US State Department admits Al-Nusra affiliate using chemical weapons in Syria

US State Department has acknowledged that a terrorist group affiliated with Al-Nusra Front is using chemical weapons in Syria.

The US Department of State admitted that militants linked to Al-Nusra Front are carrying out terrorist attacks using chemical weapons in Syria. Russia’s defense ministry says it’s the first admission of its kind.

The assertion was made in the latest Syria travel warning issued by the State Department on Wednesday. It also mentions Islamic State [IS, formerly ISIS/ISIL].

“Terrorist and other violent extremist groups including ISIS and Al-Qaeda linked Hayat Tahrir Al-Sham [dominated by Al-Qaeda affiliate Jabhat Al-Nusra, a designated Foreign Terrorist Organization], operate in Syria,” the travel warning reads.

“Tactics of ISIS, Hayat Tahrir al-Sham, and other violent extremist groups include the use of suicide bombers, kidnapping, small and heavy arms, improvised explosive devices, and chemical weapons,” it said.

Terror groups have targeted roadblocks, border crossings, government buildings and other public areas in major Syrian cities of Damascus, Aleppo, Hama, Daraa, Homs, Idlib, and Deir-ez-Zor, the State Department acknowledged.

Meanwhile, Russia’s Defense Ministry said a precedent had been set by Washington acknowledging that Al-Nusra linked terrorists use chemical weapons in Syria.

“This is the first official recognition by the State Department not only of the presence, but the very use of chemical weapons by Al-Nusra terrorists to carry out terrorist attacks, which we repeatedly warned about,” General Igor Konashenkov, spokesman for the ministry, commented on Friday.

Previously, the US military reported chemical attacks in Syria.  Last November, Colonel John Dorrian, a spokesman for the US-led coalition in Iraq, said it is “concerned about Islamic State’s use of chemical weapons.”

“[Islamic State] has used them in Iraq and Syria in the past, and we expect them to continue employing these types of weapons,” Dorrian said in an emailed statement to the New York Times.

The military official said the terrorist group’s ability to stage chemical attacks is “rudimentary,” adding that US, Iraqi and other coalition forces are capable of dealing with the impact of these attacks, namely “rockets, mortar shells or artillery shells filled with chemical agents.”

Earlier in April, the US launched 59 Tomahawk missiles at the Syrian military’s airbase Shayrat in response to an alleged chemical attack in Syria’s Idlib Province, where dozens of civilians including children died from suspected gas poisoning in the rebel-occupied territory. Washington was prompt to point the finger at the Syrian government for the incident.

Moscow said international efforts to investigate the alleged chemical attack did not help to establish hard facts.

“There is a Joint Investigative Mechanism [JIM], established in 2015 by the UN and the Organization for Prohibition of Chemical Weapons, to find those behind [the use of chemical weapons in Syria],” Mikhail Ulyanov, director of Russian Foreign Ministry’s Non-Proliferation and Arms Control Department, told TASS.

He said the Joint Mechanism’s experts have visited Shayrat airfield on October 8 and 9, but did not collect ground samples at the site.

“The JIM are categorically refusing to carry out this important function,” the diplomat said, adding, “we can’t say this investigation is of any quality… this is an unprofessional approach that raises huge questions.”

Sorgente: US State Department admits Al-Nusra affiliate using chemical weapons in Syria — RT America

Advertisements

Syria discovers Israeli arms at Daesh hideout: Video

Syrian military forces have discovered a large cache of Israeli-made weapons in the strategic city of Mayadin in Dayr al-Zawr province, days after retaking the eastern city from Daesh terrorists.

The weapons included several types of heavy, medium and light firearms that beside Israel, came from some European countries as well as members of the NATO military alliance, Syria’s state news agency SANA reported Thursday, citing a field commander.

The commander said they had also found mortars, artillery equipment, large quantities of anti-armor munitions and a NATO- made 155mm cannon with a range of up to 40km (about 25 miles).

This was not the first time that the Syrian government forces made such discoveries from terrorist hideouts across the country.

According to SANA, only a few days back they captured an Israeli cannon along with large amounts of weapons, ammunition and communication equipment from Takfiri terrorists in the area of ​​Jib al-Jarrah in the eastern Homs countryside.

Syria has been gripped by foreign-backed militancy since March 2011. The Syrian government says the Israeli regime and its Western and regional allies are aiding Takfiri terrorist groups wreaking havoc in the country.

Israeli violations of Syria’s sovereignty

Although Israel has sought to avoid direct involvement in the six-year conflict, it has acknowledged conducting frequent attacks against military targets in Syria, in what is considered by experts as an attempt to prop up terrorist groups among their many losses.

The latest of such attacks occurred on Thursday, when Israeli tanks fired shells into Syrian territories from the occupied Golan Heights.

The office of Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu confirmed the attack, calling it a response to a “projectile” that was allegedly fired from Syria earlier in the day and landed on “open ground” without causing any casualties.

The attack followed an Israeli aerial violation of Syria’s airspace near the Lebanese border on Monday.

Syrian military forces responded to the intrusion by opening fire on the aircraft, hitting one and forcing them all to flee.

According to a statement by the Syrian army, the Israeli jets then fired multiple missiles from inside the occupied Palestinian territories, causing material damage to a Syrian army position in the countryside of the capital Damascus.

Sorgente: PressTV-Syria discovers Israeli arms at Daesh hideout: Video

L’Esercito siriano nella capitale ‘de facto’ dell’ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell’ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano che ad Al-Mayadeen, divenuta capitale de facto dell’ISIS in Siria ci sono enormi magazzini di armi abbandonati dai terroristi dopo l’arrivo delle forze siriane.

“I depositi di armi sono enormi. Sono scioccato da quanti armi ho visto. Ci sono centinaia e anche migliaia di armi e munizioni di vari tipi “, ha dichiarato Rahmi Mauwas, colonnello siriano.

Allo stesso modo, l’esercito siriano afferma che alcune delle armi sono di produzione statunitense  e israeliana e ci sono molti altri da paesi del Medio Oriente.

Inoltre, il tenente colonnelloMauwas ha riferito che le forze siriane hanno trovato un gran numero di veicoli militari carichi di esplosivi e persino un carro armato attrezzato per un futuro attacco.

Fonte: RT

Notizia del:

Sorgente: VIDEO. L’Esercito siriano nella capitale ‘de facto’ dell’ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele – World Affairs – L’Antidiplomatico

C’è un accordo tra ISIS e Stati Uniti?

 

Valentin Vasilescu, Reseau International 28 settembre 2017Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato le immagini riprese dai droni dall’8 al 12 settembre 2017, che mostrano il dispiegamento dei terroristi dello SIIL a nord di Dayr al-Zur in Siria. La sorpresa è la presenza di blindati Humvee-Hummer (HMMWV) delle forze speciali statunitensi nelle basi difensive dello SIIL presso Dayr al-Zur. Sulla mappa del Ministero della Difesa russo, appaiono sei schieramenti difensivi dello SIIL (per un totale di 1500 terroristi) in cui erano posizionati dei blindati statunitensi Humvee diretti verso la periferia di Dayr al-Zur. Il Ministro della Difesa russo affermava che i reggimenti curdi controllati dalle Forze Speciali degli Stati Uniti (SOF) e dalle Forze democratiche siriane (SDF) avanzavano senza ostacoli tra le posizioni dello SIIL sulla sponda orientale l’Eufrate, in direzione di Dayr al-Zur. Ad esempio, un’immagine aerea dell’8 settembre mostra una postazione di controllo fortificata dello SIIL situata a 23 km a sud-ovest di Jisr al-Shadadi, sulla strada per Dayr al-Zur. 3 autocarri statunitensi con 2 blindati e 5 Toyota dello SIIL erano fermi nella postazione di controllo. Allo stesso tempo, sulla strada, vi erano 4 tecniche delle SDF curde accompagnate da 1 Hummer statunitense.
Ciò che è incomprensibile è l’assenza di tracce di combattimenti tra SIIL e Forze democratiche siriane (SDF) e SOF. Le SOF non avevano creato pattuglie mobili come avanguardia delle colonne SDF per difenderle da un possibile attacco dello SIIL. Non ci sono crateri di proiettili di artiglieria e bombe della coalizione anti-SIIL guidata dagli Stati Uniti presso le fortificazioni dello SIIL in cui i veicoli di SDF e SOF stazionavano. Va inoltre osservato che tutte le fortificazioni dello SIIL erano circondate da campi minati. Alcun concentramento di mezzi di SDF e SOF aveva adottato un sistema di sorveglianza militare e di sicurezza, anche se erano nelle zone difensive dello SIIL. La conclusione del Ministero della Difesa russa è che “i soldati statunitensi si sentono al sicuro nelle aree controllate dai terroristi in Siria“.
Gli ufficiali russi riferivano che quando l’Esercito arabo siriano arrivò a Dayr al-Zur tra il 26 e il 28 agosto, molti elicotteri dell’esercito statunitense evacuarono 22 capi dello SIIL di origine europea con le loro famiglie da diverse aree a nord-ovest di Dayr al-Zur. Va osservato che al momento in cui le SDF scortate dalle forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti (SOF) avanzavano per 100 km attraversando senza combattere le linee dello SIIL, nella zona industriale di Dayr al-Zur, i 600 terroristi dello SIIL presenti nelle nuove posizioni occupate dalle SDF, avviarono forti contrattacchi contro le truppe siriane sbarcate sulla sponda orientale dell’Eufrate. Non è una coincidenza che lo SIIL non si preoccupi dell’occupazione del suo territorio dalle SDF, concentrandosi nella lotta all’Esercito arabo siriano per impedirgli di liberare la provincia di Dayr al-Zur fino al confine con l’Iraq. Una provincia che gli Stati Uniti vogliono occupare con i loro alleati curdi delle SDF.
La stampa occidentale e rumena evita di riportare queste informazioni, suggerendo che sia una falsificazione o che, se vera, disturberebbe la percezione pubblica della lotta degli USA contro lo SIIL, infastidendo Casa Bianca e cancellerie europee.

 

thanks to: Alessandro Lattanzio

 

Siria, capo terrorista conferma ‘la cooperazione diretta’ con Israele

 Siria, capo terrorista conferma 'la cooperazione diretta' con Israele
 Condividi

Il capo di un gruppo armato siriano ha rivelato i “contatti e la cooperazione diretta” della sua fazione con le forze armate del regime di Tel Aviv (IDF).

Secondo il ‘Time of Israel’, Abu Hamad capo di un gruppo armato, ha ammesso che i suoi uomini “hanno avuto contatti diretti con Israele per ricevere il sostegno” da questo regime.

Abu Hamad ha quindi rigettato le affermazioni dell’esercito israeliano, il quale ha sempre sostenuto di inviare aiuti solo ai civili e alle organizzazioni non governative situate sul confine siriano con i territori palestinesi occupati.

In dichiarazioni rese in una videoconferenza con i giornalisti tramite Skype, e da una casa ben arredata che si trova nella parte non occupata del Golan nella provincia meridionale siriana di Quneitra, Abu Hamad, incappucciato per evitare di essere identificato, ha riconosciuto che il regime di Tel Aviv ha anche offerto aiuto ad altre bande armate nella zona.

Tuttavia, il leader terrorista ha rifiutato di specificare i nomi dei gruppi, tanto meno il proprio, temendo di perdere l’assistenza israeliana, aggiunge il sito web israeliano.

Questa testimonianza è l’ennesima conferma dell’appoggio di Israele ai gruppi armati che combattono contro il legittimo governo siriano. Anche l’ONU, lo scorso 15 giugno, rivelò l’esistenza di contatti diretti tra Israele e i gruppi terroristici come Al Nusra, braccio di al Qaeda in Siria.

Fonte: Timesofisrael
Notizia del: 25/08/2017

Teheran, migliaia per i funerali delle vittime terrorismo. Presidente Parlamento: “gli Usa, la versione ‘internazionale’ dell’Isis”

Migliaia di persone sono scese in piazza a Tehran per omaggiare le vittime dei brutali attentati terroristici che hanno colpito la città.  “Morte all’Arabia Saudita”. “Morte agli Stati Uniti”. I cori pià frequenti. Del resto, i leader della Repubblica islamica hanno accusato Washington e Riad di supportare gli attacchi che hanno ucciso 17 persone.

 

Questo venerdì, il leader supremo, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha sostenuto come gli attentati aumenteranno solo l’odio dell’Iran verso gli Stati Uniti e i suoi “tirapiedi” come l’Arabia Saudita. L’attacco “non intaccherà la determinazione della nazione iraniana e il risultato sarà quello di aumentare l’odio verso il governo degli Stati Uniti e i suoi tirapiedi nella regione come l’Arabia Saudita“, ha dichiarato partecipando ai funerali. Lo riportano i media nazionali.

Durante il funerale, il Presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani ha definito gli Stati Uniti la versione “internazionale” dell’Isis. Larijani ha anche accusato Washington di scambiare democrazia con i soldi, in riferimento alle immense vendite di armi che il paese ha pattuito con l’Arabia Saudita.

La Guardia Rivoluzionaria dell’Iran ha sostenuto in un comunicato che ci sia l’Arabia Saudita dietro gli attacchi terroristici a Teheran. “Quest’attacco terrorista avviene una settimana dopo l’incontro tra il presidente degli Usa (Donald Trump) e i leader sauditi che supportano i terroristi. Il fatto che lo Stato Islamico abbia rivendicato prova che sono coinvolti negli attentati“, si legge nella nota, citata da Reuters.
In precedenca il Generale Hossein Salami, vice comandante della Guardia rivoluzionaria, aveva promesso ritorsioni per l’attacco. “Non c’è alcun dubbio che avremo vendetta per gli attacchi di oggi a Teheran, sui terroristi, sui loro compari e su chi li sostiene”, ha dichiarato. Lo riporta l’agenzia Mehr.

 

 

Notizia del: 09/06/2017

Sorgente: Teheran, migliaia per i funerali delle vittime terrorismo. Presidente Parlamento: “gli Usa, la versione ‘internazionale’ dell’Isis” – World Affairs – L’Antidiplomatico

Siria. Usa e Israele in soccorso di Daesh e al Nusra

di Stefano Mauro

 

 

 

 

La tregua in Siria è finita. In effetti un reale cessate il fuoco, sancito dai due principali sponsor del conflitto (USA e Russia) senza un convinto appoggio e coinvolgimento delle numerose e incontrollate milizie jihadiste, non c’è mai stato.

 

La stessa amministrazione Obama, come avvenuto nel febbraio 2016, ha tentato nuovamente di correre in soccorso alle fazioni coalizzate contro il regime di Bashar Al Assad. La sospensione del conflitto, secondo alcuni analisti, è stata vista come un estremo tentativo da parte degli americani di fermare gli scontri, in maniera da far riorganizzare le milizie sostenute dagli USA. Del resto la stessa cosa era avvenuta in passato – a febbraio – con migliaia di nuove milizie salafite che entrarono in territorio siriano, dal permeabile confine con la Turchia, con rifornimenti e armi.

 

Quello che, però, è successo il 17 Settembre è stato un qualcosa di nuovo e inaspettato nel conflitto siriano. L’aviazione americana ha bombardato a Deir Ezzor una postazione dell’esercito siriano causando 60 morti e 100 feriti e favorendo l’avanzata delle milizie di Daesh, in una delle poche aree strategiche controllate dalle truppe lealiste. Il pentagono ha subito dichiarato che “si è trattato di un errore” e lo stesso Obama si è scusato con il governo di Damasco. Il ministro degli esteri russo, Lavrov, ha immediatamente etichettato l’episodio come “un chiaro sostegno militare ai terroristi di Daesh”. Lo stesso governo di Damasco ha dichiarato che “il raid americano è un’aggressione evidente e palese contro l’esercito regolare siriano e contro il territorio siriano”.

 

Le scuse e la successiva irritazione americana sono, in effetti, segni palesi dell’errore di valutazione fatto dall’amministrazione statunitense. Errore di valutazione e non, come ripetuto più volte, errore militare. Appare, infatti, impossibile che uno degli eserciti più potenti al mondo abbia commesso un simile sbaglio per diversi motivi.

 

Il primo è il “modus operandi” dell’operazione. Il raid è stato effettuato a 4 riprese per una durata complessiva di 45 minuti: non si tratterebbe, quindi, dello sbaglio di un singolo pilota.

 

Il secondo: l’obiettivo del raid. La collina di Jebel Tudar, occupa una posizione strategica particolare perché si trova lungo la strada verso l’aeroporto. Si tratta di una posizione che le truppe lealiste siriane difendevano da oltre un anno. Dopo l’attacco americano, con un tempestivo e strano “coordinamento”, le truppe di Daesh hanno non solo subito occupato la posizione, ma attraverso la loro agenzia stampa “Amaq” , hanno anche annunciato la conquista di Jebel Tudar.

 

Ultima anomalia: l’annuncio da parte dell’aviazione americana di essere intervenuta in quella zona a supporto dell’aviazione siriana. Sembra inverosimile una dichiarazione del genere perché in quel territorio la coalizione a guida statunitense non era mai intervenuta e tanto meno in supporto degli aerei di Damasco.

 

In conclusione l’attacco americano a Deir Ezzor, ultimo baluardo di Daesh se Raqqa cadrà, ha favorito le truppe jihadiste di Daesh fortificando una posizione strategica per le milizie di Al Baghdadi nelle vie di comunicazione tra la Siria orientale e l’Iraq.

 

L’esercito israeliano, invece, è intervenuto in sostegno alle milizie della coalizione di Fatah Al Sham (ex Al Nusra) nella parte meridionale dello stato siriano. A distanza di una settimana dalla battaglia di Qadissyat sono, ormai, numerosi e precisi i dettagli che riportano un coinvolgimento attivo da parte delle autorità di Tel Aviv. Secondo il quotidiano libanese Al Akbar, le truppe israeliane sono intervenute in quattro diverse occasioni: prevalentemente con aviazione, artiglieria e supporto logistico. Il sostegno si è anche materializzato con l’utilizzo di un ospedale da campo sionista e con il trasporto degli jihadisti più gravi negli ospedali israeliani della zona.

 

L’obiettivo della battaglia era quello di creare un corridoio per mettere in contatto due zone di controllo “ribelli” e conquistare il villaggio druso di Hadar nella zona del Golan occupato. Da diversi anni, infatti, quella zona è una vera spina nel fianco per le milizie salafite che non sono mai riuscite a “sfondare” le linee difensive siriane. L’esercito di Damasco ha avuto, inoltre, il sostegno della popolazione locale drusa che vive uno stato di occupazione sia da parte delle forze sioniste sia da parte di quelle jihadiste.

 

Secondo le fonti del quotidiano libanese As-Safir, la battaglia è durata oltre sei giorni. Durante gli scontri sono stati visti mezzi “ribelli” circolare indisturbati nella zona di controllo israeliana nel tentativo di effettuare una manovra a tenaglia. La reazione difensiva è stata veemente ed ha causato numerose perdite nei ranghi dei ribelli di Fatah Al Sham – circa 200 morti e 500 feriti. Nel tentativo di bombardare postazioni siriane in appoggio ai ribelli, l’esercito israeliano ha perso un caccia F-16 ed un drone (Fonte AFP, Sputnik), perdite ovviamente smentite dal governo di Tel Aviv.

 

Per complicare ulteriormente la situazione ieri un convoglio di aiuti della mezza luna rossa è stato attaccato causando la morte di oltre 20 persone. Secondo gli USA sarebbero stati i russi o l’aviazione siriana; secondo Mosca sarebbero stati i “ribelli” che stavano tentando una sortita sulle linee di Aleppo. Quest’ultima, secondo diversi media mediorientali, sarebbe la versione più convincente visto che in merito al bombardamento non ci sono segni di cratere sulla strada nel tragitto del convoglio.

 

In risposta a questi due episodi ed al recente bombardamento/fantasma, Damasco e Mosca sono state abbastanza chiare circa la loro posizione. Secondo Lavrov “non ci sono più margini per poter rinnovare la tregua che ha solamente permesso alle milizie ribelli di riarmarsi e di rinforzare le loro posizioni”. In un messaggio agli israeliani lo stesso Bashar Al Assad ha dichiarato che “la risposta alle incursioni israeliane in territorio siriano non è stata casuale” aggiungendo che “ci saranno altre risposte militari se l’entità sionista continuerà a sconfinare nel nostro territorio o sosterrà i ribelli”. La sicurezza di Damasco fa presagire che, se lo stato israeliano continuerà nel suo sostegno ai ribelli, si potrebbe aprire un nuovo fronte sulle alture del Golan.

 

Se da una parte il regime siriano sembra essersi rinforzato ed essere in grado di contrastare e rispondere ai numerosi fronti di combattimento, fino a rispondere alle truppe sioniste, dall’altra, però, sembra sempre più

 

( Fonte: Contropiano.org )

 

Sorgente: 22-9-16_Usa-Israele-Daesh

I jet USA attaccano l’Esercito siriano e permettono all’ISIS di conquistare montagne strategica a Deir Ezzor. Replica del Governo siriano: “Questa la prova conclusiva che gli USA appoggiano l’ISIS”

Secondo quanto riferito da Al Masdar news, che cita fonti dell’Esercito siriano, la cosiddetta coalizione anti terrorismo degli Stati Uniti ha attaccato l’Esercito siriano nelle montagne di Thardeh, nel Governatorato di Deir Ezzor

Gli attacchi aerei degli Stati Uniti sulle postazioni dell’esercito siriano hanno permesso all’ISIS diconquistare le montagne strategiche di Thardeh che erano sotto il controllo del governo siriano.

Secondo attivisti locali, gli Stati Uniti hanno attaccato le postazioni dell’esercito siriano con bombe al fosforo, uccidendo diversi soldati e spianando la strada all’ISIS per conquistare tutta l&# 39;area.

L’attacco è stato condotto da 4 aerei da guerra statunitensi che volavano ad ovest dal confine iracheno.

Questa è la seconda volta quest’anno che l’Air Force degli Stati Uniti ha attaccato l’esercito siriano nel Governatorato di Deir Ezzor.

Il Comando Generale delle Forze armate siriane ha definito questo atto un’aggressione grave e palese contro la Repubblica araba siriana ed il suo esercito, e costituisce la prova conclusiva che gli Stati Uniti ed i loro alleati sostengono l’ISIS e altre organizzazioni terroristiche, sottolineando che questo atto rivela la falsità della loro lotta al terrorismo.

Fonte: Al Masdar
Notizia del: 17/09/2016

Sorgente: I jet USA attaccano l’Esercito siriano e permettono all’ISIS di conquistare montagne strategica a Deir Ezzor. Replica del Governo siriano: “Questa la prova conclusiva che gli USA appoggiano l’ISIS” – World Affairs – L’Antidiplomatico

Wikileaks Says They Have 1,700 Emails Proving Hillary Clinton Knew about U.S. Military Weapons Shipments to Al Qaeda and ISIS

Wikileaks head Julian Assange says he has proof that Hillary Clinton lied under oath while giving a public testimony following the 2013 Benghazi terrorist attack. Assange says Wikileaks has 1,700 emails proving Clinton’s statements that she was not involved or aware of any sale of weapons to Syrian “rebels” were a lie. In fact, Assange notes that the former Secretary of State was fully aware of the United States’ involvement in arming rebels in Libya in a bid to help them overtake Qaddafi. Ultimately, it is alleged that those same weapons then made their way to the Islamic State in Syria.

In a Democracy Now interview, Wikileaks’ Julian Assange claimed that the first batch of Hillary Clinton emails was only the beginning. Assange made the bold claims that his organization has more Clinton emails and that the next batch will be even more damning for the former Secretary of State and presidential hopeful. Wikileaks says that the emails contain proof that Hillary Clinton has lied under oath and that she was fully aware of weapons shipments to Al Qaeda and the Islamic State rebels.

The National Review points out that Wikileaks seems to be honing in on statements made by then-Secretary of State Hillary Clinton following the 2013 Benghazi terrorist attack. In a public testimony, Secretary Clinton claimed that she had no knowledge of weapons transfers to Libya, Turkey, or Syria in the months leading up to the terrorist attack. Clinton said “I don’t have any information on that” when pressed about her personal knowledge of the weapons transfers.

She claimed to have no knowledge of any transfers of weapons from Libya to Turkey, Syria, or any other countries.

It was Senator Rand Paul that asked Clinton the damning question when he pointed out that there were news reports of ships leaving Libya with weapons and asked Clinton if she was aware of these transfers. He specifically asked if she or the United States had been involved in “any procuring of weapons, transfer of weapons, buying, selling, anyhow transferring weapons to Turkey out of Libya.” In response to the question, Clinton tried to deflect by saying “nobody has ever raised that with me.” However, upon further pressing, Senator Paul asked directly if Clinton personally knew of any such transfers which she flatly denied.

It is important to note that Hillary Clinton was under oath when she answered the question from Senator Paul; therefore, if her statements were proven false it would mean she was guilty of lying under oath. Therefore, Julian Assange’s claims that he has numerous emails which implicate Clinton in the weapons transfer, it could mean that the presidential hopeful may need to do some serious damage control.

 

The contents of the emails have not yet been released, but many say they are expecting an “October surprise” from Wikileaks and that the latest leak will happen very soon. If Assange is telling the truth, the leak could prove extremely detrimental to Clinton’s presidential bid as she is already struggling with voter trust following the first batch of emails showing the DNC had favored Clinton during the primaries.

 

What do you think about Wikileaks’ claims that they have proof Hillary Clinton lied under oath? If they have the information, should they release it quickly as the November general election is quickly approaching?

Sorgente: Wikileaks Says They Have 1,700 Emails Proving Hillary Clinton Knew about U.S. Military Weapons Shipments to Al Qaeda and ISIS | Global Research – Centre for Research on Globalization

Wikileaks: Hillary Clinton ha mentito sulla vendita di armi ad Al-Qaeda e ISIS

Nuovi documenti di Wikileaks rivelano che Hillary Clinton ha mentito al Congresso sul fatto che non fosse a conoscenza della vendita di armi ad Al-Qaeda e ISIS.

Il fondatore del portale Wikileaks, Julian Assange, ha dichiarato, ieri, il sito canadese Global Research, ha rivelato che dispone di 1700 messaggi di posta elettronica che mostrano la falsa testimonianza del candidato democratico alal Presidenza USA, quando davanti a una speciale commissione del Congresso ha affermato che non avevano partecipato o non era a conoscenza della vendita di armi ai “ribelli” siriani.

Assage ha spiegato che l’ex Segretario di Stato era pienamente consapevole della complicità degli Stati Uniti nella crisi libica quando sono state inviate armi agli insorti per porre fine al governo libico di Muammar Gheddafi. Si sostiene che queste armi sono  poi finite nelle mani del gruppo terroristico SISI (Daesh, in arabo).

In questo contesto, Assange ha sostenuto che Hillary Clinton ha mentito durante la sua apparizione al Congresso degli Stati Uniti, che si è tenuto dopo gli attacchi al consolato degli Stati Uniti a Bengasi l&# 39;11 settembre 2012. In tale riunione, Clinton ha giurato che non era a conoscenza dei trasferimenti armi verso la Libia, Turchia e Siria nei mesi prima degli attacchi.

Assange ha annunciato che Wikileaks che ha l’accesso alle altre e-mail che sono più “importanti” per il candidato alla presidenza degli Stati Uniti

La questione che Clinton sia stata informata sul dispiegamento di navi con armi in Libia è stata posta per la prima volta dal Senatore Rand Paul, che ha censurato l’intervento della NATO) in Libia nel 2011.

In numerose occasioni, Paul ha lamentato che le politiche della amministrazione del presidente Barack Obama e di alcuni politici statunitensi hanno aiutato la diffusione del terrorismo in Medio Oriente.

Fonte: Hispantv
Notizia del: 15/08/2016

Sorgente: Wikileaks: Hillary Clinton ha mentito sulla vendita di armi ad Al-Qaeda e ISIS – World Affairs – L’Antidiplomatico

Daesh Expands Operations to 18 Countries Despite Airstrikes

The Daesh has expanded three-fold since the beginning of the US-led coalition airstrikes against the terrorists in 2014, local media reported citing a classified map prepared for President Barack Obama’s security briefing.

Sorgente: Daesh Expands Operations to 18 Countries Despite Airstrikes

Chi è il terrorista?

Ormai è innegabile che lo Stato Islamico sia fortemente presente in Turchia. Nel paese trova infatti diversi modi per arricchire le sue casse, si appoggia su diverse realtà per ottenere nuove adesioni e per mettere in atto i suoi progetti, utilizza il territorio nazionale sia per far transitare i materiali necessari alla sua lotta sia affinché i nuovi militanti possano transitare verso i territori occupati in Siria ed Iraq. Infine l’ISIS utilizza la Turchia come un palcoscenico mettendo in atto delle stragi con l’obiettivo di mantenere alto il livello della sua politica di terrore.

 

Iniziamo analizzando alcuni fatti che proverebbero la presenza dello Stato Islamico in Turchia.

 

Nel 2012 il giornalista Isa Eren visita il campo profughi costruito nel villaggio di Apaydin, a 3 chilometri dalla Siria. Eren riesce a parlare con i militanti di un’organizzazione armata mossa da ideali religiosi. Secondo questi è il periodo in cui questo genere di organizzazioni si stanno pian piano staccando dall’Esercito Libero Siriano per agire indipendentemente. Uno dei jihadisti afferma: “Sappiamo che i nostri combattenti feriti vengono curati negli ospedali turchi vicino al confine. Noi non sapevamo come usare certe armi così ci hanno raggiunto dei combattenti dalla Libia attraverso la Turchia”.

 

Nel Gennaio 2014, in due località diverse, Adana e Hatay, sono stati fermati dei tir insieme a qualche auto. Durante i controlli si scopre che a dirigere il viaggio dei tir, diretti in Siria, ci sono agenti dei servizi segreti turchi insieme a rappresentanti di un’organizzazione non governativa (IHH). I mezzi stanno trasportando armi. Nel luglio del 2013 il quotidiano nazionale Milliyet sottolinea in un articolo che, secondo alcune fonti, in Turchia ci sono gruppi criminali che forniscono anche auto rubate all’ISIS e si parla di circa mille mezzi consegnati solo nel 2013.

 

Secondo il portale di notizie online HaberTurk, a Gungoren nella città di Istanbul, uno dei quartieri roccaforte dei voti verso i partiti conservatori, un’associazione non governativa (HISADER), che reca il simbolo dell’ISIS all’interno del proprio logo, raccoglie aiuti “umanitari”. Nel giugno del 2013, il giornalista Soler Dagistanli ha intervistato ad Istanbul due famiglie i cui i figli hanno deciso di partire per la Siria ed unirsi ai terroristi dell’ISIS. Sempre nello stesso periodo il quotidiano nazionale Yurt ha fotografato un negozio in zona Bagcilar ad Istanbul che vende abbigliamento con i simboli dell’ISIS. Secondo il giornalista Nevzat Cicek le adesioni all’organizzazione dalla Turchia sono alte, e maggiormente nelle città di Antep, Adıyaman, Bingöl, Mardin, Diyarbakır, Kırşehir, Konya, Ankara ed İstanbul.

 

In questo periodo, per la prima volta, una figura istituzionale di alto livello ammette l’esistenza di relazioni strette tra l’ISIS e la Turchia. L’ex vice Primo Ministro Bulent Arinç durante l’inaugurazione della nuova sede dell’ONG Ardev comunica che in Turchia, attraverso associazioni e fondazioni, l’organizzazione trova nuovi adepti.

 

Il giornalista Ilkay Celen si reca in località Dilovasi nella città di Kocaeli e parla con la famiglia di Ahmet, anche lui aderente all’ISIS insieme ad altri otto amici. Secondo il padre di Ahmet, poco distante da Karamursel c’è anche un campo di addestramento dove operano istruttori provenienti dalla Bosnia. Le persone intervistate da Celen dicono che ad aderire all’ISIS siano per la maggior parte ragazzi giovani provenienti da famiglie povere.

 

Sakir Altas, governatore del villaggio di Candir, al confine con la Siria, nei pressi della città di Hatay, afferma che sia la gendarmeria ad agevolare il passaggio delle milizie dell’ISIS verso la Siria e viceversa.

 

In un servizio di Ralph Sina, del canale televisivo statale tedesco ARD, nel quartiere Fatih a Istanbul, si mostra come l’ISIS abbia un ufficio dedito all’assistenza dei jihadisti provenienti dall’Europa. Nel mese di settembre del 2014 il giornalista Zafer Samanci intervista il padre di un altro giovane che ha aderito all’ISIS e ritiene che siano circa 300 i giovani partiti per la Siria dalla sola città di Konya.

 

Il quotidiano Taraf sostiene che le cure mediche dei jihadisti dell’ISIS vengano effettuate negli ospedali della città di Mersin. Una delle notizie pubblicate dal quotidiano nazionale Bild riporta l’esistenza di una relazione di 100 pagine presentata dai servizi segreti al governo in cui si notifica la presenza di sette arsenali dell’ISIS in Turchia.

 

Il partito politico parlamentare DBP (Partito delle Aree Democratiche) denuncia che nella città di Amed ci sono circa 400 associazioni che lavorano per l’ISIS.

 

Secondo il parlamentare nazionale del Partito Popolare Repubblicano(CHP), Erdem Eren, in Turchia attualmente sono in atto 14 processi a diversi membri dell’ISIS. Eren in un suo intervento parlamentare, fatto il giorno dopo l’ultimo attentato dell’organizzazione all’aeroporto di Istanbul, specifica come le carte di questi processi siano piene di documentazione che proverebbero il fatto che i jihadisti fossero seguiti dalla polizia già da parecchio tempo.

 

Uno dei ricercati nel processo sulla strage di Ankara, 10 Ottobre 2015, I. B. dopo 3 anni di detenzione per accuse terroristiche, abbandona la Turchia nel 2011 ed aderisce all’ISIS nel 2013. Secondo le carte del processo I.B. ha attraversato il confine per ben 12 volte in un anno. Come specifica anche il parlamentare nel suo intervento, I.B. è accusato di aver lavorato per l’adesione di circa 1800 persone allo Stato Islamico. I telefoni dell’accusato sono sotto intercettazione da parte della polizia dal 2013 ed I.B. attraverso le telefonate fissa degli appuntamenti con altre persone per organizzare i viaggi. Nelle documentazioni del processo sono presenti circa altri 10.000 indirizzi intercettati in 2 anni. Tuttavia fino all’attacco terroristico consumato davanti alla stazione ferroviaria di Ankara non è stata effettuata nessun’operazione contro questo individuo ed altri come lui accusati nel processo.

 

H.B. processato in uno dei 14 processi sull’ISIS con altre 96 persone è stato rilasciato il 24 Marzo del 2016. L’accusato non può abbandonare il territorio nazionale e per tre volte a settimana deve mettere la firma presso la caserma della polizia più vicina. Nel processo composto da 315 pagine di accuse H.B. è incriminato per divulgazione dell’ideologia dell’ISIS in diverse località della Turchia e di aver lavorato per creare dei sostegni logistici all’organizzazione. Inoltre H.B. è accusato di essere il cosiddetto leader dell’ISIS in Turchia. Infatti secondo il quotidiano nazionale Taraf, in un intervento della polizia nel 2014 sono stati trovati diversi CD con le riprese che appartengono all’accusato in cui egli specifica che dopo le operazioni in Siria l’obiettivo della sua organizzazione sia quello di “conquistare la città di Istanbul”. Un altro accusato del processo è G.B. arrestato nel 2015 perché in possesso di una serie di esplosivi ed armi nella sua auto, anche G.B. è stato rilasciato nell’ultima udienza del 24 Marzo.

 

Nel suo intervento in Parlamento, Erdem Eren, mostra la documentazione inerente alla banca dati dei militanti dell’ISIS feriti in battaglia e curati in diversi ambulatori nella città di Antep in Turchia. Secondo Eren tra le carte del processo sulla strage di Ankara si nota come gli spostamenti di questi jihadisti siano stati osservati e documentati dalla polizia precedentemente.

 

Secondo un lavoro realizzato dal giornalista Firat Kozok del quotidiano nazionale Cumhuriyet, i fratelli Alagoz, due degli attentatori delle stragi di Suruç ed Ankara, sono finiti nel mirino dei giudici e della polizia già dal 2013. Uno dei due fratelli, Yunus Alagoz, è stato convocato nel tribunale per un interrogatorio in cui ha confermato la scomparsa del fratello, Abdurrahman Alagoz, e la sua eventuale adesione ad un’organizzazione armata. Tuttavia dopo l’interrogatorio Yunus Alagoz è stato rilasciato. Secondo le intercettazioni effettuate dalla polizia risultano dei dialoghi tra i due fratelli mentre si danno l’addio poco prima delle stragi. Il 20 Luglio del 2015 Abdurrahman Alagoz si fa saltare in aria uccidendo 34 persone a Suruç. Il 19 Ottobre del 2015 la Procura della Repubblica ha confermato che uno degli attentatori della strage di Ankara del 10 Ottobre 2015 fosse invece Yunus Alagoz.

 

Il 21 Marzo del 2016 in Siria è stato arrestato dalle Unità di Difesa Popolare(YPG-J) uno dei militanti dell’ISIS più ricercati in Turchia, Savas Yildiz, accusato di aver pianificato l’attentato di Taksim-Istanbul del 19 Marzo. In un’intervista/interrogatorio video diffuso su internet Yildiz ammette di appartenere all’ISIS, di essere un cittadino della Repubblica di Turchia e di aver oltrepassato parecchie volte il confine per entrare in Siria e Turchia. Secondo Yildiz il confine viene utilizzato così tranquillamente dai militanti grazie a un accordo tra l’ISIS ed il governo di Turchia. Infine Yildiz sottolinea un fatto molto interessante, ossia quello di aver collaborato con gli agenti dei servizi segreti della Turchia per attaccare le diverse sedi del Partito Democratico dei Popoli in Turchia poco prima delle elezioni nazionali del 7 Giugno 2015.

 

Lo Stato Islamico oltre a trovare nuove adesioni sul territorio nazionale della Turchia porta avanti anche un’attività economica notevole. Nel mese di Marzo del 2016 il parlamentare nazionale Idris Baluken ha avanzato una richiesta al governo per capire i dettagli di quei 12 milioni di attività commerciali tra la Turchia e la Siria, dato che le dogane di Akcakale e Karkamis sono ufficialmente chiuse e da circa 5 anni la Turchia applica delle politiche di embargo verso la Siria. Baluken che ha illustrato l’interruzione delle attività commerciali da quando queste due zone sono passate sotto il controllo delle YPG-J tuttora non ha ricevuto una risposta alla sua richiesta.

 

Ormai è evidente che l’ISIS faccia parte della vita quotidiana in Turchia. Ci lavora ed opera. Ci vive e cresce. Tuttora il sistema giuridico e le forze armate non sono stati in grado di impedire tutto questo. Inoltre il partito unico che governa e amministra il Paese da parecchi anni porta avanti un atteggiamento passivo e irresponsabile nei confronti di obblighi o doveri dovuto principalmente a pigrizia o insensibilità.

 

Dopo l’attentato all’aeroporto di Istanbul 3 partiti(HDP-MHP-CHP) su 4 presenti nel Parlamento nazionale hanno proposto di creare una commissione di ricerca per identificare i colpevoli dell’attentato ed i loro legami in Turchia. La proposta è stata respinta con i voti dei parlamentari dell’AKP. Poco dopo l’attentato i gruppi parlamentari di questi tre partiti hanno diffuso dei comunicati di stampa condannando l’attacco terroristico. Tuttavia il gruppo parlamentare dell’AKP, dopo aver definito l’evento come un attacco terroristico, ha specificato che si tratta di un complotto che punta ad indebolire la Turchia e la sua stabile crescita.

 

La cultura della paranoia, dei complotti e la ricerca del colpevole fa parte della cultura nazionale militarista in Turchia. Il capro espiatorio è uno dei fondamentali meccanismi utilizzato da parecchi anni dai diversi governi per identificare le ragioni ed i responsabili dei problemi. Questi nei primi anni della Repubblica erano i Greci, poi negli anni 50 tutti gli stranieri, dopo tutti i non-musulmani. Dagli anni 60 fino ad oggi “il problema” ha incluso progressivamente gli aleviti, gli armeni, i curdi e qualsiasi voce d’opposizione che abbia posto una critica al governo. Attraverso questo meccanismo non è difficile definire periodicamente “terrorista” o “traditore della Patria” tutti coloro che non stanno dalla parte del potere politico dominante. Questo è il caso dei tanti giornalisti che hanno provato a rivelare certi giochi, degli accademici che hanno firmato un appello per la pace, o ancora dei politici che hanno provato a svolgere un’attività alternativa oppure degli studenti universitari che hanno lottato per un futuro migliore, tutti soggetti accusati di “collaborazione terroristica” o di “propaganda terroristica” e rinchiusi in diversi centri di detenzione del Paese.

 

Mentre i veri terroristi riescono a circolare liberamente in Turchia come fosse il loro palcoscenico sanguinario, dall’altra parte chi si oppone al governo centrale con proprie idee e cerca di rivelare i segreti oscuri del Paese viene classificato come “terrorista”.

 

Sorgente: Pressenza – Chi è il terrorista?

Do Hillary Clinton and Daesh Really Share the Same Financial Backers?

A news report by the Jordanian Petra News Agency suggested that Saudi Arabia has paid more than 20 percent of the cost of Hillary Clinton’s presidential campaign, quoting Saudi Deputy Crown Prince Mohammed bin Salman; however the latest statement of the agency claims its website was hacked when this story appeared.

Sorgente: Do Hillary Clinton and Daesh Really Share the Same Financial Backers?

L’Esercito arabo siriano, con il sostegno russo, lancia la grande offensiva per liberare Raqqa

Alex Gorka, Strategic Culture Foundation 04/06/2016

Qualche tempo fa era opinione diffusa che Aleppo fosse l’obiettivo chiave per mutare le sorti della guerra in Siria. Ora l’Esercito arabo siriano sembra a riconsiderare i piani, decidendo di liberare la capitale de facto dello Stato islamico (SIIL), Raqqa, grande città sotto il pieno controllo dei terroristi e loro importante base operativa, Va fatto e si può fare. La recente liberazione di Palmyra delle forze siriane supportate dai russi è d’ispirazione. Il 3 giugno, l’Esercito arabo siriano sostenuto dagli attacchi aerei russi, lanciava una profonda grande offensiva per cacciare da Raqqa lo SIIL, avvicinandosi a una regione in cui le milizie appoggiate dagli USA hanno attaccato il gruppo jihadista. Migliaia dei più esperti soldati dell’Esercito arabo siriano si erano concentrati nella città di Ithriya (a sud di Aleppo). Le Forze aerospaziali russe effettuavano attacchi aerei per colpire il territorio occupato dallo SIIL zone orientali della provincia di Hama, nei pressi della provincia di Raqqa, dove l’Esercito arabo siriano avanza. La mossa s’ispira anche all’inefficienza delle forze della coalizione a guida USA, coinvolte nei combattimenti che fanno fuggire i terroristi. Il 25 maggio, le forze curde guidate dalle Forze Democratiche Siriane (SDF), sostenute dagli attacchi dell’US Air force, iniziavano un’operazione militare per riconquistare grandi territori a nord di Raqqa, facendo dichiarazioni nette sull’operazione per liberare la provincia e la sua capitale, ma senza alcun risultato di cui vantarsi ottenuto finora. I rapporti parlano di combattimenti nei pressi di Manbij, nodo cruciale del nord della Siria, a 114 chilometri da Raqqa e quasi 70 km a nord-est di Aleppo, più vicino ad Aleppo che a Raqqa, l’obiettivo finale, e nessuno sa se l’avanzata su Manbij sia rilevante. In ogni caso, non c’è un progresso tangibile. La città è ancora nelle mani dei terroristi. L’impressione è che ci sia qualcosa di molto sbagliato nel coordinamento degli sforzi e la coalizione SDF sponsorizzata dagli USA non ha alcun piano preciso in Siria. La stessa cosa vale per la coalizione guidata dagli USA in Iraq. Dopo più di una settimana di operazioni volte a riconquistare Falluja, a soli 50 km ad ovest di Baghdad, l’esercito iracheno formato da militari, polizia e unità sciite sostenuti dalle forze aeree della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha potuto raggiungere il centro della città. Fin dall’inizio dell’operazione, il 22-23 maggio, i comandanti iracheni hanno affermato di aver eliminato decine di terroristi dello SIIL, ma sono riluttanti a dichiarare i dati sulle proprie perdite. L’offensiva su Mosul (2016), anche chiamata Operazione Fatah, è un’operazione congiunta delle forze governative irachene e delle milizie alleate del Kurdistan iracheno, con limitate forze di terra statunitensi e il supporto aereo degli Stati Uniti, iniziata il 24 marzo con 4000 soldati di due brigate della 15.ma Divisione dell’esercito irachena addestrata dagli Stati Uniti, tra cui combattenti tribali sunniti coinvolti nell’operazione che non ha portato ad alcun risultato. Basti pensare, a tale proposito, che non c’è stata alcuna avanzata in 10 settimane! E le forze guidate dagli USA hanno il vantaggio della supremazia aerea incontrastata! Infatti, questa operazione può difficilmente essere vista come esempio di efficacia e valore militari. Quale differenza stridente se si confrontano tali offensive con le operazioni delle truppe siriane supportate dai russi per liberare Palmyra a marzo! La missione fu un grande successo realizzato in sole 2 settimane e 4 giorni! Il nocciolo del problema è che ci sono due coalizioni in combattimento che perseguono la stessa missione, la liberazione di Raqqa dai terroristi dello SIIL. Il gruppo viene attaccato dalla coalizione pro-USA, da un lato, e dall’Esercito regolare siriano supportato dall’Aeronautica russa, dall’altro. In un certo senso ricorda l’offensiva su entrambi i lati contro la Germania nazista durante la Seconda guerra mondiale. La differenza è che in quei giorni c’era un’alleanza formale tra l’Unione Sovietica e gli alleati occidentali, ma non è così oggi in Siria. E’ ridicolo che le due coalizioni non collaborino, o almeno coordinino le azioni. Suggerimenti per una cooperazione militare tra Stati Uniti e Russia contro lo Stato islamico circolarono più volte da quando i due governi decisero all’inizio di quest’anno di guidare un comitato diplomatico che portasse alla soluzione politica della guerra civile. Gli Stati Uniti hanno sempre rifiutato di unire le forze con la Russia in Siria da quando Mosca ha lanciato la campagna aerea nel settembre dello scorso anno.
Prima che l’offensiva della coalizione guidata dagli USA per liberare Raqqa iniziasse, la Russia aveva ribadito di essere pronta a coordinarsi con Stati Uniti e forze curde. “Raqqa è uno degli obiettivi della coalizione antiterrorismo, proprio come Mosul in Iraq“, aveva detto il Ministro degli Esteri Sergej Lavrov. “Siamo certi che queste città avrebbero potuto essere liberate in modo più efficace e veloce se i nostri ufficiali avessero iniziato a coordinare le azioni molto prima“. Gli Stati Uniti non avranno bisogno di alcun supporto russo su Raqqa contro lo SIIL, ed opereranno solo con le forze democratiche siriane (SDF) guidate dai curdi, aveva risposto il portavoce del dipartimento di Stato degli USA alle osservazioni del Ministro degli Esteri russo. Il portavoce del Pentagono, capitano Jeff Davis, aveva detto: “Non collaboriamo né ci coordiniamo con i russi sulle operazioni in Siria. Non abbiamo relazioni militari con la Russia“. Il rifiuto degli Stati Uniti della proposta russa è un esempio di politica dai doppi standard e dell’irresponsabilità. Tutte le dichiarazioni sulla volontà di raggiungere la pace in Siria sembrano nient’altro che vuote parole. Sembra che le operazioni dell’Esercito arabo siriano supportate dalla Russia siano l’unica speranza per il Paese devastato dalla guerra. Se le forze governative vincono, il popolo siriano e il mondo potranno vedere chiaramente chi opera seriamente e aiuta nei momenti di difficoltà e che si limita solo a fare dichiarazioni altisonanti senza tradurre le parole in fatti.13320612

Sorgente: L’Esercito arabo siriano, con il sostegno russo, lancia la grande offensiva per liberare Raqqa | Aurora

Why is David Cameron so silent on the recapture of Palmyra from the clutches of Isis?

Palmyra_-_Monumental_Arch.jpg

The biggest military defeat that Isis has suffered in more than two years. The recapture of Palmyra, the Roman city of the Empress Zenobia. And we are silent. Yes, folks, the bad guys won, didn’t they? Otherwise, we would all be celebrating, wouldn’t we?

Sorgente: Why is David Cameron so silent on the recapture of Palmyra from the clutches of Isis? | Voices | The Independent

RT Exclusive Documentary Reveals Financial Tracks of Turkey-Daesh Oil Trade

While gathering material for its new film on Daesh’s activities in the north of Syria and its ties to the illegal oil trade with Turkey, the RT Documentary crew came across bundles of unique documents, which reveal the scope of the illicit business and the revenue it provided; the crew also interviewed some residents who were directly involved.

Sorgente: RT Exclusive Documentary Reveals Financial Tracks of Turkey-Daesh Oil Trade

Daesh razes Iraq’s oldest monastery

The Takfiri Daesh terrorists have destroyed the oldest Christian monastery in Iraq as they continue with their demolition campaign against historical and religious sites in the areas under their control.

Satellite images released by the Associated Press on Wednesday showed a pile of rubble at the location of St. Elijah’s Monastery, situated south of the city of Mosul in northern Iraq.

The monastery, which had survived for more than 1,400 years, is believed to have been damaged at some point in 2014, after Daesh took control of the area in June that year.

Sorgente: PressTV-Daesh razes Iraq’s oldest monastery