The myth of the Gaza ‘border’

The Green Line disguises the fact that Palestinians in Gaza are no longer being oppressed outside the Israeli state, but are being caged and brutalized inside it.

Palestinian protesters inside the Gaza Strip throw stones in the direction of an Israeli military position on the other side of the border fence, Gaza Strip, December 8, 2017. (Ezz Zanoun/Activestills.org)

 

Palestinian activists have long criticized the use of the word “border” to describe the 1949 armistice line that divides Gaza and Israel, and which protestors in the Great March of Return have been trying to cross at great risk to life and limb. By invoking the term, Israel insists that its open-fire policy toward the march is part of its legitimate right to defend its sovereignty and security. It further claims that, because the government dismantled its settlements in 2005, it no longer occupies the Strip and therefore bears no responsibility for its conditions.

These are disingenuous arguments. Israel’s blockade and control of Gaza stretches from its eastern and northern land crossings to the Mediterranean Sea in the west, with Egypt controlling the south. What it calls a “border” is actually a militarized network of naval ships, barbed wire, electronic barriers, lethal no-man zones, and surveillance systems that operate as the fence of an open-air prison. In legal terms, Israel retains “effective control” of the Strip (including people’s movement, its airspace, flow of goods, and other needs of daily life), and therefore remains its occupying power.

An Israeli warship approaches a Palestinian skiff, as photographed from the observation boat Olivia (photo: Rosa Schiano/Civil Peace Service Gaza CPSGAZA)

The human rights community has spent years articulating the nature of Israel’s occupation under international law and the responsibility of third-parties to end it. The law, however, is only worth as much as the will to enforce it; and half a century later, these efforts have failed to produce meaningful outcomes. It is not that the law is incorrect, but that it has been unable to mobilize political action or make Israel’s military rule less sustainable.

The Palestinians’ own ambiguities about the Green Line have further complicated matters. We focus on the military structures that have spawned since 1967, yet emphasize that the real problem is 1948. We cite Israel’s obligation to abide by international law, but chastise the law for being useless in practice. We combine settler colonialism, occupation, and apartheid as lenses to explain the ongoing Nakba, but arrive at different conclusions for what the solution entails. These debates are natural, but they also muddle the struggle’s priorities and the discourse it promotes.

Exploiting these uncertainties, Israel has turned Gaza into an area that is simultaneously separated from and annexed under Israel’s control. It is a purgatory designed to provide whatever answer is most convenient for shirking responsibility and justifying violence at any given time. This has obscured a controversial but perhaps inexorable fact: after 51 years, Gaza can hardly be described as “occupied territory” anymore. It is now a segregated, debilitated, and subjugated part of Israel; a replica of the districts, townships, and reservations that imprisoned native populations and communities of color in apartheid South Africa, the United States, and other colonial regimes. In other words, Palestinians are no longer being oppressed outside the Israeli state; they are being caged and brutalized inside it.

Israeli soldiers look on at protests in Gaza. April 13, 2018. (Oren Ziv / Activestills.org)

The Green Line has been key to disguising this complex system. Like the de facto annexation of the West Bank – where Israel’s growing settlements and military presence have similarly made the “border” there non-existent – Gaza has effectively been absorbed into Israel’s political jurisdiction. Hamas, like the Palestinian Authority, is viewed as a pseudo-government of hostile “enemy aliens,” but one that can be managed in Israel’s domain so long as it is contained behind the fence. The thousands taking part in the March of Return are not “infiltrators” trying to breach a sovereign state, but displaced and disenfranchised “citizens” breaking out of a state-built ghetto. The army is not holding off “foreign invaders,” but is killing and suppressing its own native subjects.

This framing is crucial to understand the scale and severity of Israel’s policies, and to devise stronger paths to correcting their injustices. By tearing off the mask of the Green Line, Palestinians and their allies can reverse Israel’s efforts to isolate Gaza from the West Bank and to deny its people’s rights to their ancestral homes. What Israel fears more than a Palestinian state is a Palestinian population it cannot disown, and the myth that Gaza is “separated” from Israel helps it to balance that fear. That myth must be broken, and that racist fear must be exposed. Doing so would also reveal the political solution: if Palestinians cannot win their independence along the Green Line, they will demand their full equality beyond it. The March of Return is doing just that.

Sorgente: The myth of the Gaza ‘border’

Advertisements

Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

Palestinians are gathering for fresh protests in the Gaza Strip after Israeli massacre of more than 60 people in the besieged enclave on Monday. 

The committee which organized weekly “March of Return” rallies has called on the Gazans to come out en masse on the first day of the fasting month of Ramadan, under the slogan “Friday for the martyrs and the wounded.”

Israeli snipers, tanks and armored vehicles remain deployed near the Gaza fence after they killed at least 62 Gazans on the same day the US opened its embassy in occupied Jerusalem al-Quds.

Tens of thousands of people have been protesting along the fortified fence since March 30, calling for Palestinian refugees and their descendants to be allowed to return to their homes now inside Israel.

On Thursday, Israel carried out airstrikes on what it described as militant sites in Gaza, apparently targeting Hamas which it accuses of organizing protest rallies. The Palestinian Health Ministry said one man was injured during the attacks.

UN voting to probe Gaza attacks

Israel was also scrambling to thwart a special session by the United Nations Human Rights Council on Friday to decide whether to dispatch “an independent commission of inquiry” to investigate allegations of Israeli war crimes in Gaza.

The team would be mandated to look into “alleged violations and abuses, including those that may amount to war crimes and to identify those responsible,” read the text of a resolution submitted on Thursday night.

The commission should look at “ending impunity and ensuring legal accountability, including individual criminal and command responsibility, for such violations,” it added.

The Israeli mission at the United Nations has been ordered to prevent the investigation, said a Thursday report by Israel’s Channel 10.

Meanwhile, international condemnation of the Israeli killing, which shocked the world by its ferocity, continued. On Thursday, French President Emmanuel Macron condemned the “heinous acts” committed by Israel.

Palestinian Foreign Minister Riyad al-Maliki, who was addressing a meeting of the Arab League, called the carnage “a bloody racist massacre committed by the Israeli occupation forces in cold blood against our defenseless people.”

More than 2,700 Palestinians were wounded as the Israeli forces used snipers, tank fire and tear gas to target the demonstrators. A Canadian physician was shot by an Israeli sniper in both legs while treating the injured.

“Canada deplores and is gravely concerned by the violence in the Gaza strip that has led to a tragic loss of life and injured countless people,” Canadian Prime Minister Justin Trudeau said on Thursday.

“We are appalled that Dr Tarek Loubani, a Canadian citizen, is among the wounded – along with so many unarmed people, including civilians, members of the media, first responders, and children.”

Palestinian protesters have hoped to draw attention to a dire humanitarian crisis in Gaza, where the economy has collapsed under an Egyptian-Israeli blockade since 2007.

Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi said on Thursday he had made a rare decision to open the Rafah crossing with Gaza for a month, allowing Palestinians to cross during the holy period of Ramadan.

The Rafah crossing is Gaza’s only gateway to the outside world not controlled by Israel, but Egypt has largely sealed it in recent years under a security cooperation agreement with Tel Aviv.

 

Sorgente: PressTV-Gazans prepare for ‘Friday of martyrs’ after carnage

80+ INGOs demand accountability for Israel’s unlawful killing of demonstrators in Gaza strip

PNN/

AIDA, a network of more than 80 INGOs operating in the occupied Palestinian territory (oPt), on Tuesday condemned Israel’s unlawful killing of demonstrators at the border of the Gaza Strip on 14 May 2018. So far, 61 Palestinians have been killed, including one medic and eight children, and over 2,700 others have been injured, the majority by live ammunition fired at protesters by Israeli security forces, according to the Ministry of Health in Gaza. The casualties occurred in the context of protests near the fence with Israel.

“Israel’s continued use of lethal and excessive live-ammunition against protestors is not only deplorable, but also in sharp contravention of international law,” said William Bell, Head of Middle East Policy and Advocacy, Christian Aid.

Monday’s demonstration is a culmination of a sequence of protests organized since 30 March 2018 to mark 70 years since the expulsion of more than 750,000 Palestinians from their homes in 1948. More than 70 % of Gaza’s population are refugees, living under dire circumstances in the besieged Strip.

“The Gaza Strip is on the verge of a humanitarian disaster as a result of 11 years of blockade, which has crippled Gaza’s economy and increased aid dependency, with some 84 % dependent on humanitarian assistance, and an unemployment rate which stands at a staggering 45 %. Gaza is an open air prison for 2 million women, men, boys and girls, living under air, sea and land blockade. People are losing hope that the untenable situation they find themselves in will ever be resolved”, said Chris Eijkemans, Country Director for Oxfam in the occupied Palestinian territory and Israel.

Since 30 March, more than 100 Palestinians have been killed, and another 12,271 injured, including hundreds of children. In addition, medical personnel and facilities have also come under fire, resulting in the injury of 211 medical staff and damage sustained to 25 ambulances, according to WHO. Hospitals are at the brink of collapse, unable to deal with the vast number of injured as a result of a decade-long blockade and insufficient electricity and medical supplies and equipment. Due to the near impossibility of obtaining a medical referral for surgery outside of the Gaza Strip, 21 Palestinians injured during demonstrations have so far had limb amputations since 30 March.

According to international law, lethal fire may only be used in circumstances where threat to life is imminent. Israeli forces are obliged to exercise restraint and refrain from excessive use of force, and respect Palestinians’ right to life, health and freedom of assembly. Targeting medical personnel is a breach of IHL and is considered a War Crime under the Rome Statute. Preventing injured persons from accessing treatment is a violation of their right to health, and amounts to collective punishment.

AIDA called on third states to condemn Israel’s unlawful killings and to step up their pressure on Israel to immediately halt its practice of using live ammunition against unarmed demonstrators, which runs contrary to Israel’s obligations under international law, and to lift its unlawful blockade of the Gaza Strip. Echoing the words of UN Secretary General, Antonio Guterres, AIDA urges third states to demand independent and credible investigations into the incidents, and for those responsible to be held to account.

Sorgente: 80+ INGOs demand accountability for Israel’s unlawful killing of demonstrators in Gaza strip – PNN

Live Blog: Massacre in Gaza as US and Israel celebrate embassy move to Jerusalem

Today is unfolding as a horrifying and tragic day in Palestine. The Israeli military has opened fire on Gaza protesters as the U.S. and Israeli governments prepare to mark the move of the U.S. embassy to Jerusalem. Today has been the deadliest day in Gaza since the end of Operation Protective Edge in 2014.

According to the Gaza Ministry of Health (as of 18:50 GMT):

  • 55 killed, including 7 minors and 1 paramedic
  • 2,771 injured – including 225 minors, 11 journalists, 17 paramedics
  • 130 in serious and critical condition
  • 1,359 shot by Israeli soldiers using live Israeli ammunition.

Since the beginning of the Great March of Return on March 30,105 Palestinians have been killed, over 3,000 protesters have been shot with live ammunition, and almost 13,000 injured.

We will be updating this post with updates throughout the day and have embedded our Twitter feed below that will most likely include the most up-to-date news.


Live video of the U.S. Embassy dedication ceremony in Jerusalem


Updated 19:17 GMT

Phil Weiss: ‘Gaza, Gaza’ is chant from Palestinians demonstrating near new US embassy

The demonstrations I just left near the new American embassy in Jerusalem were a dismal object lesson in Jewish sovereignty. The police beat up Palestinians merely for holding Palestinian flags and chanting that Palestine would be free. The police crumpled the flags, while women on an apartment balcony four floors up were spraying water on the Palestinian demonstrators.

All That's Left demonstration near US embassy in Jerusalem, May 14, 2018.


Updated 19:10 GMT

Jonathan Ofir: Israeli government minister justifies Gaza massacre by calling Palestinians ‘Nazis’

Gilad Erdan, Israel’s minister of Strategic Affairs and Hasbara, referred to Gazans as “Nazis” twice within five minutes today.

Israel does not wish to escalate and doesn’t want the death of residents of the Gaza Strip. Those who want this are solely the leadership of the Hamas terrorist organization, which uses a cynical and malicious use of bloodshed. The number of killed doesn’t indicate anything – just as the number of Nazis who died in the world war doesn’t make Nazism something you can explain or understand.


Updated 18:55 GMT
South Africa has recalled its ambassador to Israel, Sisa Ngombane, “with immediate effect until further notice,” citing Israel’s use of lethal force against Palestinian protesters in Gaza today that killed at least 50.

A statement released by South Africa’s Department of International Relations and Corporation said,

“The South African government condemns in the strongest terms possible the latest act of violent aggression carried out by Israeli armed forces along the Gaza border, which has led to the deaths of over 40 civilians. The victims were taking part in a peaceful protest against the provocative inauguration of the U.S. embassy in Jerusalem.

This latest attack has resulted in scores of other Palestinian citizens reported injured, and the wanton destruction of property.


Updated: 18:15 GMT

MSNBC’s Ayman Mohyeldin noticed the White House omitted a paragraph from their official transcript of Jared Kushner’s speech today where he condemned protesters in Gaza. The section the White House did not include is in bold below:

“President Trump was very clear that his decision and today’s celebration do not reflect a departure from our strong commitment to lasting peace. A peace that overcomes the conflicts of the past in order to give our children a brighter and more boundless future.

As we have seen from the protest of the last month and even today those provoking violence are part of the problem and not part of the solution. The United States is prepared to support a peace agreement in every way that we can. We believe that it is possible for both sides to gain more than they give so that all people can live in peace safe from danger, free from fear and able to pursue their dreams.

The United States recognizing the sensitivity surrounding Jerusalem, a city that means so much to so many. Jerusalem is a city unique in the history of civilization. No other place on earth can claim significance to three major religions.

Each day Jews pray at the Western Hall. Muslims bow in prayer at Al Asqa mosque, and Christians worship at the Church of the Holy Sepulchre. That is why President Trump has called many times, including right now, on all parties to maintain the status quo at Jerusalem’s Holy sites.”


Updated 17:55 GMT

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu gave a speech this afternoon with strong religious overtones commemorating the opening of the U.S. embassy in Jerusalem.

“In Jerusalem, King David established our capital three thousand years ago,” Netanyahu said before citing biblical landmark events that took place in the ancient city. He added that relocating the embassy is a foundation for reaching a peace deal with the Palestinians, despite communication between Palestinian negotiators and the Trump administration abruptly halting last December when the moving the embassy was first announced,

“I want to thank Jared, Jason and David for your tireless efforts to advance peace, and for your tireless efforts to advance the truth. The truth and peace are interconnected. A peace that is built on lies will crash on the rocks of Middle Eastern reality. You can only build peace on truth, and the truth is that Jerusalem has been and will always be the capital of the Jewish people, the capital of the Jewish state.”

Netanyahu concluded his remarks by reciting the shehecheyanu, a Jewish prayer said when marking new or exceptional events.


Updated 17:40 GMT

President Donald Trump delivered a video message this afternoon celebrating the relocation of the U.S. embassy to Jerusalem, “the true capital of Israel.” Trump said the embassy opening today comes “many, many years ahead of schedule,” noting, “The United States remains fully committed to facilitating a lasting peace agreement and we continue to support the status quo at Jerusalem’s holy sites including at the Temple Mount also known as Haram al-Sharif.”


Updated 16:55 GMT

Palestinian President Mahmoud Abbas spoke to reporters in Ramallah today, announcing three days of mourning across the occupied Palestinian territory where schools will close and shops will shutter. In his speech, he described the U.S. embassy in Jerusalem as a “settlement” and said he would soon begin implementing decisions passed by the Palestinian legislature in a meeting earlier this month.

This morning in Washington DC, the Palestinian Ambassador Husam Zomlot released a statement calling the U.S.’s decision to relocate the embassy to Jerusalem an endorsement of “full-fledged apartheid,”

“Today will go down in history as the day the U.S. encouraged Israel to cross the line towards what numerous U.S. and international leaders have been warning from: A full-fledged apartheid. The reality has evolved into a system of privileging one group and continuing to deny the human and national rights, all granted by international law, of over 12 million Palestinians.”


Updated 16:28 GMT

This is a stunning statement from Gilad Erdan, the Israeli Minister of Public Security and Strategic Affairs.


Updated 16:20 GMT

Yossi Gurvitz: Here are the questions any journalist talking to the Israeli military should ask


Updated 16:10 GMT

The Jewish Insider reports Jared Kushner and Ivanka Trump received a blessing last night from the Sephardic Chief Rabbi Yitzchok Yosef who called black people “monkeys” and used racial slurs when referring to Ethiopian Jews.


Updated 15:17 GMT

James North: As Israel massacres more Gazans, ‘NY Times’ continues its distorted coverage — with one honorable exception


Updated 15:07 GMT

Jonathan Cook: Israel repurposes Nakba myths to justify massacre in Gaza


Updated 14:35 GMT

This morning Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu with a Congressional delegation led by Joe Wilson (R-SC) and a Senatorial delegation led by Lindsey Graham (R-SC).  Florida Gov. Rick Scott was also in attendance.


Updated 14:30 GMT

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu welcomed the delegation from the White House last night in Jerusalem. President Donald Trump is not attending the embassy opening. The team sent by the administration is headed by his daughter Ivanka Trump, son-in-law Jared Kushner, Secretary of the Treasury Steve Mnuchin, Deputy Secretary John Sullivan, special envoy Jason Greenblatt and the U.S. Ambassador to Israel David Friedman.

Netanyahu dedicated about a third of his speech to welcome the White House officials by applauding President Trump for pulling out the Iran agreement:

“And to achieve peace, we have to do one other thing: We must confront the enemies of peace, and I thank President Trump for his decision to confront Iran rather than to appease it. Pulling out of the nuclear deal means that the world’s greater sponsor of terrorism, greatest sponsor of terrorism, is no longer on a glide-path to attaining an arsenal of nuclear weapons. This is good for Israel, this is good for the region, it’s good for the world.

Now, I have something to say to part of the world: With all due respect to those sitting in European capitals, we here in the capitals of the Middle East—in Jerusalem, in Riyadh and elsewhere—we’ve seen the disastrous consequences of the Iran deal. And so when President Trump decides to pull out of this deal, to walk away from it, we know that when he walks away from a bad deal, he’s doing a good thing for our region, for the United States and for the world.”

Netanyahu also spoke of the close personal relationship between his family and Jared Kushner’s:

“I’ve known Jared for 105 years, and there’s a special bond between our families, but I think the fact that you and Ivanka are here is a special, personal testament, but also a national and international statement. It is one that touches our hearts, and we are all delighted by your presence at any time, at any day, but especially on this day. Thank you.”

In addition to firing on Gaza protesters, Israel has also started bombing Gaza as well:

 

Sorgente: Live Blog: Massacre in Gaza as US and Israel celebrate embassy move to Jerusalem

Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

A protest by 200 activists delayed the start of the fourth stage of the Giro d’Italia in the Sicilian city of Catania on Tuesday.

The activists had planned to shut the prestigious cycling race down altogether to protest how it had been launched in Israel last week, but they were confronted and kettled by riot police, as the video above shows.

As members of the Israeli government-backed Israeli team went past, protesters threw out flyers and carried banners with slogans including, “Israel kills, Italy is an accomplice.”

“We made everyone hear our dissent against the exploitation of sport by a state that has for decades practiced apartheid against the Palestinians and which does not respect UN resolutions regarding occupied territories,” protest organizers said, according to an early version of a report from the newspaper La Sicilia.

“There were moments of tension with police,” who used their batons against demonstrators, the newspaper reported.

“Stained with blood”

One activist, Simone di Stefano, told Catania Today that activists had gathered to send the message that “we don’t want this Giro d’Italia that is stained with blood of the Palestinian people.”

Last week, Renzo Ulivieri, the head of the Italian football managers association, posted on Facebook that he would not be watching the Giro this year.

“I could have remained indifferent, but I fear I would have been despised by the people I respect,” Ulivieri wrote. “Viva the Palestinian people, free in their land.”

At a recent meeting of the leftist movement Potere al Popolo (power to the people), Ulivieri elaborated that “the true sporting spirit calls for the unity of people and condemns discrimination and abusive occupation like Israel’s apartheid.”

The latest actions are part of a continuing campaign by Palestinians and their supporters against Israel’s use of the Giro d’Italia to glamorize itself and distract attention from its abuses.

The human rights group Al-Haq noted that 4 May, the day the race started in Jerusalem, coincided with the sixth Friday of protests as part of the Great March of Return in Gaza.

On that day, Israeli occupation forces “injured 195 Palestinian protesters, paramedics, medical staff and journalists, in a demonstration of excessive use of force, including lethal force, against protected civilians,” according to Al-Haq.

Since the protests began, Israeli snipers with shoot-to-kill-and-maim orders have killed 50 Palestinians in Gaza, including 40 unarmed protesters, and have injured thousands more.

Gaza cyclist disabled by Israeli snipers

A particularly pernicious aspect of the Israeli policy – especially in the context of the Giro d’Italia’s purported celebration of athleticism – is “Israel’s deliberate ‘shoot-to-disable’ practice, targeting protected persons in the Gaza Strip with intention to maim and at times permanently disable Palestinians by targeting specific body parts, including the lower limbs,” Al-Haq stated.

“One of the injured protesters who required amputation is Alaa al-Dali, 21, a Palestinian cyclist who was shot by an Israeli sniper with a live bullet under his right knee on 30 March 2018, while he was standing some 200 metres away from the fence,” the human rights group stated.

Al-Dali was training for the 2018 Asian Games for months before he was shot.

“I knew the moment I was shot and fell to the ground, I knew that I would never be able to ride a bicycle again in my life,” he told Middle East Eye.

Al-Haq noted that in the months leading up to the Giro’s kickoff, the first time the race has started outside Europe, “Israel continued to unlawfully alter the status of Jerusalem, introducing legislation to alter the demography of Jerusalem, by targeting Palestinian residency rights and introducing bills to unlawfully incorporate settlement blocs into Israel’s Jerusalem municipality.”

“Giro d’Italia’s choice of location, along with its partners, sponsors and participating teams and individuals, is an indication of its support for Israel’s occupation and violations against Palestinians, including in East Jerusalem,” Al-Haq stated.

Sorgente: Sicilians protest Giro d’Italia “stained with blood” of Palestinians

Thousands rally in Israel to condemn govt. corruption

Alarmed and angered by a draft bill that would strip Israel’s Supreme Court of the power to overturn laws, thousands of activists have staged a protest in Tel Aviv, accusing Prime Minister Benjamin Netanyahu of a power grab.

Chanting slogans against the Israeli PM, hundreds of anti-government activists marched down the streets of Tel Aviv holding banners. “’Bibi take your hands off the supreme court’, ‘Corrupted, you don’t have a mandate’ and ‘Bibi, organized crime, leave the supreme court alone’,” they shouted.

Israeli nationalists rage & burn Palestinian flag outside joint Memorial Day service (VIDEO)

The Knesset’s next parliamentary session, which starts on April 29, will debate and vote on the bill, designed to curb the High Court’s power. If adopted, the bill, based on the so-called ‘British model’, would allow only the Israeli parliament to cancel or change laws, limiting the Supreme Court’s power to override the Knesset in approving legislation that could potentially be unconstitutional.

Opponents of the initiative see the new bill as an infringement on their guaranteed rights, and as a potential power grab by the Prime Minister.

The Supreme Court is the “last place laws and regulation can be stopped, the ones which Netanyahu is trying to pass in order to make this country a ‘Netanyahu’ state,’” Tom Tzoker told RT’s Ruptly video agency at the rally. “I hope we will live in a better country, one that supports its residents.”

“Today I’m especially concerned, we are talking about a new law, that means the supreme court will not be able to tell the parliament that a law is illegal,” Hani German added. “I’m also concerned about the democracy that is getting weaker.”

Sorgente: RT

ISRAELE: “MISSIONE INCOMPIUTA. RIFARE”

L’ostinazione con cui il giornale israeliano di Torino La  Stampa insiste a  pubblicare   storie di  fanciulli – tutti  fotogenici –  “sfuggiti alle bombe chimiche di Assad”, e tutta la narrativa di propaganda ormai screditatissima   e dimostrata falsa, può  rivelare due cose: o imperturbabile chutzpah, o estremo disappunto.   Perché il tentativo di Netanyahu di trascinare USA ed Europa nella guerra decisiva in Siria appare fallimentare. Il gratuito e limitato attacco dei tre aggressori, USA, Francia, Gran Bretagna, sembra essersi risolto in un danno: politico, militare, d’immagine e psicologico.

Narrativa” made in Israel.

La stessa ridda di informazioni contraddittorie  sui fatti  che  esce dalle tre capitali dimostra la confusione che regna i  quel campo.  Il generale Mattis, capo del Pentagono, che annuncia “il nostro è un colpo isolato”;  Nikki Haley, l’ambasciatrice all’Onu, che  decreta nuove e durissime sanzioni contro la Russia, evidentemente   a nome della lobby, scontenta dei  troppo simbolici lanci di missili; Macron che dichiara che ha  convinto Trump a lasciare  soldati americani in  Siria (ossia ciò che vuole  Netanyahu), e viene subito smentito dalla Casa Bianca. Si aggiunga che  prima esce l’indiscrezione che Trump voleva bombardare siti iraniani e russi ma Mattis s’è fermamente opposto, seguita poi dal dettaglio  contraddittorio  che  Trump,  posto di fronte a tre opzioni di attacco in Siria, ha scelto la meno dispendiosa, limitare l’attacco ai tre siti che la fantasia  occidentale ha definito “fabbriche e depositi clandestini”  di armi chimiche  di Assad – e di cui il  principale, la palazzina di Berzah, era un laboratorio farmaceutico  visitato regolarmente  dagli osservatori  dell’OPWC (Organisation for the Prohibition of chemical weapons) .

La “fabbrica clandestina” era regolarmente ispezionata dalll’OPCW

“Trump sta abbandonando Israele?”

Netanyahu. Lo stato d’animo del governo sionista dopo l’attacco, è rivelato dal titolo del Jerusalem Post: “Trump sta abbandonando Israele?”.  Ci limitiamo a due frasi. “Senza una presenza americana in Siria per aiutarci a contenere il regime di Assad, Israele può sentirsi obbligata ad aumentare il livello e la letalità delle sue azioni unilaterali  per proteggere i suoi confini”. “E’ un grave smacco strategico per la leadership americana e la sicurezza israeliana. I governanti dello stato ebraico  non possono  fare a meno di chiedersi se Washington gli parerà il didietro se decide un colpo preventivo contro la minaccia dell’Iran basata in Siria”.  La sola speranza è John Bolton, “che ha molti amici in Israele”, da cui l’ordine  alla  lobby di far pressioni sul baffuto consigliere.

http://www.jpost.com/Opinion/Washington-Watch-Is-Trump-abandoning-Israel-549817

Macron è diventato il Piccolo

Emmanuel Macron, partecipando all’attacco, ha danneggiato la sua posizione internazionale che credeva di migliorare.  Il suo governo ha emanato un documento (Evaluation Nationale) che pretende di  portare le “prove” delle violazioni siriane (attacco chimico) onde giustificare “giuridicamente”  l’attacco bellico  al regime di Damasco.  Senza il mandato ONU.   Ossia, come ha riconosciuto persino una tv francese, TV5 Monde, “violare il diritto internazionale per farlo rispettare”.  Ovviamente, le opposizioni, da Marine Le Pen a Melenchon passando per Les Republicains, gli sono saltate alla gola: è la prima volta dal 1945 che la Francia esce dalla legalità internazionale.  Ora, già questo fatto indica che  il giovanotto ha subito una pressione “talmudica”:  non riconoscere i trattati internazionali, lo jus publicum aeroropaeum che riconosce anche nello stato  nemico un justus hostis, è proprio del diritto  talmudico. La superpotenza americana lo fa dall’11 settembre, dichiarandosi (con la dottrina Bush) pronta ad aggredire ogni Stato che a suo giudizio disturbi il proprio interesse nazionale, ossia senza riconoscere allo stato aggredito la legittimità di esistere.  Che possa farlo Parigi, è dubbio.  Macron rischia di finire come Sarkozy, che è sotto processo  in relazione alla sua aggressione  alla Libia per far uccidere Gheddafi, il pagatore della sua campagna elettorale. In ogni caso,  Macron si è isolato dalla UE  e la “relazione speciale” che sperava di approfondire con la Germania per guidare a due l’Unione, si allontana.   Anche la posizione di Parigi come onesto mediatore in questione internazionali, dal Medio Oriente  all’Iran,  è intaccata, e così nell’Africa Francofona. 

Ha perso l’appoggio della UE. I 28 ministri degli esteri, riunitisi due giorni dopo l’attacco,  hanno invocato il dialogo con la Russia in Siria. Altrimenti, la UE si spaccava, ha detto un anonimo presente alla riunione: “Bisogna evitare che ogni paese faccia la sua politica autonoma di fronte a Mosca.  E’ importante perché  la UE esista”.  Mettete in conto a Salvini anche questo successo.

«Deux jours après les frappes, les pays européens appellent au dialogue avec la Russie en Syrie ». 

Anche l’opinione pubblica francese –  mentre i media inneggiavano a Macron “chef de guerre” –  è rimasta fra l’irritazione, l’ironica incredulità (“Abbiamo convinto Trump a restare in Siria-  chi, lui?”)  e la derisione:  specie quando dopo tutte le accuse “la  Russia è colpevole”, si è saputo che la Francia ha preavvisato la Russia dei luoghi e delle ore in cui avrebbe voluto colpire.  Macron torna ai problemi interni (scioperi, opposizione di massa alle sue “riforme”  liberiste)  molto rimpicciolito. Le Monde, a nome dei  Rotschild, titola: “Missione Incompiuta”.

Militarmente, l’attacco è stato un clamoroso insuccesso. Su questo sono d’accordo gli esperti militari francesi come quelli americani. Sull’autorevole sito Sic Semper Tyrannis,  un “Publius Tacitus” (pseudonimo sotto cui si nasconde un generale o un ammiraglio in servizio, obbligato all’anonimato) giudica che “il generale Mattis e il generale Dunford [il capo degli stati maggiori riuniti] si sono disonorati a prestarsi a questa mascherata”.

Il generale Dominique Delawarde è sarcastico. Riporta la versione russa  – 103 missili su sei obiettivi  (di cui quattro aeroporti militari siriani) dei quali 71 sono stati intercettati dalla contraerea siriana, senza che quella russa sia intervenuta.

E la versione americana: 105 missili su 3 “installazioni clandestine di armi chimiche”. Tutti andati a segno.

Il generale Delawarde commenta con ricordi personali: “Gli americani hanno fornito foto satellitari   «Battle Damage Assessment»  (stima dei danni inflitti dopo un bombardamento).  Anche nel dicembre 98, al tempo dell’Operazione DeseertFox, gli americani avevano colpito e fornito questo tipo di foto satellitari.  Il nostro satellite francese, molto preciso, dava dei  risultati molto diversi dai loro. Erano rimasti sorpresi di come li avevamo colti in flagrante menzogna” .  E “mi ricordo personalmente delle menzogne quotidiane del portavoce della NATO sulle false perdite dei serbi in Kossovo da marzo a maggio 1990. La NATO dichiarava più di 800 materiali importanti distrutti al 78 mo giorno di bombardamento. Il conteggio reale effettuato dopo il cessate il fuoco,  risultò di una trentina. Tutti i MiG distrutti a Pristina il primo giorno di guerra, una ventina, al momento del cessate il fuoco sono usciti dai sotterranei ed hanno decollato tranquillamente  per Belgrado. Questa coalizione ha troppo mentito negli anni passati per essere  credibile oggi”.

https://reseauinternational.net/frappes-sur-la-syrie-resultats-consequences/

Dunque il generale francese tende a credere  alle stime russe. Anche se, onde fosse vero che il 70% dei missili sono stati intercettati, “i risultati sarebbero semplicemente catastrofici per i tre aggressori. Significa che se fosse intervenuti i S-400 russi, nessun missile di Usa, Regno Unito e Francia avrebbe raggiunto nemmeno il territorio siriano”.

Con un caveat e un’eccezione: tutti i 19 missili  JASSM-ER a bassa tracciabilità, lanciati dai bombardieri B-1B e usati per la prima volta in un conflitto, non sono stati nè intercettati né visti dai radar russi.  Ed hanno raggiunto il bersaglio. I russi dovranno lavorarci.

Erdogan s’è rimesso nei guai. Tradendo di nuovo.

Prima dell’attacco, il suo ministro degli Esteri ha applaudito ai lanci di missili e lui, applaudendo gli attacchi occidentali, ha di nuovo  dichiarato che Assad deve essere cacciato.

https://www.reuters.com/article/us-mideast-crisis-syria-turkey/turkeys-erdogan-welcomes-western-attack-on-syria-says-operation-a-message-to-assad-idUSKBN1HL0W9

Erdogan insomma ha scelto di tornare “con la NATO” senza essere informato della natura limitata dell’attacco; insomma  la NATO  continua a non parlargli.  In quste ore, tace. Come chi s’è messo unpiede in bocca. Infatti adesso ha perso anche la fiducia di Mosca e Teheran, che lo avevano accettato  nella nuova  coalizione per la sistemazione della Siria e l’integrità territoriale siriana; i due alleati gli hanno lasciato occupare Afrin, chiudendo un occhio sulla sua avidità. Adesso la posizione del turco presso Mosca e Teheran è scaduta – può dare addio agli S-300 – mentre l’Alleanza non lo ha recuperato e non gli perdonerà il suo flirt con la Russia.

Il saudita Mohamed Bin Salman ha commesso lo stesso errore: si aspettava che i missili contro Assad  fossero il preludio   automatico a una guerra contro l’Iran (deve averglielo assicurato  Netanyau).  Ora, il suo appoggio all’attacco alla Siria gli sarà ripagato in Yemen  dall’Iran;   le buone relazioni con Mosca, che ha tanto cercato, sono di nuovo al gelo. Adesso il regno wahabita è il solo alleato di Sion nell’area: posizione imbarazzante. Del resto, anche Netanyahu s’è giocato la  buona relazione  personale con Putin: “S’è dimostrato come il vero istigatore della guerra contro la Russia. Mosca ha preso nota”, scrive il sito Geopolitka. Ru

L’Egitto non si è unito al coro anti-Assad, né ha commesso l’errore di farsi nemica Mosca. Ciò mette Il Cairo in una posizione futura di guida del mondo sunnita, specie dopo che Erdogan, con le sue oscillazioni, è scaduto.

Nell’insieme, il risultato dell’attacco agli occhi delle capitali del  Medio Oriente (ma non solo Teheran,  e gli emirati di Golfo  filo-americani, ed anche di Cina, India, Pakistan) è interpretato come una dimostrazione di debolezza, inconcludenza, inaffidabilità e confusione mentale del dominio delle potenze globaliste occidentali.

Naturalmente, Israele ritenterà.  Intraprenderà le sue aggressioni unilaterali  e sempre più letali in Siria.   Ma oggi è più scoperta e i suoi alleati, da Macron alla May a Bin Salman, hanno perso e dimostrato la loro inefficacia anche militare.

Sorgente: ISRAELE: “MISSIONE INCOMPIUTA. RIFARE” – Blondet & Friends

Bombe sulla Siria. Israele, stato terrorista che con gli Usa avvicina la guerra mondiale

Solo Israele può bombardare una base militare di uno stato sovrano confinante e farla franca. E, prima delle bombe contro la Siria, ci sono state le stragi di manifestanti palestinesi, anche queste totalmente impunite. Israele è esente da qualsiasi legge e principio sui diritti umani.

L’Israele di Netanyahu è il primo stato terrorista, il più pericoloso stato canaglia mondiale. Perché con le sue armi atomiche e con il suo porsi al di sopra di qualsiasi regola si è impadronito del bottone con il quale si può scatenare la terza guerra mondiale.

Quel pulsante lo ha in condominio con il suo primo protettore, gli USA di Trump. Che ora puntualmente si inventano un attacco chimico del governo siriano contro i ribelli un fuga. Una montatura ridicola, se non altro perché non si capisce in base a quale scelta autolesionista il governo siriano dovrebbe usare i gas DOPO aver vinto la guerra.

Chi ha prodotto questa fakenews deve essere il fratello scemo degli imbroglioni londinesi del gas nervino. Ma nonostante questo, ora Trump minaccia rappresaglie ed soliti servi europei, guidati da Macron, gli vanno dietro.

Attenzione, perché quando uno Stato si considera al di sopra di qualsiasi legge e un altro usa qualsiasi balla pur di mostrare i muscoli, prima o poi il patatrac può succedere. Bisogna svegliare la nostra opinione pubblica addormentata e rincitrullita dallo scontro sul nulla dei principali leader politici. Che su questo precipitare della crisi internazionale tacciono tutti.

Ehi avete capito che ci avviciniamo sempre più alla guerra?

I governi terroristi di Israele e degli USA sono un pericolo terribile per tutti noi e vanno fermati nel nome del futuro dell’umanità.

– © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Sorgente: Bombe sulla Siria. Israele, stato terrorista che con gli Usa avvicina la guerra mondiale | Contropiano

“Uccideteli tutti”: manifestazioni a Tel Aviv a sostegno del genocidio dei Palestinesi

Mintpressnews.com. Di  Whitney WebbI massicci raduni e le campagne su Facebook che invocano il genocidio dei Palestinesi vengono ignorati dai media mainstream occidentali e da Facebook stesso, nonostante la preoccupazione e le collaborazioni volte a fermare gli “appelli alla violenza”.
Dallo scorso ottobre, il governo israeliano ha accusato i Palestinesi e i loro alleati di “incitamento alla violenza” contro gli Israeliani, sebbene solo 34 Israeliani siano morti in quel periodo rispetto ai 230 palestinesi. L’aumento della violenza è stato attribuito a un’invasione israeliana condannata a livello internazionale delle terre palestinesi nella contesa Cisgiordania.
La preoccupazione del governo israeliano per le recenti violenze lo ha portato ad arrestare i Palestinesi per i contenuti pubblicati nei social media, poiché porterebbero potenzialmente a crimini. Quest’anno sono stati arrestati 145 palestinesi per “crimini” di “incitamento” sui social media. Questa pratica alla fine ha condotto il governo israeliano e Facebook a collaborare, e lo sforzo per frenare l’incitamento nei social media ha significato al blocco di diversi account Facebook di giornalisti e agenzie stampa palestinesi.
Tuttavia, i social media, così come i principali media occidentali, non hanno condannato l”‘incitamento” israeliano contro i Palestinesi, la cui pratica è sorprendentemente comune, considerata la scarsa o nessuna attenzione che riceve. Spesso questi post, immagini e manifestazioni anti-palestinesi sono pieni di richieste di genocidio, con grida di “Morte a tutta la nazione araba” e “Uccidili tutti”.
Persino il Times of Israel ha pubblicato un articolo su “Quando il genocidio è ammissibile” in riferimento al trattamento riservato da Israele ai Palestinesi. Sebbene alla fine il post sia stato rimosso, indica una mentalità fin troppo comune e pericolosa che i social media, il governo israeliano e i media occidentali “convenientemente” ignorano.
Un’agenzia di stampa israeliana ha perfino messo alla prova l’allora sospetto trattamento preferenziale e ha scoperto che Facebook e le autorità israeliane trattano in maniera differente le richieste di vendetta da parte di Palestinesi e Israeliani.
Anche i grandi raduni che chiedono il genocidio palestinese sono stati ignorati interamente dai social media e da quelli delle corporation. All’inizio di quest’anno, a Tel Aviv si è tenuta una massiccia  manifestazione anti-palestinese in cui a migliaia hanno chiesto la morte di tutti gli Arabi. La manifestazione è stata organizzata per sostenere un soldato israeliano che ha ucciso un Palestinese già ferito sparandogli alla testa in una “esecuzione”.
Il soldato Elor Azaria è stato accusato di omicidio colposo per un’uccisione in territorio sovrano palestinese nella città di Hebron.
A Hebron vi è un insediamento ebraico illegale, ma nonostante la sua illegalità è protetto dalle Forze di Difesa Israeliane (IDF). Ciò ha portato a frequenti scontri tra israeliani e palestinesi nell’area.
Alla manifestazione di Tel-Aviv hanno partecipato circa 2.000 persone e diverse icone pop israeliane hanno intrattenuto i partecipanti, tra cui Maor Edri, Moshik Afia e Amos Elgali, insieme al rapper Subliminal. I canti di “Elor [il soldato] è un eroe” e gli appelli per liberarlo erano frequenti. Una donna è stata fotografata con un cartello con la scritta “Uccidili tutti”.
Un giornalista ebreo presente sulla scena ha osservato che sembrava “più di qualsiasi altra cosa, una celebrazione dell’omicidio”. Nonostante l’evidente animosità e l’incitamento resi evidenti durante il raduno, non è difficile immaginare quale sarebbe stata la risposta se si fosse trattato di una manifestazione pro-palestinese con la richiesta di morte diretta agli ebrei. Il netto divario tra ciò che è ammissibile per i Palestinesi e ciò che è permesso  agli Israeliani dovrebbe riguardarci tutti come il fatto che il diffuso pregiudizio dei social media, della stampa e molti governi minacciano di renderci ciechi dalle realtà del conflitto israelo-palestinese.
Traduzione per InfoPal di Bushra Al Said

Sorgente: “Uccideteli tutti”: manifestazioni a Tel Aviv a sostegno del genocidio dei Palestinesi | Infopal

Israele ha ricevuto poche critiche per le morti palestinesi

https://newsoftheworldnews.files.wordpress.com/2018/04/tumblr_p6ri565jcq1rqqkk7o1_1280.jpg?w=600

Di Patrick Cockburn

8 aprile  2018

Questo venerdì migliaia di dimostranti sono ritornati al confine e hanno dato fuoco a grossi mucchi di pneumatici per produrre una cortina fumogena nera che speravano li avrebbe nascosti ai cecchini israeliani. Il ministro della sanità di Gaza ha detto che sono state uccise 5 persone e che 1070 sono state ferite , comprese 293 uccise da munizioni vere.

I dimostranti sanno che cosa aspettarsi. Un video girato il primo giorno della manifestazione mostra un dimostrante che viene colpito alla schiena da un cecchino israeliano mentre si allontana dalla recinzione che separa Gaza da Israele. In un altro

filmato, dei Palestinesi vengono uccisi o feriti mentre pregano, camminano senza nulla in mano verso la recinzione del confine, o semplicemente reggono una bandiera palestinese. Tutti quelli che arrivano a una distanza di circa 275 m., sono etichettati come “istigatori” dall’esercito israeliano, i cui soldati hanno l’ordine di sparare contro di loro.

Nulla è stato  compiuto senza controllo: ogni cosa è stata precisa e misurata, e sappiamo dove è caduta ogni pallottola,” si dichiarava in un tweet delle forze armate israeliane il giorno dopo gli scontri del 30 marzo, all’inizio dei 45 giorni di quella che i palestinesi chiamano la “Grande Marcia del Ritorno” alle case che avevano a Israele 70 anni fa. Il tweet è stato cancellato subito dopo forse perché era venuto fuori il filmato di un dimostrante che veniva colpito alle spalle.

La  portata completa delle  vittime nel  primo giorno delle proteste, una settimana fa, è  impressionante : 16 persone uccise e 1415 ferite, delle quali 758 sono state colpite da munizioni vere, secondo i funzionari della sanità di Gaza. Queste cifre sono contestate da Israele che dice che i feriti ammontavano soltanto a poche dozzine. L’Osservatorio per i Diritti Umani ha però parlato con i medici dell’Ospedale Shifa a Gaza City che ha detto che avevano curato 294 dimostranti feriti, soprattutto “con ferite agli arti inferiori causate da munizioni vere.

Immaginate per un momento che non fossero due milioni di Palestinesi a Gaza che per lo più sono profughi del 1948, ma i 6 milioni di profughi siriani in Turchia, Libano e Giordania che avessero organizzato una marcia per tornare nelle loro case che avevano perduto in Siria fin dal 2011. Supponete che, mentre si avvicinavano al confine siriano venissero colpiti dal fuoco dell’esercito siriano e che centinaia di loro venissero uccisi o feriti. La Siria avrebbe certamente dichiarato che i dimostranti erano armati e pericolosi, anche se questo sarebbe stato contradetto dall’assenza di vittime tra i militari siriani.

Il grido di protesta internazionale contro il sanguinario regime siriano lanciato da Washington, Londra, Parigi e Berlino  sarebbe risuonato in tutto il mondo. Boris Johnson avrebbe denunciato Assad per essere un macellaio e Nikki Haley, l’ambasciatrice degli Stati Uniti all’ONU avrebbe tenuto in mano foto dei morti e dei moribondi di fronte al Consiglio di Sicurezza.

Naturalmente, Israele avrebbe negato furiosamente che ci fosse qualsiasi parallelo tra le due situazioni. Il portavoce del suo governo, David Keyes, ha rimproverato la CNN per avere usato la parola “protesta” , quando “ciò che è realmente accaduto è che Hamas ha progettato un evento con il quale volevano che migliaia di persone sciamassero a Israele, schiacciassero Israele e commettessero azioni terroristiche, In effetti, abbiamo catturato delle immagini di persone che sparavano, che piazzavano bombe, che sparavano razzi.”

In realtà non è mai venuta fuori nessuna fotografia di questi dimostranti presumibilmente bene armati. Quattro giorni dopo, però, l’Osservatorio per i Diritti Umani ha pubblicato un rapporto intitolato: illegali uccisioni a Gaza, illegali e calcolate. Funzionari israeliani –  Luce verde all’Uccisione di Dimostranti Disarmati, in cui si diceva che “non poteva trovare alcuna prova che qualche dimostrante usava armi da fuoco”. Aggiungeva che era venuto fuori che il filmato pubblicato dall’esercito israeliano che mostrava due uomini che sparavano a soldati israeliani non era stato girato durante la protesta.

I ministri israeliani sono imperturbabili di fronte al fatto che vengano screditate le affermazioni che i dimostranti costituiscono una minaccia militare per Israele. Il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman ha detto che i soldati israeliani avevano tenuto lontani gli agenti del ramo militare di Hamas abilmente e risolutamente… Hanno il mio appoggio completo.” La politica del ‘fuoco a volontà’ sta continuano come prima e il risultato è che l’organizzazione israeliana per i diritti umani, B’Tselem, ha lanciato una campagna che si chiama “Mi spiace,  comandante, non posso sparare” che incoraggia i soldati a rifiutarsi di sparare a civili disarmati per il motivo che è un’azione illegale.

Perché l’aumento delle proteste israeliane arriva adesso e perché Israele reagisce così violentemente? Non c’è nulla di nuovo nelle dimostrazioni palestinesi per la perdita della loro terra e per la reazione militare aggressiva di Israele. Ci possono, però, essere motivi particolari per cui uno scontro accade adesso, come per esempio, la rabbia dei palestinesi per la decisione presa in dicembre dal Presidente Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e per lo spostamento dell’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme. Questo ha pubblicizzato l’appoggio incondizionato di Washington alla posizione israeliana  e il

disprezzo degli Stati Uniti per i Palestinesi e per qualsiasi residua speranza che questi potrebbero dover ottenere almeno qualche concessione con l’aiuto degli Stati Uniti.

La stampa israeliana ha riferito che il forte appoggio da parte dell’amministrazione Trump è stato un ulteriore motivo per cui il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu pensa che una cattiva pubblicità per le sparatorie a Gaza non danneggeranno la posizione di Israele negli Stati Uniti. In passato, controversie sui massacri di Palestinesi o di Libanesi compiuti di Israele, ha talvolta provocato una reazione negativa degli Stati Uniti che ha limitato l’uso della forza da parte di Israele.

Finora Israele affrontato poche critiche da media internazionali che non sono interessati alla storia di Gaza, oppure sono contenti di essere d’accordo con l’interpretazione degli eventi che fa Israele. Il vocabolario usato dagli organi di stampa è spesso rivelatore: per esempio, il sito web della BBC il 31 marzo aveva un titolo che diceva: “Confine tra Gaza e Israele: scontri provocano la morte di 16 Palestinesi e il ferimento di centinaia”. La parola “scontri” implica il combattimento tra due gruppi in grado di combattersi, anche se, come dice l’Osservatorio per i Diritti Umani, i dimostranti non pongono alcuna minaccia a una macchina militare israeliana che ha un potere assoluto – un argomento rafforzato dal fatto che tutti i morti e i feriti sono palestinesi.

Probabilmente gli Israeliani stanno valutando male l’impatto dell’uso eccessivo della forza sull’opinione: nell’età dell’ wifi e di internet, le immagini esplicite delle vittime di violenze vengono trasmesse immediatamente al mondo, spesso con un effetto devastante. Come in Siria e in Iraq, il prezzo politico dell’assedio o del blocco di zone urbane come Gaza o la Ghouta Orientale sta aumentando perché è impossibile che impedire che le informazioni sulle sofferenze di coloro intrappolati dentro queste enclave diventino pubbliche, anche se questo potrebbe non avere alcun impatto sul corso degli eventi.

Contrariamente alle dichiarazioni di Keyes, ‘idea di una dimostrazione di massa contro la recinzione   sembra essere emersa per la prima volta sui media sociali a Gazam ed è soltanto in seguito adottata da Hamas. E’ l’unica strategia che probabilmente mostra dei risultati per i Palestinesi perché non hanno alcuna opzione militare, né alleati potenti, e la loro leadership è moribonda e corrotta. Hanno però i numeri: un recente rapporto al parlamento israeliano dice che ci sono grosso modo 6,5 milioni arabi palestinesi che e un uguale numero di cittadini ebrei in Israele e in Cisgiordania, senza contare quelli a Gerusalemme Est e a Gaza. Di solito Israele ha avuto maggiore difficoltà a trattare con movimenti di massa come quelli non violenti per i diritti civili tra i Palestinesi, rispetto a quella avuta a combattere le insorgenze armate.

Keyes sostiene che le dimostrazioni sono organizzate da Hamas, ma, anche in questo caso, si sbaglia su un punto importante, perché i testimoni sul posto dicono che l’impulso per le proteste arriva da gruppi non politici e da individui. Esprimono la frustrazione con i leader palestinesi falliti, divisi ed egoisti, sia di Hamas che di Fatah. L’aspetto più pericoloso della situazione nei termini del suo potenziale di violenza, potrebbe essere che nessuno è realmente responsabile.

Nella foto: | Gaza: i dimostranti  palestinesi bruciano centinaia di pneumatici,

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/israel-has-faced-little-criticism-over-palestinian-deaths/

Originale: The Independent

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2018 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

What happened at emergency UN session on Syria

Russian Ambassador to the UN Vassily Nebenzia speaks during the United Nations Security Council meeting on threats to international peace and security and the situation in the Middle East April 9, 2018 in New York. (Photo by AFP)

Russia has said that it has warned the US of “grave repercussions” if it attacks Syria over claims of a chemical weapons attack.

“There was no chemical weapons attack,” said Russian UN Ambassador Vassily Nebenzia during a UN Security Council meeting held on Monday.

“Through the relevant channels we already conveyed to the US that armed force under mendacious pretext against Syria – where, at the request of the legitimate government of a country, Russian troops have been deployed – could lead to grave repercussions,” he added.

He added that investigators with the global chemical weapons watchdog should travel to Syria as early as Tuesday to investigate accusations concerning the attack.

“Our military, radiological, biological, chemical unit was on site with the alleged chemical accident and it confirmed that there was no chemical substances found on the ground. There were no dead bodies found. There were no poisoned people in the hospitals. The doctors in Douma denied that there were people who came to the hospital claiming that they were under the chemical attack. The Syrian Red (Crescent) that was said to be treating people which were poisoned denied that it was ever doing that today. So what we’re saying — we are requesting the OPCW (Organization for the Prohibition of Chemical Weapons), which said in the person of its director general that they were ready to go to Douma, to do it immediately and to see themselves what happened on the ground,” he added.

An alleged chemical attack on Saturday in the militant-held town of Douma in Eastern Ghouta reportedly left dozens dead.

Damascus, in a statement released late on Saturday, strongly rejected the allegation of using chemical munitions and said that the so-called Jaish al-Islam Takfiri terrorist group, which has dominant presence in Douma, was repeating the accusations “in order to accuse the Syrian Arab army, in a blatant attempt to hinder the Army’s advance.”

US will respond to attack: Haley

During the UNSC meeting, US Ambassador to the United Nations Nikki Haley said that Washington “will respond” to incident regardless of whether the United Nations Security Council takes action or not.

“We have reached the moment when the world must see justice done,” she said.

“History will record this as the moment when the Security Council either discharged its duty or demonstrated its utter and complete failure to protect the people of Syria…Either way, the United States will respond,” she added.

US Ambassador to the UN Nikki Haley speaks during the United Nations Security Council meeting on threats to international peace and security and the situation in the Middle East April 9, 2018 in New York. (Photo by AFP)

Syria once again denies chemical attack    

Also present at the meeting, Syria’s ambassador to the United Nations Bashar Ja’afari once again denied that Syria was involved in a alleged chemical weapons attack in Douma.

“The Syrian Arab Republic stresses once again that it does not possess any chemical weapons of any type, including chlorine, and we condemn once again the use of chemical weapons at any time anywhere and under any circumstance,” he said.

Syria’s Ambassador to the United Nations, Bashar Jaafari addresses the United Nations Security Council meeting on Syria at the U.N. headquarters in New York, US, April 9, 2018. (Photo by Reuters)

“The Russian Center for Reconciliation in Syria announced today that military experts have carried out investigations in Douma, and these investigations suggest that there are no signs of the use of chemical weapons there. And while treating the sick that are being treated in the hospitals of Douma, Russian doctors have proven that these patients have not been subjected to any chemical substance. So what we are witnessing here is really a Hollywood scene. Thank you, Mr President,” he added.

Ja’afari further condemned an Israeli attack on a Syrian military airbase in Homs province.

“The government of the Syrian Arab Republic condemns in the strongest terms the ruthless Israeli aggression that took place this morning on the airport in Homs governorate, killing and injuring a number of civilians,” he said.

Sorgente: PressTV-What happened at emergency UN session on Syria

“Supremacy”, il brano di Roger Waters per i palestinesi

 

L’ex componente della storica band dei Pink Floyd ha voluto esprimere, tra le  altre cose, la sua protesta contro la decisione del presidente Usa, Donald Trump, di riconoscere, lo scorso 6 dicembre, Gerusalemme come capitale di Israele

Roger Waters (foto Afp)

della redazione

Roma, 16 marzo 2018, Nena NewsSi intitola “Supremacy” il nuovo brano a sostegno dei palestinesi di Roger Waters, ex componente della storica band dei Pink Floyd, che con esso ha voluto esprimere la sua protesta contro la decisione del presidente Usa, Donald Trump, di riconoscere, lo scorso 6 dicembre, Gerusalemme come capitale di Israele.

“Supremacy” paragona la storia dei soprusi sui palestinesi a quella dei coloni americani contro gli indiani d’America. Il brano è stato realizzato con la collaborazione del trio di musicisti “Joubran” che ha messo in musica i versi del poema “Il penultimo discorso del pellerossa all’uomo bianco” del grande poeta palestinese Mahmoud Darwish.

Waters è considerato un nemico dal governo Netanyahu perché è un attivista del movimento Bds, movimento internazionale che esorta al boicottaggio di Israele, ed assieme ad altre personalità del mondo dell’arte e dello spettacolo, tra le quali il regista Ken Loach, condanna le politiche di occupazione nei territori palestinesi praticate da Tel Aviv. Tra le sue ultime iniziative ci sono le lettere aperte contro i musicisti che accettano di tenere tour in Israele nonostante la repressione della popolazione palestinese. Hanno fatto notizia quelle indirizzate ai Radiohead e a Nick Cave.

Il musicista si è avvicinato molto alla causa palestinese dopo il 2002, in seguito alla costruzione del Muro di separazione israeliano nella Cisgiordania occupata e intorno a Gerusalemme. Una barriera che ha condannato con forza in molteplici occasioni, in particolare durante le sue visite nei Territori occupati, e che ha accostato ai contenuti espressi nel capolavoro dei Pink Floyd, “The Wall”.

thanks to: Nena News

È crisi umanitaria a Gaza stretta nel blocco di Israele ed Egitto

Il Cairo ha nuovamente chiuso il valico di Rafah gettando nella disperazione migliaia di palestinesi che attendevano da settimane il passaggio del confine. L’allarme dell’Oms per il sistema sanitario al collasso.

Gerusalemme, 28 febbraio 2018, Nena News – «È stato solo un inganno, gli egiziani dicevano che avrebbero aperto il transito di Rafah per quattro giorni e invece l’hanno chiuso dopo appena 24 ore». Jamil Hammouda, un giornalista che abbiamo raggiunto telefonicamente a Gaza, ci ha riferito della disperazione di migliaia di palestinesi che contavano di poter raggiungere il Cairo.

Persone gravemente ammalate, genitori che non vedono i figli da mesi, studenti diretti ad università in altri Paesi arabi. Dovranno aspettare ancora e per quanto non si sa. «E dall’altra parte ad El Arish – ha ricordato Hammouda – ci sono centinaia di persone che attendono da settimane di tornare a casa».

Il valico di Rafah, tra Gaza e il Sinai, è l’unica porta che due milioni di palestinesi hanno sul resto del mondo arabo. L’altro, quello di Erez a nord è accessibile solo a quei pochi che, dopo lunghe attese, riescono ad ottenere un permesso israeliano per superarlo. Il blocco di Gaza, anzi, è più giusto chiamarlo assedio, da parte di Israele ed Egitto è ferreo. E lo pagano oltre 2 milioni di civili e non, come affermano Tel Aviv e il Cairo, il movimento islamico Hamas che dicono di voler colpire.

L’Egitto ha motivato la chiusura di Rafah con la mancanza della necessaria sicurezza per i palestinesi in viaggio per il Cairo. «In realtà il valico è stato chiuso non appena sono transitati quei pochi che hanno potuto pagare tremila dollari (alle autorità egiziane, ndr)», ha spiegato Hammouda riferendosi alle “tariffe” che garantiscono il passaggio sicuro del valico.

Congelati gli accordi di riconciliazione tra Hamas e il partito Fatah del presidente dell’Anp Abu Mazen, Gaza sta precipitando in una crisi umanitaria devastante. Gli stessi israeliani nei giorni scorsi hanno lanciato un appello al finanziamento urgente di un loro piano per Gaza: con il blocco strangolano la Striscia e con le donazioni vorrebbero far respirare un territorio che hanno contribuito a trasformare in una enorme prigione.

Ben diverso è l’appello che ha lanciato l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a favore del sistema sanitario di Gaza al collasso e su 1.715 palestinesi che stanno per morire tra cui 113 neonati, 100 pazienti in terapia intensiva e 702 in emodialisi. L’Oms chiede aiuti per 11,2 milioni di dollari necessari a soddisfare i bisogni di salute per i prossimi tre mesi. E solleva il velo dell’indifferenza sugli interventi chirurgici rimandati, sulle culle di terapia intensiva che ospitano talvolta quattro neonati, sui 6.000 operatori sanitari che da mesi ricevono il 40% del loro salario.

«Senza finanziamenti nel 2018 – avverte l’Oms – 14 ospedali e 49 strutture di cure primaria dovranno affrontare una chiusura totale o parziale, con un impatto su 1,27 milioni di persone». Tre ospedali e 13 cliniche di assistenza primaria hanno già chiuso per la mancanza di energia elettrica. Scarseggiano i farmaci salvavita.

Ad appesantire il quadro c’è lo stato di emergenza proclamato dai municipi di Gaza. Senza più fondi le amministrazioni locali sono state costrette a dimezzare i loro servizi fra cui la nettezza urbana e la gestione del sistema fognario e a vietare, per il forte inquinamento, i bagni in mare. L’erogazione dell’acqua nelle case è stata limitata ad un’ora appena al giorno.

E intanto resta alto il rischio di un nuovo conflitto con Israele che nei giorni scorsi, in risposta ad un attacco a una sua pattuglia lungo il confine, ha lanciato ripetuti raid aerei contro presunte postazioni di Hamas. Quello della scorsa settimana è stato l’attacco dal cielo più ampio dalla guerra del 2014. Il generale Yoav Mordechai ha avvertito che Israele reagirà con forza a nuove manifestazioni di protesta sul confine. Negli ultimi mesi 15 dimostranti di Gaza sono stati uccisi da fuoco israeliano.

Sorgente: È crisi umanitaria a Gaza stretta nel blocco di Israele ed Egitto

Teva’s stunning list of cuts targets 14K jobs, $3B in costs and plants around the globe

by Carly Helfand

Teva

Teva unveiled a sweeping plan of cost cuts that will hit facilities and jobs around the globe.

Teva’s layoffs and cost cuts are here—and they’re far larger than reports predicted.

The company said Thursday it would slash its headcount by 14,000, eliminating more than 25% of its worldwide workforce. That’s 4,000 more than the most dire scenario raised ahead of the announcement. It’s aiming to cut $3 billion from its annual costs, $1 billion more than analysts had discussed.

And the ax will fall swiftly, with the majority of job cuts coming in 2018; most of the affected employees will receive notice over the next 90 days, Teva said. Meanwhile, manufacturing plants, R&D facilities and offices around the world will shut down or be sold.

The cost-cutting plan comes courtesy of new CEO Kåre Schultz, whom Teva recently tapped to help get things back on track. The company is burdened by debt at a time when it’s facing competition to its lead drug Copaxone, struggling under industrywide generics price erosion, and suffering from a slowdown in Teva’s generics launch schedule.

“Basically the only thing that we’re really protecting is the product flow,” he said on a Thursday morning call with investors.

The embattled drugmaker expects to save $3 billion by the end of 2019. That’s a large chunk of cash, considering that it estimates its total cost base for this year will check in at $16.1 billion. Teva also expects to rack up a restructuring charge of $700 million, mainly related to severance costs, it said.

And job cuts aren’t the only measure Schultz is taking to reduce costs. The company will also suspend its dividend and keep looking for opportunities to self off pieces of its business. Teva won’t cast off actual pharma products, Schultz said on the call, but it’ll look at jettisoning “all the sort of side things that are not directly linked into product sales,” such as distribution.

It’s scrapping its 2017 bonuses, too, “due to the fact that the company’s financial results are significantly below our original guidance for the year,” it said. Teva has lowered that guidance three times this year, twice by more than $1 billion.

The new restructuring blueprint will deal a big blow to generics, a business that’s struggling mightily. Teva plans to tweak prices and discontinue products, which will in turn speed up closures and selloffs of “a significant number” of manufacturing plants in the U.S., Europe, Israel and emerging markets. Hard times in the copycat drug business recently forced similar action from Novartis’ Sandoz, albeit on a much smaller scale.

Teva plans to shutter a laundry list of R&D facilities, headquarters locations and other offices around the world and review R&D programs across the company in both its generics and specialty portfolios. It plans to scrap some development projects immediately, it said.

Some higher-level workers will also get the boot; as part of the new, pared-down organizational structure Teva announced a couple of weeks back, the company will be “reducing layers of management,” it said.

“These are decisions I don’t take lightly but they are necessary to secure Teva’s future. We will implement these changes with fairness and the utmost respect for our colleagues worldwide,” he said in a Thursday statement, adding that “today’s announcement is about positioning Teva for a sustainable future.”

Schultz has plenty of experience with cost-cutting, which made him an attractive fit for the Teva job. In his previous post as Lundbeck’s chief executive, he rolled out a restructuring that claimed 1,000 jobs—and within a year of his arrival, he had profits exceeding expectations and revenue climbing. And while the Teva effort is much, much larger, he’s taking a similar approach.

“It’s very much following the same pattern, where you basically look at everything and try to optimize everything in one go,” he said on the call. The process also involves making sure the cost-cutting plans are “highly executable” and “borne out of specific targets for specific units.”

And Credit Suisse analyst Vamil Divan, M.D., for one, figures that track record will sit well with investors.

“We believe investors will also be willing to give him the benefit of the doubt that he will be able to successfully execute on this significant restructuring, although there is no clearly defined long-term strategy at this time to allow us to understand what the company will look like following this aggressive period of restructuring,” he wrote to clients.

Of course, pushing mass layoffs through is no easy task in Israel, where workers’ representatives were already mobilizing before Teva made the announcement. Avi Nissenkorn, chief of the Histadrut labor federation, declared a nationwide half-day strike for Sunday.

“The entire economy—from the airport to the banks to the seaports to the municipalities to the government service to the health clinics—will stand until noon on Sunday in solidarity with Teva’s employees,” Nissenkorn told reporters.

Teva’s been down this road before, but Schultz is undeterred. “Consultations with the relevant employee representatives will begin in the near term,” Teva said Thursday.

The cuts are deep, but Bernstein analyst Ronny Gal called executing cost cuts “critical” in a Wednesday note ahead of Teva’s unveiling its detailed plans. “We will judge the company in part on its ability to persevere through the local opposition,” he wrote.

Meanwhile, though, at least one analyst says the moves may be too broad. Wells Fargo’s David Maris, who called the plan “unfortunate” in his own note to clients, noted that “it may also have significant negative effects to Teva’s competitiveness.”

“We question how beneficial it may be to cut a quarter of Teva’s workforce, and whether this disruption will further weaken the business and financial controls,” he said, adding that “Overpaying for Actavis generics, a Mexican generics company, underinvesting in a pipeline and other missteps are some of the factors that have resulted in the current crisis, in our opinion.”

thanks to: FiercePharma

Impara a conoscere le spie che iniettano propaganda israeliana nella tua fonte di notizie

Gli attivisti di solidarietà per la Palestina “combattono per i cuori e le menti della base popolare”, ha detto e ha affermato, “ci siamo appena svegliati [col BDS] e dobbiamo fare molto velocemente.”  Copertina – Sima Vaknin-Gil, ora responsabile della direzione del ministero anti-BDS di Israele, un tempo era direttrice della censura militare. (Wikipedia)

di Asa Winstanley, 24 gennaio 2018

Quando all’inizio del 2016 Sima Vaknin-Gil è diventata direttrice generale del Ministero degli Affari strategici israeliano, un fatto cruciale è passato ampiamente inosservato.

Per anni è stata un ufficiale di alto grado in un’agenzia di spionaggio israeliana.

Ciò significa che negli ultimi due anni un ex ufficiale dei servizi segreti ha gestito la guerra globale israeliana contro il BDS, il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.

Il suo capo al ministero è Gilad Erdan, un alleato chiave del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Il mese scorso hanno rivelato di aver speso enormi somme per la creazione di una propaganda anti-BDS indirizzata ai social media e ai media.

Dovrebbe suonare forte la sveglia a tutti i difensori della libertà di parola e dei diritti umani quando una pacifica campagna della società civile è presa di mira da agenzie di spionaggio responsabili di pirateria informatica, torture, rapimenti e omicidi in Palestina e in tutto il mondo.

Servizi segreti militari

Pur non essendo un segreto, il retroterra di Vaknin-Gil è stato appena considerato dalla copertura dei media dopo la sua nomina fondata sul suo precedente ruolo di capo della censura di Israele.

Un’attenta ricerca è arrivata a un solo articolo – un’intervista del dicembre 2015 alla rivista israeliana Army Defense – che parlava della sua carriera nell’intelligence.

L’intervista fu rilasciata alla vigilia della sua nomina come massimo funzionario in quello che è effettivamente il ministero anti-BDS di Israele. Rivelò di avere trascorso più di 20 anni come spia nell’intelligence dell’aviazione israeliana, arrivando al grado di generale di brigata – una posizione che mantiene ancora come riservista.

In quel periodo, dichiara la rivista, lavorò “a stretto contatto con i funzionari statunitensi e gli ufficiali più alti in grado dell’intelligence israeliana”.

Nel 2005, ha iniziato il suo percorso di dieci anni come capo della censura militare, un ruolo che ha richiesto un coordinamento regolare con le principali spie e leader militari israeliani, tra cui il capo dell’intelligence militare, il capo del Mossad e il capo dello stato maggiore dell’esercito.

“Inondare internet”

“Voglio creare una comunità di combattenti”, ha detto Vaknin-Gil poco dopo la sua nomina al ministero degli affari strategici.

Ha detto di avere programmato di “inondare internet” con una propaganda israeliana che avrebbe pubblicamente preso le distanze dal governo.

Recentemente, durante una conferenza del Jerusalem Post, ha annunciato solo di sfuggita di provenire “dall’intelligence dell’IDF,” l’esercito israeliano.

Trasmesso in live streaming su YouTube, il dibattito di dicembre 2017 è stato una discussione su come combattere al meglio il BDS.

Vaknin-Gil ha ammesso che gli argomenti dei diritti umani degli attivisti BDS risultano molto convincenti per la base popolare in Europa e negli Stati Uniti al punto che “laggiù, a meno che non si faccia qualcosa, perderemo”.

Ha attribuito ai sostenitori dei diritti dei palestinesi un “comportamento molto, molto intelligente”.

Gli attivisti di solidarietà per la Palestina “combattono per i cuori e le menti della base popolare”, ha detto e ha affermato, “ci siamo appena svegliati [col BDS] e dobbiamo fare molto velocemente.”

Il co-fondatore del movimento BDS Omar Barghouti ha dichiarato a The Electronic Intifada che Israele non è riuscito a vincere “la battaglia per i cuori e le menti al livello della base popolare”.

Secondo Barghouti, Israele sta “cercando disperatamente di sopprimere l’enorme crescita del movimento BDS per i diritti palestinesi nel mainstream passando a misure draconiane di repressione ed esportandole attraverso i suoi gruppi di pressione nei governi occidentali”.

I profondi legami del Ministero con lo spionaggio

L’agenda ufficiale del ministro per gli affari strategici Gilad Erdan del 2016, arrivata nelle mani di attivisti israeliani e tradotta da The Electronic Intifada, conferma gli stretti legami del suo dipartimento con le agenzie di spionaggio del paese.

L’agenda riporta un incontro del 17 gennaio con il capo dello Shin Bet, la polizia segreta israeliana. L’agenzia ha una lunga storia di molestie, rapimenti, torture e uccisioni di attivisti palestinesi.

L’agenda mostra anche che il 16 febbraio 2016 Erdan ha pranzato con il capo del Mossad, l’agenzia d’oltremare israeliana di spionaggio e assassinio.

E il 20 marzo Erdan a quanto pare ha incontrato il “capo degli 8200” – riferimento all’Unità 8200, le spie israeliane responsabili dei principalmente impegnati nella guerra cibernetica.

Secondo i veterani dell’Unità 8200, le sue attività includono intercettazione delle comunicazioni di civili palestinesi che vivono sotto occupazione israeliana per persecuzione politica o per trovare informazioni personali o sessuali imbarazzanti che potrebbero essere utilizzate per ricattarli a collaborare.

Corruzione della stampa

Il piano di Vaknin-Gil di “inondare internet” rispecchia precedenti segreti tentativi di diffondere propaganda filo-israeliana.

Nel 2014, The Electronic Intifada ha scoperto un complotto proveniente dal sito digitale Israel21c studiato per piazzare i suoi pezzi fasulli online e nei media con l’uso di metodi ingannevoli.

Con Vaknin-Gil – un esperto in censura della stampa – il ministero sta invece cercando di corrompere gli editori.

L’osservatorio dei media israeliani The Seventh Eye ha riferito il mese scorso che il ministero che Vaknin- Gil gestisce ha pagato l’editore del quotidiano più venduto in Israele 100.000 dollari per pubblicare articoli e video che attaccano il BDS come “antisemita”.

Pubblicato in ebraico e in inglese da Yediot Ahronot e dal suo sito web Ynet, gli articoli non hanno rivelato esplicitamente che erano contenuti a pagamento.

Un articolo inglese ha accennato vagamente al fatto che erano il risultato dell’”unione delle forze” del ministero e dell’editore, mentre due articoli ebraici affermavano che erano “in collaborazione” con il ministero.

Guerra di propaganda

The Seventh Eye ha spiegato che questa propaganda era “destinata ad influenzare i lettori a sostenere una campagna che Israele sta conducendo contro i suoi critici.”

Oltre a Yediot, il ministero ha anche comprato un finto giornalismo con lo scopo di ottenere l’appoggio di un pubblico globale, compreso quello di Times of Israel e del The Jerusalem Post.

L’agenda 2016 di Erdan si allinea a questo, riportando “un incontro del 18 luglio con l’editore del quotidiano The Jerusalem Post, Yaakov Katz.” La voce non registra l’argomento dell’incontro.

Gli articoli a pagamento facevano parte di una più ampia campagna del ministero degli affari strategici, che comprendeva un budget di 740.000 dollari “per promuovere contenuti sui social media e sui motori di ricerca, tra cui Google, Twitter, Facebook e Instagram”, ha riferito The Seventh Eye.

FOTO – Il sito web creato dal Ministero degli affari strategici per aiutare gli utenti della sua app “Act.il” a diffondere propaganda israeliana online.

Altri 570.000 dollari sono stati spesi per la realizzazione di Act.il, un’app anti-BDS, ed è stata incoraggiata la diffusione online della produzione di video di sostegno.

Una delle “missioni” assegnate ai soldati israeliani della propaganda attraverso l’utilizzo dell’app Act.il lo scorso novembre, secondo The Jewish Daily Forward, “è stata quella di commentare un post specifico sulla pagina Facebook del sito web filopalestinese Electronic Intifada”.

Gli addetti alle pubbliche relazioni di Israele volevano contrastare l’impatto di The Electronic Intifada sull’appoggio del governo olandese a una promozione da parte della catena di supermercati israeliani Shufersal che fanno affari con gli insediamenti.

L’app Act.il è stata finanziata in gran parte dal miliardario dei casinò Sheldon Adelson – un importante donatore per cause anti-palestinesi e per la campagna presidenziale di Donald Trump.

Il ministero degli affari strategici è stato costretto a rendere note a The Seventh Eye le informazioni sul finanziamento in base alle leggi israeliane sulla libertà di informazione.

Ma la rivelazione potrebbe essere una delle ultime di questo tipo se il ministero si farà strada.

Ministero segreto

Il parlamento israeliano in luglio ha dato l’approvazione preliminare ad un disegno di legge che esime il Ministero degli Affari strategici dalla libertà di diritto di informazione.

Erdan ha argomentato sul disegno di legge, redatto dal suo ministero, sostenendo che il BDS è un “fronte di battaglia come qualsiasi altro” e c’è bisogno di mantenere “segreti i nostri metodi di azione”.

Una voce del 7 novembre sull’agenda 2016 di Erdan indica che l’ex spia Vaknin-Gil è stata direttamente coinvolta nella stesura di leggi israeliane contro il BDS.

Con oggetto “Legge BDS”, la voce recita, “Un incontro con Liat e Sima sugli emendamenti legislativi alla legge sul boicottaggio.” (il personale di Erdan al ministero è riportato in tutta l’agenda con il solo nome).

Se la legge verrà approvata, metterà il ministero di Erdan sullo stesso piano di Mossad e Shin Bet, anch’essi esenti dalla libertà di informazione.

Dato che il ministero di Erdan è sempre più gestito come un’agenzia di spionaggio centrata a livello globale piuttosto che un dipartimento governativo convenzionale, forse questa non dovrebbe essere una grossa sorpresa.

Haaretz ha descritto il ministero come “un luogo la cui terminologia interna viene dal mondo dello spionaggio e della sicurezza; le sue figure di spicco sembrano considerarsi i capi di un’unità di commando degli affari pubblici impegnata su più fronti.”

Oltre ad essere guidato da una, il ministero è in gran parte formato da ex spie.

Il predecessore di Vaknin-Gil come direttore generale è stato Ram Ben Barak, ex vice capo del Mossad.

Come ha rivelato The Electronic Intifada l’anno scorso, il direttore della sezione “intelligence” del ministero è Shai Har-Zvi, tenente-colonnello dell’esercito israeliano e probabilmente un’altra ex spia.

Senza fare nomi, un giornalista esperto di intelligence israeliana, Yossi Melman, aveva precedentemente riferito che la posizione era occupata una volta da “un ex investigatore nel sistema di sicurezza.”

“Fonti nascoste”, attività illegali

Melman – che ha confermato la rivelazione di The Electronic Intifada del nome di Har-Zvi – ha scritto che il ruolo della sua sezione “è quello di raccogliere informazioni e dati sul BDS e sui suoi attivisti da fonti sia pubbliche che nascoste”.

Melman ha scritto anche che il ministero ha assunto 25 dipendenti “in gran parte ex ufficiali dei servizi segreti israeliani” i cui nomi sono riservati.

Quali sono queste “fonti segrete” di cui si sta avvalendo la rete di spie di Erdan? Coinvolgono attività illegali? E stanno infrangendo le leggi di altri paesi in cui operano?

“Vogliamo che la maggior parte del lavoro del ministero rimanga riservata”, ha detto Vaknin-Gil al parlamento israeliano nel settembre 2016, quando ha riconosciuto che “una parte importante di ciò che facciamo rimane sotto i radar”.

Erdan ha anche ammesso l’uso da parte del suo ministero di gruppi di facciata internazionali – uno strumento storico delle agenzie di spionaggio israeliane. “La maggior parte delle azioni del ministero non sono del ministero, ma fatte attraverso corpi in tutto il mondo che non vogliono rendere pubblica il loro collegamento con lo stato”, ha detto l’anno scorso.

Un ministro rivale nel 2016 ha accusato Erdan e il suo feudo di “aver gestito organizzazioni ebraiche britanniche alle spalle dell’ambasciata [israeliana] in un modo che potrebbe metterle in violazione della legge britannica”.

E Melman nel 2016 ha rivelato che il ministero è coinvolto in “operazioni oscure” contro il movimento per la giustizia in Palestina.

E’ stato riferito anche da Haaretz che il ministero stava costituendo una “unità di offuscamento” per diffondere menzogne su attivisti BDS.

Minacce di morte e hackeraggio

In un articolo per il giornale ebraico Maariv, Melman ha indicato attacchi ai siti web del Comitato nazionale BDS della Palestina e ad altri gruppi per i diritti umani, suggerendo che gli attacchi potrebbero essere collegati al ministero di Erdan.

Ha anche riportato di minacce di morte contro Nada Kiswanson, un’avvocatessa del gruppo per i diritti umani Al-Haq, che aveva lavorato a L’Aia per raccogliere prove dei crimini di guerra israeliani per la Corte penale internazionale.

Le autorità olandesi hanno indagato sulle minacce. Melman sottintendeva che anche queste potevano essere legate al ministero.

Oltre a molestie e sabotaggi, i gruppi palestinesi sono stati attaccati con campagne diffamatorie volte a minare il loro sostegno politico e finanziario.

Al-Haq e Al Mezan, altro gruppo palestinese per i diritti umani che ha contribuito a raccogliere prove di crimini di guerra, hanno affrontato negli ultimi due anni una sostenuta campagna di diffamazione.

Tutto questo è venuto sia pubblicamente da funzionari israeliani, sia con campagne diffamatorie, false dichiarazioni rilasciate in loro nome, minacce di morte e altre vessazioni nei confronti del loro personale.

La guerra segreta di Israele sembra colpire anche gli attivisti di solidarietà dei paesi occidentali.

Gettare la maschera

A luglio, i membri di una delegazione interreligiosa in Palestina erano stati esclusi dai voli dallo staff di Lufthansa che agiva su ordini israeliani.

Il rabbino di Jewish Voice for Peace, Alissa Wise, ha dichiarato a The Electronic Intifada che lo staff della compagnia aerea ha letto nomi di attivisti che non erano mai stati annunciati pubblicamente come parte della delegazione e che non avevano i biglietti. Ha detto che questo ha dimostrato che a Lufthansa è stata data una lista di persone ottenuta dalla sorveglianza israeliana sulle comunicazioni fra attivisti.

Mentre la campagna segreta di Israele mira a sopprimere le informazioni negative sulle sue violazioni dei diritti dei palestinesi, la campagna stessa appanna ulteriormente la sua immagine malconcia.

Con le sue misure repressive contro la solidarietà per la Palestina, il co-fondatore del BDS, Omar Barghouti, ha detto che Israele “sta gettando la maschera della democrazia e del liberalismo e sta rivelando il suo vero volto come un regime di occupazione e apartheid”.

“Israele sta destinando centinaia di milioni di dollari, dedicando un intero ministero del governo, usando i suoi servizi di intelligence e mostrando i suoi muscoli politici a tutto il mondo per combattere il movimento”, ha aggiunto Barghouti. “Ma questa è una dura battaglia che Israele non può che perdere.”

traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina

fonte: https://electronicintifada.net/blogs/asa-winstanley/meet-spies-injecting-israeli-propaganda-your-news-feed

thanks to: InvictaPalestina

PLO on the Knesset’s extension of Israeli law

PLO Executive Committee Member Dr. Hanan Ashrawi on the Knesset’s extension of Israeli law to academic institutions in the illegal settlements

“We condemn the Israeli Knesset’s vote to extend Israeli law to academic institutions in the illegal settlements and place them under the authority of the Council for Higher Education in Israel. This decision represents another dangerous step in the annexation of the occupied West Bank. These academic institutions include Ariel University which is located in the Salfit Governorate (settlement of Ariel), Orot College which is located in the Salfit Governorate (settlement of Elkana), and Herzog College which is located near Bethlehem and Jerusalem (settlement of Alon Shvut).

Such legislation is part of the Israeli government’s plans to impose its sovereignty on all of the occupied West Bank, systematically wiping out the Palestinian presence and continuity on Palestinian soil and destroying the two-state solution.

All settlements are illegal and constitute a war crime under the Rome Statute of the International Criminal Court and a direct violation of international law and conventions, including UNSC resolution 2334. Israel is thereby demonstrating its intent to prolong and consolidate its military occupation by working to “legalize” the presence of extremist Jewish settlers, institutions and settlements in the occupied Palestinian territory.

The U.S. administration’s unilateral steps on Jerusalem and refugees, as well as its unquestioning support of Israel’s lawlessness and impunity have only emboldened Israel to persist in such unlawful policies of creeping annexation with the aim of superimposing “Greater Israel” on all of historic Palestine.

We call on global and regional partners who claim to support international law, international humanitarian law and the two-state solution to step in urgently and curb this latest Israeli outrage and to hold Israel to account by employing punitive measures and sanctions.

In particular, we urge the European Union to implement its own legislation which clearly states that it will not provide funding to Israeli organizations or institutions situated in the occupied West Bank. Instead of maintaining a relationship of exceptionalism and preferential treatment with Israel, it is time to send Israel a clear message that the EU will not tolerate such behavior that not only violates international law but also subverts any global effort at bring about the two-state solution and peace.”

###

© Scoop Media

Sorgente: PLO on the Knesset’s extension of Israeli law

A history of Israeli military aggression against Syria

An F-16I, operated by the Israeli military (file photo by AFP)

An F-16I, operated by the Israeli military (file photo by AFP)

Below is a quick look at Israel’s acts of military aggression against Syria:

June 9-10, 1967: Israel attacks Syria, occupying the country’s Golan Heights during its Six Day War on Arab territories.

October 5, 2003 (Ain es Saheb airstrike): An Israeli warplane squadron attacks a camp about 24 kilometers northwest of the Syrian capital, Damascus, injuring a civilian guard.

September 6, 2007: Israel attacks Dayr al-Zawr Province in northeastern Syria, striking what it says is a suspected nuclear reactor.

November 11, 2012: Israel fires a “warning shot” in the direction of Syria, alleging that it is responding to a stray mortar round fired from the southwestern Syrian province of Quneitra.

November 17, 2012: Israel opens artillery fire against positions belonging to the Syrian Army, alleging that it was retaliating for attacks on an Israeli patrol near the demilitarized zone. It later stages a direct strike at the source of mortar shells that it says the Syrian Army fired in response to the first Israeli strike.

January 30, 2013: Israeli warplanes strike a convoy that Tel Aviv claims was carrying weapons to Hezbollah.

March 24, 2013: The Israeli military releases a guided missile at a Syrian trench used for deploying machineguns. It alleges it is responding to shots fired at Israeli forces in the occupied Golan Heights, though affirming that none of its troops had been wounded in the alleged incident there.

May 21, 2013: Israeli forces attack what they say is the source of fire targeting an Israeli vehicle in the Golan Heights.

July 17, 2013: The Israeli military fires at a group of unidentified individuals on Syria’s border after an Israeli patrols comes under purported fire near the demilitarized zone.

August 17, 2013: Israeli forces hit a Syrian Army outpost with a guided missile, alleging that they are responding to Syrian mortar rounds.

March 18, 2014: Israel hits Syrian military targets, including a military headquarters and an Army base, with artillery and aerial fire, describing the attacks as tit-for-tat strikes after a purported explosive goes off near an Israeli military vehicle close to the Syrian border. It says one Israeli soldier was killed in the alleged incident.

March 28, 2014: Israeli forces fire volleys of bullets at what the regime calls the source of Syrian mortar shells fired at Israeli military positions on Mount Hermon in the Israeli-occupied Golan Heights.

June 23, 2014: The Israeli regime bombards Syrian Army targets several times, killing at least 10 Syrian soldiers in response to an alleged strike a day earlier on a water truck moving along the border fence.

July 15, 2014: The Israeli military kills 18 Syrians, including eight civilians, in attacks on three locations on Syrian soil. It says it had come under rocket attack in the occupied Golan Heights earlier.

September 23, 2014: Israel downs a Syrian military aircraft that it alleges wandered into the occupied Golan Heights.

August 20, 2015: Israel takes Quneitra and its neighboring province of Rif Dimashq under successive airstrikes, hitting Syrian military outposts and soldiers. The regime claims it had come under rocket fire in the occupied Golan Heights and the Upper Galilee area earlier. It kills five civilians in an attack on a vehicle a day later, claiming it is seeking to take out those behind the rocket attacks.

November 28, 2016: Israel hits an abandoned UN building in the occupied Golan Heights, claiming it is suspected of being used by the militants.

March 16-17, 2017: Israel confirms, for the first time, that it targeted what it called a convoy belonging to the Hezbollah resistance movement near the Syrian ancient city of Palmyra. The attack marked the deepest foray by Israel into Syrian territory yet.

April 23, 2017: Israel’s military strikes positions on the outskirts of Quneitra’s capital city of the same name, killing three forces allied with the Syrian government.

June 24, 2017: Israeli warplanes destroy two Syrian tanks and a machinegun position in response to alleged shells hitting Israel the previous day, killing several Syrian soldiers and civilians.

June 24-26, 2017: Israel kills 13 Syrian soldiers in repeated attacks on Syrian military targets in Quneitra.

October 21, 2017: Israel hits Syrian artillery positions after five mortar rounds come down in an open area in the occupied Golan Heights. Syrian government sources say later that the mortar fire, which caused no damage or casualties, had been aimed at “terrorists linked to Israel.” The terrorists, they say, “had [themselves] launched mortar shells, upon the instructions of the Israeli occupation, on an area of empty land inside the occupied territories to give the Israeli enemy a pretext to carry out its aggression.”

February 10, 2018: The Israeli military conducts strikes against Syrian positions. The Syrian military hits at least one Israeli F-16 warplane during the attacks.

The Israeli military confirms the downing of the F-16.

thanks to: PressTV

La Difesa Aerea siriana respinge l’ultima aggressione israelo-statunitense

Il 10 febbraio, aerei israeliani attaccavano diverse aree in Siria, ma la difesa aerea siriana abbatteva 2 aviogetti dell’IAF (1 F-16I Sufa e 1 F-15I Baaz), sul nord d’Israele, impiegando missili del sistema di difesa aereo S-125 Pechora-2M. I piloti si eiettavano, ma uno decedeva in seguito alle ferite. Gli israeliani avevano tentato di attaccare le postazioni dell’EAS utilizzando missili da crociera, senza avvicinarsi allo spazio aereo siriano. Le difese aeree siriane (SyAAD) abbattevano i missili più pericolosi, lasciando andare quelli che non avrebbero causato danni in territorio siriano. L’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv veniva chiuso e le sirene antiaeree suonavano nelle alture del Golan e nella Galilea. Subito dopo gli israeliani, per “rappresaglia”, attaccavano le postazioni dell’EAS nella regione meridionale della Siria, mentre le difese aeree siriane sventavano il nuovo attacco. “Il nemico israeliano all’alba aveva attaccato una postazione militare nella regione centrale, e le difese aeree siriane respingevano l’attacco colpendo più di un aereo”. In seguito gli israeliani attaccavano alcune postazioni nella regione meridionale, che le difese aeree respingevano ancora una volta. In seguito, le autorità israeliane facevano appello alla Russia per contribuire a ridurre le tensioni al confine con la Siria; questo a seguito di un incontro urgente tra il Primo ministro, il ministro della Difesa e altri alti funzionari israeliani. Il disinformatore Magnyer tentava di spacciare la tesi che gli aviogetti israeliani siano stati abbattuti da missili iraniani Shaheen, cercando di giustificare a livello mediatico la propaganda sionista. Ma il sistema di difesa Shaheen è la copia iraniana del sistema statunitense Hawk, ed è quindi incompatibile con la rete dei sistemi di difesa aerea siriana d’impronta sovietica-russa.
Tutto questo avveniva poche ore dopo che l’Esercito arabo siriano spazzava via ogni residua presenza di al-Qaida e Stato Islamico dai governatorati di Hama ed Aleppo, liquidando in poche settimane una sacca di 1100 kmq con 500 terroristi intrappolati dentro. Il Comando Generale dell’Esercito e delle Forze Armate siriane dichiarava lo sradicamento dei terroristi dello SIIL e dei gruppi affiliati nelle aree tra Qanasir, Aleppo, Sinjar e Sinah. Inoltre, la bufala della strage di soldati siriani nel bombardamento statunitense su Tabiyah e Qasham, presso Dayr al-Zur, svanisce con l’ammissione dello stesso Mattis che le forze d’occupazione statunitensi avevano colpito solo 2 carri armati delle milizie tribali governative siriane; probabilmente si trattava di due autoveicoli civili, dato che le autorità siriane riferivano di 40 civili uccisi o feriti. I timori negli USA riguardo a un coinvolgimento in Siria sono sempre più acuti; il senatore degli Stati Uniti Tim Kaine, membro del comitato per le relazioni estere e i servizi armati del Senato, criticava l’attacco degli Stati Uniti, “Anche se sono grato che nessun membro degli Stati Uniti o della coalizione sia stato ferito nell’attacco, sono gravemente preoccupato dall’amministrazione Trump che volutamente s’infila in un grande conflitto, senza il voto del Congresso ed obiettivi chiari“. Mattis stesso mostrava dei dubbi sugli eventi a Dayr al-Zur, definendola “situazione di perplessità“, non potendo dare “alcuna spiegazione sul perché” forze filogovernative avrebbero attaccato una base delle SDF. Come affermano chiaramente le fonti governative siriane, non c’è mai stata alcuna operazione siriana contro il territorio occupato dalle SDF, ma un’operazione di ricognizione contro le infiltrazioni dello SIIL nel governatorato di Dayr al-Zur.
Va notato che almeno un paio di presunti ‘giornalisti freelence’ in Siria, un presunto corrispondente russo e un noto mercenario statunitense, hanno amplificato e spacciato tale operazione da guerra psicologica e di disinformazione. Il falso corrispondente russo arrivava a dire che nell’azione statunitense erano morti “130 mercenari russi” della compagnia Wagner (!?), mentre il mercenario statunitense, due ore prima dell’attacco statunitense, aveva tweettato che forze siriane stavano per attaccare obiettivi detenuti dalle SDF nella regione, lanciando alle forze militari del proprio Paese un preallarme. Le autorità siriane dovrebbero mostrare estrema attenzione verso coloro che si presentano come amici, solo per poi monitorare con metodi, modalità e scopi poco chiari, le aree del territorio siriano sottoposte a maggior conflitto.

Nel frattempo, un capo di Jabhat al-Nusra, Abu Yaman, e cinque sue guardie del corpo, venivano uccisi presso Jisr al-Shughur, a sud d’Idlib, da disertori della stessa organizzazione terroristica, mentre un elicottero d’attacco turco Agusta/TAI T-129B ATAK veniva abbattuto dalle YPG ad al-Qudah, presso Raju, a nord-ovest d’Ifrin. I due piloti restavano uccisi. Un’unità dell’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del gruppo terroristico Jabhat al-Nusra su Tal Hadada, ad est di Qinsiba, a nord di Lataqia, eliminando l’intero gruppo. Ad est di Damasco, tra Irbin e Harasta, la 4.ta Divisione dell’Esercito arabo siriano liberava diversi edifici, numerose trincee e cinque tunnel occupati dai terroristi dell’Hayat Tahrir al-Sham. Inoltre, un distaccamento delle Forze di Difesa Nazionali (NDF) liquidava 12 terroristi dello SIIL, e ne sequestrava l’autocarro che trasportava missili anticarro AGM-114 Hellfire e dispositivi per il controllo dei missili.
Note
Anàlisis Militares
Global Security
al-Masdar
Moon of Alabama
Muraselon
Muraselon
Muraselon
Muraselon
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
SANA

via La Difesa Aerea siriana respinge l’ultima aggressione israelo-statunitense — Aurora

Israele e miti sionisti – seconda parte

di Joseph Halevi

Recensione a: Ilan Pappé Ten Myths About Israel London: Verso 2017, pp. 171

Seconda parte

Un paese che si basa sulla pulizia etnica e sulla colonizzazione permanente non può essere definito democratico. In verità nessuna entità statuale ove é in atto una colonizzazione a scapito della popolazione autoctona é definibile come democratica: si veda il caso dell’Australia ove fino al 1967 gli aborigeni, già violentemente decimati durante il diciannovesimo secolo, non venivano nemmeno contati nei censimenti. Eppure l’Australia era considerata una fiorente democrazia, il che significa che il termine è perfettamente malleabile a piacere senza un valore universale. Il settimo capitolo del volume di Pappé si prefigge di dimostrare la fallacia insita nella propaganda americano-israeliana riguardo l’unica democrazia nel Medioriente. Il capitolo é più incisivo di quello precedente appena discusso.

Pappé inizia osservando che la visione di Israele nel mondo, condivisa anche da rispettabili autori palestinesi, é che, dopo la guerra del 1967, il paese pur incorrendo in delle difficoltà con l’occupazione e il dominio sui palestinesi, rimane comunque uno Stato democratico. Scrive però Pappé che anche prima del 1967 in nessun modo poteva lo Stato d’Israele essere considerato democratico; a meno che, aggiungo, non si consideri la democrazia applicabile solo ad una parte della popolazione. A questo punto l’autore passa in rassegna le misure e le politiche di repressione nei confronti dei pochi palestinesi scampati alla Naqba. Nei due anni che trascorsero dalla fine della guerra del 1948-49 il parlamento, la Knesset, incorporò le leggi speciali di emergenza varate dalle autorità britanniche nel 1945 durante gli anni del terrorismo sionista dell’Irgun di Begin e compagnia, ma che non era soltanto una prerogativa della destra bensì vi partecipava anche l’establishment socialista-sionista. (10) La popolazione palestinese rimasta venne sottoposta ad un governatorato militare retto dalle leggi di emergenza, le stesse che al tempo del dominio britannico tutte le organizzazioni sioniste denunciarono come di stile nazista. La conseguenza fu la totale assenza di uno stato di diritto per questa popolazione che in teoria avrebbe dovuto godere di tutti i diritti in quanto formalmente di cittadinanza israeliana. Il governatore militare poteva – in maniera assolutamente insindacabile – requisire case, espellerne ed arrestarne gli abitanti, confiscare terreni, revocare permessi. Il governatore poteva dichiarare delle aree chiuse per motivi di sicurezza rendendo ‘illegali’ casolari e agglomerati di abitazioni palestinesi ubicate dentro queste aree che poi venivano assegnate a insediamenti che per statuto erano esclusivamente ebraici. Tale pratica continua tutt’oggi con la messa fuori legge di agglomerati beduini nel Negev a sud di Tel Aviv. Accadeva e accade, che dei palestinesi fossero – e siano ancora – condannati per aver violato un’area chiusa di cui erano o sono proprietari. (11) Spesso i villaggi palestinesi erano sottoposti a coprifuoco e fu in queste circostanze che, sottolinea Pappé, alla vigilia della guerra del 1956, accadde il massacro di Kafr Qasim che costò la vita a 49 palestinesi. Sul villaggio, assieme ad alcuni altri nelle vicinanze, il coprifuoco scattò quando molte persone erano ancora al lavoro nei campi per cui man mano che rientravano, ignare della decisione del governatore militare, venivano uccise dall’esercito israeliano. Tale evento non fu casuale: Pappé scrive che l’eccidio va inquadrato nell’ambito dell’operazione “Talpa”, un piano di espulsione dei restanti palestinesi in caso di un nuovo conflitto con i paesi arabi e il massacro di Kafr Qasim costituiva un test circa la propensione della restante popolazione palestinese a fuggire oltre la linea verde. Malgrado il governo di Ben Gurion avesse cercato di occultare l’eccidio, questo fu portato alla luce del sole grazie all’attività dei deputati comunisti e di un deputato del partito socialista sionista Mapam. Il processo che seguì inflisse delle pene molto leggere seguite da ulteriori condoni.

Gran parte delle leggi discriminatorie nei confronti dei palestinesi passano, senza mai menzionare i soggetti verso cui sono dirette, attraverso il fatto che gli arabi israeliani sono esenti dal servizio militare. Ad esempio, disposizioni riguardo l’usufrutto di servizi sociali o di altri tipi di sovvenzioni includono la clausola che i richiedenti devono aver effettuato il servizio militare. Nella popolazione ebraico-israeliana – la sola che veramente conti dato che gli altri ci sono perché o l’esercito non ha fatto in tempo a cacciarli via o perché sono riusciti a rimanere aggrappati ai loro paesi e/o a nascondersi in villaggi vicini a quelli investiti dal terrorismo dell’Haganà –  l’esonero dei palestinesi dall’esercito fornisce la giustificazione circa la natura non razzista delle misure di discriminazione. Meritatamente Pappé porta a conoscenza del grande pubblico la vera storia dell’esclusione dalla leva dei palestinesi israeliani. A metà degli anni ’50 il governo israeliano mise i palestinesi di fronte alla prova, chiamandoli ai centri di reclutamento dell’esercito. Sollecitati anche organizzativamente dal Partito Comunista d’Israele, che era la maggiore formazione politica tra i palestinesi israeliani e la sola forza di ricostituzione della loro identità palestinese, i giovani in età di leva accorsero in massa con grande sorpresa del governo. Colte in contropiede le autorità non ripeterono mai più l’esercizio ma hanno da sempre usato la falsa scusa del rifiuto palestinese di servire nell’esercito per giustificare le misure discriminatorie.

L’arbitrio del regime militare verso i palestinesi era totale. Non solo i coprifuoco erano ingiustificati e applicati per terrorizzare la popolazione palestinese ma i soldati potevano intimare l’alt e sparare, anche su bambini, in condizioni ‘normali’. Avendo, una parte di quegli anni, vissuto da ragazzo in Israele come figlio di una famiglia dell’establishment sionista socialista, posso dire che la segregazione era totale. Pappé scrive che il governatorato militare proibiva ai palestinesi l’accesso al 93% del territorio nazionale. Per noi ‘ebrei’ del luogo, Israele era – ed é per gli ‘ebrei’ israeliani di oggi – un paese liberissimo di cui si poteva e si può dire peste e corna fermo restando il fatto che gli ‘arabi’ volevano e vogliono ‘distruggerci’ e quelli rimasti in Israele – una potenziale quinta colonna – dovevano ringraziarci per tollerarli. In ogni caso, la Terra d’Israele è nostra da oltre 3000 anni, eccetera.  Noi ‘ebrei’ abbiamo quindi ragione a priori!

Benché sottoposti al regime militare i palestinesi israeliani potevano votare e questo, dal lato propagandistico, cancellava ogni discriminazione. Guardando poi da vicino si scopre che la situazione era ed é assai diversa, ma su questo tema rinvio ad un altro lavoro di Pappé. (12) La situazione, allargando il tema trattato da Pappé, era gravissima per i palestinesi cittadini israeliani di terza o quarta classe col diritto di voto come foglia di fico che copriva la realtà effettiva. L’assenza per loro di uno stato di diritto significava essere esposti ad uccisioni da far west. Ben Gurion era consapevole dello stato di cose e ne era preoccupato non per ragioni di democrazia verso i palestinesi  ma perché pensava che gli assassinii compiuti dai soldati verso gli arabi israeliani potessero ripercuotersi sull’immagine di Israele. Di recente Gidi Weitz di Ha-aretz ha riportato alla luce i verbali desecretati di una riunione del consiglio dei ministri del 1951 nella quale Ben Gurion parlò nella veste del suo secondo ruolo, quello di Ministro della Difesa, strabiliando gli stessi ministri:

“Non sono il Ministro della Giustizia, non sono il Ministro di Polizia e non sono a conoscenza di tutte le azioni criminali commesse ma come Ministro della Difesa, conosco alcuni di questi crimini e devo dire che la situazione fa paura specialmente in relazione a due aspetti: 1) omicidi e 2) atti di stupro”. E aggiunse: “persone dello Stato Maggiore mi dicono – ed é anche la mia opinione –  che fintanto che un soldato ebreo non viene impiccato per aver ucciso degli arabi, questi omicidi non cesseranno”. Ben Gurion colse perfettamente l’essenza della dimensione razzista di Israele, allora ancora in formazione ma oggi non più eradicabile su cui la professoressa (Premio Sakharov del Parlamento Europeo) Nurit Peled Elhanan dell’Università ebraica di Gerusalemme, ha scritto pagine preziosissime. (13)

Continuiamo a leggere Ben Gurion:

“In linea di massima coloro che hanno i fucili li usano”  e (alcuni) “credono che gli ebrei siano persone ma non gli arabi e che quindi sia possibile far contro di loro qualsiasi cosa. Alcuni pensano che uccidere arabi sia un comandamento e che tutto quello che il Governo dice contro le uccisioni di arabi  non sia una cosa seria e il divieto di uccidere arabi é solo una finzione ma che in effetti sia un atto ben accetto perché così vi saranno meno arabi in giro. Fintanto che continueranno a pensare in questo modo le uccisioni non si fermeranno.” E infine: “Presto non saremo più in grado di mostrare la nostra faccia al mondo. Gli ebrei incontrano un arabo e (che fanno?) lo uccidono”. (14)

La stampa ebraico-israeliana era allora completamente passiva e rarissimamente riportava gli assassinii perpetrati dai soldati – criminali a piede libero – sulle strade di campagna d’Israele, e mai come degli omicidi. A loro volta, i giornali dei movimenti kibbutzistici erano falsi, in quanto predicavano idee socialiste per poi partecipare a man bassa alla spoliazione della popolazione palestinese. Solo i giornali comunisti Kol ha-am (La voce del popolo) in ebraico e Al Ittihad (L’Unità) in arabo, costituivano una voce fortemente critica riguardo i soprusi subiti dai palestinesi. I comunisti però erano molto guardinghi proprio perché conoscevano bene la situazione sul terreno essendo la maggiore forza tra gli arabi israeliani ed erano consapevoli del rischio di una nuova ondata di pulizia etnica come erano consapevoli della pulizia etnica in atto condotta dall’esercito israeliano nella zona demilitarizzata. Tuttavia non tutto è controllabile soprattutto se la critica viene dall’élite europea degli ebrei israeliani. Anche in Sudafrica del resto il regime dell’ apartheid non riusciva a silenziare completamente le critiche provenienti da bianchi democratici specialmente se si trovavano ad essere membri del Parlamento di Città del Capo come nel caso della famosa deputata Helen Suzman (1917-2009), con 36 anni di vita parlamentare sulle spalle e amica di Nelson Mandela che andava a visitare in prigione.

Nel 1953 Azriel Karlibach, fondatore e direttore di Maariv, il maggior quotidiano – politicamente di centro – d’Israele, pubblicò un suo pezzo, scritto in forma poetica, di una potenza straordinaria, ancor oggi insuperata. Il titolo dell’articolo è molto significativo in quanto è preso da un’opera letteraria sudafricana nota per essere un testo di critica e protesta contro il tipo di società che darà vita all’apartheid. Si tratta del romanzo di Alan Paton pubblicato nel 1948 col titolo Cry Beloved Country (Piangi terra amata). (15) L’articolo di Karlibach, avendo lo stesso titolo, stabiliva un legame diretto col regime di apartheid sudafricano e – essendo l’autore liberaleggiante ed anti-socialista – puntava apertamente il dito contro la falsità dei kibbutzim che da un lato esprimevano solidarietà con gli africani e, dall’altro, derubavano gli arabi delle loro terra. Il tema del poema, stilato nella forma di un dialogo tra padre e figlia mentre vanno a vedere cosa stava succedendo in Galilea, è una disamina molto dettagliata dei meccanismi messi in atto per espropriare i palestinesi israeliani delle proprio terre. In tale contesto, il parlamento israeliano, la Knesset, viene esplicitamente accusato di essere non un’assise democratica ma un consesso ove arbitrariamente viene legalizzata la spoliazione degli arabi d’Israele, contro la quale, in seguito ai ricorsi da parte delle vittime, si erano formalmente espressi i magistrati israeliani. Tuttavia, scrive Karlibach, per aggirare le sentenze, in effetti giuste, dei tribunali israeliani, coloro che hanno partecipato al furto si riuniscono nella Knesset e decretano che questi terreni non sono regolati da alcuna legge stabilendo altresì che ai legittimi proprietari è fatto divieto di rivolgersi alla magistratura. La critica di Karlibach si connette alle osservazioni di Ben Gurion riguardo le uccisioni arbitrarie effettuate dai sodati israeliani in libertà, che si appaiano all’arbitrarietà della legislazione votata dalla Knesset, funzionante come un parlamento dell’apartheid sionista avente quindi poca o nessuna legittimità democratica. Il quadro che emerge circa la democrazia israeliana nei confronti dei palestinesi rimasti in Israele è preciso e sconvolgente.

Quando nel 1966 gran parte dei terreni arabi erano ormai stati requisiti e la popolazione ammassata in villaggi impoveriti e resi asfittici per mancanza di aree disponibili, il regime militare, divenuto troppo ingombrante rispetto alla pretesa di democraticità dello Stato nei confronti di tutti i suoi cittadini, venne abrogato. Non fu così però con le prerogative già in possesso del governatore militare che vennero trasferite alle autorità civili. Intatta rimase la prerogativa di dichiarare illegali degli insediamenti arabi, di raderli al suolo e  adibire le zone così ‘ripulite’ a nuovi insediamenti per soli ebrei.  Succede ancor oggi e non mi riferisco alle distruzioni di case palestinesi, 50 mila dal 1967, di uliveti, frutteti, e delle requisizioni di terreni che avvengono ormai da cinquant’anni nei territori conquistati con la guerra del 1967. L’ottavo capitolo del volume di Pappé tratta di tutto questo in maniera egregia. Mi riferisco invece a fatti accaduti recentemente, nel 2016, dentro la vecchia linea verde, come la distruzione del villaggio beduino di Um-Al-Hiram nel Negev settentrionale dichiarato illegale cui é seguita la rapida assegnazione del suolo alla costruzione di una località per soli ebrei. (16) I mesi intercorsi tra l’abolizione del governo militare sui palestinesi di Israele e la guerra del 1967 hanno costituito l’unico periodo in cui, dal 1948, i Palestinesi dell’ insieme della Palestina non fossero soggetti ad un regime militare. Con la conquista della Cisgiordania e di Gaza il governo israeliano, nota giustamente Pappé, trasferì l’intero apparato repressivo perfezionato dal governo militare riguardo i palestinesi di Israele sui palestinesi delle zone conquistate senza che essi potessero usufruire perfino di una minima protezione non avendo diritti politici e civili.

Rispetto all’evento del 1960, il 1967 rappresentò la grande occasione di conquistare l’insieme della Palestina. L’occupazione ebbe immediatamente un carattere di conquista – di “liberazione” di tutta la Terra di Israele, come allora recitavano in coro giornali e partiti ad eccezione del quello comunista Rakah. (17) Liberazione da chi? dal controllo arabo ovviamente. Purtroppo, per i dirigenti israeliani, i nuovi territori non vennero liberati dalla presenza della popolazione palestinese. Un esodo oltre il Giordano vi fu: circa trecentomila profughi lo attraversarono ma il restante milione e passa di abitanti della Cisgiordania rimase fissa sul posto. Da Gaza poi era impossibile andarsene sebbene Levi Eshkol, Primo Ministro laburista durante il 1967, ne avesse vagheggiato l’espulsione. Immediatamente in Israele si sviluppò il dibattito su come annettere i nuovi territori senza però assorbirne la popolazione araba, ingombrante e superflua quindi. Questo è Israele, un paese razzista fino al midollo, razzismo che nasce dall’ideologia sionista di insediamento coloniale volta espressamente a sostituire popolazione araba con una ebraica. Molto rapidamente venne prodotto un piano noto come il Piano Allon, ideato da Ygal Allon, ministro nel governo laburista di Levi Eshkol, un’importante figura nel movimento kibbutzistico e nella storia dell’esercito israeliano. Una prima versione apparve nell’estate del 1967 e una seconda agli inizi del 1968. Il piano prevedeva l’annessione di una parte della Cisgiordania, una fascia assai ampia  lungo la valle del Giordano e di tutta Gerusalemme collegata alla fascia con una striscia. In tal modo la Cisgiordania veniva spaccata in tre parti: una zona annessa ad Israele con completa continuità territoriale e due zone palestinesi separate tra loro: una a nord di Gerusalemme e del suo corridoio verso la valle del Giordano e una a sud di Gerusalemme. Queste erano le aree con la più alta concentrazione di palestinesi. Il piano non venne mai adottato ufficialmente dal governo ma servì da piattaforma di riferimento per le politiche di colonizzazione. L’idea di un’autonomia palestinese nella forma dei bantustan del Sudafrica dell’apartheid nasce col Piano Allon.

Cinquant’anni dopo stiamo ancora alla stesso punto con un’importante differenza: già nel 1990 il Piano Allon non era più realizzabile in quanto gli insediamenti coloniali, tutti al 100% illegali, punteggiavano le tre zone. L’alternativa venne in effetti da Rabin: collegare gli insediamenti con Israele e tra di loro attraverso un sistema di strade speciali chiuse ai palestinesi. Queste strade frammentano le zone della supposta autorità palestinese in un mosaico di piccole aree senza continuità territoriale e soggette al regime dei posti di blocco dell’esercito israeliano. Ciò implica che l’esercito oppressore deve essere presente in permanenza controllando i passaggi da una zona palestinese all’altra attraverso dei posti di blocco. Da molti anni i posti di blocco costituiscono uno strumento di vessazione ed umiliazione costante della popolazione palestinese, una prova quotidiana che – nella ‘democrazia’ israeliana – essi non hanno diritti e sono ciecamente soggetti al dominio militare. Parallelamente gran parte della popolazione ebrea israeliana si trova da circa due generazioni ormai a partecipare attivamente alla repressione dei palestinesi con la gestione dei posti di blocco e dell’occupazione militare, sia attraverso il servizio militare che coinvolge uomini e donne, sia attraverso il periodico richiamo nel servizio di riserva degli uomini fino a circa 50 anni.  Con una politica di bantustan come principio guida, gli accordi di Oslo non potevano che fallire. Ed è questo che dimostra Pappé nell’ottavo capitolo. All’autorità palestinese veniva richiesto di gestire i bantustan secondo i criteri dell’occupazione, di riconoscere la ‘realtà’ sul terreno, cioè la colonizzazione, e veniva escluso il riconoscimento dei diritti dei rifugiati della Naqba. Nei negoziati durante il fallito accordo di Camp David patrocinati da Clinton, fu respinta perfino la richiesta di Arafat di cessare gli abusi quotidiani nei confronti della popolazione palestinese. Gli accordi che avrebbero dovuto portare ad una soluzione negoziata del ‘conflitto’ comportavano inoltre un ulteriore restringimento e frammentazione delle aree palestinesi e, osserva Pappé, ad ogni proposta di spartizione il popolo palestinese ha visto aumentare la violenza nei suoi confronti. Le proposte di Ehud Barak, il leader laburista allora al governo, erano talmente inaccettabili che anche l’allora ministro degli esteri di Israele nel governo Barak, Shlomo Ben Amì, dichiarò nel 2006 in un dibattito televisivo sul canale di “Democracy Now”, che se fosse stato palestinese non avrebbe firmato gli accordi di Camp David. (18)

Particolarmente importante é il racconto che nel nono capitolo Pappé fa della situazione a Gaza ove ricapitola le fasi della crescita di Hamas mostrando che si tratta di un movimento politico, e non terroristico in quanto tale, sviluppatosi sul vuoto creato da Al-Fatah e con una posizione) netta sul diritto al ritorno dei profughi del 1948. Quest’ultimo aspetto è molto importante a Gaza dato che nel 1948 la striscia era stata scelta da Israele per espellervi i palestinesi delle zone meridionali del loro stesso paese. Il fallimento pianificato di Camp David e Taba (19) – località questa sul confine tra Egitto e Israele vicino a Eilat sul Golfo di Aqaba – diede luogo alla Seconda Intifada mentre Ariel Sharon del Likud (‘destra’) diventava il nuovo Primo Ministro. In questo contesto Pappé mostra come Sharon sfruttò la nuova situazione e la crescita di Hamas a Gaza per ottenere da parte degli USA via libera riguardo l’annessione di gran parte della Cisgiordania. L’impossibilità di controllare Gaza dall’interno fornì lo spunto per la messa in opera di una strategia che da un lato presentava il ritiro da Gaza come una concessione di pace e, dall’altro, chiedeva agli Stati Uniti, allora governati da Bush figlio, di escludere i profughi della Naqba da ogni negoziato. Un fatto riportato da Pappé chiarifica la strategia di Ariel Sharon. Gli Stati Uniti erano riluttanti ad accettare il piano di ritiro da Gaza proposto da Sharon. Contando sulle affinità ideologiche con Bush riguardo il mondo arabo, Sharon scommise che sarebbe riuscito a far accettare il piano alla Casa Bianca. E così in effetti fu con l’aggiunta della promessa da parte di Washington di non includere i profughi nelle trattative e di non far pressione su Israele riguardo l’espansione degli insediamenti in Cisgiordania. Lo sganciamento da Gaza e la trasformazione della Striscia in una prigione controllata dall’esterno e regolarmente bombardata ha sortito, nota Pappé, l’effetto di silenziare  l’opposizione – tra gli ebrei di Israele – all’occupazione e di formare un vastissimo consenso in favore di essa. Ergo conclude Pappé nel decimo ed ultimo capitolo del libro, la sola via è quella di una battaglia per un solo Stato di tutti i cittadini, come nel caso del Sudafrica dopo l’apartheid. Anzi, prosegue Pappé, continuare a parlare della soluzione a due Stati significa appoggiare l’apartheid, dato che con i due Stati la colonizzazione non verrà eliminata né arrestata mentre lo Stato palestinese sarà una serie di bantustan e Gaza rimarrà una prigione dalle orribili condizioni di vita diventate ormai insostenibili.

Negli ultimi quattro decenni si sono formati degli storici che hanno profondamente cambiato lo studio del Medioriente. Essi sono ebrei israeliani, palestinesi israeliani e palestinesi, dai Khalidi, a Nur Masahla, a Avi Shlaim, a Joseph Massad, a Ilan Pappé. Fino alla formazione di questi storici la propaganda israeliana dominava e si basava su criteri tanto semplici quanto falsi. Secondo tale propaganda, gli “ebrei” hanno diritto alla Terra di Palestina perché era la loro storicamente e ne sono stati stati espulsi definitivamente dai romani. Nei tempi più recenti la Palestina era pressoché disabitata, atta dunque a ricevere i presunti discendenti degli abitanti originari perseguitati da un razzismo anti-ebraico immanente ed incancellabile. Al loro arrivo per costruire il loro legittimo Stato essi  si sono confrontati con l’ostilità araba anch’essa motivata da un’innata anti-ebraicità. I ‘pochi’ abitanti arabi della Palestina avrebbero potuto facilmente sistemarsi nei paesi arabi vicini solo che i governi ‘arabi’ hanno preferito la via di distruggere Israele. Gira e rigira questa è la storia ufficiale ormai del tutto invalidata. Essa è stata talmente invalidata che perfino gli storici ufficiali rimasti la negano sul piano metodologico, come é successo nel caso delle loro reazioni ai volumi di Shlomo Sand ed anche in altre circostanze, per poi farla riemergere quando respingono la natura del sionismo come un movimento di insediamento coloniale ed esclusivo.

Ilan Pappé é sicuramente la persona che ha maggiormente studiato la storia della Palestina e di Israele in tutte le sue molteplici forme fornendoci un quadro storiografico incontrovertibile. Per i suoi imprescindibili contributi, Pappé ha ricevuto, nel novembre del 2017 a Londra, il massimo premio del Palestine Book Awards. (20) Tuttavia non é detto che le conclusioni da lui raggiunte in questo volume siano realizzabili e tali da poter arrestare la colonizzazione. E’ perfettamente possibile, anzi probabile, che mentre la soluzione a due Stati sia ormai defunta, quella che liberi il popolo palestinese dall’oppressione coloniale sia di là da venire e nemmeno individuabile.

Fine

Note

10 E’ indicativo che durante il massacro di Deir Yassin perpetrato dall’Irgun nell’aprile del 1948, una formazione dell’ufficiale Haganà stazionasse a pochissimi chilometri di distanza senza alzare un dito. Le bande criminali ebbero tutto il tempo di esibire la popolazione catturata per le strade di Gerusalemme, di riportarla a Deir Yassin e di sterminarla senza che l’Haganà facesse nulla per impedirlo.

11 Vedi Mondoweiss del 27/12/2017: http://mondoweiss.net/2017/12/israeli-sentences-trespassing/?utm_source=Mondoweiss+List&utm_campaign=32481edf23-RSS_EMAIL_CAMPAIGN&utm_medium=email&utm_term=0_b86bace129-32481edf23398519897&mc_cid=32481edf23&mc_eid=9728f22b82

12 Ilan Papp é, The Forgotten Palestinians: A History of the Palestinians in Israel, New Haven, CT: Yale University Press, 2013.

13 Nurit Peled Elhanan: La Palestina nei testi scolastici di Israele. Ideologia e propaganda nellistruzione. Milano: EGA-Edizioni Gruppo Abele, 2015.

14 Le citazioni provengono dall’ edizione in inglese di Ha-aretz e sono state tradotte da me. Vedi Gedi Weitz in Ha-aretz 1/4/2016: Ben-Gurion in 1951: Only Death Penalty Will Deter Jews From Gratuitous Killing of Arabs.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-1.712125

15 Azriel Karlibach: Cry Beloved Country, in ebraico in Maariv 25/2/1953. Tradotto e stampato in Inglese in Uri Davis e Norton Mezvinsky (a cura di), Documents From Israel: 1967-1973. London: Ithaca Press, 1975, pp. 14-20.

16 https://972mag.com/authorities-start-process-of-replacing-bedouin-town-with-a-jewish-one/121065/

17 Nel 1965 il Partito Comunista d’Israele si spaccò a causa del fatto che il suo segretario generale, Shmuel Mikunis effettuò una svolta filosionista e critica verso la posizione dell’ URSS sul Medioriente. Il grosso dell’ufficio politico e del partito non seguì Mikunis il quale però era il titolare legale del nome del partito MAKI (partito cominista d’Israele). Si formarono cosi due gruppi parlamentari, quello di Mikunis dal nome Maki e composto dal solo Mikunis, e RAKAH (nuova lista comunista) con tre parlamentari. Molto rapidamente il gruppo Mikunis si sciolse nelle liste piu radicali della sinistra sionista che, dopo varie mutazioni, oggi si condensano nel piccolo partito MERETZ, mentre RAKAH diede vita a HADASH (acronimo per fronte democratico per la pace) oggi facente parte della Lista Unita – terzo gruppo parlamentare alla Knesset – che raccoglie una serie di organismi politici palestineso-israeliani. In tal modo però HADASH ha perso il suo carattere di unica formazione politica israeliana non ‘etnicamente’ schierata. La scelta è stata imposta dal cambiamento delle legge elettorale che, aumentando la soglia di sbarramento, ha obbligato i partiti che operano nel settore arabo o, come i comunisti, che ricevono voti soprattutto dai palestinesi israeliani, ad accorparsi.

18 https://www.democracynow.org/2006/2/14/fmr_israeli_foreign_minister_if_i, anche:

https://www.theguardian.com/commentisfree/2010/jul/01/israel-palestinian-peace-camp-david

19 I colloqui di Taba si tennero tra il 21 e il 27 gennaio 2001 e avrebbero dovuto essere lo strumento per l’applicazione degli accordi di Camp David II dell’ anno precedente. I colloqui furono però interrotti per le elezioni israeliane che portarono al governo israeliano Ariel Sharon.

20 http://www.middleeasteye.net/news/three-authors-highlighted-palestine-book-awards-489086373

Il ringraziamento di Pappé, breve ma importante, si trova a:

https://www.versobooks.com/blogs/3532-ilan-pappe-s-keynote-address-at-2017-palestine-book-awards

thanks to: Brescia Anticapitalista