Ancient photos of Jerusalem

 

Jerusalem Südöstlicher Teil des Tempelplatzes. Links: Aķșā-Moschee, im Vordergrunde: Ķubbet eș Șachra (sogen. Omar-Moschee). 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südöstlicher Teil des Tempelplatzes. Links: Aķșā-Moschee, im Vordergrunde: Ķubbet eș Șachra (sogen. Omar-Moschee). 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südlicher und südöstlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südlicher und südöstlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Westlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Westlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Nordwestlicher Teil des Tempelplatzes. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Nordwestlicher Teil des Tempelplatzes. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

 

Jerusalem Aķșā-Moschee: Miḥrâb (Gebetsnische) erbaut von Saladin nach Rückeroberung der Stadt von den Kreuzfahren I, Jahre 1187 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Miḥrâb (Gebetsnische) erbaut von Saladin nach Rückeroberung der Stadt von den Kreuzfahren I, Jahre 1187 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Mimbar (Predigtkanzel). In Aleppo 1168 angefertigt, von Sultan Saladin für die Aķșā-Moschee gestiftet 1187 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Mimbar (Predigtkanzel). In Aleppo 1168 angefertigt, von Sultan Saladin für die Aķșā-Moschee gestiftet 1187 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17.5 : 13.5 m.). 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939).

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17.5 : 13.5 m.). 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939).

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17,5 : 13,5 m.). 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17,5 : 13,5 m.). 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): Kuppel 30 m. hoch, 20 m. im Durchmesser - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): Kuppel 30 m. hoch, 20 m. im Durchmesser – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): die Trommel der Kuppel mit den alten Mosaiken. 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): die Trommel der Kuppel mit den alten Mosaiken. 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

 

Da gennaio, quasi 9000 Israeliani hanno invaso il complesso di al-Aqsa

Gerusalemme-Quds Press. Da gennaio di quest’anno, 8.960 Israeliani, per lo più coloni, attivisti e membri di istituzioni del cosiddetto Tempio di Salomone, hanno invaso il complesso di al-Aqsa.

Gli Israeliani che hanno invaso il complesso islamico includono 7.183 coloni, 482 membri dell’intelligence, 241 soldati e poliziotti in uniforme, 1.054 studenti, guide e esperti israeliani di antichità.

Le incursioni israeliane aumentano durante le festività nazionali e religiose ebraiche.
460_0___10000000_0_0_0_0_0_aqsajerusalem

alaqsa5alray

Sorgente: Da gennaio, quasi 9000 Israeliani hanno invaso il complesso di al-Aqsa | Infopal

Arab Jerusalem

The following remarks were presented by the Institute for Palestine Studies’ General Secretary Walid Khalidi at Georgetown University’s Center for Contemporary Arab Studies’ symposium on “Arab Jerusalem.” Khalidi’s description of Israeli exclusivist ambitions over Jerusalem were remarkably prescient and his words are even timelier today. Below is an abridged version of the presentation and the full remarks may be read here.

. . . Today, the basic concept that seems to inform all discussion on Jerusalem is that of the “unity of Jerusalem.” In principle, the concept sounds worthy of the Golden City and its ecumenical significance to humanity.

On closer scrutiny, however, a different reality emerges. Sixty-six percent of so-called “united Jerusalem” is territory seized by force in 1967. Of that, 5 percent is what had been the Jordanian municipality of Jerusalem and 61 percent is West Bank territory annexed into the Jordanian municipal area. Before 1948, Jewish land ownership in that 66 percent was less than 3 percent. Even the Jewish Quarter of the Old City was Jewish primarily in tenancy; most of the quarter belonged to old Jerusalem families as waqf (Islamic endowments).

As for the remaining 34 percent of “united Jerusalem” that is today’s West Jerusalem, Jewish-owned property there before 1948 did not exceed 20 percent overall; the rest belonged to Christian and Muslim Palestinians and to international Christian bodies. This sector contained the most affluent Palestinian residential quarters as well as most of the Palestinian commercial sector.

This West Jerusalem also included the lands of the occupied or destroyed villages of Dayr Yasin, Lifta, Ayn Karem, Maliha, Romema, Shayka Badr, and Khallat al-Tarha. Most of the Israeli government buildings in this area, including the Knesset, are built on Palestinian land. Thus, the great bulk of “united Jerusalem” is, quite simply, conquered and arbitrarily expropriated land.

In terms of the population in this “united Jerusalem,” some 170,000 Jews now live in settlements established in those parts of Jerusalem seized in 1967, whereas only about 3,000 Jews had lived in those same areas prior to 1948. In contrast, to this day virtually no Palestinians are allowed to live in West Jerusalem, whereas more than 35,000 fled or were expelled from that part of the city during the 1948 fighting and thereafter. This figure includes the inhabitants of the villages just mentioned, which were incorporated in the West Jerusalem city limits after 1948.

Nor are the current municipal borders of Jerusalem the limit of Israel’s ambitions for Jerusalem. Israel has already surrounded East Jerusalem with concentric rings of colonies on West Bank territory outside but contiguous to the municipal borders of the city. The plan, already well advanced, is to integrate these colonies with united municipal Jerusalem in order to create Greater or Metropolitan Jerusalem. Under Likud, this plan will be pressed forward at an even more frenetic pace than under the Labor government. The resultant Metropolitan Jerusalem will cover twice the surface area of present-day municipal “united Jerusalem.” A great advantage and indeed the prime objective of this strategy for Israel is that the more Palestinian territory that is alienated from the West Bank in the name of Metropolitan Jerusalem, the less the physical, political, and psychological space that will be left for the Palestinians there in the West Bank. One can count on Netanyahu to carry this strategy to its very farthest extent. . . .

The area of David’s ancient capital per se constitutes less than 1 percent of today’s so-called united Jerusalem. No religious, historical, economic, or security considerations informs the extended municipal boundaries of East Jerusalem, much less those of Metropolitan Likudist Jerusalem. What does inform them is ruthless gerrymandering in the service of solipsistic nationalism and a spirit of defiance of world opinion. . . .

The proposition of a clash of civilizations, far from being the latest in prognostication, is old hat. Remember Rudyard Kipling with his “East is East and West is West and ne’er the Twain shall meet”? But the proposition itself is not harmless old hat. It is tendentiously deterministic and ominous in its self-fulling potential. Its deepest flaw is that it abolishes human initiative. That is why a viable solution for Jerusalem must steal the thunder of all irredentists – of Crusades and proxy-Crusades, of jihads and counter-jihads.

That is why all those committed to an honorable and peaceful solution must band together to stop in their tracks the forces of fundamentalism – Muslim, Christian, and Jewish – slouching towards their rendezvous in Jerusalem. . . . 

* * * 

For our February Special Focus – Arab Jerusalem, we are highlighting a series of articles from the Journal of Palestine Studies as well as from the Jerusalem Quarterly, the only journal exclusively dedicated to the city’s history, political status, and future. Selected are contributions from, inter alia, Edward Said, Ian S. Lustick, and Rashid Khalidi on Jerusalem’s Arab heritage and fate under Israeli occupation. All photographs are from Before Their Diaspora: A Photographic History of the Palestinians, 1876-1948, by Walid Khalidi.

Journal of Palestine Studies: 

Dividing Jerusalem: British Urban Planning in the Holy City

Nicholas E. Roberts

Journal of Palestine StudiesVol. 42, No. 4 (Summer 2013), pp. 7-26

British administrators employed urban planning broadly in British colonies around the world, and British Mandate Palestine was no exception. This article shows how with a unique purpose and based on the promise of a Jewish homeland in Palestine, British urban planning in Jerusalem was executed with a particular colonial logic that left a lasting impact on the city. Both the discourse and physical implementation of the planning was meant to privilege the colonial power’s Zionist partner over the indigenous Arab community.

Fieldnotes from Jerusalem and Gaza, 2009–2011

Elena N. Hogan

Journal of Palestine StudiesVol. 41, No. 2 (Winter 2012), pp. 99-114

Written by a humanitarian aid worker moving back and forth between the Gaza Strip and East Jerusalem over a two-year period (May 2009– June 2011), the observations in these “fieldnotes” highlight the two areas as opposite sides of the same coin. Israel “withdrew” from Gaza and annexed East Jerusalem, but both are subject to the same degree of domination and control: by overt violence in Gaza, mainly by regulation in East Jerusalem.

Salvage or Plunder? Israel’s “Collection” of Private Palestinian Libraries in West Jerusalem

Gish Amit

Journal of Palestine Studies, Vol. 40, No. 4 (Summer 2011), pp. 6-23

During April–May 1948, almost the entire population of the residential Arab neighborhoods of West Jerusalem fled the fighting, leaving behind fully furnished houses, some with rich libraries. This article is about the “book salvage operation” conducted by the Jewish National and University Library, which added tens of thousands of privately owned Palestinian books to its collections. Based on primary archival documents and interviews, the article describes the beginnings and progress of the operation as well as the changing fortunes of the books themselves at the National Library. The author concludes with an exploration of the operation’s dialectical nature (salvage and plunder), the ambivalence of those involved, and an assessment of the final outcome. 

The Christian Churches of Jerusalem in the Post-Oslo Period

Michael Dumper

Journal of Palestine StudiesVol. 31, No. 2 (Winter 2002), pp. 51-65

This article surveys the main trends in the relations of Jerusalem’s historic churches with Israel and the Palestinians since the 1967 occupation and especially since Oslo. It examines the shift from cooperation with the Israeli state in the early period to a closer identification with the Palestinian nationalist position under the impact of Israeli actions and other factors, including pressures from the laity and an increasingly “Palestinianized” higher clergy, and details the growing cooperation among the churches themselves. The article ends with an examination of the various options for a future church role, especially in the light of the churches’ proposal for a “special statute” for Jerusalem, and concludes that a holy place’s administrative regime under Palestinian sovereignty would be more likely to protect long-term Christian interests.

The Centrality of Jerusalem to an End of Conflict Agreement

Rashid Khalidi

Journal of Palestine StudiesVol. 30, No. 3 (Spring 2001), pp. 82-87

More than any other issue of the Palestinian-Israeli conflict, Jerusalem has deep resonance for all the parties. Certainly, there will be no end to the Palestinian-Israeli conflict, no Arab-Israeli reconciliation, and no normalization of the situation of Israel in the region without a lasting solution for Jerusalem. For a solution to be seen by all parties as satisfying, it must accomplish three things: it must allow Palestinians and Israelis to share the city equitably; it must allow Jerusalem to be the capital of both Palestine and Israel; and it must allow people of all faiths to have free and unimpeded access to Jerusalem.

Yerushalayim and al-Quds: Political Catechism and Political Realities

Ian S. Lustick

Journal of Palestine Studies, Vol. 30, No. 1 (Autumn, 2000), pp. 5-21

Israel’s insistent portrayal of “Yerushalayim” as “united and indivisible” and as encompassing not only all of Arab al-Quds but vast surrounding areas had a crucial political purpose: to block any negotiated settlement with the Palestinians by creating a taboo against even discussing any separation. The campaign was successful in some ways but ultimately failed as a hegemonic project. This failure is reflected in the Barak government’s willingness to reimagine the city’s future. This article examines four misconceptions about Israeli attitudes toward Jerusalem and its status in Israeli law. In so doing, it documents the potential for Israeli flexibility on the issue.

 

The Ownership of the U.S. Embassy Site in Jerusalem

Walid Khalidi

Journal of Palestine StudiesVol. 29, No. 4 (Autumn, 2000), pp. 80-101

One of the most difficult issues of the final status negotiations between Israel and the Palestinians is Jerusalem. The complexity of this issue has been compounded by U.S. actions to move its embassy from Tel Aviv to Jerusalem and by allegations that the prospective site of the embassy is Palestinian refugee property confiscated by Israel since 1948.

The De-Arabization of West Jerusalem 1947-50

Nathan Krystall

Journal of Palestine Studies, Vol. 27, No. 2 (Winter, 1998), pp. 5-22

This article describes the progressive depopulation of the Arab neighborhoods of West Jerusalem following the outbreak of the fighting in late 1947. By the time the State of Israel was proclaimed on 15 May 1948, West Jerusalem already had fallen to Zionist forces. Quoting from eyewitness accounts, the author recounts the widespread looting that followed the Arab evacuation and the settlement of Jewish immigrants and Israeli government officials in the Arab houses. By the end of 1949, all of West Jerusalem’s Arab neighborhoods had been settled by Israelis.

For Arabs Only: Building Restrictions in East Jerusalem

Sarah Kaminker

Journal of Palestine StudiesVol. 26, No. 4 (Summer, 1997), pp. 5-16

Government planning policy denies Palestinians the right to use their land in East Jerusalem. Thirty-three percent of this land has been expropriated and used for building homes for more than 40,000 Jewish families. Planning schemes confine Palestinians to 10 percent of the land area of East Jerusalem. Draconian bureaucratic measures imposed on “Arabs only” aggressively prevent construction on the remaining Palestinian lands in East Jerusalem. The result: a shortage of 21,000 homes for Arab families. Using Har Homa to provide for the Arab “homeless” could be the only political and moral justification for developing the lonely mountain Jabal Abu Ghunaym.

Projecting Jerusalem

Edward W. Said

Journal of Palestine StudiesVol. 25, No. 1 (Autumn, 1995), pp. 5-14

Israel was thus able to project an idea of Jerusalem that contradicted not only its history but its very lived actuality, turning it from a multicultural and multireligious city into an “eternally” unified, principally Jewish city under exclusive Israeli sovereignty.

Israeli Settlement in the Old City of Jerusalem

Michael Dumper

Journal of Palestine Studies, Vol. 21, No. 4 (Summer, 1992), pp. 32-53

Since 1967, Israeli settlement policy in Jerusalem has been directed towards a single overriding goal: the consolidation of Israeli control over Palestinian East Jerusalem in order to prevent any future redivision of the city. In political and functional terms, this has involved declarations of a “united” Jerusalem as the “eternal” capital of the Israeli state, combined with the transfer of government offices and the extension of municipal authority and services to East Jerusalem. Demographically, it has meant strenuous efforts to construct housing and encourage the settlement of Israelis in the Palestinian parts of the city.

From Palestinian to Israeli: Jerusalem 1948-1982

Ibrahim Mattar

Journal of Palestine Studies, Vol. 12, No. 4 (Summer, 1983), pp. 57-63

Since 1948 the city of Jerusalem has undergone a process of “Israelization” accomplished by the uprooting and dispossession of the Palestinian Christian and Muslim population. This displacement of Palestinians from the Holy City was achieved by two methods. First, the use of a terror campaign in 1948 to evict the Palestinians from their homes and villages in what is now called West Jerusalem. The second method utilized a legal process, developed after 1967, by which privately-owned Palestinian land was confiscated for “public purposes.” “Public” refers to the Israeli public, and the “purpose” is the establishment of exclusive Jewish residential fortress colonies being built in East Jerusalem.

Wall Politics: Zionist and Palestinian Strategies in Jerusalem, 1928

Mary Ellen Lundsten

Journal of Palestine Studies, Vol. 8, No. 1 (Autumn, 1978), pp. 3-27

Exactly 50 years ago, late in September 1928, an “incident” occurred at the Western Wall of the Holy Sanctuary in Jerusalem  which set in motion a sequence of violent events that clearly “vibrate,” as Croce put it, in political situations and judgments  today. The Western or “Wailing” Wall controversy, which became a public issue in 1928, triggered the intercommunal violence  that in 1929 claimed 800 casualties and marked the shift of the political process in Palestine into the irreconcilably violent phase  which continues today.

The Fall of Jerusalem, 1967

S. Abdullah Schleifer

Journal of Palestine Studies, Vol. 1, No. 1 (Autumn, 1971), pp. 68-86

Monday morning, June 5, 1967. At 0850 an Aide-de-Camp called the Palace in Amman to report to King Hussein Radio Cairo’s communique that Israel had attacked Egypt. By 0900 the Egyptian General Abdul-Moneim Riad – who had arrived in Amman with a small group of staff officers to take command of the Jordanian front a few days before the war began – had received a coded message in Amman from UAR Field Marshal Amer. The UAR, the message said, had put out of action 75 per cent of the Israeli planes that had attacked the Egyptian airports and the UAR Army, having met the Israeli land attack in Sinai, was going over to a counter-offensive. “Therefore Marshal Amer orders the opening of a new front by the commander of the Jordanian forces and the launching of offensive operations according to the plan drawn up last night.”

Jerusalem Quarterly

Jerusalem: Five Decades of Subjugation and Marginalization

Nazmi Ju’beh

Jerusalem Quarterly 62 (Spring 2015)

Two Letters from Jerusalem: Haunted by Our Breathing

Nadera Shalhoub-Kevorkian, Sarah Ihmoud

Jerusalem Quarterly 59 ( 2014)

Pockets of Lawlessness in the “Oasis of Justice”

Candace Graff

Jerusalem Quarterly 58 (Spring 2014)

The Jerusalem Master Plan: Planning into the Conflict

Francesco Chiodelli

Jerusalem Quarterly 51 (Autumn 2012)

The “Center of Life” Policy: Institutionalizing Statelessness in East Jerusalem

Danielle C. Jeffe

Jerusalem Quarterly 50 (Summer 2012)ris

Edward Said’s Lost Essay on Jerusalem: The Current Status of Jerusalem

Edward Said

Jerusalem Quarterly 45 (Spring 2011)

Talbiyeh Days: At Villa Harun ar-Rashid

George Bisharat

Jerusalem Quarterly 30 (Spring 2007)

Documents and Source Material: 

Israel’s 1967 Annexation of Arab Jerusalem: Walid Khalidi’s Address to the UN General Assembly Special Emergency Session, 14 July 1967

Walid Khalidi

Journal of Palestine StudiesVol. 42, No. 1 (Autumn 2012), pp. 71-82

EU Heads of Mission, Report on East Jerusalem, Jerusalem, 10 February 2012 (excerpts)

Journal of Palestine StudiesVol. 41, No. 3 (Spring 2012), pp. 223-232

B’Tselem, Report on Arrests and Detentions of Palestinian Minors in East Jerusalem, Jerusalem, December 2010 (excerpts)

Journal of Palestine StudiesVol. 40, No. 3 (Spring 2011), pp. 206-208

The Association for Civil Rights in Israel (ACRI), “Unsafe Space: The Israeli Authorities’ Failure to Protect Human Rights amid Settlements in East Jerusalem,” Jerusalem, September 2010 (excerpts)

Journal of Palestine StudiesVol. 40, No. 2 (Winter 2011), pp. 195-202

Ir Amim, Analysis of the Jerusalem Master Plan 2000, Jerusalem, June 2010

Journal of Palestine StudiesVol. 40, No. 1 (Autumn 2010), pp. 193-196

Jerusalem 1967

Journal of Palestine StudiesVol. 37, No. 1 (Autumn 2007), pp. 88-110

Documents Concerning the Status of Jerusalem

Journal of Palestine StudiesVol. 1, No. 1 (Autumn, 1971), pp. 171-194

thanks to: Istitute for Palestine Studies

Monsignor Capucci: “Rendo omaggio alla fermezza di tutti i prigionieri palestinesi”

Archbishop-Hilarion-Capucci-2

 

 

 

Memo. ​L’Arcivescovo melchita, Hilarion Capucci, ha inviato una lettera circolare di solidarietà ai palestinesi prigionieri nelle carceri israeliane, specialmente quelli in sciopero della fame.

Nella lettera, divulgata dal Comitato per gli Affari dei Prigionieri, Capucci ha detto: “Rendo omaggio alla fermezza di tutti i prigionieri palestinesi che difendono il diritto del loro popolo di vivere in pace, senza occupazione e sofferenza. I miei saluti a tutti i prigionieri in sciopero della fame che combattono contro i loro torturatori e oppressori della libertà, della dignità e dell’umanità”.
“Ritornerò alla mia Gerusalemme molto presto. Ritornerò in una Gerusalemme libera. A Gerusalemme, la città della coesistenza, della pace e dell’unità sociale, dove la bandiera palestinese verrà alzata contro la politica di ebraicizzazione, deportazione, arresti e colonie”.
Capucci ha invitato a sostenere i prigionieri palestinesi nella loro situazione critica e a sostenere le loro famiglie e bambini.
L’arcivescovo Hilarion Capucci è diventato vescovo della Chiesa Cattolica Romana a Gerusalemme nel 1965 ed è conosciuto per la sua opposizione all’occupazione israeliana.
Venne arrestato nel 1974 sotto l’accusa di sostenere la resistenza palestinese.
Una corte militare israeliana lo condannò a 12 anni di prigione, venne rilasciato dopo quattro e espulso dalla Palestina nel 1978.​

thanks to: Infopal

GERUSALEMME. Palestinese trovato impiccato in un autobus, scoppiano scontri

La polizia parla di suicidio ma la famiglia ripete che i segni trovati sul corpo di Yusuf al-Ramouni  indicano un pestaggio e poi un omicidio. Tensioni anche sul piano politico: Lieberman si fa beffe di Kerry e annuncia una colonizzazione no-stop

303894

 

della redazione

Gerusalemme, 17 novembre 2014, Nena News – Nessuna calma per Gerusalemme. Seppure il segretario di Stato Usa Kerry la scorsa settimana, dopo incontri con il presidente dell’Anp Abbas e il re giordano Abdallah, avesse parlato del “chiaro intento” delle parti a fermare l’escalation di tensioni nella Città Santa, l’abbassamento dei toni non pare una priorità né a livello politico né per le strade.

Ieri pomeriggio un palestinese ha accoltellato un israeliano di 32 anni con un cacciavite. La polizia israeliana ha catturato due palestinesi dopo aver perquisito case e auto e compiuto raid vicino la Porta di Damasco.

In serata è stato ritrovato all’interno di un autobus della compagnia israeliana Egged il corpo senza vita di un autista palestinese di 32 anni, residente nel quartiere di al-Tur, a Gerusalemme Est. Yusuf Hasan al-Ramouni è stato trovato impiccato ad una sbarra all’interno dell’autobus, fermo alla stazione dei bus di Har Hotzvim. I colleghi lo hanno subito portato all’ospedale Hadassah, ma al-Ramouni era già morto.

La famiglia ha scattato alcune foto del corpo, convinta che si tratti di omicidio: ci sono tumefazioni non solo sul collo, ma anche sull’addome e sul volto, il possibile segno di un pestaggio. Per la polizia si tratta di suicidio, un’opzione subito scartata dai palestinesi che hanno dichiarato per oggi uno sciopero. Oggi si svolgerà l’autopsia sul corpo del giovane, che lascia moglie e due figli.

Subito dopo l’annuncio della morte di al-Ramouni, scontri sono scoppiati nel quartiere dove risiedeva, a Al-Tur, e a Ras al-Amud e Abu Dis, quartiere di Gerusalemme Est, oggi in Cisgiordania perché tagliato via dalla città con la costruzione del muro. La polizia israeliana ha represso le manifestazioni con il lancio di lacrimogeni e granate stordenti. La gente di Gerusalemme ne è certa: al-Ramouni è stato ucciso da un gruppo di coloni, picchiato e poi impiccato. I segni sul corpo raccontano di un pestaggio, quelli sul collo di uno strangolamento.

La morte sospetta del giovane autista non riporterà certo la calma a Gerusalemme, dove si fa sempre più violenta la repressione israeliana dell’identità palestinese. Dopo aver riaperto la Spianata delle Moschee ai fedeli di ogni età, lo scorso venerdì, su pressioni statunitensi (con Kerry in Giordania a tentare di negoziare un accordo sulla moschea di Al-Aqsa), ieri le autorità israeliane hanno di nuovo ristretto gli accessi.

Ad infiammare le tensioni è soprattutto il governo israeliano. Se alcuni parlamentari sono entrati nella Spianata delle Moschee nei giorni scorsi per rivendicare la natura ebraica del sito religioso, insieme a gruppi di coloni estremisti, ieri è stato il ministro degli Esteri Lieberman, il falco di Netanyahu, a lanciare l’ennesima provocazione alla popolazione palestinese e anche alla comunità internazionale.

“Una cosa deve essere chiara: non accetteremo mai la definizione di costruzione a Gerusalemme come attività coloniale”, ha detto Lieberman ieri durante una conferenza stampa con il ministro degli Esteri tedesco. E ha aggiunto quanto sul campo viene fatto quotidianamente, ultimo in ordine di tempo il via libera ad altre 200 unità abitative per coloni nell’insediamento di Ramot: “Non accetteremo alcuna limitazione delle costruzioni nelle aree ebraiche a Gerusalemme”.

Al governo ultranazionalista guidato da Netanyahu le critiche internazionali fanno il solletico: la Casa Bianca può continuare a parlare di “inequivoca opposizione” all’espansione coloniale a Gerusalemme, Bruxelles proseguire nel mantra “la colonizzazione accende le tensioni e minaccia la pace”. Ma al di là delle parole, nessuno si muove e Tel Aviv gode dell’impunità necessaria per proseguire nel suo progetto: allargare al massimo i propri confini, mangiare terre e creare fatti sul terreno che nel futuro renderanno impossibile la creazione di uno Stato di Palestina.

E mentre a Gerusalemme si continua a costruire, dalla Cisgiordania arriva l’ennesima notizia di demolizioni: dopo un raid dell’esercito a Qalqiliya, le autorità israeliane hanno consegnato a cinque famiglie ordini di demolizione delle loro abitazioni. Decine di persone rischiano di restare senza un tetto sulla testa.

thanks to: Nena News

Intervista ad Ahmad Sa’adat: “Cessare i negoziati, rinnovare l’unità nazionale e ricostruire la resistenza”

Nella primavera del 2002, al culmine della seconda intifada in Cisgiordania[…] le forze israeliane portarono avanti campagne di arresti ad ampio raggio in tutti i territori occupati e invasioni su larga scala di numerose città palestinesi. Ahmad Sa’adat […] [rappresenta una ] delle figure politiche palestinesi più importanti e conosciute arrestate in quella campagna, diventando nel tempo anche un leader del movimento dei prigionieri.

Ahmad Sa’adat è il segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) ed ex membro del Consiglio Legislativo Palestinese (CLP). È il funzionario di più alto rango appartenente a una fazione palestinese attualmente imprigionato dal regime israeliano di occupazione. La prigionia di Saadat non è atipica per i leader politici in Palestina, molti dei quali sono stati arrestati e detenuti, con o senza accuse, da Israele. Tuttavia, ad essere uniche erano le circostanze dell’arresto iniziale di Saadat ed i primi quattro anni della sua detenzione.

Uno degli aspetti critici degli arresti del 2002 era la collaborazione di sicurezza tra l’Autorità Palestinese (AP) e le forze di occupazione israeliane. Grazie al suo alto profilo e al livello di coinvolgimento dell’AP, l’arresto di Saadat si distingue in particolare come uno degli esempi più eloquenti di questa stretta cooperazione. […]

Giudicato da un tribunale militare israeliano nel 2006, Saadat è stato condannato come leader di un’organizzazione terroristica illegale. Nel periodo di detenzione israeliana, tra cui tre anni di isolamento, Saadat ha partecipato a numerosi scioperi della fame per migliorare le condizioni dei detenuti, e dal 2011 è stato uno dei leader più risoluti del movimento dei prigionieri. Nella politica palestinese, Saadat è diventato il simbolo di molte cose: il militante tenace (munadil), la vittima del tradimento dell’AP, il leader del partito, il prigioniero, e altro ancora. Ma Saadat è anche un fratello, un marito, un padre e ora un nonno. Come molti prigionieri, anche lui ha subito una serie di restrizioni non solo al suo lavoro politico, ma anche alla possibilità della sua famiglia di fargli visita in carcere e, come prolungamento della pena israeliana, alla loro [dei membri della famiglia, ndt] possibilità di ottenere permessi per viaggi personali e, pertanto, ai loro movimenti quotidiani. […]

In che modo la prigione ha cambiato la tua vita personale? Qual è il significato della tua vita? Come vedi e come ti tieni aggiornato sulla situazione politica? Puoi scrivere?

La mia esperienza carceraria ha forgiato ed ha temprato allo stesso tempo la mia visione politica e la mia appartenenza di partito, ma il tempo che ho trascorso in prigione è stato anche arricchito dalla mia esperienza di lotta vissuta al di fuori [della prigione, ndt]. A intermittenza, ho trascorso un totale di 24 anni in carcere, ed eccomi qui, incarcerato ancora una volta con il resto dei miei compagni. Passo il mio tempo a leggere e ad impegnarmi in attività legate alla nostra lotta di prigionieri, che comprende l’istruzione dei miei compagni e l’insegnamento di un corso di storia all’interno del programma dell’Università di Al-Aqsa. La maggior parte dei miei scritti riguarda le esigenze dell’organizzazione dei prigionieri del PFLP e le questioni di interesse nazionale. Cerco anche di sostenere i membri della dirigenza del FPLP all’esterno ogni volta che posso. Se dovessi descrivere in che modo la detenzione attuale mi ha cambiato, lo riassumerei dicendo che osservo gli eventi politici con più distacco in quanto mi è stata offerta l’opportunità di non essere immerso nei piccoli problemi quotidiani del lavoro politico e di organizzazione all’esterno. Questa prospettiva non ha fatto altro che rafforzare la mia convinzione della solidità della visione del FPLP dal punto di vista ideologico, politico o in termini pratici, comprese le sue posizioni sulle questioni urgenti ed esistenziali attualmente al centro della polemica: i negoziati, la riconciliazione [intra-palestinese] e le prospettive di uscita dalla crisi e dall’impasse attuale.

Sei stato arrestato nel 2002 e detenuto in una prigione dell’AP di Gerico sotto la supervisione di guardie americane e britanniche. Nel marzo 2006, sei stato trasferito in una prigione israeliana e condannato a trent’anni. Puoi fare un confronto tra la tua esperienze sotto “custodia internazionale” e nelle prigioni israeliane?

In breve, la detenzione sotto controllo britannico e americano ha reso evidenti le aberrazioni causate dal processo di Oslo. Sotto il cosiddetto Accordo Gaza-Gerico, sono stato messo in prigione a Gerico dall’AP, per conto degli israeliani, sotto la supervisione americana.

Per ragioni politiche, in particolare per la campagna elettorale del partito Kadima di quell’anno, il governo israeliano dichiarò nel 2006 che ero di loro competenza, svelando il vero significato del termine “al-Himaya” [1] – l’appellativo usato per descrivere l’ondata di arresti politici eseguiti dall’AP in conformità con i dettami israeliani di sicurezza. Il termine fu propinato dall’AP al pubblico per giustificare l’ondata di arresti.

In sostanza, la mia opinione è che [a Gerico], gli americani e gli inglesi si siano accordati con gli israeliani, e le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese si siano arrese, mettendoci nell’impossibilità di difenderci o di combattere per la nostra libertà. Mi duole dire che da questo assurdo episodio non è stata imparata alcuna lezione né è stata tratta alcuna conclusione e che, sotto diversi nomi, continuano ad essere svolte altre operazioni ugualmente sbagliate.

In pratica, a gestire la prigione di Gerico erano sorveglianti stranieri, e il ruolo dei funzionari palestinesi, dal ministro degli Interni al più umile poliziotto, era semplicemente quello di far rispettare le direttive e le condizioni base degli israeliani. Questo ha condotto alla nostra detenzione ma anche all’arresto di decine di altri militanti, rastrellati sia a Gerico che in altri luoghi. Essere in una prigione israeliana è un’esperienza completamente diversa: lì ci troviamo di fronte alla deliberata politica israeliana di spezzare la nostra volontà, calpestare i nostri diritti umani e fiaccare le nostre energie da militanti. Per i detenuti in generale, e per i capi del movimento dei prigionieri in particolare, la prigione diventa a tutti gli effetti un altro campo di battaglia contro l’occupazione.

Puoi descrivere il rapporto con la tua famiglia durante il periodo di detenzione, e il rapporto con il tuo nuovo nipote?

Per me come essere umano, la mia famiglia, per quanto stretta o larga la si possa intendere, è stata e rimane la parte maggiormente lesa. Hanno pagato un prezzo pesante per i miei continui arresti, pur rimanendo una delle principali fonti di sostegno per me come militante.

Mio fratello, Muhammad, è caduto nel fiore della sua giovinezza; i miei genitori, i miei fratelli e i miei figli sono tutti stati privati ​​del mio amore per loro. Fatta eccezione per mia moglie, Abla, e mio figlio maggiore, Ghassan, le cui carte di identità di Gerusalemme permettono loro di viaggiare fino al carcere senza bisogno di un permesso da parte degli israeliani, negli otto anni trascorsi dal mio ultimo arresto la mia famiglia non ha potuto farmi visita. Per quattro anni e mezzo, tre dei quali trascorsi in isolamento, perfino Abla e Ghassan non hanno potuto visitarmi, e la mia comunicazione con loro si limitava alle lettere.

In breve, ho gravemente trascurato i miei doveri nei confronti della mia famiglia. Spero che arrivi il giorno in cui potrò farmi perdonare, per quanto tardivamente. Per quanto riguarda la mia nipotina, lei ha ereditato i geni della “minaccia per la sicurezza”, così, in assenza di una parentela di primo grado [2], le è stato impedito di visitarmi – per non parlare naturalmente delle onnipresenti “ragioni di sicurezza”.

Come passi le tue giornate in prigione? E come tieni il passo con gli affari del FPLP? La prigionia ti limita in questo proposito? Fai affidamento sulla leadership esterna per guidare il partito?

Cerco di conciliare i miei impegni di partito con i miei impegni globali di nazionalista sia in carcere che all’esterno. Naturalmente, il fatto che io sia in prigione limita la mia capacità di adempiere ai miei doveri di segretario generale del FPLP: perciò faccio affidamento sullo spirito collegiale dei miei compagni nella direzione del partito e sui processi democratici che regolano l’esercizio della loro leadership. Questi due fattori hanno contribuito all’iniezione di sangue fresco nelle nostre file. I giovani rappresentavano oltre la metà dei partecipanti al nostro recente congresso.

Il FPLP ha recentemente tenuto il suo congresso nazionale [3]. Anche se i risultati e le risoluzioni non sono stati resi pubblici, è trapelata la notizia di un grande dissenso che ha offuscato l’incontro e ha portato alle dimissioni di ‘Abd al-Rahim Malluh, il vice Segretario generale, nonché di alcuni funzionari di alto rango. Abbiamo anche sentito che il congresso ha insistito sulla tua candidatura come leader del partito. Non credi che la detenzione prolungata ostacoli la tua leadership del partito e perché il FPLP non ha proposto ad altri di unirsi alla leadership?

Dato che siamo un partito democratico di sinistra, le differenze di opinione e di giudizio all’interno della leadership sono solo naturali. Non siamo l’uno la fotocopia dell’altro, il che sarebbe contro natura. Tuttavia, non è a causa delle nostre differenze che un certo numero di compagni ha lasciato la leadership del partito – e non uso la parola “dimissioni” perché sono ancora membri del PFLP. Il partito beneficerà ancora della loro presenza e partecipazione, dal momento che continueranno a dare il loro contributo grazie alla loro preziosa e variegata esperienza di militanti. Come hanno affermato in diversi media, il motivo che li ha spinti a lasciare i posti che occupavano è stato quello di aprire la strada dei vertici della dirigenza ad una serie di giovani quadri.

Qui devo ribadire la mia stima e il mio apprezzamento per questa iniziativa, che ha ulteriormente consolidato il percorso già intrapreso dai nostri leader fondatori, tra i quali George Habash, Abu Maher al-Yamani e Salah Salah. Per quanto riguarda la mia rielezione come segretario generale nonostante la mia reclusione: questa non è stata una mia scelta personale, ma la scelta dei miei compagni – i delegati al congresso ed i quadri del partito. Considero mio dovere rispettare la loro fiducia in me, e raddoppiare i miei sforzi nell’adempiere alle sfide derivanti dalle mie responsabilità.

Pensi che il Documento dei prigionieri (Documento di riconciliazione nazionale) [4] sia ancora valido? E se sì, che cosa ostacola la sua attuazione? Se il documento ha bisogno di modifiche, quali cambiamenti proponete?

Il documento dei prigionieri resta una base politicamente valida per arrivare alla riconciliazione e rinnovare l’unità nazionale. Inoltre, esso stabilisce il quadro generale della struttura organizzativa, con l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) come avanguardia, fondata sul nazionalismo democratico, vale a dire, ove possibile, elezioni democratiche e partecipazione popolare.

In realtà, il documento è già stato modificato dagli accordi scaturiti da anni di colloqui bilaterali tra Fatah e Hamas. Questo comporta necessariamente la revisione e la ricostruzione delle istituzioni dell’OLP, in particolare il Consiglio Nazionale Palestinese (CNP). Inoltre, favorirà il consolidamento del documento e ci permetterà di passare dalla co-esistenza politica nell’arena di palestinese alla vera unità nazionale, sia in termini di azioni che di programmi.

A causa delle circostanze che hanno portato alla sua creazione, il testo del documento dei prigionieri presenta alcune ambiguità in alcuni punti, in particolare per quanto riguarda l’approccio ai negoziati e la strategia più efficace da adottare nel contrastare l’occupazione.

Venti anni dopo Oslo, non c’è né la pace né uno stato – solamente trattative e divisione politica. Come si supera questo stallo?

Trascorsi due decenni, gli esiti dei negoziati hanno definitivamente dimostrato che è inutile continuare il processo secondo il quadro di Oslo.

Per quanto mi riguarda, la continuazione degli inutili negoziati e l’attuale divisione nella classe politica palestinese sono indistinguibili. Il presupposto per la creazione e il consolidamento dell’unità nazionale è nell’impegno unanime verso una piattaforma politica chiara e unitaria fondata su un compromesso tra le varie forze e correnti all’interno del movimento nazionale palestinese.

Pertanto, se vogliamo superare l’attuale fase di stallo, dobbiamo smettere di puntare tutto sui negoziati e non prendervi più parte. Se queste dovessero continuare, allora come minimo il gruppo interessato deve riportare i negoziati sulla pista giusta tenendo fede ai principi e alle condizioni già definite, e cioè: la fine degli insediamenti, il ricorso alle risoluzioni delle Nazioni Unite e il rilascio dei prigionieri e dei detenuti. Questo presuppone ripartire dal successo ottenuto con la nostra adesione alle Nazioni Unite come Stato non membro al fine di elaborare un approccio globale per cui la questione palestinese viene essere risolta sulla base del diritto internazionale, come espresso nelle dichiarazioni e nelle risoluzioni delle Nazioni Unite alle quali Israele deve conformarsi; e infine, insistere nella nostra richiesta di adesione a tutte le istituzioni delle Nazioni Unite, in particolare alla Corte Internazionale di Giustizia.

Infine, dobbiamo lavorare per attuare i termini dell’accordo di riconciliazione formando subito un governo di riconciliazione nazionale e mettendo in piedi una struttura direzionale di transizione. Il compito di questa istituzione transitoria sarebbe quello di impegnarsi nella ricostruzione e nel rafforzamento dell’OLP e nell’organizzazione delle elezioni legislative e presidenziali dell’AP, nonché delle elezioni del Consiglio nazionale palestinese [CNP] entro sei mesi (anche se questo lasso di tempo può essere esteso, se necessario). L’aspetto di gran lunga più importante, però, è che la popolazione deve essere mobilitata intorno ad una piattaforma politica unitaria di resistenza nazionale in tutte le sue forme.

Dove ci porteranno i negoziati in corso secondo lei?

Chi ha seguito le posizioni del governo israeliano e statunitense capisce che le probabilità di raggiungere un accordo politico sancito dal diritto internazionale e dalle risoluzioni delle Nazioni Unite, vale a dire, in conformità con i diritti del popolo palestinese al ritorno, all’autodeterminazione e all’indipendenza nazionale, sono pari a zero.

Credo che nessun leader palestinese, non importa quanto flessibile, sia in grado di soddisfare le richieste israeliane o americane e abbandonare questi principi fondamentali. Tutt’al più, i negoziati non faranno altro che prolungare la gestione delle crisi fornendo una copertura per i progetti israeliani di insediamento coloniale sul terreno, per scongiurare il biasimo internazionale e per imporre la propria visione di un soggetto politico palestinese pari a poco più che un protettorato. Inoltre, i negoziati consentono agli Stati Uniti di disinnescare le tensioni e contenere il conflitto in Palestina, e di concentrarsi sulle questioni regionali che ritiene fondamentali, vale a dire la Siria e l’Iran.

Il movimento nazionale palestinese deve essere ricostruito. In che modo e con quali prospettive politiche?

Sono d’accordo con te che il movimento nazionale palestinese ha bisogno di essere ricostruito. Credo che il punto di partenza debba essere la riconfigurazione di tutte le fazioni, sia nazionaliste che islamiste, al fine di razionalizzare programmi e punti di discussione e rafforzare il nostro riesame del modo migliore di procedere nella lotta contro l’occupazione. Ciò include una rivalutazione dell’OLP sia come organo sia come organizzazione quadro che rappresenta tutti i palestinesi, ovunque si trovino, e qualsiasi prospettiva sociale o politica abbiano. Organizzato come un vasto fronte nazionale e democratico, questa struttura sarebbe investita della massima autorità politica per guidare la nostra lotta.

Considero le nostre prospettive politiche le seguenti: a livello strategico, dobbiamo ripristinare quegli elementi del nostro programma nazionale che sono stati smantellati dalla leadership dominante dell’OLP a favore dell’opportunismo pragmatico, e ricollegare gli obiettivi storici dell’organizzazione per quanto riguarda il conflitto con quelli attuali: in sintesi, la creazione di un unico stato democratico in tutta la Palestina storica. A livello tattico, dovremmo unirci intorno ad una piattaforma comune con la componente islamista del movimento nazionale palestinese su un terreno comune, vale a dire il diritto al ritorno, all’autodeterminazione e alla creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme come sua capitale.

La resistenza popolare viene propagandata come alternativa alla resistenza armata. C’è un conflitto tra le due? E, se sono metodi complementari, come possono essere combinati?

La lotta quotidiana del movimento dei prigionieri è parte della più ampia lotta palestinese. Chiunque abbia seguito l’attivismo popolare palestinese nel corso degli ultimi tre anni o giù di lì scoprirà che esso ha ruotato in larga parte attorno al sostegno alle battaglie del movimento nazionale dei prigionieri. E questa non è una novità – in ogni fase della nostra lotta nazionale i prigionieri hanno svolto un ruolo di primo piano e di incitamento all’azione. Quanto meno, agli uomini e alle donne del FPLP, sia nella base sia nella direzione, prometto di impegnarmi, insieme con i miei compagni del PFLP in carcere, per soddisfare le loro speranze ed aspettative, in particolare per quanto riguarda la mobilitazione del Fronte [FPLP], rafforzando la sua presenza, e il sostegno al movimento nazionale palestinese in generale.

Come dimostrato altrove dalle rivoluzioni popolari, abbracciare la resistenza popolare non significa favorire una forma di lotta ad un’altra. Confinare la resistenza popolare alla sola lotta nonviolenta svuota la resistenza del suo contenuto rivoluzionario. L’intifada palestinese è stata un modello per la resistenza popolare, oltre ad essere la nostra bussola mentre percorrevamo diverse ed efficaci forme di resistenza: pacifica, violenta, popolare, di fazione, economica, politica e culturale. Non solo la letteratura accademica rifiuta la logica di spezzare la resistenza in varie forme e metodi, ma la realtà delle sfide che il popolo palestinese si trova ad affrontare nella sua lotta contro l’occupazione israeliana esclude un approccio del genere: noi ci troviamo ad affrontare una forma globale di colonialismo di insediamento che si basa sulle forme più estreme di violenza convenzionalmente associate con l’occupazione, combinate con politiche di apartheid. E l’ostilità in cui si imbattono [i palestinesi] si estende a tutti i segmenti della nostra popolazione, ovunque si trovino.

È quindi necessaria la combinazione creativa e l’integrazione di tutti i metodi di lotta legittimi che ci permettono di impiegare qualsiasi tipo o metodo di resistenza in relazione alle condizioni specifiche delle diverse congiunture politiche. Al livello nazionale più ampio, abbiamo bisogno di un programma politico unitario che, in primo luogo, fornisca i mezzi per mettere in pratica la resistenza. Occorrono posizioni politiche e discorsi che siano allo stesso modo uniti intorno alla resistenza. Infine, abbiamo bisogno di un quadro nazionale generale reciprocamente concordato, che definisca le principali forme di resistenza che determineranno poi tutte le azioni di resistenza. Dobbiamo essere capaci di proporre questa o quella forma con particolare attenzione alle circostanze specifiche, e in base alle esigenze di una situazione o di un momento politico specifico, senza escludere alcuna forma di resistenza.

Gli inviti alla resistenza popolare nonviolenta e gli slogan sullo stato di diritto e sul monopolio dell’uso delle armi all’AP sono meri pretesti per giustificare l’attacco alla resistenza e rispondere ai dettami di sicurezza israeliani. Lo stato di diritto è privo di significato se posto in contrasto con il nostro diritto di resistere all’occupazione e se nega la logica di tale resistenza. E per quanto riguarda il monopolio dell’uso della forza, non ha senso se questa forza non è diretta contro il nemico.

Qual è la tua lettura delle rivolte arabe, e quali sono state le ripercussioni sulla causa palestinese?

Le rivolte arabe nascono in risposta alla necessità popolare di cambiamento democratico e rivoluzionario dei sistemi politici di ogni paese arabo. Sebbene questo sia il quadro generale di riferimento per comprendere queste rivoluzioni, le particolarità di ciascun paese variano, così come le conclusioni che si raggiungono. Penso che le rivoluzioni tunisina ed egiziana rientrino nel quadro sopra descritto. In ogni caso, questi cambiamenti rapidi e dinamici contraddistinti dall’azione collettiva di massa hanno spostato l’equilibrio interno del potere, inaugurando un periodo di transizione.

Altrove, condizioni analoghe hanno portato la gente a sollevarsi e a chiedere il cambiamento, ma in quei casi, gli Stati Uniti e i suoi agenti nella regione hanno compiuto notevoli sforzi per condizionare e intervenire a sostegno del “Progetto per il Nuovo Medio Oriente” degli Stati Uniti [5].Pertanto, occorre una certa precisione nel valutare le rivolte e nel trarre conclusioni. Bisogna distinguere attentamente tra i propositi e le richieste di cambiamento democratico e di giustizia sociale che rappresentano la legittima volontà delle popolazioni arabe di riappropriarsi della loro dignità, dei diritti e delle libertà, da un lato; e, dall’altro, le forze internazionali e regionali che sfruttano la potenza scatenata da questi movimenti popolari per i propri fini, fomentando efficacemente la contro-rivoluzione, come è avvenuto in Libia e in Siria.

In generale, tuttavia, le rivolte arabe hanno ampliato le prospettive di una transizione con potenziale a lungo termine. Hanno agitato ciò che una volta era stagnante, aprendo la strada a diversi possibili scenari, nessuno dei quali prevede un ritorno al passato, cosa che credo sia ormai impossibile. A mio avviso, qualsiasi movimento popolare che conduca i popoli arabi più vicini al raggiungimento delle loro libertà e dei loro diritti democratici pone le basi per una lotta fondata su principi veramente democratici e costituzionali, che sono i presupposti per una società democratica e civile. Tutti questi obiettivi sono d’importanza strategica sia per la causa nazionale palestinese sia per il progetto di un rinnovamento arabo.

Note:

[1] Letteralmente, “protezione”, in arabo.

[2] Solo i parenti di primo grado (genitori, fratelli, coniugi e figli) sono autorizzati a visitare i loro parenti in carcere.

[3] Eletto per un mandato di quattro anni, il congresso nazionale è il supremo organo di governo del FPLP. Formula e modifica la strategia, il programma del partito e il regolamento interno, discute e decide in merito ai rapporti del comitato ed elegge il comitato centrale (esecutivo).

[4] Il Documento di riconciliazione nazionale, largamente conosciuto come Documento dei prigionieri, è stato pubblicato l’ 11 maggio 2006. Redatto da detenuti palestinesi nelle carceri israeliane in rappresentanza di Hamas, Fatah, Jihad islamica, FPLP e FDLP, al fine di risolvere la faida tra Fatah e Hamas e unificare le fila palestinesi. È il documento alla che è stato alla base di ogni successivo tentativo di riconciliazione palestinese. http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/page/documento-dei-prigionieri

[5] Una neologismo usato dall’allora Segretario di Stato americano Condoleezza Rice in una conferenza stampa a Washington DC il 21 luglio 2006: “Quello che stiamo vedendo qui, in un certo senso, è la crescita – le doglie di un nuovo Medio Oriente e qualunque cosa facciamo, dobbiamo essere certi che stiamo portando avanti il nuovo Medio Oriente e non stiamo tornando al vecchio.” Vedi: Condoleezza Rice,” Briefing speciale sul viaggio in Medio Oriente e in Europa”, 21 Luglio 2006, trascrizione a cura di US Department of of State Archive, http://2001-2009.state.gov.

Pubblicato su Institute for Palestine Studies
Traduzione per Palestina Rossa a cura di Enrico Bartolomei (*)


(*) ricercatore e attivista della Campagna di solidarietà per la Palestina – Marche

 

thanks to: Palestina Rossa

Israele. Verso il fascismo

di Michel Warschawski *


Durante gli ultimi 45 anni ho partecipato a numerosissime manifestazioni, da piccole concentrazioni di pochi irriducibili a manifestazioni di massa nelle quali eravamo più di 100.000; manifestazioni tranquillle, anche festose, e manifestazioni nelle quali venivamo attaccati da gruppi di destra o perfino dalla gente che passava. Mi hanno dato colpi e li ho resi, e mi è servito, soprattutto quando avevo delle responsabilità, essere nervoso. Però non ricordo di aver avuto paura.

Mobilitato, di fatto detenuto nella prigione militare per essermi rifiutato di unirmi alla mia unità che doveva andare in Libano, non partecipai, nel 1983, alla manifestazione durante la quale fu assassinato Emile Grunzweig. Di contro, fui il responsabile del servizio d’ordine della manifestazione che, un mese più tardi, attraversava Gerusalemme per commemorare questo assassinio. In quella manifestazione conoscemmo l’ostilità e la brutalità della gente che incrociavamo, ma neppure lì ebbi paura, cosciente del fatto che questa ostilità di una parte della gente che passava non avrebbe superato una certa linea rossa che però era stata attraversata un mese prima.

Questa volta ho avuto paura.

Pochi giorni fa eravamo qualche centinaio a manifestare nel centro della città di Gerusalemme contro l’aggressione a Gaza, convocati da “Combattenti per la pace”. Ad una trentina di metri, e separati da un impressionante cordone della polizia, alcune decine di fascisti eruttano il proprio odio con slogan razzisti. Noi siamo qualche centinaio e loro solo qualche decina e comunque mi fanno paura: nel momento della dispersione, ancora protetti dalla polizia, torno a casa attaccato alle mura per non essere identificato come uno di quelli della sinistra che odiano.

Di ritorno a casa, cerco di identificare quella paura che ci preoccupa, ben lungi da essere io l’unico che la prova. Mi rendo conto del fatto che Israele nel 2014, non è più solo uno Stato coloniale che occupa e reprime la Palestina, ma anche uno Stato fascista, con un nemico al suo interno contro il quale prova odio.

La violenza coloniale è passata ad un livello superiore, come ha mostrato l’assassinio di Muhammad Abu Khdeir, bruciato vivo da tre coloni; a questa barbarie si aggiunge l’odio verso quegli israeliani che si rifiutano di odiare “l’altro”. Se, per generazioni, il sentimento di un “noi” israeliani trascendeva dai dibattici politici e, salvo alcune rare eccezioni – come gli omicidi di Emile Grunzweig o poi di Yitshak Rabin – impedivano che le divergenze degenerassero in violenza criminale, siamo ora entrati in un periodo nuovo, una nuova Israele.

Questo non è il risultato di un giorno e così come l’assassinio del Primo Ministro nel 1995 fu preceduto da una campagna di odio e delegittimazione diretta principalmente da Benjamin Netanyahu, la violenza attuale è il risultato di una “fascistizzazione” del discorso politico e degli atti che genera: sono innumerevoli già le concentrazioni di pacifisti e anticolonialisti israeliani attaccati da criminali di destra.

I militanti hanno sempre più paura e dubitano se esprimersi o manifestarsi; e cos’è il fascismo se non seminare il terrore per disarmare coloro che considera illegittimi?

In un contesto di razzismo libero e assunto da una nuova legislazione discriminatoria verso la minoranza palestinese in Israele, e da un discorso politico guerrafondaio formattato dall’ideologia dello scontro di civiltà, lo Stato ebraico sta sprofondando nel fascismo.

*[Michel Warschawski (Estrasburgo, 1949) è un giornalista e militante pacifista dell’estrema sinistra israeliana nonchè cofondatore e presidente del Centro di informazione alternativa (http://www.alternativenews.org) di Gerusalemme.]

Fonte originale dell’articolo: http://www.lcr-lagauche.org/israel-vers-le-fascisme/

thanks to: forumpalestina

Minorenni israeliani autori del brutale assassinio del ragazzino palestinese

khdeir_abu.jpgAl-Quds (Gerusalemme)- InfoPal. Secondo quanto riporta il sito di notizie Arabs48, fonti israeliane hanno affermato che i sei ebrei israeliani arrestati in relazione al rapimento, tortura e brutale uccisione dell’adolescente palestinese, Mohammad Abu Khdeir, hanno eseguito un omicidio premeditato, spinto da motivi “nazionalisti”.

Le fonti hanno riferito che i sospetti ammettono il crimine ogni volta che parlano con gli inquirenti, e hanno affermato che l’uccisione di Abu Khdeir, che è stato arso vivo, non è avvenuta per caso, ma che è stata premeditata.

Dopo essere stato rapito dai fanatici israeliani, Abu Khdeir, 16 anni, è stato portato in una foresta di Gerusalemme, dove è stato torturato e bruciato vivo, fino al sopraggiungere della morte.

Uno dei sei israeliani ha confessato di essere coinvolto nel crimine, e direttamente vi ha collegato anche gli altri cinque.

La polizia ritiene i sei fanatici autori del crimine, in base a prove incontrastabili, ma dice che “non sono connessi ad alcun gruppo estremista di destra”.

E aggiunge che i sei sono in maggior parte minorenni, che esistono prove sufficienti per arrestarli, e che sono connessi anche ad un altro tentativo di rapimento, fallito, di un bambino di 9 anni, a Gerusalemme.

Il piccolo è stato vittima del tentativo di sequestro, sventato a causa del pronto intervento di altri cittadini, prima del rapimento di Abu Khdeir. Il bimbo, con ogni probabilità, avrebbe fatto la stessa orrenda fine, per mano di questi orchi fanatici e assassini.

Il sito Arabs48 ha riportato che l’Agenzia di sicurezza internazionale israeliana ha fatto pressioni sulla famiglia Abu Khdeir affinché affermasse che i motivi dell’omicidio erano “criminali” e non razzisti, ma il tentativo è stato vano, a causa di video e prove che evidenziano ben altra natura.

L’autopsia del cadavere del ragazzo ha rilevato che ancora respirava quando gli è stato dato fuoco, poiché tracce di materiali carbonizzati sono stati ritrovati nell’esofago e nei polmoni. Bruciature di 1° e 4° grado ricoprivano il 90% del suo corpo, mentre il cranio presentava segni di fratture.

La settimana scorsa, il Procuratore generale palestinese, Mohammad Abdul-Ghani al-‘Oweiwy, ha dichiarato che l’autopsia ha confermato che il ragazzo è stato arso vivo.

Domenica mattina, 6 luglio, la polizia israeliana ha arrestato individui sospettati del rapimento e del brutale omicidio.

thanks to: Infopal

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l’infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l’identità inglese è naturale e all’inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l’indifferenza, o addirittura l’ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell’impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi “a casa” dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un’inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

 

 

Sosteniamo il giornalista Filippo Landi affinché rimanga a Gerusalemme

landiIl sito filo-sionista Informazione Corretta sta scatenando fulmini e saette contro il bravo giornalista Rai Filippo Landi, corrispondente da Gerusalemme. Sappiamo quanto forte è il potere della propaganda e delle pressioni…

Il 10 marzo, IC ha pubblicato una lettera, a firma di Giacomo Michele  Zippel, da Tel Aviv, indirizzata, in tono amichevole e affettuoso, all’On. Emanuele Fiano, del PD, per denunciare “i servizi che da quarant’anni la Rai ci propina  attraverso i suoi  inviati in Israele, tutti maestri di  disinformazione, diffamatori e ladri di verità, figli e nipoti del famigerato e censurato dalla stampa ‘Lodo Moro’, per citare solo gli ultimi: Paolo Longo, Ferdinando Pellegrini, Marc Innaro, Lilli Gruber ed il peggiore di tutti, il lecchino’ protettore di assassini Riccardo Cristiano attuale corrispondente RAI presso il Vaticano (ma guarda un po’!), quello del linciaggio a  Ramallah. Tutte cose che conosci in profondità. Ed ora che abbiamo perduto l’unico inviato onesto, Claudio Pagliara, la Rai ci ricasca inviando a Gerusalemme Filippo Landi. In poche settimane ci ha già fornito eloquenti esempi del suo pensiero orientato a disinformare gli ascoltatori con tesi contro Israele e pro palestinesi”.

Su Claudio Pagliara non spendiamo una parola, perché chiunque si occupi di Vicino Oriente, sia a livello storico sia di comunicazione, ricorda bene i suoi servizi, corrispondenze e reportage, e comprende il perché IC ne chieda a gran voce il ritorno a Gerusalemme.

Filippo Landi merita di essere segnalato per la sua bravura, onestà professionale e intellettuale e preparazione. Un giornalista con questi connotati professionali e umani è sempre più una perla rara nel panorama dell’informazione mainstream italiana, e va sostenuto.

Chiediamo pertanto ai nostri lettori, agli amici delle comunità palestinesi, arabe e islamiche in Italia, e a tutti coloro che hanno a cuore un’informazione veritiera e non “assoldata”, di sostenere il lavoro di Landi attraverso l’invio di migliaia di lettere, email, e messaggi, impedendo così che possa essere rimosso dal suo incarico a Gerusalemme.

Vi invitiamo a scrivere a

Direttore Rai Tre, Andrea Vianelloa.vianello@rai.it

Direttore generale Rai, Luigi Gubitosi: l.gubitosi@rai.it

Ufficio Stampa Rai: ufficiostampa@rai.it

e a dare solidarietà al giornalista Filippo Landi: f.landi@rai.it

tel. Rai Tre: 06 36864073

fax. 06 37352756

Vi invitiamo anche a scrivere email e messaggi ai parlamentari italo-arabi nel parlamento italiano, in modo che si attivino a favore di una buona informazione sulla Palestina.

thanks to: infopal

Le forze israeliane tentano di arrestare due bimbi di 5 e 6 anni

Gerusalemme – Ma’an. Le forze israeliane hanno interrogato nella giornata di giovedì due bambini palestinesi a Gerusalemme. Ne ha dato notizia il loro padre.

Iyad al-Awar ha dichiarato a Ma’an che le forze israeliane hanno fatto irruzione a casa sua e hanno cercato di sottoporre a fermo i suoi due figli, Qassam di 6 anni e Nasrallah di 5 anni.

Il signor Al-Awar ha impedito l’arresto, ma le truppe hanno presentato un mandato che gli ordinava di portare i suoi figli al Russian Compound di Gerusalemme.

“Una volta arrivati ​​al Russian Compound, i soldati volevano trattenere i miei figli per le indagini ma io mi sono rifiutato e così mi hanno picchiato, colpendomi sull’orecchio e sulla gamba. I miei bambini hanno iniziato a piangere ed erano veramente spaventati dalle forze israeliane. E poi li hanno presi con la forza”, ha affermato al-Awar.

I funzionari dell’intelligence hanno interrogato i bambini in merito a loro cugino Shadad, detenuto, e hanno chiesto loro se l’avessero visto lanciare pietre o bottiglie molotov contro le forze israeliane, secondo quanto riportato dal padre.

“Siamo stati rilasciati la sera stessa, ma il mio cellulare mi è stato confiscato”, ha aggiunto.

Traduzione per InfoPal a cura di Erica Celada

20/5/2013

thanks to: Erica Celada