Russian Defense Ministry Refutes Claims of Strike on Syrian Hospital

The Russian Defense Ministry has denied reports that Russian forces delivered airstrikes on April 27 on a hospital in Syria’s Aleppo, Defense Ministry spokesman Igor Konashenkov said Wednesday.

n April, the international humanitarian group Doctors Without Borders (MSF) said that 50 people were killed in an airstrike which struck the al-Quds hospital in the Syrian city of Aleppo.

“The so-called news story about the bombing of a hospital in Al-Quds was picked up by many international media outlets as an example of failure of the Russian and US-agreed Syrian ceasefire. We checked this information; and today we will show you the real picture based on the reconnaissance data,” Konashenkov said.

One picture clearly shows the destroyed hospital, the general noted. “It’s an indisputable fact no one is denying.”

Al Quds hospital, April 2016
© Photo: Ministry of Defence
Al Quds hospital, April 2016

The second picture illustrates the hospital building with damage in identical places to the first photograph, however, this one was taken in October 2015.

Al Quds hospital, October 2015
© Photo: Ministry of Defence
Al Quds hospital, October 2015

“These photos clearly show that all alleged ‘eyewitness’ accounts of an airstrike on the hospital are fake. Further comments are unnecessary,” Konashenkov said.

Local sources blamed the attack on the Syrian government and Russia, which supports President Bashar Assad. However, the Russian Defense Ministry stated that he country’s planes did not carry out airstrikes in Syria in the past days, while Damascus put the blame on terrorist groups.

Sorgente: Russian Defense Ministry Refutes Claims of Strike on Syrian Hospital

Advertisements

Yemen: Embargo Arms to Saudi Arabia

(Sanaa) – The United States, United Kingdom, France, and others should suspend all weapon sales to Saudi Arabia until it not only curtails its unlawful airstrikes in Yemen but also credibly investigates alleged violations.

Since March 26, 2015, a coalition of nine Arab countries has conducted military operations against the Houthi armed group and carried out numerous indiscriminate and disproportionate airstrikes. The airstrikes have continued despite a March 20 announcement of a new ceasefire. The coalition has consistently failed to investigate alleged unlawful attacks as the laws of war require. Saudi Arabia has been the leader of the coalition, with targeting decisions made in the Saudi Defense Ministry in Riyadh.

“For the past year, governments that arm Saudi Arabia have rejected or downplayed compelling evidence that the coalition’s airstrikes have killed hundreds of civilians in Yemen,” said Philippe Bolopion, deputy global advocacy director. “By continuing to sell weapons to a known violator that has done little to curtail its abuses, the US, UK, and France risk being complicit in unlawful civilian deaths.”
Nongovernmental organizations and the United Nations have investigated and reported on numerous unlawful coalition airstrikes. Human Rights Watch, Amnesty International, and other international and Yemeni groups have issued a joint statement calling for the cessation of sales and transfers of all weapons and military-related equipment to parties to the conflict in Yemen where “there is a substantial risk of these arms being used… to commit or facilitate serious violations of international humanitarian law or international human rights law.” Human Rights Watch has documented 36 unlawful airstrikes – some of which may amount to war crimes – that have killed at least 550 civilians, as well as 15 attacks involving internationally banned cluster munitions. The UN Panel of Experts on Yemen, established under UN Security Council Resolution 2140 (2013), in a report made public on January 26, 2016, “documented 119 coalition sorties relating to violations” of the laws of war.
Saudi Arabia has not responded to Human Rights Watch letters detailing apparent violations by the coalition and seeking clarification on the intended target of attack. Saudi Arabia has successfully lobbied the UN Human Rights Council to prevent it from creating an independent, international investigative mechanism.
In September 2014, the Houthis, a Zaidi Shia group from northern Yemen also known as Ansar Allah, took control of Yemen’s capital, Sanaa. In January 2015, they effectively ousted President Abdu Rabu Mansour Hadi and his cabinet. The Houthis, along with forces loyal to former president Ali Abdullah Saleh, then swept south, threatening to take the port city of Aden. On March 26, the Saudi-led coalition, consisting of Bahrain, Kuwait, Qatar, the United Arab Emirates, Egypt, Jordan, Morocco, and Sudan, began an aerial bombing campaign against Houthi and allied forces.
At least 3,200 civilians have been killed and 5,700 wounded since coalition military operations began, 60 percent of them in coalition airstrikes, according to the UN High Commissioner for Human Rights. The naval blockade the coalition imposed on Yemen has contributed to an immense humanitarian crisis that has left 80 percent of the population of the impoverished country in need of humanitarian protection and assistance.

The UN Panel of Experts found that, “the coalition’s targeting of civilians through air strikes, either by bombing residential neighborhoods or by treating the entire cities of Sa‘dah and Maran in northern Yemen as military targets, is a grave violation of the principles of distinction, proportionality and precaution. In certain cases, the Panel found such violations to have been conducted in a widespread and systematic manner.” Deliberate, indiscriminate, and disproportionate attacks against civilians are serious violations of the laws of war, to which all warring parties are bound.

The UN panel said that the attacks it documented included attacks on “camps for internally displaced persons and refugees; civilian gatherings, including weddings; civilian vehicles, including buses; civilian residential areas; medical facilities; schools; mosques; markets, factories and food storage warehouses; and other essential civilian infrastructure, such as the airport in Sana’a, the port in Hudaydah and domestic transit routes.”

Residents sifting through the rubble of homes destroyed in an airstrike three days prior in Yareem town. The strike killed at least 16 civilians.

The 36 unlawful airstrikes Human Rights Watch documented include attacks on schools, hospitals, and homes, with no evidence they were being used for military purposes. Human Rights Watch has collected the names of over 550 civilians killed in these 36 attacks. Amnesty International has documented an additional 26 strikes that appear to have violated the laws of war. Mwatana, one of Yemen’s leading human rights organizations, issued a report in December that documented an additional 29 unlawful airstrikes across Yemen, from March to October 2015.

In addition, Human Rights Watch and Amnesty International have documented civilian casualties from internationally banned cluster munitions used in or near cities and villages. Cluster munitions have been used in multiple locations in at least five of Yemen’s 21 governorates: Amran, Hajja, Hodaida, Saada, and Sanaa. The coalition has used at least six types of cluster munitions, three delivered by air-dropped bombs and three by ground-launched rockets. Human Rights Watch has said there should be an immediate halt to all use of cluster munitions and that coalition members should join the Convention on Cluster Munitions.

Despite the numerous credible reports of serious laws-of-war violations, the Saudi-led coalition has taken no evident actions either to minimize harm to civilians in its air operations or to investigate past incidents and hold those responsible to account. So long as no such steps are taken, governments should not supply weapons to the leading coalition member.

The UK foreign affairs minister, Phillip Hammond, and other senior UK officials have repeatedly said that coalition forces have not committed any violations of the laws of war. On February 2, 2016, an important cross-party committee of UK members of parliament sent a letter to the international development secretary, Justine Greening, calling for immediate suspension of UK arms sales to Saudi Arabia and an international independent inquiry into the coalition’s military campaign in Yemen.

On February 25, the European parliament passed a resolution calling on the European Union’s High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini “to launch an initiative aimed at imposing an EU arms embargo against Saudi Arabia.” On February 17, the Dutch parliament voted to impose the embargo and ban all arms exports to Saudi Arabia.

On January 31, the coalition announced the creation of a committee to promote the coalition’s compliance with the laws of war. However, the military spokesman for the coalition specified that the objective of the committee was not to carry out investigations into alleged violations.

Human Rights Watch has also documented serious laws of war violations by Houthi and allied forces, including indiscriminate shelling of cities, enforced disappearances, and the use of internationally banned antipersonnel landmines. Human Rights Watch supports a ban on the sale or provision of weapons to the Houthis that are likely to be used unlawfully, notably unguided “Grad-type” rockets and anti-personnel landmines.

“How many more airstrikes need to wreak havoc on civilians before countries supplying aircraft and bombs to the coalition pull the plug?” Bolopion said.

UK, US Arms Support for Saudi-led Coalition
Under international law, the US is a party to the armed conflict in Yemen. Lt. Gen. Charles Brown, commander of the US Air Force Central Command, said that the US military has deployed dedicated personnel to the Saudi joint planning and operations cell to help “coordinate activities.” US participation in specific military operations, such as providing advice on targeting decisions and aerial refueling during bombing raids, may make US forces jointly responsible for laws-of-war violations by coalition forces. As a party to the conflict, the US is itself obligated to investigate allegedly unlawful attacks in which it took part.

The UK government has said that though it has personnel in Saudi Arabia, they are not involved in carrying out strikes, or directing or conducting operations in Yemen, or selecting targets. UK Prime Minister David Cameron has stated that UK personnel are deployed to “provide advice, help and training” to the Saudi military on the laws of war.

Largest Foreign Military Sales to Saudi Arabia
In July 2015, the US Defense Department approved a number of weapons sales to Saudi Arabia, including a US$5.4 billion deal for 600 Patriot Missiles and a $500 million deal for more than a million rounds of ammunition, hand grenades, and other items, for the Saudi army. According to the US Congressional review, between May and September, the US sold $7.8 billion worth of weapons to the Saudis.

In October, the US government approved the sale to Saudi Arabia of up to four Lockheed Littoral Combat Ships for $11.25 billion. In November, the US signed an arms deal with Saudi Arabia worth $1.29 billion for more than 10,000 advanced air-to-surface munitions including laser-guided bombs, “bunker buster” bombs, and MK84 general purpose bombs; the Saudis have used all three in Yemen.

According to the London-based Campaign Against Arms Trade, the UK government approved GB£2.8 billion in military sales to Saudi Arabia between January and September 2015. The weapons include 500-pound Paveway IV bombs. The UK is negotiating a £1 billion weapons deal with the UAE.

A June 2015 Spanish government report stated that Spain had authorized eight licenses for arms exports to Saudi Arabia worth $28.9 million in the first half of the year. In February 2016, Spanish media reported that the government-owned shipbuilding company Navantia was about to sign a contract worth $3.3 billion with Saudi Arabia for the construction of five Avante 2200 type frigates for the Saudi navy.

In July 2015, Saudi Arabia reportedly signed agreements worth $12 billion with France, which included $500 million for 23 Airbus H145 helicopters. The kingdom is also expected to order 30 military patrol boats by 2016 under the agreement. Reuters reported that Saudi Arabia has also recently entered into exclusive negotiations with the French company Thales Group to buy spy satellite and telecommunications equipment worth “billions of euros.”

Coalition Violations
Human Rights Watch has documented 36 airstrikes between March 2015 and January 2016, that appear to have been unlawfully indiscriminate or disproportionate, which include a March 30, 2015 airstrike on a camp for internally displaced people that killed at least 29 civilians and a March 31, 2015 airstrike on a dairy factory outside the port city of Hodaida that killed at least 31 civilians. In Saada, a Houthi stronghold in the north, Human Rights Watch examined more than a dozen airstrikes that occurred between April and May that destroyed or damaged civilian homes, five markets, a school, and a gas station, though there was no evidence these sites were being used for military purposes. These strikes killed 59 people, mostly civilians, including at least 35 children.

On May 12, the coalition struck a civilian prison in the western town of Abs, killing 25 people. On July 24, the coalition dropped nine bombs on and around two residential compounds of the Mokha Steam Power Plant, which housed plant workers and their family members, killing at least 65 civilians. On August 30, an airstrike hit Al-Sham Water Bottling Factory in the outskirts of Abs, killing 14 workers, including three boys, who were nearing the end of their night shift.

The coalition has carried out strikes on marketplaces, leading to high civilian death tolls. On May 12, a strike on the marketplace of the eastern village of Zabid killed at least 60 civilians. On July 4, an airstrike on the marketplace of the northern village of Muthalith Ahim killed at least 65. On July 6, bombs hit two markets in the governorate of Amran, north of Sanaa, killing at least 29 civilians.

On October 26, the coalition bombed a Doctors Without Borders (MSF) hospital in the northern town of Haydan in Saada governorate six times, wounding two patients. Since then, coalition airstrikes have hit MSF facilities twice. An airstrike hit a mobile clinic on December 2, in Taizz, wounding eight, including two staff members, and killing another civilian nearby. On January 21, an airstrike hit an MSF ambulance, killing its driver and six others, and wounded dozens in Saada.

On January 10, a projectile hit an MSF-supported hospital in Saada, killing six people and wounding at least seven, most of them medical staff and patients. MSF said it could not confirm the origin of the attack, but its staff had seen planes flying over the facility at the time of the attack. MSF said on January 25, that it had yet to receive any official explanation for any of these incidents.

On May 8, 2015, Brig. Gen. Ahmad al-Assiri, the military spokesman for the coalition, declared the entire cities of Saada and Marran, another Houthi stronghold, to be military targets. In an interview with Reuters on February 1, al-Assiri spoke about Saudi civilian casualties from Houthi and pro-Saleh forces’ firing across the border. He said, “Now our rules of engagement are: you are close to the border, you are killed.” Treating an entire area as the object of military attack violates the laws-of-war prohibition on attacks that treat distinct military objectives in a city, town or area as a single military objective. Doing so unlawfully denies civilians protection from attack.

Human Rights Watch also documented the coalition’s use of at least six types of cluster munitions in at least 15 attacks in five of Yemen’s 21 governorates between March 2015 and January 2016. Cluster munitions are indiscriminate weapons and pose long-term dangers to civilians. They are prohibited by the 2008 Convention on Cluster Munitions, adopted by 118 countries, though not Saudi Arabia or Yemen.

Failure to Investigate Alleged Violations
Countries that are party to a conflict have an obligation under international law to investigate credible allegations of war crimes and hold those responsible to account. Human Rights Watch has seen no indication that the Saudi Arabia-led coalition has conducted any meaningful investigations into alleged laws-of-war violations.

On August 19, 2015, Human Rights Watch and 22 other human rights and humanitarian organizations called on the UN Human Rights Council to create an independent international commission of inquiry at its September session to investigate alleged laws-of-war violations by all parties to the conflict. The UN High Commissioner for Human Rights similarly called on UN member states to encourage the establishment of an “international independent and impartial” investigative mechanism.

Instead, on September 7, President Abdu Rabu Mansour Hadi of Yemen established a national commission to investigate violations of human rights and the laws of war. During the ensuing UN Human Rights Council session in Geneva, Saudi Arabia and other Arab countries effectively blocked an effort led by the Netherlands to create an international investigative mechanism. The national commission has taken no tangible steps to conduct investigations, nor has it revealed any working methods or plans, three people close to the commission told Human Rights Watch.

Five days after the release of UN Panel of Experts report on Yemen, on January 31, 2016, the coalition announced a new committee to assess the coalition’s rules of engagement in the war and produce recommendations for the coalition to better respect the laws of war. “The goal of the committee is not to investigate allegations,” Al-Assiri said. “Its primary goal is to confirm the precision of the procedures followed on the level of the coalition command.” As such, this proposed body does not meet the requirements for an impartial investigative mechanism that can address accountability for unlawful attacks or compensate victims of coalition violations, Human Rights Watch said.

Al-Assiri said that the Saudi military has been conducting internal investigations into attacks in which a violation might have ensued, and pointed to a single airstrike that had led to a violation: the October 26, 2015 bombing of an MSF hospital in northern Yemen. He said the strike had been the result of “human error,” but did not outline any steps taken to hold the responsible military personnel to account, or compensate the two civilians wounded in the strike.

thanks to: Human Rights Watch

US Military Personnel Get Administrative Punishment Over Kunduz Bombing

Over a dozen US military personnel have been punished for actions that led to the bombing of a Doctors Without Borders (Medecins Sans Frontiers, or MSF) hospital in Afghanistan last year, The New York Post reports.

Sorgente: US Military Personnel Get Administrative Punishment Over Kunduz Bombing

Progetto per i neonati di Gaza

Cari amici, molti dei quali nel passato avevano già sostenuto il lavoro dell’Appello per i bambini di Gaza, torniamo a scrivervi per chiedere il vostro sostegno.

Quello che ci serve adesso è raccogliere almeno 8.500 euro (ad oggi già raccolti 3000) ) per coprire le spese di viaggio e permanenza di un giovane nefrologo e di un infermiere che lavorano in team presso gli Ospedali pediatrici Nasser e Rantissi nel dipartimento di dialisi infantile.
Hanno la possibilità di recarsi presso il dottor Pecoraro dell’Ospedale Santobono di Napoli per tre mesi di esperienza di lavoro, ad imparare tecniche e procedure che non hanno a Gaza e che favorirebbero assai l’assistenza dei bambini. La loro sede ospedaliera ha già accordato loro il permesso di fare questo periodo di specializzazione all’estero e conserverà il loro posto in modo che al rientro possano mettere in opera quanto appreso.

La storia: il dr Momen M.S. Zeineddin e l’infermiere Jomaa W.J. Younis attendono sin dal gennaio 2014 l’occasione per superare il confine di Gaza, ma sia per il valico di Rafah (verso l’Egitto) che per quello di Erez (verso Israele) è stato loro rifiutato il permesso di uscire fino al giugno 2014, quando hanno fatto l’ultimo tentativo. Gli attacchi su Gaza dell’estate 2014 e le loro conseguenze sono stati seguiti dal blocco completo dei passaggi. Ci segnalano che forse adesso potrebbero ottenere un visto di passaggio per Erez e che forse li lascerebbero uscire per il loro training. Naturalmente vorrebbero provarci.

Nella impotenza di questo lungo anno e mezzo in cui Gaza è stata distrutta e i valichi bloccati per professionisti in entrata ed uscita, noi dell’Appello per i bambini di Gaza, che avevamo “in mora” i fondi per il loro periodo di specializzazione, abbiamo deciso di spenderli per sostenere uno studio sugli effetti degli attacchi del 2014 sulla salute alla nascita dei bimbi di Gaza, che si poneva come una emergenza, la cui elaborazione è in corso e le cui conclusioni vi saranno rese note a tempo debito, e cosi adesso siamo all’opera per cercare altri fondi per coprire questo training.

Cercheremo infatti, a tutti i costi, di fare arrivare questi giovani professionisti, come già avevamo fatto per altri due giovani dottori pediatri prima che la situazione degenerasse.

Vi chiediamo un aiuto concreto, piccolo o meglio grande, ma soprattutto rapidamente, in modo da poter iniziare le lunghe pratiche per avere i permessi prima possibile.

******************************
I promotori dell’iniziativa sono docenti dell’Università di Genova:
Andrea Balduzzi (DISTAV), Mario Rocca (DIFI), Marina Rui (DCCI), un’ex docente della stessa, Paola Manduca, e Franco Camandona dell’ Ospedale Galliera -Pax Christi.
Dall’inizio l‘Associazione Onlus Maniverso… ci ha affiancato idealmente ed operativamente e ci permette di ricevere e amministrare le donazioni in modo legale e trasparente.

Nel sito di Maniverso… (http://www.maniverso.org/pages.php?Id=32), o richiedendolo ad Andrea Balduzzi (balduzzi@dipteris.unige.it) è disponibile la documentazione degli interventi fatti e delle spese sostenute.
All’indirizzohttps://dl.dropboxusercontent.com/u/28304277/call%20Gaza%20ottobre%202015.pdf potrete scaricare quest’appello
All’indirizzohttps://dl.dropboxusercontent.com/u/28304277/Progetto%20neonati%20Gaza%20dic%202014.pdf trovate una sintesi delle attività svolte finora

*********************************
Le donazioni, detraibili, sono da fare all’associazione Maniverso…,

indicando in causale “Donazione progetto neonati Gaza”,

con le seguenti modalità:

• Versamento sul conto corrente postale n° 68817899 intestato a: Associazione Maniverso… Onlus;

• Con bonifico bancario sul conto corrente:

  • Banca Credito Cooperativo di Marcon – Venezia, IBAN IT74V0868902002005010024621;
  • Banca Prossima IBAN IT29 D033 5901 6001 0000 0069 894 BIC BCITITMX intestato a: Organizzazione Umanitaria Maniverso… Onlus.

• Con assegno non trasferibile intestato a Associazione Maniverso… Onlus, da inviare in busta chiusa a: Associazione Maniverso… Onlus, via Perlan, 1 30174 Mestre, allegando i vostri dati per potervi inviare una ricevuta per la donazione effettuata.

 

Ricordiamo che l’Associazione Maniverso… è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) ai sensi del D. Lgs. 4.12.1997 n. 460, regolamente iscritta all’Anagrafe Unica delle ONLUS; di conseguenza le vostre donazioni sono fiscalmente deducibili (D.L. n° 35/2005) nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di euro 70.000 annui.
Per beneficiare di questa possibilità le erogazioni liberali in denaro devono essere effettuate tramite banca, ufficio postale, carte di credito e prepagate, assegni bancari e circolari; ricordatevi di conservare la ricevuta, tanto postale quanto bancaria, della vostra donazione.
Per le donazioni tramite bonifico bancario o assegno, l’estratto conto ha valore di ricevuta; In caso di versamenti con assegno, vi consigliamo di conservare anche una fotocopia dello stesso.

Gaza un anno dopo le bombe: il ricordo di un medico

Il cardiochirurgo Saher Abughali racconta i giorni dell’operazione israeliana “Margine Protettivo”: “Mi sentivo un macellaio: tagliavo, cucivo, amputavo”. Gli ospedali della Striscia tra i target dell’aviazione di Tel Aviv.

10955522_1836511773241528_796981151672772255_n

 

Gaza un anno dopo le bombe: il ricordo di un medico.

GAZA, tra le macerie della sanità

Strutture demolite o inagibili, mancanza di posti letto, di elettricità, di farmaci e di attrezzature mediche: trascorso quasi un anno dalla fine della guerra, la situazione degli ospedali nella Striscia resta drammatica

Dyalisis service in al-Najjar hospital - Rafah

Testo e foto di Federica Iezzi

Khan Younis (Striscia di Gaza), 25 maggio 2015, Nena News – Secondo gli ultimi dati dell’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umani, nella Striscia di Gaza 17 dei 32 ospedali e 50 dei 97 centri sanitari di base sono stati danneggiati durante l’operazione Margine Protettivo, l’ultima offensiva militare israeliana. Sei ospedali sono stati costretti a chiudere, nel corso del conflitto, e quattro centri sanitari di base sono stati completamente distrutti.

Ne è un esempio il Mohammed al-Durrah children’s hospital, il solo ospedale della Striscia di Gaza che fornisce assistenza sanitaria ai bambini, nella zona est di Gaza City, che conta almeno 300.000 abitanti. Riaperto al pubblico alla fine dello scorso gennaio, fatica ancora a rientrare nella quotidianità. Secondo le statistiche del ministero palestinese della Salute, rispetto ai primi sei mesi del 2014, in cui sono stati visitati 3.453 bambini, circa 500 al mese, dall’inizio del 2015 i piccoli pazienti visitati negli ambulatori dell’ospedale sono stati 1.789.

Oggi l’al-Durrah hospital conta circa un centinaio di posti letto. E’ diventato il nucleo coordinatore di tutti i centri di cure primarie pediatriche sulla Striscia. Sono di nuovo attivi gli ambulatori di neurologia, di endocrinologia, di malattie infettive, di nefrologia, di ematologia e della clinica gastrointestinale. Ancora ferme invece le sale operatorie, per mancanza di macchinari ed elettricità.

Il servizio di dialisi pediatrico è totalmente affidato all’Abdel al-Rantisi hospital, a Gaza City. A causa dell’instabile fornitura di energia elettrica, le tre macchine per dialisi non hanno un costante funzionamento.

I mesi successivi alla guerra hanno visto ulteriori difficoltà. Personale ospedaliero non pagato ormai da più di 18 mesi. Distribuita acqua corrente per 6-8 ore al giorno. Erogato solo il 46% di elettricità richiesta per il funzionamento di respiratori automatici, monitor e macchinari. La carenza di carburante frena l’utilizzo dei generatori elettrici. Per insufficienti forniture di carburante, ridotti anche i servizi in ambulanza.

Paediatric department in al-NajjaNell’Abu Youssef al-Najjar hospital a Rafah, a sud della Striscia di Gaza, attualmente i dipartimenti funzionanti sono quelli di medicina generale e pediatria. Ripresa quasi a pieno ritmo l’attività del centro dialisi, che garantisce il servizio nell’intera zona sud della Striscia.

Il personale sanitario gestisce nelle sole due sale operatorie interventi di ortopedia, chirurgia generale e chirurgia pediatrica, senza una terapia intensiva. In lista otto interventi di elezione ogni giorno più 1-2 eventuali interventi d’urgenza.

Inizialmente creato per essere solo un centro per le cure primarie, grazie ai risultati della campagna “Rafah needs a hospital”, il governo palestinese stanzierà 24 milioni di dollari e quattro ettari di terreno, per l’adeguamento dell’ospedale all’assistenza delle almeno 230.000 persone, residenti nell’area di oltre 4.000 metri quadrati. L’obiettivo è quello di far arrivare l’al-Najjar hospital a 230 posti letto. Attualmente vengono occupati 101 posti letto, distribuiti in medicina generale, pediatria, servizio dialisi, pronto soccorso e day hospital, di cui appena 60 quotidianamente funzionanti.

A Rafah in seguito all’attacco israeliano del primo agosto scorso persero la vita 112 persone e nei due giorni successivi ne morirono altre 120. Durante l’operazione Margine Protettivo, nella sola Rafah, hanno perso la vita 454 persone, di cui 128 bambini. 1052 furono i feriti. Molti dei quali ricevettero un blando antidolorifico e non furono ammessi in ospedale per mancanza di spazio.

Attualmente solo due ospedali forniscono servizi medici alla popolazione del distretto sud della Striscia di Gaza, l’Abu Youseff al-Najjar hospital e l’European Gaza Hospital di Khan Younis. Mentre le cure nel primo sono limitate dalla mancanza di attrezzature e materiali medico-chirurgici, le cure nel secondo sono di difficile accesso, soprattutto durante le guerre, a causa della posizione vicino ai confini nordorientali con Israele.

In collaborazione con il ministero della Salute palestinese, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha finora completato la ristrutturazione nell’al-Durrah hospital e nell’ospedale di Beit Hanoun. Inoltre, ha finanziato la fornitura di attrezzature mediche e chirurgiche a nove ospedali pubblici. E ha partecipato ai lavori di ricostruzione nelle sale operatorie dell’European Gaza Hospital e nel Shuhada al-Aqsa Martyrs hospital, di Deir al-Balah.

Completamente demolito l’el-Wafa rehabilitation hospital, nel quartiere di Shujaiyya, a est di Gaza City, da un’ostinata serie di pesanti attacchi aerei, durante Margine Protettivo. Oggi l’ospedale utilizza ancora una sede temporanea nell’area di al-Zahara, alla periferia di Gaza City. Locazione condivisa con l’el-Wafa elderly care center.

Attualmente la disponibilità di posti letto è scesa da 145 a 40. Sono di nuovo funzionanti i servizi di fisioterapia e lungodegenza. Soppressi almeno 19 servizi clinici. Dallo scorso settembre ripreso il servizio domiciliare di fisioterapia, ai circa 6000 pazienti disabili e feriti gravemente dal conflitto. All’aria 13,5 milioni di dollari tra edificio, attrezzature e strumenti medicali totalmente distrutti. Dalla fine del conflitto sono stati ricevuti dall’ospedale solo la metà tra dotazioni e macchinari persi, grazie a donazioni internazionali.

Ematology departmenIn tutti gli ospedali della Striscia, si convive ancora con una grossa carenza di materiale medico e chirurgico. L’assedio israeliano non permette l’ingresso di farmaci per terapie croniche, gas medicali, strumentazione sanitaria e pezzi di ricambio per equipaggiamenti danneggiati.

Secondo il Central Drug Store di Gaza, farmaci essenziali e materiali monouso hanno raggiunto il ‘livello zero’ di magazzino, cioè le quantità presenti nel magazzino centrale non sono sufficienti a coprire i bisogni di un mese.

L’incremento dei casi di cancro è stato drammatico nella Striscia di Gaza. I dati del ministero della Salute palestinese parlano di 73 casi su 100.000 abitanti. La principale causa sarebbe ancora una volta il fosforo bianco, usato dall’esercito di Tel Aviv già durante l’operazione Piombo Fuso nel 2008. Nel dipartimento dei tumori dell’al-Shifa hospital, a Gaza City, non si riescono più a fronteggiare i trattamenti anti-tumorali, a causa della mancanza di attrezzature e medicinali.

Ogni mese solo il 10%, dei 1500 gazawi che chiedono il permesso di ingresso in Cisgiordania, Israele e Egitto per cure mediche, riceve un appropriato trattamento anti-tumorale.

thanks to: Nena News

Gaza – dietro le quinte della missione italiana di cardiochirurgia pediatrica

Molto è quello che vorremmo raccontare perché molte sono le difficoltà ma anche le soddisfazioni sia del personale italiano in missione che dei colleghi palestinesi, le sofferenze dei bambini e le speranze dei loro genitori. E per questo vi riportiamo almeno qualche dato e alcune immagini dal campo legati a questa importante iniziativa. E nomi. Nomi di persone reali, che vivono oggi, che fanno oggi. Perché questo è reale grazie a tutti loro. E’ la cooperazione come la intendiamo noi.

Ogni giorno sono stati eseguiti 2 interventi e ad oggi sono 8 i bambini che sono stati operati. Sono Abdallah (1 mese di età), Sara (2 mesi), Abdul e Firas (2 anni), Eid e Saqer (4 anni), Mahmoud (7 anni) e Mahdi (8 anni). Molti di essi rappresentano casi complessi, ma fortunatamente tutti gli interventi hanno avuto esito positivo. Questi bambini stanno finalmente superando una prova importantissima nella loro vita.

I chirurghi locali si chiamano Saher e Ibrahim. A turno lavorano come assistenti ai chirurghi italiani Stefano, Enrico e Federica, così come i cardiologi Raheem e Mohammed che affiancano Vittoria. Quest’ultimo si è laureato e specializzato in cardiologia interventistica a Milano e adesso, con orgoglio e tante difficoltà legate al contesto, lavora a Gaza.

Il tecnico di circolazione extracorporea è Shady. La scorsa estate ha partecipato ad un training presso l’Ospedale del Cuore di Massa e sta affiancando il collega pressoché coetaneo Danilo dello stesso Ospedale. Danilo è anche suo amico, con lui ha passato giorni durissimi in Italia quando improvvisamente il suo paese veniva bombardato e non poteva fare ritorno perché tutte le frontiere erano chiuse.

Il tecnico di anestesia che aiuta nel lavoro in sala operatoria si chiama Sami. A sostenere il suo lavoro c’è Pier Antonio, un altro medico ormai “di casa” a Gaza.

Gli infermieri strumentisti di sala operatoria sono tutti locali (Shady, Ahmed e Ali), così come quelli della terapia intensiva (11 persone) che coprono o il turno diurno dalle 8.00 alle 14.00 o quello pomeriggio-notte dalle 14.00 alle 8.00 della mattina dopo.

C’è infine una giovane donna, la pediatra Shayma, che segue tutti i lavori con estrema serietà e dedizione.

Siamo orgogliosi di questa equipe italo-palestinese che con ogni sforzo cerchiamo di far incontrare sempre più spesso per rafforzare insieme il Sistema Sanitario Palestinese.

Per concludere ringraziamo infinitamente Federica, costretta tra la sala operatoria e i reportage per la nostra comunicazione. Sei una grande, Fede!

PCRF-Italia

http://www.pcrf.net

 

 

 

 

 

 

 thanks to: forumpalestina

Appello per una sottoscrizione straordianaria

GAZZELLA-Onlus

EMERGENZA GAZA

RACCOLTA STRAORDINARIA DI FONDI PER ACQUISTO MATERIALE SANITARIO

PER GLI OSPEDALI DI GAZA

A 24 giorni dall’attacco israeliano continua il massacro nella Striscia di Gaza.

Oltre 1400 morti di cui 252 bambini, 230.000 sfollati, 11.000 case totalmente distrutte, interi quartieri rasi al suolo.

Bombardata la centrale elettrica, manca l’acqua perché non funzionano le pompe. Si usano (per chi li ha) i generatori ma la benzina per alimentarli scarseggia. Manca il cibo e quel poco che si trova non si può conservare perché i frigoriferi non funzionano.

Il settore sanitario è al collasso. All’Ospedale Shifa di Gaza il personale sanitario opera ininterrottamente nelle 10 sale operatorie. Le camere mortuarie non riescono più a contenere i cadaveri. Molti feriti vengono curati sul pavimento perché non ci sono più letti disponibili.

Le ambulanze e i soccorritori vengono bombardati e non si riesce a recuperare i morti sotto le macerie. Si rischiano epidemie. Mancano antibiotici, antidiarroici e materiale mono uso.

Gazzella Onlus promuove una raccolta straordinaria di fondi per acquisto materiali sanitari per gli ospedali di Gaza.

Gazzella-Onlus

c/c presso Banca Etica Roma

IBAN: IT43D0501803200000000105279

Causale: Emergenza Gaza

 (dall’estero SWIFT: CCRTIT2T84A)

Gazzella Onlus è un’associazione senza fini di lucro: si occupa di assistenza, cura e riabilitazione dei bambini palestinesi feriti da armi da guerra nella Striscia di Gaza, collaborando con associazioni locali. Negli ultimi 14 anni ha dato assistenza a migliaia di bambini.

Per maggiori informazioni vedi www.gazzella-onlus.com

One-fourth of Gaza’s population displaced by Israel’s violence

Gaza Strip
4 August 2014

An infant from the al-Ghoul family is mourned during the funeral for the ten members of the family killed in an Israeli air strike on their Rafah home on 3 August.

(Eyad Al Baba / APA images)

The sounds of Israeli airstrikes, tank shells and drones are the only ones one can hear in Gaza. The noise is overwhelming.

On Sunday, 55 Palestinians were killed in multiple airstrikes across Gaza, according to Bethlehem-based Ma’an News Agency.

Ten members of the al-Ghoul family in the Tel al-Sultan neighborhood of Rafah in southern Gaza were slain when their home was hit by Israeli fire on Sunday. One of two identical twin baby boys born during during the assault was immediately killed by the strike and the other was reported to be fighting for his life.

From dawn to evening on Saturday, more than seventy Palestinians, the majority of them from Rafah, were killed and scores were injured.

The weekend’s killings brought the death toll of Israel’s assault to at least 1,810 Palestinians and the number of injured to nearly 10,000 since 7 July, according to the Gaza health ministry spokesperson.

Eighty-five percent of Palestinians killed in Gaza were civilians, according to the Palestinian Centre for Human Rights.

Sixty-four Israeli soldiers have been killed as well as two civilians and one foreign national, according to the United Nations.

Health disaster

Israel’s unabated attacks on the Gaza Strip have inflicted the widespread destruction of thousands of structures including hospitals, mosques, universities, governmental and nongovernmental facilities and factories.

On Saturday, the UN warned of a “rapidly unfolding” health disaster in Gaza as Palestinians face “deteriorating” access to hospitals and clinics and as basic medicines and medical supplies run critically low.

The UN reported that one-third of all hospitals across Gaza as well as 14 primary healthcare clinics and 29 ambulances have been damaged or destroyed, “and at least half of all public health primary care clinics are closed.”

A destroyed mosque in Gaza City after it was hit in an overnight Israeli strike on 2 August.

(Ashraf Amra / APA images)

Israeli shells hit Rafah’s Abu Yousef al-Najjar hospital on Saturday. Reports from Rafah indicate that hospital crews fled the scene due to the continued Israeli strikes and that all recovered causalities were redirected to smaller facilities in town.

Ashraf al-Qidra, spokesperson for the Gaza health ministry, called on international organizations to help paramedic crews return to the evacuated al-Najjar hospital.

“War crimes”

Three leading rights groups in Gaza — the Al-Mezan Center for Human Rights, the Palestinian Centre for Human rights and the Al Dameer Association for Human Rights — held a joint press conference on Saturday at Gaza City’s al-Shifa hospital.

The groups called for accelerating procedures to bring Israel to justice for what the three groups termed “horrible war crimes.” They also condemned the UN Secretary-General’s denunciation of the armed resistance in Gaza.

“The Secretary-General condemns in the strongest terms the reported violation by Hamas of the mutually agreed humanitarian ceasefire which commenced this morning,” a statement attributed to Ban Ki-moon was issued on Friday.

The Secretary-General’s statement came after the Israeli military claimed that Hamas had captured an Israeli soldier near Rafah on Friday morning as a 72-hour ceasefire was set to begin.

“United Nations’ Secretary General Ban Ki-moon’s condemnation of the given Palestinian right to resist an occupying power is unacceptable,” Raji Sourani, director of the Palestinian Centre for Human Rights, said at the press briefing.

“Ki-moon equals between an occupier and the occupied, the oppressed and the oppressor, and therefore he plays down the Palestinian people’s right to defend themselves,” he added.

The alleged capture of the soldier was condemned by US President Barack Obama and used as a pretext for Israel to kill at least 110 Palestinians in Rafah since Friday morning. On Saturday evening, Israel acknowledged that the soldier had been “killed in combat.”

Mass displacement

Meanwhile, Palestinians in Gaza continue to be displaced.

“I have been told by the International Committee of the Red Cross that my house will be shelled by Israel,” Muhammad al-Rifai, a 62-year-old resident of the Maghazi refugee camp in central Gaza, told The Electronic Intifada on Friday.

Al-Rifai is father to six daughters and a son, and a grandfather of several children. Many of them live in the same cinderblock home. A few days ago, al-Rifai received a phone call from the Israeli army warning him to leave his house ahead of an imminent airstrike.

Displaced Palestinians sit outside a makeshift tent on 2 August at al-Shifa hospital in Gaza City where families found refuge after fleeing their homes in areas under heavy Israeli fire.

(Ezz al-Zanoun / APA images)

Thousands of homes have been destroyed or damaged by Israeli airstrikes and shelling. The UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs states that “up to 25 percent of Gaza’s population may now be forcibly displaced, of whom 270,000 are hosted in UNRWA shelters alone.”

In many of those strikes, families were inside their homes and were killed or injured. In the Maghazi refugee camp alone, three houses were shelled with people inside. The latest attack came on Saturday morning, when Israel shelled a house belonging to the Qandil family, killing three.

As of 30 July, at least 76 families had lost three or more members in a single Israeli strike, according to UN figures.

University targeted

Israel’s airstrikes and destruction on Saturday included an attack on the Islamic University of Gaza. Israel claimed the school is affiliated with the Hamas party and that it targeted a “weapon development” center inside the university.

At the time of publication, Ma’an News Agency had reported that Israel announced a seven-hour unilateral humanitarian ceasefire to take effect at 10am Monday morning.

A Palestinian man observes the damage at the Islamic University of Gaza on 2 August after it was hit in an overnight Israeli strike.

(Ashraf Amra / APA images)

A Palestinian delegation in Cairo, including Hamas representatives, came to a joint position on Sunday calling for “a ceasefire; Israeli troop withdrawal from Gaza; the end of the siege of Gaza and opening its border crossings.”

Hamas insists that any ceasefire deal should include lifting the Israeli blockade of Gaza, now in its seventh year, and the release of Palestinian prisoners.

Nowhere safe

Witnesses in southern and northern Gaza told The Electronic Intifada that hundreds of families from those areas began returning back to their homes on Saturday after Israel announced that it was withdrawing ground troops in some areas.

Seven members of one family were killed in an airstrike on their home in Jabaliya in northern Gaza on Sunday one day after the army said it was safe for residents to return, Ma’an News Agency reported.

“Israeli officials said Saturday that it was safe for residents of the northern Gaza Strip, with the exception of Beit Lahiya, to return to their homes,” the agency added.

The reality on the ground is that nowhere is safe for Palestinians in Gaza as Israel’s relentless bombing enters its fifth week.

Rami Almeghari is a journalist and university lecturer based in the Gaza Strip.

thanks to: Rami Almeghari

electronicintifada

Medici norvegesi a Gaza: “la maggior parte dei feriti è stata copita da missili teleguidati di precisione e le ferite procurate ai bambini e ai civili sono state intenzionali.”

Due dottori che hanno lavorato nell’ospedale Shifa di Gaza offrono uno straziante racconto [in qualità di] testimoni oculari di fatti accaduti lì

Norvegesi

di Gideon Levy e Alex Levac   – HAARETZ

I dati sono scritti in inchiostro sul palmo della sua mano, come se fosse uno scolaro che copia le informazioni per un compito in classe : 1035 morti [1900 al 5 agosto dei quali 400 bambini. NdT],  6233 feriti alle 14 di lunedì 28 [al 5 agosto 9000 feriti NdT.]. Ogni giorno cancella i numeri e li aggiorna.

Questa settimana, il prof. Mads Gilbert ha lasciato l’ospedale Shifa della Striscia di Gaza per una breve vacanza nella sua terra natia, la Norvegia, dopo due settimane continue di interventi sulle ferite da guerra. Il suo collega e compatriota, prof. Erik Fosse doveva sostituire Gilbert a Gaza, ma, a metà settimana, Israele ancora gli impediva di farlo.Anche Fosse aveva passato la prima settimana di Margine Protettivo nell’[ospedale] Shifa e voleva ritornarvi.

Gilbert e Fosse hanno lavorato  nell’[ospedale] Shifa anche durante l’operazione Piombo Fuso nel 2008-09, pubblicando in seguito il loro  scioccante libro “Occhi su Gaza”  sulle conseguenze [della guerra], un best seller internazionale. Ora   loro ritengono che in termini di danni [procurati] alla popolazione civile e  soprattutto ai bambini, la guerra attuale contro la Striscia è  persino più straziante di quella precedente.

Entrambi sono sulla sessantina. In gioventù ammiravano Israele, ma la prima guerra del Libano del 1982, durante la quale si sono arruolati per soccorrere i palestinesi feriti, ha modificato la loro percezione e ha cambiato per sempre le loro vite. “È stato allora che ho visto per la prima volta [all’opera] la macchina da guerra israeliana” ricorda Gilbert.

Fosse è il responsabile  dell’associazione NORWAC ( Comitato di Aiuto Norvegese), che fornisce assistenza medica ai palestinesi ed è finanziata dal governo norvegese. Sia Gilbert , che è un volontario indipendente,  che Fosse hanno dedicato gran parte della loro esistenza ad aiutare i palestinesi, e Gaza è divenuta la loro seconda casa. Nel pomeriggio di lunedì, abbiamo incontrato a Herzliya [cittadina sulla costa israeliana ndt] Fosse, un cardiochirurgo, dopo che è tornato dalle sue vacanze in Norvegia, sulla via del ritorno a Gaza. Abbiamo incontrato Gilbert, un anestesista,  mentre stava uscendo dal valico di Erez per ritornare a casa. Le immagini descritte dai due dovrebbero pesare molto  sulle coscienze di ogni essere umano  onesto.

“Durante Piombo Fuso pensavo che fosse la più orribile esperienza della mia vita” dice Gilbert, “fino a quando sono arrivato a Gaza due settimane fa- il che è stato perfino più scioccante. I dati ci dicono che vi sono 4,2 palestinesi deceduti all’ora…  più di un quarto dei morti sono bambini; oltre la metà sono donne e bambini. L’esercito israeliano [IDF] ha ammesso che il 70 % sono civili, l’ONU sostiene che sono l’80%, ma da quello che ho visto a Shifa  oltre il 90 % sono civili. Questo significa che stiamo parlando del massacro della popolazione civile”.

“Shujaiyeh è stato un vero massacro” egli continua. “ Durante Piombo Fuso non ho visto questo tipo di attacco alle case private; allora furono attaccate più strutture pubbliche. La brutalità,  la premeditazione nel colpire i civili e le distruzioni [procurate] sono più terribili di quelle  durante Piombo Fuso. Non  non sono rimasto colpito dal  fatto che la gente abbia ricevuto un preavviso di 80 secondi per abbandonare le proprie case.  È inumano. La vista di Sujaiyeh è molto più terribile di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto in Piombo Fuso.

Gilbert, che insegna all’Università  della Norvegia settentrionale, è anche furibondo nel vedere i danni intenzionali dell’esercito contro gli ospedali. Non rimane nulla dell’ospedale di riabilitazione Al-Wafa; l’ospedale pediatrico Mohammed al-Dura di Beit Hanun  è stato bombardato dall’esercito, e un bimbo di due anni e mezzo ricoverato lì in un reparto  è rimasto ucciso. Quattro persone sono state ammazzate nell’ospedale Al-Aqsa. Gilbert ha visitato l’ospedale pediatrico ed è stato testimone oculare della scena. Nove ambulanze sono state attaccate; il personale medico è stato ucciso e ferito. Secondo Gilbert, questi  fatti costituiscono dei crimini di guerra.

Il dottore è rimasto particolarmente impressionato dalla determinazione e dal comportamento degli abitanti,  in primo luogo da quello dell’equipe medica locale. A Shifa , nessun addetto ha ricevuto un salario [negli ultimi] quattro mesi; negli otto mesi precedenti hanno ricevuto solamente la metà del loro stipendio. Anche quelli la cui casa è stata distrutta sono rimasti a lavorare. La loro dedizione al lavoro in queste condizioni lo hanno meravigliato.

In merito all’affermazione che i dirigenti di Hamas si nascondano nell’ospedale, i due norvegesi dicono che non hanno visto un singolo uomo armato o nessun dirigente dell’organizzazione; qualche ministro di Hamas è venuto a visitare i feriti.

Gilbert dice che pure durante Piombo Fuso l’IDF ha provato a spaventare l’equipe medica affermando  che miliziani armati si nascondevano nell’ospedale, ma l’ultima persona armata vista dai norvegesi [nell’ospedale] Shifa è stato un dottore israeliano anni fa al tempo della prima Intifada. Gilbertafferma di aver  detto  a quell’uomo che il diritto internazionale vieta di portare armi negli ospedali.

Analogamente egli contesta l’affermazione che Hamas stia usando la popolazione civile di Gaza come scudo umano, e aggiunge: “Dove si nascondevano i partigiani anti nazisti in Olanda e in Francia? E dove nascondevano le loro armi”?

“Non sono un sostenitore di Hamas” dice Gilbert. “ Appoggio i palestinesi, e anche il loro diritto a sbagliare la scelta della loro classe dirigente. E chi ha scelto Netanyahu e Lieberman? Loro [i palestinesi] hanno il diritto di sbagliarsi. Sono stato in visita a Gaza per 17 anni. Più la bombardano, maggiore sarà il  sostegno alla resistenza. Mi pare che il tentativo di descrivere Hamas uguale a  Boko Haram è ridicolo. Boko Haram è l’IDF, che sta violando il diritto internazionale. Come possono i suoi comandanti essere orgogliosi di uccidere i civili?

“La storia li giudicherà e penso che l’IDF non ne uscirà con una bella immagine, visti i fatti accaduti sul terreno.  Faccio un appello agli israeliani: Svegliatevi.  Dimostrate di essere coraggiosi. Israele  sta andando in una direzione peggiore di quella del Sud Africa- e sarebbe un modo vergognoso  di passare alla storia”.

Fosse è più misurato, forse perché ha lavorato solamente fino all’inizio dell’invasione di terra di Gaza; ha fatto circa dieci interventi al giorno al  Shifa. Elogia la competenza dei medici gazawi con i quali ha lavorato.

Fosse vede la sua missione anche fuori dalla camera operatoria, levando un grido di allarme al mondo, dopo che Gaza è stata svuotata da Israele di qualsiasi presenza internazionale. Egli dice che la maggior parte dei feriti è stata copita da missili teleguidati di precisione, e  inoltre è sicuro che le ferite [procurate] ai bambini e ai civili siano state intenzionali.

Nel loro libro i due norvegesi hanno evidenziato una foto di tiratori scelti dell’IDF  con magliette  disegnate con le scritte: “Più piccolo – più difficile” e “Una pallottola – due ammazzati”. Questa volta sono i missili intelligenti che uccidono i bambini. Ma secondo Fosse, l’assedio israeliano di Gaza è persino più duro per i suoi abitanti della guerra. Questo è il motivo per cui Hamas è ora più aggressivo.

“Per sette anni, tutta la società  è collassata. Non vi è nessuna attività commerciale, non si esporta, e non c’è via di fuga. L’unica attività remunerativa è il contrabbando, e questo distrugge  la società. Distrugge Gaza come  società normale. L’assedio ha creato un sottile strato di popolazione divenuta ricca grazie al contrabbando-  mentre tutti gli altri sono poveri. Ciò mina la struttura della società, e questo è il maggiore problema di Gaza.

“Mi ricordo di colloqui con chirurghi palestinesi della mia età. Per anni, hanno vissuto in una Gaza aperta che [permetteva loro] di avere ottimi rapporti con dottori israeliani. Hanno sempre sognato di ritornare a quei tempi. Ora quegli stessi dottori si affollano davanti alla televisione e manifestano gioia quando un razzo cade su Israele. Ho detto loro: ma Israele reagirà. E loro mi hanno risposto: Non ce ne importa più nulla. Moriremo comunque. È meglio morire sotto un bombardamento.

“Hanno perso qualsiasi speranza.   È scioccante vedere persone che hanno perso i loro figli e non gliene importa più nulla. Israele sta perdendo i suoi soldati ora per preservare una situazione che tutto il mondo contesta. Questo è un crimine contro una numerosa popolazione civile” aggiunge Fosse.

“Voi avete distrutto il loro futuro e sono disperati. Hamas non ha un gran sostegno, ma vi è un grande sentimento che non è rimasto nulla da perdere. E dall’altra parte vi è una società in Israele che se ne infischia.  È molto triste. Voi che siete passati attraverso l’Olocausto siete diventati razzisti. Secondo me, questa è una tragedia. Perché state facendo questo? State oltrepassando ogni limite morale – e alla fine questo distruggerà la vostra società”.

(traduzione di Carlo Tagliacozzo)

thanks to: NenaNews

19 medici uccisi, 17 ospedali bombardati dalle forze armate israeliane a partire dall’8 luglio

Domenica 3 agosto 2014 12:25 di Celine Hagbard

Da quando l’esercito israeliano ha cominciato l’assalto contro la Striscia di Gaza l’8 luglio, le forze armate israeliane hanno ripetutamente colpito medici e centri sanitari dove si sta lavorando febbrilmente per trattare più di 9000 feriti.

Dall’8 luglio, medici e squadre di soccorso sono state attaccate da bombardamenti aerei e da colpi d’artiglieria israeliani 102 volte. 19 medici sono stati uccisi, e molti di più sono stati feriti.

In aggiunta, 44 dei 55 centri di Pronto Soccorso di Gaza sono stati chiusi a causa dei bombardamenti israeliani. 17 ospedali, sia publici che privati, sono stati colpiti direttamente dall’esercito israeliano.

Il ministro della salute palestinese ha condannato i ripetuti attacchi sui lavoratori e sulle strutture sanitarie, che, secondo la legge internazionale, dovrebbero essere escluse da ogni azione bellica in tempo di guerra.

Gli attacchi alle strutture mediche sono considerati una “grave violazione” della quarta convenzione di Ginevra, ciò significa che si tratta di un crimine di guerra. Un’altra “grave violazione” è l’estensiva distruzione ed appropriazione di proprietà non giustificata da necessità militare e attuata illegalmente e smodatamente.

Israele è firmatario della quarta convenzione di Ginevra, del 1957, ma ritiene che questa non si applichi al proprio comportamento nei territori espropriati nel 1967 e occupati militarmente da allora.

Il portavoce dell’esercito israeliano ha ripetuto più e più volte che i partigiani palestinesi usano gli ospedali per custodire e lanciare razzi, ma non ha presentato nessuna evidenza credibile che lo dimostri.

L’unica “evidenza” presentata dall’esercito israeliano coinvolge l’ospedale Al-Wafa, nella parte orientale di Gaza, ed è stata provata di essere una macchinazione.*

Dopo aver raso al suolo l’ospedale Al-Wafa, l’unico centro riabilitativo di Gaza, l’esercito israeliano ha rilasciato un breve video rivendicando che l’ospedale fosse stato usato dai combattenti palestinesi. Ma il video satellitare che aveva l’intento di mostrare razzi sparati dalla base dell’ospedale evacuato, esaminato, non mostra affatto l’ospedale. Una freccia aggiunta dall’esercito israeliano prima di rilasciare il video indica una costruzione vicino ad un sito di lancio di razzi. La costruzione è stata etichettata come “Ospedale Wafa”. Ma la costruzione che appare nel video NON è l’ospedale Al-Wafa, invece si tratta di uno stabile ubicato in una zona della città completamente differente.

Nonostante non abbia saputo identificare la struttura dell’ospedale sulla sua immagine satellitare presentata alla stampa, l’esercito israeliano ovviamente conosce dove è localizzato l’ATTUALE ospedale, poichè le sue bombe sono state sganciate direttamente sullo stesso, radendolo al suolo.

I numerosi attacchi alle strutture sanitarie e alle ambulanze hanno reso estremamente difficile portare a termine il proprio lavoro per il personale medico. In aggiunta, il bombardamento dell’unica centrale elettrica della Striscia di Gaza avvenuto lunedì da parte delle forse israeliane, ha costretto le strutture sanitarie a fare affidamento sulle fonti energetiche ausiliarie, che sono intermittenti e scarse. Ciò ha reso ancora più difficile mantenere i servizi di supporto vitale per centinaia di pazienti rimasti in condizioni critiche a causa delle ferite riportate.

19 Medics Killed, 17 Hospitals Bombed by Israeli Forces Since July 8th

Sunday August 03, 2014 12:25 by Celine Hagbard

Since the Israeli military began its assault on the Gaza Strip on July 8th, Israeli forces have repeatedly targeted medics and medical centers who have been working feverishly to treat the over 9,000 people who have been wounded.

Ambulance bombed by Israeli forces on July 21 (image by Saleh Hijazi)
Ambulance bombed by Israeli forces on July 21 (image by Saleh Hijazi)

Since July 8th, Medics and Rescue Teams have been attacked by Israeli airstrikes and artillery shelling 102 times. 19 medics have been killed, and many more have been injured.

In addition, 44 Of Gaza’s 55 Urgent Care Centers have been closed Due To Israeli Bombardment. 17 Hospitals, both public and private, have been directly targeted by the Israeli military.

The Palestinian Ministry of Health has condemned the repeated attacks on medical workers and facilities, which are supposed to be excluded from any attacks during wartime under international law.

Attacks on medical facilities are considered to be a ‘grave breach’ of the Fourth Geneva Convention, which means it is considered a war crime. Another ‘grave breach’ is extensive destruction and appropriation of property not justified by military necessity and carried out unlawfully and wantonly.

Israel is a signatory to the Fourth Geneva Convention, in 1957, but claims that it does not apply to Israel’s behavior in the territories it took over in 1967 and has been militarily occupying ever since.

The Israeli military spokesman has repeated over and over again the claim that Palestinian resistance fighters use hospitals to store and fire rockets, but has presented no credible evidence to back this claim.

The one piece of ‘evidence’ presented by the Israeli military involved the Al-Wafa Hospital in eastern Gaza, and it was proven to be a fabrication.

After bombing the al-Wafa Hospital, Gaza’s only rehabilitation center, to the ground, the Israeli military released a short video claiming to show the hospital being used by fighters. But the satellite video purporting to show rockets fired from the hospital grounds turned out, upon examination, to not show the hospital at all. An arrow added by the Israeli military before releasing the video pointed at a building next to a rocket-launching site. The building was labeled ‘Wafa Hospital’. But the building in the video was NOT Al-Wafa Hospital, but a building in an entirely different part of town.

But even while mis-identifying the hospital building on its satellite image presented to the media, the Israeli military obviously know where the ACTUAL hospital was located, because its bombs were dropped directly onto the hospital, leveling it to the ground.

The numerous attacks on medical facilities and ambulances have made it extremely difficult for medical personnel in Gaza to carry out their work. In addition, the bombing of Gaza’s only power plant on Monday by Israeli forces has forced the medical facilities to turn to backup power sources, which are intermittent and sparse. This has made it more and more difficult to maintain life support for the hundreds of patients that remain in critical condition from their wounds.

thanks to: Imemc

Chiamata urgente dal ministero della Salute di Gaza: assistenza internazionale per evacuare i civili

Conferenza stampa del ministero Salute

1° agosto 2014 

Chiamata urgente dal ministero della Salute di Gaza: assistenza internazionale per evacuare i civili

Ministero della Salute di Gaza richiede  una immediata assistenza internazionale al fine di evacuare migliaia di civili intrappolati sotto i pesanti bombardamenti israeliani di ieri contro la popolazione civile di  Rafah, durante i quali   40 civili sono  stati uccisi e oltre 150 feriti.

L’area compresa  tra via Salah Al-Eddin e l’ospedale Al Najjar è sotto intenso e indiscriminato fuoco di artiglieria; le ambulanze non riescono a raggiungere i feriti, e migliaia di civili sono intrappolati nelle loro case.
“Non  è possibile  raggiungere i civili ed evacuarli, i feriti non possono essere raggiunti e prendersi cura di loro, i corpi dei cadaveri non possono essere recuperati”.

Israele ha informato le Nazioni Unite che non c’è tregua.

Il ministero della Salute ha notificato ufficialmente al Comitato Internazionale della Croce Rossa   di Ginevra la criticità della situazione, che ha tutte le caratteristiche del più grande massacro israeliano a memoria d’uomo.

Gaza ha bisogno di aiuto immediato per evacuare i civili da questa zona.

Il ministero della Salute di Gaza chiede inoltre alla Croce Rossa Internazionale, alle Nazioni Unite, alle ONG internazionali e le persone di  coscienza in tutto il mondo ad agire immediatamente:
1. Fornire assistenza immediata di evacuare i civili;
2. Fornire assistenza immediata per consentire il recupero di morti e feriti;
3. Esercitare sufficiente pressione internazionale per porre immediatamente fine al massacro israeliano di civili di Gaza.

Tradotto G.B.

thanks to: Infopal

APPELLO PER UNA SOTTOSCRIZIONE STRAORDINARIA IN FAVORE DELL’OSPEDALE AL AWDA E DELLE ALTRE STRUTTURE DELL’UNION OF HEALTH WORK COMMITTEES OPERANTI NELLA STRISCIA DI GAZA

al awda

L’aggressione israeliana contro i Palestinesi della Striscia di Gaza si è rivelata ancora più feroce e distruttiva dell’operazione “Piombo Fuso”. I morti sono quasi 1.500, i feriti migliaia, le distruzioni sono immani, in un territorio che si trovava già al limite del collasso a causa del pluriennale assedio israeliano, con la complicità del regime egiziano. Le infrastrutture della Striscia sono state distrutte dai bombardamenti israeliani, che non risparmiano nemmeno gli ospedali ed i centri di ospitalità dell’ONU.
L’ospedale Al Awda, nel nord della Striscia di Gaza, è il solo presidio sanitario in uno dei territori più colpiti dalla violenza dell’aggressione israeliana. Anni di rapporto fraterno ci legano all’ospedale Al Awda ed ai suoi medici, infermieri, volontari. Conosciamo le difficoltà che incontrano nel loro lavoro in favore dei settori più poveri e disagiati della popolazione palestinese, il loro impegno per garantire il diritto alla salute ed i diritti e la dignità delle donne palestinesi, come è prassi per tutti gli operatori e le operatrici della rete di associazioni di cui, oltre all’ospedale Al Awda ed altri ambulatori, fa parte anche l’associazione “Ghassan Kanafani”, nostro partner nella realizzazione dell’asilo “Vittorio Arrigoni”.
Lanciamo, quindi, un appello per una sottoscrizione straordinaria in favore dell’ospedale Al Awda e delle altre strutture dell’Union of Health Work Committees operanti nella Striscia di Gaza. In questo momento, è pressoché impossibile far giungere a Gaza medicinali ed altri aiuti umanitari, mentre è possibile far pervenire il denaro necessario per acquistare i materiali indispensabili, a cominciare dal carburante per i generatori, fonte di energia vitale a fronte della distruzione della sola centrale elettrica di Gaza.

LE DONAZIONI POSSONO ESSERE EFFETTUATE :

ON LINE : con carta di credito da questo sito (icona DONATE nella colonna a sinistra) sulla carta PayPal numero 5338750110925023

BONIFICO BANCARIO: Conto 5000 1000 65881 di Banca Prossima S.p.A. intestato a “Associazione Dima”

IBAN  IT83 Q033 5901 6001 0000 0065 881

A donazione effettuata, inviare mail a roma@freedomflotilla.itcon nome e mail, così sarete aggiunti alla lista dei donatori. Alla stessa mail potete scrivere per chiedere ulteriori informazioni.

thanks to; FREEDOM FLOTTILLA ITALIA

GAZA. Emergenza umanitaria: oltre un milione senza acqua

La testimonianza di una cooperante nella Striscia: l’80% della popolazione ha elettricità solo 4 ore al giorno, danneggiati e distrutti ospedali e scuole. L’impegno italiano.

 Gaza

di Meri Calvelli* – Il Manifesto

Gaza City, 26 luglio 2014, Nena News – In questi giorni la Striscia di Gaza sta subendo l’ennesimo attacco militare con una potenza di fuoco lanciata sulla popolazione civile, che più di ogni altro obiettivo mirato, ne paga le conseguenze.

Sin dall’inizio dell’operazione israeliana la situazione più drammatica dello scontro militare, è stato l’alto numero di morti e feriti civili, che rimangono colpiti pesantemente in numeri crescenti. Il secondo dato riguarda le condizioni delle persone costrette a sfollare le aree coinvolte nelle operazioni militari, e che – oltre ai familiari – hanno perso ogni cosa per la quale avevano lavorato e vissuto tutta una vita.

L’attacco alla scuola dell’Unrwa a Beit Hanoun porta a 120 il numero di strutture scolastiche che hanno subito danni dall’inizio degli attacchi; 85 impianti dell’Unrwa hanno subito danneggiamenti (centri sanitari, pompa dell’acqua, il Centro di Riabilitazione per Ipovedenti e magazzini contenenti le scorte vitali per le operazioni dell’Unrwa). 615 immobili residenziali (compresi negozi, e edifici a più piani) sono stati completamente distrutti o gravemente danneggiati.

Ad oggi, almeno 42 famiglie hanno perso tre o più familiari nello stesso incidente, per un totale di 253 decessi, a partire dall’inizio dell’emergenza. Sono oltre 149.000 le persone sfollate (fonte Ocha/Unrwa) in 18 giorni di guerra. 1.200.000 persone hanno accesso poco o molto limitato all’acqua e ai servizi sanitari; l’80% della popolazione riceve l’elettricità per solo 4 ore al giorno, 120 scuole sono state danneggiate, 18 strutture sanitarie parzialmente danneggiate, 3.330 unità abitative totalmente o severamente danneggiate.

Ad aiutare la popolazione civile, ci sono le agenzie internazionali, che sono pronte ad intervenire con programmi di emergenza immediata, per i bisogni primari. Gli aiuti di emergenza italiani sono stati subito preparati dai cooperanti delle Organizzazioni non Governative attraverso una raccolta di fondi, lanciata in Italia per l’acquisto immediato di medicine e supporto degli ospedali e delle cliniche mediche che da subito hanno lanciato l’appello per il rischio di «collasso sanitario».

Attraverso un conto corrente sono stati raccolti fondi e acquistato i materiali da far entrare a Gaza. Ad oggi sono stati acquistati 20.000 euro di medicinali e sono già stati allocati nelle strutture sanitarie della Striscia. Anche la Cooperazione Italiana allo Sviluppo, con fondi di emergenza «in diretta», ha fatto pervenire medicinali e materiale sanitario, materassi e coperte per la popolazione locale.

Con il Centro italiano di Scambio Culturale «Vik», con sede a Gaza e sostenuto da una cordata di associazioni italiane, con associazioni di volontari palestinesi, sono state organizzate raccolte di beni di prima necessità , ma anche medicinali e cibo, immediatamente distribuiti alle prime famiglie che già dall’inizio del conflitto sono rimaste prive di abitazione.

Ogni bomba che cade, ogni boato che produce, incute terrore e distruzione. I danni poi sono molti e chi resta in vita si trova con tutto distrutto e perduto.

*cooperante della ong italiana Acs

thanks to: Meri Calvelli

Il Manifesto

Nena News

Gaza, Paola Manduca: «Ospedali sotto attacco sistematico»

Israele li colpisce. Dicendo che nascondono armi. «Ma è una bugia». Parla il medico italiano appena rientrato dalla Striscia.

INTERVISTA

di

A Gaza, da qualche giorno, la morte che arriva dalla terra e dal cielo non risparmia nemmeno gli ospedali. Anzi, sembra addirittura averli presi di mira.
Per questo medici e scienziati, italiani e inglesi, che hanno lavorato volontariamente nella Striscia negli ultimi anni, e sono stati testimoni oculari delle guerre combattute tra Hamas e Israele, hanno deciso che è arrivato il momento di reagire. E di denunciare quella che ai loro occhi è una «scelta deliberata». Una strategia portata avanti «in modo sistematico» dall’esercito dello Stato ebraico.
In 24 hanno scritto una lettera aperta sulle conseguenze dei bombardamenti e dell’invasione di terra della Striscia di Gaza attualmente in corso. La professoressa Paola Manduca, genetista dell’Università di Genova, è la prima firmataria del documento, pubblicato martedì 22 luglio su The Lancet.
MEDICI SOTTO ATTACCO. Mentre l’offensiva ha già fatto più di 700 vittime tra i palestinesi, e l’Onu ha denunciato «possibili crimini di guerra» compiuti da Israele, Manduca ha raccontato a Lettera43.it cosa significa tentare di salvare vite umane a Gaza e sentirsi sotto attacco.
La professoressa è stata a Gaza a lungo nel 2011 e nel 2012. È tornata nel 2013, e nel 2014 ha trascorso tre mesi all’ospedale al Shifa di Gaza City, il più grande di tutta la Striscia. È rientrata in Italia circa 20 giorni fa, «quando gli israeliani hanno cominciato a bombardare».

  • La professoressa Paola Manduca.

DOMANDA. La sua lettera denuncia il numero crescente di ospedali bombardati a Gaza: perché questi attacchi?
RISPOSTA. La nostra opinione, l’opinione di tutti i firmatari della lettera, è che sia una scelta deliberata.
D. Come viene giustificata agli occhi dell’opinione pubblica?
R. Il governo israeliano, attraverso i suoi portavoce, ha affermato ufficialmente che, siccome a loro risulta che sotto gli ospedali ci siano dei bunker che contengono armi, gli ospedali stessi vengono ritenuti obiettivi bombardabili.
D. Tutti gli ospedali, senza distinzione?
R. 
Alla domanda diretta fatta da un giornalista di Al Jazeera: «Il governo israeliano aveva la certezza che sotto l’ospedale di al Aqsa (bombardato martedì 22 luglio: quattro morti e 40 feriti, ndr) ci fosse qualcosa?», il portavoce ha risposto: «Sul caso specifico devo informarmi con l’esercito». Peccato però che il bombardamento sia avvenuto comunque, e che ci siano dei dati di fatto che smentiscono la versione del governo di Israele.
D. Quali?
R.
Per esempio, che nessuno di questi bombardamenti abbia dato luogo a esplosioni secondarie, tipiche di un deposito d’armi colpito che salta in aria. Inoltre, quasi tutti i bombardamenti sugli ospedali che ci sono stati finora hanno colpito i piani centrali delle strutture. Quelli dove in genere ci sono le sale operatorie, i reparti dei lungodegenti. Secondo noi medici firmatari della lettera, c’è ragione di pensare che l’esercito israeliano stia facendo tutto questo in maniera sistematica.
D. A che scopo?
R. Spero di sbagliarmi, ma fin dall’inizio del conflitto la propaganda israeliana ha messo in giro la voce che sotto l’ospedale al Shifa di Gaza City, il più grande dell’intera Striscia, ci sono dei bunker dove si sono rifugiati i dirigenti di Hamas. La cosa è poco credibile, ma è stata su tutta la stampa israeliana fin dall’inizio della campagna militare e continua a ritornare. Temo che l’obiettivo possa essere proprio questo.
D. Quali sarebbero le conseguenze di un attacco contro l’ospedale di al Shifa?
R. Colpire lo Shifa, oltre a essere un massacro, significherebbe cancellare la classe medica di Gaza. Significherebbe eliminare la possibilità per gli abitanti di Gaza di avere qualsiasi assistenza medica. Perché allo Shifa non vengono portati solo i casi d’emergenza in tempo di guerra, ma vengono curati moltissimi pazienti anche in tempo di pace: cardiopatici, malati in terapia intensiva, e altri ancora. Allo Shifa nascono 50 bambini al giorno, e in quell’ospedale lavorano al momento tutti i medici della Striscia che abitano a Gaza City. Anche quelli normalmente operanti altrove.
D. In base alla sua personale esperienza negli ospedali della Striscia, ha mai potuto riscontrare la presenza di armi o di dirigenti politici nascosti al loro interno?
R. Assolutamente no. Quello che ho potuto riscontrare, però, è che quelli di Hamas non sono dei matti.
D. In che senso?
R. Io ho lavorato a lungo negli ospedali pubblici della Striscia di Gaza. I medici dello Shifa, anche quelli che fanno parte di Hamas, o che sono simpatizzanti del movimento islamico, non sono dei massacratori. A Gaza esistono infiniti tunnel: secondo lei andrebbero a nascondersi proprio sotto lo Shifa? Se tanti di noi che hanno una contiguità di esperienza e di lavoro con Gaza scrivono certe cose, è perché le abbiamo viste tutti e siamo tutti preoccupati in questo momento.
D. Lei era a Gaza anche durante i precedenti conflitti tra Hamas e Israele?
R. Sono stata a Gaza molto a lungo nel 2011 e nel 2012. Sono tornata brevemente nel 2013 e poi di nuovo quest’anno. Nel 2014 sono stata a Gaza per tre mesi, rientrando in Italia circa 20 giorni fa, quando Israele ha cominciato a bombardare. Ero in lista d’attesa per uscire dalla Striscia già da 40 giorni, ma gli egiziani hanno tenuto il valico di Rafah chiuso. Ho dovuto aspettare a lungo il mio turno. A proposito dell’inizio dei bombardamenti, però, c’è una cosa che vorrei sottolineare.
D. Prego.
R. Israele ha iniziato a bombardare Gaza lo stesso giorno in cui sono stati rapiti i tre ragazzi poi ritrovati morti in Cisgiordania. Ogni sera, da quel momento in poi, è caduta almeno una bomba su Gaza.
D. Dal giorno stesso del rapimento?
R.
Sì. Noi eravamo lì: posso testimoniare che Israele ha bombardato Gaza ogni sera. E che per i primi giorni non c’è stata nessuna risposta. Poi hanno iniziato a rispondere al fuoco alcune fazioni armate, ma non Hamas. Hamas è stata l’ultima a sparare. Nella Striscia non c’è solo Hamas e non si può pretendere, come del resto non si pretende in nessun’altra parte del mondo, che Hamas abbia il controllo totale di quello che fanno gli altri sul suo territorio.
D. Sta dicendo che Hamas non voleva la guerra?
R. Dico che Hamas è stata così responsabile da non rispondere subito alle bombe israeliane. Perché sapevano cosa sarebbe successo altrimenti e perché Hamas non voleva questa escalation. O quantomeno, non l’ha fatta precipitare. Ha risposto quando ormai le altre fazioni avevano già risposto, e quando i bombardamenti si sono intensificati. A quel punto non c’era più un’altra strada.
D. C’è chi sostiene che Hamas si stia spingendo oltre per costringere l’Egitto a fare maggiori concessioni alla causa palestinese.
R.
Dal mio punto di vista, non è questione di ottenere delle concessioni. La questione è che al Sisi, dopo aver preso il potere con un colpo di Stato, ha iniziato a bombardare tutti i tunnel. Ne ha distrutti circa 1.700. Da quel momento a Gaza non è arrivato più nulla. Né carburante, né materiali da costruzione, né cibo, né medicine: nulla.
D. Perché i tunnel sono così importanti per Hamas?
R. L’economia di Gaza, per almeno due anni, è stata mediamente tollerabile solo grazie ai tunnel. Sia per le merci, che in questo modo riuscivano a entrare e a uscire dalla Striscia, sia perché su quei tunnel, dopo l’iniziale fase di sviluppo spontaneo, sono state messe delle tasse. Una dogana. Il governo di Hamas ha potuto pagare i suoi dipendenti perché ha ricavato delle entrate autonome attraverso i tunnel.
D. In quali condizioni lavorano i dipendenti pubblici di Gaza, medici compresi?
R. A partire dal 2007, dopo la separazione da Hamas, i dipendenti pubblici che erano di al Fatah, in una certa percentuale che varia a seconda dei settori, ma che nell’ambito medico per esempio è stata del 27%, si sono rifiutati di andare a lavorare. Il governo di Ramallah ha continuato a pagarli lo stesso per sette anni, fino alla riunificazione. I dipendenti pubblici di Hamas hanno preso per anni uno stipendio più basso degli altri, di quelli che per sette anni non hanno lavorato e che, con la riunificazione, hanno anche ottenuto delle promozioni.
D. Di che cifre stiamo parlando?
R.
Io ero in ospedale quando c’è stata la riunificazione. Ero in compagnia di alcune mie colleghe: due impiegate del governo di Gaza, e una pagata invece da Ramallah. Quest’ultima aveva uno stipendio di 900 dollari al mese, le altre di 300 dollari.
D. E adesso che i tunnel vengono distrutti, come farà Hamas a pagare gli impiegati?
R. Immediatamente, nel momento in cui sono venuti meno i soldi dei tunnel, sono mancati anche i soldi per pagare i dipendenti pubblici. A Gaza hanno lavorato da novembre fino a marzo percependo la metà dello stipendio. Da marzo in poi moltissimi non lo hanno più ricevuto. E parliamo di persone che andavano a lavorare tutti i giorni.
D. Israele però sostiene che bombardare i tunnel sia necessario, per fermare l’arrivo dei pezzi usati per costruire i razzi.
R. È sicuramente possibile che attraverso i tunnel arrivi anche materiale bellico. Ma perché ogni Paese del mondo può avere le sue forze armate e i palestinesi no? I palestinesi di Gaza hanno rispettato la tregua firmata a novembre 2012. Da allora Hamas non aveva più sparato contro Israele. Perché non gli è concesso avere un esercito regolare?
D. Quali sono le patologie principali di cui soffrono gli abitanti della Striscia e che non possono essere curate adeguatamente?
R.
Come tutte le popolazioni, anche quella dei palestinesi di Gaza ha le sue inclinazioni: un alto livello di diabete e di malattie cardiache. Ma le patologie che non possono essere curate adeguatamente sono moltissime. Per esempio, prendiamo le malattie croniche, siano esse dei bambini, dei giovani o degli anziani. In assenza di un rifornimento costante di medicine, il malato cronico per un po’ si cura, finché durano le scorte. Quando poi le medicine mancano, la terapia viene sospesa per forza. Un altro grave problema è quello delle patologie collegate alle abitudini alimentari
D. Carenza di cibo?
R. Non solo. Il fatto è che gli abitanti della Striscia di Gaza mangiano quello che gli viene dato da mangiare da Israele. Quello che Israele decide di fare entrare. Questo è stato vero finché con i tunnel non sono iniziati gli arrivi di generi alimentari dall’Egitto. Adesso che dall’Egitto non arriva più nulla, al mercato la situazione è desolante.
D. Non potrebbero coltivare o pescare di più?
R. Il 40% dei terreni agricoli di Gaza sono diventati indisponibili a causa della buffer zone imposta da Israele. E gli abitanti della Striscia non possono più nemmeno pescare, perché hanno il limite delle tre miglia e perché le acque sono contaminate. A causa della mancanza di elettricità, i tre depuratori presenti in tutta la Striscia non funzionano. Il mare di Gaza è bellissimo da vedere, ma è meglio non avvicinarsi.
D. Quali sono le conseguenze del regime alimentare forzato?
R.
Diffusi difetti di crescita nei piccoli, che crescono più lentamente del normale. Anemia, nelle madri e nei bambini. In generale, l’alimentazione della gente povera di Gaza non è affatto equilibrata.
D. Lo scontro armato non poteva essere evitato?
R. La domanda giusta, secondo me, è un’altra. Come mai a Gaza, nonostante tutto questo, non c’è nessuno che si sia dichiarato contrario alle azioni di resistenza di Hamas e degli altri gruppi armati? A Gaza sono tutti dalla parte della resistenza. La sensazione condivisa è: «Questa volta andiamo fino in fondo, perché non abbiamo altra scelta. Le abbiamo provate tutte, compreso il governo di riconciliazione».
D. Perché non ha funzionato?
R. Il governo di riconciliazione è stato, a mio parere, un tentativo politico serio per non entrare in guerra. Ma non appena è stato fatto, Israele ha deciso di attaccare. Fra l’altro, noi non sappiamo ancora chi abbia rapito i tre ragazzi israeliani la cui morte è stata la scintilla della guerra. In ogni caso, in tutti i Paesi del mondo, un fatto del genere sarebbe stato affrontato con gli strumenti della polizia giudiziaria. Mentre, fin da subito, Israele lo ha trasformato in un casus belli.
D. Rispetto agli attacchi contro gli ospedali della Striscia, la classe medica israeliana si è mai mostrata solidale?
R.
In Israele c’è un piccolo gruppo, che si chiama Physicians for human rights, che è solidale da sempre con i medici che lavorano nella Striscia. Io li ho conosciuti nel 2006, però credo davvero che siano una minoranza molto esigua.
D. E il mondo della cultura, gli accademici?
R. Un collega, nei giorni scorsi, ha scritto un appello rivolto agli accademici israeliani per un boicottaggio culturale dell’aggressione militare. Chiedeva ai docenti universitari di pronunciarsi sulla guerra. Ebbene: su 1.000 destinatari, solo 52 hanno risposto dissociandosi dal governo. Il 5%. Non sono tutti medici, ovviamente. Però la fotografia è questa. E nonostante ciò, le università israeliane sono le uniche non europee che possono partecipare ai progetti di ricerca finanziati dall’Unione europea. Come se la scienza fosse un campo neutro, quando invece non lo è affatto.
D. Quando prevede di rientrare a Gaza?
R. Per ora la Striscia è chiusa. C’è stato un tentativo di alcuni colleghi chirurghi, che hanno provato a passare, ma non sono riusciti a entrare. Non è stato fatto entrare nessun convoglio umanitario che non fosse governativo o delle Nazioni unite, da quando è iniziata l’aggressione di terra. Ci sono medici palestinesi all’estero da anni che andrebbero volentieri a dare una mano in questo frangente. Il loro lavoro sarebbe preziosissimo, ma non vengono fatti entrare. I chirurghi che lavorano in ospedale, sotto le bombe, fanno quello che possono. E non hanno nemmeno il tempo per raccontarlo.

Giovedì, 24 Luglio 2014

thanks to: lettera43

Striscia di Gaza, bombe contro un ospedale per la riabilitazione

18/7/2014

Gaza-Maan. I tank israeliani hanno bombardato l’ospedale Al-Wafa di Gaza, tra i cui 14 pazienti ci sono paralizzati e in coma, e diversi sono stati feriti, secondo quanto ha riferito il direttore, giovedì.

“I tank israeliani stanno bombardando l’ospedale. Hanno colpito diversi piani e parecchie infermiere sono state ferite”, ha dichiarato Basman Alashi a AFP.

L’ospedale, che si trova nel sobborgo di al-Shujaiya, a Gaza, si è trovato diverse volte sotto il fuoco israeliano, in precedenza, e i militari israeliani hanno chiesto ad Alashi e a altri dottori di evacuarlo.

Alashi ha raccontato a AFP, mercoledì, che è quasi impossibile spostare i pazienti, molti dei quali sono immobili, e ha chiesto dove potrebbero andare.

“Non c’è un posto sicuro, in Gaza! Se un ospedale non è sicuro, cosa può esserlo?”, ha detto.

Giovedì notte, ha dichiarato di aver contattato altri ospedali a Gaza, per organizzare delle ambulanze e trasportare i 14 pazienti in un altro posto, dopo che Al-Wafa è stato nuovamente bombardato.

“Le ambulanze sono tutte occupate, ci sono intensi bombardamenti in diversi luoghi. E ogni paziente deve essere preso e portato individualmente perché non si può spostare. Stanno facendo a pezzi l’ospedale”.

(Nella foto, di AFP Thomas Coex, un palestinese ferito aspetta nel corridoio dell’ospedale per la riabilitazione, Al-Wafa, a Gaza, 16 luglio 2014).

thanks to: Infopal

Roma, 13 dicembre: iniziativa a sostegno dell’ospedale Al Awda di Gaza

IL GIORNO 13 DICEMBRE 2013, PRESSO LA CASA DEL POPOLO DI TORPIGNATTARA, VIA BORDONI 50, NICOLA LOFOCO TERRA’ UNO SPETTACOLO SU PIAZZA FONTANA.

INTERVERRANNO STEFANIA LIMITI E SERGIO CARARO CHE RICORDERANNO IL CLIMA GEOPOLITICO DEL PERIODO E LE IMPLICAZIONI CHE DOPO QUELLA STRAGE ANCORA PESANO SULLA SOCIETA’ DEL NOSTRO PAESE

INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE 7,00 EURO COMPRESA PICCOLA CENA

L’INCASSO SARA’ DEVOLUTO ALL’OSPEDALE AL AWDA DI GAZA

L’INIZIATIVA E’ A SOSTEGNO DELLA DELEGAZIONE ITALIANA CHE SI RECHERA’ A GAZA IL 28 DICEMBRE PROSSIMO.

‘Can you tell me why I’m not allowed to go to the hospital?’

Sabreen Bashir Mohammed Okal (27) with her daughers Malak (6) and Raghad (9)

 

“I was 5 months pregnant with my son when I noticed that something was growing in my upper right arm. I went to the hospital, where they told me it had to be removed. A part of it was removed and tested. It turned out to be cancer”, says Sabreen Okal (27), sitting down on a plastic stool in her modest home in Jabaliya refugee camp. Sabreen is a mother of 5 children, 4 girls and 1 boy.

She continues: “The tumour was removed from my arm through surgery, after which I had to go through 6 chemotherapy treatments. I was very sick during the treatment and was unable to eat for 10 days. I’m still not able to use my right arm fully, as the nerves around the wound are still healing.”

Despite treatment, the cancer returned and Sabreen underwent another surgery last October to remove the tumour from her arm. She says: “My doctor told me that I also need to undergo radiation therapy in a specialized hospital in Jerusalem. He explained that tumours will spread throughout my body if I don’t have radiation therapy. He prepared the necessary paperwork for me so that I could go to a specialized hospital in Jerusalem for this treatment on 20 December.”

In order to travel from Gaza to the hospital in Jerusalem, Sabreen and her mother-in-law, who is due to accompany her, need to cross through the Israeli-controlled Erez border crossing. “I was told that, according to standard procedure, I had to go for an interview with the Israeli intelligence service before passing through Erez. When I arrived at the crossing on 20 December, they first had me wait in a room for 3 hours. Then I was questioned about issues that have nothing to do with my illness. They asked me if my husband was affiliated with Hamas. After the investigation, they put me in a small room for 3 more hours before they sent me back home. They didn’t allow me to go to the hospital and I don’t understand why.”

On 7 January, PCHR sent a letter to the Israeli authorities operating the Erez crossing, requesting that Sabreen’s application be reconsidered. Two weeks later, the border officials responded saying that they would look into Sabreen’s file. To date, Sabreen has not received permission to cross the border to reach the hospital.

It is impossible for Sabreen to understand why she is being denied life-saving access to medical care: “What I need in order to survive is the radiation treatment, yet I am being denied such treatment. Can you tell me why I’m not allowed to go to the hospital? Regardless of my nationality and religion, I should be seen as a human being, as a patient who needs treatment. Cancer can happen to anyone. If the soldier in the border, who bars my way to the hospital, had cancer, or one of his relatives did, he wouldn’t let a minute pass before taking action. I have been waiting for 2 months now.”

While she is being told to wait, Sabreen can feel the cancer grow inside her body. “I have pain in my arm. I feel that my body is not the same as before.” Showing a bump on her hand, she says: “I can feel there is cancer growing here. This disease I have is dangerous. I cannot wait, you can see that. You know what will happen to me eventually. Who will take care of my children? Who will raise them?”

As days pass, Sabreen’s despair grows. “I feel psychologically exhausted. All I am being told is that I have to wait. But for how long do I have to wait? This is inhuman. I’m afraid something will happen to me.” Having experienced the danger of cancer in her past, Sabreen worries about what could happen to her. Her brother died of cancer when he was 17 years old.

Due to her dire financial situation, Sabreen cannot afford to travel abroad, for example to Egypt, for medical treatment. “My husband is a construction worker, whose salary is insufficient and uncertain. We don’t have money for anything. The rooms of this house are empty. The ceilings are leaking, and the refrigerator was a gift from a charity organization. The hospital in Jerusalem is my only option.”

When two of her daughters (Raghad, 9, and Malak, 6) come home from school, Sabreen talks with motherly pride about how well her girls are doing in school. “The teachers always tell me how clever they are. They are doing well in all the classes and make me very proud of them. They started saying their first words when they were 9 months old.”

Sabreen tries to protect her children from the harsh reality of her illness. “I try to live my life as normally as I can and I tell my daughters that I’m not ill. One day, my 6-year old daughter Malak came home from school crying. Someone had told her that I have cancer and needed to go to Jerusalem for treatment. She still asks me about it, but I tell her that I am doing fine. My children are too young to understand what cancer is.”

“I pray for Allah to give us patience, and give us our lives back. I want to live my life normally, and be able to raise my children.”

Since June 2007, when the closure of Gaza became near-absolute, 64 patients have died as a result of being denied the possibility to leave Gaza for medical treatment, or because of the lack in medicines caused to the closure. Among those who died, there were 18 women and 16 children. On a yearly basis, PCHR assists on average 23 patients in their application for a travel permit, facing many delays, rejections, and other obstacles.

As the occupying power, Israel has an obligation under Article 12 of the International Covenant on Economic, Social, and Cultural Rights, which recognizes everyone’s “right to the enjoyment of the highest attainable standard of physical and mental health.” As a result of the protracted illegal closure of the Gaza Strip, the local healthcare system suffers from chronical shortages in medical supplies and treatment facilities. The Israeli-imposed closure of the Gaza Strip amounts to a form of collective punishment, which is a violation of article 33 of the Fourth Geneva Convention. As it inflicts great suffering on the civilian population of Gaza, it also amounts to a war crime, for which the Israeli political and military leadership bear individual criminal responsibility.

Sabreen’s daughters (left to right): Malak (6), Mayar (2), and Raghad (9)

thanks to: pchrgaza.org