8-10 million Iranians died over Great Famine caused by the British in late 1910s, documents reveal

The document in the American Archives, reporting the widespread famine and spread of epidemic disease in Iran, estimates the number of the deceased due to the famine to be about 8-10 million.

Sadegh Abbasi*

One of the little-known chapters of history was the widespread famine in Iran during World War I, caused by the British presence in Iran. After the Russian Revolution of 1917, Britain became the main foreign power in Iran and this famine or–more accurately–‘genocide’ was committed by the British. The document in the American Archives, reporting the widespread famine and spread of epidemic disease in Iran, estimates the number of the deceased due to the famine to be about 8-10 million during 1917-19 (1), making this the greatest genocide of the 20th century and Iran the biggest victim of World War I (2).

It should be noted that Iran had been one of the main suppliers of food grains to the British forces stationed in the empire’s South Asian colonies. Although bad harvest during these two years made the situation worse, it was by no means the main reason why the Great Famine occurred. Prof. Gholi Majd of Princeton University writes in his book, The Great Famine and Genocide in Persia, that  American documents show that the British prevented imports of wheat and other food grains into Iran from Mesopotamia, Asia, and also the USA, and that ships loaded with wheat were not allowed to unload at the port of Bushehr in the Persian Gulf. Professor Majd argues that Great Britain intentionally created genocide conditions to destroy Iran, and to effectively control the country for its own purposes. Major Donohoe describes Iran of that time as a “land of desolation and death” (3). But this event soon became the subject of a British cover up.

Britain has a long record of its several attempts to conceal history and rewrite it in their own favor. The pages are filled with conspiracies that were covered up by the British government to hide its involvement in different episodes that would tarnish the country’s image. One of the clear examples is the “Jameson Raid”; a failed coup against Paul Kruger’s government in South Africa. This raid was planned and executed directly by the British government of Joseph Chamberlain under the orders of Queen Victoria (4) (5). In 2002, Sir Graham Bower’s memoirs were published in South Africa, revealing these involvements that had been covered up for more than a century, focusing attention on Bower as a scapegoat for the incident (6).

The records that were destroyed to cover up British crimes around the globe, or were kept in secret Foreign Office archives, so as to, not only protect the United Kingdom’s reputation, but also to shield the government from litigation, are indicative of the attempts made by the British to evade the consequences of their crimes. The papers at Hanslope Park also include the reports on the “elimination” of the colonial authority’s enemies in 1950s Malaya; records that show ministers in London knew of the torture and murder of Mau Mau insurgents in Kenya and roasting them alive (7). These records may include those related to Iran’s Great Famine. Why were these records that cover the darkest secrets of the British Empire destroyed or kept secret? Simply because they might ‘embarrass’ Her Majesty’s government (8).

A famine occurred in Ireland from 1845 until 1852 which killed one fourth of the Irish population. This famine was caused by British policies and faced a large cover up attempt by the British government and crown to blame it on ‘potatoes’ (9). The famine, even today, is famous in the world as the “potato famine” when, in reality, it was a result of a planned food shortage and thus a deliberate genocide by the British government (10).

The true face of this famine as a genocide has been proven by historian Tim Pat Coogan in his book The Famine Plot: England’s Role in Ireland’s Greatest Tragedy published by Palgrave MacMillan (11). A ceremony was planned to take place in the US to unveil Coogan’s book in America, but he was denied a visa by the American embassy in Dublin (12).

Therefore it becomes obvious that Britain’s role in Iran’s Great famine, which killed nearly half of Iran’s population, was not unprecedented. The documents published by the British government overlook the genocide, and consequently, the tragedy underwent an attempted cover-up by the British government. The Foreign Office “handbook on Iran” of 1919 mentioned nothing related to the Great Famine.

Julian Bharier, a scholar who studied Iran’s population, built his “backward projection” estimation of Iran’s population (13) based on reports from this “handbook” and, as a result, ignored the effect of the Great Famine on Iran’s population in 1917. Bharier’s estimations were used by some authors to deny the occurrence of the Great Famine or to underestimate its impacts.

By ignoring Iran’s Great Famine in his estimations, Bharier’s work faces four scientific deficiencies. Bharier does not consider the loss of population caused by the famine in his calculations; he needs to ‘adjust’ the figure of the official census in 1956 from 18.97 million to 20.37 million, and this is despite the fact that he uses 1956 census as his primary building block for his “backward projection” model. He also ignores the official growth rates and uses his personal assumptions in this regard, which is far lower than other estimates. Finally, although Bharier frequently cites Amani’s estimates (14), in the end Bharier’s findings contradict that of Amani’s; notably Bharier’s population estimate for 1911 is 12.19 million while Amani put this figure at 10.94 million.

Despite deficiencies in the population estimates offered by Bharier for the period of the Famine and its earlier period, his article offers useful data for the post-Famine period; this is because these figures are generated from 1956 backward. That is to say, numbers generated from 1956 to 1919 are thus credible because they do not include the period of famine. Moreover, this portion of Bharier’s data are also true to that of the American Legation. For example, Caldwell and Sykes estimate the 1919 population at 10 million, which is comparitive to Bharier’s figure of 11 million.

Gholi Majd was not the first author to refute Bharier’s figures for this period. Gad G. Gilbar, in his 1976 article on demographic developments during the second half of the 19th century and the first decade of the 20th century, also considers Bharier’s estimates inaccurate for the period.

In an apparently biased review of Majd’s work, Willem Floor confirms Bharier’s model (15), despite its apparent deficiencies, and takes a mocking tone toward the well- documented work of Gholi Majd to undermine the devastation caused by the British-instigated famine in Iran, to the point of total denial of the existence of such a genocide. Floor also offers inaccurate or untrue information to oppose the fact that the British deprived Iranians from honey and caviar in the north, as he argues caviar was haram (religiously prohibited), while no such fatwa has ever existed in Shia jurisprudence and all available decrees assert that caviar is halal or permissible under the Islamic law. There was a rumor made up by Russians at the time, saying that Caviar was haram and Britain made full use of this rumor.

Another criticism made by Floor was to question why Majd’s work does not use British archival sources. A more important question is why Majd should have used these sources when they totally ignore the occurrence of the famine in Iran. The fact that Majd used mainly US sources seems to be reasonable on the grounds that the US was neutral toward the state of affairs in Iran at the time, and made efforts to help by feeding them (16).

*Sadegh Abbasi is a Junior M.A. student at Tehran University. As a student in history he has also worked as a contributor to different Iranian news agencies.


References

1. Majd, Mohammad Gholi. The Great Famine & Genocide in Iran: 1917-1919. Lanham : University Press of America, 2013. p.71: https://books.google.com/books?id=5WgSAAAAQBAJ&pg=PA71&lpg.

2. Sniegoski, Stephen J. Iran as a Twentieth Century Victim: 1900 Through the Aftermath of World War II. mycatbirdseat.com. [Online] 11 10, 2013. [Cited: 10 12, 2015.] http://mycatbirdseat.com/2013/11/iran-twentieth-century-victim-1900-aftermath-world-war-ii/.

3. Donohoe, Major M. H. With The Persian Expedition. London : Edward Arnold, 1919. p. 76.

4. Nelson, Michael and Briggs, Asa. Queen Victoria and the Discovery of the Riviera. London : Tauris Parke Paperbacks, 2007. p. 97: https://books.google.com/books?id=6ISE-ZEBfy4C&pg=PA97&lpg.

5. Bower, Graham. Sir Graham Bower’s Secret History of the Jameson Raid and the South African Crisis, 1895-1902. Cape Town : Van Riebeeck Society, 2002. p. xii: https://books.google.fr/books?id=VFYFZKRBXz0C&pg=PR23&lpg.

6. Ibid. p. xvii.

7. Cobain, Ian, Bowcott, Owen and Norton-Taylor, Richard. Britain destroyed records of colonial crimes . The Guardian. [Online] 03 17, 2012. [Cited: 10 10, 2015.] http://www.theguardian.com/uk/2012/apr/18/britain-destroyed-records-colonial-crimes.

8. Walton, Calder. Empire of Secrets: British Intelligence, the Cold War, and the Twilight of Empire. New York : The Overlook Press, 2013. p. 15: https://books.google.fr/books?id=f2cjCQAAQBAJ&pg=PT15&lpg.

9. Warfield, Brian. History Corner: The Great Irish Famine. wolfetonesofficialsite.com. [Online] [Cited: 10 12, 2015.] http://www.wolfetonesofficialsite.com/famine.htm.

10. Britain’s Cover Up. irishholocaust.org. [Online] [Cited: 10 12, 2015.] http://www.irishholocaust.org/britain’scoverup.

11. Coogan, Tim Pat. The Famine Plot: England’s Role in Ireland’s Greatest Tragedy. New York : Palgrave Macmillan, 2012.

12. O’Dowd, Niall. Proving the Irish Famine was genocide by the British. IrishCentral. [Online] 08 06, 2015. [Cited: 10 12, 2015.] http://www.irishcentral.com/news/proving-the-irish-famine-was-genocide-by-the-british-tim-pat-coogan-moves-famine-history-unto-a-new-plane-181984471-238161151.html.

13. Bharier, Julien. A Note on the Population of Iran, 1900-1966 . Population Studies. 1968, Vol. 22, 2.

14. Amani, Mehdi. La population de l’Iran. Population (French Edition). 1972, Vol. 27, 3: http://www.jstor.org/stable/1529398.

15. Floor, Willem. Reviewed Work: The Great Famine and Genocide in Persia, 1917-1919 by Mohammad Gholi Majd . Iranian Studies. Iran Facing the New Century, 2005, Vol. 38, 1.

16. Fecitt, Harry. Other Theatres of War. westernfrontassociation.com. [Online] 09 29, 2013. [Cited: 10 12, 2015.] http://www.westernfrontassociation.com/the-great-war/great-war-on-land/other-war-theatres/3305-dunsterforce-part-1.html.

thanks to: Khamenei

Annunci

Cosa collega l’olio di palma agli aerei da combattimento

Il divieto di olio di palma nel biocarburante rischia di essere sospeso nonostante la decisione del Parlamento Europeo. Gli interessi economici non devono avere priorità su ambiente e diritti umani!

Lo scorso 17 gennaio 2018 il Parlamento Europeo ha votato con larga maggioranza per un temporaneo abbandono da parte dell’Europa dell’uso di olio di palma come biocarburante. Ciò nonostante il divieto rischia di non essere mai applicato a causa di diffusi interessi economici che potrebbero avere la meglio sulla tutela dei diritti umani e dell’ambiente. I governi di Francia e Gran Bretagna hanno criticato il divieto in vista di possibili esportazioni militari in Malesia e anche in Germania potrebbero presto arrivare critiche al divieto a causa della candidatura di Siemens per l’aggiudicazione della costruzione di una superstrada in Malesia.

La decisione del Parlamento Europeo aveva provocato le proteste della Malesia e dell’Indonesia, i due maggiori esportatori di olio di palma. La Malesia ha accusato l’Europa di discriminazione minacciando il boicottaggio dei prodotti europei. Entro la fine del 2018 il Parlamento Europeo, la Commissione Europea e il Consiglio Europeo intendono concordare una comune politica dell’Unione Europea sulla questione dell’olio di palma.

Lo scorso 29 gennaio durante una visita in Malesia la Ministra della difesa francese Florence Parly ha però annunciato che il suo paese voterà contro il temporaneo divieto deciso dal Parlamento Europeo sostenendo l’importanza dei questa materia prima per l’economia malese. Il vero motivo per la posizione francese sembra però essere il tentativo della Francia di vendere al paese asiatico 18 aerei da combattimento Rafale di produzione francese. L’affare è minacciato dallo sforzo del governo britannico di vendere a sua volta i propri aerei da caccia Typhoon al paese asiatico. Il ministri della difesa britannico Gavin Williamson sostiene che il mancato affare del valore di 5,6 miliardi di Euro minaccerebbe 20.000 posti di lavoro nel settore dell’industria bellica. Per contro, il ministro dell’ambiente britannico Michael Gove si è espresso a favore del divieto.

Gli ostacoli alla messa in atto del divieto temporaneo all’uso di olio di palma nel biocarburante sembrano crescere in seguito alla candidatura della tedesca Siemens che insieme alla sua consociata malese George Kent mira a ottenere l’incarico della costruzione della superstrada tra Kuala Lumpur e Singapore. L’Europa evidentemente è facilmente ricattabile e molto lontana dal riuscire a decidere una comune politica estera e dell’ambiente. A sopportarne le conseguenze sono in primo luogo le popolazioni indigene le cui terre con le loro foreste vengono progressivamente e irrimediabilmente distrutte per creare piantagioni di palma da olio. Le conseguenze della distruzione ambientale a lungo andare ricadono invece sull’intera umanità.

Sorgente: Cosa collega l’olio di palma agli aerei da combattimento – Pressenza

La ricolonizzazione della Libia

Omar el-Mukhtar

Omar el-Mukhtar

Nella commedia degli equivoci per il teatrino della politica, il primo attore Renzi ha detto che in Libia «l’Italia farà la sua parte», quindi – appena il Pentagono ha annunciato che l’Italia assumerà il «ruolo guida» – ha dichiarato: «Non è all’ordine del giorno la missione militare italiana in Libia», mentre in realtà è già iniziata con le forze speciali che il parlamento ha messo agli ordini del premier. Questi, per dare il via ufficiale, aspetta che in Libia si formi «un governo strasolido che non ci faccia rifare gli errori del passato». In attesa che nel deserto libico facciano apparire il miraggio di un «governo strasolido», diamo uno sguardo al passato.

 

Nel 1911 l’Italia occupò la Libia con un corpo di spedizione di 100mila uomini, Poco dopo lo sbarco, l’esercito italiano fucilò e impiccò 5mila libici e ne deportò migliaia. Nel 1930, per ordine di Mussolini, metà della popolazione cirenaica, circa 100mila persone, fu deportata in una quindicina di campi di concentramento, mentre l’aviazione, per schiacciare la resistenza, bombardava i villaggi con armi chimiche e la regione veniva recintata con 270 km di filo spinato. Il capo della resistenza, Omar al-Mukhtar, venne catturato e impiccato nel 1931. Fu iniziata la colonizzazione demografica della Libia, sequestrando le terre più fertili e relegando le popolazioni in terre aride. Nei primi anni Quaranta, all’Italia sconfitta subentrarono in Libia Gran Bretagna e Stati uniti. L’emiro Idris al-Senussi, messo sul trono dagli inglesi nel 1951, concesse a queste potenze l’uso di basi aeree, navali e terrestri. Wheelus Field, alle porte di Tripoli, divenne la principale base aerea e nucleare Usa nel Mediterraneo.

 

Con l’Italia re Idris concluse nel 1956 un accordo, che la scagionava dai danni arrecati alla Libia e permetteva alla comunità italiana di mantenere il suo patrimonio. I giacimenti petroliferi libici, scoperti negli anni ‘50, finirono nelle mani della britannica British Petroleum, della statunitense Esso e dell’italiana Eni. La ribellione dei nazionalisti, duramente repressa, sfociò in un colpo di stato incruento attuato nel 1969, sul modello nasseriano, dagli «ufficiali liberi» capeggiati da Muammar Gheddafi.

 

Abolita la monarchia, la Repubblica araba libica costrinse Usa e Gran Bretagna a evacuare le basi militari e nazionalizzò le proprietà straniere. Nei decenni successivi, la Libia raggiunse, secondo la Banca mondiale, «alti indicatori di sviluppo umano», con una crescita del pil del 7,5% annuo, un reddito pro capite medio-alto, l’accesso universale all’istruzione primaria e secondaria e del 46% alla terziaria. Vi trovavano lavoro oltre 2 milioni di immigrati africani. Questo Stato, che costituiva un fattore di stabilità e sviluppo in Nordafrica, aveva favorito con i suoi investimenti la nascita di organismi che avrebbero creato l’autonomia finanziaria e una moneta indipendente dell’Unione africana.

 

Usa e Francia – provano le mail di Hillary Clinton – decisero di bloccare «il piano di Gheddafi di creare una moneta africana», in alternativa al dollaro e al franco Cfa. Per questo e per impadronirsi del petrolio e del territorio libici, la Nato sotto comando Usa lanciava la campagna contro Gheddafi, a cui in Italia partecipava in prima fila l’«opposizione di sinistra». Demoliva quindi con la guerra lo Stato libico, attaccandolo anche dall’interno con forze speciali e gruppi terroristi. Il conseguente disastro sociale, che ha fatto più vittime della guerra stessa soprattutto tra i migranti, ha aperto la strada alla riconquista e spartizione della Libia. Dove rimette piede quell’Italia che, calpestando la Costituzione, ritorna al passato coloniale.

Fonte
Il Manifesto (Italia)

thanks to: Voltairenet

Parlamentare britannico: Israele ha costruito a tavolino la storia degli accoltellamenti, il Partito Conservatore è influenzato dal “denaro ebraico”

Il Parlamentare laburista Sir Gerald Kaufman ha accusato Israele di aver inventato alcuni recenti episodi di accoltellamento e ha denunciato l’influenza del “denaro ebraico” sul Partito conservatore, nel corso di un discorso tenuto in Parlamento.

A riportarlo è il Jewish Chronicle: Kaufman, Parlamentare per la circoscrizione Manchester Gorton e Father of the House alla Camera dei Comuni, ha dichiarato, nel corso di un evento organizzato dal Palestine Return Centre, che il Governo si è spostato su posizioni decisamente più filo-israeliane negli ultimi anni, a causa di donazioni elargite da gruppi ebraici.

“Alle elezioni di maggio, i Conservatori hanno goduto di cospicue donazioni e del sostegno del Jewish Chronicle” ha continuato.

“Esiste un consistente gruppo di parlamentari conservatori che sono filo-israeliani a prescindere dalle azioni del governo: non si curano di ciò che Israele e il suo governo commettono.”

Ha poi aggiunto: “Non sono interessati al regime di oppressione in cui vivono i Palestinesi, o al fatto che possano essere uccisi in qualunque momento. Solo negli ultimi giorni, gli Israeliani ne hanno uccisi 52, nell’indifferenza generale e questo governo non sembra minimamente interessato.”

Kaufman si è spinto oltre e ha dichiarato che “oltre la metà” degli episodi di accoltellamento avvenuti in Cisgiordania, a Gerusalemme e sul resto del territorio israeliano sarebbero stati inventati di sana pianta, secondo quanto riportato dal blogger David Collier.

Leggendo una mail di un amico che vive a Gerusalemme Est, Kaufman ha aggiunto: “Più della metà degli accoltellamenti è frutto della fantasia. Per quanto riguarda l’altro 50%, alcuni casi erano veri, in altri è impossibile stabilirlo perché i Palestinesi sono stati giustiziati”.

“Sono arrivati al punto di uccidere persone dai tratti somatici arabi; negli ultimi giorni, hanno ucciso due ebrei israeliani e un eritreo scambiandoli per arabi.”

“Anche in quel caso, hanno provato a dire che si trattava di tentativi di accoltellamento, prima che si scoprisse che le vittime non erano Palestinesi.”

Kaufman si riferiva a un episodio accaduto recentemente, quando un uomo eritreo è stato ucciso da una folla inferocita, che credeva erroneamente che l’uomo fosse il complice di un terrorista arabo.

Il Palestine Return Centre, che ha organizzato la tavola rotonda a cui Kaufman ha partecipato, è un’organizzazione che si dedica alle questioni legate ai Palestinesi in diaspora e al loro diritto al ritorno.

Kaufman è parlamentare dal giugno 1970, quindi attualmente è il membro più anziano della Camera dei Comuni. È ebreo, ma da sempre si mostra molto critico nei confronti di Israele e del governo israeliano.

Trad: Romana Rubeo

Fonte: http://www.intifada-palestine.com/2015/12/british-mp-israel-fabricated-knife-attack-stories-conservative-party-influenced-by-jewish-money

Sorgente: Parlamentare britannico: Israele ha costruito a tavolino la storia degli accoltellamenti, il Partito Conservatore è influenzato dal “denaro ebraico” |

UK pharmacies boycott Israeli pharmaceutical company TEVA

British pharmacists are boycotting Israeli-based generics manufacturer TEVA over the ongoing siege of Gaza and the illegal occupation of Palestine.

Ghulam Esposito Haydar, a regular contributor to 5Pillarz and a key member of the boycott campaign said that hundreds of pharmacy contractors across the country were no longer accepting products from TEVA, which has a presence in around 60 countries. The group hopes it will pressure both the British government as well as the Israeli regime to change its policy towards the Palestinian people.

1,356 Palestinians have been killed and more than 8,000 injured by the Israeli army in Gaza.

The following Press Release was issued by the group behind the campaign:

“The #BoycottTEVA Campaign is an industry initiative for ethical buying of generic drugs within the UK. It is prudent to declare that patients’ safety is at the foremost interests in this campaign and boycotts will only be affected with patient consent and alternative medication continuity. The campaign is not a politically or religiously motivated but rather based on ethics of trading with an entity affiliated to a country with an active apartheid system in place. The boycott has only been initiated after lengthy deliberations and consultations on the impact of the boycott on patients and the sector in general. Measures are in place to ensure non-disruption of essential and non-essential medications in areas where the boycott is being initiated.

The growing concern regarding the situation of the Palestinian people enforced onto them by the Israeli regime both in Gaza and the West Bank is becoming even more distressing. Israel continues to enrich itself through the occupation policies of the West Bank, East Jerusalem and the Gaza Strip, through policies of apartheid and ethnic cleansing that continue to oppress the Palestinian people, through land confiscation, military violence and the illegal siege of the Gaza Strip.

tevaThe Palestinian people are treated as second class citizens in their own land. The siege that currently envelopes the Gaza strip collectively punishes an entire refugee population for the alleged crimes of a few. The access of basic energy supplies, food and medicine are heavily restricted. Every so often, tensions flare up in this region and Israel indiscriminately kills many civilians mainly consisting of innocent women and children.

As players in the pharmacy industry, we have the ability to put some measure of pressure to stop this from continuing through the BDS (Boycotts, Divestment & Sanctions) Movement.

TEVA pharmaceutical products are a big part of pharmaceutical industry. TEVA is the world’s leading generic drug maker, with a range of more than 1,000 pharmaceutical lines with a presence in around 60 countries. The company currently employ approximately 45,000 people around the world and reached $20.3 billion in net revenues in 2013. TEVA supply more packs of medicine to the NHS each year than anyone else – that’s around 15% of total packs of medicine in the UK. Millions of patients use their medicines. They estimate that, on average, every second of every day, over 250 tablets or capsules supplied by them are taken by patients all around the UK.

The US along with the UK and France are Israel's biggest allies.

The Paris Protocol, which regulates the financial relations between Israel and the Palestinian Authority, is a significant part of the 1993 Oslo Accords. The Protocol placed Israel and the future Palestinian state under the same taxation envelope. In general, this means that Palestinians continue to depend on Israeli policies, customs laws, and services for the import and export of goods. Moreover, the Israeli Ministry of Health insisted that the import of drugs to the West Bank and the Gaza Strip would be allowed only for drugs that are registered in Israel. This decision implied that the neighbouring Arab market (with minor exceptions) would be denied to the Palestinian population and pharmaceutical industry. The Palestinian market is thus unable to maintain import or export relations with its closest and most natural markets. Other important pharmaceutical products that have been denied access are the cheap generic drugs manufactured largely in India, China, and the former USSR states. This exclusion stems from the fact that the drugs registered in Israel are mainly imported from the EU, North America and Australia.

As in other cases, economic interests are often disguised as ‘security reasons’. This can be demonstrated in the Palestinian industry’s inability to send drugs in bulk (usually to large pharmacy chains in Europe and North America) via the close-by Ben Gurion Airport. Hence, the goods are shipped through Jordan with a heavy levy of added costs. Uniquely in the case of pharmaceuticals, ‘quality reasons’ are sometimes used in conjunction with economic and political justifications. One such case is the refusal to allow Palestinian pharmaceuticals into occupied East Jerusalem medical institutions – hospitals and pharmacies – and even vaccines given at Palestinian-run schools. At other times, political and economic reasons are intertwined in the humiliation of an occupied people. This is seen in the demand of Palestinian representatives of large multinational companies to request a ‘non-objection’ letter from their Israeli colleagues in order to receive an import license from the Israeli Ministry of Health. This demand must be met by authorized Palestinian representatives even in the absence of such requirement from their Israeli counterparts.

Israeli bombardment of Gaza began on July 7.

Due to the above mentioned restrictions by the Israeli regime, Israeli and multinational companies enjoy the aforementioned situation in several ways. From the four largest, originally-Israeli companies (Teva, Perrigo Israel – formerly Agis, Taro and Dexcel Pharma), to smaller companies (such as Trima), all Israeli companies enjoy easy access to the Palestinian market, free of customs and checkpoint disturbances (e.g. change of trucks at cargo checkpoints). The Israeli manufacturers and agents do not have to amend any of their products in order to sell them in the Occupied Palestinian Territories. As a result, Israeli and multinational companies can sell drugs that are not labelled in Arabic to an Arabic speaking population.

Is boycotting effective? 

TEVA is one of Israel’s main contributors to its economy which considerably to the Israeli Defense Force. TEVA paid the state of Israel $565M last year in taxes accrued from 2005. The Israeli Defense Force expenditure accounted for 5.5% of Israel’s GDP which is about $16.5 Million.

Since we launched the campaign to #BoycottTEVA on 18th July 2014 approximately 300 pharmacies nationwide have joined the boycott. We are anticipating many more to follow suit from the snippets of news that are trickling in.

It is inevitable that some pharmacies may still stock certain lines of TEVA products out of necessity due to one or more reasons such as a lack of alternative or patient preference. We aim for this to be absolutely minimal via education and recommendation of alternatives.

We hope to put a multilayered campaign together highlighting this ethical dilemma to:

1) Patients

2) Pharmacists & Pharmacies

3) Wholesale distributors who supply pharmacies

4) GPs

5) Clinical Commission Group (CCG) medicines management agencies (decide on prescribing formulary/budgets)

6) The Pharmacy Defense Association (PDA) which campaign on the behalf of Pharmacist

7) The Local Pharmaceutical Commission (LPC) who bid for pharmaceutical services and interests on behalf of pharmacists.

8) The General Pharmaceutical Council (GPhC) which is the regulatory authority for Pharmacists.

BDS

boycott_divestment_sanctions_560The Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) campaign is expanding and intensifying throughout the world, and continues to have an impact on the image of a country, Israel, which despite the occupation of Palestine and the policies of apartheid still refers to itself as “the only democracy in the Middle East”.

The objective of this campaign is to put pressure on both our government as well as the Israeli regime to change its policy towards the Palestinian people. We hope that application of pressure by means of boycott will help send a message to our cabinet that the people of the United Kingdom will no longer tolerate atrocities and crimes against humanity being committed against the Palestinian population.”

Participants

Murtaza Master, owner of the Masters group of pharmacies in the West Midlands, has written to his suppliers to request his six pharmacies were no longer supplied with TEVA products. Mr Master’s letter said the chain would “endeavour to phase out Teva purchases over the next 12 months”.

Nadim Tahir, manager of online pharmacy iPharm UK, has said that he had first heard about the campaign via social media. “It’s not about religion, it’s about humanity,” said Mr Tahir. “We’re not ordering anything from Teva and we’re talking to patients and explaining why this boycott is taking place.”

Amir Riaz, owner of online pharmacy i-Dispense, described the cost of boycotting TEVA as “marginal”. He said:  ”I had a meeting with the partners and we concluded that it wouldn’t harm the business or patients – that’s when we decided to avoid TEVA.”

Asad Khan, manager of Elaj pharmacy in Leeds, told C+D said that his boycott had been prompted by requests from patients for an alternative to TEVA’s generics. He added: “After what has been taking place in the Middle East, people are more aware about where their brands are coming from. I think pharmacists are taking it upon themselves.”

Shaheed Fazal, director of the Dispharma pharmacy chain in the West Midlands, said the boycott was an “ethical stand” that he hoped would bring about a “sustainable solution to the conflict”.

You can support the Boycott TEVA by “liking” their Facebook page on the following link:

https://www.facebook.com/BoycottTEVAPharmaceuticals?fref=ts

Sources

Boycott TEVA

thanks to: 5pillarz

Terrorista a chi?

isis_.jpg

Dagli anni ’20 ai ’60
A Sèvres, nel 1921, Francia e Gran Bretagna si spartirono i possedimenti mediorientali dell’ormai decaduto Impero Ottomano.
Alla Francia andarono Libano e Siria, alla GB la Palestina, la Transgiordania e l’odierno Iraq. I confini vennero segnati utilizzando matite, righelli e, probabilmente, sotto l’influsso di qualche coppa di champagne.
Altrimenti come ci si potrebbe spiegare l’invenzione folle del Regno dell’Iraq, uno stato abitato, oltre che da decine di minoranze, da tre popolazioni profondamente diverse tra loro: i curdi, gli sciiti e i sunniti?
La drammatica storia dell’Iraq nasce tutta da qui. Colpi di stato, spinte autonomiste curde, resistenze sunnite, attentati sciiti, difesa del controllo petrolifero da parte del Regno Unito, intervento della Germania nazista. Non si sono fatti mancare nulla fuorché la pace.

La CIA e i colpi di Stato che fanno meno scalpore del terrorismo
Durante la crisi di Suez Baghdad divenne la principale base inglese, nel 1958 venne abolita la monarchia e nel 1963, anche in chiave anti-sovietica, la CIA favorì un colpo di stato per deporre Abd al-Karim Qasim, l’allora premier iracheno, colpevole di aver approvato una norma che proibiva l’assegnazione di nuove concessioni petrolifere alle multinazionali straniere. In Iraq, tra deserto, cammelli e rovine babilonesi accadde quel che già si era visto all’ombra delle piramidi maya nel 1954 quando Allen Dulles*, direttore della CIA, armò truppe mercenarie honduregne per buttare giù Jacobo Arbenz, il Presidente del Guatemala regolarmente eletto, colpevole di voler espropriare le terre inutilizzate appartenenti alla statunitense United Fruit Company e distribuirle ai contadini. Risultato? Presidenti fantoccio, guerra civile e povertà.
Mi domando per quale razza di motivo si provi orrore per il terrorismo islamico e non per i colpi di stato promossi dalla CIA. Destituire, solo per osceni interessi economici, un governo regolarmente eletto con la conseguenza di favorire una guerra civile è meno grave di far esplodere un aereo in volo?
L’Iraq, come il Guatemala o il Congo RCD hanno avuto il torto di possedere delle risorse. I poveri hanno il torto di avere ricchezza sotto ai piedi. Il petrolio iracheno è stato il peggior nemico del popolo iracheno. A Baghdad nel 1960, tre anni prima della deposizione di Qasim, Iraq, Iran, Venezuela e Arabia Saudita avevano fondato l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC), per contrastare lo strapotere delle “7 sorelle”, le principali compagnie petrolifere mondiali così chiamate da Enrico Mattei, il Presidente dell’ENI di quegli anni.

Mattei e la sovranità nazionale in Medio Oriente
Una digressione su Mattei è d’obbligo, se non altro per capire quanto, dall’invenzione del “profitto ad ogni costo”, ogni industriale, stato sovrano o partito politico si sia messo contro il capitalismo internazionale abbia fatto una brutta fine. E’ successo a brave persone e a delinquenti, a politici democratici e a dittatori sanguinari difesi fino a che lo spargimento di sangue dei quali erano responsabili non avesse intaccato gli interessi del grande capitale. Mattei, dopo aver concluso importanti affari con l’Iran, si stata avvicinando a Qasim quest’ultimo alla ricerca di un nuovo partner commerciale che gli garantisse maggiori introiti di quelli concessi dagli inglesi. La sacrosanta ricerca di sovranità economica, politica ed energetica da parte di alcuni paesi mediorientali era ben vista da Mattei il quale, mosso da una intraprendenza tipicamente italiana e dall’ambizione di fare gli interessi dello Stato, ne scorgeva un’opportunità imperdibile.
Quando nel 1961 il Regno Unito concesse l’indipendenza al Kuwait Mattei fiutò l’affare. Baghdad ha sempre ritenuto il Kuwait parte del suo territorio e quando la GB lo proclamò stato sovrano Qasim si indignò per lo smacco subito convincendosi della necessità di trovare nuovi paesi con cui concludere affari**. Mattei e Qasim, nonostante il primo ministro Fanfani e il ministro degli esteri Segni negarono qualsiasi coinvolgimento italiano, iniziarono una serie di trattative e, sembra, che dei tecnici ENI si recarono in Iraq. Quel che è certo è che le 7 sorelle sono come i fili della luce: “se li tocchi muori”. Tre mesi e mezzo prima che Qasim, con il beneplacito della CIA, venisse trucidato a Baghdad, Mattei esplode in aria con il suo aereo privato. I mandanti e gli esecutori del suo assassinio sono ancora ignoti tuttavia è bene ricordare che Tommaso Buscetta, il pentito che descrisse per filo e per segno la struttura di “Cosa Nostra” a Giovanni Falcone, dichiarò che Mattei venne ucciso dalla mafia per fare “un favore agli stranieri” e che Mauro De Mauro, il giornalista che stava indagando sulla morte di Mattei, venne rapito e ucciso da Mimmo Teresi su ordine di Stefano Bontade***.

Il futuro è nero, come l’oro che fa scorrere il sangue
In “La verità nascosta sul petrolioEric Laurent scrive: “Il mondo del petrolio è dello stesso colore del liquido tanto ricercato: nero, come le tendenze più oscure della natura umana. Suscita bramosie, accende passioni, provoca tradimenti e conflitti omicidi, porta alle manipolazioni più scandalose”.
Conflitti omicidi, manipolazioni scandalose, tradimenti”. Queste parole sembrano descrivere perfettamente la storia dell’Iraq moderno.
Saddam Hussein divenne Presidente della Repubblica irachena nel 1979 sostituendo Al-Bakr, l’ex-leader del partito Ba’th che qualche anno prima aveva nazionalizzato l’impresa britannica Iraq Petroleum Company. Saddam, con l’enorme denaro ricavato dalla vendita di petrolio, cambiò radicalmente il Paese. Sostituì la legge coranica con dei codici di stampo occidentale, portò la corrente fino ai villaggi più poveri, fece approvare leggi che garantivano maggiori diritti alle donne. L’istruzione e la salute divennero gratuite per tutti. In quegli anni di profonda instabilità regionale il regime di Saddam divenne un esempio di ordine e sicurezza. Tuttavia tutto questo ebbe un prezzo. I cristiani non erano un pericolo per il regime e vennero lasciati in pace ma i curdi, vuoi per le loro spinte autonomiste che per la loro presenza potenzialmente pericolosa in zone ricche di petrolio, vennero colpiti, discriminati e spesso trucidati. Lo stesso avvenne agli sciiti che non abbassavano la testa. Quando Saddam gli riversò contro le armi chimiche fornitegli dagli USA in chiave anti-iraniana nessuna istituzione statunitense parlò di genocidio, di diritti umani violati, di terrorismo islamico. Saddam era ancora un buon amico. L’amichevole stretta di mano tra il leader iracheno e Donald Rumsfeld, all’epoca inviato speciale di Reagan, dimostra quanto per gli USA la violenza è un problema a giorni alterni. Negli anni ’80 Washington era preoccupata dall’intraprendenza economica di Teheran e Saddam era un possibile alleato per contrastare la linea anti-occidentale nata in Iran con la rivoluzione del ’79.

Anni di guerre
Tuttavia, sebbene la Repubblica islamica iraniana fosse apertamente anti-americana gli USA fornirono armi a Teheran durante la guerra Iran-Iraq. Il denaro è sempre denaro! Con i proventi della vendita di armi all’Iran gli USA finanziarono tra l’altro i paramilitari delle Contras che avevano come obiettivo la destituzione in Nicaragua del governo sandinista regolarmente eletto.
Ovviamente gli USA (anche l’URSS – la guerra fredda diventava tiepida se si potevano fare affari assieme) finanziarono contemporaneamente Saddam. Il sogno dell’industria bellica, una guerra infinita combattuta da due forze equivalenti, era diventato realtà. Per diversi anni le potenze occidentali lasciarono Iraq e Iran a scannarsi tra loro. Un milione di morti dell’epoca non valevano, evidentemente, le migliaia di vittime provocate dall’avanzata dell’ISIS di questi giorni. Le multinazionali della morte appena finito di parlare con Saddam alzavano la cornetta e chiamavano Teheran. «Ho appena venduto all’Iraq 200 carri armati ma a te ti do a un prezzo stracciano questa batteria anticarro». Le cose cambiarono quando l’esercito iraniano prese il sopravvento. Teheran stava per espugnare Bassora quando gli USA, sedicenti cacciatori di armi chimiche in tutto il mondo, inviarono una partita di gas cianuro a Saddam il quale non perse tempo e lo utilizzò per respingere le truppe iraniane. Ma si sa, gli USA sono generosi e di gas ne inviarono parecchio. Saddam pensò bene di utilizzarne la restante parte per gassare l’intera popolazione curda del villaggio di Halabja ma in occidente nessuno si strappò le vesti, il dittatore era ancora un buon amico. Saddam divenne un acerrimo nemico quando invase il Kuwait. Anche in quel caso non furono i morti o le centinaia di migliaia di profughi a preoccupare i funzionari di Washington sempre a stretto contatto con Wall Street. La conquista irachena del Kuwait metteva in pericolo gli interessi economici statunitensi. Una cosa inaccettabile per chi da anni lavora per il controllo mondiale del petrolio. L’operazione “Desert Storm” venne lanciata, il Kuwait “liberato” ma Saddam rimase al suo posto. Un’eccessivo indebolimento dell’Iraq avrebbe favorito Teheran e questo sarebbe stato intollerabile. I bombardamenti USA causarono oltre 30.000 bambini morti ma erano “bombe a fin di bene”.

L’11 settembre
L’attentato alle Torri Gemelle fu una panacea per il grande capitale nordamericano. Forse anche a New York qualcuno “alle 3 e mezza di mattina rideva dentro il letto” come capitò a quelle merde dopo il terremoto a L’Aquila. Quei 3.000 morti americani vennero utilizzati come pretesto per attaccare l’Afghanistan, un paese con delle leggi antitetiche rispetto al nostro diritto ma che con il terrorismo internazionale non ha mai avuto a che fare, e l’Iraq. Era ormai tempo di buttare giù Saddam e prendere il pieno controllo del petrolio iracheno. La vittoria della Nato fece piombare il Paese in una guerra civile senza precedenti e le fantomatiche armi di distruzione di massa non vennero mai trovate. Ripeto, Saddam le aveva, ahimè, già utilizzate e gli USA lo sapevano benissimo. A questo punto mi domando quanto un miliziano dell’ISIS capace di decapitare con una violenza inaudita un prigioniero sia così diverso dal Segretario di Stato Colin Powell colui che, mentendo e sapendo di mentire, mostrò una provetta di antrace fornitagli da chissà chi per giustificare l’imminente attacco all’Iraq. Una guerra che ha fatto un numero di morti tra i civili migliaia di volte superiore a quelli provocati dallo Stato Islamico in queste settimane. La sconfitta del sunnita Saddam Hussein scatenò la popolazione sciita che covava da anni desideri di vendetta. Attentati alle reciproche moschee uccisero migliaia di persone. Da quel giorno in Iraq c’è l’inferno ma i responsabili fanno shopping sulla Fifth Avenue e vacanze alla Caiman. L’avanzata violenta, sanguinaria, feroce dell’ISIS è soltanto l’ultimo atto di una guerra innescata dai partiti occidentali costretti a restituire i favori ottenuti dalle multinazionali degli armamenti durante le campagne elettorali. Comprare F35 mentre l’Italia muore di fame o bombardare un villaggio iracheno mettendo in prevenivo i “danni collaterali” sono azioni criminali che hanno la stessa matrice: il primato del profitto sulla politica.

Cosa fare adesso?
L’ISIS avanza, conquista città importanti e minaccia migliaia di cristiani. In tutto ciò l’esercito iracheno, creato e addestrato anche con i soldi dei contribuenti italiani, si è liquefatto come neve al sole dimostrando, se ancora ve ne fosse bisogno, il totale fallimento del progetto made in USA che noi abbiamo sposato senza diritto di parola. E’ evidente che la comunità internazionale e l’Italia debbano prendere una posizione. Se non è semplice scegliere cosa fare, anche se delle idee logiche già esistono, è elementare capire quel che non si debba più fare.

1) Innanzitutto occorre mettere in discussione, una volta per tutte, la leadership nordamericana. Gli USA non ne hanno azzeccata una in Medio Oriente. Hanno portato morte, instabilità e povertà. Hanno dichiarato guerra al terrorismo e il risultato che hanno ottenuto è stato il moltiplicarsi del fenomeno stesso. A Roma, nel 2003, manifestammo contro l’intervento militare italiano in Iraq. Uno degli slogan era “se uccidi un terrorista ne nascono altri 100”. Siamo stati profeti anche se non ci voleva un genio per capirlo. Pensare di fermare la guerra in atto in Iraq armando i curdi è una follia che non credo che una persona intelligente come il Ministro Mogherini possa davvero pensare. Evidentemente le pressioni che ha subito in queste settimane e il desiderio che ha di occupare la poltrona di Ministro degli esteri della Commissione europea, l’hanno spinta ad avallare le posizioni di Obama e degli USA ormai autoproclamatisi, in barba al diritto internazionale, poliziotti del mondo. Loro, proprio loro, che hanno sostenuto colpi di stato in tutto il pianeta, venduto armi a dozzine di dittatori, loro che hanno impoverito mezzo mondo, loro che, da soli, utilizzano oltre il 50% delle risorse mondiali. Loro che hanno invaso Iraq e Afghanistan con il pretesto di distruggere le “cellule del terrore” ma che hanno soltanto progettato oleodotti, costruito a Baghdad la più grande ambasciata USA del mondo ed esportato, oltre alla loro democrazia, 25.000 contractors in Iraq, uomini e donne armati di 24ore che lavorano in tutti i campi, dalle armi al petrolio passando per la vendita di ambulanze. La guerra è davvero una meraviglia per le tasche di qualcuno.
2) L’Italia, ora che ne ha le possibilità, dovrebbe spingere affinché la UE promuova una conferenza di pace mondiale sul Medio Oriente alla quale partecipino i paesi dell’ALBA, della Lega araba, l’Iran, inserito stupidamente da Bush nell’asse del male e soprattutto la Russia un attore fondamentale che l’UE intende delegittimare andando contro i propri interessi per obbedire a Washington e sottoscrivere il TTIP il prima possibile. Essere alleati degli USA non significa essere sudditi, prima di applicare sanzioni economiche a Mosca, sanzioni che colpiscono più le imprese italiane che quelle russe, si dovrebbero pretendere le prove del coinvolgimento di Putin nell’abbattimento dell’aereo malese. Non dovrebbe bastare la parola di Washington, soprattuto alla luce delle menzogne dette sull’Iraq.
3) L’Italia dovrebbe promuovere una moratoria internazionale sulla vendita delle armi. Se vuoi la pace la smetti di lucrare sugli armamenti. «L’economia ne risentirebbe» sostiene qualcuno. Balle! Criminalità, povertà e immigrazione sono il frutto della guerra e la guerra si alimenta di sangue e di armi. Nel 2012 la Lockheed Martin, quella degli F35, ha incassato 44,8 miliardi di dollari, più del PIL dell’Etiopia, del Libano, del Kenya, del Ghana o della Tunisia. Chi si scandalizza dei crimini dell’ISIS è lo stesso che lo arma o, quanto meno, che lo ha armato. «Armiamo i curdi» sostiene la Mogherini. Chi ci dice che una volta vinta la guerra i curdi non utilizzeranno quelle armi sui civili sunniti? In fondo non è già successo con Saddam, con i signori della guerra in Afghanistan o in Libia dove la geniale linea franco-americana che l’Italia ha colpevolmente assecondato, ha eliminato dalla scena Gheddafi facendo cadere il Paese in un caos totale?
4) L’Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti. Altrimenti se da un lato riduci la mortalità relativa da un altro la crescita del numero di malati fa aumentare ogni anno i decessi. E’ logico! Vanno affrontate le cause. Si condanna in Nigeria Boko Haram ma si tace di fronte ai fenomeni di corruzione promossi da ENI che impoveriscono i nigeriani dando benzina alle lotte violente dei fondamentalisti.
5) L’Italia dovrebbe porre all’attenzione della comunità internazionale un problema che va risolto una volta per tutte: i confini degli stati. Non sta scritto da nessuna parta che popolazioni diverse debbano vivere sotto la stessa bandiera. Occorre, finalmente, trovare il coraggio di riflettere su un nuovo principio organizzativo. Troppi confini sono stati tracciati a tavolino con il righello dalle potenze coloniali del ‘900. L’obiettivo politico (parlo dell’obiettivo politico non delle assurde violenze commesse) dell’ISIS, ovvero la messa in discussione di alcuni stati-nazione imposti dall’occidente dopo la I guerra mondiale ha una sua logica. Il processo di nascita di nuove realtà su base etnica è inarrestabile sia in Medio Oriente che in Europa. Bisogna prenderne atto e, assieme a tutti gli attori coinvolti, trovare nuove e coraggiose soluzioni.
6) Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione. Questo è un punto complesso ma decisivo. Nell’era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. E’ triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire. Per la sua natura di soggetto che risponde ad un’azione violenta subita il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore. Compito difficile ma necessario, altrimenti non si farà altro che far crescere il fenomeno.
7) Occorre legare indissolubilmente il terrorismo all’ingiustizia sociale. Il fatto che in Africa nera la prima causa di morte per i bambini sotto i 5 anni sia la diarrea ha qualcosa a che fare con l’insicurezza mondiale o con il terrorismo di Boko Haram? Il fatto che Gaza sia un lager ha a che fare con la scelta della lotta armata da parte di Hamas?
8) L’Italia dovrebbe cominciare a pensare alla costruzione di una società post-petrolifera. Il petrolio è la causa della stragrande maggioranza delle morti del XX e XXI secolo. Costruire una società post-petrolifera richiederà 40 anni forse ma prima cominci prima finisci. Non devi aspettare che il petrolio finisca. Come disse Beppe Grillo in uno dei suoi spettacoli illuminanti: «L’energia è la civiltà. Lasciarla in mano ai piromani/petrolieri è criminale. Perché aspettare che finisca il petrolio? L’età della pietra non è mica finita per mancanza di pietre».” Alessadro Di Battista

Note:
*Allen Dulle, famoso per aver preso parte alla “Commissione Warren”, la commissione presidenziale sull’assassinio di JFK, fu contemporaneamente direttore della CIA e avvocato delle United Fruit Company, l’attuale Chiquita. Qualche mese prima di aver sostenuto il colpo di stato ai danni di Arbenz si era macchiato della stessa vergogna in Iran. Sotto la sua direzione, infatti, venne lanciata l’Operazione Ajax per sovvertire il governo presieduto da Mohammad Mossadeq, anch’egli colpevole di aver nazionalizzato l’industria petrolifera il che avrebbe garantito introiti per il popolo iraniano e non più per le imprese anglo-americane.
**Anche in quest’ottica va letta l’invasione del Kuwait da parte di Saddam. Non si è trattato di un capriccio di un pazzo.
***Bontade e Teresi sono i due mafiosi che stipularono il “patto di non-aggressione” con Silvio Berlusconi grazie all’intermediazione criminale di Dell’Utri.

thanks to: beppegrillo