Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War

By Ramzy Baroud

Entire communities in the West Bank either have no access to water or have had their water supply reduced almost by half.

This alarming development has been taking place for weeks, since Israel’s national water company, “Mekorot”, decided to cut off – or significantly reduce – its water supply to Jenin, Salfit and many villages around Nablus, among other regions.

Israel has been ‘waging a water war’ against Palestinians, according to Palestinian Authority Prime Minister, Rami Hamdallah. The irony is that the water provided by “Mekorot” is actually Palestinian water, usurped from West Bank aquifers. While Israelis, including illegal West Bank settlements, use the vast majority of it, Palestinians are sold their own water back at high prices.

By shutting down the water supply at a time that Israeli officials are planning to export essentially Palestinian water, Israel is once more utilizing water as a form of collective punishment.

This is hardly new. I still remember the trepidation in my parents’ voices whenever they feared that the water supply was reaching a dangerously low level. It was almost a daily discussion at home.

Whenever clashes erupted between stone-throwing children and Israeli occupation forces on the outskirts of the refugee camp, we always, instinctively, rushed to fill up the few water buckets and bottles we had scattered around the house.

This was the case during the First Palestinian Intifada, or uprising, which erupted in 1987 throughout the Occupied Palestinian Territories.

Whenever clashes erupted, one of the initial actions carried out by the Israeli Civil Administration – a less ominous title for the offices of the Israeli occupation army – was to collectively punish the whole population of whichever refugee camp rose up in rebellion.

The steps the Israeli army took became redundant, although grew more vengeful with time: a strict military curfew (meaning the shutting down of the entire area and the confinement of all residents to their homes under the threat of death); cutting off electricity and shutting off the water supply.

Of course, these steps were taken only in the first stage of the collective punishment, which lasted for days or weeks, sometimes even months, pushing some refugee camps to the point of starvation.

Since there was little the refugees could do to challenge the authority of a well-equipped army, they invested whatever meager resources or time that they had to plot their survival.

Thus, the obsession over water, because once the water supply ran out, there was nothing to be done; except, of course, that of Salat Al-Istisqa or the ‘Prayer for Rain’ that devout Muslims invoke during times of drought. The elders in the camp insist that it actually works, and reference miraculous stories from the past where this special prayer even yielded results during summer time, when rain was least expected.

In fact, more Palestinians have been conducting their prayer for rain since 1967 than at any other time. In that year, almost exactly 49 years ago, Israel occupied the two remaining regions of historic Palestine: the West Bank, including East Jerusalem, and the Gaza Strip. And throughout those years, Israel has resorted to a protracted policy of collective punishment: limiting all kinds of freedom, and using the denial of water as a weapon.

Indeed, water was used as a weapon to subdue rebelling Palestinians during many stages of their struggle. In fact, this history goes back to the war of 1948, when Zionist militias cut off the water supply to scores of Palestinian villages around Jerusalem to facilitate the ethnic cleansing of that region.

During the Nakba (or Catastrophe) of 1948, whenever a village or a town was conquered, the militias would immediately demolish its wells to prevent the inhabitants from returning. Illegal Jewish settlers still utilize this tactic to this day.

The Israeli military, too, continued to use this strategy, most notably in the first and second uprisings. In the Second Intifada, Israeli airplanes shelled the water supply of whichever village or refugee camp they planned to invade and subdue. During the Jenin Refugee Camp invasion and massacre of April 2002, the water supply for the camp was blown up before the soldiers moved into the camp from all directions, killing and wounding hundreds.

Gaza remains the most extreme example of water-related collective punishment, to date. Not only the water supply is targeted during war but electric generators, which are used to purify the water, are often blown up from the sky. And until the decade-long siege is over, there is little hope to permanently repair either of these.

It is now common knowledge that the Oslo Accord was a political disaster for Palestinians; less known, however, is how Oslo facilitated the ongoing inequality under way in the West Bank.

The so-called Oslo II, or the Israel-Palestinian Interim Agreement of 1995, made Gaza a separate water sector from the West Bank, thus leaving the Strip to develop its own water sources located within its boundaries. With the siege and recurring wars, Gaza’s aquifers produce anywhere between 5-10 percent of ‘drinking-quality water.’ According to ANERA, 90 percent of Gaza water (is) unfit for human consumption.’

Therefore, most Gazans subsist on sewage-polluted or untreated water. But the West Bank should – at least theoretically – enjoy greater access to water than Gaza. Yet, this is hardly the case.

The West Bank’s largest water source is the Mountain Aquifer, which includes several basins: Northern, Western and Eastern. West Bankers’ access to these basins is restricted by Israel, which also denies them access to water from the Jordan River and to the Coastal Aquifer. Oslo II, which was meant to be a temporary arrangement until a final status negotiations are concluded, enshrined the existing inequality by giving Palestinians less than a fifth of the amount of water enjoyed by Israel.

But even that prejudicial agreement has not been respected, partly because a joint committee to resolve water issues gives Israel veto power over Palestinian demands. Practically, this translates to 100 percent of all Israeli water projects receiving the go-ahead, including those in the illegal settlements, while nearly half of Palestinian needs are rejected.

Presently, according to Oxfam, Israel controls 80 percent of Palestinian water resources. “The 520,000 Israeli settlers use approximately six times the amount of water more than that used by the 2.6 million Palestinians in the West Bank.”

The reasoning behind this is quite straightforward, according to Stephanie Westbrook, writing in Israel’s +972 Magazine. “The company pumping the water out is ‘Mekorot’, Israel’s national water company. ‘Mekorot’ not only operates more than 40 wells in the West Bank, appropriating Palestinian water resources, Israel also effectively controls the valves, deciding who gets water and who does not.”

“It should be no surprise that priority is given to Israeli settlements while service to Palestinian towns is routinely reduced or cut off,” as is the case at the moment.

The unfairness of it all is inescapable. Yet, for nearly five decades, Israel has been employing the same policies against Palestinians without much censure or meaningful action from the international community.

With current summer temperature in the West Bank reaching 38 degrees Celsius, entire families are reportedly living on as little as 2-3 liters per capita, per day. The problem is reaching catastrophic proportions. This time, the tragedy cannot be brushed aside, for the lives and well-being of entire communities are at stake.

– Dr Ramzy Baroud has been writing about the Middle East for over 20 years. He is an internationally-syndicated columnist, a media consultant, an author of several books and the founder of PalestineChronicle.com. His books include “Searching Jenin”, “The Second Palestinian Intifada” and his latest “My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story”. His website iswww.ramzybaroud.net.

Sorgente: Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War – Politics for the People | Politics for the People

Esecuzione dei due Palestinesi a Qalandiya: avevano sbagliato strada e non rappresentavano una minaccia

377628CIsraele si conferma ancora una volta come una realtà criminale e violatrice di ogni diritto umano.

I due giovani – fratello e sorella – uccisi a sangue freddo mercoledì mattina al check-point di Qalandiya, e presentati al mondo dalla propaganda israeliana come “attentatori”, in realtà erano due cittadini che si sono trovati per sbaglio a percorrere la carreggiata per autoveicoli, e non quella per i pedoni, e che non hanno capito gli ordini dei militari. La confusione è stata fatale, poiché i robo-killer israeliani li hanno crivellati di colpi.

Lei lascia due bimbi di 6 e 4 anni ed era incinta di 5 mesi.
Il fratello, di 16 anni, ha tentato di portarla via da lì, ma è stato troppo tardi.

Nessuno dei due rappresentava una minaccia.

Testimoni hanno raccontato all’agenzia Ma’an che Maram Salih Hassan Abu Ismail, 23 anni, incinta di cinque mesi e madre di due bimbi, e suo fratello Ibrahim, di 16 anni, si stavano dirigendo verso Gerusalemme, quando hanno imboccato l’ingresso per i veicoli e non quello per i pedoni, dentro il check-point di Qalandiya, vicino a Ramallah.

I due sembrano non fossero in grado di comprendere ciò che i soldati israeliani stavano gridando in ebraico e si sono fermati. I testimoni hanno affermato che Ibrahim sembra avesse tentato di prendere la sorella per un braccio e allontanarla di lì, quando i soldati hanno aperto il fuoco, colpendola. Maram è caduta a terra e quando Ibrahim ha tentato di aiutarla, è stato colpito a sua volta.

Un autista di autobus palestinese, Muhammad Ahmad, ha detto a Ma’an che il soldato che ha sparato a Maram si trovava dietro a un blocco di cemento a 20 metri di distanza da lei, e che né lei né il fratello rappresentavano una minaccia.

Un altro testimone dell’attacco contro i due Palestinesi ha dichiarato a Ma’an che i militari israeliani si sono avvicinati ai due dopo che già erano a terra e hanno di nuovo aperto il fuoco per assicurarsi che fossero morti.

Il testimone ipotizza che i soldati abbiano piazzato i coltelli sulla scena, così che la fotografia potesse essere diffusa dalla polizia israeliana a giustificazione del duplice omicidio.

Le testimonianze raccolte, infatti, contraddicono la versione della polizia israeliana.

Maram aveva ottenuto, per la prima volta, un permesso dalle autorità israeliana per entrare a Gerusalemme. Anche questo spiega la sua confusione sul percorso da prendere nel check-point.

 

  thanks to: Agenzia stampa Infopal

Palestinese vince premio per l’insegnamento da un milione di dollari.

hanan

L’immagine mostra Hanan Al Hroub che insegna ai bambini rifugiati

By Sean Coughlan, 13 marzo 2016

 

Un’ insegnante palestinese ha vinto un milione di dollari in un premio internazionale per l’insegnamento. Il riconoscimento è stato annunciato da Papa Francesco in un video.

Hanan Al Hroub è cresciuta in un campo per rifugiati palestinesi e adesso insegna a questi stessi rifugiati. È specializzata nel supporto ai bambini traumatizzati dalla violenza.

La vincitrice è stata annunciata durante una cerimonia di premiazione a Dubai, con un videomessaggio di congratulazioni mandato dal principe William.

Il Papa Francesco ha mandato a sua volta un messaggio in cui ha sostenuto che questi insegnanti sono ” i costruttori della pace e dell’unità”.

La signora Al Hroub ha poi detto agli spettatori che “gli insegnanti sono capaci di cambiare il mondo.” e il principe William ha citato “l’incredibile responsabilità” degli insegnanti.

C’è stato anche un finalista britannico, Colin Hegarty, un professore di matematica da Londra che ha creato un sito internet interattivo con lezioni di matematica online.

I finalisti del Global Teacher Prize comprendono insegnanti da India, Kenya, Finlandia e dagli Stati Uniti.

Creato dalla Varkey Foundation, la sezione filantropica della società scolastica internazionale GEM, il premio e la cerimonia in stile Oscar hanno lo scopo di innalzare lo status della professione educativa.
Il pubblico dell’evento includeva anche stars di Hollywood come Salma Hayek e Matthew McConaughey e personalità politiche, tra le quali l’ex primo ministro britannico, Tony Blair, ed il vicepresidente degli Emirati Arabi, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

I primi 10 finalisti sono stati invitati sul palco da un videomessaggio del fisico Stephen Hawking ed hanno ricevuto le congratulazioni in un videomessaggio dal vicepresidente statunitense, Joe Biden, e dall’ex presidente americano, Bill Clinton.

Gli altri finalisti erano:

•Maarit Rossi, dalla Finlandia, che ha sviluppato un proprio metodo per insegnare la matematica. La Finlandia ha alcuni dei migliori risultati mondiali nei test internazionali ma le scolaresche della signora Rossi ricevono risultati di alto livello persino se comparati agli standard finlandesi.

•Aqeela Asifi, arrivata in Pakistan come rifugiata dall’Afghanistan. Insegna alle bambine rifugiate nelle scuole che ha essa stessa creato.

•Ayub Mohamud, insegnante di economia dal Kenya, è arrivato in finale grazie ad un progetto ideato per evitare l’estremismo violento e la radicalizzazione.

•Robin Chaurasiya da Mumbai, in India. Ha fondato un’organizzazione per educare e supportare le adolescenti dei quartieri a luci rosse della città.

•Richard Johnson, un insegnante di scienze da Perth in Australia, che ha ideato un laboratorio di scienze per bambini delle scuole elementari.

•Michael Soskil dalla Pennsylvania, negli Stati Uniti, già vincitore del Premio Presidenziale per l’Eccellenza nell’Insegnamento della Matematica e delle Scienze. È stato in grado di motivare i suoi alunni mettendoli in collegamento con progetti provenienti da tutto il mondo.

•Kazuya Takahashi, dal Giappone, ha sviluppato sistemi innovativi per insegnare le scienze ed incoraggiare alla cittadinanza globale.

•Joe Fatheree, dall’Illinois negli Stati Uniti, è stato un pioniere nell’insegnare progetti attraverso l’uso di stampanti tridimensionali, della tecnologia dei droni e usando videogiochi come Minecraft.

Sunny Varkey, fondatore della Varkey Foundation, ha spiegato alla conferenza educativa internazionale che il premio è stato ideato per aumentare il riconoscimento pubblico dell’importanza della figura dell’insegnante.

“La mia speranza è che i bambini di tutto il mondo guardino la cerimonia di domenica e pensino a ciò che gli insegnanti fanno per loro.” ha detto Varkey.

thanks to: trad. L. Pal – Invictapalestina

BBC

164 palestinesi uccisi dall’inizio dell’Intifada di Gerusalemme, tra cui 39 bambini

L’”Assemblea nazionale delle famiglie dei martiri della Palestina “, che fa parte dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, ha dichiarato che il numero dei minorenni uccisi dallo scoppio dell’Intifada di Gerusalemme, nello scorso ottobre, è salito a 39, tra cui 16 bambine e ragazze.

In un comunicato pubblicato domenica, l’organizzazione ha riferito che il numero dei palestinesi uccisi nell’Intifada è salito a 164, con l’uccisione, sabato sera, del 17enne Muhammad NabilHalabiyya, della cittadina di AbuDis, e con quella di Ruqayya ‘Aid Abu ‘Aid, 13 anni, originaria della cittadina di Yatta, a sud di Hebron , avvenuta lunedì nel villaggio di ‘Anata, vicino a Gerusalemme.

L’Assemblea sottolinea come la piccola Ruqayya‘Aid sia la terza in ordine di età fra i bambini uccisi nell’Intifada, dopo il piccolo Ramadan Thawabtah, di 3 mesi, della cittadina di BaitFajjar, e la piccola Rahaf Hassan, di 2 anni, di Gaza, uccisa con la mamma durante un bombardamento dell’aviazione israeliana.

( Fonte: Infopal.it )

Sorgente: 27-1-16_164palestinesi-uccisi

Appello internazionale in supporto dell’Intifada palestinese

Noi, Giovani palestinesi in esilio, chiediamo a tutti i palestinesi e le persone solidali con la nostra causa di difendere la nostra terra e sostenere la resistenza e la determinazione del nostro popolo in Palestina. Da settimane la moschea di Al Aqsa è vittima di assalti brutali mentre i coloni e l’esercito sionista compiono omicidi arbitrari e arresti di massa in tutta la Palestina. In risposta alla violenza sionista, dobbiamo ribadire che la resistenza è una strategia necessaria e obbligatoria per sopravvivere alla perpetrazione del progetto di pulizia etnica ai danni dei palestinesi.

La repressione militare sionista e le inaccettabili violazioni dei coloni, insieme ad una leadership palestinese collusa che agisce ormai come garante dell’occupazione e non più come guida del progetto di liberazione, tentano di garantire la liquidazione totale della resistenza palestinese e l’accelerazione della pulizia etnica. In questa lotta sbilanciata tra un’ideologia razzista e istituzionalizzata, e l’eroica resistenza del popolo palestinese, Israele gode ancora del sostegno dei suoi alleati internazionali, che noi riteniamo parimente responsabili di questi crimini.

Noi giovani palestinesi dobbiamo assumerci la piena responsabilità e il diritto di difendere il nostro popolo e la nostra terra e mobilitarci ovunque ci troviamo. La lotta in corso in tutta la Palestina è nostra: è una lotta per far prevalere la giustizia su un progetto coloniale, è una lotta contro il colonialismo in tutte le sue forme e manifestazioni. Questa è la rivolta di una nuova generazione di palestinesi, uniti ovunque essa siano, intorno a principi di dignità, di ritorno e di liberazione di tutta la Palestina!

Condividiamo la voce della resistenza palestinese. Denunciamo i crimini sionisti e la complicità dei loro alleati. Rompiamo l’isolamento dei palestinesi sotto occupazione.

Ci appelliamo a tutti i palestinesi in esilio, i movimenti di solidarietà e tutte le persone che credono nella giustizia, a proseguire gli sforzi di mobilitazione ed ad unirsi a noi nel sostegno alla resistenza palestinese che culminerà con una mobilitazione internazionale il 29 Novembre 2015 e continuerà fino a che la Palestina non sarà libera.

Scegliendo la “giornata internazionale di solidarietà con la Palestina indetta dall’ONU intendiamo ribadire che la solidarietà è genuina solo se rispetta la totalità dei principi nazioali palestinesi, il ruolo di tutte le comunità palestinesi ovunque esse siano nella lotta di liberazione e la legittimità della resistenza palestinese.

  • Stop all’occupazione e alla colonizzazione sionista di tutta la Palestina
  • Sostegno incondizionato alla resistenza palestinese
  • Libertà per i prigionieri palestinesi
  • Ritorno dei profughi palestinesi
  • No al silenzio complice della Comunità Internazionale
  • Sì al BDS – Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni contro Israele

Per sottoscrivere questo appello mandaci una email a: pal.youth.transnational@gmail.com

Palestina, esistere non basta più

Il filtro dei media racconta solo la violenza, mai la disobbedienza e la disperazione

Nell’ultimo mese la tensione in Palestina e in Israele è cresciuta fino ad esplodere in scontri, omicidi, esecuzioni sommarie da parte dell’esercito e fitte sassaiole. Le immagini sono arrivate nelle nostre case dai telegiornali, con giornalisti che, con funambolica abilità, con la solita litania ci dicono che gli israeliani si difendono dai terroristi. Ormai si aggiornano solo i numeri.

E’ diventato questo il conflitto israelo-palestinese per i media? Ebbene sì un susseguirsi di numeri aggiornati in tempo reale. Le scene da film di Tarantino in cui feriti palestinesi, bambini o adulti che siano, vengono ammazzati, o come dice la sicurezza israeliana “neutralizzati”, non vengono trasmesse dai media internazionali.

Così come non lo sono le immagini del bambino ferito da un colono che senza pietà gli grida “figlio di puttana” e chiede ai poliziotti, che calciano il ferito, di finirlo. Le televisioni internazionali non hanno passato il video in cui con disprezzo un colono israeliano ha sbattuto sul viso di un ragazzino palestinese ferito che veniva trasportato su una barella delle fette di carne di maiale, gridando “sappiamo quanto a voi musulmani piace il maiale.” Le immagini di questi attacchi brutali si trovano su Facebook e Twitter, ad uso di coloro che la causa palestinese la seguono da anni e sanno già molto bene quale sia la situazione.

IL LINGUAGGIO USATO DAI MEDIA, CHE NON PRONUNCIANO MAI LA PAROLA OCCUPAZIONE E RIPORTANO CIFRE E FATTI SENZA CONTESTO, CONTRIBUISCE NUOVAMENTE AD ISOLARE I PALESTINESI, A BENEFICIO DI ISRAELE. UN’ALTRA PORTA IN FACCIA A PERSONE CHE DA GENERAZIONI HANNO FATTO DELLA RESISTENZA, DEL RESTARE ATTACCATI ALLA PROPRIA TERRA AD OGNI COSTO UNA RAGIONE DI VITA.

“Esistere è resistere”, si legge sul Muro che Israele ha costruito oltre la Linea Verde per prendersi terre e risorse idriche palestinesi. Ma oggi i giovani palestinesi pensano che forse anche esistere non sia più sufficiente perché la loro è diventata una realtà che è al di sotto della sopravvivenza. Soffocati dall’oppressione del regime militare di occupazione che controlla le loro vite fin dalla nascita, dal numero sempre crescente di coloni, oggi oltre 600,000 di cui circa 300,000 solo a Gerusalemme Est, i giovani palestinesi hanno rotto le fila dell’immobilismo imposto dalla politica di contenimento dell’asservita autorità palestinese.

Con i leader politici di un certo calibro dietro le sbarre delle carceri israeliane e i burocrati neoliberisti dell’Autorità Palestinese al potere impegnati a far quadrare i conti per ingraziarsi i generosi donatori stranieri, occidentali o arabi che siano, i giovani palestinesi non hanno trovato che se’ stessi come ultima ed unica “arma” per contrastare l’occupazione. E non si può dire che non abbiano provato a farlo con mezzi pacifici.

FORSE IN POCHI RICORDANO QUANDO NEL 2011 TENTARONO AZIONI DI DISOBBEDIENZA CIVILE SALENDO SUGLI AUTOBUS RISERVATI AGLI ISRAELIANI CHE ATTRAVERSANO LA CISGIORDANIA CON DESTINAZIONE GERUSALEMME E FURONO BRUTALMENTE PICCHIATI E ARRESTATI. NON FA NOTIZIA IL FOTOGRAFO PALESTINESE CHE, NONOSTANTE ABBIA AVUTO ENTRAMBE LE GAMBE AMPUTATE A SEGUITO DI OPERAZIONI MILITARI, CONTINUA A CHIEDERE GIUSTIZIA PUBBLICANDO LE FOTO DI GAZA IN MACERIE. NON HANNO FATTO NOTIZIA I RAGAZZI E LE RAGAZZE VESTITI COME I PERSONAGGI DI AVATAR PER PROTESTARE CONTRO IL MURO CHE A BIL’IN GLI PORTA VIA LE TERRE CHE LE LORO FAMIGLIE HANNO COLTIVATO DA GENERAZIONI, CHE GLI PORTA VIA IL FUTURO.

Stanchi anche dell’indifferenza della politica internazionale, che ha ridicolizzato i timidi tentativi dei burocrati palestinesi di far uso dei meccanismi di giustizia internazionale, i giovani palestinesi non possono fare altro che prendere in mano il proprio futuro; è la loro unica possibilità di sopravvivenza. Non gli resta altro che danzare la debke mentre lanciano un sasso contro una jeep dell’esercito israeliano o andare verso morte certa colpendo con un coltello chi è partecipe, più o meno consapevole, di un sistema coloniale che da decenni li umilia e li opprime.

Sarebbe miope pensare che quello a cui stiamo assistendo in questi giorni sia la reazione alle restrizioni che Israele ha imposto un mese fa all’accesso alla moschea di Al Aqsa o che da parte israeliana la furia sia stata scatenata dall’attacco in cui hanno perso la vita due coloni israeliani nei pressi di Nablus.

Le violenze e le manifestazioni di questi giorni sono la cartina tornasole del fallimento degli accordi di Oslo, della pace economica di Saeb Erekat, della soluzione a due stati. Da parte palestinese è tragicamente sfociato in impotenza l’ottimismo di coloro che, non avendo capito che i lunghi documenti degli Accordi di Oslo altro non erano che una trappola per sottrarre ai palestinesi il controllo delle proprie terre, risorse e del proprio destino, vent’anni dopo, si sono solo trovati inermi e indebitati con le banche.

In questo clima di frustrazione, di slogan politici e nazionalisti che non erano altro che parole portate via dal vento, sono cresciuti i ragazzi e le ragazze che, con l’incoscienza e spudoratezza della loro età, oggi affrontano a volto coperto e con le mani piene di pietre un nemico crudele e inesorabile. Anche i bambini, cresciuti nei campi profughi o in una Gerusalemme est intrisa di tensione e paura, che hanno visto i propri parenti e i compagni di scuola picchiati e arrestati dalle forze di sicurezza israeliane, si sentono grandi e prendono parte ad un gioco al massacro più grande di loro.

Chi dovrebbe proteggerli ancora sembra non aver capito che le regole del gioco sono cambiate e che uccidere a sangue freddo un bambino palestinese per Israele è ordinaria amministrazione. A Gaza durante l’attacco dell’estate 2014, Israele ha ucciso oltre 550 bambini e non ha mostrato rimorsi, tanto meno la comunità internazionale ha alzato la voce per far capire che certe morti innocenti non possono essere tollerate, al contrario i dati di quest’anno indicano trend positivi nel settore industriale bellico israeliano.

GLI ISRAELIANI, SCAMPATO OGNI PERICOLO CHE IL SOGNO PALESTINESE DI OSLO POTESSE DIVENTARE REALTÀ, STANNO DANDO LIBERO SFOGO ALLA FOBIA DELL’ARABO E ALLA VOGLIA DI VENDETTA GENERATI DALLA PROPAGANDA DEL TERRORE E DALLA DISUMANIZZAZIONE IDEOLOGICA DEI PALESTINESI CHE PERVADE IL SISTEMA DELL’ISTRUZIONE, L’ESERCITO E I MEDIA ISRAELIANI E INTERNAZIONALI.

La disumanizzazione dei palestinesi agli occhi degli israeliani è ulteriormente rafforzata dalla separazione fisica che i due gruppi hanno subito a causa delle politiche adottate da Israele e culminate con la costruzione del Muro e la chiusura di Gaza. In una società profondamente militarizzata è facile instillare disprezzo e senso di superiorità verso coloro tenuti sotto il giogo militare e coloniale. I continui attacchi dei coloni contro i palestinesi, le migliaia di ulivi sradicati, le case palestinesi bruciate e la morte di famiglie innocenti sono testimonianza di questi sentimenti.

Negli ultimi giorni questa violenza è sfociata in follia e caccia all’arabo, per cui il minimo sospetto legittima agli occhi dell’israeliano e dell’occidentale medio esecuzioni sommarie come quella avvenuta nella stazione degli autobus di Afula. La gravità della situazione è confermata dall’impunità con cui tutto questo avviene, ad ulteriore conferma del fatto che le autorità israeliane sono non solo complici ma istigatrici di questa violenza.

Gestire il livello di violenza a seconda delle necessità politiche è una delle tattiche con cui Israele si destreggia abilmente per assicurarsi la coesione interna e l’appoggio incondizionato delle potenze occidentali unite nella lotta al terrorismo. Fino a che il conflitto israelo-palestinese sarà confinato nella retorica del terrorismo il ciclo di violenza non si arresterà.

Fino a che non si condannerà l’occupazione israeliana in maniera categorica chiedendone la fine incondizionata, i ragazzi palestinesi continueranno a morire ammazzati senza che nessun rappresentanza politica rivendichi queste giovani vite. I ragazzi e le ragazze palestinesi che in questi giorni hanno accettato di sfidare la morte anche semplicemente uscendo da casa o da scuola, l’hanno fatto con la triste consapevolezza di non avere nessun esercito che si mobiliterà in loro difesa e che nessuna sentenza punirà mai i colpevoli della loro morte.

E’ difficile prevedere quali potranno essere gli sviluppi di una situazione in cui i responsabili politici, da un parte gli israeliani per un piano preordinato e dall’altra la leadership palestinese per debolezza politica e interesse, hanno rispettivamente voluto e lasciato che il conflitto sfociasse nella violenza privata. Il sindaco di Gerusalemme che esorta i propri cittadini ad armarsi e le misure punitive adottate dal Governo israeliano di chiudere alcuni quartieri di Gerusalemme Est e di non restituire i corpi dei palestinesi coinvolti in attacchi contro israeliani sono benzina sul fuoco, ed indicano che Israele intende far affogare la causa palestinese nel sangue.

Il rappresentante diplomatico palestinese alle Nazioni Unite ieri ha affermato che i Palestinesi necessitano della protezione delle forze delle Nazioni Unite, forse dimenticandosi che tale forza può essere autorizzata solo dal Consiglio di Sicurezza, l’organo delle Nazioni Unite che da sempre è stato ostile verso l’adozione di misure efficaci contro le violazioni israeliane a causa del diritto di veto dell’alleato chiave di Israele: gli Stati Uniti.

FORSE AVREBBE DOVUTO PRENDERE NOTA DEL COMUNICATO CON CUI L’AMMINISTRAZIONE AMERICANA CONDANNAVA GLI ATTACCHI CONTRO GLI ISRAELIANI SENZA FAR ALCUN RIFERIMENTO AI MORTI PALESTINESI, CHE IN MENO DI DUE SETTIMANE SONO ARRIVATI AD OLTRE 30. IL RESTO DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE, IMPEGNATA IN MANOVRE BELLICO-DIPLOMATICHE SULL’INGESTIBILE FRONTE SIRIANO, SI È LIMITATA A POCHE FRASI DI ROUTINE SENZA MORDENTE.

Il presidente palestinese Abu Mazen ha dimostrato di aver perso completamente il polso della situazione e ha ribadito il proprio impegno per la pace e chiesto la fine dell’occupazione. Impegnarsi per la fine dell’occupazione con ogni mezzo e senza concessioni, per avere libertà, giustizia e rispetto per i propri diritti per arrivare a parlare di pace, è invece quello che oggi chiedono i giovani palestinesi, in Palestina e in Israele.

Ora più che mai sentono che il tempo è loro nemico e che l’occupazione li sta strangolando. E si sa, chi si sente afferrato alla gola non può che reagire scalciando violentemente per liberarsi dalla presa e non soccombere per la mancanza di ossigeno.

Se questa sia una terza intifada o meno poco importa, non è importante darle un nome, è importante capirne il messaggio: la politica a tutti i livelli e per ragioni diverse ha fallito, ha lasciato le persone indifese e gli individui devono far cambiare la politica.

Questo messaggio sembra essere arrivato anche ai palestinesi cittadini d’Israele e agli arabi israeliani che hanno indetto uno sciopero generale e in circa 200,000 hanno dimostrato a Sakhnin, nel nord di Israele, in solidarietà con i palestinesi sotto occupazione. A questa specifica manifestazione avrebbero dovuto aggiungersi gli ebrei israeliani, in quanto vittime della manipolazione e delle politiche coloniali israeliane.

Dovremmo tutti riempire le strade delle capitali europee, di New York, di Pechino, fare come a Santiago del Cile, avere il coraggio di esigere dai nostri politici di smetterla con l’ipocrisia di considerare le parti del conflitto israelo-palestinese come duellanti ad armi pari e di riconoscere che Israele detiene le chiavi per la soluzione di questo conflitto, che non è né religioso né lotta al terrorismo, ma un regime coloniale e razzista camuffato da occupazione militare. Riprendiamoci anche noi, come stanno facendo i giovani palestinesi il potere nelle nostre mani e facciamo sentire la nostra voce di dissenso nei confronti dei nostri stati per la loro connivenza con i crimini commessi da Israele.

DOBBIAMO FAR IN MODO CHE LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE SIA COSTRETTA A MANDARE UN SEGNALE FORTE, ASSORDANTE, CHE FACCIA SENTIRE ISRAELE A DISAGIO CON IL RESTO DEGLI ALLEATI DI SEMPRE. NON È QUESTO CHE SI FA ANCHE CON UN AMICO QUANDO, DOPO RIPETUTE RIMOSTRANZE, CONTINUA DRITTO PER LA SUA STRADA? AD UN CERTO PUNTO LO SI ALLONTANA PER INCORAGGIARLO A RIFLETTERE E CAMBIARE ATTEGGIAMENTO.

E allora abbiamo il dovere di chiedere che i nostri stati cessino di fornire armi ad Israele, di puntare il dito ogni volta che la nostra politica estera filo-israeliana contribuisce a rafforzare l’occupazione, di rifiutarci di vedere nei nostri supermercati prodotti delle colonie israeliane in Palestina. Se alzassimo la testa e facessimo sentire la nostra voce e il nostro appoggio aiuteremmo questi giovani palestinesi a non dubitare che “Esistere è Resistere”, insieme.

La terza intifada, per quelli che vogliono chiamarla in questo modo, è una lotta a mani nude per la libertà e contro l’oppressione, che dovrebbe andare oltre i confini della Palestina, per dare a tutti noi di nuovo il coraggio di prendere in mano una pietra per scagliarla contro il muro d’indifferenza dei nostri politici, per far valere i nostri diritti.

thanks to: Grazia Careccia

qcodemag.it

Dal 1° di ottobre, 3.730 Palestinesi feriti in Cisgiordania e Striscia di Gaza

 

16/10/2015

12074500_10154301473485760_1220116110765222881_n

 

Betlemme-Ma’an. Oltre 400 palestinesi sono stati feriti negli scontri, martedì, in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, secondo quanto affermato dalla Mezzaluna Rossa, con almeno 31 persone colpite da munizioni letali.

 

In Cisgiordania, gli scontri sono continuati per il 12esimo giorno consecutivo mentre le forze israeliane hanno represso le manifestazioni popolari in Hebron, Betlemme, Nablus e altri distretti.

 

13 palestinesi sono stati colpiti e feriti con munizioni letali, 84 da pallottole d’acciao rivestite in gomma (PARG) e 229 dal gas lacrimogeno, secondo quanto dichiarato da un portavoce della Mezzaluna Rossa a Ma’an.

 

Almeno quattro palestinesi sono stati colpiti con munizioni letali durante gli scontri ai posti di guardia di Beit Furik e Huwwara, a Nablus, e portati all’ospedale per trattamento, secondo quanto affermato da medici.

 

A Hebron, centinaia di studenti universitari hanno marciato verso i check-point militari nel nord della città, con le forze israeliane che aprivano il fuoco contro i manifestanti.

 

Cinque manifestanti sono stati colpiti da raffiche di munizioni letali e trasferiti in un ospedale nel nord di Hebron, mentre un giovane e un bambino sono stati colpiti all’entrata del campo profughi di al-Fawwar.

 

Sono almeno 16 i feriti da PARG nel distretto di Hebron.

 

A Beltemme, Mutaz Ibrahim Zawahreh, 27 anni, è stato colpito da una munizione letale al petto ed è stato poi trasferito in ospedale in condizioni critiche, dov’è poi morto, secondo quanto dichiarato da fonti mediche dell’Ospedale governativo Beit Jala a Ma’an.

 

Molte altre decine di persone sono state ferite dai proiettili d’acciaio rivestiti in gomma e dal gas lacrimogeno.

 

Nel frattempo, la Mezzaluna Rossa ha affermato che almeno 18 palestinesi sono stati colpiti con munizioni letali, a Gaza, mentre altri 43 sono stati colpiti da PARG.

 

Decine di giovani palestinesi hanno preso parte ad una manifestazione a Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, contro le violazioni israeliane in corso contro Cisgiordania e Gerusalemme est occupate, mentre dei manifestanti si sono riuniti a est del campo profughi al-Bureij, nel centro di Gaza.

 

Un portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato a Ma’an che “centinaia di manifestanti si sono radunati vicino alla barriera di confine lanciando pietre e facendo rotolare pneumatici incendiati”, mentre le forze israeliane hanno risposto con mezzi di dispersione di manifestanti.

 

Più tardi, centinaia di palestinesi hanno cercato di fare breccia nella “barriera di sicurezza” e le forze israeliane hanno sparato colpi di avvertimento verso l’alto, ha aggiunto il portavoce.

 

Gli ultimi feriti negli scontri di martedì hanno portato il numero totale di palestinesi feriti dal 1° di ottobre a 3.730 in Cisgiordania e Striscia di Gaza.

 

360 sono stati colpiti con munizioni letali, 932 con proiettili d’acciaio rivestiti in gomma e 2365 sono stati intossicati con il gas lacrimogeno, ha affermato la Mezzaluna Rossa.

 

Almeno tre palestinesi sono stati investiti da veicoli militari israeliani, mentre 68 sono stati assaliti dalle forze militari.

 

La morte di Mutaz Ibrahim Zawahreh, 27 anni, porta a 30 il numero totale di palestinesi uccisi a ottobre, 17 dei quali uccisi durante gli scontri.

 

Gli scontri in corso sono stati indotti dalle rappresaglie dell’esercito e dei coloni israeliani dopo che quattro israeliani sono stati uccisi in due attacchi distinti all’inizio di ottobre, sebbene le tensione fossero in crescita da settimane a causa delle restrizioni contro i palestinesi nel complesso della moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme est.

 

Traduzione di F.H.L.

 

 

 thanks to: Infopal

44 Palestinians Killed This Month, Including 11 Children

Sunday October 18, 2015

Three Palestinians were killed in the southern West Bank city of Hebron, another youth was killed in Jerusalem, and a fifth was killed at Qalandia checkpoint by Israeli live gunfire on Saturday. According to the Palestinian Ministry of Health, these five casualties bring the total number of Palestinians killed in October to 44.

 

  Clashes in Bethlehem on October 9th  - Photo by WAFA
Clashes in Bethlehem on October 9th – Photo by WAFA

Moreover, the ministry reported that 1300 Palestinians have been injured since October 1st during ongoing clashes in Gaza, the West Bank and Jerusalem, including 550 that were hit by Israeli live gunfire.

In addition, since the beginning of October, more than 650 Palestinians have been abducted and imprisoned by the Israeli army, according to political prisoners rights groups. An earlier report by the Ministry of Health showed that since the start of October, 5000 residents were treated for the effects of tear gas inhalation fired by Israeli troops targeting Palestinian protesters.

In Hebron Saturday morning, a right-wing Israeli paramilitary settler shot and killed a Palestinian teenager Saturday morning on Shuhada Street in the center of Hebron, in the southern part of the West Bank.

Video footage captures the immediate aftermath of the shooting, in which an Israeli paramilitary settler dressed in white holds two guns and directs the Israeli soldiers toward the body of the boy he killed. The 18-year old victim was identified as Fadel al-Qawasmi, 18. Paramedics with the Palestinian Red Crescent were denied access to the dying teen, and Israeli troops took the body away without allowing any medical personnel or family members near the body.

Just few hours later Israeli troops shot and killed a Palestinian young woman in Hebron old city, until the time of this report name was not released to media.

Also on Saturday morning, Israeli soldiers shot and killed, on Saturday, a Palestinian teen close to the Armon Hanetziv illegal colony, built on Palestinian lands in Jabal al-Mokabber neighborhood, in occupied East Jerusalem. The slain Palestinian has been identified as Mo’taz Ahmad Hajes ‘Oweisat, 16 years of age, the Wadi Hilweh Information Center in Silwan (Silwanic) has reported.

Between the week of Saturday October 10, to Friday October 16, at least 15 Palestinians were killed three in Gaza and 12 in the West Bank by Israeli troops gunfire. Meanwhile a Palestinian political prisoner died while being held by the Israeli army. Moreover a Palestinian farmer was killed after being attacked by Israeli settlers and soldiers as he was harvesting his olive trees.

The names of those killed by the army in October:

West Bank and Jerusalem:

  1. Mohannad Halabi, 19, al-Biereh – Ramallah.
  2. Fadi Alloun, 19, Jerusalem.
  3. Amjad Hatem al-Jundi, 17, Hebron.
  4. Thaer Abu Ghazala, 19, Jerusalem.
  5. Abdul-Rahma Obeidallah, 11, Bethlehem.
  6. Hotheifa Suleiman, 18, Tulkarem.
  7. Wisam Jamal, 20, Jerusalem.
  8. Mohammad al-Ja’bari, 19, Hebron.
  9. Ahmad Jamal Salah, 20, Jerusalem.
  10. Ishaq Badran, 19, Jerusalem.
  11. Mohammad Said Ali, 19, Jerusalem.
  12. Ibrahim Ahmad Mustafa Awad, 28, Hebron.
  13. Ahmad Abedullah Sharakka, 13, Al Jalazoun Refugee camp-Ramallah.
  14. Mostafa Al Khateeb, 18, Sur-Baher – Jerusalem.
  15. Hassan Khalid Manassra, 15, Jerusalem.
  16. Mohamed Nathmie Shamassnah, 22, Kutneh-Jerusalem.
  17. Baha’ Elian,22, Jabal Al Mokaber-Jerusalem.
  18. Mutaz Ibrahim Zawahra, 27, Bethlehem. Hit with a live bullet in the chest during a demonstration.
  19. Ala’ Abu Jammal, 33, Jerusalem.
  20. Bassem Bassam Sidr, 17, Hebron.
  21. Ahmad Abu Sh’aban, 23, Jerusalem.
  22. Ibraheem Dar-Yousif, 46, Al Janyia village Ramallah( Killed while harvesting olives)
  23. Fadi Al-Darbi , 30, Jenin – died in Israeli detention camp.
  24. Eyad Khalil Al Awawdah, Hebron.
  25. Ihab Hannani, 19, Nablus.
  26. Fadel al-Qawasmi, 18, Hebron.
  27. Mo’taz Ahmad ‘Oweisat, 16, Jerusalem.
  28. Bayan Abdul-Wahab al-‘Oseyli, 16, Hebron
  29. Tariq Ziad an-Natsha, 22, Hebron
  30. Omar Mohammad al-Faqeeh, 22, from Qotna village, killed 10/17 in Qalandia protest

Gaza Strip:

  1. Shadi Hussam Doula, 20.
  2. Ahmad Abdul-Rahman al-Harbawi, 20.
  3. Abed al-Wahidi, 20.
  4. Mohammad Hisham al-Roqab, 15.
  5. Adnan Mousa Abu ‘Oleyyan, 22.
  6. Ziad Nabil Sharaf, 20.
  7. Jihad al-‘Obeid, 22.
  8. Marwan Hisham Barbakh, 13.
  9. Khalil Omar Othman, 15.
  10. Nour Rasmie Hassan, 30.
  11. Rahaf Yihiya Hassan, two years old.  -killed along with her mother in an Israeli airstrike
  12. Yihya Farahat, 23.
  13. Shawqie Jaber Obed, 37.
  14. Moahmed Ehmeed, Age unknown.

Israeli casualties during the same time period:

10/13 – Yeshayahu Kirshavski, 60, bus shooting in East Jerusalem
10/13 – Haviv Haim, 78, bus shooting in East Jerusalem

thanks to: Imemc

Gerusalemme blindata, appello palestinese alla solidarietà internazionale

 

 

 

 

Migliaia di agenti di polizia e della guardia di frontiera israeliana sono affluiti a Gerusalemme per la “Giornata della collera” proclamata per oggi, venerdì di preghiera per i musulmani, dal movimento islamico Hamas e da altre organizzazioni palestinesi per protestare contro Israele, le violazioni della Spianata di Al Aqsa e l’occupazione militare, nel nome dell’Intifada di Gerusalemme (chiamata Intifada dei coltelli dagli israeliani) divampata all’inizio di ottobre. A riferirlo è l’agenzia Nena News.

 

La Città Vecchia di Gerusalemme è blindata e presidiata da centinaia di uomini dei reparti antisommossa della polizia. Ai palestinesi musulmani con meno di 40 anni è vietato andare a pregare sulla Spianata delle Moschee. Restano operativi tutti i blocchi stradali messi in atto negli ultimi due giorni dalle forze di sicurezza intorno ai quartieri e sobborghi di Gerusalemme Est, la zona palestinese della città sotto occupazione israeliana dal 1967. Misure che, assieme alla demolizione delle case e alla confisca delle proprietà alle famiglie dei responsabili di accoltellamenti e attentati, sono descritte da alcuni centri per i diritti umani come “punizioni collettive” contro l’intera popolazione palestinese.Negli scontri, accoltellamenti e violenze sono stati uccisi nei giorni scorsi sette israeliani e oltre 30 palestinesi.

 

Dalla Palestina arriva intanto un appello per un’ondata internazionale di azione in solidarietà con la lotta palestinese, con un invito “ad agire e intensificare le campagne per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS)” per mandare “un messaggio chiaro e forte ai Palestinesi che non sono soli”. Dal 16 al 18 ottobre sono state organizzate proteste in tutto il mondo, in particolare per chiedere l’embargo militare e altre sanzioni ad Israele. Manifestazioni sono previste in questi giorni a Roma, Cagliari, Milano, Napoli, Parma, Torino, Trieste, Varese.

 

Qui di seguito il comunicato del Comitato nazionale palestinese per il BDS

 

Qualora continui da parte di Israele l’attuale fase di intensificata repressione e la resistenza popolare palestinese si evolva in una intifada a pieno titolo o no, una cosa è già evidente, una nuova generazione di palestinesi sta marciando sulle orme di generazioni precedenti e si mobilita in massa contro il brutale regime israeliano di occupazione, contro il colonialismo e contro il decennale sistema di apartheid.

 

I governi del mondo, soprattutto in Occidente, definiscono “ciclo di violenze” il conflitto, dove entrambe le parti sono colpevoli, e ignorano così la causa principale consistente in un conflitto coloniale, complici nel permettere a Israele di mantenerlo e di violare impunemente il diritto internazionale. Quasi tutti i palestinesi oggi chiedono un boicottaggio completo di Israele e il suo isolamento a livello internazionale, in tutti i campi, come è successo per il Sud Africa dell’Apartheid.

 

In questa ultima fase, Israele ha soffiato sul fuoco della resistenza popolare palestinese intensificando i suoi attacchi contro il complesso della moschea al-Aqsa, il Nobile Santuario, situato nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme occupata da Israele. Gruppi di fanatici coloni ebrei fondamentalisti appoggiati dal governo hanno costantemente profanato il complesso, spesso insultando verbalmente e in modo vile e razzista chi andava a pregare chiedendo apertamente la distruzione della moschea. Ciò ha scatenato la rabbia e diffuse proteste a Gerusalemme tra i palestinesi e ovunque nella Palestina storica.

 

In genere, la risposta dell’esercito israeliano è stata quella di proteggere i coloni criminali e di punire le vittime palestinesi, e di impedire l’accesso al proprio luogo sacro a quasi tutti i palestinesi.

 

Queste minacce sono prese sul serio dai palestinesi che soffrono quotidianamente le conseguenze della politica ufficiale di Israele di “giudaizzazione” della città, una politica di graduale colonizzazione della terra e di sostituzione della popolazione indigena palestinese cristiana e musulmana con coloni ebrei illegali. Questa politica, che determina la pulizia etnica costituendo un crimine di guerra secondo il diritto internazionale, si attua attraverso incessanti confische di terre, l’espansione del muro coloniale, le demolizioni di case, la presa di case palestinesi da parte di coloni, le esecuzioni extragiudiziali, gli arresti e le espulsioni, il tutto sostenuto dal sistema israeliano di “giustizia”, un complice sempre affidabile che avalla i crimini.

 

Del resto, non è un caso isolato l’ultimo attacco israeliano contro la moschea di al-Aqsa a Gerusalemme Est occupata. Sin dal 1948 centinaia di chiese storiche e moschee sono state distrutte dalle milizie sioniste e, successivamente, dallo Stato di Israele. L’estate scorsa, durante il massacro a Gaza, Israele ha raso al suolo con le bombe 73 moschee. Molte chiese e moschee palestinesi sono state vandalizzate o altrimenti dissacrate solo quest’anno da estremisti ebrei nei cosiddetti attacchi firmati “prezzo da pagare”, tra cui la Chiesa della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci, che si affaccia sul lago di Tiberiade, la quale è stata incendiata lo scorso giugno.

 

Questi attacchi razzisti e criminali contro i palestinesi e la loro libertà di religione sono una manifestazione del massiccio spostamento in Israele verso l’estrema destra e la prevalenza senza precedenti nella società israeliana di un palese razzismo colonialista profondamente radicato contro i nativi palestinesi.

 

L’accesso a Gerusalemme assediata da mura, torri di guardia e filo spinato viene negato a quasi tutti i palestinesi della Cisgiordania e di Gaza, che sono soggetti quotidianamente ad aggressioni e umiliazioni.

 

Durante un tipico cosiddetto “periodo di calma”, Israele rafforza il suo assedio medievale su Gaza, effettua incursioni nelle città palestinesi, confisca terre palestinesi, anche nel Naqab (Negev), distrugge proprietà palestinesi e costruisce colonie illegali riservate ai soli ebrei. Nei continui tentativi di consolidare il suo sistema di apartheid e di dominio coloniale, Israele nega ai palestinesi l’insieme dei loro diritti nel più banale dei modi, dal diritto di un bambino all’istruzione all’accesso di una madre alle cure sanitarie, dalla capacità di un agricoltore o una agricoltrice di raggiungere la propria terra addirittura al diritto di una famiglia di vivere insieme sotto un singolo tetto. E tutto ciò viene fatto con la benedizione dei tribunali.

 

Grazie all’apatia o alla complicità diretta dei governi del mondo e delle Nazioni Unite, e di conseguenza all’impunità di Israele nel perpetuare questo sistema di ingiustizia contro tutti i palestinesi nella Palestina storica così come quelli in esilio, il movimento per il Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni (BDS) ha fatto passi da gigante nel ridefinire lo status di Israele sulla scena mondiale come quello di uno Stato paria.

 

Il movimento BDS ha aumentato l’isolamento di Israele e ha iniziato a imporre costi al suo regime di colonialismo di insediamento, di apartheid e di occupazione mediante il boicottaggio di istituzioni che sono complici nelle violazioni israeliane del diritto internazionale, mediante il disinvestimento di aziende che sostengono l’oppressione israeliana e mediante un appello per le sanzioni contro Israele.

 

La Banca Mondiale ha rivelato che le importazioni palestinesi da Israele sono in calo in modo significativo. Uomini d’affari israeliani stanno segnalando che gli investitori europei non sono più disposti a investire in Israele, mentre uno studio delle Nazioni Unite conferma che gli investimenti esteri diretti in Israele sono scesi del 46% nel 2014 rispetto al 2013. Uno studio della Rand prevede che il BDS possa costare a Israele tra l’1% e il 2% del suo PIL ogni anno per i prossimi dieci anni, e, più recentemente, l’agenzia di rating Moody ha riferito che il BDS è una potenziale minaccia per l’economia israeliana.

 

Tuttavia, molto ancora deve essere fatto per rendere Israele responsabile e per abbattere la sua ancora forte impunità. I governi complici devono essere denunciati. Le aziende che permettono e che traggono profitti dalle violazioni dei diritti umani di Israele devono pagare un prezzo in termini della loro reputazione e dei ricavi. La macchina militare di Israele, compreso il suo segmento di ricerca, deve subire un embargo militare internazionale globale, e tutti i leader, ufficiali e soldati israeliani, coinvolti in incarichi di responsabilità riguardo ai crimini attuali e passati, devono essere perseguiti presso la Corte penale internazionale, così come nei tribunali nazionali che rispettano la giurisdizione internazionale.

 

Israele non solo opprime i palestinesi; sta anche esportando nel mondo il suo spietato modello di sicurezza e di repressione. Israele è profondamente coinvolto nell’addestramento e nell’armamento degli squadroni della morte in America Latina, spesso come il delegato degli Stati Uniti, è coinvolto nella vendita di armi e di consulenze militari alle dittature in Asia e in Africa, spesso ad entrambi le parti implicate in una guerra civile, nella militarizzazione delle forze di polizia a Ferguson, a Los Angeles , a Londra e nelle città di tutto il mondo. Israele oggi è un protagonista chiave nella repressione interna contro i movimenti di tutto il mondo che lottano contro le discriminazioni razziali, per la giustizia sociale ed economica e per la difesa dell’ambiente.

 

Il Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC), la leadership palestinese del movimento globale del BDS, invita le persone di coscienza di tutto il mondo a sostenere i palestinesi nella loro lotta per la libertà in questo momento cruciale attraverso l’intensificazione delle attività BDS contro il regime israeliano di oppressione. In particolare, e riguardo alla rivolta di massa in corso per le strade della Palestina, invitiamo i sostenitori della lotta palestinese a:

 

Sensibilizzare il pubblico sui diritti dei palestinesi con riferimento al diritto internazionale e al sostegno al BDS attraverso i social media e la stampa;

 

Esercitare pressione sui parlamenti per imporre un embargo militare contro Israele;

 

Organizzare campagne contro le imprese militari israeliane come la Elbit Systems;

 

Sostenere le campagne di boicottaggio e di disinvestimento contro le aziende complici, come la G4S e l’HP, che sono tra quelle più palesemente complici dell’infrastrutture di oppressione di Israele;

 

Far approvare risoluzioni BDS efficaci e strategiche, non solo simboliche, da parte di sindacati, associazioni accademiche, governi studenteschi e movimenti sociali che possono condurre a risultati concreti ed aumentare il boicottaggio culturale di Israele;

 

Prendere in considerazione azioni legali contro criminali israeliani (soldati, coloni, ufficiali e decisori) e contro i dirigenti delle società che sono implicate nei crimini e nelle violazioni del diritto internazionale di Israele.

 

Come la generazione dei loro genitori, le migliaia di giovani palestinesi a Gerusalemme, Gaza, Ramallah, Hebron, Betlemme, Giaffa, Nazareth e altrove che sono scesi in strada con grandi proteste contro l’occupazione e l’apartheid israeliana, stanno, in primo luogo, scrollandosi di dosso la disperazione e stanno liberando le loro menti dal mito di un destino di oppressione. Stanno inoltre alimentando l’aspirazione di tutto il popolo palestinese all’autodeterminazione a vivere in libertà, in dignità ottenendo una pace giusta.

 

È giunto il momento di isolare il regime israeliano di militarizzazione, di repressione e di razzismo come un pericolo non solo per i palestinesi e la regione araba, ma per l’umanità nel suo insieme.

 

thanks to: Alessandro Avvisato

Contropiano

“Il genocidio del popolo palestinese continua” Comunicato stampa dell’ Ambasciata di Palestina in Italia

Ormai da troppi anni, il popolo palestinese continua a subire la prepotenza dell’occupazione israeliana della terra palestinese.
Decine di anni di uccisioni, arresti, demolizioni di case, di umiliazioni, costruzione di colonie, del muro dell’apartheid, postazioni di blocco, feroci aggressioni militari e nessun rispetto dei diritti dell’uomo e delle leggi internazionali. In seguito ai successi del popolo palestinese negli ultimi anni a livello politico e diplomatico, il governo israeliano intenzionalmente ha voluto spostare il conflitto alla violenza ed allo scontro fisico, incendiando un’intera famiglia palestinese, uccidendo decine di persone e ferendone ed arrestandone centinaia.
Il governo israeliano, con questa ultima escalation intende, ed in modo molto evidente, uccidere qualsiasi possibilità di una soluzione del conflitto. Nonostante la forza militare, Israele non riuscirà mai a sconfiggere la volontà del nostro popolo di continuare la sua legittima lotto fino alla creazione dello Stato palestinese con Gerusalemme Est capitale.
La situazione è gravissima, chiediamo alle Nazioni Unite, al Consiglio di Sicurezza, all’amministrazione americana, all’Unione Europea, alla Comunità Internazionale e a tutti i liberi del mondo di agire immediatamente per fermare questo massacro.

Video: Palestinian killed in Jerusalem was not a threat

Fadi Aloon, 19, killed early morning on October 4, 2015 after allegedly stabbing Moshe Malka, 15, in East Jerusalem. (Photo: Twitter)

Fadi Aloon, 19, had his back to police and was walking away when he was gunned down before dawn last Sunday, a new video published today by Local Call (+972 Magazine’s Hebrew sister-news blog) revealed.

The footage is the third recording of the killing posted online and shows Aloon, an East Jerusalem resident from the Issawiya neighborhood, tracing the tracks of Jerusalem’s light rail line near Damascus Gate moments after he allegedly stabbed 15-year old Israeli Moshe Malka.

Following the shooting, Aloon’s family said the youth posed no threat to security officers at the time he was killed, according to the Guardian. A video released earlier in the week in which several Israelis are heard shouting “shoot him” to police was not conclusive on that score. The video is dark and blurry and Aloon is out of frame at the time shots were fired.

The new recording shows Aloon walking towards the western portion of the city—almost aimlessly—occasionally turning to face onlookers deriding him. When a police vehicle approaches Aloon is immediately fired upon; officers did not call out to Aloon to stop, or check if he was armed with a knife that was used in the stabbing attack.

“After viewing the film it can’t be denied that Israeli police officers killed a person in cold blood, when he wasn’t a danger to anyone and they should be tried for it,” wrote Local Call’s John Brown who published the latest video. “Even a person that stabbed another has a right not to be executed by the police, even with pressure from the crowd,” continued Brown.

After the attack Malka was taken to a Jerusalem hospital for moderate wounds.

Aloon’s remains are still held in Israeli custody. A Jerusalem court announced today he will soon be transferred to his family for a burial in Issawiya, but not without restrictions. Once the body is handed over, the funeral must take place immediately with no more than 50 persons present, and the Aloon family will have to pay $5,250 (20,000NIS) in fees.

thanks to: Mondoweiss

Health Ministry: 23 Palestinians Killed by Israel since Start of October

RAMALLAH, October 11, 2015 (WAFA) – Twenty three Palestinians have been killed by the Israeli army and security forces since the beginning of October 2015, according to figures released by the Palestinian Ministry of Health.

 

The ministry said that some 1,100 Palestinians were injured by live ammunition or rubber-coated steel bullets used by the Israeli forces during the month of October.

 

Following are the names of Palestinians killed by Israel since the beginning of October in the West Bank:

 

Palestinians killed by Israel in the West Bank, including Jerusalem

Age (in years)

District

Muhannad Halabi

19

Al-Bireh/Ramallah

Fadi Alloun

19

Jerusalem

Amjad al-Jundi

17

Yatta/Hebron

Thaer Abu-Ghazaleh

19

Kafr Aqab/East Jerusalem

Abdel-Rahman Ubedellah

11

Bethlehem

Huthayfa Slaiman

18

Tulkarm

Wessam Jamal

20

Shuafat Camp/Jerusalem

Mohammad al-Jabari

19

Hebron

Ahmad Salah

20

Shuafat Refugee Camp

Ishaq Badran

16

Kafr Aqab

Mohammad Sa’id Ali

19

Shuafat Camp

Ibrahim Awad

28

Beit Ummar/Hebron

 

 

Following are the names of Palestinians killed by Israel since the beginning of October in the Gaza Strip:

 

Palestinians killed by Israel in the Gaza Strip

 

Age (in years)

Shadi Douleh

20

Ahmad al-Herbawi

20

Waeed al-Wahidi

20

Mohammad ar-Raqab

15

Adnan Abu-Elayyan

22

Zeyadeh Sharaf

20

Jihad al-Ebeid

22

Hesham Barbakh

13

Khalil Othman

15

Nour Hassan

30

Rahaf Hassan

1

M.N./T.R.

 

thanks to: WAFA

Il divertimento preferito degli Ebrei: uccidere innocenti a sangue freddo.

12074521_10154293361905760_7561482193741617754_n

Non ci sono più parole per descrivere certe scene. Sono degne dei film dell’assurdo.

Una giovane donna, Esra’ Abed, disarmata, terrorizza con la sua presenza un gruppo di soldati psicopatici armati fino ai denti. Li spaventa per il solo fatto di esistere e di essere lì.

La donna, madre di famiglia, grida: “Non sparatemi!”, ma i terroristi israeliani la crivellano di colpi. Ora è tra la vita e la morte.

La scena horror si svolge alla stazione degli autobus di Afoula. Lei alza le mani per un momento, e loro gli sparano perché sospettava voglia accoltellare un soldato.

Esra’ è di Nazareth e ha un bambino di 10 anni ed è incinta.

Vergogna Israele.

 

thanks to: Infopal

Ministry: 14 Palestinians killed, 1,000 injured since Oct. 1 – Ministero: dal primo di ottobre 14 Palestinesi uccisi e 1000 feriti

Oct. 9, 2015 11:19 P.M. (Updated: Oct. 10, 2015 12:02 P.M.)

Palestinian soldiers mourn over the body of 13-year-old Abed al-Rahman Obeidallah, one of several killed in the latest round of violence. (AFP/Musa Al-Shaer, File)

BETHLEHEM (Ma’an) — Fourteen Palestinians have been killed by Israeli forces and around 1,000 injured with live and rubber-coated steel bullets in the occupied West Bank and Gaza Strip since Oct. 1, the Palestinian Ministry of Health said Friday. By the end of the day on Friday alone, seven Palestinians were killed and around 200 injured with live and rubber-coated steel bullets, while seven suffered from bruises after being physically assaulted by Israeli forces in clashes across the West Bank and Gaza Strip. According to the ministry, the numbers include those who were admitted to hospitals, while hundreds of others were treated on the scene.In the Gaza Strip, six Palestinians were killed and 145 others injured by the end of the day as Israeli military forces opened fire at a demonstration by the border fence east of Gaza City and near Khan Younis, the ministry said.In Hebron, Mohammad Al-Jabari,19, was killed after allegedly stabbing an Israeli border police officer and 11 were injured, three with live bullets in the feet, the rest with rubber-coated steel bullets. One of the latter was hit in the head and taken to Yatta hospital. In ongoing clashes near the Beit El settlement in the Ramallah district, eight people were injured with live bullets and 22 with rubber-coated steel bullets, according to the ministry. Four those injured are currently in serious condition.As clashes persisted in Bethlehem, five were injured with rubber-coated steel bullets and one with live bullet in the foot, the ministry said.Three Palestinians were injured with live bullets in the stomach and feet in clashes in Kafr Qaddum near Qalqiliya, and six others were beaten up by Israeli forces and settlers in Beit Furik in Nablus, one of them suffering fractures to the head. In Jenin, nine were injured with live bullets to the feet and two with rubber-coated steel bullets, including one Palestinian who was hit in the neck.Another Palestinian suffered several bruises and fractures after being beaten up by Israeli forces in Jericho, the ministry added.According to Ma’an reports, eight of those killed since the beginning of the month have been shot by Israeli forces during demonstrations and clashes, including a 13-year-old boy. The majority of the others were killed during alleged stabbing attacks and are below the age of twenty.Four Israelis have been killed during the same time period, two of whom were Israeli settlers.High fatality and injury rates since the beginning of the month come as Prime Minister Benjamin Netanyahu vowed on Thursday to take action against “inciters” and “attackers” in the wake of a series of stabbing attacks on Israelis.
Rights groups have argued that Israeli forces use unnecessary and fatal methods of “crowd control” against Palestinians, especially in the aftermath of the recent approval of the use of .22 caliber bullets in occupied East Jerusalem.Arguing that the new law expands the ability for Israeli forces to target Palestinians, PLO secretary-general Saeb Erekat said: “The Israeli government continues to incite against Palestinian lives, with a culture of hate that dehumanizes a whole nation.”Tensions have soared across Israel and the occupied Palestinian territories in recent weeks following a series of stabbing attacks by both Israelis and Palestinians, and violent attacks by Israeli settlers on Palestinians.

Ministero: dal primo di ottobre 14 Palestinesi uccisi e 1000 feriti

350485C

Betlemme-Ma’an.Quattordici Palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane e circa 1.000 feriti, con proiettili veri e ricoperti di gomma in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza a partire dal 1° di ottobre, ha dichiarato venerdì il ministero della Sanità palestinese.

Nella sola giornata di venerdì, sette Palestinesi sono stati uccisi e circa 200 feriti con proiettili veri e ricoperti di gomma, mentre altri sette sono rimasti contusi dopo essere stati aggrediti fisicamente dalle forze israeliane durante gli scontri in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Secondo il ministero, queste cifre comprendono quelli che sono stati ricoverati negli ospedali, mentre centinaia di altri sono stati curati sul posto.

Nella Striscia di Gaza alla fine della giornata sei Palestinesi sono stati uccisi e 145 feriti, quando le forze israeliane hanno aperto il fuoco durante una manifestazione lungo il confine a est della città di Gaza e vicino a Khan Younis, ha riferito il ministero.

A Hebron, Mohammad Al-Jabari, 19 anni, è stato ucciso dopo il presunto accoltellamento di un poliziotto di frontiera e 11 sono stati feriti, tre ai piedi con proiettili veri, i restanti con pallottole ricoperte di gomma. Tra questi ultimi, uno è stato colpito alla testa e portato all’ospedale di Yatta.

Durante gli scontri vicino alla colonia di Beit El, nel distretto di Ramallah, otto persone sono rimaste ferite con proiettili veri e 22 con proiettili ricoperti di gomma, secondo il ministero. Quattro di questi feriti sono attualmente in gravi condizioni.

Mentre proseguivano gli scontri a Betlemme, cinque sono stati feriti con proiettili ricoperti di gomma e uno al piede con proiettile vero, ha riportato il ministero.

Tre Palestinesi sono stati colpiti allo stomaco e ai piedi con proiettili veri a Kafr Qaddum, vicino a Qalqiliya, ed altri sei sono stati picchiati dalle forze israeliane e dai coloni a Beit Faruk, Nablus; uno di loro ha subito fratture al capo.

A Jenin, nove sono stati feriti ai piedi con proiettili veri e due con proiettili di acciaio ricoperti di gomma, compreso un Palestinese che è stato colpito al collo.

Un altro Palestinese ha subito varie contusioni e fratture dopo essere stato picchiato dalle forze israeliane a Gerico, ha aggiunto il ministero.

Secondo i resoconti di Ma’an, otto di coloro che sono stati uccisi dall’inizio del mese sono stati colpiti dalle forze israeliane durante le manifestazioni e gli scontri, compreso un tredicenne. La maggior parte degli altri è stata uccisa durante presunti attacchi con coltelli ed erano tutti sotto i vent’anni di età.

Quattro israeliani sono stati uccisi nello stesso periodo, due dei quali erano coloni.

L’alto numero di morti e feriti dall’inizio del mese sono avvenuti dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva promesso di agire contro “provocatori” e “aggressori” sulla scia di una serie di accoltellamenti contro gli israeliani.

Gruppi per i diritti umani hanno sostenuto che le forze israeliane utilizzano metodi di “controllo di massa” inutili e letali contro i Palestinesi, soprattutto dopo la recente approvazione dell’utilizzo di pallottole calibro 0.22 a Gerusalemme Est occupata.

Sostenendo che la nuova legge amplia la possibilità per le forze israeliane di colpire i Palestinesi, il segretario generale dell’OLP, Saeb Erekat, ha dichiarato: “Il governo israeliano persiste ad incitare contro la vita dei Palestinesi, con una cultura di odio che disumanizza una intera nazione”.

Le tensioni sono salite alle stelle in Israele e nei territori palestinesi occupati nelle recenti settimane a seguito di una serie di accoltellamenti effettuati sia da israeliani che da palestinesi, e di aggressioni violente di coloni israeliani contro i Palestinesi.

(Soldati palestinesi vegliano il corpo del tredicenne Abed al-Rahman Obeidallah, uno dei tanti uccisi nell’ultima tornata di violenze. AFP/Musa Al-Shaer, File).

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

 

PALESTINA. Aggiornamenti sugli attacchi israeliani in corso.

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma'an News)

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma’an News)

AGGIORNAMENTI

11 ottobre 2015, ore 10.00 -Raid israeliano su Gaza: due morti

Una donna incinta, Nour Rasmi Hassan, e la sua bambina di due anni, Rahaf Yahya Hassan, sono le vittime del raid israeliano sulla Striscia di Gaza. L’aviazione dello Stato ebraico è entrata in azione nella notte, in risposta al lancio di due razzi dall’enclave palestinese caduti in territorio israeliano, senza fare vittime. Le Forze armate israeliane hanno detto di aver colpito due strutture per la fabbricazione di armi appartenenti ad Hamas. La donna incinta di cinque mesi e sua figlia sono morte sotto le macerie della propria abitazione. Altre tre persone sono rimaste ferite e i soccorritori stanno cercando tra le macerie altre possibili vittime.

Intanto, secondo quanto riferito in un primo momento dalle Forze armate israeliane, stamattina in Cisgiordania una donna palestinese si sarebbe fatta saltare in aria a bordo di un’automobile a un posto di blocco israeliano. In realtà testimoni hanno raccontato a diverse agenzie di stampa che la donna ha avuto un guasto alla macchina dove viaggiava con il figlio di 3 anni. Un problema elettrico ha provocato l’apertura dell’airbag e poi un incendio, la donna è riuscita ad uscire con il figlio, rimanendo lievemente ferita. Lievemente ferito anche un poliziotto.

ore 22 – Palestinese ferito due giorni fa dall’esercito israeliano muore. E’ la settima vittima della giornata

Ibrahim Awad, di Beit Omar a nord di Hebron, è deceduto poco fa in seguito alle gravi ferite riportate negli scontri con l’esercito israeliano due giorni fa. Ne ha dato notizia il quotidiano Haaretz

ore 21.30 – Decine di gazawi rompono la recinzione che separa la Striscia da Israele

I media israeliani riferiscono che decine di palestinesi avrebbero aperto un varco nella recinzione che separa la Striscia di Gaza da Israele. Bloccati dai militari, cinque di loro sono stati arrestati, gli altri rispediti indietro

ore 21:00 – 568 palestinesi feriti oggi in Cisgiordania e a Gerusalemme est

Nella sola giornata di sabato, sono stati 568 i palestinesi feriti dal fuoco israeliano. Lo riferisce la Mezzaluna Rossa palestinese, specificando che 26 sono stati colpiti da fuoco vivo, 148 da proiettili di gomma, 408 da lacrimogeni e 4 sono stati picchiati.

ore 20:00   Proteste palestinesi a Nazareth e Ramle

Manifestazioni di palestinesi cittadini d’Israele a Nazareth e Ramle. A Nazareth un corteo di 1.500 persone ha attraversato le strade della città “per protestare contro l’occupazione”. A riferirlo è il Canale 2 della televisione israeliana. Nel corso delle proteste sono stati arrestati 5 attivisti.

A Ramle la polizia israeliana ha arrestato 10 manifestanti dopo che un gruppo di 100 persone aveva iniziato a lanciare pietre contro gli agenti.

ore 18:30 Hamas: “Il silenzio della comunità internazionale di fronte ai crimini di guerra israeliani li legittima”

Il portavoce del movimento islamico palestinese Hamas, Sami Abu Zuhri, ha detto che il silenzio della comunità internazionale di fronte a quelli che definisce “crimini di guerra” israeliani li legittima. “Ciò spinge il nostro popolo a difendersi in ogni modo e mezzo possibile” ha detto

ore 18:10   Ministero salute palestinese: “Oggi 21 palestinesi feriti”

Almeno 21 palestinesi sono rimasti feriti oggi negli scontri con le forze armate israeliane. A riferire la notizia sono fonti mediche di Ramallah. Un dato che pare destinato a salire considerando il fatto che gli scontri sono ancora in corso in varie zone della Cisgiordania.

Sette palestinesi sono stati colpiti da proiettili di ferro ricoperti di gomma sparati dai militari di Tel Aviv a Bab az-Zawiya (Hebron). Feriti quattro ragazzi palestinesi (uno di loro sembrerebbe in gravi condizioni) sempre con colpi di arma da fuoco vicino a Ramallah.

Secondo il Ministero della salute palestinese, dal 1 ottobre sono circa 1.000 i palestinesi feriti negli scontri con l’esercito israeliano.

ore 16.15 – DUE BAMBINI UCCISI A GAZA DA ISRAELE DURANTE MANIFESTAZIONE

Durante una manifestazione nella Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha aperto il fuoco uccidendo due minorenni: un bambino di 13 anni, Marwan Hisham Barbakh, e Omar Othman, 15, di Khan Younis. 20 morti in 10 giorni

ore 15.15 – TRE POLIZIOTTI ISRAELIANI ACCOLTELLATI A GERUSALEMME. UCCISO IL PALESTINESE RESPONSABILE

Tre poliziotti israeliani sono stati accoltellati a Gerusalemme, alla Porta di Damasco, da un adolescente palestinese. Il giovane, Mohammed Saeed, di Shuafat, è stato ucciso da altri poliziotti. Secondo il sito israeliano Walla, uno dei tre poliziotti sarebbe stato ucciso, ma la notizia è stata smentita.

ore 14.30 – SCONTRI A SHUAFAT DOPO FUNERALE, PALESTINESE FERITO ALLA GAMBA

Dopo i funerali del palestinese ucciso ieri notte al campo profughi di Shuafat a Gerusalemme, sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia di frontiera israeliana. Un uomo è stato ferito alla gamba da pallottole sparate dalla polizia, secondo la quale si stava avvicinando con una Molotov.

Scontri anche a Ramallah, vicino alla colonia di Beit El: due palestinesi feriti da proiettili di gomma.

ore 13.45 – ARRESTATI 5 ISRAELIANI PER AGGRESSIONE A TRE PALESTINESI A NETANYA

La polizia israeliana ha arrestato stamattina 5 israeliani ebrei a Netanya perché accusati di aver tentato di linciare tre palestinesi cittadini d’Israele ieri sera in città (nord di Tel Aviv). Secondo le prime ricostruzioni, gli arrestati, insieme ad altre persone che ancora non sono state arrestate, avrebbero pianificato l’aggressione sui social network. L’obiettivo era andare a Piazza Indipendenza in città “per far male agli arabi”. Nei messaggi scambiati in rete gli aggressori si sarebbero divisi l’arma da portare in strada: coltelli, asce o catene.

A partecipare al tentato linciaggio sono stati una trentina di israeliani ebrei: Le vittime sono 3 palestinesi. Due sono riuscite a scappare. L’altra, invece, Abed Jamal, è stata duramente picchiata dalla folle inferocita che gridava “morte agli arabi” e “a Netanya gli arabi si falciano” e si sarebbe salvata solo grazie all’arrivo di una volonte della polizia.

Jamal, nonostate fosse la vittima dell’aggressione, è stato ammanettato e fermato per essere interrogato. Il linciaggio è stata ripreso con dei telefoni cellulari ed è stato postato sui social network scatenando dure reazioni da parte di molti navigatori. Oltre ai cinque arrestati, la polizia ha fermato altre 10 persone per interrogarle.

ore 11.55 – COLONI ATTACCANO CASE PALESTINESI A SUD DELLA CISGIORDANIA

Un gruppo di coloni ha attaccato le case di alcuni palestinesi che risiedono vicino all’insediamento di Kiryat Arba, a ovest di Hebron. Secondo fonti locali, i coloni, protetti dall’esercito israeliano, avrebbero attaccato la zona di Wadi Hussein mentre i soldati avrebbero sparato gas lacrimogeni e acqua chimica sui palestinesi.

ore 11.50 – FOTO MOSTRANO L’ATTACCO A GERUSALEMME DI STAMATTINA

Una serie di foto pubblicate dall’agenzia stampa palestinese Ma’an News (clicca qui) mostrano l’attacco di questa mattina vicino alla Porta di Damasco. Un palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, accoltella un israeliano, poi soccorso. Dalle immagini sembrerebbe che il giovane sia stato colpito dal fuoco della polizia tempo dopo l’attacco, invece di essere fermato con altri mezzi.

Subito sono esplosi scontri alla Porta di Damasco tra centinaia di palestinesi e la polizia, a causa dell’uccisione del 16enne. La polizia ha sparato molti gas lacrimogeni e nei tafferugli è rimasto ferito un giornalista israeliano di 35 anni. Secondo Haaretz, si tratterebbe invece di un giornalista straniero.

ore 11.45 – PALESTINESE FERITO E ARRESTATO NELLA ZONA DI HEBRON

Il 18enne Jalal Shahir Rayyan è stato arrestato stamattina dalle forze militari israeliane nella cittadina di Deir Samit, a Hebron, dopo essere stato colpito da pallottole sparate da guardie private. Secondo le forze armate, qualcuno si sarebbe introdotto nella notte nella colonia illegale di Bushter e la sicurezza privata dell’insediamento ha aperto il fuoco.

Arrestato anche Bakir Hasan Sharawnah mentre tentava di portare in ospedale il giovane.

ore 11.30 – MISSILE DALLA STRISCIA DI GAZA

Ieri notte un razzo è stato lanciato dalla Striscia di Gaza e sono caduti in territorio israeliano, in aree vuote. Nessun ferito né danni, fanno sapere le autorità israeliane.

ore 10.30 – GIOVANE PALESTINESE ACCOLTELLA DUE ISRAELIANI, UCCISO DALLA POLIZIA

Stamattina un giovane palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, di Kufr ‘Aqab ha accoltellato due israeliani di 65 e 62 anni  vicino alla Porta di Damasco, nella Città Vecchia di Gerusalemme. La polizia ha aperto il fuoco e lo ha ucciso. I due israeliani sono stati medicati dai paramedici per ferite lievi. Subito sono comnciati gli scontri tra manifestanti palestinesi e poliziotti che hanno cercato di disperdere la folla con gas lacrimogeni. Sale a 17 il numero totale di palestinesi uccisi dal primo ottobre

———————————————————————————————-

della redazione

Gerusalemme, 10 ottobre 2015, Nena News – L’ennesima notte di violenza in quella che è stata ribattezzata “l’Intifada di Gerusalemme”. Dopo la strage di ieri a Gaza, con sei palestinesi uccisi dalle forze militari israeliane posizionate al di là del confine est, oggi la Palestina conta altri due morti. Anche loro giovanissimi.

Nel campo profughi di Shuafat, a Gerusalemme Est, il 24enne Ahmad Salah è stato ucciso la notte scorsa durante scontri esplosi al checkpoint di ingresso nel campo. Secondo Thaer al-Fasfous, portavoce di Fatah a Shuafat, “gli scontri sono ricominciati nella notte e le forze di occupazione israeliane hanno sparato proiettili veri da distanza ravvicinata contro i giovani”. Numerosi i feriti, di cui due in serie condizioni, mentre scontri scoppiavano in tutti i quartieri di Gerusalemme Est: a Wadi al-Joz, a Issawiya (dove una donna è stata arrestata e un giovane è stato colpito alla testa e versa in gravi condizioni), a Al-Tur, a Jabal al-Mukkaber.

Secondo alcuni testimoni, la polizia israeliana avrebbe impedito all’ambulanza di raggiungere e soccorrere Ahmad Salah, “lasciato a terra sanguinante”. È morto poco dopo. Le autorità israeliane hanno consegnato il corpo alla famiglia questa mattina e subito si sono tenuti i funerali, a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Nelle stesse ore a Gaza perdeva la vita il 22enne Jihad Salim al-Ubeid, morto a causa delle ferite riportate ieri durante le manifestazioni al confine. Residente a Deir al-Balah, era stato colpito dal fuoco israeliano mentre insieme ad altre centinaia di palestinesi protestava a 100 metri di distanza dalla rete di separazione con Israele.

Sale così a 16 il bilancio delle vittime palestinesi dallo scorso giovedì 1 ottobre, quattro le vittime israeliane. L’associazione per i diritti umani Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità israeliane perché interrompano “l’uso di eccessiva forza e di omicidi ingiustificati di palestinesi, la demolizione di case e altre misure di punizione collettiva”.

thanks to: Nena News

Sabra e Chatila, affinché non ce ne dimentichiamo

Avoicefrompalestine. Il 16.09.1982, l’esercito israeliano controllava Beirut Ovest e sigillava i due campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila e vi lanciava missili all’interno. Dopo, il comando militare israeliano dava alla milizia della Falange Libanese, alleata di Israele, luce verde per entrare nei campi. Nelle successive 40 ore la Falange stuprò, uccise e ferì un vasto numero di civili disarmati, molti dei quali bambini, donne e anziani dentro i campi di Sabra e Chatila “circondati e sigillati”.

Sorgente: Sabra e Chatila, affinché non ce ne dimentichiamo | InfopalInfopal

LIBANO. I palestinesi ricordano Sabra e Chatila

Sono passati trentatré anni da quei drammatici giorni del settembre dell’82, quando le falangi fasciste, con la complicità dell’esercito israeliano, fecero strage di palestinesi nei campi di Sabra e Chatila. Anni che non hanno cancellato il dolore e la rabbia nel vedere i carnefici di allora restare impuniti. Non dimenticare Sabra e Chatila significa non dimenticare le tante stragi compiute in questa regione negli ultimi decenni, significa non dimenticare Deir Yassin, Jenin, Bourj Shamaly, Gaza… un elenco lunghissimo. Non dimenticare quella strage, significa però, innanzitutto, non dimenticare i vivi, i rifugiati palestinesi che continuano a vivere in condizioni inumane dentro campi che sono ora prigioni e ora formicai indescrivibili.

Sorgente: LIBANO. I palestinesi ricordano Sabra e Chatila

“In Israele, ci muoviamo in mezzo ad assassini e torturatori”

di Amira Hass

 

L’atto di censura nei confronti del Teatro Al-Midan [cfr. A.Hass su Internazionale ] – scrive la giornalista israeliana – scaturisce “dall’invidia della capacità dei nostri assoggettati di vincere l’oppressione, di pensare e creare, sfidando la nostra immagine di loro come inferiori”

Nelle nostre case, nelle nostre strade e nei nostri luoghi di lavoro e divertimento ci sono migliaia di persone che hanno ucciso e torturato migliaia di altre persone o hanno diretto la loro uccisione e la loro tortura. Scrivo “migliaia” invece del più vago “innumerevoli” – un’espressione relativa a qualcosa che non si può misurare.

La grande maggioranza di coloro che uccidono e torturano (anche adesso) vanno fieri delle proprie gesta e la loro società e le loro famiglie sono orgogliose delle loro gesta – benché normalmente sia impossibile trovare un collegamento diretto tra i nomi dei morti e torturati ed i nomi di coloro che uccidono e torturano, e anche quando è possibile,[ciò] è proibito. E’ proibito anche dire “assassini”. Ed è proibito scrivere “malviventi” o “persone crudeli”.

Io, crudele? Dopo tutto, le nostre mani non sono coperte di sangue quando schiacciamo il bottone che sgancia una bomba su un edificio che ospita 30 membri di una famiglia. Malvivente? Come potremmo usare questo termine per designare un soldato di 19 anni che uccide un ragazzo di 14 anni che è uscito per raccogliere piante commestibili?

I killer e i torturatori ebrei e i loro diretti superiori agiscono come se avessero un’autorizzazione ufficiale. I palestinesi morti e torturati che si sono lasciati alle spalle negli scorsi 67 anni hanno anche dei nipoti e delle famiglie in lutto per i quali la perdita è una costante presenza. Nei corridoi universitari, nei centri commerciali, negli autobus, nei distributori di carburante e nei ministeri governativi, i palestinesi non sanno chi, tra la gente che incrociano, ha ucciso, o quali e quanti membri delle loro famiglie e del loro popolo ha ucciso.

Ma ciò che è certo è che i loro assassini e torturatori vanno in giro liberamente. Come eroi.

In questa malsana situazione in cui i palestinesi soffrono lutto e angoscia, noi, gli ebrei israeliani, non possiamo vincere. Con la nostra aviazione e le nostre forze armate e la nostra Brigata Givati e le nostre celebri unità di commando d’elite, siamo dei perdenti in questo contesto. Ma poiché siamo i dominatori indiscussi, falsifichiamo il contesto e ci appropriamo del lutto.

Non ci accontentiamo dei terreni, delle case e delle vie di comunicazione dirette che abbiamo rubato loro e di cui ci siamo impadroniti e abbiamo distrutto, e che continuiamo a distruggere e a rubare. No. Noi in più neghiamo ogni ragione, ogni contesto storico e sociale delle espulsioni, spossessamenti e discriminazioni che hanno costretto un piccolissimo manipolo di quei palestinesi che sono cittadini di Israele a cercare di imitarci prendendo le armi. Si sono ingannati pensando che le armi fossero lo strumento giusto di resistenza, o hanno raggiunto il colmo della rabbia e dell’impotenza e deciso di uccidere.

Che se ne pentano o no, la loro delusione non cancella il fatto che avevano e hanno tutte le ragioni di resistere all’oppressione e alla discriminazione e malvagità che sono parte del dominio di Israele su di loro. Condannarli come assassini non ci trasforma in vittima collettiva in questa equazione. Invece di indebolire le ragioni della resistenza, noi stiamo soltanto intensificando e migliorando gli strumenti di oppressione. E un mezzo di oppressione è l’insaziabile desiderio di vendetta.

L’attacco al Teatro Al-Midan e lo spettacolo “Un tempo parallelo” sono parte di questa sete di vendetta. E comprende anche tantissima invidia. Invidia per la capacità di coloro che opprimiamo di vincere l’oppressione e il dolore, di pensare, di creare e di agire, sfidando la nostra immagine che li dipinge inferiori. Loro non ballano la nostra musica come poveri smidollati.

Come in una caricatura antisemita, per noi tutto si concentra nelle finanze, nel denaro. Noi non stiamo zitti, noi ci vantiamo. Siamo felici se solo togliamo loro i finanziamenti. Li abbiamo trasformati in una minoranza nella nostra terra quando li abbiamo espulsi e non abbiamo concesso loro il ritorno, ed ora il 20% che è rimasto qui dovrebbe dirci grazie e pagare con le tasse degli spettacoli che esaltano lo Stato e la sua politica. Questa è democrazia.

Non è una guerra culturale, o una guerra sulla cultura. E’ un’altra battaglia – probabilmente una causa persa, come quelle precedenti – per un futuro sano per questo paese. I cittadini palestinesi di Israele erano una forma di assicurazione per la possibilità di un futuro sano: si può dire un ponte, bilingue, pragmatico, anche se contrario alla loro volontà. Ma dobbiamo attuare dei cambiamenti, dobbiamo imparare come ascoltarli, perché questa assicurazione sia valida. Ma noi, gli indiscussi dominatori, non prevediamo di ascoltarli e non conosciamo il significato di cambiamento.

Una nota finale: I rapporti sull’omicidio di un residente di Lod, Danny Gonen, alla sorgente di Ein Bubin vicino al villaggio di Dir Ibzi’a erano accompagnati da collegamenti a recenti precedenti attacchi: la persona ferita in un attacco terroristico vicino alla colonia di Alon Shvut, il poliziotto di frontiera accoltellato vicino alla Tomba dei Patriarchi a Hebron. E che cosa si ometteva di menzionare? Ovviamente, due giovani palestinesi recentemente uccisi dai soldati israeliani: Izz al-Din Gharra, di 21 anni, colpito a morte il 10 giugno nel campo profughi di Jenin e Abdullah Ghneimat, 22 anni, schiacciato il 14 giugno a Kafr Malik da una jeep dell’esercito israeliano.

In media ogni notte l’esercito israeliano compie 12 raid di routine. Per i palestinesi, ogni raid notturno, che spesso comporta l’uso di granate stordenti e di gas e sparatorie, è un mini attacco terroristico.

thanks to: NenaNews

forumpalestina

Alarming accounts of human rights violations of Palestinians

GENEVA (19 June 2015) – The United Nations Special Rapporteur on the situation of human rights in the Palestinian territories occupied since 1967, Makarim Wibisono, today expressed deep concern about the human rights situation of Palestinians living under the 48-year-long Israeli occupation.

Alarming accounts of human rights violations of Palestinians | Scoop News.

Lo sfruttamento dei minori palestinesi nella Valle del Giordano

Uno degli aspetti meno dibattuti dell’occupazione israeliana della Cisgiordania è lo sfruttamento della manodopera palestinese, soprattutto di quella minorile. Un rapporto intitolato “Maturi per l’abuso: il lavoro minorile palestinese negli insediamenti agricoli israeliani in Cisgiordania”, pubblicato ieri dalla ong Human Rights Watch (HRW), rivela che le colonie, principalmente quelle della Valle del Giordano, impiegano bambini palestinesi anche di 11 anni pagandoli poco e in condizioni di lavoro definite “pericolose”.

15-4-15_Sfruttamento-Minori.

La rimozione nascosta della memoria

Ad Ausch­witz, uno dei monu­menti più note­voli tra quelli dedi­cati alle varie comu­nità degli inter­nati è il cosid­detto «Memo­riale Ita­liano». Un paio di anni or sono le auto­rità polac­che deci­sero di chiu­derlo al pub­blico, nel silen­zio del governo ita­liano, e dell’Aned, in teo­ria pro­prie­ta­ria dell’opera. Pochi mesi fa la sovrin­ten­denza del campo, ormai museo, ha deciso di pro­ce­dere alla rimo­zione del Memo­riale. La sua colpa? Quella di ricor­dare che nei lager non furono sol­tanto depor­tati e ster­mi­nati gli ebrei, ma gli slavi, i sinti, i rom, i comu­ni­sti insieme a social­de­mo­cra­tici e cat­to­lici, gli omo­ses­suali, i disa­bili. Quel Memo­riale opera egre­gia, alla cui idea­zione, su pro­getto dello stu­dio BBPR (Banfi Bel­gio­joso Perus­sutti Rogers, il pre­sti­gioso col­let­tivo mila­nese di cui faceva parte Ludo­vico Bel­gio­joso, già inter­nato a Buche­n­wald) col­la­bo­ra­rono Primo Levi, Nelo Risi, Pupino Samonà, Luigi Nono…, ha dei «torti» aggiun­tivi, come l’accogliere fra le sue tante deco­ra­zioni e sim­bo­lo­gie anche una falce e mar­tello, e una imma­gine di Anto­nio Gram­sci, icona di tutte le vit­time del fasci­smo.

Ora, ai gover­nanti polac­chi, desi­de­rosi di rimuo­vere il pas­sato, distur­bano quei richiami, agli ebrei il fatto che il monu­mento metta in crisi «l’esclusiva» ebraica rela­tiva ad Ausch­witz. Ed è grave che una città ita­liana, Firenze, si sia detta pronta ad acco­glierlo. Con­tro que­sta scel­le­rata ini­zia­tiva si sta ten­tando da tempo una mobi­li­ta­zione cul­tu­rale, che si spera possa avere un riscon­tro poli­tico forte e oggi su que­sto si svol­gerà nel Senato ita­liano una ini­zia­tiva di denun­cia pro­mossa da Ghe­rush 92-Committee for Human Right e dall’Accademia di Belle Arti di Brera. Spo­stare quel monu­mento dalla sua sede natu­rale, equi­vale a tra­sfor­marlo in mero oggetto deco­ra­tivo, men­tre esso deve stare dove è nato, per il sito per il quale fu pen­sato, a ricor­dare, pro­prio là, die­tro i can­celli del campo di ster­mi­nio, cosa fu il nazi­smo e il suo lucido pro­getto di annien­ta­mento, che, appunto, non con­cer­neva solo gli ebrei, col­lo­cati in fondo alla gerar­chia umana, ma anche tutti gli altri popoli, giu­di­cati essere «razze infe­riori» come gli slavi, o i nemici del Reich, comu­ni­sti in testa, o ancora gli «scarti» di uma­nità, secondo le oscene teo­rie degli «scien­ziati» di Hitler.
Insomma, la rimo­zione del Memo­riale, è una rimo­zione della memo­ria e un’offesa alla sto­ria. Ebbene, l’atteggiamento dell’Aned e delle Comu­nità israe­li­ti­che ita­liane, che o hanno taciuto, o hanno appro­vato la rimo­zione del Memo­riale (in attesa della sua sosti­tu­zione con un bel manu­fatto poli­ti­ca­mente adat­tato ai tempi nuovi), appare grave.
E in qual­che modo richiama le pole­mi­che di que­sti giorni rela­tive alla mani­fe­sta­zione romana del 25 aprile.

 

 

 

Pre­messo che la cosa «si svol­gerà di sabato», e dun­que, come ha pre­te­stuo­sa­mente pre­ci­sato il pre­si­dente della Comu­nità israe­li­tica romana, gli ebrei non avreb­bero comun­que par­te­ci­pato, la denun­cia che «non si vogliono gli ebrei», è un rove­scia­mento della verità: non si vogliono i pale­sti­nesi. Ed è grave l’assenza annun­ciata dell’ANED, per la prima volta, anche se la bagarre si è sca­te­nata sull’assenza della «Bri­gata Ebraica». La quale ha le sue ori­gini remote niente meno in Vla­di­mir Jabo­tin­sky, sio­ni­sta estre­mi­sta di destra con legami negli anni ’30 mai smen­titi con Mus­so­lini, che con­vinse le auto­rità bri­tan­ni­che, nella I guerra mon­diale, a dar vita a una Legione ebraica. Nel II con­flitto mon­diale, fu Chur­chill a lasciarsi con­vin­cere a orga­niz­zare un Jewish Bri­gade Group, inqua­drato nell’esercito bri­tan­nico: 5000 uomini che ope­ra­rono in par­ti­co­lare nell’Italia cen­trale, con­tri­buendo alla libe­ra­zione di Ravenna e di altri bor­ghi. Ebbe i suoi morti, e le sue glo­rie. Bene dun­que cele­brarla. Ma non fu né avrebbe potuto avere un ruolo emi­nente, come sem­bre­rebbe a leg­gere certe dichia­ra­zioni. Ma il fuoco media­tico supera il fuoco delle armi. E che dire di ciò che avvenne dopo? Come sto­rico ho il dovere di ricor­darlo. Quei sol­dati diven­nero il nucleo ini­ziale delle mili­zie dell’Irgun e del Haga­nah — quelle che cac­cia­rono i pale­sti­nesi nella Nakba — e poi dell’esercito del neo­nato Stato di Israele, al quale offri­rono anche la ban­diera.

 

 

 

Si capi­sce l’imbarazzo dell’Anpi di Roma, tra l’incudine e il mar­tello. Ma quando leggo che il suo pre­si­dente afferma che «i pale­sti­nesi non c’entrano con lo spi­rito della mani­fe­sta­zione», mi vien voglia di chie­der­gli se gli amici di Neta­nyahu c’entrino di più. Altri hanno dichia­rato in que­sti giorni che biso­gna lasciar par­lare solo chi ha fatto la guerra di libe­ra­zione; ma se così intanto andreb­bero cac­ciati dai pal­chi tanti trom­boni in cerca di applausi; e soprat­tutto se si adotta que­sta logica è evi­dente che tra poco non ci sarà più modo di festeg­giare il 25 aprile, per­ché, ahimè, i par­ti­giani saranno tutti scom­parsi.
E allora — visto l’articolo 2 dello Sta­tuto dell’Anpi che riven­dica un pro­fondo legame con i movi­menti di libe­ra­zione nel mondo — come non dare spa­zio a chi oggi lotta per libe­rarsi da un regime oppres­sivo, discri­mi­na­to­rio come quello israe­liano, rap­pre­sen­tato ora dal governo di destra di Neta­nyahu? Chi più dei pale­sti­nesi ha diritto oggi a recla­mare la «libe­ra­zione»? E invece temo si vada verso que­sto (addi­rit­tura in que­ste ore in forse a Roma) e i pros­simi 25 Aprile inges­sati e reistituzionalizzati

 

Liste degli attacchi dell’Irgun durante gli anni ’30 (da wikipedia.it)

 

Lista dal sito dell’Irgun

 

Nel sito web dell’Irgun che descrive il corso degli eventi in quegli anni, molti degli attacchi sottostanti non sono neppure menzionati, essendo l’attribuzione di questi atti contestata, mentre il sito web si assume la responsabilità solo degli attacchi direttamente portati a termine dall’organizzazione.

 

Di seguito è riportata la lista degli attacchi che sono stati attribuiti all’Irgun e che sono avvenuti nel corso degli anni ’30.

 

·       20 aprile 19362 lavoratori arabi in una piantagione di banane uccisi.

 

·       marzo 19372 arabi uccisi sulla spiaggia di Bat-Yam.

 

·       14 novembre 19376 arabi sono uccisi in vari scontri a fuoco a Gerusalemme.

 

·       12 aprile 19382 arabi e 2 poliziotti britannici sono uccisi da una bomba su un treno a Haifa.

 

·       17 aprile 1938 – Un arabo è ucciso da una bomba esplosa in un caffè a Haifa.

 

·       17 maggio 1938 – Un poliziotto arabo è ucciso in un attacco a un autobus lungo il tragitto Gerusalemme-Hebron

.

·       24 maggio 1938 – 3 arabi sono fatti oggetto di colpi d’arma da fuoco e uccisi a Haifa.

 

·       23 giugno 1938 – 2 arabi sono uccisi presso Tel-Aviv.

 

·       26 giugno 1938 – 7 arabi sono uccisi da una bomba a Giaffa.

 

·       27 giugno 1938 – Un arabo è ucciso nel cortile di un ospedale a Haifa.

 

·       5 luglio 1938 – 7 arabi sono uccisi in numerosi scontri a fuoco a Tel-Aviv.

 

·       Lo stesso giorno, 3 arabi sono uccisi da una bomba esplosa in un autobus a Gerusalemme.

 

·       Lo stesso giorno, un arabo è ucciso in un altro attacco a Gerusalemme.

 

·       6 luglio 1938 – 18 arabi e 5 ebrei sono uccisi da due bombe esplose simultaneamente nel mercato arabo dei meloni a Haifa.

 

·       8 luglio 1938 – 4 arabi sono uccisi da una bomba a Gerusalemme.

 

·       16 luglio 1938 – 10 arabi sono uccisi da una bomba in un mercato di Gerusalemme.

 

·       25 luglio 1938 – 39 arabi sono uccisi da una bomba in un mercato di Haifa.

 

·       26 agosto 1938 – 24 arabi sono uccisi da una bomba in un mercato di Giaffa.

 

·       27 febbraio 1939 – 33 arabi sono uccisi in attacchi multipli, 24 a causa di una bomba nel mercato arabo nel quartiere dei Suq a Haifa e 4 da un’altra bomba nel mercato arabo delle verdure a Gerusalemme.

 

·       29 maggio 19395 arabi sono uccisi da una mina esplosa nel cinema Rex a Gerusalemme.

 

·       Lo stesso giorno, 5 arabi sono colpiti da armi da fuoco e uccisi nel corso di un raid nel villaggio di BiyarAdas.

 

·       2 giugno 19395 arabi sono uccisi da una bomba alla Porta di Giaffa a Gerusalemme.

 

·       12 giugno 1939 – Un ufficio postale a Gerusalemme è dinamitato e un esperto di esplosivi britannico che tenta di disinnescare l’ordigno muore.

 

·       16 giugno 19396 arabi sono uccisi in vari attacchi a Gerusalemme.

 

·       19 giugno 1939 – 20 arabi sono uccisi da cariche esplosive montate su un asino in un mercato di Haifa.

 

·       29 giugno 193913 arabi sono uccisi in sparatorie multiple nel giro di un’ora.

 

·       30 giugno 1939Un arabo è ucciso in un mercato di Gerusalemme.

 

·       Lo stesso giorno, 2 arabi sono colpiti da armi da fuoco e uccisi a Lifta.

 

·       3 luglio 1939Un arabo è ucciso da una bomba in un mercato di Haifa.

 

·       4 luglio 19392 arabi sono uccisi in due attacchi a Gerusalemme.

 

·       20 luglio 1939Un arabo è ucciso in una stazione ferroviaria a Giaffa.

 

·       Lo stesso giorno, 6 arabi sono uccisi in vari attacchi a Tel-Aviv.

 

·       Lo stesso giorno, 3 arabi sono uccisi a Rehovot.

 

·       27 agosto 19392 ufficiali britannici sono uccisi da una mina a Gerusalemme.

 

Sono riportate solo le operazioni conclusesi con la morte. L’Irgun ha condotto almeno 60 operazioni durante questo periodo (Perliger e Weinberg p. 101).

 

 

Fonte: il manifesto, 9 aprile 2015

10-4-15_Rimozione-Nascosta-Memoria.

25 APRILE Comunicato Stampa Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

25 APRILE

Comunicato Stampa Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

Si apprende, da un articolo apparso ieri su La Repubblica, che l’Aned, che sino ad allora aveva dichiarato insieme alla Comunità Ebraica Romana che non avrebbe partecipato alle celebrazioni del 25 aprile, intende invece parteciparvi a condizione però che non vi siano bandiere palestinesi. Pure la Brigata Ebraica, a quanto riportato nello stesso articolo, pone la medesima condizione.
Al di là delle pretestuose motivazioni addotte, e cioè che i Palestinesi sarebbe stati alleati dei nazisti e che vi sono altri 364 giorni per occuparsi della Palestina, la ragione per la quale non si vuole la presenza della bandiera palestinese appare più che evidente. La giornata del 25 aprile non è dedicata solo a fare memoria della guerra partigiana e dei suoi caduti, ma è la celebrazione dei valori per i quali i partigiani combatterono ed a migliaia morirono: l’antifascismo, la libertà, la giustizia. Valori che in Italia, come altrove, dopo averli conquistati vanno riaffermati e difesi anche oggi e per i quali altri popoli, che ne sono privi, stanno ora lottando. Il 25 aprile non si celebra, dunque, solo la Resistenza italiana di settant’anni fa, ma anche la Resistenza di tutti i popoli che lottano oggi per conquistare il proprio diritto alla libertà.
Ecco perché si tenta di negare la partecipazione della bandiera palestinese alle celebrazioni del 25 aprile: la sua presenza è testimonianza che in Palestina c’è una Resistenza in atto, una Lotta di Liberazione da un oppressore: lo Stato di Israele; è un esplicito atto di accusa nei confronti di Israele.
Questo è ciò che Aned e Brigata Ebraica vorrebbero evitare.
Ma la realtà non si può nascondere. Lo Stato Israeliano è uno stato invasore e coloniale che occupa abusivamente territori non suoi, tiene sotto occupazione la popolazione palestinese della Cisgiordania, assedia la Striscia di Gaza nella quale 1.800.000 palestinesi sono ridotti come in prigionia e vengono periodicamente massacrati. Le migliaia di morti che Israele ha causato in Palestina non si cancellano negando la partecipazione della loro bandiera alle celebrazioni del 25 aprile. Quel giorno vanno commemorati anche loro.

via10-4-15_25Aprile-Comunicato-Rete-Romana.

Muhammad Ali Net, 20 anni – Muhammad Jasser Abdullah Krakrh, 30 anni – Mohammed Jamal

di Samantha Comizzoli

 

Muhammad Ali Net (20 anni) di Jalazoun, Ramallaah. Una settimana fa i soldati israeliani gli hanno sparato al petto proiettili veri. E’ morto oggi.

Altro palestinese morto…nella prigione palestinese di Al Kahlil per un incendio….scontri in corso … Io la parola la voglio usare anche qui… martire. Il martire morto ad Al Kahlil nella prigione palestinese è Mohammed Jamal e sembra sia morto per le ferite riportate durante l’interrogatorio (credo del Wucoi). Di seguito è scoppiato l’incendio nella prigione, quindi tutto fa pensare sia stato provocato per coprire il morto. Gli agenti che hanno fatto l’interrogatorio sono stati arrestati

Martire a Beit il, Ramallah, ucciso dai coloni israeliani. Mezz’ora fa quando sono passata dalla strada, il corpo era ancora lì, circa un centinaio di soldati attorno. Rallentamenti sulla strada Ramallah – Nablus, si apprestavano a chiudere Zaatara checkpoint. Il martire è Mohammed Jassem del villaggi di Sinji, che dista solo pochi metri dal luogo dell’assassinio.
Ero al Ramallah Hospital..è arrivata la notizia del martire in questo modo “gli hanno sparato i coloni israeliani, lui aveva cercato di fermare l’auto, era da solo e a piedi”. Ora la notizia che viene passata è “ha tentato di accoltellare due soldati e i soldati gli hanno sparato”. Qualcosa non torna.
Dalle testimonianze sul martirio di oggi: operaio edile. Parrebbe fosse con altri due amici che sono fuggiti. I soldati feriti da Muhammad sono sono due, uno grave. E’ stato difficile il riconoscimento di Muhammad perchè gli hanno sparato in faccia e in testa. I soldati israeliani hanno attaccato il villaggio di Sinji in gran numero e con raid nelle case. Chiusi i villaggi di Sinji, Beit Ili e Turmus Aya. Si segnala ancora numero massiccio di soldati sulla strada Ramallah- Nablus e si temono reazioni questa notte.

Fonte:
https://www.facebook.com/samantha.comizzoli?fref=ts

10-4-15_Uccisi.

Denuncia Onu: Nel 2014 mai così tanti palestinesi uccisi dal 1967

Solo a Gaza oltre 1.500 civili uccisi, tra cui 550 bambini

Denuncia Onu: Nel 2014 mai così tanti palestinesi uccisi dal 1967

Gerusalemme, 26 mar. (askanews) – Il 2014 ha fatto registrare il più alto numero di civili palestinesi uccisi a partire dalla guerra dei sei giorni del 1967. E’ quanto si legge in un rapporto diffuso oggi dalle Nazioni Unite. “I civili palestinesi continuano a subire minacce alla loro vita, alla loro sicurezza fisica e alla loro libertà”, e “il 2014 ha conosciuto il peggior bilancio di vittime civili dal 1967”, si legge nel documento. “Nella Striscia di Gaza, 1,8 milioni di palestinesi hanno vissuto la peggiore escalation di ostilità dal 1967: più di 1.500 civili sono stati uccisi, oltre 11.000 sono rimasti feriti e circa in 100.000 sono rimasti sfollati” perchè alla fine del 2014 non avevano ancora trovato una casa. Complessivamente sono stati 2.200 i palestinesi uccisi la scorsa estate nell’offensiva militare lanciata da Israele a Gaza, tra cui 550 bambini; da parte israeliana hanno perso la vita 73 persone, tra cui 67 soldati. Nel documento annuale diffuso dall’Ufficio dell’Onu per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), intitolato “Vite spezzate”, viene anche lanciato un appello a una maggiore moderazione: “Tutte le parti in conflitto devono rispettare i loro obblighi legali di agire secondo il diritto internazionale in caso di conflitto, per garantire la protezione di tutti i civili e assicurare che i responsabili rispondano di quanto commesso”. Nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme nel 2014 sono stati uccisi 58 palestinesi e altri 6.028 sono rimasti feriti; si tratta anche in questo caso del bilancio più grave registrato da anni. Nello stesso periodo sono stati uccisi 12 israeliani. Anche il numero di palestinesi detenuti “per ragioni di sicurezza” è aumentato del 24%, con una media mensile di 5.258 prigionieri. In Cisgiordania e a Gerusalemme Est, 1.215 palestinesi sono stati cacciati dalle loro case, distrutte dalle autorità israeliane; anche in questo caso si tratta del numero più alto registrato a partire dal 2008, quando l’Ocha ha cominciato a tenerne il conteggio. Nel rapporto viene denunciata anche la politica israeliana di costruzione di colonie in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, sottolineando che “le attività di insediamento continuano, violando il diritto internazionale e contribuendo alla vulnerabilità umanitaria delle comunità palestinesi”. Cam

viaDenuncia Onu: Nel 2014 mai così tanti palestinesi uccisi dal 1967.

Le forze israeliane arrestano i parenti di un ragazzino sospettato di aver pugnalato due israeliani

Gerusalemme – Ma’an. Mercoledì le forze israeliane hanno arrestato il padre e i due fratelli del 16enne palestinese sospettato di aver pugnalato due israeliani nei pressi di Maale Adumim.

Hani Halabiya, portavoce di un comitato locale, ha dichiarato che le forze israeliane hanno arrestato Samir Abu Sneineh e i suoi figli Murad e Tariq dopo aver fatto irruzione nella loro casa a al-Eizariya.

Gli arresti hanno provocato degli scontri nel quartiere. Le forze israeliane hanno lanciato gas lacrimogeni e proiettili d’acciaio rivestiti di gomma, ferendo quattro palestinesi alla testa e un altro al piede.

In precedenza, il 16enne Ibrahim Salim Abu Sneineh aveva accoltellato e ferito lievemente due israeliani in un negozio di Rami Levy nella zona industriale di Mishor Adumim, nell’insediamento di Maale Adumim. Una guardia di sicurezza israeliana fuori servizio aveva sparato ad Abu Sneineh, ferendolo.

Il portavoce della polizia israeliana Micky Rosenfeld aveva scritto su Twitter che il sospettato era in “gravi condizioni”.

thanks to: Infopal

Comunicato dalle prigioni dell’occupazione: i prigionieri politici palestinesi intendono intensificare la protesta

La seguente dichiarazione è stata rilasciata il 29 novembre dalla sezione carceri del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e rispecchia la scelta delle organizzazioni dei detenuti di tutti i partiti politici palestinesi all’interno delle carceri dell’occupazione israeliana, tra cui l’organizzazione dei prigionieri del FPLP. La Campagna per la Liberazione di Ahmad Sa’adat sta diffondendo la seguente dichiarazione de invita a partecipere alle azioni di solidarietà internazionale verso i prigionieri in lotta seguendo le notizie e le azioni in programma.

Durante le continue aggressioni dell’occupazione contro il nostro popolo ovunque esso si trovi, con escalation di violenza e di odio razziale, si intensificano anche gli attacchi contro il movimento dei prigionieri. Qui non ci sono ancora gli elementi minimi per una parità de equilibrio di potere che pende decisamente a favore del nemico, le condizioni diventano sempre più difficili e crudeli mentre l’occupante intensifica le sue politiche che mirano a minare la nostra determinazione, la volontà e l’umanità rivoluzionaria attraverso una serie di misure che incidono su tutti gli aspetti della vita dei detenuti all’interno delle carceri dell’occupazione.

Queste politiche includono la negazione delle visite familiari, le limitazioni e i divieti sui depositi di denaro per la “mensa” (spaccio) della prigione, l’eliminazione di quasi tutte le emittenti televisive ad eccezione di due canali ebraici e un canale arabo, il trasferimento arbitrario ed un aumento recente dell’uso della segregazione e dell’isolamento. Questo si aggiunge alle restrizioni di movimento nelle sezioni carcerarie, al protrarsi di una politica deliberata di negligenza medica che nega attraverso vari pretesti le visite con i medici specialisti ai prigionieri malati, alle incursioni notturne e violente nelle celle dei prigionieri con il pretesto di ispezionare de eseguire perquisizioni per evitare il contrabbando.

Queste cosiddette perquisizioni mirano a sradicare la stabilità della vita dei detenuti e a mettere in chiaro ai prigionieri che possono essere presi di mira quotidianamente. In realtà tale repressione aumenta solo la fermezza dei prigionieri e la loro volontà di lottare per la vita e la libertà, che rappresenta ciò che questi raid tentano di imperdire.

Alla luce dell’aumento di questi attacchi, sostenuti da una scelta politica del governo sionista di estrema destra, ma che dopo tutti gli sforzi non sono riusciti a porre fine alla nostra lotta che anzi è andata aumentando dal 12 giugno 2014, il movimento dei prigionieri ha tenuto una serie di incontri sulla situazione attuale in varie prigioni, dove si sono evidenziate diverse esigenze specifiche, incluso il rifiuto della politica e delle procedure di detenzione amministrativa e che hanno portato alla decisione di iniziare un programma per far crescere le misure di protesta, al fine di fare pressione sull’autorità carceraria affinchè soddisfi quanto richiesto. Questa protesta inizierà il 1° dicembre 2014 e continuerà fino a quando gli obiettivi non saranno raggiunti.

Richieste specifiche dei prigionieri:

  • Ripristinare la situazione anteriore al 15 Giugno 2014.
  • Annulla tutti i rifiuti delle visite familiari, ripristinare i canali televisivi rimossi, annullare tutti i divieti sui depositi della mensa e ripristinare le condizioni di vita in generale. Ripristinare le visite ai prigionieri della Striscia di Gaza, usando un trattamento eguale ai prigionieri della Cisgiordania.
  • Fine di tutte le recenti pratiche punitive, tra cui lunghi intervalli tra le visite dei familiari, divieti di riunione e di movimento all’interno delle sezioni, aumento nell’uso della segregazione e dell’isolamento, frequenti trasferimenti che infliggono sofferenza significativa ai prigionieri durante la trasferta tra carceri o verso i tribunali.
  • Migliorare il trattamento dei detenuti affetti da patologie mediche e fornire loro i farmaci necessari.
  • Fine della detenzione amministrativa senza né accusa né processo.

Questo il programma previsto delle proteste:

01 dicembre 2014 – Invio di un messaggio al direttore del carcere per discutere la questione;

02 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

09 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

10 dicembre 2014 – Pomeriggio di protesta nelle carceri;

16 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

18 dicembre 2014 – Boicottare l’amministrazione penitenziaria e sciopero per sezioni;

23 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

25 dicembre 2014 – Boicottare l’amministrazione penitenziaria, sciopero e protesta nelle sezioni;

26 dicembre 2014 – Scioperi e proteste in tutte le prigioni, annunciando l’inizio della disobbedienza civile di massa.

Questo programma ha l’obiettivo di intensificare la protesta al fine di aumentare la pressione sull’amministrazione carceraria e sostenere la nostra lotta per soddisfare le nostre giuste richieste. Il carceriere, prima o poi, cederà alla volontà e alla vittoria dei prigionieri!

Gloria ai martiri e vittoria alla rivoluzione!

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina
sezione nelle carceri israeliane

thanks to: Palestina Rossa

Intervista a Rosa Schiano, “imputata” di solidarietà con la Palestina

  • Lunedì, 01 Dicembre 2014 09:19

Intervista a Rosa Schiano, "imputata" di solidarietà con la Palestina

Ciao Rosa da parte della redazione napoletana di Contropiano e solidarietà per i volgari attacchi subiti da parte del quotidiano di Caltagirone “il Mattino”. Insomma hai condiviso un link su facebook sulla questione palestinese e ti sei ritrovata protagonista di una vergognosa campagna stampa che ti dipinge come filoterrorista, con tanto di foto d’archivio che  ti ritrae vicino a un uomo dal viso coperto e un’arma in pugno. Partiamo proprio da qui. La tua versione dei fatti.

È sconcertante che, attorno alla condivisione di un post su un social network, sia stato creato un caso mediatico di questa portata. C’è da chiedersi a cosa si sia ridotto il giornalismo italiano. Sapevo di essere nel mirino di chi aderisce a posizioni filo israeliane ma, una volta rientrata in Italia, pensavo che le pressioni sarebbero diminuite. Non è stato così ed ho avuto modo di sperimentarlo durante l’ultima offensiva israeliana su Gaza quando, diffondendo informazioni attraverso Twitter, ricevevo commenti con offese personali o sessiste. Si tratta di una strategia che mira a esercitare pressione psicologica. Era una comunità che tentava di screditare chi faceva informazione: la lotta si svolgeva  anche sul piano della comunicazione. Durante la mia attività di volontariato nella Striscia di Gaza più volte ho vissuto episodi simili dove sotto accusa era il mio lavoro di documentazione sul posto. Quella stessa foto usata da “Il Mattino” in questi giorni era stata già utilizzata precedentemente su altri siti filo israeliani al fine di ledere la mia immagine. Eppure, l’attività che svolgevo a Gaza con l’ISM era del tutto pacifica: accompagnamento di civili, interposizione durante il lavoro con pescatori e contadini, partecipazioni ad azioni non violente, documentazione dai luoghi attaccati e dagli ospedali. A partire dalla fine dell’ultima offensiva sulla Striscia, la situazione in Palestina è peggiorata anziché migliorata e nessun accordo previsto per il cessate il fuoco è stato rispettato, mentre le tensioni continuavano a salire a Gerusalemme est e tutta la Cisgiordania ed hanno visto attacchi a moschee ed aggressioni di coloni contro civili palestinesi, ed azioni individuali di palestinesi contro civili o soldati israeliani, nonché uccisioni (tra cui l’ultima, terribile, il 17 novembre,  del trentaduenne palestinese conducente di bus trovato impiccato nell’insidediamento di “Givat Shaul” nel villaggio di Deir Yassin, un omicidio pare commesso da coloni estremisti). È in questo contesto di aggressioni fisiche e psicologiche che si inserisce l’agguato nella sinagoga di Gerusalemme. I due palestinesi sapevano che sarebbero stati uccisi dopo l’agguato, ma l’esasperazione li ha portati a compiere questo gesto estremo. Sebbene io sostenga il diritto dei palestinesi alla resistenza armata come tra l’altro riconosciuto dal diritto internazionale ai popoli sotto occupazione, non condivido l’uccisione di civili inermi, e credo che Israele se ne serva poi per giustificare un’azione repressiva ancor più forte, oltre a fare molto male all’immagine e alla causa dei palestinesi.

La condivisione di quel post sulla mia pagina facebook, pubblicato su una pagina inglese, voleva fornire un punto di vista differente e non può essere considerata un’approvazione dell’attentato. Non ho pensato al fatto che il post potesse essere strumentalizzato al fine di attaccare me e la mia mostra fotografica in esposizione a Portici. Ho vissuto a lungo in Palestina, conosco il valore della parola “martire” ed il rispetto che le persone nutrono per coloro che sono disposti a morire per la liberazione della loro terra e l’ottenimento dei loro diritti. I nostri media hanno parlato di attentato e di terroristi isolando l’agguato dal contesto in cui è avvenuto e non permettendo così al pubblico di capire le circostantanze, non permettono di capire che non esistono lì due popoli in guerra ma un popolo oppresso ed uno stato oppressore. Potremmo dire che i civili uccisi in sinagoga e i due palestinesi che hanno eseguito l’agguato siano vittime di uno stesso sistema di potere che oltre ad annientare vite umane cancella diritti e identità di un popolo.

L’operazione del “Mattino” mi ha provocato un grande disagio sebbene io non abbia commesso alcun reato né abbia fatto o scritto le “dichiarazioni” o “esternazioni” che mi hanno attribuito. Che cosa c’è di male nell’essere solidali con un popolo oppresso? Maggiormente triste e di cattivo gusto è il collegamento tra la mia mostra fotografica “Gaza: tra assedio e speranza” e l’attentato avvenuto alla sinagoga di Gerusalemme. Nell’articolo è scritto che la mostra “rischia di trasformarsi in un incidente diplomatico” e che “l’iniziativa ha scatenato la reazione indignata della comunità ebraica di Napoli all’indomani dell’attentato di Gerusalemme”. Se l’indigazione nasce per un reportage fotografico, forse dietro tale indignazione si nasconde una ragione politica? Tra l’altro, la mostra è iniziata prima dell’agguato e non dopo.

Ti sei fatta un’idea del perchè di questo attacco considerato che tu sei una dei più noti attivisti italiani  in sostegno della lotta di liberazione palestinese e le tue idee in merito sono conosciute da chiunque si interessi un minimo di Palestina? Perchè proprio ora? Il grado di mistificazione e la tempistica dell’attacco hanno una spiegazione plausibile o si è trattato semplicemente di un redattore fin troppo “solerte” nel costruire una notizia che in realtà non esiste?

Mi è stato detto che dopo l’agguato alla sinagoga di Har Nof di fatto è una situazione di guerra, in cui si guarda anche alle virgole che vengono pubblicate in rete e sui giornali. Chiaramente mi aspettavano al varco. Credo sia stata un’operazione pensata da tempo, non aspettavano altro. Credo che a coloro che hanno messo su questa operazione disturbi la mia capacità di informare su questi temi al di fuori delle solite cerchie e dentro le istituzioni, il lavoro di documentazione da Gaza accurato e puntuale, il grande affetto delle persone. Hanno tentato di denigrare la mia immagine, di stroncarmi. Credo si sia trattato di un puro tentativo di intimidazione e di un avvertimento verso chiunque in futuro voglia organizzare iniziative di solidarietà o mostre fotografiche e che avrà timore di reazioni da parte della comunità ebraica. Credo si sia trattato di un attacco non solo rivolto a me ma a tutto il mondo della solidarietà con il popolo palestinese. In quei giorni, perfino una mostra fotografica organizzata dalla Unrwa sui rifugiati palestinesi in esposizione al Museo Diffuso della Resistenza di Torino è finita nel mirino della comunità ebraica che ne ha chiesto la chiusura ed ha parlato di “mostra ostile a Israele”. Di fronte a questo tentativo di cancellare l’identità e la storia bisogna mantenere il coraggio di indignarsi, di esporsi e di denunciare.

Questa non è una lotta contro la religione, ma contro l’imperialismo di cui il sionismo è un’espressione, contro l’oppressione, la guerra e le politiche di razzismo e discriminazione, a favore della pace che non può esserci senza giustizia e del diritto dei popoli ad autodeterminarsi.
La denuncia non può  essere considerata istigazione all’odio, mentre allo stesso tempo  si lascia liberamente che in pagine facebook filo israeliane vi siano addirittura auguri di morte nei miei confronti e si faccia riferimento alla sorte toccata al nostro compagno dell’ISM Vittorio Arrigoni. Come mai nessuno si scandalizza e nessuno parla in questo caso di istigazione all’odio? La religione non può essere utilizzata per consentire tali comportamenti né per coprire crimini. Le violazioni dei diritti umani vanno considerate a prescindere dal credo di chi le ha commesse e dal paese in cui avvengono. Al contrario di queste persone, io non ho mai usato parole di violenza né di odio, neppure nelle situazioni di maggior disperazione davanti a corpi di uomini e bambini senza vita. Ho sempre lavorato per far sì che la parola pace avesse un senso. Non solo stando accanto alle vittime delle offensive militari, ma anche nel dimostrare che le parole dei politici celavano invece una realtà atroce sul campo.

Credo che in futuro, coloro che vorranno nuovamente attaccarmi, utilizzeranno nuovamente la stessa fotografia, che poi è stata scattata durante una parata militare del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina nella Striscia di Gaza. Non possono usare altro per gettare ombra sulla mia immagine. Sono veramente dispiaciuta del fatto che, al contrario, i bombardamenti indiscriminati da parte dell’esercito israeliano durante l’offensiva su Gaza di quest’estate, tra cui bombe su case palestinesi con famiglie all’interno, non abbiano ricevuto parole di condanna da parte della comunità ebraica, non siano state dedicate ai bombardamenti così tante pagine di giornale e non siano considerati attentati terroristici. E così, il silenzio e le menzogne hanno ucciso quelle vittime due volte.

Il Mattino, nella sua versione on line, ha addirittura pubblicato un fotomontaggio sovrapponendo l’immagine del cancello di villa Savonarola a Portici, dove si teneva la mostra, con quella dei due martiri palestinesi che avevo condiviso su facebook. Diverse persone hanno così pensato che io avessi esposto la foto dei due martiri sul cancello della villa. Successivamente sul Giornale di Sallusti è stata pubblicata una lettera diffamatoria di una residente a Gerusalemme la quale dichiara che io avrei esposto la locandina dei due martiri alla mia mostra fotografica. Insomma, restano poche parole di fronte a queste manovre di basso livello ed un senso di impotenza.

Inoltre, sul cartaceo, “Il Mattino” ha inserito nel virgolettato la traduzione del post inglese, e nei vari articoli si insiste attribuendomi “esternazioni” o “dichiarazioni” mai fatte e mai scritte, perfino da parte del rabbino Bahbout. Addirittura si lascia intendere che dopo l’attentato appaiano mie immagini “con persone armate”: falso, si tratta di una singola foto pubblicata diversi mesi fa e che tra l’altro loro hanno tagliato creando due immagini.

Non hai mai fatto segreto di sostenere con forza e determinazione la Giunta De Magistris, che tra l’altro ha dato il meglio di sè proprio nei rapporti diplomatici con lo Stato di Palestina, pensi che anche questo abbia contribuito alla virulenza dell’attacco di un quotidiano che si è sempre schierato contro questa giunta e contro il Sindaco in particolare?

Mi sembra chiaro che tanto spazio sia dovuto anche alla campagna contro De Magistris, è una occasione d’oro per attaccare anche lui. Tra l’altro i tre articoli di giornale sono stati pubblicati proprio il 20 novembre, giorno in cui la terza sezione del Consiglio di Stato si sarebbe espressa in merito ai tre ricorsi tra cui quello del Governo contro la sentenza del Tar Campania che annullava l’efficacia della sospensione del Sindaco imposta dalla Severino. Purtroppo, più ci si espone più si subiscono pressioni. Del resto negli articoli vi sono un paio di  riferimenti a De Magistris. Il PD locale invece si è  scagliato contro l’amministrazione di Portici che aveva organizzato la “Settimana dell’autodeterminazione e della pace” che avrebbe ospitato la mia mostra fotografica, mentre sul Mattino il senatore PD Enzo Cuomo fa riferimento ad “affermazioni da parte dell’autrice”, attribuendomi alcune affermazioni da me mai fatte.

Non possiamo fare a meno di chiederti un aggiornamento sulla situazione attuale a Gaza e nel resto della Palestina, dopo i tremendi fatti dei mesi scorsi con attacchi da cielo e da terra contro la popolazione palestinese. Qual è  lo stato dell’arte in questo momento?

Dopo l’ultima offensiva israeliana la situazione nella Striscia di Gaza non è affatto migliorata: all’assedio si aggiunge una maggiore miseria della vita e devastazione, mentre le temperature continuano a scendere. Sono ancora migliaia gli sfollati accolti nelle scuole (18 scuole Unrwa accolgono almeno 28.000 persone) o ospitati da altre famiglie palestinesi, mentre almeno 80.000 famiglie vivono in case che hanno subito diversi livelli di distruzione, nonostante sia pericoloso restarvi. Solo poche famiglie hanno potuto iniziare a ricostruire o riparare le proprie abitazioni. Le condizioni umanitarie peggiorano a causa del maltempo e della mancanza di energia elettrica. La stessa Unrwa ha denunciato una situazione di emergenza dovuta agli allagamenti.

Nessuno degli accordi con cui si èraggiunto il cessate il fuoco è stato rispettato: si era parlato di alleggerimento del blocco, di liberazione di prigionieri, di apertura dei valichi, di estensione del limite marittimo, del diritto ad avere un porto ed un aeroporto. Nulla è stato fatto.

Le escalation contro i pescatori palestinesi dentro il limite consentito (attualmente 6 miglia nautiche) sono anzi continuate così come arresti e confische di barche, l’unico mezzo di sopravvivenza per i pescatori e le loro famiglie. L’esercito israeliano continua a sparare nelle zone lungo il confine, e nell’utima settimana ha ucciso un palestinese, mentre alcuni civili tra cui un bambino sono rimasti feriti. Tutti ormai si preoccupano solo di inviare aiuti umanitari nella Striscia ma nessuno pensa a risolvere il problema politico alla base del conflitto. L’assedio ha avuto un impatto devastante sulla situazione economica e umanitaria, impedendo il commercio e quindi lo sviluppo economico, causando così disoccupazione e dipendenza dagli aiuti internazionali. Infine isolando la Striscia di Gaza dal resto del mondo e separandola dalla stessa Cisgiordania. L’esasperazione ha portato molti palestinesi a scappare attraverso quei pochi tunnel rimasti al confine egiziano e imbarcarsi per raggiungere le nostre coste. Purtroppo molti, moltissimi non ce l’hanno fatta, e sono stati presi dal mare, mentre altri stanno affrontando la repressione egiziana o sono stati deportati a Gaza.

In Cisgiordania tensioni sono aumentate a seguito delle restrizioni imposte sull’accesso dei palestinesi alla moschea Al Aqsa a Gerusalemme est con conseguenti scontri tra palestinesi e forze israeliane. A ciò va aggiunto il rafforzamento della presenza ebraica a Gerusalemme est e l’aumento di insediamenti coloniali. Le tensioni crescono proprio a causa delle demolizioni decise come misura di punizione collettiva da parte delle autorità israeliane: case dei palestinesi che hanno ucciso con la propria auto pedoni alla fermata del tram e dei due responsabili dell’attacco in sinagoga sono state demolite, nonostante questa pratica sia considerata una forma punitiva contraria al diritto internazionale.

Continuano le proteste in Cisgiordania, nel corso delle quali vi sono spesso feriti. Frequenti sono le incursioni dell’esercito nei villaggi palestinesi, nel corso delle quali spesso civili restano feriti e molti sono arrestati. Si contano nel mese di ottobre 6500 prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane di cui 500 in detenzione amministrativa e 182 minori. Alcuni pensano ad un possibile scoppio di una terza intifada, ma questa possibilità rimane debole fin quando esiste la cooperazione tra l’ANP e la polizia israeliana.
Rapporti settimanali sulle violazioni israeliane sulla popolazione civile palestinese possono essere letti sui siti del Palestinian Centre For Human Rights (http://www.pchrgaza.org ) e delle Nazioni Unite (http://www.ochaopt.org/ ).

Napoli è notoriamente città “amica della Palestina” e adesso addirittura con un sindaco cittadino onorario palestinese. Tu sei indubbiamente la figura più nota del movimento napoletano di solidarietà al popolo palestinese e viene normale chiederti il perchè.  Perchè Napoli è così empatica nei riguardi della lotta del popolo palestinese? Vi sono delle ragioni storiche che hanno determinato questa empatia, qui si è lavorato particolarmente bene rispetto ad altri luoghi d’Italia? E in ultimo: cosa ne pensi delle forme di lotta che promuovono il Boicottaggio, il Disinvestimento e  le Sanzioni contro lo Stato d’Israele?

Napoli storicamente è una città accogliente, solidale e antifascista. I napoletani hanno liberato la città dall’occupazione nazista e, nel corso degli anni, hanno subito forme di discriminazione e razzismo. Forse sono questi i motivi, insieme all’amore per la propria terra, che spingono i napoletani a sentirsi vicini alle lotte dei popoli oppressi. Essi conoscono il significato della resistenza.

Certo, Napoli ha mostrato sempre solidarietà nei confronti del popolo palestinese e che si è concretizzata in visite, gemellaggi con città palestinesi e progetti. Tra le ultime attività dell’Amministrazione comunale concentrata sull’affermazione dei diritti umani e della pace, un tavolo aperto in occasione dell’emergenza Gaza nel corso dell’ultima offensiva israeliana sulla Striscia a cui è  seguito una deliberazione per l’avvio di azioni di sensibilizzazione, aiuto concreto e missioni umanitarie in Palestina.
In generale, Napoli e i napoletani sono sempre in prima linea nella difesa dei diritti qui e nei paesi dove vi sono conflitti.

Sostengo il BDS, credo sia attualmente lo strumento più efficace per esercitare pressione sul governo israeliano affinché rispetti il diritto internazionale e cessi l’occupazione militare. L’Unione Europea si mostra ancora troppo debole, nonostante direttive UE contro il commercio con gli insediamenti coloniali siano state approvate nel luglio dell’anno scorso ed entrate in vigore a gennaio di quest’anno, tutt’ora non se ne parla e non so se siano realmente applicate. Credo che solo il BDS a livello istituzionale possa avere un’impatto sulle politiche di Tel Aviv. I riconoscimenti simbolici dello Stato di Palestina sono molto belli ed importanti ma non sono affiancati da nessuna azione concreta.

L’Italia dovrebbe in primo luogo avere il coraggio di rivedere l’accordo di cooperazione militare con lo stato di Israele e fermare la vendita di armi.

thanks to: contropiano.org

30 ragazzi nel carcere di Ofer soffrono di problemi di salute

soldier-boy-detain

Hebron-Quds Press. Il Club dei prigionieri ha dichiarato che 30 su 84 adolescenti prigionieri nel carcere di Ofer soffrono di problemi di salute e necessitano di cure, specificando che la loro età va dai 14 ai 17 anni.

In un comunicato diramato giovedì 11 novembre, Il Club ha ricordato che tra questi prigionieri vi sono Amir Awad, aggredito dai cani poliziotti, scagliatigli contro dall’esercito dell’occupazione mentre veniva arrestato; Muhammad Musallama, che soffre di problemi al fegato; Adham Erekat e Muhammad Asnam, colpiti alla testa; Hussam Al-Jabari, che ha subito un’amputazione di un dito del piede.

È da notare che il numero dei minorenni detenuti nelle prigioni dell’occupazione è di 300, suddivisi in tre prigioni: Megiddo, Ofer e Hasharon.

Traduzione di Patrizia Stellato

thanks to: Infopal

Palestinians build a bridge over the separation wall

The non-violent direct action is in protest of restrictions on access to the Aqsa Mosque that Israel places on Palestinian worshipers from the West Bank.

Palestinians and international activists use make-shift bridges to cross the separation wall between Qalandiya and Jerusalem, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

Some 50 Palestinian and international activists used two make-shift bridges to cross the separation wall between Qalandiya and northern Jerusalem Friday morning. They also cut razor wire adjacent to the wall.

The non-violent direct action was in protest of the restrictions on access to the Aqsa Mosque that Israel places on Palestinians from the West Bank.

Separately, following a tripartite meeting between U.S. Secretary of State John Kerry, Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu and Jordan’s King Abdullah about tensions on the Temple Mount and in Jerusalem, Israel Police announced that it was suspending the ban on worshippers under the age of 50.

That change, however, will not affect the ability of West Bank Palestinians to reach the Old City of Jerusalem, where the mosque is located. Decisions to grant entry permits for West Bank residents are made by the army and Shin Bet.

Palestinians and international activists use make-shift bridges to cross the separation wall between Qalandiya and Jerusalem, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

Palestinians and international activists cut razor wire after crossing the separation wall between Qalandiya and Jerusalem, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

At the Hizme checkpoint, used by West Bank settlers to commute to Jerusalem, Palestinians attempted to march toward the holy city. They blocked Israeli traffic and were eventually dispersed by soldiers and police.

Palestinians attempt to march to Jerusalem through the Hizme checkpoint, blocking traffic and protesting against restrictions Israel places on Palestinians trying to reach the Aqsa Mosque in the holy city, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

Palestinians attempt to march to Jerusalem through the Hizme checkpoint, blocking traffic and protesting against restrictions Israel places on Palestinians trying to reach the Aqsa Mosque in the holy city, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

Palestinians attempt to march to Jerusalem through the Hizme checkpoint, blocking traffic and protesting against restrictions Israel places on Palestinians trying to reach the Aqsa Mosque in the holy city, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

Palestinians attempt to march to Jerusalem through the Hizme checkpoint, blocking traffic and protesting against restrictions Israel places on Palestinians trying to reach the Aqsa Mosque in the holy city, November 14, 2014. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)

thanks to: 972mag

Palestine resistance should boost defense abilities: Leader

Leader of the Islamic Revolution Ayatollah Seyyed Ali Khamenei says resistance groups in Palestine should strengthen their defense capabilities in the face of possible fresh aggression by Israel.

“The Resistance current should boost its preparedness day by day and reinforce its power resources inside Gaza,” Ayatollah Khamenei said in a meeting with Secretary General of the Islamic Jihad of Palestine Ramadan Abdullah in Tehran on Thursday.

The Leader said the Palestinian resistance’s recent victory against the Israeli regime’s 50-day war indicated the realization of the “divine promise”, which will pave the way for greater triumphs.

The Leader also anticipated a promising future for the Palestinian people, saying, “The outlook of the developments is bright and good.”

Ayatollah Khamenei urged Palestinians in the West Bank to get on board in the fight against the Israeli regime, saying, “Fighting the Zionist regime (Israel) is a war of destiny.”

“The enemy should feel the same worries in the West Bank as it does in Gaza,” the Leader added.

Ayatollah Khamenei further vowed more support for the Palestinian people, stating, “The Islamic Republic and the Iranian people are proud of your victory and resistance, and hope that the back-to-back triumphs of resistance [groups] will continue until final victory.”

Abdullah, for his part, extended to the Leader the greetings of senior officials from Islamic Jihad and other Palestinian resistance groups, and presented a report on the latest Israeli war on Gaza.

“Definitely, the victory was achieved with the assistance of the Islamic Republic,” the senior Palestinian official said, adding, “Without Iran’s strategic and efficient help, resistance and victory in Gaza would have been impossible.”

Abdullah further assessed as strategic and effective the Leader’s guidelines on the necessity of arming the West Bank for countering the Israeli regime’s aggression, saying the remarks have re-energized the Palestinian fighters and raised their spirits.

On July 23, Ayatollah Khamenei said armed resistance by Palestinians is “the only way” to confront the Zionist regime.

“We believe that the West Bank should also be armed like Gaza and those who are interested in Palestine’s destiny should act in this regard,” the Leader said at the time.

Israeli launched a deadly onslaught on the besieged Gaza Strip on July 8. Gaza health officials say over 2,140 Palestinians, including 577 children, were killed in the Israeli onslaught. Over 11,100 others, including 3,374 children, 2,088 women and 410 elderly people, were injured. Tens of Israelis were also killed by the Palestinian resistance retaliatory rockets.

The Israeli aggression ended on August 26 with an Egyptian-brokered truce.

IA/NN/KA

thanks to: Presstv

Australian film ‘Stone Cold Justice’ on Israel’s torture of Palestinian children

Stone Cold JusticeA film which has been produced by a group of Australian journalists has sparked an international outcry against Israel after it explicitly detailed Tel Aviv’s use of torture against Palestinian children.
The film, titled ‘Stone Cold Justice’ documents how Palestinian children, who have been arrested and detained by Israeli forces, are subjected to physical abuse, torture and forced into false confessions and pushed into gathering intelligence on Palestinian activists. Australia’s foreign minister Julie Bishop has spoken out against Israeli’s use of torture stating that “I am deeply concerned by allegations of the mistreatment of Palestinian children,” Israel’s Foreign Ministry spokesman Yigal Palmor has described the human rights abuses documented in the film as “intolerable”. But rights groups have slammed this statement, saying that the Israelis are doing nothing to change Tel Aviv’s policy to torture Palestinian children. Last year a report by the United Nations International Emergency Children’s Fund or UNICEF concluded that Palestinian children are often targeted in night arrests and raids of their homes, threatened with death and subjected to physical violence, solitary confinement and sexual assault. The film Stone Cold Justice has sparked an international outcry about Israel’s treatment of children in Israeli jails. However, rights groups have criticized Tel Aviv for not doing anything to create a policy that protects Palestinian children against arbitrary arrest and torture.

http://www.abc.net.au/4corners/stories/2014/02/10/3939266.htm

42 ONG esortano i leader mondiali a bloccare i piani israeliani di pulizia etnica in Cisgiordania

Memo42 organizzazioni palestinesi, israeliane e internazionali hanno rivolto un appello urgente alla comunità internazionale affinché blocchi i piani israeliani volti a “trasferire con la forza” migliaia di palestinesi in Cisgiordania dalle loro comunità verso “una zona designata”.

L’appello comune costituisce la risposta ai piani del governo israeliano di “rimuovere i beduini palestinesi dalle rispettive comunità nei pressi di Gerico, Ramallah e Gerusalemme”, oltre che nella cosiddetta “E1”, area che rappresenta un tradizionale obiettivo di espansione e di insediamento illegale.

Le ONG rilevano che negli ultimi mesi le autorità israeliane hanno “messo in atto tattiche coercitive per aumentare la pressione sulle comunità di beduini palestinesi, emettendo ingiunzioni di sfratto e demolendo case e strutture di sussistenza”, oltre che “ostacolando l’azione degli enti assistenziali”.

A gruppi palestinesi quali Al Haq, Badil e PNGO si sono unite organizzazioni analoghe come Christian Aid, Medical Aid for Palestinians, Oxfam, Save the Children e World Vision. Tutti sottolineano che “la comunità internazionale deve adottare ogni misura possibile affinché il trasferimento forzato individuale e di massa, che è una grave violazione della Quarta Convenzione di Ginevra, non abbia luogo”.

I piani israeliani resi noti questa settimana sono stati condannati anche dal ministro palestinese dell’agricoltura Shawqi al-Ayasa, il quale ha affermato che Israele vuole “creare zone di segregazione” e ostacolare “la sovranità palestinese su tutti i territori occupati nel 1967”.

Traduzione di Lorenzo Emanuel

 

thanks to: Infopal

La Palestina è sotto attacco

https://i2.wp.com/www.forumpalestina.org/news/2014/Giugno14/Immagini/Operazione_Brother-s.gif

La Palestina non solo è sotto attacco militare, il che preoccupa moltissimo per le vite dei palestinesi e la ulteriore perdite delle loro strutture.

La Palestina è sotto attacco da parte di Israele nella sua resistenza come realtà autonoma.

La Palestina è sotto attacco allo scopo di dimostrare la sua “impossibilità di esistenza”.

Nel momento della riconciliazione tra le fazioni che governano nella Cisgiordania e a Gaza, un tentativo di unificare il territorio politico della Palestina, di trovare un’ autorappresentazione politica presso l’ONU, di liberare Gaza dall’assedio (reso ancor più insostenibile dal blocco alla circolazione di persone e beni da parte dell’Egitto di Sissi), di reclamare la illegalità della detenzione ed abduzione amministrativa di prigionieri e di difendere il territorio in Gerusalemme e nella Cisgiordania, di sviluppare una autonomia economica, Israele dispiega attacchi militari con forze di terra e uso spropositato della forza verso i civili nella Cisgiordania, con più di 400 detenzioni amministrative, infinite malversazioni a Gerusalemme e bombardamenti e sconfinamenti a Gaza.

Questa operazione dello stato Israeliano, battezzata “guardiani dei nostri fratelli ” è “giustificata” dalla scomparsa di 3 giovani riservisti Israeliani in territorio sotto completo controllo Israeliano in Cisgiordania.

Non c’è prova di chi abbia collaborato alla sparizione, non rivendicata da alcuna fazione Palestinese.

In qualsiasi paese civile una sparizione è un caso di polizia investigativa e non la ragione per imprigionamenti di massa su base politica, di invasione e permanenza in migliaia di abitazioni di civili, dell’abbattimento di case, degli omicidi di persone disarmate, di bombardamenti su zone del territorio Palestinese sotto blocco e fuori e da quella in cui la scomparsa è avvenuta.

Questa operazione non è altro che una operazione, probabilmente preordinata, di punizione collettiva per i Palestinesi nel momento in cui hanno raggiunto un accordo politico e si presentano come stato nella comunità internazionale.

Serve per annientare fisicamente una fazione-partito (Hamas) e richiedere la resa dell’altra fazione-partito (Fatha), protagoniste precedentemente del dissenso interno che aveva creato due governi separati in Gaza ed in Cisgiordania.

Serve ad imporre con la forza la opposizione del governo Israeliano alla riconciliazione nazionale Palestinese.

E’ un’ operazione la cui entità e sviluppo si può pensare che continuino ad accrescersi nel livello e con la violenza.

In Cisgiordania le uccisioni, la invasione da parte delle forze di terra con carri armati, i sorvoli arei, le violente invasioni delle case, gli arresti indiscriminati di civili, il ri-arresto di prigionieri liberati, la nutrizione forzata di quelli in sciopero della fame, la mano libera lasciata alla violenza dei coloni, si accompagnano ai bombardamenti quotidiani su Gaza, all’attacco ai suoi pescatori, al sorvolo con F16, che ben ricordano l’inizio degli attacchi del 2008 e del 2012.

Vogliamo essere vicini ai Palestinesi che ne sono vittime, e che si sono impegnati come attori nel difficile processo di costruire una unità nazionale, e diciamo al nostro Governo ed a quello Europeo che ci opponiamo alla loro connivenza con le azioni illegali di Israele e vogliamo rompere il silenzio che regna sulle aggressioni in corso.

Il silenzio e/o la connivenza della comunità internazionale è la luce verde che Israele aspetta per imporre sul terreno col la paura e l’esercito la sua richiesta all’Autorità Nazionale di Ramallah di rompere l’accordo di riunificazione.

E’ un lasciapassare per continuare la illegale detenzione amministrativa e le vessazioni sui prigionieri, per continuare il blocco di Gaza e la politica di insediamenti e vessazioni in Cisgiordania e Gerusalemme.

Temiamo che sia anche la luce verde per realizzare vecchie e nuove minacce su Gaza: ” vi ridurremo al medio evo”, “la prossima volta vi attaccheremo in modo che non avrete il tempo di rispondere” (dopo il novembre 2012) e per tutta la Palestina: “elimineremo tutto il verde (Hamas ha bandiere verdi) dalla regione”.

I palestinesi stanno resistendo uniti – ma l’immagine della gente in solidarietà proveniente da tutto il mondo, in piedi accanto a loro, sarà incoraggiante e darà forza al popolo palestinese, nella sua lotta contro un occupante crudele.

Per sostenere il popolo palestinese sotto attacco, chiediamo un forte e deciso pronunciamento dei Governi e della Istituzioni Europee deve finire ed un messaggio delle Fedi che deve giungere limpido e chiaro.

Chiediamo che i rappresentanti delle Istituzioni Italiane e di quelle Europee si facciano responsabili in tutte le sedi della sicurezza e dello sviluppo della nazione e dello Stato Palestinese riunificato, secondo le leggi internazionali.

Che nelle sedi internazionali queste si schierino per l’ autonomia dello Stato Palestinese e contro la occupazione della Cisgiordania e la continua espansione degli insediamenti israeliani, per la liberazione dal blocco di terra e mare di Gaza, per la fine della detenzione amministrativa dei Palestinesi e loro abduzione in Israele, per uno statuto chiaro e condiviso per Gerusalemme.

Chiediamo che i governi europei mettano in campo finalmente sanzioni economiche verso Israele esigendo il rispetto della legislazione internazionale, delle risoluzioni ONU e della convenzione di Ginevra.

Invitiamo i rappresentanti delle fedi che si pronuncino contro i crimini verso la umanità e le persone che Israele compie con impunità verso il popolo palestinese, diffondendo la loro solidarietà verso le sofferenze di un popolo intero.

Prime adesioni

Appello per i Bambini di Gaza, Genova

Associazione Amicizia Sardegna Palestina

Associazione Senza Paura di Genova

Associazione NWRG

Associazione Surgery for Children

Casa per la Pace Milano

Comitato NO M 346 a Israele

CVP-Comitato varesino per la Palestina

Forum Palestina

Invicta Palestina

Pacifisti e pacifiste dell’ora in silenzio per la pace di Genova

Parallelo Palestina

Pax Christi, Campagna Ponti e non Muri

Salaam ragazzi dell’olivo-comitato di Milano – onlus

UCOII, Direzione Nazionale dell’European Muslim Network- Italia

Alice Colombi

Andrea Balduzzi- Genova

Andrea Sbarbaro- Genova

Angelo Baracca- Firenze

Angelo Cifatte – Genova

Angelo Stefanini- Bologna

Claudia Petrucci – Genova

Dario Rossi – Genova

Filippo Bianchetti -Varese

Franco Camandona – Genova

Gabriella Grasso-Milano

Hamza Roberto Piccardo

Ireo Bono-Imperia

Luisella Valeri – Genova

Mariagiulia Agnoletto- Milano

Marina Rui – Genova

Miranda Vallero- Rapallo

Mirko Rozzi

Raffaella Del Deo

Tiziano Cardosi- Firenze

Ugo Gianangeli -Milano

Per adesioni

http://firmiamo.it/la-palestina-e-sotto-attacco

On Israeli racism and fascism and how to resist it

Monday, 02 June 2014 16:46

Palestinian lady being attackedThe institutional and popular Zionist racism has become rampant all over Palestine and torturing the Palestinians living in Palestine has become an acceptable and even welcomed matter by the various sections of the Israeli community. The open and hidden racism is likely to grow even more under Benjamin Netanyahu’s third term as, for example, the head of diplomacy, the racist brought in from Russia, Avigdor Lieberman, who lives in a settlement in the occupied West Bank, is calling for the expulsion of the original and indigenous people of the land, i.e. we the Palestinians who stayed in our countries against their wishes and who will stay forever. We refuse such mass expulsion and therefore we adopt the logic, the last to come should be the first to leave.

As for Prime Minister Netanyahu, he has the famous saying that the Arabs in Israel are a ticking demographic bomb and that the problem of the Arabs in West Bank and Gaza is solvable and that the true dilemma lies in what this Zionist calls the Arabs of Israel.

I have no qualms to quickly remind the readers of the statements made last year by the Director of the Israeli Shabak, Yuval Diskin, in which he said his agency would persecute every Arab Palestinian who refused to recognise Israel as a democratic Jewish state, which is a matter rejected by the vast majority of Palestinians living in Israel. It is also important to refer to recent history to recall the statement made by the Minister of Justice and the Chief Israel Negotiator with the Palestinians Tzipi Livni, a statement that bears much denial of the Palestinians and reflects the Zionist arrogance and reflects the fact that she has and will continue to view the Palestinians as “inferior”.

This minister, who is considered a part of the centre party in Israel, said that the future Palestinian state is the only place for the Palestinians from all three sides of the triangle: the Palestinians in the occupied West Bank and Gaza Strip, the Palestinians in Israel and the Palestinians in Diaspora, and it is where they can achieve their national dreams. This statement is dangerous and implicitly calls for expelling the Palestinians in Palestine to the Palestinian state that will be established. We believe that this dream has become a frightening nightmare for the Zionists and their Palestinian partners who have become addicted to fruitless, futile and empty negotiations. Ami Ayalon, former minister and head of the Shin Bet in the past, who is proud and brags about killing more Palestinians than the number of Israelis and Jewish people killed by Hamas, said in a press interview that if Israel feels that its existence is at risk and in danger, it will not hesitate to repeat what it did in 1948, and as we know, it was in that fateful year that the Zionist gangs committed massacres against the Palestinians and expelled people from their homes armed with the false Zionist statement that Palestine is a land without a people for a people without land. Therefore we would not be offending anyone if we also said that in the mind of every Zionist is a land of “milk and honey” that nestles a small fascist that is growing very quickly and spreads like a wildfire.

This racism, which is steadily heading towards fascism, aims to transform this state to a racial segregation (Apartheid) state, which was the case in South Africa during the time the white minority was ruling the black majority. To prove this vicious Zionist approach, it is enough to point out that in the occupied West Bank, the system of racial segregation already exists; how else can you explain the existence of streets allotted for the use of the settlers only, and the Palestinians are prohibited from using them; isn’t this the ugliest form of racial segregation? Here, in Palestine, social segregation is applied both verbally and physically, and it is important to keep in mind that the overwhelming majority of Palestinians in the country are poor, and this state did not arise from nothing; it is the inevitable consequence of the racist policy established by the successive Israeli governments since they were planted in the Middle East. What jobs are Palestinians allowed to do? Let’s put the question in a simpler form: Why are job applicants required to have served in the Israeli army? It is worth noting that in liberal democratic states, there are no conditions or requirements applied to responsibilities and rights, and it is ironic and farcical that this state views itself as a liberal democratic state, on paper of course, meanwhile it commits the ugliest form of racial segregation against the Palestinian minority in Israel. They commit such acts in order to humiliate and impoverish the Palestinians to persuade them that voluntary immigration to the West Bank would give them the opportunity to live comfortably and luxuriously.

In addition to this, we must also take into account the fact that it is the state of the Shin Bet, in other words, the state is run by the Shin Bet, not the state that runs the Shin Bet, and this is the obscure security agency that interferes in every small and large matter and are trying to narrow the playing field for the Palestinians in Palestine, a playing field that is already very tight and limited. For example, why did the Shin Bet involve itself in the appointment of the headmasters and teachers in the Arab schools and even in the Ministry of Education? Isn’t it enough they force us to study the false Zionist narrative of history and prevent us from learning the Palestinian narrative; our story, the story of people who were displaced and expelled from their land in one of the biggest crimes committed in modern history?

Things are going from bad to worse during the term of the current Zionist parliament. There is a long list of draft laws that aim to establish and solidify the Arab inferiority and the superiority of the Jews. One of these draft laws requires the Israeli Supreme Court to favour Jewish people over Arabs, as well as a fascist draft law that calls for the adoption of the Talmud as the legal reference for Israel.

Furthermore, there is also a draft law that replaces Arabic as an official language in Israel and deems it a secondary language. The Ministerial Committee for Legislation also approved a draft law banning the registration of civil associations that do not recognise Israel as a Jewish state. It goes without saying that the new law proposed by Miri Regev, chairperson of the Israeli Knesset’s Internal Affairs Committee (Likud – Israel Beiteinu), means the enforcement of the process of imposing the recognition of the Jewishness of the state on civil associations, especially among the Palestinians in Palestine, because the failure to register the association deems it illegal. This law can also be considered a form of political persecution and the intimidation of NGOs, human rights organisations and activists who have an opinion contrary to the Israeli consensus. In addition to this, Netanyahu and MK Naftali Bennett reached an agreement regarding the proposed laws which will transform the Jewish state from identifying itself as a Jewish democratic state to identifying itself as a Jewish state governed by a democratic system.

The law, known as the “people’s” law, is also a draft bill that is racist against the Palestinian citizens of Israel and their existence and presence in the land of their ancestors. This law defines Israel as a national state for the Jewish people, meaning it considers all the Jewish people in the world a nation and that the right to live and settle in Israel is only limited to the Jewish people. This also emphasises the known symbols of the state and its anthem which includes Zionist and radical expressions.

Everything I have mentioned so far is only the tip of the iceberg.

In light of the escalation of Zionist racism against the Palestinian in Palestine, the following question comes to mind: What can we do? How do we face this flood of unjust laws passed against us, especially if we take into consideration the “Oslo-istan” authority which has disowned us and left us like orphans in the hands of villains? Due to the fact that the Arab League is an undefined body used by America and its step-child Israel to pass resolutions serving the world’s imperialist interests, as was the case with Syria and Libya, so it is very unreliable, and therefore, perhaps the only option left for us is to resort to the international community and ask them for protection from the racist clutches of Israel, because otherwise, the Israeli state will be given the opportunity to single us out and isolate us and turn us back into lumberjacks, and then slowly implement their plan of mass displacement.

Translated from Raialyoum 1 June 2104

thanks to: Zuhair Andrao

MEMO Middle East Monitor

Palestina. I nuovi media, il boicottaggio e una contro-narrativa possibile

L’attivismo online di una nuova generazione di palestinesi sta emergendo con forza per costruire una contro-narrazione capace di sfidare quella dominante, e producendo importanti cambiamenti nel sistema mediatico internazionale. Blogger, scrittori e giornalisti indipendenti stanno scrivendo un nuovo futuro possibile.

In questo testo tratterò l’importanza strategica posta sui media dal governo israeliano e dai suoi alleati. Discuterò di quella che definisco una “guerriglia intellettuale” dei nuovi media nel mondo anglofono e non solo; illustrerò questa guerra attraverso alcuni esempi e nuove sfide poste, ad esempio, a giganti dell’editoria come il New York Times, e infine esaminerò il ruolo sempre crescente dell’attivismo del movimento di Boicottaggio, Disinvenstimento e Sanzioni verso Israele (BDS) e il ruolo che giovani professionisti e scrittori palestinesi hanno guadagnato anche attraverso i nuovi media in questa fase di lotta popolare globale.

Il sistema massmediatico occidentale vanta relazioni di lungo corso con quella che potremmo definire la “versione ufficiale” proposta da Israele rispetto a quel processo di deprivazione operato contro il popolo palestinese da oltre 60 anni. Una relazione esplorata in innumerevoli ed eccellenti libri, anche di recente pubblicazione.

Uno su tutti resta “The fateful triangle, the US, Israel and the Palestinians” pubblicato da Noam Chomsky negli anni Ottanta, che va dritto al cuore delle relazioni esistenti dietro questa storica “conformità” mediatica.

Trent’anni dopo la pubblicazione di questo volume, i leader israeliani e i loro alleati occidentali – anche nel mondo dei media – devono lavorare molto più duramente e spendere grandi somme di denaro nella lotta per il mantenimento della loro dominazione narrativa (…).

Per raggiungere il mondo esterno, per oltre un decennio il governo israeliano ha sistematicamente organizzato gruppi di studenti e altri soggetti in modo para-militare, per inondare Internet di materiale dell’hasbara (la propaganda israeliana, ndt), come ben sa chiunque abbia scritto qualsiasi cosa di vagamente critico nei confronti di Tel Aviv.

L’Unione degli Studenti israeliani -“unità segreta”, presente in sette atenei del paese, è stata ufficialmente ingaggiata per operazioni di public diplomacy sul web come parte dell’arsenale a disposizione del Primo ministro.

Nel frattempo, in questi anni è stato concepito e lanciato il “Brand Israel” (“marchio-Israele”, ndt), con un budget multimiliardario e campagne di public relation fornite da importanti compagnie internazionali, per promuovere all’estero l’immagine di Israele attraverso la cultura e il turismo (con misure che comprendono la stampa di cartine in cui la Palestina semplicemente non esiste), sia in Europa che negli Stati Uniti.

Mosse che hanno attirato su Israele forti criticità internazionali, proprio mentre il governo cercava di giustificare la necessità di azioni come l’operazione Piombo Fuso (dicembre 2008-gennaio 2009) o l’attacco alla Mavi Marmara, imbarcazione della Freedom Flottilla.

Eppure, la narrativa tipica israeliana è ancora largamente dominante in Occidente (si veda ad esempio l’episodio denunciato da Electronic Intifada della continua modifica da parte di Israele della pagina di Wikipedia a lui dedicata).

Contro questa corrente tanto potente, però, in anni recenti una serie di iniziative modestamente finanziate e sviluppate attraverso i nuovi media hanno dato vita ad una sorta di “guerriglia intellettuale”, volta a sfidare la narrativa dominante e il vecchio sistema di potere (…). Eccone alcuni importanti esempi.

Un caso è rappresentato dall’abilità del movimento BDS nel cogliere l’occasione della campagna promozionale di un prodotto realizzato negli insediamenti illegali della Cisgiordania da parte di una star (Scarlett Johansson per SodaStream, ndt) con la creazione di una campagna online che è divenuta virale.

L’azienda – SodaStream – ha visto crollare il valore delle sue azioni del 14% nei primi mesi del 2014 dopo la sua debacle con l’attrice Scarlett Johansson (scelta come volto della campagna, ndt). Il mondo degli affari prenda nota: lavorare negli insediamenti è tossico per le vendite.

Un secondo esempio è dato dall’adesione di molti atenei negli Stati Uniti al movimento di boicottaggio delle università israeliane, e dal crescente numero di manifestazioni studentesche contro la demolizione di case, il Muro di Apartheid, e altre ingiustizie subite dal popolo palestinese.

Un terzo caso è fornito dalla decisione da parte del New York Times di pubblicare all’inizio di quest’anno un articolo del noto attivista BDS Omar Barghouti. Un caso importante su cui porre attenzione per analizzare questa “guerra intellettuale”, per il ruolo di icona che il giornale rappresenta nel campo del giornalismo e della politica negli Stati Uniti, e non solo.

Si noti poi che le industrie della SodaStream nella colonia illegale di Ma’ale Adumim sono state lì per 20 anni prima di diventare un caso mondiale con la storia di Scarlett Johansson (…), e che la società palestinese ha lanciato il suo appello al boicottaggio di Israele 10 anni prima di raggiungere questi risultati (così come il libro di Barghouti sul BDS fu completamente ignorato dai media mainstream quando venne pubblicato, nel 2010).

Da dove viene, allora, questo cambiamento di attitudine? Non dall’opera di qualche leader politico, ma da una molteplicità di iniziative mediatiche dal basso, promosse principalmente da giovani accademici, giornalisti, scrittori, registi e avvocati palestinesi. Che, unendosi alla campagna BDS lanciata nel 2005, oggi hanno dato vita ad una fase della lotta popolare di strada basata sulla moralità, la legittimità e la giustizia.

La campagna Bds ha abbandonato le dinamiche di potere tipiche della diplomazia, spostando la battaglia per la Palestina nel campo della consapevolezza globale e della partecipazione pubblica ad una lotta di liberazione (…).

D’altronde Internet ha modificato ovunque i vecchi equilibri di potere, anche nel mondo del giornalismo. Oggi, semplicemente, non è più necessario lavorare per una grande organizzazione mediatica per avere un numero decente di lettori o far ascoltare la propria voce.

Esistono giornalisti, commentatori e attivisti in tutto il mondo che non sono stati mai assunti in nessun giornale o agenzia di comunicazione, ma che hanno guadagnato centinaia di migliaia di followers su Twitter di tanti ben più di famosi cronisti o commentatori dei media tradizionali. In un mondo in cui i media tradizionali sono in crisi finanziaria e alla disperata ricerca di budget, questi attivisti e giornalisti indipendenti possono avere un peso reale: i grandi media ne hanno bisogno.

Nell’ultimo decennio il web ha reso accessibile un vastissimo numero di informazioni praticamente in ogni angolo del mondo. Questo è vero nel contesto palestinese come in qualunque altro.

Ma ciò che è diverso nel caso della Palestina è che il numero di siti e blog – per lo più scritti in inglese da una giovane generazione altamente formata – oggi produce un insieme di notizie, report e analisi tanto consistente da raggiungere un nuovo pubblico (come accaduto nel caso di SodaStream) e in grado, con l’aiuto di YouTyube, di alimentare nuove motivazioni tra gli attivisti a sostenere la causa.

Citerò solo alcuni esempi di queste iniziative online annoverabili nell campo dei “nuovi media”, che credo stiano producendo un’importante contro-narrativa sulla questione palestinese, in modo particolare nel mondo anglofono: si tratta di Al Shabbaka,di Electronic Intifada, del Jerusalem Fund/Palestine Centre, Jadaliyya, o del The Palestine Chronicle di Ramzy Baroud.

I blog di Omar Barghouti sul BDS e di Jonathan Cook, giornalista inglese di base a Nazareth, sono parte dello stesso mosaico, così come The Real News e Al Monitor. Ci sono poi Mondoweiss, la piattaforma di blogger israeliana +972 e Tikun, rivolti in modo particolare al pubblico ebraico, che creano una delle aree in cui un nuovo dibattito sta prendendo piede, erodendo lentamente le vecchie certezze e attitudini verso Israele (…).

Per comprenderne l’importanza, basterà citare alcuni esempi tratti dall’instancabile esame delle pubblicazioni del NYT fatta da alcuni, come Electronic Intifada e Mondoweiss, che lanciano sistematicamente dettagliate sfide agli articoli pubblicati. Un esempio denunciato tra molti riguarda l’approvazione della legge che consente ad Israele di detenere senza processo migranti africani per un anno. Ecco come è stata riportata da alcuni importanti organi di stampa:

Israele approva la detenzione senza imputazione per i migranti africani”, titolo della Reuters.

La Knesset dà l’ok alla detenzione per i migranti senza processo”, titolo di Haaretz.

Israele approva una legge per scoraggiare l’immigrazione africana”, titolo di LA.

Israele approva una legge per detenere i migranti illegali africani”, titolo dell’AFP.

Ed ecco il titolo del New York Times: “Israele. Una legge riduce la detenzione dei migranti” (…).

Grazie al lavoro di scrittori e giornalisti dei nuovi organi di informazione, è stato prodotto un impatto vasto e reale sul sistema mediatico, ed oggi compaiono spesso come ospiti o commentatori sia in televisioni statunitensi che in conferenze accademiche e incontri internazionali. E’ il caso di Noura Erakat, dell’adviser di Al Shabaka o di una dei suoi fondatori, Nadia Hijab, così come del fondatore di Electronic Intifada, Ali Abunimah, prolifico autore di libri e articoli, di Omar Barghouti o della scrittrice Susan Abulhawa.

Questo nuovo trend nella narrazione sulla questione non ha, ovviamente, intaccato più di tanto il modo di fare abituale dei governi occidentali ne’ la narrazione dei media mainstream (…). Tuttavia, questo torrente inarrestabile di dibattiti e informazioni sta scorrendo fra i campus universitari americani come non succedeva dagli anni della guerra in Vietnam.

Le risposte ufficiali si sono fatte persino più estreme delle lezioni cancellate, dei posti di lavoro persi, di carriere rovinate, cose di cui spesso hanno sofferto accademici che si sono apertamente schierati con la Palestina (…).

Nei mesi scorsi le risposte alle manifestazioni pacifiche di solidarietà con la Palestina organizzate dagli studenti in diversi campus – da Boston al Michigan, dalla Florida alla California (per citarne solo alcuni) – o all’aperto sostegno di istituzioni accademiche alla campagna BDS (come quello dell’American Studies Association o dell’Association for Asian American Studies) hanno avuto il sapore del panico e dell’isteria.

I membri degli Students for Justice in Palestine sono stati sospesi, con l’intervento della polizia, solo per aver volantinato e organizzato proteste pacifiche, mentre altri hanno affrontato interventi disciplinari, o sono stati costretti a frequentare corsi di rieducazione organizzati dagli amministratori universitari.

La reazione israeliana, dunque, è stata duplice (…). Secondo alcune analisi di Haaretz, oltre ad “avanzare nel processo di pace con i palestinesi per allontanare le minacce di boicottaggio”, sono state impiegate altre tattiche, come “campagne massicce di public relation contro le organizzazioni favorevoli al boicottaggio, procedimenti legali in Europa e negli Usa contro associazioni che sostengono la campagna, lobbying per la creazione di nuove leggi secondo cui più persone possano essere perseguite per boicottaggio nei confronti di Israele, oltre alla stretta sorveglianza degli attivisti da parte del Mossad e dello Shin Bet (servizi segreti israeliani esteri ed interni, ndt)” (…).

Un nuovo attivismo, quello della giovane generazione palestinese altamente preparata, che si muove a suo agio nell’ambito dei nuovi media (…) che ha prodotto l’inizio di un cambiamento nei termini del dibattito sulla questione.

Washington e Tel Aviv non hanno ancora cambiato nessuna delle loro politiche in materia come risultato di questa battaglia intellettuale, e il NYT è ancora legato alla sua narrazione di vecchio tipo.

Ma questa fase ricorda molto quella che precedette la caduta del sistema di Apartheid in Sud Africa, densa di dibattiti sul ruolo dei media e di conferenze internazionali.

I potenti media che avevano sostenuto il regime dei bianchi in Sud Africa, all’epoca, iniziarono a realizzare che stavano raccontando storie di perdenti, mancando completamente di analisi rispetto al futuro.

Questi giovani attivisti oggi stanno contribuendo ad un cambiamento del sistema mediatico. Gli scrittori, giornalisti e attivisti che si muovono nei nuovi media in Palestina stanno mostrando al mondo la possibilità di un futuro diverso.

*Questo articolo è stato originariamente pubblicato nella sezione “Arab Awakening” di OpenDemocracy, ed è disponibile qui. La traduzione dall’inglese è a cura di Cecilia Dalla Negra.

07 Maggio 2014

di: Victoria Brittain per OpenDemocracy*

La tortura dell’acqua per i palestinesi. La discriminazione nell’accesso all’acqua

di Amira Hass

La discriminazione nell’accesso all’acqua è un altro mezzo utilizzato per logorare i palestinesi dal punto di vista sociale e politico.

Perché la classe politica israeliana e’ così impegnata a negare l’esistenza della discriminazione nell’accesso all’acqua? Poichè questa volta il gruppo di potere israeliano non può rifarsi alle solite scuse sulla sicurezza [ma] fa ricorso ad altri tipi di palese discriminazione.

Quando si arriva alla situazione relativa all’acqua, la macchina della propaganda di Israele ed i suoi sostenitori, le lobby sioniste della Diaspora, si trovano in gravi difficoltà, come si è chiaramente dimostrato quando il tedesco Martin Schulz ha avuto l’audacia di chiedere alla Knesset –quell’oasi di speculatori sull’Olocausto- se le voci che ha sentito siano vere [ha chiesto se agli israeliani fosse destinata una quantità di acqua quattro volte superiore a quella per i palestinesi].

La sistematica discriminazione nella distribuzione dell’acqua a danno dei palestinesi non è una voce falsa. L’abbondanza idrica israeliana non dipende da ciò, ma senza quello tutto l’affare degli insediamenti sarebbe molto più costoso, e forse addirittura impossibile da mantenere in piedi per i suoi attuali e futuri scopi.

Non c’è da stupirsi che Habayit Hayehudi, il partito che più si identifica con i coloni, abbia accolto in modo così infuriato le critiche di Schulz e sia uscito dalla Knesset.

La discriminazione nell’accesso all’acqua è un altro mezzo usato dal governo per logorare i palestinesi dal punto di vista sociale e politico.

In Cisgiordania decine di migliaia di famiglie dedicano un sacco di tempo, denaro ed energie fisiche e mentali solo per occuparsi di faccende essenziali come farsi una doccia, lavare i vestiti, i pavimenti e i piatti. Quando non c’è acqua negli sciacquoni dei bagni, persino le visite tra famiglie diventano un evento raro.

Le famiglie nella valle del Giordano devono portarsi l’acqua potabile da lontano dentro delle taniche, e in modo furtivo- per paura di essere scoperti dall’Amministrazione Civile- benché vivano proprio accanto alle condutture della Mekorot Water Company’ [la compagnia israeliana che gestisce il servizio idrico], che convogliano abbondante acqua alle fattorie degli insediamenti dei coloni che coltivano ortaggi per l’esportazione.

Gaza, che si trova appena di fronte alla fattoria Sycamore, che una volta era di Sharon, e del kibbutz Be’eri, dipende dagli impianti di purificazione dell’acqua che divorano elettricità – spesso scarsa; potrebbe benissimo essere l’India.

Il tempo, il denaro e l’energia dedicati a procurarsi l’acqua è a scapito di altre attività sia sul piano individuale che su quello comunitario: lezioni supplementari per i bambini, un computer, una gita in famiglia, progetti di sviluppo industriale, di attività turistiche, agricoltura biologica, attività politiche e sociali.

Gli impiegati dell’autorità palestinese per l’acqua, che passano il loro tempo in logoranti controversie con la burocrazia dell’occupante israeliano per ottenere l’autorizzazione per ogni conduttura d’acqua, sono visti come menefreghisti, poco professionali ed inefficienti. Che bel risultato.

La realtà di enclave palestinesi, isolate l’una dall’altra, che Israele sta creando, è il risultato– attraverso il vario intrico di leggi e e a successivi ampliamenti tra i due lati della Linea verde- del furto della terra e delle sorgenti d’acqua e della negazione della libertà di movimento.

La religione della sicurezza, che è utilizzata per giustificare il furto di terreni, i posti di blocco e il divieto di movimento, non riesce ancora a spiegare perché un bambino palestinese ha diritto a meno acqua di un bambino ebreo.

Che cosa possono dire gli esperti della diplomazia? Che a Jenin la disponibilità media pro capite è di 38 litri per consumo domestico, perché la città è una roccaforte della Jihad islamica, che minaccia il nostro piccolo paese? Che d’estate non c’è una regolare fornitura d’acqua perché il servizio di sicurezza dello Shin Bet è impegnato a riempire le carceri di militanti armati, e che a Gaza più del 90% dell’acqua non è potabile perché i capi di Hamas stanno pianificando attacchi terroristici in Cisgiordania?

Persino per le comunità ebraiche che più appoggiano Israele sarebbe molto difficile giustificare questa evidente differenza. E così i nostri dirigenti hanno ideato un piano di attacco in quattro punti:

1. Bombardare i media con statistiche parziali e false;

2. Oscurare la causa prima del problema: Israele controlla le sorgenti d’acqua. In base agli accordi provvisori di Oslo, che da allora sono diventati permanenti, i palestinesi sono vincolati rispetto alla quantità di acqua che possono estrarre in modo indipendente da quelle sorgenti ed ai miglioramenti che possono apportare alle infrastrutture idriche;

3. Contare sul fronte interno, che smentisce i rapporti dei palestinesi e ignora quelli delle organizzazioni come B’Tselem – il Centro israeliano per i diritti umani nei territori occupati ed il documentario “La valle che scompare” di Irit Gal, e gli studi pubblicati dalla Banca Mondiale e da Amnesty International;

4. Contare sul fatto che la maggioranza degli israeliani non si preoccupa di andare almeno a vedere con i propri occhi l’attuale situazione. E se lo fanno, e scoprono che là c’è una vergognosa discriminazione, allora contare sul fatto che dicano: “E allora?”

 

thanks to: Haaretz

Traduzione di BDS Italia

Yarmouk, la fame e i fantasmi

Parlano i profughi palestinesi già in fuga e ora assediati nel campo vicino Damasco. Cibo e medicinali non entrano perché i jihadisti sparano agli ingressi. Fuori, le truppe di Assad circondano la zona.

La fila per il cibo (Foto: UNRWA)

La fila per il cibo (Foto: UNRWA)

di Chiara Cruciati – Il Manifesto

Gaza City, 01 marzo 2014, Nena News – Fantasmi in marcia, sfibrati, consumati, privi di una qualsiasi flebile speranza. La foto scattata dall’agenzia delle Nazioni Unite UNRWA racconta una sconfitta. Migliaia di persone, donne, uomini, bambini e anziani, verso un po’ di cibo.

È il campo profughi palestinese di Yarmouk, a Damasco, il più grande dell’intero Medio Oriente. Sotto assedio da sette mesi, occupato all’interno e chiuso all’esterno, è la più vivida immagine di una Siria a pezzi. Lunedì il direttore generale dell’UNRWA, l’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, Filippo Grandi, ha fatto visita al campo insieme ad un convoglio di aiuti per una popolazione stremata: “La devastazione è incredibile – ha detto mentre camminava tra i vicoli di Yarmouk – Sembra l’apparizione di fantasmi. Queste persone che non sono uscite da qui, che sono rimaste intrappolate non solo senza cibo, medicine e acqua pulita, ma anche terrorizzate dai combattimenti…Ho provato a parlare con alcuni di loro e tutti mi raccontano le stesse storie di completa deprivazione”.

Una morte lenta per chi è rimasto a Yarmouk, 18mila persone dei 180mila profughi residenti nel campo prima dello scoppio della guerra civile siriana. Morte per malnutrizione: corpi consumati dai morsi della fame, uomini ridotti a pelle e ossa, bambini e anziani spentisi lentamente.

“Non riesco a contattare la mia famiglia, sono giorni che non ho loro notizie. Sono solo qua a Gaza con mio fratello, siamo fuggiti dalla Siria mesi fa e ci siamo rifugiati qui”. Mohammed ha 23 anni, è un rifugiato palestinese di Yarmouk. È fuggito dal campo sotto assedio insieme al fratello, i genitori e la sorella sono rimasti in Siria. Lo avevamo incontrato qualche settimana fa a Gaza City, durante una manifestazione in solidarietà con il campo sotto assedio.

Quel giorno – come in tante altre città del mondo arabo, da Betlemme a Amman, da Gerusalemme a Beirut – i rifugiati avevano marciato verso il Parlamento per chiedere alle istituzioni di mandare un segnale. In mano, una pagnotta simbolo della fame che ha già ucciso almeno cento profughi palestinesi: “Siamo qui oggi per chiedere a tutti i Paesi arabi di fare qualcosa per Yarmouk, non è possibile morire di fame in Siria, oggi, nel 2014 – continua Mohammed – Non si trova più cibo nel campo”.

“Mio fratello è a Yarmouk – gli fa eco Ibrahim, 60 anni – Riesco ad avere qualche notizia da mio nipote, che si trova fuori, a Damasco. Da sei mesi da Yarmouk non si entra e non si esce. I miliziani confiscano tutto quello che entra nel campo, soprattutto cibo, e lo rivendono a prezzi elevatissimi. Non c’è elettricità, non c’è acqua. Ho chiesto a mio nipote: Come sopravvivono? Ha risposto che mangiano tutto quello che trovano, erba, gatti. Ma ora anche i gatti sono introvabili a Yarmouk”.

“Mio fratello pesava 120 kg, oggi ne pesa 60 – riprende Ibrahim con un filo di voce – È malato di diabete e non ha più medicinali”.

A un mese di distanza, quasi nulla è cambiato, nonostante l’accordo siglato dai i gruppi palestinesi e i gruppi armati di opposizione. Un accordo trovato dopo mesi di assedio interno ed esterno del campo, che tiene in ostaggio 18mila profughi. Il più grande campo del mondo arabo contava 180mila residenti (per lo più rifugiati palestinesi, ma anche siriani poveri) stretti in 2 km quadrati di spazio, ma il conflitto che insanguina il Paese da tre anni ha costretto alla fuga il 90% della popolazione. Rifugiati due volte.

Dentro il campo a dettare legge sono i gruppi di ribelli anti-Assad, l’Esercito Libero Siriano – espressione della laica Coalizione Nazionale – e milizie legate ad Al Qaeda, tra cui l’ISIL. Fuori a stringere l’assedio è l’esercito governativo di Bashar al-Assad: “Una crisi umanitaria di vastissime proporzioni – ci spiega Husam Arafat, membro dell’ufficio politico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina-Comando Generale – La comunità palestinese all’inizio del conflitto ha optato per la neutralità, nonostante alcuni dei gruppi presenti nel campo, tra cui il PFLP-GC, siano sempre stati vicini al regime alawita. Poi una serie di eventi pilotati da fuori, da Turchia e Arabia Saudita, hanno tentato di spingerci nel conflitto. L’attacco contro Yarmouk è uno di questi: nel dicembre 2012 le milizie di opposizione sono entrate nel campo e lo hanno occupato. Poco dopo tantissime famiglie sono fuggite e il numero di residenti si è ridotto a 18mila. Il regime ha posto Yarmouk sotto coprifuoco notturno, ma la gente continuava a uscire e entrare durante il giorno”.

Fino a sette mesi fa, quando il regime ha posto sotto assedio tutto il campo: “Gli ingressi per Yarmouk sono quattro, uno per lato – continua Arafat – Il regime ne controlla uno; gli altri tre, tra cui Yalda e Black Stone, sono controllati dai miliziani. Il cibo entra solo dal primo ingresso, per cui chi vive vicino all’uscita riesce a mangiare. Ma chi vive all’interno del campo non riceve nulla”.

L’UNRWA ha tentato più volte di entrare a Yarmouk per consegnare cibo e medicinali e per far evacuare i malati e gli anziani. La risposta dei miliziani è stata il fuoco: “Il convoglio organizzato a metà gennaio è stato costretto a ritirarsi – riprende Arafat – Dopo che il regime aveva permesso ai camion di entrare, il convoglio è arrivato a Al Reji, al centro del campo. I ribelli hanno aperto il fuoco e gli aiuti sono tornati indietro”.

Poco dopo, il 10 febbraio, l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e il Fronte al-Nusra (gruppo qaedista di opposizione) hanno trovato un accordo: tutti fuori da Yarmouk e consegna delle armi ad un comitato speciale. Nei giorni precedenti, in vista dell’accordo, centinaia di feriti e di malati erano stati evacuati dalla Croce Rossa e l’UNRWA era riuscita a consegnare oltre 5mila pacchi di cibo da 30 chili.

E oggi? Oggi la fame è tornata a Yarmouk. Per due settimane il cibo non è entrato nel campo, dopo le aperture prima della firma dell’accordo. Solo lunedì, dopo lunghi negoziati con le parti coinvolte, nuove parcelle di cibo – pacchi di farina, zucchero, olio da cucina, lenticchie e carne in scatola – ognuna in grado di sfamare una famiglia di otto persone per 10 giorni, sono state consegnate in un’area nei pressi del primo ingresso del campo, controllate dal mirino dei cecchini delle opposizioni.

“L’UNRWA prosegue negli sforzi per persuadere le autorità e le parti in causa a permettere all’agenzia di assicurare l’immediato accesso di cibo, medicine e assistenza umanitaria – ha detto il portavoce dell’agenzia Onu, Chris Gunness – I bisogni dei civili di Yarmouk restano enormi. Hanno già sofferto enormemente. La ripresa delle operazioni umanitarie nel campo è una questione della massima urgenza. A preoccuparci è soprattutto la situazione di donne e bambini”.

Il timore è di tornare a vedere quelle immagini che hanno scioccato le opinioni pubbliche mondiali: bambini di pochi anni consumatisi lentamente fino a morire, uomini forti ridotti a pelle e ossa. La scorsa settimana  Raghdad Muhammad al-Masri, 5 anni, Hamid Salih, 85, e Muhammad Hussein Kayid Zaghmout sono morti di fame a Yarmouk. Mentre l’accordo siglato non è stato ancora implementato: i gruppi armati restano nel campo, l’esercito prosegue nell’assedio. Ognuno rimane in attesa della mossa dell’altro, a pagarne le spese 18mila civili.

thanks to: Chiara Cruciati

Il Manifesto

NenaNews

Infographic: More than 1,400 children killed by Israeli soldiers, settlers since 2000


This infographic provides some statistics about Israel’s systematic violations of the human rights of Palestinian children.

(Patrick O. Strickland and Rachele Lee Richards)

The Electronic Intifada’s contributor Patrick O. Strickland and New York-based graphic designer Rachele Lee Richards have produced this powerful infographic that highlights the systematic violence against Palestinian children.

Strickland contributed the following text to accompany the infographic.

Systematic violations

The photograph, taken by Dylan Collins, shows six-year-old Mousab Sarahnin, who lost his eye when an Israeli soldier shot him in the face with a steel-coated rubber bullet on 27 September 2013. According to witnesses and Defence for Children International – Palestine Section (DCI-PS), Mousab was walking with his family in Fuwwar refugee camp when he was shot — and was nowhere near demonstrations or clashes.

The statistics regarding Palestinian children in our infographic are taken from DCI-PS. The other statistics are derived from a July 2013 report published by the Israeli human rights group Yesh Din: they paint a picture of total impunity for Israeli soldiers and settlers who harass and attack Palestinian children on a daily basis.

Not visible on the infographic is the alarming fact that 19 of the twenty cases in which Israeli soldiers used Palestinian children as human shields took place after Israel’s own high court ruled that it was illegal. Nonetheless, there are no documented cases of soldiers being reprimanded with jail time for this action.

“Show the world what the army does to children”

Due to size constraints, other gross violations against children are absent, such as instances of children killed by Israeli drones or the number of those threatened with sexual abuse by police officers and soldiers.

In Israel’s own education system, on the other hand, textbooks depict Palestinians as “refugees, primitive farmers and terrorists,” as reported in The Guardian in 2011. The same textbooks attempted to morally justify the killing of Palestinians as necessary for Israel’s establishment.

Furthermore, nearly half of Jewish Israeli high school students aged 16 and 17 stated that they would refuse to have an Arab teacher, according to an August 2013 poll published in the Israeli daily Haaretz.

While Israel’s political establishment continually attempts to demonize Palestinian children, the sad fact is that it tries to hide its own cultivation of hate in the education system. At the same time, the Israeli army is engaged in an ongoing process of dehumanizing and brutalizing Palestinian children.

As Sheikh Jibreen Saharnin, six-year-old Mousab’s uncle, told The Electronic Intifada in October, “Take photos. Send it everywhere in the world. Show the world what the Israeli army does to children.”

thanks to: electronicintifada

Verona, 30 novembre 2013: Giornata ONU per i diritti del popolo palestinese video introduttivo

http://youtu.be/d5_xdAs79Yc

Gli altri video del convegno di Verona del 30 novembre 2013:
Wasim Dahmash e Simone Sibilio parlano della Nakba nella cultura palestinese, il poeta Nasrallah delle sue poesie, Ugo Tramballi polemizza con Michele Giorgio e Michele risponde sul diritto/dovere di dire la verità, anche se si “tiene” famiglia. Carla Benelli parla appassionatamente della conservazione dei villaggi e della storia palestinese, Vittorio Urbani bacchetta il filosofo che nega la mostra sulla Palestina a Venezia.

Tanti video da guardare con attenzione; li potete trovare sul canale YOUTUBE di Invictapalestina:
http://www.youtube.com/user/invictapalestina#p/u

Video-Verona-ONU.

Israel’s Mistreatment of Palestinian Children

The Saga Continues

October 31, 2013

by DR. CESAR CHELALA

A UNICEF report issued last March, “Children in Israeli Military Detention,” was sharply critical of Israel’s treatment of detained Palestinian children and youths. According to that report, 700 Palestinian children aged 12-17, most of them boys, are arrested and harshly interrogated by the Israeli military, police and security agents every year in the occupied West Bank.

Now, a new UNICEF progress report states that although some progress has been achieved “violations are ongoing” seven months after the original report was released. The progress report states that there were 19 sample cases of abuse of youths between 12 and 17 in the occupied West Bank in the second quarter of 2013.

The information on mistreatment of Palestinian children and youths is the result of several years of information gathering by UN agencies related to grave violations committed against Palestinian children in Israel and the occupied Palestinian territory. This information is regularly reported to the United Nations Security Council Working Group on Children and Armed Conflict.

Last June, the UN Committee on the Rights of the Child confirmed the abuses against Palestinian children, including torture, solitary confinement and threats of death and sexual assault in prisons. “These crimes are perpetrated from the time of arrest, during transfer and interrogation, to obtain a confession but also on an arbitrary basis as testified by several Israeli soldiers,” stated the committee.

The reported abuses of Palestinian children also confirm what the organization Breaking the Silence, constituted by Israeli soldiers who served in the IDF and work to expose human rights violations had stated in its report called “Children and Youth, Soldiers Testimonies 2005-2011.” In one of the testimonies, a soldier from the Nahal Brigade with rank of first sergeant, stated, “On your first arrest mission you’re sure it’s a big deal, and it is actually bullshit. You enter the Abu Sneina (Hebron) neighborhood and pick up three children. After that whole briefing, you’re there with your bulletproof vest and helmet and stuck with that ridiculous mission of separating women and children. It’s all taken so seriously and then what you end up is a bunch of kids, you blindfold and shackle them and drive them to the police station at Givat Ha’vot. That’s it, it goes on for months and you eventually stop thinking there are any terrorists out there, you stop believing there’s an enemy, it’s always some children and adolescents or some doctor we took out. You never know their names, you never talk with them, they always cry, shit in their pants.”

According to Article 37 of the Convention of the Rights of the Child, State Parties shall ensure that “No child shall be subjected to torture or other cruel, inhuman or degrading treatment or punishment,”…and “Every child deprived of his or her liberty shall have the right to prompt access to legal and other appropriate assistance, as well as the right to challenge the legality of the deprivation of his or her liberty before a court or other competent, independent and impartial authority, and to a prompt decision on any such action.” These provisions have been repeatedly violated by the Israeli authorities.

As UNICEF states, “In addition to Israel’s obligations under international law, the guiding principles relating to the prohibition against torture in Israel are to be found in a 1999 decision of the Supreme Court, which is also legally binding on the Israeli military courts. The Court concluded that a reasonable interrogation is necessarily one free of torture and cruel, inhuman or degrading treatment, and that this prohibition is absolute.”

Ill-treatment of Palestinian minors begins with the arrest itself, which is carried out usually in the middle of the night by heavily armed soldiers, and continues through prosecution and sentencing. Most minors are arrested for throwing stones; however, they suffer physical violence and threats, many are coerced into confessing for acts they didn’t commit and, in addition, many times they don’t have access to a lawyer or family during questioning. According to the UN Committee on the Rights of the Child, 7,000 kids aged from 12 to 17 years, but sometimes as young as nine, have been arrested, interrogated and detained since 2002.

Israeli government abuses against Palestinian children are not limited to the West Bank. In the past, UNICEF has also reported that one baby in three risks death because of medical shortages in Gaza. Israel’s government had also prohibited the distribution of special food to about 20,000 Gazan children under age five resulting in anemia, stunted growth and general weakness as a result of malnutrition.

Israel’s government has stated his intention to continue working with UNICEF to address the issue of mistreatment of Palestinian children. However, treatment of children and adolescents under detention as it is carried out even now contravenes Israel’s democratic principles and contributes to the perpetuation of the Middle East conflict and to the search for a just and lasting peace in the region.

Dr. Cesar Chelala is an international public health consultant and a co-winner of an Overseas Press Club of America award.

thanks to: counterpunch

Infanzia negata

di Yousef Munayyer

L’infanzia è una cosa bella e strana. Prima che impariamo veramente quanto sia preziosa, è già finita. Per molti palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare israeliana, l’infanzia finisce anche prima di quanto si potrebbe pensare. Il semplice trascorrere della vita di un bambino in Palestina, che in circostanze normali sarebbe  riempito dai libri di scuola, dal calcio e dai giochi con gli amici, è invece interrotto dalla dura realtà dell’occupazione, che include soldati, posti di blocco, muri, discriminazione e razzismo.

E’ impossibile dire quando finisca l’infanzia per un palestinese sotto occupazione. Molti di coloro che cercano di portare avanti una vita normale, date le circostanze, si augurano di poter godere l’innocenza della gioventù senza vederla distrutta dal regime oppressivo che li circonda. Non tutti sono così fortunati. Atta Sabah è uno di loro.

Dedico più tempo rispetto alla maggior parte delle persone alle notizie dalla Palestina e dal Medio Oriente, e ogni tanto apprendo una storia di cui non ho mai sentito nulla di simile in precedenza. In una situazione in cui la morte e la violenza sono diventate di routine, non ogni pallottola o vittima si guadagna un titolo. Così, quando ho sentito la storia di Atta, ho deciso che doveva essere divulgata, non perché sia ​​particolare e unica, ma proprio perché è banale, eppure inaudita.

Atta è un rifugiato palestinese residente nel campo profughi di Jalazon. Ha 12 anni. Il campo, i cui residenti per lo più provengono dai villaggi che circondano Al- Lyd, è a circa 20 km est in quella che è oggi la Cisgiordania, tra Ramallah e Nablus.

All’inizio di quest’anno, a maggio, Atta e i suoi amici stavano facendo quello che la maggior parte dei bambini alla loro età dovrebbe fare: giocare. I ragazzi sono ragazzi. Ma quando i ragazzi sono ragazzi sotto occupazione, il semplice atto di giocare in giro può portare a esiti orribili. Atta e i suoi amici stavano divertendosi a lanciare la sua cartella di scuola. Quando Atta è andato a recuperarla lì dove era atterrata, ha visto che un soldato israeliano se ne era impadronito.

Che cosa ci fa un soldato israeliano sul percorso di scuola dei bambini? Fa la guardia alla colonia illegale israeliana di Beit El, dove abitano migliaia di coloni illegali israeliani e che è adiacente al campo profughi di Jalazon. Atta ha chiesto indietro la cartella. I soldati gli hanno detto di tornare il giorno dopo.

Il giorno seguente Atta è tornato, nel tentativo di riavere la sua cartella dal soldato che l’aveva presa. Mentre si avvicinava ai soldati, uno dei quali reggeva la sua cartella, si è fermato, sentendosi nervoso e a disagio in quella situazione, ma quando si è voltato … BANG.

Atta, un profugo palestinese disarmato di 12 anni che voleva solo recuperare la sua cartella di scuola, è stato colpito allo stomaco. La pallottola – un proiettile vero e proprio  – è uscita dalla schiena, ma non prima di recidere il midollo spinale. Il colpo gli ha danneggiato il fegato, i polmoni, il pancreas e la milza, e lo ha lasciato paralizzato dalla vita in giù.

Quale possibile spiegazione potrebbe esserci per questo atto barbarico? Defense for Children International, una ONG che lavora per documentare e patrocinare i diritti dei bambini, ha osservato a proposito di questo episodio:
“Testimoni oculari dichiarano che la situazione era tranquilla, che non erano in corso scontri in quel momento e non c’era “pericolo mortale” per le forze israeliane, che avrebbe giustificato l’uso di munizioni vere”.

In contraddizione con le testimonianze oculari, alla domanda circa l’uso di munizioni vere contro un bambino inerme il portavoce  dell’esercito israeliano ha dichiarato che “nel pomeriggio del 21 maggio 2013, una sommossa violenta e illegale ha avuto luogo nella zona, con la partecipazione di decine di palestinesi che hanno lanciato pietre e bottiglie molotov verso i soldati”.

La scuola del ragazzo, gestita dall’UNRWA  per il campo profughi di Jalazon, è molto vicina alla colonia israeliana di Beit El, in continua espansione. In questa foto dell’ingresso della scuola, si possono scorgere chiaramente sullo sfondo i tetti rossi dell’insediamento sulla collina. In effetti, come mostra la mappa qui sotto, la vicinanza dell’insediamento implica che la scuola sia inclusa in Area C, anche se si trova a soli 1000 piedi di distanza dal centro del campo. Questo significa che i soldati stazionano regolarmente intorno alla scuola e che l’infanzia finisce molto più velocemente qui che in molti altri luoghi.

Atta deve ora adattarsi a una nuova vita. La vita in un campo profughi è complicata fin dall’inizio, ma ora, nell’impossibilità di camminare, le cose si sono fatte ancora più difficili. La famiglia sta lottando per far fronte alle difficoltà. Non vi è nessuna assistenza mirata al sostegno delle pressanti necessità attuali di Atta.

Atta non si fa illusioni sulla giustizia. Alla domanda su cosa pensa che accadrà al soldato israeliano che gli ha sparato, chiaramente anche contro le regole di ingaggio dell’esercito israeliano, ha risposto: “Non mi aspetto che gli succeda qualcosa”.

Ha ragione. L’impunità per i crimini è una pietra miliare dell’occupazione militare israeliana e a Jalazon, dato che gli insediamenti illegali si espandono e l’occupazione si rafforza sempre di più, altre infanzie probabilmente saranno spezzate prima che abbiano luogo eventuali indagini eque e trasparenti, o che tutti i soldati israeliani o i loro comandanti siano portati in giudizio per questi crimini.

Fonte: MECA (Middle East Children’s Alliance)

http://www.mecaforpeace.org/news/childhood-denied

Traduzione a cura del Forum Palestina

Continue reading

Pace è guerra: i negoziati, il colonialismo di insediamento israeliano e i palestinesi

Convegni di studio su “Gli accordi di Oslo – 20 anni dopo”

Roma 3 ottobre, Milano 4 ottobre, Torino 5 ottobre 2013

Relazione di Joseph Massad* a Milano e Torino

Pace è Guerra: i negoziati, il colonialismo di insediamento israeliano e i palestinesi

Fin dall’inizio del suo progetto coloniale, il sionismo ha insistito nel sostenere che avrebbe cercato di colonizzare la Palestina “pacificamente”, che la colonizzazione del paese non avrebbe danneggiato la popolazione autoctona, che invece ne avrebbe tratto beneficio. Lo stesso fondatore del movimento, Theodor Herzl, ha fornito due visioni di questo futuro, una visione pubblica romanzata, pubblicizzata nel suo romanzo utopico Altneuland, secondo la quale la Palestina sarebbe diventata uno stato ebraico che avrebbe favorito la coesistenza con gli arabi, arabi che sarebbero stati felici e grati di essere colonizzati e civilizzati dagli ebrei europei, e una strategia segreta, logistica e pratica, per espellere la popolazione araba fuori dal paese, espressa con dovizia di particolari nei suoi Diaries. Il doppio approccio di Herzl, di dichiarare intenzioni pacifiche a uso e consumo pubblico, dietro le quali cercava di nascondere la violenta strategia sionista di conquista della terra dei palestinesi sarebbe stata adottata in seguito completamente dalla politica israeliana e continua ancora oggi a esserne una pietra miliare.

In effetti, molto prima che George Orwell rendesse popolare l’espressione “guerra è pace”, nel suo romanzo del 1949, il sionismo aveva già chiaro che la sua strategia coloniale dipendeva da una deliberata e insistente confusione dei termini binari “guerra” e “pace”, in modo che ciascuno di essi si nascondesse dietro l’altro, all’interno di una stessa strategia: “pace” sarà sempre il termine usato in pubblico per indicare una guerra coloniale e “guerra”, quando diventasse necessaria e pubblica nella forma di invasioni, verrebbe definita come il mezzo principale per raggiungere l’anelata “pace.” Condurre guerra come pace è così centrale per la propaganda sionista e israeliana che l’invasione del Libano del 1982, nella quale furono uccisi 20.000 civili, fu denominata operazione “Pace in Galilea”. Guerra e pace, quindi, sono gli strumenti di un unico obiettivo strategico finale, la colonizzazione della Palestina da parte degli ebrei europei e la sottomissione e l’espulsione della popolazione nativa della Palestina.

Per portare a compimento l’espulsione dei palestinesi e la costituzione di una colonia di insediamento ebraica, Herzl cercò l’appoggio delle potenze che controllavano il destino della Palestina. Mentre i suoi assidui sforzi di corteggiare gli ottomani e di persuaderli di concedergli una possibilità sono falliti, la leadership sionista dopo di lui ha adottato la sua strategia e con successo si è assicurata l’appoggio della Gran Bretagna che si impadronì della Palestina dopo la prima guerra mondiale, come pure della clientela hashemita che la Gran Bretagna mise a capo dell’Iraq e della Transgiordania. Gli inglesi stessi si impegnarono nella loro famigerata Dichiarazione Balfour a far sì che la colonizzazione da parte degli ebrei europei della Palestina avvenisse pacificamente, sotto la loro egida, in modo che “nulla sarà fatto che possa pregiudicare i diritti civili e religiosi delle esistenti comunità non ebraiche in Palestina”. Dopo la seconda guerra mondiale, i sionisti si sono assicurati con successo l’appoggio statunitense al loro progetto coloniale.

Il leader sionista Vladimir Jabotinsky, seguendo la strategia di Herzl volta a garantirsi la protezione delle maggiori potenze mondiali, ha formulato come segue la posizione sionista:

La colonizzazione sionista deve o fermarsi, oppure procedere senza riguardo alla popolazione nativa. Il che significa che può procedere e svilupparsi solamente sotto la protezione di un potere indipendente dalla popolazione nativa dietro un muro di ferro che la popolazione nativa non può abbattere. Questa è la nostra politica verso gli arabi; non quella che dovrebbe essere, ma quelle che realmente è, che lo si ammetta o no. Che bisogno c’è, altrimenti, della Dichiarazione Balfour? O del Mandato? Il loro valore per noi è che il Potere esterno si è impegnato a creare nel paese condizioni di amministrazione e di sicurezza tali che se la popolazione nativa volesse contrastare il nostro lavoro, lo troverebbe impossibile.

Questo non significa che i sionisti avevano abbandonato le loro assicurazioni pubbliche che la colonizzazione “pacifica” del paese non avrebbe danneggiato i palestinesi, mentre contemporaneamente impiegavano i mezzi più violenti per espellerli dalla loro terra È stato questo impegno pubblico sionista per la “pace” con i palestinesi la cui terra cercavano di conquistare che provocò l’ira di Jabotinski. L’assunto dei leader sionisti che i palestinesi erano corruttibili, che potevano essere comprati e che avrebbero accettato la dominazione degli ebrei in cambio di benefici economici nominali, fu decostruito da Jabotinsky punto per punto. Già nel 1923, dichiarò che:

I nostri mercanti di pace stanno cercando di persuaderci che gli arabi sono o stupidi al punto che possiamo ingannarli mascherando i nostri propositi reali, o corrotti al punto da poter essere indotti con il denaro a lasciare a noi la loro rivendicazione di priorità in Palestina, in cambio di vantaggi economici e culturali. Respingo questa concezione degli arabi palestinesi. Culturalmente sono 500 anni dietro di noi, non hanno né la nostra resistenza, né la nostra determinazione; ma sono buoni psicologi come noi…Noi possiamo raccontargli qualsiasi cosa ci piaccia sulla innocenza dei nostri obiettivi, attenuandoli e addolcendoli con  parole melliflue per renderli graditi, ma loro sanno ciò che vogliamo, come noi sappiamo ciò che loro non vogliono. Essi sentono almeno lo stesso amore istintivo e geloso della Palestina, come i vecchi aztechi lo sentivano per il vecchio Messico, e i Sioux per le loro praterie ondulate.

Per Jabotinsky, il razzismo della leadership sionista la stava accecando fino a minare la sua strategia. A suo avviso nessuna quantità di denaro e nessun profluvio di parole melliflue ha mai convinto un popolo a consegnare il suo paese a conquistatori stranieri ed era, quindi, convinto che i palestinesi dovevano essere sconfitti militarmente come precondizione per la loro acquiescenza al progetto sionista di rubare il loro paese. A questo proposito ha aggiunto:

Immaginare, come fanno i nostri filo-arabi, che [i palestinesi] permetteranno
volontariamente la realizzazione del sionismo, in cambio di convenienze morali e materiali che il colono ebraico porta con sé, è una nozione puerile, che ha al fondo una sorta di disprezzo per il popolo arabo; significa che disprezzano la razza araba, che la considerano una plebaglia corrotta che può essere comprata o venduta, pronta a rinunciare alla sua patria per un buon sistema ferroviario…Non c’è nessuna ragionevolezza in queste opinioni. Può succedere che qualche arabo prenda una tangente. Ma questo non significa che il popolo arabo della Palestina, nel suo complesso, venderà quel fervente patriottismo che difendono così gelosamente e che nemmeno gli abitanti della Papuasia venderebbero mai. Ogni popolazione nativa nel mondo resiste ai colonialisti fino a quando ha la più piccola speranza di sbarazzarsi del pericolo di esserecolonizzata.

Quindi per Jabotinsky il modo appropriato e corretto di assicurarsi l’acquiescenza palestinese è quello di rimuovere qualsiasi possibilità che essi possano mai fermare la colonizzazione del loro paese o rovesciarla una volta che sia stata ottenuta. Tutto questo sarà portato avanti, innanzitutto, assicurandosi uno sponsor imperiale per la costituzione di una colonia di insediamento ebraica e creando quello che ha chiamato un “muro di ferro”, difeso da un esercito sionista che i palestinesi non siano in grado di sconfiggere. Solo allora, ha concluso, i palestinesi saranno pronti per un accordo pacifico con i loro conquistatori coloniali:

Questo non significa che non ci può essere nessun accordo con gli arabi palestinesi. Quello che è impossibile è un accordo volontario. Fino a quando gli arabi sentiranno che c’è la minima speranza di liberarsi di noi, rifiuteranno di rinunciare a questa speranza in cambio di parole gentili o di pane e burro, perché non sono una feccia, ma un popolo vivo. E quando un popolo vivo cede su questioni di carattere così vitale, questo avviene solo quando non c’è più alcuna speranza di sbarazzarsi di noi, perché non possono fare alcuna breccia nel muro di ferro. Non abbandoneranno, fino a quel momento, i loro leader estremisti il cui slogan è: “Mai”! Poi la leadership passerà a gruppi moderati che si rivolgeranno a noi con una proposta sulla quale dobbiamo entrambi concordare reciproche concessioni. Allora possiamo aspettarci che discutano onestamente le questioni pratiche, come la garanzia contro la espulsione degli arabi, o i diritti eguali per i cittadini arabi, o l’integrità nazionale araba…E quando questo accadrà, sono convinto che noi ebrei saremo pronti a dare loro garanzie soddisfacenti, affinché entrambi i popoli possano vivere insieme in pace come buoni vicini.

Le tesi di Jabotinsky avrebbero guidato tutti i settori del movimento sionista dopo di lui, compreso il Labor Sionista dominante, guidato da Ben Gurion. Come Herzl, Ben Gurion avrebbe sostenuto la pace con i palestinesi pubblicamente, affermando che gli interessi dei colonialisti e dei nativi non erano in contraddizione, ma nello stesso tempo pianificava, in modo strategico, la guerra contro i palestinesi negli incontri con la leadership sionista. Ma a guidarlo sarebbe stata la logica degli argomenti di Jabotinsky. Nel 1936, durante la grande rivolta palestinese contro la colonizzazione sionista e l’occupazione britannica, Ben Gurion dichiara:

”Non è per stabilire la pace che noi abbiamo bisogno di un accordo. Senz’altro la pace è un problema vitale per noi. È impossibile costruire un paese in uno stato di guerra permanente, ma pace è per noi un mezzo. Lo scopo finale è la completa e piena realizzazione del sionismo. Noi abbiamo bisogno di un accordo solo per questo”.

Facendo eco alle parole di Jabotinsky, Ben Gurion capiva che un accordo complessivo di pace con i palestinesi era inconcepibile negli anni ’30, quando i coloni ebraici erano ancora una minoranza armata e bellicosa nella terra dei palestinesi. E concludeva:

”soltanto dopo una totale perdita di speranza da parte degli arabi, perdita che avverrà non solo per il fallimento dei disordini e dei tentativi di rivolta, ma anche come conseguenza della nostra crescita nel paese, gli arabi accetteranno di consentire a un Israele ebraico”.

Elaborando il concetto che pace è guerra Ben Gurion spiegava in modo molto chiaro ai suoi seguaci sionisti che qualsiasi accordo con gli arabi doveva essere definito formalizzando la loro capitolazione alla colonizzazione sionista. Questo dichiarò nei primi mesi del 1949, dopo il trionfo militare dei sionisti e la costituzione di una colonia di insediamento. “L’Egitto…è un grande Stato. Se potessimo arrivare a concludere con lui la pace, sarebbe per noi una notevole conquista”. Questa “conquista” doveva aspettare 30 anni, ma quando fu realizzata con gli accordi di Camp David con Anwar Sadat nel 1978, avrebbe sancito il riconoscimento da parte dell’Egitto della legittimità della colonia d’insediamento ebraica e il rifiuto della sovranità e dei diritti dei palestinesi, a eccezione di qualche piano “autonomo” differito e il consenso dell’Egitto a non ristabilire mai la sovranità sul Sinai, che Israele avrebbe restituito a un controllo egiziano parziale senza sovranità. La “conquista” dell’Egitto, della quale Ben Gurion parlò nel 1949, fu completata
a Camp David. In quel momento i palestinesi, rappresentati dall’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), non avevano ancora accettato formalmente il fatto che la colonizzazione del loro paese fosse irreversibile e continuarono a tentare la sua liberazione dal colonialismo ebraico europeo.Il concetto di pace come mezzo per ottenere maggiori conquiste coloniali ha continuato a essere radicato nelle considerazioni sioniste e sarebbe stato perseguito insieme alla guerra convenzionale, anche dopo Camp David, come è dimostrato dalle numerose invasioni del Libano negli anni ’70, ’80, ’90 e nel nuovo secolo. Anche se queste guerre sono state condotte esplicitamente come parte della ricerca israeliana di “pace” per conseguire i suoi obiettivi coloniali. La convocazione statunitense della “conferenza di pace” del 1991 a Madrid, alla quale furono invitati Israele e tutti i protagonisti arabi, escludendo l’OLP, non avrebbe inaugurato una nuova fase nella strategia israeliana, formalizzata nel suo nuovo approccio a partire dal 1977 – in particolare concludendo accordi di “pace” con leader arabi e palestinesi che, nelle parole di Jabotinsky, avevano “rinunciato alla speranza”, si erano arresi completamente al colonialismo ebraico, e avevano promesso non solo di non resistere a Israele, ma di aiutarlo mentre continuava la guerra contro gli arabi e contro i palestinesi che continuavano a resistere alla logica coloniale del sionismo.

Anche per il cosiddetto “processo di pace” a guida statunitense, che era stato inaugurato dopo la guerra del 1973, il governo degli Stati Uniti, rappresentato dal Segretario di Stato Henry Kissinger, avrebbe completamente adottato il modello di Jabotinsky. Il piano di Kissinger, che avrebbe condotto in pochi anni alla resa dell’Egitto a Camp David, era quello di coinvolgere eventualmente l’OLP nei negoziati di “pace” alla fine, in modo che l’organizzazione sarebbe stata invitata solo dopo che Egitto, Giordania e Siria avessero riconosciuto e accettato l’irreversibilità della colonia d’insediamento ebraica. Kissinger dichiarò: ”Noi abbiamo bisogno di tenerli (l’OLP) sotto controllo e di coinvolgerli solo alla fine del processo”. Riconoscendo che l’OLP degli anni ’70, che già allora voleva cedere su molti dei diritti del popolo palestinese, non era ancora pronto a rassegnarsi completamente alla irreversibilità della colonizzazione di insediamento ebraica, Kissinger aggiunse: ”Noi (ora) non possiamo accettare la minima richiesta dell’OLP, allora perché parlare con loro?” Kissinger spiegò che “il riconoscimento avverrà solo dopo che i governi arabi saranno soddisfatti.” Mentre gli Stati Uniti non potevano concedere il minimo all’OLP negli anni ’70, Israele ne sarebbe stato capace negli anni ’90.

È in questo scenario che venti anni fa l’OLP si arrese completamente a Israele e accettò la colonizzazione della Palestina, in quelli che sono noti come gli Accordi di Oslo. L’abbandono della lotta anti-coloniale sarebbe stata prima formalizzata con la dissoluzione ufficiosa dell’OLP, in particolare nella parte del suo nome “Liberazione”, e il suo riemergere come Autorità Nazionale Palestinese, una autorità che non cercava più di liberare nulla, ancor meno di offrire una qualche resistenza al colonialismo. Invece l’ANP avrebbe offerto i suoi servizi a Israele collaborando con le sue forze nel sopprimere qualsiasi resistenza palestinese alla colonizzazione ebraica, cercando da Israele garanzie per un minimo di privilegi che potessero mantenerli al potere.

L’ANP, in verità, ha dimostrato di essere un collaboratore di Israele molto più di quanto Jabotinsky avesse pensato fosse possibile. Jabotinsky aveva proposto che dopo essersi rassegnati alla loro sconfitta, i leader palestinesi che chiedevano la liberazione completa sarebbero stati cacciati e “la leadership passerà a gruppi moderati che si rivolgeranno a noi con una proposta sulla quale dobbiamo entrambi concordare reciproche concessioni. Allora possiamo aspettarci che discutano onestamente le questioni pratiche, come la garanzia contro la espulsione degli arabi, o i diritti eguali per i cittadini arabi, o l’integrità nazionale araba…”. L’ANP, come tutti sanno, non ha mai fatto queste richieste, ha abbandonato completamente i cittadini palestinesi di Israele, che non sono stati mai menzionati a Oslo e ha anche fatto la sua parte nello spostare i palestinesi in Cisgiordania a vantaggio dei progetti di costruzione sponsorizzati da uomini d’affari palestinesi, mentre acconsentiva a nuovi spostamenti di palestinesi dalla loro terra, nuovi, come ad esempio nella Valle del Giordano. Per quanto riguarda l’“integrità nazionale”, l’ANP non ha mai rivendicato di averne una, ancor meno di chiedere a Israele che la garantisse. Le aspettative di Jabotinsky sono state pessimistiche rispetto alla resa dei palestinesi, in particolare sul fatto che “noi non possiamo offrire adeguate compensazioni agli arabi palestinesi per il ritorno in Palestina. E quindi non c’è nessuna probabilità che un accordo volontario possa essere raggiunto. Così tutti coloro che vedono tale accordo come una condizione sine qua non per il sionismo, possono dire “no” e ritirarsi dal sionismo”. Contrariamente al pessimismo di Jabotinsky, tuttavia, e come parte degli accordi di Oslo, una somma consistente di compensazione finanziaria fu offerta e senz’altro accettata dall’ANP in cambio della Palestina. La somma ammonta finora a 23 miliardi di dollari, ma molto di più sta per arrivare.

Come ho affermato al tempo della firma di Oslo, la formula di Israele per un accordo di pace, in particolare “terra per pace” che l’OLP aveva accettato,

pregiudica l’intero processo di pace presupponendo che Israele abbia “terra” che vorrebbe concedere agli “arabi”, e che gli “arabi”, visti come responsabili dello stato di guerra con Israele, possano garantire a Israele la pace per la quale da lungo tempo si è aspettato…questa formula è in effetti un riflesso dei punti di vista razziali che caratterizzano gli israeliani (ebrei europei), i palestinesi e gli altri arabi. Mentre gli israeliani sono stati richiesti e sono ostentatamente presentati come desiderosi di negoziare sulla proprietà, il diritto borghese occidentale per eccellenza, i palestinesi e gli altri arabi sono stati invitati a rinunciare alla violenza – o più precisamente ai “loro” mezzi violenti – che è un diritto illegittimo e non riconosciuto, attribuibile solo a barbari incivili.

Spiegai allora che gli Accordi di Oslo consistevano in quel che segue:

Israele continuerà a controllare la terra, le acque, i confini, l’economia, gli insediamenti ebraici, in breve, tutto quello che ha cercato di controllare, senza la resistenza palestinese e con la sua necessaria soppressione, che potrebbe causare la possibile morte di ragazzi ebrei durante il processo. L’OLP si è impegnata a non permettere questa resistenza. I ragazzi palestinesi dovrebbero uccidere loro i ragazzi e le ragazze palestinesi che i ragazzi ebrei di Israele dovrebbero uccidere, rischiando anche loro nel processo. Nel frattempo, gli israeliani ricorderanno al mondo che le loro precedenti campagne di assassinio contro i palestinesi devono essere giustificate, visto che, ora, i palestinesi stessi riconoscono la necessità di controllare una popolazione selvaggia e recalcitrante.

In linea con Jabotinsky e Ben-Gurion, il ministro degli esteri israeliano in quel periodo, ora presidente di Israele, Shimon Peres hanno riconosciuto che quando Israele alla fine ha riconosciuto l’OLP come il rappresentante dei palestinesi, lo fece perché l’OLP non cercò più di rovesciare il colonialismo ebraico. Ha correttamente dichiarato: “Noi non siamo cambiati, è l’OLP che è cambiata”.

A partire da Oslo, la colonizzazione ebraica della West Bank e di Gerusalemme Est è raddoppiata, ma se escludiamo Gerusalemme Est, che fu annessa a Israele formalmente nel 1980, la colonizzazione ebraica della West Bank, da Oslo, si è nei fatti triplicata. Questo triplicarsi della colonizzazione è avvenuto pacificamente, sotto l’ombrello di Oslo. Ogni tentativo palestinese di impedirla, sia durante la seconda intifada, o attraverso il successo elettorale di Hamas, o atti giornalieri di resistenza contro l’esercito israeliano, sarebbe stato impedito da Israele e dalla ANP. Nel caso di Hamas, la sua repressione sarebbe stata molto intensificata con la collaborazione del regime di Mubarak in Egitto, e più recentemente con il colpo di stato quasi-fascista del generale Sisi.

Con la strategia “pace è guerra” Israele ha pure cercato di cambiare il vocabolario usato per descrivere il suo progetto coloniale, insistendo che i palestinesi devono sottomettersi alla sua terminologia, che i media USA e europei usano per descrivere il colonialismo sionista.

Nella storia delle guerre coloniali e della resistenza anti-coloniale, specialmente nel contesto delle colonie di insediamento, le lotte dei nativi contro i colonizzatori europei sono sempre state denominate lotte di “liberazione”. Esempi: la lotta di liberazione algerina contro il colonialismo e i colonialisti francesi, la lotta di liberazione del popolo dello Zimbabue contro il colonialismo e i colonialisti britannici, e la lotta anti-apartheid per la liberazione nel Sudafrica contro i privilegi razziali dei colonizzatori bianchi. In nessuno di questi casi la lotta di liberazione dal colonialismo è stata indicata, in un modo o nell’altro, come un “conflitto”. Di certo non c’è mai stata una cosa come il “conflitto” franco-algerino, o un “conflitto” bianchi-neri in Rhodesia o in Sudafrica, nemmeno per gli stessi colonizzatori. In questi casi, sia i colonizzatori di insediamento sia coloro che resistevano non si vergognavano chiamando la loro lotta come una lotta per il privilegio razziale e coloniale o rispettivamente per la liberazione dal razzismo e dal colonialismo di insediamento. Questa terminologia dovrebbe applicarsi al colonialismo di insediamento sionista in Palestina e alla resistenza palestinese. Il progetto della colonizzazione ebraica europea della Palestina, che iniziò negli anni 1880, e che da allora è continuato, resta il fatto più spettacolare dell’incontro palestinese con il sionismo, ma allo stesso tempo è il segreto più strenuamente conservato. Al punto che riferirsi a Israele come il “colonizzatore di insediamento ebraico”, in Israele o in Europa o negli USA, pro-israeliane (che è come i palestinesi e gli arabi lo hanno sempre descritto), è un tabù che non si può rompere e che suscita un’ampia condanna in quei rari casi in cui viene rotto. Infatti, non solo la colonizzazione europea e ebraica della Palestina è stata ridenominata dal sionismo e dai suoi alleati europei e americani come il cosiddetto “conflitto” israelo-palestinese, ma il sionismo ha insistito affinché i palestinesi e gli arabi adottassero questa terminologia come una precondizione per qualsiasi tipo di “dialogo”, e una minima accettazione come partner per un “dialogo” o per negoziati di “pace”.

Il sionismo comprende che vive in un mondo dove il colonialismo, e certamente il colonialismo di insediamento, non sono più molto di moda, e allora questa ridenominazione è centrale per la sua propaganda. I palestinesi hanno capito bene la strategia di Israele e hanno continuato apertamente a insistere nella loro terminologia di liberazione. L’organizzazione palestinese che ha rappresentato la resistenza palestinese fino al 1993 si è chiamata Organizzazione per la Liberazione della Palestina, i suoi gruppi di guerriglia costituenti si sono chiamati Movimento per la Liberazione della Palestina (conosciuto con il suo acronimo Fateh), Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina o Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, tutti hanno compreso che il loro incontro con il sionismo era quello con un colonialismo di insediamento, e con le sue strutture razziste, contro il quale insistono nel resistere per rovesciarlo. Dopo il 1993, l’OLP si è trasformata nell’Autorità Nazionale Palestinese, che non solo ha stabilito come nuovo obiettivo della leadership palestinese la creazione di una “autorità nazionale” al posto della liberazione della Palestina e dei palestinesi dal colonialismo di insediamento; la stessa parola colonialismo è anche scomparsa dal suo vocabolario. La nuova definizione del colonialismo ebraico europeo come un conflitto israelo-palestinese che dovrebbe essere “risolto” con un “accordo di pace” tramite negoziati, divenne operativa attraverso l’offensiva di “pace”, che Israele ha condotto contro il popolo palestinese nel 1991.Venti anni di negoziati di “pace” hanno portato più colonialismo, più furto di terre palestinesi, più morti di palestinesi, più povertà palestinese, più restrizioni nei movimenti dei palestinesi, più disoccupazione, in breve più oppressione su ogni fronte. Ancora, la ANP continua a dichiarare senza equivoco che riconosce il diritto degli ebrei di colonizzare la Palestina e di stabilire una colonia di insediamento ebraica sulle terre che i sionisti hanno conquistato nel 1948, così come i diritti di quegli stessi ebrei come coloni di insediamento nella West Bank e a Gerusalemme Est conquistate nel 1967. Quello che chiede, tuttavia, è che gli israeliani non aumentino il numero esistente di coloni ebraici nella West Bank (ma non a Gerusalemme Est) e che uno stato tipo Bantustan si formi per consentire alla ANP di governare i palestinesi senza sovranità. Gli israeliani sono sgomenti per queste condizioni e continuano a spingere affinché la ANP dichiari apertamente e senza equivoci che qualsiasi accordo Israele concederà ai leader dell’ANP, nella forma di uno “stato” Bantustan, le
condizioni di Israele sono comunque che i palestinesi devono accettare non solo il diritto dei coloni ebrei esistenti di continuare a colonizzare tutte le parti della Palestina, ma anche i loro diritti futuri di colonizzare più terra, altrimenti, insistono gli israeliani, non ci sarà alcun accordo.

Naturalmente, Israele insiste che continuerà, nel frattempo, a perseguire la “pace” per convincere la leadership della ANP dell’importanza della loro piena acquiescenza al suo progetto coloniale complessivo. Gli attuali negoziati segreti tra Israele e la ANP mirano a escogitare un piano nel quale la ANP e Israele trovino la giusta formula per arrivare a questa acquiescenza, in modo che la colonizzazione ebraica dell’intera terra dei palestinesi sarà finalmente sostenuta e celebrata dagli stessi palestinesi e la centenaria guerra del sionismo contro il popolo palestinese sarà finalmente vinta sotto lo striscione della “pace”.L’unico problema è che il popolo palestinese si rifiuta di essere acquiescente con il progetto coloniale sionista, in quanto non ha rinunciato alla speranza, ma rimane fiducioso che la colonizzazione della sua terra è reversibile e che la sua resistenza condurrà a una sua fine, a dispetto degli accordi conclusi dalla loro leadership collaborazionista e della conduzione, da parte di Israele, della pace come guerra.

* Joseph Massad insegna alla Columbia University e scrive sulla politica araba moderna e sulla storia intellettuale. Ha un interesse speciale nelle teorie dell’identità e della cultura – incluse le teorie del nazionalismo, sessualità, razza e religione. Ha ricevuto il suo Ph.D. dalla Columbia University nel 1998. È autore di Desiring Arabs (2007), di The Persistence of the Palestinian Question: Essays on Zionism and the Palestinian Question (2006) e di Colonial Effects: The Making of National Identity in Jordan (2001). Il suo libro Daymumat al-Mas’alah al-Filastiniyyah è stato pubblicato da Dar Al-Adab nel 2009, e La persistence de la question palestinienne da La Fabrique nel 2009. I suoi articoli sono apparsi in Public Culture, Interventions, Middle East Journal, Psychoanalysis and History, Critique e nel Journal of Palestine Studies; scrive spesso per Al-Ahram Weekly. Tiene corsi sulla cultura araba moderna, di psicoanalisi in relazione alla civilizzazione e alla identità, su genere e sessualità nel mondo arabo e sulla società e la politica israelo-palestinesi, con seminari sul nazionalismo in Medio Oriente come idea e pratica e anche su Orientalismo e Islam.

Per altri interventi di Joseph Massad vedi il dossier all’indirizzo www.ism-italia.org/?p=3658: L’(Anti-) Autorità Palestinese, Al-Ahram Weekly, giugno 2006

Pinochet in Palestina, Al-Ahram Weekly, novembre 2006
Un’immacolata-concezione?, The Electronic Intifada, 14 aprile 2010
I diritti di Israele, Aljazeera, 6 maggio 2011
L’ultimo dei semiti, Aljazeera, 14 maggio 2013

(traduzione a cura di ISM-Italia)

thanks to:

Failing to abide by regulations, Israeli soldiers inflict serious injuries to Palestinian children

The bullet struck Atta Sabah, 12, in the stomach and exited through his back, severing his spinal cord and causing paralysis from the waist down.

With high numbers of demonstrations occurring throughout the West Bank during the first six months of 2013, lax enforcement of the Israeli army’s open-fire regulations has led to increased violence against Palestinian civilians and has perpetuated impunity.

The regulations allow soldiers to use live ammunition “only under circumstances of real mortal danger,” according to a recent report by B’Tselem, an Israeli human rights group.

Israeli forces are prohibited from firing rubber-coated metal bullets at women and children. Where firing rubber-coated metal bullets is allowed, police and military procedures state that they must only be fired from a distance of 50-60 meters (165 – 195 feet) and at the legs of people.The regulations prohibit directly targeting demonstrators with tear-gas canisters.

Despite these regulations at least 24 children have been shot and injured by live ammunition, rubber-coated metal bullets or tear-gas canisters since January 2013, including two fatalities, according to evidence collected by Defense for Children International Palestine (DCI-Palestine). While Israeli forces regulations allow the use of these weapons for crowd control in certain narrow circumstances, only a third of these cases involve children directly participating in demonstrations where clashes with Israeli forces later occurred.

In the line of fire

In February 2013, a photo depicting a Palestinian child in the cross-hairs of an Israeli army sniper flooded the Internet. This dehumanization of children has continued and hundreds have been targeted and killed or injured in military incursions or in crowd dispersal maneuvers. Since the outbreak of the second intifada in 2000, Israeli forces are responsible for the death of 1,031 Palestinian children in Gaza and 366 children in the West Bank, according DCI-Palestine documentation.

In May 2013, Atta Sabbah, 12, from Jalazoun refugee camp near Ramallah was shot by an Israeli soldier while trying to retrieve his school bag from another soldier nearby. Eyewitness reports show that the situation was calm, that no clashes were taking place at the time and there was no “mortal danger” to Israeli forces that would allow the use of live ammunition.

Contradicting eyewitness reports, when asked about the use of live ammunition against an unarmed child, the Israeli army Spokesperson’s Unit stated that “on the afternoon of May 21, 2013 a violent and unlawful riot took place in the area, with the participation of dozens of Palestinians who threw rocks and Molotov cocktails towards the soldiers.”

“I was with my friend and we were tossing our school bags to each other and he threw mine behind him. Then when I went to go and look for it I realized it was with the soldiers,” says Atta, as he tries to straighten himself on his wheelchair. “The soldier told me you can come and get it the next day and so I returned home.”

Soldiers are usually stationed between the Jalazoun Boy’s School and the Bet El settlement, where Atta’s bag was thrown the previous day. Nearly 6,000 Israeli settlers reside in Bet El, a settlement built on predominantly privately owned Palestinian land. Due to its proximity to the school, soldiers and private security are always present near the school, or raiding the camp, causing tension in the area.

“[Atta] walked for about one or two meters toward the soldier,” says Mahmoud, 15, an eyewitness to the shooting. “Suddenly, he wanted to turn around and run away. At that moment, the second soldier fired one bullet and I saw Atta fall immediately.”

The live bullet struck Atta in the stomach and exited through his back, severing his spinal cord and causing paralysis from the waist down. It also caused damage to his liver, lungs, pancreas and spleen.

Over the past seven years, 46 Palestinians have been killed by live ammunition fired at stone-throwers. Since 2000, at least 18 Palestinians have been killed by rubber-coated metal bullets, including 12 minors, based on the B’Tselem report.

Caught in the middle

“Things started moving really fast just like in the movies,” says Ahmad, 16, “I had just turned around and wanted to run off back to the [refugee] camp, when I felt something hitting me on the left side of my head, knocking me down.”

Ahmad is one of three children that have been seriously injured by rubber-coated bullets during April and May 2013 in Jalazoun. Mustafa, 17 was shot in the face by a rubber-coated metal bullet which then lodged in his nasal cavity. Majd, 16, was shot in the chest and abdomen multiple times from close range, fracturing his ribs.

When they were shot, the teens were simply in the vicinity of clashes between Palestinian youth and Israeli soldiers. They are part of an increasing number of bystanders targeted and shot during crowd dispersal maneuvers. The misconception that rubber-coated bullets are a non-lethal weapon, combined with the imprecision of using rubber bullets as a weapon has resulted in increased injuries to people to whom there is no justification to shoot.

Hamzi, 12, was entering his home to avoid clashes that had broken out in his neighborhood. In violation of Israeli military regulations, he was shot directly in the left arm with a rubber-coated metal bullet by an Israeli soldier about three meters (10 feet) away after he spotted Hamzi entering the stairwell of his building. Hamzi was struck a second time in the stomach by a ricocheting bullet as he ran up the stairs.

“I climbed a couple of steps and stopped and saw a barrel of a rifle appearing through the door,” Hamzi says. “I realized that one of the soldiers was following me.”

After shooting Hamzi, the soldier threw a tear gas canister in the stairwell. Hamzi underwent surgery on his left arm to stem the bleeding to his elbow.

Crowd control

In response to a video showing Israeli soldiers retreating from stone-throwing youth, Deputy Prime Minister Eli Yishai stated, “In my opinion, [Israeli forces] must make maximal use of their weapons if they feel their lives are in danger, and they must know they will receive the utmost support and understanding from all the relevant bodies if that is what they have to do.”

In May 2013, the average number of civilians injured by live ammunition or rubber-coated bullets more than tripled compared to this time last year, according to the United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA). Since January 2013, there have been 213 Palestinian civilian casualties, compared to 63 for the same time last year.

Senior Ranking Officers have stated that violations of Israeli military open-fire regulations are “exceptions rather than the norm.” However, according to DCI-Palestine documentation 42 percent of children were shot in the face or head, 29 percent in the leg, 21 percent in the arm or chest and 17 percent in the stomach. One child was shot multiple times with live ammunition.

The majority of these families have not filed any complaints to the Israeli authorities regarding injuries incurred through use of lethal or non-lethal weapons, as they do not believe there will be any criminal case brought against soldiers.

Since 2000, Yesh Din reports only five percent of complaints submitted to the Military Police Criminal Investigations Division (MPCID) lead to an indictment. Moreover, victims of soldier crime are reluctant to speak out “for fear they may come to harm, either for the soldiers who discover they filed a complaint or by the denial of various permits.”

For Atta, he has grown up in an atmosphere where both Israeli soldiers and Jewish settlers act with complete impunity. When asked about the fate of the soldier that shot him, he replies without hesitation, “I’m not expecting anything to happen to him.”

thanks to: Defence for Children International Palestine

Disorientamento

E’ questo il termine più appropriato per trasmettere le sensazioni interiori di questa mia ennesima permanenza a Burj al Shemali. Questa volta non mi sento solo l’Associazione che rappresento e che guido verso la conoscenza dei palestinesi in Libano. Questa volta qualcosa è diverso.

E non sono solo gli eventi che si susseguono in questo paese (le autobombe a Beirut del 9 luglio e del 15 agosto) o nei paesi vicini (Siria ed Egitto) a disorientarmi, ma la quotidianità che condivido con i “nuovi venuti”, quella fetta di popolazione in fuga dal teatro di guerra siriano.

via26-08-13Disorientamento.

Defence for Children International-Palestine’s monthly bulletin on detention – Issue 42 – June 2013

As of June 30, 2013, a total of 193 Palestinian children were imprisoned and prosecuted in the Israeli military court system.

viaDefence for Children International-Palestine’s monthly bulletin on detention – Issue 42 – June 2013 :: www.uruknet.info :: informazione dal medio oriente :: information from middle east :: [vs-1].

NEGARE L’ACQUA..

Oggi sono stata ad Huwarta, Nablus, per parlare con due famiglie di beduini accampate qui da poco. Solitamente sono accampati vicino ad Hebron o nel Negev, ma per il periodo estivo vengono qui perchè gli animali devono avere spazio per muoversi. Ricordiamoci, comunque, che sul Negev sta per piovere il Prawer Plan che intende mandar via da quell azona 70,000 beduini…

Due famiglie con molti bambini. Nessun attacco di coloni per il momento… Gli altri beduini di Huwarta sono stati meno fortunati: i coloni li avevano attaccati e gli avevano rubato una pecora.

Queste due famiglie, però , ci raccontano che Israele gli ha negato l’acqua per vivere. Non hanno acqua da bere, nè per loro nè per gli animali. Così, ogni tanto, devono fare dei km con la tanica a rimorchio, attraversare la collina e andare a comperare l’acqua. “Costa molto l’acqua”, ci dicono. Questo è un altro metodo di Israele: se togli l’acqua agli esseri viventi, gli togli la vita. Quindi, oltre al Prawer Plan che incombe, i beduini devono fare anche i conti con i soliti metodi.

Come si fa a negare un bicchiere d’acqua ad un bambino?

viasamantha comizzoli: NEGARE L’ACQUA...

Remember us: raccontare i profughi di Gaza parlando ai profughi di Gaza | Osservatorio Iraq – Medioriente e Nordafrica

Un progetto che piano piano vede la luce: una ricerca lunga due anni, cinque storie, Gaza, un campo profughi in Giordania, dei diritti negati, un ritorno impossibile e la speranza che dal basso, dalle persone stesse, riesca a rinascere la scintilla della speranza e del cambiamento.

Sono questi gli ingredienti di ‘Remember us’, docu-drama diretto dalla giovane filmmaker e produttrice Dalia Abuzeid, gazawi in Giordania: “La prima volta è stato uno schiaffo in pieno viso. Ho iniziato a chiedermi ‘ma dove sono stata in tutto questo tempo? Dove siamo stati tutti, come esseri umani?’. Una sera, tornando a casa dal campo, mi sono resa conto d’essere invecchiata dieci anni di colpo”.

Se a dirlo è una ragazza di poco più di vent’anni, non è facile cogliere al volo il significato di queste parole. Ma mentre racconta dove ha passato gli ultimi 24 mesi della sua vita, tutto diventa un po’ più chiaro.

Dalia Abuzeid ha una carta d’identità che dice ‘Striscia di Gaza’, un passaporto da rinnovare ogni due anni, ma non ha una nazionalità ne’ un paese in cui tornare. Dalia Abuzeid, con una famiglia, degli amici, un tetto sopra la testa, un percorso di studi artistici, un lavoro e dei sogni da realizzare, è nata e cresciuta in Giordania, ma sa per certo che l’unico posto che non la accetterà mai come cittadina è proprio questo.

Perché è gazawi, in un paese che riconosce il diritto di cittadinanza a molti palestinesi, ma non a tutti.

viaRemember us: raccontare i profughi di Gaza parlando ai profughi di Gaza | Osservatorio Iraq – Medioriente e Nordafrica.

Testimonanze dalla Palestina occupata, colline a sud di Al Khalil (Hebron)

Lo staff dell’Operazione Colomba ha avuto la possibilità di intervistare Hafez Huraini (H.), il portavoce del Comitato Popolare di Resistenza Nonviolenta delle South Hebron Hills, durante un viaggio di conoscenza in Italia a maggio del 2010. In quanto volontaria del corpo civile di pace, ho assistito all’incontro e ho inoltre avuto la possibilità di intervistare alcuni volontari (M., F.) che hanno seguito il progetto dell’organizzazione in Israele/Palestina. Le interviste sono state raccolte nell’ottica di testimoniare l’esperienza nonviolenta vissuta dagli abitanti dell’area delle South Hebron Hills. Lo scopo principale è stato quello di rilevare la connessione tra la nonviolenza e la riconciliazione come strumenti di gestione e di risoluzione costruttiva del conflitto in Israele/Palestina e in particolare nella zona delle South Hebron Hills. Nel territorio la scelta di gestire il conflitto adottando la strategia nonviolenta è stata promossa da alcuni abitanti del villaggio di At-Tuwani. Hafez Huraini descrive come è stata maturata questa decisione attraverso la narrazione della sua esperienza personale. H. afferma: «Sono nato e cresciuto sotto l’occupazione israeliana e con la violenza dei coloni. E la mia esperienza con la violenza e la nonviolenza è cominciata quand’ero piccolino. Un giorno pascolavo le pecore con mio fratello e degli uomini arrivarono correndo dietro a mio fratello per picchiarlo. Sono scappato a casa e ho detto a mio padre che era arrivata della gente che ci aveva attaccato. Lui mi disse semplicemente che erano coloni. Io non sapevo cosa volesse dire quella parola, chiedevo solo la protezione di mio padre. Ma lui mi disse di pregare. Quindi la mia domanda fin da piccolo è stata: come faccio a proteggermi visto che i miei genitori non possono? Devo diventare violento per spaventare chi vuole attaccarmi? I coloni hanno continuato ad attaccarci anche negli anni successivi. Dalla fine degli anni ‘80 il loro comportamento è diventato sempre più violento. Dal 1999 al 2000 c’era stata un’evacuazione. Le camionette militari avevano portato via gli abitanti dei villaggi. La mia famiglia è sempre stata proprietaria di una valle. Noi abbiamo sempre coltivato la valle fino a quando, nel 2003, i militari hanno cominciato a cacciarci via col bulldozer minacciando di ucciderci. Sono stato arrestato. La terra è stata confiscata ed è stata data ai coloni. Il fatto è che tu vivi quest’ingiustizia così forte e non puoi fare nulla. In quel momento abbiamo iniziato ad invitare gli israeliani e gli internazionali. Le cose che più mi hanno aiutato nella scelta nonviolenta sono stati due episodi della mia vita. Il primo episodio è stato quando i coloni hanno attaccato mia madre. Io ero nel villaggio e ho sentito urlare e ho visto che 7 coloni stavano attaccando mia mamma. E quando i coloni mi hanno visto, questi hanno iniziato a spararmi addosso ma io sono corso lo stesso verso mia mamma. Mentre i coloni mi sparavano stavano anche chiamando l’esercito che infatti dopo poco era arrivato. Mia mamma è stata ricoverata in clinica per tre giorni. Poi è tornata a casa. A livello di sentimenti io sentivo un forte desiderio di vendetta e lo confidai a mia madre. Mia mamma mi disse: “Quello a cui hai assistito è un’assoluta ingiustizia però tu devi trovare il modo giusto di reagire a questa ingiustizia altrimenti tu verrai ucciso e noi saremo cacciati”. Non ho mai dimenticato questa frase. Da quel momento ho avuto chiara una cosa: la strategia dell’occupazione prevedeva il sostegno tra i coloni e l’esercito. I coloni ci spingevano con la forza ad usare la violenza in modo da poter avere una giustificazione per mandarci via con l’appoggio dell’esercito israeliano. Per questo abbiamo trovato nella. nonviolenza una forma di lotta che non desse alcun pretesto ai coloni e all’esercito per infliggerci ulteriori violenze o per mandarci via dal luogo in cui siamo nati. La strategia dell’occupazione israeliana mira a tenerci dentro un circolo di violenza in cui noi da vittime passiamo per i criminali. Il secondo episodio che mi ha sostenuto nella lotta per la nonviolenza e per la riconciliazione è stato questo. Io sono diventato molto presto un bersaglio per i militari perché ogni settimana organizzavamo qualche iniziativa nonviolenta o c’erano incontri con l’altra parte nel villaggio. Almeno dieci o dodici volte al mese i militari entravano in casa mia, mi buttavano giù dal letto e distruggevano le cose in casa intimandomi di smettere di invitare gente da fuori. Non volevano che nessuno sapesse qual era la realtà. Questa è stata una sfida molto forte. Io sentivo le urla dei miei bambini durante le incursioni notturne. Però ai militari dicevo: “Se lo fate anche ogni ora io non smetterò”. Quindi si sono stancati prima loro e hanno smesso. Questo fatto mi chiarì un’altra cosa: i coloni e l’esercito non volevano che si sapesse ciò che stava succedendo nell’area. Così alcuni di noi hanno iniziato a spiegare alla gente del posto la strategia attuata dall’occupazione e di come i coloni cercavano in noi la giustificazione dell’uso della violenza per cacciarci. Abbiamo iniziato a coinvolgere le persone del villaggio spiegando loro che avevamo bisogno degli internazionali e degli israeliani in modo che tutti sapessero cosa stava accadendo al nostro villaggio. Non è stato facile perché per i palestinesi gli israeliani sono tutti uguali. Farli parlare con l’altra pare, con quelli che loro considerano i nemici, non è stato affatto facile. Ma poco alla volta i palestinesi hanno capito la realtà: non tutti gli israeliani sono soldati o coloni. Quindi abbiamo iniziato a lavorare a stretto contatto con gli internazionali e con gli israeliani». La scelta nonviolenta è nata dunque in risposta all’approccio distruttivo di gestione del conflitto che gli abitanti israeliani dell’area hanno adottato per continuare a vivere nel territorio e per espandere la propria presenza. La consapevolezza riguardante, da un lato, l’inferiorità delle risorse a disposizione e, dall’altro, gli effetti negativi della violenza ha spinto la popolazione palestinese di Masafer Yatta ad utilizzare una forma di lotta adeguata ai propri mezzi. Gli abitanti dei villaggi sanno che l’attuazione della strategia nonviolenta comporta dei rischi. Alcuni abitanti dell’area sono stati infatti arrestati e torturati. Nonostante ciò, la popolazione palestinese locale è convinta che le conseguenze negative, dovute all’utilizzo della lotta nonviolenta, siano nettamente inferiori agli effetti distruttivi della lotta armata. H. dice: «Nel 2006 hanno iniziato a costruire un muro che impediva le comunicazioni tra Yatta e At-Tuwani. In quei giorni parlavo con le persone e spiegavo alle persone perché stavano costruendo il muro. I militari mi hanno arrestato e mi hanno picchiato rompendomi tutte le costole. Mi hanno rilasciato, ma mi è stato vietato di partecipare alle manifestazioni. Vogliono praticamente controllarmi in tutte le mie azioni per limitarmi. Io non posso smettere di fare quello che faccio perché le persone si fidano di me e ho promesso loro di non dare all’occupazione una scusa per mandarci via. Quindi io so bene che c’è un prezzo da pagare adottando la resistenza nonviolenta. Ma il prezzo da pagare è inferiore a quello che si pagherebbe se si adottasse la strategia violenta. Se come villaggio avessimo scelto la violenza saremmo già stati cacciati». La decisione di attuare la resistenza nonviolenta come forma di lotta all’occupazione viene considerata dai volontari dell’Operazione Colomba che la promuovono un efficace sostegno al processo di pace. Coloro che realizzano quotidianamente le attività nonviolente stanno poco alla volta coltivando e acquisendo le capacità tipiche dell’attore nonviolento130. M. dice: «La nonviolenza l’ho vista più che altro nella persona di Hafez perché lui sento che ha proprio dentro un equilibrio e una serenità che riesce a trasmettere anche dai comportamenti. Invece in molti altri ho visto proprio una scelta nonviolenta provenire da una profonda rabbia dentro e per questo le persone sono tutte molto in cammino. La stessa cosa per la Palestina: non è che uno va giù e che se dà anche tutta la sua vita cambia le cose, ma può fare molto legandosi alle persone. Nel villaggio di At-Tuwani solo se si passa tantissimo tempo e tantissima vita si possono avere dei risultati che sono enormi però ci devi dedicare tanta vita insieme. Il concetto è: ti devi legare a delle persone e devi camminare con quelle persone». F. afferma: «Quando i coloni sono venuti ad attaccare le pecore, noi eravamo in mezzo ai pastori. Un bimbo, figlio di un pastore, ha preso una pietra da terra per tirarla al colono. Suo padre che era dietro gli ha urlato: “Lascia giù quella pietra”. In quel momento ho pensato che questa gente credesse veramente nella resistenza nonviolenta. Gli stavano ammazzando la sua unica forma di sostentamento, eppure lui non ha ceduto. Sono sbalordita. Ogni mattina queste persone si svegliano e continuano a scegliere la nonviolenza. Un giorno, durante una marcia in cui i bambini manifestavano per i loro diritti, una mia collega è stata arrestata. Per me è stato un duro colpo. Però, allo stesso tempo, avevo in mente le facce dei bambini. I bambini sono riusciti a marciare con tutte le bandiere, gli slogan, mentre i soldati hanno fermato i coloni che volevano attaccare il corteo. La gioia di questa gente che ha lottato per i propri diritti e la loro soddisfazione. Lì mi sono detta: “ecco vale la pena anche quello che abbiamo patito a causa dell’arresto”. Il sacrificio si fa se si vede il risultato». Gli obiettivi che gli abitanti palestinesi delle South Hebron Hills si sono prefissi di raggiungere attraverso la resistenza nonviolenta hanno richiesto la stretta collaborazione tra la popolazione locale, gli operatori internazionali e gli israeliani. La presenza internazionale non solo garantisce la diminuzione del livello di tensione tra le parti, ma ha assunto in alcuni casi il ruolo di mediatrice tra la popolazione locale palestinese e la controparte locale israeliana. Inoltre, il coinvolgimento diretto della popolazione israeliana nella resistenza nonviolenta portata avanti a Masafer Yatta crea le basi per la costruzione di una soluzione di pace duratura in quanto inclusiva di tutte le parti implicate nel conflitto. H. asserisce: «Io vengo da una famiglia in cui mi hanno insegnato a non odiare, mia madre è sempre in prima fila nelle manifestazioni a parlare con i soldati. E ho capito una cosa: se scegli la violenza sei solo, ti devi nascondere; se scegli invece la nonviolenza hai bisogno della solidarietà degli altri, non puoi farlo da solo. Noi abbiamo bisogno di solidarietà dagli israeliani e dagli internazionali perché siamo nel giusto ma la nostra voce è veramente debole e dobbiamo farla sentire. Dobbiamo portare la verità su ciò che sta accadendo a noi. Portare questa verità alla società israeliana, al mondo intero, al fine di produrre un cambiamento positivo. Noi siamo vittime di ingiustizie e violenze, ma anche voi occidentali siete vittime, vittime degli organi d’informazione che nascondono la verità. E i coloni, come l’esercito, sono gli strumenti attraverso i quali l’occupazione cerca di raggiungere il suo obiettivo sull’area, cioè mandarci via e annettersi i terreni. Ancora oggi è aperta presso l’Alta Corte Israeliana una petizione che vede da un lato gli abitanti dell’area che chiedono di rimanere dove sono nati e dall’altro il Ministero della Difesa Israeliano che chiede di annettersi l’intera aerea per farvi una zona di esercitazioni. Per questo penso che dobbiamo lavorare con tutte le parti: lavorare per la pace e parlare di pace. Non solo israeliani e palestinesi ma anche internazionali. Noi dobbiamo lavorare in tutte le direzioni per fermare le violazioni dei diritti umani, le violazioni delle leggi internazionali e perché vengano applicate le risoluzioni delle Nazioni Unite». M. aggiunge: «Se una parte comincia ad agitarsi e a fare qualcosa, sicuramente l’altra parte reagisce, per cui questo è un aspetto non so se negativo perché comunque come era obiettivo anche di M.L.King cioè quello di rendere la situazione talmente instabile che non si possa continuare così, ma che si sia costretti a dialogare e a fare qualcosa131. In questo modo l’altra parte deve riconoscere che la parte più debole ha il diritto di vivere». Per realizzare questi obiettivi la strategia nonviolenta si basa sulla realizzazione di diverse attività congiunte in cui ad ogni attore coinvolto spetta un preciso compito. H. afferma: «La nostra strategia è basata da un lato sui ricorsi legali in cui ci aiutano le organizzazioni israeliane per i diritti umani come ACRI e Yesh Din, e dall’altro sulla comunicazione con i media in cui ci aiutano gli internazionali presenti ad At-Tuwani ed i pacifisti israeliani come Rabbini per i Diritti Umani e Ta’ayush. Ogni giorno la popolazione palestinese dell’area sceglie le nonviolenza continuando ad usare i campi da cui viene scacciata con la forza, facendo azioni e manifestazioni nonviolente e, per esempio, per quanto riguarda i bambini, continuando ad andare a scuola, nonostante il reale rischio di essere picchiati dai coloni. Io penso a quali sono i nostri compiti: come palestinesi lavorare duro per far conoscere la realtà in cui viviamo perché il mondo non sa cosa succede da noi e anche lavorare per costruire la cultura di riconciliazione tra i due popoli. Per questo dobbiamo concentrarci sui bambini perché loro sono il futuro. E per questo stiamo cercando di far giocare insieme bambini israeliani e palestinesi attraverso le partite di calcio. Per quanto riguarda gli israeliani: molti di loro sono vittime di quello che il governo vuol far loro credere e si fidano di ciò che i media gli raccontano, non conoscono ciò che sta succedendo realmente. Cerchiamo di far conoscere ciò che stiamo facendo ad At-Tuwani. Agli internazionali dico: state facendo un grande lavoro nelle colline a sud di Hebron». L’intervento civile dei volontari dell’Operazione Colomba garantisce una forma di deterrenza rispetto agli abusi perpetrati dai coloni e dai soldati israeliani. Inoltre la posizione esterna e la modalità d’intervento dell’Operazione Colomba promuovono la costruzione di concreti spazi di dialogo tra le parti attraverso l’instaurazione di un rapporto di fiducia con esse (Kelman, 2005). Infatti il fatto che gli operatori realizzino le proprie attività sia con la parte palestinese delle South Hebron Hills sia con la parte israeliana di Gerusalemme e Sderot ha contribuito ad eliminare il pregiudizio di alcuni soldati israeliani secondo cui gli internazionali sostengono solo la parte palestinese. M. dice: «La volontà di incontrarsi e di cambiare deve venire dalle persone che vivono giù, noi siamo solo testimoni e possiamo creare uno spazio di incontro tra le persone. Il dialogo è possibile solo tra due persone che si guardano negli occhi non tra una persona che è in ginocchio e una che è in piedi». F. aggiunge: «Secondo me noi possiamo essere spazi di dialogo perché comunque il fatto di vedere il mondo in bianco e nero, quindi in oppressori ed oppressi, in vittime e carnefici, istintivamente viene fuori, per cui in questo caso noi siamo quel terzo elemento che non rientra né nell’uno né nell’altro. Secondo me, dovremmo cercare di far vedere le cose con una lente di vetro, come mettere gli occhiali sia ai palestinesi che agli israeliani, perché vedano nell’altro appunto una persona e non una vittima o un carnefice, un bene o un male. Uno dei nostri compiti secondo me è quindi quello di fare gli oculisti. Però mi rendo conto che deve partire da loro, dalle persone che vivono lì, perché la cosa che più facilmente ci possiamo sentir dire è “Voi chi siete? Con che diritto venite a dirmi queste cose qui che non siete qui”. Il fatto di essere esterno ci dà comunque la possibilità di avere un’ottica magari un po’ più distaccata. A noi è poi data la possibilità di parlare perché viviamo lì, subiamo le ingiustizie che subiscono loro, a fianco a loro, se no non avremmo la possibilità di parlare. Se noi venissimo dall’Italia solo per parlare, per creare questi spazi qui, senza vivere con le persone non avremmo credibilità». La modalità di intervento realizzata dall’Operazione Colomba permette agli operatori internazionali di acquisire credibilità di fronte agli attori in lotta. Il punto di vista esterno ha quindi la possibilità di essere ascoltato e di influenzare le parti in conflitto. In questo modo i soggetti coinvolti possono sviluppare un’ottica differente con cui interpretare le dinamiche conflittuali e le azioni della controparte. I risultati raggiunti, rispetto agli obiettivi prefissi e alle attività svolte, dimostrano l’efficacia della resistenza nonviolenta realizzata attraverso l’azione congiunta degli attori coinvolti. Inoltre la modalità di intervento promossa dall’Operazione Colomba si è dimostrata efficace nel realizzare alcuni principi della spiritualità della nonviolenza132. Alcuni degli attori in conflitto più “arroccati” sulle loro posizioni hanno aperto la propria coscienza alla possibilità di un cambiamento di condotta. H. dice: «Da quando gli internazionali sono presenti, la violenza dell’esercito è minore e quella dei coloni è diminuita. Poi quando la violenza si manifesta ugualmente, grazie alla presenza degli internazionali riusciamo a farla conoscere alla società israeliana e al mondo in modo da creare un cambiamento. Adesso i palestinesi vanno nei loro campi e arano e seminano e raccolgono e lo possono fare per la solidarietà con gli internazionali e con gli israeliani e contro questo i coloni e i soldati possono fare poco. Poi abbiamo continuato a lavorare sulle nostre azioni nonviolente con gli internazionali e gli israeliani e durante l’azione nonviolenta abbiamo raggiunto risultati importanti. Per esempio le terre confiscate e i villaggi evacuati sono stati ripresi e i villaggi ripopolati». F. racconta un episodio significativo: «Noi volontari abbiamo denunciato alle autorità competenti, attraverso la registrazione effettuata con la videocamera, un comportamento offensivo tenuto da alcuni soldati israeliani nei nostri confronti. Per questo quei soldati sono stati arrestati. Un giorno abbiamo incontrato un loro amico. La prima volta che lo abbiamo visto ci ha attaccato a urla, urlandoci contro, dicendo che manipolavamo la situazione e che non era giusto che i suoi amici fossero in galera per colpa nostra. Una volta si è sfogato un po’ così e noi siamo rimasti lì a prenderci gli insulti praticamente. Dopo essersi sfogato si è un po’ calmato e ha iniziato a parlare, noi eravamo tesissimi, ci ha chiesto un po’ cosa ne pensavamo, cioè di dire un po’ la nostra, da lì noi abbiamo cominciato a raccontare chi siamo e la cosa bella è stata quando gli ho raccontato dell’Operazione Colomba, della presenza, dello spirito della Colomba, della riconciliazione, della presenza da entrambe le parti. Questa cosa qui lo ha colpito perché lui pensava che fossimo solo lì a sostegno della comunità palestinese e che non ce ne fregasse niente di quello che pensavano loro, anzi che fossimo contro di loro. Invece si è creato uno spazio di dialogo e tutte le volte successive che veniva a fare la scorta con i bambini, si è sempre fermato cinque o dieci minuti a chiacchierare: come va, come non va. Finché dopo un paio di settimane ci è venuto a salutare dopo una scorta. Ha detto: “Domani io vado via, mi sono fatto trasferire”. Gli abbiamo chiesto perché si fosse fatto trasferire e lui ha detto “perché questo posto mi manda proprio in confusione, qui non riesco più a capire chi sono i buoni e i cattivi e non riesco più a gestire la situazione per cui mi sono fatto trasferire sul fronte, in un posto dove è chiaro, mi hanno detto che di fronte a me ci sono i cattivi e devo sparare in quella direzione. Questa cosa qui mi fa fare meno domande”. Un po’ come dire: non vedo in faccia il mio nemico per cui vado meno in confusione. Questa cosa è pesantissima, farsi trasferire perché in quella situazione lui non riusciva più a capire chi sono i buoni e chi sono i cattivi. Ed era lo scopo nostro, quello di fargli capire che non ci sono i buoni e i cattivi, che il mondo non è diviso in due. Quello pur nella delusione, quando lui ci ha detto che si sarebbe fatto trasferire, perché d’istinto mi veniva da dire: “Cavoli, proprio adesso”, quindi nella tristezza della scelta che aveva fatto lui, mi è venuto da dire “Però un semino lo abbiamo buttato”, sperando che lui magari non regga molto la situazione neanche là e cambi drasticamente». Gli esiti positivi raggiunti motivano la popolazione palestinese a portare avanti la resistenza nonviolenta nonostante le difficoltà. Infatti gli attori in lotta sono disincentivati a sostenere la realizzazione del processo di pace nel momento in cui i loro sforzi di riavvicinamento non producono un impatto decisivo nel modificare la situazione contingente (Ramsbotham, 2010; Kelman, 2005). L’adozione dello strumento di lotta nonviolento si è rivelato efficace nel superare questa difficoltà. Inoltre una parte di popolazione israeliana si sta sempre più profondamente rendendo conto delle conseguenze negative dovute all’uso della forza nel conflitto. H. asserisce: «Le persone di At-Tuwani hanno continuato nella scelta nonviolenta perché ne vedono i risultati e i giovani imparano dalla nostra lotta quotidiana. Questo mantiene alta la speranza delle persone perché è una lotta che durerà tutta la vita». F. afferma: «Credo che una parte della gente comune, da entrambe le parti, non ne può più. Penso proprio che la gente comune si è resa conto che con la violenza non si ottiene niente. Gente comune che vive nei villaggi, ma anche israeliani. Io ho avuto la fortuna di studiare ebraico in una scuola ebraica tendenzialmente frequentata da israeliani e internazionali, quindi sapere che i giovani hanno voglia di vivere una vita decente, normale, insomma questa è una speranza. Inoltre se tu chiedi “com’è andata finora ti va bene?”, non c’è nessuno da entrambe le parti che ti possa dire di sì. Per cui se come è andata finora non va bene, non ti sta bene, evidentemente qualcosa bisognerà cambiare e non è che puoi dire: “deve cambiare l’altro”, devi cambiare te. Il fatto di dire questa cosa qui ad ognuna delle due parti, lentamente sta funzionando». Il Comitato Popolare di Resistenza Nonviolenta delle South Hebron Hills non ha richiesto alcun appoggio dal punto di vista politico. Il timore di subire strumentalizzazioni a livello politico comprometterebbe l’intero operato svolto e i risultati raggiunti. Il movimento che sostiene la resistenza nonviolenta nell’area è una novità rispetto alle strategie di lotta armata adottate dalla parte palestinese. In questo senso, tale scelta deve essere il più possibile promossa. H. afferma: «Noi siamo assolutamente indipendenti dal punto di vista politico e non vogliamo avere alcun rapporto con i partiti politici. Perché? Perché le persone sono indipendenti. Noi vogliamo stare lontani dal discorso politico palestinese. Noi dobbiamo salvarci e sopravvivere e la scelta nonviolenta è una scelta di vita. Il movimento nonviolento in Palestina è una cosa molto nuova. È cominciata poco tempo fa sui problemi della terra in particolare a Masafer Yatta, ad At- Tuwani e a Bil’in. Deve essere promosso, diffuso e conosciuto perché funziona». L’instaurazione del dialogo tra le parti è una condizione fondamentale affinché il processo di riconciliazione possa realizzarsi. La resistenza nonviolenta attuata nelle South Hebron Hills favorisce la costruzione di uno spazio di dialogo tra gli attori. Infatti la strategia nonviolenta viene effettuata attraverso il coinvolgimento e il sostegno diretto dei propri nemici. In questo modo gli sforzi atti a promuovere il processo di pace sono sostenuti dalla collaborazione di entrambi gli attori in lotta. Inoltre la lotta nonviolenta basandosi sull’aggressione morale dell’avversario non provoca danni alla controparte. In questo modo gli oppressori non hanno la possibilità di fare alcun tipo di rivendicazione perché i propri diritti non vengono intaccati. Bensì i perpetratori hanno la possibilità di riscattare la propria condotta partecipando attivamente al processo di pace. Infine la nonviolenza diventa uno strumento positivo di gestione del conflitto per entrambe le comunità implicate. Attraverso la resistenza nonviolenta, la popolazione palestinese dell’area può sfogare costruttivamente la propria rabbia e le proprie frustrazioni per le ingiustizie subite. Così gli abitanti delle South Hebron Hills riescono a dimostrare l’esistenza e la validità della nonviolenza come alternativa alla lotta armata. Le organizzazioni pacifiste israeliane hanno invece la possibilità di combattere in modo nonviolento contro la strategia politica di occupazione e di violenza condotta dal governo israeliano assumendosene in parte le responsabilità. Entrambe le parti riescono quindi a smantellare la stereotipizzazione del nemico prodotta dalla logica di guerra (Maoz, Ellis, 2008). Gli operatori internazionali ricoprono invece un ruolo che è caratterizzato da due aspetti principali. Da un lato, gli operatori internazionali in quanto parti esterne al conflitto riescono a garantire il rispetto dei diritti umani e a porsi come mediatori tra gli attori in lotta. Dall’altro, gli operatori provenienti dall’Occidente assumono su di sé e affrontano le responsabilità degli errori commessi in passato dalle strategie politiche occidentali. Infatti, il trauma della shoah, subita in Europa dal popolo ebraico nel secolo scorso, è ancora vivo nella memoria collettiva israeliana che spesso viene strumentalizzata per allontanare i volontari internazionali dalle loro attività. Per evitare di costituire un ostacolo al processo di pace, gli operatori internazionali costruiscono uno spazio in cui possano essere promosse la conoscenza delle modalità di azione attuate e l’instaurazione di un rapporto diretto tra i volontari e gli israeliani. Questi elementi fanno sì che la nonviolenza, attuata dalla popolazione palestinese delle South Hebron Hills, prepari il percorso su cui la riconciliazione può effettivamente realizzarsi. H. afferma: «Io non odio i coloni perché loro sono strumento per la politica dell’evacuazione, seguono degli ordini. La politica israeliana li supporta e li spinge ad essere così violenti perché vuole portare avanti la propria di strategia, ovvero quella di fomentare la violenza da entrambe le parti. Le loro convinzioni ideologiche li spingono ad odiare i palestinesi, ma per noi loro sono i benvenuti nell’area. Perché odiarli allora? Per me sono ebrei che fanno cose cattive, non sono ebrei cattivi che fanno cose cattive. Sono degli esseri umani e quindi lo sanno che stanno facendo cose non buone. Per questo noi dobbiamo invitare molte più organizzazioni internazionali e israeliane sui diritti umani per far vedere la situazione e far conoscere la realtà. Perché quello che è successo e che continua a succedere ad At-Tuwani e in tutta l’area è illegale secondo le leggi internazionali. Quindi il punto di partenza deve essere quello di creare una cultura di pace nelle nuove generazioni e poi di costruire un dialogo tra le parti che porta alla riconciliazione. Adesso l’obiettivo palestinese è quello di costruire uno stato. Forse avremo due stati. Ma è impossibile convivere se prima non c’è una cultura della pace, un credere nell’altro, un sentire l’altro e credere nella pace. Per quanto riguarda il rapporto coi coloni israeliani: io per primo cerco di parlare con i coloni ma credo che solo attraverso gli israeliani che vengono ad aiutarci riuscirò a parlare coi coloni. Anche se è davvero difficile perché addirittura i coloni sono contro gli stessi ebrei. Esistono coloni che attaccano altri israeliani». M. aggiunge: «Ricordo un ragazzo che è venuto quando abbiamo fatto una grandissima marcia nel dicembre del 2007, con 200 persone, tutti israeliani e internazionali. Era molto giovane, di origine russa, non era mai stato nei territori occupati, non aveva mai visto niente. Lui era un colono di un insediamento vicino a Gerusalemme ed era rimasto colpito in maniera incredibile vedendo la miseria di un villaggio come At-Tuwani, dove c’è solo deserto. Era dicembre, c’era un po’ fresco e ha fatto un gesto stranissimo: ha lasciato il suo giubbotto su un sasso vicino al villaggio. Non voleva darlo in mano a qualcuno, ha fatto finta di dimenticarselo, in questo modo lo aveva voluto lasciare a qualcuno. Un gesto così simbolico mi ha fatto capire che era rimasto molto colpito. Poi soprattutto Hafez crede in questa cosa, cioè nel creare ponti tra le parti. Lui ha in mente mille progetti, dal fare scuole di calcio nei villaggi, ad andare in Israele. L’anno scorso, durante un campo estivo, ha fatto una gita di bambini e li ha portati tutti in Israele. Ci crede molto. Anche conoscere la società israeliana, andare a Sderot, così può cambiare la prospettiva del conflitto, vedere le difficoltà anche dalla parte israeliana. In questi anni poi ho visto delle piccole aperture. Una nostra volontaria ha incontrato un colono di Ma’on, è andata a casa sua e ha incontrato tutta la sua famiglia. Quello è stato il momento più alto che ho visto io. Di fatto da parte dei coloni c’è grande indifferenza e grande paura delle situazioni, poi c’è un piccolo gruppo che sono proprio delinquenti. La colonia fu anche pensata come un luogo chiuso, perché ha recinzioni, un fossato, le guardie, proprio un luogo difficile, luogo del non incontro assoluto, adesso c’è anche un muro. Però c’è chi non perde la speranza, come Hafez che inventa mille occasioni d’incontro. Ci vuole molto incontro tra le persone di At-Tuwani e gli israeliani in generale. Questa può essere una via che può portare all’apertura di alcuni coloni o all’apertura della colonia stessa». Una condizione che permette la realizzazione del processo di riconciliazione è la costruzione di un dialogo paritario tra gli attori in conflitto (Maoz, 2005). Quando una delle parti si trova in posizione di forza, il processo di riconciliazione viene ostacolato. Infatti «in asymmetric conflict it is the discourse of the weaker party that has a greater incentive to promote strategic engagement, while the discourse of the more powerful party has a greater interest in ignoring or suppressing it» (Ramsbotham, 2010, p.168). Per questo la presenza internazionale dovrebbe riuscire a riequilibrare i rapporti tra le parti minimizzando gli ostacoli al processo di riavvicinamento tra gli attori derivanti da uno squilibrio di potere (Assefa, 1999). F. dice: «La popolazione palestinese nell’area è in ginocchio. D’istinto mi verrebbe da dire che non credo che riusciremmo a rimetterla in piedi in modo che possa trovarsi di fronte la parte israeliana per guardarla negli occhi e dialogare. Però possiamo far incontrare la parte israeliana già in ginocchio con quella palestinese in ginocchio in modo che si possano guardare negli occhi. Cioè, essendo tutte e due in ginocchio, magari riescono a vedere la sofferenza l’uno dell’altro per poi riuscire a rialzarsi insieme». Il percorso di riconciliazione viene quindi sostenuto e costruito attraverso l’intervento nonviolento congiunto tra la popolazione palestinese delle South Hebron Hills, la comunità israeliana e l’appoggio degli operatori internazionali. La riduzione delle violazioni dei diritti umani nell’area di Masafer Yatta favorisce l’organizzazione di incontri tra le realtà israeliane e palestinesi che per prime subiscono le violenze e i disagi del conflitto armato e che, in questo modo, diventano le protagoniste attive del processo di riconciliazione.

Tratto dalla tesi di laurea: GESTIONE DEI CONFLITTI: LA RICONCILIAZIONE NEI CASI KOSSOVO E ISRAELE-PALESTINA di Giulia Zurlini Panza scritta a quattro mani con U.S.

P.S. La sezione della tesi relativa alla storia della Palestina è una personale ricostruzione dell’autore in chiave sionista e colonialista di fatti solo parzialmente riportati e non trova riscontri nella realtà.
Per conoscere la vera storia della Palestina si consiglia di consultare “La pulizia etnica della Palestina” di Ilan Pappé o qualunque altro testo storico.

Ogni sera, all’ora del Grande Fratello…

di Gideon Levy

Non c’è un solo israeliano che possa immaginare cosa dev’essere svegliarsi nel cuore della notte e vedere nella propria casa decine di soldati armati e violenti, cani e granate.

Tutti sanno che l’unità Duvdevan delle Forze di Difesa Israeliane è la migliore possibile per le operazioni-speciali.
La notte del 25 maggio questi soldati erano impegnati in una operazione in Cisgiordania, nel villaggio palestinese di Budrus. I loro comandanti dovevano essersi riuniti per un ultimo briefing pre-missione prima del tramonto. Sicuramente era stato detto loro del pericoloso terrorista che avrebbero dovuto arrestare; avevano senza dubbio sentito che suo fratello adolescente era stato ucciso appena quattro mesi prima, in modo riprovevole – ucciso da una pallottola da distanza ravvicinata mentre cercava di fuggire, dopo aver lanciato dei sassi contro il muro di separazione.

Il raid iniziò alle 02:00. Qualcuno sentì il comandante dire ai suoi soldati: “Non abbiate pietà in questa casa.”
In questa casa in lutto dormivano otto ragazze adolescenti e giovani donne, i loro genitori e il loro fratello più giovane – i membri della famiglia Awad. Sul tetto dormiva il pericoloso ricercato – un cameriere del vicino villaggio di Na’alin, sospettato di aver lanciato pietre.
Ciò che accadde dopo fu poco di meno di un mini-pogrom. C’erano decine di soldati e cani. La porta d’ingresso fu segata, le finestre fracassate, furono lanciate in casa e contro gli abitanti innumerevoli granate assordanti. L’uomo ricercato fu gettato giù per le scale e ferito così gravemente da svenire. Alle donne e alle ragazze sono state riservati calci e colpi in tutto il corpo.

Il giorno dopo Il portavoce dell’IDF ha sotenuto che “i familiari avevano violentemente opposto resistenza all’arresto.”
Il portavoce dell’IDF si è preso la briga di mandare a noi giornalisti un video come prova della resistenza violenta della famiglia: 50 secondi, attentamente curati e senza suono, in cui le donne di casa gridano disperatamente di fronte a innumerevoli soldati armati nella piccola casa. Abed, nascondendosi dietro di loro, terrorizzato, gemeva per il dolore. Sulla clip il portavoce dell’ufficio delle IDF aveva cerchiato un piccolo coltello da frutta nella mano di una delle donne e una falce in miniatura tenuta da un altro, che venivano sventolati in aria. Non ho mai visto un video così ridicolo in mia vita. Ogni minimo dubbio che avrei ancora potuto nutrire su quello che era accaduto a Budrus quella notte fu spazzato via da quella clip, che mi rivelò in modo
inequivocabile che si era trattato di una operazione criminale.

Cominciamo con il fatto che ha avuto luogo nella casa di una famiglia in lutto, in cui un membro adolescente era stato ucciso dai soldati in circostanze che anche l’IDF ammette fossero “brutte”. Ci si poteva aspettare un trattamento diverso di una famiglia così – una famiglia che ha, tra l’altro, molti amici israeliani.

Ciò che è accaduto in casa Awad è stato un fatto di routine. Non c’è un solo israeliano che possa immaginare come debba essere svegliarsi nel cuore della notte e vedere nella propria casa decine di soldati armati e violenti, cani e granate. Questo è avvenuto per ordine del Comando Centrale GOC, del generale maggiore Nitzan Alon, che i coloni hanno additato come “di sinistra” e “moderato”, nell’ennesima disgustosa campagna per cambiare le istruzioni per “aprire il fuoco”, una campagna che non è altro che sete di sangue palestinese.

Questo è quello che fanno i soldati della Duvdevan, quasi ogni notte, mentre noi israeliani guardiamo il “Grande Fratello”.

(tradotto da Barbara Gagliardi dell’Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus)

Progetto “L’ulivo, pianta della memoria”

L’idea:

La commissione Progetti educativi dell’associazione Amal, che realizza da tempo attività di scambio tra bambini italiani e bambini palestinesi, intende promuovere in Italia il progetto “L’ULIVO, PIANTA DELLA MEMORIA” come continuazione del progetto già attivato “SEMI DI PACE”, legando entrambi ad una