Controllare il messaggio, controllare il mondo: Dal Vietnam al Venezuela

Scott Patrick 12 febbraio 2019 Nel 2019, un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti sta avendo luogo in America Latina contro il…

via Controllare il messaggio, controllare il mondo: Dal Vietnam al Venezuela — Notizie dal Mondo

Annunci

La Russia sospende il Trattato INF in “risposta speculare” all’interruzione statunitense dell’accordo

2 febbraio 2019 15:09 Un lancio di un missile da un sistema russo Iskander. Gli Stati Uniti dicono che 9M729, uno dei missili lanciati da Iskander, viola INF. © Sputnik / StringerIl presidente Vladimir Putin ha detto che Mosca sta fermando la sua partecipazione all’accordo nucleare dell’era della Guerra Fredda dopo la decisione di Washington…

via La Russia sospende il Trattato INF in “risposta speculare” all’interruzione statunitense dell’accordo — Notizie dal Mondo

La Repubblica Democratica Popolare di Corea e le trattative sulla denuclearizzazione

La questione della denuclearizzazione della intera penisola coreana è, ormai, al centro del dibattito tra Corea del Nord, quella del Sud, gli Usa, la Cina e la Federazione Russa.

Ciò lo abbiamo visto, simbolicamente ma in modo molto chiaro, nella recentissima parata militare di Pyongyang per il 70° anniversario della fondazione della Repubblica del Nord: non c’è stata, infatti, la tradizionale e tuttavia forte sottolineatura dell’apparato nucleare e missilistico nordcoreano, ma piuttosto una bilanciata rappresentanza delle forze armate e delle varie componenti sociali, alle quali il sistema socialista del Nord affida la sua egemonia nella Repubblica Democratica Popolare della Corea. Che è una egemonia vera, non una costrizione.

Chi voglia destabilizzare Pyongyang con le solite chiacchiere sul liberalismo si troverebbe in gravi difficoltà.

Si pensi, poi, alla simbologia della rappresentanza dei quadri e delle figure di rilievo del regime intorno a Kim Jong-Un, sul palco.

Anche qui, erano moltissimi quelli che hanno partecipato a molte, moltissime, manifestazioni, mentre i nuovi arrivati, molto pochi, si confondevano nell’insieme dei consueti collaboratori di Kim Jong-Un.

Segno evidente che il Leader ha il pieno e totale controllo, nella fase più delicata delle trattative con il Sud e gli Usa, sul suo apparato di potere.

Chi volesse, quindi, come qualcuno ha detto all’interno degli apparati di sicurezza Usa, destabilizzare la Corea del Nord con una congiura di Palazzo “liberale” non avrebbe certo fortuna.

Un ruolo particolare, simbolico e quindi pienamente politico, lo hanno avuto, nella parata del 70° anniversario, le Forze Speciali. Le Special Forces più vaste e numerose del mondo, peraltro.

Le “tigri di Kim” hanno avuto una missione particolare, quella di controllare strettamente le postazioni Usa e della Corea del Sud nella parte meridionale della penisola; esse sono poi composte da circa 180.000 elementi, una cifra rilevantissima, lo dicevamo sopra, per un Paese piccolo come quello che ha per capitale Pyongyang.

Hanno peraltro una divisa molto simile a quella del 707simo Battaglione per le Operazioni Speciali di Seoul, creato subito dopo il massacro degli atleti israeliani alle olimpiadi di Monaco; ma operano, i nordcoreani, sia nel Riconoscimento, con una specifica brigata, sia in ambito marittimo, poi operano come reparti di artiglieria leggera nelle retrovie e sono tutti addestrati, come è facile immaginare, per svolgere le funzioni delle forze aviotrasportate.

Hanno compiuto operazioni leggendarie, le “tigri di Kim” come nel 1968 nella Corea del Sud, con il tentativo di assassinare, da parte della 124° Unità dell’Esercito di Pyongyang, il dittatore sudcoreano Park Chung-Hee.

E le Forze Speciali di Kim Jong-Un sono presenti anche nella Repubblica Araba Siriana di Bashar el Assad, per aggiornare le difese missilistiche.

Ciò accade soprattutto in relazione al rifiuto, opposto dai russi, di armare le forze di Damasco con missili a media e lunga gittata. Ma le forze di Kim Jong-Un in Siria stanno svolgendo varie missioni, tali da renderle, oggi, con ogni probabilità, la migliore forza asiatica nel settore dell’antiterrorismo.

Sul piano sanitario, Assad ha talvolta ringraziato ufficialmente la Corea del Nord per il sostegno apportato in questo settore al Paese mediorientale, mentre vi sono ancora truppe di artiglieria della Corea del Nord attive sul terreno siriano.

Peraltro, le statistiche occidentali ci indicano che il totale del personale militare della Corea del Nord è oggi di 6.445.000 elementi, con una quota di militari attivi di 945.000 tra soldati e ufficiali e ben 5,500.000 elementi della riserva.

Un Paese in armi, quindi, di quasi impossibile conquista da parte di chiunque provenga da fuori.

Sempre con le cifre raccolte dai Servizi dei Paesi occidentali, sappiamo che Pyongyang dovrebbe possedere 994 aerei militari di vario tipo, con 458 velivoli da combattimento e da superiorità aerea e 516 da attacco, con altri ulteriori 119 aerei da trasporto, 169 da addestramento, 202 elicotteri, di cui 20 da attacco.

Per le Forze di terra, sono oggi a disposizione del regime di Pyongyang 5243 carri armati, 9935 veicoli armati e corazzati, gli elementi di artiglieria sono poi 2250, mentre le postazioni di artiglieria pesante sono oggi ancora 4300, con ben 5000 lanciatori di missili di varia gittata e potenza.

Le navi della marina militare della Corea del Nord sono 967, con sole 10 fregate, 2 corvette, ma comunque 86 sommergibili, 438 navi da pattugliamento e 25 cacciamine. Il resto è ignoto ai Servizi occidentali.

Ma, alla parata del 70°, erano presenti anche vari gruppi di civili, i tanti ritratti di Kim Il Sung, definito come “fondatore del chosun socialista” (il chosun è la stessa Corea, intesa come Patria) mentre vi sono stati numerosi cartelloni che inneggiavano al chosun juche, ovvero all’autosostentamento della Nazione coreana del Nord  proprio attraverso il concetto di, appunto, juche: secondo Kim Il Sung, lo juche significa che “l’uomo è il padrone di tutto perché è padrone del mondo e della storia”.

Ovvero, qui si teorizza l’autodeterminazione piena della Corea di Pyongyang, senza alcun affidamento di sovranità o di sostegno economico a potenze “terze”, nemmeno se esse appartengano al “campo socialista”.

Da qui la divisione ufficiale del popolo, sia pure reso omogeneo e unificato dall’ideologia socialista, della Corea del Nord in contadini, lavoratori delle industrie e samuwon, quelli che in Occidente chiameremmo “intellettuali”, tre categorie egualmente necessarie per lo sviluppo delle società.

Si ricordi che, peraltro, in nessuna teoria comunista derivata dalla Terza Internazionale vi è un ruolo sociale specifico per i lavoratori della mente, gli “intellettuali”.

Una notevole parte della Parata del 70° è stata inoltre dedicata ad un altro pilastro dell’ideologia nordcoreana, l’unità profonda tra civili e militari.

“Socialismo, una sola grande famiglia”, un altro degli slogan tipici della Parata del 70°.

Nella simbologia tradizionale di Pyongyang, in questo contesto della “grande famiglia” il Leader è il Padre, il Partito è la Madre, i cittadini sono i figli.

Che è questo poi, al di là del simbolismo familista, il punto simbolico di avvio della trasformazione parallela dell’economia e del sistema militare nordcoreano. E la presenza massiccia delle Forze Speciali è, lo ripetiamo, un segno da non trascurare affatto.

Riferimenti alla storia degli anni ’50 e a quelli dell’inizio del regime di Pyongyang, che sono stati molto presenti nella Parata del 70°; ma anche riferimenti mitici ai cavalli Chollima e Mallima.

Il primo è un cavallo alato, simbolo comune a tutte le mitologie asiatiche (e a quelle della Grecia in comunicazione con l’Asia centrale) ma qui significa evidentemente la necessaria rapidità dello sviluppo economico della Corea del Nord, che sarà il vero prossimo obiettivo di Kim Jong-Un.

Mallima è un altro cavallo alato della tradizione cinese e giapponese. Un altro, evidentissimo, simbolo.

Qui la citazione iconografica ripete una specifica osservazione che Kim Jong-Un ha fatto nel suo recente discorso di capodanno, il 5 gennaio scorso.

Il riferimento era infatti alla totale modernizzazione dell’economia nazionale e alla completa meccanizzazione dell’agricoltura, citando proprio i due cavalli alati come simboli della rapidità con la quale la Corea del Nord intraprende oggi il suo cammino di completa modernizzazione, sia civile che militare.

Tra i carri simbolici della parata del 70° vi erano anche delle sagome di navi che portavano sulle fiancate la scritta “una solida fondazione per costruire il potere economico” e “per un sistema flessibile della manifattura”.

Cosa significa tutto ciò? Che Kim Jong-Un vuole innescare uno sviluppo autopropulso della Corea del Nord per equilibrare la potenza militare con quella economica. Il suo progetto iniziale, che oggi si declina con lo slogan “prima di tutto l’economia”.

Il che non vuol dire che Pyongyang abbandona le sue reti militari, ma che le rende utili per una trattativa che spinga direttamente la Corea del Nord verso il Terzo Millennio.

Sempre sul piano simbolico, che sempre è uno degli aspetti essenziali della politica, non lasciamoci infatti illudere dal mito economicista che copre gran parte della cultura politica occidentale, bisogna osservare come l’ospite più gradito, la figura centrale del rapporto tra la Corea del Nord e il mondo esterno, è stato, durante tutta la Parata del 70°, l’inviato Li Zhanshu, delegato del Presidente cinese Xi Jinping.

Li è il presidente dello Standing Committee del Congresso Nazionale del Popolo, l’organo legislativo della Repubblica Popolare Cinese.

 Già governatore dell’Heilongjiang, regione ai vertici dell’innovazione economica cinese e del rapporto fattivo con le imprese straniere, Li Zhanshu è poi diventato, nel recente 18° Congresso, uno dei più fidati e ascoltati consiglieri di Xi Jinping, essendo peraltro già a capo dell’Ufficio Generale del Partito Comunista della Cina.

E’ anche membro, a pieno titolo, del 18° Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese.

Una figura quindi di notevole rilievo, con fortissimi e personali legami con Xi Jinping, che è stato scelto per rappresentare non solo la Cina, ma la forza durevole dei rapporti che legano, ancora oggi, Pechino e Pyongyang.

Li e Kim Jong-Un hanno salutato spesso la folla insieme, con le mani unite.

Uno dei punti da osservare, in questa nuova configurazione del sistema politico nordcoreano, è la recente dottrina nucleare di Kim Jong-Un.

Il Leader di Pyongyang ha detto che occorre che il Nord e il Sud della Corea, al fine di evitare l’orrore della guerra nucleare, dovrebbero rafforzare i loro tentativi per raggiungere una penisola coreana libera da ogni tipo di arma nucleare.

Precedentemente, Kim Jong Un aveva detto, nel luglio 2017, che la Corea del Nord non avrebbe mai ritirato il proprio armamento nucleare se gli Usa non avessero nettamente cessato la loro politica ostile e la loro minaccia nucleare indirizzata verso Pyongyang.

Il cambiamento di tono è evidentissimo. Ed è in linea con la dichiarazione comune tra Corea del Nord e Usa della Conferenza di Panmunjom del 27 aprile 2018, quando la stessa Corea settentrionale ha accettato di “lavorare per la completa denuclearizzazione della penisola coreana”.

Nella dichiarazione di Singapore del giugno 2018, peraltro, Pyongyang non si era data un obiettivo temporale, ma aveva accettato un processo, quello appunto della denuclearizzazione completa della penisola.

Con le sue ultime affermazioni, Kim Jong Un vuole, infine, accettare la linea degli Usa, la denuclearizzazione completa della penisola coreana, ma, in ogni caso, alle sue condizioni e, soprattutto, ai suoi tempi.

Ovvero, per la Corea del Nord la denuclearizzazione si attua in una trattativa nella quale sia le strutture di Pyongyang che quelle nel sud vengono sistematicamente smantellate, nello stesso tempo e nello stesso modo.

Per quanto riguarda le relazioni internazionali della Corea del Nord, visto il rapporto ottimale ricostruitosi tra la Cina e Pyongyang con la visita di Kim Jong-Un del 25-28 marzo scorsi; la soluzione, per gli Usa, sarà quella di mettersi prima d’accordo con Pechino, Mosca e, poi, con le altre capitali asiatiche amiche, come Tokyo, Seoul e perfino Hanoi.

Se Washington farà da sola, non farà nulla.

Ma c’è un ulteriore, importante questione. Ovvero, la futura partecipazione della Corea del Nord alla Belt and Road Initiative cinese.

Pyongyang non ha i capitali interni, anche dopo una forte riduzione del sistema militare e nucleare, cosa che, comunque, non farà. E farà bene a non farla.

Non ha nemmeno a disposizione i Foreign Direct Investments che potrebbero essere utilizzati per entrare, autonomamente, nel mercato-mondo che l’aspetta.

E, ancora, la Corea settentrionale ha però riserve minerarie che valgono almeno 6 trilioni di dollari, tra ferro, oro, zinco, rame, molibdeno e grafite. E anche molte terre rare.

Ma, oltre la rete della “Belt and Road”, vi è anche la Eurasia Initiative messa in piedi dalla Corea del Sud nell’ottobre 2013 e che integra la Corea del Sud nello spazio economico eurasiatico, via Russia, e permette anche una collaborazione sulla sicurezza che inserisce in questo quadro anche la Corea del Nord.

Tramite la Iniziativa Eurasiatica, comunque, potrebbero venire integrate economicamente la Corea del Sud, quella del Nord e le province del Nord-Est cinese, notoriamente ancora poco sviluppate economicamente.

Ci sono anche le grandi infrastrutture da mettere in ponte: la ferrovia verso l’Ovest, la Pusan-Seoul-Shinuju-Dandong e quindi la rete primaria dell’Est, la Pusan-Wonsan-Chongjin-Tumangang-Khasan, che sono linee le quali connettono le due Coree tra di loro e, entrambe, con la Cina e la Federazione Russa e, da lì, verso la penisola europea.

La formula produttiva sarebbe quindi: lavoro a basso prezzo nordcoreano, capitali cinesi e tecnologia sudcoreana.

Il porto di Rason metterebbe in contatto entrambe le Coree con il Giappone, il che favorirebbe anche l’economia regionale del nord-est cinese, con l’ulteriore espansione delle reti energetiche russe in tutta questa nuova area.

E tutto questo riguarda quindi la denuclearizzazione, parallela e rapida, della rete Usa in Corea del Sud e di quella presente nella Corea del Nord.

Senza l’accordo tra Cina, Russia, Usa e Giappone la nuova rete economica rimarrebbe senza significato e utilità. E qui il gioco è ancora in mano agli Stati Uniti.

Una operazione, quella della denuclearizzazione, da compiere con l’assoluta garanzia per tutte le parti, con il sostegno della IAEA ma anche, e soprattutto, dei Paesi vicini.

Sarebbe utile, infatti, una Commissione paritaria tra Usa, Corea del Nord, quella del Sud, Russia e Cina per verificare e accelerare il meccanismo della denuclearizzazione di tutta la penisola coreana.

GIANCARLO ELIA VALORI
Honorable de l’Académie des Sciences de l’Institut de France

thanks to: Foglio Verde

GLI EUROPEISTI INVOCANO IL GOLPE- per salvare la Democrazia, ovvio.

Da quel che ho capito io, Mattarella non vuole i ministri che gli propone l’alleanza di governo. Dicono che continua  telefonare a Draghi per avere, diciamo, istruzioni o pareri: “Conti ti va?”.  Draghi: Per carità, e chi lo conosce. E’  incompetente. E’ un tecnico (i media ripetono: incompetente, troppo tecnico, ha falsato il suo curriculum)

NON ABBASTANZA competente.

Mattarella:  “Mi propongono Paolo Savona lo accetti? Draghi: “Di male in peggio, quello è troppo competente. E’ anche uno del sistema, quindi non possiamo attaccarlo come un barbaro invasore.  Ex direttore generale di Confindustria e ministro dell’Industria del governo Ciampi, lunghi anni a fianco di Guido Carli, che da ministro del Tesoro firmò per l’Italia il trattato di Maastricht. Sperimentato. La sa troppo lunga. Riuscirebbe a pilotare l’uscita concordata dall’euro. Sa come fare. Nelle trattative metterebbe in difficoltà Merkel e  Macron. No no, proprio no”.

TROPPO competente.

I media strombazzano:  Paolo Savona è anti-euro, non va bene.  Ci vuole un ministro non critico dell’euro, altrimenti l’Europa si sente offesa. Altri spiegano: Paolo Savona è interno al Sistema, dunque in contraddizione col populismo. Bocciato.

Mattarella mette il veto.

Il presidente Mattarella si prende tempo. Continua a ricevere messaggi dalla cosiddetta Europa: “L’Italia  rispetti gli impegni”; “Presidente, non permetta che i  barbari distruggano lo splendido lavoro che abbiamo fatto a Bruxelles”.

Centocinquanta economisti tedeschi  firmano un documento  di fuoco in cui esigono che l’Italia esca dall’euro. Cosa che dimostra lo stato di confusione mentale in cui li abbiamo sprofondati: prima, quando l’opzione di uscita dall’euro era comparsa nella bozza Lega-M5S, tutti a strillare che è uno scandalo! E obbligano a cancellare quella opzione. Poi la stessa opzione compare con la firma di 150 economisti germanici, e va bene.

E Mattarella che fa? Aspetta. Aspetta che Salvini e Di Maio gli propongano i ministri giusti. Giusti  secondo gli europeisti e i media. Si capisce che sarebbe contento se Salvini e Di Maio gli proponessero: come presidente del  consiglio, vogliamo assolutamente Gentiloni. Come ministro dell’economia, scegliamo di nostra iniziativa, Padoan. Agli Esteri, Alfano. La Fedeli all’Istruzione…

Quello sarebbe il governo giallo-verde ideale, per Mattarella. Il quale continua a far ripetere ai media che è sua prerogativa presidenziale scegliere i ministri.

C’è addirittura qualche media che sostiene: la pretesa dei vincitori alle elezioni di volersi scegliere i ministri è contraria alla Costituzione.  Corrado Augias comincia a scrivere che al punto in cui siamo, per salvare la democrazia, bisogna vietare le elezioni: è il pensiero ricorrente della cultura di sinistra. Su Il Foglio, il direttore neocon Claudio Cerasa lancia un appello disperato a Berlusconi e a Renzi: sciolgano PD e Forza Italia e  li fondino in una sola “opposizione propositiva pro Occidente, pro mercato, pro Europa” contro il governo giallo-verde votato dal popolo.

Insomma non sanno più cosa inventarsi. Hanno una gran voglia di golpe. Sperano moltissimo in un aumento dello spread. Invocano l’aiuto dei “mercati”: non vedete l’immane debito pubblico italiano?  Chiedete di più di interessi! Rovinate gli italiani che hanno votato  male!

Al che un operatore finanziario domanda: se – come credono i media – c’è una correlazione fra debito grosso  e spread, come mai il Giappone che ha un rapporto debito/Pil del 235 per cento, ha uno spread nullo, anzi “NEGATIVO rispetto ai bund tedeschi, e non è sotto la minaccia dei mercati?

Il Giappone: rapporto  debito/Pil è  al 235%, ma i “mercati” non si allarmano. Perché ha la moneta sovrana.

Cosa volete, rispondere  a questa domanda sarebbe imbarazzante: il Giappone non allarma i mercati perché non è nell’euro, ha una moneta sovrana  e una banca centrale sua, che garantisce di pagare tutti li yen che servono per servire gli interessi sul debito.

Si potrebbe dedurre che i nostri problemi di spread dipendano dalla UE  e dall’euro.  Un’idea malsana e barbara. Omofoba e antisemita.

Quindi, gli sguardi si volgono di nuovo a Mattarella. Gli danno suggerimenti. Come nota Massimo D’Antoni, professore di scienza delle finanze a Siena:  “I giornali continuano a scrivere che al Quirinale il problema sarebbe la proposta di un ministro [Paolo Savona]  che ha dei dubbi sull’euro. Non so se sia vero. Mi rifiuto di crederci, perché se così fosse sarebbe una motivazione a dir poco sconcertante”:

Già. Avremmo un presidente della repubblica che censura preventivamente le idee politiche di un economista  assolutamente rispettato,  che è stato ministro, banchiere, boiardo di Stato, persino Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica….

Mattarella come presidente che mette il veto – non motivandolo –  su un tale nome, concordato dalle forze che rappresentano la maggioranza in parlamento, “introdurrebbe un precedente pesantissimo” (D’Antoni).  Il precedente si chiama golpe. Qui, diciamolo chiaro, c’è una grande tentazione di golpe. Lo chiede il PD. Lo chiede Forza Italia. Lo chiedono i media. Ce lo chiede l’Europa.

Forse Draghi ha trovato una via d’uscita. Telefona a Mattarella: “Dì che scelgano Di Maio. Quello è un novizio, non capisce niente di finanza monetaria, non sa le lingue, riusciamo a intimidirlo nei vertici UE …e lo facciamo su”. (non cito letteralmente: Fare su, è un mio milanesismo per imbrogliare).

I media cominciano a scrivere: si torna a pensare a un politico come presidente del consiglio. Di Maio, perché no?

 

Resta da mettere qualche puntino sulle i. Il professor Conti,che prima non andava bene  perché “un  perfetto sconosciuto”, poi non va bene perché ha difeso una famiglia che voleva far curare sua figlia malata con la Stamina:  occorre precisar che un avvocato difende anche un omicida, senza essere necessariamente un promotore dell’assassinio? Ma la cosa più  incredibile è che i media e il PD continuino a dire che”ha taroccato” il curriculum.. Che ha millantato una laurea presa a New York, come un qualunque Oscar Giannino, e che l’Università di New York dice che non è mai stato iscritto. In realtà, ecco cosa Conti ha scritto nel suo curriculum:

Vuol  dire che il professore è stato ad ascoltare lezioni all’università – ciascuno può farlo, l’ingresso è libero – per   ascoltare oratorie in un bell’inglese,  migliorare la propria comprensione della lingua, impratichirsi della terminologia giuridica. Io stesso l’ho fatto ormai decenni fa alla Tulane University di New Orleans.  Certo, andare in una università straniera per migliorare la propria competenza linguistica, è un tipo di problematica che non ha mai interessato la Fedeli, con la sua terza elementare, messa dal PD a fare la ministra dell’Istruzione: e  in quel caso, Mattarella ha trovato  che le competenza della vecchia rossa bastano e avanzano. Non ha trovato nulla da ridire sulla competenza scientifica della Lorenzin, una liceale, messa alla Sanità, con potere vacinale dittatoriale. Nè ha avuto dubbi sulle competenze di Alfano, che non sa alcuna lingua, come  ministro degli Esteri. Se si obbedisce all’Europa, non c’è bisogno di essere cervelli, di sapere qualcosa, di imparare: basta eseguire gli ordini.

 

Il debito pubblico: “Il governo giallo-verde lo farà aumentare! Bisogna impedirglielo!”: così  esclamano le sinistre  che in dieci anni di governo hanno aumentato  il debito pubblico così:

 

 

(Guardate come cresce dal 2011, ossia dal “competente” Mario Monti)

Stefano Fassina, nel  PD uno dei più a sinistra ma oggi cane sciolto e spirito libero, approva Paolo Savona:

Stefano Fassina (@StefanoFassina) ha twittato alle 10:16 AM on mar, mag 22, 2018:
Paolo #Savona come ministro economia e finanze @MEF_GOV è competente e equilibrata coerenza con voto @M5S_Camera @M5S_Senato e @LegaSalvini il 4 Marzo. Savona da tempo fa analisi fondate su mercato unico e €-zona e ne rileva insostenibili effetti di svalutazione del lavoro.
(https://twitter.com/StefanoFassina/status/998840059033014277?s=03)

BERLINO:  non sapeva come rifutare i programmi  di Macron  sulla messa in comune di profitti e perdite come in una vera area monetaria.  Adesso ha colto la palla al balzo  per stoppare tutto. “Finché l’Italia non finisce di fare le sue riforme. E siccome non le fa più…”,.

http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-05-21/governo-m5s-lega-timori-tedeschi-ora-stop-riforme-dell-area-euro–124559.shtml?uuid=AEKSmwrE&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

“La Germania, da sempre contraria alla condivisione dei rischi in Eurozona, coglie la palla al balzo per dire che… non vuole la condivisione dei rischi” (Luciano Barra Caraccio)

Per i più esperti, propongo l’articolo seguente:

COSA PONE VERAMENTE IN PERICOLO L’EUROZONA. IL CONTO CHE LA GERMANIA NON PAGHERA’ MAI

https://orizzonte48.blogspot.it/2018/05/cosa-pone-veramente-in-pericolo.html

E’ la comune spoliazione dell’Italia il vero collante della “unità” franco-tedesca, che altrimenti sarebbe divergente.

“La verità sta proprio nel fatto che l’Italia “allarma” non per la sua debolezza ma per la sua forza, la cui rivendicazione farebbe crollare la grande costruzione oligarchica del capitalismo finanziario che culmina nell’euro.”

Sorgente: GLI EUROPEISTI INVOCANO IL GOLPE- per salvare la Democrazia, ovvio. – Blondet & Friends

50 paesi preparano in segreto un trattato ancora peggiore del TTIP

50 paesi preparano in segreto un trattato ancora peggiore del TTIP

Pressenza – 50 paesi preparano in segreto un trattato ancora peggiore del TTIP.