Rapporto: Diplomazia cristiana palestinese nella lotta contro i sionisti cristiani

Il governo palestinese si sta rivolgendo alla propria comunità cristiana e persino ai suoi evangelici per lottare contro i corrotti sionisti cristiani. Negli ultimi mesi i funzionari del ministero degli Esteri palestinese si sono trovati in una situazione di incertezza. Nonostante il forte sostegno alla causa palestinese nel mondo, una manciata di piccoli paesi latinoamericani…

via Rapporto: Diplomazia cristiana palestinese nella lotta contro i sionisti cristiani — Notizie dal Mondo

Annunci

Tutti i programmi elettorali israeliani promettono l’assorbimento di un milione di nuovi coloni.

di Madeeha Araj/ NBPRS/PNNNN Il National Bureau for Defending Land and Resisting Settlements ha detto, nel suo rapporto settimanale, che, secondo i dati pubblicati dall’Israeli Central Bureau of Statistics, il governo del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha stabilito, durante l’ultimo decennio, 7 nuovi insediamenti nella Cisgiordania occupata, tra cui sei “città di insediamento” e…

via Tutti i programmi elettorali israeliani promettono l’assorbimento di un milione di nuovi coloni. — Notizie dal Mondo

Remember us: raccontare i profughi di Gaza parlando ai profughi di Gaza | Osservatorio Iraq – Medioriente e Nordafrica

Un progetto che piano piano vede la luce: una ricerca lunga due anni, cinque storie, Gaza, un campo profughi in Giordania, dei diritti negati, un ritorno impossibile e la speranza che dal basso, dalle persone stesse, riesca a rinascere la scintilla della speranza e del cambiamento.

Sono questi gli ingredienti di ‘Remember us’, docu-drama diretto dalla giovane filmmaker e produttrice Dalia Abuzeid, gazawi in Giordania: “La prima volta è stato uno schiaffo in pieno viso. Ho iniziato a chiedermi ‘ma dove sono stata in tutto questo tempo? Dove siamo stati tutti, come esseri umani?’. Una sera, tornando a casa dal campo, mi sono resa conto d’essere invecchiata dieci anni di colpo”.

Se a dirlo è una ragazza di poco più di vent’anni, non è facile cogliere al volo il significato di queste parole. Ma mentre racconta dove ha passato gli ultimi 24 mesi della sua vita, tutto diventa un po’ più chiaro.

Dalia Abuzeid ha una carta d’identità che dice ‘Striscia di Gaza’, un passaporto da rinnovare ogni due anni, ma non ha una nazionalità ne’ un paese in cui tornare. Dalia Abuzeid, con una famiglia, degli amici, un tetto sopra la testa, un percorso di studi artistici, un lavoro e dei sogni da realizzare, è nata e cresciuta in Giordania, ma sa per certo che l’unico posto che non la accetterà mai come cittadina è proprio questo.

Perché è gazawi, in un paese che riconosce il diritto di cittadinanza a molti palestinesi, ma non a tutti.

viaRemember us: raccontare i profughi di Gaza parlando ai profughi di Gaza | Osservatorio Iraq – Medioriente e Nordafrica.