Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

Palestinians are gathering for fresh protests in the Gaza Strip after Israeli massacre of more than 60 people in the besieged enclave on Monday. 

The committee which organized weekly “March of Return” rallies has called on the Gazans to come out en masse on the first day of the fasting month of Ramadan, under the slogan “Friday for the martyrs and the wounded.”

Israeli snipers, tanks and armored vehicles remain deployed near the Gaza fence after they killed at least 62 Gazans on the same day the US opened its embassy in occupied Jerusalem al-Quds.

Tens of thousands of people have been protesting along the fortified fence since March 30, calling for Palestinian refugees and their descendants to be allowed to return to their homes now inside Israel.

On Thursday, Israel carried out airstrikes on what it described as militant sites in Gaza, apparently targeting Hamas which it accuses of organizing protest rallies. The Palestinian Health Ministry said one man was injured during the attacks.

UN voting to probe Gaza attacks

Israel was also scrambling to thwart a special session by the United Nations Human Rights Council on Friday to decide whether to dispatch “an independent commission of inquiry” to investigate allegations of Israeli war crimes in Gaza.

The team would be mandated to look into “alleged violations and abuses, including those that may amount to war crimes and to identify those responsible,” read the text of a resolution submitted on Thursday night.

The commission should look at “ending impunity and ensuring legal accountability, including individual criminal and command responsibility, for such violations,” it added.

The Israeli mission at the United Nations has been ordered to prevent the investigation, said a Thursday report by Israel’s Channel 10.

Meanwhile, international condemnation of the Israeli killing, which shocked the world by its ferocity, continued. On Thursday, French President Emmanuel Macron condemned the “heinous acts” committed by Israel.

Palestinian Foreign Minister Riyad al-Maliki, who was addressing a meeting of the Arab League, called the carnage “a bloody racist massacre committed by the Israeli occupation forces in cold blood against our defenseless people.”

More than 2,700 Palestinians were wounded as the Israeli forces used snipers, tank fire and tear gas to target the demonstrators. A Canadian physician was shot by an Israeli sniper in both legs while treating the injured.

“Canada deplores and is gravely concerned by the violence in the Gaza strip that has led to a tragic loss of life and injured countless people,” Canadian Prime Minister Justin Trudeau said on Thursday.

“We are appalled that Dr Tarek Loubani, a Canadian citizen, is among the wounded – along with so many unarmed people, including civilians, members of the media, first responders, and children.”

Palestinian protesters have hoped to draw attention to a dire humanitarian crisis in Gaza, where the economy has collapsed under an Egyptian-Israeli blockade since 2007.

Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi said on Thursday he had made a rare decision to open the Rafah crossing with Gaza for a month, allowing Palestinians to cross during the holy period of Ramadan.

The Rafah crossing is Gaza’s only gateway to the outside world not controlled by Israel, but Egypt has largely sealed it in recent years under a security cooperation agreement with Tel Aviv.

 

Sorgente: PressTV-Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

Advertisements

80+ INGOs demand accountability for Israel’s unlawful killing of demonstrators in Gaza strip

PNN/

AIDA, a network of more than 80 INGOs operating in the occupied Palestinian territory (oPt), on Tuesday condemned Israel’s unlawful killing of demonstrators at the border of the Gaza Strip on 14 May 2018. So far, 61 Palestinians have been killed, including one medic and eight children, and over 2,700 others have been injured, the majority by live ammunition fired at protesters by Israeli security forces, according to the Ministry of Health in Gaza. The casualties occurred in the context of protests near the fence with Israel.

“Israel’s continued use of lethal and excessive live-ammunition against protestors is not only deplorable, but also in sharp contravention of international law,” said William Bell, Head of Middle East Policy and Advocacy, Christian Aid.

Monday’s demonstration is a culmination of a sequence of protests organized since 30 March 2018 to mark 70 years since the expulsion of more than 750,000 Palestinians from their homes in 1948. More than 70 % of Gaza’s population are refugees, living under dire circumstances in the besieged Strip.

“The Gaza Strip is on the verge of a humanitarian disaster as a result of 11 years of blockade, which has crippled Gaza’s economy and increased aid dependency, with some 84 % dependent on humanitarian assistance, and an unemployment rate which stands at a staggering 45 %. Gaza is an open air prison for 2 million women, men, boys and girls, living under air, sea and land blockade. People are losing hope that the untenable situation they find themselves in will ever be resolved”, said Chris Eijkemans, Country Director for Oxfam in the occupied Palestinian territory and Israel.

Since 30 March, more than 100 Palestinians have been killed, and another 12,271 injured, including hundreds of children. In addition, medical personnel and facilities have also come under fire, resulting in the injury of 211 medical staff and damage sustained to 25 ambulances, according to WHO. Hospitals are at the brink of collapse, unable to deal with the vast number of injured as a result of a decade-long blockade and insufficient electricity and medical supplies and equipment. Due to the near impossibility of obtaining a medical referral for surgery outside of the Gaza Strip, 21 Palestinians injured during demonstrations have so far had limb amputations since 30 March.

According to international law, lethal fire may only be used in circumstances where threat to life is imminent. Israeli forces are obliged to exercise restraint and refrain from excessive use of force, and respect Palestinians’ right to life, health and freedom of assembly. Targeting medical personnel is a breach of IHL and is considered a War Crime under the Rome Statute. Preventing injured persons from accessing treatment is a violation of their right to health, and amounts to collective punishment.

AIDA called on third states to condemn Israel’s unlawful killings and to step up their pressure on Israel to immediately halt its practice of using live ammunition against unarmed demonstrators, which runs contrary to Israel’s obligations under international law, and to lift its unlawful blockade of the Gaza Strip. Echoing the words of UN Secretary General, Antonio Guterres, AIDA urges third states to demand independent and credible investigations into the incidents, and for those responsible to be held to account.

Sorgente: 80+ INGOs demand accountability for Israel’s unlawful killing of demonstrators in Gaza strip – PNN

Names and faces of this weeks martyrs

Gaza killings: Names and faces of those killed by Israeli forces this week Eight-month-old Laila is youngest Palestinian killed in Gaza on Monday, the deadliest day since 2014 war * * * * List of names and ages … 1. Laila Anwar Al-Ghandoor, 8 months old 2. Ezz el-din Musa Mohamed Alsamaak, 14 years old […]

via NAMES AND FACES OF THIS WEEK’S MARTYRS — Desertpeace

Medici Senza Frontiere a Gaza osserva lesioni da arma da fuoco devastanti

Dal 1° aprile, le squadre di MSF a Gaza, in Palestina, hanno prestato assistenza post-intervento a più di 500 persone ferite da colpi di arma da fuoco durante le dimostrazioni della Marcia del Ritorno. Il numero di pazienti trattati nelle nostre cliniche nelle ultime tre settimane è più del numero che abbiamo trattato durante tutto il 2014, quando l’operazione militare di Israele è stata lanciata sulla striscia di Gaza. Lo staff medico di MSF riferisce di aver ricevuto pazienti con lesioni devastanti di una gravità insolita, che sono estremamente complesse da trattare. Le ferite riportate dai pazienti lasceranno la maggior parte con gravi disabilità fisiche a lungo termine.

Le squadre mediche negli ospedali di Gaza si preparano ad affrontare un possibile nuovo afflusso di feriti questo venerdì nelle ultime dimostrazioni della Marcia del Ritorno. I chirurghi di MSF a Gaza riferiscono devastanti ferite d’arma da fuoco tra le centinaia di persone ferite durante le proteste nelle ultime settimane. La stragrande maggioranza dei pazienti – principalmente giovani uomini, ma anche donne e bambini – ha ferite insolitamente gravi agli arti inferiori. Le equipe mediche di MSF sottolineano che le lesioni includono un livello estremo di distruzione delle ossa e dei tessuti molli e ferite di grandi dimensioni che possono avere le dimensioni di un pugno.
“La metà degli oltre 500 pazienti che abbiamo ammesso nelle nostre cliniche ha ferite in cui il proiettile ha letteralmente distrutto il tessuto dopo aver polverizzato l’osso“, ha detto Marie-Elisabeth Ingres, capo missione di MSF in Palestina. “Questi pazienti avranno bisogno di operazioni chirurgiche molto complesse e molti di loro avranno disabilità per tutta la vita“.
Gestire queste lesioni è molto difficile. Oltre alla normale assistenza infermieristica, i pazienti spesso necessitano di un ulteriore intervento chirurgico e di essere sottoposti a un lungo processo di fisioterapia e riabilitazione. Molti pazienti manterranno carenze funzionali per il resto della loro vita. Alcuni pazienti potrebbero ancora aver bisogno di un’amputazione se non vengono forniti di sufficiente cura a Gaza e se non riescono a ottenere l’autorizzazione necessaria per essere trattati al di fuori della striscia.
Per far fronte a questo massiccio afflusso di pazienti, MSF ha rafforzato le sue capacità, aumentato il numero di posti letto nelle sue cliniche post-operatorie e reclutato e formato personale medico aggiuntivo. Una quarta clinica si aprirà presto nella regione di Gaza per fornire ai pazienti le cure specialistiche necessarie.
In risposta alla crisi, MSF ha anche schierato una squadra di chirurghi (compresi chirurghi vascolari, ortopedici e ricostruttivi) e di anestesisti per operare – o riattivare – i casi più gravi. Questa squadra attualmente lavora fianco a fianco con il personale medico palestinese negli ospedali pubblici Al-Shifa e Al-Aqsa.

( Fonte: facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste )

Sorgente: 21-4-18_MSF-Gaza-Lesioni-gravi-e-devastanti

“Mi vergogno di essere israeliano”. Sospeso conduttore radiofonico per aver criticato la mattanza di Gaza

Mi vergogno di essere israeliano. Sospeso conduttore radiofonico per aver criticato la mattanza di Gaza

Il principale annunciatore radiofonico della radio dell’esercito israeliano, Kobi Meidan, è stato sospeso dal suo incarico dopo aver affermato di essersi vergognato di essere israeliano e per aver criticato duramente il massacro di 17 palestinesi nella Striscia di Gaza durante la lunga marcia del ritorno, protesta svoltasi nell’ambito della Giornata della Terra della Palestina.

“Oggi mi vergogno di essere un israeliano”, ha scritto Kobi Meidan, principale conduttore della Radio militare di Israele sul suo social account Facebook.

https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fpermalink.php%3Fstory_fbid%3D10156328514168308%26id%3D632273307&width=500

Secondo il quotidiano israeliano ‘Haaretz‘, dopo questo commento, il capo della radio israeliana, Shimon Elkabetz, ha annunciato che Meidan non dovrebbe più lavorare lì, anche se non è ancora chiaro se la sua sospensione sia temporanea o permanente.

Il commento di Kobi Meidan ha provocato, inoltre, la reazione del ministro degli affari militari di Israele, Avigdor Lieberman.

“Questo ho detto alla radio israeliana che gli avrebbe procurato “imbarazzato per avere un tale annunciatore su una stazione radio militare”. “Se (Meidan) si vergogna, lui stesso deve trarre conclusioni e lasciare la stazione”, ha aggiunto Lieberman.

Poco tempo dopo che il capo dell’opposizione, il laburista Avi Gabay, si è schierato a difesa di Meidan tramite il suo account Twitter, notando che “Lieberman è un ministro della difesa e non può assegnare agli annunciatori radiofonici dell’esercito”.

“Sono molto orgoglioso di essere un israeliano, ma sono totalmente contrario a licenziare le persone per motivi di libertà di espressione”, ha scritto.

Fonte: Haaretz
Notizia del:

Sorgente: “Mi vergogno di essere israeliano”. Sospeso conduttore radiofonico per aver criticato la mattanza di Gaza

Grande Marcia per il Ritorno, padre Musallam: USA e Israele sono i veri terroristi

https://newsoftheworldnews.files.wordpress.com/2018/04/1780599631.jpg?w=600

Gaza – PIC. Manuel Musallam, sacerdote della Chiesa romana di Gaza e membro dell’Organizzazione islamo-cristiana, ha dichiarato: “Il popolo palestinese perderà il suo diritto al ritorno se resta in silenzio e non resiste per recuperare i suoi diritti”.

Nell’intervista realizzata da PIC, Musallam ha sottolineato che la Grande Marcia per il Ritorno è un messaggio forte rivolto a Donald Trump: “Da 70 anni il popolo palestinese è in rivolta e continua a lottare per i suoi diritti”, ha dichiarato, ricordando che chi non resiste perderà il suo diritto al ritorno.

Musallam ha spiegato che incoraggia le persone che vanno alla frontiera con l’obiettivo di far ritorno nel loro Paese, dal quale furono espulsi dai sionisti. Ha inoltre lanciato un messaggio ai partecipanti alla Marcia: “Alzate le vostre mani verso Gerusalemme e dite ‘oh Gerusalemme, siamo i tuoi figli e ti offriamo tutte le nostre forze, il nostro spirito e i nostri sacrifici affinché tu sia liberata. Siamo determinati nel proteggerti e nel restituirti il tuo aspetto storico sacro perché noi siamo gli autoctoni”, riaffermando l’importanza del ritorno di ogni rifugiato alla sua terra da dove lui o i suoi antenati furono espulsi.

“Israele e l’America dovrebbero avere paura del sangue versato. Noi non resteremo schiavi perché non hanno umanità”, ha aggiunto.

Ha respinto ogni concessione a scapito dei diritti dei palestinesi, ripetendo “chi vuole diventare un asino in Israele, potrà farlo e dovrà sopportare tutti i fardelli dell’umiliazione, mentre gli uomini liberi combattono e non rinunciano mai a una singola briciola della loro patria. Israele non ha alcuna legittimità sui nostri Territori occupati”.

Musallam ha descritto Trump e Israele come dei terroristi: “Chi manipola il diritto internazionale, non lo rispetta e lo viola è il vero terrorista, nel verso senso della parola”.

Traduzione per InfoPal di Chiara Parisi

Sorgente: Grande Marcia per il Ritorno, padre Musallam: USA e Israele sono i veri terroristi | Infopal

Israele ha ricevuto poche critiche per le morti palestinesi

https://newsoftheworldnews.files.wordpress.com/2018/04/tumblr_p6ri565jcq1rqqkk7o1_1280.jpg?w=600

Di Patrick Cockburn

8 aprile  2018

Questo venerdì migliaia di dimostranti sono ritornati al confine e hanno dato fuoco a grossi mucchi di pneumatici per produrre una cortina fumogena nera che speravano li avrebbe nascosti ai cecchini israeliani. Il ministro della sanità di Gaza ha detto che sono state uccise 5 persone e che 1070 sono state ferite , comprese 293 uccise da munizioni vere.

I dimostranti sanno che cosa aspettarsi. Un video girato il primo giorno della manifestazione mostra un dimostrante che viene colpito alla schiena da un cecchino israeliano mentre si allontana dalla recinzione che separa Gaza da Israele. In un altro

filmato, dei Palestinesi vengono uccisi o feriti mentre pregano, camminano senza nulla in mano verso la recinzione del confine, o semplicemente reggono una bandiera palestinese. Tutti quelli che arrivano a una distanza di circa 275 m., sono etichettati come “istigatori” dall’esercito israeliano, i cui soldati hanno l’ordine di sparare contro di loro.

Nulla è stato  compiuto senza controllo: ogni cosa è stata precisa e misurata, e sappiamo dove è caduta ogni pallottola,” si dichiarava in un tweet delle forze armate israeliane il giorno dopo gli scontri del 30 marzo, all’inizio dei 45 giorni di quella che i palestinesi chiamano la “Grande Marcia del Ritorno” alle case che avevano a Israele 70 anni fa. Il tweet è stato cancellato subito dopo forse perché era venuto fuori il filmato di un dimostrante che veniva colpito alle spalle.

La  portata completa delle  vittime nel  primo giorno delle proteste, una settimana fa, è  impressionante : 16 persone uccise e 1415 ferite, delle quali 758 sono state colpite da munizioni vere, secondo i funzionari della sanità di Gaza. Queste cifre sono contestate da Israele che dice che i feriti ammontavano soltanto a poche dozzine. L’Osservatorio per i Diritti Umani ha però parlato con i medici dell’Ospedale Shifa a Gaza City che ha detto che avevano curato 294 dimostranti feriti, soprattutto “con ferite agli arti inferiori causate da munizioni vere.

Immaginate per un momento che non fossero due milioni di Palestinesi a Gaza che per lo più sono profughi del 1948, ma i 6 milioni di profughi siriani in Turchia, Libano e Giordania che avessero organizzato una marcia per tornare nelle loro case che avevano perduto in Siria fin dal 2011. Supponete che, mentre si avvicinavano al confine siriano venissero colpiti dal fuoco dell’esercito siriano e che centinaia di loro venissero uccisi o feriti. La Siria avrebbe certamente dichiarato che i dimostranti erano armati e pericolosi, anche se questo sarebbe stato contradetto dall’assenza di vittime tra i militari siriani.

Il grido di protesta internazionale contro il sanguinario regime siriano lanciato da Washington, Londra, Parigi e Berlino  sarebbe risuonato in tutto il mondo. Boris Johnson avrebbe denunciato Assad per essere un macellaio e Nikki Haley, l’ambasciatrice degli Stati Uniti all’ONU avrebbe tenuto in mano foto dei morti e dei moribondi di fronte al Consiglio di Sicurezza.

Naturalmente, Israele avrebbe negato furiosamente che ci fosse qualsiasi parallelo tra le due situazioni. Il portavoce del suo governo, David Keyes, ha rimproverato la CNN per avere usato la parola “protesta” , quando “ciò che è realmente accaduto è che Hamas ha progettato un evento con il quale volevano che migliaia di persone sciamassero a Israele, schiacciassero Israele e commettessero azioni terroristiche, In effetti, abbiamo catturato delle immagini di persone che sparavano, che piazzavano bombe, che sparavano razzi.”

In realtà non è mai venuta fuori nessuna fotografia di questi dimostranti presumibilmente bene armati. Quattro giorni dopo, però, l’Osservatorio per i Diritti Umani ha pubblicato un rapporto intitolato: illegali uccisioni a Gaza, illegali e calcolate. Funzionari israeliani –  Luce verde all’Uccisione di Dimostranti Disarmati, in cui si diceva che “non poteva trovare alcuna prova che qualche dimostrante usava armi da fuoco”. Aggiungeva che era venuto fuori che il filmato pubblicato dall’esercito israeliano che mostrava due uomini che sparavano a soldati israeliani non era stato girato durante la protesta.

I ministri israeliani sono imperturbabili di fronte al fatto che vengano screditate le affermazioni che i dimostranti costituiscono una minaccia militare per Israele. Il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman ha detto che i soldati israeliani avevano tenuto lontani gli agenti del ramo militare di Hamas abilmente e risolutamente… Hanno il mio appoggio completo.” La politica del ‘fuoco a volontà’ sta continuano come prima e il risultato è che l’organizzazione israeliana per i diritti umani, B’Tselem, ha lanciato una campagna che si chiama “Mi spiace,  comandante, non posso sparare” che incoraggia i soldati a rifiutarsi di sparare a civili disarmati per il motivo che è un’azione illegale.

Perché l’aumento delle proteste israeliane arriva adesso e perché Israele reagisce così violentemente? Non c’è nulla di nuovo nelle dimostrazioni palestinesi per la perdita della loro terra e per la reazione militare aggressiva di Israele. Ci possono, però, essere motivi particolari per cui uno scontro accade adesso, come per esempio, la rabbia dei palestinesi per la decisione presa in dicembre dal Presidente Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e per lo spostamento dell’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme. Questo ha pubblicizzato l’appoggio incondizionato di Washington alla posizione israeliana  e il

disprezzo degli Stati Uniti per i Palestinesi e per qualsiasi residua speranza che questi potrebbero dover ottenere almeno qualche concessione con l’aiuto degli Stati Uniti.

La stampa israeliana ha riferito che il forte appoggio da parte dell’amministrazione Trump è stato un ulteriore motivo per cui il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu pensa che una cattiva pubblicità per le sparatorie a Gaza non danneggeranno la posizione di Israele negli Stati Uniti. In passato, controversie sui massacri di Palestinesi o di Libanesi compiuti di Israele, ha talvolta provocato una reazione negativa degli Stati Uniti che ha limitato l’uso della forza da parte di Israele.

Finora Israele affrontato poche critiche da media internazionali che non sono interessati alla storia di Gaza, oppure sono contenti di essere d’accordo con l’interpretazione degli eventi che fa Israele. Il vocabolario usato dagli organi di stampa è spesso rivelatore: per esempio, il sito web della BBC il 31 marzo aveva un titolo che diceva: “Confine tra Gaza e Israele: scontri provocano la morte di 16 Palestinesi e il ferimento di centinaia”. La parola “scontri” implica il combattimento tra due gruppi in grado di combattersi, anche se, come dice l’Osservatorio per i Diritti Umani, i dimostranti non pongono alcuna minaccia a una macchina militare israeliana che ha un potere assoluto – un argomento rafforzato dal fatto che tutti i morti e i feriti sono palestinesi.

Probabilmente gli Israeliani stanno valutando male l’impatto dell’uso eccessivo della forza sull’opinione: nell’età dell’ wifi e di internet, le immagini esplicite delle vittime di violenze vengono trasmesse immediatamente al mondo, spesso con un effetto devastante. Come in Siria e in Iraq, il prezzo politico dell’assedio o del blocco di zone urbane come Gaza o la Ghouta Orientale sta aumentando perché è impossibile che impedire che le informazioni sulle sofferenze di coloro intrappolati dentro queste enclave diventino pubbliche, anche se questo potrebbe non avere alcun impatto sul corso degli eventi.

Contrariamente alle dichiarazioni di Keyes, ‘idea di una dimostrazione di massa contro la recinzione   sembra essere emersa per la prima volta sui media sociali a Gazam ed è soltanto in seguito adottata da Hamas. E’ l’unica strategia che probabilmente mostra dei risultati per i Palestinesi perché non hanno alcuna opzione militare, né alleati potenti, e la loro leadership è moribonda e corrotta. Hanno però i numeri: un recente rapporto al parlamento israeliano dice che ci sono grosso modo 6,5 milioni arabi palestinesi che e un uguale numero di cittadini ebrei in Israele e in Cisgiordania, senza contare quelli a Gerusalemme Est e a Gaza. Di solito Israele ha avuto maggiore difficoltà a trattare con movimenti di massa come quelli non violenti per i diritti civili tra i Palestinesi, rispetto a quella avuta a combattere le insorgenze armate.

Keyes sostiene che le dimostrazioni sono organizzate da Hamas, ma, anche in questo caso, si sbaglia su un punto importante, perché i testimoni sul posto dicono che l’impulso per le proteste arriva da gruppi non politici e da individui. Esprimono la frustrazione con i leader palestinesi falliti, divisi ed egoisti, sia di Hamas che di Fatah. L’aspetto più pericoloso della situazione nei termini del suo potenziale di violenza, potrebbe essere che nessuno è realmente responsabile.

Nella foto: | Gaza: i dimostranti  palestinesi bruciano centinaia di pneumatici,

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/israel-has-faced-little-criticism-over-palestinian-deaths/

Originale: The Independent

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2018 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

Come nascondere un massacro?

Media internazionali e nazionali hanno raccontato in modo vergognoso, parziale e profondamente scorretto quanto accaduto ieri a Gaza. Ma i fatti e le immagini parlano più di qualunque menzogna.

La popolazione palestinese è stata abituata negli anni alla disinformazione per quanto riguarda la narrazione dominante rispetto alle proprie vicende.

Quanto accaduto ieri, nel primo giorno della Great Return March ha ampiamente superato il limite della vergogna e della decenza e non solo in Italia.

I fatti sono abbastanza espliciti ed inequivocabili, quasi 20.000 persone si sono avvicinate alla barriera tra la Striscia e Israele a partire da sei accampamenti lungo il perimetro, invadendo quella buffer zone, o zona cuscinetto che percorre tutta la frontiera, permanentemente interdetta alla coltivazione e all’accesso. A parte un singolo isolato caso di due militanti della Jihad islamica che erano armati (e sono stati subito uccisi dall’esercito israeliano) tutti i manifestanti hanno utilizzato esclusivamente modalità di protesta popolari e nonviolente,avvicinandosi al muro di separazione disarmati, a volto scoperto, assieme a bambini e donne.

La repressione si è trasformata in un vero e proprio massacro, si parla ad oggi di 16 morti e più di mille feriti. Hamas, pure ovviamente presente durante la marcia, non ha avuto un ruolo centrale: questa è stata convocata da una larga coalizione che include anche tutti i pezzi laici e di sinistra della società civile palestinese. Non a caso, parti della sinistra israeliana si sono organizzate nei giorni scorsi per manifestare il proprio supporto dall’altra parte del muro. Nessun soldato israeliano è stato ferito nella giornata di ieri.

Vediamo cosa riportano i giornali.  Repubblica parla di «violenti scontri» «violentissima battaglia». Perché un massacro di persone disarmate diventa improvvisamente una battaglia? Una battaglia linguisticamente parlando è un confronto tra due entità armate.  La Stampa titola «Hamas sposta le masse al confine e punta al ritorno dei profughi del 1948» mentre l’articolo è ancora peggiore: «La strategia adottata da Hamas ha messo in difficoltà Israele e costretto i suoi militari nella difficile posizione di chi deve sparare sui civili. L’esercito se lo aspettava, perché i preparativi andavano avanti da giorni, ma non era facile trovare contromisure».  Del resto, cosa altro si può fare davanti a migliaia di persone disarmate che vanno verso un confine invalicabile, se non sparare?

Il Corriere (che oggi ha già spostato molto giù l’articolo) riporta «La “Marcia del ritorno” finisce in un bagno di sangue: l’esercito ebraico risponde con caccia e blindati all’attacco dei manifestanti: bombardati 3 siti di Hamas». A quale attacco si risponde con caccia e blindati? A quello di migliaia di persone disarmate?

Il Messaggero si unisce alla definizione «scontri al confine» e riporta un articolo in cui sono virgolettati solo comunicati dell’esercito israeliano e di media israeliani, i palestinesi non meritano neanche il microfono, strana deontologia professionale.

Anche a livello internazionale la giornata è stata riportata in modo non meno grave, come Mondoweiss sottolinea, riportando la lettura estremamente parziale e ingiusta dello stesso New York Times.

Ieri la popolazione di Gaza ha dimostrato coraggio e capacità di mobilitazione impensabili dopo anni di prigionia dentro la Striscia dove le condizioni di vita sono impossibili, come ha raccontato recentemente Dinamo.

Per ricordare chi ieri è stato ucciso, per sostenere chi ha creduto nella Great Return March e continuerà a crederci nei prossimi giorni, pubblichiamo questa photogallery tratta dal portale indipendente +972mag.com

Sorgente: Come nascondere un massacro? – DINAMOpress

Strage a Gaza

 

Nel momento in cui mandiamo in stampa questo comunicato, almeno 16 sono i palestinesi uccisi a Gaza,  e migliaia i feriti, alcuni gravemente, come ha dichiarato il Ministro della sanità palestinese, che ha lanciato un appello alla popolazione per donazioni di sangue.

La situazione è tanto più grave in quanto gli ospedali di Gaza sono allo stremo per mancanza di presidi sanitari e medicochirurgici, farmaci, energia e rifornimenti idrici a causa del blocco di Israele che dura da 11 anni.

Ieri era il 42 esimo anniversario della “Giornata della Terra”, che commemora i  palestinesi uccisi  dalla polizia israeliana in Galilea, mentre protestavano contro la confisca della propria terra.

In questa occasione diverse organizzazioni politiche palestinesi hanno promosso la “Marcia del ritorno”, iniziativa che si dovrebbe concludere il 15 maggio in occasione dell’anniversario della Nakba, la “catastrofe” allorché oltre 800.000 palestinesi 70 anni fa, nel 1948, furono espulsi dalle loro o trucidati.

Da giovedì 29 marzo decine di migliaia di palestinesi si sono accampati a 700 metri dal confine, e ieri si sono messi in marcia verso la fascia, che per una larghezza di 300 metri dal  muro che separa Gaza da Israele, non può essere calpestata da palestinesi, nemmeno per coltivare le proprie terre, senza  correre il rischio di essere colpiti da armi da fuoco. E infatti, ieri mattina il primo palestinese ad essere ucciso è stato un coltivatore di Gaza.

Questa zona è stata dichiarata “area militare chiusa”, e qui si sono schierate le forze israeliane con oltre 100 tiratori scelti, squadre speciali e carrarmati, dichiarando che chiunque avesse osato penetrare nell’area sarebbe stato colpito con munizioni vive.

E questo è successo: non appena migliaia di palestinesi, tra cui moltissime donne, in numero crescente hanno iniziato a manifestare e camminare pacificamente, sono stati accolti da una pioggia di gas lacrimogeni, pallottole di acciaio ricoperte di gomma e munizioni vere.

Non vi sono stati “scontri” e azioni violente da parte dei palestinesi, come riferiscono i media nostrani che si basano esclusivamente sui comunicatidell’esercito israeliano.

E’ stata l’intera popolazione della Striscia ad andare e venire verso i confini. Da nord a sud della striscia sono arrivati sin dalle prime ore del giorno donne, uomini, bambini, anziani, disabili, a piedi, in moto, in macchina, con il ciuco o il cavallo. Con la sola bandiera palestinese

Per gridare al mondo che hanno voglia di vivere e di andare sulla loro terra anche oltre il confine, che non vogliono e non possono continuare a stare chiusi in una prigione a cielo aperto.

Volti sorridenti, fiori in mano anche se spari e gas cadevano su di loro ferendo e uccidendo.

Nessuna battaglia campale come purtroppo i nostri media stanno descrivendo, nessun provocatore ma una grande forza popolare per la libertà.

La Comunità internazionale non può continuare a voltarsi dall’altra parte. Vi è una sola risposta che deve essere data perché cessi lo strazio odierno e di ben 11 anni di embargo: che Israele tolga il blocco  totale che lentamente sta uccidendo la popolazione di Gaza e che l’ONU intervenga  immediatamente per proteggere la popolazione civile.

31 marzo 2018 – Rete Romana di Solidarietà con il popolo palestinese –

Sorgente: Per Gaza, per la vita, terra, libertà della Palestina e dei Palestinesi | Assopace Palestina