Norman Finkelstein on Israel’s ‘Murderous Assault on Nonviolent Protesters’ in Gaza

thanks to: the Real News

Advertisements

Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

A protest by 200 activists delayed the start of the fourth stage of the Giro d’Italia in the Sicilian city of Catania on Tuesday.

The activists had planned to shut the prestigious cycling race down altogether to protest how it had been launched in Israel last week, but they were confronted and kettled by riot police, as the video above shows.

As members of the Israeli government-backed Israeli team went past, protesters threw out flyers and carried banners with slogans including, “Israel kills, Italy is an accomplice.”

“We made everyone hear our dissent against the exploitation of sport by a state that has for decades practiced apartheid against the Palestinians and which does not respect UN resolutions regarding occupied territories,” protest organizers said, according to an early version of a report from the newspaper La Sicilia.

“There were moments of tension with police,” who used their batons against demonstrators, the newspaper reported.

“Stained with blood”

One activist, Simone di Stefano, told Catania Today that activists had gathered to send the message that “we don’t want this Giro d’Italia that is stained with blood of the Palestinian people.”

Last week, Renzo Ulivieri, the head of the Italian football managers association, posted on Facebook that he would not be watching the Giro this year.

“I could have remained indifferent, but I fear I would have been despised by the people I respect,” Ulivieri wrote. “Viva the Palestinian people, free in their land.”

At a recent meeting of the leftist movement Potere al Popolo (power to the people), Ulivieri elaborated that “the true sporting spirit calls for the unity of people and condemns discrimination and abusive occupation like Israel’s apartheid.”

The latest actions are part of a continuing campaign by Palestinians and their supporters against Israel’s use of the Giro d’Italia to glamorize itself and distract attention from its abuses.

The human rights group Al-Haq noted that 4 May, the day the race started in Jerusalem, coincided with the sixth Friday of protests as part of the Great March of Return in Gaza.

On that day, Israeli occupation forces “injured 195 Palestinian protesters, paramedics, medical staff and journalists, in a demonstration of excessive use of force, including lethal force, against protected civilians,” according to Al-Haq.

Since the protests began, Israeli snipers with shoot-to-kill-and-maim orders have killed 50 Palestinians in Gaza, including 40 unarmed protesters, and have injured thousands more.

Gaza cyclist disabled by Israeli snipers

A particularly pernicious aspect of the Israeli policy – especially in the context of the Giro d’Italia’s purported celebration of athleticism – is “Israel’s deliberate ‘shoot-to-disable’ practice, targeting protected persons in the Gaza Strip with intention to maim and at times permanently disable Palestinians by targeting specific body parts, including the lower limbs,” Al-Haq stated.

“One of the injured protesters who required amputation is Alaa al-Dali, 21, a Palestinian cyclist who was shot by an Israeli sniper with a live bullet under his right knee on 30 March 2018, while he was standing some 200 metres away from the fence,” the human rights group stated.

Al-Dali was training for the 2018 Asian Games for months before he was shot.

“I knew the moment I was shot and fell to the ground, I knew that I would never be able to ride a bicycle again in my life,” he told Middle East Eye.

Al-Haq noted that in the months leading up to the Giro’s kickoff, the first time the race has started outside Europe, “Israel continued to unlawfully alter the status of Jerusalem, introducing legislation to alter the demography of Jerusalem, by targeting Palestinian residency rights and introducing bills to unlawfully incorporate settlement blocs into Israel’s Jerusalem municipality.”

“Giro d’Italia’s choice of location, along with its partners, sponsors and participating teams and individuals, is an indication of its support for Israel’s occupation and violations against Palestinians, including in East Jerusalem,” Al-Haq stated.

Sorgente: Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

15 Palestinians shot dead as Gazans hold mass rallies

Israeli military forces have shot and killed 15 Palestinians during massive anti-Israeli rallies staged by thousands along Gaza-Israel borders.

Palestinian medical officials say at least 15 Palestinians have lost their lives and more than a thousand others sustained injuries when Israeli military forces opened fire on thousands of protesters, who have flocked to a sit-in near the border fence between the Gaza Strip and occupied Palestinian territories.

Spokesman for the Gaza Ministry of Health, Ashraf al-Qidra, said three were fatally shot east of the southern Gaza Strip city of Khan Yunis, Jabalia, located 4 kilometers (2.5 miles) north of Gaza City as well as the border town of Rafah.

He identified the victims as 27-year-old Omar Wahid Abu Samour, Mohammed Kamal Al-Najjar, 25, and 38-year-old Mahmoud Muammar.

The fourth was Mohammed Abu Omar, 22, who was shot and killed east of Shuja’iyya neighborhood of Gaza City.

Ahmed Oudeh, 19, 33-year-old Jihad Farina and Mahmoud Sa’di Rahmi were all killed east of Gaza City as well.

A 22-year-old Palestinian man, identified as Ibrahim Abu Sha’ar, was also shot dead east of Rafah.

Abdel Fattah Bahjat Abdelnee, 18, and 42-year-old Abdul Qader Mardhi al-Hawajri also lost their lives in Israeli attacks shortly afterwards.

Six more Palestinian protesters were also killed in the Israeli assaults.

Al-Qidra added that nearly 1,500 protesters were also injured during the rally.

Israeli drone fires teargas on protesters

http://presstv.com/Default/embedattached/596310

An Israeli drone was filmed firing several rounds of teargas on the protesters near the Gaza border. An AFP correspondent said several people were injured by the containers, which fell from a height of between 10 and 20 meters.

Amnesty International slams Israel’s land expropriation policies

Meanwhile, human rights organization Amnesty International has condemned the Tel Aviv regime’s policies of land confiscation and dispossession, calling on Israeli authorities to stop them.

The Britain-based organization, in a post published on its official Twitter page on Friday, stated Israel’s policies of land theft exacerbate the sufferings of the Palestinian nation, and deprive them of their basic rights.

A picture taken on March 30, 2018 shows Palestinians taking part in a tent city protest erected along the border with Israel east of Gaza City in the Gaza strip to commemorate Land Day. (Photo by AFP)

We won’t concede ‘a single inch of Palestine’

Later in the day, Hamas political bureau chief Ismail Haniyeh arrived at the “return camps” along the eastern Gaza border and spoke to protesters.

In a statement broadcast on Palestinian television, Haniyeh said, “We welcome the Palestinian people everywhere, who have defeated the enemy leaders’ gamble that the old die and the young forget. Here are the young people, the grandparents and the grandchildren.”

“We will not concede a single inch of the land of Palestine and do not recognize the Israeli entity. We promise Trump and all those who stand by his business and his plot that we are not giving up on Jerusalem al-Quds, and there is no solution but for the right of return,” Haniyeh added.

The Palestinian rally, dubbed the “Great March of Return,” will last until May 15, which coincides with the 70th anniversary of Nakba Day (Day of Catastrophe) on which Israel was created.

Every year on May 15, Palestinians all over the world hold demonstrations to commemorate Nakba Day, which marks the anniversary of the forcible eviction of hundreds of thousands of Palestinians from their homeland by Israelis in 1948.

More than 760,000 Palestinians – now estimated to number nearly five million with their descendants – were driven out of their homes on May 14, 1948.

Since 1948, the Israeli regime has denied Palestinian refugees the right to return, despite United Nations resolutions and international law that upholds people’s right to return to their homelands.

Israeli soldiers take aim as they lie prone over an earth barrier along the border with the Gaza strip in the southern Israeli kibbutz of Nahal Oz on March 30, 2018, as Palestinians demonstrate on the other side commemorating Land Day. (Photo by AFP)

This year’s Land Day demonstrations appear especially combustible as Palestinian anger is already high over US President Donald Trump’s decision in December to recognize Jerusalem al-Quds as Israel’s “capital.”

Israel occupied the West Bank, East Jerusalem al-Quds and parts of Syria’s Golan Heights during the Six-Day War in 1967. It later annexed East Jerusalem al-Quds in a move not recognized by the international community.

Israel is required to withdraw from all the territories seized in the war under the United Nations Security Council Resolution 242, adopted months after the Six-Day War, in November 1967, but the Tel Aviv regime has been in non-compliance of that piece of international law ever since.

Sorgente: PressTV-15 Palestinians shot dead as Gazans hold mass rallies

Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War

By Ramzy Baroud

Entire communities in the West Bank either have no access to water or have had their water supply reduced almost by half.

This alarming development has been taking place for weeks, since Israel’s national water company, “Mekorot”, decided to cut off – or significantly reduce – its water supply to Jenin, Salfit and many villages around Nablus, among other regions.

Israel has been ‘waging a water war’ against Palestinians, according to Palestinian Authority Prime Minister, Rami Hamdallah. The irony is that the water provided by “Mekorot” is actually Palestinian water, usurped from West Bank aquifers. While Israelis, including illegal West Bank settlements, use the vast majority of it, Palestinians are sold their own water back at high prices.

By shutting down the water supply at a time that Israeli officials are planning to export essentially Palestinian water, Israel is once more utilizing water as a form of collective punishment.

This is hardly new. I still remember the trepidation in my parents’ voices whenever they feared that the water supply was reaching a dangerously low level. It was almost a daily discussion at home.

Whenever clashes erupted between stone-throwing children and Israeli occupation forces on the outskirts of the refugee camp, we always, instinctively, rushed to fill up the few water buckets and bottles we had scattered around the house.

This was the case during the First Palestinian Intifada, or uprising, which erupted in 1987 throughout the Occupied Palestinian Territories.

Whenever clashes erupted, one of the initial actions carried out by the Israeli Civil Administration – a less ominous title for the offices of the Israeli occupation army – was to collectively punish the whole population of whichever refugee camp rose up in rebellion.

The steps the Israeli army took became redundant, although grew more vengeful with time: a strict military curfew (meaning the shutting down of the entire area and the confinement of all residents to their homes under the threat of death); cutting off electricity and shutting off the water supply.

Of course, these steps were taken only in the first stage of the collective punishment, which lasted for days or weeks, sometimes even months, pushing some refugee camps to the point of starvation.

Since there was little the refugees could do to challenge the authority of a well-equipped army, they invested whatever meager resources or time that they had to plot their survival.

Thus, the obsession over water, because once the water supply ran out, there was nothing to be done; except, of course, that of Salat Al-Istisqa or the ‘Prayer for Rain’ that devout Muslims invoke during times of drought. The elders in the camp insist that it actually works, and reference miraculous stories from the past where this special prayer even yielded results during summer time, when rain was least expected.

In fact, more Palestinians have been conducting their prayer for rain since 1967 than at any other time. In that year, almost exactly 49 years ago, Israel occupied the two remaining regions of historic Palestine: the West Bank, including East Jerusalem, and the Gaza Strip. And throughout those years, Israel has resorted to a protracted policy of collective punishment: limiting all kinds of freedom, and using the denial of water as a weapon.

Indeed, water was used as a weapon to subdue rebelling Palestinians during many stages of their struggle. In fact, this history goes back to the war of 1948, when Zionist militias cut off the water supply to scores of Palestinian villages around Jerusalem to facilitate the ethnic cleansing of that region.

During the Nakba (or Catastrophe) of 1948, whenever a village or a town was conquered, the militias would immediately demolish its wells to prevent the inhabitants from returning. Illegal Jewish settlers still utilize this tactic to this day.

The Israeli military, too, continued to use this strategy, most notably in the first and second uprisings. In the Second Intifada, Israeli airplanes shelled the water supply of whichever village or refugee camp they planned to invade and subdue. During the Jenin Refugee Camp invasion and massacre of April 2002, the water supply for the camp was blown up before the soldiers moved into the camp from all directions, killing and wounding hundreds.

Gaza remains the most extreme example of water-related collective punishment, to date. Not only the water supply is targeted during war but electric generators, which are used to purify the water, are often blown up from the sky. And until the decade-long siege is over, there is little hope to permanently repair either of these.

It is now common knowledge that the Oslo Accord was a political disaster for Palestinians; less known, however, is how Oslo facilitated the ongoing inequality under way in the West Bank.

The so-called Oslo II, or the Israel-Palestinian Interim Agreement of 1995, made Gaza a separate water sector from the West Bank, thus leaving the Strip to develop its own water sources located within its boundaries. With the siege and recurring wars, Gaza’s aquifers produce anywhere between 5-10 percent of ‘drinking-quality water.’ According to ANERA, 90 percent of Gaza water (is) unfit for human consumption.’

Therefore, most Gazans subsist on sewage-polluted or untreated water. But the West Bank should – at least theoretically – enjoy greater access to water than Gaza. Yet, this is hardly the case.

The West Bank’s largest water source is the Mountain Aquifer, which includes several basins: Northern, Western and Eastern. West Bankers’ access to these basins is restricted by Israel, which also denies them access to water from the Jordan River and to the Coastal Aquifer. Oslo II, which was meant to be a temporary arrangement until a final status negotiations are concluded, enshrined the existing inequality by giving Palestinians less than a fifth of the amount of water enjoyed by Israel.

But even that prejudicial agreement has not been respected, partly because a joint committee to resolve water issues gives Israel veto power over Palestinian demands. Practically, this translates to 100 percent of all Israeli water projects receiving the go-ahead, including those in the illegal settlements, while nearly half of Palestinian needs are rejected.

Presently, according to Oxfam, Israel controls 80 percent of Palestinian water resources. “The 520,000 Israeli settlers use approximately six times the amount of water more than that used by the 2.6 million Palestinians in the West Bank.”

The reasoning behind this is quite straightforward, according to Stephanie Westbrook, writing in Israel’s +972 Magazine. “The company pumping the water out is ‘Mekorot’, Israel’s national water company. ‘Mekorot’ not only operates more than 40 wells in the West Bank, appropriating Palestinian water resources, Israel also effectively controls the valves, deciding who gets water and who does not.”

“It should be no surprise that priority is given to Israeli settlements while service to Palestinian towns is routinely reduced or cut off,” as is the case at the moment.

The unfairness of it all is inescapable. Yet, for nearly five decades, Israel has been employing the same policies against Palestinians without much censure or meaningful action from the international community.

With current summer temperature in the West Bank reaching 38 degrees Celsius, entire families are reportedly living on as little as 2-3 liters per capita, per day. The problem is reaching catastrophic proportions. This time, the tragedy cannot be brushed aside, for the lives and well-being of entire communities are at stake.

– Dr Ramzy Baroud has been writing about the Middle East for over 20 years. He is an internationally-syndicated columnist, a media consultant, an author of several books and the founder of PalestineChronicle.com. His books include “Searching Jenin”, “The Second Palestinian Intifada” and his latest “My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story”. His website iswww.ramzybaroud.net.

Sorgente: Palestine’s ‘Prayer for Rain’: How Israel Uses Water as a Weapon of War – Politics for the People | Politics for the People

Esecuzione dei due Palestinesi a Qalandiya: avevano sbagliato strada e non rappresentavano una minaccia

377628CIsraele si conferma ancora una volta come una realtà criminale e violatrice di ogni diritto umano.

I due giovani – fratello e sorella – uccisi a sangue freddo mercoledì mattina al check-point di Qalandiya, e presentati al mondo dalla propaganda israeliana come “attentatori”, in realtà erano due cittadini che si sono trovati per sbaglio a percorrere la carreggiata per autoveicoli, e non quella per i pedoni, e che non hanno capito gli ordini dei militari. La confusione è stata fatale, poiché i robo-killer israeliani li hanno crivellati di colpi.

Lei lascia due bimbi di 6 e 4 anni ed era incinta di 5 mesi.
Il fratello, di 16 anni, ha tentato di portarla via da lì, ma è stato troppo tardi.

Nessuno dei due rappresentava una minaccia.

Testimoni hanno raccontato all’agenzia Ma’an che Maram Salih Hassan Abu Ismail, 23 anni, incinta di cinque mesi e madre di due bimbi, e suo fratello Ibrahim, di 16 anni, si stavano dirigendo verso Gerusalemme, quando hanno imboccato l’ingresso per i veicoli e non quello per i pedoni, dentro il check-point di Qalandiya, vicino a Ramallah.

I due sembrano non fossero in grado di comprendere ciò che i soldati israeliani stavano gridando in ebraico e si sono fermati. I testimoni hanno affermato che Ibrahim sembra avesse tentato di prendere la sorella per un braccio e allontanarla di lì, quando i soldati hanno aperto il fuoco, colpendola. Maram è caduta a terra e quando Ibrahim ha tentato di aiutarla, è stato colpito a sua volta.

Un autista di autobus palestinese, Muhammad Ahmad, ha detto a Ma’an che il soldato che ha sparato a Maram si trovava dietro a un blocco di cemento a 20 metri di distanza da lei, e che né lei né il fratello rappresentavano una minaccia.

Un altro testimone dell’attacco contro i due Palestinesi ha dichiarato a Ma’an che i militari israeliani si sono avvicinati ai due dopo che già erano a terra e hanno di nuovo aperto il fuoco per assicurarsi che fossero morti.

Il testimone ipotizza che i soldati abbiano piazzato i coltelli sulla scena, così che la fotografia potesse essere diffusa dalla polizia israeliana a giustificazione del duplice omicidio.

Le testimonianze raccolte, infatti, contraddicono la versione della polizia israeliana.

Maram aveva ottenuto, per la prima volta, un permesso dalle autorità israeliana per entrare a Gerusalemme. Anche questo spiega la sua confusione sul percorso da prendere nel check-point.

 

  thanks to: Agenzia stampa Infopal

Palestinese vince premio per l’insegnamento da un milione di dollari.

hanan

L’immagine mostra Hanan Al Hroub che insegna ai bambini rifugiati

By Sean Coughlan, 13 marzo 2016

 

Un’ insegnante palestinese ha vinto un milione di dollari in un premio internazionale per l’insegnamento. Il riconoscimento è stato annunciato da Papa Francesco in un video.

Hanan Al Hroub è cresciuta in un campo per rifugiati palestinesi e adesso insegna a questi stessi rifugiati. È specializzata nel supporto ai bambini traumatizzati dalla violenza.

La vincitrice è stata annunciata durante una cerimonia di premiazione a Dubai, con un videomessaggio di congratulazioni mandato dal principe William.

Il Papa Francesco ha mandato a sua volta un messaggio in cui ha sostenuto che questi insegnanti sono ” i costruttori della pace e dell’unità”.

La signora Al Hroub ha poi detto agli spettatori che “gli insegnanti sono capaci di cambiare il mondo.” e il principe William ha citato “l’incredibile responsabilità” degli insegnanti.

C’è stato anche un finalista britannico, Colin Hegarty, un professore di matematica da Londra che ha creato un sito internet interattivo con lezioni di matematica online.

I finalisti del Global Teacher Prize comprendono insegnanti da India, Kenya, Finlandia e dagli Stati Uniti.

Creato dalla Varkey Foundation, la sezione filantropica della società scolastica internazionale GEM, il premio e la cerimonia in stile Oscar hanno lo scopo di innalzare lo status della professione educativa.
Il pubblico dell’evento includeva anche stars di Hollywood come Salma Hayek e Matthew McConaughey e personalità politiche, tra le quali l’ex primo ministro britannico, Tony Blair, ed il vicepresidente degli Emirati Arabi, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

I primi 10 finalisti sono stati invitati sul palco da un videomessaggio del fisico Stephen Hawking ed hanno ricevuto le congratulazioni in un videomessaggio dal vicepresidente statunitense, Joe Biden, e dall’ex presidente americano, Bill Clinton.

Gli altri finalisti erano:

•Maarit Rossi, dalla Finlandia, che ha sviluppato un proprio metodo per insegnare la matematica. La Finlandia ha alcuni dei migliori risultati mondiali nei test internazionali ma le scolaresche della signora Rossi ricevono risultati di alto livello persino se comparati agli standard finlandesi.

•Aqeela Asifi, arrivata in Pakistan come rifugiata dall’Afghanistan. Insegna alle bambine rifugiate nelle scuole che ha essa stessa creato.

•Ayub Mohamud, insegnante di economia dal Kenya, è arrivato in finale grazie ad un progetto ideato per evitare l’estremismo violento e la radicalizzazione.

•Robin Chaurasiya da Mumbai, in India. Ha fondato un’organizzazione per educare e supportare le adolescenti dei quartieri a luci rosse della città.

•Richard Johnson, un insegnante di scienze da Perth in Australia, che ha ideato un laboratorio di scienze per bambini delle scuole elementari.

•Michael Soskil dalla Pennsylvania, negli Stati Uniti, già vincitore del Premio Presidenziale per l’Eccellenza nell’Insegnamento della Matematica e delle Scienze. È stato in grado di motivare i suoi alunni mettendoli in collegamento con progetti provenienti da tutto il mondo.

•Kazuya Takahashi, dal Giappone, ha sviluppato sistemi innovativi per insegnare le scienze ed incoraggiare alla cittadinanza globale.

•Joe Fatheree, dall’Illinois negli Stati Uniti, è stato un pioniere nell’insegnare progetti attraverso l’uso di stampanti tridimensionali, della tecnologia dei droni e usando videogiochi come Minecraft.

Sunny Varkey, fondatore della Varkey Foundation, ha spiegato alla conferenza educativa internazionale che il premio è stato ideato per aumentare il riconoscimento pubblico dell’importanza della figura dell’insegnante.

“La mia speranza è che i bambini di tutto il mondo guardino la cerimonia di domenica e pensino a ciò che gli insegnanti fanno per loro.” ha detto Varkey.

thanks to: trad. L. Pal – Invictapalestina

BBC

164 palestinesi uccisi dall’inizio dell’Intifada di Gerusalemme, tra cui 39 bambini

L’”Assemblea nazionale delle famiglie dei martiri della Palestina “, che fa parte dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, ha dichiarato che il numero dei minorenni uccisi dallo scoppio dell’Intifada di Gerusalemme, nello scorso ottobre, è salito a 39, tra cui 16 bambine e ragazze.

In un comunicato pubblicato domenica, l’organizzazione ha riferito che il numero dei palestinesi uccisi nell’Intifada è salito a 164, con l’uccisione, sabato sera, del 17enne Muhammad NabilHalabiyya, della cittadina di AbuDis, e con quella di Ruqayya ‘Aid Abu ‘Aid, 13 anni, originaria della cittadina di Yatta, a sud di Hebron , avvenuta lunedì nel villaggio di ‘Anata, vicino a Gerusalemme.

L’Assemblea sottolinea come la piccola Ruqayya‘Aid sia la terza in ordine di età fra i bambini uccisi nell’Intifada, dopo il piccolo Ramadan Thawabtah, di 3 mesi, della cittadina di BaitFajjar, e la piccola Rahaf Hassan, di 2 anni, di Gaza, uccisa con la mamma durante un bombardamento dell’aviazione israeliana.

( Fonte: Infopal.it )

Sorgente: 27-1-16_164palestinesi-uccisi

Appello internazionale in supporto dell’Intifada palestinese

Noi, Giovani palestinesi in esilio, chiediamo a tutti i palestinesi e le persone solidali con la nostra causa di difendere la nostra terra e sostenere la resistenza e la determinazione del nostro popolo in Palestina. Da settimane la moschea di Al Aqsa è vittima di assalti brutali mentre i coloni e l’esercito sionista compiono omicidi arbitrari e arresti di massa in tutta la Palestina. In risposta alla violenza sionista, dobbiamo ribadire che la resistenza è una strategia necessaria e obbligatoria per sopravvivere alla perpetrazione del progetto di pulizia etnica ai danni dei palestinesi.

La repressione militare sionista e le inaccettabili violazioni dei coloni, insieme ad una leadership palestinese collusa che agisce ormai come garante dell’occupazione e non più come guida del progetto di liberazione, tentano di garantire la liquidazione totale della resistenza palestinese e l’accelerazione della pulizia etnica. In questa lotta sbilanciata tra un’ideologia razzista e istituzionalizzata, e l’eroica resistenza del popolo palestinese, Israele gode ancora del sostegno dei suoi alleati internazionali, che noi riteniamo parimente responsabili di questi crimini.

Noi giovani palestinesi dobbiamo assumerci la piena responsabilità e il diritto di difendere il nostro popolo e la nostra terra e mobilitarci ovunque ci troviamo. La lotta in corso in tutta la Palestina è nostra: è una lotta per far prevalere la giustizia su un progetto coloniale, è una lotta contro il colonialismo in tutte le sue forme e manifestazioni. Questa è la rivolta di una nuova generazione di palestinesi, uniti ovunque essa siano, intorno a principi di dignità, di ritorno e di liberazione di tutta la Palestina!

Condividiamo la voce della resistenza palestinese. Denunciamo i crimini sionisti e la complicità dei loro alleati. Rompiamo l’isolamento dei palestinesi sotto occupazione.

Ci appelliamo a tutti i palestinesi in esilio, i movimenti di solidarietà e tutte le persone che credono nella giustizia, a proseguire gli sforzi di mobilitazione ed ad unirsi a noi nel sostegno alla resistenza palestinese che culminerà con una mobilitazione internazionale il 29 Novembre 2015 e continuerà fino a che la Palestina non sarà libera.

Scegliendo la “giornata internazionale di solidarietà con la Palestina indetta dall’ONU intendiamo ribadire che la solidarietà è genuina solo se rispetta la totalità dei principi nazioali palestinesi, il ruolo di tutte le comunità palestinesi ovunque esse siano nella lotta di liberazione e la legittimità della resistenza palestinese.

  • Stop all’occupazione e alla colonizzazione sionista di tutta la Palestina
  • Sostegno incondizionato alla resistenza palestinese
  • Libertà per i prigionieri palestinesi
  • Ritorno dei profughi palestinesi
  • No al silenzio complice della Comunità Internazionale
  • Sì al BDS – Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni contro Israele

Per sottoscrivere questo appello mandaci una email a: pal.youth.transnational@gmail.com

Palestina, esistere non basta più

Il filtro dei media racconta solo la violenza, mai la disobbedienza e la disperazione

Nell’ultimo mese la tensione in Palestina e in Israele è cresciuta fino ad esplodere in scontri, omicidi, esecuzioni sommarie da parte dell’esercito e fitte sassaiole. Le immagini sono arrivate nelle nostre case dai telegiornali, con giornalisti che, con funambolica abilità, con la solita litania ci dicono che gli israeliani si difendono dai terroristi. Ormai si aggiornano solo i numeri.

E’ diventato questo il conflitto israelo-palestinese per i media? Ebbene sì un susseguirsi di numeri aggiornati in tempo reale. Le scene da film di Tarantino in cui feriti palestinesi, bambini o adulti che siano, vengono ammazzati, o come dice la sicurezza israeliana “neutralizzati”, non vengono trasmesse dai media internazionali.

Così come non lo sono le immagini del bambino ferito da un colono che senza pietà gli grida “figlio di puttana” e chiede ai poliziotti, che calciano il ferito, di finirlo. Le televisioni internazionali non hanno passato il video in cui con disprezzo un colono israeliano ha sbattuto sul viso di un ragazzino palestinese ferito che veniva trasportato su una barella delle fette di carne di maiale, gridando “sappiamo quanto a voi musulmani piace il maiale.” Le immagini di questi attacchi brutali si trovano su Facebook e Twitter, ad uso di coloro che la causa palestinese la seguono da anni e sanno già molto bene quale sia la situazione.

IL LINGUAGGIO USATO DAI MEDIA, CHE NON PRONUNCIANO MAI LA PAROLA OCCUPAZIONE E RIPORTANO CIFRE E FATTI SENZA CONTESTO, CONTRIBUISCE NUOVAMENTE AD ISOLARE I PALESTINESI, A BENEFICIO DI ISRAELE. UN’ALTRA PORTA IN FACCIA A PERSONE CHE DA GENERAZIONI HANNO FATTO DELLA RESISTENZA, DEL RESTARE ATTACCATI ALLA PROPRIA TERRA AD OGNI COSTO UNA RAGIONE DI VITA.

“Esistere è resistere”, si legge sul Muro che Israele ha costruito oltre la Linea Verde per prendersi terre e risorse idriche palestinesi. Ma oggi i giovani palestinesi pensano che forse anche esistere non sia più sufficiente perché la loro è diventata una realtà che è al di sotto della sopravvivenza. Soffocati dall’oppressione del regime militare di occupazione che controlla le loro vite fin dalla nascita, dal numero sempre crescente di coloni, oggi oltre 600,000 di cui circa 300,000 solo a Gerusalemme Est, i giovani palestinesi hanno rotto le fila dell’immobilismo imposto dalla politica di contenimento dell’asservita autorità palestinese.

Con i leader politici di un certo calibro dietro le sbarre delle carceri israeliane e i burocrati neoliberisti dell’Autorità Palestinese al potere impegnati a far quadrare i conti per ingraziarsi i generosi donatori stranieri, occidentali o arabi che siano, i giovani palestinesi non hanno trovato che se’ stessi come ultima ed unica “arma” per contrastare l’occupazione. E non si può dire che non abbiano provato a farlo con mezzi pacifici.

FORSE IN POCHI RICORDANO QUANDO NEL 2011 TENTARONO AZIONI DI DISOBBEDIENZA CIVILE SALENDO SUGLI AUTOBUS RISERVATI AGLI ISRAELIANI CHE ATTRAVERSANO LA CISGIORDANIA CON DESTINAZIONE GERUSALEMME E FURONO BRUTALMENTE PICCHIATI E ARRESTATI. NON FA NOTIZIA IL FOTOGRAFO PALESTINESE CHE, NONOSTANTE ABBIA AVUTO ENTRAMBE LE GAMBE AMPUTATE A SEGUITO DI OPERAZIONI MILITARI, CONTINUA A CHIEDERE GIUSTIZIA PUBBLICANDO LE FOTO DI GAZA IN MACERIE. NON HANNO FATTO NOTIZIA I RAGAZZI E LE RAGAZZE VESTITI COME I PERSONAGGI DI AVATAR PER PROTESTARE CONTRO IL MURO CHE A BIL’IN GLI PORTA VIA LE TERRE CHE LE LORO FAMIGLIE HANNO COLTIVATO DA GENERAZIONI, CHE GLI PORTA VIA IL FUTURO.

Stanchi anche dell’indifferenza della politica internazionale, che ha ridicolizzato i timidi tentativi dei burocrati palestinesi di far uso dei meccanismi di giustizia internazionale, i giovani palestinesi non possono fare altro che prendere in mano il proprio futuro; è la loro unica possibilità di sopravvivenza. Non gli resta altro che danzare la debke mentre lanciano un sasso contro una jeep dell’esercito israeliano o andare verso morte certa colpendo con un coltello chi è partecipe, più o meno consapevole, di un sistema coloniale che da decenni li umilia e li opprime.

Sarebbe miope pensare che quello a cui stiamo assistendo in questi giorni sia la reazione alle restrizioni che Israele ha imposto un mese fa all’accesso alla moschea di Al Aqsa o che da parte israeliana la furia sia stata scatenata dall’attacco in cui hanno perso la vita due coloni israeliani nei pressi di Nablus.

Le violenze e le manifestazioni di questi giorni sono la cartina tornasole del fallimento degli accordi di Oslo, della pace economica di Saeb Erekat, della soluzione a due stati. Da parte palestinese è tragicamente sfociato in impotenza l’ottimismo di coloro che, non avendo capito che i lunghi documenti degli Accordi di Oslo altro non erano che una trappola per sottrarre ai palestinesi il controllo delle proprie terre, risorse e del proprio destino, vent’anni dopo, si sono solo trovati inermi e indebitati con le banche.

In questo clima di frustrazione, di slogan politici e nazionalisti che non erano altro che parole portate via dal vento, sono cresciuti i ragazzi e le ragazze che, con l’incoscienza e spudoratezza della loro età, oggi affrontano a volto coperto e con le mani piene di pietre un nemico crudele e inesorabile. Anche i bambini, cresciuti nei campi profughi o in una Gerusalemme est intrisa di tensione e paura, che hanno visto i propri parenti e i compagni di scuola picchiati e arrestati dalle forze di sicurezza israeliane, si sentono grandi e prendono parte ad un gioco al massacro più grande di loro.

Chi dovrebbe proteggerli ancora sembra non aver capito che le regole del gioco sono cambiate e che uccidere a sangue freddo un bambino palestinese per Israele è ordinaria amministrazione. A Gaza durante l’attacco dell’estate 2014, Israele ha ucciso oltre 550 bambini e non ha mostrato rimorsi, tanto meno la comunità internazionale ha alzato la voce per far capire che certe morti innocenti non possono essere tollerate, al contrario i dati di quest’anno indicano trend positivi nel settore industriale bellico israeliano.

GLI ISRAELIANI, SCAMPATO OGNI PERICOLO CHE IL SOGNO PALESTINESE DI OSLO POTESSE DIVENTARE REALTÀ, STANNO DANDO LIBERO SFOGO ALLA FOBIA DELL’ARABO E ALLA VOGLIA DI VENDETTA GENERATI DALLA PROPAGANDA DEL TERRORE E DALLA DISUMANIZZAZIONE IDEOLOGICA DEI PALESTINESI CHE PERVADE IL SISTEMA DELL’ISTRUZIONE, L’ESERCITO E I MEDIA ISRAELIANI E INTERNAZIONALI.

La disumanizzazione dei palestinesi agli occhi degli israeliani è ulteriormente rafforzata dalla separazione fisica che i due gruppi hanno subito a causa delle politiche adottate da Israele e culminate con la costruzione del Muro e la chiusura di Gaza. In una società profondamente militarizzata è facile instillare disprezzo e senso di superiorità verso coloro tenuti sotto il giogo militare e coloniale. I continui attacchi dei coloni contro i palestinesi, le migliaia di ulivi sradicati, le case palestinesi bruciate e la morte di famiglie innocenti sono testimonianza di questi sentimenti.

Negli ultimi giorni questa violenza è sfociata in follia e caccia all’arabo, per cui il minimo sospetto legittima agli occhi dell’israeliano e dell’occidentale medio esecuzioni sommarie come quella avvenuta nella stazione degli autobus di Afula. La gravità della situazione è confermata dall’impunità con cui tutto questo avviene, ad ulteriore conferma del fatto che le autorità israeliane sono non solo complici ma istigatrici di questa violenza.

Gestire il livello di violenza a seconda delle necessità politiche è una delle tattiche con cui Israele si destreggia abilmente per assicurarsi la coesione interna e l’appoggio incondizionato delle potenze occidentali unite nella lotta al terrorismo. Fino a che il conflitto israelo-palestinese sarà confinato nella retorica del terrorismo il ciclo di violenza non si arresterà.

Fino a che non si condannerà l’occupazione israeliana in maniera categorica chiedendone la fine incondizionata, i ragazzi palestinesi continueranno a morire ammazzati senza che nessun rappresentanza politica rivendichi queste giovani vite. I ragazzi e le ragazze palestinesi che in questi giorni hanno accettato di sfidare la morte anche semplicemente uscendo da casa o da scuola, l’hanno fatto con la triste consapevolezza di non avere nessun esercito che si mobiliterà in loro difesa e che nessuna sentenza punirà mai i colpevoli della loro morte.

E’ difficile prevedere quali potranno essere gli sviluppi di una situazione in cui i responsabili politici, da un parte gli israeliani per un piano preordinato e dall’altra la leadership palestinese per debolezza politica e interesse, hanno rispettivamente voluto e lasciato che il conflitto sfociasse nella violenza privata. Il sindaco di Gerusalemme che esorta i propri cittadini ad armarsi e le misure punitive adottate dal Governo israeliano di chiudere alcuni quartieri di Gerusalemme Est e di non restituire i corpi dei palestinesi coinvolti in attacchi contro israeliani sono benzina sul fuoco, ed indicano che Israele intende far affogare la causa palestinese nel sangue.

Il rappresentante diplomatico palestinese alle Nazioni Unite ieri ha affermato che i Palestinesi necessitano della protezione delle forze delle Nazioni Unite, forse dimenticandosi che tale forza può essere autorizzata solo dal Consiglio di Sicurezza, l’organo delle Nazioni Unite che da sempre è stato ostile verso l’adozione di misure efficaci contro le violazioni israeliane a causa del diritto di veto dell’alleato chiave di Israele: gli Stati Uniti.

FORSE AVREBBE DOVUTO PRENDERE NOTA DEL COMUNICATO CON CUI L’AMMINISTRAZIONE AMERICANA CONDANNAVA GLI ATTACCHI CONTRO GLI ISRAELIANI SENZA FAR ALCUN RIFERIMENTO AI MORTI PALESTINESI, CHE IN MENO DI DUE SETTIMANE SONO ARRIVATI AD OLTRE 30. IL RESTO DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE, IMPEGNATA IN MANOVRE BELLICO-DIPLOMATICHE SULL’INGESTIBILE FRONTE SIRIANO, SI È LIMITATA A POCHE FRASI DI ROUTINE SENZA MORDENTE.

Il presidente palestinese Abu Mazen ha dimostrato di aver perso completamente il polso della situazione e ha ribadito il proprio impegno per la pace e chiesto la fine dell’occupazione. Impegnarsi per la fine dell’occupazione con ogni mezzo e senza concessioni, per avere libertà, giustizia e rispetto per i propri diritti per arrivare a parlare di pace, è invece quello che oggi chiedono i giovani palestinesi, in Palestina e in Israele.

Ora più che mai sentono che il tempo è loro nemico e che l’occupazione li sta strangolando. E si sa, chi si sente afferrato alla gola non può che reagire scalciando violentemente per liberarsi dalla presa e non soccombere per la mancanza di ossigeno.

Se questa sia una terza intifada o meno poco importa, non è importante darle un nome, è importante capirne il messaggio: la politica a tutti i livelli e per ragioni diverse ha fallito, ha lasciato le persone indifese e gli individui devono far cambiare la politica.

Questo messaggio sembra essere arrivato anche ai palestinesi cittadini d’Israele e agli arabi israeliani che hanno indetto uno sciopero generale e in circa 200,000 hanno dimostrato a Sakhnin, nel nord di Israele, in solidarietà con i palestinesi sotto occupazione. A questa specifica manifestazione avrebbero dovuto aggiungersi gli ebrei israeliani, in quanto vittime della manipolazione e delle politiche coloniali israeliane.

Dovremmo tutti riempire le strade delle capitali europee, di New York, di Pechino, fare come a Santiago del Cile, avere il coraggio di esigere dai nostri politici di smetterla con l’ipocrisia di considerare le parti del conflitto israelo-palestinese come duellanti ad armi pari e di riconoscere che Israele detiene le chiavi per la soluzione di questo conflitto, che non è né religioso né lotta al terrorismo, ma un regime coloniale e razzista camuffato da occupazione militare. Riprendiamoci anche noi, come stanno facendo i giovani palestinesi il potere nelle nostre mani e facciamo sentire la nostra voce di dissenso nei confronti dei nostri stati per la loro connivenza con i crimini commessi da Israele.

DOBBIAMO FAR IN MODO CHE LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE SIA COSTRETTA A MANDARE UN SEGNALE FORTE, ASSORDANTE, CHE FACCIA SENTIRE ISRAELE A DISAGIO CON IL RESTO DEGLI ALLEATI DI SEMPRE. NON È QUESTO CHE SI FA ANCHE CON UN AMICO QUANDO, DOPO RIPETUTE RIMOSTRANZE, CONTINUA DRITTO PER LA SUA STRADA? AD UN CERTO PUNTO LO SI ALLONTANA PER INCORAGGIARLO A RIFLETTERE E CAMBIARE ATTEGGIAMENTO.

E allora abbiamo il dovere di chiedere che i nostri stati cessino di fornire armi ad Israele, di puntare il dito ogni volta che la nostra politica estera filo-israeliana contribuisce a rafforzare l’occupazione, di rifiutarci di vedere nei nostri supermercati prodotti delle colonie israeliane in Palestina. Se alzassimo la testa e facessimo sentire la nostra voce e il nostro appoggio aiuteremmo questi giovani palestinesi a non dubitare che “Esistere è Resistere”, insieme.

La terza intifada, per quelli che vogliono chiamarla in questo modo, è una lotta a mani nude per la libertà e contro l’oppressione, che dovrebbe andare oltre i confini della Palestina, per dare a tutti noi di nuovo il coraggio di prendere in mano una pietra per scagliarla contro il muro d’indifferenza dei nostri politici, per far valere i nostri diritti.

thanks to: Grazia Careccia

qcodemag.it