Soldato spara a palestinese a terra moribondo e inoffensivo

Le immagini amatoriali mostrano il militare che apre il fuoco contro il palestinese, a terra moribondo, che assieme ad un altro giovane pochi istanti prima aveva ferito un soldato

foto Maan

foto Maan

della redazione

Hebron (Cisgiordania), 24 marzo 2016, Nena NewsDue palestinesi sono stati uccisi dalle forze militari israeliane questa mattina a Hebron dopo aver pugnalato e ferito un soldato nella zona di Tel Rumeida, secondo quanto riferito da un portavoce dell’esercito israeliano.

Un testimone ha riferito all’agenzia di stampa Maan: “Ho sentito degli spari, sono uscito di casa per controllare cosa fosse accaduto e ho visto diversi soldati israeliani e due giovani (palestinesi) sul terreno. Un soldato si è avvicinato a uno dei giovani che si muoveva (ancora) e ha aperto il fuoco… più tardi i soldati hanno coperto i due uccisi con dei teli neri e li hanno portati verso una destinazione sconosciuta”. La testimonianza è stata confermata da un video girato da un attivista del centro per i diritti umani B’Tselem

L’agenzia Ma’an riferisce che almeno 203 palestinesi sono stati uccisi dallo scorso ottobre, quando è cominciata l’Intifada di Gerusalemme (nello stesso periodo sono stati uccisi almeno 30 israeliani). Per le autorità israeliane gran parte delle vittime palestinesi erano “attentatori intenzionati ad uccidere”. Più parti in questi mesi hanno criticato Israele denunciando quella che definiscono una politica di “esecuzioni extragiudiziali”. Quasi sempre i palestinesi responsabili di attacchi tentati o compiuti sono uccisi sul posto dalle forze militari. Pochi sono stati sino ad oggi i casi di attentatori arrestati. Per Israele invece i soldati semplicemente sparano per legittima difesa.

Molti spiegano gli attacchi all’arma bianca compiuti in prevalenza da giovani con la frustrazione che attraversa la nuova generazione palestinese di fronte a quasi 50 anni di occupazione militare israeliana. Per il premier israeliano Netanyahu invece gli attacchi sarebbero causati dal fanatismo religioso e dall’istigazione che, a suo dire, arriverebbe dai mezzi d’informazione. Ieri sera Netanyahu ha paragonato gli attacchi compiuti dall’Isis a Bruxelles agli accoltellamenti palestinesi.

thanks to: Nena News

Advertisements

Mapping the occupation in Hebron: an interactive exploration of urban space

Collage by Your Middle East, the interactive web platform is seen on the right

A young Italian architect carefully mapped resistance and occupation in Hebron’s Old City. The web platform she created provides a unique means to understand how Jewish settlements and Israeli military presence are contributing to the city’s slow death.

Zakyeh Mahmood Qasrawi belongs to that tiny minority of Palestinian people who decided to remain in Hebron’s Old City. Back in 2005, during a curfew, Israeli soldiers blocked her house’s main entrance on al-Shuhada street, forcing her family to find an alternative passage through the neighbouring courtyards. Since then, to exit and come back home, 80-year-old Zakyeh is obliged to use her neighbour’s main entrance, cross the rooftop and pass by a door of fortune opened from there. Her full story, along those of other Palestinian families residing in Hebron’s historical centre, are reported by Mapping the Apartheid: a unique and innovative lens to understand how Israeli occupation impacts Hebron’s urban life.

“Zakyeh offers an eloquent example of the situation on al-Shuhada street,” explains Marianna Castellari, heart and mind behind the project. “Due to Israeli settlers and soldiers, families living there had indeed to socially and spatially reinvent their lives; and Mapping the Apartheid simply wants to portray their daily struggle”. Marianna, a former Italian student in Architecture from the Polytechnic School of Milan, has been living and working in Ramallah for a year. Before coming back to Italy in late February, she spent two months in Hebron for fieldwork, and in collaboration with Youth Against Settlement, a local NGO of Hebronite Palestinians, and the Polytechnic School of Hebron, her project eventually took shape.

“Although I was working on my own, their commitment was of great help and motivation to me. The majority of the stories we gathered and reported actually came from the NGO’s members; and Suhaib, a web developer from Hebron’s university who worked on the website, participated with such enthusiasm that I really had never expected. Today, in seeing the platform published, I think I really owed it to all of them.”

hebroninteractive.jpg

Captivating in graphics and solidly underpinned by in-depth research, Mapping the Apartheid features an interactive web-platform where anyone – from area studies’ experts to people simply interested in gathering information – can ascertain the situation on the ground. Thematic maps, powerful images, stories from local families and careful graphic reconstructions of key urban sites merge into a comprehensive canvas, which for clarity and precision of representation leaves very little room for revisions. “It’s actually very difficult to give a sense of what’s happening in Hebron after decades of occupation,” Marianna says, “if one really wants to gather information, there are either official reports or news articles, yet both are very technical and specific”. She continues: “With this in mind, we spent a long time discussing an effective way to report about the city and we (concluded) that words weren’t enough. We needed some graphic and visual materials in order for people to get into the topic and mapping patterns of resistance and occupation at the urban scale featured as a more accessible, yet profoundly objective, means of denunciation.”

Hebron is the second largest Palestinian city and the only one with Israeli settlements within its urban centre. While a Jewish minority has historically featured in the city’s demography until 1931 – when the arrival of Zionism contributed to ignite communal strife between Jews and Arabs – the first Israeli settlements started in the 1967 war’s aftermath.

At that time, a growing number of Israeli Jews – informed by a Zionist ideology mixed with religious fundamentalism and mainly coming from the US and Israel – increasingly settled in Hebron’s Old City. Without going through the whole story of the occupation (which you can find on a detailed timeline on the project’s website) today’s Hebron is divided into two separate zones, H1 and H2, under Palestinian and Israeli military control respectively. Zone H2 also embraces Hebron’s Old City, where 4,000 Israeli soldiers watchdog a difficult coexistence between 35,000 Palestinians and 500 Jewish settlers.

streethebron2.jpg

Within this context, the relationship between settlers, the Israeli government and its soldiers on the ground could be defined by a coordination of state and non-state actors, geared to produce socio-spatial fragmentation in the Palestinian front. In other words, settlers move into Hebron’s Old City – often motivated by a nationalist and fundamentalist bias – and the Israeli state provides them with financial support and the army eventually guarantees their security; a security concern which is also instrumental in perpetuating their military presence.

“Since the city is a sacred site for all three Abrahamic confessions, the conflict for Hebron has often been described as a matter of religion. Yet, the struggle is primarily about space, territory and land control,” Marianna concludes, adding that “as al-Shuhada Street shows, Hebronite Palestinians have been deprived of the road space, impeded to drive forward their businesses and forced to change their relationship to public and private spaces.”

At the time of writing, four different settlements stand in Hebron’s Old City, while an intricate network of security checkpoints, street closures and barricades criss-cross the urban fabric. Palestinians’ daily existence is spatially hindered by an expanse of physical barriers and socially frayed by a hopeless war of attrition, preventing their life to unfold normally. It is precisely this widening rift between social and urban fabrics that condemn Hebron’s historical centre to a slow death.

thanks to: Your Middle East

HEBRON, IN MORTE DI UN RESISTENTE

Hashem Azzeh e il muro costruito dai coloni per separare la città

Non c’è città, nella Palestina occupata, nella quale il peso dell’ingiustizia sia insostenibile quanto ad Hebron. Qui i coloni si sono spinti fino al centro storico della città vecchia, costruendo muri e barriere, rivendicando l’appartenenza di queste zone all’antico quartiere ebraico. A Shuhada street, la via dei martiri, i negozi dei palestinesi sono stati sbarrati, molte delle case sono state evacuate e all’ingresso della strada c’è una banda di filo spinato che precede un checkpoint, presidiato da un manipolo di soldati ventenni che controllano il passaggio dei palestinesi. Nel 2011, quando ci andai per la prima volta, cittadini e attivisti protestavano contro la vergognosa occupazione di Shuhada street, da loro rinominata “la strada dell’apartheid”.
Di fatto, Hebron è una città tagliata in due dal disegno coloniale israeliano. Dal 1997 è stata divisa in una zona sotto l’autorità palestinese (H1) e in una sotto l’autorità israeliana (H2). Per Israele, la città è importante sia a livello strategico che religioso, dal momento che connette le colonie del sud a quelle del nord e poiché ospita La grotta dei Patriarchi, luogo in cui, secondo le religioni del libro, sono sepolti Abramo, Isacco, Sara, Rebecca e Lia. Violando il diritto internazionale, famiglie di coloni supportati dalle forze armate di Tel Aviv, hanno confiscato ai palestinesi alcune delle terre che ritenevano parte integrante di quel “Grande Israele” che ortodossi e nazionalisti ambiscono, costi quel che costi, a ricostruire.
Il fanatismo a Hebron ha messo da tempo le radici. E’ qui che nel 1994 Baruch Goldstein, un fanatico sionista, uccise 29 palestinesi durante la preghiera del mattino. E’ qui che le proteste sono ricominciate questo autunno, facendo da eco alle tensioni di Gerusalemme e al possibile inizio di una terza intifada. E’ qui che le vie del centro storico sono state protette da delle lastre di ferro, per impedire che i coloni insediatisi ai piani superiori dei palazzi del centro, continuassero a tirare pietre a chi passava per la strada, per far capire loro di andarsene. E’ qui che durante la seconda intifada è scattato un coprifuoco durato per oltre cinque anni, durante i quali la libertà di movimento dei palestinesi è stata in alcune fasi del tutto azzerata.
L’inferno di quegli anni, e le continue tensioni con i coloni, hanno convinto molta gente a fare la valigie e ad andarsene. Molti dei palestinesi nati e cresciuti nei territori trasformati in colonie sono partiti volontariamente, non potendo più sopportare una vita di odio e disperazione. Altri hanno deciso di rimanere e resistere, ma poi non hanno saputo rifiutare le laute cifre di denaro loro offerte da alcuni ricchi coloni ebrei, per fare armi e bagagli e sparire per sempre. C’è però anche chi ha da sempre rifiutato di andarsene, anche alla vista di milioni di dollari americani. Tra questi Hashem Azzeh, che ha fatto della sua vita una lotta politica, impersonificando il motto palestinese “l’esistenza è resistenza”.
La famiglia di Hashem si era insediata negli anni Cinquanta nel quartiere di Tel Rumeida a Hebron, dopo la creazione dello stato isrealiano, ricordata tristemente come la nakba, la catastrofe, dai palestinesi. Hashem è cresciuto in quello stesso quartiere dai continui saliscendi nel quale, dopo gli anni Settanta, si sono insediati alcuni dei coloni ebraici più nazionalisti e ortodossi. Come vicino di casa si è trovato Baruch Marzel, leader estremista del Jewish Defense League, che all’ingresso della sua abitazione ha un cartello esposto con scritto “Ho già ucciso un arabo. E tu?”. Quando visitai la sua casa nel 2011, Hashem mi raccontava che non avrebbe mai ceduto alle pressioni e sarebbe rimasto, per fierezza e per giustizia, mostrandomi con orgoglio e disgusto i danni causati a casa propria dagli spari dei coloni.
Hashem li odiava e loro odiavano lui, che era diventato il più grande ostacolo alla realizzazione dei loro disegni coloniali. Hashem infastidiva i coloni, per il fatto di invitare ripetutamente a cas propria giornalisti e attivisti, per mostrare loro la brutalità dell’occupazione. Hashem non aveva più paura. Aveva già sopportato di tutto, come vedere la sua moglie incinta venire ripetutamente picchiata dai soldati, con la conseguente perdita di due figli durante due gravidanze. Aveva visto uno dei suoi figli venire arrestato all’età di cinque anni. Aveva dovuto arrampicarsi oltre un muro di sei metri per poter tornare a casa. Si era trovato senz’acqua ed elettricità dopo che gli erano state tagliate le tubature e i cavi elettrici. Si era visto distruggere ogni anno il raccolto delle sue cinquanta piante di olive. I coloni volevano liberarsi di lui e lui voleva liberarsi di Israele, che a suo avviso non avrebbe mai dovuto esistere. La Palestina dei suoi sogni era quella che si estendeva dal Mar Morto a Haifa e Eliat.
Negli ultimi anni la sua casa era diventata un punto di riferimento per la resistenza palestinese. Diceva che non avrebbe mai permesso ai coloni di essere cacciato dalla sua terra, fino a che sarebbe stato in vita e fino a che la Palestina non sarebbe stata liberata. La morte se lo è portato con sé Martedì scorso, il 20 di Ottobre, mentre cercava di raggiungere a piedi l’ospedale, dopo un attacco di cuore. L’ambulanza non poteva raggiungere la sua casa, a causa dei checkpoint, e così Hashem ha dovuto fare il solito pezzo di strada a piedi, prima di imbattersi in una serie di tafferugli a Bab Zawiye, dove il fumo dei lacrimogeni ha probabilmente peggiorato le sue già critiche condizioni di salute. Una volta arrivato in ospedale le sue speranze di sopravvivenza erano già nulle.
Ha lasciato una moglie e quattro figli, nonché un vuoto enorme nella lotta di resistenza di un popolo che auspica la fine dell’occupazione, senza avere i mezzi politici, economici e diplomatici per farlo. La sua lotta ha ispirato migliaia di persone, dentro e fuori la Palestina. Chi lo ha seguito e rispettato ha istituito un fondo di solidarietà per aiutare la sua famiglia a continuare la lotta di resistenza del padre. Alla fine della settimana scorsa è già stata raccolta la straordinaria cifra di 10.000 dollari. Hashem Azzeh è morto a testa alta, senza cedere ai ricatti, senza farsi corrompere dal denaro, senza abbandonare quella battaglia politica che ha da sempre costituito il senso della sua esistenza. Hebron, e Shuhada street, non saranno più le stesse senza di lui, ma il ricordo della sua tenacia non svaniranno così in fretta.
Pubblicato su LEFT – 31 Ottobre 2015
thanks to: ViaTerra

 

Coloni e soldati israeliani aggrediscono i bambini di Hebron

Ma’an e Imemc. Un padre palestinese che vive nella Città Vecchia di Hebron ha dichiarato che la figlia di sette anni è stata ferita mentre veniva inseguita da un noto estremista israeliano, Baruch Marzel, lunedì.

Un colono israeliano, protetto dalle forze di occupazione, ha attaccato Dana al-Tamimi, di 7 anni, colpendola più volte alla testa e al volto, rompendole i denti e causandole diversi ematomi e tagli sulla testa.
I soldati israeliani hanno impedito ai paramedici di giungere sulla scena. Tuttavia, il padre di Dana è riuscito a portarla via e metterla su un’ambulanza per le cure mediche.
Raed al-Tamimi ha affermato di aver dovuto portare sua figlia all’Ospedale Governativo di Hebron “dopo che lei è caduta a terra mentre veniva inseguita da Marzel vicino alla moschea Ibrahimi”.
Al-Tamini ha dichiarato a Ma’an che le forze israeliane presenti nell’area non hanno fermato Marzel durante l’inseguimento di sua figlia e hanno aggredito suo figlio di 10 anni, Hutasem, oltre ad avere aggredito due fratelli, Nabil e Farhat Nader al-Rajabi, di 14 e 10 anni.
Al-Tamimi è uno delle migliaia di palestinesi che vivono nel centro di Hebron controllato da Israele – la più grande città nella Cisgiordania occupata – tra le centinaia di coloni israeliani che vivono illegalmente nell’area.
B’Tselem, gruppo israeliano per i diritti umani, documenta con frequenza gli attacchi dei coloni israeliani contro i residenti sotto la protezione delle forze israeliane.
Marzel è conosciuto tra i palestinesi che vivono a Hebron: essi hanno paura di questo seguace del rabbino radicale Meir Kahana e membro del movimento Kach – messo fuori legge da Israele nel 1994 attraverso le leggi antiterrorismo.
La Città Vecchia di Hebron è stata dichiarata una zona militare chiusa a novembre, bloccando l’entrata nell’area eccetto per i residenti palestinesi registrati e per i coloni israeliani.
Traduzione di F.H.L.

Sorgente: Coloni e soldati israeliani aggrediscono i bambini di Hebron | InfopalInfopal

Campagna Open Shuhada street

Tour italiano di due rappresentanti dell’Youth Against Settlement di Hebron 

OPEN Shuhada Street-LogoIl 25 Febbraio 2014 ricorre l’anniversario del massacro di palestinesi in preghiera, compiuto dal colono di Kiryat Arba, Baruch Goldstein, nella moschea della Tomba del Patriarca a Hebron. Risultato del massacro è stato un accordo tra Israele e l’ANP che lascia il controllo della città vecchia di Hebron sotto il controllo israeliano. Per la “sicurezza” dei coloni Shuhada Street è chiusa per auto e pedoni palestinesi. Da cinque anni ogni anno contemporaneamente alle manifestazioni che si tengono in Palestina si manifesta anche a livello internazionale affinché venga riaperta ai palestinesi la strada centrale della città.

YAS

Izzat KARAKI, 24 anni, nato a Hebron  è nel gruppo da piu’ di cinque anni, una famiglia di militanti, di lavoro fa il fabbro. Izzat volontariamente con lo Yas, installa le reti e le barriere di ferro per difendere gli abitanti della città vecchia dagli assalti dei coloni ed è uno dei fondatori di una scuola materna, Sumud in Via Shuhada. Nel gruppo si occupa dei media. Ha subito spesso l’attacco dei coloni, un colono lo ha attaccato con spray al peperoncino, diverse volte arrestato dai soldati

 Jawad Abu Aisha, 40 anni, nato a Hebron vive a Tel Rumeida e lui e la sua famiglia sono costantemente attaccati dai coloni. Jawad è stato un leader  fin dalla prima Intifadah, cosi come nella seconda. Da quattro anni ha scelto di lottare nella resistenza popolare nonviolenta con lo YAS ed anche lui è  tra i fondatori della scuola di materna di Shuhada street.
Durante gli incontri verrà proiettato il video girato da Livia Parisi, giornalista di Assopacepalestina di Roma sulla resistenza nonviolenta dai giovani dello YAS e altri  brevi video  che realizzati da Izzat e Jawwad.

Calendario e città degli incontri

17 Febbraio – Roma
18 Febbraio  Rieti
19 Febbraio  Milano
20 Febbraio  Bologna
21 Febbraio  Firenze
22 Febbraio  Perugia
23 Febbraio   Venezia
24 Febbraio    Brescia
25 Febbraio    Roma
26 Febbraio    Foligno
27 Febbraio    Cagliari

 Per informazioni

Luisa Morgantini –  3483921465

Ghost town: A tour of downtown Hebron – Hebron, una città fantasma

Over the past decade downtown Hebron has become a ghost town. Israel has enacted a strict segregationist policy there, enforced by imposing stringent restrictions on Palestinian pedestrians and vehicles, closing shops and businesses, and not safeguarding Palestinians from settler violence. As a result, many residents have left their homes and entire neighborhoods located near homes of Israeli settlers are entirely deserted. Hebron’s markets and main streets have grown desolate. Those individuals who have not left downtown Hebron are among the weakest and most marginalized members of society. With no option of moving away, they regularly encounter both an increased and more violent presence of Israeli security forces as well as settler violence. Finally, they must face their isolation from the rest of the city of Hebron.

We took a group of American Young Judeans on a tour of downtown Hebron. This was the first time most of them had been to downtown Hebron.

Sharon Azran, a photographer and a B’Tselem staff member, joined the tour. Below are some of her photos:

Le foto sono state scattate nel corso di un tour del centro di Hebron nel novembre 2013, e pubblicate sul sito di B’Tselem (http://www.btselem.org/photoblog/20140115_hebron).

Nel corso degli ultimi dieci anni, il centro di Hebron è diventato una città fantasma. Israele ha adottato lì una rigorosa politica segregazionista, imponendo restrizioni severe in materia di pedoni e veicoli palestinesi, chiudendo negozi e aziende, e non salvaguardando i palestinesi dalla violenza dei coloni. Come risultato, molti residenti hanno lasciato le loro case, e interi quartieri situati vicino alle case dei coloni israeliani sono del tutto deserti. I mercati di Hebron e le strade principali sono stati abbandonati. Le persone che non hanno lasciato il centro di Hebron sono tra i membri più deboli ed emarginati della società. Senza possibilità di allontanarsi, si scontrano regolarmente sia con una maggiore e più violenta presenza delle forze di sicurezza israeliane sia con la violenza dei coloni. Infine, devono affrontare il loro isolamento dal resto della città di Hebron.

Abbiamo incontrato un gruppo di giovani ebrei americani in un tour del centro di Hebron. Questa era la prima volta che la maggior parte di loro visitava Hebron.
Sharon Azran, fotografo e membro di B’Tselem, si è unito al tour. Qui di seguito alcune delle sue foto:

Baruch Goldstein’s grave, Park Kahana, Qiryat Arba. In 1994 Goldstein killed 29 Muslim worshipers in the Tomb of the Patriarchs.
Tomba di Baruch Goldstein, Parco Kahana, Qiryat Arba. Nel 1994 Goldstein uccise 29 fedeli musulmani nella Tomba dei Patriarchi.

Border Police officers at a checkpoint near the plaza outside the Tomb of the Patriarchs.
Agenti di Polizia di Frontiera presso un checkpoint vicino alla piazza all’esterno della Tomba dei Patriarchi.

A Palestinian home whose occupants installed screens on their windows to shield them from object thrown by settlers.
Una casa palestinese i cui occupanti hanno installato protezioni alle finestre per difendersi dagli oggetti lanciati dai coloni.

Row of Palestinian stores on a-Sahleh St. The stores were shut down by the Israeli military about ten years ago.
Una serie di negozi palestinesi su Sahleh Street. I negozi sono stati chiusi dai militari israeliani circa dieci anni fa.

View towards a-Sahleh neighborhood. The Avraham Avinu settlement was established near the Palestinian neighborhood, which is now practically uninhabited
Vista sul quartiere Sahleh. L’insediamento di Avraham Avinu è stato costruito vicino al quartiere palestinese, che ora è praticamente disabitato.

Foreground: Military guard tower at Aharon Gross Square. The square is named for a yeshiva student killed by Palestinians in 1983. Background: the Palestinian neighborhood of Abu Sneineh. The military does not allow Palestinians to enter the square which leads to a-Shuhada St., a main street.
In primo piano: torre di guardia militare in piazza Aharon Gross. La piazza prende il nome da uno studente yeshiva ucciso dai palestinesi nel 1983. Contesto: il quartiere palestinese di Abu Sneineh. I militari non permettono ai palestinesi di entrare nella piazza che porta a Shuhada Street, una strada principale.

A-Shuhada St., one of the main roads in downtown Hebron. Israel’s security forces do not allow any Palestinian traffic in the area. Palestinians, even pedestrians, are not allowed to take the road reserved for settlers. The military has blockaded the doors of the buildings that face the street, forcing the few Palestinians still living there to find an alternative way to exit their homes.
Shuhada Street, una delle strade principali nel centro di Hebron. Le forze di sicurezza israeliane non consentono alcun traffico palestinese nella zona. I palestinesi, anche i pedoni, non sono autorizzati a percorrere la strada, riservata ai coloni. L’esercito ha bloccato le porte degli edifici che si affacciano sulla strada, costringendo i pochi palestinesi che ancora vivono lì a escogitare un modo alternativo per uscire dalle loro case.

Cement wall built by the military to divide a-Shuhada St. from the Qasbah of Hebron.
Muro di cemento costruito dai soldati per isolare Shuhada Street dalla Qasbah di Hebron.

Military outpost on the site of Hebron’s central bus station, which the military closed in the early 1980s. There are also settlers who live in the outpost.
Avamposto militare sul sito della stazione centrale degli autobus di Hebron, che i soldati hanno chiuso nei primi anni 1980. Ci sono anche coloni che vivono nell’avamposto.

A soldier stationed at a checkpoint on a-Shuhada St. The checkpoint serves to separate the upper part of the street – where Israeli security forces permit Palestinians to travel on foot, but not by car and not to open stores – and the lower section which is prohibited even to Palestinian pedestrians.
Un soldato di stanza presso un checkpoint a Shuhada St. Il checkpoint serve per separare la parte superiore della strada – dove le forze di sicurezza israeliane consentono ai palestinesi di passare a piedi, ma non in auto, e non di aprire negozi – dalla sezione inferiore, che è vietata anche ai pedoni palestinesi.

Stairs used by Palestinians as a bypass to a-Shuhada St.
Scale utilizzate dai palestinesi come passaggio per Shuhada Street.

Graffiti on a cement wall in Tel Rumeidah neighborhood. The military post in the background is located on the roof of the home of ‘Imad and Faizah Abu Shamsiyeh, volunteer photographers in B’Tselem’s camera project.
Graffiti su un muro di cemento nel quartiere di Tel Rumeidah. La postazione militare sullo sfondo si trova sul tetto della casa di ‘Imad e Faizah Abu Shamsiyeh, fotografi volontari del progetto fotografico di B’Tselem.
thanks to: b’tselem

Viaggi in Palestina

Una terra, la Palestina, bellissima ma tormentata. Una stagione, l’autunno, in cui il tempo è ancora mite, le olive mature, e la terra si prepara ad iniziare un nuovo ciclo vitale.

L’associazione Agronomi e Forestali senza Frontiere organizza un viaggio di conoscenza della Palestina Rurale dal 30 ottobre al 10 Novembre 2013.

Un viaggio per capire una realtà di cui i media parlano molto ma di cui si sa poco. 

Un viaggio di incontro con le persone del luogo da cui ci faremo accompagnare  nella conoscenza dei posti e della storia, soprattutto recente, del paese, focalizzandoci in maniera prevalente, ma non esclusiva, sul mondo rurale. 

Incontreremo i pastori camminando nelle colline a Sud di Hebron, al limite del deserto, passeggeremo fra gli olivi nella campagna di Betlemme, dormiremo nel campo profughi di Dehisha ospitati da una famiglia del posto, visiteremo il centro storico di Hebron assieme all’ Hebron Rehabilitation Committee, l’organizzazione che si sta occupando di restaurare e ripopolare le antiche case della casbah. Visiteremo i progetti agricoli di cui ASF é partner, nella valle del Giordano e nell’area di Jenin; incontreremo le realtà del commercio equo e solidale palestinese.

Avremo occasione di incontrare rappresentanti del variegato mondo pacifista israeliano, parlare con soldati ed ex soldati, e con qualche colono. Ascolteremo diversi punti di vista su una stessa situazione e ci sarà il tempo ed il modo di discuterne assieme.

A Gerusalemme dormiremo in un ostello della Città Vecchia, ad Hebron saremo ospiti di un’organizzazione internazionale ed alcune notti le passeremo ospiti delle famiglie palestinesi. Anche per i pasti, avremo modo di visitare qualche ristorante, di sperimentare l’ospitalità delle famiglie locali, palestinesi ed israeliane, e in qualche occasione, di preparare alcuni pasti in modo indipendente. Ci muoveremo utilizzando taxi e autobus, le modalità di trasporto pubbliche usuali in Palestina.

Costo stimato del viaggio attorno ai 1000 euro (circa 300 il biglietto aereo e 750 per vitto, alloggio, trasporto e guide).

Il viaggio si rivolge a tutte le persone interessate a conoscere la realtà palestinese in Cisgiordania, in particolare quella rurale; non sono necessarie particolari competenze tecniche, ma spirito di adattamento e la disponibilità ad ascoltare le storie di chi da decenni vive realtà di oppressione e forte limitazione della libertà e lotta per la propria dignità e per avere accesso a risorse come la terra, l’acqua e la libertà di muoversi.

Sono disponibili 2 borse di studio a parziale copertura dei costi per studenti che si rendano disponibili come traduttori dall’inglese.

Informazioni ed iscrizioni, presso palestina [at] agronomisenzafrontiere [dot] it (palestina [at] agronomisenzafrontiere [dot] it)

Iscrizioni entro il 15 settembre

Allegato Dimensione
viaggio Palestina autunno 2013.pdf 180.82 KB

Continue reading

Radio Kufiah – Puntata 05

Radio Kufiah – Puntata 05

Sommario:
– Corrispondenza internazionale sulle mobilitazioni contro la firing zone a sud di al-Khalil (Hebron).
– Corrispondenza sulla campagna per la salvaguardia di Samer Issawi.

Per problemi tecnici la seconda corrispondenza è stata funestata da interferenze e cadute di connessione che non ci hanno permesso di concluderla. La termineremo in una delle prossime puntate.

(11-07-2013)

durata 1:04:38

Radio Default

clicca qui per ascoltare la puntata

thanks to: castelliperlapalestina

VIDEO: Hebron a besieged city

Wednesday, 05 June 2013

Hebron is a Palestinian city located in the southern West Bank, 30 km south of Jerusalem. It is the largest city in the West Bank and home to approximately 250,000 Palestinians and some 500-850 Jewish settlers concentrated in and around the Old City.

Israeli soldiers arrest a Palestinian during the 2012 olive harvest in the Tel Romeida area of Hebron, while Israeli settlers look on from above (Photo: Ryan Rodrick Beiler)

 

 

Since the Israeli occupation in 1967, settlements have been established in the heart of the Old City, rendering Hebron different from other cities of the West Bank: a divided city.

 

 

 

Yet Hebron is also home to resistance, of permanent unrest. 25 percent of Palestinian prisoners in Israeli jails are from Hebron.

thanks to:

The Garbage Cage

Thursday, 06 June 2013

Trapped by the Separation Wall, many people from the Hebron area are forced to make a living by digging for metal in the Yatta dump yard. The Garbage Cage describes the life of these people, many of whom are children, who in spite of their so-called low position hold tight to their dreams and hopes, their childhood dreams and hopes, their childhood games and small fights, their laughter and pain, their struggle. Their humanity. Directed by Mamdooh Afdile, Rima Essa & Yair Sagi. Produced by the Alternative Information Center (AIC).

thanks to:

Amira Hass: The anti-Semitism that goes unreported

18 July 2012
By Amira Hass, Haaretz – 18 July 2012
Tens of thousands of people live in the shadow of terror

Here’s a statistic that you won’t see in research on anti-Semitism, no matter how meticulous the study is. In the first six months of the year, 154 anti-Semitic assaults have been recorded, 45 of them around one village alone. Some fear that last year’s record high of 411 attacks – significantly more than the 312 attacks in 2010 and 168 in 2009 – could be broken this year.

Fifty-eight incidents were recorded in June alone, including stone-throwing targeting farmers and shepherds, shattered windows, arson, damaged water pipes and water-storage facilities, uprooted fruit trees and one damaged house of worship. The assailants are sometimes masked, sometimes not; sometimes they attack surreptitiously, sometimes in the light of day.

There were two violent attacks a day, in separate venues, on July 13, 14 and 15. The words “death” and “revenge” have been scrawled in various areas; a more original message promises that “We will yet slaughter.”

It’s no accident that the diligent anti-Semitism researchers have left out this data. That’s because they don’t see it as relevant, since the Semites who were attacked live in villages with names like Jalud, Mughayer and At-Tuwani, Yanun and Beitilu. The daily dose of terrorizing (otherwise known as terrorism ) that is inflicted on these Semites isn’t compiled into a neat statistical report, nor is it noticed by most of the Jewish population in Israel and around the world – even though the incidents resemble the stories told by our grandparents.

The day our grandparents feared was Sunday, the Christian Sabbath; the Semites, who are not of interest to the researchers monitoring anti-Semitism, fear Saturday, the Jewish Sabbath. Our grandparents knew that the order-enforcement authorities wouldn’t intervene to help a Jewish family under attack; we know that the Israel Defense Forces, the Israel Police, the Civil Administration, the Border Police and the courts all stand on the sidelines, closing their eyes, softballing investigations, ignoring evidence, downplaying the severity of the acts, protecting the attackers, and giving a boost to those progromtchiks.The hands behind these attacks belong to Israeli Jews who violate international law by living in the West Bank. But the aims and goals behind the attacks are the flesh and blood of the Israeli non-occupation. This systemic violence is part of the existing order. It complements and facilitates the violence of the regime, and what the representatives – the brigade commanders, the battalion commanders, the generals and the Civil Administration officers – are doing while “bearing the burden” of military service.

They are grabbing as much land as possible, using pretexts and tricks made kosher by the High Court of Justice; they are confining the natives to densely populated reservations. That is the essence of the tremendous success known as Area C: a deliberate thinning of the Palestinian population in about 62 percent of the West Bank, as preparation for formal annexation.

Day after day, tens of thousands of people live in the shadow of terror. Will there be an attack today on the homes at the edge of the village? Will we be able to get to the well, to the orchard, to the wheat field? Will our children get to school okay, or make it to their cousins’ house unharmed? How many olive trees were damaged overnight?

In exceptional cases, when there is luck to be had, a video camera operated by B’Tselem volunteers documents an incident and pierces the armor of willful ignorance donned by the citizens of the only democracy in the Middle East. When there is no camera, the matter is of negligible importance, because after all, you can’t believe the Palestinians. But this routine of escalating violence is very real, even if it is underreported.

For the human rights organization Al-Haq, the escalation is reminiscent of what happened in 1993-1994, when they warned that the increasing violence, combined with the authorities’ failure to take action, would lead to mass casualties. And then Dr. Baruch Goldstein of Kiryat Arba came along and gunned down 29 Muslim worshipers at the Ibrahim Mosque. The massacre set the stage for a consistent Israeli policy of emptying the Old City of Hebron of its Palestinian residents, with the assistance of Israeli Jewish pogromtchiks. Is there someone among the country’s decision-makers and decision-implementers who is hoping for a second round?