American Public Opinion About U.S. Aid To Israel and Other Top AIPAC Programs

THE ISRAEL LOBBY AND AMERICAN POLICY

Grant F. Smith

Dale Sprusansky: Grant Smith is the director of the Institute for Research: Middle Eastern Policy–again, the co-sponsor of today’s event. He’s the author of the 2016 book Big Israel: How Israel’s Lobby Moves America, which covers the history, functions, and activities of Israel affinity organizations in America. Grant has written two unofficial histories of AIPAC, and many other books.

His organization is constantly working on Freedom of Information Act requests and uncovering important documents, especially on Israel’s nuclear program. I can tell you that few, if any, people work harder on this issue than Grant. Between his frequent research, appearance in FOIA court, his writing, his polling and his 5:00 a.m. e-mails, Grant is truly a one-man machine. Today he will be sharing polling data on U.S. aid to Israel conducted by his organization and byother pollsters.

Grant Smith: Thank you, Dale. Public opinion polling is very important, obviously, but there isn’t very much done in terms of asking about what the public thinks about core Israel lobby programs. But that’s going to change today. The polling that we are about to look at could and should provide input to elected officials, who should then, in turn, act in the public interest. Polling about the Israel lobby programs that we’re going to look at reveals the growing gap between what the public thinks about particular issues, and the government actions being demanded by the Israel lobby.

Last year, I spoke here about the birth of the Israel lobby in the United States, its growth, its size, its composition and division of labor. This was all based on my book Big Israel, in which I reveal a $3.7 billion nonprofit ecosystem on track to reach $6.3 billion by 2020. With 14,000 employees, 350,000 volunteers, but a paying membership of approximately 774,000, it is this nonprofit lobby, along with overlapping campaign-finance infrastructure–whether it is large individual donors, stealth political action committees–that provide Israel with the U.S. support that it would otherwise not have. All of this will be on a brilliant display when 15,000 AIPAC members assemble this weekend to begin their annual policy conference. So let’s continue looking at the lobby, and what Americans think of that program.

The following surveys I’m about to show you are Google Consumer Research Surveys, probably the single most accurate polling tool available in America today. The famous Nate Silver said, “Perhaps it won’t be long before Google and not Gallup is the most trusted name in polling.”

So let’s take a look at what Americans think about Israel’s single most important program, which is obtaining unconditional U.S. foreign aid, including advanced American weaponry, cash for Israel’s export-oriented military industry, packaged into 10-year memorandums of understanding, or MOUs. These 10-year MOUs we’re going to look at require keeping the entire issue of Israel’s nuclear weapons program off the table.

The U.S. has provided $254 billion in known foreign aid to Israel, more than any other country. Now there has been a recent attempt by scholars, such as Prof. Hillel Frisch, to try to move the goalpost and claim that Japan, Germany, and South Korea are in fact bigger recipients. However, this argument is wrong. Japan, Germany, and South Korea are in a different category–that of treaty-bound allies. The military alliance expenditures, with contributions by both sides, have mutual obligations which make them not usefully comparable to U.S. aid with Israel, which has no obligations.

When informed of its relative size, 60 percent of Americans believe that U.S. foreign aid to Israel is either much too much or too much. And this finding is also reflected in polls by Shibley Telhami and some Gallup polls. This has been consistent over time. Recent years–2014, 2015, 2016–showed similar levels of responses. Americans responding to this poll have been informed that aid has been around 9 percent of the total foreign aid budget, but this question will have to change in the future, as Dale has mentioned, since the Trump administration proposes cutting the State Department budget, while leaving aid to Israel untouched. So we should ask ourselves when that happens, what will it be–10, 20, 30 percent? We don’t know yet.

The Sept. 14 Memorandum of Understanding, the U.S. guaranteed in this MOU security assistance over 10 years. There are no Israeli obligations, and up to 28 percent could be spent on Israel’s own export-oriented industries. This is the latest in a series of 10-year commitments, and the public has been told that this will guarantee Israel’s qualitative military edge.

When we polled this right after the MOU signing, the public responded–60 percent of them–that they had higher priorities. When questioned if the $38 billion was a good investment, 60 percent said health care for U.S. veterans, education, and paying down the national debt would be far better expenditures. Only 17 percent thought it should be spent on Israel.

When Congress passes aid to Israel and presents them to the president in bills to be signed, both rely on a subterfuge that the U.S. does not, and indeed cannot, know whether Israel has nuclear weapons. However, under the Arms Export Control Act, procedures must be followed whenever the U.S. provides foreign aid to known nuclear powers that have not signed the Nuclear Non-Proliferation Treaty. In 2012, under increasing pressure–including from a journalist who’s here today and Helen Thomas, who’s not with us–the Obama administration passed a gag order that punishes any federal employee or contractor who speaks out about what most people already know, which is that Israel has nuclear weapons.

So in a public opinion survey, first of its kind, most Americans would prefer an honest discussion about Israel’s nuclear weapons. Fifty-two percent said Congress should take nukes under consideration. Officially Congress has said it does not take a position on this matter. But under pressure from reporters–a handful–and legal action to block U.S. aid over its nuclear weapons program, and dogged reporting, this could change.

[START OF VIDEO CLIP]

Sam Husseini: Do you acknowledge that Israel has nuclear weapons, sir?

Sen. Chuck Schumer: I’m not–you can go read the newspapers about that.

Sam Husseini: You can’t acknowledge that Israel has nuclear weapons, sir?

Chuck Schumer: It is a well-known fact that Israel has nuclear weapons, but the Israeli government doesn’t officially talk about what kinds of weapons and where, et cetera.

Sam Husseini: Could the U.S. government be forthright?

Chuck Schumer: Okay. That’s it.

[END OF VIDEO CLIP]

Grant Smith: That was Sam Husseini, who is here with us today. In 1985 Israel and its lobby were the primary force behind providing preferential U.S. market access to Israeli exporters. This was later rebranded as America’s first free trade agreement. Because U.S. industry and labor groups were unanimously opposed to it, an Israeli Embassy operative covertly obtained and passed a 300-page classified report compiled from proprietary industry data from the ITC to help AIPAC overcome opposition. This was investigated as a counterespionage matter by the FBI.

And, as could probably be expected from such a process, it replaced a balanced tradingrelationship with a chronic U.S. deficit to [Israel].

In fact, on an inflation- adjusted basis, the U.S.-lsrael Free Trade Agreement is the worst bilateral free trade deal ever, with a cumulative deficit of $144 billion.

In this era of popular disapproval of trade deals–whether it’s the Trans-Pacific Partnership initiative or the North American Free Trade Agreements–when informed of the Israel free trade deal, 63 percent of Americans would either renegotiate or cancel it altogether.

Another bad deal that has been a long-term Israel and lobby initiative is moving the U.S. Embassy to Jerusalem. Since 1948, Israel has been attempting to persuade foreign embassies to relocate in Jerusalem, which is, under the original partition agreement, supposed to be international. But, leveraging Bob Dole’s presidential aspirations, in 1995 the Zionist Organization of America and AIPAC championed a law that was passed that defunds State Department overseas building budgets unless the U.S. Embassy is moved. U.S. presidents have refused to do it, but there are now many champions of the move in the Trump administration.

Americans are not so excited when told in a survey question, “Israel’s U.S. lobby wants the U.S. Embassy in Israel moved from Tel Aviv to Jerusalem. No other country, in accord with the U.N. resolutions opposing such a move, has done so.” Fifty-six percent of Americans indicate the embassy should not move, while 38 percent say it should. There is a renewed push to return to a policy of no daylight between the United States and Israel. This policy, particularly championed by former Israeli Ambassador to the U.S. Michael Oren, means that the U.S. and Israel can disagree, but not openly, since that would encourage common enemies and renders Israel vulnerable. Of course, such a policy mainly benefits Israel as a bargaining chip it can put in its pocket and leverage the appearance of U.S. unconditional support in its own relations. So there is an effort underway for that. Americans, when told and asked, Israel and its U.S. lobby are the only parties making such a demand in a question–“Israel and its U.S. lobby want a no-daylight policy, the president never criticizing Israeli settlements and giving Israel billions in aid and diplomatic support at the U.N.”–most say, 56 percent say, the majority say, there should not be a no-daylight policy.

We have Maria LaHood with us today who can do a much better job talking about what Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) are–a movement to end international support for Israel’s oppression of the Palestinians–and the effort by the Israel lobby to pass laws blocking this, making it illegal across the country.

So I’ll only say that Israel lobby direct mail fund-raising campaigns are virtually unequivocally focused on stopping BDS as a fund-raising and major program initiative right now. It’s highly visible. It’s the number one priority.

Question: Israel & its US lobby want a no daylight” policy of the president never openly criticizing Israeli settlements, giving Israel billions in aid, & diplomatic support at the UN

But Americans are ambivalent. When asked, 60 percent neither oppose nor support such laws, with 21 percent opposing them and only 18 percent supporting them. So Americans are notbehind BDS, are not highly on board with it, and they also don’t support the entire idea of single issue lobbying on behalf of a single foreign country.

I think this is the most important survey question, because it gets to the heart of the entire mechanism by which the Israel lobby has accumulated so much influence–campaign contributions. So here it is. That system ranges from seed funding of political candidates to funding through coordinated stealth political action committees, bundled campaign contributions, and pro-Israel mega donors. Janet McMahon and two former congressmen will be talking about that, I’m sure.

Seventy-one percent of Americans do not support this system.

They are probably not aware, however, why lobbyists for Israel no longer talk about getting guns and diplomacy for Israel. They talk about maintaining the U.S. special relationship with Israel, and there is a legal reason for that. Lobbyists for Israel, including the old-timers such as Abraham Feinberg and the founder of AIPAC Isaiah Kenen, in their writings and speeches were far more forthright in the early days. They honestly stated that their goal was weapons, money, and diplomatic support, because Israel needs it. There was no talk of because America needs Israel.

AIPAC received, indirectly, foreign startup money to launch itself, and today the tight coordination with the Israeli government continues. But the PR frame, the public relations frame, has changed. Now, it’s one of preserving special interests and common values. By the 1970s, no matter what the lobby did, the Justice Department stopped pursuing questions about whether some of its actors were in fact foreign agents who should be regulated as such. And since that year, a growing number of espionage investigations of AIPAC, and even the ADL, were opened, but then quietly closed for no justifiable reasons. 1970, in fact, was the last year the Justice Department took an interest in the Israel lobby as a foreign agent. There were in-depth hearings in 1962 and 1963 pleading with the IRS to look at their tax-exempt status, but nothing happened.

However, Americans appear to support a return to that simpler time when foreign agents were compelled to comply with disclosure laws and didn’t have quite so much power over Congress and elected officials. Sixty-six percent, in fact, when asked, favor returning to regulating such activities.

Perhaps this is driven by warranted investigative journalism about coordinated Israel lobby and Israeli government officials that are still using every means possible, including covert ones, to win. That includes an attempt to overturn a very beneficial–the JCPOA–Obama administration deal with Iran which most Americans favor, but which Israel and its lobby do not favor.

So you do have good journalism that came out about surveillance of the negotiations with the Iranians, about the Israeli government offering to do whatever is necessary with individual members of Congress if they would oppose passing this deal which the entire mainstream establishment Israel lobby–AIPAC, the ADL, the AJC–were united in opposing.

So, in conclusion, solid majorities of Americans polled, when using accurate survey technology, believe that U.S. foreign aid to Israel is too much. They don’t really even approve of the meansby which they’re won, and the funds and the U.S. unilateral commitments that are made to execute. However, this is a passive majority. None of these opinions and views has recently been, with few exceptions, translated into direct action by their members of Congress. So only through active opposition, rather than passive opposition, which is clearly out there, will Americans be able to get their government back into the business of representing them. And only by clearly asking about, and polling, and surveying, and doing serious research about Israel lobby programs and what Americans think about them, will we be able to have a process that takes wing and goes viral, so to speak, in terms of engaging more Americans to get out of this passive mode and become active participants once again with their government.

So with that, I am hoping our wonderful ushers, who are here today earning some community service hours, will circulate–Adrien, and Tabatha, and Sebastian, there we have Sapphire. If you have any questions, please pass your cards to them. We’ve got a very tight schedule, so we’re trying to keep our question and answer sessions getting to the most important questions first. Thank you. Do we have any questions yet?

Question: Many US lobbyists, nonprofit organizations & individuals steer campaign contributions to incumbents & sitting members of Congress solely on the basis of support for Israel.

Question: Until 1970 the US enforced laws requiring public disclosures when Israeli government & surrogate programs sought to influence U.S. public opinion and lobby congress. US should be regulating such activities

thanks to: Washington Report on Middle East Affairs. May2017, Vol.
36 Issue 3, p7-10. 4p.

Advertisements

D’Alema, Renzi, Israele e il diritto internazionale

https://pbs.twimg.com/profile_images/457634951517995008/aosxs6pP.jpeg

Leonardo Aseni

Qualche giorno fa, durante una cena privata, Massimo D’Alema, sembra essersi lasciato sfuggire una battuta di estremo interesse politico: ‘’Renzi è un agente del Mossad, bisogna farlo cadere’’. Possiamo prendere alla leggera le parole del dirigente del PD ?


Aldo Giannuli prova ad ironizzare: ‘’Certo una battuta conviviale sicuramente è sfuggita; tutti sappiamo che Max è un distrattone che fa queste cose senza pensarci e senza badare che è presente un giornalista e si sa come fanno questi infami della carta stampata: ti carpiscono un pensiero, una battuta confidenziale e poi te la sparano sui giornali. Poi, pare che la giornalista si fosse introdotta clandestinamente ed assistesse alla cena travestita da ficus’’ 1


Resta il fatto che la vicinanza – per non dire il servilismo – di Matteo Renzi alla lobby sionista è più che evidente e nessuno si sogna di negarlo, nemmeno Giannuli il quale poco dopo precisa che: ‘’Certo che non è una cosa da poco dire che il Presidente in carica è un agente di influenza di un servizio segreto straniero (e che servizio!). E poi lo pensereste mai di uno come Renzi? Va bene, si è sempre mostrato assai comprensivo verso le ragioni di Israele, ma questo che vuol dire? Spesso è parso in sintonia con l’asse Telaviv-Mosca ( certamente l’asse Washington – Tel Aviv ), ma è solo un impressione’’. Del resto il consulente in materia economica del pinocchio fiorentino è Yoram Gutgeld e qui il nostro storico è chiaro: ‘’Ma proprio questa è la conferma che Renzi non può essere in rapporto con il Mossad, perché Gutgeld ha prestato servizio nella Israel Defense Foirces, per poi passare ai reparti regolari dove è stato tenente colonnello, addetto al settore analisi, quel che fa pensare non al Mossad ma, semmai, all’Unit 8200, una branca del sovra nominato Israel Defence Forces’’. Il problema, a parte la corretta precisazione di Giannuli, non può essere eluso: Mossad o IDF, Israele ha messo le mani sulle istituzioni italiane e mira a demolire la Costituzione democratica del nostro paese. Vi sembra una cosa da poco che il Primo Ministro italiano abbia come consulente un economista, ex militare – già il mix economia ed esercito suona strano – israeliano, quindi di un paese straniero il quale, puntualmente, viola il diritto internazionale?


La domanda che sto per porre è di estrema importanza: molti uomini politici, intellettuali ed accademici che operano in Italia, in quanto cittadini italiani, hanno, in virtù delle loro origini ebraiche, anche la cittadinanza israeliana. E’ legittimo sapere a quale paese, concretamente, queste persone giurano fedeltà ?


Sono davvero tanti ( troppi ) i ragazzi ebrei che – a spregio della nazione di cui sono cittadini – si trasferiscono in Israele e prestano servizio nell’IDF indottrinandosi al sionismo di guerra. E’ il caso dell’italiano Leonardo Aseni che è entrato nell’unità Golani sul Golan siriano; questi territori sono stati letteralmente rubati alla Siria baathista ed è qui che Israele offre copertura ai tagliagole del Fronte Jabat Al Nusra. Leggiamo su Reporter Nuovo, sito di orientamento filoisraeliano, che: ‘’Tanti, tantissimi sono i ragazzi ebrei che da tutte le parti del mondo si trasferiscono in Israele per “servire” il loro Paese: americani, francesi, sudamericani, russi, sudafricani’’ 2.


Partendo da questa prospettiva, Israele, si pone non più come un semplice Stato nazionale – seppur imperialista – ma come una sorta di entità metaterritoriale: Israele è ovunque siano presenti fanatici filosionisti, disposti ad avallare il progetto di pulizia etnica di Netanyahu. Le parole di Leonardo Aseni solo eloquenti: ‘’Ho sempre avuto il sogno di essere un soldato da combattimento. Il mio amore per Israele nessuno me l’ha mai inculcato. I miei genitori vivono a Milano, mio padre è cattolico, mia madre ebrea. La mia famiglia in Israele, zii, cugini ecc, non sono esageratamente sionisti. La passione per questo Stato, e per tutto quello che c’è dietro, nasce dalle mie letture, dalla mia passione per la storia.” Avendo fatto l’Aliyà (ovvero esercitare il diritto di ogni ebreo di emigrare nello Stato di Israele) a 25 anni lui avrebbe dovuto fare solo 6 mesi di leva militare, ma ha scelto di farlo come volontario per 18 mesi’’.


Questa anomalia è facilmente spiegabile se noi inquadriamo il sionismo come una ideologia pan-imperialistica – quindi non solo israeliana – che, avendo un carattere messianico, si propone di portare a compimento il progetto britannico di colonizzazione (e schiavizzazione) dei popoli. Il carattere messianico del sionismo si fonda sulla coppia (che assume caratteri paranoici) ‘’amico o nemico’’ all’interno delle ‘’comunità ebraiche’’ presenti in Europa e negli Stati Uniti.


Il problema è serio: questi individui, poco o per nulla fedeli alla Costituzione italiana, una volta adempiuto il loro compito nell’IDF e rientrati in Italia, quanto saranno propensi a rispettare gli orientamenti politici dominanti nell’opinione pubblica del nostro paese sulla questione israelo-palestinese ? Mi spiego: questi gruppi sionisti militanti (da non sovrapporre alla comunità ebraica) , presenti in Italia, in che misura diventano delle Quinte Colonne di Israele soprattutto per ciò che riguarda il controllo, la manipolazione dei media e la costruzione di consenso per le politiche di guerra sioniste, in barba al nostro diritto?


Per questo motivo l’affermazione di D’Alema, ‘’Renzi agente del Mossad’’, non può passare in sordina: la magistratura di uno Stato di diritto serio, avrebbe nelle sue mani un elemento importante per iniziare ad indagare le reali relazioni del Primo Ministro, Matteo Renzi, e lo stato d’Israele, ovvero uno stato straniero che mina gli interessi della nazione – e del popolo – italiano. Il sionismo, con la sua invasività e violenza, (im)pone seri problemi giuridici: Israele ridefinisce il concetto di sovranità nazionale, plasmandolo alla mercè dei suoi interessi imperiali. Le Costituzioni democratiche – come ho già detto precedentemente – sono demolite dalle lobby sioniste, strutture elitarie e ben organizzate.


Per l’ennesima volta chiarisco che cos’è la lobby sionista, concetto alquanto complesso e sicuramente – data l’ingenuità di molti lettori – scivoloso. La lobby israeliana si è consolidata per due ragioni, una storica ed una politica successiva alla nascita di Israele nel 1948: (a) storicamente, i più grandi strateghi del colonialismo britannico ( Disraeli, Cecil Rhodes ed altri ), erano in maggioranza uomini dell’alta borghesia ebraica osservanti del Talmud di Babilonia. Per questo motivo, quando il sionismo religioso si convertì in movimento politico, su basi laiche, nel 1897, il suprematismo talmudista aveva già influenzato una buona parte della classe dirigente britannica. (b) Israele è riuscita a collocare i propri sostenitori nelle organizzazioni transnazionali capitaliste. Opporsi alla lobby sionista, in virtù di ciò, è estremamente importante e lo storico Diego Siragusa lo conferma in modo deciso: ‘’La lobby, per definizione, è un gruppo di potere che fa “pressione” coi mezzi di cui dispone per ottenere vantaggi da chiunque. Le lobby ebraiche sono le più potenti e meglio organizzate al mondo. Controllano l’economia, la finanza, le banche, l’informazione, il cinema, le industrie strategiche, la politica, la scienza. Gli Stati Uniti sono controllati dalle lobby ebraiche che dettano legge in ogni campo. Israele è la prima potenza al mondo, non gli Stati Uniti’’ 3.


L’analisi di Siragusa coincide con quella dell’ebreo antisionista Gilad Atzmon – studioso che ha avuto il coraggio di parlare espressamente di tribalismo ebraico – oltre alla ricerca di James Petras, sociologo marxista il quale ha posto la domanda: “gli Usa sono i padroni o i servi del sionismo?’’. Ma è proprio il tribalismo ebraico su cui batte Atzmon la chiave di lettura più importante: i giovani, come Leonardo Aseni, che servono nell’IDF, una volta tornati in Italia, diventano degli ‘’sradicati’’, oserei dire degli ‘’alieni’’. L’indottrinamento sionista, gli sproloqui del Talmud e la condivisione dei crimini militari israeliani, legano psicologicamente questi ragazzi al regime di Tel Aviv, trasformandoli – su chiamata del Mossad, di un sayanim oppure dei ‘’fratelli’’ della comunità – in attivisti israeliani sul territorio italiano. Così si viene a creare un legame psicologico difficile da rompere, per l’appunto tribale: Leonardo Aseni non è, o non sarà, un semplice ‘’italoisraeliano’’ ma un sionista residente ( ed operante ? ) nel territorio italiano. Da questo punto di vista Israele diventa un meta-Stato, una condizione mentale che spinge, chi cade nella sua macchina dell’indottrinamento, a sentirsi come un corpo estraneo nel paese in cui risiede.


Faccio un appunto: secondo le leggi sioniste, un cittadino italiano che si converte al giudaismo può prestare servizio nell’IDF e magari chiedere la cittadinanza israeliana. Quindi si diventa parte di Israele e del suo esercito se si professa la fede ebraica. Scusate, ma solo due entità delegano l’ingresso nelle proprie milizie alle pratiche religiose: Israele e Daesh. Può essere difficile da digerire – soprattutto per il moralmente corrotto ceto mediatico e accademico italiano – ma questa è la verità. Non c’è null’altro da aggiungere. Un cittadino italiano che inizia a seguire i precetti dell’Islam sunnita non acquista, in nome di nessuna legge, la cittadinanza marocchina ( il Marocco è uno dei principali paesi islamici sunniti ). Israele, dal un punto di vista del diritto internazionale, dà così vita a delle vere e proprie aberrazioni giuridiche.


Per queste ragioni la pesante affermazione di D’Alema su Matteo Renzi deve spingerci a porre delle domande: quanto influisce la lobby sionista sulla politica estera dei nostri governanti ? Il Parlamento italiano – come quello britannico – è occupato da Israele? James Petras ha dimostrato come gli ‘’agenti israeliani penetrano indisturbati in tutti i gangli vitali della Nazione’’. Questo discorso vale anche per l’Italia ?

 

  1. http://www.aldogiannuli.it/renzi-spia-del-mossad-conte-max/
  2. http://www.reporternuovo.it/2014/03/06/da-milano-al-golan-un-italiano-che-ha-scelto-israele/
  3. http://www.linterferenza.info/attpol/3400/

 

thanks to: l’Interferenza

Livingstone fired over Hitler remarks

The former mayor of London, Ken Livingstone, is fired from his radio show for saying Hitler supported Zionism.

Livingstone said last month that “let’s remember when Hitler won his election in 1932, his policy then was that Jews should be moved to Israel. He was supporting Zionism before he went mad and ended up killing six million Jews.”

Sorgente: PressTV-Livingstone fired over Hitler remarks

Renzi, Carrai, Mattarella e Cia

Ora Renzi tenta di salvare la faccia e anche l’amico, riservandogli un incarico nel suo staff, con la previsione di occuparsi di Big Data e cyber security, certo, ma senza alcun potere operativo, considerato che i settori restano di esclusiva competenza dei servizi segreti e dei loro addetti.

Sorgente: Renzi cede a Mattarella e Cia: si prende Carrai senza poteri – Il Fatto Quotidiano

Parlamentare britannico: Israele ha costruito a tavolino la storia degli accoltellamenti, il Partito Conservatore è influenzato dal “denaro ebraico”

Il Parlamentare laburista Sir Gerald Kaufman ha accusato Israele di aver inventato alcuni recenti episodi di accoltellamento e ha denunciato l’influenza del “denaro ebraico” sul Partito conservatore, nel corso di un discorso tenuto in Parlamento.

A riportarlo è il Jewish Chronicle: Kaufman, Parlamentare per la circoscrizione Manchester Gorton e Father of the House alla Camera dei Comuni, ha dichiarato, nel corso di un evento organizzato dal Palestine Return Centre, che il Governo si è spostato su posizioni decisamente più filo-israeliane negli ultimi anni, a causa di donazioni elargite da gruppi ebraici.

“Alle elezioni di maggio, i Conservatori hanno goduto di cospicue donazioni e del sostegno del Jewish Chronicle” ha continuato.

“Esiste un consistente gruppo di parlamentari conservatori che sono filo-israeliani a prescindere dalle azioni del governo: non si curano di ciò che Israele e il suo governo commettono.”

Ha poi aggiunto: “Non sono interessati al regime di oppressione in cui vivono i Palestinesi, o al fatto che possano essere uccisi in qualunque momento. Solo negli ultimi giorni, gli Israeliani ne hanno uccisi 52, nell’indifferenza generale e questo governo non sembra minimamente interessato.”

Kaufman si è spinto oltre e ha dichiarato che “oltre la metà” degli episodi di accoltellamento avvenuti in Cisgiordania, a Gerusalemme e sul resto del territorio israeliano sarebbero stati inventati di sana pianta, secondo quanto riportato dal blogger David Collier.

Leggendo una mail di un amico che vive a Gerusalemme Est, Kaufman ha aggiunto: “Più della metà degli accoltellamenti è frutto della fantasia. Per quanto riguarda l’altro 50%, alcuni casi erano veri, in altri è impossibile stabilirlo perché i Palestinesi sono stati giustiziati”.

“Sono arrivati al punto di uccidere persone dai tratti somatici arabi; negli ultimi giorni, hanno ucciso due ebrei israeliani e un eritreo scambiandoli per arabi.”

“Anche in quel caso, hanno provato a dire che si trattava di tentativi di accoltellamento, prima che si scoprisse che le vittime non erano Palestinesi.”

Kaufman si riferiva a un episodio accaduto recentemente, quando un uomo eritreo è stato ucciso da una folla inferocita, che credeva erroneamente che l’uomo fosse il complice di un terrorista arabo.

Il Palestine Return Centre, che ha organizzato la tavola rotonda a cui Kaufman ha partecipato, è un’organizzazione che si dedica alle questioni legate ai Palestinesi in diaspora e al loro diritto al ritorno.

Kaufman è parlamentare dal giugno 1970, quindi attualmente è il membro più anziano della Camera dei Comuni. È ebreo, ma da sempre si mostra molto critico nei confronti di Israele e del governo israeliano.

Trad: Romana Rubeo

Fonte: http://www.intifada-palestine.com/2015/12/british-mp-israel-fabricated-knife-attack-stories-conservative-party-influenced-by-jewish-money

Sorgente: Parlamentare britannico: Israele ha costruito a tavolino la storia degli accoltellamenti, il Partito Conservatore è influenzato dal “denaro ebraico” |

Israele vuole cancellare la Costituzione italiana?

Il totale asservimento dei media italiani ai governi guerrafondai di Israele, proprio in questi giorni, ha trovato una nuova conferma: i direttori di alcuni fra i più autorevoli organi di stampa, come Repubblica, Rainews e Corriere della Sera, hanno subito pressioni (presumiamo da ambienti filoisraeliani molto influenti, perché solo questi hanno la forza di fare questo) per licenziare decine di giornalisti colpevoli – citiamo direttamente dal sito di Progetto Dreyfus licenziamenti di massa nelle redazioni  – “di aver riportato, in forme totalmente stravolte, gli attentati commessi dai terroristi palestinesi in Israele”.
L’articolo di cui sopra pubblicato sul sito di Progetto Dreyfus, megafono della Comunità ebraica romana – quella stessa che lo storico Diego Siragusa ha definito come la “sezione italiana dell’estrema destra israeliana” -, è un vero e proprio attacco alla libertà di stampa, sia pure maldestramente camuffato dietro la richiesta di una più corretta informazione. Continuiamo a leggere l’articolo:‘’La disinformazione, al limite della propaganda, perpetrata da questi ultras dalla penna vicina ai terroristi palestinesi è finalmente terminata. Si è infatti interessato persino il presidente dell’ordine dei giornalisti che ha minacciato di ritirare diversi tesserini, di rispedire alcuni dei titolisti a corsi di formazione di giornalismo con particolare focus sull’etica ed escludere come estrema ratio dall’ordine alcuni degli autori più recidivi’’ 1.
Siamo di fronte ad affermazioni molto gravi e lesive dei principi che sono alle fondamenta della nostra Costituzione e in particolare di quell’articolo specifico che garantisce la piena libertà e il pluralismo dell’informazione.
In parole povere, secondo questi signori, chi fornisce un’ informazione non gradita al governo israeliano e al Likud dovrebbe essere allontanato o licenziato dai giornali per cui lavora e addirittura cacciato dall’ordine dei giornalisti. Si tratta di una minaccia ben precisa, un modo subdolo per rovinare la vita (non solo professionale) di decine se non centinaia di persone che cercano di fare al meglio il proprio lavoro. Tutto lascia dunque supporre che le redazioni di alcuni giornali verranno sfoltite a causa di licenziamenti politici, perché di questo si tratterebbe. Domanda: La “sinistra” italiana si mobiliterà in difesa di questi lavoratori forse prossimi al licenziamento (per ragioni politiche, è bene sottolinearlo) e per difendere il sacrosanto diritto alla libertà di stampa e di opinione così palesemente sotto attacco da parte dei gruppi di potere sionisti? Oppure tutto ciò passerà in sordina, dal momento che, da SEL fino al PCL, sembrano decisamente più impegnati ad occuparsi di “diritti civili, femminismo, liberalizzazione dei costumi e istanze lgbt” piuttosto che di conflitto sociale, lavoro e antimperialismo? Verranno licenziati, espulsi dall’Ordine dei Giornalisti o peggio ancora mediaticamente “linciati” dei giornalisti critici di Israele? Questioni secondarie. La “sinistra capitalista” ha ben altre urgenze e priorità….
Ma qual è l’agghiacciante tesi di Progetto Dreyfus, un sito che, fra le altre cose, trasuda islamofobia da tutti i pori (è sufficiente dargli un’occhiata per rendersene conto), sul conflitto in corso? Leggiamo: “L’unica cosa che contava per questi pseudo giornalisti era riportare il numero dei morti, alto da parte palestinese perché tanti, oltre 150, sono stati gli attentatori. Allo stesso tempo era basso, circa 25 in totale, il numero di persone barbaramente uccise con coltelli e macchine che hanno investito donne e bambini da parte israeliana”.
E chi sarebbero questi pericolosi attentatori, questi ‘’terroristi’’? Forse Afula di Asraa Abed, una donna indifesa, accerchiata dai militari israeliani, fino a che non le hanno sparato diverse pallottole. Per il giornalista di Haaretz, Gideon Levy, questo è “palesemente un assassinio. Quei poliziotti erano troppo codardi o assetati di vendetta e perciò meritano di essere processati, non encomiati” 2. Per un giornalista israeliano, certamente di Sinistra e democratico, quei soldati erano solo dei codardi che “meritano di essere processati”, mentre per i sionisti, quegli assassini sono degli ‘’eroi’’.
La Palestina è chiaramente sotto occupazione, definire ‘’terrorista’’ chi difende il proprio diritto alla libertà, all’indipendenza e a una dignitosa esistenza libera dalla dominazione neocoloniale, dovrebbe suscitare profonda indignazione. Un’ indignazione di massa che purtroppo tarda ad arrivare. E’ possibile restare in silenzio di fronte alle minacce e al terrorismo mediatico di Israele? E chi sarebbero poi i ‘’terroristi’’? Scrive ancora Levy: ‘’Ancor più macabra è l’esecuzione di Fadi Alon a Gerusalemme. Dopo che ha gettato a terra il coltello con cui aveva ferito un giovane ebreo, ha cercato di scappare dalla folla inferocita verso un poliziotto, che la gente incitava con parole volgari ad ucciderlo. Rispondendo alla richiesta della marmaglia, il poliziotto ha sparato a morte al ragazzo, senza motivo, e poi ha fatto rotolare il suo corpo in strada’’. Altri video dimostrano che una gran parte delle azioni dell’IDF (l’esercito israeliano) sono semplici atti di crudeltà, che hanno origine nel razzismo e nel particolarismo etnico e religioso ormai da tempo egemone in Israele.
Vogliamo parlare di Gaza ? Ashraf al-Qadra, membro del ministero della Salute palestinese, documenta che: ”L’occupazione persiste nell’utilizzo di armi non convenzionali contro i cittadini di Gaza, essa ne ha fatto uso in passato e continua tuttora”. 3 E continua: “Le tipologie delle ferite, curate negli ospedali della Striscia di Gaza in seguito agli attacchi israeliani, provano che l’occupazione ha usato armi incendiarie e non convenzionali, vietate a livello internazionale. Ciò si evince dai corpi delle vittime, che arrivano negli ospedali di Gaza con ustioni di grandi dimensioni e amputazioni in molte parti del corpo, oltre alle lacerazioni dei tessuti interni delle vittime. Tutto ciò dimostra che vi è un uso eccessivo della violenza contro i civili di Gaza, e che l’occupazione colpisce deliberatamente le aree popolate per aumentare il numero delle vittime tra i civili”. Il risultato è questo: oltre 43.000 persone, oggi a Gaza, vivono in condizioni di disabilità 4. E’ inutile girarci attorno: solo una persona in malafede può mettere sullo stesso piano un sasso lanciato da un ragazzo palestinese (o anche una coltellata sferrata con rabbia e disperazione), con i bombardamenti al fosforo e le bombe dirompenti dei cacciabombardieri israeliani.

Quello israeliano è un chiaro progetto di pulizia etnica, una sorta di lento e silenzioso genocidio portato avanti anche grazie all’impunità di cui gode Israele che, oltre a rappresentare una costante minaccia per i popoli arabi e/o mussulmani, sta mettendo in campo una strategia per attentare, come abbiamo appena visto, alle più elementari libertà democratiche – fra cui la libertà di stampa ed di informazione – in Europa.
Solo poche settimane fa la presentazione a Roma del libro di Alan Hart, “Sionismo, il vero nemico degli Ebrei“, è stata boicottata, come spiega nel suo blog lo storico Diego Siragusa l’Anpi siamo anche noi , traduttore e autore della prefazione, al punto tale che anche l’ANPI provinciale di Roma ha deciso di annullare l’evento. E’ lecito pensare a pressioni”, spiega Siragusa nel suo articolo, e non possiamo che condividere la sua ipotesi.
Insomma, siamo di fronte ad una vera e propria violazione del diritto che si traduce nel tentativo (ma è molto di più di un semplice tentativo) di mettere il bavaglio alla libera informazione, di zittire con le minacce i giornalisti non allineati al pensiero unico e ovviamente di orientare e condizionare la politica estera del paese (come se non fosse già del tutto prona agli interessi degli USA e di Israele). Tutto ciò dimostra peraltro, qualora ce ne fosse bisogno, quale sia il tasso di autonomia politica di questo paese .
E ancora: a chi giova l’iranofobia fomentata dai media filoisraeliani? La domanda è complessa e per questo, escludendo di rivolgerla (perché sarebbe del tutto inutile) ad un qualsiasi “funzionario mediatico” di regime, la giriamo alla giornalista Tiziana Ciavardini, colta ed esperta conoscitrice della Repubblica Islamica dell’Iran:
Dall’Islamofobia crescente in Occidente intensificatasi dopo i recenti attacchi terroristici in Francia e nei paesi mediorientali il senso di paura patologica nei confronti dell’IRAN fortunatamente sta in parte sta cambiando. La mia esperienza ultra decennale nella Repubblica Islamica dell’Iran mi ha portato ad avere una visione della cultura e della società contemporanea prettamente in contrasto con quelle che sono le notizie spesso capziose e confuse che i mass media ormai da anni stanno cercando di divulgare. Mi rivolgo in particolare a quella ‘paura dell’IRAN’ quella ‘IRANOFOBIA’ che vedeva nell’IRAN il male assoluto. Negli ultimi decenni l’Iran é stato piú volte presentato come un paese insicuro e da evitare caratterizzato da problemi politici interni che le cronache hanno inevitabilmente evidenziato creando un latente pregiudizio ancora oggi difficile da superare. Con l’elezione del Presidente Hassan Rohani l’Iran sta vivendo peró, un cauto cambiamento. Nello scenario mediorientale oggi questo Paese rappresenta l’unico Stato con una elevata stabilità politica ed istituzionale e rappresenta l’unica superpotenza regionale con una propria specifica identità. Purtroppo in Occidente siamo ancora ancorati al nostro etnocentrismo, convinti che la nostra civiltà occidentale si sia sparsa e imposta in tutto il mondo grazie alla superiorità morale del sistema democratico-parlamentare su altri sistemi politici. In realtá il sistema politico iraniano é troppo complesso e difficilmente comprensibile da un punto di vista occidentale e lo sbaglio maggiore é quello di voler attribuire regole e decisioni ad una sola persona quando non é esattamente cosí. L’Iran sta aprendo le proprie porte a nuove sorprendenti dinamiche un motivo in piú per intensificare il dialogo

La lobby sionista: vietato parlarne?

Ma c’è anche un’altra domanda a cui siamo chiamati a rispondere: esiste la lobby israeliana (sionista), cioè un centro (o vari centri) di potere impegnato(i) a difendere lo Stato di Israele e la sua politica di sostanziale e anche formale apartheid nei confronti del popolo palestinese? La risposta è semplice: sì, esiste. Cerchiamo di inquadrare il problema ripercorrendo le opinioni di importanti studiosi appartenenti alla Sinistra antimperialista italiana. Anche perché, molto spesso la sinistra confonde il “sionismo” con l’ “ebraismo”,eppure i rabbini Neturei Karta sono contrari allo Stato ebraico. . La destra, oggigiorno, è filosionista: condivide con questo sia l’imperialismo economico e politico che la sua funzione “messianica”.
Secondo lo storico marxista Mauro Manno “Non solo esiste ma è forte e, fatto grave, non ha oppositori o persone che ne denuncino la pericolosità’ 5. Il Partito Radicale (Pannella e Bonino in testa … ) così come il quotidiano La Repubblica (solo per citarne alcuni perchè l’elenco sarebbe infinitamente più lungo) sono apertamente schierati dalla parte di Israele.
Per il filosofo “post-marxista”, Costanzo Preve, nessuna persona intellettualmente onesta potrebbe negare l’esistenza della lobby filoisraeliana, “però anche solo fare un riferimento a questa realtà incontrovertibile, è immediatamente assimilato all’antisemitismo, identificato nel simbolismo comune mediatico manipolato con l’approvazione, esplicita o implicita, ai crimini sterministici di Hitler. Il tradimento degli intellettuali consiste nel non denunciare questo fatto…” 6.
Quindi, come mettere al riparo l’informazione e la libertà di stampa da questa progressiva involuzione antidemocratica? In regime capitalistico chi possiede i mezzi di produzione controlla e possiede anche i mezzi di informazione: egemonia di classe e costruzione del consenso camminano di pari passo. Israele è un paese imperialista (al vertice della catena di comando insieme a Usa e Gran Bretagna ), mentre l’Italia è un paese sub-imperialistico a sovranità limitata. I rapporti di forza fra questi stati rendono proni i governanti e i giornalisti italiani alle classi dirigenti americane e israeliane.
Lo storico Diego Siragusa ci ha spiegato molto bene come “Decisiva è, quindi, la tecnica dell’inganno. Il motto del MOSSAD, il famigerato servizio segreto israeliano, è questo “PER MEZZO DELL’INGANNO FAREMO LA GUERRA”. In modo esplicito gli israeliani confessano il loro metodo fondamentale col quale hanno costruito il loro stato e la loro potenza: la disinformazione sistematica come la quintessenza del loro progetto sionista. Possedere il controllo dell’informazione planetaria è la condizione necessaria per il successo dell’inganno” 7.Fino a quando tale inganno avrà successo? Da più di sessant’anni a questa parte a fare le spese degli appetiti di questa potenza imperialista cinica, arrogante e aggressiva sono i popoli dell’area mediorientale e in particolare quello palestinese.
La battaglia per ristabilire una verità storica e oggettiva su Israele, sui suoi crimini e sulla natura imperialista del sionismo, deve diventare quindi una priorità per chiunque sia animato da uno spirito democratico e da onestà intellettuale.

1)http://www.progettodreyfus.com/stop-alla-disinformazione-licenziamenti-di-massa-nelle-redazioni-dei-quotidiani-online/

2)http://www.bocchescucite.org/la-pena-di-morte-illegale-e-senza-processo-di-israele-e-accolta-dagli-applausi-delle-masse/

3)http://www.infopal.it/fonte-ufficiale-palestinese-israele-ha-trasformato-gaza-in-un-campo-di-sperimentazione-per-armi-vietate-a-livello-globale/

4)http://www.infopal.it/piu-di-43-600-disabili-a-gaza/

5)http://palestinanews.blogspot.it/2009/02/in-ricordo-di-mauro-manno-esiste-la.html

6)http://www.comunismoecomunita.org/?p=4115

7)http://www.civg.it/index.php?option=com_content&view=article&id=308%3Ala-disinformazione-e-la-formazione-del-consenso-attraverso-i-media&catid=2%3Anon-categorizzato&Itemid=101

thanks to: l’interferenza

L’attacco della lobby Israeliana alla libertà accademica. Tentativi di censura segno di debolezza

I tentativi di censura non sono un segno di forza, ma di debolezza

di Ben White

Per anni, le lobby israeliane hanno bollato l’appello dei palestinesi per il boicottaggio delle università israeliane come attacco alla “libertà accademica”. Ora la maschera è finalmente caduta.

Il mese prossimo, all’Università di Southampton nel Regno Unito, si terrà una conferenza su Israele e il diritto internazionale che riunirà “studiosi di diritto, politica, filosofia, teologia, antropologia, storia, studi culturali e altre discipline connesse”.

Tuttavia, in un impudico attacco alla libertà di parola, è aumentata la pressione perché l’università annullasse l’evento. Alla fine dell’anno scorso, il Comitato dei Deputati Ebrei Britannici, il Jewish Leadership Council, e l’Unione degli studenti ebrei hanno scritto al direttore della Scuola di Giurisprudenza di Southampton, sostenendo che la conferenza “andrebbe oltre l’ammissibile”.

Nel mese di febbraio, queste organizzazioni si sono riunite nella coalizione Università del Regno Unito, e hanno lamentato che la “libertà di parola” impediva alle università di “prendere in considerazione rappresentazioni valide per la comunità ebraica”. Stranamente, era presente anche l’ambasciatore britannico in Israele, Matthew Gould.

Attacchi continui

Nelle ultime settimane vi è stato un flusso costante di attacchi contro l’Università di Southampton, tra cui il suggerimento che la conferenza avrebbe reso l’università “complice nel favorire la montante e straziante ondata di antisemitismo in Europa”.

Disturba che sia intervenuto anche il Ministro per le Comunità, Eric Pickles, ponendosi come arbitro di ciò che si trova oltre i confini del “legittimo dibattito accademico”.

L’università ha invece sottolineato l’obbligo di legge di proteggere la libertà di parola. Un portavoce ha detto che l’università “difende la libertà accademica, la libertà di parola e le opportunità per il personale e gli studenti di discutere di una vasta gamma di opinioni e prospettive”.

Nel frattempo, centinaia di docenti e ricercatori hanno firmato una dichiarazione a sostegno della libertà accademica. Professori delle università di Oxford, Cambridge, della London School of Economics, di Harvard, del MIT, dell’Università della California e altre hanno condannato “i tentativi di parte” compiuti per “mettere sotto silenzio analisi dissenzienti del tema in questione”.

L’intero episodio è istruttivo del modo in cui i sostenitori di Israele cercano ipocritamente e in mala fede di soffocare la discussione critica.

In primo luogo, gli oppositori del boicottaggio accademico di Israele si presentano come difensori della “libertà accademica” – anche se la campagna per il Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni (BDS) è basata sulla complicità istituzionale delle università israeliane nell’occupazione e in crimini di guerra. Il significato di libertà di parola viene ridefinito come discussione che non disturbi i difensori intransigenti di Israele.

I timori di ‘estremismo’

Eppure gli stessi lobbisti israeliani che erroneamente dicono che il BDS è un attacco alla libertà accademica ora vogliono impedire una conferenza semplicemente perché non gli piacciono le idee che verranno discusse. Infatti, in un gesto che ricorda il maccartismo, la coalizione anti-BDS ha passato in rassegna 56 conferenzieri, etichettandone 45 come “anti-israeliani”.

In secondo luogo, la strategia iniziale – dopo l’attacco privato, quello pubblico – è stata quello di insinuare che la conferenza avrebbe in qualche modo nuociuto ai “rapporti tra le comunità”, un tentativo trasparente di attingere a timori circa “l’estremismo” e l’antisemitismo.

Ad alcuni funzionari universitari è stato detto da coloro che cercano di censurare che la conferenza stava causando “grande preoccupazione e angoscia” e che avrebbe potuto avere “conseguenze dannose per il benessere degli studenti e i rapporti tra le comunità nel campus”. Il direttore del Jewish Leadership Council, Simon Johnson, ha affermato che la conferenza avrebbe avuto “un impatto negativo sul sentimento comunitario”.

Questo tipo di discorso rappresenta un trend in crescita. Il Comitato dei Deputati, per esempio, ha citato “la coesione della comunità”, per opporsi ai Consigli locali che espongono bandiere palestinesi in un gesto di solidarietà nei confronti di un popolo occupato.

In terzo luogo, il significato di libertà di parola viene rivisitato in modo da significare discussione che non disturbi i difensori intransigenti di Israele. Il vicepresidente del Comitato dei Deputati, Jonathan Arkush, ha chiesto che a meno che l’università “rimodulasse” il convegno, questo “avrebbe dovuto essere annullato”. Ha detto che non si trattava di censura, ma “semplicemente” di chiedere “un dibattito equilibrato”.

Imparzialità

L’“insistenza” del Comitato sulla cosiddetta imparzialità è ironica, dato che il tesoriere uscente dell’organizzazione ha dichiarato di non potere criticare Israele, finché era in carica. Secondo Laurence Brass, chi esprime la propria opinione “è sottoposto a critiche personali molto dure e talvolta persino ad insulti”. Infatti, Arkush stesso ha chiesto a Brass di tacere.

Il doppio standard va oltre la parodia. Douglas Murray, della fondazione neo-conservatrice The Henry Jackson Society, ha dichiarato che la conferenza non è protetta dalla libertà di parola, perché è “unilaterale” – pochi giorni dopo aver scritto un articolo in cui affermava che “la Gran Bretagna è ora un paese in cui la libertà di parola è problematica”.

La deputata Caroline Nokes, nel frattempo, ha descritto la “libertà accademica” come “sacrosanta” e subito dopo, senza neanche rendersene conto, ha detto che si poteva fare un’eccezione a tale principio inviolabile nel caso di questa conferenza “apparentemente unilaterale”.

“Non si tratta di libertà accademica”, ha scritto la Federazione Sionista in una petizione. Protestano fin troppo. Ma non è solo questione di resistere a un attacco alla libertà accademica mascherato da preoccupazione per “l’uniteralità” o “i rapporti tra le comunità”.

In una prospettiva più ampia si tratta della continuazione degli sforzi per mettere a tacere il dibattito critico e punti di vista diversi, in particolare il punto di vista palestinese, in un momento in cui la voce degli espulsi e degli occupati viene sentita più forte che mai. I tentativi di censura non sono un segno di forza, ma di debolezza.

Ben White è un giornalista freelance, scrittore e attivista, specializzato in Palestina / Israele. 

Fonte: Al Jazeera

Traduzione di Federico Zanettin

thanks to: BDS Italia

Torino: sulla campagna Boycott Israel e le strumentalizzazioni de La Stampa

Torino: sulla campagna Boycott Israel e le strumentalizzazioni de La Stampa | Palestina Rossa.

Riportiamo il comunicato del collettivo Boycott Israel di Torino in risposta a un articolo comparso ieri sulle pagine online de La Stampa: nel pezzo, firmato dal noto Massimo Numa, si strumentalizza con falsità e imprecisioni un presidio organizzato lunedì dal collettivo Boycott Israel per informare della campagna avviata in questi giorni in merito ai festival musicali di MiTo e Torino Danza.

All’interno delle due rassegne, infatti, sono previsti concerti che ospiteranno artisti israeliani, alcuni dei quali organizzati con il diretto sostegno dell’ambasciata di Israele. Massimo Numa non è certo nuovo a questo tipo di strumentalizzazioni (cui oggi sono seguiti i cori di indignazione del sindaco Fassino) e noto per il disprezzo con cui è solito trattare le vicende che riguardano i movimenti sociali nonché le mobilitazioni a sostegno della Palestina, spesso e impropriamente tacciate di antisemitismo grazie a inesattezze e deliri di “escalation” e “campagne d’odio”. Di seguito il comunicato del collettivo Boycott Israel che fa chiarezza sull’iniziativa e, al fondo, il volantino di presentazione della campagna di boicottaggio.

In primo luogo ringraziamo Massimo Numa e gli altri redattori per l’ampio risalto dato all’iniziativa del 2 settembre di boicottaggio contro Israele negli spettacoli di MiTo e Torino Danza.

In merito a quanto pubblicato, dichiariamo la nostra totale estraneità a qualunque iniziativa di boicottaggio di negozianti ebrei in quanto tali, di cui peraltro, a Torino, non siamo a conoscenza. Ci risulta che una simile iniziativa sia stata presa a Roma da un gruppo neofascista: ma noi, come tutti coloro che appoggiano l’appello palestinese per il BDS (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni contro Israele), consideriamo la battaglia contro fascismo e antisemitismo base fondante del nostro lavoro.

A maggior ragione sottolineiamo ancora una volta che Ebraismo (un’antica religione) e Israele (uno stato razzista) non possono essere identificati: nel mondo migliaia di ebrei hanno preso posizione contro la politica genocida dei governi israeliani, esprimendo la propria solidarietà ai palestinesi divenuti “vittime delle vittime”.

Constatiamo che invece Beppe Segre, presidente della comunità ebraica torinese, continua a operare perentoriamente questa identificazione, sostenendo che “la comunità ebraica appoggia completamente la posizione dello stato di Israele”. Invitiamo i membri di coscienza della Comunità a prendere posizione contro questo arbitrario arruolamento.

In generale quanto riportato su La Stampa non è altro che il frutto di una profonda disinformazione e pregiudizio attribuendo a quanti si battono per la fine dell’occupazione in Palestina una campagna di odio verso Israele. Il Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni (BDS) è una campagna che utilizza strumenti non violenti per costringere il governo di Israele a porre fine al regime di occupazione e di apartheid come è successo con il Sud Africa. Il BDS viene appoggiato e sostenuto da intellettuali ebrei quali lo storico Ilan Pappe, la sociologa scomparsa Tanya Reihnardt , la filosofa Judith Butler e tanti altri che qui non è possibile citare insieme a artisti e intellettuali non ebrei, ad esempio Ken Loach, Roger Waters, Elvis Costello, Naomi Klein, diversi premi Nobel e chiese e università americane ed europee.

L’ultima cruenta aggressione a Gaza, che ha provocato oltre 2100 morti, di cui oltre 500 bambini, ma a cui la popolazione ha resistito eroicamente con tutti i mezzi, deve essere per tutte le persone sensibili uno sprone in più a sostenere la campagna BDS fino alla realizzazione dei suoi obbiettivi:

La fine dell’occupazione e del blocco di Gaza
La fine dell’apartheid
Il diritto al ritorno dei profughi palestinesi cacciati dalle loro case più di 60 anni fa.

In particolare riteniamo importante continuare a dedicarsi al boicottaggio culturale, un punto particolarmente sensibile per Israele perchè smaschera la falsa immagine positiva che questo stato cerca di fornire di sè. Nel 2009 infatti Arye Mekel del Ministero degli affari esteri israeliano disse: ”Manderemo ovunque i più noti scrittori e romanzieri, compagnie teatrali, mostre. In questo modo sarà mostrato il volto più grazioso di Israele, così che non siamo più pensati solo in un contesto di guerra”.

Collettivo Boycott Israel – Torino

Allegato Dimensione
cultural_boycott_Cohen_12_set.jpg 389.77 KB

Il rapporto segreto che aiuta Israele a nascondere i fatti

I portavoce israeliani hanno il loro bel da fare nello spiegare come hanno ucciso più di 1000 Palestinesi in Gaza, molti dei quali civili, a confronto con appena tre civili uccisi in Israele dai razzi e mortai di Hamas. Ma in televisione, nelle radio e sui giornali, i portavoce del governo israeliano, come Mark Regev, appaiono furbi e meno aggressivi rispetto ai loro predecessori, che spesso erano visibilmente indifferenti a quanti palestinesi erano stati uccisi.

C’è una ragione per questo miglioramento delle competenze di PR (Public Relation n.d.t) dei portavoce israeliani. Stando a quello che si dice, il copione che stanno utilizzando è uno studio professionale, ben studiato e riservato, su come influenzare i media e l’opinione pubblica in America e in Europa. Scritto dall’esperto sondaggista repubblicano e stratega politico, il dottor Frank Luntz, lo studio è stato commissionato cinque anni fa da un gruppo chiamato Il Progetto Israele, con uffici negli Stati Uniti e in Israele, per l’utilizzo da parte di coloro “che sono in prima linea nella lotta contro la guerra mediatica per Israele “.

Ognuna delle 112 pagine del libretto è contrassegnata “non per la distribuzione o la pubblicazione” ed è facile capire il perché. La relazione Luntz, ufficialmente intitolata ” Il Dizionario della Lingua Globale del Progetto Israele 2009“, è trapelata quasi subito aNewsweek online, ma la sua vera importanza è stata raramente riconosciuta. Dovrebbe essere una lettura obbligatoria per tutti, specialmente i giornalisti, interessati a qualsiasi aspetto della politica israeliana riguardo alle sue “fare e non fare” per i portavoce israeliani.

Questi sono molto illuminanti per il divario tra ciò che i funzionari e i politici israeliani credono davvero, e quello che dicono, quest’ultimo modellato nei minimi dettagli con sondaggi per determinare quello che gli americani vogliono ascoltare. Certo, nessun giornalista che intervista un portavoce israeliano può farlo senza leggere questa anteprima di molti dei temi e frasi utilizzate dal signor Regev e dai suoi colleghi.

Il libretto è pieno di consigli sostanziosi su come si dovrebbero modellare le loro risposte per diversi tipi di pubblico. Ad esempio, lo studio afferma che “gli americani concordano sul fatto che Israele ha diritto a frontiere difendibili”. Ma non si dice nulla di preciso per definire esattamente come dovrebbero essere quei confini. Evitare di parlare di confini in termini di pre-o post-1967, perché serve solo a ricordare agli americani la storia militare di Israele. Soprattutto a sinistra questo ti danneggia. Ad esempio, il supporto per il diritto di Israele a confini difendibili cade da un esaltante 89 per cento a meno del 60 per cento quando si parla in termini di 1967.

Cosa dire riguardo al diritto al ritorno per i rifugiati palestinesi che sono stati espulsi o sono fuggiti nel 1948 e negli anni successivi, e che non sono autorizzati a tornare alle loro case? Qui il dottor Luntz offre sottili consigli per i portavoce, dicendo che “il diritto al ritorno è un problema difficile da comunicare efficacemente per gli israeliani perché gran parte del linguaggio israeliano suona come le parole ‘separati ma uguali’ dei segregazionisti negli anni ’50 e ’80 sostenitori dell’apartheid. Il fatto è che gli americani non amano, non credono e non accettano il concetto di ‘separati ma uguali’. ”

Come dovrebbero regolarsi i portavoce con quello che il libretto ammette essere una domanda difficile? Dovrebbero fare una “domanda”, sulla base del fatto che gli americani non amano le persone che fanno domande”. Poi dicono ‘ i Palestinesi non si sono accontentati del proprio stato. Ora stanno chiedendo territorio all’interno di Israele’”. Altre proposte per una effettiva risposta israeliana includono l’affermazione che il diritto al ritorno potrebbe diventare parte di una accordo definitivo “a un certo punto in futuro”.

Dr Luntz osserva che gli americani nel loro complesso hanno paura dell’immigrazione di massa negli Stati Uniti, così parlare di “immigrazione palestinese di massa” in Israele questa non sarà accolta favorevolmente dagli americani. Se non altro funziona dire che il ritorno dei palestinesi potrebbe “deviare gli sforzi per raggiungere la pace”.

La relazione Luntz è stata scritta all’indomani dell’operazione Piombo Fuso nel dicembre 2008 e gennaio 2009, quando 1.387 palestinesi e nove israeliani furono uccisi.

C’è un intero capitolo su “isolare l’Iran sostenuta da Hamas come un ostacolo alla pace”. Purtroppo, all’arrivo dell’attuale operazione Protective Edge, che ha avuto inizio il 6 luglio, c’è stato un problema per i propagandisti israeliani perché Hamas aveva litigato con l’Iran sulla guerra in Siria e non ha avuto contatti con Teheran. Relazioni amichevoli sono stati ripresi solo negli ultimi giorni – grazie alla invasione israeliana.

Gran parte del consiglio del dottor Luntz è di circa il tono e la presentazione del caso israeliano. Dice che è assolutamente cruciale per trasmettere empatia per i palestinesi: “Persuadables [sic] non si curano di quanto si sa fino a che non sanno quanto vi preoccupate. Mostrate empatia per entrambi i lati! “Questo potrebbe spiegare perché un certo numero di portavoce israeliani sono quasi lacrimosi per le difficoltà dei palestinesi martellati da bombe e proiettili israeliani.

In una frase in grassetto, sottolineato e scritto in minuscolo, il dottor Luntz dice che il portavoce o leader politici israeliani non devono mai, mai giustificare “il massacro deliberato di donne e bambini innocenti” e devono aggressivamente sfidare coloro che accusano Israele di un tale crimine. Il portavoce israeliano ha lottato per essere fedele a questa prescrizione quando 16 palestinesi sono stati uccisi in un rifugio delle Nazioni Unite a Gaza lo scorso Giovedi.

C’è una lista di parole e frasi da utilizzare e una lista di quelle da evitare. Schmaltz è molto richiesto: “Il modo migliore, l’unico modo, per raggiungere la pace duratura è quello di raggiungere il rispetto reciproco.” Soprattutto, il desiderio di Israele per la pace con i palestinesi va sottolineato in ogni momento, perché questo è quello che la stragrande maggioranza degli americani vuole che accada. Ma ogni influenza su Israele per fare effettivamente la pace può essere ridotta affermando “un passo alla volta, un giorno alla volta”, che sarà accettato come “un approccio di buon senso per l’equazione terra in cambio di pace”.

Dr Luntz cita come un esempio un “efficace slogan israeliano” che recita: “In particolare voglio raggiungere le madri palestinesi che hanno perso i loro figli. Nessun genitore dovrebbe seppellire il proprio bambino”.

Lo studio ammette che il governo israeliano non vuole veramente una soluzione a due stati, ma dice che questo dovrebbe essere mascherato, perché il 78 per cento degli Americani lo vuole. Le speranze per il miglioramento economico dei palestinesi devono essere sottolineate.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu è citato con vigore quando dice che è “tempo per qualcuno di chiedere ad Hamas: Che cosa stai facendo per portare prosperità al tuo popolo?”. L’ipocrisia di questo tizio convince: sono i sette anni di assedio economico israeliano che hanno ridotto Gaza alla povertà e alla miseria.

In ogni occasione, la presentazione degli eventi dei portavoce israeliani è orientata a dare agli Americani ed Europei l’impressione che Israele vuole la pace con i palestinesi ed è disposto a compromessi per raggiungere questo obiettivo, quando tutte le prove dicono che non è così. Anche se non era nelle intenzioni, alcuni studi più rivelatori sono stati scritti in tempo di guerra e di pace sul moderno Israele.

The Israel Project’s 2009 GLOBAL LANGUAGE DICTIONARY (Pdf versione italiana)

titolo originale: The secret report that helps Israel hide facts

di Patrick Cockburn pubblicato su www.independent.co.uk

Traduzione di Davide Amerio http://www.tgvallesusa.it/?p=10214

( Fonte:Contropiano.org )

Israel-Gaza conflict: The secret report that helps Israelis to hide facts

World View: The slickness of Israel’s spokesmen is rooted in directions set down by pollster Frank Luntz

Sunday 27 July 2014

Share

Israeli spokesmen have their work cut out explaining how they have killed more than 1,000 Palestinians in Gaza, most of them civilians, compared with just three civilians killed in Israel by Hamas rocket and mortar fire. But on television and radio and in newspapers, Israeli government spokesmen such as Mark Regev appear slicker and less aggressive than their predecessors, who were often visibly indifferent to how many Palestinians were killed.

There is a reason for this enhancement of the PR skills of Israeli spokesmen. Going by what they say, the playbook they are using is a professional, well-researched and confidential study on how to influence the media and public opinion in America and Europe. Written by the expert Republican pollster and political strategist Dr Frank Luntz, the study was commissioned five years ago by a group called The Israel Project, with offices in the US and Israel, for use by those “who are on the front lines of fighting the media war for Israel”.

Every one of the 112 pages in the booklet is marked “not for distribution or publication” and it is easy to see why. The Luntz report, officially entitled “The Israel project’s 2009 Global Language Dictionary, was leaked almost immediately to Newsweek Online, but its true importance has seldom been appreciated. It should be required reading for everybody, especially journalists, interested in any aspect of Israeli policy because of its “dos and don’ts” for Israeli spokesmen.

These are highly illuminating about the gap between what Israeli officials and politicians really believe, and what they say, the latter shaped in minute detail by polling to determine what Americans want to hear. Certainly, no journalist interviewing an Israeli spokesman should do so without reading this preview of many of the themes and phrases employed by Mr Regev and his colleagues.

Mark Regev Mark Regev The booklet is full of meaty advice about how they should shape their answers for different audiences. For example, the study says that “Americans agree that Israel ‘has a right to defensible borders’. But it does you no good to define exactly what those borders should be. Avoid talking about borders in terms of pre- or post-1967, because it only serves to remind Americans of Israel’s military history. Particularly on the left this does you harm. For instance, support for Israel’s right to defensible borders drops from a heady 89 per cent to under 60 per cent when you talk about it in terms of 1967.”

How about the right of return for Palestinian refugees who were expelled or fled in 1948 and in the following years, and who are not allowed to go back to their homes? Here Dr Luntz has subtle advice for spokesmen, saying that “the right of return is a tough issue for Israelis to communicate effectively because much of Israeli language sounds like the ‘separate but equal’ words of the 1950s segregationists and the 1980s advocates of Apartheid. The fact is, Americans don’t like, don’t believe and don’t accept the concept of ‘separate but equal’.”

So how should spokesmen deal with what the booklet admits is a tough question? They should call it a “demand”, on the grounds that Americans don’t like people who make demands. “Then say ‘Palestinians aren’t content with their own state. Now they’re demanding territory inside Israel’.” Other suggestions for an effective Israeli response include saying that the right of return might become part of a final settlement “at some point in the future”.

Dr Luntz notes that Americans as a whole are fearful of mass immigration into the US, so mention of “mass Palestinian immigration” into Israel will not go down well with them. If nothing else works, say that the return of Palestinians would “derail the effort to achieve peace”.

The Luntz report was written in the aftermath of Operation Cast Lead in December 2008 and January 2009, when 1,387 Palestinians and nine Israelis were killed.

There is a whole chapter on “isolating Iran-backed Hamas as an obstacle to peace”. Unfortunately, come the current Operation Protective Edge, which began on 6 July, there was a problem for Israeli propagandists because Hamas had quarrelled with Iran over the war in Syria and had no contact with Tehran. Friendly relations have been resumed only in the past few days – thanks to the Israeli invasion.

Frank Luntz Frank Luntz Much of Dr Luntz’s advice is about the tone and presentation of the Israeli case. He says it is absolutely crucial to exude empathy for Palestinians: “Persuadables [sic] won’t care how much you know until they know how much you care. Show Empathy for BOTH sides!” This may explain why a number of Israeli spokesman are almost lachrymose about the plight of Palestinians being pounded by Israeli bombs and shells.

In a sentence in bold type, underlined and with capitalisation, Dr Luntz says that Israeli spokesmen or political leaders must never, ever justify “the deliberate slaughter of innocent women and children” and they must aggressively challenge those who accuse Israel of such a crime. Israeli spokesmen struggled to be true to this prescription when 16 Palestinians were killed in a UN shelter in Gaza last Thursday.

There is a list of words and phrases to be used and a list of those to be avoided. Schmaltz is at a premium: “The best way, the only way, to achieve lasting peace is to achieve mutual respect.” Above all, Israel’s desire for peace with the Palestinians should be emphasised at all times because this what Americans overwhelmingly want to happen. But any pressure on Israel to actually make peace can be reduced by saying “one step at a time, one day at a time”, which will be accepted as “a commonsense approach to the land-for-peace equation”.

Dr Luntz cites as an example of an “effective Israeli sound bite” one which reads: “I particularly want to reach out to Palestinian mothers who have lost their children. No parent should have to bury their child.”

The study admits that the Israeli government does not really want a two-state solution, but says this should be masked because 78 per cent of Americans do. Hopes for the economic betterment of Palestinians should be emphasised.

Prime Minister Benjamin Netanyahu is quoted with approval for saying that it is “time for someone to ask Hamas: what exactly are YOU doing to bring prosperity to your people”. The hypocrisy of this beggars belief: it is the seven-year-old Israeli economic siege that has reduced the Gaza to poverty and misery.

On every occasion, the presentation of events by Israeli spokesmen is geared to giving Americans and Europeans the impression that Israel wants peace with the Palestinians and is prepared to compromise to achieve this, when all the evidence is that it does not. Though it was not intended as such, few more revealing studies have been written about modern Israel in times of war and peace.

thanks to: Patrick Cockburn

The Independent

Le narrazioni tossiche su Gaza

Gaza. Sui media è completamente assente il racconto della parte palestinese
26 luglio 2014 – Rossana De Simone
Fonte: Il manifesto – 26 luglio 2014

Gaza

Articolo di Richard Falk*

Gaza. Sui media è completamente assente il racconto della parte palestinese

La nar­ra­zione occi­den­tale dell’ultimo attacco israe­liano su Gaza, ini­ziato l’8 luglio, è costi­tuita da due ele­menti: in primo luogo c’è l’appoggio incon­di­zio­nato al pre­sup­po­sto israe­liano, secondo il quale è ragio­ne­vole e legit­timo attac­care Hamas a Gaza, come rea­zione al lan­cio di gra­nate dirette a col­pire le città israeliane.

In secondo luogo, si è con­si­de­rata tra­gica la vio­lenza che pro­voca vit­time inno­centi e civili da entrambe le parti. Anche in que­sto caso si è dato per scon­tato che tale respon­sa­bi­lità sia di Hamas. Il New York Times in un edi­to­riale, è riu­scito a sin­te­tiz­zare entrambi gli aspetti: «Non era con­ce­pi­bile che il primo mini­stro Neta­nyahu tol­le­rasse i bom­bar­da­menti di Hamas. Né lo deve accettare.

Come ha dichia­rato Obama, nes­suna nazione deve subire bom­bar­da­menti nei pro­pri con­fini, né tun­nel di ter­ro­ri­sti all’interno del pro­prio ter­ri­to­rio». Il con­tral­tare di que­sto qua­dro, è rap­pre­sen­tato dagli ultimi giorni di morte e distru­zione, affron­tati dalla popo­la­zione di Gaza. L’enfasi delle Nazioni unite è rele­gata al ten­ta­tivo di smi­nuire il prezzo della morte dei civili inno­centi, pagato ogni giorno. Il Segre­ta­rio delle Nazioni unite, Ban Ki-moon non rie­sce a fare di meglio che «sol­le­ci­tare Israele a fare quanto pos­si­bile per fer­mare le morti dei civili». John Kerry, segre­ta­rio di Stato ame­ri­cano, ha aggiunto la sua vana richie­sta agli israe­liani di essere «pre­cisi» negli attac­chi militari.

La pre­sen­ta­zione di quanto sta avve­nendo nella Stri­scia, distorce com­ple­ta­mente la natura dell’interazione fra il governo israe­liano ed Hamas nei con­fronti di Gaza. Più di ogni altra cosa, risulta total­mente sop­pressa la nar­ra­zione pale­sti­nese, che inter­preta que­sti eventi in modo total­mente oppo­sto rispetto a quanto viene «messo in scena» dai media occi­den­tali e dai lea­der poli­tici pro Israele.

Que­sta «sce­neg­gia­tura» ha un punto di par­tenza: il lan­cio dei razzi da Gaza su Israele. La nar­ra­zione pale­sti­nese — invece — insi­ste sull’importanza dell’assalto israe­liano con­tro Hamas nel West Bank, deciso da Neta­nyahu in coin­ci­denza con il rapi­mento dei tre ragazzi degli inse­dia­menti israe­liani, il 12 giu­gno scorso.

Da quel momento, è scat­tata l’accusa imme­diata con­tro Hamas per il cri­mine, senza mai aver tro­vato o pre­sen­tato – nean­che in que­sti giorni — uno strac­cio di prova che potesse giu­sti­fi­care le accuse, risul­tate, in seguito, «pro­vo­ca­to­rie». E nes­suno sforzo è stato fatto per pren­dere in con­si­de­ra­zione la posi­zione di Hamas, che ha sem­pre negato il pro­prio coin­vol­gi­mento nel crimine.

A que­sto pro­po­sito, Max Blu­men­thal (gior­na­li­sta ame­ri­cano ndt) ha scritto che Israele ha nasco­sto l’informazione rela­tiva all’assassinio dei ragazzi rapiti. Pare che i lea­der israe­liani fos­sero già a cono­scenza della morte dei ragazzi, alcune ore dopo gli eventi. Il rapi­mento, però, ser­viva per giu­sti­fi­care la dispe­rata ricerca dei ragazzi in tutto il West Bank. Una «ricerca» che ha otte­nuto come risul­tato la morte di sei pale­sti­nesi, la deten­zione di altri 500 (soprat­tutto per­sone sospet­tate di legami con Hamas), il blocco totale di città e vil­laggi, le demo­li­zioni di case abi­tate da «sospet­tati», incur­sioni not­turne e molte altre forme di abuso dei diritti umani.

E all’interno del con­te­sto di que­sti ter­ri­bili cri­mini com­messi, non viene mai ricor­data la con­ti­nua disputa per l’occupazione ille­gale, la pre­senza degli inse­dia­menti e degli inse­diati nei ter­ri­tori occu­pati; si tratta di ele­menti che pro­vo­cano risen­ti­mento e rab­bia, ali­men­tati dalle quo­ti­diane umi­lia­zioni subite dai pale­sti­nesi. È troppo aspet­tarsi che Hamas, o qual­siasi altra for­ma­zione poli­tica, possa igno­rare tali pro­vo­ca­zioni senza rea­gire in alcun modo? E quale altro modo rimane ad Hamas, come rea­zione, se non inviare i pro­pri rozzi e pri­mi­tivi razzi in dire­zione di Israele?

La rispo­sta è senza alcun dub­bio con­tra­ria alle norme di diritto inter­na­zio­nale, ma quali alter­na­tive erano a dispo­si­zione di Hamas se non una supina acquie­scenza? Israele — del resto — ancor prima dell’intensificarsi dei razzi lan­ciati da Gaza, ha comin­ciato a bom­bar­dare, con una stra­te­gia mirata a indurre una pro­vo­ca­zione che potesse for­nire a Tel Aviv la giu­sti­fi­ca­zione per sfer­rare una mas­sic­cia ope­ra­zione mili­tare. Attac­chi indi­cati da Israele con la spre­ge­vole meta­fora di «fal­ciare l’erba», a rap­pre­sen­tare le indi­scri­mi­nate incur­sioni puni­tive a Gaza.

Altret­tanto rile­vante, ben­ché mai men­zio­nato nella ipo­crita nar­ra­zione delle scu­santi che cir­conda l’interpretazione della vio­lenza attuale, è l’illegalità del blocco di Gaza, sta­bi­lito a metà del 2007.

Que­sto «par­ti­co­lare», viene con­si­de­rato da esperti di diritto inter­na­zio­nale come una forma di puni­zione col­let­tiva nei con­fronti di tutti gli 1.8 milioni di pale­sti­nesi. Si tratta di una vio­la­zione dell’Articolo 33 della Quarta Con­ven­zione di Gine­vra, in base alla quale la popo­la­zione civile pale­sti­nese dovrebbe essere pro­tetta da Israele, in quanto potenza occu­pante. È que­sta una delle più fla­granti vio­la­zioni da parte di Israele delle norme di diritto umanitario.

Si sarebbe dovuto tener conto, inol­tre, del fatto che sino ad oggi non una sin­gola morte in Israele è stata cau­sata dal fuoco dei razzi di Hamas (il primo decesso, dei due avve­nuti, è stato cau­sato dall’esplosione di un mor­taio che ha col­pito un civile che stava por­tando cibo ai sol­dati israe­liani, men­tre la seconda vit­tima sarebbe un sol­dato col­pito da «fuoco amico» durante la prima fase dell’assalto di terra da parte israe­liana), vice­versa il numero dei pale­sti­nesi uccisi è salito a oltre 600 e stando ai reso­conti delle Nazioni unite, il 75–80 per cento di que­sti sono civili. Di certo, nono­stante la dispa­rità dei morti, non è que­sta una scusa per aval­lare l’utilizzo indi­scri­mi­nato di razzi, con un poten­ziale rag­gio di azione suf­fi­ciente a rag­giun­gere e col­pire le prin­ci­pali città israeliane.

Ma que­sta dispa­rità delle due parti deve essere presa in con­si­de­ra­zione e rico­no­sciuta, quando i diplo­ma­tici dis­ser­tano pie­to­sa­mente sulla sof­fe­renza dei civili di entrambe le parti. Un po’ di con­te­sto sto­rico è appro­priato. Israele, in pas­sato, ha accom­pa­gnato que­ste mas­sicce ope­ra­zioni mili­tari, con una nar­ra­zione auto­re­fe­ren­ziale costruita sulla base di provocazioni.

Nel 2008 venne sta­bi­lita una tre­gua; Israele sferrò poi un attacco a quelli che sta­bilì fos­sero mili­tanti di Hamas nei pressi di un tun­nel, ucci­den­done sei e vio­lando la tre­gua. Come rispo­sta Hamas lan­ciò razzi a salve con­tro Israele. Nella crisi odierna, la linea di demar­ca­zione è stata effet­ti­va­mente vio­lata da Israele, con una inten­sità tale da igno­rare la tre­gua pre­ce­den­te­mente sta­bi­lita, cui è seguito, imme­diato, l’attacco di terra.

Israele ha com­ple­ta­mente mono­po­liz­zato il dibat­tito pub­blico in Occi­dente, limi­tando la discus­sione al pro­prio diritto a difen­dersi dagli attac­chi dei razzi. (…) Da un excur­sus sulle ope­ra­zioni mili­tari pre­ce­denti, emerge un modello siste­ma­tico che dovrebbe creare sgo­mento in osser­va­tori obiet­tivi che ten­gono a cuore pace e giu­sti­zia: ad un periodo di quiete, segue una pro­vo­ca­zione israe­liana, poi una rea­zione di Hamas, seguita da una mas­sic­cia offen­siva israe­liana, seguita a pro­pria volta da espres­sioni di pre­oc­cu­pa­zione a livello inter­na­zio­nale. Appelli ini­zial­mente igno­rati, che invo­cano una tre­gua ed infine un ces­sate il fuoco.

E in ognuna di que­ste occa­sioni, le pro­cla­mate dichia­ra­zioni di Israele di voler dare fine alla capa­cità mili­tare di Hamas di lan­ciare razzi, non si sono mai rea­liz­zate, sol­le­vando il dub­bio che i veri obiet­tivi pre­fis­sati da Tel Aviv siano in realtà stati otte­nuti, ma mai resi pub­blici. (…) Gaza oggi sta subendo vio­lenze che non hanno pari per morti e distru­zione. Nono­stante que­sto, Hamas viene accu­sato di atti di «ter­ro­ri­smo». Vice­versa il ter­ro­ri­smo di Stato di Israele viene descritto come legit­timo e ragio­ne­vole. In tale con­te­sto, poco rico­no­sciuto, ogni cate­go­ria legale e morale risulta ina­de­guata per descri­vere quanto sta avvenendo.

Molti si chie­dono per­ché Hamas con­ti­nui a lan­ciare razzi con­tro Israele. Esi­ste una rispo­sta razio­nale con­vin­cente nell’annotare che la resi­stenza ad una occu­pa­zione stra­niera costi­tui­sce un impulso poli­tico fon­da­men­tale. Hamas, come sem­bra, ha acqui­sito una tec­no­lo­gia di razzi più sofi­sti­cata e in futuro potrebbe minac­ciare dav­vero Israele. Nel caso di Gaza — invece — la vul­ne­ra­bi­lità è evi­dente, ogni giorno; eppure si con­ti­nua a mostrare l’appoggio a Israele per la guerra e rei­te­rare il pio invito a limi­tare le sof­fe­renze della popo­la­zione civile.

*Richard Falk, pro­fes­sore eme­rito all’Università di Prin­ce­ton, è ex rap­por­teur su Gaza per le Nazioni unite. L’articolo è con­cesso al mani­fe­sto e Al Jazeera.

thanks to: Peacelink