Norman Finkelstein on Israel’s ‘Murderous Assault on Nonviolent Protesters’ in Gaza

thanks to: the Real News

Advertisements

Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

A protest by 200 activists delayed the start of the fourth stage of the Giro d’Italia in the Sicilian city of Catania on Tuesday.

The activists had planned to shut the prestigious cycling race down altogether to protest how it had been launched in Israel last week, but they were confronted and kettled by riot police, as the video above shows.

As members of the Israeli government-backed Israeli team went past, protesters threw out flyers and carried banners with slogans including, “Israel kills, Italy is an accomplice.”

“We made everyone hear our dissent against the exploitation of sport by a state that has for decades practiced apartheid against the Palestinians and which does not respect UN resolutions regarding occupied territories,” protest organizers said, according to an early version of a report from the newspaper La Sicilia.

“There were moments of tension with police,” who used their batons against demonstrators, the newspaper reported.

“Stained with blood”

One activist, Simone di Stefano, told Catania Today that activists had gathered to send the message that “we don’t want this Giro d’Italia that is stained with blood of the Palestinian people.”

Last week, Renzo Ulivieri, the head of the Italian football managers association, posted on Facebook that he would not be watching the Giro this year.

“I could have remained indifferent, but I fear I would have been despised by the people I respect,” Ulivieri wrote. “Viva the Palestinian people, free in their land.”

At a recent meeting of the leftist movement Potere al Popolo (power to the people), Ulivieri elaborated that “the true sporting spirit calls for the unity of people and condemns discrimination and abusive occupation like Israel’s apartheid.”

The latest actions are part of a continuing campaign by Palestinians and their supporters against Israel’s use of the Giro d’Italia to glamorize itself and distract attention from its abuses.

The human rights group Al-Haq noted that 4 May, the day the race started in Jerusalem, coincided with the sixth Friday of protests as part of the Great March of Return in Gaza.

On that day, Israeli occupation forces “injured 195 Palestinian protesters, paramedics, medical staff and journalists, in a demonstration of excessive use of force, including lethal force, against protected civilians,” according to Al-Haq.

Since the protests began, Israeli snipers with shoot-to-kill-and-maim orders have killed 50 Palestinians in Gaza, including 40 unarmed protesters, and have injured thousands more.

Gaza cyclist disabled by Israeli snipers

A particularly pernicious aspect of the Israeli policy – especially in the context of the Giro d’Italia’s purported celebration of athleticism – is “Israel’s deliberate ‘shoot-to-disable’ practice, targeting protected persons in the Gaza Strip with intention to maim and at times permanently disable Palestinians by targeting specific body parts, including the lower limbs,” Al-Haq stated.

“One of the injured protesters who required amputation is Alaa al-Dali, 21, a Palestinian cyclist who was shot by an Israeli sniper with a live bullet under his right knee on 30 March 2018, while he was standing some 200 metres away from the fence,” the human rights group stated.

Al-Dali was training for the 2018 Asian Games for months before he was shot.

“I knew the moment I was shot and fell to the ground, I knew that I would never be able to ride a bicycle again in my life,” he told Middle East Eye.

Al-Haq noted that in the months leading up to the Giro’s kickoff, the first time the race has started outside Europe, “Israel continued to unlawfully alter the status of Jerusalem, introducing legislation to alter the demography of Jerusalem, by targeting Palestinian residency rights and introducing bills to unlawfully incorporate settlement blocs into Israel’s Jerusalem municipality.”

“Giro d’Italia’s choice of location, along with its partners, sponsors and participating teams and individuals, is an indication of its support for Israel’s occupation and violations against Palestinians, including in East Jerusalem,” Al-Haq stated.

Sorgente: Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

15 Palestinians shot dead as Gazans hold mass rallies

Israeli military forces have shot and killed 15 Palestinians during massive anti-Israeli rallies staged by thousands along Gaza-Israel borders.

Palestinian medical officials say at least 15 Palestinians have lost their lives and more than a thousand others sustained injuries when Israeli military forces opened fire on thousands of protesters, who have flocked to a sit-in near the border fence between the Gaza Strip and occupied Palestinian territories.

Spokesman for the Gaza Ministry of Health, Ashraf al-Qidra, said three were fatally shot east of the southern Gaza Strip city of Khan Yunis, Jabalia, located 4 kilometers (2.5 miles) north of Gaza City as well as the border town of Rafah.

He identified the victims as 27-year-old Omar Wahid Abu Samour, Mohammed Kamal Al-Najjar, 25, and 38-year-old Mahmoud Muammar.

The fourth was Mohammed Abu Omar, 22, who was shot and killed east of Shuja’iyya neighborhood of Gaza City.

Ahmed Oudeh, 19, 33-year-old Jihad Farina and Mahmoud Sa’di Rahmi were all killed east of Gaza City as well.

A 22-year-old Palestinian man, identified as Ibrahim Abu Sha’ar, was also shot dead east of Rafah.

Abdel Fattah Bahjat Abdelnee, 18, and 42-year-old Abdul Qader Mardhi al-Hawajri also lost their lives in Israeli attacks shortly afterwards.

Six more Palestinian protesters were also killed in the Israeli assaults.

Al-Qidra added that nearly 1,500 protesters were also injured during the rally.

Israeli drone fires teargas on protesters

http://presstv.com/Default/embedattached/596310

An Israeli drone was filmed firing several rounds of teargas on the protesters near the Gaza border. An AFP correspondent said several people were injured by the containers, which fell from a height of between 10 and 20 meters.

Amnesty International slams Israel’s land expropriation policies

Meanwhile, human rights organization Amnesty International has condemned the Tel Aviv regime’s policies of land confiscation and dispossession, calling on Israeli authorities to stop them.

The Britain-based organization, in a post published on its official Twitter page on Friday, stated Israel’s policies of land theft exacerbate the sufferings of the Palestinian nation, and deprive them of their basic rights.

A picture taken on March 30, 2018 shows Palestinians taking part in a tent city protest erected along the border with Israel east of Gaza City in the Gaza strip to commemorate Land Day. (Photo by AFP)

We won’t concede ‘a single inch of Palestine’

Later in the day, Hamas political bureau chief Ismail Haniyeh arrived at the “return camps” along the eastern Gaza border and spoke to protesters.

In a statement broadcast on Palestinian television, Haniyeh said, “We welcome the Palestinian people everywhere, who have defeated the enemy leaders’ gamble that the old die and the young forget. Here are the young people, the grandparents and the grandchildren.”

“We will not concede a single inch of the land of Palestine and do not recognize the Israeli entity. We promise Trump and all those who stand by his business and his plot that we are not giving up on Jerusalem al-Quds, and there is no solution but for the right of return,” Haniyeh added.

The Palestinian rally, dubbed the “Great March of Return,” will last until May 15, which coincides with the 70th anniversary of Nakba Day (Day of Catastrophe) on which Israel was created.

Every year on May 15, Palestinians all over the world hold demonstrations to commemorate Nakba Day, which marks the anniversary of the forcible eviction of hundreds of thousands of Palestinians from their homeland by Israelis in 1948.

More than 760,000 Palestinians – now estimated to number nearly five million with their descendants – were driven out of their homes on May 14, 1948.

Since 1948, the Israeli regime has denied Palestinian refugees the right to return, despite United Nations resolutions and international law that upholds people’s right to return to their homelands.

Israeli soldiers take aim as they lie prone over an earth barrier along the border with the Gaza strip in the southern Israeli kibbutz of Nahal Oz on March 30, 2018, as Palestinians demonstrate on the other side commemorating Land Day. (Photo by AFP)

This year’s Land Day demonstrations appear especially combustible as Palestinian anger is already high over US President Donald Trump’s decision in December to recognize Jerusalem al-Quds as Israel’s “capital.”

Israel occupied the West Bank, East Jerusalem al-Quds and parts of Syria’s Golan Heights during the Six-Day War in 1967. It later annexed East Jerusalem al-Quds in a move not recognized by the international community.

Israel is required to withdraw from all the territories seized in the war under the United Nations Security Council Resolution 242, adopted months after the Six-Day War, in November 1967, but the Tel Aviv regime has been in non-compliance of that piece of international law ever since.

Sorgente: PressTV-15 Palestinians shot dead as Gazans hold mass rallies

Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War

By Ramzy Baroud

Entire communities in the West Bank either have no access to water or have had their water supply reduced almost by half.

This alarming development has been taking place for weeks, since Israel’s national water company, “Mekorot”, decided to cut off – or significantly reduce – its water supply to Jenin, Salfit and many villages around Nablus, among other regions.

Israel has been ‘waging a water war’ against Palestinians, according to Palestinian Authority Prime Minister, Rami Hamdallah. The irony is that the water provided by “Mekorot” is actually Palestinian water, usurped from West Bank aquifers. While Israelis, including illegal West Bank settlements, use the vast majority of it, Palestinians are sold their own water back at high prices.

By shutting down the water supply at a time that Israeli officials are planning to export essentially Palestinian water, Israel is once more utilizing water as a form of collective punishment.

This is hardly new. I still remember the trepidation in my parents’ voices whenever they feared that the water supply was reaching a dangerously low level. It was almost a daily discussion at home.

Whenever clashes erupted between stone-throwing children and Israeli occupation forces on the outskirts of the refugee camp, we always, instinctively, rushed to fill up the few water buckets and bottles we had scattered around the house.

This was the case during the First Palestinian Intifada, or uprising, which erupted in 1987 throughout the Occupied Palestinian Territories.

Whenever clashes erupted, one of the initial actions carried out by the Israeli Civil Administration – a less ominous title for the offices of the Israeli occupation army – was to collectively punish the whole population of whichever refugee camp rose up in rebellion.

The steps the Israeli army took became redundant, although grew more vengeful with time: a strict military curfew (meaning the shutting down of the entire area and the confinement of all residents to their homes under the threat of death); cutting off electricity and shutting off the water supply.

Of course, these steps were taken only in the first stage of the collective punishment, which lasted for days or weeks, sometimes even months, pushing some refugee camps to the point of starvation.

Since there was little the refugees could do to challenge the authority of a well-equipped army, they invested whatever meager resources or time that they had to plot their survival.

Thus, the obsession over water, because once the water supply ran out, there was nothing to be done; except, of course, that of Salat Al-Istisqa or the ‘Prayer for Rain’ that devout Muslims invoke during times of drought. The elders in the camp insist that it actually works, and reference miraculous stories from the past where this special prayer even yielded results during summer time, when rain was least expected.

In fact, more Palestinians have been conducting their prayer for rain since 1967 than at any other time. In that year, almost exactly 49 years ago, Israel occupied the two remaining regions of historic Palestine: the West Bank, including East Jerusalem, and the Gaza Strip. And throughout those years, Israel has resorted to a protracted policy of collective punishment: limiting all kinds of freedom, and using the denial of water as a weapon.

Indeed, water was used as a weapon to subdue rebelling Palestinians during many stages of their struggle. In fact, this history goes back to the war of 1948, when Zionist militias cut off the water supply to scores of Palestinian villages around Jerusalem to facilitate the ethnic cleansing of that region.

During the Nakba (or Catastrophe) of 1948, whenever a village or a town was conquered, the militias would immediately demolish its wells to prevent the inhabitants from returning. Illegal Jewish settlers still utilize this tactic to this day.

The Israeli military, too, continued to use this strategy, most notably in the first and second uprisings. In the Second Intifada, Israeli airplanes shelled the water supply of whichever village or refugee camp they planned to invade and subdue. During the Jenin Refugee Camp invasion and massacre of April 2002, the water supply for the camp was blown up before the soldiers moved into the camp from all directions, killing and wounding hundreds.

Gaza remains the most extreme example of water-related collective punishment, to date. Not only the water supply is targeted during war but electric generators, which are used to purify the water, are often blown up from the sky. And until the decade-long siege is over, there is little hope to permanently repair either of these.

It is now common knowledge that the Oslo Accord was a political disaster for Palestinians; less known, however, is how Oslo facilitated the ongoing inequality under way in the West Bank.

The so-called Oslo II, or the Israel-Palestinian Interim Agreement of 1995, made Gaza a separate water sector from the West Bank, thus leaving the Strip to develop its own water sources located within its boundaries. With the siege and recurring wars, Gaza’s aquifers produce anywhere between 5-10 percent of ‘drinking-quality water.’ According to ANERA, 90 percent of Gaza water (is) unfit for human consumption.’

Therefore, most Gazans subsist on sewage-polluted or untreated water. But the West Bank should – at least theoretically – enjoy greater access to water than Gaza. Yet, this is hardly the case.

The West Bank’s largest water source is the Mountain Aquifer, which includes several basins: Northern, Western and Eastern. West Bankers’ access to these basins is restricted by Israel, which also denies them access to water from the Jordan River and to the Coastal Aquifer. Oslo II, which was meant to be a temporary arrangement until a final status negotiations are concluded, enshrined the existing inequality by giving Palestinians less than a fifth of the amount of water enjoyed by Israel.

But even that prejudicial agreement has not been respected, partly because a joint committee to resolve water issues gives Israel veto power over Palestinian demands. Practically, this translates to 100 percent of all Israeli water projects receiving the go-ahead, including those in the illegal settlements, while nearly half of Palestinian needs are rejected.

Presently, according to Oxfam, Israel controls 80 percent of Palestinian water resources. “The 520,000 Israeli settlers use approximately six times the amount of water more than that used by the 2.6 million Palestinians in the West Bank.”

The reasoning behind this is quite straightforward, according to Stephanie Westbrook, writing in Israel’s +972 Magazine. “The company pumping the water out is ‘Mekorot’, Israel’s national water company. ‘Mekorot’ not only operates more than 40 wells in the West Bank, appropriating Palestinian water resources, Israel also effectively controls the valves, deciding who gets water and who does not.”

“It should be no surprise that priority is given to Israeli settlements while service to Palestinian towns is routinely reduced or cut off,” as is the case at the moment.

The unfairness of it all is inescapable. Yet, for nearly five decades, Israel has been employing the same policies against Palestinians without much censure or meaningful action from the international community.

With current summer temperature in the West Bank reaching 38 degrees Celsius, entire families are reportedly living on as little as 2-3 liters per capita, per day. The problem is reaching catastrophic proportions. This time, the tragedy cannot be brushed aside, for the lives and well-being of entire communities are at stake.

– Dr Ramzy Baroud has been writing about the Middle East for over 20 years. He is an internationally-syndicated columnist, a media consultant, an author of several books and the founder of PalestineChronicle.com. His books include “Searching Jenin”, “The Second Palestinian Intifada” and his latest “My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story”. His website iswww.ramzybaroud.net.

Sorgente: Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War – Politics for the People | Politics for the People

Esecuzione dei due Palestinesi a Qalandiya: avevano sbagliato strada e non rappresentavano una minaccia

377628CIsraele si conferma ancora una volta come una realtà criminale e violatrice di ogni diritto umano.

I due giovani – fratello e sorella – uccisi a sangue freddo mercoledì mattina al check-point di Qalandiya, e presentati al mondo dalla propaganda israeliana come “attentatori”, in realtà erano due cittadini che si sono trovati per sbaglio a percorrere la carreggiata per autoveicoli, e non quella per i pedoni, e che non hanno capito gli ordini dei militari. La confusione è stata fatale, poiché i robo-killer israeliani li hanno crivellati di colpi.

Lei lascia due bimbi di 6 e 4 anni ed era incinta di 5 mesi.
Il fratello, di 16 anni, ha tentato di portarla via da lì, ma è stato troppo tardi.

Nessuno dei due rappresentava una minaccia.

Testimoni hanno raccontato all’agenzia Ma’an che Maram Salih Hassan Abu Ismail, 23 anni, incinta di cinque mesi e madre di due bimbi, e suo fratello Ibrahim, di 16 anni, si stavano dirigendo verso Gerusalemme, quando hanno imboccato l’ingresso per i veicoli e non quello per i pedoni, dentro il check-point di Qalandiya, vicino a Ramallah.

I due sembrano non fossero in grado di comprendere ciò che i soldati israeliani stavano gridando in ebraico e si sono fermati. I testimoni hanno affermato che Ibrahim sembra avesse tentato di prendere la sorella per un braccio e allontanarla di lì, quando i soldati hanno aperto il fuoco, colpendola. Maram è caduta a terra e quando Ibrahim ha tentato di aiutarla, è stato colpito a sua volta.

Un autista di autobus palestinese, Muhammad Ahmad, ha detto a Ma’an che il soldato che ha sparato a Maram si trovava dietro a un blocco di cemento a 20 metri di distanza da lei, e che né lei né il fratello rappresentavano una minaccia.

Un altro testimone dell’attacco contro i due Palestinesi ha dichiarato a Ma’an che i militari israeliani si sono avvicinati ai due dopo che già erano a terra e hanno di nuovo aperto il fuoco per assicurarsi che fossero morti.

Il testimone ipotizza che i soldati abbiano piazzato i coltelli sulla scena, così che la fotografia potesse essere diffusa dalla polizia israeliana a giustificazione del duplice omicidio.

Le testimonianze raccolte, infatti, contraddicono la versione della polizia israeliana.

Maram aveva ottenuto, per la prima volta, un permesso dalle autorità israeliana per entrare a Gerusalemme. Anche questo spiega la sua confusione sul percorso da prendere nel check-point.

 

  thanks to: Agenzia stampa Infopal

Palestinese vince premio per l’insegnamento da un milione di dollari.

hanan

L’immagine mostra Hanan Al Hroub che insegna ai bambini rifugiati

By Sean Coughlan, 13 marzo 2016

 

Un’ insegnante palestinese ha vinto un milione di dollari in un premio internazionale per l’insegnamento. Il riconoscimento è stato annunciato da Papa Francesco in un video.

Hanan Al Hroub è cresciuta in un campo per rifugiati palestinesi e adesso insegna a questi stessi rifugiati. È specializzata nel supporto ai bambini traumatizzati dalla violenza.

La vincitrice è stata annunciata durante una cerimonia di premiazione a Dubai, con un videomessaggio di congratulazioni mandato dal principe William.

Il Papa Francesco ha mandato a sua volta un messaggio in cui ha sostenuto che questi insegnanti sono ” i costruttori della pace e dell’unità”.

La signora Al Hroub ha poi detto agli spettatori che “gli insegnanti sono capaci di cambiare il mondo.” e il principe William ha citato “l’incredibile responsabilità” degli insegnanti.

C’è stato anche un finalista britannico, Colin Hegarty, un professore di matematica da Londra che ha creato un sito internet interattivo con lezioni di matematica online.

I finalisti del Global Teacher Prize comprendono insegnanti da India, Kenya, Finlandia e dagli Stati Uniti.

Creato dalla Varkey Foundation, la sezione filantropica della società scolastica internazionale GEM, il premio e la cerimonia in stile Oscar hanno lo scopo di innalzare lo status della professione educativa.
Il pubblico dell’evento includeva anche stars di Hollywood come Salma Hayek e Matthew McConaughey e personalità politiche, tra le quali l’ex primo ministro britannico, Tony Blair, ed il vicepresidente degli Emirati Arabi, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

I primi 10 finalisti sono stati invitati sul palco da un videomessaggio del fisico Stephen Hawking ed hanno ricevuto le congratulazioni in un videomessaggio dal vicepresidente statunitense, Joe Biden, e dall’ex presidente americano, Bill Clinton.

Gli altri finalisti erano:

•Maarit Rossi, dalla Finlandia, che ha sviluppato un proprio metodo per insegnare la matematica. La Finlandia ha alcuni dei migliori risultati mondiali nei test internazionali ma le scolaresche della signora Rossi ricevono risultati di alto livello persino se comparati agli standard finlandesi.

•Aqeela Asifi, arrivata in Pakistan come rifugiata dall’Afghanistan. Insegna alle bambine rifugiate nelle scuole che ha essa stessa creato.

•Ayub Mohamud, insegnante di economia dal Kenya, è arrivato in finale grazie ad un progetto ideato per evitare l’estremismo violento e la radicalizzazione.

•Robin Chaurasiya da Mumbai, in India. Ha fondato un’organizzazione per educare e supportare le adolescenti dei quartieri a luci rosse della città.

•Richard Johnson, un insegnante di scienze da Perth in Australia, che ha ideato un laboratorio di scienze per bambini delle scuole elementari.

•Michael Soskil dalla Pennsylvania, negli Stati Uniti, già vincitore del Premio Presidenziale per l’Eccellenza nell’Insegnamento della Matematica e delle Scienze. È stato in grado di motivare i suoi alunni mettendoli in collegamento con progetti provenienti da tutto il mondo.

•Kazuya Takahashi, dal Giappone, ha sviluppato sistemi innovativi per insegnare le scienze ed incoraggiare alla cittadinanza globale.

•Joe Fatheree, dall’Illinois negli Stati Uniti, è stato un pioniere nell’insegnare progetti attraverso l’uso di stampanti tridimensionali, della tecnologia dei droni e usando videogiochi come Minecraft.

Sunny Varkey, fondatore della Varkey Foundation, ha spiegato alla conferenza educativa internazionale che il premio è stato ideato per aumentare il riconoscimento pubblico dell’importanza della figura dell’insegnante.

“La mia speranza è che i bambini di tutto il mondo guardino la cerimonia di domenica e pensino a ciò che gli insegnanti fanno per loro.” ha detto Varkey.

thanks to: trad. L. Pal – Invictapalestina

BBC

164 palestinesi uccisi dall’inizio dell’Intifada di Gerusalemme, tra cui 39 bambini

L’”Assemblea nazionale delle famiglie dei martiri della Palestina “, che fa parte dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, ha dichiarato che il numero dei minorenni uccisi dallo scoppio dell’Intifada di Gerusalemme, nello scorso ottobre, è salito a 39, tra cui 16 bambine e ragazze.

In un comunicato pubblicato domenica, l’organizzazione ha riferito che il numero dei palestinesi uccisi nell’Intifada è salito a 164, con l’uccisione, sabato sera, del 17enne Muhammad NabilHalabiyya, della cittadina di AbuDis, e con quella di Ruqayya ‘Aid Abu ‘Aid, 13 anni, originaria della cittadina di Yatta, a sud di Hebron , avvenuta lunedì nel villaggio di ‘Anata, vicino a Gerusalemme.

L’Assemblea sottolinea come la piccola Ruqayya‘Aid sia la terza in ordine di età fra i bambini uccisi nell’Intifada, dopo il piccolo Ramadan Thawabtah, di 3 mesi, della cittadina di BaitFajjar, e la piccola Rahaf Hassan, di 2 anni, di Gaza, uccisa con la mamma durante un bombardamento dell’aviazione israeliana.

( Fonte: Infopal.it )

Sorgente: 27-1-16_164palestinesi-uccisi

Appello internazionale in supporto dell’Intifada palestinese

Noi, Giovani palestinesi in esilio, chiediamo a tutti i palestinesi e le persone solidali con la nostra causa di difendere la nostra terra e sostenere la resistenza e la determinazione del nostro popolo in Palestina. Da settimane la moschea di Al Aqsa è vittima di assalti brutali mentre i coloni e l’esercito sionista compiono omicidi arbitrari e arresti di massa in tutta la Palestina. In risposta alla violenza sionista, dobbiamo ribadire che la resistenza è una strategia necessaria e obbligatoria per sopravvivere alla perpetrazione del progetto di pulizia etnica ai danni dei palestinesi.

La repressione militare sionista e le inaccettabili violazioni dei coloni, insieme ad una leadership palestinese collusa che agisce ormai come garante dell’occupazione e non più come guida del progetto di liberazione, tentano di garantire la liquidazione totale della resistenza palestinese e l’accelerazione della pulizia etnica. In questa lotta sbilanciata tra un’ideologia razzista e istituzionalizzata, e l’eroica resistenza del popolo palestinese, Israele gode ancora del sostegno dei suoi alleati internazionali, che noi riteniamo parimente responsabili di questi crimini.

Noi giovani palestinesi dobbiamo assumerci la piena responsabilità e il diritto di difendere il nostro popolo e la nostra terra e mobilitarci ovunque ci troviamo. La lotta in corso in tutta la Palestina è nostra: è una lotta per far prevalere la giustizia su un progetto coloniale, è una lotta contro il colonialismo in tutte le sue forme e manifestazioni. Questa è la rivolta di una nuova generazione di palestinesi, uniti ovunque essa siano, intorno a principi di dignità, di ritorno e di liberazione di tutta la Palestina!

Condividiamo la voce della resistenza palestinese. Denunciamo i crimini sionisti e la complicità dei loro alleati. Rompiamo l’isolamento dei palestinesi sotto occupazione.

Ci appelliamo a tutti i palestinesi in esilio, i movimenti di solidarietà e tutte le persone che credono nella giustizia, a proseguire gli sforzi di mobilitazione ed ad unirsi a noi nel sostegno alla resistenza palestinese che culminerà con una mobilitazione internazionale il 29 Novembre 2015 e continuerà fino a che la Palestina non sarà libera.

Scegliendo la “giornata internazionale di solidarietà con la Palestina indetta dall’ONU intendiamo ribadire che la solidarietà è genuina solo se rispetta la totalità dei principi nazioali palestinesi, il ruolo di tutte le comunità palestinesi ovunque esse siano nella lotta di liberazione e la legittimità della resistenza palestinese.

  • Stop all’occupazione e alla colonizzazione sionista di tutta la Palestina
  • Sostegno incondizionato alla resistenza palestinese
  • Libertà per i prigionieri palestinesi
  • Ritorno dei profughi palestinesi
  • No al silenzio complice della Comunità Internazionale
  • Sì al BDS – Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni contro Israele

Per sottoscrivere questo appello mandaci una email a: pal.youth.transnational@gmail.com

Palestina, esistere non basta più

Il filtro dei media racconta solo la violenza, mai la disobbedienza e la disperazione

Nell’ultimo mese la tensione in Palestina e in Israele è cresciuta fino ad esplodere in scontri, omicidi, esecuzioni sommarie da parte dell’esercito e fitte sassaiole. Le immagini sono arrivate nelle nostre case dai telegiornali, con giornalisti che, con funambolica abilità, con la solita litania ci dicono che gli israeliani si difendono dai terroristi. Ormai si aggiornano solo i numeri.

E’ diventato questo il conflitto israelo-palestinese per i media? Ebbene sì un susseguirsi di numeri aggiornati in tempo reale. Le scene da film di Tarantino in cui feriti palestinesi, bambini o adulti che siano, vengono ammazzati, o come dice la sicurezza israeliana “neutralizzati”, non vengono trasmesse dai media internazionali.

Così come non lo sono le immagini del bambino ferito da un colono che senza pietà gli grida “figlio di puttana” e chiede ai poliziotti, che calciano il ferito, di finirlo. Le televisioni internazionali non hanno passato il video in cui con disprezzo un colono israeliano ha sbattuto sul viso di un ragazzino palestinese ferito che veniva trasportato su una barella delle fette di carne di maiale, gridando “sappiamo quanto a voi musulmani piace il maiale.” Le immagini di questi attacchi brutali si trovano su Facebook e Twitter, ad uso di coloro che la causa palestinese la seguono da anni e sanno già molto bene quale sia la situazione.

IL LINGUAGGIO USATO DAI MEDIA, CHE NON PRONUNCIANO MAI LA PAROLA OCCUPAZIONE E RIPORTANO CIFRE E FATTI SENZA CONTESTO, CONTRIBUISCE NUOVAMENTE AD ISOLARE I PALESTINESI, A BENEFICIO DI ISRAELE. UN’ALTRA PORTA IN FACCIA A PERSONE CHE DA GENERAZIONI HANNO FATTO DELLA RESISTENZA, DEL RESTARE ATTACCATI ALLA PROPRIA TERRA AD OGNI COSTO UNA RAGIONE DI VITA.

“Esistere è resistere”, si legge sul Muro che Israele ha costruito oltre la Linea Verde per prendersi terre e risorse idriche palestinesi. Ma oggi i giovani palestinesi pensano che forse anche esistere non sia più sufficiente perché la loro è diventata una realtà che è al di sotto della sopravvivenza. Soffocati dall’oppressione del regime militare di occupazione che controlla le loro vite fin dalla nascita, dal numero sempre crescente di coloni, oggi oltre 600,000 di cui circa 300,000 solo a Gerusalemme Est, i giovani palestinesi hanno rotto le fila dell’immobilismo imposto dalla politica di contenimento dell’asservita autorità palestinese.

Con i leader politici di un certo calibro dietro le sbarre delle carceri israeliane e i burocrati neoliberisti dell’Autorità Palestinese al potere impegnati a far quadrare i conti per ingraziarsi i generosi donatori stranieri, occidentali o arabi che siano, i giovani palestinesi non hanno trovato che se’ stessi come ultima ed unica “arma” per contrastare l’occupazione. E non si può dire che non abbiano provato a farlo con mezzi pacifici.

FORSE IN POCHI RICORDANO QUANDO NEL 2011 TENTARONO AZIONI DI DISOBBEDIENZA CIVILE SALENDO SUGLI AUTOBUS RISERVATI AGLI ISRAELIANI CHE ATTRAVERSANO LA CISGIORDANIA CON DESTINAZIONE GERUSALEMME E FURONO BRUTALMENTE PICCHIATI E ARRESTATI. NON FA NOTIZIA IL FOTOGRAFO PALESTINESE CHE, NONOSTANTE ABBIA AVUTO ENTRAMBE LE GAMBE AMPUTATE A SEGUITO DI OPERAZIONI MILITARI, CONTINUA A CHIEDERE GIUSTIZIA PUBBLICANDO LE FOTO DI GAZA IN MACERIE. NON HANNO FATTO NOTIZIA I RAGAZZI E LE RAGAZZE VESTITI COME I PERSONAGGI DI AVATAR PER PROTESTARE CONTRO IL MURO CHE A BIL’IN GLI PORTA VIA LE TERRE CHE LE LORO FAMIGLIE HANNO COLTIVATO DA GENERAZIONI, CHE GLI PORTA VIA IL FUTURO.

Stanchi anche dell’indifferenza della politica internazionale, che ha ridicolizzato i timidi tentativi dei burocrati palestinesi di far uso dei meccanismi di giustizia internazionale, i giovani palestinesi non possono fare altro che prendere in mano il proprio futuro; è la loro unica possibilità di sopravvivenza. Non gli resta altro che danzare la debke mentre lanciano un sasso contro una jeep dell’esercito israeliano o andare verso morte certa colpendo con un coltello chi è partecipe, più o meno consapevole, di un sistema coloniale che da decenni li umilia e li opprime.

Sarebbe miope pensare che quello a cui stiamo assistendo in questi giorni sia la reazione alle restrizioni che Israele ha imposto un mese fa all’accesso alla moschea di Al Aqsa o che da parte israeliana la furia sia stata scatenata dall’attacco in cui hanno perso la vita due coloni israeliani nei pressi di Nablus.

Le violenze e le manifestazioni di questi giorni sono la cartina tornasole del fallimento degli accordi di Oslo, della pace economica di Saeb Erekat, della soluzione a due stati. Da parte palestinese è tragicamente sfociato in impotenza l’ottimismo di coloro che, non avendo capito che i lunghi documenti degli Accordi di Oslo altro non erano che una trappola per sottrarre ai palestinesi il controllo delle proprie terre, risorse e del proprio destino, vent’anni dopo, si sono solo trovati inermi e indebitati con le banche.

In questo clima di frustrazione, di slogan politici e nazionalisti che non erano altro che parole portate via dal vento, sono cresciuti i ragazzi e le ragazze che, con l’incoscienza e spudoratezza della loro età, oggi affrontano a volto coperto e con le mani piene di pietre un nemico crudele e inesorabile. Anche i bambini, cresciuti nei campi profughi o in una Gerusalemme est intrisa di tensione e paura, che hanno visto i propri parenti e i compagni di scuola picchiati e arrestati dalle forze di sicurezza israeliane, si sentono grandi e prendono parte ad un gioco al massacro più grande di loro.

Chi dovrebbe proteggerli ancora sembra non aver capito che le regole del gioco sono cambiate e che uccidere a sangue freddo un bambino palestinese per Israele è ordinaria amministrazione. A Gaza durante l’attacco dell’estate 2014, Israele ha ucciso oltre 550 bambini e non ha mostrato rimorsi, tanto meno la comunità internazionale ha alzato la voce per far capire che certe morti innocenti non possono essere tollerate, al contrario i dati di quest’anno indicano trend positivi nel settore industriale bellico israeliano.

GLI ISRAELIANI, SCAMPATO OGNI PERICOLO CHE IL SOGNO PALESTINESE DI OSLO POTESSE DIVENTARE REALTÀ, STANNO DANDO LIBERO SFOGO ALLA FOBIA DELL’ARABO E ALLA VOGLIA DI VENDETTA GENERATI DALLA PROPAGANDA DEL TERRORE E DALLA DISUMANIZZAZIONE IDEOLOGICA DEI PALESTINESI CHE PERVADE IL SISTEMA DELL’ISTRUZIONE, L’ESERCITO E I MEDIA ISRAELIANI E INTERNAZIONALI.

La disumanizzazione dei palestinesi agli occhi degli israeliani è ulteriormente rafforzata dalla separazione fisica che i due gruppi hanno subito a causa delle politiche adottate da Israele e culminate con la costruzione del Muro e la chiusura di Gaza. In una società profondamente militarizzata è facile instillare disprezzo e senso di superiorità verso coloro tenuti sotto il giogo militare e coloniale. I continui attacchi dei coloni contro i palestinesi, le migliaia di ulivi sradicati, le case palestinesi bruciate e la morte di famiglie innocenti sono testimonianza di questi sentimenti.

Negli ultimi giorni questa violenza è sfociata in follia e caccia all’arabo, per cui il minimo sospetto legittima agli occhi dell’israeliano e dell’occidentale medio esecuzioni sommarie come quella avvenuta nella stazione degli autobus di Afula. La gravità della situazione è confermata dall’impunità con cui tutto questo avviene, ad ulteriore conferma del fatto che le autorità israeliane sono non solo complici ma istigatrici di questa violenza.

Gestire il livello di violenza a seconda delle necessità politiche è una delle tattiche con cui Israele si destreggia abilmente per assicurarsi la coesione interna e l’appoggio incondizionato delle potenze occidentali unite nella lotta al terrorismo. Fino a che il conflitto israelo-palestinese sarà confinato nella retorica del terrorismo il ciclo di violenza non si arresterà.

Fino a che non si condannerà l’occupazione israeliana in maniera categorica chiedendone la fine incondizionata, i ragazzi palestinesi continueranno a morire ammazzati senza che nessun rappresentanza politica rivendichi queste giovani vite. I ragazzi e le ragazze palestinesi che in questi giorni hanno accettato di sfidare la morte anche semplicemente uscendo da casa o da scuola, l’hanno fatto con la triste consapevolezza di non avere nessun esercito che si mobiliterà in loro difesa e che nessuna sentenza punirà mai i colpevoli della loro morte.

E’ difficile prevedere quali potranno essere gli sviluppi di una situazione in cui i responsabili politici, da un parte gli israeliani per un piano preordinato e dall’altra la leadership palestinese per debolezza politica e interesse, hanno rispettivamente voluto e lasciato che il conflitto sfociasse nella violenza privata. Il sindaco di Gerusalemme che esorta i propri cittadini ad armarsi e le misure punitive adottate dal Governo israeliano di chiudere alcuni quartieri di Gerusalemme Est e di non restituire i corpi dei palestinesi coinvolti in attacchi contro israeliani sono benzina sul fuoco, ed indicano che Israele intende far affogare la causa palestinese nel sangue.

Il rappresentante diplomatico palestinese alle Nazioni Unite ieri ha affermato che i Palestinesi necessitano della protezione delle forze delle Nazioni Unite, forse dimenticandosi che tale forza può essere autorizzata solo dal Consiglio di Sicurezza, l’organo delle Nazioni Unite che da sempre è stato ostile verso l’adozione di misure efficaci contro le violazioni israeliane a causa del diritto di veto dell’alleato chiave di Israele: gli Stati Uniti.

FORSE AVREBBE DOVUTO PRENDERE NOTA DEL COMUNICATO CON CUI L’AMMINISTRAZIONE AMERICANA CONDANNAVA GLI ATTACCHI CONTRO GLI ISRAELIANI SENZA FAR ALCUN RIFERIMENTO AI MORTI PALESTINESI, CHE IN MENO DI DUE SETTIMANE SONO ARRIVATI AD OLTRE 30. IL RESTO DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE, IMPEGNATA IN MANOVRE BELLICO-DIPLOMATICHE SULL’INGESTIBILE FRONTE SIRIANO, SI È LIMITATA A POCHE FRASI DI ROUTINE SENZA MORDENTE.

Il presidente palestinese Abu Mazen ha dimostrato di aver perso completamente il polso della situazione e ha ribadito il proprio impegno per la pace e chiesto la fine dell’occupazione. Impegnarsi per la fine dell’occupazione con ogni mezzo e senza concessioni, per avere libertà, giustizia e rispetto per i propri diritti per arrivare a parlare di pace, è invece quello che oggi chiedono i giovani palestinesi, in Palestina e in Israele.

Ora più che mai sentono che il tempo è loro nemico e che l’occupazione li sta strangolando. E si sa, chi si sente afferrato alla gola non può che reagire scalciando violentemente per liberarsi dalla presa e non soccombere per la mancanza di ossigeno.

Se questa sia una terza intifada o meno poco importa, non è importante darle un nome, è importante capirne il messaggio: la politica a tutti i livelli e per ragioni diverse ha fallito, ha lasciato le persone indifese e gli individui devono far cambiare la politica.

Questo messaggio sembra essere arrivato anche ai palestinesi cittadini d’Israele e agli arabi israeliani che hanno indetto uno sciopero generale e in circa 200,000 hanno dimostrato a Sakhnin, nel nord di Israele, in solidarietà con i palestinesi sotto occupazione. A questa specifica manifestazione avrebbero dovuto aggiungersi gli ebrei israeliani, in quanto vittime della manipolazione e delle politiche coloniali israeliane.

Dovremmo tutti riempire le strade delle capitali europee, di New York, di Pechino, fare come a Santiago del Cile, avere il coraggio di esigere dai nostri politici di smetterla con l’ipocrisia di considerare le parti del conflitto israelo-palestinese come duellanti ad armi pari e di riconoscere che Israele detiene le chiavi per la soluzione di questo conflitto, che non è né religioso né lotta al terrorismo, ma un regime coloniale e razzista camuffato da occupazione militare. Riprendiamoci anche noi, come stanno facendo i giovani palestinesi il potere nelle nostre mani e facciamo sentire la nostra voce di dissenso nei confronti dei nostri stati per la loro connivenza con i crimini commessi da Israele.

DOBBIAMO FAR IN MODO CHE LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE SIA COSTRETTA A MANDARE UN SEGNALE FORTE, ASSORDANTE, CHE FACCIA SENTIRE ISRAELE A DISAGIO CON IL RESTO DEGLI ALLEATI DI SEMPRE. NON È QUESTO CHE SI FA ANCHE CON UN AMICO QUANDO, DOPO RIPETUTE RIMOSTRANZE, CONTINUA DRITTO PER LA SUA STRADA? AD UN CERTO PUNTO LO SI ALLONTANA PER INCORAGGIARLO A RIFLETTERE E CAMBIARE ATTEGGIAMENTO.

E allora abbiamo il dovere di chiedere che i nostri stati cessino di fornire armi ad Israele, di puntare il dito ogni volta che la nostra politica estera filo-israeliana contribuisce a rafforzare l’occupazione, di rifiutarci di vedere nei nostri supermercati prodotti delle colonie israeliane in Palestina. Se alzassimo la testa e facessimo sentire la nostra voce e il nostro appoggio aiuteremmo questi giovani palestinesi a non dubitare che “Esistere è Resistere”, insieme.

La terza intifada, per quelli che vogliono chiamarla in questo modo, è una lotta a mani nude per la libertà e contro l’oppressione, che dovrebbe andare oltre i confini della Palestina, per dare a tutti noi di nuovo il coraggio di prendere in mano una pietra per scagliarla contro il muro d’indifferenza dei nostri politici, per far valere i nostri diritti.

thanks to: Grazia Careccia

qcodemag.it

Dal 1° di ottobre, 3.730 Palestinesi feriti in Cisgiordania e Striscia di Gaza

 

16/10/2015

12074500_10154301473485760_1220116110765222881_n

 

Betlemme-Ma’an. Oltre 400 palestinesi sono stati feriti negli scontri, martedì, in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, secondo quanto affermato dalla Mezzaluna Rossa, con almeno 31 persone colpite da munizioni letali.

 

In Cisgiordania, gli scontri sono continuati per il 12esimo giorno consecutivo mentre le forze israeliane hanno represso le manifestazioni popolari in Hebron, Betlemme, Nablus e altri distretti.

 

13 palestinesi sono stati colpiti e feriti con munizioni letali, 84 da pallottole d’acciao rivestite in gomma (PARG) e 229 dal gas lacrimogeno, secondo quanto dichiarato da un portavoce della Mezzaluna Rossa a Ma’an.

 

Almeno quattro palestinesi sono stati colpiti con munizioni letali durante gli scontri ai posti di guardia di Beit Furik e Huwwara, a Nablus, e portati all’ospedale per trattamento, secondo quanto affermato da medici.

 

A Hebron, centinaia di studenti universitari hanno marciato verso i check-point militari nel nord della città, con le forze israeliane che aprivano il fuoco contro i manifestanti.

 

Cinque manifestanti sono stati colpiti da raffiche di munizioni letali e trasferiti in un ospedale nel nord di Hebron, mentre un giovane e un bambino sono stati colpiti all’entrata del campo profughi di al-Fawwar.

 

Sono almeno 16 i feriti da PARG nel distretto di Hebron.

 

A Beltemme, Mutaz Ibrahim Zawahreh, 27 anni, è stato colpito da una munizione letale al petto ed è stato poi trasferito in ospedale in condizioni critiche, dov’è poi morto, secondo quanto dichiarato da fonti mediche dell’Ospedale governativo Beit Jala a Ma’an.

 

Molte altre decine di persone sono state ferite dai proiettili d’acciaio rivestiti in gomma e dal gas lacrimogeno.

 

Nel frattempo, la Mezzaluna Rossa ha affermato che almeno 18 palestinesi sono stati colpiti con munizioni letali, a Gaza, mentre altri 43 sono stati colpiti da PARG.

 

Decine di giovani palestinesi hanno preso parte ad una manifestazione a Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, contro le violazioni israeliane in corso contro Cisgiordania e Gerusalemme est occupate, mentre dei manifestanti si sono riuniti a est del campo profughi al-Bureij, nel centro di Gaza.

 

Un portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato a Ma’an che “centinaia di manifestanti si sono radunati vicino alla barriera di confine lanciando pietre e facendo rotolare pneumatici incendiati”, mentre le forze israeliane hanno risposto con mezzi di dispersione di manifestanti.

 

Più tardi, centinaia di palestinesi hanno cercato di fare breccia nella “barriera di sicurezza” e le forze israeliane hanno sparato colpi di avvertimento verso l’alto, ha aggiunto il portavoce.

 

Gli ultimi feriti negli scontri di martedì hanno portato il numero totale di palestinesi feriti dal 1° di ottobre a 3.730 in Cisgiordania e Striscia di Gaza.

 

360 sono stati colpiti con munizioni letali, 932 con proiettili d’acciaio rivestiti in gomma e 2365 sono stati intossicati con il gas lacrimogeno, ha affermato la Mezzaluna Rossa.

 

Almeno tre palestinesi sono stati investiti da veicoli militari israeliani, mentre 68 sono stati assaliti dalle forze militari.

 

La morte di Mutaz Ibrahim Zawahreh, 27 anni, porta a 30 il numero totale di palestinesi uccisi a ottobre, 17 dei quali uccisi durante gli scontri.

 

Gli scontri in corso sono stati indotti dalle rappresaglie dell’esercito e dei coloni israeliani dopo che quattro israeliani sono stati uccisi in due attacchi distinti all’inizio di ottobre, sebbene le tensione fossero in crescita da settimane a causa delle restrizioni contro i palestinesi nel complesso della moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme est.

 

Traduzione di F.H.L.

 

 

 thanks to: Infopal

44 Palestinians Killed This Month, Including 11 Children

Sunday October 18, 2015

Three Palestinians were killed in the southern West Bank city of Hebron, another youth was killed in Jerusalem, and a fifth was killed at Qalandia checkpoint by Israeli live gunfire on Saturday. According to the Palestinian Ministry of Health, these five casualties bring the total number of Palestinians killed in October to 44.

 

  Clashes in Bethlehem on October 9th  - Photo by WAFA
Clashes in Bethlehem on October 9th – Photo by WAFA

Moreover, the ministry reported that 1300 Palestinians have been injured since October 1st during ongoing clashes in Gaza, the West Bank and Jerusalem, including 550 that were hit by Israeli live gunfire.

In addition, since the beginning of October, more than 650 Palestinians have been abducted and imprisoned by the Israeli army, according to political prisoners rights groups. An earlier report by the Ministry of Health showed that since the start of October, 5000 residents were treated for the effects of tear gas inhalation fired by Israeli troops targeting Palestinian protesters.

In Hebron Saturday morning, a right-wing Israeli paramilitary settler shot and killed a Palestinian teenager Saturday morning on Shuhada Street in the center of Hebron, in the southern part of the West Bank.

Video footage captures the immediate aftermath of the shooting, in which an Israeli paramilitary settler dressed in white holds two guns and directs the Israeli soldiers toward the body of the boy he killed. The 18-year old victim was identified as Fadel al-Qawasmi, 18. Paramedics with the Palestinian Red Crescent were denied access to the dying teen, and Israeli troops took the body away without allowing any medical personnel or family members near the body.

Just few hours later Israeli troops shot and killed a Palestinian young woman in Hebron old city, until the time of this report name was not released to media.

Also on Saturday morning, Israeli soldiers shot and killed, on Saturday, a Palestinian teen close to the Armon Hanetziv illegal colony, built on Palestinian lands in Jabal al-Mokabber neighborhood, in occupied East Jerusalem. The slain Palestinian has been identified as Mo’taz Ahmad Hajes ‘Oweisat, 16 years of age, the Wadi Hilweh Information Center in Silwan (Silwanic) has reported.

Between the week of Saturday October 10, to Friday October 16, at least 15 Palestinians were killed three in Gaza and 12 in the West Bank by Israeli troops gunfire. Meanwhile a Palestinian political prisoner died while being held by the Israeli army. Moreover a Palestinian farmer was killed after being attacked by Israeli settlers and soldiers as he was harvesting his olive trees.

The names of those killed by the army in October:

West Bank and Jerusalem:

  1. Mohannad Halabi, 19, al-Biereh – Ramallah.
  2. Fadi Alloun, 19, Jerusalem.
  3. Amjad Hatem al-Jundi, 17, Hebron.
  4. Thaer Abu Ghazala, 19, Jerusalem.
  5. Abdul-Rahma Obeidallah, 11, Bethlehem.
  6. Hotheifa Suleiman, 18, Tulkarem.
  7. Wisam Jamal, 20, Jerusalem.
  8. Mohammad al-Ja’bari, 19, Hebron.
  9. Ahmad Jamal Salah, 20, Jerusalem.
  10. Ishaq Badran, 19, Jerusalem.
  11. Mohammad Said Ali, 19, Jerusalem.
  12. Ibrahim Ahmad Mustafa Awad, 28, Hebron.
  13. Ahmad Abedullah Sharakka, 13, Al Jalazoun Refugee camp-Ramallah.
  14. Mostafa Al Khateeb, 18, Sur-Baher – Jerusalem.
  15. Hassan Khalid Manassra, 15, Jerusalem.
  16. Mohamed Nathmie Shamassnah, 22, Kutneh-Jerusalem.
  17. Baha’ Elian,22, Jabal Al Mokaber-Jerusalem.
  18. Mutaz Ibrahim Zawahra, 27, Bethlehem. Hit with a live bullet in the chest during a demonstration.
  19. Ala’ Abu Jammal, 33, Jerusalem.
  20. Bassem Bassam Sidr, 17, Hebron.
  21. Ahmad Abu Sh’aban, 23, Jerusalem.
  22. Ibraheem Dar-Yousif, 46, Al Janyia village Ramallah( Killed while harvesting olives)
  23. Fadi Al-Darbi , 30, Jenin – died in Israeli detention camp.
  24. Eyad Khalil Al Awawdah, Hebron.
  25. Ihab Hannani, 19, Nablus.
  26. Fadel al-Qawasmi, 18, Hebron.
  27. Mo’taz Ahmad ‘Oweisat, 16, Jerusalem.
  28. Bayan Abdul-Wahab al-‘Oseyli, 16, Hebron
  29. Tariq Ziad an-Natsha, 22, Hebron
  30. Omar Mohammad al-Faqeeh, 22, from Qotna village, killed 10/17 in Qalandia protest

Gaza Strip:

  1. Shadi Hussam Doula, 20.
  2. Ahmad Abdul-Rahman al-Harbawi, 20.
  3. Abed al-Wahidi, 20.
  4. Mohammad Hisham al-Roqab, 15.
  5. Adnan Mousa Abu ‘Oleyyan, 22.
  6. Ziad Nabil Sharaf, 20.
  7. Jihad al-‘Obeid, 22.
  8. Marwan Hisham Barbakh, 13.
  9. Khalil Omar Othman, 15.
  10. Nour Rasmie Hassan, 30.
  11. Rahaf Yihiya Hassan, two years old.  -killed along with her mother in an Israeli airstrike
  12. Yihya Farahat, 23.
  13. Shawqie Jaber Obed, 37.
  14. Moahmed Ehmeed, Age unknown.

Israeli casualties during the same time period:

10/13 – Yeshayahu Kirshavski, 60, bus shooting in East Jerusalem
10/13 – Haviv Haim, 78, bus shooting in East Jerusalem

thanks to: Imemc

Gerusalemme blindata, appello palestinese alla solidarietà internazionale

 

 

 

 

Migliaia di agenti di polizia e della guardia di frontiera israeliana sono affluiti a Gerusalemme per la “Giornata della collera” proclamata per oggi, venerdì di preghiera per i musulmani, dal movimento islamico Hamas e da altre organizzazioni palestinesi per protestare contro Israele, le violazioni della Spianata di Al Aqsa e l’occupazione militare, nel nome dell’Intifada di Gerusalemme (chiamata Intifada dei coltelli dagli israeliani) divampata all’inizio di ottobre. A riferirlo è l’agenzia Nena News.

 

La Città Vecchia di Gerusalemme è blindata e presidiata da centinaia di uomini dei reparti antisommossa della polizia. Ai palestinesi musulmani con meno di 40 anni è vietato andare a pregare sulla Spianata delle Moschee. Restano operativi tutti i blocchi stradali messi in atto negli ultimi due giorni dalle forze di sicurezza intorno ai quartieri e sobborghi di Gerusalemme Est, la zona palestinese della città sotto occupazione israeliana dal 1967. Misure che, assieme alla demolizione delle case e alla confisca delle proprietà alle famiglie dei responsabili di accoltellamenti e attentati, sono descritte da alcuni centri per i diritti umani come “punizioni collettive” contro l’intera popolazione palestinese.Negli scontri, accoltellamenti e violenze sono stati uccisi nei giorni scorsi sette israeliani e oltre 30 palestinesi.

 

Dalla Palestina arriva intanto un appello per un’ondata internazionale di azione in solidarietà con la lotta palestinese, con un invito “ad agire e intensificare le campagne per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS)” per mandare “un messaggio chiaro e forte ai Palestinesi che non sono soli”. Dal 16 al 18 ottobre sono state organizzate proteste in tutto il mondo, in particolare per chiedere l’embargo militare e altre sanzioni ad Israele. Manifestazioni sono previste in questi giorni a Roma, Cagliari, Milano, Napoli, Parma, Torino, Trieste, Varese.

 

Qui di seguito il comunicato del Comitato nazionale palestinese per il BDS

 

Qualora continui da parte di Israele l’attuale fase di intensificata repressione e la resistenza popolare palestinese si evolva in una intifada a pieno titolo o no, una cosa è già evidente, una nuova generazione di palestinesi sta marciando sulle orme di generazioni precedenti e si mobilita in massa contro il brutale regime israeliano di occupazione, contro il colonialismo e contro il decennale sistema di apartheid.

 

I governi del mondo, soprattutto in Occidente, definiscono “ciclo di violenze” il conflitto, dove entrambe le parti sono colpevoli, e ignorano così la causa principale consistente in un conflitto coloniale, complici nel permettere a Israele di mantenerlo e di violare impunemente il diritto internazionale. Quasi tutti i palestinesi oggi chiedono un boicottaggio completo di Israele e il suo isolamento a livello internazionale, in tutti i campi, come è successo per il Sud Africa dell’Apartheid.

 

In questa ultima fase, Israele ha soffiato sul fuoco della resistenza popolare palestinese intensificando i suoi attacchi contro il complesso della moschea al-Aqsa, il Nobile Santuario, situato nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme occupata da Israele. Gruppi di fanatici coloni ebrei fondamentalisti appoggiati dal governo hanno costantemente profanato il complesso, spesso insultando verbalmente e in modo vile e razzista chi andava a pregare chiedendo apertamente la distruzione della moschea. Ciò ha scatenato la rabbia e diffuse proteste a Gerusalemme tra i palestinesi e ovunque nella Palestina storica.

 

In genere, la risposta dell’esercito israeliano è stata quella di proteggere i coloni criminali e di punire le vittime palestinesi, e di impedire l’accesso al proprio luogo sacro a quasi tutti i palestinesi.

 

Queste minacce sono prese sul serio dai palestinesi che soffrono quotidianamente le conseguenze della politica ufficiale di Israele di “giudaizzazione” della città, una politica di graduale colonizzazione della terra e di sostituzione della popolazione indigena palestinese cristiana e musulmana con coloni ebrei illegali. Questa politica, che determina la pulizia etnica costituendo un crimine di guerra secondo il diritto internazionale, si attua attraverso incessanti confische di terre, l’espansione del muro coloniale, le demolizioni di case, la presa di case palestinesi da parte di coloni, le esecuzioni extragiudiziali, gli arresti e le espulsioni, il tutto sostenuto dal sistema israeliano di “giustizia”, un complice sempre affidabile che avalla i crimini.

 

Del resto, non è un caso isolato l’ultimo attacco israeliano contro la moschea di al-Aqsa a Gerusalemme Est occupata. Sin dal 1948 centinaia di chiese storiche e moschee sono state distrutte dalle milizie sioniste e, successivamente, dallo Stato di Israele. L’estate scorsa, durante il massacro a Gaza, Israele ha raso al suolo con le bombe 73 moschee. Molte chiese e moschee palestinesi sono state vandalizzate o altrimenti dissacrate solo quest’anno da estremisti ebrei nei cosiddetti attacchi firmati “prezzo da pagare”, tra cui la Chiesa della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci, che si affaccia sul lago di Tiberiade, la quale è stata incendiata lo scorso giugno.

 

Questi attacchi razzisti e criminali contro i palestinesi e la loro libertà di religione sono una manifestazione del massiccio spostamento in Israele verso l’estrema destra e la prevalenza senza precedenti nella società israeliana di un palese razzismo colonialista profondamente radicato contro i nativi palestinesi.

 

L’accesso a Gerusalemme assediata da mura, torri di guardia e filo spinato viene negato a quasi tutti i palestinesi della Cisgiordania e di Gaza, che sono soggetti quotidianamente ad aggressioni e umiliazioni.

 

Durante un tipico cosiddetto “periodo di calma”, Israele rafforza il suo assedio medievale su Gaza, effettua incursioni nelle città palestinesi, confisca terre palestinesi, anche nel Naqab (Negev), distrugge proprietà palestinesi e costruisce colonie illegali riservate ai soli ebrei. Nei continui tentativi di consolidare il suo sistema di apartheid e di dominio coloniale, Israele nega ai palestinesi l’insieme dei loro diritti nel più banale dei modi, dal diritto di un bambino all’istruzione all’accesso di una madre alle cure sanitarie, dalla capacità di un agricoltore o una agricoltrice di raggiungere la propria terra addirittura al diritto di una famiglia di vivere insieme sotto un singolo tetto. E tutto ciò viene fatto con la benedizione dei tribunali.

 

Grazie all’apatia o alla complicità diretta dei governi del mondo e delle Nazioni Unite, e di conseguenza all’impunità di Israele nel perpetuare questo sistema di ingiustizia contro tutti i palestinesi nella Palestina storica così come quelli in esilio, il movimento per il Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni (BDS) ha fatto passi da gigante nel ridefinire lo status di Israele sulla scena mondiale come quello di uno Stato paria.

 

Il movimento BDS ha aumentato l’isolamento di Israele e ha iniziato a imporre costi al suo regime di colonialismo di insediamento, di apartheid e di occupazione mediante il boicottaggio di istituzioni che sono complici nelle violazioni israeliane del diritto internazionale, mediante il disinvestimento di aziende che sostengono l’oppressione israeliana e mediante un appello per le sanzioni contro Israele.

 

La Banca Mondiale ha rivelato che le importazioni palestinesi da Israele sono in calo in modo significativo. Uomini d’affari israeliani stanno segnalando che gli investitori europei non sono più disposti a investire in Israele, mentre uno studio delle Nazioni Unite conferma che gli investimenti esteri diretti in Israele sono scesi del 46% nel 2014 rispetto al 2013. Uno studio della Rand prevede che il BDS possa costare a Israele tra l’1% e il 2% del suo PIL ogni anno per i prossimi dieci anni, e, più recentemente, l’agenzia di rating Moody ha riferito che il BDS è una potenziale minaccia per l’economia israeliana.

 

Tuttavia, molto ancora deve essere fatto per rendere Israele responsabile e per abbattere la sua ancora forte impunità. I governi complici devono essere denunciati. Le aziende che permettono e che traggono profitti dalle violazioni dei diritti umani di Israele devono pagare un prezzo in termini della loro reputazione e dei ricavi. La macchina militare di Israele, compreso il suo segmento di ricerca, deve subire un embargo militare internazionale globale, e tutti i leader, ufficiali e soldati israeliani, coinvolti in incarichi di responsabilità riguardo ai crimini attuali e passati, devono essere perseguiti presso la Corte penale internazionale, così come nei tribunali nazionali che rispettano la giurisdizione internazionale.

 

Israele non solo opprime i palestinesi; sta anche esportando nel mondo il suo spietato modello di sicurezza e di repressione. Israele è profondamente coinvolto nell’addestramento e nell’armamento degli squadroni della morte in America Latina, spesso come il delegato degli Stati Uniti, è coinvolto nella vendita di armi e di consulenze militari alle dittature in Asia e in Africa, spesso ad entrambi le parti implicate in una guerra civile, nella militarizzazione delle forze di polizia a Ferguson, a Los Angeles , a Londra e nelle città di tutto il mondo. Israele oggi è un protagonista chiave nella repressione interna contro i movimenti di tutto il mondo che lottano contro le discriminazioni razziali, per la giustizia sociale ed economica e per la difesa dell’ambiente.

 

Il Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC), la leadership palestinese del movimento globale del BDS, invita le persone di coscienza di tutto il mondo a sostenere i palestinesi nella loro lotta per la libertà in questo momento cruciale attraverso l’intensificazione delle attività BDS contro il regime israeliano di oppressione. In particolare, e riguardo alla rivolta di massa in corso per le strade della Palestina, invitiamo i sostenitori della lotta palestinese a:

 

Sensibilizzare il pubblico sui diritti dei palestinesi con riferimento al diritto internazionale e al sostegno al BDS attraverso i social media e la stampa;

 

Esercitare pressione sui parlamenti per imporre un embargo militare contro Israele;

 

Organizzare campagne contro le imprese militari israeliane come la Elbit Systems;

 

Sostenere le campagne di boicottaggio e di disinvestimento contro le aziende complici, come la G4S e l’HP, che sono tra quelle più palesemente complici dell’infrastrutture di oppressione di Israele;

 

Far approvare risoluzioni BDS efficaci e strategiche, non solo simboliche, da parte di sindacati, associazioni accademiche, governi studenteschi e movimenti sociali che possono condurre a risultati concreti ed aumentare il boicottaggio culturale di Israele;

 

Prendere in considerazione azioni legali contro criminali israeliani (soldati, coloni, ufficiali e decisori) e contro i dirigenti delle società che sono implicate nei crimini e nelle violazioni del diritto internazionale di Israele.

 

Come la generazione dei loro genitori, le migliaia di giovani palestinesi a Gerusalemme, Gaza, Ramallah, Hebron, Betlemme, Giaffa, Nazareth e altrove che sono scesi in strada con grandi proteste contro l’occupazione e l’apartheid israeliana, stanno, in primo luogo, scrollandosi di dosso la disperazione e stanno liberando le loro menti dal mito di un destino di oppressione. Stanno inoltre alimentando l’aspirazione di tutto il popolo palestinese all’autodeterminazione a vivere in libertà, in dignità ottenendo una pace giusta.

 

È giunto il momento di isolare il regime israeliano di militarizzazione, di repressione e di razzismo come un pericolo non solo per i palestinesi e la regione araba, ma per l’umanità nel suo insieme.

 

thanks to: Alessandro Avvisato

Contropiano

“Il genocidio del popolo palestinese continua” Comunicato stampa dell’ Ambasciata di Palestina in Italia

Ormai da troppi anni, il popolo palestinese continua a subire la prepotenza dell’occupazione israeliana della terra palestinese.
Decine di anni di uccisioni, arresti, demolizioni di case, di umiliazioni, costruzione di colonie, del muro dell’apartheid, postazioni di blocco, feroci aggressioni militari e nessun rispetto dei diritti dell’uomo e delle leggi internazionali. In seguito ai successi del popolo palestinese negli ultimi anni a livello politico e diplomatico, il governo israeliano intenzionalmente ha voluto spostare il conflitto alla violenza ed allo scontro fisico, incendiando un’intera famiglia palestinese, uccidendo decine di persone e ferendone ed arrestandone centinaia.
Il governo israeliano, con questa ultima escalation intende, ed in modo molto evidente, uccidere qualsiasi possibilità di una soluzione del conflitto. Nonostante la forza militare, Israele non riuscirà mai a sconfiggere la volontà del nostro popolo di continuare la sua legittima lotto fino alla creazione dello Stato palestinese con Gerusalemme Est capitale.
La situazione è gravissima, chiediamo alle Nazioni Unite, al Consiglio di Sicurezza, all’amministrazione americana, all’Unione Europea, alla Comunità Internazionale e a tutti i liberi del mondo di agire immediatamente per fermare questo massacro.

Video: Palestinian killed in Jerusalem was not a threat

Fadi Aloon, 19, killed early morning on October 4, 2015 after allegedly stabbing Moshe Malka, 15, in East Jerusalem. (Photo: Twitter)

Fadi Aloon, 19, had his back to police and was walking away when he was gunned down before dawn last Sunday, a new video published today by Local Call (+972 Magazine’s Hebrew sister-news blog) revealed.

The footage is the third recording of the killing posted online and shows Aloon, an East Jerusalem resident from the Issawiya neighborhood, tracing the tracks of Jerusalem’s light rail line near Damascus Gate moments after he allegedly stabbed 15-year old Israeli Moshe Malka.

Following the shooting, Aloon’s family said the youth posed no threat to security officers at the time he was killed, according to the Guardian. A video released earlier in the week in which several Israelis are heard shouting “shoot him” to police was not conclusive on that score. The video is dark and blurry and Aloon is out of frame at the time shots were fired.

The new recording shows Aloon walking towards the western portion of the city—almost aimlessly—occasionally turning to face onlookers deriding him. When a police vehicle approaches Aloon is immediately fired upon; officers did not call out to Aloon to stop, or check if he was armed with a knife that was used in the stabbing attack.

“After viewing the film it can’t be denied that Israeli police officers killed a person in cold blood, when he wasn’t a danger to anyone and they should be tried for it,” wrote Local Call’s John Brown who published the latest video. “Even a person that stabbed another has a right not to be executed by the police, even with pressure from the crowd,” continued Brown.

After the attack Malka was taken to a Jerusalem hospital for moderate wounds.

Aloon’s remains are still held in Israeli custody. A Jerusalem court announced today he will soon be transferred to his family for a burial in Issawiya, but not without restrictions. Once the body is handed over, the funeral must take place immediately with no more than 50 persons present, and the Aloon family will have to pay $5,250 (20,000NIS) in fees.

thanks to: Mondoweiss

Health Ministry: 23 Palestinians Killed by Israel since Start of October

RAMALLAH, October 11, 2015 (WAFA) – Twenty three Palestinians have been killed by the Israeli army and security forces since the beginning of October 2015, according to figures released by the Palestinian Ministry of Health.

 

The ministry said that some 1,100 Palestinians were injured by live ammunition or rubber-coated steel bullets used by the Israeli forces during the month of October.

 

Following are the names of Palestinians killed by Israel since the beginning of October in the West Bank:

 

Palestinians killed by Israel in the West Bank, including Jerusalem

Age (in years)

District

Muhannad Halabi

19

Al-Bireh/Ramallah

Fadi Alloun

19

Jerusalem

Amjad al-Jundi

17

Yatta/Hebron

Thaer Abu-Ghazaleh

19

Kafr Aqab/East Jerusalem

Abdel-Rahman Ubedellah

11

Bethlehem

Huthayfa Slaiman

18

Tulkarm

Wessam Jamal

20

Shuafat Camp/Jerusalem

Mohammad al-Jabari

19

Hebron

Ahmad Salah

20

Shuafat Refugee Camp

Ishaq Badran

16

Kafr Aqab

Mohammad Sa’id Ali

19

Shuafat Camp

Ibrahim Awad

28

Beit Ummar/Hebron

 

 

Following are the names of Palestinians killed by Israel since the beginning of October in the Gaza Strip:

 

Palestinians killed by Israel in the Gaza Strip

 

Age (in years)

Shadi Douleh

20

Ahmad al-Herbawi

20

Waeed al-Wahidi

20

Mohammad ar-Raqab

15

Adnan Abu-Elayyan

22

Zeyadeh Sharaf

20

Jihad al-Ebeid

22

Hesham Barbakh

13

Khalil Othman

15

Nour Hassan

30

Rahaf Hassan

1

M.N./T.R.

 

thanks to: WAFA

Il divertimento preferito degli Ebrei: uccidere innocenti a sangue freddo.

12074521_10154293361905760_7561482193741617754_n

Non ci sono più parole per descrivere certe scene. Sono degne dei film dell’assurdo.

Una giovane donna, Esra’ Abed, disarmata, terrorizza con la sua presenza un gruppo di soldati psicopatici armati fino ai denti. Li spaventa per il solo fatto di esistere e di essere lì.

La donna, madre di famiglia, grida: “Non sparatemi!”, ma i terroristi israeliani la crivellano di colpi. Ora è tra la vita e la morte.

La scena horror si svolge alla stazione degli autobus di Afoula. Lei alza le mani per un momento, e loro gli sparano perché sospettava voglia accoltellare un soldato.

Esra’ è di Nazareth e ha un bambino di 10 anni ed è incinta.

Vergogna Israele.

 

thanks to: Infopal

Ministry: 14 Palestinians killed, 1,000 injured since Oct. 1 – Ministero: dal primo di ottobre 14 Palestinesi uccisi e 1000 feriti

Oct. 9, 2015 11:19 P.M. (Updated: Oct. 10, 2015 12:02 P.M.)

Palestinian soldiers mourn over the body of 13-year-old Abed al-Rahman Obeidallah, one of several killed in the latest round of violence. (AFP/Musa Al-Shaer, File)

BETHLEHEM (Ma’an) — Fourteen Palestinians have been killed by Israeli forces and around 1,000 injured with live and rubber-coated steel bullets in the occupied West Bank and Gaza Strip since Oct. 1, the Palestinian Ministry of Health said Friday. By the end of the day on Friday alone, seven Palestinians were killed and around 200 injured with live and rubber-coated steel bullets, while seven suffered from bruises after being physically assaulted by Israeli forces in clashes across the West Bank and Gaza Strip. According to the ministry, the numbers include those who were admitted to hospitals, while hundreds of others were treated on the scene.In the Gaza Strip, six Palestinians were killed and 145 others injured by the end of the day as Israeli military forces opened fire at a demonstration by the border fence east of Gaza City and near Khan Younis, the ministry said.In Hebron, Mohammad Al-Jabari,19, was killed after allegedly stabbing an Israeli border police officer and 11 were injured, three with live bullets in the feet, the rest with rubber-coated steel bullets. One of the latter was hit in the head and taken to Yatta hospital. In ongoing clashes near the Beit El settlement in the Ramallah district, eight people were injured with live bullets and 22 with rubber-coated steel bullets, according to the ministry. Four those injured are currently in serious condition.As clashes persisted in Bethlehem, five were injured with rubber-coated steel bullets and one with live bullet in the foot, the ministry said.Three Palestinians were injured with live bullets in the stomach and feet in clashes in Kafr Qaddum near Qalqiliya, and six others were beaten up by Israeli forces and settlers in Beit Furik in Nablus, one of them suffering fractures to the head. In Jenin, nine were injured with live bullets to the feet and two with rubber-coated steel bullets, including one Palestinian who was hit in the neck.Another Palestinian suffered several bruises and fractures after being beaten up by Israeli forces in Jericho, the ministry added.According to Ma’an reports, eight of those killed since the beginning of the month have been shot by Israeli forces during demonstrations and clashes, including a 13-year-old boy. The majority of the others were killed during alleged stabbing attacks and are below the age of twenty.Four Israelis have been killed during the same time period, two of whom were Israeli settlers.High fatality and injury rates since the beginning of the month come as Prime Minister Benjamin Netanyahu vowed on Thursday to take action against “inciters” and “attackers” in the wake of a series of stabbing attacks on Israelis.
Rights groups have argued that Israeli forces use unnecessary and fatal methods of “crowd control” against Palestinians, especially in the aftermath of the recent approval of the use of .22 caliber bullets in occupied East Jerusalem.Arguing that the new law expands the ability for Israeli forces to target Palestinians, PLO secretary-general Saeb Erekat said: “The Israeli government continues to incite against Palestinian lives, with a culture of hate that dehumanizes a whole nation.”Tensions have soared across Israel and the occupied Palestinian territories in recent weeks following a series of stabbing attacks by both Israelis and Palestinians, and violent attacks by Israeli settlers on Palestinians.

Ministero: dal primo di ottobre 14 Palestinesi uccisi e 1000 feriti

350485C

Betlemme-Ma’an.Quattordici Palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane e circa 1.000 feriti, con proiettili veri e ricoperti di gomma in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza a partire dal 1° di ottobre, ha dichiarato venerdì il ministero della Sanità palestinese.

Nella sola giornata di venerdì, sette Palestinesi sono stati uccisi e circa 200 feriti con proiettili veri e ricoperti di gomma, mentre altri sette sono rimasti contusi dopo essere stati aggrediti fisicamente dalle forze israeliane durante gli scontri in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Secondo il ministero, queste cifre comprendono quelli che sono stati ricoverati negli ospedali, mentre centinaia di altri sono stati curati sul posto.

Nella Striscia di Gaza alla fine della giornata sei Palestinesi sono stati uccisi e 145 feriti, quando le forze israeliane hanno aperto il fuoco durante una manifestazione lungo il confine a est della città di Gaza e vicino a Khan Younis, ha riferito il ministero.

A Hebron, Mohammad Al-Jabari, 19 anni, è stato ucciso dopo il presunto accoltellamento di un poliziotto di frontiera e 11 sono stati feriti, tre ai piedi con proiettili veri, i restanti con pallottole ricoperte di gomma. Tra questi ultimi, uno è stato colpito alla testa e portato all’ospedale di Yatta.

Durante gli scontri vicino alla colonia di Beit El, nel distretto di Ramallah, otto persone sono rimaste ferite con proiettili veri e 22 con proiettili ricoperti di gomma, secondo il ministero. Quattro di questi feriti sono attualmente in gravi condizioni.

Mentre proseguivano gli scontri a Betlemme, cinque sono stati feriti con proiettili ricoperti di gomma e uno al piede con proiettile vero, ha riportato il ministero.

Tre Palestinesi sono stati colpiti allo stomaco e ai piedi con proiettili veri a Kafr Qaddum, vicino a Qalqiliya, ed altri sei sono stati picchiati dalle forze israeliane e dai coloni a Beit Faruk, Nablus; uno di loro ha subito fratture al capo.

A Jenin, nove sono stati feriti ai piedi con proiettili veri e due con proiettili di acciaio ricoperti di gomma, compreso un Palestinese che è stato colpito al collo.

Un altro Palestinese ha subito varie contusioni e fratture dopo essere stato picchiato dalle forze israeliane a Gerico, ha aggiunto il ministero.

Secondo i resoconti di Ma’an, otto di coloro che sono stati uccisi dall’inizio del mese sono stati colpiti dalle forze israeliane durante le manifestazioni e gli scontri, compreso un tredicenne. La maggior parte degli altri è stata uccisa durante presunti attacchi con coltelli ed erano tutti sotto i vent’anni di età.

Quattro israeliani sono stati uccisi nello stesso periodo, due dei quali erano coloni.

L’alto numero di morti e feriti dall’inizio del mese sono avvenuti dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva promesso di agire contro “provocatori” e “aggressori” sulla scia di una serie di accoltellamenti contro gli israeliani.

Gruppi per i diritti umani hanno sostenuto che le forze israeliane utilizzano metodi di “controllo di massa” inutili e letali contro i Palestinesi, soprattutto dopo la recente approvazione dell’utilizzo di pallottole calibro 0.22 a Gerusalemme Est occupata.

Sostenendo che la nuova legge amplia la possibilità per le forze israeliane di colpire i Palestinesi, il segretario generale dell’OLP, Saeb Erekat, ha dichiarato: “Il governo israeliano persiste ad incitare contro la vita dei Palestinesi, con una cultura di odio che disumanizza una intera nazione”.

Le tensioni sono salite alle stelle in Israele e nei territori palestinesi occupati nelle recenti settimane a seguito di una serie di accoltellamenti effettuati sia da israeliani che da palestinesi, e di aggressioni violente di coloni israeliani contro i Palestinesi.

(Soldati palestinesi vegliano il corpo del tredicenne Abed al-Rahman Obeidallah, uno dei tanti uccisi nell’ultima tornata di violenze. AFP/Musa Al-Shaer, File).

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

 

PALESTINA. Aggiornamenti sugli attacchi israeliani in corso.

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma'an News)

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma’an News)

AGGIORNAMENTI

11 ottobre 2015, ore 10.00 -Raid israeliano su Gaza: due morti

Una donna incinta, Nour Rasmi Hassan, e la sua bambina di due anni, Rahaf Yahya Hassan, sono le vittime del raid israeliano sulla Striscia di Gaza. L’aviazione dello Stato ebraico è entrata in azione nella notte, in risposta al lancio di due razzi dall’enclave palestinese caduti in territorio israeliano, senza fare vittime. Le Forze armate israeliane hanno detto di aver colpito due strutture per la fabbricazione di armi appartenenti ad Hamas. La donna incinta di cinque mesi e sua figlia sono morte sotto le macerie della propria abitazione. Altre tre persone sono rimaste ferite e i soccorritori stanno cercando tra le macerie altre possibili vittime.

Intanto, secondo quanto riferito in un primo momento dalle Forze armate israeliane, stamattina in Cisgiordania una donna palestinese si sarebbe fatta saltare in aria a bordo di un’automobile a un posto di blocco israeliano. In realtà testimoni hanno raccontato a diverse agenzie di stampa che la donna ha avuto un guasto alla macchina dove viaggiava con il figlio di 3 anni. Un problema elettrico ha provocato l’apertura dell’airbag e poi un incendio, la donna è riuscita ad uscire con il figlio, rimanendo lievemente ferita. Lievemente ferito anche un poliziotto.

ore 22 – Palestinese ferito due giorni fa dall’esercito israeliano muore. E’ la settima vittima della giornata

Ibrahim Awad, di Beit Omar a nord di Hebron, è deceduto poco fa in seguito alle gravi ferite riportate negli scontri con l’esercito israeliano due giorni fa. Ne ha dato notizia il quotidiano Haaretz

ore 21.30 – Decine di gazawi rompono la recinzione che separa la Striscia da Israele

I media israeliani riferiscono che decine di palestinesi avrebbero aperto un varco nella recinzione che separa la Striscia di Gaza da Israele. Bloccati dai militari, cinque di loro sono stati arrestati, gli altri rispediti indietro

ore 21:00 – 568 palestinesi feriti oggi in Cisgiordania e a Gerusalemme est

Nella sola giornata di sabato, sono stati 568 i palestinesi feriti dal fuoco israeliano. Lo riferisce la Mezzaluna Rossa palestinese, specificando che 26 sono stati colpiti da fuoco vivo, 148 da proiettili di gomma, 408 da lacrimogeni e 4 sono stati picchiati.

ore 20:00   Proteste palestinesi a Nazareth e Ramle

Manifestazioni di palestinesi cittadini d’Israele a Nazareth e Ramle. A Nazareth un corteo di 1.500 persone ha attraversato le strade della città “per protestare contro l’occupazione”. A riferirlo è il Canale 2 della televisione israeliana. Nel corso delle proteste sono stati arrestati 5 attivisti.

A Ramle la polizia israeliana ha arrestato 10 manifestanti dopo che un gruppo di 100 persone aveva iniziato a lanciare pietre contro gli agenti.

ore 18:30 Hamas: “Il silenzio della comunità internazionale di fronte ai crimini di guerra israeliani li legittima”

Il portavoce del movimento islamico palestinese Hamas, Sami Abu Zuhri, ha detto che il silenzio della comunità internazionale di fronte a quelli che definisce “crimini di guerra” israeliani li legittima. “Ciò spinge il nostro popolo a difendersi in ogni modo e mezzo possibile” ha detto

ore 18:10   Ministero salute palestinese: “Oggi 21 palestinesi feriti”

Almeno 21 palestinesi sono rimasti feriti oggi negli scontri con le forze armate israeliane. A riferire la notizia sono fonti mediche di Ramallah. Un dato che pare destinato a salire considerando il fatto che gli scontri sono ancora in corso in varie zone della Cisgiordania.

Sette palestinesi sono stati colpiti da proiettili di ferro ricoperti di gomma sparati dai militari di Tel Aviv a Bab az-Zawiya (Hebron). Feriti quattro ragazzi palestinesi (uno di loro sembrerebbe in gravi condizioni) sempre con colpi di arma da fuoco vicino a Ramallah.

Secondo il Ministero della salute palestinese, dal 1 ottobre sono circa 1.000 i palestinesi feriti negli scontri con l’esercito israeliano.

ore 16.15 – DUE BAMBINI UCCISI A GAZA DA ISRAELE DURANTE MANIFESTAZIONE

Durante una manifestazione nella Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha aperto il fuoco uccidendo due minorenni: un bambino di 13 anni, Marwan Hisham Barbakh, e Omar Othman, 15, di Khan Younis. 20 morti in 10 giorni

ore 15.15 – TRE POLIZIOTTI ISRAELIANI ACCOLTELLATI A GERUSALEMME. UCCISO IL PALESTINESE RESPONSABILE

Tre poliziotti israeliani sono stati accoltellati a Gerusalemme, alla Porta di Damasco, da un adolescente palestinese. Il giovane, Mohammed Saeed, di Shuafat, è stato ucciso da altri poliziotti. Secondo il sito israeliano Walla, uno dei tre poliziotti sarebbe stato ucciso, ma la notizia è stata smentita.

ore 14.30 – SCONTRI A SHUAFAT DOPO FUNERALE, PALESTINESE FERITO ALLA GAMBA

Dopo i funerali del palestinese ucciso ieri notte al campo profughi di Shuafat a Gerusalemme, sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia di frontiera israeliana. Un uomo è stato ferito alla gamba da pallottole sparate dalla polizia, secondo la quale si stava avvicinando con una Molotov.

Scontri anche a Ramallah, vicino alla colonia di Beit El: due palestinesi feriti da proiettili di gomma.

ore 13.45 – ARRESTATI 5 ISRAELIANI PER AGGRESSIONE A TRE PALESTINESI A NETANYA

La polizia israeliana ha arrestato stamattina 5 israeliani ebrei a Netanya perché accusati di aver tentato di linciare tre palestinesi cittadini d’Israele ieri sera in città (nord di Tel Aviv). Secondo le prime ricostruzioni, gli arrestati, insieme ad altre persone che ancora non sono state arrestate, avrebbero pianificato l’aggressione sui social network. L’obiettivo era andare a Piazza Indipendenza in città “per far male agli arabi”. Nei messaggi scambiati in rete gli aggressori si sarebbero divisi l’arma da portare in strada: coltelli, asce o catene.

A partecipare al tentato linciaggio sono stati una trentina di israeliani ebrei: Le vittime sono 3 palestinesi. Due sono riuscite a scappare. L’altra, invece, Abed Jamal, è stata duramente picchiata dalla folle inferocita che gridava “morte agli arabi” e “a Netanya gli arabi si falciano” e si sarebbe salvata solo grazie all’arrivo di una volonte della polizia.

Jamal, nonostate fosse la vittima dell’aggressione, è stato ammanettato e fermato per essere interrogato. Il linciaggio è stata ripreso con dei telefoni cellulari ed è stato postato sui social network scatenando dure reazioni da parte di molti navigatori. Oltre ai cinque arrestati, la polizia ha fermato altre 10 persone per interrogarle.

ore 11.55 – COLONI ATTACCANO CASE PALESTINESI A SUD DELLA CISGIORDANIA

Un gruppo di coloni ha attaccato le case di alcuni palestinesi che risiedono vicino all’insediamento di Kiryat Arba, a ovest di Hebron. Secondo fonti locali, i coloni, protetti dall’esercito israeliano, avrebbero attaccato la zona di Wadi Hussein mentre i soldati avrebbero sparato gas lacrimogeni e acqua chimica sui palestinesi.

ore 11.50 – FOTO MOSTRANO L’ATTACCO A GERUSALEMME DI STAMATTINA

Una serie di foto pubblicate dall’agenzia stampa palestinese Ma’an News (clicca qui) mostrano l’attacco di questa mattina vicino alla Porta di Damasco. Un palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, accoltella un israeliano, poi soccorso. Dalle immagini sembrerebbe che il giovane sia stato colpito dal fuoco della polizia tempo dopo l’attacco, invece di essere fermato con altri mezzi.

Subito sono esplosi scontri alla Porta di Damasco tra centinaia di palestinesi e la polizia, a causa dell’uccisione del 16enne. La polizia ha sparato molti gas lacrimogeni e nei tafferugli è rimasto ferito un giornalista israeliano di 35 anni. Secondo Haaretz, si tratterebbe invece di un giornalista straniero.

ore 11.45 – PALESTINESE FERITO E ARRESTATO NELLA ZONA DI HEBRON

Il 18enne Jalal Shahir Rayyan è stato arrestato stamattina dalle forze militari israeliane nella cittadina di Deir Samit, a Hebron, dopo essere stato colpito da pallottole sparate da guardie private. Secondo le forze armate, qualcuno si sarebbe introdotto nella notte nella colonia illegale di Bushter e la sicurezza privata dell’insediamento ha aperto il fuoco.

Arrestato anche Bakir Hasan Sharawnah mentre tentava di portare in ospedale il giovane.

ore 11.30 – MISSILE DALLA STRISCIA DI GAZA

Ieri notte un razzo è stato lanciato dalla Striscia di Gaza e sono caduti in territorio israeliano, in aree vuote. Nessun ferito né danni, fanno sapere le autorità israeliane.

ore 10.30 – GIOVANE PALESTINESE ACCOLTELLA DUE ISRAELIANI, UCCISO DALLA POLIZIA

Stamattina un giovane palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, di Kufr ‘Aqab ha accoltellato due israeliani di 65 e 62 anni  vicino alla Porta di Damasco, nella Città Vecchia di Gerusalemme. La polizia ha aperto il fuoco e lo ha ucciso. I due israeliani sono stati medicati dai paramedici per ferite lievi. Subito sono comnciati gli scontri tra manifestanti palestinesi e poliziotti che hanno cercato di disperdere la folla con gas lacrimogeni. Sale a 17 il numero totale di palestinesi uccisi dal primo ottobre

———————————————————————————————-

della redazione

Gerusalemme, 10 ottobre 2015, Nena News – L’ennesima notte di violenza in quella che è stata ribattezzata “l’Intifada di Gerusalemme”. Dopo la strage di ieri a Gaza, con sei palestinesi uccisi dalle forze militari israeliane posizionate al di là del confine est, oggi la Palestina conta altri due morti. Anche loro giovanissimi.

Nel campo profughi di Shuafat, a Gerusalemme Est, il 24enne Ahmad Salah è stato ucciso la notte scorsa durante scontri esplosi al checkpoint di ingresso nel campo. Secondo Thaer al-Fasfous, portavoce di Fatah a Shuafat, “gli scontri sono ricominciati nella notte e le forze di occupazione israeliane hanno sparato proiettili veri da distanza ravvicinata contro i giovani”. Numerosi i feriti, di cui due in serie condizioni, mentre scontri scoppiavano in tutti i quartieri di Gerusalemme Est: a Wadi al-Joz, a Issawiya (dove una donna è stata arrestata e un giovane è stato colpito alla testa e versa in gravi condizioni), a Al-Tur, a Jabal al-Mukkaber.

Secondo alcuni testimoni, la polizia israeliana avrebbe impedito all’ambulanza di raggiungere e soccorrere Ahmad Salah, “lasciato a terra sanguinante”. È morto poco dopo. Le autorità israeliane hanno consegnato il corpo alla famiglia questa mattina e subito si sono tenuti i funerali, a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Nelle stesse ore a Gaza perdeva la vita il 22enne Jihad Salim al-Ubeid, morto a causa delle ferite riportate ieri durante le manifestazioni al confine. Residente a Deir al-Balah, era stato colpito dal fuoco israeliano mentre insieme ad altre centinaia di palestinesi protestava a 100 metri di distanza dalla rete di separazione con Israele.

Sale così a 16 il bilancio delle vittime palestinesi dallo scorso giovedì 1 ottobre, quattro le vittime israeliane. L’associazione per i diritti umani Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità israeliane perché interrompano “l’uso di eccessiva forza e di omicidi ingiustificati di palestinesi, la demolizione di case e altre misure di punizione collettiva”.

thanks to: Nena News

Sabra e Chatila, affinché non ce ne dimentichiamo

Avoicefrompalestine. Il 16.09.1982, l’esercito israeliano controllava Beirut Ovest e sigillava i due campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila e vi lanciava missili all’interno. Dopo, il comando militare israeliano dava alla milizia della Falange Libanese, alleata di Israele, luce verde per entrare nei campi. Nelle successive 40 ore la Falange stuprò, uccise e ferì un vasto numero di civili disarmati, molti dei quali bambini, donne e anziani dentro i campi di Sabra e Chatila “circondati e sigillati”.

Sorgente: Sabra e Chatila, affinché non ce ne dimentichiamo | InfopalInfopal