Lawyer: Israeli authorities torture Palestinian minors during detention, interrogation

RAMALLAH (Ma’an) — Teenage Palestinians in Israeli prisons and detention centers say they have been tortured, verbally abused, kicked, and slapped by Israeli interrogators during detention and interrogation, according to a lawyer from the Palestinian Committee of Prisoners’ Affairs, who recently conducted a series of visits with Palestinian teens in Israeli custody.

Hiba Masalha’s collection of testimonies comes as the latest report amid years of well documented cases of abuse and mistreatment of Palestinian children by Israeli forces.
In a statement from the committee, Masalha quoted 15-year-old Muhammad Abd al-Hafith Atiyeh from the Issawiya neighborhood of occupied East Jerusalem as he recounted the night that “large numbers of Israeli troops and intelligence officers” arrived at his family home around 3 a.m. on April 19, and inspected the house before detaining him.
Some 31 other Palestinians, the majority of them minors, were detained the same night during mass raids in Issawiya, in a detention campaign that has continued to intensify in East Jerusalem neighborhoods as Israeli police crack down on Palestinian youth for alleged criminal offenses like rock throwing.
“After Israeli soldiers handcuffed and took me outside my home,” Atiyeh said, “they violently beat me with their hands, with clubs, with their rifles, and kicked me in the head, back, and abdomen.”
Atiyeh said he was then shoved inside a military jeep between two soldiers with his head down and “whenever I moved they slapped me in the face.”
He was then taken to Israel’s Russian Compound detention center where, according to Masalha, he was forced to “kneel with his face on the ground and his hands cuffed behind his back for 10 hours.”
Another teenage boy, Muhammad Arafat Ubeidat, 16, from the Jabal al-Mukabbir neighborhood of East Jerusalem, told Masalha that he was detained from his home on May, 19 at 3 p.m., after Israeli police and soldiers ransacked his house “messing up whatever they found on the ground.”
A commander then asked Ubeidat to sign a paper in Hebrew and Arabic certifying that “nobody had beaten him or assaulted him.”
After he signed the paper, the soldiers handcuffed him behind his back and took him to a military vehicle.
The teen was then sat between two soldiers with his head facing the ground for the duration of the ride, throughout which “the soldiers beat his back with their elbows and slapped his face repeatedly.”
Like Atiyeh, Ubeida was then taken to the Russian Compound detention center where he was interrogated for six hours until midnight, his hands and feet tied to a chair.
“An interrogator kept swearing at me and slapping my face the whole time telling me to admit to charges (I didn’t commit).”
Ubeida stayed 14 days in a cell at the compound, under no charge, during which he was subjected to 17 interrogation sessions.
Some days, he said, he had three or four interrogation sessions in one day. After the 14 days, he was then moved to Israel’s Megiddo prison.
Ubeidat pointed out that prisoners suffer severely when they have court hearings, as they have to travel from Megiddo prison in the north, to central Israel’s Ramla prison, then to Jerusalem, and back.
“The wardens who escorted us treated us very badly, beating us and swearing at us for no reason,” Ubeida said, “they denied us water and bathroom breaks during the long journey back and forth.”
Masalha reported similar experiences from Muhammad Hussein Halasi, 17, from Jabal al-Mukabbir, Omar Abu al-Foul, 17, from Jabaliya refugee camp in the Gaza Strip, Jihad Salih Ghaban, 17, from Beit Lahiya in the Gaza Strip, and residents of Shufat refugee camp in occupied East Jerusalem Yazan Nidal Issa and Nidal Majid Adwein.
The youth from the Gaza Strip were detained in April and May after they attempted to cross the border fence between Israel and the besieged coastal enclave without proper documentation, in attempt to go to Israel and look for work.
Masalha’s report came two days after the Palestinian Prisoner’s Society (PPS) released a statement saying Palestinians being held in Israel’s Etzion prison were subjected to assaults, while Israeli soldiers reportedly used electric shock on a 16-year-old prisoner. Defense for Children International – Palestine (DCIP) released a report last month describing the well documented abuse of Palestinians children by Israeli forces and the harsh interrogation practices used to force their confessions, which has long been the target of criticism by the international community.According to affidavits taken by DCIP for the report documenting the recent arrests and sentencing of Palestinian minors for rock throwing, two of the teenagers “both had maintained their innocence and confessed only after they had experienced physical and psychological abuse.”The youth described being kicked and punched while handcuffed, choked, and having a door slammed in their face.
Interrogations of Palestinian children can last up to 90 days according to prisoners’ rights group Addameer, during which in addition to being beaten and threatened, cases of sexual assault, and placement in solitary confinement to elicit confessions are also often reported, while confession documents they are forced to sign are in Hebrew — a language most Palestinian children do not speak.

According to the Palestinian Committee of Prisoners’ Affairs, Israeli forces have detained 560 children from occupied East Jerusalem alone since the beginning of 2016, and 110 minors were still being held in Israeli prisons, including four girls and 10 boys in juvenile detention centers.

Sorgente: Lawyer: Israeli authorities torture Palestinian minors during detention, interrogation

La denuncia: 41 prigioniere palestinesi nel carcere di HaSharon. Violenza e umiliazioni

free-lena-07960Sono 41 le donne palestinesi detenute nella prigione israeliana di HaSharon, tra queste 12 minorenni. E’ quanto ha reso noto giovedì 4 agosto il Comitato palestinese per gli Affari dei prigionieri.

In un comunicato, il Comitato denuncia le condizioni di sofferenza psico-fisica in cui vivono le detenute, evidenziando come tale situazione sia una violazione del diritto umanitario e necessiti di un intervento urgente delle istituzioni internazionali.

Il Comitato rivolge anche un appello “a tutti i Palestinesi affinché si uniscano dietro la causa dei prigionieri”, denunciando l’escalation delle ultime settimane di attacchi e aggressioni del Servizio carcerario israeliano (IPS) contro i detenuti, in rappresaglia allo sciopero di massa dentro le prigioni.

Tra le prigioniere in sciopero della fame ci sono: Lina al-Jarbouni, Banan al-Mafarjeh, Yasmin Zaru Tamimi, Yasmin Shaaban, Hadiyeh Ereinat, Natali Shukha, Tasnim Halabi, Sundus Obeid, Jamileh Jaber, Manar Shweiki, Sajida Hasan, Marah Bakir, Nurhan Awwad, Malak Suleiman, Lama al-Bakri, Istabraq Nour, Nivine Alqam, Hanadi Rashed, Filisten Najem, Ansam Shawahneh, Maryam Sawafta, Itida Barqan, Abeer al-Tamimi, Alyaa Abbasi, Israa Jaabais, Marcel Salaymeh, Lara Tarayra, Khadijeh Faqih, Abla al-Adam, Shurouq Dwayyat, Amal Ahmad, Dunya Waked, Aisheh Jumhour, Safaa Faroun, Marlen Hreizat, Shirin Issawi, Samah Dweik, Iman Kanju, Shatella Awwad, Haniyyeh Nasser, Salsabil Shalaldeh.

Nella prigione HaSharon è detenuta la bambina Dima al-Wawi, di 12 anni, la più giovane prigioniera palestinese.

Secondo i dati forniti dal centro per i prigionieri, Addameer, circa 10 mila donne e minorenni palestinesi sono state incarcerate dalle forze israeliane negli ultimi 45 anni. Soltanto nel 2015 sono state imprigionate 106 Palestinesi – il 70 percento in più rispetto al 2013.

Lo scoppio dell’Intifada di Gerusalemme, nell’ottobre del 2015, ha portato a un’escalation di aggressioni e a arresti di massa da parte delle forze di occupazione, facendo lievitare anche il numero di ragazzine e donne imprigionate.

Secondo Addameer, tra le detenzioni eseguite da ottobre scorso ci sono 13 minorenni, alcune delle quali sono state ferite durante l’arresto. Inoltre, la maggior parte delle detenute è soggetta a maltrattamenti, torture psicologiche, violenze sessuali, percosse, insulti, minacce, ecc., da parte delle autorità carcerarie.

“Queste tecniche di tortura (psico-fisica) – denuncia Addameer – sono utilizzate non soltanto per intimidire le prigioniere, ma anche come strumento per umiliarle e indurle a firmare confessioni”.
A maggio, nelle carceri israeliane era rinchiuse 70 donne e 414 minorenni palestinesi – 104 sotto i 16 anni.
Pubblicato da InfoPal il 6 agosto 2016
(Fonte: Ma’an)

Sorgente: La denuncia: 41 prigioniere palestinesi nel carcere di HaSharon. Violenza e umiliazioni | Infopal

Il Paese degli Orchi: 440 minorenni palestinesi imprigionati e torturati

palestinian-youth-prisoner-abuse-in-Israeli-prison-01Memo. Circa 440 bambini palestinesi sono al momento imprigionati nelle carceri israeliane, secondo quanto affermato il 27 aprile da Defence for Children International-Palestina.

“Le ultime statistiche che abbiamo ottenuto dal Servizio Prigionieri israeliano hanno mostrato che circa 440 minorenni sono stati processati mentre altri no, poiché sono sotto interrogatorio o il processo è pendente”, ha affermato il funzionario della difesa Bashar Jamal.

“Tra i bambini prigionieri, 116 hanno tra i 12 e i 15 anni“. Ha anche evidenziato che ci sono 12 ragazzine, delle quali 10 sono in detenzione amministrativa“.

I bambini sono sottomessi a torture e abusi fisici e verbali. “La tortura inizia quando vengono arrestati – ha affermato -, sono picchiati e buttati a terra, colpiti dai fucili”.

Tra i prigionieri, 66 sono stati messi in isolamento durante gli ultimi tre anni. Un 17enne è stato messo in cella di isolamento per 45 giorni, periodo più lungo per un minorenne. La stanza dov’era stato rinchiuso era piccola, senza letto, e doveva dormire sul pavimento, senza luce del sole.

Traduzione di F.H.L.

 

thanks to: Agenzia stampa Infopal

La più giovane prigioniera del mondo racconta la storia del suo arresto e delle torture nelle carceri israeliane

266043367

 

PIC. Dima al-Wawi, 12 anni, la più giovane prigioniera del mondo, non ci poteva credere di essere finalmente libera e riunita con la propria famiglia, dopo 75 giorni di detenzione.
Lo sguardo di Dima al momento della scarcerazione era triste, pieno di orrore e d’innocenza repressa; mentre ispezionava le facce di coloro che l’hanno accolta, la sua voce era piena di desiderio di vivere e di sogni per il futuro. Desiderava uscire di casa dopo aver patito lunghi giorni dietro le sbarre.
Sicura di sé, Dima rispondeva alle domande dei giornalisti, dei corrispondenti televisivi e dei sostenitori, sia a casa sia al telefono.
La madre di Dima, Um Rashid, ha raccontato a PIC che il 9 febbraio è stato un giorno di profondo dolore: “Siamo rimasti attoniti sentendo alla radio la notizia dell’arresto di Dima, mentre la credevamo nella sua scuola vicino a casa”.
Dima ha raccontato ai reporter di PIC che l’occupazione israeliana ha impiegato diversi metodi di tortura contro di lei, come spruzzarle addosso acqua fredda durante i giorni di freddo pungente, oltre alle tecniche di minaccia e intimidazione e ai continui interrogatori.
Ha anche raccontato che, mentre entrava e usciva dalla prigione durante le udienze in tribunale, ha visto prigionieri bambini feriti che languivano in carcere.
Ha aggiunto di aver passato il tempo in prigione ricamando a punto e croce, pregando e leggendo libri.
Abu Rashid, il padre di Dima, ha detto che la sua assenza da casa è stata uno shock ed “è stata difficile per noi per via della sua giovane età; e, nonostante abbia sei sorelle e tre fratelli, Dima è la gioia della casa”.
“Ciò che ha lenito il nostro dolore sono state le campagne di solidarietà dei comitati e delle organizzazioni per i diritti umani, che hanno fatto pressione sull’occupazione israeliana, costringendola a liberarla”.
La madre ha raccontato che Dima è tornata a casa come una farfalla che rifiuti di essere contenuta dalle mura; lei vuole volare fuori dalla casa, coglie ogni occasione per uscire e respirare aria fresca, ma la sofferenza è evidente sul suo volto e lei parla, strilla e geme nel sonno, come se stesse vivendo un incubo.
L’avvocato militare Amjad Al Najjar, direttore della Società dei Prigionieri palestinesi, ha dichiarato: “Il crimine dei procedimenti giudiziari contri i bambini commesso dall’occupazione israeliana si va ad aggiungere alla serie di crimini commessi dall’esercito israeliano contro i palestinesi”.
Ha aggiunto: “Questo crimine è commesso in conformità alla legge militare israeliana – che si applica ai palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare in Cisgiordania – che permette azioni giudiziarie contro bambini dai 12 anni in su”. Dima è stata arrestata sotto questa legge.
L’avvocato ha dichiarato che l’occupazione ha fronteggiato la pressione internazionale per il rilascio di Dima al-Wawi, perché la detenzione di bambini fra i 12 e i 16 anni è vietata dalla legge internazionale e dalla legge israeliana, mentre la legge militare israeliana l’autorizza. Questa pressione ha costretto il tribunale israeliano a rilasciare la bambina due mesi in anticipo, con una multa di 8mila shekel (2.100 dollari).

 

Traduzione di F.G.

 

 

  thanks to: Agenzia stampa Infopal

Dossier sui prigionieri palestinesi 2015

https://i.imgur.com/UrEGevy.jpg

“Siamo contro un colonialisimo che investe tutti gli aspetti della vita e che si basa sulle forme più estreme di violenza che sono convenzionalmete associate con l’occupazionee e che si combina con una politica di apartheid. E l’ostilità che il popolo palestinese deve affrontare si estende a tutta la nostra popolazione, ovunque essa si trovi.”
Ahmad Sa’adat, Journal of Palestine Studies, Vol. 43, No. 4 (Summer 2014), p. 55.

 

«Non sono un terrorista, ma non sono neppure un pacifista. Sono semplicemente un palestinese normale, che difende la causa che ogni oppresso difende: il diritto di difendersi in assenza di ogni altro aiuto che possa venire da altre parti».
Marwan Barghuti, alla conclusione del suo processo (2004)

 

“Veniamo dalla terra, noi le offriamo il nostro amore e le nostre fatiche, lei in cambio ci nutre.
Quando moriamo, torniamo alla terra. In un certo senso, lei ci possiede. Così, la Palestina ci possiede e noi apparteniamo a lei “.
Susan Albulhawa, Ogni mattina a Jenin (2011)

 

“Quasi tutti loro (i palestinesi) sono stati condannati da tribunali militari, che hanno con i tribunali civili la stessa relazione che può avere la musica militare con il resto della musica. Tutti questi prigionieri, nel gergo israeliano, hanno ‘sangue sulle loro mani’. Ma chi, di noi israeliani, non ha sangue sulle proprie mani?”
Uri Avnery 1 , Everybody’s Son (2011)

 

ELENCO E MAPPA DELLE PRIGIONI IN ISRAELE E NELLA CISGIORDANIA
Le strutture di detenzione per i prigionieri palestinesi dei Territori Occupati (TPO) sono costituite da 4 centri per gli interrogatori, 4 centri di detenzione militare, e circa 17 prigioni. Mentre i 4 centri per gli interrogatori militari si trovano all’interno degli TPO, tutti i centri per gli interrogatori e le prigioni – ad eccezione di una prigione, Ofer – si trovano all’interno dei territori occupati nel 1948 cioè nello Stato di Israele.

 

ELENCO DELLE PRIGIONI E CENTRI DI DETENZIONE
Blocco Nord: Carmel Prison (Oren Junction), Damun Prison, Gilbo’a Prison (HaShita Junction), Hermon Prison (North Tzalmon Creek Junction), Megiddo Prison (Megiddo Junction), Shata prison (HaShita Junction), Tzalmon Prison (North Tzalmon Creek Junction).
Blocco Centrale: Ashmoret Prison (HaSharon Junction), Ayalon Prison (Ramla), Giv’on Prison (Ramla), HaSharon Prison (Hadarim Interchange), Maasiyahu Prison (Ramla), Magen Prison (Ramla), Neve Tirtza Prison (Ramla), Ofek Juvenile Prison (Even Yehuda), Rimon Prison (Even Yehuda), Dekel Prison
Blocco Sud: Eshel Prison, Ktzi’ot Prison (Ktzi’ot Junction), Nafha Prison, Ofer Prison (Atarot area), Ramon Prison, Shikma Prison (Ashkelon)

https://i.imgur.com/J0D0VqG.jpg

 

In allegato dossier della rete romana di solidarietà con la Palestina.

Vite di palestinesi nelle carceri di Israele 2015

thanks to: Assopace Palestina

Dal 1967, 10 mila donne palestinesi imprigionate da Israele

Addameer. A partire dal 1967, circa 10.000 donne palestinesi sono state arrestate e detenute dalle forze d’occupazione.

Attualmente, sono 60 le donne palestinesi rinchiuse all’interno delle prigioni, tra cui 10 bambine e 3 in detenzione amministrativa. Alcune delle prigioniere sono in stato di gravidanza.

Tra le detenute c’è anche la parlamentare Khalida Jarrar, membro del Consiglio Legislativo Palestinese.

Nel 2015, le forze d’occupazione hanno arrestato 106 tra donne e giovani palestinesi, con un incremento del 70% rispetto alle statistiche del 2013 e del 60% rispetto al 2014.

Durante l’ottobre del 2015, un’ondata di repressione si è abbattuta sui territori occupati palestinesi: a fare da scenario, le ripetute violenze israeliane ed i frequenti incidenti presso la Moschea di Al-Aqsa, oltre al criminale atteggiamento dei coloni nei confronti della popolazione palestinese.

Le forze d’occupazione israeliane (IOF) hanno perpetrato una serie di violazioni di diritti umani contro le donne palestinesi, inclusi arresti arbitrari di massa, incursioni in abitazioni private, torture durante gli interrogatori.

Sorgente: Dal 1967, 10 mila donne palestinesi imprigionate da Israele | InfopalInfopal

Ex detenuta rivela le tragedie delle donne imprigionate nelle carceri israeliane

Gaza-PIC. Durante i periodi di maggiore freddo, ogni inverno, l’ex prigioniera Fatima Al-Zak ricorda dolorosamente le altre donne incarcerate nelle prigioni israeliane che patiscono durante la fredda stagione.Fatima ha provato quel gelo durante la sua prigionia durata più di 6 anni, che l’ha portata a soffrire di disturbi cronici.Condizioni difficiliL’ex detenuta Fatima ha raccontato al reporter dell’agenzia PIC dei suoi sei amari anni di prigionia, durante i quali ha provato le doglie e i dolori del parto, legata. E’ stata privata dei più basilari diritti umani.Ha spiegato che “la sofferenza delle prigioniere è assai difficile, specialmente se sono incinte o se hanno un bambino”.Ha aggiunto: “Quando provo freddo mi ritrovo a piangere per le condizioni degli uomini e delle donne imprigionati; ho provato su me stessa le sofferenze della prigionia in ogni dettaglio, l’agonia cresce con l’inverno, dove i detenuti non hanno nulla per tenersi al caldo”.Ha sottolineato che il freddo perenne in prigione le ha causato la neuropatia periferica, un disturbo nervoso che accresce il senso di dolore, specialmente in inverno.Fatima ha raccontato che le prigioniere non dispongono di coperte per tenersi al caldo, e viene impedito loro di avere un abbigliamento invernale, il che aumenta la sofferenza.Fatima ha anche notato che nonostante il freddo gelido delle prigioni israeliane, le donne condividono le loro coperte e i loro vestiti con le nuove detenute. Le condizioni di queste donne necessitano di interventi ad ogni livello, in quanto private di ogni basilare diritto umano.Senza vitaFatima ha proseguito a descrivere le sofferenze delle detenute: “Eravamo otto in una stanza minuscola, con un’unica piccola finestra con le sbarre; siamo state private della luce del sole, e non c’era riscaldamento; la stanza era come un frigorifero”.Le donne sono anche private di cibo sano e bevande calde.Ha aggiunto: “Il servizio di sicurezza interno (IPS) sfamava otto persone con soli due pomodori, ma le mie compagne mi offrivano la loro razione perché ero incinta, e mi serviva un’alimentazione adeguata”.Fatima ha risentito delle frequenti ispezioni dell’amministrazione penitenziaria, che entravano deliberatamente nella cella, specialmente nei momenti di maggior freddo, e questo aumentava le loro sofferenze.Dolore fisicoFatima ha raccontato che le detenute erano private delle cure mediche e che nessun ginecologo veniva a curarle, il che ha aggravato le loro condizioni di salute.Dopo la nascita non le veniva dato cibo adeguato, ma le sue compagne di cella offrivano ugualmente la loro parte in modo che potesse sfamare suo figlio, Yusuf.Fatima recitava il sacro Corano e pregava Dio per suo figlio quando era malato, perchè non c’erano pediatri né cure per i bambini, che venivano trattati dalla sorveglianza come se fossero prigionieri essi stessi.Fatima è stata rilasciata il 30 settembre 2009 insieme ad altre 20 detenute nell’accordo Shalit, all’epoca prigioniero della resistenza palestinese.

Traduzione di Marta Bettenzoli

Sorgente: Ex detenuta rivela le tragedie delle donne imprigionate nelle carceri israeliane | InfopalInfopal

Combattente agguerrita: la storia di Hana Shalabi

Memo. Di Ramzy Baroud. Durante lo sciopero della fame di 47 giorni, Hana Shalabi non ha mai dormito in maniera costante per alcune ore. Nei primi giorni ha solo sonnecchiato un po’, svegliandosi con la paura improvvisa che qualcuno volesse farle del male.
Ma dopo la prima settimana di sciopero della fame, durante la quale non ha bevuto che un po’ d’acqua, il suo corpo ha cessato di funzionare in maniera normale. Così, invece di dormire lei cadeva in uno stato di delirio, in balia di allucinazioni frenetiche in cui ricordi e paure per il futuro si fondevano in una sonata di terrori notturni.

Ho intervistato Hana di recente, in una serie di conversazioni protrattesi per ore, per cercare di capire cosa l’ha spinta a rischiare la vita per ottenere la libertà condizionale a Gaza e per presentare la sua storia al fine di comprendere il fenomeno dello sciopero della fame come forma di battaglia politica all’interno delle prigioni israeliane. Attualmente nelle prigioni israeliane sono incarcerati 7000 prigionieri palestinesi, dei quali più di 500 senza processo.

Hana è nata il 7 febbraio 1982, l’anno in cui i gruppi palestinesi vennero espulsi dal Libano e i profughi dei campi di Shabra e Chatila vennero massacrati in massa. Suo padre, Yahya, e sua madre, Badia, ebbero 10 figli. Delle 6 femmine, Hana nacque dopo Najah, Salam e Huda, e prima di Wafa e Zahira. Samir era il fratello minore, grande due anni più di Hana.
La famiglia di Hana era originaria di Haifa, bella città portuale dalla quale vennero esiliati insieme a centinaia di migliaia di altri palestinesi che oggi costituiscono buona parte della popolazione di profughi. Dopo un viaggio relativamente breve, ma difficile, la famiglia si stabilì nel villaggio di Burqin, non lontano da Safad, a nord, accanto alla città e al campo profughi di Jenin.

Burqin, disteso nella valle di Marj Ibn Amer, offrì agli Shalabi una tregua temporanea in una vita difficile. Ma quel sollievo si interruppe presto, quando Hana era ancora bambina. Aveva 8 anni, stava mangiando un panino di Za’tar e uova, quando un ragazzo dei dintorni, di nome Mohammed, si precipitò verso di lei a tutta velocità.
Egli cadde in ginocchio e le sussurrò se poteva aiutarlo: lei rimase immobile. Quando egli infine cadde, lei si accorse di un grosso buco sulla nuca del giovane: era stato colpito dall’esercito israeliano qualche istante prima. Ciò avvenne durante la prima Intifada, e il ragazzo era uno dei tanti che vennero uccisi a Burqin. Hana si unì alla rivolta raccogliendo pietre per i ragazzi che si opponevano ai soldati che invadevano il villaggio quasi quotidianamente.

Hana, ora 33enne, parla di questi ricordi con la stessa purezza di un bambino preso dall’euforia della rivoluzione, che riusciva a stento a comprendere in maniera articolata. Era arrabbiata per la morte di Mohammed, questo era tutto.
Lei crebbe arrabbiata, in una rabbia che si rifletteva in molte persone attorno a lei. Suo fratello Omar si era segretamente unito alle Pantere nere, i cui membri erano tutti figli di contadini e di operai arabi impiegati in Israele. Si riunivano in grotte di montagna, e scendevano nei villaggi armati e mascherati per dichiarare scioperi e per mobilitare la gente alla ribellione. Ma quando Omar venne ferito nel corso di uno scontro notturno con i soldati, il segreto divenne noto a tutti, anche a suo padre Yahya, che si rese conto di aver fallito nel proposito di tenere i propri figli alla larga dai guai.

La storia di Omar venne venne raccontata ripetutamente tra i fratelli, quasi tutti coinvolti nella resistenza a diverso livello. Huda, la sorella maggiore, venne arrestata con l’accusa di aver tentato di accoltellare un soldato, e subito dopo il suo fidanzato cadde vittima di un’imboscata dell’esercito israeliano e venne ucciso. Si chiamava Mohammed as-Sadi e venne ucciso nel momento in cui stava per proporre ufficialmente il matrimonio. Huda venne a sapere della sua morte alla radio.
Samir era il maschio più giovane: i soldati, che invadevano la casa degli Shalabi frequentemente, lo terrorizzavano. Un giorno egli si nascose sotto il letto mentre i soldati distruggevano qualsiasi cosa nell’appartamento, facevano a pezzi i libri scolastici e urinavano nei contenitori dell’olio di oliva. A 13 anni egli lasciò la scuola, e pochi anni dopo imbracciò un fucile e si unì alla resistenza, vivendo per lo più sulle montagne. Quando l’esercito israeliano lo uccise egli era tra 17 marchiati a morte, tutti combattenti di diversi gruppi. Venne ucciso assieme a un suo compagno nella valle in cui aveva passato gran parte della sua vita, giocando, da ragazzo, e aiutando il padre nei campi più tardi.

A Samir piacevano i cavalli, e anche Hana crebbe amando questi animali. Ma lei resistette ai continui tentativi del padre di convincerla a diventare veterinario: lei avrebbe voluto studiare diritto in Tunisia, un sogno ancora da realizzare.
Samir era il suo miglior amico, si confidavano, e proprio prima di andare incontro alla sua ultima battaglia lui le chiese che la sua bara fosse tutta ricoperta di fiori, soprattutto dei fiori rossi che crescevano spontanei intorno a Burqin. Lei mantenne la promessa.
Poi, gli israeliani la arrestarono. La tennero in un passaggio sotterraneo e la sottoposero a mesi di torture fisiche e psicologiche. Quando si resero conto che era tutto inutile, la condannarono a 6 mesi di detenzione amministrativa, in seguito rinnovata diverse volte. Dopo anni passati sotto arresto, venne infine liberata il 18 ottobre 2011 dalla prigione di Ha Sharon. La sua liberazione, e quella di centinaia di altri detenuti, faceva parte di un accordo di scambio tra Hamas e Israele, raggiunto in seguito alla liberazione di un militare israeliano catturato tempo prima dalla resistenza.

I festeggiamenti durarono mesi, e quando si placarono lei venne nuovamente arrestata e rinchiusa in carcere. Quest’ultima esperienza fu anche più umiliante, e i dettagli vennero divulgati privatamente da Hana. Nel giorno del suo secondo arresto, il 16 febbraio 2012, i suoi carcerieri furono particolarmente brutali, ma lei fu eccezionalmente determinata. Secondo il quotidiano israeliano Yediot Ahronot Hana stava complottando il rapimento di un soldato, ma Hana non ebbe la pazienza di sottoporsi a un interrogatorio. Iniziò invece uno sciopero della fame che durò 47 giorni. La sua richiesta era la libertà.
Nell’ultima fase della sua protesta, quando già si profilava la morte, lei si svegliò in un ospedale israeliano, con polsi e caviglie incatenati al letto. Si trovava a Haifa, cosa che le fece affiorare un sorriso sulle labbra. «E’ il posto da cui viene la mia famiglia», sussurrò sorridendo sempre di più. La sua dichiarazione venne comunicata alle guardie, e, in seguito, alle autorità carcerarie, che immediatamente ordinarono il suo trasferimento fuori Haifa. Hana non aveva mai visitato Haifa, e per un momento passeggero le balenò l’idea gioiosa di morire lì.

In seguito a un accordo firmato in condizioni sospette, lei terminò lo sciopero della fame in cambio della libertà, ma solo per essere deportata nella Striscia di Gaza. Secondo l’accordo avrebbe dovuto essere rimpatriata in Cisgiordania 3 anni più tardi, ma questo non avvenne mai.
Hana continua ad abbracciare la vita, anche entro i confini di una Gaza assediata e distrutta dalla guerra. «Se non mi comportassi così, gli israeliani vincerebbero. Non posso dare loro questa soddisfazione», mi ha detto. «La resistenza sta nel vivere e prosperare, nonostante il dolore».
Hana sogna sempre di poter viaggiare ed esplorare la vita oltre gli orizzonti familiari di una vita sotto assedio.

(Questo articolo è tratto da un capitolo intitolato Death Note, dal prossimo libro sulla storia del popolo palestinese.)
Il dott. Ramzy Baroud si occupa di Medio Oriente da 20 anni. Egli è un editorialista riconosciuto a livello internazionale, consulente per i media e autore di diversi libri nonché fondatore del sito PalestineChronicle.com. Tra i suoi libri ricordiamo ‘Searching Jenin’, ‘The Second Palestinian Intifada’ e il suo recente ‘My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story’. Il suo sito web è: www.ramzybaroud.net

Traduzione di Stefano Di Felice

Sorgente: Combattente agguerrita: la storia mai raccontata di Hana Shalabi | InfopalInfopal

90 studenti dell’Università di Birzeit detenuti nelle carceri israeliane

PIC. Il portavoce del blocco islamico all’università di Birzeit presso Ramallah, Mohammed Zaid, ha rivelato che il numero di studenti detenuti dalle forze di occupazione israeliane ha superato i 90.

In una dichiarazione al Quds Press, il portavoce ha spiegato che gli studenti trascorrono mesi o addirittura anni interi in prigione. Ha inoltre aggiunto che le forze di occupazione israeliane hanno recentemente arrestato 16 studenti attivisti dell’università, 12 dei quali sono membri del blocco islamico, incluso il segretario del Comitato Culturale del Consiglio degli studenti, Asmaa Abdul HakimKedah, 20 anni, che è stata arrestata sabato mattina proprio mentre si recava all’università.

Il blocco islamico all’università di Birzeit ha denunciato la pratica israeliana, sottolineando che la feroce campagna di arresti condotta dalle forze di occupazione nei confronti degli studenti avrà come unico effetto quello di“aumentare la forza, la determinazione e la costanza nel perseguire il loro dovere nazionale ed accademico”.

Soppressione del ruolo degli studenti 

Per quanto riguarda il motivo degli arresti, il portavoce ha affermato che “tutti gli arresti sono privi di accuse o giustificazioni, e molti degli studenti sono stati trasferiti in detenzione amministrativa senza interrogatorio o accusa.”

Zaid pensa che l’occupazione israeliana “stia cercando di ostacolare il lavoro del consiglio, e del movimento degli studenti all’università, il cui ruolo è stato efficace durante l’Intifada di Gerusalemme.

Ha aggiunto:“E inoltre diventato chiaro che l’occupazione vuole logorare il blocco islamico, e sospendere i suoi servizi accademici per gli studenti universitari”. Ha citato il fatto che lo stesso giorno dell’arresto del Presidente del Consiglio e dei leader del blocco, all’alba di Mercoledì scorso, c’era una festa organizzata a supporto della moschea di al-Aqsa. Tuttavia, il blocco islamico ha portato a termine l’evento, che ha fatto tanto parlare i media israeliani in merito al suo successo e alla capacità di continuare il proprio lavoro malgrado le difficili circostanze.

Zaid ha osservato che il Consiglio degli Studenti e il blocco islamico presso l’università sono stati in grado di eccellere in tutti gli ambiti; dal sindacato al servizio civile, compreso il livello di impegno nazionale.

Ha inoltre fatto notare che l’occupazione israeliana insieme all’Autorità Palestinese con i loro continui arresti che avevano come principale target gli studenti del blocco islamico, hanno causato un forte ritardo nella laurea di molti studenti per anni. Alcuni studenti, invece di passare solo 4-5 anni al college, non riuscivano a laurearsi prima dei 10 anni trascorsi tra vita universitaria e detenzione nelle carceri israeliane e in quelle dell’Autorità Palestinese.

A sua volta, l’Università di Birzeit ha condannato la feroce campagna dell’occupazione israeliana contro gli studenti. L’università ha sottolineato, in un comunicato, che l’istruzione è un diritto garantito da tutte le leggi internazionali, e che l’adesione dell’università alla campagna per il diritto allo studio consentirà di rendere pubbliche le pratiche repressive dell’occupazione israeliana, che continua a dire al mondo che è uno stato democratico.

L’università ha osservato che si rivolgerà a tutte le istituzioni accademiche e alle organizzazioni per i diritti umani di tutto il mondo, per informarli dei crimini dell’occupazione israeliana contro il diritto all’istruzione in Palestina, che si impegna con falsi pretesti. L’università ha invitato le istituzioni internazionali a mettere sotto pressione l’occupazione israeliana per la liberazione dei prigionieri palestinesi nelle sue carceri, compresi gli studenti.

L’università ha aggiunto che la perseveranza delle pratiche repressive da parte dell’occupazione israeliana contro il popolo palestinese in generale e gli studenti in particolare, non farà altro che aumentare le azioni internazionali delle campagne di boicottaggio accademico contro le istituzioni di occupazione israeliane. Essa afferma, inoltre che tali pratiche non impediranno mai all’università diBirzeit di svolgere il suo ruolo di primo piano nei confronti dell’occupazione.

Il numero di studenti detenuti nelle carceri israeliane ha raggiunto i 90, tra maschi e femmine, oltre ad un dipendente presso l’Università e a due professori.

Traduzione di Domenica Zavaglia

Sorgente: 90 studenti dell’Università di Birzeit detenuti nelle carceri israeliane | InfopalInfopal

Una nuova vittoria per i prigionieri in lotta!

Khader Adnan, prigioniero politico palestinese in sciopero della fame per un lungo periodo, ha ottenuto la vittoria per la seconda volta con la sua lotta e determinazione.

Nel primo mattino del 29 giugno, dopo 55 giorni di sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione amministrativa senza né accusa né processo, la moglie di Adnan, Randa, ha annunciato che è stato raggiunto un accordo con i carcerieri israeliani per la sua liberazione che avverrà il 12 luglio.

Una nuova vittoria per i prigionieri in lotta! | Palestina Rossa.

Monsignor Capucci: “Rendo omaggio alla fermezza di tutti i prigionieri palestinesi”

Archbishop-Hilarion-Capucci-2

 

 

 

Memo. ​L’Arcivescovo melchita, Hilarion Capucci, ha inviato una lettera circolare di solidarietà ai palestinesi prigionieri nelle carceri israeliane, specialmente quelli in sciopero della fame.

Nella lettera, divulgata dal Comitato per gli Affari dei Prigionieri, Capucci ha detto: “Rendo omaggio alla fermezza di tutti i prigionieri palestinesi che difendono il diritto del loro popolo di vivere in pace, senza occupazione e sofferenza. I miei saluti a tutti i prigionieri in sciopero della fame che combattono contro i loro torturatori e oppressori della libertà, della dignità e dell’umanità”.
“Ritornerò alla mia Gerusalemme molto presto. Ritornerò in una Gerusalemme libera. A Gerusalemme, la città della coesistenza, della pace e dell’unità sociale, dove la bandiera palestinese verrà alzata contro la politica di ebraicizzazione, deportazione, arresti e colonie”.
Capucci ha invitato a sostenere i prigionieri palestinesi nella loro situazione critica e a sostenere le loro famiglie e bambini.
L’arcivescovo Hilarion Capucci è diventato vescovo della Chiesa Cattolica Romana a Gerusalemme nel 1965 ed è conosciuto per la sua opposizione all’occupazione israeliana.
Venne arrestato nel 1974 sotto l’accusa di sostenere la resistenza palestinese.
Una corte militare israeliana lo condannò a 12 anni di prigione, venne rilasciato dopo quattro e espulso dalla Palestina nel 1978.​

thanks to: Infopal

Roma, incontro con Abla Sa’adat, militante e moglie del segretario del FPLP

Registrazione dell’incontro organizzato dall’Unione Democratica Arabo-Palestinese (UDAP) sulla condizione dei prigionieri politici palestinesi tenutosi venerdì 12 giugno 2015, presso la Sala Cobas di Viale Manzoni.

Ospite Abla Sa’adat, militante politica, membro dell’Unione dei Comitati delle Donne Palestinesi e moglie del Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, Ahmad Sa’adat, recluso nelle carceri dell’Autorità Nazionale Palestinese dal 2002 al 2006, e dal 2006 ad oggi nelle carceri sioniste, condannato a 30 anni per il suo impegno politico.
Interventi della compagna Abla Sa’adat e di rappresentanti dell’Unione Democratica Arabo-Palestinese (UDAP).

In Palestina sono soprattutto le persone politicamente impegnate ad esser prese di mira dall’occupazione; ovviamente non vengono risparmiati gli esponenti delle forze politiche palestinesi, difatti ben 14 membri del Consiglio Legislativo Palestinese sono rinchiusi nelle carceri sioniste. Uno di questi è Ahmad Saadat, segretario del FPLP.
Da oltre due mesi anche la compagna Khalida Jarrar, da sempre impegnata a difesa dei prigionieri, è entrata a far parte della lunga lista di detenuti amministrativi, ossia dei circa 600 che stanno scontando periodi di detenzione amministrativa, una pratica utilizzata durante il andato britannico in Palestina e attraverso la quale l’entità sionista arresta e detiene senza alcuna giustificazione legale, nessuna accusa, rinnovando a propria discrezione la carcerazione di 6 mesi in 6 mesi.
Dal 1967 ad oggi circa un milione di palestinesi è passato per le carceri israeliane il ché significa che un palestinese su quattro è stato arrestato almeno una volta nella sua vita. Centinaia le donne arrestate, tra queste 24 ancora sono recluse; si consideri anche la detenzione dei minori, in violazione di tutte le leggi e le convenzioni internazionali: ad oggi, tra i 6.000 prigionieri palestinesi, 240 sono minorenni, 25 di questi non hanno neppure compiuto il 16esimo anno d’età. Il duro regime carcerario non risparmia neppure i prigionieri con gravi malattie incurabili, alcuni dei quali molto anziani; diversi i casi di negligenza medica che hanno portato al decesso di prigionieri malati.

thanks to: forumpalestina

Arrestata l’attivista italiana Samantha Comizzoli

FreeSAM12 giugno 2015. Alle 10, ore italiane, Samantha Comizzoli è stata fermata mentre si stava recando ad una manifestazione, come tutti i venerdì, per presenziare, testimoniare e poi divulgare le informazioni sugli orrori quotidiani nella Palestina occupata dal mostro.  Le è stato immediatamente sequestrato il passaporto, probabilmente per il visto scaduto, mentre rapidamente hanno provveduto a fotografarla, schedarla, interrogarla per poi trasferirla nel carcere di Ariel, uno dei più grandi insediamenti di coloni. Da più di un anno Samantha è in Palestina, il visto concesso da Israele scade dopo tre mesi, ma lei ha continuato a resistere giorno dopo giorno, anche durante i bombardamenti della scorsa estate, ha resistito alle persecuzioni ed agli accanimenti di squallidi sionisti , una vera e propria campagna diffamatoria che, a più riprese, ha tentato inutilmente di screditarla. Sul sul blog, giorno dopo giorno, prendevano forma gli orrori di un’oppressione che non risparmiava neanche i bambini, protagonisti sia del suo primo documentario, Shoot, che del secondo, “israele, il cancro”  presentato di recente in un tour in tutta Italia e anche questa volta con una corsa ad ostacoli senza precedenti.

Proprio qualche giorno fa Samantha aveva scritto sul suo profilo Facebook un messaggio dal quale si capiva chiaramente che era consapevole che il proprio tempo fosse ormai scaduto, queste le sue parole:

 NON HO PAURA

Avrei voluto aspettare la proiezione del film a Ravenna per pubblicare questa dichiarazione, ma come ho detto più volte.. “in Palestina non puoi programmare nulla”.
Mi chiamo Samantha Comizzoli e sono entrata in Palestina, tramite volo a Tel Aviv, l’11 febbraio 2014. Ho avuto un “visto turistico” dal terrorista israele per 3 mesi. Dopo mi è scaduto e sono diventata “illegale” o “clandestina”. Sono qui con la mia faccia e il mio nome e ho sempre reso tutto pubblico.
Avevo la possibilità, forse, di regolarizzare la mia presenza qui, ma non l’ho fatto. Non l’ho fatto perchè non vado dai nazisti a chiedergli “un permesso” e non vado nemmeno dai loro amici (l’autorità palestinese) a chiedere il permesso di esistere dove cazzo mi pare.E’ una forma di Resistenza, personale certo, ma sono qui dopo un anno e 4 mesi alla faccia del mostro. Questo ha portato molte conseguenze: i primi tempi salivo sul service per fare anche solo 10 km con le chiappe strette perchè avevo paura che mi beccassero, dopo ho iniziato a non dare più il passaporto ai checkpoint volanti e a rispondergli sui denti, ogni volta che vado in mezzo agli scontri il timore non è che mi sparino, ma che mi prendano. Mi è andata sempre bene? No, non credo, israele non è stupido. E’ una mente più complessa di quanto uno possa immaginare.
Più il tempo passava e più mi chiedevo perchè mi lasciavano qui. Forse perchè mi usano, forse perchè non sanno cosa fare, forse perchè hanno fatto così tante pressioni su di me che preferiscono aspettare che io me ne vada esausta.
Invece, inizio a pensare che la motivazione è più agghiacciante: israele ha dimostrato e mi ha dimostrato che anche se uno sacrifica la propria vita, sta qui con il suo nome e la sua faccia e pubblica tutta (ma veramente tutta) la merda che accade; non cambia nulla. Ha dimostrato che è tutto inutile e che il mondo se ne fotte e non ferma israele.
Ho deciso di scriverlo adesso tutto questo perchè 3 giorni fa purtroppo è accaduta una cosa…. Qualcuno mi ha messo in casa qualcosa che non deve assolutamente esserci. Me ne sono liberata quando ho capito, subito, il giorno dopo e sono stata, sì, fortunata che i soldati non sono venuti quella notte. Questo però mi ha portato a pensare che abbiano deciso di venire qui, ma soprattutto che prima di venire a prendermi vogliono screditarmi e distruggere il mio lavoro. Così anche il Governo italiano sarà fuori dall’imbarazzo.
Io sono pronta, non ho paura; prima però ho voluto scrivere tutto questo affinchè rimanga scritto e voglio aggiungere che mentre lo scrivo sto bevendo una birra e anche che ho fumato in strada varie volte e che ho anche avuto storie d’amore. In quest’anno di prigionia non mi sono mai privata della vita e della mia libertà mentale. Ho amato, sorriso, vissuto, scritto sempre la verità.
Ho resistito più di un anno, in culo ad israele, e di notte ho iniziato a dormire perchè non ho paura.
Forse non verranno nemmeno i soldati, ma si inventeranno un nuovo nome per un piccolo gruppo estremista e la gireranno così.
Il passare del tempo e tutte queste persone che hanno letto e visto la verità mi ha resa più forte quindi ho deciso che continuerò a resistere fino a quando non verranno e quando verranno farò tutta la Resistenza possibile. Forse gli riderò anche in faccia dopo avergli sputato.
Un anno e 4 mesi abbondanti. Con me, almeno con me, israele ha perso.”

Samantha  nel pomeriggio è stata trasferita nella prigione all’interno dell’aeroporto di Tel Aviv, dove verrà presumibilmente espulsa nella giornata di domenica. La notizia  è stata divulgata rapidamente sui social network e, nonostante questo, ancora una volta il silenzio totale dei media  è l’ennesima prova di quanto una persona libera possa creare un fastidioso rumore che evidentemente è meglio tenere sotto silenzio.
Quando un mese fa Samantha, facendo da scudo umano per proteggere alcuni shebab,  è stata ferita da due rubber bullet al petto (uno l’ha colpita al braccio e uno al seno), nonostante l’invio a tutte le testate di un comunicato chiaro e preciso, con tanto di fotografie, il silenzio dei media è stato un chiarissimo segnale, motivo in più per essere preoccupati ora che Samantha è nelle mani del mostro che ha combattuto con tutte le sue forze e al quale, ne sono certa, sta ancora resistendo.
GazaBambiniProprio oggi quella stessa legalità che impone a chi vuole sostenere la Palestina i vincoli ed i limiti del visto dello Stato di Israele ha liquidato con un vergognoso “errore” la strage che uccise quattro bambini sulla spiaggia di Gaza, nell’estate 2014. Non fu un crimine, ma un errore, dunque nessuna conseguenza e nessuna responsabilità per gli assassini. Una strage orrenda trasformata in un errore, “ops, pensavamo fossero quattro militanti armati, invece erano bambini”, in quel quadro di legalità che giustifica rapimenti, torture, omicidi, fino al genocidio, la morte di quei quattro bambini innocenti su quella siaggia si chiude come un errore. Maledetti assassini e maledetti noi che glielo permettiamo.

Vi terremo aggiornati su questo blog.
Intanto alcuni attivisti che hanno a cuore la libertà, i diritti umani, le sorti dei prigionieri politici e in particolare la situazione di Samantha Comizzoli si sono dati appuntamento domani, sabato 13 giugno, alle ore 17:00 sotto la sede RAI di Torino, in Via Verdi 16, qui l’evento su Facebook.

Samantha LIBERA e LIBERTA’ per TUTTI I PRIGIONIERI POLITICI, nella PALESTINA E NEL MONDO OCCUPATO DAL MOSTRO!

Simonetta Zandiri

P.S. se dovessero torcere un capello a Samantha allora prometto un’adeguata ed imprevedibile risposta. Non è una minaccia ma, ribadisco, è una promessa. E io mantengo sempre le promesse, a modo mio.

 thanks to: TGM

I prigionieri palestinesi in Israele – la questione della detenzione amministrativa.

ESCLUSIVA testimonianza di Sulaiman Hijazi imprigionato nelle carceri israeliane.

– di: B. Gagliardi, Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus –

La prima cosa che ti fanno nell’interrogatorio, oltre a picchiarti e farti stare nudo per lungo tempo in stanze molto fredde, durante l’interrogatorio fanno entrare soldatesse a vederti nudo ed è successo con me che una di queste stava fumando e ha spento la sigaretta sul mio corpo ridendo, il momento più difficile è quando devi dormire o andare in bagno, hai solo tre minuti in tutto il giorno per andare in bagno altrimenti la fai addosso, invece per dormire sei in una stanza piccolissima ,freddissima e che puzza molto, sei sempre legato anche dentro questa stanza ,arriva ogni tanto un soldato per buttarti acqua fredda, soprattutto se ti vede dormire e poi ti mettono musica altissima per ore ed è un tipo di tortura che usano, la cosa più dolorosa di questi interrogatori è quando ti portano tua mamma davanti o tua moglie per farti confessare cose che non hai mai fatto… quando finisci questi maledetti giorni, ti portano in una stanza con palestinesi che ti ospitano come un eroe, e ti raccontano tutti la loro esperienza, cosa hanno fatto, senza neanche chiederglielo, quindi molti si fidano e parlano e dopo scoprono che questa stanza è la stanza delle spie, ed è una delle stanze che hanno fatto più male alla resistenza palestinese ( la stanza dei traditori).

Da S. Franceschini.

Sono oltre 5.000 i detenuti palestinesi nelle prigioni israeliane e in centinaia sono in detenzione amministrativa. In prigione finiscono anche i minorenni, spesso per il lancio di pietre, reato per cui adesso si rischiano fino a venti anni di carcere. Secondo l’Olp, dal Duemila sono stati arrestati oltre 10.000 minorenni palestinesi in Cisgiordania e a Gerusalemme est e il 20 per cento di tutte le persone finite in prigione dallo scorso giugno ha meno di 18 anni.

La detenzione amministrativa è una procedura che consente ai militari israeliani di tenere reclusi prigionieri basandosi su prove segrete, senza incriminarli o processarli e i palestinesi sono soggetti a detenzione amministrativa fin dal mandato britannico. La frequenza dell’uso di questa misura ha subito variazioni durante l’occupazione israeliana, ed è aumentata in modo costante dall’inizio della seconda Intifada nel settembre 2000, quando Israele deteneva solo 12 palestinesi, al tardo 2002-primo 2003, quando ce n’erano più di mille, al 2005- 2007, quando il numero medio mensile di detenuti amministrativi palestinesi si aggirava sui 765. Da allora, tale numero è generalmente diminuito ogni anno.

Israele usa regolarmente la detenzione amministrativa in violazione della legge internazionale e dichiara di essere in un permanente stato di emergenza tale da giustificare l’uso quotidiano di questa pratica. La detenzione amministrativa israeliana viola molti standard internazionali; ad esempio, detenuti provenienti dalla Cisgiordania vengono deportati in Israele, violando direttamente la proibizione della Quarta Convenzione di Ginevra (Artt. 49 e 76)e ai prigionieri vengono spesso negate le visite dei familiari previste dagli standard internazionali e non vengono tenuti separati dagli altri detenuti, come prevedono le leggi internazionali.

Nella Cisgiordania palestinese occupata, l’esercito israeliano è autorizzato a emanare ordini di detenzione amministrativa contro civili palestinesi sulla base dell’art. 285 del codice militare 1651. Questo articolo permette ai comandanti militari di detenere una persona fino a sei mesi, rinnovabili se vi sono “ ragioni sufficienti per presumere che la sicurezza della zona o pubblica“ lo richiedano. La sicurezza “pubblica” o “della zona” non sono specificate. Alla data di scadenza o appena prima, l’ordine viene spesso rinnovato, e non vi è alcun riferimento esplicito alla durata massima possibile, legalizzando così una detenzione senza scadenza.

Gli ordini di detenzione vengono emanati al momento dell’arresto o in seguito, spesso basandosi su “informazioni segrete” raccolte dai servizi israeliani. Quasi mai né il detenuto né il suo avvocato vengono informati delle ragioni dell’internamento o messi al corrente delle “informazioni segrete” quindi i palestinesi possono essere incarcerati per mesi, se non anni, in via amministrativa, senza mai essere informati sulle ragioni o sulla durata del loro internamento e vengono di solito informati dell’estensione della loro prigionia nel giorno in cui il precedente ordine scade così non hanno alcun modo di appellarsi contro la loro detenzione.

Nella Striscia di Gaza, invece, Israele usa la Legge sui Combattenti Illegali per incarcerare palestinesi per periodi illimitati, senza alcun processo reale. La legge fu approvata dalla Knesset israeliana nel 2002 per permettere allo stato di trattenere “ostaggi” libanesi dopo che la Corte Suprema di Israele aveva dichiarato illegale tale pratica. Sebbene tutti i libanesi siano stati rilasciati nel 2004, la legge non è stata revocata. A partire dal 2005, dopo l’allontanamento dei coloni israeliani dalla Striscia di Gaza e il conseguente termine della legge militare israeliana nella zona, si cominciò ad usare quella legge per imprigionare gli abitanti della Striscia. La legge definisce “combattente illegale” chi “direttamente o indirettamente partecipi ad atti ostili allo Stato di Israele, o sia membro di una forza che compia atti ostili allo Stato di Israele”, senza aver titolo allo status di prigioniero di guerra secondo la legge umanitaria internazionale. Tale legge consente l’arresto in massa e la detenzione immediata e senza processo di palestinesi abitanti della Striscia e cittadini stranieri. Con questa legge, i detenuti possono essere trattenuti per 96 ore prima di emanare un ordine di detenzione permanente, o fino a sette giorni se il governo ha dichiarato le “ostilità su larga scala”. L’esame giudiziario di tale ordine deve essere tenuto, a porte chiuse, dopo 14 giorni; se l’ordine è approvato, il detenuto deve comparire davanti a un giudice ogni sei mesi. Il giudice può revocare l’ordine se la corte consideri che questo non comporta rischi per la sicurezza dello stato.

thanks to: AssopacePalestina

Israele arresta in media due bambini al giorno

orco1
Gerusalemme. Mercoledì, nel sobborgo gerosolimitano di Silwan, forze speciali israeliane hanno sequestrato un bambino di 8 anni.In un comunicato stampa, Majdi Abbasi del centro di informazione Wadi Hilweh ha dichiarato che Obeida Ayesh, di 8 anni, è stato arrestato nell’area di Ein al-Lawza. Alla madre del bambino è stato concesso di accompagnarlo.Non c’erano scontri in corso nella zona, ha aggiunto Abbasi.

Secondo un rapporto del 2013 del Fondo Onu per l’Infanzia, Israele è l’unico paese al mondo dove i bambini vengono sistematicamente arrestati e processati. Tale pratica è condannata in quanto “crudele, disumana e degradante”.

Israele arresta in media due bambini al giorno, secondo i dati diffusi dll’Unicef.

thanks to: Infopal

Comunicato dalle prigioni dell’occupazione: i prigionieri politici palestinesi intendono intensificare la protesta

La seguente dichiarazione è stata rilasciata il 29 novembre dalla sezione carceri del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e rispecchia la scelta delle organizzazioni dei detenuti di tutti i partiti politici palestinesi all’interno delle carceri dell’occupazione israeliana, tra cui l’organizzazione dei prigionieri del FPLP. La Campagna per la Liberazione di Ahmad Sa’adat sta diffondendo la seguente dichiarazione de invita a partecipere alle azioni di solidarietà internazionale verso i prigionieri in lotta seguendo le notizie e le azioni in programma.

Durante le continue aggressioni dell’occupazione contro il nostro popolo ovunque esso si trovi, con escalation di violenza e di odio razziale, si intensificano anche gli attacchi contro il movimento dei prigionieri. Qui non ci sono ancora gli elementi minimi per una parità de equilibrio di potere che pende decisamente a favore del nemico, le condizioni diventano sempre più difficili e crudeli mentre l’occupante intensifica le sue politiche che mirano a minare la nostra determinazione, la volontà e l’umanità rivoluzionaria attraverso una serie di misure che incidono su tutti gli aspetti della vita dei detenuti all’interno delle carceri dell’occupazione.

Queste politiche includono la negazione delle visite familiari, le limitazioni e i divieti sui depositi di denaro per la “mensa” (spaccio) della prigione, l’eliminazione di quasi tutte le emittenti televisive ad eccezione di due canali ebraici e un canale arabo, il trasferimento arbitrario ed un aumento recente dell’uso della segregazione e dell’isolamento. Questo si aggiunge alle restrizioni di movimento nelle sezioni carcerarie, al protrarsi di una politica deliberata di negligenza medica che nega attraverso vari pretesti le visite con i medici specialisti ai prigionieri malati, alle incursioni notturne e violente nelle celle dei prigionieri con il pretesto di ispezionare de eseguire perquisizioni per evitare il contrabbando.

Queste cosiddette perquisizioni mirano a sradicare la stabilità della vita dei detenuti e a mettere in chiaro ai prigionieri che possono essere presi di mira quotidianamente. In realtà tale repressione aumenta solo la fermezza dei prigionieri e la loro volontà di lottare per la vita e la libertà, che rappresenta ciò che questi raid tentano di imperdire.

Alla luce dell’aumento di questi attacchi, sostenuti da una scelta politica del governo sionista di estrema destra, ma che dopo tutti gli sforzi non sono riusciti a porre fine alla nostra lotta che anzi è andata aumentando dal 12 giugno 2014, il movimento dei prigionieri ha tenuto una serie di incontri sulla situazione attuale in varie prigioni, dove si sono evidenziate diverse esigenze specifiche, incluso il rifiuto della politica e delle procedure di detenzione amministrativa e che hanno portato alla decisione di iniziare un programma per far crescere le misure di protesta, al fine di fare pressione sull’autorità carceraria affinchè soddisfi quanto richiesto. Questa protesta inizierà il 1° dicembre 2014 e continuerà fino a quando gli obiettivi non saranno raggiunti.

Richieste specifiche dei prigionieri:

  • Ripristinare la situazione anteriore al 15 Giugno 2014.
  • Annulla tutti i rifiuti delle visite familiari, ripristinare i canali televisivi rimossi, annullare tutti i divieti sui depositi della mensa e ripristinare le condizioni di vita in generale. Ripristinare le visite ai prigionieri della Striscia di Gaza, usando un trattamento eguale ai prigionieri della Cisgiordania.
  • Fine di tutte le recenti pratiche punitive, tra cui lunghi intervalli tra le visite dei familiari, divieti di riunione e di movimento all’interno delle sezioni, aumento nell’uso della segregazione e dell’isolamento, frequenti trasferimenti che infliggono sofferenza significativa ai prigionieri durante la trasferta tra carceri o verso i tribunali.
  • Migliorare il trattamento dei detenuti affetti da patologie mediche e fornire loro i farmaci necessari.
  • Fine della detenzione amministrativa senza né accusa né processo.

Questo il programma previsto delle proteste:

01 dicembre 2014 – Invio di un messaggio al direttore del carcere per discutere la questione;

02 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

09 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

10 dicembre 2014 – Pomeriggio di protesta nelle carceri;

16 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

18 dicembre 2014 – Boicottare l’amministrazione penitenziaria e sciopero per sezioni;

23 dicembre 2014 – Un giorno di sciopero della fame in tutte le carceri;

25 dicembre 2014 – Boicottare l’amministrazione penitenziaria, sciopero e protesta nelle sezioni;

26 dicembre 2014 – Scioperi e proteste in tutte le prigioni, annunciando l’inizio della disobbedienza civile di massa.

Questo programma ha l’obiettivo di intensificare la protesta al fine di aumentare la pressione sull’amministrazione carceraria e sostenere la nostra lotta per soddisfare le nostre giuste richieste. Il carceriere, prima o poi, cederà alla volontà e alla vittoria dei prigionieri!

Gloria ai martiri e vittoria alla rivoluzione!

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina
sezione nelle carceri israeliane

thanks to: Palestina Rossa

30 ragazzi nel carcere di Ofer soffrono di problemi di salute

soldier-boy-detain

Hebron-Quds Press. Il Club dei prigionieri ha dichiarato che 30 su 84 adolescenti prigionieri nel carcere di Ofer soffrono di problemi di salute e necessitano di cure, specificando che la loro età va dai 14 ai 17 anni.

In un comunicato diramato giovedì 11 novembre, Il Club ha ricordato che tra questi prigionieri vi sono Amir Awad, aggredito dai cani poliziotti, scagliatigli contro dall’esercito dell’occupazione mentre veniva arrestato; Muhammad Musallama, che soffre di problemi al fegato; Adham Erekat e Muhammad Asnam, colpiti alla testa; Hussam Al-Jabari, che ha subito un’amputazione di un dito del piede.

È da notare che il numero dei minorenni detenuti nelle prigioni dell’occupazione è di 300, suddivisi in tre prigioni: Megiddo, Ofer e Hasharon.

Traduzione di Patrizia Stellato

thanks to: Infopal

Intervista ad Ahmad Sa’adat: “Cessare i negoziati, rinnovare l’unità nazionale e ricostruire la resistenza”

Nella primavera del 2002, al culmine della seconda intifada in Cisgiordania[…] le forze israeliane portarono avanti campagne di arresti ad ampio raggio in tutti i territori occupati e invasioni su larga scala di numerose città palestinesi. Ahmad Sa’adat […] [rappresenta una ] delle figure politiche palestinesi più importanti e conosciute arrestate in quella campagna, diventando nel tempo anche un leader del movimento dei prigionieri.

Ahmad Sa’adat è il segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) ed ex membro del Consiglio Legislativo Palestinese (CLP). È il funzionario di più alto rango appartenente a una fazione palestinese attualmente imprigionato dal regime israeliano di occupazione. La prigionia di Saadat non è atipica per i leader politici in Palestina, molti dei quali sono stati arrestati e detenuti, con o senza accuse, da Israele. Tuttavia, ad essere uniche erano le circostanze dell’arresto iniziale di Saadat ed i primi quattro anni della sua detenzione.

Uno degli aspetti critici degli arresti del 2002 era la collaborazione di sicurezza tra l’Autorità Palestinese (AP) e le forze di occupazione israeliane. Grazie al suo alto profilo e al livello di coinvolgimento dell’AP, l’arresto di Saadat si distingue in particolare come uno degli esempi più eloquenti di questa stretta cooperazione. […]

Giudicato da un tribunale militare israeliano nel 2006, Saadat è stato condannato come leader di un’organizzazione terroristica illegale. Nel periodo di detenzione israeliana, tra cui tre anni di isolamento, Saadat ha partecipato a numerosi scioperi della fame per migliorare le condizioni dei detenuti, e dal 2011 è stato uno dei leader più risoluti del movimento dei prigionieri. Nella politica palestinese, Saadat è diventato il simbolo di molte cose: il militante tenace (munadil), la vittima del tradimento dell’AP, il leader del partito, il prigioniero, e altro ancora. Ma Saadat è anche un fratello, un marito, un padre e ora un nonno. Come molti prigionieri, anche lui ha subito una serie di restrizioni non solo al suo lavoro politico, ma anche alla possibilità della sua famiglia di fargli visita in carcere e, come prolungamento della pena israeliana, alla loro [dei membri della famiglia, ndt] possibilità di ottenere permessi per viaggi personali e, pertanto, ai loro movimenti quotidiani. […]

In che modo la prigione ha cambiato la tua vita personale? Qual è il significato della tua vita? Come vedi e come ti tieni aggiornato sulla situazione politica? Puoi scrivere?

La mia esperienza carceraria ha forgiato ed ha temprato allo stesso tempo la mia visione politica e la mia appartenenza di partito, ma il tempo che ho trascorso in prigione è stato anche arricchito dalla mia esperienza di lotta vissuta al di fuori [della prigione, ndt]. A intermittenza, ho trascorso un totale di 24 anni in carcere, ed eccomi qui, incarcerato ancora una volta con il resto dei miei compagni. Passo il mio tempo a leggere e ad impegnarmi in attività legate alla nostra lotta di prigionieri, che comprende l’istruzione dei miei compagni e l’insegnamento di un corso di storia all’interno del programma dell’Università di Al-Aqsa. La maggior parte dei miei scritti riguarda le esigenze dell’organizzazione dei prigionieri del PFLP e le questioni di interesse nazionale. Cerco anche di sostenere i membri della dirigenza del FPLP all’esterno ogni volta che posso. Se dovessi descrivere in che modo la detenzione attuale mi ha cambiato, lo riassumerei dicendo che osservo gli eventi politici con più distacco in quanto mi è stata offerta l’opportunità di non essere immerso nei piccoli problemi quotidiani del lavoro politico e di organizzazione all’esterno. Questa prospettiva non ha fatto altro che rafforzare la mia convinzione della solidità della visione del FPLP dal punto di vista ideologico, politico o in termini pratici, comprese le sue posizioni sulle questioni urgenti ed esistenziali attualmente al centro della polemica: i negoziati, la riconciliazione [intra-palestinese] e le prospettive di uscita dalla crisi e dall’impasse attuale.

Sei stato arrestato nel 2002 e detenuto in una prigione dell’AP di Gerico sotto la supervisione di guardie americane e britanniche. Nel marzo 2006, sei stato trasferito in una prigione israeliana e condannato a trent’anni. Puoi fare un confronto tra la tua esperienze sotto “custodia internazionale” e nelle prigioni israeliane?

In breve, la detenzione sotto controllo britannico e americano ha reso evidenti le aberrazioni causate dal processo di Oslo. Sotto il cosiddetto Accordo Gaza-Gerico, sono stato messo in prigione a Gerico dall’AP, per conto degli israeliani, sotto la supervisione americana.

Per ragioni politiche, in particolare per la campagna elettorale del partito Kadima di quell’anno, il governo israeliano dichiarò nel 2006 che ero di loro competenza, svelando il vero significato del termine “al-Himaya” [1] – l’appellativo usato per descrivere l’ondata di arresti politici eseguiti dall’AP in conformità con i dettami israeliani di sicurezza. Il termine fu propinato dall’AP al pubblico per giustificare l’ondata di arresti.

In sostanza, la mia opinione è che [a Gerico], gli americani e gli inglesi si siano accordati con gli israeliani, e le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese si siano arrese, mettendoci nell’impossibilità di difenderci o di combattere per la nostra libertà. Mi duole dire che da questo assurdo episodio non è stata imparata alcuna lezione né è stata tratta alcuna conclusione e che, sotto diversi nomi, continuano ad essere svolte altre operazioni ugualmente sbagliate.

In pratica, a gestire la prigione di Gerico erano sorveglianti stranieri, e il ruolo dei funzionari palestinesi, dal ministro degli Interni al più umile poliziotto, era semplicemente quello di far rispettare le direttive e le condizioni base degli israeliani. Questo ha condotto alla nostra detenzione ma anche all’arresto di decine di altri militanti, rastrellati sia a Gerico che in altri luoghi. Essere in una prigione israeliana è un’esperienza completamente diversa: lì ci troviamo di fronte alla deliberata politica israeliana di spezzare la nostra volontà, calpestare i nostri diritti umani e fiaccare le nostre energie da militanti. Per i detenuti in generale, e per i capi del movimento dei prigionieri in particolare, la prigione diventa a tutti gli effetti un altro campo di battaglia contro l’occupazione.

Puoi descrivere il rapporto con la tua famiglia durante il periodo di detenzione, e il rapporto con il tuo nuovo nipote?

Per me come essere umano, la mia famiglia, per quanto stretta o larga la si possa intendere, è stata e rimane la parte maggiormente lesa. Hanno pagato un prezzo pesante per i miei continui arresti, pur rimanendo una delle principali fonti di sostegno per me come militante.

Mio fratello, Muhammad, è caduto nel fiore della sua giovinezza; i miei genitori, i miei fratelli e i miei figli sono tutti stati privati ​​del mio amore per loro. Fatta eccezione per mia moglie, Abla, e mio figlio maggiore, Ghassan, le cui carte di identità di Gerusalemme permettono loro di viaggiare fino al carcere senza bisogno di un permesso da parte degli israeliani, negli otto anni trascorsi dal mio ultimo arresto la mia famiglia non ha potuto farmi visita. Per quattro anni e mezzo, tre dei quali trascorsi in isolamento, perfino Abla e Ghassan non hanno potuto visitarmi, e la mia comunicazione con loro si limitava alle lettere.

In breve, ho gravemente trascurato i miei doveri nei confronti della mia famiglia. Spero che arrivi il giorno in cui potrò farmi perdonare, per quanto tardivamente. Per quanto riguarda la mia nipotina, lei ha ereditato i geni della “minaccia per la sicurezza”, così, in assenza di una parentela di primo grado [2], le è stato impedito di visitarmi – per non parlare naturalmente delle onnipresenti “ragioni di sicurezza”.

Come passi le tue giornate in prigione? E come tieni il passo con gli affari del FPLP? La prigionia ti limita in questo proposito? Fai affidamento sulla leadership esterna per guidare il partito?

Cerco di conciliare i miei impegni di partito con i miei impegni globali di nazionalista sia in carcere che all’esterno. Naturalmente, il fatto che io sia in prigione limita la mia capacità di adempiere ai miei doveri di segretario generale del FPLP: perciò faccio affidamento sullo spirito collegiale dei miei compagni nella direzione del partito e sui processi democratici che regolano l’esercizio della loro leadership. Questi due fattori hanno contribuito all’iniezione di sangue fresco nelle nostre file. I giovani rappresentavano oltre la metà dei partecipanti al nostro recente congresso.

Il FPLP ha recentemente tenuto il suo congresso nazionale [3]. Anche se i risultati e le risoluzioni non sono stati resi pubblici, è trapelata la notizia di un grande dissenso che ha offuscato l’incontro e ha portato alle dimissioni di ‘Abd al-Rahim Malluh, il vice Segretario generale, nonché di alcuni funzionari di alto rango. Abbiamo anche sentito che il congresso ha insistito sulla tua candidatura come leader del partito. Non credi che la detenzione prolungata ostacoli la tua leadership del partito e perché il FPLP non ha proposto ad altri di unirsi alla leadership?

Dato che siamo un partito democratico di sinistra, le differenze di opinione e di giudizio all’interno della leadership sono solo naturali. Non siamo l’uno la fotocopia dell’altro, il che sarebbe contro natura. Tuttavia, non è a causa delle nostre differenze che un certo numero di compagni ha lasciato la leadership del partito – e non uso la parola “dimissioni” perché sono ancora membri del PFLP. Il partito beneficerà ancora della loro presenza e partecipazione, dal momento che continueranno a dare il loro contributo grazie alla loro preziosa e variegata esperienza di militanti. Come hanno affermato in diversi media, il motivo che li ha spinti a lasciare i posti che occupavano è stato quello di aprire la strada dei vertici della dirigenza ad una serie di giovani quadri.

Qui devo ribadire la mia stima e il mio apprezzamento per questa iniziativa, che ha ulteriormente consolidato il percorso già intrapreso dai nostri leader fondatori, tra i quali George Habash, Abu Maher al-Yamani e Salah Salah. Per quanto riguarda la mia rielezione come segretario generale nonostante la mia reclusione: questa non è stata una mia scelta personale, ma la scelta dei miei compagni – i delegati al congresso ed i quadri del partito. Considero mio dovere rispettare la loro fiducia in me, e raddoppiare i miei sforzi nell’adempiere alle sfide derivanti dalle mie responsabilità.

Pensi che il Documento dei prigionieri (Documento di riconciliazione nazionale) [4] sia ancora valido? E se sì, che cosa ostacola la sua attuazione? Se il documento ha bisogno di modifiche, quali cambiamenti proponete?

Il documento dei prigionieri resta una base politicamente valida per arrivare alla riconciliazione e rinnovare l’unità nazionale. Inoltre, esso stabilisce il quadro generale della struttura organizzativa, con l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) come avanguardia, fondata sul nazionalismo democratico, vale a dire, ove possibile, elezioni democratiche e partecipazione popolare.

In realtà, il documento è già stato modificato dagli accordi scaturiti da anni di colloqui bilaterali tra Fatah e Hamas. Questo comporta necessariamente la revisione e la ricostruzione delle istituzioni dell’OLP, in particolare il Consiglio Nazionale Palestinese (CNP). Inoltre, favorirà il consolidamento del documento e ci permetterà di passare dalla co-esistenza politica nell’arena di palestinese alla vera unità nazionale, sia in termini di azioni che di programmi.

A causa delle circostanze che hanno portato alla sua creazione, il testo del documento dei prigionieri presenta alcune ambiguità in alcuni punti, in particolare per quanto riguarda l’approccio ai negoziati e la strategia più efficace da adottare nel contrastare l’occupazione.

Venti anni dopo Oslo, non c’è né la pace né uno stato – solamente trattative e divisione politica. Come si supera questo stallo?

Trascorsi due decenni, gli esiti dei negoziati hanno definitivamente dimostrato che è inutile continuare il processo secondo il quadro di Oslo.

Per quanto mi riguarda, la continuazione degli inutili negoziati e l’attuale divisione nella classe politica palestinese sono indistinguibili. Il presupposto per la creazione e il consolidamento dell’unità nazionale è nell’impegno unanime verso una piattaforma politica chiara e unitaria fondata su un compromesso tra le varie forze e correnti all’interno del movimento nazionale palestinese.

Pertanto, se vogliamo superare l’attuale fase di stallo, dobbiamo smettere di puntare tutto sui negoziati e non prendervi più parte. Se queste dovessero continuare, allora come minimo il gruppo interessato deve riportare i negoziati sulla pista giusta tenendo fede ai principi e alle condizioni già definite, e cioè: la fine degli insediamenti, il ricorso alle risoluzioni delle Nazioni Unite e il rilascio dei prigionieri e dei detenuti. Questo presuppone ripartire dal successo ottenuto con la nostra adesione alle Nazioni Unite come Stato non membro al fine di elaborare un approccio globale per cui la questione palestinese viene essere risolta sulla base del diritto internazionale, come espresso nelle dichiarazioni e nelle risoluzioni delle Nazioni Unite alle quali Israele deve conformarsi; e infine, insistere nella nostra richiesta di adesione a tutte le istituzioni delle Nazioni Unite, in particolare alla Corte Internazionale di Giustizia.

Infine, dobbiamo lavorare per attuare i termini dell’accordo di riconciliazione formando subito un governo di riconciliazione nazionale e mettendo in piedi una struttura direzionale di transizione. Il compito di questa istituzione transitoria sarebbe quello di impegnarsi nella ricostruzione e nel rafforzamento dell’OLP e nell’organizzazione delle elezioni legislative e presidenziali dell’AP, nonché delle elezioni del Consiglio nazionale palestinese [CNP] entro sei mesi (anche se questo lasso di tempo può essere esteso, se necessario). L’aspetto di gran lunga più importante, però, è che la popolazione deve essere mobilitata intorno ad una piattaforma politica unitaria di resistenza nazionale in tutte le sue forme.

Dove ci porteranno i negoziati in corso secondo lei?

Chi ha seguito le posizioni del governo israeliano e statunitense capisce che le probabilità di raggiungere un accordo politico sancito dal diritto internazionale e dalle risoluzioni delle Nazioni Unite, vale a dire, in conformità con i diritti del popolo palestinese al ritorno, all’autodeterminazione e all’indipendenza nazionale, sono pari a zero.

Credo che nessun leader palestinese, non importa quanto flessibile, sia in grado di soddisfare le richieste israeliane o americane e abbandonare questi principi fondamentali. Tutt’al più, i negoziati non faranno altro che prolungare la gestione delle crisi fornendo una copertura per i progetti israeliani di insediamento coloniale sul terreno, per scongiurare il biasimo internazionale e per imporre la propria visione di un soggetto politico palestinese pari a poco più che un protettorato. Inoltre, i negoziati consentono agli Stati Uniti di disinnescare le tensioni e contenere il conflitto in Palestina, e di concentrarsi sulle questioni regionali che ritiene fondamentali, vale a dire la Siria e l’Iran.

Il movimento nazionale palestinese deve essere ricostruito. In che modo e con quali prospettive politiche?

Sono d’accordo con te che il movimento nazionale palestinese ha bisogno di essere ricostruito. Credo che il punto di partenza debba essere la riconfigurazione di tutte le fazioni, sia nazionaliste che islamiste, al fine di razionalizzare programmi e punti di discussione e rafforzare il nostro riesame del modo migliore di procedere nella lotta contro l’occupazione. Ciò include una rivalutazione dell’OLP sia come organo sia come organizzazione quadro che rappresenta tutti i palestinesi, ovunque si trovino, e qualsiasi prospettiva sociale o politica abbiano. Organizzato come un vasto fronte nazionale e democratico, questa struttura sarebbe investita della massima autorità politica per guidare la nostra lotta.

Considero le nostre prospettive politiche le seguenti: a livello strategico, dobbiamo ripristinare quegli elementi del nostro programma nazionale che sono stati smantellati dalla leadership dominante dell’OLP a favore dell’opportunismo pragmatico, e ricollegare gli obiettivi storici dell’organizzazione per quanto riguarda il conflitto con quelli attuali: in sintesi, la creazione di un unico stato democratico in tutta la Palestina storica. A livello tattico, dovremmo unirci intorno ad una piattaforma comune con la componente islamista del movimento nazionale palestinese su un terreno comune, vale a dire il diritto al ritorno, all’autodeterminazione e alla creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme come sua capitale.

La resistenza popolare viene propagandata come alternativa alla resistenza armata. C’è un conflitto tra le due? E, se sono metodi complementari, come possono essere combinati?

La lotta quotidiana del movimento dei prigionieri è parte della più ampia lotta palestinese. Chiunque abbia seguito l’attivismo popolare palestinese nel corso degli ultimi tre anni o giù di lì scoprirà che esso ha ruotato in larga parte attorno al sostegno alle battaglie del movimento nazionale dei prigionieri. E questa non è una novità – in ogni fase della nostra lotta nazionale i prigionieri hanno svolto un ruolo di primo piano e di incitamento all’azione. Quanto meno, agli uomini e alle donne del FPLP, sia nella base sia nella direzione, prometto di impegnarmi, insieme con i miei compagni del PFLP in carcere, per soddisfare le loro speranze ed aspettative, in particolare per quanto riguarda la mobilitazione del Fronte [FPLP], rafforzando la sua presenza, e il sostegno al movimento nazionale palestinese in generale.

Come dimostrato altrove dalle rivoluzioni popolari, abbracciare la resistenza popolare non significa favorire una forma di lotta ad un’altra. Confinare la resistenza popolare alla sola lotta nonviolenta svuota la resistenza del suo contenuto rivoluzionario. L’intifada palestinese è stata un modello per la resistenza popolare, oltre ad essere la nostra bussola mentre percorrevamo diverse ed efficaci forme di resistenza: pacifica, violenta, popolare, di fazione, economica, politica e culturale. Non solo la letteratura accademica rifiuta la logica di spezzare la resistenza in varie forme e metodi, ma la realtà delle sfide che il popolo palestinese si trova ad affrontare nella sua lotta contro l’occupazione israeliana esclude un approccio del genere: noi ci troviamo ad affrontare una forma globale di colonialismo di insediamento che si basa sulle forme più estreme di violenza convenzionalmente associate con l’occupazione, combinate con politiche di apartheid. E l’ostilità in cui si imbattono [i palestinesi] si estende a tutti i segmenti della nostra popolazione, ovunque si trovino.

È quindi necessaria la combinazione creativa e l’integrazione di tutti i metodi di lotta legittimi che ci permettono di impiegare qualsiasi tipo o metodo di resistenza in relazione alle condizioni specifiche delle diverse congiunture politiche. Al livello nazionale più ampio, abbiamo bisogno di un programma politico unitario che, in primo luogo, fornisca i mezzi per mettere in pratica la resistenza. Occorrono posizioni politiche e discorsi che siano allo stesso modo uniti intorno alla resistenza. Infine, abbiamo bisogno di un quadro nazionale generale reciprocamente concordato, che definisca le principali forme di resistenza che determineranno poi tutte le azioni di resistenza. Dobbiamo essere capaci di proporre questa o quella forma con particolare attenzione alle circostanze specifiche, e in base alle esigenze di una situazione o di un momento politico specifico, senza escludere alcuna forma di resistenza.

Gli inviti alla resistenza popolare nonviolenta e gli slogan sullo stato di diritto e sul monopolio dell’uso delle armi all’AP sono meri pretesti per giustificare l’attacco alla resistenza e rispondere ai dettami di sicurezza israeliani. Lo stato di diritto è privo di significato se posto in contrasto con il nostro diritto di resistere all’occupazione e se nega la logica di tale resistenza. E per quanto riguarda il monopolio dell’uso della forza, non ha senso se questa forza non è diretta contro il nemico.

Qual è la tua lettura delle rivolte arabe, e quali sono state le ripercussioni sulla causa palestinese?

Le rivolte arabe nascono in risposta alla necessità popolare di cambiamento democratico e rivoluzionario dei sistemi politici di ogni paese arabo. Sebbene questo sia il quadro generale di riferimento per comprendere queste rivoluzioni, le particolarità di ciascun paese variano, così come le conclusioni che si raggiungono. Penso che le rivoluzioni tunisina ed egiziana rientrino nel quadro sopra descritto. In ogni caso, questi cambiamenti rapidi e dinamici contraddistinti dall’azione collettiva di massa hanno spostato l’equilibrio interno del potere, inaugurando un periodo di transizione.

Altrove, condizioni analoghe hanno portato la gente a sollevarsi e a chiedere il cambiamento, ma in quei casi, gli Stati Uniti e i suoi agenti nella regione hanno compiuto notevoli sforzi per condizionare e intervenire a sostegno del “Progetto per il Nuovo Medio Oriente” degli Stati Uniti [5].Pertanto, occorre una certa precisione nel valutare le rivolte e nel trarre conclusioni. Bisogna distinguere attentamente tra i propositi e le richieste di cambiamento democratico e di giustizia sociale che rappresentano la legittima volontà delle popolazioni arabe di riappropriarsi della loro dignità, dei diritti e delle libertà, da un lato; e, dall’altro, le forze internazionali e regionali che sfruttano la potenza scatenata da questi movimenti popolari per i propri fini, fomentando efficacemente la contro-rivoluzione, come è avvenuto in Libia e in Siria.

In generale, tuttavia, le rivolte arabe hanno ampliato le prospettive di una transizione con potenziale a lungo termine. Hanno agitato ciò che una volta era stagnante, aprendo la strada a diversi possibili scenari, nessuno dei quali prevede un ritorno al passato, cosa che credo sia ormai impossibile. A mio avviso, qualsiasi movimento popolare che conduca i popoli arabi più vicini al raggiungimento delle loro libertà e dei loro diritti democratici pone le basi per una lotta fondata su principi veramente democratici e costituzionali, che sono i presupposti per una società democratica e civile. Tutti questi obiettivi sono d’importanza strategica sia per la causa nazionale palestinese sia per il progetto di un rinnovamento arabo.

Note:

[1] Letteralmente, “protezione”, in arabo.

[2] Solo i parenti di primo grado (genitori, fratelli, coniugi e figli) sono autorizzati a visitare i loro parenti in carcere.

[3] Eletto per un mandato di quattro anni, il congresso nazionale è il supremo organo di governo del FPLP. Formula e modifica la strategia, il programma del partito e il regolamento interno, discute e decide in merito ai rapporti del comitato ed elegge il comitato centrale (esecutivo).

[4] Il Documento di riconciliazione nazionale, largamente conosciuto come Documento dei prigionieri, è stato pubblicato l’ 11 maggio 2006. Redatto da detenuti palestinesi nelle carceri israeliane in rappresentanza di Hamas, Fatah, Jihad islamica, FPLP e FDLP, al fine di risolvere la faida tra Fatah e Hamas e unificare le fila palestinesi. È il documento alla che è stato alla base di ogni successivo tentativo di riconciliazione palestinese. http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/page/documento-dei-prigionieri

[5] Una neologismo usato dall’allora Segretario di Stato americano Condoleezza Rice in una conferenza stampa a Washington DC il 21 luglio 2006: “Quello che stiamo vedendo qui, in un certo senso, è la crescita – le doglie di un nuovo Medio Oriente e qualunque cosa facciamo, dobbiamo essere certi che stiamo portando avanti il nuovo Medio Oriente e non stiamo tornando al vecchio.” Vedi: Condoleezza Rice,” Briefing speciale sul viaggio in Medio Oriente e in Europa”, 21 Luglio 2006, trascrizione a cura di US Department of of State Archive, http://2001-2009.state.gov.

Pubblicato su Institute for Palestine Studies
Traduzione per Palestina Rossa a cura di Enrico Bartolomei (*)


(*) ricercatore e attivista della Campagna di solidarietà per la Palestina – Marche

 

thanks to: Palestina Rossa

La Palestina è sotto attacco

https://i2.wp.com/www.forumpalestina.org/news/2014/Giugno14/Immagini/Operazione_Brother-s.gif

La Palestina non solo è sotto attacco militare, il che preoccupa moltissimo per le vite dei palestinesi e la ulteriore perdite delle loro strutture.

La Palestina è sotto attacco da parte di Israele nella sua resistenza come realtà autonoma.

La Palestina è sotto attacco allo scopo di dimostrare la sua “impossibilità di esistenza”.

Nel momento della riconciliazione tra le fazioni che governano nella Cisgiordania e a Gaza, un tentativo di unificare il territorio politico della Palestina, di trovare un’ autorappresentazione politica presso l’ONU, di liberare Gaza dall’assedio (reso ancor più insostenibile dal blocco alla circolazione di persone e beni da parte dell’Egitto di Sissi), di reclamare la illegalità della detenzione ed abduzione amministrativa di prigionieri e di difendere il territorio in Gerusalemme e nella Cisgiordania, di sviluppare una autonomia economica, Israele dispiega attacchi militari con forze di terra e uso spropositato della forza verso i civili nella Cisgiordania, con più di 400 detenzioni amministrative, infinite malversazioni a Gerusalemme e bombardamenti e sconfinamenti a Gaza.

Questa operazione dello stato Israeliano, battezzata “guardiani dei nostri fratelli ” è “giustificata” dalla scomparsa di 3 giovani riservisti Israeliani in territorio sotto completo controllo Israeliano in Cisgiordania.

Non c’è prova di chi abbia collaborato alla sparizione, non rivendicata da alcuna fazione Palestinese.

In qualsiasi paese civile una sparizione è un caso di polizia investigativa e non la ragione per imprigionamenti di massa su base politica, di invasione e permanenza in migliaia di abitazioni di civili, dell’abbattimento di case, degli omicidi di persone disarmate, di bombardamenti su zone del territorio Palestinese sotto blocco e fuori e da quella in cui la scomparsa è avvenuta.

Questa operazione non è altro che una operazione, probabilmente preordinata, di punizione collettiva per i Palestinesi nel momento in cui hanno raggiunto un accordo politico e si presentano come stato nella comunità internazionale.

Serve per annientare fisicamente una fazione-partito (Hamas) e richiedere la resa dell’altra fazione-partito (Fatha), protagoniste precedentemente del dissenso interno che aveva creato due governi separati in Gaza ed in Cisgiordania.

Serve ad imporre con la forza la opposizione del governo Israeliano alla riconciliazione nazionale Palestinese.

E’ un’ operazione la cui entità e sviluppo si può pensare che continuino ad accrescersi nel livello e con la violenza.

In Cisgiordania le uccisioni, la invasione da parte delle forze di terra con carri armati, i sorvoli arei, le violente invasioni delle case, gli arresti indiscriminati di civili, il ri-arresto di prigionieri liberati, la nutrizione forzata di quelli in sciopero della fame, la mano libera lasciata alla violenza dei coloni, si accompagnano ai bombardamenti quotidiani su Gaza, all’attacco ai suoi pescatori, al sorvolo con F16, che ben ricordano l’inizio degli attacchi del 2008 e del 2012.

Vogliamo essere vicini ai Palestinesi che ne sono vittime, e che si sono impegnati come attori nel difficile processo di costruire una unità nazionale, e diciamo al nostro Governo ed a quello Europeo che ci opponiamo alla loro connivenza con le azioni illegali di Israele e vogliamo rompere il silenzio che regna sulle aggressioni in corso.

Il silenzio e/o la connivenza della comunità internazionale è la luce verde che Israele aspetta per imporre sul terreno col la paura e l’esercito la sua richiesta all’Autorità Nazionale di Ramallah di rompere l’accordo di riunificazione.

E’ un lasciapassare per continuare la illegale detenzione amministrativa e le vessazioni sui prigionieri, per continuare il blocco di Gaza e la politica di insediamenti e vessazioni in Cisgiordania e Gerusalemme.

Temiamo che sia anche la luce verde per realizzare vecchie e nuove minacce su Gaza: ” vi ridurremo al medio evo”, “la prossima volta vi attaccheremo in modo che non avrete il tempo di rispondere” (dopo il novembre 2012) e per tutta la Palestina: “elimineremo tutto il verde (Hamas ha bandiere verdi) dalla regione”.

I palestinesi stanno resistendo uniti – ma l’immagine della gente in solidarietà proveniente da tutto il mondo, in piedi accanto a loro, sarà incoraggiante e darà forza al popolo palestinese, nella sua lotta contro un occupante crudele.

Per sostenere il popolo palestinese sotto attacco, chiediamo un forte e deciso pronunciamento dei Governi e della Istituzioni Europee deve finire ed un messaggio delle Fedi che deve giungere limpido e chiaro.

Chiediamo che i rappresentanti delle Istituzioni Italiane e di quelle Europee si facciano responsabili in tutte le sedi della sicurezza e dello sviluppo della nazione e dello Stato Palestinese riunificato, secondo le leggi internazionali.

Che nelle sedi internazionali queste si schierino per l’ autonomia dello Stato Palestinese e contro la occupazione della Cisgiordania e la continua espansione degli insediamenti israeliani, per la liberazione dal blocco di terra e mare di Gaza, per la fine della detenzione amministrativa dei Palestinesi e loro abduzione in Israele, per uno statuto chiaro e condiviso per Gerusalemme.

Chiediamo che i governi europei mettano in campo finalmente sanzioni economiche verso Israele esigendo il rispetto della legislazione internazionale, delle risoluzioni ONU e della convenzione di Ginevra.

Invitiamo i rappresentanti delle fedi che si pronuncino contro i crimini verso la umanità e le persone che Israele compie con impunità verso il popolo palestinese, diffondendo la loro solidarietà verso le sofferenze di un popolo intero.

Prime adesioni

Appello per i Bambini di Gaza, Genova

Associazione Amicizia Sardegna Palestina

Associazione Senza Paura di Genova

Associazione NWRG

Associazione Surgery for Children

Casa per la Pace Milano

Comitato NO M 346 a Israele

CVP-Comitato varesino per la Palestina

Forum Palestina

Invicta Palestina

Pacifisti e pacifiste dell’ora in silenzio per la pace di Genova

Parallelo Palestina

Pax Christi, Campagna Ponti e non Muri

Salaam ragazzi dell’olivo-comitato di Milano – onlus

UCOII, Direzione Nazionale dell’European Muslim Network- Italia

Alice Colombi

Andrea Balduzzi- Genova

Andrea Sbarbaro- Genova

Angelo Baracca- Firenze

Angelo Cifatte – Genova

Angelo Stefanini- Bologna

Claudia Petrucci – Genova

Dario Rossi – Genova

Filippo Bianchetti -Varese

Franco Camandona – Genova

Gabriella Grasso-Milano

Hamza Roberto Piccardo

Ireo Bono-Imperia

Luisella Valeri – Genova

Mariagiulia Agnoletto- Milano

Marina Rui – Genova

Miranda Vallero- Rapallo

Mirko Rozzi

Raffaella Del Deo

Tiziano Cardosi- Firenze

Ugo Gianangeli -Milano

Per adesioni

http://firmiamo.it/la-palestina-e-sotto-attacco

Campagna internazionale per la liberazione di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri palestinesi

Prime adesioni : Arci, Fiom – Cgil, C.G.I.L., Libera, Comunità Palestinese in Italia, Associazione Italia – Palestina, Un Ponte per, Associazione Per la Pace, Rete Romana di solidarietà con il popolo palestinese, Restiamo Umani con Vick, Ass.Amici Mezzaluna Rossa, Donne in Nero, Rete Radie Resh, Pax Christi, CIPSI, rivista Solidarietà Internazionale

Dichiarazione di Robben Island.

Lancio della Campagna mondiale per la liberazione di Marwan Barghouti e tutti i prigionieri palestinesi

 Sudafrica, 27 ottobre 2013 – “Noi, i firmatari, affermiamo la nostra convinzione che la libertà e la dignità sono l’essenza della civiltà.

Persone di tutto il mondo e nel corso della storia si sono levate in difesa della loro libertà e della loro dignità contro il dominio coloniale, l’oppressione, l’apartheid e la segregazione.

Generazioni di uomini e donne hanno fatto grandi sacrifici per forgiare valori universali, difendere le libertà fondamentali e far progredire il diritto internazionale e i diritti umani.

Non vi è un rischio maggiore per la nostra civiltà che abbandonare questi principi e consentire irresponsabilmente la loro violazione e negazione. Il popolo Palestinese ha lottato per decenni per la giustizia e la concretizzazione dei propri diritti inalienabili. Tali diritti sono stati più volte ribaditi da innumerevoli risoluzioni delle Nazioni Unite.

Valori universali, legislazione internazionale e diritti umani non possono fermarsi alle frontiere. Né è possibile ammettere che si usino due pesi e due misure, e devono essere applicati anche in Palestina.

Questa è la strada da seguire per una pace giusta e duratura nella regione, a beneficio di tutti i suoi popoli.

L’applicazione di questi diritti comporta la liberazione di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri palestinesi, in quanto la loro prigionia altro non è che un riflesso della pluridecennale privazione della libertà che il popolo palestinese ha subito e continua a sopportare.

Centinaia di migliaia di palestinesi sono stati imprigionati a un certo punto della loro vita, in uno dei più eclatanti esempi di detenzione di massa che mirano a distruggere il tessuto nazionale e sociale del popolo occupato, e a spezzare la sua volontà di raggiungere la libertà. Migliaia di prigionieri politici palestinesi ancora oggi languono nelle carceri israeliane. Alcuni prigionieri palestinesi hanno trascorso oltre 30 anni nelle carceri israeliane, cosa che fa di Israele la potenza occupante responsabile dei più lunghi periodi di detenzione politica nella storia recente.

Il trattamento dei prigionieri palestinesi dal momento del loro arresto, durante gli interrogatori e il processo, nonché durante la loro detenzione, viola le norme e gli standard previsti dalla legge internazionale. Queste violazioni, tra cui l’assenza di garanzie fondamentali per un giusto processo, il ricorso alla incarcerazione arbitraria, il maltrattamento dei prigionieri e l’uso della tortura, il disprezzo per i diritti dei bambini, la mancanza di assistenza sanitaria per i detenuti malati, il trasferimento dei detenuti nel territorio dello stato occupante e le violazioni del diritto di ricevere visite, così come l’arresto di rappresentanti eletti, richiedono la nostra attenzione e il nostro intervento.

Tra questi prigionieri, un nome è emerso a livello nazionale e internazionale come fondamentale per l’unità, la libertà e la pace.

Marwan Barghouti ha trascorso un totale di quasi due decenni della sua vita nelle carceri israeliane, tra cui gli ultimi 11 anni. È il prigioniero politico palestinese più importante e rinomato, un simbolo della missione del popolo palestinese per la libertà, una figura che unisce e un sostenitore della pace basata sul diritto internazionale.

Tenendo presente come gli sforzi internazionali portarono alla liberazione

di Nelson Mandela e di tutti i prigionieri anti-apartheid, riteniamo che

la responsabilità morale giuridica e politica della comunità internazionale di assistere il popolo palestinese nella realizzazione dei loro diritti deve contribuire a garantire la libertà di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri politici palestinesi.

Cosa chiediamo ?

Chiediamo, quindi, e ci impegnamo ad agire per la liberazione di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri palestinesi. Fino al loro rilascio, i prigionieri palestinesi, come sancito dal diritto internazionale umanitario e le leggi in materia di diritti umani, devono beneficiare dei loro diritti e le campagne di arresti devono cessare.

Uno dei più importanti segni della disponibilità a fare la pace con

il tuo avversario è la liberazione di tutti i suoi prigionieri politici, un potente segnale di riconoscimento dei diritti di un popolo e delle sue naturali rivendicazioni della propria libertà. E’  il segnale di inizio di una nuova era, in cui la libertà aprirà la strada per la pace. Occupazione e pace sono incompatibili.

 L’occupazione, in tutte le sue manifestazioni, deve terminare, in modo che

la libertà e la dignità possano prevalere. La libertà deve prevalere perché

il conflitto cessi e perché i popoli della regione possano vivere in pace

e sicurezza.”

Dalla prigione di Robben Island,

cella di Mandela il 27 Ottobre 2013

Alla presenza di Fadwa Barghouti, Ahmed Qatrhada, Majed Bamiah, Neesham Bolton, Luisa Morgantini, Qaddura Fares, Francis Sahar, Ahmed El Azzam,

ex-prigionieri sudafricani, rappresentanti palestinesi ed attivisti sudafricani.

Un Comitato internazionale di alto livello è stato costituito  per il sostegno alla campagna internazionale

Il 27 Ottobre a Robben Island , i lavori sono iniziati con la sottoscrizione della Dichiarazione di  Robben Island  che chiede la liberazione di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri politici palestinesi .

La dichiarazione è stata sottoscritta nella cella della prigione di Nelson Mandela.  I primi  firmatari sono stati gli ex prigionieri politici di Robben Island,  Ahmed Kathrada e il membro del  Congresso Pan Africano Kwedie Mkalipi, insieme a  Fadwa Bargohouti, moglie di Marwan Barghouthi.

Dopo la sottoscrizione della dichiarazione, è stato annunciato l’appoggio di un Comitato Internazionale di alto livello i cui membri includono:

Ahmed Kathrada – Fondatore  del Comitato Internazionale ad alto livello, figura storica del movimento anti- apartheid, ex prigioniero per 26 anni, nonché  già consulente per gli affari parlamentari del presidente Mandela, già presidente del consiglio del Museo di Robben Island.

ñAngela Davis – ex prigioniera politica, icona del movimento per i diritti civili, USA,

ñWin Tin – ex prigioniero politico e detentore del premio mondiale dell’UNESCO per la libertà di stampa, Burma.

ñJohn Bruton – ex  Primo Ministro in  Irlanda, impegnato nei negoziati di pace  nell’Irlanda del Nord, già Vice Presidente del Partito Popolare Europeo ed ex Ambasciatore dell’Unione Europea a Washington, Membro del gruppo degli ex Leaders Europei.

ñLena Hjelm-Wallén – ex vice  Primo Ministro e  Ministro degli Esteri in Svezia,  Presidente  dell’Istituto Internazionale per la Democrazia e Assistenza all’Elettorato, Membro del gruppo degli ex Leaders Europei,

ñChristiane Hessel, moglie di Stéphane Hessel  –  partigiano francese contro l’occupazione nazista ed ex  Ambasciatore, scrittore e figura storica per i diritti umani, autore del best seller mondiale ”Indignez-vous”.

ñVescovo Desmond Tutu – premio Nobel per la pace, South Africa

ñJody Williams –  premio Nobel per la pace, USA

ñAdolfo Pérez Esquivel – Nobel per la pace, Argentina

ñJosé Ramos Horta – ex Presidente di Timor Est, premio Nobel per la pace,

ñ Mairead Maguire – premio Nobel per la pace, Irlanda del Nord

Nel suo intervento durante l’evento di Robben Island, Kathrada ha dichiarato che la sua speranza è che questa campagna  superi la campagna di “Mandela libero” da lui lanciata molti anni or sono.
“Robben Island è il luogo dove tutti noi reiteriamo il nostro appoggio alla causa palestinese   e, dove, ancora una volta, invochiamo  il nostro chiaro e urgente appello per il rilascio di Marwan Barghouthi e di tutti e prigionieri politici palestinesi. Questo luogo una volta tenne prigionieri alcuni dei futuri leaders di un democratico e libero Sud Africa. Ora da questo luogo  risuona l’appello per la liberazione di leaders politici incarcerati, fautori dell’unificazione del popolo palestinese.”

Kathrada ha anche invocato la pressione mondiale contro Israele.  “Proprio come il Sud Africa con la sua politica dell’ apartheid fu isolata, noi vogliamo che  Israele sia  isolato dal mondo civile,”  ha detto.

Fadwa ha letto un  messaggio scritto dal marito nella cella della  prigione di Hadarim, in cui egli si appella alla comunità internazionale per agire sulla questione dei diritti umani. “La comunità internazionale  ha l’obbligo  politico, morale e legale di agire  nella difesa della giustizia, appoggiando le leggi internazionali e i diritti umani. Questa è la responsabilità dei governi, dei rappresentanti eletti, delle organizzazioni per i diritti umani, dei movimenti della società civile, dei sindacati, e dei singoli cittadini.”

L’arcivescovo Desmond Tutu, che fa parte del Comitato Internazionale, ha inviato un messaggio di solidarietà. “Unisco la mia voce a quelle del sig. Kathrada e della signora  Baghouthi e a tutte le voci in giro per il mondo che invocano  Israele perché faccia un passo indietro dal precipizio della divisione e del pregiudizio e liberi i prigionieri politici. La loro liberazione libererà anche voi israeliani,” ha detto.

Marwan Barghouthi  è stato il primo membro del Consiglio Legislativo palestinese ad essere arrestato da Israele. Ha passato oltre dieci anni in prigione rifiutandosi di essere messo in libertà   condizionale  fino a che tutti i prigionieri palestinesi non siano liberati. Egli è generalmente conosciuto come il  “Mandela del popolo palestinese”.

Gli attivisti  per i diritti umani Selvan Chetty, ed il consigliere ANC  Mr Sbu Danca, erano presenti all’evento storico tra i pochi ben selezionati attivisti Sud Africani ed internazionali come Luisa Morgantini, già Vice Presidente del Parlamento Europeo e Presidente di AssoPacePalestina. Ognuno di loro ha sottoscritto la dichiarazione originale davanti a Fadwa Bargouthi  ed Ahmed Kathrada.

(Fonte:  Alleanza per la Solidarietà alla Palestina – Sud Africa)

Il Messaggio del leader Marwan Barghouti

 

Dalla prigione di Hadarim, cella n°28
Caro Ahmad Kathrada e amici sudafricani,

Cari Eccellenze, Onorevoli ospiti,

La lotta del movimento anti-apartheid ha trasformato Robben Island da simbolo di oppressione a testimonianza vivente del trionfo della libertà sulle catene, della luce sulle tenebre, della speranza sulla disperazione.

Questo luogo ci ricorda il peggio di cui il genere umano è capace. Ma anche il meglio.

La nostra causa è comune. La lotta per la libertà e la dignità. E i nostri nemicinytk_marwan sono simili: l’oppressione, la negazione dei diritti, la segregazione e l’apartheid. Senza dimenticare ciò che più di tutto permette di prolungarne l’esistenza: l’indifferenza o il semplice rifiuto di agire. Mentre gli altri parlano di valori universali, di diritti umani e del diritto internazionale, noi ne siamo l’incarnazione, grazie alla nostra lotta; la difesa di questi principi passa attraverso i nostri grandi sacrifici. Ma la volontà dei popoli oppressi non può, e non sarà, sconfitta. La libertà deve prevalere in Palestina, com’è stato in Sud Africa. Nel corso della storia i popoli di tutto il mondo sono stati in grado di ottenere la loro libertà che ha prevalso contro oppressione, dominio coloniale, dittature, segregazione, razzismo e apartheid; così anche noi sconfiggeremo quest’occupazione.
Oggi possiamo utilizzare un poter enorme contro l’ingiustizia. Non è il tradizionale potere coercitivo (“hard power”), e neanche il più moderno soft power, ma il potere che deriva dall’ispirazione.  La Palestina è la più universale delle cause nazionali e trae dalla vostra lotta molte lezioni: innanzitutto che la libertà non è negoziabile. La liberazione dei nostri prigionieri deve essere senza condizioni. La libertà del nostro popolo è inevitabile.

L’oppressore non fa che fomentare tribalismo, divisioni politiche, etniche e religiose e questo al fine di prevalere. L’unità è la legge della vittoria per i popoli oppressi; la vasta coalizione che siete stati in grado di creare è la prova di come sconfiggere l’apartheid. I leader delle diverse fazioni in campo, siano essi in carcere, nella Palestina occupata o in esilio, dovrebbero completare e completarsi a vicenda, non competere tra loro, in modo da sostenere l’unità politica del nostro popolo e riunificare la nostra terra, esprimendo l’unità indissolubile della nostra gente.

 Non si sconfigge il nemico, assomigliandogli. Al contrario di fronte ad un tale sistema coloniale e razzista che diffonde la violenza, la segregazione, l’annessione e l’oppressione, abbiamo il dovere di difendere una visione pluralista, rispettosa del diritto internazionale e dei diritti umani, in grado di  ottenere libertà, pace e convivenza.

Si deve puntare in primo luogo sulle persone e la loro mobilitazione. È stata la disobbedienza civile, la vostra resistenza sul campo che ha avuto il più importante effetto di trasformazione verso la fine del regime dell’apartheid.

La comunità internazionale ha l’obbligo politico, morale e legale di agire in difesa della giustizia, di sostenere e promuovere il diritto internazionale e i diritti umani. Questa responsabilità ricade sui governi, sui rappresentanti eletti, sulle organizzazioni per i diritti umani, i movimenti della società civile, dei sindacati e su ogni singolo cittadino. Il movimento internazionale BDS è stato determinante nel mettere sufficiente pressione sul governo sudafricano e far si che cambiasse le sue politiche, e cominciasse a cooperare con il movimento anti-apartheid per finalmente porre fine all’apartheid stesso e contribuire alla creazione di un Sudafrica democratico e non-razzista. De Klerck ha fatto delle scelte storiche, ma sicuramente alla radice delle sue decisioni c’è stata la pressione internazionale e la resistenza sul terreno.

Solo quando il governo dell’apartheid ha reso pubblica la sua decisione di porre fine all’apartheid e l’ha messa in pratica, anche attraverso la liberazione di Mandela e di tutti i prigionieri, solo allora sono iniziate le trattative tra i vecchi nemici divenuti partner di pace.

Ha per caso il governo israeliano mostrato una chiara volontà di mettere fine alla sua occupazione, agendo di conseguenza?

Ogni nuova unità di colonia costruita, ogni casa demolita, ogni arresto e incursione ci fornisce una chiara risposta.

È evidente che non vi sia nessun De Gaulle, e che un De Klerck non appaia ancora in vista in Israele. E l’impunità israeliana non fa altro che posticipare l’arrivo della pace.

Ma la vostra lotta non deve semplicemente essere di insegnamento per noi. Da essa dobbiamo attingere anche la profonda convinzione che ottenere la libertà e soddisfare la nostra legittima ispirazione all’indipendenza e al ritorno è possibile. È questa l’unica strada da percorrere per raggiungere la pace e la sicurezza per tutti i popoli della regione.

Sappiamo che la vittoria ci aspetta, in quanto l’aspirazione alla libertà nel nostro cuore è più forte dell’odio nei cuori dell’occupante e del potere coloniale. Il trionfo della libertà e della dignità, della giustizia e dell’indipendenza in Palestina, il ritorno dei nostri profughi, il rilascio dei prigionieri palestinesi ci sapranno dimostrare che la comunità internazionale è in grado di difendere i valori universali e la legalità internazionale nel mondo.

Un giorno sarò in grado di visitare quel luogo, quale uomo libero, cittadino di un paese libero, e con la libertà quale mio orizzonte. Mi viene in mente un grande uomo, che non solo ha visto che all’orizzonte, ma che l’ha plasmato insieme ai suoi compagni di lotta, anche da dentro il carcere; il grande Nelson Mandela, il cuore del vostro potere d’ispirazione.

A mio nome e a nome dei 5000 prigionieri politici palestinesi, e del popolo palestinese tutto, sia in patria che in esilio, permettetemi di ringraziare tutti coloro che hanno reso questo evento e il lancio di questa campagna possibile; in particolare i membri del Comitato internazionale di alto livello che hanno accettato di utilizzare il loro peso politico e morale a sostegno di questa importante causa.

Permettetemi qui di ricordare e onorare la memoria di uno di questi membri, Stéphane Hessel, che è sempre stato in prima fila nella difesa dei diritti umani in tutto il mondo, nonché Presidente Onorario del Tribunale Russell sulla Palestina.
Un ringraziamento speciale spetta al signor Kathrada e alla sua Fondazione. È un atto onorevole mobilitarsi contro l’ingiustizia quando si è una delle sue vittime. È ancora più ammirevole farlo quando non si è vittima di quell’ingiustizia, che invece ricade su altri. Mr Kathrada, è un privilegio avere lei e tutto ciò che lei simboleggia, quale anima di questa campagna. Scrivo queste parole, dopo aver letto il suo libro e dopo aver vissuto, da dentro la mia cella, attraverso le sue parole, la sua sofferenza, istante per istante. Ho seguito attraverso le pagine del suo libro la lotta del Sud Africa per la libertà, come ho fatto durante la lettura del libro di Mandela. Ho visualizzato questo luogo di oppressione, trasformato attraverso la vostra lotta in un faro, che ci mostra la via da seguire. Non è un caso se la Conferenza Internazionale “Libertà e Dignità ” tenutasi in Palestina ha avuto luogo il 27 aprile. Ho scelto proprio quella data in modo che coincidesse esattamente con il Giorno della Libertà del Sud Africa. Come ospite d’onore, il signor Kathrada suggerì il lancio di questa campagna, e insieme alla sua Fondazione ha lavorato senza sosta durante gli ultimi 6 mesi per trasformare questa potente idea in realtà. Quello che sta accadendo qui oggi è un punto di svolta nello sforzo internazionale a sostegno della libertà dei prigionieri palestinesi e del popolo palestinese tutto. Questa campagna avrà fine solo quando tutti i prigionieri politici palestinesi saranno liberi, e sono fiducioso sulla possibilità di poter festeggiare un giorno insieme la libertà dei prigionieri e la libertà della Palestina.

Permettetemi infine di dire qualcosa a tutti voi: quando vi verrà chiesto da che parte state, scegliete sempre la parte della libertà e della dignità contro l’oppressione, dei diritti umani contro la negazione dei diritti, della pace e della convivenza contro l’occupazione e l’apartheid. Solo così si può servire la causa della pace e agire per il progresso dell’umanità”.

 Marwan Barghouti

 Liberate Marwan Barghouti !

Articolo  di Luisa  Morgantini, apparso su Il Manifesto del 12 novembre 2013

Nel selciato fatto di conchiglie frantumate, ne ho trovate tre, bianchissime, erano rimaste intatte, solo consumate dal tempo e dal sole.

Le ho raccolte, io, che una volta ridevo di chi raccoglieva conchiglie.

Ero a Robben Island, Cape Town, Sudafrica, nella prigione dove Nelson Mandela e altri leader, hanno passato tanti anni della loro vita. Laloo Chiba un ex-prigioniero mestamente mi raccontava che quasi tutti loro hanno portato per molto tempo occhiali neri o come Mandela subito operazioni agli occhi.

Perché quelle conchiglie e le pietre, così bianche, che i prigionieri dovevano spaccare mentre i raggi del sole e la polvere li accecavano.

Avevo già visitato con enorme commozione, qualche anno dopo la liberazione di Mandela e le prime elezioni del Sudafrica libero, la prigione di Robben Island. L’ultimo prigioniero e carceriere se ne erano andati nel Dicembre del 1996. Il nuovo governo del Sudafrica aveva chiesto il riconoscimento dell’isola come Patrimonio dell’Umanità all’Unesco che gli venne dato nel 1999. Oggi è un museo ed un istituzione culturale, composta da ex prigionieri che cercano di mantenere una memoria fertile anche per quei giovani sudafricani che non hanno vissuto il periodo dell’apartheid . E per ognuno di noi che ha fatto parte dei movimenti Antiapartheid e per la liberazione di Nelson Mandela, Robben Island non è solo  il simbolo dell’oppressione ma anche della libertà e della speranza.

Ed è proprio a Robben Island che il 27 Ottobre 2013 è avvenuto un fatto storico: dalla cella di Mandela è stata lanciata la campagna per la liberazione di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri palestinesi.

Con noi non c’era Mandela, ormai troppo malato, ma Ahmed Qathrada, suo compagno di prigione e di lotta, di origini indiane, che ha passato 26 anni della sua vita in carcere. Ma c’erano anche molti ex prigionieri e attivisti venuti dalle varie parti del Sudafrica. Fadwa Barghouti, moglie di Marwan è entrata con Qathrada nella cella ormai spoglia, tranne che per una stuoia, una coperta arrotolata ed un grande poster di Marwan ed hanno letto l’appello di Robben Island.

Noi, la delegazione che accompagnava Fadwa, dodici palestinesi rappresentativi di istituzioni e associazioni per la difesa dei diritti umani, tra i quali Addameer e Insan, ed io eravamo sopraffatti dall’emozione. Sembrava di vivere in un sogno, per tanto tempo con Fadwa, avevamo desiderato durante il processo a Marwan Barghouti che la voce di Mandela e del Sudafrica si facesse sentire. Ed ora eravamo qui e grazie all’impegno di Ahmed Qathrada e la sua Fondazione il volto di Madiba e Marwan sono sullo stesso manifesto.

handalaDopo l’evento simbolico nella cella, si è tenuto un incontro per comunicare la formazione di un Comitato Internazionale di alto profilo, ne fanno parte oltre a Qathrada, i premi Nobel, Vescovo, Desmond Tutu, Jody Williams, Adolfo Perez Esquivel Josè Ramos Horta, Maireread Maguire nonché Angela Davis, John Burton , Lena Hjelm- Wallen , Christiane Hessel (vedova di Stephen Hessel che prima della sua morte aveva aderito alla campagna per la libertà di Marwan).

Finalmente Marwan Barghouti e i prigionieri palestinesi diventano un evento internazionale. In Francia, 40 comuni hanno già dato la cittadinanza onoraria a Marwan, adesso bisogna estenderla in ogni paese a partire dall’Italia. Israele ha sempre usato i prigionieri come ostaggi e nell’accordo di Oslo, la leadership palestinese non è stata capace di far diventare la questione dei prigionieri prioritaria e prendere esempio da Mandela che sosteneva che «solo gli uomini liberi possono negoziare» e che da uomo libero ha negoziato.

Quando è stato detto a Marwan che si iniziava la campagna per la sua liberazione, lui ha preteso che la campagna non fosse fatta solo per lui ma per tutti i prigionieri politici.

I prigionieri palestinesi oggi ancora nelle carceri sono più di cinquemila, tra loro 136 di cui 11 parlamentari in detenzione amministrativa (anni e anni senza processo), 13 donne, 195 giovani di cui 36 al di sotto dei 16 anni. Dal 1967, anno dell’occupazione militare della Cisgiordania e Gaza sono più di 800.000 i palestinesi passati nelle carceri israeliane. Praticamente ogni famiglia palestinese ha avuto persone in carcere.

Ma non si tratta solo di numeri, ognuno di loro ha una storia, un volto, un vissuto di sofferenza, torture, umiliazioni, di figli che non sono stati visti crescere o che non si sono mai potuti avere. Come Marwan che ha trascorso complessivamente più di 18 anni di carcere, i primi sette durante la prima Intifadah e poi negli ultimi 11 anni. Non ha visto crescere i suoi tre figli, Qassam, Sharaf e Arab, e sua figlia Ruba che si è sposata ed ha avuto un bimbo che Marwan non ha mai visto e non potrà vedere perché le regole prevedono che solo i parenti stretti, moglie e figli possono fare visita, anche se la vendetta dei carcerieri nei confronti dei prigionieri è feroce, illegale ed inumana, i figli di Marwan non hanno il permesso di visitare il padre.

Marwan Barghouti venne sequestrato a Ramallah il 15 aprile del 2002 dall’esercito israeliano, subito dopo l’ operazione di aggressione militare «Scudo difensivo» lanciata in tutti i territori occupati che ha visto la distruzione delle città e di tutte le infrastrutture, ministeri, scuole, strade, l’istituzione di centinaia e centinaia di checkpoint, coprifuochi,assassini extraterritoriali, demolizioni di case.

E’ stato condannato per resistenza militare a cinque ergastoli e 40 anni di prigione. Marwan non ha riconosciuto la legittimità della Corte che lo giudicava, come aveva fatto Mandela per il suo popolo, ed ha rivendicato il diritto dei palestinesi alla libertà, alla pace e alla democrazia.

Marwan è amato dai palestinesi ed è un uomo per l’unità, la sua campagna in Palestina è stata lanciata da tutte le forze politiche e sociali. Nessuno dimentica che dal carcere è stato lui il promotore dei 21 punti del governo di unità nazionale dopo le elezioni del 2006 e il fallimento del governo di Hamas. Nel suo messaggio inviato a Robben Island, dalla cella n. 28 della prigione di Hadarim ci dice:

…quando vi verrà chiesto da che parte state, scegliete sempre la parte della libertà e della dignità contro l’oppressione, dei diritti umani contro la negazione dei diritti, della pace e della convivenza contro l’occupazione e l’apartheid. Solo così si

può servire la causa della pace e agire per il progresso dell’umanità.

 

Alcune informazioni su Marwan Barghouti

Marwan Barghouti è nato il 6 giugno 1959, nel villaggio di Kobar, vicino a Ramallah. E’ cresciuto nella Palestina sotto occupazione, un’occupazione che ha segnato tutta la sua esistenza e che ha dato vita alla sua battaglia per combatterla.

L’ingresso in Al – Fatah

Nel 1974, quando aveva quindici anni, entra in Al-Fatah, il partito storico del movimento di liberazione della Palestina e fonda il movimento giovanile di Al – Fatah (Shabiba). Nel 1989 viene eletto nel Consiglio Rivoluzionario e nel 1994 Segretario Generale (del Consiglio) per la Cisgiordania. Diventa parlamentare con le elezioni del 1996 e successivamente rieletto nel 2006 come Capo della lista di Al- Fatah. Nel 2009, entra nel Comitato Centrale di Al -Fatah, l’organo più importante del partito.

La prigione

Marwan è il prigioniero politico palestinese più conosciuto. Ha trascorso 17 anni nelle carceri israeliane, di cui gli ultimi 11 in modo consecutivo. La sua prima incarcerazione risale al 1978, quando fu accusato da Israele di essere un membro di Al-Fatah, che allora era considerata “un’organizzazione vietata”. Nel 1987, Israele lo ha deportato e costretto all’esilio dalla sua terra, con l’accusa di “incitare” alla lotta contro l’occupazione. Potrà farvi ritorno solo nel 1994, in seguito alla firma degli Accordi di Oslo.

Durante la seconda Intifada e a seguito dei due tentativi (falliti) di ucciderlo, è stato sequestrate dalle forze di occupazione israeliana, il 15 aprile 2002: è stato il primo parlamentare palestinese ad essere arrestato da Israele; purtroppo ne sono seguiti molti altri. Il 6 giugno 2004, dopo quello che gli osservatori internazionali e le delegazioni presenti hanno definito un “processo farsa”, Marwan è stato condannato a 5 ergastoli e 40 anni di reclusione. Va sottolineato come Marwan si sia rifiutato di riconoscere la legittimità della corte israeliana in quanto forza occupante, e in quanto corte destinata a giudicare un rappresentante eletto del popolo palestinese, confermando così il ruolo delle corti come parti integranti del sistema di occupazione. Marwan è stato costretto a 100 giorni di interrogatori e oltre 1000 giorni in cella di isolamento, senza poter ricevere alcuna visita dai suoi familiari. Attualmente sua moglie può andarlo a trovare per 45 minuti, ogni due settimane, mentre i suoi tre figli devono richiedere un permesso per fare visita a loro padre, che gli viene concesso solo una volta ogni due o tre anni.

Educazione

Marwan ha finito la scuola secondaria, conseguendo il diploma, in prigione. Nel 1983 è stato ammesso a Bir Zeit, l’Università più secolare della Palestina. Ma sono trascorsi 11 anni prima che abbia potuto terminare quello che avrebbe dovuto essere un corso quadriennale per la laurea in Storia e Scienze Politiche. Durante gli anni trascorsi all’Università, è diventato una figura di riferimento per la scena politica studentesca e ha guidato come presidente l’Unione degli studenti, in un momento storico in cui l’università stava diventando il fulcro delle attività politiche in Palestina. Ha scritto la tesi sulle relazioni franco-palestinesi, un tema che conosceva bene in qualità di presidente del gruppo interparlamentare Francia-Palestina all’interno del Consiglio Legislativo Palestinese. Nel 2010, ha conseguito un dottorato in Scienze Politiche dall’Istituto per lo studio e la ricerca della Lega Araba, intitolato “la Performance legislativa e lo stato politico del Consiglio Legislativo palestinese e il suo contributo al processo democratico in Palestina dal 1996 al 2006”. Marwan ha scritto la sua tesi di dottorato mentre era incarcerato nella prigione di Hadarim, facendo uscire segretamente le pagine scritte per un intero anno, attraverso il suo avvocato.

Le due Intifada e il processo di pace

Durante la prima Intifada, scoppiata poco dopo il forzato esilio in Giordania, Marwan ha avuto un ruolo significativo nell’organizzare la resistenza palestinese contro l’occupazione israeliana. Il suo ruolo ufficiale durante l’Intifada è stato quello di anello di congiunzione tra l’Organizzazione di Liberazione della Palestina (OLP) e il partito di Al- Fatah, che si trovava nei territori palestinesi sotto occupazione. Solo nel 1994, a seguito della firma degli Accordi di Oslo, Marwan Barghouti ha potuto rientrare nei Territori palestinesi occupati, sostenendo da subito il processo di pace, promuovendo attività e campagne senza sosta sulle strade palestinesi e anche all’interno dei circoli politici israeliani e palestinesi. E credendo fermamente che gli Accordi rappresentassero un’opportunità storica per i palestinesi, per ottenere uno stato, l’indipendenza e il diritto all’autodeterminazione.

Alla fine degli anni Novanta però agli occhi di molti palestinesi è diventato chiaro come le intenzioni di Israele non fossero pacifiche e l’ottimismo iniziale che aveva prevalso durante gli Accordi di Oslo, è stato accantonato, alla luce del fatto che contemporaneamente Israele ha intensificato e perseguito le sue politiche coloniali. Il 28 settembre 2000, la visita di Ariel Sharon alla moschea di al-Aqsa ha fatto scoppiare proteste a cui le forze di occupazione israeliane hanno risposto con brutalità: è iniziata la Seconda Intifada, durante la quale il ruolo centrale di Marwan nella lotta per la libertà palestinese, è stato confermato. Marwan si è sempre opposto agli attacchi contro civili israeliani sul territorio israeliano , difendendo al contrario il diritto del popolo palestinese a resistere contro l’occupazione come riconosciuto dal diritto internazionale e enfatizzando che pace e sicurezza possono scaturire solo dalla fine dell’occupazione. Inoltre sostiene la resistenza popolare nonviolenta contro la colonizzazione e l’occupazione israeliana. E’ stato un forte sostenitore del riconoscimento ONU e continua a fare appello ad un maggiore impegno da parte della comunità internazionale, visto il fallimento delle negoziazioni bilaterali, per garantire libertà e giustizia al popolo palestinese e pace e sicurezza a tutti i popoli della regione.

Riconciliazione 

Marwan Barghouti è stato l’ideatore del Documento dei prigionieri per la Riconciliazione Nazionale, redatto dai leader dei diversi partiti e fazioni politiche palestinesi, sulle cui basi è stato creato un governo di unità nazionale nel febbraio del 2007; in questo documento, i rappresentanti dei partiti politici si sono dichiarati d’accordo per uno Stato palestinese sui confini del 1967, per il cessate il fuoco, per limitare la resistenza ai territori occupati e per l’adozione della resistenza popolare come la via per mettere fine all’occupazione. Marwan ritiene che la riconciliazione debba essere una priorità dell’agenda politica e crede in un approccio inclusivo, che unisca i partiti palestinesi intorno ad una piattaforma dell’OLP e che consenta il coinvolgimento di tutti i partiti all’interno del sistema politico. La riconciliazione dovrebbe avere come finalità, la rinascita del processo democratico palestinese e portare ad elezioni a tutti i livelli, con tempi e modalità condivise.

La vita personale

Marwan è stato imprigionato per la prima volta nel 1978: quando è uscito dal carcere, ha sposato l’amore della sua vita, Fadwa, alla quale aveva fatto la proposta sei mesi prima del suo rilascio. Marwan e Fadwa hanno attualmente due figli (Qassam e Sharafand ‘Arab) e una figlia, Ruba.

Marwan Barghouthi autore

Marwan Barghouti ha scritto diversi libri durante gli anni della sua prigionia:

-“La promessa” (una raccolta di interviste, dichiarazioni e messaggi di Marwan)

-”Mille giorni in isolamento (un libro che racconta gli interrogatori, I maltrattamenti, l’isolamento a cui Marwan è stato sottoposto durante I mille giorni di isolamento subito dopo il suo sequestro)

-”Resistere all’arresto”, scritto a quattro mani con Abdel Nasser lssa, uno dei leader di Hamasa e con A’hed Abu Ghulmeh, membro del Comitato centrale del Fronte Popolare (il libro racconta come rispondere agli interrogatori israeliani, alla tortura anche psicologica durante gli arresti).

-”Le relazioni franco-palestinesi” che è stato pubblicato prima della condanna di Marwan e a partire dalla sua tesi.

Risoluzioni di entità internazionali parlamentari

-L’Unione interparlamentare, nella sua risoluzione adottata all’unanimità il 19 ottobre 2011, ha riaffermato “ che l’arresto e il trasferimento in territorio israeliano di Marwan Barghouti è avvenuto in violazione con il diritto internazionale; evidenzia anche – alla luce delle argomentazioni legali convincenti esposte nel report di Foreman, alle quali le autorità israeliane non hanno fornito osservazioni – che il processo di Barghouti non ha seguito standard legali di equità e giustizia, che Israele – in quanto parte della Convenzione Internazionale sui Diritti Civili e Politici – è tenuto a rispettare e che quindi Barghouti non può essere definito colpevole; si rammarica profondamente che Barghouti non sia sulla lista dei prigionieri politici che verranno rilasciati, e richiede il suo immediato rilascio.”

– Il parlamento Europeo, nella sue risoluzioni adottate il 4 settembre 2008, il 5 luglio 2012 e il 14 marzo 2013 richiede “il rilascio immediato dei membri del Consiglio legislativo palestinese, incluso Marwan Barghouti.”

Citazioni

“Marwan Barghouthi è una voce importante a sostegno di una pace giusta con Israele e un forte sostenitore dell’unità nazionale palestinese”, Jimmy Carter, ex Presidente degli Stati Uniti e Premio Nobel per la Pace;

“La vita e la visione politica di Marwan Barghouti, l’innegabile legittimità che ha tra i palestinesi come pure I legami a cui dato vita e che ha mantenuto con la Francia, tutto questo lo rende una importante figura palestinese. Ha portato avanti tutto questo negli ultimi anni, dal chiuso della sua cella di prigionia, per contribuire attivamente alla riconciliazione tra i palestinesi. Non ho alcun dubbio che potrebbe portare, una volta libero, un contributo prezioso agli sforzi verso la pace.”Hubert Védrine, ex Ministro degli Esteri Francese.

“Quale simbolo dimostrerebbe meglio che la pace è possibile e che Israele è veramente interessato ad una giusta pace, se non la liberazione di Marwan Barghouti? Barghouti, un uomo la cui vita ha personificato la somoud, la resistenza palestinese e le aspirazioni future; un uomo che ha condotto le negoziazioni che hanno portato ad uno storico documento, quello dei Prigionieri, che ha unito tutti i partiti e ha offerto la pace a Israele. Per sapere se Israele è interessato alla pace, Barghouti è il test. Come la pace e il cambiamento in Sud Africa sono state sancite dal rilascio di Nelson Mandela, la libertà di Barghouti potrebbe simboleggiare che in Palestina, Israele intende avviarsi su un nuovo percorso e che la libertà è prossima a quello che Mahmoud Darwish scrisse, una Palestina come un “paese che si prepara per l’alba”. Dalle tenebre delle prigioni israeliane, la libertà di Barghouti potrebbe simboleggiare che la lunga notte cominciata nel 1948, sta finalmente avviandosi al termine.” Mairead Maguire, Premio Nobel per la Pace.

“Il popolo palestinese ha ancora oggi così tanti sostenitori, o suoi cittadini nelle prigioni israeliane e in particolare Marwan Barghouti, il parlamentare che è stato uomo di pace, e un sostenitore della pace:” Federico Zaragoza, ex Direttore generale dell’UNESCO.

“Quando sequestrarono Marwan il 15 aprile 2002, i miei sentimenti di disperazione si mescolarono alla gioia che non fosse stato ucciso. Spesso i soldati israeliani facevano esecuzioni sommarie.

 I suoi occhi vivi dicono della sua dignità, amore per la libertà, per la giustizia,  per la sua terra e per il suo popolo. I messaggi  che riesce ad inviare clandestinamente dal carcere ci dicono della sua ferma volontà di volere una pace con giustizia.

Marwan deve tornare ad essere libero, libero di camminare per le strade di Palestina, di rappresentare e guidare il suo popolo, come ha fatto con onestà e semplicità, combattendo l’occupazione ma anche la corruzione, capace di trovare mediazione e di unire le diverse anime e politiche del mondo palestinese. Barghouti libero significa che la strada verso la fine dell’occupazione militare è vicina. Lui è il Mandela, bisogna trovare il De Clerck israeliano:”   Luisa Morgantini, già Vice Presidente del Parlamento Europeo.

 1238764_10202167619416189_415732248_nDati sui prigionieri palestinesi

Ad oggi oltre 5000 palestinesi sono detenuti nelle carceri israeliane a causa della loro opposizione all’occupazione illegale. Israele viola costantemente i lori diritti non solo tenendoli in carcere ma per le condizioni nelle quali sono costretti a vivere. I prigionieri protestano con scioperi della fame, molti loro hanno rischiato la vita. Le guardie carcerarie fanno irruzioni nelle loro celle usando la violenza. Le visite familiari sono a discrezione dei carcerieri e da anni i prigionieri di Gaza non hanno visite dei familiari. Qui sotto vi sono numeri, ma dietro i numeri ci sono le vite di migliaia di persone e delle loro famiglie. A partire dal 1967 data dell’occupazione militare della Cisgiordania e Gaza, si calcola che i prigionieri siano stati più di 800.000.

DETENUTI per tipologia NUMERO
Totale Detenuti  politici 5068
In detenzione amministrativa 134 (di cui 9 membri del Consiglio Legislativo Palestinese)
Donne 13
Minori e bambini 195 (di cui 36 sotto i 16 anni)
Membri del Consiglio Legislativo Palestinese 13
Detenuti provenienti da Gerusalemme EstDetenuti  provenienti dai territori del 1948 180208
Detenuti provenienti  da Gaza 422
Condannati all’ergastolo 514
detenuti che devono scontare una pena superiore a 20 anni 433
Detenuti che sono rinchiusi da più di 20 anni 24
Detenuti che sono rinchiusi da più di 25 anni 65
Detenuti arrestati prima degli Accordi di Oslo 79

(Dati pubblicati dalla Ahmed Kathrada Foundation)

“Quando vi verrà chiesto da che parte state, scegliete sempre la parte della libertà e della dignità contro l’oppressione, dei diritti umani contro la negazione dei diritti, della pace e della convivenza contro l’occupazione e l’apartheid. Solo così si può servire la causa della pace e agire per il progresso dell’umanità”

 

(M. Barghouti)

thanks to: ASSOPACEPALESTINA

South African committee adopts Marwan Barghouthi’s plight

CAPE TOWN (Ma’an) — A conference in Cape Town in South Africa taking place on Monday saw the launch of a higher international committee to free Palestinian prisoner Marwan Barghouthi and all Palestinian prisoners held in Israeli jails, a Ma’an reporter said

Noble Prize winners Desmond Tutu and his former cellmate Ahmed Kathrada were among the members of the newly formed committee.

The launch came following a global campaign demanding the release of Marwan Barghouthi from Israeli custody. The campaign was organized by the Kathrada Foundation, which was founded by former South African prisoner Ahmad Kathrada, South African anti-apartheid revolutionary Nelson Mandela’s cellmate for 26 years.

Part of the ceremony including the signing of the Robben Island Declaration, which reads that signatories commit themselves to defend Marwan Barghouthi as a symbol of the Palestinian people as well as all other Palestinian prisoners in Israel. Solidarity activists from South Africa and other countries signed the declaration.

The statement read in part, “[Marwan Barghouthi] is the most prominent and renowned Palestinian political prisoner, a symbol of the Palestinian people’s quest for freedom, a uniting figure and an advocate of peace based on international law.”

Several dignitaries from different countries attended the conference Monday, including many South African former prisoners of the anti-apartheid struggle.

The ceremony took place inside the prison cell in Robben Island at the eastern coast of South Africa where Nelson Mandela served his long term imprisonment by the country’s apartheid regime. The prison has since become a museum attracting visitors from all over the world.

Desmond Tutu was a long-time advocate against South Africa’s apartheid regime prior to its collapse in 1994, and he is today an active proponent of the global campaign calling for divestment from Israel. He has previously likened Israel’s treatment of Palestinians to the treatment of Black South Africans under the apartheid regime.

https://i2.wp.com/www.maannews.net/images/PhotoViewer/247178.jpg

#Israel : Military Harassing Rights Group Staff – Human Rights Watch

The Israeli military’s apparent persecution of a prisoners’ rights group, especially without allowing the individuals to defend themselves, is a prime example of the injustices the group seeks to counter. The military should stop harassing Addameer’s employees on the basis of vague or secret evidence.

viaIsrael: Military Harassing Rights Group Staff | Human Rights Watch.

Israele detiene 210 bambini palestinesi in condizioni disumane

Fuad al-Khafash, direttore del centro al-Ahrar per gli studi sui detenuti e i diritti umani, ha rivelato che 210 bambini palestinesi sono rinchiusi, in condizioni disumane, nelle carceri israeliane.

In un suo rapporto, al-Khafash riferisce che circa 210 bambini palestinesi sono rinchiusi nelle carceri israeliane attualmente. Nel dettaglio, egli spiega che “all’inizio del 2013, a gennaio, 223 bambini palestinesi si trovavano nelle carceri israeliane. A febbraio e marzo, il loro numero è salito a 238. Mentre ad aprile era 236, 223 bambini a maggio, 193 a giugno e 195 a luglio. Per risalire ancora a 210 nel mese di agosto”.

L’attivista palestinese ha anche condannato “i crimini israeliani commessi contro i bambini palestinesi nelle prigioni, sia per quanto riguarda i metodi di detenzione che per le condanne inflitte”.

Al-Khafash ha esortato le agenzie dell’Onu, i centri di protezione dell’infanzia e il Consiglio di Sicurezza ad assumersi le loro responsabilità morali e legali verso i bambini palestinesi “sottoposti alle incessanti violazioni israeliane, che non accennano ad arrestarsi, anzi, si intensificano giorno dopo giorno, senza che nessuno sottoponga l’occupazione a qualsiasi tipo di processo per i crimini commessi”.

L’attivista ha quindi citato l’ultima violazione commessa da Israele nei confronti dei bambini palestinesi. Si è trattato della condanna ad un anno e mezzo di carcere, inflitta a due bambini di 14 anni, Mohammad e Ayman Abbasi.

Ha anche sottolineato che il crimine israeliano -la cui notizia ha fatto il giro dei media di tutto il mondo- dell’arresto di un bambino palestinese, prelevato dalla sua casa dopo la mezzanotte, nonostante supplicasse le forze israeliane di permettergli di poter dare i suoi esami scolastici, “avrebbe dovuto portare i leader israeliani direttamente nei tribunali internazionali, se ci fosse stato qualcuno che se ne occupi”.

Al-Khafash ha quindi criticato l’inettitudine delle istituzioni dell’Autorità palestinese (Anp) nel registrare e documentare le violazioni contro i bambini palestinesi, e di conseguenza punire i responsabili. Ha anche deplorato la negligenza delle istituzioni dell’infanzia in Palestina e nel mondo, che “dovrebbero assolvere i propri compiti, anziché limitarsi alle condanne e le denunce”.

“Se uno solo di questi crimini dell’occupazione fosse stato commesso in qualsiasi parte del mondo, ciò avrebbe suscitato un polverone. Tuttavia, quando le vittime sono palestinesi e il colpevole è Israele, il mondo diventa cieco e sordo e tace sui diritti dei palestinesi, pur sapendo che essi vengono detenuti in condizioni disumane”, ha concluso l’attivista palestinese.

thanks to: Infopal

Strange disease eating away body of prisoner Ayham Kamamji

Strange disease eating away body of prisoner Ayham Kamamji.

JENIN, (PIC)– Islamic Jihad detainees in an Israeli jail said their prison mate Ayham Kamamji, 27, suffers from an unknown serious disease gradually disintegrating the tissue of his body.

In a leaked letter from Ramon jail, the detainees explained that this strange disease caused a 20-centimeter cavity in Kamamji’s back and his body started to decompose.

They said that the Israeli prison administration has been neglecting his health condition for six months and has not allowed him to undergo medical tests.

The detainees appealed to human rights groups to intervene to urgently provide him with appropriate medical treatment.

The detainees also called for taking action to end the medical neglect policy pursued by the Israeli jailers against the Palestinian prisoners and to pressure the Israeli prison authority to respect the medical needs of patients in its jails.

Le prigioni di Mahmoud Sarsak: “Torturato per 3 anni da Israele senza motivo”

25 anni di vita, 3 in carcere senza motivo per estorcere una confessione su un reato che non aveva mai commesso: l’ex giovane promessa del calcio palestinese racconta la sua storia al fattoquotidiano.it. E accusa: “Israele non merita di ospitare gli Europei Under 21”

16 giugno 2013

Mahmoud Sarsak è, anzi era una giovane promessa della nazionale di calcio palestinese. Il 22 luglio 2009 è stato arrestato e poi detenuto senza processo per tre anni nelle carceri israeliane, da cui è uscito solo l’anno scorso dopo un lungo sciopero della fame che ha debilitato alcuni suoi organi vitali. Sarsak due settimane fa era a Londra e durante il 37mo congresso Uefa ha consegnato al presidente Platini una richiesta formale affinché a Israele non fosse concesso di ospitare l’Europeo Under 21. Un appello cui ha fatto seguito quello promosso dall’arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, dal regista britannico Ken Loach e altri, concordi nel ritenere “sconvolgente che la Uefa dimostri totale insensibilità nei confronti della palese e radicata discriminazione inflitta ai palestinesi da parte di Israele”. In quell’occasione, Mahmoud Sarsak ha deciso di raccontare a ilfattoquotidiano.it la sua storia e le ragioni della sua protesta.

Ci puoi raccontare esattamente cosa è successo quel giorno d’estate di quattro anni fa?
Stavo andando da Gaza alla Cisgiordania per una trasferta, e mentre attraversavo un check-point sono stato arrestato. Inizialmente sono stato detenuto per 45 giorni, prima di ritrovarmi in prigione per tre lunghi anni, in cui sono stato privato dei miei diritti e in cui sono stato considerato non un essere umano ma un numero. Mi hanno rinchiuso in una cella di due metri per due, in cui non riuscivo a distinguere il giorno dalla notte. Mi hanno anche legato in diversi modi, a volte con il ‘metodo della banana’: le mani legate alle gambe e il mio corpo ricurvo, di modo che per diversi giorni non potessi dormire. Oppure hanno cercato di sfiancarmi mettendomi in un’altra cella, sempre di due metri per due, che sembrava un freezer, dove la temperatura arrivava a -15 gradi. Tutto questo per ottenere una confessione di colpe che non ho mai commesso. Ancora oggi non so di cosa sia stato accusato.

Su cosa si basava l’accusa?
Mi hanno accusato di tantissime cose, ogni volta cercando da me una confessione diversa: che fossi membro della jihad, di Hamas o di Al Fatah. Sono stato accusato poi di essere un ‘combattente illegale’: uno status giuridico assolutamente non applicabile nei miei confronti, ma che ha permesso loro di tenermi in carcere per quanto volevano grazie al regime di ‘detenzione amministrativa’ (legge contraria alle convenzioni internazionali, per cui Israele detiene una persona sulla base di un semplice sospetto e senza prove, in quanto se fossero rivelati indizi o prodotte prove, si metterebbero in pericolo le forze armate israeliane che conducono le indagini ndr.)

Quando hai deciso di cominciare lo sciopero per la fame?
Quando ho capito che sarei rimasto detenuto ingiustamente per un tempo infinito, senza che ai miei avvocati fosse formalizzato alcun capo d’accusa e senza alcun processo. E dopo aver visto il mio amico Zakreea Isaa (calciatore del Betlemme, ndr.) soccombere al cancro con i carcerieri che l’avevano abbandonato a se stesso, rifiutandosi di fornirgli assistenza medica. Tutto questo mentre le organizzazioni sportive internazionali stavano a guardare, anche loro senza fare nulla. Non volevo che questo potesse succedere anche a me, che non avessi più la possibilità di vedere la mia famiglia e i miei cari. E’ stato allora che ho deciso di cominciare lo sciopero della fame. E’ stata un’esperienza terribile, una sofferenza impossibile da spiegare con le parole. Eppure, quando sono in gioco la tua libertà e la tua vita ti senti in grado di superare qualsiasi dolore, perché sai che la vita senza libertà non vale la pena di essere vissuta. E’ stato atroce, ho visto la morte da vicino più volte. Ma è tutto quello che riesco a dirti, a un anno di distanza è ancora troppo difficile oggi per me parlare di questa cosa.

Adesso come ti senti?
Quando mi hanno rilasciato non sapevo se ridere o piangere. Da una parte ero contento di poter tornare dalla mia famiglia, che non vedevo da tre anni, e mi sentivo rinato. Dall’altra non potevo fare a meno di pensare a tutti gli amici ancora incarcerati e detenuti in condizioni disumane, privati di ogni diritto e deprivati pure del sole. Come Omar Abu Roweis e Mohammad Noofal, compagni della nazionale palestinese ancora in attesa di processo. Se personalmente cerco di essere felice per ogni giorno di libertà, e cerco di aiutare il mio popolo raccontando la mia storia, in realtà di salute non sto per niente bene. E poi ho paura, perché sento la pressione di Israele, mi sento seguito ogni passo che faccio e minacciato, ho veramente paura.

Hai detto che le organizzazioni sportive internazionali stavano a guardare. Come è possibile?
All’inizio sembravano non curarsi della mia situazione, o di quella dei miei compagni come Zakreea. Poi quando alcuni calciatori hanno pubblicato un appello per sostenermi (cui hanno aderito tra gli altri anche l’ex calciatore Eric Cantona il linguista Noam Chomsky, ndr) le acque hanno cominciato a muoversi, e anche la Uefa e la Fifa sono intervenute. Oggi posso dire che il mondo del calcio mi ha aiutato, e che anche io attraverso il calcio voglio fare qualcosa: regalare un sorriso sulla bocca di tutti quei bambini palestinesi che ancora soffrono le conseguenze delle continue occupazioni israeliane. E in futuro mi piacerebbe poi ricostruire lo stadio di Gaza che Israele ha distrutto durante l’ultima offensiva, così i bambini potranno tornare a giocarci.

Cosa pensi della decisione della Uefa di assegnare i Campionati Europei Under 21 a Israele?
Israele non merita di ospitare questi giochi (dello stesso avviso anche oltre 50 calciatori europei, tra cui Hazard e Kanoutè, che hanno lanciato un appello in tal senso lo scorso dicembre, ndr). Permettere loro di farlo è come approvare tutti i crimini che stanno commettendo: dall’invasione di Gaza ai bombardamenti sullo stadio dove sono morti diversi bambini che stavano giocando a calcio, fino alle torture e le uccisioni di numerosi giovani coinvolti nello sport o confronti di donne e bambini palestinesi in generale. E’ assolutamente sbagliato permettere a Israele di ospitare questi giochi.

thanks to:

Luca Pisapia

Il Fatto Quotidiano

Occupation’s jails

Halahle did not receive any medical treatment for his serious disease

NABLUS, (PIC)– Family of detainee Thaer Halahle appealed to all human rights organizations to intervene and save the life of their seriously ill son.

The family told Ahrar center for prisoners’ studies and human rights on Sunday that Halahle, from Al-Khalil, recently discovered that he was suffering from liver disease but was not given any treatment in Israeli captivity.

Fuad Al-Khuffash, the director of the Ahrar center, said that Halahle, 34, was arrested by the Israeli occupation forces in Ramallah only a few months after his release from administrative detention.

He said that his disease was the result of dental treatment while in jail where the dentist in Askalan jail used contaminated tools in his treatment.

The director warned that medical neglect of his case would gravely exacerbate his condition especially when this illness is very serious if left untreated.

Khuffash charge the Israeli occupation authorities with deliberately neglecting the treatment of Palestinian sick prisoners in its jails.

Halahle is held in Ofer jail and has threatened to go on hunger strike if he was not accorded proper treatment for his illness.

Report: “Detainee Abu Hamdiyya Died Of Advanced Stage Of Carcinoma”

Sunday [June 16] Head of the Palestinian Forensics Center, Dr. Saber Al-‘Aloul, stated that the final findings of the forensic report regarding the cause of death of detainee Maisara Abu Hamdiyya, revealed that he suffered from a fourth stage Carcinoma. Abu Hamdiyya died more than 2 months ago.

Abu Hamdiyya suffered a fourth stage Carcinoma center in his lung lymphatic, liver and spine, throat cancer extending to his vocal cords, and brain tumor, Al-‘Aloul said during a press conference at the Government Media Center in Ramallah.

Despite the seriousness of his condition, the Israeli Prison Administration did not grant Abu Hamdiyya the needed specialized and urgent medical treatment, until it was too late.

During a press conference in Ramallah, Al-’Aloul stated that Abu Hamdiyya did not receive any treatment, not even one chemotherapy session, an issue that led to spread of cancer to various vital organs.

He held Israeli directly responsible for the death of Abu Hamdiyya, and said that Israel deprives the Palestinian detainees from adequate medical treatment, and imprisons them under very harsh inhumane conditions.

During the press conference, Palestinian Minister of Detainees, Issa Qaraqe’, stated that Abu Hamdiyya is the latest victim of Israel’s ongoing violations against the detainees.

He said that 204 Palestinian detainees died in Israeli prisons and detention center since 1967, and that 52 of them died due to the lack, or absence, of medical attention.

Qaraqe’ added that the forensic experts who examined the body of Abu Hamdiyya demanded forming a joint local and international committee to visit the detainees in various Israeli prisons, and provide the sick with the needed medical attention.

Head of the Palestinian Prisoners Society (PPS), Qaddoura Fares, stated that there is no doubt that Abu Hamdiyya died due to the lack of medical attention.

Fares called for translating the autopsy report of Abu Hamdiyya into different languages, and to submit it to various international organizations, including the United Nations.

He said that ailing detainees in Israeli prisons are facing gradually deteriorating medical conditions due to Israel’s illegal policies and practices.

Abu Hamdiyya’s sister stated that, in 2007, he suffered hemorrhaging blood from his stomach, and was moved to the Ramla Prison Clinic, but no tests or diagnostics were carried out.

He died on April 2 this year, at the Intensive Care Unit of the Soroka Medical Center in Be’er As-Sabe’ (Beersheba). He was only moved to the medical center after a sharp and very serious deterioration in his health condition.

Haj Saadi Alsakhal dies under torture in PA jails

NABLUS, (PIC)– Haj Saadi Alsakhal died on Saturday afternoon in PA Intelligence headquarters in Nablus few hours after his arrest from his workplace, the Families of Political Prisoners Committee in the West Bank said.

The committee stated that PA forces broke violently into Haj Alsakhal’s workplace this morning in Rafedia and arrested him and his son Musab.

The PA forces came to arrest Musab but his father refused to hand his son. They started then shooting up in the air before arresting both the son and his father where they were taken to PA intelligence headquarters in Junaid prison, the committee explained.

In the prison, PA security forces brutally attacked and harshly beat the elderly man which resulted in Haj Alsakhal’s death few hours after his arrest.

It strongly condemned the crime considering it a violation to the national and human values. The statement stressed the need to prosecute those responsible for such crimes and violations against the Palestinian people.

thanks to:

Negligenza medica, detenuto palestinese rischia di perdere la vista

Ramallah-InfoPal. Fonti palestinesi impegnate nella difesa dei diritti umani hanno riferito che un prigioniero palestinese rischia di perdere la vista, a causa della negligenza medica nelle carceri israeliane, mentre un altro è in attesa di un intervento chirurgico da sette anni.

In un comunicato stampa diramata domenica 9 giugno, la Società dei Prigionieri palestinesi ha espresso preoccupazione per il detenuto Thamer Hamayel, in carcere dal 2009 e condannato a sette anni, che rischia di perdere la vista a causa di un glaucoma all’occhio destro. Ha aggiunto che “i medici, e nonostante abbiano consigliato di sottoporre il detenuto ad un intervento urgente, hanno ritenuto i costi dello stesso molto elevati, dichiarando di non essere in grado di coprire le spese”.

L’avvocato della società, che ha visitato il detenuto nel carcere di Negev, ha riferito di aver presentato un ricorso alla Corte suprema per fare pressione sull’amministrazione carceraria israeliana, ed obbligarla ad eseguire l’intervento, tuttavia, quest’ultima ha iniziato a trattare, e ha chiesto il ritiro del ricorso. Ha sottolineato che “i medici hanno smesso si somministrare il trattamento al detenuto, che ora riceve solamente dei sedativi per calmare i forti dolori che lo affliggono, soprattutto da quando ha iniziato ad avvertire dei dolori anche all’occhio sinistro”.

Nello stesso contesto, l’avvocato ha anche visitato il detenuto Mustafa Awwad, da Jenin, condannato a nove anni di carcere. Secondo la Società dei Prigionieri palestinesi “il detenuto soffre di un deficit motorio al piede e al braccio destro, provocatogli durante la seconda Intifada, con una conseguente disabilità del 75%. Dopo sette anni di negligenza medica, ora, egli attende un intervento per un trapianto articolare”.

thanks to:

VIDEO: Hebron a besieged city

Wednesday, 05 June 2013

Hebron is a Palestinian city located in the southern West Bank, 30 km south of Jerusalem. It is the largest city in the West Bank and home to approximately 250,000 Palestinians and some 500-850 Jewish settlers concentrated in and around the Old City.

Israeli soldiers arrest a Palestinian during the 2012 olive harvest in the Tel Romeida area of Hebron, while Israeli settlers look on from above (Photo: Ryan Rodrick Beiler)

 

 

Since the Israeli occupation in 1967, settlements have been established in the heart of the Old City, rendering Hebron different from other cities of the West Bank: a divided city.

 

 

 

Yet Hebron is also home to resistance, of permanent unrest. 25 percent of Palestinian prisoners in Israeli jails are from Hebron.

thanks to:

Israel charges Stop the Wall activist with supporting prisoners

Hassan Karajah

For the first time in more than four months, Hassan Karajah’s father was able to see him this week in an Israeli military court.

The family of the imprisoned activist has been forbidden from attending several of his previous hearings.

Arrested during a night raid in January, Karajah — youth coordinator with the Palestinian organization Stop the Wall — has clearly suffered the effects of being jailed with little access to sunlight and without proper nutrition. His fiancée Sundos Mahsiri said he has lost significant weight and that his skin appeared jaundiced during a recent hearing.

“But his spirit is very strong,” she told The Electronic Intifada. “We weren’t allowed to talk to him, but he told us not to worry as he entered and made victory signs during the proceedings.”

Karajah suffers from a pre-existing nerve condition in his back after he was in a car crash some years ago. At the beginning of his detention, he was completely denied access to his medicine. His family obtained medical forms from his doctor and submitted them to the International Committee of the Red Cross, after which the Israeli Prison Service agreed to provide him with his medicine. But it only gave him one-third of his prescribed daily dosage, according to Mahsiri.

Karajah then decided to stop taking the medicine altogether, Mahsiri explained, because of concerns about hygiene. Addameer, the Palestinian prisoner support group, has documented how other detainees may have contracted diseases as a result of non-sterilized medical equipment being used by personnel working for the Israeli authorities. They include the former hunger striker Thaer Halahleh, who was diagnosed with hepatitis following dental treatment (“Ex-hunger striker contracts hepatitis from Israeli prison clinic,” 22 May 2013).

“Baseless” charges

To date, Karajah has had more than a dozen hearings, most of which lasted no more than five to ten minutes. The Israeli military court handling his case has delayed the delivery of its verdict until 9 July.

Last month, Karajah was charged by Israeli prosecutors with being a member of an “illegal organization,” the Popular Front for the Liberation of Palestine, passing information to Lebanese resistance group Hizballah, and organizing protests on behalf of Palestinian “security” prisoners.

European Union officials were able to attain the exact details of the charges against Karajah and pass on an English translation to Stop the Wall. The allegations included participating in the a student group affiliated with the PFLP at Al-Quds University, distributing flyers and organizing protests, attending a PFLP anniversary commemoration, and meeting a Hizballah operative in Beirut, among a litany of others.

His fiancée Mahsiri argues that the charges were baseless. She believes that Israel targeted him because of the effectiveness of his activism and as revenge for his family history.

Karajah’s sister Sumoud had been given a twenty-year sentence for stabbing a soldier, but she was released after serving two years as part of the October 2011 prisoner exchange deal between Hamas and Israel.

Karajah’s younger brother Muntasser, who was arrested in September 2012, is now serving a ten-month prison sentence for membership in the PFLP. “It’s like they took revenge on his family because of his sister’s release,” Mahsiri said.

Beaten and isolated

After his arrest in January this year, Karajah was denied access to a lawyer for three weeks. His family was prevented from attending his first three hearings.

“For those three weeks, we had no idea where he was, how his health condition was; we had no information at all,” Mahsiri said.

During the interrogation period, Karajah was “hit, interrogated for ten to fourteen hours per day, and was held in solitary confinement in a small cell — about one meter wide and two meters high,” Mahsiri added.

Jamal Juma’, director of Stop the Wall, echoed the belief that the charges against Karajah were strictly politicized attempts to stifle Palestinian campaigners. “Anyone who travels abroad a lot, especially to Lebanon, and meets with Arabs, will be chased [by Israel] and probably accused of working with Hizballah,” he told The Electronic Intifada.

“We’ve all been arrested”

Juma’ said that Stop the Wall had been targeted because it has exposed Israeli human rights abuses and land theft, and cultivated international solidarity. Stop the Wall has also been a vocal proponent of the Palestinian call for boycott, divestment and sanctions (BDS) against Israel.

“We’ve all been arrested,” said Juma’, who has also been arrested twice for similar charges. A total of five youth members of the Stop the Wall campaign are currently detained in Israeli prisons, and several others working with the organization face the threat of arrest.

The group’s offices have been raided twice by the Israeli military, once in February 2010 and again in June 2012.

To preserve its system of domination, Israel enforces a fractured political geography on Palestinians by regularly targeting activists, intellectuals and entire organizations. One of the biggest factors behind Karajah’s arrest, according to Juma’, is his history of organizing solidarity events on behalf of Palestinian prisoners.

“The prisoners have been huge for Palestinian unity, and Israel doesn’t want to see any mass mobilization like this,” said Juma’. “Any attempt to bring people together across parties — Israel wants to smash it. Any leader, they will get him.”

According to Juma’, Israeli interrogators use spurious claims of affiliation to Hizballah to pressure activists into giving up information about peaceful movements against the occupation. During his own interrogation, he said, Israeli intelligence squeezed him for information about Stop the Wall and names of activists involved in the BDS campaign — which Israel calls the “de-legitimization movement.”

“There’s no logic in their racism,” he said. “Their courts and laws are in favor of their political goals. Illegal settlers who attack Palestinians and destroy olive trees on a daily basis are not questioned, but Palestinians like Hassan, who choose a peaceful route, are imprisoned.”

Patrick O. Strickland is a freelance journalist whose writing has appeared at Al Jazeera English, GlobalPost, Al Akhbar English, and elsewhere. Follow him on Twitter @pstrickland.

thanks to: Patrick O. Strickland

The Electronic Intifada

Mother appeals for surgery for imprisoned son

Published Thursday 30/05/2013 (updated) 31/05/2013

GAZA CITY (Ma’an) — The mother of a prisoner from the Gaza Strip detained in Israel has appealed for emergency surgery for her son.

Murad Abu Moleq’s mother and father were able to visit their son in April.

“When I saw him he was terribly ill and needed an urgent surgery but Israeli prison administration refuses and postpones his surgery,” his mother told Ma’an.

She said he had already had one surgery to remove part of his intestine, but suffered serious infections after the operation and his condition worsened. She added that he had no health problems before his detention.

Murad’s brother Ziyad told Ma’an the family received information Murad was in a coma in a hospital in Beersheva.

Ziyad said Israel’s prison administration refused to update Murad’s lawyer on his condition, and whether he was expected to survive.

“My brother was shot in the leg and was detained while bleeding in June 2001. He was committing an attack against Israel and was caught and shot,” Ziyad said.

Murad was sentenced to 22 years.

thanks to:

I bambini palestinesi – soli e frastornati – nel carcere israeliano di Al Jarame

Rapporto speciale: il sistema giudiziario militare di Israele è accusato di aver maltrattato bambini palestinesi accusati per il lancio di pietre. 

di Harriet Sherwood

La stanza è appena un po’ più larga del sottile materasso sporco che copre il pavimento. Dietro un basso muro di cemento c’è un gabinetto alla turca, il puzzo del quale non ha modo di disperdersi nella stanza senza finestre. Le pareti di cemento ruvido scoraggiano lo starsene appoggiato in ozio, l’illuminazione ininterrotta dall’alto impedisce il sonno. La consegna del cibo attraverso una bassa fessura nella porta è l’unico modo per marcare il tempo, di separare il giorno dalla notte.

                   

 

Questa è la cella 36, profonda all’interno del carcere di Al Jalamenel nord di Israele. E’ una di una manciata di celle in cui i bambini palestinesi vengono rinchiusi in isolamento per giorni o addirittura settimane. Uno di 16 anni ha sostenuto di essere stato rinchiuso nella cella 36 per 65 giorni. 

L’unica via di fuga è il recarsi nella stanza degli interrogatori dove i bambini vengono incatenati, mani e piedi, a una sedia mentre vengono poste loro domande, talvolta per ore. 

La maggior parte sono accusati di aver tirato pietre contro soldati o coloni; alcuni del lancio di molotov; pochi, di reati più gravi come l’appartenere a organizzazioni militanti o l’uso di armi. Ad essi viene fatto pure il terzo grado per ottenere informazioni sulle attività e le simpatie dei loro compagni di classe, di parenti e vicini. 

All’inizio, quasi tutti negano le accuse. La maggior parte dice che sono stati minacciati; alcuni riferiscono di violenze fisiche. L’abuso verbale – “Sei un cane, figlio di puttana” – è abbastanza comune. Molti sono esauriti dalla privazione del sonno. Giorno dopo giorno vengono incatenati alla sedia, poi vengono riportati in cella di isolamento. Alla fine, molti firmano confessioni che in seguito dichiarano essere state loro estorte. 

Queste affermazioni e descrizioni provengono da dichiarazioni giurate scritte fornite dai minori a un’organizzazione internazionale per i diritti umani e da interviste effettuate da The Guardian. Pure altre celle delle prigioni di Al Salame e di Petah Tikva vengono utilizzate per l’isolamento, ma la cella 36 è quella che viene più spesso citata in queste testimonianze. 

Ogni anno, vengono arrestati dai soldati israeliani tra i 500 e i 700 bambini, per lo più accusati del lancio di pietre. Dal 2008, Defence for Children International (DCI) ha raccolto testimonianze giurate da 426 minori detenuti nel sistema giudiziario militare israeliano. 

Le loro dichiarazioni rivelano un sistema di arresti notturni, di mani legate con fascette di plastica. di bende agli occhi, di abusi fisici e verbali, e minacce. Circa il 9% di tutti coloro che hanno fornito una deposizione scritta giurata affermano di essere stati tenuti in isolamento, anche se negli ultimi sei mesi c’è stato un marcato incremento al 22%. 

A pochi genitori viene detto dove sono stati portati i loro figli. Raramente i minori vengono interrogati alla presenza di un genitore e poche volte incontrano un avvocato prima o durante la fase iniziale dell’interrogatorio. La maggior parte viene incarcerata all’interno di Israele, rendendo così molto difficili le visite dei familiari. 

Organizzazioni per i diritti umani affermano che queste modalità di trattamento – che sono confermate da uno studio a parte, No Minor Matter [Non importa se è un minore], eseguito dal gruppo israeliano B’Tselem – violano la Convenzione Internazionale sui Diritti del Fanciullo, che Israele ha ratificato, e la IV Convenzione di Ginevra. 

La maggioranza dei bambini sostiene di essere innocente dei crimini di cui sono accusati, nonostante le confessioni e le ammissioni di colpevolezza, ha dichiarato Gerard Horton di DCI. Ma, ha aggiunto, la colpevolezza o l’innocenza non costituiva un problema per quanto riguarda il loro trattamento. 

“Non diciamo che i reati non sono stati commessi – sosteniamo che i bambini hanno diritto a una tutela legale. Indipendentemente da ciò di cui sono accusati, non dovrebbero essere arrestati nel cuore della notte durante irruzioni terrificanti; non dovrebbero essere ammanettati in modo doloroso e bendati, a volte per ore; dovrebbero essere informati del diritto al silenzio e che avrebbero il diritto di avere la presenza di un genitore durante l’interrogatorio.” 

Il 16enne Mohammad Shabrawi, di Tulkarem nella West Bank, lo scorso gennaio è stato arrestato verso le 02:30. “Quattro soldati hanno fatto irruzione nella mia camera da letto e hanno detto tu devi venire con noi. Non hanno saputo dirmi il perché, non hanno detto nulla né a me né ai miei genitori,” ha raccontato a The Guardian. 

Ammanettato con stringhe di plastica e bendato, egli pensa di essere stato portato dapprima in una colonia israeliana, dove è stato fatto inginocchiare – ancora ammanettato e bendato – su una strada asfaltata per un’ora nel gelo mortale della notte. Un secondo viaggio si è concluso alle 08:00 circa al centro di detenzione di Al Jarame, noto anche come carcere Kishon, in mezzo ai campi vicino alla strada per Nazareth e Haifa. 

Dopo un controllo medico di routine, Shabrawi è stato portato nella cella 36. Ha raccontato di avervi trascorso 17 giorni in isolamento, a parte gli interrogatori, come pure in una cella simile, la 37. “Mi sentivo solo, sempre spaventato e avevo bisogno di qualcuno con cui parlare. Ero soffocato dalla solitudine. Morivo dalla voglia di incontrare qualcuno, di parlare con qualcuno…Ero tanto annoiato che quando sono uscito [dalla cella] e ho visto la polizia, loro parlavano in ebraico e io non parlavo in ebraico, facevo cenno di assenso come se capissi. Morivo dalla voglia di parlare.” 

Durante l’interrogatorio era ammanettato. “Mi hanno maledetto e hanno minacciato di arrestare la mia famiglia se non confessavo,” ha riferito. Ha detto di aver visto per la prima volta un avvocato 20 giorni dopo il suo arresto, e di essere stato messo sotto accusa dopo 25 giorni. “Mi hanno accusato di molte cose,” ha detto, aggiungendo che nessuna era vera. 

Alla fine Shabrawi ha confessato di appartenere a un’organizzazione illegale ed è stato condannato a 45 giorni. Dal suo rilascio, ha raccontato, “ora aveva paura dell’esercito, paura di essere arrestato.“ Sua madre ha detto che era diventato introverso. 

Ezz ad-Deen Ali Qadi, di Ramallah, che aveva 17 anni quando lo scorso gennaio è stato arrestato, ha descritto un trattamento simile durante l’arresto e la detenzione. Dice di essere stato tenuto in isolamento ad Al Jalame per 17 giorni nelle celle 36, 37 e 38. 

“Vorrei cominciare ripetendo a me stesso le domande fatte da quelli che mi interrogavano, chiedendomi è vero ciò di cui mi accusano,” ha raccontato a The Guardian. “Senti la pressione della cella. Poi pensi alla tua famiglia e senti che andrà perduto il tuo futuro. Sei sottoposto a un enorme stress.” 

Il suo trattamento durante l’interrogatorio dipendeva dall’umore di chi lo interrogava, ha riportato. “Se è di umore buono, a volte ti permette di state seduto sulla sedia senza manette. Oppure può costringerti a sedere su una sedia piccola con un cerchio di ferro dietro. Poi ti attacca le mani all’anello e le tue gambe a quelle della sedia. Talvolta stai così per quattro ore. E’ doloroso 

“A volte si prendono gioco di te. Chiedono se vuoi dell’acqua, e se dici di sì, la portano ma poi la beve chi interroga.” 

Al Qadi ha detto di non aver visto i suoi genitori nel corso dei 51 giorni in cui è stato incarcerato prima del processo e gli è stato permesso di vedere un avvocato solo dopo 10 giorni. Egli è stato accusato di aver lanciato pietre e di progettare operazioni militari, e , dopo aver confessato, è stato condannato a sei mesi di prigione. The Guardian ha le testimonianze scritte giurate di altri cinque giovani che hanno detto di essere stati detenuti in isolamento ad Al Jalame e a Petah Tikva. Dopo l’interrogatorio tutti hanno confessato. 

“L’isolamento distrugge l’animo di un bambino,” ha dichiarato Horton. I bambini sostengono che dopo una settimana o giù di lì di questo trattamento confessano, semplicemente per uscire dalla cella.” 

L’Agenzia Israeliana per la Sicurezza (ISA) – nota anche come Shin Bet – ha dichiarato a The Guardian “Nessuno sotto interrogatorio, inclusi i minori, viene tenuto solo in cella come misura punitiva o al fine di ottenere una confessione.” 

Il Servizio Carcerario Israeliano non ha risposto a una domanda specifica sull’isolamento carcerario, sostenendo solo “l’incarcerazione di prigionieri….è soggetta a un esame giudiziario. 

Pure giovani detenuti riferiscono di metodi di interrogatorio duri. The Guardian ha intervistato il padre di un minore che sconta una pena di 23 mesi per aver lanciato pietre contro i veicoli. Ali Odwan, di Azzun, ha raccontato che a suo figlio Yahir, che aveva 14 anni quando è stato arrestato, sono state date delle scosse elettriche con un Taser mentre era sotto interrogatorio. 

“Ho visitato mio figlio in prigione. Ho visto i segni selle scosse elettriche su entrambe le braccia, erano visibili da dietro il vetro. Gli ho chiesto se erano dovuti alle scariche elettriche, lui si è limitato ad annuire. Aveva paura che qualcuno stesse ascoltando,” ha raccontato Odwan. 

Il DCI ha le dichiarazioni scritte giurate di tre minorenni, accusati del lancio di pietre, che affermano che sotto interrogatorio, nel 2010, sono state inflitte loro delle scariche elettriche. 

Un altro di Azzun, più giovane, Sameer Saher, aveva 13 anni quando è stato arrestato alle 2 di notte. “Un soldato mi ha tenuto la testa in giù, mi ha portato a una finestra e ha detto: ‘Voglio buttarti dalla finestra.’ Mi hanno dato botte alle gambe, allo stomaco e in faccia,” ha raccontato. 

Quelli che lo interrogavano lo hanno accusato del lancio di pietre e gli hanno chiesto i nomi degli amici che ugualmente avevano lanciato pietre. Egli è stato rilasciato senz’accusa dopo circa 17 ore dal suo arresto. Ora, dice, gli è difficile dormire per paura che “verranno di notte e mi arresteranno.” 

In risposta alle domande sui presunti maltrattamenti, tra cui le scariche elettriche, l’ISA ha dichiarato: “Le affermazioni che i minori palestinesi sono stati oggetto di metodi di interrogatorio che includono percosse, periodi prolungati in manette, minacce, calci, insulti, umiliazioni, l’isolamento e la prevenzione del sonno sono del tutto prive di fondamento….Gli investigatori agiscono in conformità con la legge e le inequivocabili linee guida che vietano tali azioni.” 

The Guardian ha visto pure rare registrazioni audiovisive degli interrogatori di due ragazzi, di 14 e 15 anni, del villaggio di Nabi Saleh, teatro delle proteste settimanali contro i coloni dei dintorni. Entrambi sono visibilmente esausti dopo essere stati arrestati nel bel mezzo della notte. I loro interrogatori, che hanno inizio alle 9:00 del mattino, durano quattro e cinque ore. 

Nulla viene detto loro del diritto legale di rimanere in silenzio e ad entrambi vengono poste ripetutamente domande allusive compreso anche se determinate persone li hanno incitati a tirare le pietre. A un certo punto, dato che un ragazzo poggia la testa sul tavolo, l’investigatore lo scuote gridando: “Alza la testa.Tu.” Durante l’interrogatorio dell’altro ragazzo, un investigatore sbatte ripetutamente il pugno sul palmo della propria mano con fare minaccioso. Il ragazzo scoppia in lacrime dicendo che quella mattina avrebbe dovuto sostenere un esame a scuola. “Mi faranno bocciare, perderò un anno,” dice singhiozzando. 

Per nessuno dei due era presente un avvocato durante il loro interrogatorio. 

La legge militare israeliana è stata applicata nella West Bank fin da quando Israele ha occupato il territorio, più di 44 anni fa. Da allora, sono stati arrestati a seguito di ordini militari più di 700.000 palestinesi, uomini, donne e bambini. 

In base all’Ordine Militare 1651, l’età della responsabilità penale è di 12 anni, e i bambini al di sotto dei 14 anni sono esposti a un massimo di sei mesi di prigione. Tuttavia, in teoria, i bambini di età compresa tra i 14 e i 15 anni potrebbero essere condannati fino a 20 anni per il lancio di un oggetto a un veicolo in movimento con l’intento di nuocere. In pratica, secondo il DCI, la maggior parte delle condanne sono comprese tra le due settimane e i dieci mesi. 

Nel settembre 2009, si è costituito un tribunale militare minorile speciale. Esso svolge le sedute due volte la settimana a Ofer, una prigione militare fuori Gerusalemme. I minori vengono condotti in tribunale in manette e con i ceppi alle gambe, con indosso la divisa marrone della prigione. Il procedimento si svolge in ebraico alternato dalla traduzione fornita da soldati che parlano l’arabo. 

Il Servizio Carcerario Israeliano ha detto a The Guardian che l’uso delle reclusioni in luoghi pubblici è stato consentito nei casi in cui “non vi è una ragionevole preoccupazione che il prigioniero scapperà, causerà danni a cose o persone, danneggerà le prove o tenterà di eliminare elementi di prova.” 

Questo mese, The Guardian è stato testimone di un caso in cui due ragazzi, di età compresa tra i 15 e i 17 anni, hanno ammesso di essere entrati illegalmente in Israele, di aver lanciato bombe Molotov e pietre, di aver dato inizio a un incendio che ha prodotto ingenti danni e compiuto atti vandalici contro la proprietà. L’accusa ha chiesto una condanna che rifletta le “motivazioni nazionalistiche “ degli imputati e che agisca come deterrente. 

Il ragazzo più grande è stato condannato a 33 mesi di carcere, il più giovane a 26 mesi. Entrambi sono stati condannati a ulteriori 24 mesi con la sospensione della pena e multati di 10.000 shekel. Il mancato pagamento della stessa comporterebbe l’aggiunta di altri 10 mesi di prigione. 

Lo scorso anno, varie delegazioni parlamentari britanniche hanno assistito a udienze di bambini a Ofer. Lo scorso maggio, Alf Dubs ha fatto un resoconto alla Camera dei Lord, dicendo: “Abbiamo visto un 14 enne e un 15 enne, di cui uno in lacrime, entrambi all’apparenza del tutto frastornati…..Non credo che questo processo di umiliazione rappresenti la giustizia. Ritengo che il modo in cui questi giovani vengono trattati sia di per sé stesso un ostacolo alla realizzazione da parte di Israele di relazioni pacifiche con il popolo palestinese.” 

Lisa Nandy, membro del Parlamento per Wigam, che il mese scorso a Ofer ha assistito al processo di un 14 enne incatenato, ha trovato l’esperienza angosciante. “In cinque minuti è stato considerato colpevole del lancio di pietre ed è stato condannato a nove mesi. E’ stato scoccante vedere un bambino che viene sottoposto a questo processo. E’ difficile vedere come possa essere trovata una soluzione [politica] quando i giovani vengono trattati in questo modo. Finiscono per avere poche speranze per il loro futuro e per essere molto arrabbiati per il trattamento da loro subito.” 

Horton ha riferito che una dichiarazione di colpevolezza rappresentava il “modo più rapido per uscire dal sistema”. Se i bambini dicono che la loro confessione è stata estorta, “ciò fornirebbe loro una difesa legale, ma dato che verrebbe negata loro la cauzione, rimarrebbero in carcere più a lungo che se si fossero semplicemente dichiarati colpevoli”. 

Una perizia scritta nel maggio 2011 da Graciela Carmon, una psichiatra infantile e membro dei Medici per i Diritti Umani ha riportato che i bambini sono particolarmente soggetti a fornire una falsa testimonianza sotto coercizione. 

Anche se alcuni detenuti si rendono conto che fornire una confessione, nonostante la loro innocenza, avrà ripercussioni negative in futuro, ciononostante essi confessano in quanto l’angoscia fisica e/o mentale che essi provano prevale sulle implicazioni future, di qualsiasi tipo possano essere. 

Quasi tutti i casi documentati dal DCI si sono conclusi con una dichiarazione di colpevolezza e circa tre quarti dei minori condannati sono stati trasferiti in carceri all’interno di Israele. Ciò viola l’articolo 76 della IV Convenzione di Ginevra che esige che i bambini e gli adulti dei territori occupati siano detenuti all’interno degli stessi. 

Il mese scorso, le Forze di Difesa Israeliane (IDF), responsabili degli arresti nella West Bank, e il sistema giudiziario militare hanno dichiarato che il sistema giudiziario militare “è incentrato sull’impegno di salvaguardare i diritti dell’accusato, l’imparzialità giudiziaria e sul dare risalto all’implementazione delle norme del diritto internazionale in situazioni estremamente pericolose e complesse.” 

L’ISA ha dichiarato che i suoi dipendenti hanno agito in conformità con la legge, e ai detenuti sono stati concessi i pieni diritti loro spettanti, tra cui il diritto all’assistenza legale e la visita da parte della Croce Rossa. “L’ISA smentisce categoricamente tutte le asserzioni per quanto riguarda gli interrogatori di minori. Infatti, è vero l’esatto contrario – le linee guida dell’ISA garantiscono ai minori una speciale protezione della quale necessitano a causa della loro età”. 

Mark Regev, portavoce del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha dichiarato al The Guardian : “Se i detenuti ritengono di essere stati maltrattati, specialmente nel caso dei minori, ….è molto importante che tali persone, o chi le rappresenta, si facciano avanti e sollevino questi problemi. La prova di una democrazia sta nel come si trattano le persone incarcerate, la gente in prigione, e in modo particolare i minori.” 

Il lancio di pietre, ha aggiunto, è un’attività pericolosa che, lo scorso anno, aveva provocato la morte di un padre israeliano e del suo figlio neonato. 

Il lancio di pietre, quello di bottiglie Molotov e altre forme di violenza sono inaccettabili e le autorità di sicurezza devono porre loro fine quando si verificano. 

Gruppi per i diritti umani sono preoccupati per l’impatto che a lungo termine avrà la detenzione sui minori palestinesi. Inizialmente, alcuni bambini mostrano una certa spavalderia, credendo che ciò rappresenti un rito di passaggio, ha affermato Horton. “ ma quando te ne stai seduto con loro un’ora o giù di lì, sotto questa patina di spavalderia si rivelano dei bambini che sono alquanto traumatizzati.” Molti di loro, ha detto, non vogliono più vedere altri soldati, o andare nei pressi di un checkpoint. Pensa che il sistema agisca da deterrente? “Sì, credo di sì”. 

Secondo Nader Abu Amsha, direttore dell’YMCA, a Beit Sahour vicino a Betlemme, che gestisce un programma di riabilitazione per i minori, “le famiglie pensano che quando un bambino viene rilasciato, sia la fine del problema. Noi diciamo loro che questo è solo l’inizio.” 

A seguito della detenzione molti bambini presentano sintomi di traumi, incubi, sfiducia negli altri, paura del futuro, sentimenti di impotenza e di inutilità, comportamento ossessivo compulsivo, enuresi, aggressività, astinenza e mancanza di motivazione. 

Le autorità israeliane dovrebbero prendere in considerazione gli effetti a lungo termine, sostiene Abu Amsha. “Non prestano attenzione a come questo potrebbe prorogare il circolo vizioso della violenza, di come tutto ciò potrebbe aumentare l’odio. Questi bambini se ne escono da questo processo con una gran rabbia. Alcuni provano il bisogno di vendetta. 

“Vedi bambini che sono spezzati del tutto. E’ doloroso vedere la sofferenza di questi bambini, vedere quanto sono stati tartassati dal sistema israeliano.” 

Link to video: Cell 36: Palestinian children locked in solitary confinement in Israel

thanks to: tradotto da mariano mingarelli

Ecco quali sono le condizioni dei bambini palestinesi nelle carceri israeliane

Al Jalame è diventata famosa come la prigione israeliana per bambini con la sua infame cella 36, di cui tanti bambini hanno testimoniato. All’interno del carcere Al Jalame, in profondità a tre piani sotto la superficie è localizzata la cella per bambini piccoli, buchi neri, dove i bambini palestinesi, anche a soli 12 anni sono tenuti in isolamento, alcuni per 65 giorni. In un’intervista del Guardian due bambini hanno descritto la cella 36: “la cella è lunga 2m e larga 1m, grande come un materasso. Si mette giù il materasso e nella parte anteriore c’è un WC… Non non c’è nessuna finestra… manca l’aria, si soffoca”. La stanza è appena più ampia rispetto al materasso sporco sottile che copre il pavimento. Il materasso è molto sottile, solo 5cm di spessore. Una luce gialla è tenuta accesa 24 ore al giorno per impedire di dormire, mentre le pareti presentano sporgenze taglienti impedendo al bambino di stare appoggiato. La consegna del cibo avviene attraverso uno sportello ancorato alla porta, è l’unico modo per contare i giorni, dividendo il giorno dalla notte. La colazione è servita alle 4 del mattino attraverso lo sportello della porta situato a 30cm dal pavimento. Se il vassoio della colazione non è preso in tempo il cibo si rovesciano sul pavimento, il bambino è punito se non riesce a mangiare tutto. Dove finisce il materasso c’è un basso muro di cemento dietro c’è la toilette: un buco nel pavimento. La puzza dal gabinetto invade la stanza senza finestre. Per i bambini l’unica via di fuga da questa gabbia è la stanza degli interrogatori, dove, incatenati mani e piedi, sono maltrattati dalla polizia segreta israeliana per oltre 6 ore alla volta, fino a confessare, solitamente lanciare una pietra corrisponde ad una pena fino a 20 anni. I bambini descrivono le le sei ore di interrogatorio: “sul terreno c’è un anello di ferro, dove sono agganciate le manette che bloccano entrambi le mani . le caviglie sono bloccate alle gambe della sedia… Non è possibile spostarsi… come una statua. Minacciano che potrebbero arrestare mio padre e mia madre e portarli qui se non confesso”. I carcerieri ci dicono “Tu ci costringi a portarli qui, cerca di capire che noi abbiamo lo stato di Israele dietro di noi, dietro di te c’è il nulla” I bambini hanno testimoniato di essere sessualmente abusati dagli interroganti e minacciati di sodomia con un oggetto al fine di costringere una confessione, la prigione di Ofer è gestita da G4S. (G4S è una multinazionale security services fondata in Danimarca “per soddisfare le esigenze nel tempo della sicurezza globale” ) Durante l’interrogatorio in fase di arresto prima di entrare nella struttura, bambini hanno testimoniato che soldati israeliani utilizzano anche cani. Un ragazzo ha raccontato come, dopo essere incatenato così da non potersi muovere, hanno versato sulla sua testa cibo per cani, il cane si è a scatenato per mangiargli la testa, ha descritto la paura, la saliva dei cani che colava sul suo viso. Hanno poi messo cibo per cani vicino ai genitali ragazzi… approfondimento in inglese, gennaio 2012 guardian.co.uk

thanks to: The Free Samer Issawi Campaign

traduzione Invictapalestina

Miriam Marino

 

 

 

Aggiornamenti su Ayyub

Ayyub è stato ferito ad aprile 2008 all’età di 16 anni durante un attacco israeliano. Il ragazzo e’ entrato nel programma di adozione Gazzella. A giugno del 2011 Ayyub era stato trasferito, con altri ragazzi disabili, in Slovenia per un intervento chirurgico. Al suo rientro, alla fine di giugno 2011 è stato arrestato al posto di blocco di Erez.
Dal momento dell’arresto, di Ayyub si è sempre saputo poco. La famiglia non lo aveva potuto vedere e le uniche visite fatte erano state quelle dell’avvocato e della Croce Rossa Internazionale. Ayyub e’ stato processato lo scorso autunno
La corte israeliana lo ha condannato a 6 anni di carcere e pur avendo Ayyub meno di 16 anni all’epoca dei presunti fatti attribuiti, la corte non ha voluto tenere in considerazione questo elemento.
Il giudizio della corte israeliana non si è basato solo sulle informazioni, dei collaborazionisti, che portarono all’arresto di Ayyub, ma ha trovato elementi per la condanna anche nelle dichiarazioni di agenti dello Shin Bet che erano stati inseriti volutamente nella cella con Ayyub, ai quale, pare, il ragazzo abbia raccontato del suo appoggio a gruppi della resistenza durante azioni di difesa agli attacchi israeliani.
Ho ri- incontrato il padre di Ayyub. Mi dice che ha potuto visitare il figlio nel carcere di Beershva lo scorso mese di febbraio.
Ayyub e’ depresso, ha difficolta’ di relazione anche a causa dell’esperienza vissuta ( vedi report precedente). Ayyub usa le stampelle per deambulare perche’ l’arto artificiale e’ stato danneggiato durante il trattamento in carcere.
Poco dopo la visita dei famigliari, Ayyub e’ stato trasferito nel carcere di Naqap. Il direttore del carcere ha emesso una disposizione che colpisce 120 prigionieri ai quali vengono negate le visite dei famigliari e dell’avvocato. Tra questi prigionieriu c’e ‘ anche il nostro Ayyub. I prigionieri hanno fatto azioni di protesta, contro il provvedimento restrittivo, quali rifiutare il cibo.
I detenuti palestinesi suddivisi nelle 17 prigioni israeliane e nei centri di detenzione sono oltre 4.700 con provenienza dalla Westbank (80%), dalla Striscia di Gaza (10%) e il resto da Gerusalemme.
Di questi prigionieri circa 200 sono in “detenzione amministrativa” cioe’ senza accuse e processo, 13 sono donne. Sono invece 198 I ragazzi detenuti con meno di 18 anni.
I prigioieri sono sottoposti a frequenti perquisizioni diurne e notturne; e’ negata la possibilita’ di ricevere un’istruzione; sono vietati I libri; il cibo viene distribuito in piccole porzioni e di bassa qualità.
I numero di detenuti che soffrono di problemi di salute ha raggiunto quota 1400, tale numero comprende diverse condizioni anche quelle derivanti dalle difficili condizioni imposte dietro le sbarre, tra cui abusi e malnutrizione.
Frequenti casi di tortura , maltrattamenti e negligenza medica sono stati denunciati ai danni di prigionieri palestinesi ed alcuni sono morti in seguito a tali trattamenti.
In carcere neppure la morte del prigioniero viene rispettata: Israele si rifiuta di consegnare ai famigliari ciò che rimane dei martiri, non permettendo una degna sepoltura nel rispetto anche delle esigenze religiose.
Il nostro Ayyub aspetta nel carcere di Naqap il prossimo processo che sara’ il 23 ottobre 2013, mentre la famiglia, nel frattempo, si e’ attivata con l’associazione El Mazen di Gaza per verificare la possibilita’ di avere qualche notizie del figlio.
Gazzella continua a sostenere Ayyub e contemporaneamente denuncia il il sistema giudiziario israeliano che detiene illegalmente, secondo la Convenzione di Ginevra, i palestinesi in carceri israeliane.

thanks to:

Medici israeliani che tradiscono la loro formazione

Un articolo del giornalista israeliano Gideon Levy, una delle poche eccezioni nella grande maggioranza di quelli completamente omologati al governo israeliano.
[Con i dovuti distinguo, questo articolo potrebbe valere anche per certi medici delle carceri italiane.]

di Gideon Levy.

Dalle guardie carcerarie e dal personale del servizio segreto Shin Bet nessuno si aspetta alcuna compassione o umanità. Ma dove sono i medici?

Hanno studiato medicina. Forse i loro genitori li hanno spinti a diventare medici o forse hanno avuto l’ardente desiderio di entrare in questa professione da quando erano bambini. Hanno certamente pensato a una bella carriera, ma anche alla santità di questa professione, alla nobile aspirazione di salvare vite umane e curare i malati. Di certo hanno letto il giuramento di Ippocrate, un documento molto commovente. Nella versione ebraica del giuramento, che è stato composto dal Prof. Lipman Halpern nel 1952, hanno anche giurato che avrebbero “aiutate tutti i malati, indipendentemente dal fatto che siano stranieri, o gentili, o cittadini umiliati, o quelli rispettati.”

Hanno studiato medicina a Gerusalemme, a Mosca, a Budapest o a Odessa. Sognavano una carriera, ma, alla fine, si sono ritrovati a lavorare come medici nelle prigioni di Israele o nel servizio di sicurezza Shin Bet, anche se anche lì non avevano motivo di vergognarsi della loro professione. Alcuni di loro hanno certamente incontrato il caso di Maysara Abuhamdieh, un prigioniero che stava scontando una condanna a vita. Nel mese di agosto 2012, Abuhamdieh ha lamentato forti dolori alla gola. Solo dopo sei mesi (!) – vale a dire solo lo scorso febbraio – gli è stato diagnosticato un carcinoma dell’esofago. Solo dopo che erano già trascorsi due mesi – cioè il 30 marzo – è stato deciso che sarebbe stato ricoverato nel Soroka Medical Center di Be’er Sheva. È morto due settimane dopo.

Durante quei mesi critici, la sua famiglia ha fatto disperato appello ai Medici per i Diritti Umani – Israele: il loro amato Maysara riusciva a malapena a parlare a causa del dolore e rabbrividivano al pensiero che non potesse ricevere cure mediche appropriate. Un mese fa, un rappresentante di quella organizzazione ha presentato ad un alto ufficiale medico della polizia penitenziaria, il sovrintendente capo dottor Goldstein Liav, la richiesta urgente che il prigioniero potesse ricevere cure mediche. Goldstein non si è nemmeno preso la briga di rispondere.

In Israele una legge del 2001, che disciplina il rilascio anticipato dei prigionieri, autorizza il comitato per la grazia del servizio carcerario di organizzare il rilascio anticipato di un detenuto che abbia i giorni contati. In questo caso, il comitato ha funzionato a un ritmo spaventosamente lento. Quando questa settimana è stato chiesto di spiegare perché Abuhamdieh, che stava chiaramente morendo, non è stato subito rilasciato, il Commissario Nazim Sabiti, comandante del distretto meridionale della polizia penitenziaria, ha semplicemente affermato che una riunione del consiglio di amministrazione è stata effettivamente tenuta sul tema della liberazione del prigioniero.

Tutto ciò e’ accaduto sotto l’occhio presumibilmente vigile di medici che hanno fatto il giuramento di Ippocrate. Questi stessi medici permettono il ricovero di prigionieri che sono ammanettati mani e piedi anche se in gravi condizioni, come è avvenuto con Abuhamdieh.
Questi stessi medici hanno visto la situazione di un altro prigioniero, Zuheir Lubada, i cui reni e fegato erano malati e che stava morendo. Lubada è stato rilasciato dal carcere solo dopo che è entrato in coma ed era in gravi condizioni; è morto una settimana dopo. Questi stessi medici consentono la pratica scandalosa dell’isolamento per mesi e persino anni alla fine, nonostante la relazione del comitato etico dell’Associazione Medica Israeliana che ha categoricamente dichiarato che questa pratica infligge danni fisici ed emotivi irreversibili sui detenuti.

Questi stessi medici hanno visto come Ben Zygier è stato messo in isolamento e hanno visto i risultati delle torture subite durante gli interrogatori dello Shin Bet. Hanno visto tutto questo e non hanno detto nulla. Hanno visto e hanno dato la loro autorizzazione, nonostante le disposizioni del loro comitato etico, secondo il quale: “Ogni medico che ha assistito a un interrogatorio o tortura effettuata in violazione delle convenzioni internazionali dovrà riferire la violazione alle autorità competenti”. Abbiamo mai sentito di anche un solo medico che abbia riferito di procedure improprie, che abbia fatto clamore, che abbia emesso un avviso o che addirittura abbia dato le dimissioni di fronte a una tale violazione delle convenzioni internazionali?

“Questo è il cancro della occupazione”, è stata la diagnosi di un medico, il dottor Ahmed Tibi MK (United Arab List – Ta’al), che ha scritto quella frase questa settimana sulla sua pagina Twitter, in risposta alla morte di Maysara Abuhamdieh, che ha infine ceduto al cancro. Come Zygier, Abuhamdieh era il prigioniero X; poche persone sapevano della sua malattia, e non è certo che gli fu dato il trattamento medico a cui aveva diritto come essere umano. Certamente le guardie carcerarie hanno visto e non hanno detto niente, e lo Shin Bet ha ritardato il rilascio anticipato di Abuhamdieh dalla prigione che avrebbe potuto almeno farlo morire circondato dai membri della sua famiglia. Dalle guardie carcerarie e dal personale dello Shin Bet nessuno si aspetta alcuna misura di compassione e umanità. Ma dove erano i medici?

La prossima volta che Israele manda un gruppo di medici in un’area disastrata all’estero e suoi medici lavorano sodo per fornire assistenza medica alle vittime di quel disastro, non bisogna dimenticare i loro colleghi, i medici che non dicono nulla, che chiudono gli occhi, che non offrono l’aiuto medico necessario qui in Israele, nelle carceri e nelle stanze degli interrogatori. Anche loro sono medici e un giorno firmarono anche il giuramento di Ippocrate.

Traduzione di Angelo Stefanini from here

thanks to:

Study: Israel’s Secret Prisons: Terrorism at Large

The successive Israeli occupation governments adopted arbitrary policies after the occupation of theWest Bank and the Gaza Strip in 1967. Prisons and detention centers are used to crush Palestinians spiritually and psychologically. Those prisons werecrowded with tens of thousands of Palestinians including children, elders and women. Some estimate the number of Palestinians arrested by Israel since 1967 is around 750,000, including 12,000 women and tens of thousands of children.

Prisons, built first by the British Mandate of Palestine, are used by Israel to crush Palestinians. Moshe Dayan, Israel’s former Minister of Defense wanted to use these prisons to destroy Palestinians and separate them from the rest of the world. Detention centers were equipped with all needed equipments and facilities to achieve this inhumane goal.

Transferring detained people from the occupied territory to the land of the occupying power is illegal under international law. The Israeli occupation is accused of running secret prisons away from the eyes of the world in which certain people are held. The occupation is also accused of conducting medical tests on prisoners.

The execution or the suicide of Ben Zygier, also know as Prisoner X, raised the issue of Arab and Palestinian prisoners in Israel’s secret prisons. For decades, Palestinians and human rights organizations have been talking about Israel’s secret prisons. Some of these prisons belonged to the British Mandate of Palestine and others were later built.

Secret prisoners are considered a violation of international law which asks for certain standards to be met in regard to prisons’ conditions. This requires exposing these prisons and making them face worldwide public opinion, so the international community can understand why they are considered war crimes.

Israel‘s secret prisons

Israel built 28 detention and interrogation centers. In addition, it built secret prisons to serve as “graveyards for the livings” in which all international norms and rules are broken, and all forms of torture are practiced with no attempt whatsoever to follow international law.

Prisoners held in these secret prisons are called “Prisoner X”. Prisoner X is defined as the person who was kidnapped or disappeared from his/her residency area without informing his/her families or human rights organizations of the places they are being held or the charges that they are facing.

Some prisoners released from these secret prisons spoke of brutality and torture. They were held in 2-square-meter cells run by 504 Unit, which is assigned to practice all forms of torture. Israel’s Supreme Court’s decision declined the closure of the 1391 secret prison.

Missing prisoners

“May God let me see my son Majed soon,” these were the words of Ahmed Alzuboun, moments before his death. Ahmed Alzuboun is the father of Majed Alzuboun, who has been missing for 21 years now after he tried to cross the Jordan-Palestine borders. It’s not known whether he is alive or dead.

The death of the Alzuboun, the father, re-opened thecases of the 20 missing Jordanians, whose names are recorded in the National Jordanian Committee to support prisoners and the missing in the occupation jails.

Hundreds of Arab prisoners went missing. They are either imprisoned in Israel’s secret prisons or were shot dead, then buried in Israel’s “Numbers Graveyards”.

Israeli and international media sources revealed four numbers graveyards:

 1- Banat Jacob (daughters of Jacob) graveyard next to the Israel-Lebanon-Syria borders. Some estimate the number of people buried there around is 500. Most of them were killed in the 1982 war and afterward.

 2- The numbers graveyard which is located in the military zone between Jericho and Damiah bridge. It’s surrounded by a wall that has an iron gate with a banner which reads “Graveyard for the Enemies’ Victims”. 100 graveyards are there which carry numbers from 5003-5107.

 3- Refeem Graveyard in the Jordan Valley.

 4- Shiheta Graveyard next to the Sea of Galilee. The people buried there were killed between 1965 and 1975. What is most provocative is that these graves are not dug deeply enough to protect the bodies of the dead from animals looking for something to eat.

According to the above mentioned facts, there is a relation between numbers graveyards and missing prisoners. They might have been killed and their organs have been stolen.

No one can tell the number of these secret prisons. A number of people were kidnapped and Israel claimed it killed them without handing their bodies to their families or providing an evidence of their death. Examples of these are Adel and Imad awadallah (Palestine), Mohammed Atiah, Majed Alzuboun, and Laith Alkilani (Jordan) and Yehia Skaf (Lebanon).

 Some freed prisoners mentioned names of these secret prisons such as “Barack”, “Sarafand”, “1901” and “Itileet”.

Jonthan Cook of the Counterpunch says “Facility 1391, close to the Green Line, the pre-1967 border between Israel and the West Bank, is different. It is not marked on maps, it has been erased from aerial photographs and recently its numbered signpost was removed. Censors have excised all mention of its location from the Israeli media, with the government saying that secrecy is essential to “prevent harm to the country’s security”. According to lawyers, foreign journalists divulging information risk being expelled from Israel. But, despite government attempts to impose a news blackout, information about more than a decade of horrific events at Facility 1391 are beginning to leak out. As a newspaper described it, Facility 1391 is “Israel’s Guantanamo”.

In 2003 interview, Ariel Sharon, Israel’s former Prime Minister said “Israel is committed to release all Jewish captives. I have been handling this profile for the last 50 years. When I was in the paratrooper units, we used to kidnap Jordanian soldiers for future swap deals”. It’s known that Jordan never reached a prisoners swap deal with Israel. The question is, where are these Jordanian prisoners?

In the same year, the debate about the killing of Nachshon Waxman, an Israeli soldier killed as IOF tried to release him from his Hamas captors who wanted to exchange him for Palestinian prisoners. An Israeli officer said in an interview “My unit was assigned to release Waxman. We would have managed to get him the same as we did with Imad and Adel Awadallah”. This means Imad and Adel Awadallah were not killed as Israel claimed.

Torture in secret prisons

Torture varies in Israel’s secret prisons from psychological and physical torture, chaining prisoners and banning them from going to the rest room and tying them to chairs for a long time. Banning prisoners from sleeping and pouring cold water on them, threatening them of rape, stripping them kicking them, and asking them to stand for a long time. Prisoners are told that they are held “on the moon” so that they have no option but to confess.

Military courts

 X prisoners are put to trail in military courts where the whereabouts of their trials are kept secret. They are brought to the house of the judge when possible; otherwise, the judge comes to the court himself. The proceedings and hearings are kept secret. An officer writes them down on a laptop that is connected to the court’s network.

1391 secret prison

According to prisoners released from this prison, the 1391 secret prison was built during the British Mandate of Palestine in the center of Palestine. It was used later by Israel as a secret prison. Conditions in this prison are not like any other prison. Prisoners are kept individually in very small cells. The prison is surrounded by watch towers, wires and trees.

The international community needs to take action, otherwise those forgotten prisoners will die and be given new numbers in Israel’s notorious numbers graveyards.

Read Richard Falk’s review of CPDS’s the prisoners’ diaries  on Alahram Weekly here.

The study was originally published in Arabic by Alzaytouna Center for Studies and Consultations, Lebanon. Translated by Center for Political and Development Studies, Palestine.

thanks to:

                    

LIBERARE TUTTI E SUBITO!!! Libertà per i prigionieri politici palestinesi Libertà per tutti i rivoluzionari anticapitalisti e antimperialisti Mercoledì 17 Aprile ore 17 Sit in davanti al Colosseo Appello in Italiano e English

LIBERARE TUTTI E SUBITO!!!

Libertà per i prigionieri politici palestinesi.

Libertà per tutti i rivoluzionari anticapitalisti e antimperialisti

 

Il 17 aprile è la giornata internazionale del prigioniero politico palestinese, sono 4812 i detenuti nelle carceri israeliane tra loro ci sono oltre 219 minorenni, dal 1967 in oltre 750.000 sono passati per le prigioni israeliane, una cifra equivalente al 20% del popolo della Palestina occupata.
Crediamo sia giusto ed importante rispondere all’appello lanciato dalle organizzazioni palestinesi organizzando manifestazioni e presidi in tutta Italia , dando forza e sostegno alla lotta che da oltre due anni portano avanti i prigionieri palestinesi contro un impianto di detenzione brutale, per il rispetto dei diritti umani e la fine del sistema di detenzione amministrativa e della tortura. Il 23 febbraio scorso, un giovane palestinese Arafat Jaradat è morto nel carcere di Megiddo in seguito alle sevizie inflittegli dall’esercito israeliano. Il diritto di resistenza, questo è ciò che il sionismo e l’imperialismo vogliono seppellire nelle carceri, israeliane di Megiddo, Nafha, Ofer, colpendo uomini e donne del popolo, militanti insieme a figure storiche e dirigenti politici come Ahmed Saa’dat Segretario Generale del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina o Marwan Barghouti Segretario Generale di Al Fatah in Cisgiordania. A questi prigionieri si aggiungono i detenuti di diverse nazionalità arabe fatti prigionieri, nel corso dei conflitti scatenati da Israele poi scomparsi nelle prigioni militari di massima sicurezza.
La lotta del popolo palestinese non è diversa e non può essere separata dalla lotta di quanti in tutto il mondo si battono per il progresso, l’indipendenza e l’autodeterminazione del proprio popolo; è lo stesso sistema di interessi economici e politici imperialisti che, in forme diverse da paese a paese, impone il suo brutale dominio a danno dei popoli.
All’interno dell’Europa e dell’ intera area mediterranea la repressione colpisce duramente i movimenti sociali e politici, che si oppongono alle poltiche antipopolari e reazionarie della Troika, mentre ancora più duramente vengono attaccate le organizzazioni della sinistra di classe che guidano i processi di autodeterminazione e di indipendenza. L’UE non accetta di essere messa in discussione e per questa ragione offre il pieno sostegno al governo spagnolo nella repressione della sinistra patriottica basca, e sostiene la Turchia nella repressione del movimento di liberazione curdo che vede il suo leader da oltre 15 anni sepolto vivo nel carcere di Imrali, grazie alla complicità del governo D’Alema.
La lotta antimperialista in America Latina sta vivendo il suo momento più alto, ma l’imperialismo non accetta di veder crescere il processo rivoluzionario e socialista messo in campo dai paesi dell’ALBA, a cui si affianca l’azione dei governi progressisti e antimperialisti. E’ un continente che sta costruendo la sua indipendenza su basi avanzate di democrazia reale partecipativa economica e politica ma contro il quale le oligarchie reazionarie attuano ogni forma di guerra economica, sociale e militare , uccidendo e imprigionando i dirigenti politici e sindacali (è ad esempio il caso, del Perù, del Cile o della martoriata Colombia).
L’imperialismo non accetta chi si ribella al suo dominio, chi resiste e costruisce processi socialisti consolidati, e per questa ragione si accanisce contro il percorso di indipendenza della rivoluzione socialista cubana. Non solo l’infame blocco economico-finanziario da oltre 50 anni, ma l’attività anticomunista a guida imperialista ha colpito Cuba con continui attacchi terroristici,che hanno provocato migliaia di morti ; è in tale violento contesto controrivoluzionario a guida USA-CIA che va collocata e interpretata politicamente l’ingiusta e assurda detenzione da 14 anni di 5 agenti antiterroristi cubani che sono ostaggi di Washington,con l’unica accusa di aver scoperto e denunciato e ostacolato la violenta attività eversiva di formazioni terroristiche anticubane molto attive , promosse e sostenute dai diversi governi statunitensi, repubblicani e democratici.
Invitiamo a partecipare e a costruire iniziative unitarie per il 17 Aprile rafforzando la giornata del prigioniero politico palestinese e rivendicando la libertà per tutti i combattenti anticapitalisti e antimperialisti detenuti .
L ’accusa contro questi uomini e donne, contro questi compagni rivoluzionari, è di resistere combattendo contro la violenza dell’occupazione imperialista e contro l’ingiustizia sociale. LIBERARE TUTTI E SUBITO!!!

Mercoledì 17 Aprile ore 17 Sit in davanti al Colosseo

organizzano
Forum Palestina, Rete dei comunisti, Collettivo Militant ,Capitolo italiano della Rete delle Reti in Difesa dell’Umanità

www.forumpalestina.org
www.retedeicomunisti.orgwww.militantblog.orgwww.nuestra-america.it

per adesioni inviare una email a :
freedomforrevolutionaries@gmail.com


FREE ALL NOW!!!
Freedom for Palestinian political prisoners
Freedom for all anti-capitalists and anti- imperialist prisoners
Freedom for the five Cuban heroes

April 17th will be the international Day of Palestinian Political Prisoners. 4812 people are jailed in Israeli jails; among them more than 219 under 18, from 1967 on, more than 750.000 Palestinians have been jailed, about 20% of occupied Palestine’s population.
We feel we must answer the call of the Palestinian organizations by organizing demonstration in Italy, to strengthen and support the struggle that Palestinian prisoners have been fighting since two years against a brutal detention, to respect their human rights, against administrative detention and torture. On February 23th a young Palestinian, Arafat Jaradat, died in Megiddo jail after being tortured by Israeli Army. Zionism and imperialism are trying to bury the right to resist in Megiddo, Nafha, Ofer prisons, where people’s men and women, militants and leaders such as Ahmed Saa’dat, General Secretary of the Palestinian People’s Liberation Front, and Marwan Barghouti, Cisgiordania’s General Secretary of Al Fatah, are jailed. There also are several militants from different Arab nations, captured during the Israeli-launched wars and disappeared in the military jails.
The struggle of the Palestinian people is not different and cannot be separated from the struggles by those who fight for progress, independence and self-determination of their peoples worldwide; the same imperialist political and economic interests system, although by different means, imposes its brutal dominance against the peoples.
Inside Europe and in the whole Mediterranean area repression is hardly hitting the social and political movements against the Troika’s reactionary and anti-people policies, while attacking harder still the class-oriented left-wing organizations leading self determination and independence processes. EU does not tolerate to be questioned, so it supports the Spanish government’s repression of the Basque patriotic left, and it supports Turkey against Kurdish liberation movement. The Kurdish leader is buried alive in Imrali jail since fifteen years, thanks to the accomplice D’Alema Italian government.
Anti-imperialist struggle has its peak in Latin America, but imperialism does not accept te growth of the socialist revolutionary process of the ALBA countries, and the action of progressive and anti-imperialist governments. A whole continent is building its independence in an advanced participative real democracy, both economic and political. Against that reactionary oligarchies are waging economic, social and military war, by killing and jailing political and trade-union leader ( it happens in Chile, Peru, and Colombia).
Imperialism cannot tolerate rebellion against its dominance, or resistance and construction of consolidated socialist processes, and this is why it attacks the independence path of the Cuban revolution. Besides the infamous 50-years economic and financial blockade, imperialist-led anti-communist activity have been attacking Cuba by continued terrorist actions, causing victims by the thousand. In this USA-CIA violent counter-revolutionary framework the absurd and unjust detention since more than 14 years of 5 Cuban counter-terrorist agents must be put and politically analyzed. Their only guilt is discovering and denouncing the violent terrorist activity of anti-Cuban terrorist formations, supported by both Democratic and republican US administrations.
We thus call to organize and join initiatives on April 17th, supporting the Day of the Palestinian Political Prisoner and demanding freedom for all anti-imperialist and anti-capitalist prisoners worldwide.
These men and women, these revolutionary comrades, are accused of fighting against the violence of imperialist occupation and social injustice.
FREE ALL NOW!!!

Wednesday. April 17th sit-in in front of the Coliseum, Rome

Organized by:
Forum Palestina, Rete dei Comunisti, Collettivo Militant, Capitolo Italiano della Rete in Difesa dell’Umanità

www.forumpalestina.orgwww.retedeicomunisti.orgwww.militantblog.orgwww.nuestra-america.it

to join send an email to:
freedomforrevolutionaries@gmail.com

Carcere per gli obiettori in Israele, la storia di Natan Blanc

L’adolescente ha trascorso più di 100 giorni in prigione nelle ultime 19 settimane. I ragazzi, terminati gli studi, hanno l’obbligo di prestare servizio militare per tre anni, mentre le donne due anni.

La procedura è sempre la stessa. Alle 9 del martedì mattina, in una base militare vicino a Tel Aviv, il 19enne israeliano riferirà alle autorità il suo rifiuto ad essere impiegato nell’esercito. Da lì scatterà l’arresto e una condanna tra i 10 e i 20 giorni di carcere. Il braccio penitenziario è sempre la stesso, il numero 6. Tutto ciò prima della sua liberazione, poi ricomincerà l’iter di incarcerazione. Per l’ottava volta Natan Blanc sarà arrestato e, in totale, il ragazzo ha scontato più di 100 giorni di carcere in 19 settimane. La scelta di non arruolarsi nell’esercito sta costando molto a Blanc, in termini di libertà personale. “E’ stata una decisione molto difficile – ha detto il giovane al Guardian –, ho impiegato diverso tempo a ponderarla e valutarla”.

Il punto di svolta è stata l’ “Operazione Piombo Fuso”, un intervento israeliano a Gaza contro Hamas, iniziato alla fine del 2008 e terminato tre settimane dopo. Il totale dei palestinesi rimasti uccisi nel conflitto fu di 1400. “L’ondata di militarismo aggressivo – ha spiegato Blanc – che ha travolto il paese, le espressioni di odio reciproco e il discorso vacuo circa l’annientamento del terrorismo sono s

tati determinanti nel mio rifiuto”. La gran parte dei giovani israeliani cresce nella convinzione che il servizio militare sia obbligatori, tre anni per i maschi e due per le ragazze, da adempiere al termine del liceo. “La chiamata alle armi” è profondamente radicata nella società israeliana, un’esperienza collettiva di identità nazionale.

La legge del servizio di difesa viene applicata a tutti i cittadini di Israele, sia residente in patria o all’estero. L’obbligo di servizio è rivolto a ogni persona idonea al servizio, tra l’età di 18 e 29 anni. Chi ha oltrepassato l’età, non adempiendo all’obbligo di servizio nel tempo prescritto dalla legge, è dichiarato trasgressore. E’ raro, in Israele, che un dovere patriottico sia vissuto come dilemma morale, soprattutto per i ragazzi. Chi si è rifiutato di assolvere il servizio militare per motivo di coscienza rappresenta un numero esiguo. Nel mese di novembre 2012, Blanc è stato l’unico obiettore dichiarato tra i 300-400 detenuti nel braccio penitenziario numero 6.

La vita in carcere non è semplice: sveglia e appello alle 5 del mattino. Lavoro per otto ore al giorno in cucina. I detenuti indossano uniformi militari in eccedenza degli Stati Uniti, è possibile effettuare una chiamata dal telefono pubblico, ma è vietato usare i telefoni cellulari privati. In carcere c’è una biblioteca, ma non una palestra. “Lo scenario peggiore – ha spiegato Blanc – è che sia condannato a un anno di prigione da un tribunale militare. Quello migliore è che mi consentano di fare il servizio militare”. Blanc si batte per quella che considera una lotta in difesa dei principi, ma nel futuro vorrebbe studiare scienze o tecnologia all’Università.

thanks to: Alessandro Proietti

Sayed: Abu Hamdiya was executed and prisoners won’t remain silent

TULKAREM, (PIC)– Abbas Sayed, head of the senior leadership committee of Hamas prisoners, revealed that the doctors in the Israeli jails had been giving captive Maysara Abu Hamdiya medicines that had exacerbated his health condition.

Sayed confirmed that “the prisoners will not remain silent regarding the murder policy adopted by the Israeli Prison Service against them.”

Lawyer for the International Tadamun (Solidarity) Foundation for Human Rights, who visited the Hadarim prison, quoted the Hamas leader as saying that the prison doctors were prescribing for the prisoner Abu Hamdiya medicines that have nothing to do with cancer, which had weakened his immune system and thus, his disease spread.

Sayed told the lawyer that two weeks before the death of Abu Hamdiya; Deputy Director of Prisons told him that his illness has reached an advanced stage because of medical neglect.

The head of the leadership committee of Hamas prisoners stressed that “the captives can no longer bear the policy of medical neglect, and started seriously considering confronting it in every possible way.”

He urged for “taking immediate moves for the release of the patient prisoners and for providing them with the appropriate treatment before it is too late.”

thanks to: The Palestinian Information Center

UFree Network: April marks the month of solidarity with Palestinian prisoners and detainees

An international month of solidarity with the Palestinian prisoners has been announced by UFree network to defend the rights of Palestinian prisoners and detainees. The month of solidarity and activities from across the world is set to be April 2013, and is considered to be the hub of wide-scale events and actions to support Palestinian prisoners and detainees in Israeli jails

In statements released to the press, the network revealed that the month of solidarity is set to expose Israeli violations against Palestinian prisoners. It also seeks to show their just and fair cause to the world through media and mobilising deacon makers. This comes amid media blackout in Europe where Israel and its allies hide the truth of what’s going on inside jails.

In addition to UFree network, a number of human rights organisations will join in the actions. So far, Committee to support Prisoners in Jerusalem, Yousef Al Sideeq Association in Palestine 1948 and the Kasr Al Qaid organisation will take part in the month of solidarity.   Their efforts will help showing the plight of more than 4500 Palestinian prisoners in Israeli jails who are subjected to torture and inhumane treatment.

UFree revealed that the month’s activities will open in Gaza where a series of events are schedules at the inauguration day. UFree Network along with human rights activities and volunteers from Europe will take part from Gaza in a key event which takes place in front of the Int. Red Cross office in Gaza through a protest. Then field visits will be paid to the families of prisoners who are in Israeli jails in addition to meeting released prisoners who were on hunger strike specially the longest serving Palestinian hunger striker Ayman  al Sharawna.

Later, a press conference and a seminar will be held in Gaza city. It will discuss the best methods and mechanisms needed to raise awareness of the predicament of prisoners. This will include media and publicity forms that will be used later on.

In this regard, UFree invite Palestinian people in the occupied Palestine and in the Diaspora to take part in these events. It also invites civil society organisations to engage in the one-month solidarity activities. UFree also invite people worldwide to use social media heavily this month to circulate all events and to tell the people of the world about Israeli human rights violations which is in contradiction with international law.

thanks to: