VIVA LA PALESTINA LIBERA!

(*) In queste righe non approfondiremo esplicitamente e non dettaglieremo con le dovute argomentazioni quanto emerso dal seminario, ma invitiamo i lettori interessati a consultare il sito palestinarossa.it per reperire il materiale che sarà messo a disposizione.

l’Assemblea Nazionale
dalla solidarietà alla Lotta internazionalista – al fianco della Resistenza palestinese


Di seguito riportiamo il nostro intervento
davanti alla prefettura in piazza Castello:

Care compagne e cari compagni, oggi siamo scesi in piazza con una piattaforma chiara e trasparente: contro i criminali accordi tra l’Italia e lo stato fascista israeliano e l’assoluto sostegno alla resistenza palestinese. Non quindi una generica solidarietà umanitaria verso “un popolo che soffre”, ma verso un popolo che resiste da oltre 65 anni.

Proprio per questo vogliamo innanzitutto ricordare tre compagni, tre nostri fratelli che certo sarebbero stati qui con noi.

Vogliamo ricordare Stefano Chiarini, giornalista de Il Manifesto, di lui ricordiamo la tenacia, la testardaggine con la quale ha imposto di riportare la questione palestinese su questa terra, togliendola dall’oblio degli opportunisti. I martiri di Sabra e Chatila oggi rivivono grazie a lui, alla sua lucida testardaggine:
siamo qui, Stefano.

Vogliamo ricordare Juliano Mer Khamis assassinato a Jenin, quella terra palestinese che lo vide sempre dalla parte degli ultimi, voglio ricordare il coraggio di assumere su di se tutte le sue origini e di scegliere di stare dalla parte della resistenza all’occupazione.
Siamo qui, Juliano.

Vogliamo ricordare Vittorio Arrigoni, la coerenza di una umanità accogliente che sapeva trascinarti fin dove lui arrivava. La coerenza con cui seppe mostrare e denunciare i crimini sionisti, ma anche quelli di chi dovrebbe stare con il proprio popolo e non cercare accordi con gli israeliani o con altri paese reazionari. Anche Vittorio vive in questa piazza.
Siamo qui, Vittorio.

Tutti e tre hanno condiviso l’orgoglio dei palestinesi del 1948 cui non è mai stato concesso di essere assenti, hanno vissuto l’orgoglio dei presenti che sono considerati assenti. Siamo qui con la Resistenza palestinese, senza se e senza ma.

Da quando abbiamo voluto esprimere questa scelta siamo stato attaccati perché usiamo un linguaggio duro, quando è semplicemente esplicito. Esplicito perché crediamo che oggi bisogna tornare ad esprimere quello che pensiamo e che riteniamo giusto senza la paura degli anatemi di chi mantiene l’occupazione.

I nostri nemici, i governi, quelli americani come quelli italiani, quelli sionisti o di altri paesi europei, non si nascondono dietro parole fumose, ma esprimono con atti e concetti chiari la loro determinazione a portare fino alle estreme conseguenze la pulizia etnica della Palestina.

Oggi siamo qui per dire che l’incontro tra Italia ed Israele è un’ulteriore occasione per consolidare l’alleanza tra il nostro governo e quello sionista, complici nell’occultare i crimini perpetrati contro i palestinesi, calpestandone interrottamente i diritti. Negli ultimi anni i rapporti tra le reciproche dirigenze ed istituzioni si sono rafforzati, tutti i governi che si sono succeduti in Italia hanno dovuto “far tappa” a Tel Aviv per l’approvazione, ma non solo i governi centrali, anche quelli di grandi città come Torino o Milano, con sindaci assolutamente servi e collusi con l’occupazione sionista.
Noi non ci stiamo!

Se la leadership palestinese insegue trattative vane e dannose per il suo stesso popolo, se tace e non si pronuncia contro gli accordi intergovernativi tra gli occupanti ed i paesi imperialisti conniventi con le politiche coloniali e di apartheid israeliane.
Noi non ci stiamo!

Se tutti continuano a tacere sui crimini israeliani, sulle loro politiche di razzismo o sui piani di deportazione coatta contro la popolazione palestinese come il Piano Prawer.
Noi non ci stiamo!

Le “trattative” sono una resa incondizionata: oltre a non arrestare il furto di terra palestinese e la conseguente pulizia etnica a favore della creazione di uno Stato “ebraico” di stampo razziale, rappresentano per l’occupazione gli strumenti per mascherare la sua vera natura, come nel caso dei prigionieri palestinesi “rilasciati” (in un perenne clima di arresti) e incarcerati nuovamente poco dopo, se non addirittura assassinati.
Noi non ci stiamo!

Perché abbiamo scelto di stare dalla parte della Resistenza palestinese che continua a lottare per la dignità, per l’autodeterminazione, per la liberazione della sua terra e per i diritti del suo popolo. Senza piegarsi a dinamiche di corruzione e di “scambio”, perché resta salda anche nel proteggere il Diritto al Ritorno e nel sostenere le battaglie dei prigionieri.

Noi ci siamo ed invitiamo tutta la solidarietà con la Palestina e chiunque si riconosca nei valori partigiani e di difesa del territorio a dire forte e chiaro che non ci deve essere nessun accordo con gli stati criminali che violano impunemente il Diritto Internazionale. Per denunciare la complicità del governo Letta e per ribadire il nostro NO alle trattative con lo Stato sionista. Costruiamo nel paese una vera solidarietà verso la resistenza palestinese. Facciamo crescere il BDS in tutto il paese, anche se Abu Mazen, presidente decaduto, dice di non essere d’accordo nel boicottare Israele.

Ricordiamo la piattaforma approvata dalle assemblee che hanno indetto questa manifestazione:

  • No al progetto sionista di pulizia etnica della Palestina
  • Unità del popolo palestinese nella lotta contro la colonizzazione sionista
  • Rigetto degli accordi di Oslo
  • Sostegno al BDS, applicazione del Diritto al Ritorno, sostegno alla Resistenza ed alle lotte dei prigionieri
  • Interruzione dei rapporti commerciali ed economici, politici e militari, nonché culturali tra l’Italia e lo stato d’Israele

thanks to: PALESTINAROSSA

Dalla Solidarietà alla Lotta Internazionalista – A fianco della Resistenza palestinese – TERZO INCONTRO

Dalla Solidarietà alla Lotta Internazionalista – A fianco della Resistenza palestinese

TERZO INCONTRO

In Italia a partire dal mese di giugno è iniziato un percorso, prospettato da più realtà che lavorano a sostegno della resistenza palestinese, che ha l’intento di costruire in maniera chiara e netta una rete di condivisione dell’analisi politica e degli obiettivi, nonché una piattaforma di solidarietà, lotta e resistenza.
Sono stati organizzati due convegni che hanno rappresentato i primi passi per la costruzione di tale percorso e durante i quali tutti i partecipanti hanno manifestato la volontà di essere coinvolti personalmente e in maniera attiva. Nei dibattiti che hanno avuto luogo i soggetti si sono confrontati discutendo gli argomenti proposti nell’invito ed approvando due mozioni, una a sostegno dei prigionieri ed una riferita all’indizione di una manifestazione nazionale in cui ribadire le posizioni emerse negli incontri:

  • No al progetto sionista di pulizia etnica della Palestina;
  • Unità del popolo palestinese nella lotta contro la colonizzazione sionista e per l’autodeterminazione;
  • Rigetto degli accordi di Oslo;
  • Sostegno al BDS, applicazione del Diritto al Ritorno, sostegno alla Resistenza ed alle lotte dei prigionieri;
  • Interruzione dei rapporti commerciali, economici, politici, militari e culturali tra l’Italia ed Israele.

La risposta alla crisi del sistema capitalista, da parte dell’imperialismo, passa attraverso la creazione di un “nuovo grande Medio Oriente” ad esso funzionale sia per la destabilizzazione dell’area sia per la creazione di nuovi equilibri economici, politici e militari su scala planetaria. In questo contesto il 2 dicembre a Torino il governo italiano terrà un incontro con i vertici dell’entità sionista, per stringere nuove cooperazioni ed ancora più forti accordi di tipo economico, scientifico e militare, candidandosi così a rafforzare il suo ruolo di co-protagonista nell’aggressione imperialista ai popoli arabi.
In vista di quest’incontro bilaterale si è proposto all’assemblea di organizzare la manifestazione nazionale nel capoluogo piemontese il 30 novembre, insieme al coordinamento torinese “Mai complici di Israele”, per chiedere la sospensione di ogni relazione con Israele finché non rispetterà i diritti dei palestinesi e per denunciare chiunque collabori con l’oppressore, favorendo la colonizzazione e l’Apartheid in Palestina.
Nei primi due appuntamenti si è ribadita sia l’intenzione di uscire dal settarismo e dal protagonismo (che spesso hanno portato, nell’ambito della solidarietà con la Palestina, ad una parcellizzazione delle iniziative a tutto vantaggio del progetto sionista) sia l’intenzione di prendere le distanze da quella solidarietà fine a se stessa (che non dà nessun sostegno concreto alla lotta per la liberazione della Palestina). Tutte le realtà sono state quindi invitate a mobilitarsi fin d’ora per ottenere più adesioni possibili sia per la manifestazione nazionale, sia per le successive scadenze.
Alla luce di ciò, e con la volontà di proseguire negli intenti della campagna intrapresa dall’assemblea, invitiamo al terzo incontro che si terrà a Torino il 26 ottobre alle ore 10.30, al circolo Arci Fuoriluogo in corso Brescia 14, con la presenza del compagno Raja Eghbarieh, leader storico della sinistra marxista leninista nei territori palestinesi del ’48.
p.s. Per quanto possibile invitiamo le compagne ed i compagni del sud Italia, che per ragioni logistiche non riusciranno a prender parte all’incontro, ad organizzarne e promuoverne uno parallelo in una città del sud, in modo da agevolare la partecipazione a più forze; nell’eventualità si potesse tenere lo stesso giorno si potrà prevedere un collegamento Skype in diretta tra i due incontri.
Un caro saluto,

Rete di Solidarietà con la Palestina – Milano

per info: coordinamento.palestina.milano@gmail.comhttp://www.palestinarossa.it

Report degli scorsi incontri: PRIMO CONVEGNOSECONDO CONVEGNO