Are Jews White?

In his latest radio segment Rabbi Yaakov Shapiro brings down compelling arguments on the topic “Are Jews White?”.
Here is a summary of the Rabbi’s show. In case you missed it you can listen to the recording below.

Tune in December 22nd from 9:30-10pm to Rabbi Shapiro’s latest segment “Is Jerusalem the Jewish Capital?” live on WSNR 620 AM or by calling 616-597-1984.

“Are Jews White?” with Rabbi Yaakov Shapiro

Recently, in Texas, a “Rabbi” representing Hillel (a Zionistic Jewish campus organization) lost an argument with a Neo-Nazi… about Judaism. Richard Spencer, the leader of the National Policy Institute (a USA-based white supremacist organization) was giving a speech about his desire for the United States to become a white supremacist nation, one that excludes Black people, Jews, Mexicans, and any other racial minority.

The “Rabbi” stood up in the middle of Spencer’s speech and said to him: “You are teaching radical exclusion, I teach radical inclusion, let’s learn Torah together.”. Spencer quickly replied: “Do you really want radical inclusion in the State of Israel? Be honest… Jews have continued to exist because of radical exclusion; they refused to intermarry with the gentiles. I respect that, you have a culture and that is what I want for my people (white people)”. The “Rabbi” stumbled and did not have a rebuttal for Spencer.

Basically what Richard Spencer argued was that the State of Israel does not want Jews to be a minority. They want to have a Jewish majority to keep their culture “pure”. If you believe that there should be a Jewish state in Israel then why can’t the white supremacists have a WASP (White, Anglo-Saxon, Protestant) state over here? The Jewish people are their model as they have succeeding in creating a State for themselves.

The “Rabbi” did not have an answer for Spencer. The next day he told reporters that he simply isn’t an experienced debater. He squashed his argument in 30 seconds- The Neo-Nazi destroyed the “Rabbi’s” argument using a coherent argument.

The Rabbi was not actually talking to the Neo-Nazi about Judaism- he was talking about Zionism. Jews and Nazis agree on one thing: Israel represents the Jews and the Jews are a religion/nation/race. What does Israel have to do with Torah Judaism? The Jews did not create the state, the Zionists did. Jews are members of a religion – Zionists are members of a political movement. When one of Rabbi Shapiro’s student’s was in law school, a professor said that in Israel they allow torture. A religious, Jewish student argued that torture is against Judaism. Everyone was confused and thought that Israeli law is Jewish law. It’s not.

Many articles have been written recently by various Zionists claiming that the Jewish people are not white- they are an ethnicity called Jewish. The truth is that Jews are not an ethnicity, you can’t convert to an ethnicity. Jews can be Black, White, Asian, etc. The Jewish people are only a people because of the Torah. If we didn’t have the Torah we wouldn’t be Jews. The only reason we exist as Jews is because of our religion. For thousands of years this is how the Jewish people understood themselves.

Then came the Zionists who said that the Jewish people are not a religion. They wanted to be atheists but we still want to be “Jews”. Herzl had an idea that in order to fix the Jews he will convert all the Jews to Christianity. He quickly realized that it was easier to assimilate then to stage a mass coversion. Assimilation didn’t work because the non-Jews persecuted them anyway, even though they weren’t religious. When the assimilated saw that it didn’t work, they came up with Plan-B: Zionism.

Zionism means that Jews are going to become a nation with a culture. However, Torah Jews don’t have a culture, there are all kinds of different Jewish cultures. Yemenite Jews, Hungarian Jews, Moroccan Jews, etc. We don’t even have a common language as most Jews do not speak biblical Hebrew. The only thing that we have in common is our religion. We don’t even have a common land as we are in exile.

The founders of Zionism created a language, which is a national characteristic (Ivrit) because they wanted to create a culture. They created a land- “Israel”. They rewrote Jewish history and said they are now the real Jews; the nation of Israel.

Many people (Zionists included) don’t realize that you can’t be an atheist Jew just like you can’t be an atheist Muslim or Christian. However, if you asked an atheist what makes you a Jew they may say “I’m a national Jew” – do you live in Israel “no” they what makes you a Jew? “Well I’m an ethnic Jew” but there are Chinese Jews. Jews have no ethnic characteristics. There are Zionists that say Judaism is a tribe. That can’t be though because tribal affiliations go by the father. But if that’s the case then why does Judaism go through the mother?

The Nazis also wanted the Jews to be a race, not a religion. Nazis are racist antisemites and they want to exclude Jews from their countries. They view them as an ethnic minority. The Zionists and the antisemites have common ground. They say that Judaism is a race. Torah authorities say that those who believe in Jewish Nationalism are idol worshippers. You could even eat kosher, put on tefillin, you are still an idol worshipper. It’s a terrible thing. The nazis where nationalists. We learned how horrible it is because of the Jews who were the victims of this. It is treason against the Jewish people and Hashem (G-d) to believe in Jewish nationalism. The Zionists rewrote history.

When the Zionists started their movement they changed the definition of Judaism. Unfortunately both the Rabbi in Texas and Neo-Nazi Richard Spencer believe in the concept as Jews as a nation.

At the end of the day this is what we have: this new neo-Nazi movement wants to take over the United States and exclude Jews and other minorities. Never mind that the movement is disgusting, the idea that Jews are not white, but are a specific nationality is a racist idea and a Zionist idea. Neo-Nazis quote that in the 1700’s, the beginning of the United States, only free white people were allowed to immigrate. They fail to mention that Jews were included in the founding fathers definition of free white people.

thanks to: True Torah Jews

Advertisements

THE ROLE OF ZIONISM IN THE HOLOCAUST

THE ROLE OF ZIONISM IN THE HOLOCAUST
Article by Rabbi Gedalya Liebermann – Australia
——————————————————————————–

“Spiritually and Physically Responsible “

From its’ inception, many rabbis warned of the potential dangers of Zionism and openly declared that all Jews loyal to G-d should stay away from it like one would from fire. They made their opinions clear to their congregants and to the general public. Their message was that Zionism is a chauvinistic racist phenomenon which has absolutely naught to do with Judaism. They publicly expressed that Zionism would definitely be detrimental to the well being of Jews and Gentiles and that its effects on the Jewish religion would be nothing other than destructive. Further, it would taint the reputation of Jewry as a whole and would cause utter confusion in the Jewish and non-Jewish communities. Judaism is a religion. Judaism is not a race or a nationality. That was and still remains the consensus amongst the rabbis.

We were given the Holy Land by G-d in order to be able to study and practice the Torah without disturbance and to attain levels of holiness difficult to attain outside of the Holy Land. We abused the privilege and we were expelled. That is exactly what all Jews say in their prayers on every Jewish festival, “Umipnay chatoenu golinu mayartsaynu” – “Because of our sins we were expelled from our land”.

We have been forsworn by G-d “not to enter the Holy Land as a body before the predestined time”, “not to rebel against the nations”, to be loyal citizens, not to do anything against the will of any nation or its honour, not to seek vengeance, discord, restitution or compensation; “not to leave exile ahead of time.” On the contrary; we have to be humble and accept the yoke of exile.

(Talmud Tractate Ksubos p. 111a).

To violate the oaths is not only a sin, it is a heresy because it is against the fundamentals of our Belief. Only through complete repentance will the Almighty alone, without any human effort or intervention, redeem us from exile. This will be after G-d will send the prophet Elijah and Moshiach who will induce all Jews to complete repentance. At that time there will be universal peace.

THE UNHEEDED CRY

All of the leading Jewish religious authorities of that era predicted great hardship to befall humanity generally and the Jewish People particularly, as a result of Zionism. To be a Jew means that either one is born to a Jewish mother or converts to the religion with the condition that he or she make no reservations with regard to Jewish Law. Unfortunately there are many Jews who have no inkling whatsoever as to the duties of a Jew. Many of them are not to blame, for in many cases they lacked a Jewish education and upbringing. But there are those who deliberately distort the teachings of our tradition to suit their personal needs. It is self understood that not just anyone has the right or the ability to make a decision regarding the philosophy or law of a religion. Especially matters in which that person has no qualification. It follows then that those individuals who “decided” that Judaism is a nationality are to be ignored and even criticized. It is no secret that the founders of Zionism had never studied Jewish Law nor did they express interest in our holy tradition. They openly defied Rabbinical authority and self-appointed themselves as leaders of the Jewish “nation”. In Jewish history, actions like those have always spelled disaster. To be a Jew and show open defiance of authority or to introduce “amendment” or “innovation” without first consulting with those officially appointed as Jewish spiritual leaders is the ideal equation to equal catastrophe. One can not just decide to “modernize” ancient traditions or regulations. The spiritual leaders of contemporary Judaism better known as Orthodox rabbis have received ordination to judge and interpret matters pertaining to the Jewish faith. These rabbis have received their rights and responsibilities and form a link in the unbroken chain of the Jewish tradition dating all the way back to Moses who received the Torah from Almighty G-d Himself. It was these very rabbis who, at the time of the formation of the Zionist movement, foresaw the pernicious outcome that was without a doubt lined up. It was a man possessing outstanding Judaic genius, and a level of uncontested holiness who enunciated the Jewish stance regarding Zionism.

This charismatic individual, the Rebbe of Satmar, Grand Rabbi Joel Teitelbaum, did not mince any words. Straight to the point he called Zionism “the work of Satan”, “a sacrilege” and “a blasphemy”. He forbade any participation with anything even remotely associated with Zionism and said that Zionism was bound to call the wrath of G-d upon His people. He maintained this stance with unwavering bravery from the onset of Zionism whilst he was still in Hungary up until his death in New York where he lead a congregation numbering in the hundreds of thousands. Grand Rabbi Teitelbaum, scion to a legacy of holy mystics and Hassidic Masters unfortunately had his prediction fulfilled. We lost more than six million of our brothers, sisters, sons and daughters in a very horrible manner. This, more than six million holy people had to experience as punishment for the Zionist stupidity. The Holocaust, he wept, was a direct result of Zionism, a punishment from G-d.

IT IS COMMON KNOWLEDGE THAT ALL THE SAGES AND SAINTS IN EUROPE AT THE TIME OF HITLER’S RISE DECLARED THAT HE WAS A MESSENGER OF DIVINE WRATH, SENT TO CHASTEN THE JEWS BECAUSE OF THE BITTER APOSTASY OF ZIONISM AGAINST THE BELIEF IN THE EVENTUAL MESSIANIC REDEMPTION.

But it doesn’t end there. It wasn’t enough for the Zionist leaders to have aroused the wrath of G-d. They made a point of displaying abysmal contempt for their Jewish brothers and sisters by actively participating in their extermination. Just the idea alone of Zionism, which the rabbis had informed them would cause havoc, was not enough for them. They made an effort to pour fuel on an already burning flame. They had to incite the Angel of Death, Adolf Hitler. They took the liberty of telling the world that they represented World Jewry. Who appointed these individuals as leaders of the Jewish People?? It is no secret that these so-called “leaders” were ignoramuses when it came to Judaism. Atheists and racists too. These are the “statesmen” who organized the irresponsible boycott against Germany in 1933. This boycott hurt Germany like a fly attacking an elephant – but it brought calamity upon the Jews of Europe. At a time when America and England were at peace with the mad-dog Hitler, the Zionist “statesmen” forsook the only plausible method of political amenability; and with their boycott incensed the leader of Germany to a frenzy. Genocide began, but these people, if they can really be classified as members of the human race, sat back.

“No Shame”

President Roosevelt convened the Evian conference July 6-15 1938, to deal with the Jewish refugee problem. The Jewish Agency delegation headed by Golda Meir (Meirson) ignored a German offer to allow Jews to emigrate to other countries for $250 a head, and the Zionists made no effort to influence the United States and the 32 other countries attending the conference to allow immigration of German and Austrian Jews. [Source]

On Feb 1, 1940 Henry Montor executive vice-President of the United Jewish Appeal refused to intervene for a shipload of Jewish refugees stranded on the Danube river, stating that “Palestine cannot be flooded with… old people or with undesirables.” [Source]

Read “The Millions That Could Have Been Saved” by I.DombIt is an historical fact that in 1941 and again in 1942, the German Gestapo offered all European Jews transit to Spain, if they would relinquish all their property in Germany and Occupied France; on condition that: a) none of the deportees travel from Spain to Palestine; and b) all the deportees be transported from Spain to the USA or British colonies, and there to remain; with entry visas to be arranged by the Jews living there; and c) $1000.00 ransom for each family to be furnished by the Agency, payable upon the arrival of the family at the Spanish border at the rate of 1000 families daily.

The Zionist leaders in Switzerland and Turkey received this offer with the clear understanding that the exclusion of Palestine as a destination for the deportees was based on an agreement between the Gestapo and the Mufti.

The answer of the Zionist leaders was negative, with the following comments: a) ONLY Palestine would be considered as a destination for the deportees. b) The European Jews must accede to suffering and death greater in measure than the other nations, in order that the victorious allies agree to a “Jewish State” at the end of the war. c) No ransom will be paid This response to the Gestapo’s offer was made with the full knowledge that the alternative to this offer was the gas chamber.

These treacherous Zionist leaders betrayed their own flesh and blood. Zionism was never an option for Jewish salvation. Quite the opposite, it was a formula for human beings to be used as pawns for the power trip of several desperadoes. A perfidy! A betrayal beyond description!

In 1944, at the time of the Hungarian deportations, a similar offer was made, whereby all Hungarian Jewry could be saved. The same Zionist hierarchy again refused this offer (after the gas chambers had already taken a toll of millions).

The British government granted visas to 300 rabbis and their families to the Colony of Mauritius, with passage for the evacuees through Turkey. The “Jewish Agency” leaders sabotaged this plan with the observation that the plan was disloyal to Palestine, and the 300 rabbis and their families should be gassed.

On December 17, 1942 both houses of the British Parliament declared its readiness to find temporary refuge for endangered persons. The British Parliament proposed to evacuate 500,000 Jews from Europe, and resettle them in British colonies, as a part of diplomatic negotiations with Germany. This motion received within two weeks a total of 277 Parliamentary signatures. On Jan. 27, when the next steps were being pursued by over 100 M.P.’s and Lords, a spokesman for the Zionists announced that the Jews would oppose the motion because Palestine was omitted. [Source]

On Feb. 16, 1943 Roumania offered 70,000 Jewish refugees of the Trans-Dniestria to leave at the cost of $50 each. This was publicized in the New York papers. Yitzhak Greenbaum, Chairman of the Rescue Committee of the Jewish Agency, addressing the Zionist Executive Council in Tel Aviv Feb. 18 1943 said, “when they asked me, “couldn’t you give money out of the United Jewish Appeal funds for the rescue of Jews in Europe, I said NO! and I say again, NO!…one should resist this wave which pushes the Zionist activities to secondary importance.” On Feb. 24, 1943 Stephen Wise, President of the American Jewish Congress and leader of the American Zionists issued a public refusal to this offer and declared no collection of funds would seem justified. In 1944, the Emergency Committee to Save the Jewish People called upon the American government to establish a War Refugee Board. Stephen Wise testifying before a special committee of Congress objected to this proposal. [Source]

During the course of the negotiations mentioned above, Chaim Weizman, the first “Jewish statesman” stated: “The most valuable part of the Jewish nation is already in Palestine, and those Jews living outside Palestine are not too important”. Weizman’s cohort, Greenbaum, amplified this statement with the observation “One cow in Palestine is worth more than all the Jews in Europe”.

And then, after the bitterest episode in Jewish history, these Zionist “statesmen” lured the broken refugees in the DP camps to remain in hunger and deprivation, and to refuse relocation to any place but Palestine; only for the purpose of building their State.

In 1947 Congressman William Stration sponsored a bill to immediately grant entry to the United States of 400,000 displaced persons. The bill was not passed after it was publicly denounced by the Zionist leadership. [Source]

These facts are read with consternation and unbearable shame. How can it be explained that at a time during the last phase of the war, when the Nazis were willing to barter Jews for money, partly because of their desires to establish contact with the Western powers which, they believed, were under Jewish influence, how was it possible one asks that the self-proclaimed “Jewish leaders” did not move heaven and earth to save the last remnant of their brothers?

On Feb. 23, 1956 the Hon. J. W. Pickersgill, Minister for Immigration was asked in the Canadian House of Commons “would he open the doors of Canada to Jewish refugees”. He replied “the government has made no progress in that direction because the government of Israel….does not wish us to do so”. [Source]

In 1972, the Zionist leadership successfully opposed an effort in the United States Congress to allow 20,000-30,000 Russian refugees to enter the United States. Jewish relief organizations, Joint and HIAS, were being pressured to abandon these refugees in Vienna, Rome and other Europiean cities. [Source]
The pattern is clear!!! Humanitarian rescue efforts are subverted to narrow Zionist interests.

There were many more shocking crimes committed by these abject degenerates known as “Jewish statesmen”, we could list many more example, but for the time being let anyone produce a valid excuse for the above facts.

Zionist responsibility for the Holocaust is threefold.

1. The Holocaust was a punishment for disrespecting The Three Oaths (see Talmud, Tractate Kesubos p. 111a).

2. Zionist leaders openly withheld support, both financially and otherwise, to save their fellow brothers and sisters from a cruel death.

3. The leaders of the Zionist movement cooperated with Hitler and his cohorts on many occasions and in many ways.

Zionists Offer a Military Alliance with Hitler

It would be wishful thinking if it could be stated that the leaders of the Zionist movement sat back and ignored the plight of their dying brothers and sisters. Not only did they publicly refuse to assist in their rescue, but they actively participated with Hitler and the Nazi regime. Early in 1935, a passenger ship bound for Haifa in Palestine left the German port of Bremerhaven. Its stern bore the Hebrew letter for its name, “Tel Aviv”, while a swastika banner fluttered from the mast. And although the ship was Zionist owned, its captain was a National Socialist Party (Nazi) member. Many years later a traveler aboard the ship recalled this symbolic combination as a “metaphysical absurdity”. Absurd or not, this is but one vignette from a little-known chapter of history: The wide ranging collaboration between Zionism and Hitler’s Third Reich. In early January 1941 a small but important Zionist organization submitted a formal proposal to German diplomats in Beirut for a military-political alliance with wartime Germany. The offer was made by the radical underground “Fighters for the Freedom of Israel”, better known as the Lehi or Stern Gang. Its leader, Avraham Stern, had recently broken with the radical nationalist “National Military Organization” (Irgun Zvai Leumi – Etzel) over the group’s attitude toward Britain, which had effectively banned further Jewish settlement of Palestine. Stern regarded Britain as the main enemy of Zionism.

This remarkable proposal “for the solution of the Jewish question in Europe and the active participation on the NMO [Lehi] in the war on the side of Germany” is worth quoting at some length:

“The NMO which is very familiar with the goodwill of the German Reich government and its officials towards Zionist activities within Germany and the Zionist emigration program takes the view that: 1.Common interests can exist between a European New Order based on the German concept and the true national aspirations of the Jewish people as embodied by the NMO. 2.Cooperation is possible between the New Germany and a renewed, folkish-national Jewry. 3.The establishment of the Jewish state on a national and totalitarian basis, and bound by treaty, with the German Reich, would be in the interest of maintaining and strengthening the future German position of power in the Near East.

“On the basis of these considerations, and upon the condition that the German Reich government recognize the national aspirations of the Israel Freedom Movement mentioned above, the NMO in Palestine offers to actively take part in the war on the side of Germany.

“This offer by the NMO could include military, political and informational activity within Palestine and, after certain organizational measures, outside as well. Along with this the “Jewish” men of Europe would be militarily trained and organized in military units under the leadership and command of the NMO. They would take part in combat operations for the purpose of conquering Palestine, should such a front be formed.

“The indirect participation of the Israel Freedom Movement in the New Order of Europe, already in the preparatory stage, combined with a positive-radical solution of the European-Jewish problem on the basis of the national aspirations of the Jewish people mentioned above, would greatly strengthen the moral foundation of the New Order in the eyes of all humanity.

“The cooperation of the Israel Freedom Movement would also be consistent with a recent speech by the German Reich Chancellor, in which Hitler stressed that he would utilize any combination and coalition in order to isolate and defeat England”.

(Original document in German Auswertiges Amt Archiv, Bestand 47-59, E224152 and E234155-58. Complete original text published in: David Yisraeli, The Palestinian Problem in German Politics 1889-1945 (Israel: 1947) pp. 315-317).

On the basis of their similar ideologies about ethnicity and nationhood, National Socialists and Zionists worked together for what each group believed was in its own national interests.

This is just one example of the Zionist movements’ collaboration with Hitler for the purpose of possibly receiving jurisdiction over a minute piece of earth, Palestine.

And to top it all up, brainwashing!

How far this unbelievable Zionist conspiracy has captured the Jewish masses, and how impossible it is for any different thought to penetrate their minds, even to the point of mere evaluation, can be seen in the vehemence of the reaction to any reproach. With blinded eyes and closed ears, any voice raised in protest and accusation is immediately suppressed and deafened by the thousandfold cry: “Traitor,” “Enemy of the Jewish People.”

Source for paragraphs marked “[Source]”: The Wall Street Journal December 2, 1976

The data presented on this page was prepared by AJAZ.

thanks to: True Torah Jews

Gli ebrei odiano Israele

2017-06-24-01-29-44

Nel cuore di Gerusalemme esistono ebrei che non riconoscono lo stato di Israele, che si rifiutano di servire nell’esercito e che considerano il sionismo una ideologia perversa, supportano attivamente la causa palestinese e si rifiutano di pregare al Muro del Pianto. Sono i Neturei Karta, letteralmente “I Difensori della Città”. Raramente capita di vederli al di fuori della loro roccaforte: il quartiere ebraico ultra-ortodosso di Mea Shearim. Ufficialmente a nessuno è impedito l’ingresso, ma più mi addentro nel quartiere più i volti si fanno sospettosi, gli sguardi sempre più ostili, qualcuno mi urla qualcosa in Yiddish (gli ebrei anti-sionisti si rifiutano di parlare in Ebraico, lingua che utlizzano soltanto per pregare). I Neturei Karta rappresentano soltanto una piccola percentuale all’interno della galassia ultra-ortodossa presente in Israele, ma senz’altro sono tra quelli che negli ultimi anni hanno ottenuto maggiore visibilità. Molti di loro collaborano e hanno contatti diretti con esponenti di Hamas e Hezbollah oltre che aver supportato alcune delle teorie negazioniste dell’ex-presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. A Mea Shearim i soldati dell’esercito israeliano sono il nemico numero uno. Sono palestinesi infatti le uniche bandiere che sventolano appese ai balconi, sulle porte delle case fatiscenti la scritta in inglese “Jews are not Zionists”. All’interno della variegata società israeliana la comunità ultra-ortodossa inizia a rappresentare un serio problema per lo stato. Essi infatti non svolgono nessuna attività lavorativa e occupano le loro giornate studiando testi religiosi ma ricevono comunque sussidi da uno stato che non riconoscono. Oltre a questo evidente paradosso, che ha scatento contro di loro le ire degli strati più laici della popolazione, il numero degli haredi sta aumentando esponenzialmente. Secondo un recente studio, condotto dal centro israeliano di statistica, la media di figli per donna all’interno della comunità ultra-ortodossa ha raggiunto quota 7.5. IMG_20170624_092855_673 A Mea Shearim gli Haredi non possiedono computer né televisioni, non conoscono nulla di ciò che accade nel mondo. Quello che sanno lo apprendono tramite i pashkevilim, i grandi manifesti informativi che tappezzano i muri del quartiere. Alcuni di questi, firmati proprio dal movimento Neturei Karta invitano i giovani Haredi a “colpire” (senza specificare come) le donne soldato. Rav Meir Hirsch, il loro leader ci accoglie in casa con un sorriso nascosto dalla folta barba bianca. Porta un lungo abito nero, un cappello nero e una spilla con la bandiera palestinese appuntata sul petto. Rabbino Hirsch, chi sono i Neturei Karta? Il Movimento Neturei Karta è nato ufficialmente nel 1935 ma in realtà l’ideologia antisionista è iniziata già nel 1917 quanto fu siglata la dichiarazione di Balfour. Gli ebrei ortodossi di Gerusalemme si opposero strenuamente alla dichiarazione di Balfour perchè la creazione di uno stato ebraico avrebbe messo in pericolo l’ebraismo ortodosso (e la venuta del messia ndr). Nel 1935, mio nonno Aharon Katzenellenbogen fondò il movimento Neturei Karta. Neturei Karta è una parola in aramaico, significa “difensori della città”. Difendere la città dal sionismo dilagante. Per fare questo non usiamo armi. La nostra è una difesa ideologica. Con quali modalità portate avanti questa lotta? Lo facciamo tramite eventi pubblici, conferenze, manifestazioni, e incontri insieme a diversi leader politici nel mondo. Vogliamo che a tutti risulti chiaro ed evidente che il sionismo e l’ebraismo sono due idee opposte e contrarie. Qual’è la differenza fondamentale tra voi e gli altri ebrei haredi? In generale tutti gli Haredi sono contrari al sionismo, ma i Neturei Karta pensano che sia indispensabile agire attivamente contro questo male. Questa è la vera grande differenza. Alcuni Haredim però hanno creato un partito (lo SHAS ndr.) per dare una rappresentanza politica a queste idee. Cosa pensa di questa iniziativa? Siccome Israele ormai esiste, alcuni Haredim pensano che sia giusto combatterlo dall’interno. Noi siamo totalmente contro ogni forma di collaborazione politica col governo sionista. Non prendiamo soldi e non partecipiamo alle elezioni del parlamento. Non parliamo nella loro lingua, non serviamo sotto il loro esercito. Da parte nostra non facciamo nulla che possa legittimare l’esistenza di uno stato sionista. Quindi voi non prendete soldi dal governo come invece fanno altri haredi? Assolutamente no! non prendiamo nulla. E allora come fate a sopravvivere? Se non lavorate, con quali attività riuscite a mantenervi? Mandiamo persone a raccogliere fondi nei paesi stranieri. Esistono diverse personalità molto ricche all’estero che ci appoggiano. In questo modo riusciamo a sopravvivere. 2017-06-24-01-28-00 Quali sono i fondamenti teologici del vostro pensiero? È scritto nel Talmud in Ketubot nel foglio 111: Dio fece giurare al popolo ebraico che durante la diaspora non avrebbero sovvertito l’ordine delle nazioni del mondo. In alcun modo avrebbero creato un nuovo stato. La vera Israele verrà ricostituita soltanto quando arriverà il Messia. Non si può in nessun modo accelerare la sua venuta. Per questo noi siamo contrari al sionismo, è la Torah stessa ad essere contraria. Il sionismo non viene per unire, ma per strappare il popolo ebraico dalle sue radici profonde e trasformarlo in un nuovo popolo diverso da quello originale. Un nuovo popolo che non ha nulla a che fare con le sue radici religiose. Voi siete acerrimi nemici dell’esercito e contrastate in maniera molto forte la leva obbligatoria. Il governo però ha varato nuove leggi che agevolano l’ingresso degli ultra-ortodossi nelle forze armate. Molti giovani haredi iniziano ad arruolarsi… Per quanto riguarda l’arruolamento recente di alcuni haredi posso dirti che per noi chiunque si arruola diventa automaticamente un laico. Ti posso assicurare che non vi è alcun Haredi nell’esercito. Non sono Haredi, nemmeno se pregano e digiunano. Anche se porta i Peyot e gli TziTzit (i boccoli laterali e l’abito con le frange, tipici degli ebrei più ortodossi, ndr.), questo non fa di lui un ebreo credente. Quali sono i vostri rapporti con i movimenti palestinesi? Oggi sembra che tra Fatah e Hamas si sia ormai arrivati allo scontro aperto, voi da che parte vi schierate? Noi non siamo un ente politico ma un’entità ideologica. Per questo siamo in contatto sia con Hamas che con Fatah, non giudichiamo le loro questioni interne, ci interessa la lotta comune che portiamo avanti contro Israele seppur con diverse modalità. Noi supportiamo attivamente la battaglia dei palestinesi per la liberazione di questa terra. Noi stessi ci sentiamo a tutti gli effetti palestinesi. Riteniamo che il sionismo non abbia alcun diritto di governare su questa terra. L’idea di due stati per noi non ha nessun senso. Deve esserci una sola Palestina per entrambi i popoli. Voi ritenete che la Shoah sia stata architettata dai sionisti? Oggi se provate ad andare allo Yad Vashem vi raccontano che sionisti hanno salvato il popolo ebraico. Mentre invece hanno collaborato per sterminare parte del loro stesso popolo. Il leader dei sionisti ungheresi quando iniziò l’Olocausto disse: “Solo con il sangue potremo avere un nostro stato. Quanti più ebrei verranno uccisi nella Shoah, tanto più sarà facile ottenere uno stato”. E poi aggiunse “una vacca sul suolo israeliano per noi vale più di 1000 ebrei in Ungheria”. Queste sono accuse molto forti. Molto simili a quelle espresse dall’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. Che cosa risponde a chi vi accusa di negazionismo? Bisogna innanzitutto dire una cosa: gli iraniani non hanno mai negato che la Shoah sia avvenuta. Noi anni fa organizzammo una conferenza insieme con le autorità iraniane per analizzare l’Olocausto in maniera critica. Sono stati i sionisti a dire che la conferenza aveva il solo scopo di negare l’Olocausto. Questa è l’unica vera arma che i sionisti possono usare contro gli iraniani per metterli in cattiva luce agli occhi del mondo: accusarli di negazionismo. La cosa che fa sorridere è che in Iran oggi abitano più di 30.000 ebrei che hanno un uguaglianza completa nei diritti. Anche più dei musulmani! Ha subito qualche pressione o minaccia da parte dello stato a causa di queste sue idee estreme? Sempre! Sono anni che vengo sorvegliato e minacciato. Dopotutto, io e gli altri Neturei Karta siamo in guerra contro lo stato Sionista. Passando all’attualità. Qual’è l’idea che vi siete fatti della situazione oggi in medio oriente anche rispetto alla Guerra in Siria e al terrorismo? Sono stati i sionisti a creare il problema dell’odio anti-ebraico nel mondo musulmano. La verità è sono loro il primo gruppo terrorista del medio oriente. Chi conosce un po’ di storia sa che coloro che per primi hanno sviluppato l’idea del terrore sono stati proprio i sionisti. Durante il mandato britannico hanno messo delle bombe al King David Hotel e compiuto numerosi attentati. E poi parlano degli arabi come fossero terroristi! Loro sono stati i maestri del terrorismo! Hanno insegnato al mondo come si fa il terrorismo! Come quando nel 1948 hanno preso i bambini palestinesi di Deir Yassin e li hanno trucidati nei modi più orrendi. Ma la situazione oggi è ben diversa dall’epoca del mandato… Assolutamente no! Oggi la cosa si è solo istituzionalizzata anche grazie al supporto degli Stati Uniti che forniscono ai sionisti le armi più sviluppate e micidiali per continuare a fare terrorismo in tutto il mondo ma in modo diplomatico. Allora sono tutti terroristi, sia i sionisti che i palestinesi che accoltellano civili e militari qui a Gerusalemme… Noi condanniamo sempre gli atti di violenza, ma riteniamo che i palestinesi non siano “terroristi”, per noi sono combattenti per la libertà. 2017-06-24-01-45-16 Cosa pensa invece della situazione dei cristiani perseguitati in medio oriente? Crede che anche dietro questo odio ci sia una macchinazione sionista? Non ho nessun dubbio che si tratti di una invenzione sionista e americana. Per raggiungere i loro obiettivi gli israeliani vogliono mettere gli uni contro gli altri. Vogliono creare una Guerra di religione che non esiste. Ma nel Corano esistono passaggi in cui è evidente l’odio verso I cristiani e verso gli ebrei… Questo non è vero! Ho letto il Corano e non esiste nessun versetto in cui si dice questo. Non c’è scritto nulla contro ebrei e cristiani. È previsto che paghino una tassa in quanto “popoli del Libro” ma non c’è scritto da nessuna parte che tutti devono convertirsi all’Islam. Riesce a prevedere una fine al conflitto tra Israele e Palestina? Secondo lei in quale modo avverrà questo? Io l’ho anche scritto al segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon. Per prima cosa l’ONU deve inviare qui un contingente internazionale che protegga I diritti del popolo palestinese contro l’occupazione sionista. Ma se si vuole essere razionali non bisogna coprirsi gli occhi e dire che va tuto bene. Bisogna a tutti I costi eliminare il governo sionista e riconsegnare la terra ai suoi legittimi proprietari cioè I palestinesi. Questa è la vera soluzione. In che modo pensa che si debba eliminare il governo sionista? Non avete detto di essere contro la violenza? Non serve la violenza! L’ONU deve cancellare la risoluzione con cui ha permesso la creazione dello stato di Israele. È come quando si fa un contratto…se posso fare una firma posso anche cancellarla. Gli ebrei che vivono qui potranno tranquillamente vivere insieme ai palestinesi come prima della creazione dello stato ebraico. Come può pensare che questo sia possibile? Certo che è possibile, il problema è che il mondo non guarda o non vuole vedere quello che avviene in Palestina. Il mondo parla, parla e non agisce. Nessuno fa nulla di concreto per risolvere questo problema. Ultima domanda. Lei non ha mai visto il muro del tempio pur abitando a poche centinaia di metri questo. Quanto desidera andare a pregare nel luogo simbolo del giudaismo? Moltissimo! Ma per via dell’occupazione non posso farlo. Quando qualcuno prega al muro del Tempio dovrebbe provare gratitudine. Io non posso provare questo sentimento, non posso dire grazie a chi ha occupato il mio paese.

thanks to: GLI OCCHI DELLA GUERRA

Jewish vigilantes jailed over Paris attack on Gaza fundraising event

Six members of Jewish Defence League participated in ‘lynching’ of two men and chanted ‘Death to Arabs’ during 2009 assaults

PARIS – Six Jewish vigilantes were jailed in Paris on Friday over a “savage gang attack” targeting attendees at a fundraising event for Gaza in 2009.

The defendants used iron bars, baseball bats and bike chains in the onslaught, in which they deliberately targeted anybody who looked like a Muslim.

Among their victims was a 22-year-old singer who suffered a “lynching” by the 20-strong mob who chanted “Death to Arabs” and “Long live Israel!”

All were leading members of the Jewish Defence League (JDL), a notorious vigilante group that is outlawed in both America and Israel because of its links with terrorism.

Despite this, the JDL is allowed to demonstrate openly in France, and its yellow and black clenched fist flags are regularly seen at events across the country. 

A court in the French capital heard how all six had beaten up Hatem Essabbak and Mustapha Belkhir outside a Paris theatre in April 2009.

The case is considered one of the most sensitive in recent legal history, because of the way it illustrates how the Israel-Palestine conflict has been exported to the streets of major French cities. 

No less than five examining judges were involved in the Paris enquiry, with four resigning one after the other because of the intense pressure. 

The six men found guilty of carrying out aggravated violent assaults were Jason Tibi, Rudy Lalou, Azar Cohen, Maxime Schaffier, Yoia Bensimou, and Yoni Sulman.

Other JDL gang members are said to have fled to Israel to avoid prosecution, while Tibi has admitted serving in the Israeli army while waiting for his case to come to court. At least two of those convicted today have since fled to Israel.

A damning verdict reads: “The facts of this case illustrate how the violence was aggravated by victims being targeted because of their race and religion.”

Dominique Cochain, Essabbak’s barrister, said: “Normally, this type of case is dealt with within three months. It has to be said that this is a very sensitive issue.”

Essabbak, a 22-year-old singer at the time, was with his girlfriend outside the Adyar Theatre, close to the Eiffel Tower, on Sunday 12 April, 2009.

Both were taking part in Our Talents for Gaza – a showbiz event raising money for the surviving families of more than 1,400 Palestinians, including 400 children, killed by Israeli forces during an offensive a few weeks before.

Essabbak was surrounded by the JDL men who used iron bars, bats, bike chains, crash helmets and fists in the “unprovoked lynching,” the court heard.

Essabbak said: “I was repeatedly hit in the face, around the head, and on both legs. I then fell to the ground, and was hit again around the head. They carried on until they saw I wasn’t moving. My life stopped on 12 April, 2009.” 

Mustapha Belkhir went to help Essabbak and was also badly beaten up. Both men ended up in hospital.

Witnesses heard the attackers shouting: “Have this, it’s for Gaza, you dirty Arab,” and “Us Jews are going to f*** you, you dirty race.”

Most of the JDL members had their faces covered, but their mobile phones were later traced to the scene of the attack.

Tibi – who was described in court as the leader of the group – at first denied any knowledge of the attacks, but admitted taking part when confronted with evidence.

Tibi and and Sulman received two-year sentences, while the others were handed sentences of between nine months and a year.

Beyond the theatre attack, 27-year-old Tibi has a previous prison conviction for smashing up a Palestinian book shop in Paris, and has been filmed fighting in Marseille. 

Cochain told the court: “The evidence is that Mr Tibi has not changed. Videos on Google show that in 2011 he disrupted a pro-Palestine meeting in the 14th arrondissement of Paris, accompanied by JDL members, and wanted to stop debate.

“They were shouting slogans like ‘F*** Palestine’. He was also in Marseille in June 2011 to protest against the Gaza flotilla taking supplies to the blockaded Palestinian territory. His face was covered in blood and he was saying ‘I’m here to protest’, ‘Israel will live, Israel will vanquish.’”

The JDL is regularly involved in attacks on pro-Palestine activists, politicians, journalists and other perceived enemies across France.

There have been numerous calls to ban the JDL in France, with Interior Minister Bernard Cazeneuve condemning their behaviour as “excessive”.

Sorgente: Jewish vigilantes jailed over Paris attack on Gaza fundraising event | Middle East Eye

Netanyahu è “l’uomo giusto” per parlare dell’Iran davanti al Congresso

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese, Tedesco

Netanyahu è “l’uomo giusto” per parlare dell’Iran davanti al Congresso
Il premier israeliano durante una conferenza (Foto di Promosaik)

Global Research, 3 marzo 2015

Prof. Yakov M. Rabkin, professore di storia all’università di Montreal

Il premier israeliano è perfettamente adatto per spiegare al Congresso il presunto pericolo del potere nucleare iraniano. Dopo tutto, è stato Israele insieme ai suoi alleati di Washington ad inventare questa questione fin dall’inizio. Ora tocca a Netanyahu tentare di dar credito a quell’affermazione, sebbene persino i servizi segreti americani, europei e israeliani non siano d’accordo sul fatto che l’Iran starebbe cercando di produrre armi nucleari. Alcuni forse si ricordano che le asserzioni secondo cui l’Iraq possederebbe armi di distruzione di massa erano provenute in gran parte dalle stesse fonti, vicine al partito israeliano di destra Likud.

Il lavoro di lobby del partito Likud ha fomentato in modo determinante la campagna contro l’Iran. Infatti, in occasione dell’incontro dell’AIPAC nella primavera del 2006, l’Iran è stato particolarmente preso di mira, grandi schermi che alternavano immagini di Adolf Hitler che denunciava gli ebrei e poi del Presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad che minacciava di “cancellare Israele dalla faccia della terra”. Lo show terminava con uno sbiadito augurio post-olocausto “mai più”. In pochi mesi la lobby ha distribuito ben 13.000 cartelle stampa solo tra i giornalisti statunitensi per fissare bene nelle teste dei media queste immagini cariche di pathos.

I leader iraniani sono stati continuamente raffigurati come gente che nega l’olocausto e che minaccia di cancellare Israele dalla faccia della terra. Queste due affermazioni sono state pubblicate in migliaia di giornali: l’Iran è uno stato ambiguo e una minaccia per la pace mondiale. Sono state persino usate per imporre le sanzioni occidentali contro l’Iran che avrebbe tentato di produrre armi nucleari. Milioni di iraniani soffrono a causa di queste sanzioni e ancora più persone in Iran soffrirebbero un intervento militare che per Tel Aviv e Washington non è ancora escluso. Ecco perché si devono analizzare in dettaglio queste affermazioni secondo cui i governanti iraniani sarebbero degli antisemiti accaniti.
La questione del programma nucleare iraniano richiede un’analisi razionale. La correlazione tra Israele/sionismo ed ebrei/ebraismo ha soffocato da tempo il dibattito razionale sul Medio Oriente. I critici di Israele, ebrei e non, vengono regolarmente accusati di antisemitismo. Tali accuse hanno iniziato a influenzare ampiamente le relazioni internazionali. E la “bomba atomica iraniana” ne è un esempio. Netanyahu giunge a Washington, fingendo di parlare nel nome del popolo ebraico mondiale invece che quale rappresentante eletto dai cittadini di Israele, un terzo dei quali non sono neppure ebrei.

La negazione dell’olocausto

Tra i partecipanti alla conferenza internazionale sull’Olocausto, organizzata dall’ex-presidente iraniano quasi dieci anni fa, figuravano alcuni noti “negatori” dell’Olocausto e anche un gruppetto di ebrei ortodossi in abiti neri che raccontavano del massacro nazista contro i loro parenti. È di poco interesse pratico dibattere sul fatto se Ahmadinejad neghi la veridicità dell’Olocausto o meno, visto che oramai non detiene più il potere. Ma ci si potrebbe meravigliare per quale motivo tendiamo a considerare la negazione dell’Olocausto una questione talmente grave. Infatti, un “negatore” del massacro di centinaia di migliaia di ebrei in Ucraina nel 17esimo secolo o dell’espulsione degli ebrei dalla Spagna nel 15esimo passerebbe quasi del tutto inosservato. A rendere unico l’Olocausto, non sono solo la sua immediatezza e la sua ampiezza, ma anche le manipolazioni sioniste della sua memoria.
I leader iraniani non erano stati i primi a denunciare il prezzo che l’establishment israeliano ha estorto ai palestinesi (musulmani, cristiani e anche alcuni ebrei), costretti a pagare per un crimine commesso in Europa, da nazisti europei, contro ebrei europei. Per quanto possa valere quest’obiezione, essa non equivale ad una negazione dell’Olocausto, ma piuttosto ad un’obiezione contro l’uso di questa tragedia quale mezzo di legittimazione del fatto che il sionismo e Israele continuino ad espropriare i palestinesi.
Secondo Moshe Zimmermann, professore di storia tedesca e noto intellettuale israeliano, “la shoah viene spesso strumentalizzata. Cinicamente si può dire che la shoah è uno tra gli oggetti più utili per manipolare il pubblico e in particolare il popolo ebraico in Israele e all’estero. Nella politica israeliana la shoah viene usata per dimostrare che un ebreo disarmato equivale ad un ebreo morto”.

Gli usi politici del genocidio nazista sono comuni. Secondo l’ex ministro dell’educazione israeliano “l’olocausto non è una follia nazionale accaduta nel passato e ormai trascorsa, ma un’ideologia ancora presente, in quanto ancora oggi potrebbe succedere che il mondo legittimi dei crimini contro di noi”. Oltre a fornire a Israele una ragion d’essere alquanto persuasiva, l’olocausto ha anche dimostrato di essere un mezzo potente per sostenere Israele. Un parlamentare israeliano l’ha posta in questi termini diretti:

“Persino i migliori amici del popolo ebraico evitarono di offrire sostegno agli ebrei europei e volsero le spalle ai camini dei campi di sterminio … per questo tutto il mondo libero, in particolare in quest’epoca, deve dimostrare pentimento … offrendo sostegno diplomatico, difensivo ed economico a Israele”.

L’industria dell’olocausto di Norman Finkelstein documenta ampliamente come la memoria del genocidio nazista possa essere sfruttata a fini politici. Per decenni, l’olocausto ha svolto la funzione di strumento di persuasione nelle mani della politica estera israeliana al fine di soffocare qualsiasi critica e creare simpatia verso uno stato che si traveste dall’eroe collettivo di sei milioni di vittime. Netanyahu, nei suoi dibattiti pubblici sull’Iran, invoca regolarmente l’olocausto. Asserisce che l’ipotetica bomba atomica iraniana costituisca “una minaccia esistenziale”. Inoltre, in una conclusione priva di senso chiama Israele “l’unico luogo sicuro per gli ebrei”. All’indomani dei recenti attentati contro cittadini di origine ebraica a Parigi o Copenaghen, Netanyahu ha nuovamente invitato gli ebrei europei a lasciare i loro paesi per trasferirsi in Israele, loro “vera patria”. Le sue invettive su un “olocausto nucleare” sul fronte iraniano hanno gioco facile presso i suoi sostenitori, ma è difficile che rappresentino un’argomentazione razionale di politica estera.

Eliminare Israele dalla faccia della terra

Tanto inchiostro è stato versato anche su un’altra affermazione, secondo la quale l’Iran avrebbe dichiarato la propria intenzione di “eliminare Israele dalla faccia della terra”. Juan Cole e altri hanno dimostrato che si trattava di un errore di traduzione e che la parola “faccia della terra e/o carta geografica” non figurava nell’originale. Infatti si tratta di una citazione da una delle vecchie invettive anti-sioniste dell’Ayatollah Khomeini: Esrâ’il bâyad az sahneyeh roozégâr mahv shavad, che tradotta significa “Israele deve sparire dalla pagina del tempo”. Dopo questa storia inventata sulla “cancellazione di Israele dalla faccia della terra”, queste parole iniziarono a fare il giro del mondo, martellando per bene l’opinione pubblica. Infatti gli istigatori sionisti della campagna contro l’Iran le hanno usate fino alla noia. Un rapporto pubblicato di recente sull’Iran da parte del Centro degli Affari Pubblici di Gerusalemme, una fabbrica di pensiero sionista particolarmente attiva nella conduzione della campagna contro l’Iran, traduce correttamente la citazione di Khomeini, ma insiste comunque sul fatto che si tratti di un incitamento al “genocidio”. Quest’ultimo è diventato il termine favorito nelle recenti pubblicazioni sioniste: lo stesso rapporto fa riferimento al “genocidio fallito del 1948 da parte di diversi stati arabi e dei palestinesi contro Israele”.

I leader iraniani invece hanno ripetutamente richiesto di risolvere i problemi del mondo, inclusa la questione palestinese, con il dialogo. Hanno proposto tra l’altro “un referendum libero per istituire un governo basato sulla volontà della nazione palestinese, inclusi ebrei, cristiani e musulmani, in cui tutti abbiano diritto di voto”.

Nessuna di queste proposte sembra prevedere un intervento militare e non può essere interpretata come “minaccia esistenziale”. Ecco perché allora nei media comuni non interessa a nessuno: infatti le affermazioni moderate provenienti da Teheran non vale la pena pubblicarle.

I leader iraniani hanno anche affermato che “il regime sionista sarà eliminato quanto prima, come l’Unione Sovietica, e che l’umanità otterrà presto la libertà”. Come l’Unione Sovietica è stata disintegrata in modo pacifico, allo stesso modo anche Israele scomparirà in modo pacifico, cedendo al peso delle proprie contraddizioni interne. Visto che l’Unione Sovietica non è stata cancellata da una pioggia di bombe atomiche, l’Iran non suggerisce l’uso della forza neppure per smantellare Israele. Inoltre non avrebbe alcun senso vista l’estrema superiorità militare israeliana quale unica potenza nucleare regionale.

La richiesta di porre termine al sionismo non significa la distruzione di Israele e della sua popolazione. Secondo Jonathan Steel del Guardian non si tratta che di un “vago desiderio futuro”. Questo desiderio equivale ad una preghiera per “uno smantellamento pacifico dello stato sionista”, pronunciata regolarmente dai membri del gruppo antisionista ebraico Neturei Karta. Infatti la liturgia ebraica abbonda di prese di posizione alquanto aggressive nei confronti di chi non riconosce Dio o commette il male. Ad esempio nei servizi delle festività principali noi ebrei recitiamo la frase u’malkhut ha’rishaa kula ke’ashan tikhleh (e che il regno del male scompaia come il fumo). Il significato letterale significa annichilire o distruggere un intero paese, ma il vero significato di “regno del male” significa che ogni azione nefasta in ogni luogo verrà eliminata. Non si parla dunque di una persona in particolare e neppure di migliaia di persone innocenti.

Anche se milioni di ebrei recitano questa invocazione ogni anno, questo non significa la guerra atomica. Ma se volessimo demonizzare gli ebrei, potremmo usare quest’invocazione e trasformarla in un’accusa infondata secondo cui gli ebrei vorrebbero distruggere interi paesi. Alcuni israeliani laici hanno interpretato questa preghiera tradizionale quale invocazione alla distruzione della maggioranza secolare della popolazione ebraica in Israele. Per questo la tradizione ebraica rifiuta le interpretazioni letterali dei testi sacri e si rifà a quelle dei rabbini, anche se a volte molto inverosimili. I rabbini ad esempio interpretano unanimamente il principio biblico “occhio per occhio” quale obbligo di pagare una compensazione monetaria per salvare l’occhio del reo. La preghiera liturgica ebraica menzionata è un esempio di retorica religiosa basata su metafore espressive che si riferiscono a un desiderio di vedere un mondo senza il male.

Per ritornare alla nostra tematica principale: sono ormai passati oltre trecento anni dall’ultima volta che l’Iran ha attaccato un altro paese, cosa che non si può dire di Israele e degli Stati Uniti. Considerare l’Iran meno responsabile di Israele di cui si sa per certo che possiede armi nucleari sembra un residuo incoerente della mentalità coloniale.

Inoltre l’Iran combatte attivamente gli estremisti dello “Stato Islamico” che giustifica le proprie atrocità servendosi di interpretazioni letterali del Corano. Gli ebrei in Iran continuano a praticare l’ebraismo senza essere disturbati dalle autorità iraniane e desiderano continuare a vivere nel paese in cui hanno vissuto per millenni, e questo mentre la maggior parte dei leader iraniani anti-sionisti ha dichiarato di non essere anti-semita. Infatti se fossero state antisemite, le autorità iraniane avrebbero perseguitato gli ebrei locali, invece di provocare la potenza nucleare israeliana.

La pretesa di Netanyahu di parlare “nel nome di tutti gli ebrei” mette in pericolo gli ebrei, e soprattutto quelli iraniani. Alcuni sionisti comunque rimangono imperterriti e rimproverano persino gli ebrei iraniani per non essere emigrati in Israele da tempo. Questo atteggiamento espone la forse più antica comunità ebraica del mondo musulmano, visto che ovviamente la ragione di stato israeliana spesso prevale sul benessere e sulla sopravvivenza concreta delle comunità ebraiche. I sionisti considerano gli ebrei che vivono al di fuori di Israele quale potenziali immigrati o beni provvisori per promuovere gli interessi israeliani.

Dissenso ebraico

Il discorso di Netanyahu al congresso statunitense e la sua attuale campagna contro l’Iran hanno causato profonde divisioni tra gli ebrei che sostengono incondizionatamente Israele e quelli che rifiutano o mettono in dubbio il sionismo e l’agire dello stato israeliano. Il dibattito pubblico sulla posizione di Israele all’interno della continuità ebraica è diventato aperto e franco, non solo in Israele, ma anche all’estero. Molti vedono il futuro dello stato di Israele quale uno stato di cittadini, ebrei, musulmani, cristiani ed atei, più che di uno stato basato e gestito nel nome dell’ebraismo mondiale.

Mentre sono pochi gli ebrei a meravigliarsi pubblicamente del fatto se lo stato di Israele, cronicamente insicuro, “sia veramente un bene per gli ebrei”, molti di più disapprovano che il sionismo distrugga i valori morali ebraici e metta a repentaglio gli ebrei sia in Israele sia all’estero. Ad esempio il film Munich di Steven Spielberg focalizza in modo decisivo sul costo morale dell’affidamento cronico di Israele alla forza. In una scena, un membro dell’unità israeliana di picchiatori, che cacciano gli attivisti palestinesi della diaspora, rimane disgustato e proclama: “Siamo ebrei e gli ebrei non commettono il male perché i nostri nemici lo fanno… siamo ritenuti virtuosi. E questa è una bella cosa. È essere ebrei…” Mentre Schindler’s List indaga le minacce alla sopravvivenza fisica degli ebrei, Munich espone le minacce alla loro sopravvivenza spirituale. Chiaro che i sostenitori del Likud in America hanno ettato gango sul regista ebreo e sul suo film ancora prima che uscisse nei cinema. Hanno diffamato anche diversi libri pubblicati di recente (Prophets Outcast, Wrestling with Zion, Myths of Zionism, The Question of Zion) e incentrati sul conflitto di fondo tra sionismo e valori ebraici tradizionali. Il discorso di Netanyahu al Congresso ha profondamente lacerato questo conflitto intra-ebraico.

La lobby del Likud sostiene continuamente che gli ebrei che osano criticare Israele metterebbero a repentaglio il suo “diritto di esistere” e fomenterebbero dunque l’antisemitismo. Questo ha condotto alcuni ebrei britannici, canadesi e statunitensi famosi a prendere la parola nel contesto di un dibattito aperto su Israele nei media e persino nelle pubblicazioni conservatrici. La nota rivista pro-establishment Economist ha pubblicato un’indagine sullo “stato degli ebrei” e un editoriale indirizzato agli ebrei comuni della diaspora per farli superare l’atteggiamento tipico secondo cui “il mio paese ha sempre ragione, anche quando ha torto”, adottato da numerose organizzazioni ebraiche. Questo certamente intacca l’immagine degli ebrei quale gruppo riunito intorno alla bandiera israeliana.
L’impegno a favore dell’emancipazione ebraica dallo stato di Israele e la sua politica ha superato alcune vecchie dissidenze, creandone comunque anche delle nuove. Pertanto un critico ultraortodosso di Israele, che normalmente si oppone all’ebraismo riformista, si è complimentato con un rabbino riformista che aveva affermato:

“Se i sostenitori ebrei di Israele non si oppongono alla politica catastrofica che non garantisce la sicurezza dei suoi cittadini e neppure crea il clima appropriato in cui lavorare per una pace giusta con i palestinesi … poi stanno anche tradendo i valori ebraici millenari e agendo contro gli interessi israeliani a lungo termine”.

Molti ebrei e israeliani credono che la lobby del Likud, uno sforzo collettivo dei cristiani, ebrei, musulmani ed atei di destra, rappresenti la più grande minaccia per la sicurezza a lungo termine di Israele, visto che sostiene regolarmente i falchi di Israele, indebolendo invece gli israeliani che nella regione si impegnano per la riconciliazione. La lobby promuove anche l’antisemitismo visto che spesso viene considerata “ebraica”, dando dunque l’impressione errata secondo cui gli ebrei detterebbero la politica estera americana, spostandola verso destra. Infatti la maggior parte degli ebrei statunitensi ha votato Barak Obama. Mentre i leader israeliani attuali e i loro alleati in America continuano ad incitare il mondo contro l’Iran, diverse organizzazioni pacifiste in Israele e in diverse comunità della diaspora ebraica hanno rilasciato delle dichiarazioni che condannano la campagna anti-iraniana e il comportamento di Netanyahu.

Oggi, in assenza di stati arabi che rappresentino una minaccia militare per Israele, è l’Iran che gli israeliani vengono indotti a temere. E proprio vicino all’Iran, che ha affermato a più riprese di non aver alcuna intenzione di acquistare armi nucleari, si trova il Pakistan, un regime instabile con un forte movimento islamista, con fazioni di Al-Qaeda, e che possiede un arsenale nucleare non immaginario, ma reale. Anche se il Pakistan non ha minacciato Israele, le “minacce esistenziali” potrebbero non avere mai fine, se lo stato sionista andrà avanti per la sua strada, continuando a sfidare i popoli dell’intera regione, negando giustizia ai palestinesi.

Una precisazione

Le due accuse cariche di emotività rivolte all’Iran hanno dominato i media occidentali. Un’altra accusa secondo cui l’Iran avrebbe approvato una legge che costringerebbe gli ebrei a portare dei simboli di riconoscimento gialli è stata riportata dal Toronto National Post alcuni anni fa, rinforzando l’immagine dell’Iran quale nuova Germania nazista. Anche se l’articolo fu ritirato il giorno dopo, sono più le persone a ricordarsi della notizia che non della successiva smentita dal quotidiano, di propietà di canadesi impegnati nel Likud.
Quest’informazione errata sicuramente aiuta a preparare l’opinione pubblica a un intervento militare statunitense o israeliano contro l’Iran ricco di petrolio, un inquietante remake della paura delle illusorie armi di distruzione di massa irachene che hanno provocato un intervento militare gigantesco contro quel paese sfortunato, la cui popolazione aveva già sofferto per decenni a causa delle sanzioni occidentali. Saddam Hussein è stato debitamente ritratto come un’altra incarnazione di Hitler e di nuovo è stato invocato lo spettro dell’olocausto nucleare.

È Israele che presumibilmente possiede centinaia di armi nucleari e a differenza dell’Iran si rifiuta di firmare il Trattato di Non-Proliferazione Nucleare. L’Iran invece non ha mai dichiarato di essere intenzionato a produrre armi nucleari. Secondo noti esperti israeliani l’Iran non sarebbe in grado di acquistare una tale capacità nucleare-militare per 5-10 anni, e anche se l’acquisisse, l’Iran lo farebbe per proteggersi dalle incursioni israeliane e sicuramente non per attaccare Israele.

I leader iraniani vengono erroneamente visti come estremisti forsennati con poteri illimitati da cui aspettarsi delle azioni irrazionali. Ne segue che devono essere fermati ad ogni costo. Questo aspetto si è trasformato oramai in un mantra non solo per i politici israeliani di destra, ma anche per un retorico come Netanyahu – che disprezzando la Carta delle Nazioni Unite minaccia apertamente di attaccare l’Iran – e per alcuni politici americani che lo ammirano. Mentre la Casa   Bianca e gli esperti di politica estera e dei servizi segreti sanno che né Israele né gli Stati Uniti sono minacciati da un attacco iraniano, le loro argomentazioni razionali sembrano essere meno persuasive della retorica carica di pathos. Gli Stati Uniti hanno noti interessi geopolitici nel Golfo Persico, ma le accuse contro l’Iran basate sulla deliberata idetificazione di Israele con gli ebrei potrebbero distorcere il modo di fare politica estera a Washington.
Gli intellettuali apprezzano la precisione. E ai politici serve in ugual modo visto che da loro ci si aspetta un agire prudente e razionale. L’ingerenza di Netanyahu nella politica estera americana fa parte del suo tentativo a lungo termine di allineare gli interessi della grande potenza a quelli dello stato sionista. Per questo le sue argomentazioni vanno prese con le pinze e senza emozioni superflue che spesso oscurano le questioni riguardanti Israele e i suoi vicini. Per diversi anni le diplomazie estere si sono concentrate sul contenimento dell’intervento militare israeliano contro l’Iran. Israele allora aveva le mani libere per trattare i palestinesi con sostanziale impunità. La nuova “minaccia esistenziale” dell’arma di distruzione di massa ipotetica a Israele serviva da vera e propria “arma di distruzione di massa”. L’incredibile crescita dello Stato Islamico a livello grafico mostra che meccanismi possono innescare la demodernizzazione e la successiva disperazione in certe regioni del mondo. Basta citare l’esempio dell’Iraq, della Libia e della Siria, tutti e tre paesi soggetti a interventi militari esterni, e il seguente emergere dello Stato Islamico per capire che la destabilizzazione di un paese o di una regione ha conseguenze devastanti e di vasta portata. Il premier israeliano invoca la cosiddetta minaccia iraniana per rallentare o invertire la politica iraniana di modernizzazione. La forzata demodernizzazione dell’Iraq, della Siria e della Libia, i paesi più antichi e colti del mondo arabo, ha sicuramente giovato alla posizione strategica israeliana all’interno della regione. Netanyahu comunque ci dovrà spiegare come la demodernizzazione dell’Iran gioverà agli Stati Uniti.

Traduzione italiana: Dr. phil. Milena Rampoldi dell’associazione ProMosaik e.V.

thanks to: pressenza

Come ho smesso di essere ebreo: Shlomo Sand e il suo nuovo libro

 

Shlomo-Sand

Intervista esclusiva. «L’inverno qui a Tel Aviv è meraviglioso», mi dice Shlomo Sand, prima di aggiungere: «Penso che sia l’unica cosa bella, qui».

Docente di Storia contemporanea all’Università di Tel Aviv, le pubblicazioni di Sand hanno causato molte discussioni. Nel suo nuovo libro, How I stopped being a Jew, l’autore spiega la rottura personale con l’ebraismo secolare. Tale identità significa appartenere a un gruppo selezionato – egli spiega – e accedere a privilegi ai quali voglio rinunciare.

«In Israele non c’è dubbio che essere ebreo significa potere e privilegi», egli dice. Ma ciò avviene a spese degli arabi-israeliani, che non sono ebrei, e che sono pertanto cittadini di seconda classe. Peggio ancora, i privilegi sono irraggiungibili a causa della natura stessa dell’ebraismo secolare. Ad esempio, se credi in Dio puoi diventare un ebreo religioso, o, con molti sforzi, puoi diventare inglese, o francese, o un membro del partito laburista. Ma gli studenti palestinesi di Sand, se vogliono diventare ebrei secolari, devono prima diventare ebrei religiosi.

«Per la prima volta in vita mia io ritengo che essere un ebreo secolare significa appartenere a un club esclusivo, al quale non si è liberi di unirsi. Nessuno può diventare un ebreo secolare se non si è nati da madre ebrea. Ho deciso di non voler far parte, per il resto della mia vita, di un club cui non si ha libero accesso».

«Lo Stato di Israele, definendo se stesso Stato ebraico, designa gli ebrei in Israele come persone privilegiate. Per fare un esempio, se la Gran Bretagna dichiarasse di non essere lo Stato di tutti i britannici, ma solo di quelli cristiani, essere un inglese cristiano, in uno Stato simile, sarebbe da privilegiati. C’è una gran parte della popolazione che non è ebrea, e che non può diventare ebrea. Questo è un buon motivo per non considerare me stesso, in Israele, ebreo».

Nonostante la sua natura selettiva, Israele viene sempre considerata l’unica democrazia del Medio Oriente. Sand ritiene che una cultura politica liberale, in Israele, esista – il fatto che il suo libro sia stato pubblicato lì, e che esso sia diventato un best seller, lo prova -. Ma non è una reale democrazia. Israele non cerca di tornare utile ai suoi cittadini, ritiene Sand, ma cerca i vantaggi per gli ebrei in tutto il mondo.

Gli allievi arabo-israeliani di Sand non sono solo cittadini di uno Stato che non appartiene loro: i palestinesi dei Territori palestinesi occupati vivono privi di qualsiasi diritto civile o politico, dice Sand. «Non si tratta di 47 giorni, settimane o mesi. Sono 47 anni. E’ un periodo storico – Israele non può essere definita democratica se una parte della sua popolazione vive privata di ogni diritto fondamentale… La prima democrazia solida del Medio Oriente può diventarlo, forse, la Tunisia. Forse».

Israele dovrebbe iniziare a definire se stessa Stato israeliano, piuttosto che Stato ebraico, dice Sand, o anche repubblica, o monarchia.

Riguardo i piani a più lungo termine per il Paese, spiega Sand che «moralmente» egli preferirebbe uno Stato. «Viviamo troppo a contatto con i palestinesi per stare completamente separati, non è possibile. Ma dal punto di vista politico, quando penso a un progetto politico che possa progredire in Medio Oriente, non penso alla soluzione a Stato singolo. La società ebraica israeliana è una società fortemente razzista. Diventare una minoranza nel proprio Stato, da un giorno all’altro, non credo sarebbe possibile».

Sand ci tiene a distinguere se stesso dagli «scrittori della sinistra sionista», come Amos Oz, puntualizzando che non è una questione di divorzio. «Non sono per niente per uno Stato ebreo israeliano. Ritengo che in uno stato di separazione continuerebbero a esserci arabi in Israele e forse ebrei in Palestina. Ma credo che per il momento l’unica soluzione politica possibile, anche se ci sono così tanti coloni e colonizzatori nei Territori occupati, sia la separazione sui confini del 1967. Ciò non significa che io ritenga che un tale progetto sia realizzabile, ma è più realistico di uno stesso Stato per arabi ed ebrei».

In quanto ai coloni, Sand mi dice che se egli fosse Netanyahu chiederebbe all’Autorità palestinese di proporre loro la scelta di continuare a vivere nelle loro case, alle stesse condizioni, come cittadini arabi in uno Stato arabo. Oppure, di ritornare vicino a Tel Aviv o vicino a Haifa. «Dipende dalla volontà dell’Autorità palestinese, perché bisogna capire che il fatto che ci siano dei coloni non è colpa dei palestinesi, è colpa del governo israeliano. A trovare una soluzione dev’essere Israele».

Poi, ci sono i 5 milioni di profughi palestinesi che vivono nei campi nei Paesi vicini. Secondo Sand Israele dovrebbe riconoscere la responsabilità di quanto accaduto nel 1948 e del problema dei rifugiati palestinesi. Ma ritiene che il diritto al ritorno non si possa realizzare se non con la distruzione dello Stato di Israele.

Ritiene inoltre che continuare a istruire i bambini nei campi profughi palestinesi su un loro ritorno, in futuro, a Haifa e a Jaffa, è criminale. «Tenerli da 67 anni nei campi è un crimine di per sé. Israele ha commesso il primo crimine cacciandoli quando fondarono il loro Stato. Ma i secondi criminali sono gli Stati arabi che li hanno tenuti nei campi».

Israele deve invece accettare una parte dei profughi, e condividere la responsabilità con i Paesi arabi vicini. «Non si può restituire loro la casa che è stata distrutta, ma si può prima di tutto riconoscere ciò che si è fatto, e in secondo luogo pagare un alto prezzo».

«Questa è una delle condizioni alle quali accetterei di portare avanti un qualsiasi piano di pace in Medio Oriente», egli continua. I palestinesi riceverebbero la nazionalità siriana, libanese o giordana come una delle condizioni del processo. Se sono contrario al diritto al ritorno ciò non vuol dire che sia contro il ritorno di una parte dei palestinesi nello Stato palestinese».

Così com’è ora, lo Stato israeliano non può continuare a esistere, dice Sand. Ci sono molti riferimenti all’apartheid, nel libro di Sand, un termine controverso quando usato in riferimento a Israele.

«Nei Territori occupati è apartheid puro, anche se diverso da quello del Sudafrica. I coloni ebrei non vivono con gli arabi, e gli arabi non hanno il diritto di vivere nelle colonie ebraiche, sono completamente separati. L’unico contatto tra israeliani e palestinesi nei Territori occupati lo si ha quando i palestinesi vengono a costruire le case per i coloni. Non vivono insieme, non vanno a scuola insieme. Quindi ditemi, perché non dovrei utilizzare la parola apartheid?»

Solo pochi giorni fa il ministro della Difesa israeliano Moshe Ya’alon ha dichiarato illegale, per i lavoratori palestinesi impiegati a Tel Aviv, prendere gli autobus israeliani per tornare a casa attraversando la Cisgiordania e gli insediamenti.

«Dicono che è una misura di sicurezza. Sta diventando una parodia in quanto i lavoratori vengono controllati al mattino. Se hanno delle bombe le possono far esplodere a Tel Aviv, o a Haifa. Perché riportarsi le bombe a casa, al ritorno?» Secondo Sand non si tratta in realtà di una «misura di sicurezza», ma è il risultato del desiderio dei coloni di non viaggiare sugli stessi autobus con gli arabi. «Sì, è un apartheid ebraico. La storia mette in scena vittime e carnefici, che cambiano ruolo in continuazione. Le vittime di ieri possono diventare i carnefici di oggi. E viceversa.

Nel capitolo iniziale di How I stopped being a Jew, Sand scrive che una delle motivazioni che lo hanno spinto a scrivere questo saggio è stata «porre un grande punto interrogativo contro idee comunemente accettate e presupposti profondamente radicati, non solo tra il pubblico israeliano ma anche nei network della comunicazione globale». Lei pensa che il suo libro abbia ottenuto l’effetto voluto?

«Per niente. Un libro non potrà mai cambiare il mondo. Scrivo proprio sapendo che i libri non possono cambiare il mondo, ma quando succede che il mondo cambia, le persone cercano altri libri. E’ per questo che continuo a scrivere… Penso che possa rendere le persone meno razziste», egli aggiunge, ammettendo di aver ricevuto centinaia di lettere per il suo lavoro. «Se il mio libro ha aiutato la gente a non essere razzista, ho raggiunto il mio obiettivo».

«Oggi sono così disperato e pessimista da pensare che tutto ciò che possa costringere Israele a lasciare i Territori occupati, e a porre fine a questa situazione, sia accettabile. Tutto tranne una cosa – il terrore».

Traduzione di Stefano Di Felice

Shlomo Sand on his new book, How I Stopped Being a Jew

“Winter here in Tel Aviv is wonderful,” Shlomo Sand tells me, before adding: “I think it’s the only thing here that is wonderful.”

A Professor of Contemporary History at the University of Tel Aviv, Sand’s published work has attracted much controversy. His new book, How I Stopped Being a Jew, is a personal account of the author’s break with secular Judaism; such an identity, he says, means belonging to a select group which comes with a set of privileges he would like to renounce.

“In Israel there is no doubt that to be a Jew means power and privilege,” he says. But this is at the expense of Arab-Israelis, who are not Jewish, and are therefore second class citizens. Worse still, such privileges are unreachable thanks to the nature of secular Judaism. If you believe in God you can become a religious Jew, for example, or with a lot of effort you can become British, French, a Labour Party member. But for Sand’s Palestinian students to become secular Jews, first they would have to become religious, then secular.

“For the first time in my life I define that being a secular Jew is to belong to an exclusive club that you cannot join. Nobody can become a secular Jew if he is not born to a Jewish mother. I decided I didn’t want to join, for the rest of my life, a club that you cannot join.”

“Because the Israeli state declares itself as a Jewish state, being a Jew in Israel is to be a privileged person. To give you an example, if Great Britain declared it is not a state of all British people but only of English Christians, to be an English Christian person will be a privilege in this state. There is a lot of the population who are not Jews, and cannot become Jewish. This is one good reason not to consider myself in Israel as a Jew.”

Still, despite its selective nature Israel is often held up as the only democracy in the Middle East. Sand says that a liberal, political culture does exist within Israel – the fact that his book was published there, and became a bestseller, is proof of that. But a real democracy, it is not. Israel is not looking out for the good of its citizens, believes Sand, but the benefit of Jews across the world.

Not only are Sand’s Arab-Israeli pupils citizens of a state that doesn’t belong to them, Palestinians in the Occupied Palestinian Territories are living without any political or civil rights, says Sand. “It’s not 47 days or weeks or months. It’s 47 years. It’s a historic period – Israel cannot be defined as a democracy when it’s keeping a population without any basic rights…Tunisia can maybe become the first stable democracy in the Middle East. Maybe.”

Israel could start by defining itself as an Israeli state, rather than a Jewish state, says Sand, or even as a republic or a monarchy.

As for longer term plans for the country, Sand explains that “morally” he prefers one state. “We are living too close with Palestinians to live completely separate, it’s not possible. But politically, when I’m thinking of a political project that can progress in the Middle East, I don’t believe in the one state solution. The Israeli Jewish society is a very racist society. To become a minority in their own state overnight, I don’t think that it’s possible.”

Sand is keen to distinguish himself from “writers of the Zionist left,” like Amos Oz, by pointing out that this isn’t a project of divorce. “I don’t want a pure Jewish Israeli state at all. I think that any separation will still keep Arabs in Israel and maybe Jews in Palestine. But I think that the only political solution for the moment, even if there are so many settlers, colonisers, in the Occupied Territories, is a separation on the border of 67. It doesn’t mean that I believe that we can realise this project. But it’s more realistic than one equal state between Arabs and Jews.”

As for the settlers, Sand tells me that if he were in the place of Bibi Netanyahu he would ask the Palestinian Authority to offer them a choice of continuing to live in their houses, in equal conditions, as Palestinian citizens in a Palestinian state. Or give them the choice to go back to their homeland near Tel Aviv or near Haifa. “It depends on the will of the Palestinian Authority because you have to understand that the fact there are settlers is not the fault of the Palestinians, it is the fault of the Israeli government. Israel has to find a solution for it.”

Then there are the 5 million Palestinian refugees who live in camps in the surrounding countries. Sand believes that Israel has to recognise responsibility for what happened in 1948 and the Palestinian refugee problem. But he believes that the right of return cannot be realised without the destruction of the Israeli state.

He also believes that continuing to educate children in the Palestinian refugee camps that one day they will come back to Haifa and Jaffa is criminal. “Keeping them 67 years in this camp is a crime in itself. Yes, Israel committed the first crime by throwing them away when they established their state. But the second criminals are the Arab states that kept them in this camp.”

Instead, Israel has to accept a number of refugees and share the responsibility with surrounding Arab countries. “You can’t give them back the house you destroyed, but you can recognise what you did, first of all, and secondly you can pay a lot for it.”

“This is one of the conditions I think as an Israeli I would put forward in any peace process in the Middle East,” he continues. “Palestinians would receive Syrian, Lebanese or Jordanian nationality as one of the conditions of the process. If I am against the right of return it doesn’t mean I am against the return of some number of Palestinians to the Palestinian state.”

As it is now, Israel cannot survive, says Sand. There are a number of references to apartheid in Sand’s book, a contentious term when used in relation to Israel.

“In the Occupied Territories it is pure, pure apartheid, even if it’s different from South Africa. Jewish settlers do not live with Arabs. Arabs do not have the right to live in Jewish settlements. They are completely separate. The only contact between Israelis and Palestinians in the Occupied Territories is when Palestinians come to build houses for the settlers. They don’t live together; they don’t go to school together. Then tell me why I cannot apply the word apartheid?”

In fact only this Sunday Israel’s Defence Minister Moshe Ya’alon ordered that it be made illegal for Palestinian labourers working in Tel Aviv to catch Israeli buses, which travel through the West Bank and onto settlements, back home.

“They say this is a security measure. It’s becoming a parody because the workers are checked in the morning. If they have bombs they could set them off in Tel Aviv, in Haifa. Why take the bomb back on the road, back in the evening to their village?” Sand believes it is not actually a “security measure,” it is a result of settlers not wishing to travel on buses with Arabs. “Yes, it is a Jewish apartheid. History is a stage of victims and hangmen, who are changing places all the time. The victims of yesterday can become the hangmen of today. The hangmen of today can become the victims of tomorrow.”

In the opening chapter of How I Stopped Being a Jew, Sand has written that one of the motivations to write this essay was “to place a large question mark against accepted ideas and assumptions that are deeply rooted, not only in the Israeli public sphere but also in the networks of globalised communication.” Does he believe his book has had this effect?

“Not at all. A book can never, never change the world. The reason that I write is the belief that books can’t change the world, but when the world comes to change, people are looking for other books. This is the reason that I continue to write… I think it can make people less racist,” he adds, admitting that he has received hundreds and hundreds of letters in response to his work. “If my book helped people not to be racist, I achieved my goal.”

“Today I am so desperate and so pessimistic I think that any action to force Israel to leave the Occupied Territories and to stop this situation is acceptable. Besides one thing – terror.”

thanks to: Memo

Infopal

 

 

Antisemitismo: una forma di esorcismo

Secondo Hajo Meyer, un ebreo sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti, morto lo scorso mese: http://www.intifada-palestine.com/2014/08/zionism-nothing-judaism-holocaust-survivor-dr-hajo-meyer
“Il sionismo e il giudaismo sono l’opposto l’uno dell’altro. Perché il giudaismo è universale e umano, e il sionismo è esattamente l’opposto. E’ molto limitato, molto nazionalistico, razzista, colonialista, e tutto questo insieme. Non c’è un “giudaismo nazionale”. C’è il sionismo c’è il giudaismo, e sono completamente diversi.

Una volta un antisemita era qualcuno che odiava gli ebrei perché erano ebrei e a causa della loro natura ebraica e della loro razza… Ai nostri giorni un antisemita è qualcuno che è odiato da un certo tipo di sionisti. Come disse uno dei più importanti leader nazisti, Göring, “Io stabilisco chi è ebreo.” Allo stesso modo i sionisti stabiliscono chi è antisemita. E, come ho detto, sono orgoglioso di essere uno di questi.”

thanks to: ISM Italia

“Domani non ci sarà scuola, abbiamo ucciso tutti i bambini”

Israele nel deserto. Di Antonio Vigilante.

Non sempre coloro che prevalgono sono i vincitori effettivi di una guerra. Il governo israeliano potrà continuare a sterminare la popolazione civile palestinese, con il tacito assenso della comunità nazionale. Pagherà un prezzo molto elevato: un imbarbarimento del suo popolo del quale i cori da stadio di manifestanti che esultano perché “domani non ci sarà scuola, abbiamo ucciso tutti i bambini” sono già un indizio tangibile. Sarà quella demonizzazione biblica dell’altro che nella storia occidentale ha agito al di fuori dell’ebraismo, e di cui gli stessi ebrei sono stati vittime. Sarà la crisi religiosa che sempre precede e causa la crisi e la decadenza generale (civile, morale, politica) di un popolo. Che lo conduce nuovamente be-midbar, nel deserto. 

Con ogni probabilità, il passo più terribile della Bibbia – una raccolta di testi in cui non mancano i passi terribili: violenti, atroci, osceni – è quello del libro dei Numeri (in ebraico Be-Midbar, “Nel deserto”) in cui Mosè comanda di sterminare donne e bambini. Consideriamo il contesto. Il popolo del Signore è accampato nel deserto, in una località chiamata Sittim. Qui gli ebrei si mettono a “trescare con le figlie di Moab”, partecipando ai loro sacrifici religiosi ed adorando i loro déi. Il Signore si arrabbia ed ordina a Mosè di far impiccare tutti i capi del popolo, per placare la sua ira. E’ singolare che i cristiani, che lamentano (ed a ragione) le persecuzioni cui in diverse parti del mondo sono sottoposti coloro che si convertono al cristianesimo, ritengano sacro un libro in cui si parla di impiccare chi pratica la libertà religiosa – perché di questo si tratta.

Ma procediamo. Un certo Fineas, sommo sacerdote, scopre che un ebreo ha portato nella sua tenda una moabita, e non ci pensa due volte: prende una lancia e li uccide. Il Signore è talmente contento per il suo gesto – l’assassinio di due innocenti – che fa cessare la sua ira su Israele. Non prima, però, di aver massacrato 24.000 persone (Numeri, 25, 1-9). L’edizione che sto citando, quella curata da Bernardo Boschi per le Edizioni Paoline, spiega in nota che questo Fineas “testimonia la radicale ed esemplare fedeltà della sua classe allo Jahvismo nello spirito della Tradizione Sacerdotale”. Un gran brav’uomo, insomma.

La storia non finisce qui. Gli ebrei hanno tradito Dio, e la carneficina non è sufficiente. Occorre la vendetta. Di cosa siano colpevoli i poveri moabiti non è ben chiaro: usando lo stesso criterio, oggi, i seguaci di qualsiasi religione si potrebbero ritenere in diritto di muover guerra e massacrare chiunque faccia proselitismo presso di loro, a cominciare dai cristiani. Mosè manda contro i madianiti un esercito di dodicimila uomini, che massacrano tutti i maschi, incendiano le città, depredano tutto. Ma i capi dell’esercito risparmiano i bambini e le donne. Per umanità, immagino. Mosè tuttavia si arrabbia: “Avete lasciato in vita tutte le femmine? Furono esse, per suggerimento di Balaam, a stornare dal Signore i figli d’Israele nel fatto di Peor e ad attirare il flagello sulla comunità del Signore. Ora uccidete ogni maschio fra i bambini e ogni donna che si sia unita con un uomo. Tutte le ragazze che non si sono unite con un uomo le lascerete vivere per voi” (Numeri, 31, 15-17).

Tralasciamo quest’ultima notazione, anch’essa terribile (è facile immaginare la fine delle ragazze vergini), e chiediamoci: di cosa sono davvero colpevoli le donne? Cosa hanno fatto, per essere uccise? Hanno seguito la loro religione, esattamente come gli ebrei seguono la loro. Il massacro di queste donne, a battaglia vinta, è un semplice crimine di guerra. Ma soprattutto la domanda è: cosa hanno fatto i bambini? Cosa? Perché massacrarli? Non esiste nessuna ragione. Se il massacro delle donne è un crimine di guerra, il massacro dei bambini è un crimine di guerra al quadrato.

Mi è tornato in mente questo passo guardando un video raccapricciante,disponibile su Internet, nel sito di OummaTv, la televisione dei musulmani francesi. Il video riprende una manifestazione di ebrei, felici per gli attacchi contro i palestinesi. Cantano cori da stadio. A un certo punto intonano: “Il n’y aura pas d’école demain, on a tué tous les enfants”. Non ci sarà scuola domani, abbiamo ucciso tutti i bambini. 

E’, questa, la cosa più spaventosa che ho visto e sentito da gran tempo.Sono sicuro che non sono molti gli ebrei felici per il massacro dei bambini palestinesi, e tuttavia il fatto che una simile barbarie sia possibile, sia pure presso pochi esaltati, dà da pensare. Chi ha letto la Bibbia, sa che c’è un filo rosso che unisce questi cori alla storia sacra di un popolo che ha dovuto strappare con la violenza ad altri popoli la terra promessa dal suo Dio.

Prima che mi si accusi di antisemitismo (una accusa sempre pronta contro chiunque metta in discussione le politiche sioniste), aggiungo che il massacro palestinese mi ha fatto venire in mente un altro testo che appartiene alla tradizione dell’ebraismo. Si tratta di un libretto di Chaim Nachman Bialik, lo scrittore ucraino considerato il poeta nazionale di Israele. Nel 1903 avviene un terribile pogrom a Kishinev, attuale capitale della Moldavia. In due giorni vengono uccisi quarantanove ebrei, mentre cinquecento sono i feriti. Di fronte ad una tale devastazione si resta senza parole. Ma Bialik è un poeta, un grande poeta. E le parole le trova. Nella città del massacro, il poemetto scritto per raccontare, per piangere, per denunciare il pogrom, è poesia pura, vibrante, che tocca le corde più intime e commuove profondamente. Comincia con queste parole, Bialik: “Un cuore di ferro e acciaio, freddo, duro e muto, / batte in te, vieni uomo! / entra nella città del massacro, devi vedere con i tuoi occhi, / toccare con le tue mani…” (trad. R. A. Cimmino). E nel resto del poemetto il lettore in effetti vede con i suoi occhi e tocca con le sue mani l’orrore.

I versi più intensi dell’opera sono quelli nei quali Bialik descrive la Shekinah, “nera, stanca, disperata”, che piange in silenzio. Quella di Shekinah è una delle concezioni più affascinanti della teologia e della mistica ebraica. Il termine deriva dal verbo shakan, abitare: indica dunque la presenza, la dimora di Dio sulla terra. Una manifestazione di Dio che ha i caratteri del mistero e della gloria, nella tradizione. Ma con Bialik avviene un cambiamento importante. La Shekinah, la gloriosa manifestazione di Dio, ora si limita a stare accanto alle vittime. Subisce la loro stessa sofferenza, accetta su di sé il dolore degli afflitti.

Il pensiero va anche a quella pagina memorabile de La Notte in cui Elie Wiesel racconta di un bambino impiccato ad Auschwitz. “Dov’è Dio?”, chiede qualcuno. E Wiesel scrive: “E io sentivo in me una voce che gli rispondeva: – Dov’è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca”.

C’è una straordinaria rivoluzione teologica in queste parole. Dio non è più nei cieli, non si manifesta più nella distanza e nella potenza, ma sta accanto a chi soffre. Chi soffre in questo caso è il popolo eletto, ma il passo verso un Dio che sta con chiunque soffra è breve. E’ una intuizione – questa di un Dio dei poveri, dei deboli, degli afflitti – che si affaccia in diverse tradizioni religiose: dal cristianesimo (e non a caso alcuni cabalisti troveranno affinità tra la Shekinah e il Cristo) allo hinduismo, con l’idea del Daridranarayana, “Dio nei poveri”, che si trova in Vivekananda in Gandhi. La considero la più alta concezione religiosa dopo quella del Dio-non Dio di Meister Eckhart.

Le parole di Bialik si potrebbero leggere, in questi giorni, come un canto che dice la tragedia delle migliaia di palestinesi massacrati dall’esercito israeliano. Un ebreo ha trovato le parole per dire l’indicibile, ed ora quelle parole non gli appartengono più, come non appartengono più al solo popolo ebraico. Rappresentano il contributo del popolo ebraico alla comune umanità: dire la tragedia, raccontare l’orrore, pensare un Dio che sta con la vittima. La concezione della Shekinah, liberata da ogni nazionalismo, può mettere gli ebrei in condizione di avvertire l’umanità offesa dalle bombe, di percepire il Divino negli occhi delle vittime. Di superare quella etnolatria, quella esaltazione violenta dell’identità nazionale che esige lo sterminio del nemico, che si esprime in quel passo del libro dei Numeri. 

In una guerra non sempre colui che ha vinto è il vincitore effettivo. Le conseguenze di una vittoria possono essere devastanti. Credo che sia questo il rischio attuale per Israele. Potrà continuare a sterminare la popolazione civile palestinese, con il tacito assenso della comunità nazionale. Ma il prezzo da pagare sarà un imbarbarimento di cui i cori di cui ho detto sono un indizio tangibile e preoccupante, insieme ad altri. A prevalere sarà il Dio degli Eserciti, violento e capriccioso, che esige lo sterminio di donne e bambini. Sarà quella demonizzazione biblica dell’altro che nella storia occidentale ha agito al di fuori dell’ebraismo, e di cui gli stessi ebrei sono stati vittime. Sarà quella crisi religiosa che sempre precede e causa la crisi e la decadenza generale (civile, morale, politica) di un popolo. Che lo conduce nuovamente be-midbar, nel deserto.

_________________________

 Fonte: Spectator Novus il blog di Antonio Vigilante . 18 Agosto.  Questo articolo è uscito come editoriale per Stato Quotidiano.

thanks to: Infopal.

L’Italia alleva terroristi

di Luca Fiore

Sarà il caldo, sarà che d’estate mancano la maggior parte delle notizie di politica che d’inverno riempiono tg e giornali. Ma sembra proprio che in questi giorni ci sia stata un’impennata di femminicidi e di omicidi in ambito familiare.

Per lo più i media li trattano come mera cronaca, senza indagare veramente le cause di quelli che vengono descritti come improvvisi raptus e il contesto di una violenza contro le donne che sembra sempre più diffusa. Eppure ci sarebbe molto da indagare: da dove vengono le armi che certi personaggi hanno a portata di mano? Perché gente più volte denunciata per percosse, minacce e stalking gode della più completa libertà di continuare aggressioni sempre più violente nei confronti delle proprie mogli, fidanzate o ex senza che nessuno dei tanti corpi di Polizia intervenga? Perché in questo paese non esiste nessuna rete di prevenzione e assistenza di tipo psicologico che permetta di evitare che persone che, se correttamente seguite potrebbero gestite i propri problemi, si trasformino in efferati assassini?

Domande da un milione di euro a parte, uno degli episodi più efferati degli ultimi giorni ha attirato più di altri la nostra attenzione. Quello che ha avuto per protagonista Federico Leonelli, 35enne, che in una villa dell’Eur (quartiere ‘bene’ di Roma) ha ucciso e decapitato a colpi di mannaia la giovane colf ucraina Oksana Martseniuk. La polizia lo ha abbattuto a colpi di arma da fuoco, affermando che proprio non c’era altro modo per fermare la furia omicida del giovane vestito con pantaloni mimetici e mascherina sul viso. La Questura, con una nota, è intervenuta sulla vicenda precisando che gli agenti intervenuti sulla scena del delitto sono stati “costretti ad esplodere colpi d’arma da fuoco nei confronti del 35enne per difendersi dai fendenti a loro indirizzati”. Delle versioni della polizia si dovrebbe sempre dubitare vista la completa mancanza di trasparenza da parte degli apparati di sicurezza e il moltiplicarsi di casi di cosiddetta ‘malapolizia’. Di far luce su quanto è veramente accaduto all’Eur si incaricheranno, speriamo, la perizia balistica e le autopsie.

Anche sul movente non c’è molta chiarezza: un tentativo di stupro sfociato in omicidio, un raptus derivante dalla profonda depressione di cui si dice soffrisse Leonelli dopo la morte della fidanzata ormai due anni fa, oppure una fissazione per i giochi di guerra e i coltelli in particolare.

Fatto sta che dalle indagini coordinate dalla Procura di Roma è emerso ora che l’uomo appassionato per le lame – il che aveva anche originato discussioni con la colf poi vittima dell’omicidio – aveva una vera e propria ossessione per quanto sta accadendo a Gaza. Nessuna empatia per le vittime o sensibilità per i palestinesi aggrediti. Al contrario, una voglia irrefrenabile di ‘andare a combattere’ per e con Israele. Secondo quanto è emerso Leonelli aveva tentato più volte di ottenere il visto per andare a combattere contro i palestinesi insieme all’esercito israeliano. Richiesta frustrata però – pare – dalle autorità di Tel Aviv per ben due volte, il che avrebbe innescato la follia omicida del figlio di un alto ufficiale dell’esercito. Insieme forse al timore di essere mandato via da quella villa di Via Birmania che lo ospitava da due mesi dopo la scoperta del piccolo arsenale di coltelli che aveva acquistato, insieme ad abbigliamento di tipo militare, anche su un sito Internet israeliano. Racconta in alcune interviste pubblicate da quotidiani romani Giovanni Cialella, il proprietario della villa di Via Birmania: “Quando l’ho conosciuto era totalmente ateo, abbiamo parlato più volte di Dio ma diceva di non credere in niente, poi diceva di aver scoperto di essere di origini ebraiche, ha cominciato a studiare la storia, durante la notte sparava a tutto volume filmati sulla religione, parlavano alcuni rabbini, diceva di conoscerne uno anche a Roma, e si era convinto a voler andare in Israele per arruolarsi nell’esercito e combattere contro i palestinesi che lanciavano razzi contro Israele, aveva anche contattato il consolato”.
Nessuna morale dalla vicenda e nessuna pretesa di generalizzare. Solo molta, molta inquietudine…

 

thanks to: contropiano.org

forumpalestina

‘Dear American Jewish community, It’s time to talk about Zionism’

 

Ft. Lauderdale, FL Woman with sign is Elena Stein

Dear American Jewish Community,

Its time for us to talk. I know for many of you that you still don’t want to talk – many of you have spent the last few weeks effectively covering your ears and eyes, endlessly repeating IDF talking points, as if they will magically make the reality disappear – but if there was ever a time to take the plunge and really look in the mirror at where we have gotten ourselves, this is the time. It’s time for us to talk about Israel, it’s time to talk about Zionism.

Those of us, those Jews who have spoken out against Israel’s inhumane actions or Zionism’s warped nationalistic beliefs, have never been well received within our community. When we have argued for human rights and international law, we have been ostracized and excluded from all aspects of mainstream Jewish life. When we have argued against an exclusionary, segregationist regime, we have been attacked with the most vicious of slanders; “self-hating Jews,” “Nazi collaborators,” and worse. When we have tried to stand up against colonialist violence and occupations, we have been met with angry rejection from our closest friends and family. When we have tried to reaffirm the values that Palestinians are human beings, deserving of equal rights and a future with dignity, we have been met with the full force of an incredibly powerful and well-funded Pro-Israel public relations machine. A climate of neo-McCarthyism has reigned within side the Jewish community stifling all debate, dissent and free thought on the issues of Israel, Palestine and Zionism. But its time for all of that to end.

I understand that the last few weeks may have been hard for you. From a young age we all have been raised – indoctrinated even – on Pro-Israel ideology. Every facet of our Jewish life has been infected with Zionism, from our youth groups, to our synagogues, to our Hebrew schools, to our family Seders. “The world hates us, Israel protects us, there we are free and safe and democratic”– we’ve come to believe. But in the last few weeks we have seen that supposed progressive, freedom loving, democratic Israel unmask itself before the whole world as a lynch mob society. We American Jews have been tricked into projecting all of our hopes and insecurities onto Israel, and to have those beautiful dreams and illusions shattered so brutally can be difficult. But for all the emotional pain we may be going through in seeing our Star of David pasted on the bombs being dropped on innocent civilians, it’s nothing compared to the pain being felt by those civilians.

Palestinians have suffered greatly at our hands. They have been violently forced from their land and homes to appease the Holocaust guilt of Europe and the greed of Zionist colonists. They have been forced to live under an openly Jim Crow, discriminatory and segregationist “Jewish Only” apartheid state. And the whole process has become endemic in its repetition, with wave after wave after wave of land theft, oppression, segregation and violence. The Nakba has been made into a continuous, never ending, 66-year-old ongoing catastrophe. Palestinians have been bombed, shot, detained, brutalized, tortured, dehumanized, occupied, and worse. All in our name.

We Jews have a lot of blood on our hands, we have been made complicit in these inhuman acts, and we have a responsibility now to do something about it. We need to rethink what “Never Again” really means; does it mean for us “Never Again for Jews Only,” or does it mean “Never Again For Everyone”?

I am not asking or expecting you, the whole American Jewish community, to renounce everything you have been taught to believe overnight, just yet. But I am asking and expecting you to open your minds a little, to start questioning what you have been taught. The Pro-Israel bias in our community has corrupted and stifled open free discourse for far too long. The exclusion of any dissenting Jewish opinion outside of the most narrow of ultra-Zionism has led our people into a cul-de-sac of intellectual dishonesty, moral poverty and political thuggery, where questioning is discouraged and obedience is rewarded. This must come to end, now, if we are to redeem ourselves and pave a path for the future.

All I ask is the following; that you reopen our community to dissenting opinion, that you open up every synagogue, every Jewish community center, every Hillel, every Hebrew School, to a free debate and discussion on Israel, Palestine and the core beliefs of Zionism. I and others like me, want to make our case to you, directly, as Jews to Jews, on why the Palestinians deserve our solidarity, on why Israeli militarism must be opposed, on why the “Jewish State” of Israel necessarily leads to apartheid, and on why the nationalistic and supremacist beliefs of Zionism have led to the corruption of our people with the sins of racism and colonialism.

I don’t expect a warm reception. But I do expect at least a moment of your time, and a part of your attention. You owe it to yourself, to your people, to your children, and to all Palestinians, to enter into this discussion with open minds and open hearts and start confronting the hard questions. Please help us in taking this moment and reassess who we are, what we have done, and where we want to go from here.

I look forward to the discussions ahead.

Sincerely,
Benjamin Silverman

thanks to: Mondoweiss

Minorenni israeliani autori del brutale assassinio del ragazzino palestinese

khdeir_abu.jpgAl-Quds (Gerusalemme)- InfoPal. Secondo quanto riporta il sito di notizie Arabs48, fonti israeliane hanno affermato che i sei ebrei israeliani arrestati in relazione al rapimento, tortura e brutale uccisione dell’adolescente palestinese, Mohammad Abu Khdeir, hanno eseguito un omicidio premeditato, spinto da motivi “nazionalisti”.

Le fonti hanno riferito che i sospetti ammettono il crimine ogni volta che parlano con gli inquirenti, e hanno affermato che l’uccisione di Abu Khdeir, che è stato arso vivo, non è avvenuta per caso, ma che è stata premeditata.

Dopo essere stato rapito dai fanatici israeliani, Abu Khdeir, 16 anni, è stato portato in una foresta di Gerusalemme, dove è stato torturato e bruciato vivo, fino al sopraggiungere della morte.

Uno dei sei israeliani ha confessato di essere coinvolto nel crimine, e direttamente vi ha collegato anche gli altri cinque.

La polizia ritiene i sei fanatici autori del crimine, in base a prove incontrastabili, ma dice che “non sono connessi ad alcun gruppo estremista di destra”.

E aggiunge che i sei sono in maggior parte minorenni, che esistono prove sufficienti per arrestarli, e che sono connessi anche ad un altro tentativo di rapimento, fallito, di un bambino di 9 anni, a Gerusalemme.

Il piccolo è stato vittima del tentativo di sequestro, sventato a causa del pronto intervento di altri cittadini, prima del rapimento di Abu Khdeir. Il bimbo, con ogni probabilità, avrebbe fatto la stessa orrenda fine, per mano di questi orchi fanatici e assassini.

Il sito Arabs48 ha riportato che l’Agenzia di sicurezza internazionale israeliana ha fatto pressioni sulla famiglia Abu Khdeir affinché affermasse che i motivi dell’omicidio erano “criminali” e non razzisti, ma il tentativo è stato vano, a causa di video e prove che evidenziano ben altra natura.

L’autopsia del cadavere del ragazzo ha rilevato che ancora respirava quando gli è stato dato fuoco, poiché tracce di materiali carbonizzati sono stati ritrovati nell’esofago e nei polmoni. Bruciature di 1° e 4° grado ricoprivano il 90% del suo corpo, mentre il cranio presentava segni di fratture.

La settimana scorsa, il Procuratore generale palestinese, Mohammad Abdul-Ghani al-‘Oweiwy, ha dichiarato che l’autopsia ha confermato che il ragazzo è stato arso vivo.

Domenica mattina, 6 luglio, la polizia israeliana ha arrestato individui sospettati del rapimento e del brutale omicidio.

thanks to: Infopal

Many US Jews no longer back Israel

The New York City-based writer believes the split among US Jews has its roots in the Jewish settlement building in the occupied territories after the 1967 Six Day War.

The New York City-based writer believes the split among US Jews has its roots in the Jewish settlement building in the occupied territories after the 1967 Six Day War.
Mon Jun 9, 2014 9:5AM

Many American Jews no longer support Israeli policy in the occupied Palestinian territories, a report says.

“Israel now bitterly dividing Jewish communities” in the United States, Rachel Zoll wrote in an article on the Associated Press website.

“Internal American Jewish conflict has worsened as many Israel advocates have come to feel under siege in the US. The international boycott movement against Israel over its treatment of the Palestinians has gained some momentum in the US, and critics increasingly draw analogies between Israeli policies and South African apartheid,” wrote Zoll.

The New York City-based writer believes the split among US Jews has its roots in the Jewish settlement building in the occupied territories after the 1967 Six Day War.

Referring to a Pew Research Center survey conducted last year, she wrote that more than two-thirds of American Jews felt “somewhat or very attached to Israel,” However, she added, “only 38 percent” believed the Israeli regime was “sincerely pursuing peace with the Palestinians” and “44 percent” opposed settlement construction saying the plan hurt Israelis’ security.

According to the article, many Jewish leaders fear the split among Jews could undermine US support for Israel. They also fear the differences “drive away the younger American Jews who are pressing for a broader definition of what it means to be pro-Israel.”

Zoll also mentioned the fact that many Jews in America have “left organized religious life” in recent years. “Jews were marrying outside the faith at a high rate, and their families were generally less involved in the Jewish community and less tied to Israel.”

“We now have more people who care deeply about Israel and more people who care very little about Israel,” said Steven M. Cohen, a professor at Hebrew Union College-Jewish Institute on Religion who specializes in research on the American Jewish community.

ARA/ARA

 

thanks to: Press TV

Israele privatizza la diplomazia pubblica

Il nuovo rapporto dell’economista Shir Hever mostra come le Ong di destra ricevano ingenti finanziamenti stranieri, specialmente da donatori americani, ottenendo grandissima influenza sul dibattito politico israeliano.

Attraverso l’attacco a organizzazioni per i diritti umani e Ong di sinistra che operano in Israele, quelle di destra determinano l’agenda del parlamento israeliano. Inoltre, il governo le autorizza a rappresentarlo in occasioni diplomatiche, a produrre contenuti usati poi dal Ministero degli Esteri, a organizzare meeting ed eventi e a gestire progetti con conseguenze politiche di lungo termine. Le Ong di destra sono lo specchio della politica di privatizzazione che il governo israeliano utilizza nell’ambito dell’hasbara, la diplomazia pubblica e la propaganda.

Il ruolo della società civile

Israele/Palestina è una regione che si attira un’attenzione internazionale sproporzionata. Parte di tale attenzione si manifesta sotto forma di donazioni monetarie intese a influenzare i processi sociali e politici che si svolgono nell’area. Di conseguenza, il settore delle Ong – sia in Israele che nei Territori Occupati – è più ampio di molti altri Paesi e si appoggia quasi esclusivamente sulle donazioni straniere. In Israele, la dimensione del terzo settore è il doppio di quella dei Paesi sviluppati, ma il finanziamento locale al terzo settore è tra i più bassi. Nei Territori la situazione è ancora più estrema: il settore delle Ong è il più ampio settore economico, sebbene la dipendenza dal finanziamento straniero sia minore delle Ong israeliane.

In entrambe le società, il settore delle Ong non è fondamentale solo per la sua influenza, ma anche come mezzo di occupazione. I dipendenti delle Ong sviluppano fedeltà verso le organizzazioni che li forniscono di un impiego e di entrate economiche e nel lungo periodo i donatori esercitano la loro influenza sugli sviluppi dei movimenti politici in Israele/Palestina. È importante notare come donatori diversi finanzino organizzazioni con agende non conformi. Una classificazione interessante: nel campo delle organizzazioni per i diritti umani, i donatori statunitensi spendono circa il 78% dei loro finanziamenti in Israele, mentre quelli europei investono il 75% del loro denaro in Ong dei Territori Occupati Palestinesi.

La persecuzione delle Ong da parte del governo israeliano

Il governo israeliano è consapevole delle crescenti critiche globali verso le politiche israeliane di occupazione, discriminazione e spossessamento. Tali critiche si sono sviluppate all’interno della crescente pressione internazionale su Israele perché riconosca i diritti palestinesi e anche all’interno dello sviluppo della campagna BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) che chiama il mondo a boicottare le istituzioni e i prodotti israeliani.

Le Ong di destra attribuiscono la responsabilità di tali critiche non alle politiche israeliane, ma alle organizzazioni per i diritti umani e di sinistra che raccontano tali politiche. Il governo israeliano non ha i mezzi per affrontare la pressione internazionale e non può efficacemente punire gli internazionali che parlano apertamente dei crimini di Israele. Inoltre, seguendo il consiglio delle Ong di destra, il governo ha preso di mira le organizzazioni sui diritti umani dentro Israele, usandole come capri espiatori. Di conseguenza, il governo israeliano e la Knesset hanno assunto politiche intese a mettere sotto silenzio o a intimidire le voci critiche, contribuendo così a peggiorare la propria immagine di regime repressivo.

Tra queste politiche ci sono le indagini e gli interrogatori da parte dell’Israel Security Agency, la sorveglianza degli attivisti locali e internazionali, la creazione di un’unità militare che raccolga informazioni sulle organizzazioni di sinistra nei Paesi occidentali, l’invito degli attivisti israeliani a “interrogatori di chiarimento” durante i quali subiscono forti pressioni, la restrizione della libertà di manifestazione e di parola degli attivisti palestinesi (sia cittadini israeliani che residenti nei Territori), raid militari negli uffici delle organizzazioni palestinesi in Cisgiordania e accuse di spionaggio che hanno portato all’arresto di Ameer Makhoul, direttore generale di Ittijah (Union of Arab Community-Based Association) e presidente del Public Committee for the Protection of Political Freedoms.

Il parlamento israeliano ha promosso (soprattutto tra il 2009 e il 2013, la 18esima legislatura della Knesset) molti disegni di legge che restringono, puniscono e criminalizzano le attività delle Ngo di sinistra e per i diritti umani. Tali proposte avevamo come target i finanziamenti di determinate Ngo e i progetti e le aree nelle quali operavano. A causa della natura antidemocratica e del danno potenziale che potevano infliggere all’immagine di Israele all’estero, le nuove leggi sono state smorzate dal governo e dal sistema legale israeliano e solo una minoranza sono diventate leggi a tutti gli effetti. Due di queste sono state la “Legge sull Nakba” – che minaccia di togliere finanziamenti pubblici alle organizzazioni che commemorano la Nakba palestinese – e la “Legge sul boicottaggio”, che autorizza le compagnie a denunciare individui e organizzazioni che chiamano al boicottaggio di Israele e dei prodotti delle colonie.

La dipendenza del governo israeliano dalle Ong

Le autorità israeliane applicano l’esatto opposto approccio nella relazione con le Ong di destra, garantendo loro esenzioni fiscali e autorizzandole a rappresentare Israele e ad aderire a progetti finanziati dal governo. I membri della Knesset e i ministri di destra partecipano a conferenze organizzate da queste Ong, ne assumono gli ex dipendenti e incorporano i loro progetti in quelli governativi.

La dipendenza dalle Ong nel portare avanti le attività di governo è parte della politica di privatizzazione che gli esecutivi israeliani promuovono da tre decenni. La conseguenza è il riconoscimento di un’ampia influenza a tali Ong che sono meno trasparanti di altri enti governativi, possiedono una chiara base ideologica e devono rispondere a donatori facoltosi. Le Ong di destra hanno ottenuto l’autorità di condurre scavi archeologici, di creare programmi e tour educativi, di colonizzare parti della Cisgiordania, di fornire lezioni ai soldati, di monitorare le voci critiche sia in Israele che fuori (ad esempio i media palestinesi), di pianificare e implementare i progetti di diplomazia pubblica (la hasbara) e anche di promuovere l’immigrazione ebraica in Israele.

Le Ong di destra in Israele

A causa di queste strette relazioni, il sistema legale israeliano è molto clemente nei suoi rapporti ufficiali. L’Israeli Corporations Registry del Ministero della Giustizia ha pubblicato report su tutte le Ong e esaminato oltre 1.500 fil per creare un quadro completo del settore. La ricerca ha mostrato che alcune delle Ong più grandi non hanno consegnato i loro rapporti, mentre altre hanno ricevuto permessi speciali per mantenere segreti i loro finanziatori.

Dodici Ong sono state prese come esempio. Le organizzazioni di destra pagano salari gonfiati ai membri di alto livello, ricevono la maggior parte del denaro da donatori americani e implementano attività per l’espansione coloniale in Cisgiordania, promuovono l’ideologia di destra in Israele, delegittimizzano le organizzazioni di sinistra e per i diritti umani e assicurano privilegi agli ebrei a sfavore dei palestinesi. Una delle organizzazioni ha offerto premi in denaro ai soldati che hanno disobbedito all’ordine di evacuare dei coloni. Alcune portano avanti i loro progetti con il pretesto di attività culturali, umanitarie o accademiche. Alcune insistono a dire di non essere politiche.

Ogni Ong esaminata hanno ricevuto donazioni comprese tra il mezzo milione e i 50 milioni di dollari per gli anni 2008-2009, sebbene i loro rapporti sui finanziamenti siano incompleti. Esistono dei canali che permettono ai donatori di inviare grandi somme di denaro rimanendo anonimi e ricevendo anche esenzioni fiscali dal governo americano. Alcune organizzazioni hanno una filiale statunitense, in alcuni casi più grande di quella israeliana, il cui fine primario è la raccolta fondi negli Stati Uniti. Il Central Fund for Israel, il One Israel Fund, il Center for Jewish Community Studies e la Jewish Agency sono i principali canali per le Ong di destra.

Le Ong di destra negli Stati Uniti

Se si seguono le organizzazioni che finanziano le Ong israeliane di destra, si scopre un settore ancora più grande negli Stati Uniti che raccoglie donazioni a favore di progetti in Israele/Palestina. Queste organizzazioni raccolgono denaro tra le comunità ebraiche, quelle cristiane (in particolare cristiane evangeliche) che per ragioni religiose appoggiano il movimento sionista contro il popolo palestinese, e tra i neoconservatori. Secondo la legge americana, le donazioni godono di esenzioni fiscali se non sono di parte e quindi le Ong di destra sono i canali attraverso i quali i politici possono essere indirettamente finanziati (invece che attraverso donazioni dirette ai candidati politici). Sono state selezionate 18 Ong registrate negli Usa, che hanno raccolto donazioni ogni anno da mezzo milione a 71 milioni di dollari ognuna tra il 2008 e il 2009.

Tali Ong rappresentano gli interessi degli attori politici americani neoliberisti e conservatori, che percepiscono Israele/Palestina come un’arena nella quale promuovere l’ideologia di destra e dalla quale ottenere legittimazione. Sheldon Adelson, miliardario statunitense, ha donato denaro ai candidati repubblicani alla presidenza e gestisce un quotidiano di destra, distribuito gratuitamente, in Israele (Yisrael Hayom) che sostiene Netanyahu. Adelson, il 13esimo uomo più ricco al mondo, è il miglior esempio della combinazione di interessi tra la destra israeliana e quella americana e del modo in cui l’ideologia di destra sia strettamente connessa agli interessi economici capitalisti.

Per il rapporto completo clicca qui

Shir Hever
Alternative Information Center

thanks to: Shir Hever

Alternative Information Center

Ebrei non andate in Israele se tenete alla vita

Guard shoots Jewish tourist in Jerusalem

the image

Israeli medics carry the body of a Jewish visitor shot dead by a guard on June 21, 2013 near Jerusalem’s Wailing Wall Credit: Ahmad Gharabli/AFP

An Israeli security guard on Friday shot dead a Jewish visitor at Jerusalem’s Western Wall, the holiest site where Jews can pray, apparently mistaking him for a Palestinian militant.

Public radio said that police were seeking to have the guard remanded in custody.

Police spokesman Micky Rosenfeld said that he was being taken in front of a magistrate, but had no further details.

“There was a Jewish guy, an Israeli guy, who was in the bathroom area,” Rosenfeld told AFP.

“He for some reason shouted ‘Allahu Akbar’,” Rosenfeld said. “A security guard drew his weapon and fired several shots at the suspect… He died from his wounds” later.

An acquaintance told army radio the man was a volunteer at a nearby soup kitchen run by the Hassidic Chabad movement.

“He’s a regular here, well-known,” David Dahan said.

“He’s on his own here, his parents are in France.”

Rosenfeld could not immediately confirm reports that the man held both French and Israeli citizenship.

State television identified him as Doron Ben Shloush, a 46-year-old homeless who visited the Wailing Wall frequently.

The shooting took place shortly before 8 am (0500 GMT) as the plaza in front of the Wall filled with worshippers for morning prayers ahead of the start of the Jewish Sabbath at sundown.

The site was closed to the public for more than two hours afterwards.

Paramedic Zeevi Hessed told news website NRG that his team rushed to the scene as reports of a shooting came in.

“When we reached the place, we saw him lying at the Western Wall plaza,” he said. “He had been shot in several parts of his body… Sadly there was nothing we could do but declare him dead.”

Rosenfeld said that an investigation had begun into the shooting.

Public radio quoted the private security guard as telling police investigators that he thought the man was pulling something from his pocket as he shouted, and was about to attack him.

It said that police found nothing suspicious on the man’s person.

Rosenfeld said the circumstances were still unclear.

“We’re looking into the background: why the security officer opened fire and what the motives were of the guy, the 46-year-old — it’s very strange behaviour.”

The Western Wall’s rabbi, Shmuel Rabinovitch, told the Ynet news site: “Regardless of the circumstances, such a case is a terrible tragedy.”

Ynet quoted witnesses it did not identify as saying that the guard did not fire warning shots or attempt to disable the man but shot directly at his chest.

Scambiato per un palestinese. Ucciso un ebreo perché ha urlato “Allah Akbar”

Al-Quds (Gerusalemme) – Ma’an. Nella mattinata di venerdì 21 giugno, un uomo ebreo è stato ucciso da un agente di sicurezza israeliano, nei pressi della moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme est.

Secondo le fonti israeliane, l’incidente è avvenuto alle 7:40 del mattino nell’area dei bagni pubblici, nei pressi della moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme. L’agente israeliano ha raccontato di aver aperto il fuoco contro l’uomo perché “si è messo le mani in tasca e ha urlato Allah Akbar (Dio è grande)”.

Le fonti hanno aggiunto che i soccorsi sono giunti sul luogo e hanno tentato di rianimare il ferito, tuttavia, a causa della gravità delle ferite, il personale medico non ha potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo.

Micky Rosenfeld, portavoce della polizia israeliana, ha confermato la versione dell’agente, aggiungendo che quest’ultimo ha aperto il fuoco contro l’uomo per aver sospettato che si trattasse di un estremista palestinese. Ha dichiarato: “Sembra che l’urlo, Allah Akbar, fosse il motivo per cui l’agente ha estratto la pistola, sparando alcuni colpi contro l’uomo”.

thanks to: AFP

the image

Islamic-Christian Commission for Jerusalem warns of al Aqsa division plans

Thursday, 06 June 2013

The Islamic-Christian Commission in support of Jerusalem and its holy sites warns of calls by Jewish extremist movements to divide the al Aqsa mosque and impose full Israeli control over it.

In a press statement, the commission warns of Israel’s attempts to impose a fait accompli by dividing the al Aqsa mosque, as occurred in Hebron’s Ibrahimi mosque.

The Islamic-Christian Commission notes that radical Jewish groups are behind these calls, although they are increasingly being made by more mainstream groups in Israel. These calls are often portrayed in liberal terms, as promoting and protecting the freedom of religion of Jews to pray in the Haram al Sharif compound, which houses the al Aqsa mosque. These seemingly liberal calls, however, ignore the context of occupation and the fact that Muslims and Christians from the West Bank and Gaza Strip are prevented from praying in al Aqsa mosque, the Church of the Holy Sepulchre and other religious sites in Jerusalem.

At a conference held this week by the Israeli NGO Ir Amim, a panel discussion was conducted concerning the strengthening of “Temple” movements in Israel and its ramifications. Temple movements focus on the Harm al Sharif compound being the biblical Temple Mount, and the future building of the Third Temple on the site. No Palestinian or Muslim representatives participated in the panel, and at least two panellists expressed the opinion that Jews should be allowed to worship in Haram al Sharif.  The context of this being occupied territory under international law, and that such worship would necessarily involve increased police presence and oppression of the occupied Palestinian population in Jerusalem’s Old City, was not emphasised. Parallel calls for freedom of worship of the Palestinian population were also not made.

thanks to:

Il ricatto dell’antisemitismo

di Michel Warschawski

 

Il ricatto dell’antisemitismo rischia di bloccare le prese di posizione critiche delle forze democratiche e della sinistra nei confronti dello stato sionista di Israele, facendo il gioco dei veri antisemiti e rafforzando le posizioni comunitaristiche

Il conflitto israelo-palestinese si presta facilmente a un’interpretazione in chiave religiosa, o quanto meno etnica. Esso si svolge in un luogo che è stato il cuore di grandi religioni e che molti chiamano “Terra santa”; il sionismo è spesso presentato come il “ritorno” del popolo ebraico nella Terra promessa, e il suo bagaglio di argomentazioni attinge molto all’ambito dei diritti storici, se non apertamente alla promessa divina; Gerusalemme è città tre volte santa e la Palestina storica è disseminata di luoghi di culto e pellegrinaggio.

L’onnipresenza dell’islam nella coscienza e nella cultura nazionale arabe è anch’essa gravida della deriva confessionale di un conflitto spesso presentato come la liberazione della terra dell’islam occupata dagli infedeli.

A questo non si può non aggiungere l’idea, tutta sionista, di creare uno “stato ebraico” attuando una strategia permanente di ebraicizzazione, che non ha mancato di ricorrere alla guerra di epurazione etnica nel 1948. Uno dei meriti più grandi di Yasser Arafat è quello di aver fatto, in questo contesto, tutto ciò che è umanamente possibile per mantenere il conflitto israelo-palestinese nella sua dimensione politica, rifuggendo da quella religiosa o etnica: una lotta di liberazione nazionale per l’indipendenza, una lotta anticolonialista per la terra e la sovranità nazionale.

Al contrario, uno dei crimini più gravi dell’ex primo ministro israeliano Ehud Barak è di aver introdotto l’elemento religioso nei negoziati rivendicando, al summit di Camp David II, una sovranità ebraica sulla Spianata delle Moschee di Gerusalemme sulla base di considerazioni storico-religiose. Questa rivendicazione demente, senza alcun dubbio, è stata una delle cause principali del fallimento del processo di Oslo. La storia dirà se essa non sia anche stata il detonatore di una guerra tra religioni nell’intero Medio Oriente, e di un conflitto ebraico-islamico in tutto il mondo.

Sionismo: un’ideologia politica

Il conflitto israelo-palestinese è un conflitto politico tra un movimento coloniale e un movimento di liberazione nazionale. Il sionismo è un’ideologia politica, e non religiosa, che mira a risolvere la questione ebraica in Europa con l’immigrazione in Palestina, la sua colonizzazione e la creazione di uno stato ebraico. Questa è la definizione che ne hanno sempre dato i suoi ispiratori, da Herzl a Ben Gurion, da Pinsker a Jabotinsky, per i quali il concetto di colonizzazione (Hityashvuth) o di colonie (Yishuv, Moshav) non ha mai avuto un’accezione peggiorativa.

Fino all’ascesa al potere del nazismo, la stragrande maggioranza degli ebrei nel mondo ha rifiutato il sionismo, considerandolo da un lato come un’eresia (posizione della grande maggioranza dei rabbini e degli ebrei praticanti) e dall’altro come una teoria reazionaria (posizione del movimento operaio ebraico nell’Europa orientale), e per giunta anacronistica (posizione degli ebrei emancipati o assimilati in Europa centrale e occidentale). In questo senso, l’antisionismo è sempre stato considerato come una posizione politica tra le altre, per di più egemoni nel mondo ebraico per quasi mezzo secolo.

Solo da circa una trentina d’anni una vasta campagna internazionale, con un successo innegabile, tenta di delegittimare l’antisionismo identificandolo con l’antisemitismo, senza mai entrare nel merito di cosa sia veramente il sionismo, omettendo le analisi della sua dinamica e delle sue implicazioni politiche e morali.

Lo “slittamento semantico”

Come ogni altra forma di razzismo, l’antisemitismo (o la giudeofobia) rifiuta l’esistenza e l’identità dell’altro. Qualunque cosa faccia o pensi l’ebreo, per l’antisemita egli è da odiare, fino al massacro, per il solo fatto d’essere ebreo.

Al contrario, l’antisionismo è la critica politica di un’ideologia e di un movimento politico; esso non riguarda una comunità, ma rimette in discussione una politica. Come è possibile, quindi, identificare un’ideologia politica, l’antisionismo, con un’ideologia razzista, l’antisemitismo?

Un gruppo di intellettuali sionisti europei ha appena trovato la soluzione, facendo intervenire l’inconscio e introducendo un concetto passe-partout che essi chiamano “slittamento semantico”. Quando si denuncia il sionismo, e anche quando si critica Israele, si avrebbe inconsciamente come obiettivo non la politica di un governo (il governo Sharon) o la natura coloniale di un movimento politico (il sionismo) o ancora il razzismo istituzionale di uno stato (Israele), ma gli ebrei. Per slittamento semantico, quando si dice: “il bombardamento di popolazioni civili è un crimine di guerra” o “la colonizzazione è una flagrante violazione della Quarta Convenzione di Ginevra”, in realtà si vorrebbe dire “il popolo ebraico è responsabile della morte di Gesù Cristo” e “morte agli ebrei!”.

Evidentemente non è possibile rispondere a un argomento del genere, poiché qualsiasi risposta sarà presentata come un’inconscia apologia dell’antisemitismo. (…)

Razzismo antiarabo e antisemita

L’antisemitismo esiste, e sembra in Europa si stia risvegliando dopo mezzo secolo di silenzi seguiti allo sterminio nazista e ai crimini dei collaborazionisti. In una parte crescente delle comunità arabo-musulmane in Europa gli ebrei vengono accusati, con una generalizzazione razzista, senza distinzioni, dei crimini commessi dallo stato israeliano e dal suo esercito. D’altronde l’antisemitismo spesso si ritrova in seno a quello stesso campo che sostiene incondizionatamente la politica israeliana, come ad esempio una parte delle sette protestanti integraliste che, negli Stati uniti, costituiscono la vera lobby pro israeliana.

Esiste, al pari, un razzismo antiarabo, anche se i media danno meno visibilità agli atti di ritorsioni del Beitar e della Lega di difesa ebraica contro istituzioni musulmane o contro le organizzazioni che si oppongono alla politica di colonizzazione israeliana, agli slogan razzisti antiarabi che coprono i muri di certi quartieri di Parigi (“Morte agli arabi!”, “Niente arabi niente attentati!”) e alle cacce al nordafricano organizzate da commandos sionisti.

I razzismi antiarabo e antiebraico devono essere condannati e combattuti, senza concessioni, e ciò si può fare efficacemente solo se si combattono contemporaneamente, altrimenti non si fa che rafforzare l’idea, molto diffusa, che dietro la denuncia di un solo razzismo ci sia in realtà la condanna dell’altra comunità. Coloro che denunciano gli atti antisemiti, reali o frutto dello “slittamento semantico”, ma tacciono contro gli atti di razzismo antiarabo hanno una parte di responsabilità nell’alimentare il senso di appartenenza alla comunità e nel rafforzamento dell’antisemitismo, poiché non è il razzismo, di qualunque natura e da qualsiasi parte provenga, che essi combattono, ma unicamente il razzismo dell’altro. (…)

Slittamentoi o collusione?

Ma andiamo oltre. Una parte importante di responsabilità nella nascita del fenomeno dello slittamento della critica alla politica israeliana verso un atteggiamento antisemita ricade sulle spalle di una parte dei dirigenti, spesso auto proclamatisi tali, delle comunità ebraiche in Europa e negli Stati uniti. Infatti, sono essi che spesso identificano l’intera comunità ebraica con una determinata politica, quella del sostegno incondizionato ai dirigenti israeliani. Quando, come è accaduto a Strasburgo, sono loro a chiamare la gente a manifestare il proprio sostegno a Sharon sul sagrato di una sinagoga, come fanno poi a meravigliarsi se la sinagoga viene presa di mira nelle manifestazioni contro la politica israeliana? E che dire di quei dirigenti di comunità ebraiche che, in Francia, “comprendono” la vittoria di Le Pen e “sperano che ciò faccia riflettere la comunità araba locale”? Non è lecito scorgere in un comportamento del genere una compiacenza nei confronti di colui che, in Francia, è il principale sostenitore di idee razziste – e quindi anche antisemite? Compiacenza che è in continuità con la collaborazione di certe organizzazioni (ebraiche) di estrema destra, come il Beitar, con gruppi fascisti e antisemiti, in Occidente, negli anni Settanta… Non si tratta più semplicemente di slittamento, ma di collusione bella e buona…

Il cinico “lascia-andare, lascia-fare”

Nel mondo la politica israeliana è largamente criticata, e più lo stato ebraico agirà al di fuori del diritto, più esso sarà considerato come fuorilegge, e ne pagherà il prezzo. È totalmente inaccettabile e irresponsabile che gli intellettuali ebrei che dichiarano pubblicamente un’identificazione assoluta con Israele trascinino con loro i dirigenti delle comunità ebraiche nella corsa verso l’abisso cui portano Sharon e il suo governo. (… ) Anziché blandire l’oltranzismo israeliano e contribuire all’accecamento suicida crescente della sua direzione e della sua popolazione e di gridare come Lanzman “con Israele sempre, e incondizionatamente”, non farebbero meglio a fare da argine e a mettere in guardia Sharon e il suo governo dalle conseguenze catastrofiche della loro politica? Sono a tal punto ciechi da non rendersi conto che l’impunità di cui gode Israele agli occhi di certe correnti politiche e filosofiche, in Europa e negli Stati uniti, non è che l’altra faccia dell’antisemitismo e del suo armamentario sulla “specificità ebraica”? Sono a tal punto stupidi da non comprendere che per molti sedicenti amici d’Israele, la politica del “lascia andare-lascia fare” verso lo stato d’Israele non è che l’espressione di un cinismo che ha come obiettivo quello di vedere gli ebrei andare a sbattere contro il muro? E che, al contrario, sono coloro che criticano, e a volte duramente, Israele, che hanno veramente a cuore la vita e la sopravvivenza della sua popolazione?

“Non in nostro nome”

Ariel Sharon, i suoi ministri, i suoi generali, i suoi giudici e una parte dei suoi soldati un giorno saranno portati davanti alla Corte penale internazionale per crimini di guerra, e anche per crimini contro l’umanità. Perché la popolazione israeliana nel suo complesso non venga messa al bando e accusata ci sono, in Israele, migliaia di uomini e donne, civili e militari, che dicono “no”, che resistono e sono dissidenti. Per proteggere gli ebrei del mondo da un’accusa di corresponsabilità, per stroncare la propaganda antisemita che, strumentalizzando le sofferenze dei palestinesi, vuole colpevolizzare ogni ebreo in quanto tale, per far barriera contro il pericolo reale di automatico coinvolgimento delle comunità nel conflitto israelo-palestinese, è imperativo che dalle comunità ebraiche si alzi una voce ferma e possente che dica, come il nome di un’organizzazione ebraico-statunitense, e agendo in questa direzione: “Non in nostro nome!”.

È evidentemente compito delle forze democratiche e di sinistra nel mondo denunciare, senza concessione alcuna, i crimini di Israele, non solo perché la difesa dei colonizzati e degli oppressi, ovunque essi siano, è parte integrale del loro programma e della loro filosofia, ma anche perché una posizione chiara e coerente con il resto delle lotte in atto può permettere loro di lottare contro la degenerazione del conflitto in chiave comunitaria e contro il razzismo nel proprio paese.

Lasciarsi terrorizzare dal ricatto dell’antisemitismo, tacere per non prestare il fianco all’accusa di “collusione con l’antisemitismo” o anche di “antisemitismo inconscio”, non può, in ultima analisi, che fare il gioco dei veri antisemiti, o per lo meno delle confusioni identitarie e delle reazioni in blocco come comunità. La vera sinistra, antirazzista e anticolonialista, non deve dare prove del suo impegno nella lotta contro la peste antisemita. Essa sarà ancora più efficace nel proseguimento della lotta se le sue posizioni contro i crimini di guerra d’Israele e la sua politica di colonizzazione saranno chiare e senza ambiguità.

thanks to Guerre & Pace

Top Secret Jewish Propaganda Manual

In this period we had seen a lot of western media reports about Gaza bombing, but these reports focused their attention on the rockets slumped over Israel emphasizing the distress of Israeli population, without take care that Israel attacked Gaza first by its missiles, killing 164 people, injuring more of 1000, bombing hospitals, TV, civilian houses, a bank, the government building and creating an ambience of end of the world in GazaStrip.
But why western people must know only a part of the facts and don’t understand the real truth about Palestinian-Israeli situation?
The answer is easy, because there is someone that want it.
On the Middle Ages in some european Jewish settlements in particular in Askenazi settlements of Germany and Italy circulated some pamphlets about anti-christian rituals like the “Toledot Jeshu” a manual about the murder rituals practiced on Passover, killing christian babies and eating their blood.
The germany versions of this little book, written in Yiddish, was trasmitted only to the members of the Jewish communities, only to the men and only whom could preserve the secrecy.
It was a top secret Jewish propaganda manual.
Today there are much propaganda manuals.
The Israel Project, an american pro-isreali organization, writed once not for distribution or publication.
In this guide, Global Language Dictionary, there are all the words that work to do propaganda to the advantage of Israel.
Its author, Dr. Frank Luntz, in the preface, remember us that it’s not what you say that counts. It’s what people hear.
In particular about Gaza situation he focus specifically on public opinion about Israel’s right to defend itself from rocket attacks.

Right to defend itself? But the public opinion is stupid? Don’t watch the Palestinian murders? They are 164, almost all civilian. Right to defende means to do a massacre? No, they don’t watch it because the western media don’t show it or if they report the number of Palestinians murdered they say that are casualities, collateral murders.
But why Israel bombs to defend itself from attacks? Why Israel doesn’t stop itself to bomb Gaza? Israel started to bomb Gaza first and then Hamas fired rockets over Israel. If Israel stops to bomb Gaza, Hamas doesn’t fire rockets.
Yes but Israel needs that Hamas fires rockets. Israel needs an enemy.
The Israelis live in an atmosphere of propaganda, they believe that Israel is the only democracy of the Middle East surrounded from states that want its destruction.
This is FALSE and everyone in the world knows that Israel isn’t a democracy because it is the only state of the world without a Costitution, because it hasn’t modern rules but halakha, the ancient Jewish laws, because their citizens can’t partecipate everyone to elections and to be voted for and anyone wants its destruction because Israel is the third nuclear power of the world with 400 atomic bombs that could use in every moment. Indeed the western media don’t say these things when they refer to Israel.
The Israelis are afraid of their neighboring populations because the propaganda everyday say them to be afraid.
On January there are new elections in Israel and who uses the fear to have votes needs to operate.
In the “Israel’s Sacred Terrorism” Livia Rokach reports the Moshe Sharett’s Personal Diaries that explains us how the propaganda works. Moshe Sharett was First Minister of Israel on the 1950s and he said that terrorism was been imported in the Middle East from Jews. He reported the method that Jews used to make terrorism together to propaganda. In particular he reported some events when Israelis killed Muslims to provocate a reply from Palestinians and then strike Palestinians charging them to started first. Or when Israelis killed Jews and accused Palestinians of killing to strike them in a second moment.
The propaganda is a powerful tool to circumvent people but there is a method to defend himself or herself, to know it.

Zionism: A Root Cause for Ongoing Population Transfer of Palestinians

In 1973, The United Nations rightfully condemned ‘the unholy alliance between Portuguese colonialism, South African racism, Zionism and Israeli imperialism.’1 And only two years later the same international organization determined ‘that Zionism is a form of racism and racial discrimination.’2 Although this resolution was revoked in 1991, at the behest of the U.S. administration, in order to pave the way for the Madrid Peace Conference that same year, the equation of Zionism with racism is still valid. Apartheid is based on the principle of the establishment and maintenance of a regime of institutionalized discrimination in which one group dominates others. In the case of Israel, the driving-force behind the Palestinian reality of apartheid is Zionist ideology; its manifestation is population transfer and ethnic cleansing.

Zionism

The Zionist Movement was formed in the late Nineteenth century with the aim of creating a Jewish homeland through the formation of a ‘national movement for the return of the Jewish people to their homeland and the resumption of Jewish sovereignty in the Land of Israel.’3 As such, the Zionist enterprise combined the Jewish nationalism which it aimed to create and foster, with the colonialism of transplanting people, mostly from Europe, into Palestine with the support of European imperial powers. Jewish history was interpreted towards constructing a specific Jewish national identity in order to justify the colonization of Palestine. As Ilan Pappe rightly concludes, however, “Zionism was not… the only case in history in which a colonialist project was pursued in the name of national or otherwise non-colonialist ideals. Zionists relocated to Palestine at the end of a century in which Europeans controlled much of Africa, the Caribbean, and other places in the name of ‘progress’ or idealism…”4 What is unique to Israel, however, is the effect of Zionism on the people it has claimed to represent. By basing itself on the idea of Judaism as a national identity, adherents of the Jewish faith around the world would become, as per Israeli law, Jewish “nationals,” whether or not they accepted said classification. To date, Israel continues to be the only country in the world that defines its citizenry extra-territorially.

The creation of a Jewish nation state in a land with a very small Jewish minority could only be conceivable through the forced displacement of the existing indigenous population alongside the implanting of the new Jewish settlers. For the indigenous Palestinians who managed to remain within the boundaries of what became Israel, their own national identity was relegated to inferior status. Article 2 of the State Education Law, for example, states that “the objective of State education is… to educate each child to love… his nation and his land,… [to] respect his… heritage, his cultural identity… to impart the history of the Land of Israel… [and] to teach… the history of the Jewish People, Jewish heritage and tradition…”5 Beyond being subject to institutionalized discrimination, these Palestinians who managed to remain within the part of Palestine usurped in 1948—of whom today there are over 1.2 million—are forced to be citizens of a state in which they are ineligible for nationality.

As mentioned above, however, the main manifestation of Zionist apartheid has been population transfer. The task of establishing and maintaining a Jewish state on a predominantly non-Jewish territory has been carried out by forcibly displacing the non-Jewish majority population. Today, nearly 70 percent of the Palestinian people worldwide are themselves, or the descendents of, Palestinians who have been forcibly displaced by the Israeli regime.6 The idea of “transfer” in Zionist thought has been rigorously traced by Nur Masalha in his seminal text Expulsion of the Palestinians: The Concept of “Transfer”in Zionist Political Thought, 1882-1948, and is encapsulated in the words of Israel Zangwill, one of the early Zionist thinkers who, in 1905, stated that “if we wish to give a country to a people without a country, it is utter foolishness to allow it to be the country of two peoples.”7 Yosef Weitz, former director of the Jewish National Fund’s Lands Department, was even more explicit when, in 1940, he wrote that “it must be clear that there is no room in the country for both people (…) the only solution is a Land of Israel, at least a western Land of Israel without Arabs. There is no room here for compromise. (…) There is no way but to transfer the Arabs from here to the neighboring countries (…) Not one village must be left, not one (Bedouin) tribe.”8 Rights and ethics were not to stand in the way, or as David Ben-Gurion argued in 1948, “the war will give us the land. The concepts of ‘ours’ and ‘not ours’ are peace concepts, only, and in war they lose their meaning.”9

The essence of Zionism, therefore, is aptly summarized as the creation and fortification of a specific Jewish national identity, the takeover of the maximum amount of Palestinian land, ensuring that the minimum number of non-Jewish persons remain on that land and the maximum number of Jewish nationals are implanted upon it. In other words, Zionism from its inception has necessitated population transfer notwithstanding its brutal requisites and consequences.

Population Transfer

Based on one of the ultimate aims of Zionism—the forcible transfer of the indigenous Palestinian population beyond the boundaries of Mandate Palestine—many Israeli laws, policies and state practices as well as specific actions of para-state and other private actors have been developed and applied. This forcible transfer or ethnic cleansing started even prior to 1948 and is still ongoing today.

The idea of transfer did not end with the establishment of Israel in 1948. Between 1948 and 1966, various official and unofficial transfer plans were put forward to resolve the “Palestinian problem”. These included plans to resettle Palestinian refugees… [and the] establishment [of] several transfer committees during this period. The notion of population transfer was raised again during the 1967 war… and similar proposals for population transfer also emerged during and after the second intifada [in 2000].10

According to the Sub-Commission on Prevention of Discrimination and Protection of Minorities of the former Commission on Human Rights,The essence of population transfer remains a systematic coercive and deliberate… movement of population into or out of an area… with the effect or purpose of altering the demographic composition of a territory, particularly when that ideology or policy asserts the dominance of a certain group over another.11

This ethnic cleansing, today, is carried out by Israel in the form of the overall policy of “silent” transfer and not by mass deportations like in 1948 or 1967. This displacement is silent in the sense that Israel carries it out while trying to avoid international attention by displacing small numbers of people on a weekly basis. It is to be distinguished from more overt transfer achieved under the veneer of warfare in 1948. Here it is important to note that Israel’s transfer policy is neither limited by Israel’s geographical boundaries nor those of the occupied Palestinian territory (OPT). Israel is in essence treating the territory of Israel and the OPT as one legal entity.

The Israeli policy of silent transfer is evident in the State’s laws, policies and practices. The most significant of these include: governance and enforcement of residency rights; land rights; regulation of natural resources; the application of justice; law enforcement; and the status of Zionist para-state actors. Israel uses its power in such areas to discriminate, expropriate and ultimately to forcibly displace the indigenous non-Jewish population from the area of Mandate Palestine. So for instance the Israeli land-planning and zoning system has forced 93,000 Palestinians in East-Jerusalem to build without proper construction permits because 87 percent of that area is off-limits to Palestinian use, and most of the remaining 13 percent is already built up.12 Since the Palestinian population of Jerusalem is growing steadily, it has had to expand into areas not zoned for Palestinian residence by the state of Israel. All those homes are now under the constant threat of being demolished by the Israeli army or police, which will leave their inhabitants homeless and displaced.

Another example is the government-approved Prawer Plan, which calls for the forcible displacement of 30,000 Palestinian citizen of Israel due to an Israeli allocation policy which has not recognized over thirty-five Palestinian villages, located in the Naqab (Negev).13 Israel deems the inhabitants of those villages as illegal trespassers and squatters, and are therefore, facing the imminent threat of displacement, This despite the fact that in many cases, these communities predate the state of Israel itself.

The Israeli Supreme Court bolstered the Zionist objective of clearing Palestine of its indigenous population in its 2012 decision prohibiting family unification between Palestinian-Israelis and their counterparts across and beyond the Green Line. The effect of this ruling has been that Palestinians with different residency statuses (such as Israeli citizen, Jerusalem ID, West Bank ID or Gaza ID—all issued by Israel) cannot legally live together on either side of the Green Line. They are thus faced with a choice of living abroad, living apart from one another, or taking the risk of living together illegally.14 Such a system is used as a further means of displacing Palestinians and thereby changing the demography of Israel and the OPT in favor of an exclusive Jewish population. This demographic intention is reflected in the Court’s reasoning for its decision, where it stated that “human rights are not a prescription for national suicide.”15 This reasoning was further emphasized by Knesset-member Otniel Schneller who stated that “the decision articulates the rationale of separation between the [two] peoples and the need to maintain a Jewish majority… and character…”16 This illustrates once more the Israeli state’s self-image as an exclusively Jewish state with a different set of rights for its Jewish and non-Jewish, mainly Palestinian, inhabitants.

Jewish Nationality

All the different means with which Israel triggers the displacement of Palestinians are linked to the central concept of Jewish nationality as it is the legal mechanism that enables and guarantees the constant discrimination against the non-Jewish population. This same concept is the link between Zionism and the constructed “right” of the Jewish nation to settle and occupy the territory of Mandate Palestine. In other words, the concept of Jewish nationality is the lynchpin of the Israel’s regime of apartheid as it addresses both aims of Zionism: the creation and maintenance of a specific Jewish national identity, and the colonization of Mandate Palestine through the combination of Jewish settler implantation and the forcible transfer of all non-Jewish inhabitants.

The way this concept is embodied in law is through the separation, unique to Israel, of citizenship (Israeli) from nationality (Jewish), a separation confirmed by the Israeli Supreme Court in 1972.17 This separation has allowed Israel to discriminate against its Palestinian citizens and, even more severely, against Palestinian refugees by ensuring that certain rights and privileges are conditional upon Jewish nationality. The main source of discrimination against Palestinian refugees originate from the Israeli Law of Return 1950 and the Israeli Citizenship Law 1952 which grants automatic citizenship to all Jewish nationals, wherever they reside, while simultaneously preventing Palestinian refugees from returning to, and legally residing in, that territory. The Israeli regime has basically divided the Palestinian people into several distinct political-legal statuses as shown in the figure below. Despite their differing categorizations under Israeli law, Palestinians across the board maintain an inferior status to that of Jewish nationals living within the same territory or beyond:

The international community judged the South African apartheid regime based on its racist ideology elements and its violations of international norms and standards. It is time to judge Israel similarly. The first significant step in that direction would be reinstating United Nations General Assembly Resolution 3379 of 10 November 1975 declaring Zionism as a form of racism, and paving the way for the end of Israeli impunity and apartheid.

Endnotes:
1. United Nations General Assembly Resolution 3151 G (XXVIII) of 14 December 1973.
2. United Nations General Assembly Resolution 3379 of 10 November 1975.
3. Mitchell Geoffrey Bard and Moshe Schwartz, One Thousand One Facts Everyone Should Know about Israel (Rowman & Littlefield, 2005), p. 1.
4. Ilan Pappe, “Zionism as Colonialism: A Comparative View of Diluted Colonialism in Asia and Africa”, South Atlantic Quarterly 107:4 (Fall 2008), pp. 611-633, p. 612.
5. Article 2 of the Israeli State Education Law 1953 (amended in 2000).
6. BADIL Resource Center for Palestinian residency and refugee rights, Palestinian Refugees and Internally Displaced Persons Survey of 2008-2009 (BADIL 2009).
7. Nur Masalha, Expulsion of the Palestinians: The Concept of “Transfer”in Zionist Political Thought, 1882-1948 (Institute for Palestine Studies 1992), p. 10.
8. Benny Morris, 1948 and After: Israel and the Palestinians (Oxford University Press, 1994), p. 121.
9. Masalha, p. 180.
10. BADIL Resource Center for Palestinian residency and refugee rights, Palestinian Refugees and Internally Displaced Persons Survey of 2008-2009 (BADIL 2009).
11. See the human Rights Dimensions of Population Transfer including the Implantation of Settlers, Preliminary Report prepared by A.S. al-Khawasneh and R. Hatano. Commission on Human Rights Sub-Commission on Prevention of Discrimination and Protection of Minorities, Forty-fifth Session, 2-27 August 1993, E/CN.4/Sub.2/1993/17, 6 July 1993, paras. 15 and 17, pp. 27-32.
12. OCHA-OPT, Demolitions and Forced Displacement in the Occupied West Bank (2012).
13. See Adalah, “The Prawer Plan and Analysis” (October 2011), at: http://www.adalah.org/upfiles/2011/Overview%20and%20Analysis%20of%20the%20Prawer%20Committee%20Report%20Recommendations%20Final.pdf.
14. See HCJ 466/07, MK Zahava Galon v. The Attorney General, et al. (petition dismissed 11 January 2012).
15. Ben White, “Human rights equated with national suicide”, Aljazeera (12 January 2012) at: http://www.aljazeera.com/indepth/opinion/2012/01/20121121785669583.html.
16. Ibid.
17. George Raphael Tamarin v State of Israel 1972.
18. Ambica Jobanputra, “Israel’s Discriminatory Laws” (March 2012) at file with author.

thanks to: Amjad Alqasis.
BADIL.

Amira Hass: The anti-Semitism that goes unreported

18 July 2012
By Amira Hass, Haaretz – 18 July 2012
Tens of thousands of people live in the shadow of terror

Here’s a statistic that you won’t see in research on anti-Semitism, no matter how meticulous the study is. In the first six months of the year, 154 anti-Semitic assaults have been recorded, 45 of them around one village alone. Some fear that last year’s record high of 411 attacks – significantly more than the 312 attacks in 2010 and 168 in 2009 – could be broken this year.

Fifty-eight incidents were recorded in June alone, including stone-throwing targeting farmers and shepherds, shattered windows, arson, damaged water pipes and water-storage facilities, uprooted fruit trees and one damaged house of worship. The assailants are sometimes masked, sometimes not; sometimes they attack surreptitiously, sometimes in the light of day.

There were two violent attacks a day, in separate venues, on July 13, 14 and 15. The words “death” and “revenge” have been scrawled in various areas; a more original message promises that “We will yet slaughter.”

It’s no accident that the diligent anti-Semitism researchers have left out this data. That’s because they don’t see it as relevant, since the Semites who were attacked live in villages with names like Jalud, Mughayer and At-Tuwani, Yanun and Beitilu. The daily dose of terrorizing (otherwise known as terrorism ) that is inflicted on these Semites isn’t compiled into a neat statistical report, nor is it noticed by most of the Jewish population in Israel and around the world – even though the incidents resemble the stories told by our grandparents.

The day our grandparents feared was Sunday, the Christian Sabbath; the Semites, who are not of interest to the researchers monitoring anti-Semitism, fear Saturday, the Jewish Sabbath. Our grandparents knew that the order-enforcement authorities wouldn’t intervene to help a Jewish family under attack; we know that the Israel Defense Forces, the Israel Police, the Civil Administration, the Border Police and the courts all stand on the sidelines, closing their eyes, softballing investigations, ignoring evidence, downplaying the severity of the acts, protecting the attackers, and giving a boost to those progromtchiks.The hands behind these attacks belong to Israeli Jews who violate international law by living in the West Bank. But the aims and goals behind the attacks are the flesh and blood of the Israeli non-occupation. This systemic violence is part of the existing order. It complements and facilitates the violence of the regime, and what the representatives – the brigade commanders, the battalion commanders, the generals and the Civil Administration officers – are doing while “bearing the burden” of military service.

They are grabbing as much land as possible, using pretexts and tricks made kosher by the High Court of Justice; they are confining the natives to densely populated reservations. That is the essence of the tremendous success known as Area C: a deliberate thinning of the Palestinian population in about 62 percent of the West Bank, as preparation for formal annexation.

Day after day, tens of thousands of people live in the shadow of terror. Will there be an attack today on the homes at the edge of the village? Will we be able to get to the well, to the orchard, to the wheat field? Will our children get to school okay, or make it to their cousins’ house unharmed? How many olive trees were damaged overnight?

In exceptional cases, when there is luck to be had, a video camera operated by B’Tselem volunteers documents an incident and pierces the armor of willful ignorance donned by the citizens of the only democracy in the Middle East. When there is no camera, the matter is of negligible importance, because after all, you can’t believe the Palestinians. But this routine of escalating violence is very real, even if it is underreported.

For the human rights organization Al-Haq, the escalation is reminiscent of what happened in 1993-1994, when they warned that the increasing violence, combined with the authorities’ failure to take action, would lead to mass casualties. And then Dr. Baruch Goldstein of Kiryat Arba came along and gunned down 29 Muslim worshipers at the Ibrahim Mosque. The massacre set the stage for a consistent Israeli policy of emptying the Old City of Hebron of its Palestinian residents, with the assistance of Israeli Jewish pogromtchiks. Is there someone among the country’s decision-makers and decision-implementers who is hoping for a second round?