Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

Palestinians are gathering for fresh protests in the Gaza Strip after Israeli massacre of more than 60 people in the besieged enclave on Monday. 

The committee which organized weekly “March of Return” rallies has called on the Gazans to come out en masse on the first day of the fasting month of Ramadan, under the slogan “Friday for the martyrs and the wounded.”

Israeli snipers, tanks and armored vehicles remain deployed near the Gaza fence after they killed at least 62 Gazans on the same day the US opened its embassy in occupied Jerusalem al-Quds.

Tens of thousands of people have been protesting along the fortified fence since March 30, calling for Palestinian refugees and their descendants to be allowed to return to their homes now inside Israel.

On Thursday, Israel carried out airstrikes on what it described as militant sites in Gaza, apparently targeting Hamas which it accuses of organizing protest rallies. The Palestinian Health Ministry said one man was injured during the attacks.

UN voting to probe Gaza attacks

Israel was also scrambling to thwart a special session by the United Nations Human Rights Council on Friday to decide whether to dispatch “an independent commission of inquiry” to investigate allegations of Israeli war crimes in Gaza.

The team would be mandated to look into “alleged violations and abuses, including those that may amount to war crimes and to identify those responsible,” read the text of a resolution submitted on Thursday night.

The commission should look at “ending impunity and ensuring legal accountability, including individual criminal and command responsibility, for such violations,” it added.

The Israeli mission at the United Nations has been ordered to prevent the investigation, said a Thursday report by Israel’s Channel 10.

Meanwhile, international condemnation of the Israeli killing, which shocked the world by its ferocity, continued. On Thursday, French President Emmanuel Macron condemned the “heinous acts” committed by Israel.

Palestinian Foreign Minister Riyad al-Maliki, who was addressing a meeting of the Arab League, called the carnage “a bloody racist massacre committed by the Israeli occupation forces in cold blood against our defenseless people.”

More than 2,700 Palestinians were wounded as the Israeli forces used snipers, tank fire and tear gas to target the demonstrators. A Canadian physician was shot by an Israeli sniper in both legs while treating the injured.

“Canada deplores and is gravely concerned by the violence in the Gaza strip that has led to a tragic loss of life and injured countless people,” Canadian Prime Minister Justin Trudeau said on Thursday.

“We are appalled that Dr Tarek Loubani, a Canadian citizen, is among the wounded – along with so many unarmed people, including civilians, members of the media, first responders, and children.”

Palestinian protesters have hoped to draw attention to a dire humanitarian crisis in Gaza, where the economy has collapsed under an Egyptian-Israeli blockade since 2007.

Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi said on Thursday he had made a rare decision to open the Rafah crossing with Gaza for a month, allowing Palestinians to cross during the holy period of Ramadan.

The Rafah crossing is Gaza’s only gateway to the outside world not controlled by Israel, but Egypt has largely sealed it in recent years under a security cooperation agreement with Tel Aviv.

 

Sorgente: PressTV-Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

Advertisements

‘100s of Israeli troops desert military service’

A report has revealed that hundreds of Israeli soldiers have abandoned their duties without permission, and are intent not to return in a show of disapproval of the military conscription policies of the Israeli regime.

The Hebrew-language news website Walla reported on Saturday that 300 Israeli troops had left or remained absent from their units over the past week.

The report added that Israeli military officials have leveled charges against 60 soldiers, who have been dropped from their unit rolls and listed as deserters.

The report came as the Israeli military announced earlier this year that suicide was the main cause of death among Israeli soldiers, and that 15 troopers – all of them male – had taken their own lives last year.

The army added that four soldiers were killed in the course of military operations, nine in on-base accidents, seven in off-duty car accidents and six died from illness or other medical reasons.

Another 43 soldiers were seriously hurt during the course of 2016.

Most of the soldiers injured or killed were conscripted troops. A smaller portion were career soldiers, and a handful were reservists who were in service at the time of their deaths, the Israeli army said.

Sorgente: PressTV-‘100s of Israeli troops desert military service’

Israele rimosso dalla lista dei partecipanti alle esercitazioni militari in Sardegna

Comunicato relativo al blocco delle esercitazioni militari israeliane previste in Sardegna per il Secondo Semestre del 2014. Cancellazione esercitazioni militari israeliane in Sardegna.

Il percorso di mobilitazione iniziato con l’Assemblea Internazionale del 30 agosto 2014, svoltasi a Cagliari a soli quattro giorni dalla fine della sanguinosa aggressione israeliana “Protective Edge”, prosegue con la convocazione sabato 11 ottobre del gruppo di lavoro contro le esercitazioni militari, in vista dell’inizio del “processo Quirra” e della manifestazione del 13 dicembre.

Riteniamo necessario condannare ancora una volta tutte le esercitazioni militari previste in Sardegna, in particolare quelle israeliane portate avanti da un governo che da oltre 66 anni occupa e opprime la Palestina e fa della pratica di guerra d’aggressione uno dei capisaldi della sua politica estera.

La petizione lanciata online dall’Associazione Amicizia Sardegna Palestina il 13 agosto 2014, indirizzata al presidente della Regione Sardegna Pigliaru e al Ministro della Difesa Pinotti, ha raccolto quasi 14.000 sottoscrizioni che chiedono la cancellazione delle esercitazioni militari israeliane in Sardegna, la revoca dell’accordo del 2005 di Cooperazione Militare con Israele, e l’applicazione di un embargo giuridicamente vincolante nei confronti di Israele, simile a quello imposto al Sud Africa ai tempi dell’apartheid.

Oltre ai numerosi foto appelli inviati da Gaza anche le attiviste e gli attivisti israeliani di Boycott from Within hanno scritto al Presidente della Regione Pigliaru e al Ministro della Difesa Pinotti, chiedendo loro la cessazione immediata di ogni tipo di cooperazione militare tra lo Stato Italiano e il regime sionista israeliano.

La lotta contro le esercitazioni militari israeliane in Sardegna vuole collocarsi all’interno dell’appello palestinese al Boicottaggio, al Disinvestimento e alle Sanzioni (BDS) contro Israele, nell’ambito della più ampia mobilitazione che il 13 settembre 2014 ha visto il popolo sardo opporsi all’occupazione militare che ormai da troppo tempo devasta oltre 35 mila ettari di territorio sardo sotto il vincolo delle servitù militari.

A questo proposito, è opportuno porre in evidenza la cancellazione dell’esercito israeliano dalla lista ufficiale dei partecipanti alle esercitazioni in corso in Sardegna, e nello specifico a Capo Frasca.

Infatti, come riportato nei documenti inviati dal Ministero della difesa al Comitato Misto Paritetico (CoMiPa) della Regione sulle servitù militari (riassunti qui) l’aviazione israeliana è stata rimossa dall’elenco dei partecipanti alle esercitazioni militari previste in Sardegna nel secondo semestre del 2014, ovvero da Settembre a Dicembre 2014. La notizia è stata riportata dai quotidiani locali e pubblicata nel sito della regione Sardegna.

Tuttavia, è probabile che si tratti di una cancellazione momentanea oppure solo apparente e che l’esercito israeliano sia stato inserito tra gli “eventuali ospiti Nato”, o gli “eventuali ospiti dell’Aeronautica Militare Italiana”. Inoltre, un altro elemento a sostegno di una probabile partecipazione israeliana a queste esercitazioni militari sarebbe rappresentato dall’assenza della Svezia, la quale non prende parte a esercitazioni militari congiunte con Israele.

Per queste ragioni è fondamentale proseguire in una mobilitazione condivisa e coordinata che porti all’individuazione e all’applicazione di efficaci strategie di lotta.

Associazione Amicizia Sardegna Palestina
BDS Sardegna

Three Israeli soldiers commit suicide

Three Israeli soldiers who had taken part in Tel Aviv’s recent war on the Gaza Strip have taken their own lives due to psychological problems, a report says.

Israeli daily Maariv reported Monday that the soldiers, who were members of the elite Golani Brigade, “had suffered psychological problems” in connection to their participation in the 50-day war.

It added that two soldiers had committed suicide near the border with the Gaza Strip, while a third killed himself in central Israel.

The newspaper added that the Israeli military police are investigating reasons behind the suicides.

The Israeli army has not made any comment about the incident.

In 2013, eight Israeli soldiers had killed themselves, according to a source in the army’s psychological health department.

Israel unleashed attacks on Gaza in early July and later expanded its military campaign with a ground invasion into the Palestinian territory. Over 2,130 Palestinians lost their lives and some 11,000 were injured. Gaza Health officials say the victims included 578 children and nearly 260 women.

According to Israeli sources, more than 70 Israelis were also killed. Palestinian officials put this number at more than 150.

DB/HMV/HRB

Tue Sep 30, 2014

 

thanks to: Presstv

L’Oreal condanna donazione alle soldatesse d’Israele

10527849_10152272984077689_8828387498359239772_nDopo intense proteste in rete, il noto fabbricante di cosmetici francese boccia l’iniziativa del distributore locale 
 L’Oréal ha sconfessato la distributrice israeliana dei suoi prodotti cosmetici per aver fatto una donazione all’esercito israeliano. Sulle reti sociali si era scatenato un tornado che metteva sotto accusa la distributrice Garnier Israele (saponi, deodoranti, creme, depilanti, pomate,

shampoo) che -in piena aggressione e bombe lanciate sui civili di Gaza- si era soladirizzata con le donne soldato israeliane, capaci di curare la propria bellezza anche durante i massacri. La reazione indignata di  migliaia di persone contro questa riprovevole iniziativa pubblicitaria, ha spinto la casa-madre de l’Oreal di Parigi a dissociarsi  e chiedere pubblicamente scusa. In un comunicato ha reso noto che “…siamo sorpresi, perchè è nostra regola non parecipare in un conflitto o in dispute politiche… condanniamo questa iniziativa di un distributore locale”. La vicenda dimostra che i consumatori hanno un certo potere quando reagiscono simultaneamente.

thanks to: selvas.org

I Carabinieri (indegnamente) italiani complici dell’occupazione sionista in Palestina

1 luglio 2013, Hebron, Palestina (o quel che ne resta di essa ad Hebron). Sono nel vecchio mercato e sto filmando. Arrivano 8 soldati israeliani, parrebbe stiano per irrompere in qualche casa.

Li seguo con la videocamera, ed infatti, arrivano al portone di una casa. Stanno per sfondare, ma si accorgono che li sto filmando e il mio collega è già attacco al cellulare per chiamare rinforzi. Ci guardano, si bloccano, parlano fra di loro e si allontanano guardandomi e parlando fra di loro. Questo è uno degli aspetti importanti dell’essere qui con l’ISM. Filmare con le video camere quello che fanno li scoraggia un pochettino. Ma, dall’altro lato della strada noto due macchine bianche con sigla “TIPH” e con persone a bordo in divisa stile “croce rossa”. Ritorno nelle strette vie del mercato per comperare qualche cheffia e mentre sono nel negozio arrivano un uomo e una donna con le divise che avevo notato prima, sono italiani, iniziamo a parlare.

Mi dicono che sono del TIPH e chiedono chi siamo, gli rispondiamo che siamo dell’ISM, ma mi dicono di non conoscerlo… Allora aggiungo : “è il solidarity movement, quello del quale faceva parte Vittorio Arrigoni….” ci rispondono che non sanno chi sia.. “Ahia”, mi dico c’è qualcosa che puzza.. Mi dicono che loro sono stati riconosciuti dai governi (non come l’ISM) e che forse quel momento arriverà anche per noi. TIPH: “un passo per volta…in fondo noi siamo neutrali, sai, è difficile dire chi sia qui l’oppresso…”.

No, dico, ma stiamo scherzando? Siamo ad Hebron, in una città che per metà è morta perchè è stato chiuso l’accesso, una città fantasma, con muri di cemento che chiudono gli accessi, check point, barriere; tutto questo fatto dagli israeliani per mandar via i palestinesi ed occupare la terra. In una città dove esercito e coloni sparano, umiliano e perseguitano i palestinesi. E questo tizio mi dice questa fesseria?

Quindi, quando rientro in casa, indago via internet per capire chi sono.. E sbang! Quando apro il loro sito web trovo la sorpresa: non sono volontari, godono dell’immunità diplomatica, trattasi di organizzazione nata in Norvegia e poi formata da membri di Norvegia, Italia, Danimarca,Svezia, Svizzera e Turchia. Per quanto riguarda l’Italia, sono i Carabinieri e Esercito. Per la Turchia c’è la Polizia Turca… Sono qui ad Hebron in “missione temporanea come osservatori”. La temporaneità sarebbe già da mettere in discussione, visto che l’accordo con Israele e Palestina l’hanno fatto nel 1997, ma, è il ruolo di osservatori che non capisco.

Nell’episodio del quale sono testimone, loro erano lì, hanno visto che i soldati stavano per sfondare la porta e irrompere nella casa di una famiglia per applicare poi gli stessi metodi… Il TIPH, non è intervenuto, ha effettivamente “osservato”. Perchè? Qual’è lo scopo? A cosa servono? Sono pagati da noi per star qui a far cosa se davanti ad una violenza non intervengono non solo perchè sono in missione, ma per UMANITA’ che ogni essere vivente dovrebbe avere.

Rimango con il dubbio: il TIPH è qui per vivere un pò a spese nostre senza fare una cippa, o sono qui per osservare qualcuno in particolare?

thanks to: Samantha Comizzoli