Gaza: Donne incinte ed i loro neonati contaminati da metalli pesanti legati agli attacchi israeliani

La rivista scientifica British Medical Journal  Open ha pubblicato uno studio svolto a Gaza su 502 donne in gravidanza al momento degli attacchi israeliani del 2014. Questo lavoro riporta un alto tasso di contaminazione nei capelli in metalli pesanti nelle donne esposte agli attacchi e  in proporzione nei i capelli dei loro bambini.

5 Agosto 2017, Paola Manduca, Prof. Genetics
Genoa, Italy

I metalli pesanti utilizzati durante le guerre, contengono elementi tossici, teratogeni e cancerogeni. Essi sono noti come perturbatori endocrini. Essi sono resistenti nell’ambiente, si accumulano nel corpo, ed i loro effetti sugli esseri viventi persistono ancor più se questi metalli pesanti non vengono rimossi dall’ambiente (armi, schegge, missili, rovine contaminate …). Ricercatori italiani, finlandesi e di Gaza hanno dimostrato che la contaminazione da metalli pesanti è un fattore di rischio  a lungo termine per la salute delle donne incinte e dei loro bambini.

Questi ricercatori hanno analizzato la quantità di 23 tipi di metalli nei capelli delle donne  di Gaza, che erano in stato di gravidanza durante l’estate del 2014, e in quelli dei bambini a cui hanno dato luce più tardi, e trovato che queste erano superiori al contenuto dei metalli nei capelli di donne al di fuori di zone di guerra.

Essi hanno anche studiato la trasmissione in utero metalli pesanti, così come la possibilità che l’assunzione fosse dovuta a fattori diversi ed estranei alla guerra.

Lo studio ha usato spettrometria con plasma-massa (ICP-MS) e sono stati fatti confronti con gruppi esposti agli agenti chimici domestici e agricoli.

I risultati mostrano un carico in metalli pesante significativamente più alto per le donne esposte ad attacchi militari, proporzionale ma piu basso nei loro neonati che però sono più frequentemente colpite da difetti congeniti o nati prematuramente.

E’ stata raccolta testimonianza e poi documentata con visite in loco,  la frequenza di esposizione ad attacchi militari delle donne; circa il 70% delle madri, sono state coinvolte in attacchi, il che suggerisce una alta contaminazione  di tutta la popolazione.

Gli autori raccomandano “monitoraggio, biomonitoraggio e sorveglianza nel tempo  su questo tema di ricerca di interesse pubblico” per il quale, fanno notare, “non siamo in grado di sapere se c’è anche il rischio di effetti transgenerazionali”.  Difetti congeniti sono stati osservati più frequentemente nei nati da madri esposte ad attacchi militari in Iraq e a Gaza (dopo gli attacchi nel 2008-2009).

Gli autori della ricerca sono Paola Manduca, Safwat Y Diab, R Qouta Samir Nabil Albarqouni, Raiija-Leena Punamaki, con la collaborazione di Fabrizio Minichilli, e Fabrizio Bianchi per l’analisi statistica.

Articolo integrale.

Documento completo in inglese, formato PDF.

Invictapalestina ringrazia tutti coloro che partecipando alla nostra iniziativa del 2014, ci hanno permesso di contribuire al finanziamento della ricerca con 500 euro.

thanks to: invictapalestina

A cross sectional study of the relationship between the exposure of pregnant women to military attacks in 2014 in Gaza and the load of heavy metal contaminants in the hair of mothers and newborns

PDF

  1. Paola Manduca1,
  2. Safwat Y Diab2,
  3. Samir R Qouta3,
  4. Nabil MA Albarqouni3,
  5. Raiija-Leena Punamaki4

Author affiliations

  1. DISTAV, University of Genoa, Genova, Italy
  2. Al-Quds Open University-Gaza Branch, Gaza, Gaza Strip, Palestine
  3. Islamic University of Gaza, Gaza, Palestine
  4. University of Tampere, School of Social Sciences and Humanities/Psychology, Tampere, Finland
  1. Correspondence to Prof. Paola Manduca; paolamanduca@gmail.com

Abstract

Objective Metal contamination of humans in war areas has rarely been investigated. Weaponry’s heavy metals become environmentally stable war remnants and accumulate in living things. They also pose health risks in terms of prenatal intake, with potential long term risks for reproductive and children’s health. We studied the contribution of military attacks to the load of 23 metals in the hair of Palestinian women in the Gaza Strip, who were pregnant at the time of the military attacks in 2014, and their newborns. We compared the metal load in the mothers with values for adult hair from outside the war area (RHS) as the reference. We investigated heavy metals trans-passing in utero, and assessed if the heavy metal intake could derive from sources unrelated to the war.

Design Cross sectional study.

Participants and setting Cross sectional convenience sample of 502 mothers delivering in the Gaza Strip and their newborns.

Main outcome measured Measure of the load of heavy metals in mother and newborn hair by inductively coupled plasma-mass spectrometry (ICP-MS). Comparison of metal loads with the reference RHS, between groups with different exposures to attacks and house/agriculture chemicals, and between mothers and newborns. Data for birth registry and for exposures to war and other known risk factors were obtained at interview with the mothers. Photographic documentation of damage from military attacks was obtained.

Results The whole cross sectional convenience sample had a significantly higher load of heavy metals than the reference RHS. Women exposed to military attacks had a significantly higher load of heavy metals than those not exposed; the load in newborns correlated positively with the mothers’ load. No significant difference was found between users/non-users of house/agriculture chemicals. No other known confounder was identified.

Conclusions High heavy metal loads in mothers, reflected in those of their newborns, were associated with exposure to military attacks, posing a risk of immediate and long term negative outcomes for pregnancy and child health. Surveillance, biomonitoring and further research are recommended. Implications for general and public health are discussed.

This is an Open Access article distributed in accordance with the Creative Commons Attribution Non Commercial (CC BY-NC 4.0) license, which permits others to distribute, remix, adapt, build upon this work non-commercially, and license their derivative works on different terms, provided the original work is properly cited and the use is non-commercial. See: http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/

Strength and limitations of this study

  • The lack of ‘never exposed to war’ controls within Gaza is a limitation of the study which cannot be overcome.

  • A general limitation of this type of study is that the risks posed in the long term by the intake of multiple heavy metals are still largely unknown in humans, and in particular during pregnancy.

  • The size of the sample, while adequate to identify the correlation between levels of heavy metals with environmental exposure, is not large enough to accurately study the negative outcomes at birth (birth defects and preterm) due to their low frequency.

  • A strength of the study is the inclusion of a relatively large cross sectional convenience sample of participants, allowing for subgroups of exposure, suitable in size for statistical analysis.

  • An important point was the inclusion of analyis of newborn hair in for metal load. .

  • Verification by in loco visits the recall of exposure of women on an objective basis gives additional strength to the study.

  • Development of a questionnaire and of procedures that allowed information to be obtained on various habits and different potentially risky environmental exposures, -allowing to exclude some more likely potential confounders.

  • The analysis of microelements and metals not associated with weaponry provided an internal control for the analytic results.

Introduction

Women and children are highly vulnerable during periods of war and military attacks, as well as in the aftermath of war, because of the possibility of the long term effects of war related environmental changes on reproductive and infant health. Accumulation in human bodies of toxicants and heavy metal teratogens found in the remnants of war occurs, that, coupled with their long persistence in the environment, suggests a considerable risk for health.1–6 The effects of toxicants, teratogens and carcinogens related to heavy metals have been found in embryos at concentrations lower than in adults.7 8 During the first trimester of pregnancy, major morphogenetic events occur, and is the period of highest sensitivity of the embryo to external effectors. Apart from the mutational risks posed by some of the heavy metals, there is compelling evidence of their prevalent epigenetic mechanisms of action.8–15 Heavy metals act as endocrine disruptors,8 and their interference with gene expression causes disturbances in various metabolic and hormonal pathways.9 The epigenetic mechanisms are an essential part of the current understanding of the developmental origin of health and disease.11–15 Reports show that heavy metals accumulate in specific body compartments and can be released during pregnancy.9 12–15 However, relatively little is known about the kinetics, modalities and accumulation of heavy metals in compartments of the human body. Also, not much is known about the following phenomena: the effects of human subjects’ concurrent intake of multiple toxic metals, the kinetics of the passage of heavy metals through the placenta and the critical concentrations that affect the embryo and fetus.

In addition to the risks posed by acute exposure, persistence of heavy metals in the environment may cause people to be continually exposed which, combined with the accumulation of heavy metals in different compartments of the body, adds to the concerns about the long term negative effects on health. The long term effects of metals via epigenetic mechanisms can occur in mothers, fetuses exposed in utero and in breastfed infants and children; these effects could even be transgenerational.10–13 16 17

Military attacks are a source of heavy metal input in war zone environments, and may influence the health of the population and affect the outcomes of pregnancies.4 16 The prevalence of birth defects increased in areas heavily exposed to military attacks in Iraq,18 and in Gaza after the Israeli military operation of Cast Lead in 2008–200919 and since the implementation of air delivered weapons in attacks.20 Previous research in Gaza also showed that women’s exposure to military attacks (courtesy of the database of the United Nations’ mine action team) correlated with a higher incidence of progeny with birth defects.20 21 Hair analysis for metal load of infants born prematurely or with birth defects to mothers who experienced military attacks revealed in utero contamination of the babies. The heavy metal load in these newborns was higher than that of normal newborn babies for teratogens (mercury and selenium) in babies with birth defects and for toxicants (barium and tin) in premature babies.22 Together, the data show an association of the damage to newborn health with maternal exposure to attacks, and the trans-placental passage of wartime heavy metal remnants from exposed mothers to their progeny in utero.

Three major wars, with their complex consequences for the environment, may have been the single most influential determinant of change in the living conditions and in the demography of Gaza from 2008 to 2014. The context of the current study is the aftermath of the 2014 Israeli military operation ‘Protective edge’ in Gaza, which lasted for 55 days and had massive effects on civilian life. This operation left widespread structural destruction,23–28 with physical remnants of war, including components of weapons, shrapnel and missiles, as well as environmentally stable chemical elements and contaminated ruins, throughout the area.29 The weapons used in these attacks were documented by the United Nations and other reputable sources, and included missiles, mortars, explosive devices and bombs of various sizes, with or without penetrator heads. The content of heavy metals in each weapon differed, and each had a different range of spread, from metres to hundreds of metres or more.23–29 The Israeli government does not make available a list of weapons used, and all data are directly from United Nations’ agencies and independent witnesses on the ground. Removal of explosive war remnants and the debris of demolition began only 6–8 months after the end of hostilities and involved the creation of open air deposits and the reuse of materials from demolished structures. No transfers of debris could be conducted outside the area of the Gaza Strip.29 Thus any contamination due to the 2014 war remained in the local environment from the time of the attacks throughout the period of our study.

The aim of the study was to investigate whether there were changes in the metal load of a representative segment of the female population after military attacks, particularly with respect to heavy metal contaminants with known teratogen, toxicant and carcinogenic effects, which could pose long term risks for health because of their stability in the environment and tendency to accumulate in the human body. We investigated the extent of exposure to attacks in a cross sectional convenience sample of women who had been in their first trimester of pregnancy during the attacks in the summer of 2014 and who entered one of four major maternity hospitals in Gaza for delivery. The correlation between maternal contamination and their newborns’ was also investigated.

Methods

Participants

Participants were 502 mothers who were in their first trimester of pregnancy during the 2014 war on Gaza and who delivered between late January and March 2015 in one of four maternity wards: Al-Shifa (n=202), Al-Awda (n=100), Al-Nasser (n=100) and Al-Aqsa (n=100). All participants were residents in one of four Gaza Strip governorates. There were no exclusion criteria at enrollment; no participant data were discarded after the interviews, and all donated hair samples were analysed.

Procedures

One midwife in each hospital registered all the deliveries occurring during her work shift and obtained the participants’ written informed consent for participation in the study. The midwife collected the hair samples from mothers and newborns. The midwife also administered a face to face interview with the mothers, following a prepared questionnaire.20–22 This included the standards of European and US birth registers and was integrated previously to include the health history of the extended family (to the second degree), and questions about environmental exposure, including the mothers’ recollections of their exposures to military attacks and a variety of potentially risky habits. This questionnaire was thus an apt tool for the surveillance of changes in reproductive health, including of the inherited component of newborn congenital diseases, and it was useful for establishing correlations with major environmental changes in Gaza. The Palestinian Health Research Council and the Helsinki Committee for Ethical Approval approved the study. The Research Board in the Islamic University of Gaza, Palestine, reviewed and approved the research tools and procedures. Mothers’ recollections of their exposures to attacks were corroborated with objectively documented damage to their dwellings, if the women reported the attacks occurring while they were at home.

Measures

In the present study, the metal load in the hair of mothers and newborns was determined by inductively coupled plasma-mass spectrometry (ICP-MS) using the methodology recommended by the International Atomic Energy Agency (IAEA) for testing human exposure to environmental metals.30 We analysed women’s and newborns’ hair for the metal components of weaponry already identified in 2009 at weapons’ wound sites in the bodies of victims of attacks.6 We had also detected these metal components contaminating the hair samples of 65 of 95 children tested 1 year after the attacks of Cast lead (Manduca, unpublished data). We also found some of these metals contaminating the hair of newborns in 2011.21 22 Finally, we tested 23 metals, including known weapon components and war remnants, such as lead (Pb), barium (Ba), mercury (Hg), arsenic (As), zinc (Zn), cadmium (Cd), tin (Sn), uranium (U), tungsten (W) and aluminium (Al). As an internal control, we also measured other metals and microelements that have biological relevance but are not weapons related.

We compared the metal load of thecross sectional convenience sample of Gaza women with values for adult hair from outside the war area (RHS).31 We analysed whether the metal loads in mothers were correlated with those in newborns.

Heavy metal concentrations are expressed as ppm (parts per million). Maternal hair (4 cm) was taken nearest to the scalp at the nape of the neck, which reflected environmental exposure during the last 4–5 months of pregnancy and the eventual release of metals previously accumulated in the body. Hair from newborns reflected the accumulation of metals through life in utero.

All hair was preserved in plastic bags until the moment of analysis, according to the recommendations of the IAEA, in the Pacific Rim Laboratory, ISO/Tec 17 250 accredited (Canada). Analytical procedures were performed according to previous protocols.19 In brief, 0.2 g of washed hair was added to 2 mL of HNO3 and 2 mL of H2O2, heated to 85°C for 2 hours and added at room temperature to 6 mL of water. Samples were run in Agilent 7700. The limits of detection (ppm) were: aluminium (Al) and iron (Fe) 0.4; magnesium (Mg), copper (Cu), lead (Pb), manganese (Mn) and titanium (Ti) 0.04; barium (Ba), cobalt (Co) and chromium (Cr) 0.02; arsenic (As), cesium (Cs) and molybdenum (Mo) 0.001; cadmium (Cd) and uranium (U) 0.0001; mercury (Hg) 0.0004; nickel (Ni) 0.15; selenium (Se) 0.22; tin (Sn) and tungsten (W) 0.03; strontium (Sr) 0.01; vanadium (V) 0.002; and zinc (Zn) 0.3. Experimental values below the limits of detection for each metal were considered equal to 0 0 for the purposes of statistical analysis, which was conducted using median values. Commercial analytical standards of hair for calibration purposes were run in parallel (NCS ZC 81002b and NCS DC73347a; China National Analysis Centre for Iron and Steel).

Exposure to military attacks

The variable exposure of women to military attacks was indicated by self-reporting and verified by photographic documentation. Women responded ‘yes’ or ‘no’ to five questions: whether their own house was bombed during the 2014 war, whether the house next door was bombed during the 2014 war, whether they were inside their home at the time of the attack, whether they were displaced afterwards and whether they found spent ammunition inside their dweling. Based on these answers, they were grouped according to their ‘proximity of exposure to attacks’. The concept of proximal exposure was formulated on the realisation that attacks very often involved the spread of weapons’ parts to adjacent houses. The term ‘proximally exposed” was used to identify women whose homes or neighbouring homes were attacked. The proximally exposed group was divided into two subgroups according to their continuous habitation in the places where the attacks occurred: women who remained in or next to the house that had been bombarded or shelled, and women who moved elsewhere at some time after the attack. Creation of these subgroups reflects the concern that women with ongoing residence at the locations of the attacks might have had different exposures to war remnants than those who had moved. This concern was, ultimately, unfounded. A third group included women who had no recollection of any exposure. In October 2015, we visited the women in subgroups 1 and 2 and photographically documented the damage that had occurred during the military attacks on their dwellings.

Exposure to potential civilian sources of metal contamination

We tested whether other known potential sources of contamination by heavy metals correlated with the mothers’ distribution of metal load. Women were asked about their own use of agricultural substances (pesticides, herbicides, fungicides) and generic household chemicals of unknown composition, their consumption of three main types of medicines and of three prenatal prevention supplements, their use of three available sources of water for drinking and cooking, their frequency of eating fish and their history of smoking. For statistical analyses, a dichotomy variable was formed with 1=women reporting the use of agricultural and household chemicals and 2=non-users.

Statistical methods

The metal loads (ppm) found in the hair of mothers, reported as median values and interquartile ranges, were statistically compared. The first analysis involved the 95th percentile values of the whole cohort and of each exposure group compared with those values for the hair from adults of both sexes from areas unaffected by war (RHS, Germany, by Micro Trace Minerals, MTM; USA by Trace Minerals International, TMI).31 No equivalent reference was available for the newborns’ metal load. The second analysis compared the metal loads within the cross sectional convenience sample between groups proximally exposed and unexposed to military attacks. The third analysis compared the metal loads between users and non-users of agricultural and household chemicals.

In analysing the findings in this study, quantile regression analysis was used because it allowed for the modelling of any percentile or quartile of the outcome, represented in this study by metal distribution, including the median. Furthermore, the Shapiro–Wilk and Pearson’s χ2 normality tests showed that metal concentrations were not normally distributed, and log transformation did not lead to satisfactory results. Quantile regression analysis has the advantage of being more robust against outliers in the outcome variables than least squares regression (linear) and, as a semi-parametric tool, it avoids assumptions about the parametric distribution of the error process.

The relationships between 23 metal concentrations and exposures to military attacks were analysed by multiple quantile regression models, least absolute value models (LAV or MAD) and minimum L1 norm models.32 The quantile regression models, fit by QREG STATA COMMAND, express the quantiles and the conditional distribution as linear functions of the independent variables which, in this case, are exposure and any confounders. Spearman correlations were used to identify the associations between mothers’ and newborns’ metal concentrations. All analyses were performed using STATA v.13.

Results

In this sample, median age of the women was 26.9±5.92 years (range 16–52), and 2.5% of participants were younger than 18 years. Of the 502 women, 26.7% were carrying their first pregnancy during the war, and the majority (88.8%) worked at home. Prenatal care efforts, including consumption of iron, vitamins and folic acid, were undertaken by 89% of women. A total of 29% reported a diagnosis of anaemia while 0.5% reported a diagnosis of diabetes. The prevalence of preterm delivery was 1.5%; the prevalence of low birth weight (<2.5 kg) was 2.3%. Of the infants in the study, 4.5% were born with birth defects, and all were born alive, although one baby died in the minutes after birth.

Figure 1A shows the percentages of participants residing in each of the four governorates and whether they were displaced after the military attacks. Information about the exact locations of displacement was not available. Figure 1B shows that 32.4% of women reported weapon hits directly on their own house and 14.7% found war remnants inside the dwelling. Among women whose houses were directly hit (n=163), 63% (n=103) were inside the house during the military attack (Figure 1C). Thus a fifth (20.4%) of all women were in their own home  under the attack, and almost half (46.6%) of these found war remnants, generally shrapnel and shells, inside their houses. In addition, 11.9% of the women whose houses were not directly hit reported that weapons remnants reached the interior of their home from military attacks to neighbouring buildings, suggesting a wide radius of the spread of fragments from the blasts.

Figure 1

-C Localization of the mothers during attacks. (A) The residence of the 502 mothers. In black those residing in late 2015 in the same place as during the attacks in gray those displaced afterwards. (B) Left column, percentage of women in the 502 cross sectional convenience sample that reported that their own housing was hit directly and right column, those that found parts of ammunitions in their house. (C) Percentage of women that were inside their house under the attack .

In October 2015, 78 women of the 103 whose homes were hit while they were inside were contacted, and the damage to 49 homes was recorded (in photographs) in order to objectively document the military attacks. Figure 2A shows the number of the visited homes whose damages were photographed ; of these 63% still exhibited the damage from the attacks.  Ten houses were totally destroyed, 15 exhibited major damage and 24 displayed minor damage (Figure 2B and Figure 1 in the online supplement).

Figure 2 A-B

Reported attacks on the housing of the women in the cross sectional convenience sample (n=502). (A) Seventy eight of the 103 women who experienced a direct attack on their house while they were inside it were visited in October 2015. The damages that were still visible were documented by photography. (B) Damages observed  classified according to their impact on the structure.

Subgroups for personal exposure to military attacks were generated in order to investigate associations between the load of metals in women’s hair and their proximity to the military attacks. Figure 3 shows the distribution of the two proximally exposed and the unexposed subgroups. Of the 502 women in this study, 55.9% (n=282) belonged to the subgroup of women who were exposed to an attack and who remained in the same house, where weapon remnants were likely to be present, during the following months of their pregnancy. Subgroup 2, composed of women who were exposed to attacks and who had moved away from the bombed or shelled home, included 12.3% (n=61) of participants. Subgroups 1 and 2 compose what we named the “proximally exposed” women and were the 68.2% of the cross sectional convenience sample. Approximately one-third (31.7%, n=159) of the women belonged to subgroup 3, who reported not having been under or next door to military strikes and were therefore considered unexposed. Photographic evidence confirmed the damage to the houses of 25 women in subgroup 1 and of 24 women in subgroup 2.

 

Distribution of the cross sectional convenience sample according to different environmental exposures. (A) Division of the whole sample into subgroups was based on their reported proximal exposure or non-exposure. All women who reported that their home or the home next door was hit in an attack are in subgroup 1 (55.9% of the sample if they remained a resident in the same house until they delivered their baby, or in subgroup 2 (12.3% of the sample) if they were displaced after the attack. Subgroup 3 (31.7% of the sample reported no exposure to attacks. (B) Source of water for drinking and cooking. (C) Nearness to manufacturers and workshops. (D) Use of household and agriculture chemicals (shown in detail): users, or users of any of these chemicals or more than one.

” data-icon-position=”” data-hide-link-title=”0″>Figure 3 A-D

Figure 3 A-D

Distribution of the cross sectional convenience sample according to different environmental exposures. (A) Division of the whole sample into subgroups was based on their reported proximal exposure or non-exposure. All women who reported that their home or the home next door was hit in an attack are in subgroup 1 (55.9% of the sample if they remained a resident in the same house until they delivered their baby, or in subgroup 2 (12.3% of the sample) if they were displaced after the attack. Subgroup 3 (31.7% of the sample reported no exposure to attacks. (B) Source of water for drinking and cooking. (C) Nearness to manufacturers and workshops. (D) Use of household and agriculture chemicals (shown in detail): users, or users of any of these chemicals or more than one.

Metal load in mothers and newborns

Supplementary Table 1 (see online supplementary Table 1) shows the descriptive values of the metal load, as determined by ICP-MS, for the 23 metals investigated in the hair of mothers and newborns, both for the whole group and for subgroups of exposure to military attacks. In general, the mothers’ metal loads were higher than the newborns’. Spearman correlations of the metal load between the mothers and newborns for the whole sample (Table 1) showed significant (p<0.05) positive correlations for all metal loads, except for Cu and Sn, and a negative correlation for Ba. These data indicate trans-placental passage of toxicants Cr, Cs, Mo, Ni, Sr, Pb and V, and teratogens Hg, U and W.

Table 1

Correlation between mothers’ and newborns’ metal loads. Spearman analysis of the correlation between mothers’ and newborns’ metal loads. Values of p<0.05 are enhanced in yellow for the positive correlations for Mg, Cr, Cs, Hg Mo, Ni, Sr, U, V and W.  The correlation is negative for Ba. Values are reported in ppm

Table 2

Comparison of the metal load of the mothers in the cross sectional convenience sample and in subgroups 1, 2 and 3 with that of reference ranges of standards from areas not involved in the war. Comparison of the 95th percentile of metal load in the wholesample and in subgroups 1–3 with that of standards from areas not involved in wars. Confidence intervals are shown. Results with 95th percentiles significantly higher than the reference value are enhanced in light blue and in bold. Values are reported in ppm. Subgroups 1 and 2 are mothers ‘proximally exposed’ to attacks and subgroup 3 those that reported no exposure

The metal load comparison to a reference standard (RHS) from areas unaffected by war (Table 2) shows the comparison of the 95th percentile of the metal load for the mothers with that of RHS. In the whole sample and in each subgroup, the load of toxicants (Al, Fe, Ba, Mn, Ni, Pb, Sr and V), teratogens (Hg, U and W), carcinogens (As, Cd and Co), and of Mg and Zn was significantly higher in the hair of women in all groups of the Gazacross sectional convenience sample than in the reference group RHS. The load of Cs, Cu, Mo, SE, Sn and Ti did not significantly differ from what was found in the reference group, RHS.

Proximal exposure to military attacks and metal load

To examine whether there is an association between proximal exposure to military attacks and metal load, the median values of the subgroups were analysed by multiple quantile regression models. Results showed that both subgroups of proximally exposed women had significantly higher loads for the majority of metals than the unexposed subgroup. For the sake of clarity, Table 3 does not include the following metals which were detected at the same level in all samples as in RHS, and thus unrelated to differences in anthropogenic activities of any kind in the samples and the reference: Cs, Cu, Mo, Se, Sn and Ti. This analysis confirms that proximal exposure is associated with a higher load of contamination for most metals, with an exception for U, with the highest load in subgroup 3. Specifically, subgroups 1 and 2 together showed significantly higher metal loads than subgroup 3 for Al, Mg, Mn, Ba, As, Zn and V. Subgroups 1 and 2 showed significant differences between them: subgroup 1 was highest for Ba and V; subgroup 2 for Cr, Sr and W. Measured loads of Fe, Hg and Pb were higher in the three subgroups than in RHS but did not differ among the subgroups.

Comparison between the newborns groups for metal load showed that the newborns in subgroup 2 had a significantly higher load of contaminants for most metals, except for Hg and Zn. Yet, children in subgroup 3 had a significantly higher load for Al than newborns in subgroup 1.

Regarding exposures to environmental chemicals from civilian sources and potential confounders, the study showed high homogeneity in the women’s sample for exposure to most of the potential risk factors. For 84% of the women, it was common to use multiple sources for drinking water, and 87% of the women resided far from industrial plants (figure 3B and C). All of the women used a combination of the five food sources (UNRWA, Egyptian, Israeli and Turkish imports, and local). Less than 5% of women engaged in potentially risky habits, such as smoking, using hair dye or consuming medicines (not shown), and most of the women (90%) ate fish, a potential source of mercury, less than or equal to once per month. These putative risk factors do not seem relevant to the differences in the distribution of the metal load found between the women proximally exposed to military attacks and unexposed women.

Table 3a

Comparison between mothers of metal load between subgroups according to their ‘proximal exposure’. The metal load in mothers from different subgroups were compared with each other. Analysis was by multiple quantile regression on median values as linear function of the independent variable, ‘proximal exposure’. For ease in reading the data, the colour yellow indicates that the group in the first column of each panel has significantly higher load (p<0,05) than the one in the second column of the same panel. If vice versa, the line is enhanced in green colour. Panel A compares exposure subgroups 1 with 3; panel B compares exposure subgroups 1 with subgroups 2+3

Table 3b

Comparison between mothers of metal load between subgroups according to their ‘proximal exposure’. The metal load in mothers of different subgroups were compared with each other. Analysis was by multiple quantile regression on median values as linear function of the independent variable, ‘proximal exposure’. For ease in reading the data, the colour yellow indicates that the group in the column on the left in each panel has significantly higher load (p<0.05) than the one in the column on the right in the same panel. If vice versa, the line is enhanced in green colour. Panel C compares exposure subgroups 1+2 with 3; panel D compares exposure subgroups 1 with 2

Table 3c

Comparison between newborns of metal load between subgroups according to the mothers ‘proximal exposure’. The metal load in newborns of different subgroups were compared with each other. Analysis was by multiple quantile regression on median values as linear function of the independent variable, ‘proximal exposure’. For ease in reading the data, the colour yellow indicates that the group in the column on the left in each panel has significantly higher load (p<0.05) than the one in the column on the right in the same panel. If vice versa, the line is enhanced in green colour. Panel A compares exposure subgroups 1 with 3; panel B compares exposure subgroups 1 with 2+3

Table 3d

Comparison between newborns of metal load between subgroups according to the mothers ‘proximal exposure’. The metal load in newborns of different subgroups were compared with each other. Analysis was by multiple quantile regression on median values as linear function of the independent variable, ‘proximal exposure’. For ease in reading the data, the colour yellow indicates that the group in the column on the left in each panel has significantly higher load (p<0.05) than the one in the column on the right in the same panel. If vice versa, the line is enhanced in green colour. Panel C compares exposure subgroups 1+2 with 3; panel D compares exposure subgroups 1 with 2

Figure 3D shows that 76.3% (n=352) of women reported non-use of household and agricultural chemicals, whereas the 109 women classified as users reported using pesticides (n=82), herbicides (n=9) or other household chemicals (n=18). The chemicals were identified according to their function rather than their chemical composition and were studied only from the point of view of their potential contribution to the load of heavy metals in hair. Table 4 compares the median quantiles between user and non-user groups, showing no significant differences (p >0.3 for all analyses) among these subgroups in the load for all 23 metals. It is possible, then, to rule out the possibility that the use of these products contributed to the heavy metal contamination.

Table 4

Comparison of metal load between mothers according to their use of house–agricultural chemicals. Subgroups are not users-subgroup 1 (n=352) or users subgroup 2 (109), of any of the chemicals listed in figure 3D . Analysis was by multiple quantile regression on median values as linear function of the independent variable, ‘use of chemicals’. There was no significant difference for the load of all metal tested (p > 0,3) between the two groups

Discussion

Principal findings

The study is the first to document the number of civilian subjects in the population who were exposed in 2014 to military attacks in Gaza. The women in this cross sectional convenience sample experienced, in 32.4% of cases, a direct hit to their private dwellings and, in 63% of these cases, the attacks occurred while the women were inside their homes. The women’s recollections were supported by photographic documentation of the reported damage which verified its extent. Hits including those on neighbouring buildings (proximal exposure) were reported by almost 70% of the women.

The study examined the load of heavy metals in the hair of this cross sectional convenience sample  of women who were all pregnant during the war in Gaza in 2014. Hair samples were collected when the women delivered during the winter of 2014 and the spring of 2015. We found a positive correlation between a high load of toxicants (Ba, Al, V, Sr and Cr), a teratogen (W) and a carcinogen (As) in women’s hair and their proximity to military attacks in 2014.

We also found that there was a higher load in the entire cross sectional convenience sample of Gaza women in comparison with the hair samples from individuals in areas unaffected by war (RHS), regardless of their recent exposure to attacks. The high load was for heavy metals already detected as war remnants from previous attacks in 2009 (toxicants such as Al, Fe, Ba, Mn, Cr, Ni, Pb, Sr and V; teratogens such as U and W; and carcinogens such as As, Cd and Co).

There was, instead, no difference in the cross sectional convenience sample of Gaza women, regardless of their reported exposure to the attacks in 2014, in comparison with the metal load in the hair of adults of both sexes from the areas unaffected by war (RHS) for the concentration of microelements (Cu, Se and Mo) and a few other metals (Cs, Sn and Ti). Moreover, anthropogenic sources not arising from military attacks were excluded as confounders. These data confirm that the source of toxicant, teratogen and carcinogen contaminants was anthropogenic and associated with military attacks. We also showed that there was trans-placental passage for heavy metals from mothers to their newborns.

Limitations of the study

The lack of ‘never exposed to war’ controls within Gaza is a limitation of the study which cannot be overcome because there is no recent ‘time zero’ for anthropogenic, heavy metal weapons related contamination in Gaza since the first aerial attacks in 2004. Military attacks and restrictions on people’s movement have become a prominent structural factor in the past 10 years. All participants in this study were present and residentially stable during three military operations in 6 years (Cast lead in 2008–2009, Pillar of cinder in 2012 and Defensive edge in 2014) and were likely exposed during that time and continuously thereafter to heavy metal war remnants that were environmentally stable. Even so, as the results highlight, this study was able to identify the contribution of heavy metals from the military attacks in 2014, establishing a significantly higher metal load in the hair of the women proximally exposed to these attacks. The composite background of war related heavy metal contaminants in the entire cross sectional convenience sample reflects the local history of attacks and had no bearing on the conclusions when we compared women exposed to those not exposed in 2014.

A general limitation of this type of study is that the knowledge about the effects of in-body interactions resulting from intake of more than one heavy metal is limited. It is difficult to anticipate the extent of the long term risk for human health and, in particular, for future pregnancies or infant development. Although we reported preliminary findings about incidence of birth defects and prematurity outcomes for the whole cross sectional convenience sample, this study was not designed to identify potential correlations between negative phenotypes in the newborns and heavy metal load. The size of this sample, while adequate to identify the correlation between levels of heavy metals with environmental exposures, is not large enough to generate accurate values for the incidence of negative birth outcomes, which have relatively low frequency in the population, or to establish the association of a high load of heavy metals with those outcomes.

Strengths of the study

The use of a questionnaire specifically designed to include local issues and administered via face to face interviews with women by their midwives allowed for the evaluation of the potential impact on the load in heavy metals of women’s habits and exposures to sources of potential contamination other than military attacks. The questionnaire confirmed the rarity of other habits that could potentially lead to heavy metal exposure and to quantify as very low the geographical nearness to common anthropogenic sources of heavy metals in Gaza. The survey thus helped to verify and exclude a role for many potential confounders in the mothers’ heavy metal load. A further strength of the study was the inclusion, as an internal control, of the testing of the concentration of microelements and metals not associated with weaponry. These did not differ in concentrations from the RHS reference, for both the exposed and not exposed groups.

This is the first investigation involving a sample with a relatively large number of participants, enlisted without exclusions, and which also includes newborn babies, where the load of 23 heavy metals was measured in participants’ hair. The size of the cross sectional convenience sample allows subgroups to be used according to exposure to environmental factors, where even the subgroups were of suitable sizes for statistical analyses of the differences in median concentrations of contaminants. In addition, this is probably one of the first studies where women’s recollections, in this case regarding their exposure to military attacks, was verified objectively by photographic documentation.

Interpretation

Heavy metal contamination as a hidden legacy of military attacks in 2014

The contamination by heavy metals associated with the exposure to recent military attacks is a hidden factor that has, until now, never been fully documented, even though it constitutes a risk for the health of the population. The frequency of women’s exposure to the attacks in 2014 in a home setting was very high, about 70%, demonstrating the local’s saying that there was ‘no place to hide’ for the population of Gaza at that time. The women exposed to attacks had significantly higher loads of heavy metals than women not exposed. As only about a quarter of women were primipara, three-quarters of the women had children who were similarly exposed to the military attacks. The extent of the attacks on civilians in 2014 was thus likely to have produced heavy metal contamination in a wide sector of the population.

The fact that the highest contaminant loads was found in the women exposed to attacks were in those not exposed involved various toxicants, teratogens and carcinogens (Ba, Al, V, Sr, Cr, W and As) , could not be foreseen a priori and illustrates the complexity of the contamination. Yet, this finding is compatible with the reports by various sources25 27 about the use of many different types of ammunitions in this military operation.

We excluded some relevant sources as potential contributors to the heavy metal load detected in the cross sectional convenience sample. Chemicals used in agriculture and in the household did not impact on the metal loads when the entire sample was compared with references, or in proximally exposed women versus those not exposed. All other known factors considered are unlikely to be confounding. This is consistent with the known limited other anthropogenic sources of heavy metals in Gaza (like refineries and metal and chemical industries) and with the reduction in gasoline consumption for all uses, which was severely restricted due to the economic blockade in place since late 2012. Exposure to the 2014 attacks was the only factor that we could detect as contributing to the personal contamination of the participants by heavy metals.

Historical contamination by other war remnant heavy metals and their persistence in the environment

Besides the identification of a high load of heavy metals, which we specifically traced to exposure to the military attacks in 2014, we found that all the participants had levels significantly higher than controls from outside areas affected by war (RHS) of other war remnant heavy metals, such as U, Hg, Cd, Co, Fe, Ni, Pb, V, Mn, Cd and Co. Previous reports had shown their delivery in Gaza by weaponry; teratogens Hg and Cd and toxicants Pb and Fe were delivered by weapons in the 2008–2009 war.6 A high load of Hg was reported in newborns of mothers exposed at that time to bombing and to attacks with white phosphorus ammunitions.17–20 High loads of Al, Fe, Cd, Hg and U were detected in the hair of children tested 1 year after the 2008–2009 attacks (unpublished, Manduca).

The presence of concentrations higher than those found in the reference group (RHS) for heavy metals introduced previously by weaponry in Gaza in the entire cross sectional convenience sample of women that we have tested in 2015 confirms that these elements have persisted in the environment for years and suggests that the whole population may have been chronically intaking these metals.

Implications of chronic exposure to heavy metals and their in-body accumulation

Chronic exposure to heavy metals before the attacks in 2014 complicates the contribution of the attacks in 2014, and involves also diverse types of heavy metals. Yet, the heavy metals detected previously, as well those recently detected as deriving from the 2014 attacks, are known for their teratogenic, toxicant and carcinogenic properties. They are risk factors for non-communicable diseases and for reproductive health. On the one hand, the environmental stability of heavy metals makes it possible for their chronic intake from the environment by individuals. On the other hand, these metals, after intake into the body, are not excreted rapidly and accumulate in organs where they can continue to induce somatic epigenetic changes. If there is a threshold for their action , they can reach the critical concentrations capable of causing negative biological effects over time and can therefore affect health even at a time distant from that of intake, and pathological and phenotypic endpoints of their effects could  be delayed.

A variety of negative effects in time affecting the physiology of individuals, as well as an increase in non-communicable diseases, were reported in association with heavy metal exposure. Unfortunately, very little knowledge is available to date on the kinetics of the deposition of each heavy metal in the body and of its release from each specific organ of deposition, and these unanswered questions require further investigation. Among the various potential long term negative effects associated with heavy metal intake, we here only discuss  some of the concerns regarding reproductive health, for which some information in humans is available, as well as the role of teratogens of some of the heavy metal contaminants.

Exposure to attacks, heavy metal load and long term implications for reproductive health

We have mentioned the limits of this study in investigating the association of the metal load with phenotypes at birth. The present study is a first step in this direction. Nonetheless, the finding of an increase in birth defects and preterm births, compared with the incidence registered in 2011, is a concern.21 We can anticipate that our data on a widercross sectional convenience sample would register significant increases in birth defects and preterm births by the year 2016 (Manduca et al, submitted 2016). In other post-war settings, the association between exposure to attacks and negative reproductive outcomes was reported.18 In Gaza, by retrospective pedigree analysis,20 an increase in birth defects was reported starting in 2005, after the newest air delivered weapons were first used. Between 2006 and 2010, i.e. before and after the Cast lead operation in 2009, there was a significant increase in birth defect in infants,19 a rise which was continuing in 2011 (Manduca, unpublished). In Gaza was reported in 2011 association between the exposure to attacks and the contaminant load in newborn hair for specific teratogens, if the infant was born with a birth defect, or toxicants, if the infant was born preterm.22 There is thus some evidence of the potential negative impact on the outcomes of pregnancies due to the intake of heavy metals during wars.

There was also limited previous evidence that most of the heavy metals pass through the placental barrier, as we here documente, and accumulate in the hair during fetal life. However, the critical levels of heavy metals capable of negatively impacting on the human embryo and fetus are unknown, and little is known about the kinetics and modalities of trans-placental transfer of each individual heavy metal over time.

We have reported that newborn babies in this cross sectional convenience sample have lower heavy metal loads than mothers, but our present knowledge does not allow for a conclusion of whether this is reassuring for their future health as infants. Delayed effects were reported for in utero exposure to attacks among children as increased rates of chronic illnesses, developmental problems and growth impairments.7–10 12–16 Our data on newborn contamination are only an initial contribution to the needed research to investigate whether a high maternal load of weapons related metals and in utero exposure of the baby can predict physical, cognitive, emotional and psychological development in the infant. We are presently addressing this issue with a longitudinal assessment.

Other long term exposures to heavy metals that could harm the infant’s development may occur because of the transmission of heavy metals from the mother through breastfeeding.

A high load of some heavy metals can interfere with the mother’s future capability to bring a pregnancy to term, resulting in premature deliveries or negative effects on their next babies’ health.11 29 Mobilisation during pregnancy of metal previously accumulated in the mother’s body is likely to occur in pregnancies remote in time from their intake, and the return of stored heavy metals into the lymphatic and vascular circulation may have delayed effects on reproductive health.21 22 There is evidence that different heavy metals accumulate preferentially in different compartments of the body (eg, bone for lead, strontium and uranium; brain for mercury, cadmium and aluminium; kidney for cadmium, mercury, chrome, lead and plutonium), and that from these organs, the metals can be mobilised during subsequent pregnancies, via organ and tissue remodelling, and the development of the placenta, but the extent and details of these mobilisations are largely unknown.

Generalising the meaning of the study

The results of this study illustrate that in Gaza, a specific high load of heavy metals is associated for all the women in the cross sectional convenience sample with the exposure to military attacks in 2014, and widespread contamination for many heavy metals was associated with the use of weaponry in previous attacks. These evidences support the possibility of immediate and long term risks for health posed by weapons associated heavy metals and war remnants. They suggest that the risks posed by the war remnants are diffuse, may not be limited to reproductive health and may also affect the frequency of pathologies such as cancers, male sterility, immunity and endocrine disorders, thus interesting all sexes and ages, as the insurgence of these pathologies can be influenced by heavy metal exposure and is noticeable that they are reported by medical sources, on the rise in Gaza.8–11

The contamination documented in the cross sectional convenience sample by potential effectors of non-communicable diseases suggests new investigative lines in studying their ethology.

The relevance of the local context needs to be underlined as the it  was the first determinant that made our research possible. There are factors in the Gaza Strip that aided conducting human studies which would hardly be possible elsewhere: good medical structures, collaborative communities with stable composition and residences, and stagnating or restricted industrial production (although imposed by the siege and negative for the well-being of the people), independent documentation from international observers of timing of attacks and of kind of weapons used , and consulting help for environmental issues. The collaborative context also allowed the development of a questionnaire suitable for further surveillance of health.

To fully understand the implications for health of these findings we need future studies involving a variety of professional aptitudes. Research is needed on the fate of heavy metals in the human organism, particularly in relation to the release from the mother’s organ during remodelling in pregnancies. Additionally, researchers should explore the mechanistic aspects of the molecular action of each heavy metal, and longitudinal studies can identify and verify the endpoints of diseases over time. Currently, knowledge of all of these matters is limited. Given that the weaponry used in many of the current military operations in other countries is often manufactured by the same firms as the weaponry used in Gaza, our observations may be relevant in designing studies in other settings.

Conclusions

The long term effects on health due to contamination by remnants of war containing heavy metals needs consideration in association with other long term effects of war on populations, including the trauma of war and war related economic and structural damage.

Surveillance at birth, bio-monitoring and the study of outcomes of maternal and newborn health must be maintained as stable programmes, as they provide the most sensitive first sentinels for studies of the sequelae of anthropogenic contamination and can provide alerts about increases in damaging health conditions. They also provide solid information intrinsic to prospective data collection. Surveillance at birth is relatively easy to implement, and its outcome informs the general risks for the population and helps tailor public health interventions and preventive procedures.

Retrospective and longitudinal investigations should be undertaken to investigate the effects of heavy metal contamination on non-communicable diseases

Further research on the long term health damage caused by exposure to heavy metals is needed. Additionally, plans for family counselling, prevention and remediation should be developed. These efforts require the support of the scientific community and the involvement of an array of professionals from different disciplines. Our studies provide a background for others to be implemented in other settings where, in similar fashion as in Gaza, general health may be threatened by hidden remnants of war in the present and for the next generations.

In summary, in Gaza, contamination by heavy metals that persist in the environment and their continuing accumulation in individuals are ongoing risk factors for a variety of health outcomes in the aftermath of war.

Supplementary Material

Supplementary material 1

Supplementary Material

Supplementary Table 1

Acknowledgments

Fabrizio Minichilli, researcher, and Fabrizio Bianchi, Research Director Unit of Environmental Epidemiology, Institute of Clinical Physiology, Pisa, Italy, provided significant support in the statistical analysis.

References

  1. 1.
  2. 2.
  3. 3.
  4. 4.
  5. 5.
  6. 6.
  7. 7.
  8. 8.
  9. 9.
  10. 10.
  11. 11.
  12. 12.
  13. 13.
  14. 14.
  15. 15.
  16. 16.
  17. 17.
  18. 18.
  19. 19.
  20. 20.
  21. 21.
  22. 22.
  23. 23.
  24. 24.
  25. 25.
  26. 26.
  27. 27.
  28. 28.
  29. 29.
  30. 30.
  31. 31.
  32. 32.

View Abstract

Footnotes

  • Contributors Contributorship statement. PM developed the questionnaire used to collect the data, directed the analytical work and elaboration of the data with statisticians, wrote the manuscript, and prepared the figures and reference list. SYD directed the organised field work in three hospitals, and the follow-up objective assessment of damages, and contributed to the definition of the work and review of the manuscript. NMAA directed the organised field work in one hospital and contributed to the definition of the work and review of the manuscript. SRQ partecipated in the planning of the study and review of the manuscript. R-LP launched the idea of the study and participated in the planning of the work and first draft and review of the manuscript. All contributed authors had access to and revised the data.

  • Competing interests None declared.

  • Patient consent Yes.

  • Ethics approval The Palestinian Health Research Council and the Helsinki C’ommittee for Ethical Approval approved the study, and the Research Board of the Islamic University of Gaza, Palestinine, reviewed and accepted the research tools and procedures. The women provided written informed consent for their own and their newborns’ participation.

  • Provenance and peer review Not commissioned; externally peer reviewed.

  • Data sharing statement Extra data can be accessed via the Dryad data repository at http://datadryad.org/with the doi:10.5061/dryad.kr846.

Request permissions

If you wish to reuse any or all of this article please use the link below which will take you to the Copyright Clearance Center’s RightsLink service. You will be able to get a quick price and instant permission to reuse the content in many different ways.

Parole contro prove satellitari: Smentite le menzogne di Obama e Ban Ki-moon

Aleppo. Il ministero della Difesa russo ha diffuso un video ripreso da un drone che mostra il convoglio di aiuti umanitari dell’ONU affiancato da un veicolo dei “ribelli moderati” dotato di un grosso lanciagranate.

I militanti alla guida di un pick-up con una copertura di mortaio hanno utilizzato il convoglio di aiuti  delle Nazioni Unite diretto nei pressi di Aleppo.

L’esercito russo ha mostrato ieri le immagini satellitari di un drone che monitorava il convoglio.  “L’analisi dei filmati attraverso il nostro drone monitora i movimenti del convoglio di aiuti attraverso le aree in attesa militanti ha contribuito a rivelare nuovi dettagli sulla vicenda”, ha dichiarato Konashenkov. “Il video mostra chiaramente come i terroristi si trasferiscono con un camioncino con un mortaio di grosso calibro. ”

Lunedi un convoglio umanitario composto da 31 camion è stato attaccato mentre si dirigeva verso Aleppo. Secondo la Croce Rossa, 20 civili e un operatore umanitario sono morti in seguito.

I primi rapporti dall’organizzazione hanno sostenuto che il convoglio era stato preso di mira da un attacco aereo. La Russia ha negato le accuse, e mostrato come la distruzione dei veicoli interessati non si . “Non ci sono crateri, mentre i veicoli hanno il loro telaio intatto e non sono stati gravemente danneggiati, come sarebbe accaduto in caso di un attacco aereo”, ha dichiarato Konashenkov. Le Nazioni Unite – al contrario della Casa Bianca che non mostra una prova satellitare al contrario del ministero russo – ha poi dovuto ritrattare martedì le sue affermazioni sul fatto che il convoglio sia stato colpito da aerei militari. “Non siamo in grado di determinare se erano in realtà attacchi aerei. Siamo in grado di dire che il convoglio è stato attaccato”, ha dichiarato il portavoce ‘umanitario’ delle Nazioni Unite Jens Laerke.

 

Fonte: RT

 

Notizia del: 21/09/2016

 

 

Sorgente: Parole contro prove satellitari: Smentite le menzogne di Obama e Ban Ki-moon – World Affairs – L’Antidiplomatico

La bufala per far dimenticare l’eccidio di 62 soldati siriani da parte dell’aviazione Usa

Ma perché mai Assad dovrebbe far bombardare un convoglio di aiuti umanitari, organizzato dalla Croce Rossa e diretto verso i -finalmente liberi dell’assedio jihadista – abitanti della periferia di Aleppo?  Si direbbe non se lo chieda nessuna TV o  giornale padronale, che con questa bufala, cercano di far dimenticare l’eccidio intenzionale di 62 soldati siriani da parte dell’aviazione USA.

Ma cosa è successo veramente al convoglio umanitario? I Russi, da parte loro, annunciando la pubblicazione di foto satellitari, negano non solo un coinvolgimento dell’aviazione siriana o russo ma anche l’ipotesi del bombardamento, considerando che non vi è traccia dei tipici crateri ad imbuto conseguenti ai bombardamenti aerei. E le ancora poche foto in circolazione si direbbero attestare che a colpire il convoglio siano stati RPG o missili a spalla, verosimilmente sparati da qualche tagliagole o “ribelle” che dir si voglia.
Ma che importa?!  La “Verità” l’hanno già gridata i media mainstream: é stato Assad! É stato Assad! Probabilmente, tra qualche giorno, una dettaglia inchiesta dimostrerà tutt’altro. Ma a chi volete che allora importi?

Francesco Santoianni

Notizia del: 20/09/2016

Sorgente: La bufala per far dimenticare l’eccidio di 62 soldati siriani da parte dell’aviazione Usa – I media alla guerra – L’Antidiplomatico

Siria. Usa e Israele in soccorso di Daesh e al Nusra

di Stefano Mauro

 

 

 

 

La tregua in Siria è finita. In effetti un reale cessate il fuoco, sancito dai due principali sponsor del conflitto (USA e Russia) senza un convinto appoggio e coinvolgimento delle numerose e incontrollate milizie jihadiste, non c’è mai stato.

 

La stessa amministrazione Obama, come avvenuto nel febbraio 2016, ha tentato nuovamente di correre in soccorso alle fazioni coalizzate contro il regime di Bashar Al Assad. La sospensione del conflitto, secondo alcuni analisti, è stata vista come un estremo tentativo da parte degli americani di fermare gli scontri, in maniera da far riorganizzare le milizie sostenute dagli USA. Del resto la stessa cosa era avvenuta in passato – a febbraio – con migliaia di nuove milizie salafite che entrarono in territorio siriano, dal permeabile confine con la Turchia, con rifornimenti e armi.

 

Quello che, però, è successo il 17 Settembre è stato un qualcosa di nuovo e inaspettato nel conflitto siriano. L’aviazione americana ha bombardato a Deir Ezzor una postazione dell’esercito siriano causando 60 morti e 100 feriti e favorendo l’avanzata delle milizie di Daesh, in una delle poche aree strategiche controllate dalle truppe lealiste. Il pentagono ha subito dichiarato che “si è trattato di un errore” e lo stesso Obama si è scusato con il governo di Damasco. Il ministro degli esteri russo, Lavrov, ha immediatamente etichettato l’episodio come “un chiaro sostegno militare ai terroristi di Daesh”. Lo stesso governo di Damasco ha dichiarato che “il raid americano è un’aggressione evidente e palese contro l’esercito regolare siriano e contro il territorio siriano”.

 

Le scuse e la successiva irritazione americana sono, in effetti, segni palesi dell’errore di valutazione fatto dall’amministrazione statunitense. Errore di valutazione e non, come ripetuto più volte, errore militare. Appare, infatti, impossibile che uno degli eserciti più potenti al mondo abbia commesso un simile sbaglio per diversi motivi.

 

Il primo è il “modus operandi” dell’operazione. Il raid è stato effettuato a 4 riprese per una durata complessiva di 45 minuti: non si tratterebbe, quindi, dello sbaglio di un singolo pilota.

 

Il secondo: l’obiettivo del raid. La collina di Jebel Tudar, occupa una posizione strategica particolare perché si trova lungo la strada verso l’aeroporto. Si tratta di una posizione che le truppe lealiste siriane difendevano da oltre un anno. Dopo l’attacco americano, con un tempestivo e strano “coordinamento”, le truppe di Daesh hanno non solo subito occupato la posizione, ma attraverso la loro agenzia stampa “Amaq” , hanno anche annunciato la conquista di Jebel Tudar.

 

Ultima anomalia: l’annuncio da parte dell’aviazione americana di essere intervenuta in quella zona a supporto dell’aviazione siriana. Sembra inverosimile una dichiarazione del genere perché in quel territorio la coalizione a guida statunitense non era mai intervenuta e tanto meno in supporto degli aerei di Damasco.

 

In conclusione l’attacco americano a Deir Ezzor, ultimo baluardo di Daesh se Raqqa cadrà, ha favorito le truppe jihadiste di Daesh fortificando una posizione strategica per le milizie di Al Baghdadi nelle vie di comunicazione tra la Siria orientale e l’Iraq.

 

L’esercito israeliano, invece, è intervenuto in sostegno alle milizie della coalizione di Fatah Al Sham (ex Al Nusra) nella parte meridionale dello stato siriano. A distanza di una settimana dalla battaglia di Qadissyat sono, ormai, numerosi e precisi i dettagli che riportano un coinvolgimento attivo da parte delle autorità di Tel Aviv. Secondo il quotidiano libanese Al Akbar, le truppe israeliane sono intervenute in quattro diverse occasioni: prevalentemente con aviazione, artiglieria e supporto logistico. Il sostegno si è anche materializzato con l’utilizzo di un ospedale da campo sionista e con il trasporto degli jihadisti più gravi negli ospedali israeliani della zona.

 

L’obiettivo della battaglia era quello di creare un corridoio per mettere in contatto due zone di controllo “ribelli” e conquistare il villaggio druso di Hadar nella zona del Golan occupato. Da diversi anni, infatti, quella zona è una vera spina nel fianco per le milizie salafite che non sono mai riuscite a “sfondare” le linee difensive siriane. L’esercito di Damasco ha avuto, inoltre, il sostegno della popolazione locale drusa che vive uno stato di occupazione sia da parte delle forze sioniste sia da parte di quelle jihadiste.

 

Secondo le fonti del quotidiano libanese As-Safir, la battaglia è durata oltre sei giorni. Durante gli scontri sono stati visti mezzi “ribelli” circolare indisturbati nella zona di controllo israeliana nel tentativo di effettuare una manovra a tenaglia. La reazione difensiva è stata veemente ed ha causato numerose perdite nei ranghi dei ribelli di Fatah Al Sham – circa 200 morti e 500 feriti. Nel tentativo di bombardare postazioni siriane in appoggio ai ribelli, l’esercito israeliano ha perso un caccia F-16 ed un drone (Fonte AFP, Sputnik), perdite ovviamente smentite dal governo di Tel Aviv.

 

Per complicare ulteriormente la situazione ieri un convoglio di aiuti della mezza luna rossa è stato attaccato causando la morte di oltre 20 persone. Secondo gli USA sarebbero stati i russi o l’aviazione siriana; secondo Mosca sarebbero stati i “ribelli” che stavano tentando una sortita sulle linee di Aleppo. Quest’ultima, secondo diversi media mediorientali, sarebbe la versione più convincente visto che in merito al bombardamento non ci sono segni di cratere sulla strada nel tragitto del convoglio.

 

In risposta a questi due episodi ed al recente bombardamento/fantasma, Damasco e Mosca sono state abbastanza chiare circa la loro posizione. Secondo Lavrov “non ci sono più margini per poter rinnovare la tregua che ha solamente permesso alle milizie ribelli di riarmarsi e di rinforzare le loro posizioni”. In un messaggio agli israeliani lo stesso Bashar Al Assad ha dichiarato che “la risposta alle incursioni israeliane in territorio siriano non è stata casuale” aggiungendo che “ci saranno altre risposte militari se l’entità sionista continuerà a sconfinare nel nostro territorio o sosterrà i ribelli”. La sicurezza di Damasco fa presagire che, se lo stato israeliano continuerà nel suo sostegno ai ribelli, si potrebbe aprire un nuovo fronte sulle alture del Golan.

 

Se da una parte il regime siriano sembra essersi rinforzato ed essere in grado di contrastare e rispondere ai numerosi fronti di combattimento, fino a rispondere alle truppe sioniste, dall’altra, però, sembra sempre più

 

( Fonte: Contropiano.org )

 

Sorgente: 22-9-16_Usa-Israele-Daesh

30 ufficiali dei servizi segreti israeliani, eliminati da un attacco missilistico russo su Aleppo

FNA 21 settembre 2016

Le navi da guerra russe di stanza al largo della Siria hanno colpito e distrutto un centro di operazioni militari, uccidendo venti/trenta ufficiali dei servizi segreti israeliani e occidentali. “Le navi da guerra russe hanno sparato 3 missili Kalibr sul centro di coordinamento operativo degli ufficiali stranieri nella regione di Dar al-Iza, ad ovest di Aleppo presso il jabal Saman, eliminando 30 ufficiali israeliani e occidentali“, afferma l’agenzia Sputnik citando fonti militari di Aleppo. Il centro operativo era situato nell’ovest della provincia di Aleppo, sul monte Saman, in vecchie cave. La regione si trova su una catena montuosa.
Diversi ufficiali di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Qatar e Regno Unito sono stati eliminati assieme ad ufficiali israeliani. Tali ufficiali, eliminati nel centro operativo di Aleppo, dirigevano gli attacchi dei terroristi su Aleppo e Idlib. Ai primi di settembre, le unità dell’Esercito arabo siriano avevano lanciato un attacco preventivo sui terroristi del cosiddetto centro operativo di Aleppo, mentre di radunavano presso la strada di al-Qastal e le aziende agricole Malah, nelle zone settentrionali di Aleppo, sventando il tentativo di attaccare le vie di rifornimento della regione, secondo una fonte. La fonte aveva anche detto che le unità di artiglieria dell’Esercito arabo siriano attaccavano i raduni dei terroristi presso Zahra Abdurabah, Qafr Hamra e Huraytyn, eliminando decine di terroristi. Inoltre, l’Aeronautica siriana attaccava le vie di rifornimento a nord di Aleppo, verso Hayan e Adnan, così come le vie di approvvigionamento ad ovest e a nord di Aleppo, distruggendo convogli dei terroristi presso al-Aratab, Urum Qubra e Mara al-Artiq, sventando il piano dei terroristi e costringendoli a fuggire verso i confini turchi.
Fonti informate dei media avevano reso noto in precedenza che l’Esercito arabo siriano continuava ad avanzare a sud di Aleppo, liberando diverse aree strategiche nella città di Qan Tuman. “Numerosi grandi depositi di Qan Tuman sono ora sotto il controllo dell’Esercito arabo siriano“, riferivano i media arabi citando una fonte anonima informata. La fonte osservava che l’Aeronautica e le unità di artiglieria dell’Esercito arabo siriani avevano anche bombardato i centri di raduno e le fortificazioni dei terroristi di Qan Tuman.

Sorgente: 30 ufficiali dei servizi segreti israeliani, eliminati da un attacco missilistico russo su Aleppo | Aurora

Israel armed Argentina to deadly effect during Falklands War, secret files show

Britain’s supposedly close ally, Israel, armed Argentina as the South American nation was bombing Royal Navy ships and killing UK troops in the vicious 1982 war to reclaim the Falkland Islands, secret files indicate.

Sorgente: Israel armed Argentina to deadly effect during Falklands War, secret files show — RT UK

La risposta ONU a Israele per la chiusura del caso sull’attacco aereo alla scuola dell’UNRWA nel 2014

Betlemme-Ma’an. Venerdì, le Nazioni Unite hanno risposto con un comunicato all’annuncio di mercoledì di Israele,  secondo il quale l’esercito è esonerato da ogni accusa per l’attacco missilistico a una scuola dell’UNRWA, a Rafah, durante la guerra di Gaza nel 2014, che uccise 15 persone. L’agenzia Onu ha evidenziato che il caso solleva “seri dubbi” sulla condotta militare israeliana in relazione al diritto internazionale.

Secondo la dichiarazione rilasciata dal portavoce dell’Unrwa, Chris Gunness, nel corso di una devastante offensiva militare di 51 giorni contro la Striscia di Gaza assediata, il 3 agosto 2014 le forze israeliane lanciarono un missile sulla strada in cui si trovava una scuola dell’UNRWA, che era stata designata come ricovero di emergenza per i profughi palestinesi il 18 luglio e all’epoca dava riparo ad almeno 2.900 Palestinesi.

L’attacco uccise 15 civili, mentre almeno altri 30 rimasero feriti.

Secondo la dichiarazione, i funzionari dell’ONU avevano avvertito l’esercito israeliano con 33 comunicazioni separate che la scuola era usata per dar rifugio ai Palestinesi sfollati a causa degli attacchi aerei israeliani, aggiungendo di aver avvertito le autorità israeliane di nuovo un’ora prima del devastante attacco.

“Ciò solleva seri dubbi sulla condotta delle operazioni militari in relazione agli obblighi di diritto internazionale umanitario e al rispetto per l’inviolabilità e la sacralità degli edifici delle Nazioni Unite ai sensi del diritto internazionale”, ha affermato Gunness nel rapporto.

Gunness ha sottolineato che l’ONU ha continuamente richiesto l’assunzione di responsabilità dei crimini commessi dai militari israeliani durante l’offensiva israeliana del 2014, aggiungendo che “l’indicazione che la responsabilità è stata elusa sarebbe una questione di grave preoccupazione”.

“Prendiamo atto che non è stata accettata alcuna responsabilità penale per i casi riguardanti gli edifici dell’UNRWA – ha aggiunto Gunness -. Le famiglie colpite non hanno ricevuto alcun risarcimento effettivo e, dal loro punto di vista, questo è certamente visto come un’ulteriore negazione dei loro diritti”.

Secondo la dichiarazione, l’Agenzia Onu non ha ancora ricevuto alcun aggiornamento da parte dell’esercito israeliano riguardo le indagini penali in corso per gli attacchi aerei sui rifugi d’emergenza dell’UNRWA a Beit Hanoun e Jabalia che causarono 29 morti tra i civili.

Mercoledì scorso, l’esercito israeliano ha annunciato in un comunicato che sono stati chiusi 13 indagini penali sui casi di soldati israeliani che commisero violazioni contro i civili palestinesi durante l’attacco israeliano del 2014 nella Striscia di Gaza assediata. Altri 80 sono stati archiviati.

L’attacco aereo nei pressi della struttura dell’UNRWA a Rafah è stato chiuso senza richiedere un’indagine penale, perché “l’esercito israeliano aveva osservato tre presunti militari palestinesi su una motocicletta vicino alla scuola”. Secondo la dichiarazione ONU, l’esercito israeliano aveva deciso di effettuare l’attacco aereo dopo aver svolto “sorveglianza aerea sul percorso della moto” e rilevato “un ampio raggio del percorso stimato della moto, per minimizzare il rischio di danni ai civili sulla strada o nelle sue  prossimità”.

L’esercito israeliano ha ritenuto questo attacco accettabile in base al diritto nazionale e internazionale di Israele.

Secondo un rapporto pubblicato a maggio dal gruppo israeliano per i diritti umani, B’Tselem, dopo l’inizio della seconda Intifada, alla fine del 2000, delle 739 denunce presentate dall’organizzazione, i Palestinesi uccisi, feriti, usati come scudi umani, o le cui proprietà sono state danneggiate dalle forze israeliane, circa il 70 per cento ha portato a un’indagine in cui non è stata intrapresa alcuna azione, o a un’indagine mai aperta.

Solo il 3 per cento dei casi ha portato ad accuse dirette contro i soldati.

L’offensiva israeliana di 51 giorni, “Operazione margine di protezione”, provocò l’uccisione di 1.462 civili palestinesi, un terzo dei quali erano bambini, secondo le Nazioni Unite.

La Striscia di Gaza ha sofferto a causa del blocco militare israeliano dal 2007, quando Hamas ha assunto il governo del territorio. I residenti di Gaza soffrono di alti tassi di disoccupazione e di povertà, e delle conseguenze di tre guerre devastanti di Israele dal 2008.

L’ONU ha avvertito che il territorio palestinese assediato potrebbe diventare “inabitabile” entro il 2020, con i suoi 1,8 milioni di abitanti che vivono in estrema povertà a causa del quasi decennale blocco israeliano che ha paralizzato l’economia.

Gli abitanti hanno continuato a sperimentare traumi nella loro vita quotidiana dopo l’offensiva israeliana del 2014, e gli sforzi per la ricostruzione hanno ritmi drammaticamente lenti. Circa 75.000 Palestinesi sono ancora sfollati dopo aver perso la casa nel 2014.

(Nella foto: ragazzine palestinesi camminano fra le macerie di edifici nel quartiere orientale di Shejaiya nella città di Gaza distrutta durante la guerra di 50 giorni tra Israele e militanti  di Hamas  nel 2014).

Traduzione di Edy Meroli

Sorgente: La risposta ONU a Israele per la chiusura del caso sull’attacco aereo alla scuola dell’UNRWA nel 2014 | Infopal

GAZA. Dopo le bombe si ricostruisce il Wafa Hospital

A due anni dall’operazione Margine Protettivo, nel quale fu distrutto dai raid israeliani, l’ospedale di Shujayah prova a tornare alla normalità. Intervista al direttore sanitario, dottor Alashi

La paziente Ayah Abadan (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

La paziente Ayah Abadan (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

testo e foto di Federica Iezzi

Gaza City (Striscia di Gaza), 03 agosto 2016, Nena News – Unico ospedale riabilitativo nella Striscia di Gaza, l’el-Wafa Rehabilitation Hospital ha accolto senza sosta anziani, lungodegenti, malati, pazienti con gravi disabilità mentali e neurologiche, paraplegici e paralitici, per più di vent’anni, nel quartiere di Shujaiyya‬, a est di Gaza City.

°Fig.4 Bombardamenti dell'IDFColpito duramente in passato da un’ostinata serie di pesanti attacchi aerei e di terra, durante le operazioni militari israeliane Piombo Fuso (2008-2009), Pilastro di Difesa (2012) e Margine Protettivo (2014), l’el-Wafa soffre ancora una grossa carenza di materiale medico e chirurgico. L’assedio nella Striscia di Gaza non permette l’ingresso di farmaci per terapie croniche, gas medicali, strumentazione sanitaria e pezzi di ricambio per equipaggiamenti danneggiati.

Durante l’ultima offensiva israeliana, a seguito di tre diversi attacchi, la struttura sanitaria è stata totalmente rasa al suolo. I raid aerei israeliani sull’ospedale sono stati mirati e precisi. Alle ufficiali e reiterate richieste di spiegazione‬, da parte dell’amministrazione della struttura sanitaria, non sono mai arrivate risposte dalle autorità israeliane.

Ancora oggi, dopo due anni, del decennale lavoro dell’el-Wafa a Shujaiyya non rimangono che vecchi fogli di terapie, coperti dalle macerie. All’ospedale è stata affidata dal Ministero della Sanità palestinese una nuova sede, nell’area di al-Zahara, alla periferia di Gaza City. Abbiamo incontrato e intervistato il direttore generale dell’el-Wafa hospital, dr Basman Alashi.

In che modo le autorità israeliane giustificano gli attacchi e la distruzione completa dell’el-Wafa hospital?

Il target erroneo dell'aviazione militare israeliana

Il target erroneo dell’aviazione militare israeliana

Le autorità israeliane hanno usato due storie diverse per giustificare la totale demolizione della struttura ospedaliera: primo, l’esercito israeliano ha coperto l’attacco, pubblicando immagini satellitari dell’aerea del bombardamento e contrassegnando come el-Wafa, un edificio che di fatto era la sede del Right to Life Society. [vedi le immagini a lato]. Nelle stesse foto satellitari le autorità israeliane hanno etichettato, senza alcun riscontro, aree adiacenti l’el-Wafa, come siti di partenza di razzi M75, da parte del braccio armato di Hamas.

Secondo, un video distribuito dall’esercito ha cercato di raccontare i bombardamenti, ma le riprese comprendevano immagini di un attacco simile all’el-Wafa, avvenuto nel 2008-2009, durante l’operazione militare israeliana sulla Striscia di Gaza ‘Piombo Fuso’. Il 17 luglio 2014 durante la notte, l’esercito israeliano ha costretto il personale ospedaliero e i pazienti ad evacuare l’ospedale mentre era sotto attacco. Abbiamo evacuato e bloccato l’intero ospedale per proteggere gli edifici e le attrezzature. Da quel momento l’ospedale è rimasto sotto la completa sorveglianza e il totale controllo dell’esercito israeliano. La sicurezza e la salvaguardia di di edifici e materiale erano nelle loro mani. Nonostante le affermazioni fuorvianti e le infondate accuse della presenza di militanti palestinesi in aree adiacenti, l’esercito israeliano ha continuato a colpire l’ospedale e, infine, ha raso al suolo tutti e quattro gli edifici il 23 luglio 2014.

L’ el-Wafa hospital, nel quartiere di Shujaiyya, era in una posizione strategica. A soli pochi chilometri dalla linea di confine tra Striscia di Gaza e Territori Palestinesi Occupati. E’ facile pensare che l’eliminazione fisica della costruzione avrebbe poturo aprire, nel corso dell’operazione Margine Protettivo, una via di passaggio delle truppe israeliane di terra. Qual è la sua opinione?

Credo che sia stato l’obiettivo principale dell’esercito. Hanno progettato meticolosamente l’attacco per impedire qualsiasi protesta da parte dei media. Hanno messo in piedi le storie del lancio dei razzi e dei colpi di arma da fuoco a partire dall’edificio ospedaliero, che hanno trasformato senza scrupolo in un centro di commando di Hamas. Sapevano bene che sarebbe stato difficile giustificare la distruzione di un ospedale noto, funzionante, con ottimi risultati clinici, esistente dal 1990.

Il dotto Basmna Alashi (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

Il dotto Basmna Alashi (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

Tutte false le giustificazioni e le ragioni raccontate, ma i media internazionali hanno rivolto lo sguardo altrove e hanno regalato a Israele per l’ennesima volta la licenza di uccidere. Il mondo dei media ha dato così il lasciapassare all’esercito israeliano: bombardare ospedali, uccidere civili innocenti e spezzare la vita di bambini nei Territori Palestinesi è consentito. E’ stato dato loro immunità e impunità.

Il periodo subito dopo il primo attacco aereo è stato un momento molto difficile: la paura e la preoccupazione dei pazienti, l’incerta evacuazione dell’ospedale. Quali sono i suoi ricordi di quei giorni?

Sono rimasto assolutamente scioccato durante il primo attacco, l’11 luglio 2014, alle 02:00 della notte. In quelle ore, abbiamo parlato con molte organizzazioni internazionali. Tutti ci hanno assicurato che il bombardamento dell’ospedale era stato un errore e non si sarebbe verificato di nuovo.

Durante la guerra, ho continuato a visitare e curare pazienti e fragili anziani. Ogni giorno e ogni notte ero profondamente preoccupato per la loro incolumità, così abbiamo deciso di spostare tutto il nostro lavoro sul primo piano dell’ospedale, per proteggere sia i pazienti sia il personale sanitario dai bombardamenti israeliani delle aree circostanti.

Non riuscivo né a capire né a credere come “l’esercito più morale del mondo” avesse potuto indirizzare bombe, granate, missili e razzi su malati, anziani e indifesi. Non riuscivo proprio a capire come una situazione del genere potesse ancora verificarsi lecitamente nel 2014.

Qual è stato il ruolo della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa durante il delicato intervento di evacuazione dei pazienti?

Abbiamo avuto continui contatti con la Croce Rossa durante il bombardamento dell’ospedale, contatti in cui è stato ribadito l’errore da parte dell’esercito israeliano di considerare come obiettivo militare l’el-Wafa. Tuttavia, gli attacchi aerei sull’ospedale non si sono fermati. Durante la giornata designata di evacuazione forzata, ho ricevuto chiamate da parte dello staff della Croce Rossa sul mio telefono personale. Queste le parole al telefono di Gail Corbett, delegata della Croce Rossa (nda infermiera inserita nei programmi di supporto della Croce Rossa neozelandese, nella Striscia di Gaza e nei Territori Palestinesi Occupati): “Mr. Alashi, ho un messaggio per lei da parte dell’esercito israeliano. Quanto tempo è necessario per l’evacuazione completa dell’ospedale?”. La mia risposta ferma è stata che avevo bisogno di almeno due ore.

La nuova sede del Wafa Hospital (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

La nuova sede del Wafa Hospital (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

Dopo alcuni minuti, ho ricevuto una seconda chiamata con un secondo messaggio, sempre dalla stessa persona. Ha detto: “La massima autorità dell’esercito israeliano ha dato l’ordine di non sparare sull’el-Wafa, ma l’ordine non ha raggiunto in tempo il livello più basso dell’esercito”. Le ho chiesto “State aiutando Israele?”. Stavano ancora bombardando l’ospedale mentre parlavamo al telefono.

Il giorno successivo, abbiamo chiesto alla Croce Rossa di darci il permesso di portare via dall’ospedale alcuni farmaci e alcune attrezzature innovative e costose. La dura risposta è stata che non potevano aiutarci ad ottenere il permesso dall’esercito israeliano. La MezzaLuna Rossa gazawi è stata disponibile nella fornitura di farmaci di emergenza durante l’offensiva. Hanno contattato diverse organizzazioni internazionali e hanno contribuito alla campagna di sensibilizzazione con l’obiettivo di porre fine agli attacchi contro strutture sanitarie. Il loro sostegno comunque è stato limitato al funzionamento di quello che era rimasto dell’ospedale.

La sede temporanea dell’ospedale è attualmente nella zona di al-Zahara, nella periferia di Gaza City. Molti strumenti, attrezzature mediche e materiali sono stati persi. Cos’è cambiato nella vita dei vostri pazienti?

Durante i primi 12 mesi dalla distruzione dell’el-Wafa, tutto il nostro personale ospedaliero ha continuato il proprio lavoro con grande esperienza e profonda conoscenza delle sfide da combattere nel post-trauma. Uno dei miei operatori sanitari mi ha detto “Ci sentiamo come negli anni ’30. Possiamo usare solo le mani per trattare il post-trauma. Senza attrezzature mediche per la diagnosi e senza medicina per ridurre il dolore”. Oggi, con l’aiuto di organizzazioni donatrici, siamo stati in grado di riportare nell’ospedale molta dell’attrezzatura perduta.

Ci può dare una descrizione dello stato d’animo dei pazienti in quelle ore? C’è una storia speciale di un paziente che vuole condividere con noi?

La storia di una paziente potrebbe descrivere tutto. E’ quella di Ayah Abadan, una ragazza di 20 anni, con emiplegia. Ricorda il giorno in cui è stato evacuato l’ospedale: lei è stata portata via su un lenzuolo. Da allora, ogni notte, sente ancora i rumori delle esplosioni, i vetri rotti, le urla e la confusione. Ricorda tutti questi eventi. E il ricordo più terrificante è il vedere quello che accade intorno a te, ma non avere la capacità di muoverti. I suoi piedi avrebbero potuto bruciare nel fuoco dell’esplosione, mentre lei sarebbe rimasta seduta e incapace di allontanarsi. Tutte queste immagini sono oggi ferme e indelebili nella sua memoria.

La sala riabilitazione (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

La sala riabilitazione (Foto: Federica Iezzi/Nena News)

Ayah guarda l’ospedale distrutto dietro di sé e chiede “E ora come faccio? Come può l’esercito israeliano colpire proprio noi, pazienti e anziani paralizzati?”. L’aggressione israeliana ha creato circostanze molto complesse e difficili da risolvere per pazienti legati ad una terapia cronica, per pazienti legati ad una cura insostituibile, per pazienti la cui sola speranza, non avendo la libertà di muoversi, era legata all’unico ospedale riabilitativo presente nella Striscia di Gaza. Ayah dice che Israele deve essere ritenuto responsabile davanti al Tribunale Penale Internazionale per i crimini commessi contro i palestinesi.

Qual è la situazione dei servizi periferici di fisioterapia? L’ultima guerra ha causato almeno 11.000 feriti e la metà di loro ha bisogno di cure riabilitative particolari. Come riuscite a gestire tutti loro come unico ospedale di riabilitazione nella Striscia di Gaza?

Dal momento in cui Israele ha distrutto l’unico ospedale riabilitativo a Gaza, nessuno era in grado di ottenere e seguire un percorso di fisioterapia e rieducazione medica adeguato. Molti pazienti sono stati costretti a rimanere semplicemente a casa. In più, alcune delle loro case erano invivibili a causa di estesi danneggiamenti, elemento che ha sicuramente determinato un peggioramento della prognosi. Subito dopo la guerra, abbiamo iniziato un intenso programma di riabilitazione medica a Rafah e Khan Younis e seguito oltre 11.000 pazienti a domicilio. A Gaza City, ci siamo trasferiti nella nostra posizione temporanea a al-Zahra, continuando a ricevere pazienti.

E per il futuro dell’el-Wafa? La vostra idea è quella di tornare a Gaza City. I fondi e le donazioni saranno sufficienti per ricostruire un nuovo ospedale con tutti i servizi medici?

Abbiamo deciso di non ricostruire l’ospedale nella stessa posizione a Gaza City, cioè vicino al confine con Israele o nella zona di Shujaiyya.
Molte organizzazioni internazionali ci stanno aiutando nei lenti processi di ricostruzione dell’ospedale. Abbiamo ricevuto un terreno di 4.000 metri quadrati nel centro di Gaza come sede del nuovo ospedale. L’Islamic Bank di Jeddah ha stanziato 1,4 milioni di dollari per la prima fase della ricostruzione e ha promesso di aggiungere più fondi alla seconda fase. Anche i medici europei hanno promesso finanziamenti per apparecchiature medicali da destinare al nostro nuovo ospedale.

Il futuro è pieno di speranza finché ci saranno persone come lei che permettono al mondo di conoscere, passando attraverso disagi e sopraffazioni. La distruzione dell’ospedale non sarà dimenticata e la giustizia alla fine avrà la sua vittoria.

thanks to: Nena News

Bombardamento israeliano contro la Striscia di Gaza: 5 Palestinesi feriti

shellinggazaaa-e1462442353251Gaza-Imemc e Ma’an. Domenica Israele ha lanciato una catena di bombardamenti di artiglieria e aviazione contro Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, ferendo cinque Palestinesi.

Il portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf al-Qidra, ha reso noto che un giovane sui vent’anni è stato ferito dai missili dell’artiglieria israeliana.

Altre due persone sono rimaste ferite.
Un portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che l’aviazione e l’artiglieria israeliane hanno preso di mira “postazioni di Hamas nel nord della Striscia di Gaza”.
Testimoni locali hanno riferito a Ma’an che un missile sparato da un drone israeliano ha colpito una cisterna di acqua e un altro è caduto in un’area aperta a Beit Hanoun.

Sorgente: Bombardamento israeliano contro la Striscia di Gaza: 5 Palestinesi feriti | Infopal

Nuovo Rapporto sul massacro di Gaza del 2014: morirono 2200 palestinesi (526 bambini e il 63% civili)

In un nuovo rapporto pubblicato il 20 luglio dall’Ong pacifista israeliana B’Tsalem viene fatta luce definitiva sul numero delle vittime complessive del massacro passato alla storia come la “Guerra di Gaza” o, da parte israeliana, “Margine Protettivo”.

Degli oltre 2200 palestinesi morti, il 63% (quasi 1400) sono civili e oltre 500 bambini (180 con età inferiore ai 6 anni). Nel presentare il rapporto dal titolo “50 giorni, 500 bambini”, la Ong ha sottolineato come fossero tutte menzogne le raccomandazioni da parte dell’esercito del regime israeliano sulla proporzionalità e sulla selezione degli obiettivi. Le cifre simboleggiano la cruda realtà di un massacro autentico.

Notizia del: 22/07/2016

Sorgente: Nuovo Rapporto sul massacro di Gaza del 2014: morirono 2200 palestinesi (526 bambini e il 63% civili) – World Affairs – L’Antidiplomatico

Israele continua a bombardare la Striscia dopo aver portato avanti per giorni operazioni aggressive contro la popolazione

imagesGaza. Per il terzo giorno consecutivo, l’aviazione da guerra israeliana continua a bombardare la Striscia di Gaza sotto assedio. Venerdì mattina, aerei israeliani hanno preso di mira aree aperte di Khan Yunis, nel sud della Striscia, mentre l’esercito israeliano accusa Hamas di lanciare mortai contro le aree di confine.

All’alba, l’artiglieria israeliana ha lanciato tre missili contro la parte orientale di Rafah, senza provocare vittime.

In un comunicato stampa rilasciato venerdì mattina, l’esercito israeliano ha affermato che l’aviazione ha preso di mira “le strutture del terrore di Hamas”. E ha accusato il movimento di resistenza islamica di lanciare mortai contro le forze israeliane mentre queste svolgono “operazioni difensive vicino al confine con la Striscia di Gaza”.
Per operazione difensive si intendono attività lesive nei confronti della popolazione della Striscia di Gaza, con attacchi contro i contadini che lavorano nei campi, invasioni in territorio gazawi, distruzioni di terre e altro genere di aggressioni quotidiane.
thanks to: Infopal

Continuano i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza: uccisa una donna e ferita una ragazza

artilelery-i-e1462355552500Quds Press, PIC e Ma’an. Giovedì sera, una donna palestinese, Jana Aytah al-Amuri, 55 anni, è stata uccisa in un bombardamento dell’artiglieria israeliana che ha colpito al-Fakhari, a est di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, mentre l’aviazione da guerra israeliana continua a lanciare attacchi contro le aree della Striscia meridionale.

Al-Amuri era stata ricoverata all’Ospedale Europeo di Gaza in condizioni critiche, dove è stata poi dichiarata morta.
Fonti mediche hanno reso noto che un altro attacco aereo contro al-Rayyan, a est di Rafah, ha ferito una ragazza, Khazima al-Farra, 21 anni.

F-16 israeliani hanno colpito un’area agricola a Abu al-Rus, a est di Rafah.

Un comunicato dell’esercito israeliano rilasciato nel tardo pomeriggio affermava che i bombardamenti “sono una  risposta agli attacchi in corso contro le forze israeliane. Le forze aeree israeliane hanno preso di mire quattro siti militari di Hamas nel sud della Striscia di Gaza”.

 

Sorgente: Continuano i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza: uccisa una donna e ferita una ragazza | Infopal

Russian Defense Ministry Refutes Claims of Strike on Syrian Hospital

The Russian Defense Ministry has denied reports that Russian forces delivered airstrikes on April 27 on a hospital in Syria’s Aleppo, Defense Ministry spokesman Igor Konashenkov said Wednesday.

n April, the international humanitarian group Doctors Without Borders (MSF) said that 50 people were killed in an airstrike which struck the al-Quds hospital in the Syrian city of Aleppo.

“The so-called news story about the bombing of a hospital in Al-Quds was picked up by many international media outlets as an example of failure of the Russian and US-agreed Syrian ceasefire. We checked this information; and today we will show you the real picture based on the reconnaissance data,” Konashenkov said.

One picture clearly shows the destroyed hospital, the general noted. “It’s an indisputable fact no one is denying.”

Al Quds hospital, April 2016
© Photo: Ministry of Defence
Al Quds hospital, April 2016

The second picture illustrates the hospital building with damage in identical places to the first photograph, however, this one was taken in October 2015.

Al Quds hospital, October 2015
© Photo: Ministry of Defence
Al Quds hospital, October 2015

“These photos clearly show that all alleged ‘eyewitness’ accounts of an airstrike on the hospital are fake. Further comments are unnecessary,” Konashenkov said.

Local sources blamed the attack on the Syrian government and Russia, which supports President Bashar Assad. However, the Russian Defense Ministry stated that he country’s planes did not carry out airstrikes in Syria in the past days, while Damascus put the blame on terrorist groups.

Sorgente: Russian Defense Ministry Refutes Claims of Strike on Syrian Hospital

Yemen: Embargo Arms to Saudi Arabia

(Sanaa) – The United States, United Kingdom, France, and others should suspend all weapon sales to Saudi Arabia until it not only curtails its unlawful airstrikes in Yemen but also credibly investigates alleged violations.

Since March 26, 2015, a coalition of nine Arab countries has conducted military operations against the Houthi armed group and carried out numerous indiscriminate and disproportionate airstrikes. The airstrikes have continued despite a March 20 announcement of a new ceasefire. The coalition has consistently failed to investigate alleged unlawful attacks as the laws of war require. Saudi Arabia has been the leader of the coalition, with targeting decisions made in the Saudi Defense Ministry in Riyadh.

“For the past year, governments that arm Saudi Arabia have rejected or downplayed compelling evidence that the coalition’s airstrikes have killed hundreds of civilians in Yemen,” said Philippe Bolopion, deputy global advocacy director. “By continuing to sell weapons to a known violator that has done little to curtail its abuses, the US, UK, and France risk being complicit in unlawful civilian deaths.”
Nongovernmental organizations and the United Nations have investigated and reported on numerous unlawful coalition airstrikes. Human Rights Watch, Amnesty International, and other international and Yemeni groups have issued a joint statement calling for the cessation of sales and transfers of all weapons and military-related equipment to parties to the conflict in Yemen where “there is a substantial risk of these arms being used… to commit or facilitate serious violations of international humanitarian law or international human rights law.” Human Rights Watch has documented 36 unlawful airstrikes – some of which may amount to war crimes – that have killed at least 550 civilians, as well as 15 attacks involving internationally banned cluster munitions. The UN Panel of Experts on Yemen, established under UN Security Council Resolution 2140 (2013), in a report made public on January 26, 2016, “documented 119 coalition sorties relating to violations” of the laws of war.
Saudi Arabia has not responded to Human Rights Watch letters detailing apparent violations by the coalition and seeking clarification on the intended target of attack. Saudi Arabia has successfully lobbied the UN Human Rights Council to prevent it from creating an independent, international investigative mechanism.
In September 2014, the Houthis, a Zaidi Shia group from northern Yemen also known as Ansar Allah, took control of Yemen’s capital, Sanaa. In January 2015, they effectively ousted President Abdu Rabu Mansour Hadi and his cabinet. The Houthis, along with forces loyal to former president Ali Abdullah Saleh, then swept south, threatening to take the port city of Aden. On March 26, the Saudi-led coalition, consisting of Bahrain, Kuwait, Qatar, the United Arab Emirates, Egypt, Jordan, Morocco, and Sudan, began an aerial bombing campaign against Houthi and allied forces.
At least 3,200 civilians have been killed and 5,700 wounded since coalition military operations began, 60 percent of them in coalition airstrikes, according to the UN High Commissioner for Human Rights. The naval blockade the coalition imposed on Yemen has contributed to an immense humanitarian crisis that has left 80 percent of the population of the impoverished country in need of humanitarian protection and assistance.

The UN Panel of Experts found that, “the coalition’s targeting of civilians through air strikes, either by bombing residential neighborhoods or by treating the entire cities of Sa‘dah and Maran in northern Yemen as military targets, is a grave violation of the principles of distinction, proportionality and precaution. In certain cases, the Panel found such violations to have been conducted in a widespread and systematic manner.” Deliberate, indiscriminate, and disproportionate attacks against civilians are serious violations of the laws of war, to which all warring parties are bound.

The UN panel said that the attacks it documented included attacks on “camps for internally displaced persons and refugees; civilian gatherings, including weddings; civilian vehicles, including buses; civilian residential areas; medical facilities; schools; mosques; markets, factories and food storage warehouses; and other essential civilian infrastructure, such as the airport in Sana’a, the port in Hudaydah and domestic transit routes.”

Residents sifting through the rubble of homes destroyed in an airstrike three days prior in Yareem town. The strike killed at least 16 civilians.

The 36 unlawful airstrikes Human Rights Watch documented include attacks on schools, hospitals, and homes, with no evidence they were being used for military purposes. Human Rights Watch has collected the names of over 550 civilians killed in these 36 attacks. Amnesty International has documented an additional 26 strikes that appear to have violated the laws of war. Mwatana, one of Yemen’s leading human rights organizations, issued a report in December that documented an additional 29 unlawful airstrikes across Yemen, from March to October 2015.

In addition, Human Rights Watch and Amnesty International have documented civilian casualties from internationally banned cluster munitions used in or near cities and villages. Cluster munitions have been used in multiple locations in at least five of Yemen’s 21 governorates: Amran, Hajja, Hodaida, Saada, and Sanaa. The coalition has used at least six types of cluster munitions, three delivered by air-dropped bombs and three by ground-launched rockets. Human Rights Watch has said there should be an immediate halt to all use of cluster munitions and that coalition members should join the Convention on Cluster Munitions.

Despite the numerous credible reports of serious laws-of-war violations, the Saudi-led coalition has taken no evident actions either to minimize harm to civilians in its air operations or to investigate past incidents and hold those responsible to account. So long as no such steps are taken, governments should not supply weapons to the leading coalition member.

The UK foreign affairs minister, Phillip Hammond, and other senior UK officials have repeatedly said that coalition forces have not committed any violations of the laws of war. On February 2, 2016, an important cross-party committee of UK members of parliament sent a letter to the international development secretary, Justine Greening, calling for immediate suspension of UK arms sales to Saudi Arabia and an international independent inquiry into the coalition’s military campaign in Yemen.

On February 25, the European parliament passed a resolution calling on the European Union’s High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini “to launch an initiative aimed at imposing an EU arms embargo against Saudi Arabia.” On February 17, the Dutch parliament voted to impose the embargo and ban all arms exports to Saudi Arabia.

On January 31, the coalition announced the creation of a committee to promote the coalition’s compliance with the laws of war. However, the military spokesman for the coalition specified that the objective of the committee was not to carry out investigations into alleged violations.

Human Rights Watch has also documented serious laws of war violations by Houthi and allied forces, including indiscriminate shelling of cities, enforced disappearances, and the use of internationally banned antipersonnel landmines. Human Rights Watch supports a ban on the sale or provision of weapons to the Houthis that are likely to be used unlawfully, notably unguided “Grad-type” rockets and anti-personnel landmines.

“How many more airstrikes need to wreak havoc on civilians before countries supplying aircraft and bombs to the coalition pull the plug?” Bolopion said.

UK, US Arms Support for Saudi-led Coalition
Under international law, the US is a party to the armed conflict in Yemen. Lt. Gen. Charles Brown, commander of the US Air Force Central Command, said that the US military has deployed dedicated personnel to the Saudi joint planning and operations cell to help “coordinate activities.” US participation in specific military operations, such as providing advice on targeting decisions and aerial refueling during bombing raids, may make US forces jointly responsible for laws-of-war violations by coalition forces. As a party to the conflict, the US is itself obligated to investigate allegedly unlawful attacks in which it took part.

The UK government has said that though it has personnel in Saudi Arabia, they are not involved in carrying out strikes, or directing or conducting operations in Yemen, or selecting targets. UK Prime Minister David Cameron has stated that UK personnel are deployed to “provide advice, help and training” to the Saudi military on the laws of war.

Largest Foreign Military Sales to Saudi Arabia
In July 2015, the US Defense Department approved a number of weapons sales to Saudi Arabia, including a US$5.4 billion deal for 600 Patriot Missiles and a $500 million deal for more than a million rounds of ammunition, hand grenades, and other items, for the Saudi army. According to the US Congressional review, between May and September, the US sold $7.8 billion worth of weapons to the Saudis.

In October, the US government approved the sale to Saudi Arabia of up to four Lockheed Littoral Combat Ships for $11.25 billion. In November, the US signed an arms deal with Saudi Arabia worth $1.29 billion for more than 10,000 advanced air-to-surface munitions including laser-guided bombs, “bunker buster” bombs, and MK84 general purpose bombs; the Saudis have used all three in Yemen.

According to the London-based Campaign Against Arms Trade, the UK government approved GB£2.8 billion in military sales to Saudi Arabia between January and September 2015. The weapons include 500-pound Paveway IV bombs. The UK is negotiating a £1 billion weapons deal with the UAE.

A June 2015 Spanish government report stated that Spain had authorized eight licenses for arms exports to Saudi Arabia worth $28.9 million in the first half of the year. In February 2016, Spanish media reported that the government-owned shipbuilding company Navantia was about to sign a contract worth $3.3 billion with Saudi Arabia for the construction of five Avante 2200 type frigates for the Saudi navy.

In July 2015, Saudi Arabia reportedly signed agreements worth $12 billion with France, which included $500 million for 23 Airbus H145 helicopters. The kingdom is also expected to order 30 military patrol boats by 2016 under the agreement. Reuters reported that Saudi Arabia has also recently entered into exclusive negotiations with the French company Thales Group to buy spy satellite and telecommunications equipment worth “billions of euros.”

Coalition Violations
Human Rights Watch has documented 36 airstrikes between March 2015 and January 2016, that appear to have been unlawfully indiscriminate or disproportionate, which include a March 30, 2015 airstrike on a camp for internally displaced people that killed at least 29 civilians and a March 31, 2015 airstrike on a dairy factory outside the port city of Hodaida that killed at least 31 civilians. In Saada, a Houthi stronghold in the north, Human Rights Watch examined more than a dozen airstrikes that occurred between April and May that destroyed or damaged civilian homes, five markets, a school, and a gas station, though there was no evidence these sites were being used for military purposes. These strikes killed 59 people, mostly civilians, including at least 35 children.

On May 12, the coalition struck a civilian prison in the western town of Abs, killing 25 people. On July 24, the coalition dropped nine bombs on and around two residential compounds of the Mokha Steam Power Plant, which housed plant workers and their family members, killing at least 65 civilians. On August 30, an airstrike hit Al-Sham Water Bottling Factory in the outskirts of Abs, killing 14 workers, including three boys, who were nearing the end of their night shift.

The coalition has carried out strikes on marketplaces, leading to high civilian death tolls. On May 12, a strike on the marketplace of the eastern village of Zabid killed at least 60 civilians. On July 4, an airstrike on the marketplace of the northern village of Muthalith Ahim killed at least 65. On July 6, bombs hit two markets in the governorate of Amran, north of Sanaa, killing at least 29 civilians.

On October 26, the coalition bombed a Doctors Without Borders (MSF) hospital in the northern town of Haydan in Saada governorate six times, wounding two patients. Since then, coalition airstrikes have hit MSF facilities twice. An airstrike hit a mobile clinic on December 2, in Taizz, wounding eight, including two staff members, and killing another civilian nearby. On January 21, an airstrike hit an MSF ambulance, killing its driver and six others, and wounded dozens in Saada.

On January 10, a projectile hit an MSF-supported hospital in Saada, killing six people and wounding at least seven, most of them medical staff and patients. MSF said it could not confirm the origin of the attack, but its staff had seen planes flying over the facility at the time of the attack. MSF said on January 25, that it had yet to receive any official explanation for any of these incidents.

On May 8, 2015, Brig. Gen. Ahmad al-Assiri, the military spokesman for the coalition, declared the entire cities of Saada and Marran, another Houthi stronghold, to be military targets. In an interview with Reuters on February 1, al-Assiri spoke about Saudi civilian casualties from Houthi and pro-Saleh forces’ firing across the border. He said, “Now our rules of engagement are: you are close to the border, you are killed.” Treating an entire area as the object of military attack violates the laws-of-war prohibition on attacks that treat distinct military objectives in a city, town or area as a single military objective. Doing so unlawfully denies civilians protection from attack.

Human Rights Watch also documented the coalition’s use of at least six types of cluster munitions in at least 15 attacks in five of Yemen’s 21 governorates between March 2015 and January 2016. Cluster munitions are indiscriminate weapons and pose long-term dangers to civilians. They are prohibited by the 2008 Convention on Cluster Munitions, adopted by 118 countries, though not Saudi Arabia or Yemen.

Failure to Investigate Alleged Violations
Countries that are party to a conflict have an obligation under international law to investigate credible allegations of war crimes and hold those responsible to account. Human Rights Watch has seen no indication that the Saudi Arabia-led coalition has conducted any meaningful investigations into alleged laws-of-war violations.

On August 19, 2015, Human Rights Watch and 22 other human rights and humanitarian organizations called on the UN Human Rights Council to create an independent international commission of inquiry at its September session to investigate alleged laws-of-war violations by all parties to the conflict. The UN High Commissioner for Human Rights similarly called on UN member states to encourage the establishment of an “international independent and impartial” investigative mechanism.

Instead, on September 7, President Abdu Rabu Mansour Hadi of Yemen established a national commission to investigate violations of human rights and the laws of war. During the ensuing UN Human Rights Council session in Geneva, Saudi Arabia and other Arab countries effectively blocked an effort led by the Netherlands to create an international investigative mechanism. The national commission has taken no tangible steps to conduct investigations, nor has it revealed any working methods or plans, three people close to the commission told Human Rights Watch.

Five days after the release of UN Panel of Experts report on Yemen, on January 31, 2016, the coalition announced a new committee to assess the coalition’s rules of engagement in the war and produce recommendations for the coalition to better respect the laws of war. “The goal of the committee is not to investigate allegations,” Al-Assiri said. “Its primary goal is to confirm the precision of the procedures followed on the level of the coalition command.” As such, this proposed body does not meet the requirements for an impartial investigative mechanism that can address accountability for unlawful attacks or compensate victims of coalition violations, Human Rights Watch said.

Al-Assiri said that the Saudi military has been conducting internal investigations into attacks in which a violation might have ensued, and pointed to a single airstrike that had led to a violation: the October 26, 2015 bombing of an MSF hospital in northern Yemen. He said the strike had been the result of “human error,” but did not outline any steps taken to hold the responsible military personnel to account, or compensate the two civilians wounded in the strike.

thanks to: Human Rights Watch

Family of US Drone Victim Ignored After Obama’s Pledge for ‘Full Review’

While the US government claimed responsibility for the deaths of an Italian man killed in a drone strike in Pakistan, it has been one year since the admission and the family has yet to see results.

In January 2015, Warren Weinstein and Giovanni Lo Porto were being held hostage by al-Qaeda when the CIA launched a drone strike against the compound. Both men were killed.

In April of that year, the Obama administration made a rare admission of guilt, saying that surveillance failed to show the presence of the two hostages, and promised a “full review.”

Nearly one year since that promise, Lo Porto’s family says they have had no contact with the US government.

This week, the family filed briefs in court to question the legality of US drone operations beyond declared armed conflicts.

“The statements from the White House were such a clear acknowledgement of the incident and commitment to do something about it,” Andrea Succucci, a leading human rights lawyer in Rome, told the Intercept.

“We want to know the truth, to know what happened, if someone is responsible, and if something could have been done in order to avoid it.”

The briefs include a request for US judicial cooperation and copies of the internal documentation about the incident. While Saccucci is relying on President Obama’s admission of guilt as key evidence, he admits that the likelihood of success is slim.

Saccucci could bring a claim against Italy in the European Court of Human Rights or a civil claim against the US in an Italian court.

Win or lose, the Lo Porto family seeks closure.

“If you lose a son, and you get an explanation, your heart can be at peace. But someone whose son is killed, and everyone washes their hands of it, and no one knows anything?” Daniele Lo Porto, the youngest of four brothers, told the Intercept.

Working for the Red Cross in Pakistan at the time of his capture, Lo Porto’s friends remember him as a kind person in search of a sense of validity in his world.

“It was in his nature to help people,” a friend, Claudia Hille, told the Intercept. “And I think he also wanted to get away from Italy. The international aid community is really open-minded, it’s like a special bubble, and I think he really liked that.”

After hearing Obama’s announcement last April, Daniele said he was outraged.

“My reaction? Anger,” he said.

“Obama said the intelligence service was watching, and yet no one knew anything? How could the Americans not see that there were two other people, the hostages? With the technology they have, can’t they see inside the houses?”

While attorneys work to hold the US government accountable, Daniele doesn’t have much hope.

“America could give us a palace full of money, and it wouldn’t matter. There can be no justice from America.”

Sorgente: Family of US Drone Victim Ignored After Obama’s Pledge for ‘Full Review’

US Military Personnel Get Administrative Punishment Over Kunduz Bombing

Over a dozen US military personnel have been punished for actions that led to the bombing of a Doctors Without Borders (Medecins Sans Frontiers, or MSF) hospital in Afghanistan last year, The New York Post reports.

Sorgente: US Military Personnel Get Administrative Punishment Over Kunduz Bombing

Pioggia di diserbanti su Gaza, Israele conferma «operazione di sicurezza»

Nei giorni scorsi aerei israeliani hanno irrorato con gli erbicidi almeno 150 ettari di terreni fertili palestinesi, distruggendo le coltivazioni di centinaia di famiglie. Si temono rischi per la salute della popolazione. ONU: nel 2015 sono morti in scontri e attacchi 170 palestinesi e 27 israeliani.

Gerusalemme, 31 dicembre 2015, Nena News«È un disastro per centinaia di famiglie contadine e non conosciamo gli effetti che questi prodotti chimici potranno avere sulla popolazione di Gaza». Scuote la testa Khalil Shahin, vice direttore del Centro per i Diritti Umani, che sta indagando sull’irrorazione, con diserbanti e defolianti, fatta nei giorni scorsi da aerei agricoli israeliani di almeno 150 ettari di terreni coltivati nella fascia orientale di Gaza, adiacente alle linee di confine. «Non è la prima volta che accade, l’Esercito israeliano sostiene che distruggendo la vegetazione si impediscono i lanci di razzi e altri attacchi» ci spiega Shahin «ma negli anni passati questa irrorazione era limitata a pochi terreni vicini alle recinzioni di confine. Nei giorni scorsi gli aerei israeliani invece si sono spinti in profondità, per molte centinaia di metri. In alcuni casi i liquidi, spinti dal vento, sono arrivati fino a due km di distanza dal confine, quindi a ridosso dei centri abitati di Gaza».

Sorgente: Pioggia di diserbanti su Gaza, Israele conferma «operazione di sicurezza»

PALESTINA. Aggiornamenti sugli attacchi israeliani in corso.

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma'an News)

Il funerale di Ahmad Salah, stamattina a Shuafat (Fonte: Ma’an News)

AGGIORNAMENTI

11 ottobre 2015, ore 10.00 -Raid israeliano su Gaza: due morti

Una donna incinta, Nour Rasmi Hassan, e la sua bambina di due anni, Rahaf Yahya Hassan, sono le vittime del raid israeliano sulla Striscia di Gaza. L’aviazione dello Stato ebraico è entrata in azione nella notte, in risposta al lancio di due razzi dall’enclave palestinese caduti in territorio israeliano, senza fare vittime. Le Forze armate israeliane hanno detto di aver colpito due strutture per la fabbricazione di armi appartenenti ad Hamas. La donna incinta di cinque mesi e sua figlia sono morte sotto le macerie della propria abitazione. Altre tre persone sono rimaste ferite e i soccorritori stanno cercando tra le macerie altre possibili vittime.

Intanto, secondo quanto riferito in un primo momento dalle Forze armate israeliane, stamattina in Cisgiordania una donna palestinese si sarebbe fatta saltare in aria a bordo di un’automobile a un posto di blocco israeliano. In realtà testimoni hanno raccontato a diverse agenzie di stampa che la donna ha avuto un guasto alla macchina dove viaggiava con il figlio di 3 anni. Un problema elettrico ha provocato l’apertura dell’airbag e poi un incendio, la donna è riuscita ad uscire con il figlio, rimanendo lievemente ferita. Lievemente ferito anche un poliziotto.

ore 22 – Palestinese ferito due giorni fa dall’esercito israeliano muore. E’ la settima vittima della giornata

Ibrahim Awad, di Beit Omar a nord di Hebron, è deceduto poco fa in seguito alle gravi ferite riportate negli scontri con l’esercito israeliano due giorni fa. Ne ha dato notizia il quotidiano Haaretz

ore 21.30 – Decine di gazawi rompono la recinzione che separa la Striscia da Israele

I media israeliani riferiscono che decine di palestinesi avrebbero aperto un varco nella recinzione che separa la Striscia di Gaza da Israele. Bloccati dai militari, cinque di loro sono stati arrestati, gli altri rispediti indietro

ore 21:00 – 568 palestinesi feriti oggi in Cisgiordania e a Gerusalemme est

Nella sola giornata di sabato, sono stati 568 i palestinesi feriti dal fuoco israeliano. Lo riferisce la Mezzaluna Rossa palestinese, specificando che 26 sono stati colpiti da fuoco vivo, 148 da proiettili di gomma, 408 da lacrimogeni e 4 sono stati picchiati.

ore 20:00   Proteste palestinesi a Nazareth e Ramle

Manifestazioni di palestinesi cittadini d’Israele a Nazareth e Ramle. A Nazareth un corteo di 1.500 persone ha attraversato le strade della città “per protestare contro l’occupazione”. A riferirlo è il Canale 2 della televisione israeliana. Nel corso delle proteste sono stati arrestati 5 attivisti.

A Ramle la polizia israeliana ha arrestato 10 manifestanti dopo che un gruppo di 100 persone aveva iniziato a lanciare pietre contro gli agenti.

ore 18:30 Hamas: “Il silenzio della comunità internazionale di fronte ai crimini di guerra israeliani li legittima”

Il portavoce del movimento islamico palestinese Hamas, Sami Abu Zuhri, ha detto che il silenzio della comunità internazionale di fronte a quelli che definisce “crimini di guerra” israeliani li legittima. “Ciò spinge il nostro popolo a difendersi in ogni modo e mezzo possibile” ha detto

ore 18:10   Ministero salute palestinese: “Oggi 21 palestinesi feriti”

Almeno 21 palestinesi sono rimasti feriti oggi negli scontri con le forze armate israeliane. A riferire la notizia sono fonti mediche di Ramallah. Un dato che pare destinato a salire considerando il fatto che gli scontri sono ancora in corso in varie zone della Cisgiordania.

Sette palestinesi sono stati colpiti da proiettili di ferro ricoperti di gomma sparati dai militari di Tel Aviv a Bab az-Zawiya (Hebron). Feriti quattro ragazzi palestinesi (uno di loro sembrerebbe in gravi condizioni) sempre con colpi di arma da fuoco vicino a Ramallah.

Secondo il Ministero della salute palestinese, dal 1 ottobre sono circa 1.000 i palestinesi feriti negli scontri con l’esercito israeliano.

ore 16.15 – DUE BAMBINI UCCISI A GAZA DA ISRAELE DURANTE MANIFESTAZIONE

Durante una manifestazione nella Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha aperto il fuoco uccidendo due minorenni: un bambino di 13 anni, Marwan Hisham Barbakh, e Omar Othman, 15, di Khan Younis. 20 morti in 10 giorni

ore 15.15 – TRE POLIZIOTTI ISRAELIANI ACCOLTELLATI A GERUSALEMME. UCCISO IL PALESTINESE RESPONSABILE

Tre poliziotti israeliani sono stati accoltellati a Gerusalemme, alla Porta di Damasco, da un adolescente palestinese. Il giovane, Mohammed Saeed, di Shuafat, è stato ucciso da altri poliziotti. Secondo il sito israeliano Walla, uno dei tre poliziotti sarebbe stato ucciso, ma la notizia è stata smentita.

ore 14.30 – SCONTRI A SHUAFAT DOPO FUNERALE, PALESTINESE FERITO ALLA GAMBA

Dopo i funerali del palestinese ucciso ieri notte al campo profughi di Shuafat a Gerusalemme, sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia di frontiera israeliana. Un uomo è stato ferito alla gamba da pallottole sparate dalla polizia, secondo la quale si stava avvicinando con una Molotov.

Scontri anche a Ramallah, vicino alla colonia di Beit El: due palestinesi feriti da proiettili di gomma.

ore 13.45 – ARRESTATI 5 ISRAELIANI PER AGGRESSIONE A TRE PALESTINESI A NETANYA

La polizia israeliana ha arrestato stamattina 5 israeliani ebrei a Netanya perché accusati di aver tentato di linciare tre palestinesi cittadini d’Israele ieri sera in città (nord di Tel Aviv). Secondo le prime ricostruzioni, gli arrestati, insieme ad altre persone che ancora non sono state arrestate, avrebbero pianificato l’aggressione sui social network. L’obiettivo era andare a Piazza Indipendenza in città “per far male agli arabi”. Nei messaggi scambiati in rete gli aggressori si sarebbero divisi l’arma da portare in strada: coltelli, asce o catene.

A partecipare al tentato linciaggio sono stati una trentina di israeliani ebrei: Le vittime sono 3 palestinesi. Due sono riuscite a scappare. L’altra, invece, Abed Jamal, è stata duramente picchiata dalla folle inferocita che gridava “morte agli arabi” e “a Netanya gli arabi si falciano” e si sarebbe salvata solo grazie all’arrivo di una volonte della polizia.

Jamal, nonostate fosse la vittima dell’aggressione, è stato ammanettato e fermato per essere interrogato. Il linciaggio è stata ripreso con dei telefoni cellulari ed è stato postato sui social network scatenando dure reazioni da parte di molti navigatori. Oltre ai cinque arrestati, la polizia ha fermato altre 10 persone per interrogarle.

ore 11.55 – COLONI ATTACCANO CASE PALESTINESI A SUD DELLA CISGIORDANIA

Un gruppo di coloni ha attaccato le case di alcuni palestinesi che risiedono vicino all’insediamento di Kiryat Arba, a ovest di Hebron. Secondo fonti locali, i coloni, protetti dall’esercito israeliano, avrebbero attaccato la zona di Wadi Hussein mentre i soldati avrebbero sparato gas lacrimogeni e acqua chimica sui palestinesi.

ore 11.50 – FOTO MOSTRANO L’ATTACCO A GERUSALEMME DI STAMATTINA

Una serie di foto pubblicate dall’agenzia stampa palestinese Ma’an News (clicca qui) mostrano l’attacco di questa mattina vicino alla Porta di Damasco. Un palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, accoltella un israeliano, poi soccorso. Dalle immagini sembrerebbe che il giovane sia stato colpito dal fuoco della polizia tempo dopo l’attacco, invece di essere fermato con altri mezzi.

Subito sono esplosi scontri alla Porta di Damasco tra centinaia di palestinesi e la polizia, a causa dell’uccisione del 16enne. La polizia ha sparato molti gas lacrimogeni e nei tafferugli è rimasto ferito un giornalista israeliano di 35 anni. Secondo Haaretz, si tratterebbe invece di un giornalista straniero.

ore 11.45 – PALESTINESE FERITO E ARRESTATO NELLA ZONA DI HEBRON

Il 18enne Jalal Shahir Rayyan è stato arrestato stamattina dalle forze militari israeliane nella cittadina di Deir Samit, a Hebron, dopo essere stato colpito da pallottole sparate da guardie private. Secondo le forze armate, qualcuno si sarebbe introdotto nella notte nella colonia illegale di Bushter e la sicurezza privata dell’insediamento ha aperto il fuoco.

Arrestato anche Bakir Hasan Sharawnah mentre tentava di portare in ospedale il giovane.

ore 11.30 – MISSILE DALLA STRISCIA DI GAZA

Ieri notte un razzo è stato lanciato dalla Striscia di Gaza e sono caduti in territorio israeliano, in aree vuote. Nessun ferito né danni, fanno sapere le autorità israeliane.

ore 10.30 – GIOVANE PALESTINESE ACCOLTELLA DUE ISRAELIANI, UCCISO DALLA POLIZIA

Stamattina un giovane palestinese di 16 anni, Eshak Badtan, di Kufr ‘Aqab ha accoltellato due israeliani di 65 e 62 anni  vicino alla Porta di Damasco, nella Città Vecchia di Gerusalemme. La polizia ha aperto il fuoco e lo ha ucciso. I due israeliani sono stati medicati dai paramedici per ferite lievi. Subito sono comnciati gli scontri tra manifestanti palestinesi e poliziotti che hanno cercato di disperdere la folla con gas lacrimogeni. Sale a 17 il numero totale di palestinesi uccisi dal primo ottobre

———————————————————————————————-

della redazione

Gerusalemme, 10 ottobre 2015, Nena News – L’ennesima notte di violenza in quella che è stata ribattezzata “l’Intifada di Gerusalemme”. Dopo la strage di ieri a Gaza, con sei palestinesi uccisi dalle forze militari israeliane posizionate al di là del confine est, oggi la Palestina conta altri due morti. Anche loro giovanissimi.

Nel campo profughi di Shuafat, a Gerusalemme Est, il 24enne Ahmad Salah è stato ucciso la notte scorsa durante scontri esplosi al checkpoint di ingresso nel campo. Secondo Thaer al-Fasfous, portavoce di Fatah a Shuafat, “gli scontri sono ricominciati nella notte e le forze di occupazione israeliane hanno sparato proiettili veri da distanza ravvicinata contro i giovani”. Numerosi i feriti, di cui due in serie condizioni, mentre scontri scoppiavano in tutti i quartieri di Gerusalemme Est: a Wadi al-Joz, a Issawiya (dove una donna è stata arrestata e un giovane è stato colpito alla testa e versa in gravi condizioni), a Al-Tur, a Jabal al-Mukkaber.

Secondo alcuni testimoni, la polizia israeliana avrebbe impedito all’ambulanza di raggiungere e soccorrere Ahmad Salah, “lasciato a terra sanguinante”. È morto poco dopo. Le autorità israeliane hanno consegnato il corpo alla famiglia questa mattina e subito si sono tenuti i funerali, a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Nelle stesse ore a Gaza perdeva la vita il 22enne Jihad Salim al-Ubeid, morto a causa delle ferite riportate ieri durante le manifestazioni al confine. Residente a Deir al-Balah, era stato colpito dal fuoco israeliano mentre insieme ad altre centinaia di palestinesi protestava a 100 metri di distanza dalla rete di separazione con Israele.

Sale così a 16 il bilancio delle vittime palestinesi dallo scorso giovedì 1 ottobre, quattro le vittime israeliane. L’associazione per i diritti umani Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità israeliane perché interrompano “l’uso di eccessiva forza e di omicidi ingiustificati di palestinesi, la demolizione di case e altre misure di punizione collettiva”.

thanks to: Nena News

Come giustificare attacchi terroristici verso obiettivi italiani

Il Pentagono è furioso. Grazie ad una “gola profonda”, il Corriere della Sera ha potuto rivelare in prima pagina, ieri mattina il 6 ottobre, che il Ministro della Difesa Roberta Pinotti e il suo omologo statunitense Ashton Carter avevano già deciso l’uso, per missioni di bombardamento, dei caccia italiani attualmente in Iraq per i soli compiti di ricognizione. Decisione presa, dunque, ancor prima dell’arrivo del sig. Carter in Italia ieri pomeriggio per la sua visita ufficiale di due giorni, e ancor prima che il Parlamento italiano potesse discutere l’intera questione, come imporrebbe la Costituzione.

La reazione alla notizia di Corsera e la successiva controreazione del governo sono state immediate: grida di scandalo da più parti seguite dal dietrofront del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dei suoi ministri. “Si tratta solo di un’ipotesi”, hanno rassicurato in coro sia Pinotti che il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni; “Sottoporremo senz’altro la questione al Parlamento prima di decidere definitivamente qualsiasi cosa.”

Quindi Carter lascerà la Capitale oggi sicuramente a mani vuote. Grazie all’anonimo “Chelsea (Bradley) Manning” italiano che svelò la tresca, il governo Renzi fallisce il tentativo di replicare il colpo di mano che il governo di Mario Monti realizzò invece nel luglio del 2012. Infatti, Monti e l’allora Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola riuscirono ad autorizzare alla chetichella – e sempre in barba alla Costituzione italiana – l’impiego bellico dei caccia tricolore che erano stati inviati in Afghanistan in precedenza per i soli compiti di ricognizione. E i parlamentari, con poche eccezioni, scelsero di sonnecchiare.

Questa volta, qualcuno li ha svegliati.

Pertanto i caccia italiani dislocati a Baghdad rimarranno senza bombe per ora – e, più precisamente, per tutto il tempo necessario al dibattito parlamentare. “Rimanere senza bombe” non significa, naturalmente, che questi aerei non partecipino già ai combattimenti. Anzi, per dirla alla Giovanni Sarrubi, “scattando le foto degli obiettivi da bombardare, sono già un po’ come i complici di un omicidio.” Tuttavia il passaggio da ricognizione a lancio di ordigni non è poco ed è pur sempre gravido di conseguenze.

I pacifisti italiani, dunque, come tutti i cittadini, possono ora usare il margine di tempo ottenuto per alzare la loro voce e far ricordare al Parlamento che il “conflitto” in corso in Iraq è, per ammissione dello stesso governo statunitense, una guerra. Pertanto l’eventuale partecipazione italiana al conflitto non potrà, in nessun modo, essere travestita da “missione di peacekeeping” o di “addestramento delle forze armate irachene”. L’eventuale partecipazione italiana configurerebbe una vera e propria cobelligeranza e pertanto necessita di una formale approvazione parlamentare come tale.

Il parlamento italiano deve dunque decidere se vuole o meno provocare, bombardando l’Iraq, altri morti, altre devastazioni, altri flussi di profughi in Europa – il tutto, poi, non per eliminare l’autoproclamato Stato Islamico (perché ciò non è mai stato il vero obiettivo della cosiddetta Operazione Internazionale Anti-Isis, come si vedrà più avanti), ma solo per poter “contare” diplomaticamente in ipotetici futuri negoziati sulla regione. Ricordiamocelo: le bombe italiane eventualmente sganciate, seppure ai soli fini del contenimento dei jihadisti, colpiranno pur sempre aree popolate da esseri umani innocenti, da infrastrutture civili vitali e da famiglie che, poi, cercheranno per forza scampo e rifugio altrove.

“Ma questi mali sarebbero minori rispetto ai mali che l’Isis infligge alla popolazione”, risponderanno sicuramente i falchi. E, come per incanto, i mass media faranno vedere le foto di orrori dell’Isis finora inediti – nuove decapitazioni o altre distruzioni di patrimoni culturali – per convincere l’opinione pubblica italiana a non opporsi al ricorso alla guerra.

Mentre, in realtà, per sconfiggere l’Isis, non serve la guerra.

Anzi, la guerra serve solo ad aumentare le fila dell’Isis, facilitando il reclutamento di nuovi combattenti jihadisti.

Per sconfiggere l’Isis, basterebbero invece pochi provvedimenti – purché realmente applicati – come i seguenti:

  1. vietare alle industrie d’armamento di Brescia e del Veneto di esportare armi che possono finire, anche indirettamente, nelle mani dell’Isis. L’osservatorio OPAL ha documentato, ad esempio, come le esportazioni italiane di armi alla Turchia siano passate da due a sette milioni di euro, un aumento di tre volte e mezzo, da quando in Siria si sono impiantate le varie formazioni dei guerriglieri. E sono noti i collegamenti tra turchi e Isis lungo il confine siriano. L’Italia deve perciò prenderne atto e ridimensionare le sue esportazioni di armi verso la Turchia, nonché verso le altre regioni confinanti. Inoltre l’Italia deve uscire dal Gruppo di Londra (gli ex “Amici della Siria”), la combriccola che coordina la consegna delle armi nel Levante – persino a gruppi designati “terroristi” dagli USA;

  1. sanzionare i paesi che forniscono, direttamente all’Isis, non solo armi ma furgoncini, attrezzature di telecomunicazioni, divise… insomma, tutto quello di cui necessita un esercito moderno. I capofila di questi paesi sono l’Arabia Saudita e il Qatar;

  1. sanzionare i paesi che consentono all’Isis di incassare i finanziamenti sauditi e qatarioti in danaro liquido per poter pagare gli stipendi dei propri mercenari – in particolare il Kuwait, che lascia passare il denaro attraverso la sua Banca Centrale;

Già questi tre provvedimenti basterebbero per eliminare l’Isis, senza sparare un colpo o sganciare una bomba.

Ma si potrebbe fare anche di più, ad esempio:

  1. sanzionare i paesi che comprano i tesori archeologici rubati dall’Isis nonché il petrolio che l’Isis ruba agli impianti siriani ed iracheni caduti nelle sue mani e che poi vende sottocosto sul mercato nero – qui la lista dei paesi da sanzionare sarebbe lunga e comprenderebbe alcuni ben conosciuti al lettore;

  1. sanzionare i paesi che ammettono i terroristi dell’Isis, feriti o malati, nei loro ospedali per le necessarie cure, prima di rispedirli in combattimento – segnatamente, Israele;

  1. sanzionare i paesi che permettono il continuo transito sul proprio territorio, e il passaggio verso i territori controllati dall’Isis, di lunghissime carovane di Tir carichi di viveri – nella fattispecie, la Turchia. E che dire degli USA, la cui aviazione si guarda bene dal bombardare quelle carovane, perfettamente visibili, ad esempio, mentre attraversano i valichi?

Anzi, che dire degli USA, i cui esponenti di rilievo ammettono di aver creato i tagliagole dell’Isis – anzitutto per rovesciare Assad in Siria e poi per cacciare al Maliki dal potere in Iraq e frammentare il paese per meglio dominarlo. Per convincersene, basta digitare in YouTube Isis Hillary Clinton, oppure Isis General Wesley Clark oppure Isis John McCain. Perciò, l’ultimo provvedimento utile per eliminare l’Isis sarebbe quello di: 

     7.  deferire davanti alla Corte penale internazionale (CPI) dell’Aia per crimini contro l’umanità i paesi oggettivamente responsabile per la creazione e il foraggiamento dell’Isis. Prove obiettive di colpa per l’”istigazione alla guerra civile” (reato internazionale) abbondano: ad esempio, i leader sauditi e qatarioti si sono spesso vantati in pubblico del loro interventismo.

Conclusione

Il Parlamento italiano viene chiamato in questi giorni ad autorizzare o meno la cobelligeranza italiana in Iraq. E’ dunque il momento ideale, per pacifisti e per chiunque, di sollevare le domande scottanti che normalmente i mass media tenderebbero a censurare. Eccone quattro – e ce ne sono molte altre.

Riterrà il Parlamento italiano che la creazione del gruppo terrorista Isis da parte degli Stati Uniti – nonché la loro creazione del gruppo terrorista al Qaeda in Afghanistan per rovesciare l’allora governo filo-sovietico – conferisca loro d’ufficio la designazione di “Stato Terrorista”? E, in caso affermativo, quali provvedimenti vorrà il Parlamento adottare contro gli USA in conseguenza di tale designazione?

Vorrà il Parlamento italiano avere il coraggio di eliminare l’Isis alla radice, chiudendo i rubinetti dei soldi, delle armi, dei viveri, dell’assistenza e sanzionando i paesi che forniscono tutto ciò, ossia i paesi elencati qui sopra? Certo, esiste un organismo internazionale, il GCFI creatosi proprio a Roma il 19-20 marzo scorso, che dovrebbe fare questo lavoro. Il problema è che è composto in primo luogo proprio dei paesi elencati qui sopra, ossia i paesi che foraggiano l’Isis – proprio come lo è la Coalizione che pretende di “combatterlo”. Perciò, esattamente come i finti bombardamenti alleati contro l’Isis, il finto contrasto del CGFI ai finanziatori dell’Isis è servito a poco. O meglio, è servito solo per “dimostrare” l’estraneità dei paesi membri alla creazione e al foraggiamento dell’Isis, nonché per rassicurare l’opinione pubblica che qualcosa si sta facendo per eliminarlo. Siamo al sommo grado del doppiogiochismo;

Riterrà il Parlamento italiano che, dal momento che l’Isis va sradicato usando mezzi economici e politici (non militari), i caccia e i soldati tricolore, attualmente dislocati in Iraq per scopi parabellici, vadano subito richiamati a casa? L’Italia non deve continuare a fare da “complice agli omicidi” che i suoi alleati stanno commettendo nel Levante. Se l’Italia vuole avere un pretesto per stare in Iraq onde tutelare i suoi interessi petroliferi laggiù, scelga la cooperazione economica, sociale e culturale, non la guerra;

Infine, vorrà il Parlamento italiano avere il coraggio di dire al proprio elettorato che la responsabilità per gli orrori che vediamo nel Levante da quattro anni non è attribuibile in primo luogo al popolo siriano o al popolo iracheno, e nemmeno (totalmente) ai loro leader? Vorrà riconoscere che la responsabilità primaria è dell’Occidente? L’Occidente infatti, cacciato dal Medio Oriente cinque anni fa, ora cerca di tornarci:

  • destabilizzando la regione in vario modo – ultimamente con l’Isis – per avere la scusa di impiantare di nuovo le proprie basi militari (e ci sta riuscendo), e

  • frantumando l’Iraq e la Siria, geograficamente e demograficamente, in zone contrapposte, costantemente in guerra civile, aperta o strisciante. Il tutto per consentire un più facile dominio occidentale della regione (“tra due litiganti…”).

Inoltre – e va pure detto all’elettorato, per quanto scottante – la frantumazione dell’Iraq e della Siria e il loro invischiamento in guerre civili striscianti, ha un ulteriore scopo: consente allo Stato israeliano di sbarazzarsi di altre due potenze regionali in grado di tenerle testa. (Israele ha già ottenuto la distruzione della Giamahiria Libica, nemico giurato, e sta attivamente perseguendo la destabilizzazione della Repubblica dell’Iran, così da avere mano libera nell’intera regione.)

Un anno fa chi scrive ha già denunciato tutte queste nefandezze in un articolo su Peacelink intitolato “La III Guerra in Iraq è iniziata”, facendo alcune previsioni e raccomandando le misure indicate qui sopra (sanzioni, deferimenti). Purtroppo, 14 mesi dopo, le previsioni si sono rivelate esatte ma le raccomandazioni sono state totalmente ignorate. Ed ora? C’è chi vorrà riproporle mentre siamo ancora in tempo?

Ecco, dunque, quattro quesiti scottanti che i pacifisti (e non) potranno rivolgere ai propri parlamentari durante questa pausa di riflessione.

Il Parlamento ci ascolterà questa volta? Oppure sceglierà di timbrare d’ufficio la richiesta di cui il sig. Carter è stato il latore oggi: la cobelligeranza italiana in Iraq?

La cobelligeranza significherà – ed ogni parlamentare deve esserne consapevole – far partecipare l’Italia alla crudele farsa dei “bombardamenti anti Isis”. Crudele perché, ancora una volta, causerà necessariamente morti, distruzioni, sfollamenti. Farsa perché questi bombardamenti sono programmaticamente, come già detto, di puro contenimento e forse neanche quello. Infatti, non hanno eliminato nessuno dei più importanti depositi e centri di comando dell’Isis, quelli che la Russia, invece, sta distruggendo ora – e sul serio – mettendo a nudo l’Operazione Anti Isis (ma sarebbe meglio chiamarla Operazione Big Bluff) del Pentagono.

E’ questo il ruolo che l’Italia vorrà svolgere nel mondo? Comparsa in una crudele ed inutile farsa?

Ci auguriamo di no. L’Italia può fare di meglio. Questo articolo suggerisce alcuni provvedimenti anti Isis più efficaci delle bombe e che porrebbero pure fine all’intervento russo.  Ma se sembrano troppo radicali, non importa, ce ne saranno sicuramente altri: serve ora l’immaginazione al potere.

thanks to: Peacelink

Medici terroristi senza frontiere

Forse la vera novità di questo orrore è che, per una volta, se ne parla.

La Nato bombarda un’ospedale afgano a Kunduz? Déjà vu.

Nella notte tra il 3 e il 4 ottobre 2015, un ospedale in Afghanistan è stato bombardato da aerei sicuramente della Nato: 19 i morti, tra staff e pazienti, anche bambini. Purtroppo, la Nato non è nuova a questo genere di impresa, come il lettore scoprirà ben presto.
5 ottobre 2015 – Marinella Correggia

 

Fire swept through the hospital after the air strikes

 

.
Errore? Rischio calcolato? Atto deliberato?

Il governo afghano ha “giustificato” il bombardamento da parte della Nato di un ospedale di Médecins sans frontières a Kunduz in questo modo: “Lì si nascondevano dieci talebani”. E’ una confessione di crimine.

Infatti, le convenzioni internazionali vietano di colpire strutture civili (ospedali, acquedotti, centrali elettriche, quartieri residenziali…), anche quando vi si annidino i nemici armati di chi colpisce.

Quello a Kunduz è, dunque, un crimine di guerra.

Dal canto loro, la Nato e gli Stati uniti – che aprono un’inchiesta ma non si scusano – dichiarano: “Potrebbe essere stato danneggiato un ospedale in un’operazione contro talebani che minacciavano le truppe della coalizione”. Ma siccome nel bistrattato diritto internazionale la protezione dei civili assume carattere assoluto, anche in questo caso si tratta dell’ammissione di un crimine di guerra: perché nemmeno insediamenti militari si potrebbero colpire, se nelle vicinanze o al loro interno sono presenti civili.

Altre due osservazioni:

1) è certo che nessuno, fra i colpevoli ai diversi livelli della catena di comando ed esecuzione, pagherà per la strage con il carcere: decine di casi lo comprovano. Al massimo ci sarà un risarcimento danni, di un ammontare offensivamente basso per le vittime di nazionalità afghana: decine di casi lo comprovano;

2) la giustificazione data è che i talebani (frutto avvelenato Made in USA, in ogni caso) minacciavano le truppe Nato. Dunque la Nato protegge solo se stessa?

Sì, la Nato protegge solo se stessa. E protegge i suoi occasionali alleati armati sul campo. Come durante l’operazione Unified Protector che nel 2011 ha liquefatto l’ex Jamahiriya libica. La Nato assediò dal cielo la città di Sirte colpendo anche un ospedale. A che scopo? Non certo per proteggere i civili, anche se questo era il surreale compito affidato dall’Onu all’Alleanza atlantica. Infatti, i civili a Sirte erano pro-Gheddafi e quindi non erano minacciati dalle truppe libiche residue che a Sirte avevano cercato rifugio. Sirte fu attaccata dalla Nato invece – e per quasi due mesi – per proteggere, non i civili della città, ma l’avanzata dei miliziani a terra che li assediavano. Andrebbe ricordato, peraltro, che nel 1999 e quindi sotto Gheddafi, la città di Sirte fu luogo di nascita dell’Unione africana e con essa la speranza di auto-emancipazione per il continente. Ora è in mano a Daesh (l’ISIS). Un progresso?

Durante una delle conferenze stampa Nato in contemporanea a Napoli e a Bruxelles, nel mese di ottobre 2011, chi scrive chiese al colonnello canadese Roland Lavoye : “Da Sirte hanno denunciato che la Nato, bombardando vicino a un ospedale, lo abbia colpito facendo dei feriti”. Risposta di Lavoye: “Ah, ma Lei lo sa chi c’era vicino all’ospedale? Le truppe di Gheddafi!”

Anche a prendere per buona questa versione, si tratta di un’ennesima autodenuncia di crimine: perché le convenzioni di Ginevra, in ogni caso, impediscono di prendere il rischio di colpire civili per non causare i famosi “effetti collaterali”. Se, appunto, bombardando da diecimila metri c’è questo rischio, è meglio desistere. Ma in Libia non hanno mai desistito, e nemmeno altrove.

Nel 2001, in Afghanistan, gli aerei Usa colpirono la sede della Croce rossa internazionale a Kabul. Per sbaglio? Per assunzione di rischio? Ma nessuno nemmeno si scusò.

Nel 1999 durante l’operazione Nato contro la Serbia-Montenegro furono colpite le fabbriche chimiche di Pancevo, con il rischio di una strage nella città . Nessuno pagò.

Invece nel 1991, nel corso dell’Operazione Tempesta del deserto a Baghdad, gli aerei della coalizione internazionale (occidentale e araba), capitanata dagli Usa, colpirono infrastrutture civili – ma non per errore e non per un rischio calcolato.

In quel caso fu deliberato. L’Iraq doveva essere riportato all’era preindustriale, come dichiarò l’allora segretario di stato americano, James Baker. La punizione doveva essere selvaggia, per chi aveva osato sfidare gli interessi petroliferi dell’Occidente e quelli dei loro alleati nel medio-oriente, il cui stile di vita, basato sul petrolio, non era (e non è) negoziabile.

Nota della redazione

A molti lettori può sorprendere questa ricostruzione di avvenimenti del nostro passato recente, tutti così simili al bombardamento NATO di un ospedale afghano a Kunduz avvenuto il 3 ottobre scorso. “Ma quando mai la NATO avrebbe attaccato in passato infrastrutture civili e segnatamente ospedali, in totale disprezzo della Convenzione di Ginevra?,” questi lettori si saranno chiesti. “E inoltre, se questa ricostruzione è vera, perché non eravamo stati informati di tutti questi fatti all’epoca?”

L’autrice di questa ricostruzione sa, per esperienza diretta, la risposta alla seconda domanda. Ha potuto osservare, durante le conferenze stampa a Napoli nell’ottobre 2011, come i giornalisti italiani – di tutte le testate – rimanevano muti a registrare fedelmente qualunque dichiarazione fornita dal colonnello di turno o erano semplicemente assenti, accontentandosi delle affermazioni riportate nei documenti forniti dalla NATO prima della conferenza.

Già nel 2010, peraltro, Carlo Gubitosa, della redazione di PeaceLink, aveva denunciato questa decadenza del giornalismo italiano in un celebre editoriale: oggi come oggi, egli scrisse, un giornalista, per sopravvivere, deve “soffocare per sempre l’istinto selvaggio e incontrollabile di fare domande e di cercare risposte.”

Perciò la vera novità in quest’ultimo orrore avvenuto a Kunduz il 3 ottobre è che finalmente se ne parla, subito e abbondantemente.  Washington non ha imposto il bavaglio.  Un cambio di tattica o il pre-annuncio di una svolta: dopo 14 anni, il ritiro vero – e non più fittizio – dall’Afghanistan?

                                                                                                                                              – PB

thanks to: Peacelink

Quando si bombarda un ospedale

Tonio Dell’Olio

Il bombardamento dell’ospedale di Medici senza frontiere a Kunduz in Afghanistan non è un errore. L’errore è la guerra. L’orrore è la guerra. Continuiamo a pagare l’arretramento di civiltà che, per interessi economici, strategici o di potere non vuole cercare altri strumenti per risolvere i conflitti. Continuare a pensare che la violenza si possa contrastare soltanto con una violenza più forte, è la peggiore delle ipocrisie possibili. Le vittime dell’ospedale non sono effetti collaterali ma la sottrazione di vita calcolata e preventivata della barbarie della guerra. Si tratta di un deficit di umanità che va oltre il cinismo e l’indifferenza e diventa tattica programmata di cui la vita umana è solo una componente variabile. Il fine giustifica i mezzi. E il fine dichiarato da parte “nostra” è sempre più nobile e importante di quello dell’altra fazione. Resta il bilancio che non conosceremo mai. Non quello del numero di morti e feriti. Piuttosto quello delle storie di ciascuno di essi. Vite umane ridotte a statistica. Concime per la vittoria finale.

thanks to: mosaico di pace

RESPONSABILE ONU: “INACCETTABILE” L’ATTACCO SAUDITA A HODEIDA

“Questi attacchi contravvengono chiaramente al diritto internazionale umanitario e sono inaccettabili”: così il responsabile per le operazioni umanitarie delle Nazioni Unite, Stephen O’Brien, si è rivolto al Consiglio di sicurezza denunciando la particolare violenza di un bombardamento condotto dalla coalizione a guida saudita contro il porta di Hodeida; uno scalo di importanza vitale in quanto porta d’accesso degli aiuti in un paese devastato dalla guerra e bisognoso di cibo, farmaci, carburante.

RESPONSABILE ONU: “INACCETTABILE” L’ATTACCO SAUDITA A HODEIDA – Misna – Missionary International Service News Agency.

Gaza, “Venerdì nero”: indagine innovativa indica crimini di guerra israeliani a Rafah

Comunicato stampa Amnesty International

* Ricostruzione degli attacchi israeliani a Rafah tra il 1° e il 4 agosto 2014
* Prove sussistenti di crimini di guerra e possibili crimini contro l’umanità richiedono indagine urgente
* Forze israeliane hanno ucciso almeno 135 civili palestinesi, tra cui 75 bambini, a seguito della cattura di un soldato israeliano
* Centinaia di video, foto e immagini satellitari analizzate da esperti, riferimenti incrociati con testimonianze oculari
* Tecniche avanzate utilizzate per analizzare le prove, tra cui lo studio delle ombre dei pennacchi di fumo in molteplici video per determinare tempo e luogo di un attacco

Nuove prove che dimostrano come le forze israeliane abbiano compiuto crimini di guerra in rappresaglia alla cattura di un soldato israeliano sono state rese note in un rapporto congiunto di Amnesty International e Architettura legale. Le prove, che includono un’analisi dettagliata di grandi quantità di materiali multimediali, suggeriscono che il carattere sistematico e apparentemente deliberato dell’attacco aereo e di terra su Rafah che ha ucciso almeno 135 civili, può anche costituire crimini contro l’umanità.

Il rapporto “Venerdì nero’: carneficina a Rafah nel conflitto Israele/Gaza 2014” presenta tecniche investigative all’avanguardia e un’analisi introdotta da Architettura legale, un gruppo di ricerca con sede a Goldsmiths, presso l’Università di Londra.

“Ci sono prove convincenti che le forze israeliane hanno commesso crimini di guerra nel loro bombardamento implacabile e massiccio delle zone residenziali di Rafah, al fine di sventare la cattura del tenente Hadar Goldin, mostrando scioccante disprezzo per la vita dei civili. Hanno effettuato una serie di attacchi sproporzionati o altrimenti indiscriminati, che si è completamente fallito di indagare in modo indipendente”, ha dichiarato Philip Luther, direttore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

“Questo rapporto presenta una richiesta urgente di giustizia che non deve essere ignorata. L’analisi combinata di centinaia di foto e video, nonché immagini satellitari e testimonianze di testimoni oculari, fornisce prove convincenti di gravi violazioni del diritto umanitario internazionale da parte delle forze israeliane che devono essere indagate”.

La massiccia quantità di prove raccolte è stata presentata ai militari e ad altri esperti e poi organizzata in ordine cronologico a creare un resoconto dettagliato degli eventi dal 1° agosto, quando l’esercito israeliano ha applicato la controversa e riservata procedura “Hannibal” a seguito della cattura del tenente Hadar Goldin.

Secondo la “Direttiva Hannibal”, le forze israeliane possono rispondere alla cattura di un soldato con un’intensa potenza di fuoco, nonostante i rischi per la sua vita o per i civili nelle vicinanze. Come il rapporto illustra, l’attuazione della direttiva ha portato all’ordine di compiere attacchi illegali contro i civili.
“Dopo la cattura del tenente Hadar Goldin, le forze israeliane sembrano essersi sbarazzate dei regolamenti, utilizzando una politica “senza regole” con conseguenze devastanti per la popolazione civile. L’obiettivo era quello di sventare la sua cattura a tutti i costi. L’obbligo di prendere precauzioni per evitare la perdita di vite civili è stata completamente trascurata. Interi quartieri di Rafah, tra cui aree abitate intensamente popolate, sono state bombardate senza distinzione tra civili e obiettivi militari”, ha affermato Philip Luther.

Goldin è stato dichiarato morto il 2 agosto, suggerisce che potrebbero in parte essere stati motivati ??dal desiderio di punire la popolazione di Rafah come vendetta per la sua cattura.

Intenso bombardamento
Poco prima della cattura del tenente Goldin il 1° agosto 2014, un cessate il fuoco era stato annunciato e molti civili erano tornati alle loro case credendosi al sicuro. Un bombardamento massiccio e prolungato è iniziato senza preavviso mentre masse di persone erano in strada, e molti di loro, soprattutto quelli nelle auto, sono diventati bersagli. Quel giorno è rimasto noto in seguito a Rafah come “venerdì nero”.

I racconti dei testimoni oculari hanno descritto scene raccapriccianti di caos e panico come un inferno di fuoco da jet F-16, droni, elicotteri e artiglieria piovuto giù per le strade, colpendo civili a piedi o in auto, nonché ambulanze e altri veicoli di evacuazione i feriti.

Un testimone ha descritto gli attacchi di quel giorno come un tentativo di polverizzare i civili di Rafah, paragonando l’assalto a “una macchina per tritare le persone senza pietà”.

Analisi legale all’avanguardia
Per questa indagine, i racconti dei testimoni che descrivono la carneficina a Rafah sono stati verificati con riscontri incrociati tra centinaia di foto e video presi da varie fonti e molteplici sedi, così come con nuove immagini satellitari ad alta risoluzione ottenute da Amnesty International.

Un gruppo di ricercatori di Architettura legale ha utilizzato una serie di tecniche sofisticate per analizzare queste prove. I ricercatori hanno esaminato gli indicatori temporali all’interno di un’immagine – come l’angolo delle ombre o la forma e le dimensioni dei pennacchi di fumo, che agiscono come “orologi fisici” – per determinare con precisione gli attacchi nel tempo e nello spazio (un processo noto come geo-sincronizzazione).

L’analisi rivela che il 1° agosto gli attacchi israeliani contro Rafah hanno preso di mira diversi luoghi in cui si credeva potesse trovarsi il tenente Goldin, a prescindere dal pericolo rappresentato per i civili, il che suggerisce che gli attacchi avrebbero anche potuto ucciderlo.

In uno degli incidenti maggiormente letali, i ricercatori, con l’aiuto di militari esperti, sono stati in grado di confermare che le due bombe da una tonnellata – il più grande tipo di bomba nell’arsenale dell’aviazione israeliana – sono state sganciate su un edificio a un solo piano a al-Tannur, Rafah est. Decine di civili erano nelle immediate vicinanze in quel momento il che ha reso l’attacco esageratamente sproporzionato.

“La ferocia dell’attacco a Rafah mostra le misure estreme che le forze israeliane erano preparate a prendere per impedire la cattura in vita di un solo soldato – decine di vite civili palestinesi sono state sacrificate per questo unico scopo.” ha evidenziato Philip Luther.

L’analisi delle fotografie, dei video e degli altri elementi di prova multimediali da parte dei testimoni oculari è stato fondamentale per indagare sulle possibili violazioni in quanto le autorità israeliane hanno negato l’accesso al personale di Amnesty International nella Striscia di Gaza dall’inizio del conflitto del 2014.
“Architettura legale unisce nuove tecnologie architettoniche e mediali per ricostruire incidenti complessi basati sulle tracce che la violenza lascia sugli edifici durante un conflitto. I modelli architettonici ci aiutano a disegnare legami tra più elementi di prova, come immagini, video caricati sui social media e testimonianze per ricostruire virtualmente lo svolgersi degli eventi” ha dichiarato Eyal Weizman, direttore di Architettura legale.

Attacchi a ospedali e operatori sanitari
Le immagini satellitari e le fotografie analizzate per il rapporto mostrano i crateri e i danni che indicano come gli ospedali e le ambulanze siano stati ripetutamente attaccati durante l’assalto a Rafah, in violazione del diritto internazionale.

Un medico ha descritto come i pazienti siano fuggiti freneticamente dall’ospedale di Abu Youssef al-Najjar dopo l’intensificarsi degli attacchi sulla zona. Alcuni sono stati spinti giù dai letti, molti avevano ancora la flebo attaccata. Un ragazzo ingessato si è trascinato a terra pur di scappare.

Un’ambulanza che portava un anziano ferito, una donna e tre bambini è stata colpita da un missile sparato da un drone, facendola in fiamme e bruciando vivo chiunque fosse all’interno, operatori sanitari compresi. Jaber Darabih, un paramedico che era arrivato ??sulla scena, ha descritto i resti carbonizzati dei corpi come “senza gambe, senza mani… gravemente ustionati”. Tragicamente ha poi scoperto che anche suo figlio, un paramedico volontario, era tra quanti sono rimasti uccisi nell’ambulanza.

“Attaccando le ambulanze e colpendo vicino agli ospedali, l’esercito di Israele ha mostrato un plateale disprezzo per le leggi di guerra. Attaccare deliberatamente strutture sanitarie e medici professionisti equivale a compiere crimini di guerra”, ha ammonito Philip Luther.

Fine del ciclo di impunità
Questa indagine su Rafah fornisce una delle prove sinora più convincenti delle gravi violazioni del diritto umanitario internazionale, compresi i crimini di guerra, compiute durante il conflitto.

Nei precedenti rapporti, Amnesty International ha messo in evidenza le violazioni compiute da entrambe le parti, inclusi gli attacchi sistematici da parte di Israele sulle case civili e la sua deliberata distruzione di edifici civili multipiano; gli attacchi indiscriminati dei gruppi armati palestinesi e gli attacchi mirati ai civili in Israele, così come le uccisioni sommarie di palestinesi a Gaza.

Tuttavia, un anno dopo il conflitto, le autorità israeliane non hanno condotto indagini credibili, indipendenti e imparziali sulle violazioni del diritto umanitario internazionale. Limitate indagini militari di Israele su alcune delle azioni condotte dalle sue forze a Rafah il 1° agosto non hanno ancora accertato alcuna responsabilità.

“Finora, le autorità israeliane hanno dimostrato nel migliore dei casi di non essere in grado di svolgere indagini indipendenti sui crimini di diritto internazionale a Rafah e altrove e nel peggiore dei casi di non essere disposte a farlo. I risultati di questo rapporto aggiungono prove convincenti a un già grande mole di documentazione credibile delle gravi violazioni commesse durante il conflitto di Gaza, che richiedono indagini indipendenti, imparziali ed efficaci”, ha concluso Philip Luther.

“Le vittime e le loro famiglie hanno diritto alla giustizia e alla riparazione. E quanti sono sospettati di aver ordinato o commesso crimini di guerra devono essere perseguiti”.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 29 luglio 2015

Il rapporto “Venerdì nero’: carneficina a Rafah nel conflitto Israele/Gaza 2014” è disponibile insieme a ulteriori documenti all’indirizzo: https://blackfriday.amnesty.org/index.php

Hacking Team bad boys: To stop Iran’s bomb, bomb Iran

Re: To stop Iran’s bomb, bomb Iran

Email-ID 177761
Date 2015-04-02 17:28:28 UTC
From d.vincenzetti@hackingteam.com
To corsaiolo1949@libero.it
Totally agree.David

David Vincenzetti
CEO

Hacking Team
Milan Singapore Washington DC
http://www.hackingteam.com

email: d.vincenzetti@hackingteam.com
mobile: +39 3494403823
phone: +39 0229060603

On Apr 2, 2015, at 6:29 PM, corsaiolo1949@libero.it wrote:

Bhe…che Obama ha fatto danni lo sappiamo tutti..i danni del “non intervento” o del “silenzio” , spesso sono ben peggiori..perchè oltre ad avere conseguenze materiali hanno anche ripercussioni sulle politiche adoperate..
Obama sbaglia da tempo..e non solo con i vari ritiri truppe…ma, ad esempio, la volontà di creare uno stato per i palestinesi…di certo non è una grande mossa..pensando che come unico alleato forte, ad oggi, ha proprio Israele da quelle parti..e Natanyahu non nasconde irritazione..e non nasconde neanche l’intenzione seria di un intervento nei confronti dell’Iran..Il caos che regna in Turchia poi…non agevola molto..attaccare le centrali nucleari? certo…Stuxnet..ma poi? in altri periodi..l’America avrebbe sicuramente fomentato un’alternativa di governo..rivolte popolari…per poi agire..al momento opportuno..pensate che Obama sia in grado?……la sanità e l’orto della moglie hanno la precedenza..come farsi trattare a pesci in faccia da chiunque..
saluti
—-Messaggio originale—-
Da: d.vincenzetti@hackingteam.com
Data: 02/04/2015 11.55
A: “<corsaiolo1949@libero.it>”<corsaiolo1949@libero.it>, “Franz Marcolla”<metalmork@gmail.com>
Ogg: Fwd: To stop Iran’s bomb, bomb Iran

Agreed?

David

David Vincenzetti
CEO

Hacking Team
Milan Singapore Washington DC
http://www.hackingteam.com

email: d.vincenzetti@hackingteam.com
mobile: +39 3494403823
phone: +39 0229060603

Begin forwarded message:
Date: April 2, 2015 at 5:13:49 AM GMT+2
From: MARION BOWMAN <spikebowman@verizon.net>
Reply-To: MARION BOWMAN <spikebowman@verizon.net>
To: David Vincenzetti <d.vincenzetti@hackingteam.com>
Subject: Re: To stop Iran’s bomb, bomb Iran  

Having been a diplomat in Italy for 3 years I find it amazing to find a “neocon” in Italy.  Welcome to the club! Spike
I doubt that we will ever again, in our lifetimes, have a peace-time President.

•”A universal peace, it is to be feared, is in the catalogue of events, which will never exist but in the
imaginations of visionary philosophers, or in the breasts of benevolent
enthusiasts.” –James Madison
From: David Vincenzetti <d.vincenzetti@hackingteam.com>
To: list@hackingteam.it; flist@hackingteam.it
Sent: Wednesday, April 1, 2015 10:56 PM
Subject: To stop Iran’s bomb, bomb Iran

[ OT? Not really. ]

I COULD NOT agree more with John Bolton.
YES, if I were American (I am Italian) I would probably be a NEOCON.

[ MAY I SUGGEST YOU (yet again) a truly insightful — and undoubtedly MY FAVORITE — BOOK on IRAN’s HISTORY OF DECEPTION?  It’s a must-read to me.  The book: “The Rise of Nuclear Iran: How Tehran Defies the West”, by Dore Gold, available at Amazon ( http://www.amazon.com/The-Rise-Nuclear-Iran-Tehran/dp/1596985712 ) ]
[ EDITED TO ADD: A nice interview is available at http://www.aei.org/press/iran-backs-away-from-uranium-concession-ahead-of-deadline-bolton-on-fox-news-the-real-story/ ]

Enjoy the reading, have a great day!

From The AEI, also available athttp://www.aei.org/publication/to-stop-irans-bomb-bomb-iran  , FYI,David

John R. Bolton @AmbJohnBoltonSenior FellowResearch areas: Foreign policy, International organizationsJohn R. Bolton, a diplomat and a lawyer, has spent many years in public service. From August 2005 to December 2006, he served as the U.S. permanent representative to the United Nations. From 2001 to 2005, he was under secretary of state for arms control and international security. At AEI, Ambassador Bolton’s area of research is U.S. foreign and national security policy.
March 26, 2015 | The New York TimesTo stop Iran’s bomb, bomb IranForeign and Defense Policy
Iranian Foreign Minister Javad Zarif addresses a news conference after a meeting in Vienna November 24, 2014. Reuters
For years, experts worried that the Middle East would face an uncontrollable nuclear-arms race if Iran ever acquired weapons capability. Given the region’s political, religious and ethnic conflicts, the logic is straightforward.As in other nuclear proliferation cases like India, Pakistan and North Korea, America and the West were guilty of inattention when they should have been vigilant. But failing to act in the past is no excuse for making the same mistakes now. All presidents enter office facing the cumulative effects of their predecessors’ decisions. But each is responsible for what happens on his watch. President Obama’s approach on Iran has brought a bad situation to the brink of catastrophe.In theory, comprehensive international sanctions, rigorously enforced and universally adhered to, might have broken the back of Iran’s nuclear program. But the sanctions imposed have not met those criteria. Naturally, Tehran wants to be free of them, but the president’s own director of National Intelligence testified in 2014 that they had not stopped Iran’s progressing its nuclear program. There is now widespread acknowledgment that the rosy 2007 National Intelligence Estimate, which judged that Iran’s weapons program was halted in 2003, was an embarrassment, little more than wishful thinking.Even absent palpable proof, like a nuclear test, Iran’s steady progress toward nuclear weapons has long been evident. Now the arms race has begun: Neighboring countries are moving forward, driven by fears that Mr. Obama’s diplomacy is fostering a nuclear Iran. Saudi Arabia, keystone of the oil-producing monarchies, has long been expected to move first. No way would the Sunni Saudis allow the Shiite Persians to outpace them in the quest for dominance within Islam and Middle Eastern geopolitical hegemony. Because of reports of early Saudi funding, analysts have long believed that Saudi Arabia has an option to obtain nuclear weapons from Pakistan, allowing it to become a nuclear-weapons state overnight. Egypt and Turkey, both with imperial legacies and modern aspirations, and similarly distrustful of Tehran, would be right behind.Ironically perhaps, Israel’s nuclear weapons have not triggered an arms race. Other states in the region understood — even if they couldn’t admit it publicly — that Israel’s nukes were intended as a deterrent, not as an offensive measure.Iran is a different story. Extensive progress in uranium enrichment and plutonium reprocessing reveal its ambitions. Saudi, Egyptian and Turkish interests are complex and conflicting, but faced with Iran’s threat, all have concluded that nuclear weapons are essential.The former Saudi intelligence chief, Prince Turki al-Faisal, said recently, “whatever comes out of these talks, we will want the same.” He added, “if Iran has the ability to enrich uranium to whatever level, it’s not just Saudi Arabia that’s going to ask for that.” Obviously, the Saudis, Turkey and Egypt will not be issuing news releases trumpeting their intentions. But the evidence is accumulating that they have quickened their pace toward developing weapons.Saudi Arabia has signed nuclear cooperation agreements with South Korea, China, France and Argentina, aiming to build a total of 16 reactors by 2030. The Saudis also just hosted meetings with the leaders of Pakistan, Egypt and Turkey; nuclear matters were almost certainly on the agenda. Pakistan could quickly supply nuclear weapons or technology to Egypt, Turkey and others. Or, for the right price, North Korea might sell behind the backs of its Iranian friends.The Obama administration’s increasingly frantic efforts to reach agreement with Iran have spurred demands for ever-greater concessions from Washington. Successive administrations, Democratic and Republican, worked hard, with varying success, to forestall or terminate efforts to acquire nuclear weapons by states as diverse as South Korea, Taiwan, Argentina, Brazil and South Africa. Even where civilian nuclear reactors were tolerated, access to the rest of the nuclear fuel cycle was typically avoided. Everyone involved understood why.This gold standard is now everywhere in jeopardy because the president’s policy is empowering Iran. Whether diplomacy and sanctions would ever have worked against the hard-liners running Iran is unlikely. But abandoning the red line on weapons-grade fuel drawn originally by the Europeans in 2003, and by the United Nations Security Council in several resolutions, has alarmed the Middle East and effectively handed a permit to Iran’s nuclear weapons establishment.The inescapable conclusion is that Iran will not negotiate away its nuclear program. Nor will sanctions block its building a broad and deep weapons infrastructure. The inconvenient truth is that only military action like Israel’s 1981 attack on Saddam Hussein’s Osirak reactor in Iraq or its 2007 destruction of a Syrian reactor, designed and built by North Korea, can accomplish what is required. Time is terribly short, but a strike can still succeed.Rendering inoperable the Natanz and Fordow uranium-enrichment installations and the Arak heavy-water production facility and reactor would be priorities. So, too, would be the little-noticed but critical uranium-conversion facility at Isfahan. An attack need not destroy all of Iran’s nuclear infrastructure, but by breaking key links in the nuclear-fuel cycle, it could set back its program by three to five years. The United States could do a thorough job of destruction, but Israel alone can do what’s necessary. Such action should be combined with vigorous American support for Iran’s opposition, aimed at regime change in Tehran.Mr. Obama’s fascination with an Iranian nuclear deal always had an air of unreality. But by ignoring the strategic implications of such diplomacy, these talks have triggered a potential wave of nuclear programs. The president’s biggest legacy could be a thoroughly nuclear-weaponized Middle East.John R. Bolton, a scholar at the American Enterprise Institute, was the United States ambassador to the United Nations from August 2005 to December 2006.Iran | Iran nuclear negoations

David Vincenzetti
CEO

Hacking Team
Milan Singapore Washington DC
http://www.hackingteam.com

 

thanks to: Wikileaks

Gaza un anno dopo le bombe: il ricordo di un medico

Il cardiochirurgo Saher Abughali racconta i giorni dell’operazione israeliana “Margine Protettivo”: “Mi sentivo un macellaio: tagliavo, cucivo, amputavo”. Gli ospedali della Striscia tra i target dell’aviazione di Tel Aviv.

10955522_1836511773241528_796981151672772255_n

 

Gaza un anno dopo le bombe: il ricordo di un medico.

Guerra a Gaza, Rapporto medico: «Gravi violazioni»

23/06/2015  «Gravi violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario». È questa la sintesi di “No safe place” (Nessun luogo sicuro), il primo rapporto medico indipendente su “Margine protettivo”, l’operazione attuata dall’esercito israeliano nella Striscia di Gaza tra l’8 luglio e il 26 agosto 2014.

Lo studio è stato redatto, su richiesta di Medici per i Diritti Umani–Israele e in collaborazione con tre associazioni umanitarie palestinesi, da un team di otto esperti internazionali. Hanno raccolto testimonianze di feriti (a Gaza, in Cisgiordania, Israele e Giordania), letto cartelle cliniche, analizzato foto di cadaveri, intervistato i medici che durante i 50 giorni di scontri hanno assistito i palestinesi, ma anche i soldati e i residenti israeliani.

Alla firma della tregua, il bollettino di guerra contava tra gli abitanti di Gaza 2.100 morti (almeno il 70% civili, oltre 500 bambini), 11 mila feriti e 100 mila rimasti senza tetto, mentre gli israeliani uccisi erano 67 soldati e 6 civili, tra cui un bambino e un lavoratore migrante. I feriti erano 469 militari e 255 civili.

In particolare, ora gli esperti internazionali puntano il dito contro i vertici dell’esercito israeliano per la mancanza di «distinzione tra obiettivi militari legittimi e popolazione civile» e per le modalità che hanno causato un incremento delle vittime. «Fallimento dei meccanismi di allarme, assenza di vie di fuga, collasso del sistema dei feriti e attacchi contro le squadre di soccorso», sintetizzano.

«Le prove raccolte», aggiungono, «dovrebbero essere utilizzate per l’accertamento legale attraverso le istituzioni giudiziarie locali e internazionali». Secondo l’inchiesta, la quasi totalità delle lesioni mortali sono il risultato di esplosioni o traumi da schiacciamento, spesso subiti nella propria abitazione o in quella di vicini e parenti. Sono stati registrati «numerosi casi di attacco double tap (doppio colpo), o una serie di attacchi consecutivi su una singola zona».

E l’elenco continua con «esplosivi pesanti nei quartiere residenziali, soccorittori feriti o uccisi in particolare a Shuja’iya a Gaza, l’utilizzo di mine tsefa shirion in una strada residenziale di Khuza’a a Khan Yunis, l’attacco deliberato all’ospedale Shuhada Al Aqsa di Deir Al Balah (21 luglio 2014)».

Il lungo elenco delle violazioni dei diritti umani

Il rapporto documenta che nella città di Khuza’a, il 23 luglio, è stato attaccato un convoglio che trasportava centinaia di civili in fuga; quando poi si sono rifugiati in una clinica medica, i missili hanno colpito anche questa struttura, causando ulteriori morti e feriti. Il giorno dopo, «è stata negata assistenza medica a un bambino di 6 anni ferito gravemente. Dopo che la sua evacuazione è stata ostacolata nonostante fosse stato visto dalle truppe di terra, il bambino è deceduto». Sempre a Khuza’a «in una casa occupata da soldati israeliani», denunciano gli esperti internazionali, «i civili hanno subito abusi e maltrattamenti, sono stati percossi, si sono visti rifiutare acqua e cibo e infine sono stati usati come scudi umani. Uno di essi è stato ucciso a distanza ravvicinata».

Dal punto di vista medico, le conseguenze dei 50 giorni dell’operazione sono legate anche «alle restrizioni imposte agli ospedali di Gaza, agli effetti della distruzione di circa 18 mila abitazioni, ai danni a lungo termine sulla salute psicosociale e mentale dei civili, all’aumento della richiesta di servizi di riabilitazione».

Per l’Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi in Medio Oriente (Unrwa), «praticamente tutti i bambini di Gaza contano un familiare o un amico ucciso, menomato o ferito durante il conflitto, spesso davanti ai loro occhi. Mille dei 3.000 bambini feriti rimarranno disabili per il resto della vita».

Nel frattempo, il portavoce Unrwa Chris Gunness denuncia che «a sei mesi di distanza, i soldi promessi dai donatori internazionali non sono arrivati». Per questo, da febbraio la sua Agenzia ha dovuto interrompere il programma “Salva vita” per le famiglie sfollate. All’inizio del 2015 Gaza è stata colpita dalla tempesta Huda: quattro bambini sono morti per ipotermia. Salma, la più piccola, aveva solo 40 giorni. Da quando una bomba ha distrutto la casa, la sua famiglia abita a Beit Hanoun in una baracca di legno coperta da un telone di plastica che sventola ad ogni folata di vento gelido. «Quel giorno eravamo tutti bagnati fino alle ossa», ha raccontato la madre, «perché la pioggia entrava in casa e ha bagnato la copertina di Salma. L’ho trovata che tremava, il corpo freddo come il ghiaccio».

Stefano Pasta

thanks to: Famiglia Cristiana

Monsanto Linked to Israel’s Use of White Phosphorous in Gaza ‘War’

Phos - 620

Agribusiness giant Monsanto – best known for their genetically modified soybeans and “probably carcinogenic” herbicide – has supplied the US government with white phosphorous used in incendiary weapons for at least 20 years, and some of that made its way to Israel for use in Operation Cast Lead.

Monsanto Linked to Israel’s Use of White Phosphorous in Gaza ‘War’.

“Gaza e l’industria israeliana della violenza”

https://i2.wp.com/www.ism-italia.org/wp-content/uploads/Shejaiya-Gaza.jpg

Il saggio Gaza e l’industria della violenza israeliana è stato scritto da Enrico Bartolomei, Diana Carminati e Alfredo Tradardi con una postfazione di Anna Delfina Arcostanzo.

Il saggio sarà nelle librerie a partire dal 24 giugno 2015.

Per presentazioni sarà disponibile a partire dal 16 giugno.

La richiesta di presentazioni va inviata a:

Alfredo Tradardi alfredo.tradardi@gmail.com o a

Enrico Bartolomei bartolomeienrico@yahoo.it

Per la scheda di presentazione del saggio scaricare il file seguente:

Scheda del saggio Gaza e l’industria della violenza israeliana

La scheda di presentazione contiene la foto della copertina, una dedica , una sintesi del saggio, l’indice e i curricula degli autori.

La dedica del saggio:

Nel gennaio 2014, uno degli autori ha partecipato con un gruppo di

attivisti a una missione di solidarietà nella Striscia di Gaza.

Una mattina, mentre raccoglieva conchiglie sulla spiaggia vicino al

porto, un gruppo di bambini si è avvicinato entusiasta, riempiendogli

il palmo delle mani con un mucchietto di conchiglie.

Il 16 luglio del 2014 i corpicini di Ahed e Zakaria, 10 anni, Mohamed,

11 anni, Ismail, 9 anni, tutti cugini della famiglia Bakr, venivano fatti a pezzi

da due missili mentre giocavano sulla stessa spiaggia

Questo libro è dedicato alla loro  memoria, con la promessa di restituire

un giorno quelle conchiglie alla spiaggia di una Gaza liberata

thanks to: ISM-Italia

GAZA, tra le macerie della sanità

Strutture demolite o inagibili, mancanza di posti letto, di elettricità, di farmaci e di attrezzature mediche: trascorso quasi un anno dalla fine della guerra, la situazione degli ospedali nella Striscia resta drammatica

Dyalisis service in al-Najjar hospital - Rafah

Testo e foto di Federica Iezzi

Khan Younis (Striscia di Gaza), 25 maggio 2015, Nena News – Secondo gli ultimi dati dell’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umani, nella Striscia di Gaza 17 dei 32 ospedali e 50 dei 97 centri sanitari di base sono stati danneggiati durante l’operazione Margine Protettivo, l’ultima offensiva militare israeliana. Sei ospedali sono stati costretti a chiudere, nel corso del conflitto, e quattro centri sanitari di base sono stati completamente distrutti.

Ne è un esempio il Mohammed al-Durrah children’s hospital, il solo ospedale della Striscia di Gaza che fornisce assistenza sanitaria ai bambini, nella zona est di Gaza City, che conta almeno 300.000 abitanti. Riaperto al pubblico alla fine dello scorso gennaio, fatica ancora a rientrare nella quotidianità. Secondo le statistiche del ministero palestinese della Salute, rispetto ai primi sei mesi del 2014, in cui sono stati visitati 3.453 bambini, circa 500 al mese, dall’inizio del 2015 i piccoli pazienti visitati negli ambulatori dell’ospedale sono stati 1.789.

Oggi l’al-Durrah hospital conta circa un centinaio di posti letto. E’ diventato il nucleo coordinatore di tutti i centri di cure primarie pediatriche sulla Striscia. Sono di nuovo attivi gli ambulatori di neurologia, di endocrinologia, di malattie infettive, di nefrologia, di ematologia e della clinica gastrointestinale. Ancora ferme invece le sale operatorie, per mancanza di macchinari ed elettricità.

Il servizio di dialisi pediatrico è totalmente affidato all’Abdel al-Rantisi hospital, a Gaza City. A causa dell’instabile fornitura di energia elettrica, le tre macchine per dialisi non hanno un costante funzionamento.

I mesi successivi alla guerra hanno visto ulteriori difficoltà. Personale ospedaliero non pagato ormai da più di 18 mesi. Distribuita acqua corrente per 6-8 ore al giorno. Erogato solo il 46% di elettricità richiesta per il funzionamento di respiratori automatici, monitor e macchinari. La carenza di carburante frena l’utilizzo dei generatori elettrici. Per insufficienti forniture di carburante, ridotti anche i servizi in ambulanza.

Paediatric department in al-NajjaNell’Abu Youssef al-Najjar hospital a Rafah, a sud della Striscia di Gaza, attualmente i dipartimenti funzionanti sono quelli di medicina generale e pediatria. Ripresa quasi a pieno ritmo l’attività del centro dialisi, che garantisce il servizio nell’intera zona sud della Striscia.

Il personale sanitario gestisce nelle sole due sale operatorie interventi di ortopedia, chirurgia generale e chirurgia pediatrica, senza una terapia intensiva. In lista otto interventi di elezione ogni giorno più 1-2 eventuali interventi d’urgenza.

Inizialmente creato per essere solo un centro per le cure primarie, grazie ai risultati della campagna “Rafah needs a hospital”, il governo palestinese stanzierà 24 milioni di dollari e quattro ettari di terreno, per l’adeguamento dell’ospedale all’assistenza delle almeno 230.000 persone, residenti nell’area di oltre 4.000 metri quadrati. L’obiettivo è quello di far arrivare l’al-Najjar hospital a 230 posti letto. Attualmente vengono occupati 101 posti letto, distribuiti in medicina generale, pediatria, servizio dialisi, pronto soccorso e day hospital, di cui appena 60 quotidianamente funzionanti.

A Rafah in seguito all’attacco israeliano del primo agosto scorso persero la vita 112 persone e nei due giorni successivi ne morirono altre 120. Durante l’operazione Margine Protettivo, nella sola Rafah, hanno perso la vita 454 persone, di cui 128 bambini. 1052 furono i feriti. Molti dei quali ricevettero un blando antidolorifico e non furono ammessi in ospedale per mancanza di spazio.

Attualmente solo due ospedali forniscono servizi medici alla popolazione del distretto sud della Striscia di Gaza, l’Abu Youseff al-Najjar hospital e l’European Gaza Hospital di Khan Younis. Mentre le cure nel primo sono limitate dalla mancanza di attrezzature e materiali medico-chirurgici, le cure nel secondo sono di difficile accesso, soprattutto durante le guerre, a causa della posizione vicino ai confini nordorientali con Israele.

In collaborazione con il ministero della Salute palestinese, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha finora completato la ristrutturazione nell’al-Durrah hospital e nell’ospedale di Beit Hanoun. Inoltre, ha finanziato la fornitura di attrezzature mediche e chirurgiche a nove ospedali pubblici. E ha partecipato ai lavori di ricostruzione nelle sale operatorie dell’European Gaza Hospital e nel Shuhada al-Aqsa Martyrs hospital, di Deir al-Balah.

Completamente demolito l’el-Wafa rehabilitation hospital, nel quartiere di Shujaiyya, a est di Gaza City, da un’ostinata serie di pesanti attacchi aerei, durante Margine Protettivo. Oggi l’ospedale utilizza ancora una sede temporanea nell’area di al-Zahara, alla periferia di Gaza City. Locazione condivisa con l’el-Wafa elderly care center.

Attualmente la disponibilità di posti letto è scesa da 145 a 40. Sono di nuovo funzionanti i servizi di fisioterapia e lungodegenza. Soppressi almeno 19 servizi clinici. Dallo scorso settembre ripreso il servizio domiciliare di fisioterapia, ai circa 6000 pazienti disabili e feriti gravemente dal conflitto. All’aria 13,5 milioni di dollari tra edificio, attrezzature e strumenti medicali totalmente distrutti. Dalla fine del conflitto sono stati ricevuti dall’ospedale solo la metà tra dotazioni e macchinari persi, grazie a donazioni internazionali.

Ematology departmenIn tutti gli ospedali della Striscia, si convive ancora con una grossa carenza di materiale medico e chirurgico. L’assedio israeliano non permette l’ingresso di farmaci per terapie croniche, gas medicali, strumentazione sanitaria e pezzi di ricambio per equipaggiamenti danneggiati.

Secondo il Central Drug Store di Gaza, farmaci essenziali e materiali monouso hanno raggiunto il ‘livello zero’ di magazzino, cioè le quantità presenti nel magazzino centrale non sono sufficienti a coprire i bisogni di un mese.

L’incremento dei casi di cancro è stato drammatico nella Striscia di Gaza. I dati del ministero della Salute palestinese parlano di 73 casi su 100.000 abitanti. La principale causa sarebbe ancora una volta il fosforo bianco, usato dall’esercito di Tel Aviv già durante l’operazione Piombo Fuso nel 2008. Nel dipartimento dei tumori dell’al-Shifa hospital, a Gaza City, non si riescono più a fronteggiare i trattamenti anti-tumorali, a causa della mancanza di attrezzature e medicinali.

Ogni mese solo il 10%, dei 1500 gazawi che chiedono il permesso di ingresso in Cisgiordania, Israele e Egitto per cure mediche, riceve un appropriato trattamento anti-tumorale.

thanks to: Nena News

“…but still with a few hope in our hearts” “… Ma ancora con qualche speranza nei nostri cuori”

20th May 2015 | Inas Jam | Khuzaa, Gaza.

Editor’s note: This is the testimony of a 23 year old woman who survived the land invasion of Khuzaa, Gaza, in the summer of 2014. This is the original version of her writings and no edits have been made.

We were in Khuzaa in our grandfather’s house when the war started. We thought Khuzaa was the safest area. But the 23rd July Khuzaa was a surrounded by tanks, drones and we started hearing many bombs.

We went to the basement to hide from the shooting but my grandfather stayed in the first floor with the other men…
Four days passed by very slowly and with a lot of difficulty, in the last day someone came to tell us that we had to leave Khuzaa.

We accepted and hurried up to the street, we were frightened, the planes were upon us, we were surprised because we thought there was nobody left in Khuzaa, but we saw many people crying, shouting, men injured by gunshot, they were walking covered in blood.
All was very sad.
While we were walking we saw the smoke from the bombs. Everyone was crying, men, women, old people and children.
The trepidation got into our hearts.
Some bombs felled in front of our eyes.
The streets were full of people running.
At some point we had to return back because we found in the street a big hole made by a rocket that prevented us to continue.

Casa Khhuzaa 2

When we returned back we found many families in the ground floor.
At night Apache helicopters started hitting the homes with the families inside.
We heard the footsteps of the occupation soldiers; the children were very quiet, they were afraid that the soldiers would hear them.
We heard many people getting killed in their homes.

In the morning somebody came and told us we must leave Khuzaa because Israel was killing everyone, they were shooting at everything, moving or not…
We forced ourselves to go out, but my grandfather refused to leave “I want to die in my home, not in the street like the people from Shijaia”.

Khuzaa casa

We went out thinking that we would be killed by the zionist occupiers, but still with a few hope in our hearts.
I left with my mother, my sister and some other people; we saw rubble, glass and corpses in the street.

I saw a child in the street with his stomach and bowels out. I started shouting what was that, where was the world, where were the Arab countries… and kept crying while going on.

We couldn’t do anything because we were afraid we would get killed by an helicopter or by any kind of weapon, we didn’t know where were the zionist soldiers.

We kept running and running. When we arrived to the entrance of the village we saw many tanks and many soldiers, I was crying so much, and the soldiers started laughing at me.
I’m so sorry I couldn’t stop crying!

When we arrived to Khan Younis we received the bad news, my grandfather had been killed by the occupation. My uncle, who also stayed in Khuzaa, explained me what happened: “grandfather went out from the basement to tell the soldiers that there were just men, women and children in those homes, who had no weapons to defend themselves. But the soldiers killed him putting two bullets in his heart. Everybody was crying then, we were frightened. After that they took us out and took the men to the homes that they were using as base and put them in front of the windows, as human shields. Later they started hitting the men with sticks. Then ordered Alaa Qudaih (the nephew of my grandfather)to take off the clothes of my grandfather. Alaa couldn’t stop crying while doing it. After he covered him with a red blanket. Finally the occupation ordered us to leave Khuzaa and go to Khan Younes.

Casa Khuzaa 1

After three days the occupation allowed us to finally take the corpses to the Hospital.
There were many corpses in the streets, in their homes and under the rubble.

By Inas Jam.

“… Ma ancora con qualche speranza nei nostri cuori”

20 Maggio 2015 | Inas Jam | Khuzaa, Gaza.

Nota del redattore: Questa è la testimonianza di una donna di 23 anni che è sopravvissuta all’invasione di terra di Khuzaa, Gaza, nell’estate del 2014. Questa è la versione originale dei suoi scritti e non sono state apportate modifiche.

Eravamo a Khuzaa nella casa di nostro nonno, quando è iniziata la guerra. Abbiamo pensato che Khuzaa era la zona più sicura. Ma il 23 luglio  Khuzaa è stata circondata da carri armati, e sorvolata da droni e abbiamo cominciato a sentire tante bombe.

image

Siamo andati al piano seminterrato per nasconderci dalle bombe, ma mio nonno è stato al primo piano con gli altri uomini …
Quattro giorni sono passati molto lentamente e con molte difficoltà, e negli ultimi giorni qualcuno è venuto a dirci che avremmo dovuto lasciare Khuzaa.

Abbiamo accettato e siamo corsi fino alla strada, eravamo spaventati, gli aerei erano su di noi, siamo rimasti sorpresi perché abbiamo pensato che non era rimasto nessuno a Khuzaa, ma abbiamo visto molte persone piangere, gridare, feriti da arma da fuoco, persone che camminavano coperti di sangue.
Tutto era molto triste.
Mentre stavamo camminando abbiamo visto il fumo delle bombe. Tutti piangevano, uomini, donne, vecchi e bambini.
La trepidazione era nei nostri cuori.
Alcune bombe sono cadute davanti ai nostri occhi.
Le strade erano piene di gente che correva.
Ad un certo punto abbiamo dovuto tornare indietro perché abbiamo trovato in strada un grande buco fatto da un razzo che ci ha impedito di continuare.

image

Quando siamo tornati indietro abbiamo trovato molte famiglie al piano terra.
Di notte gli elicotteri Apache hanno iniziato a colpire le case con le famiglie all’interno.
Abbiamo sentito i passi dei soldati occupanti; i bambini erano molto tranquilli, avevano paura che i soldati li sentissero.
Abbiamo sentito di molte persone uccise nelle loro case.

La mattina qualcuno è venuto e ci ha detto che dovevamo lasciare Khuzaa perché Israele stava uccidendo tutti, sparavano a tutto, in movimento o no …
Ci siamo costretti ad andare fuori, ma mio nonno ha rifiutato di lasciare la casa “Voglio morire a casa mia, non in strada, come la gente di Shijaia”.

image

Siamo andati fuori pensando che saremmo stati uccisi dagli occupanti sionisti, ma ancora con qualche speranza nei nostri cuori.
Sono partita con mia madre, mia sorella e alcune altre persone; abbiamo visto macerie, vetro e cadaveri in strada.

Ho visto un bambino in strada con lo stomaco e le viscere fuori. Ho cominciato a gridare che cosa era, dove era il mondo, dove sono i paesi arabi … e continuavo a piangere, mentre correvo.

Non abbiamo potuto fare niente perché avevamo paura che ci avrebbero uccisi da un elicottero o da qualsiasi tipo di arma, non sapevamo dove erano i soldati sionisti.

Abbiamo continuato a correre e correre. Quando siamo arrivati ​​all’ingresso del villaggio abbiamo visto carri armati e molti soldati, molti, piangevo tanto, e i soldati hanno iniziato a ridere di me.
Mi dispiace tanto che non riuscivo a smettere di piangere!

Quando siamo arrivati ​​a Khan Younis abbiamo ricevuto la brutta notizia, mio ​​nonno era stato ucciso dall’occupazione. Mio zio, che ha anche soggiornato a Khuzaa, mi ha spiegato cosa era successo: “il nonno è uscito dalla cantina per dire ai soldati che vi erano solo uomini, donne e bambini in quelle case, che non avevano armi per difendersi. Ma i soldati lo hanno ucciso mettendogli due proiettili nel cuore. Tutti piangevano allora, eravamo spaventati. Dopo di che ci hanno portato fuori e hanno preso gli uomini dalle case che stavano usando come base per metterli di fronte alle finestre, come scudi umani. Poi hanno iniziato a colpire gli uomini con bastoni. Poi hanno ordinato a Alaa Qudaih (il nipote di mio nonno) di togliere i vestiti di mio nonno. Alaa non riusciva a smettere di piangere allo stesso tempo. Dopo lo ha coperto con una coperta rossa. Infine l’occupazione ci ha ordinato di lasciare Khuzaa e andare a Khan Younes”.

Dopo tre giorni l’occupazione ci ha permesso di portare finalmente i cadaveri all’ospedale.
Ci sono stati molti cadaveri per le strade, nelle loro case e sotto le macerie.

Di Inas Jam.

thanks to: ISM

Rete italiana ISM

Militare israeliano: “Abbiamo bombardato i civili per divertimento”


gazaaDays of Palestine (Parigi). “In quel momento non vi erano combattenti di Hamas, nessuno ci aveva sparato addosso, il comandante disse scherzando: ‘Dobbiamo inviare a Bureij un buongiorno da parte dell’esercito israeliano”, ha riferito Arieh su quanto detto dal suo comandante. 

“Ricordo che un giorno un soldato della nostra unità fu ucciso ed il nostro comandante ci chiese di vendicarlo, così ho puntato il carro-armato casualmente in direzione di un grande edificio residenziale bianco” ha detto Arieh.

Un soldato israeliano ha dichiarato che lui ed i suoi colleghi hanno bombardato civili nella Striscia di Gaza durante l’offensiva israeliana dello scorso anno “per divertimento”.

Durante un’intervista rilasciata martedì’ scorso, il soldato israeliano Arieh, ventenne, ha dichiarato: “Sono stato chiamato in servizio all’inizio di luglio 2014 e sono stato dispiegato nella Striscia di Gaza, ma fino a quel momento l’operazione [Operazione Margine Protettivo] non era ancora stata annunciata.

“Soltanto alcuni soldati ipotizzavano che ci sarebbe stata una guerra, dopodiché il nostro comandante ci disse di immaginare un raggio di 200 metri e di colpire immediatamente qualsiasi cosa che si muiovesse all’interno di questo cerchio”.

Egli ha sottolneato: “Abbiamo colpito obiettivi civili per divertimento”, precisando che “un giorno, circa alle 8 del mattino, siamo andati ad al-Bureij, un campo per rifugiati molto popoloso nel centro di Gaza, ed il comandante ci disse di individuare un obiettivo a caso e di sparargli”.

“In quel momento non abbiamo visto nessun combattente di Hamas, nessuno ci ha sparato, ma il comandante ci disse scherzando: ‘Dobbiamo inviare a Bureij un buongiorno da parte dell’esercito israeliano’”.

“Ricordo che un giorno un soldato della nostra unita’ fu ucciso ed il nostro comandante ci chiese di vendicarlo, così ho puntato il carro-armato casualmente in direzione di un grande edificio residenziale bianco, distante solo quattro chilometri da noi, ed ho sparato una granata verso l’undicesimo piano. Sicuramente ho ucciso civili che erano assolutamente innocenti”, ha continuato.

Ha inoltre sottolineato che l’obiettivo era di distruggere le infrastrutture di Gaza, non soltanto Hamas, affermando: “Siamo entrati nella Striscia di Gaza il 19 luglio 2014 alla ricerca dei tunnel di Hamas, tra Gaza ed ‘Israele’, ma il nostro vero obiettivo era distruggere Hamas e le infrastrutture della Striscia di Gaza”.

La ragione di tutto ciò, ha detto “Per creare il maggior danno possibile ai terreni agricoli e all’economia. Hamas doveva pagare un conto molto oneroso in modo che la prossima volta ci pensasse due volte prima di entrare in una nuova guerra contro di noi”.

“Abbiamo distrutto molti edifici palestinesi, aziende agricole e pali elettrici. Ci era stato detto di ‘evitare il più possibile le vittime civili’, ma come avremmo potuto farlo quando ci avevano chiesto di lasciare dietro di noi una tale distruzione?”, si è inoltre domandato.

Arieh ha detto: “Durante le operazioni nella Striscia di Gaza, il comandante dell’unità aveva detto ‘Se vedete qualcuno davanti al carro-armato che non scappa immediatamente, dovete ucciderlo’ dimostrando così che poteva benissimo sapere che si trattava di civili”.

Ha inoltre continuato: “Usavamo granate in quantità enormi, anche quando non vedevamo niente che si muovesse, se una finestra era aperta, le sparavamo contro. Se vedevamo un auto in movimento, le sparavamo contro un razzo. Lanciavamo missili ad oggetti in movimento e non alle persone. Non notavamo persone che si muovessero nelle zone circostanti, ma sparavamo in ogni caso”.

“Posso confermare che abbiamo visto soltanto civili, non abbiamo visto nessun combattente di Hamas. Sapevamo che loro si muovevano attraverso i tunnel”.

Arieh è uno dei circa 60 militari israeliani che hanno accettato di testimoniare in un rapporto preparato dall’organizzazione israeliana per i diritti umani Breaking the Silence.

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

thanks to: Infopal

Israele e i suoi valori umani: 850 borse di studio universitarie per chi ha partecipato al massacro di Gaza

BeitHanounBtselem

Alternativenews.org. L’Università di Tel Aviv ha recentemente premiato con borse di studio 850 studenti che hanno preso parte all’aggressione militare israeliana dell’estate scorsa contro la Striscia di Gaza. La “Borsa di Studio del Presidente per Servizi resi durante l’Operazione Margine Protettivo”, che ammonta fino a 2.000 shekel israeliani, è stata assegnata ai vincitori come credito per l’insegnamento.

Già durante l’attacco, che ha ucciso circa 2.200 Palestinesi e ne ha feriti oltre 10.800, il preside dell’Università di Tel Aviv, Joseph Klafter, aveva annunciato che queste borse di studio sarebbero state rese possibili grazie ad una campagna di raccolta fondi creata espressamente per questo scopo.

Al culmine dell’attacco, l’Università di Tel Aviv aveva pubblicato sul suo sito in inglese che “il preside prof. Klafter aveva espresso la sua profonda stima per quegli studenti che avevano lasciato i loro studi per servire il loro paese, sottolineando che lo scopo delle borse di studio era di aiutarli a recuperare le lezioni che avevano perso in modo tale da non mettere a repentaglio il completamento della loro laurea e delle loro ricerche”.

E’ stato citato Klafter anche quando afferma che “molti studenti e laureati dell’Università di Tel Aviv hanno prestato servizio in tutte le guerre ed operazioni militari di Israele, compreso il conflitto in corso, in tutti i vari ruoli di comando. Per di più molti dei nostri ricercatori hanno vinto il premio Israel Defense per le loro attività svolte al servizio dello stato”.

Gli studenti che effettuano un regolare programma di laurea o di master all’università, che erano studenti durante l’anno accademico 2013-2014 e che hanno prestato servizio per almeno sette giorni a seguito di una chiamata di emergenza militare durante l’attacco, e che continuano i loro studi durante l’anno accademico 2014-2015, posseggono i requisiti per la borsa di studio.

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

viaIsraele e i suoi valori umani: 850 borse di studio universitarie per chi ha partecipato al massacro di Gaza | InfopalInfopal.

“Il Calvario oggi si trova a Gaza”

"<p>Bombardamenti

 

“Parlare della sofferenza di Gaza non è semplice: oggi il Calvario non è a Gerusalemme, è in una piazza insanguinata nella Striscia di Gaza”. Usa toni forti monsignor Luigi Ginami, della Segreteria di Stato vaticana, riferendo all’AdnKronos la sua esperienza recente di una visita in quel lembo tormentato del Medio Oriente e della Terra Santa.

Confessa l’esponente vaticano, che ha fondato la onlus ‘Amici di Santina’ per il sostegno concreto all’infanzia, a Gaza come in Kenya o nelle favelas dell’America Latina: “Ho fatto fatica a prendere in mano la penna, per fissare quanto avevo visto e ho fatto passare quindici giorni di silenzio e di meditazione, perché – spiega – davanti a quanto abbiamo visto occorre rispetto, occorre riflessione e soprattutto occorre tanta preghiera per regalare significato a quanto abbiamo potuto vivere e condividere”.

A fine ottobre, monsignor Ginami con un piccolo gruppo di fidati collaboratori ha ‘vissuto’ più che semplicemente visitato Gaza e i suoi dintorni; è andato all’ospedale di Shifa, ha incontrato le vittime sopravvissute al massacro di Safa, ha persino avuto un contatto diretto con una famiglia del braccio armato di Hamas, per osservare la realtà da ogni possibile prospettiva.

“Ma è difficile ricostruire globalmente la vita nella Striscia di Gaza: essa è fatta di un mosaico di storie dell’orrore che non si riescono a capire, se non vivendo in questa realtà che a tutti gli effetti possiamo paragonare a un inferno”, afferma monsignor Ginami.

Torna ai toni forti, l’esponente della Segreteria di Stato vaticana: “Davanti a corpi carbonizzati, al fetore della decomposizione dei cadaveri, alle orrende mutilazioni avviene un fatto fisiologico: si vomita. Io, raccontando questa realtà, vorrei far ‘vomitare’ coloro che ascoltano con cuore appassionato e pulsante, avvicinandosi a questo nuovo Monte Calvario chiamato Striscia di Gaza”.

Un posto, non fatica ad ammetterlo monsignor Ginami, dove “una domanda compulsiva entra nella mente e nel cuore: perché Dio permetti questo? Ma dove sei finito? Dove sei, Signore? Tutte queste storie interrogano anche il mio vissuto di uomo religioso. Soltanto in una prolungata preghiera e confrontando queste vicende con la storia di Gesù in croce sono riuscito a vedere in fondo a questo buio tunnel di dolore un’alba lieve di luce. Solo il Crocifisso spiega quei dolori e quelle ferite, che sono le ferite di un’umanità lacerata e crocifissa dall’odio insaziabile”.

Una storia può forse valere per tutte, anche se ciascuna racconta uno spicchio diverso di verità. E’ quella di Muhammad Al Silky, abitante palestinese di Safa, piccolo rione del quartiere di Al Shujaiya nella zona orientale di Gaza City. Ha 30 anni, ha perso la gamba destra, non muove più un braccio, ha avuto l’addome dilaniato da un’esplosione di cui porta la cicatrice che ‘disegna’ una specie di enorme ragno rosso.

Ma, soprattutto, ha perso in un attimo lungo un’eternità tutti e cinque i suoi figli di 3, 5, 7, 8 e 9 anni che un istante prima del bombardamento aereo giocavano sul terrazzo che faceva da tetto alla sua casa; ha perso il padre, il fratello con i suoi tre figli ovvero i tre nipotini: 10 morti, tutti ritratti in una foto appesa alla parete. Ai figli, aveva proprio lui raccomandato di giocare sul terrazzo per non scendere in piazza, nelle quattro ore di tregua concesse dall’aviazione israeliana, perché poteva essere comunque pericoloso. Poi, le bombe dall’alto, all’improvviso.

“Quando siamo entrati in quel che resta della sua abitazione – riferisce monsignor Ginami – Muhammad non ha voluto nulla, nessuna ‘elemosina’, ma soltanto parlarci, raccontarci la sua vicenda ripercorrendola quasi minuto per minuti fino agli ultimi tragici eventi, rivendicando il diritto di raccontare l’orrore, il terrore, la nausea di una sofferenza che spacca il cuore e il cervello prima ancora che frantumare le ossa e lacerare la carne: raccontare, in una parola, il suo inferno”.

thanks to: adnkronos

Mandare armi e militari in Iraq peggiora la situazione

Chiediamo che il Parlamento fermi le scelte del Governo italiano
Fonte: Rete Disarmo – 17 ottobre 2014

Ancora una scelta militare per l’Iraq: secondo le dichiarazioni alla Camera del Ministro Pinotti non solo mezzi e aerei ma anche l’intervento di oltre duecento uomini. Una scelta sbagliata e inaccettabile – soprattutto se non avrà un nuovo vaglio parlamentare – che spinge la Rete Italiana per il Disarmo a rilanciare la richiesta al Governo di maggiori dettagli e una supervisione parlamentare e della società civile sull’invio di materiale bellico, e ora forse di militari, in Iraq.

Tutto questo mentre i recenti bombardamenti sulle postazioni della milizia dello Stato islamico hanno in realtà rafforzato la situazione sul terreno di ISIS piuttosto che indebolirla


Audizione Pinotti Nel corso di un’audizione presso le Commissioni congiunte Esteri e Difesa della Camera la Ministro della difesa Pinotti ha annunciato ieri una importante accelerata quantitativa e qualitativa del supporto militare italiano alla coalizione contro l’Isis in Iraq. Nei prossimi giorni, secondo quanto riferito, nuovi mezzi (aereo per rifornimento, due droni Predator) e soprattutto uomini (circa 200 istruttori) saranno inviati nel teatro delle operazioni della coalizione internazionale a sostegno in particolare dei combattenti curdi. Il tutto senza un nuovo passaggio di voto parlamentare poiché, secondo quanto viene riferito in dichiarazioni dal Ministro, sia dai Presidenti delle Commissioni che dal Governo viene considerato sufficiente il voto avvenuto a metà agosto, in altro contesto e con tutti altri dati a disposizione.

L’audizione del Ministro Pinotti segue di soli pochi giorni il comunicato emesso a seguito del Consiglio Supremo di Difesa che, mancando di indicare le vittime reali delle azioni di pulizia culturale dell’ISIS, appare preoccupato solo dei ‘rischi rilevanti per l’Europa e per l’Italia’ a seguito della pressione militare dell’ISIS in Siria e in Iraq. Una dichiarazione tardiva ed inaccettabile che sarà seguita da un’azione militare illegittima ed inadeguata a proteggere le popolazioni vittime della violenza dell’ISIS. Ci saremmo invece aspettati dal maggior organo consultivo del Presidente della Repubblica un forte e chiaro richiamo sulla sottovalutazione della gravità della situazione per le reali vittime del conflitto e soprattutto per le gravi mancanze del nostro Paese e dei governi dell’Unione europea nel promuove una precisa azione in ambito delle Nazioni Unite secondo la “responsabilità nel proteggere”. Responsabilità che abbiamo chiaramente indicato già da agosto e che non è stata presa in considerazione da parte del Governo Renzi che ha scelto l’invio di armi senza mandato delle Nazioni Unite e una politica forte ad esso connessa.

La Rete italiana per il Disarmo ribadisce ancora una volta che non sarà certo un intervento militare a risolvere la situazione irachena. Anzi, come sottolineano diversi analisti internazionali (dettagli in calce), i recenti bombardamenti sulle postazioni della milizia dello Stato islamico hanno in realtà rafforzato la situazione sul terreno di ISIS piuttosto che indebolirla. Purtroppo oggi in Iraq si vedono i risultati negativi di uno sforzo prettamente militare, senza strategia politica e senza reale impegno diplomatico, della Coalizione internazionale: lo Stato Islamico continua ad avanzare in molte province, e le principali fazioni armate sunnite irachene hanno deciso di non schierarsi apertamente contro di esso. “Rimarranno neutrali tra il governo e l’IS – sottolinea la presidente di Un Ponte per Martina Pignatti – in quanto gli incontri diplomatici con il nuovo governo per dar vita a una coalizione nazionale contro ‘Daesh’ sono falliti. Se le parti accettano di incontrarsi e non trovano un accordo, buona parte della responsabilità va sempre all’assenza di un mediatore forte, capace e credibile: proprio quella è la sedia lasciata vuota dalla comunità internazionale”. In queste settimane il Governo iracheno non è riuscito nemmeno a mantenere l’impegno a fermare i bombardamenti sui quartieri civili di tante città sunnite, e mentre le armi proliferano il tanto auspicato dialogo nazionale si ferma. “Per individuare soluzioni politiche occorre ripartire dall’analisi dei problemi che stanno alla radice di questa guerra – continua Martina Pignatti – come hanno fatto recentemente tanti autori italiani e iracheni del volume “La crisi irachena. Cause ed effetti di una storia che non insegna” a cura di Osservatorio Iraq con la collaborazione di Un ponte per. Con l’intento di approfondire, analizzare e far conoscere l’Iraq al di là delle cronache fredde e immediate, questo volume cerca di tornare alla storia del Paese e dare voce all’altro Iraq che immagina un futuro democratico”.

Comnattimenti Iraq Di particolare preoccupazione l’intenzione di inviare uomini, circa  200 come detto, nel teatro delle operazioni. Se è pur vero che si dovrebbe trattare di addestratori non combattenti è altrettanto chiaro come ciò renda ancora più diretto il coinvolgimento dell’Italia in un’operazione di conflitto, che dovrebbe essere decisa invece esplicitamente dal Parlamento sovrano. A tutto questo si aggiunge anche l’intenzione, annunciata sempre ieri dal Ministro Pinotti, di rinnovare il sostegno ai Peshmerga con nuove spedizioni di materiale d’armamento (eppure sino a pochi giorni il Governo riteneva il primo invio perfettamente sufficiente nonostante le critiche avanzate) proveniente sempre da vecchi sequestri di armi ai trafficanti sovietici di metà anni ‘90.

“Su questo particolare aspetto l’opacità è davvero grande – commenta Francesco Vignarca coordinatore di Rete Disarmo – perché non abbiamo ancora ricevuto tutti i dettagli necessari a monitorare il precedente invio eppure si pensa già ad una nuova consegna tramite ponte aereo militare. Ancora una volta ribadiamo la nostra contrarietà a questa spedizione insensata ed inutile, ma soprattutto sottolineiamo la necessità, se non si vuole solo alimentare un mercato nero pericoloso, di controllare con una forte tracciabilità tutti gli invii di armamenti”. Ad oggi tutte le richieste di chiarimento avanzate da Rete Disarmo non hanno sortito alcuna risposta, e non bastano le comunicazioni ufficiali di natura generale a colmare un gap informativo importante.

Non si sta ipotizzando un semplice “rischio”: la sparizione di armi in quella regione è un dato di fatto ampiamente documentato dai rapporti del Pentagono e di centri di ricerca autorevoli come il SIPRI di Stoccolma. Già nel 2007 un rapporto del Pentagono a fronte di oltre 13mila armi consegnate all’esercito iracheno se n’era persa traccia per più di 12mila: tra quelle armi figurano pistole, fucili d’assalto, mitragliatrici e lanciagranate. Una simile situazione si è verificata in Afghanistan. Non a caso una specifica ricerca del SIPRI definisce questi due paesi come “gli esempi più evidenti dei rischi collegati alla fornitura di armi a Stati fragili”.

Senza adeguate misure e controlli vi è quindi l’altissimo rischio che anche le “nostre” armi possano finire nelle mani sbagliate. Aggiungendo problemi ad una situazione già drammatica.

In coda a questo Comunicato esplicitiamo le domande poste già da settimane all’attenzione del Ministro della Difesa e che non hanno ricevuto ad oggi alcuna risposta. La nostra Rete avanza ancora una volta la richiesta di poter essere parte attiva (anche contestualmente ad analoga iniziativa parlamentare) di un monitoraggio dell’invio di armi in Iraq che dimostri nei fatti la volontà di trasparenza espressa a parole dal Governo. “Chiediamo accesso a tutti i documenti per poter eseguire una registrazione del materiale inviato secondo gli standard impiegati in casi analoghi da organismi e nostri partner internazionali il tutto nell’ottica di una reale ed effettiva tracciabilità delle armi e delle munizioni che verranno spedite” conclude Vignarca.

Rete Italiana per il Disarmo ribadisce infine la propria richiesta affinché venga subito aperta un’inchiesta parlamentare considerato che una parte di quelle armi pare sia stata inviata nel 2011 agli insorti di Bengasi apponendo da parte dell’allora governo in carica (Berlusconi IV) il segreto di stato” (del quale la nostra Rete aveva chiesto conto al Presidente della Repubblica Napolitano senza ricevere alcuna risposta).

Note:

Le domande di Trasparenza di Rete Disarmo (ancora senza risposta)

Il Ministro Pinotti già per il primo invio ed anche ieri ha dichiarato che “le armi sono già a Baghdad”. Si potrebbe ricostruire il percorso seguito fino ad ora? Chi ha eseguito lo spostamento da Santo Stefano al continente (e per dove?). Come si è realizzato il trasporto verso l’Iraq? In quali giorni e con quali tempi?

Solo dopo qualche tempo dalle discussioni parlamentari è stata confermata la presenza del Decreto interministeriale che consegna le armi del sequestro Jadran alla Difesa per fini istituzionali (un documento che la nostra Rete ha richiesto fin dal principio, come fondamentale). Come mai non è stato esplicitato ai Parlamentari (ad esempio il 20 agosto) che alcuni passi di legge dovevano essere ancora fatti prima di poter disporre degli armamenti “Jadran”?

Sia per la prima consegna che in vista della seconda il Ministro ha sottolineato la presenza di problemi burocratici non meglio specificati a Bagdad; si tratta di un punto fondamentale e da chiarire. Il ministro si riferisce alle operazioni legate allo “end user certificate”? Ci sono problemi sugli elenchi e i quantitativi?

Abbiamo fatto richiesta di alta trasparenza su quantità e qualità delle armi prodotte, perché l’Iraq con Afghanistan è il luogo al mondo in cui è maggiormente possibile il fenomeno della dispersione delle armi rispetto agli originali destinatari. Il Ministero è disposto a fornire lista dettagliata (quindi anche con numeri di serie) di tutti gli armamenti e munizionamenti che dovranno arrivare alle forze del Governo regionale Curdo?

Abbiamo notizia di un bando attraverso Agenzia Industrie Difesa per lo spostamento del materiale esplosivo (anche le armi?) da Santo Stefano per una successiva distruzione. Riguarderebbe anche il materiale del sequestro Jadran. Ci potreste fornire maggiori informazioni a riguardo? Davvero le armi verranno ora distrutte nel momento in cui finalmente i passaggi di legge per poterle detenere sono stati fatti (mentre dal 2006 al 2009 i precedenti governi non hanno ottemperato ad una precisa Ordinanza della Magistratura)?

Nel Decreto Missioni è stato inserito un emendamento per garantire la copertura finanziaria dell’operazione (come fin da subito dichiarato dal Ministro Pinotti) in cui però pare che siano inseriti anche fondi per intervento umanitario. Si potrebbe avere dunque un dettaglio riferito ai soli costi di invio armi all’Iraq? Si può sapere chi opererà in tutte le fasi (se solo personale delle FF.AA. o anche strutture di trasporto esterne)?

_______

Rete Italiana per il Disarmo rilancia alle Istituzioni una serie di richieste
Al Governo 

1.  Rivedere la decisione di inviare armi e sistemi militari alle parti 
in conflitto in particolar modo le armi confiscate (come il cosiddetto 
“arsenale Zhukov”) o non utilizzabili dalle nostre forze armate e 
bloccare l'invio di armi e sistemi militari verso tutti i paesi in 
conflitto.

2.  Comunque garantire la massima trasparenza su tutta l’operazione in 
particolare fornendo dettagli e documentazione dei quantitativi e dei 
tipi di armamento spediti.

3.  Consentire alla società civile e ai tecnici nazionali ed 
internazionali da essa indicati la supervisione sui quantitativi di 
armamento in spedizione e sulle iniziative intraprese per garantirne una
 futura tracciabilità.
Al Parlamento 

1.  Richiedere un resoconto dettagliato di tutti i sistemi militari e di 
armi che si intendono spedire e sottoporre al parere consultivo delle 
Camere ogni invio di armi. 

2.  Appoggiare la richiesta delle organizzazioni della società civile e 
della nostra Rete Disarmo in particolare per un monitoraggio tecnico su 
contenuti e criteri di tracciabilità della spedizione di materiale 
d’armamento che il Governo intende compiere verso l’Iraq.

3.  Porre all’esame, nelle competenti commissioni parlamentari di Camera e
 Senato, le recenti Relazioni sulle esportazioni di sistemi militari 
italiani, valutare attentamente le autorizzazioni rilasciate dagli 
ultimi governi e il grado di trasparenza della Relazioni governativa in 
confronto anche con le associazioni impegnate da anni nel controllo del 
commercio degli armamenti. 

4.  Favorire un’inchiesta parlamentare su tutte le armi confiscate e 
detenute nei vari arsenali militari e predisporre tutte le misure 
necessarie per la loro pronta distruzione (alcune operazioni sono forse 
attualmente in corso ma non possono essere gestite, vista la loro 
rilevanza, solo per “via amministrativa”

_______

Per approfondimento

I BOMBARDAMENTI RAFFORZANO LO STATO ISLAMICO
http://www.analisidifesa.it/2014/10/i-bombardamenti-rafforzano-lo-stato-islamico/

Tuttora privi di una soluzione politica e ostinatamente contrari all’apertura dei negoziati con l’Iraq e Damasco, gli Stati Uniti si intestardiscono dunque in una strategia priva di orizzonti e che contribuisce alla crisi del Medio Oriente.

Tre farmacisti uccisi. Dodici farmacie distrutte nella guerra di Israele contro Gaza

Gaza-Pic. Il sindacato dei farmacisti di Gaza ha riferito che tre dei suoi iscritti sono stati uccisi ed altri quindici feriti durante i 51 giorni di guerra di Israele contro l’enclave. 

In una dichiarazione rilasciata lunedì, il sindacato ha sostenuto che 12 farmacie sono risultate completamente distrutte durante l’assalto, mentre altre 60 parzialmente danneggiate. 

Khalil Abu Leila, il segretario del sindacato, ha detto che una delegazione dello stesso ha l’intenzione di far visita alle famiglie dei martiri e dei feriti nel tentativo di rafforzare la loro determinazione.

Egli ha sostenuto che il sindacato era in contatto con numerose parti (mi sembra più corretto di partiti), locali ed internazionali per chiedere il loro sostegno per la ricostruzione di queste farmacie e per rimettere in funzione le stesse, che rappresentano la principale fonte di sostentamento (mezzo di sussistenza) dei farmacisti.

Traduzione di Tito Cimarelli

thanks to: Infopal

Striscia di Gaza, Israele continua a bombardare. 2090 morti in 50 giorni

 

gaza-massacre-israeli-air-force

Gaza-InfoPal. Giovedì 21 agosto, 38 palestinesi sono stati uccisi dai bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza.

Il bilancio di quasi due mesi di aggressioni israeliane sale dunque a circa 2.090 morti e a 10.500 feriti, di cui oltre 200 negli ultimi due giorni.

Settimane di negoziati indiretti, e mediati dall’Egitto, tra palestinesi e israeliani hanno portato soltanto a fragili tregue di cui Israele ha approfittato per farsi rifornire di armi dagli Usa, far riposare i soldati e richiamare i riservisti.

Gli obiettivi del genocidio di Gaza

Gli obiettivi di Israele nell’operazione “Protective Edge” sono sempre gli stessi: attaccare Hamas; distruggere il governo di coalizione nazionale palestinese faticosamente costruito dopo anni di conflitto interno e ogni possibilità di negoziato che conduca alla creazione di uno stato su territori-bantustan; continuare a controllare le i giacimenti di gas al largo delle coste di Gaza, cioè le fonti energetiche ed economiche del popolo di Palestina; utilizzare lo stock di armamenti che riceve dagli Usa e dall’Europa (le armi acquistate vanno usate, anche per far “girare” il mercato bellico); distruggere il tessuto sociale palestinese, uccidendo quante più persone possibile, ferendone a migliaia e rendendole invalide e orfane, con enormi costi umani e sociali.

Secondo i dati forniti dal Coordinamento degli Affari umanitari dell’Onu, giovedì, 435 mila palestinesi si sono rifugiati nelle strutture delle Nazioni Unite. 100 mila sono attualmente senza tetto, in quanto i bombardamenti israeliani hanno distrutto le loro abitazioni.

L’UNOCHA ha affermato che dei circa 3000 bambini feriti in oltre cinque settimane di bombardamenti, 1000 sono diventati disabili, 1500 orfani (con uno o entrambi genitori uccisi dagli attacchi israeliani), 373 mila bisognosi di aiuto psicologico specialistico.

Ovviamente, visto che le aggressioni israeliane continuano, tali dati sono soggetti a notevole alterazione.

Nel frattempo, l’hasbara israeliana lavora intensamente per manipolare le informazioni, facendo credere che la fine della tregua sia stata provocata dai razzi palestinesi, quando ciò non corrispondente al vero: è Israele che ha ripreso i bombardamenti e la resistenza, in risposta, il lancio di razzi.

Lo stato sionista, infatti, non ha accettato le richieste palestinesi e ha ritirato la propria delegazione dai colloqui in corso al Cairo.

thanks to: Infopal

“Israele mi fa rabbia. Come fanno a bombardare una scuola? Si sa che ci sono dei bambini”

1944-2014. Enrico Pieri, presidente dell’Associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema, oggi 80enne, il 12 agosto del 1944 vide morire tutti i suoi familiari, massacrati dalle Ss. Lui si salvò nascondendosi nel sottoscala. A 70 anni dall’eccidio, racconta a ilfattoquotidiano.it: “Quello che succede a Gaza mi fa tornare in mente brutti ricordi”

Pieri

Le immagini che arrivano da Gaza gli fanno tornare in mente i brutti ricordi della sua infanzia. “Israele mi fa rabbia. Come fanno a bombardare una scuola? Si sa che ci sono dei bambini”. E’ incredulo Enrico Pieri, presidente dell’Associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema. A 10 anni ha assistito, nascosto nel sottoscala, al massacro della mamma Irma, incinta di 4 mesi, delle due sorelle più piccole, del nonno e della nonna Doralice, degli zii, del papà Natale. Tutti indifesi, sterminati in meno di 5 minuti a scariche di mitra nella cucina di casa, insieme ai vicini, i Pierotti.

Settant’anni dopo quel 12 agosto del 1944, Pieri, 80enne, è sicuro di una cosa: “Esistono ancora tante Sant’Anne. Israele è un esempio. Sta facendo delle cose che un popolo come quello non può fare, non dopo quello che ha subito”. Le tragedie non ammettono vendetta, per Pieri. L’eccidio del 1944 non lo ha spinto a crogiolarsi nell’odio. Basti pensare che ha sposato la ragazza che amava, anche se di famiglia fascista. Al figlio, cresciuto in Svizzera, ha fatto studiare il tedesco. “Erano gli anni ’70, si stava costruendo l’Europa. Potevo fargli studiare il francese, ma ho scelto il tedesco. Avevo superato quel periodo di rancore verso la Germania. Avevo perdonato il popolo tedesco, ma l’ideologia nazista e fascista mai. Io oggi sono un convinto europeo. Penso che bisogna superare tutti questi rancori perché sennò – avverte – si ritorna al Medioevo”.

Non è più quel bambino ammutolito dal terrore nel sottoscala, né quello nascosto per ore, in silenzio, tra le piante di fagioli, aspettando che i mitra tacessero e lasciassero spazio all’odore di carne bruciata. Oggi Enrico Pieri parla continuamente, ogni giorno, a centinaia di studenti da ogni parte d’Italia. Racconta di quella mattina e il dolore non perde d’intensità: si commuove tre volte durante l’intervista a ilfattoquotidiano.it. Medaglia dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania per aver favorito incontri tra studenti italiani e tedeschi, Pieri è stato insignito anche del Premio di Cittadino Europeo per il suo impegno nella memoria. “La bimba che mi ha salvato la vita portandomi con sé nel sottoscala si chiamava Grazia, aveva 14 anni. Dopo quel 12 agosto non l’ho più vista” racconta. “So che è morta, come la sorella Gabriella, che si buttò sui materassi, fra le coperte e i cadaveri, si finse morta e si salvò”.

I nazisti dettero fuoco ai corpi. “Non si riusciva a respirare e siamo andati fuori, subito vicino casa, c’era la piana di fagioli. Ci siamo rimasti per ore. Il silenzio assoluto. Nemmeno la pipì ci scappava. E piangere niente. Lì, ammutoliti. Poi mi ha preso una famiglia del paese. Verso le sette di sera sono tornato a casa, da solo. Nella cucina c’erano i corpi di tutta la mia famiglia. Non li ho guardati. Sono andato sopra, dove c’era la camera di mia nonna. Il trave bruciava e ho cercato di spegnerlo. Poi sono tornato dalla famiglia, mi han dato un po’ di latte e siamo andati a dormire nel bosco. Alle 4 del mattino venne a prendermi lo zio, anche lui era rimasto solo”. L’uomo ripercorre una storia che ripete a memoria, senza troppe variazioni, ogni giorno.

Ma il passato non è passato. E’ presente, è fuori controllo, e fa piangere questo bambino di 80 anni quando mormora: “C’era ancora la puzza di carne bruciata. E’ durata, c’è voluto parecchio tempo prima che andasse via del tutto. Corpi di animali e persone tutti insieme riempivano le stalle”. Dopo il 12 agosto, per il piccolo Enrico seguono un mese in collegio e diversi anni rimbalzato tra pochi parenti rimasti: a Sant’Anna fino al 1951, poi a Valdicastello. “Ero solo. Sbandato. Dopo il ’44 ho fatto una vitaccia”. Lavora come saldatore a Viareggio, poi si candida per un lavoro come operaio in Svizzera. Lo assumono, parte. Lontano dall’Italia però non sta meglio. “Ero messo male qua e messo male là. L’affetto materno ti manca. Le coccole io non le ho avute”. Due volte all’anno torna nella sua Sant’Anna.

Ed è a Viareggio, sul treno, che conosce Fiorenza. “Ci siamo rivisti, siamo andati a ballare. Ch’io fossi un superstite l’ha capito subito. Ci fu un contrasto, perché la sua famiglia era di idee fasciste. Lavorava alla Casa della Lana. Io ero in Svizzera, non le scrivevo tante lettere anche perché avevo la quarta elementare. Siccome ero lontano, e lei faceva le maglie, ricevetti un pullover. Era la prima volta che ricevevo un pullover, quando sei abbandonato da tutti ricevere un pullover è un pensiero che ti commuove. E io le mandai un disco, quella canzone che dice “Il pullover che mi hai dato tu“. “Il pullover che mi hai dato tu, sai mia cara, possiede una virtù. Ha il calore che tu hai dato a me. E mi illudo di stare in braccio a te”: la rinascita per il ragazzo di Sant’Anna ha la voce di Gianni Meccia che canta “Il pullover”, successo del 1960. Fiorenza l’ha sposato nel 1962 ed è ancora accanto a lui. Hanno avuto un figlio che parla correntemente tedesco. “Anche lui – precisa Enrico Pieri – ha portato quel pullover”.

thanks to:

il Fatto Quotidiano

La propaganda israeloamericana non si smentisce: folli, sempre folli, fortissimamente folli.

Dopo le lettere propagandistiche inviate alla rivista medica internazionale The Lancet da parte di fantomatici accademici ebrei sionisti, israeliani, statunitensi e canadesi, farneticando false accuse di mancata imparzialità tra morti palestinesi e carnefici israeliani da parte della stessa, gli “eletti” ci riprovano.

L’illustre rivista, rea di aver pubblicato una lettera aperta a firma della prof.ssa Paola Manduca ed altri che condanna i massacri e gli attacchi indiscriminati contro la popolazione civile, il personale e le strutture sanitarie della Striscia di Gaza da parte di Israele e condanna la mancanza di solidarietà da parte della stragrande maggioranza degli accademici israeliani è stata bersagliata da innumerevoli critiche, minacce e addirittura attacchi personali all’editore Richard Horton.

Non soddisfatti gli “hasbariti” hanno cominciato ad usare il tipo di propaganda più odioso, quello della falsa empatia.

In quest’articolo di Daphna Canetti, Brian J Hall, Talya Greene, Jeremy C Kane e Stevan E Hobfoll, gli autori denunciano gli effetti “dell’escalation tra Hamas ed Israele” come causa di disturbi psichici tra “gli israeliani e i palestinesi”, in particolar modo il PTSD. Cercando di addossare le cause del conflitto in corso alla fragile stabilità psichica dei contendenti e tentando di attribuire la mancanza di accordo tra i negoziatori a distress psicologico.

Sono dunque pazzi questi ebrei?

Anche i nazisti vengono definiti “pazzi” in questi giorni.

Sarà forse un modo per stigmatizzare la folle e disumana crudeltà mostrata durante massacri di uguale gravità come Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto, Fosse Ardeatine e Striscia di Gaza? E’ difficile credere che degli esseri umani siano capaci di colpire a morte delle creature innocenti come quelle che in queste ore vengono ammazzate a migliaia nella martoriata Gaza.

Ma se pensiamo al moto martellante con il quale i soldati israeliani e i loro sostenitori vengono bersagliati dalla propaganda sionista non riesce difficile credere che c’è chi gioisca alla morte dei bambini palestinesi.

Ed ogni strumento è utile alla causa sionista pur di affermare il falso. Anche la mielosa compassione mostrata nei confronti dei palestinesi dagli autori dell’articolo su citato. “I civili palestinesi ed israeliani, esposti a violenza politica, nell’attuale conflitto, sono ad elevato rischio di sviluppare disordine post traumatico da stress e depressione maggiore, due disordini mentali che occorrono comunemente in seguito all’esposizione a violenza politica” sostengono. Ma si tratta solo di un trucco per paragonare le vittime palestinesi alle presunte vittime israeliane.

Goebbels diceva che una bugia ripetuta cento, mille, un milione di volte diventa una verità.

Quali vittime israeliane?

Sono proprio “pazzi” questi ebrei.

 

 

 

One-fourth of Gaza’s population displaced by Israel’s violence

Gaza Strip
4 August 2014

An infant from the al-Ghoul family is mourned during the funeral for the ten members of the family killed in an Israeli air strike on their Rafah home on 3 August.

(Eyad Al Baba / APA images)

The sounds of Israeli airstrikes, tank shells and drones are the only ones one can hear in Gaza. The noise is overwhelming.

On Sunday, 55 Palestinians were killed in multiple airstrikes across Gaza, according to Bethlehem-based Ma’an News Agency.

Ten members of the al-Ghoul family in the Tel al-Sultan neighborhood of Rafah in southern Gaza were slain when their home was hit by Israeli fire on Sunday. One of two identical twin baby boys born during during the assault was immediately killed by the strike and the other was reported to be fighting for his life.

From dawn to evening on Saturday, more than seventy Palestinians, the majority of them from Rafah, were killed and scores were injured.

The weekend’s killings brought the death toll of Israel’s assault to at least 1,810 Palestinians and the number of injured to nearly 10,000 since 7 July, according to the Gaza health ministry spokesperson.

Eighty-five percent of Palestinians killed in Gaza were civilians, according to the Palestinian Centre for Human Rights.

Sixty-four Israeli soldiers have been killed as well as two civilians and one foreign national, according to the United Nations.

Health disaster

Israel’s unabated attacks on the Gaza Strip have inflicted the widespread destruction of thousands of structures including hospitals, mosques, universities, governmental and nongovernmental facilities and factories.

On Saturday, the UN warned of a “rapidly unfolding” health disaster in Gaza as Palestinians face “deteriorating” access to hospitals and clinics and as basic medicines and medical supplies run critically low.

The UN reported that one-third of all hospitals across Gaza as well as 14 primary healthcare clinics and 29 ambulances have been damaged or destroyed, “and at least half of all public health primary care clinics are closed.”

A destroyed mosque in Gaza City after it was hit in an overnight Israeli strike on 2 August.

(Ashraf Amra / APA images)

Israeli shells hit Rafah’s Abu Yousef al-Najjar hospital on Saturday. Reports from Rafah indicate that hospital crews fled the scene due to the continued Israeli strikes and that all recovered causalities were redirected to smaller facilities in town.

Ashraf al-Qidra, spokesperson for the Gaza health ministry, called on international organizations to help paramedic crews return to the evacuated al-Najjar hospital.

“War crimes”

Three leading rights groups in Gaza — the Al-Mezan Center for Human Rights, the Palestinian Centre for Human rights and the Al Dameer Association for Human Rights — held a joint press conference on Saturday at Gaza City’s al-Shifa hospital.

The groups called for accelerating procedures to bring Israel to justice for what the three groups termed “horrible war crimes.” They also condemned the UN Secretary-General’s denunciation of the armed resistance in Gaza.

“The Secretary-General condemns in the strongest terms the reported violation by Hamas of the mutually agreed humanitarian ceasefire which commenced this morning,” a statement attributed to Ban Ki-moon was issued on Friday.

The Secretary-General’s statement came after the Israeli military claimed that Hamas had captured an Israeli soldier near Rafah on Friday morning as a 72-hour ceasefire was set to begin.

“United Nations’ Secretary General Ban Ki-moon’s condemnation of the given Palestinian right to resist an occupying power is unacceptable,” Raji Sourani, director of the Palestinian Centre for Human Rights, said at the press briefing.

“Ki-moon equals between an occupier and the occupied, the oppressed and the oppressor, and therefore he plays down the Palestinian people’s right to defend themselves,” he added.

The alleged capture of the soldier was condemned by US President Barack Obama and used as a pretext for Israel to kill at least 110 Palestinians in Rafah since Friday morning. On Saturday evening, Israel acknowledged that the soldier had been “killed in combat.”

Mass displacement

Meanwhile, Palestinians in Gaza continue to be displaced.

“I have been told by the International Committee of the Red Cross that my house will be shelled by Israel,” Muhammad al-Rifai, a 62-year-old resident of the Maghazi refugee camp in central Gaza, told The Electronic Intifada on Friday.

Al-Rifai is father to six daughters and a son, and a grandfather of several children. Many of them live in the same cinderblock home. A few days ago, al-Rifai received a phone call from the Israeli army warning him to leave his house ahead of an imminent airstrike.

Displaced Palestinians sit outside a makeshift tent on 2 August at al-Shifa hospital in Gaza City where families found refuge after fleeing their homes in areas under heavy Israeli fire.

(Ezz al-Zanoun / APA images)

Thousands of homes have been destroyed or damaged by Israeli airstrikes and shelling. The UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs states that “up to 25 percent of Gaza’s population may now be forcibly displaced, of whom 270,000 are hosted in UNRWA shelters alone.”

In many of those strikes, families were inside their homes and were killed or injured. In the Maghazi refugee camp alone, three houses were shelled with people inside. The latest attack came on Saturday morning, when Israel shelled a house belonging to the Qandil family, killing three.

As of 30 July, at least 76 families had lost three or more members in a single Israeli strike, according to UN figures.

University targeted

Israel’s airstrikes and destruction on Saturday included an attack on the Islamic University of Gaza. Israel claimed the school is affiliated with the Hamas party and that it targeted a “weapon development” center inside the university.

At the time of publication, Ma’an News Agency had reported that Israel announced a seven-hour unilateral humanitarian ceasefire to take effect at 10am Monday morning.

A Palestinian man observes the damage at the Islamic University of Gaza on 2 August after it was hit in an overnight Israeli strike.

(Ashraf Amra / APA images)

A Palestinian delegation in Cairo, including Hamas representatives, came to a joint position on Sunday calling for “a ceasefire; Israeli troop withdrawal from Gaza; the end of the siege of Gaza and opening its border crossings.”

Hamas insists that any ceasefire deal should include lifting the Israeli blockade of Gaza, now in its seventh year, and the release of Palestinian prisoners.

Nowhere safe

Witnesses in southern and northern Gaza told The Electronic Intifada that hundreds of families from those areas began returning back to their homes on Saturday after Israel announced that it was withdrawing ground troops in some areas.

Seven members of one family were killed in an airstrike on their home in Jabaliya in northern Gaza on Sunday one day after the army said it was safe for residents to return, Ma’an News Agency reported.

“Israeli officials said Saturday that it was safe for residents of the northern Gaza Strip, with the exception of Beit Lahiya, to return to their homes,” the agency added.

The reality on the ground is that nowhere is safe for Palestinians in Gaza as Israel’s relentless bombing enters its fifth week.

Rami Almeghari is a journalist and university lecturer based in the Gaza Strip.

thanks to: Rami Almeghari

electronicintifada

Mostrare le foto terribili di Gaza? Lo rifarei mille volte per svelare un crimine contro l’umanità

 

article-2698878-1FD0BDB900000578-730_964x673

(Alessandro Aramu) – Essere di parte, se si tratta di giornalismo militante, è tutt’altro che una brutta cosa, soprattutto se ai lettori si offre la propria posizione senza finzioni. Dopotutto è quello che faccio da quando ho deciso di fare questo mestiere.

La guerra è brutale e non si può certo capire (e neppure immaginare) facendo vedere il fumo che si leva alto in cielo da decine di chilometri di distanza. All’autore di questo articolo, che cita un mio editoriale sulla Rivista Spondasud, dico quindi che, senza alcun dubbio, serve mostrare certe foto. Intendo le foto dei bambini uccisi in guerra. Non mi piace l’effetto moltiplicatore della violenza e neppure il voyeurismo dei corpi straziati e macellati. Non l’ho fatto per la guerra in Siria, che seguo da oltre tre anni, figuriamoci se avrei potuto farlo con il massacro di Gaza.

Lo scopo è molto semplice: svelare, scoprire, far conoscere. Un po’ come fecero le truppe di liberazione alla fine della seconda guerra mondiale, quando costrinsero coloro che abitavano intorno ai campi di concentramento a entrare oltre il reticolato per vedere con i propri occhi lo sterminio nazista nei confronti degli ebrei. Non potendo portare le persone a Gaza, mi sono detto, allora portiamo Gaza sotto gli occhi delle persone.

Così in Israele, oggi, la quasi totalità dell’opinione pubblica dubita del fatto che siano stati uccisi così tanti civili, così tanti bambini, solo perché i media, i loro media, hanno censurato quelle immagini. Per molti israeliani, l’operazione militare sulla Striscia di Gaza ha distrutto soltanto i tunnel scavati da Hamas, ha colpito in prevalenza edifici utilizzati come “covo dai terroristi” e ha ucciso soprattutto i miliziani armati.

In pochi hanno potuto vedere l’orrore e la devastazione di questa operazione militare. E non c’è dubbio che mostrare per giorni una colonna di fumo sia ben diverso che mostrare il corpo dilaniato di un bimbo la cui unica colpa era quella di giocare con gli amici su una spiaggia.

Una spiaggia non diversa da quella di Tel Aviv, dove altri bambini, nelle stesse ore, giocavano come se nulla fosse accaduto.

thanks to: spondasudnews

Trento – Interrotto incontro “Sentieri di Pace” in solidarietà con la popolazione di Gaza

Sospendiamo le trasmissioni: il massacro di Gaza parte da qui

Domenica 27 luglio, nelle Gallerie di Piedicastello a Trento, si stava svolgendo un dibattito sulla Grande Guerra trasmesso in diretta da Radio Tre. L’incontro faceva parte di una serie di serate dal titolo “Sentiero di Pace” organizzate dalla Provincia di Trento. In vista del centenario della Prima Guerra Mondiale, giornalisti e storici stavano discutendo, tra una battuta e l’altra, di battaglie, generali, memorialistica, in un misto di denuncia della brutalità della guerra e di esaltazione di episodi di eroismo e onore patrio. Centrale in questa retorica, che nei mesi a venire si abbatterà come un fiume in piena sulle terre di confine, il ruolo dell’irredentismo, con l’annosa questione se Cesare Battisti fosse un eroe trentino oppure un traditore dell’Austria. Mai nessuno di questi storici pagati per esserlo che ricordi una semplice verità: e cioè che tutti i “socialisti” che propagandarono la partecipazione italiana alla guerra furono prima di tutto traditori della classe proletaria, che da quell’immane carneficina ricavò centinaia di migliaia di morti e feriti, nonché una disfatta sociale da cui emergerà, anni più tardi, il fascismo.

D’obbligo, per giornalisti e storici, qualche fuggevole riferimento alle guerre di oggi, inaggirabile nei giorni del massacro della popolazione palestinese di Gaza. Tutto molto educato. Tutto molto lontano.

Ecco allora che una quindicina di antimilitaristi irrompe nella sala a ricordare con uno striscione, dei volantini e degli interventi un fatto che tutti vorrebbero tenere sotto silenzio: la Provincia di Trento, organizzatrice dell’evento, da anni collabora con lo Stato di Israele. Gli accordi scientifici e commerciali tra fondazioni e università dei due Paesi fanno della Provincia trentina un complice a tutti gli effetti dell’apartheid israeliano.

Gli interventi dei compagni hanno smascherato l’ipocrisia dei “giornalisti di sinistra” e spinto la direzione di Rai Tre a sospendere le trasmissioni per circa dieci minuti. Il direttore Sinibaldi cercava affannato se in scaletta ci fosse scritto “anarchici”, ma non era pronto al fuoriprogramma di chi non recitava a copione. Quando chi promuove i “sentieri di pace” sostiene la pianificazione di un genocidio, si rompe il teatrino e basta.

Anche il 16 luglio, sempre a Trento, un’iniziativa itinerante aveva ricordato alla Fondazione Bruno Kessler, agli atenei cittadini e alla Provincia che il massacro dei palestinesi parte anche da qui, e che non tutti fanno finta di niente. Troppo spesso ci si ricorda dell’oppressione palestinese quando la violenza coloniale raggiunge il suo apice, per tornare poi piano piano nel dimenticatoio.

Boicottare e sabotare gli interessi israeliani ovunque, a partire dalle complicità accademiche, ci sembra la migliore solidarietà internazionalista. Smascherare le responsabilità è solo il primo passo.

Con Gaza nel cuore.


Domenica 27 luglio a Trento, nel ventesimo giorno di massacri indiscriminati in corso a Gaza, un gruppo di antimilitaristi ha interrotto la diretta radiofonica di Radio3 della trasmissione “Sentieri di pace” dedicata al centenario della prima guerra mondiale.

Le persone presenti alla trasmissione potevano entrare solo su invito nominale; i compagni, visti gli oltre mille (fin qui) morti e 7000 feriti in Palestina,  hanno ritenuto opportuno autoinvitarsi alla kermesse per dare un contributo drammaticamente attuale e, appena entrati nella sala fra la sorpresa di pubblico e attori, alcuni hanno aperto uno striscione con la scritta: “Il mondo è in guerra. Fermiamo le collaborazioni scientifiche fra Università di Trento e Israele”. Altri hanno distribuito un centinaio di volantini ai presenti in sala, riscuotendo un certo interesse. 

Appena iniziato l’intervento al megafono il direttore di Radio3 Marino Sinibaldi ha subito tentato di impedirlo, invano. L’obiettivo era rompere il teatrino e  ricordare che le reponsabilità per il massacro di Gaza e per ogni guerra iniziano qui. Obiettivo raggiunto. 

FERMIAMO LA COLLABORAZIONE FRA TRENTINO E ISRAELE
FERMIAMO GLI ACCORDI MILITARI FRA ITALIA E ISRAELE
LA GUERRA è ANCHE QUI

Antimilitaristi di Trento e Rovereto


Di seguito il volantino distribuito il 27 luglio:

UN MONDO IN GUERRA – PALESTINA OGGI

Ciò che sta accadendo in Palestina è terrificante. Stiamo assistendo ad un’operazione di genocidio del popolo palestinese. Uno degli eserciti più forti e tecnologicamente avanzati del mondo uccide in pochi giorni oltre ottocento palestinesi. Massacri pianificati scientificamente che avvengono sotto l’egida della “lotta al terrorismo”, portata avanti da Israele con il silenzio/assenso degli Stati occidentali.

Altrettanto terrificante è la crescente indifferenza a livello internazionale. Nonostante le immagini dei massacri del popolo palestinese entrino nella vita di tutti, la quotidianità trascorre nella sua silente meccanicità. Oltre all’assuefazione alla visione quotidiana di guerre e massacri, c’è anche una totale estraneità alle rivendicazioni del popolo palestinese, tra cui una terra dove vivere liberamente. Una possibilità che da più di mezzo secolo viene negata.   

Il sostegno che i paesi occidentali danno al colonialismo di Israele viene anche da qui. La provincia di Trento da un lato promuove iniziative di stampo “pacifista” come questa, dall’altro finanzia collaborazioni e progetti di ricerca all’interno di Accordi-quadro tra Italia e Israele sul piano della difesa e della sicurezza. 

Trento viene celebrata come Università all’avanguardia nella ricerca in campo internazionale. Ma sono in pochi a interrogarsi sulla natura e le finalità di questa ricerca. Dietro l’abito della “collaborazione scientifica”, la Fondazione Bruno Kessler di Trento, specie attraverso la figura del suo ex-presidente Oliviero Stock, collabora da anni con Università di Haifa in Israele i cui centri di ricerca, come il Technion, sono attivamente coinvolti nella pianificazione dell’oppressione quotidiana del popolo palestinese; Eledia Lab, centro di ricerca sulle telecomunicazioni coinvolto nella progettazione di componenti high tech e sistemi di controllo a fini militari. Nello stesso dipartimento troviamo il gruppo di ricerca coadiuvato dal prof. Fausto Giunchiglia, già membro di Eurotech, gruppo controllato da Finmeccanica che sviluppa componenti elettroniche degli Uav (velivoli senza pilota). 

Se in Occidente si appoggia lo Stato israeliano e le sue pratiche terroristiche – come definire altrimenti il massacro indiscriminato e il bombardamento di scuole e ospedali? – è perché Israele rappresenta un modello di sviluppo socio-economico in cui si riconoscono le democrazie occidentali. Un’organizzazione sociale in cui possono convivere la difesa dei diritti, ad esempio verso omosessuali e lesbiche, e un’apartheid interna e quotidiana. Questa guerra ci riguarda perché riflette un modello sociale molto vicino al nostro, in cui la guerra diventa parte integrante della società democratica. 

Non ci si può dichiarare contro la guerra senza denunciare i meccanismi e le responsabilità precise che anche da qui la alimentano. Rompere il silenzio sulle complicità accademiche, dirette o indirette, può essere un primo passo. Con il suo carico di massacri, morti, soprusi, la guerra è ancora oggi qui a dividerci tra chi si arricchisce, chi si adopera per giustificarla e chi intende combatterla.       

SOLIDARIETA’ CON IL POPOLO PALESTINESE
FERMIAMO LE COLLABORAZIONI TRA PROVINCIA DI TRENTO E STATO D’ISRAELE 

www.romperelerighe.noblogs.org 


Fonte: Informa-Azione

Gaza, l’anticamera dell’inferno – #Percessareilfuoco

 

percessareilf.jpg

“La Striscia di Gaza somiglia sempre più all’anticamera dell’inferno. Al buio, senz’acqua, sotto bombardamenti continui, con i cadaveri sotto le macerie e senza nessun posto dove poter fuggire.
Il mondo assiste attonito, i leader dei principali Paesi esprimono sconcerto. A parte ovviamente Renzi, che è andato fino in Egitto a perorare la causa del soldato israeliano catturato e non ha speso neppure una parola per Gaza. Memoria selettiva.
Bisogna fare qualcosa, dicono tutti. Si, ma cosa? Il M5S qualche idea ce l’ha: abbiamo consegnato nelle mani del ministro Mogherini una mozione per chiedere la sospensione temporanea della vendita di armi dall’Italia allo Stato d’Israele.
E oggi chiediamo l’aiuto di tutti affinché i Paesi europei richiamino il proprio ambasciatore a Tel Aviv e sospendano gli accordi economici: collegatevi al sito www.percessareilfuoco.org/, bastano pochi click per inviare la vostra mail e i vostri tweet ai principali leader europei e al Governo italiano, e per condividere l’iniziativa con tutti i vostri amici.
Non dobbiamo sentirci piccoli e impotenti contro una guerra: possiamo far sentire forte la nostra voce, è importante, facciamolo tutti subito!”.
M5S Camera

thanks to: beppegrillo

19 medici uccisi, 17 ospedali bombardati dalle forze armate israeliane a partire dall’8 luglio

Domenica 3 agosto 2014 12:25 di Celine Hagbard

Da quando l’esercito israeliano ha cominciato l’assalto contro la Striscia di Gaza l’8 luglio, le forze armate israeliane hanno ripetutamente colpito medici e centri sanitari dove si sta lavorando febbrilmente per trattare più di 9000 feriti.

Dall’8 luglio, medici e squadre di soccorso sono state attaccate da bombardamenti aerei e da colpi d’artiglieria israeliani 102 volte. 19 medici sono stati uccisi, e molti di più sono stati feriti.

In aggiunta, 44 dei 55 centri di Pronto Soccorso di Gaza sono stati chiusi a causa dei bombardamenti israeliani. 17 ospedali, sia publici che privati, sono stati colpiti direttamente dall’esercito israeliano.

Il ministro della salute palestinese ha condannato i ripetuti attacchi sui lavoratori e sulle strutture sanitarie, che, secondo la legge internazionale, dovrebbero essere escluse da ogni azione bellica in tempo di guerra.

Gli attacchi alle strutture mediche sono considerati una “grave violazione” della quarta convenzione di Ginevra, ciò significa che si tratta di un crimine di guerra. Un’altra “grave violazione” è l’estensiva distruzione ed appropriazione di proprietà non giustificata da necessità militare e attuata illegalmente e smodatamente.

Israele è firmatario della quarta convenzione di Ginevra, del 1957, ma ritiene che questa non si applichi al proprio comportamento nei territori espropriati nel 1967 e occupati militarmente da allora.

Il portavoce dell’esercito israeliano ha ripetuto più e più volte che i partigiani palestinesi usano gli ospedali per custodire e lanciare razzi, ma non ha presentato nessuna evidenza credibile che lo dimostri.

L’unica “evidenza” presentata dall’esercito israeliano coinvolge l’ospedale Al-Wafa, nella parte orientale di Gaza, ed è stata provata di essere una macchinazione.*

Dopo aver raso al suolo l’ospedale Al-Wafa, l’unico centro riabilitativo di Gaza, l’esercito israeliano ha rilasciato un breve video rivendicando che l’ospedale fosse stato usato dai combattenti palestinesi. Ma il video satellitare che aveva l’intento di mostrare razzi sparati dalla base dell’ospedale evacuato, esaminato, non mostra affatto l’ospedale. Una freccia aggiunta dall’esercito israeliano prima di rilasciare il video indica una costruzione vicino ad un sito di lancio di razzi. La costruzione è stata etichettata come “Ospedale Wafa”. Ma la costruzione che appare nel video NON è l’ospedale Al-Wafa, invece si tratta di uno stabile ubicato in una zona della città completamente differente.

Nonostante non abbia saputo identificare la struttura dell’ospedale sulla sua immagine satellitare presentata alla stampa, l’esercito israeliano ovviamente conosce dove è localizzato l’ATTUALE ospedale, poichè le sue bombe sono state sganciate direttamente sullo stesso, radendolo al suolo.

I numerosi attacchi alle strutture sanitarie e alle ambulanze hanno reso estremamente difficile portare a termine il proprio lavoro per il personale medico. In aggiunta, il bombardamento dell’unica centrale elettrica della Striscia di Gaza avvenuto lunedì da parte delle forse israeliane, ha costretto le strutture sanitarie a fare affidamento sulle fonti energetiche ausiliarie, che sono intermittenti e scarse. Ciò ha reso ancora più difficile mantenere i servizi di supporto vitale per centinaia di pazienti rimasti in condizioni critiche a causa delle ferite riportate.

19 Medics Killed, 17 Hospitals Bombed by Israeli Forces Since July 8th

Sunday August 03, 2014 12:25 by Celine Hagbard

Since the Israeli military began its assault on the Gaza Strip on July 8th, Israeli forces have repeatedly targeted medics and medical centers who have been working feverishly to treat the over 9,000 people who have been wounded.

Ambulance bombed by Israeli forces on July 21 (image by Saleh Hijazi)
Ambulance bombed by Israeli forces on July 21 (image by Saleh Hijazi)

Since July 8th, Medics and Rescue Teams have been attacked by Israeli airstrikes and artillery shelling 102 times. 19 medics have been killed, and many more have been injured.

In addition, 44 Of Gaza’s 55 Urgent Care Centers have been closed Due To Israeli Bombardment. 17 Hospitals, both public and private, have been directly targeted by the Israeli military.

The Palestinian Ministry of Health has condemned the repeated attacks on medical workers and facilities, which are supposed to be excluded from any attacks during wartime under international law.

Attacks on medical facilities are considered to be a ‘grave breach’ of the Fourth Geneva Convention, which means it is considered a war crime. Another ‘grave breach’ is extensive destruction and appropriation of property not justified by military necessity and carried out unlawfully and wantonly.

Israel is a signatory to the Fourth Geneva Convention, in 1957, but claims that it does not apply to Israel’s behavior in the territories it took over in 1967 and has been militarily occupying ever since.

The Israeli military spokesman has repeated over and over again the claim that Palestinian resistance fighters use hospitals to store and fire rockets, but has presented no credible evidence to back this claim.

The one piece of ‘evidence’ presented by the Israeli military involved the Al-Wafa Hospital in eastern Gaza, and it was proven to be a fabrication.

After bombing the al-Wafa Hospital, Gaza’s only rehabilitation center, to the ground, the Israeli military released a short video claiming to show the hospital being used by fighters. But the satellite video purporting to show rockets fired from the hospital grounds turned out, upon examination, to not show the hospital at all. An arrow added by the Israeli military before releasing the video pointed at a building next to a rocket-launching site. The building was labeled ‘Wafa Hospital’. But the building in the video was NOT Al-Wafa Hospital, but a building in an entirely different part of town.

But even while mis-identifying the hospital building on its satellite image presented to the media, the Israeli military obviously know where the ACTUAL hospital was located, because its bombs were dropped directly onto the hospital, leveling it to the ground.

The numerous attacks on medical facilities and ambulances have made it extremely difficult for medical personnel in Gaza to carry out their work. In addition, the bombing of Gaza’s only power plant on Monday by Israeli forces has forced the medical facilities to turn to backup power sources, which are intermittent and sparse. This has made it more and more difficult to maintain life support for the hundreds of patients that remain in critical condition from their wounds.

thanks to: Imemc

Israele bombarda un’altra scuola dell’Unrwa: 10 morti

3/8/2014

Maan. Domenica, 10 palestinesi sono stati uccisi a seguito del bombardamento di una scuola dell’Onu a Rafah, dove a migliaia avevano trovato rifugio dagli attacchi israeliani in corso. Almeno 30 persone sono rimaste ferite, secondo i dati forniti dal portavoce del ministero della Sanità, Ashraf al-Qidra.

Chris Gunness, portavoce dell’Unrwa, l’Agenzia Onu per i Rifugiati palestinesi, ha dichiarato che la scuola ospitava migliaia di rifugiati interni che erano stati costretti a fuggire dalle proprie case a cause delle violenze in corso a Gaza.

thanks to: Infopal

Striscia di Gaza, continua il genocidio dei palestinesi: domenica oltre 50 uccisi. Bilancio attuale: 1739 morti e 10 mila feriti

3/8/2014

Gaza. Tra la notte e la mattina di domenica mattina 3 agosto, i bombardamenti dell’aviazione e dell’artiglieria d’Israele hanno ucciso oltre 50 persone nella Striscia di Gaza, principalmente famiglie.

Il genocidio contro Gaza continua da quasi un mese (dal 7 di luglio) e non accenna a terminare, in quanto lo stato canaglia sionista non accetta alcuna tregua, dopo averne violato due e dato la colpa alla resistenza palestinese.

Tra le 37 vittime ci sono 10 membri di una stessa famiglia, al-Ghoul, di Rafah, secondo i dati riferiti dal ministero della Sanità di Gaza.

Il bilancio totale di 27 giorni di bombardamenti indiscriminati e incessanti è di 1739 morti e quasi 10 mila feriti, e un quarto della popolazione ormai senza tetto e costretta a rifugiarsi in strutture dell’Onu, oggetto, anche queste, di attacchi aerei. Va ricordato che la Striscia di Gaza è sotto assedio israelo-egiziano e la gente non può uscire, fuggire, per cercare riparo fuori dai confini. E’ quindi una situazione di prigione a cielo aperto, il più grande campo di concentramento al mondo, che, in queste settimane, si sta trasformando in un cimitero.

Nonostante Israele non voglia saperne di siglare un cessate-il-fuoco, rappresentanti dell’Olp, di Hamas e del Jihad islamico si trovano al Cairo da sabato, giunti dalla Cisgiordania, dal Qatar, dalla Siria e dal Libano e in attesa che i dirigenti di Hamas a Gaza possano uscire dalla Striscia e partecipare all’incontro per il raggiungimento di una tregua. E’ arrivata al Cairo anche una delegazione del Dipartimento di Stato Usa, che include il consigliere per il Medio Oriente Frank Lowenstein. Sono attesi anche rappresentanti delle Nazioni Unite e del Quartetto per il Medio Oriente.

(Fonti: Ministero della Sanità, Quds Press, Maan, Imemc)

thanks to: Infopal

La bambina “del miracolo” è morta per complicazioni durante i tagli all’energia elettrica. Era nata dopo la morte della madre

RT. La “bambina dei miracoli” di Gaza che era stata tratta in salvo dal ventre della madre uccisa, è morta in un’incubatrice di un ospedale in cui manca l’energia elettrica a causa degli attacchi di Israele. Gli ospedali sperano adesso che una breve tregua allevi il disastro umanitario di Gaza.

Il mondo intanto continua a piangere la morte della “bambina del miracolo” di Gaza morta in un’incubatrice di un ospedale senza elettricità a causa degli attacchi inflitti dall’IDF.

Fatta nascere prematuramente dal ventre della madre morta, la “bambina del miracolo”, Shayma, è morta nell’ospedale di Khan Yunis a sud di Gaza dopo aver lottato per la vita per cinque giorni, nel reparto di terapia intensiva colpito da black-out all’impianto elettrico dopo che Israele ha bombardato l’unica centrale elettrica di Gaza.

Il dottor Fadi Al-Khrote, uno dei sanitari che aveva salvato la bambina, ha riferito ad Al-Jazeera che la madre di Shayma, la ventritreenne Shayma al-Sheikh Qanan, era clinicamente morta da dieci minuti prima che l’intervento per salvare la neonata fosse finito. La vita della bambina era “un miracolo”, ha detto, dato che era stata privata dell’ossigeno per alcuni minuti.

“La bambina ha sofferto di insufficienza respiratoria nel ventre della madre dopo che il cuore di quest’ultima aveva smesso di battere”, ha raccontato giovedì scorso all’agenzia di stampa AFP il dottor Abdel Karem al-Bawab, primario del reparto di maternità dell’ospedale Nasser, aggiungendo che Shayma era collegata ad un respiratore del reparto.

“La mancanza di energia elettrica ha causato all’improvviso l’asfissia e il cervello della neonata è morto”, ha detto parlando della tragedia che è avvenuta mercoledì. 

“La causa è stata la continua mancanza di energia elettrica perché i tubi dell’ossigeno non hanno funzionato in maniera appropriata e abbiamo dovuto riportarla in vita più di una volta senza l’aiuto delle macchine”. 

Shayma era stata salvata dai dottori sabato scorso dopo che la madre e il padre erano stati uccisi in un attacco aereo che aveva distrutto la loro casa nel comune di Deir al-Balah. All’inizio della settimana i dottori avevano riferito all’AFP che la bambina era stabile ma che doveva rimanere con il respiratore per “almeno tre settimane”.

Quando è avvenuto il “miracolo”, la nonna di Shayma, Mirfat Qanan, aveva detto che era una tragedia aver perso la figlia.

“Mia figlia Shayma è morta, ma adesso ho una nuova figlia”, aveva detto, come riferito da Metro. Adesso Mirfat sta combattendo una nuova tragedia, come migliaia di altre famiglie palestinesi devastate dall’operazione dell’IDF “Margine protettivo” che sta distruggendo la Striscia di Gaza da 24 giorni.

Nel mondo la gente continua a commentare con centinaia di tweets la morte di Shayma dando la colpa alla mancanza di energia elettrica per mano dell’esercito israeliano.

Shayma, che come riferiscono le fonti è stata sepolta accanto alla madre, è morta dopo che l’unica centrale elettrica di Gaza è stata distrutta lasciando senza corrente elettrica la maggior parte del milione e ottocentomila persone che vive nel territorio palestinese.

I bombardamenti indiscriminati ad opera di Israele hanno portato ad una condanna mondiale man mano che il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza cresce rapidamente.

Un portavoce dell’Unrwa non è riuscito a trattenere le lacrime durante una intervista televisiva all’indomani dell’attacco mortale di mercoledì a una scuola delle Nazioni Unite che ospitava sfollati. Si riferisce che venti persone sono rimaste uccise sotto la scuola delle Nazioni Unite dove 3.300 persone avevano cercato rifugio, nella cittadina di Jabalia, vicino Gaza.

Giovedì sono stati uccisi 79 Palestinesi e 350 sono rimasti feriti, come ha dichiarato al-Qidra, portavoce del ministero della Salute. Il bilancio dei feriti ha raggiunto la cifra complessiva di 8.265 persone. Il ministero ha fatto sapere che 29 strutture mediche, inclusi 13 ospedali, sono stati daneggiati dagli attacchi israeliani.

Nel frattempo giovedì il primo ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato che l’IDF completerà la distruzione di Hamas a qualunque costo.

“Siamo decisi a portare a termine questa missione con o senza un cessate il fuoco”, ha detto Netanyahu all’inizio di una riusione di governo a Tel Aviv. “Non accetterò nessuna proposta che non permetta all’esercito israeliano di portare a termine questo importante compito per il bene della sicurezza di Israele”.

“Hamas ha ricevuto dei duri colpi da parte dell’IDF e dell’ISA”, ha detto. “Abbiamo colpito duramente migliaia di obiettivi terroristici: centri di comando, arsenali di missili, fabbriche, aree di lancio e sono stati uccisi centinaia di terroristi”.

Più tardi, lo stesso giovedì, ufficiali americani e delle Nazioni Unite hanno annunciato che Israele e Hamas hanno acconsentito ad una tregua umanitaria incondizionata di 72 ore nella Striscia di Gaza assediata.

Intanto gli ospedali di Gaza riferiscono di continue mancanze di energia elettrica e di pessime  condizioni di lavoro. I sanitari affermano di non riuscire a far fronte all’affluenza dei pazienti. La gente viene curata nei corridoi.

Yusuf Abu Rish, il sottosegretario del ministero della Salute palestinese ha affermato che la situazione a Gaza è un “disastro umanitario”.

Ha detto che i costanti bombardamenti “minacciano gli ospedali della Striscia di Gaza, che ricevono ogni giorno centinaia di feriti in seguito alla guerra in corso con Israele”, come riportato dalla versione online del quotidiano Arabic Ahram. “Agli ospedali manca l’alimentazione dei generatori. Stiamo affrontando una tragedia umana che minaccia la vita di migliaia di pazienti”, ha detto Rish.

I medici sperano che il cessate il fuoco annunciato e che inizia alle ore 5 GTM di venerdì, dia un po’ di solievo alle sofferenze dei pazienti.

Traduzione di Sandra Piva

thanks to: Infopal

La guerra degli inganni

di Gideon Levy

È cominciata come una guerra premeditata: avrebbe potuto essere evitata se negli ultimi mesi Israele avesse adottato una politica diversa. Si è evoluta in una guerra inutile. È già abbastanza ovvio che non porterà alcun risultato a lungo termine. È ancora possibile che degeneri in un disastro, e alla fine risulterà essere stata la guerra degli inganni: Israele si è ingannato fino a rovinarsi.

Il primo inganno è la pretesa che non ci fosse alternativa. Certo, quando i razzi hanno cominciato a piovere su Israele non c’era più alternativa. Ma che dire dei passi che ci hanno portato a questo? Sono passi per i quali esistevano altre opzioni. Non è difficile immaginare cosa sarebbe successo se Israele non avesse interrotto i negoziati di pace, se non avesse lanciato una guerra totale contro Hamas all’indomani dell’omicidio dei tre ragazzi israeliani, se non avesse bloccato il trasferimento dei fondi destinati al pagamento dei salari pubblici nella Striscia di Gaza, se non si fosse opposto al governo di unità nazionale palestinese e se avesse allentato l’embargo alla Striscia di Gaza.

I razzi Qassam sono stati una risposta alle scelte di Israele. In seguito gli obiettivi sono cresciuti a valanga, come avviene sempre in guerra: da fermare i razzi a trovare e distruggere i tunnel alla demilitarizzazione di Gaza. La valanga potrebbe continuare all’infinito. “Risponderemo alla pace con la pace”. Ricordate? Il 25 luglio Israele ha rifiutato la proposta di cessate il fuoco del segretario di stato statunitense John Kerry.

Il secondo inganno è che l’occupazione della Striscia di Gaza è finita. Pensate a un’enclave sotto assedio, i cui abitanti sono prigionieri, gran parte dei cui affari sono controllati da un altro stato che gestisce l’anagrafe e l’economia, proibisce le esportazioni, limita la pesca, controlla i suoi cieli e ogni tanto invade il suo territorio. Non è occupazione questa?

Il terzo inganno è l’affermazione che l’esercito israeliano “fa tutto quello che può” per evitare di uccidere civili. Siamo già oltre il migliaio di morti, tra cui una maggioranza civili e un numero impressionante di bambini. Interi quartieri sono stati rasi al suolo e 150mila profughi non hanno un posto sicuro dove andare. Questo rende tale affermazione nient’altro che uno scherzo di cattivo gusto.

Anche la convinzione che il mondo sostenga la guerra e riconosca la sua giustezza è un inganno israeliano. Se è vero che i politici occidentali continuano a ripetere che Israele ha il diritto di difendersi, i morti che continuano ad accatastarsi e la disperazione dei rifugiati stanno irritando il mondo e generando odio contro Israele. Alla fine anche gli statisti che sostengono Israele gli volteranno le spalle.

Un altro inganno è quello secondo cui questa guerra ha dimostrato che “il popolo d’Israele” è “una nazione meravigliosa”. Era da tempo che non si assisteva a una campagna così mendace, manipolatoria, melensa e autocompiaciuta. La nazione si è mobilitata per sostenere i soldati, e questo è commovente. Ma oltre ai camion carichi di dolciumi e biancheria, alle migliaia di israeliani che hanno partecipato ai funerali dei soldati le cui famiglie vivono all’estero e all’ansia per i feriti, questa guerra ha messo in evidenza anche comportamenti ben più odiosi.

Quel “comitato di sostegno ai soldati” che è Israele ha dimostrato tutta la sua indifferenza verso le sofferenze dell’altra parte. Non un briciolo di compassione, non un barlume di umanità, nessuno stupore, nessuna empatia per il suo dolore. Le orribili immagini di Gaza provocano reazioni che vanno dallo sbadiglio alla gioia. Un popolo che si comporta così non merita le lodi che si riversa addosso. Quando la gente di Gaza muore e la gente di Tel Aviv fa come se niente fosse non c’è niente da festeggiare.

E non c’è niente da festeggiare neanche nella campagna di aggressione contro i pochi che si oppongono alla guerra. Dal governo e dal parlamento alle strade e ai commenti su internet, tira una brutta aria. Solo i cittadini obbedienti sono ammessi. “Unità israeliana”? “La nazione è una grande famiglia”? Non scherziamo. Anche i mezzi d’informazione israeliani in tempo di guerra sono una barzelletta, una rete di propaganda i cui membri si sono autoarruolati per lodare ed esaltare, incitare e punire, e chiudere gli occhi.

Ma la più grande delle barzellette, la madre di tutti gli inganni è la fiducia nella giustezza del proprio agire. Lo slogan della “guerra giusta” è ripetuto fino alla nausea, fino a far sospettare che anche quelli che lo gridano più forte abbiano dei dubbi, altrimenti non griderebbero così forte e non se la prenderebbero tanto con chi cerca di esprimere un’opinione differente. Dopo tutto, come si può giustificare una guerra evitabile? E come ci si può ammantare di giustizia di fronte alle orribili immagini di Gaza?

Forse la terra brucia anche sotto i piedi di questo coro di apologeti della guerra. Forse anche loro si rendono conto che quando la battaglia finirà il quadro diverrà chiaro. È sempre così nelle guerre d’inganno, ed è così che finirà anche la guerra del 2014.

(Traduzione di Gabriele Crescente)

Fonte: Internazionale.it

Chiamata urgente dal ministero della Salute di Gaza: assistenza internazionale per evacuare i civili

Conferenza stampa del ministero Salute

1° agosto 2014 

Chiamata urgente dal ministero della Salute di Gaza: assistenza internazionale per evacuare i civili

Ministero della Salute di Gaza richiede  una immediata assistenza internazionale al fine di evacuare migliaia di civili intrappolati sotto i pesanti bombardamenti israeliani di ieri contro la popolazione civile di  Rafah, durante i quali   40 civili sono  stati uccisi e oltre 150 feriti.

L’area compresa  tra via Salah Al-Eddin e l’ospedale Al Najjar è sotto intenso e indiscriminato fuoco di artiglieria; le ambulanze non riescono a raggiungere i feriti, e migliaia di civili sono intrappolati nelle loro case.
“Non  è possibile  raggiungere i civili ed evacuarli, i feriti non possono essere raggiunti e prendersi cura di loro, i corpi dei cadaveri non possono essere recuperati”.

Israele ha informato le Nazioni Unite che non c’è tregua.

Il ministero della Salute ha notificato ufficialmente al Comitato Internazionale della Croce Rossa   di Ginevra la criticità della situazione, che ha tutte le caratteristiche del più grande massacro israeliano a memoria d’uomo.

Gaza ha bisogno di aiuto immediato per evacuare i civili da questa zona.

Il ministero della Salute di Gaza chiede inoltre alla Croce Rossa Internazionale, alle Nazioni Unite, alle ONG internazionali e le persone di  coscienza in tutto il mondo ad agire immediatamente:
1. Fornire assistenza immediata di evacuare i civili;
2. Fornire assistenza immediata per consentire il recupero di morti e feriti;
3. Esercitare sufficiente pressione internazionale per porre immediatamente fine al massacro israeliano di civili di Gaza.

Tradotto G.B.

thanks to: Infopal

Un cecchino israeliano: “Oggi ho ucciso 13 bambini palestinesi”

 

PressTvPostando un account Instagram, David Ovadia ha pubblicato una foto che lo ritrae con un fucile da cecchino. 

La foto con il post, però, è stata eliminata interamente da hacker di un gruppo anonimo. Il gruppo ha lanciato centinaia di attacchi contro siti web israeliani negli ultimi due anni.

L’azione, come riferito, ha fatto seguito ad attacchi informatici del gruppo sul Mossad israeliano e sul ministero degli Affari militari. 

Tel Aviv sostiene che il suo esercito colpisce i combattenti palestinesi del gruppo di resistenza Hamas e ha descritto il crescente numero di morti nell’enclave come “danno collaterale”. 

Israele martella la Striscia di Gaza dall’8 luglio. Le forze israeliane hanno iniziato un’offensiva di terra contro il territorio palestinese impoverito il 17 luglio. Più di 300 bambini sono stati finora uccisi.

Più di 1.370 Palestinesi sono stati uccisi e migliaia di altri feriti dall’offensiva di Israele.

Le brigate Ezzedine al-Qassam, l’ala militare del movimento di resistenza palestinese Hamas, stanno lanciando attacchi di rappresaglia contro Israele. 

Fonti israeliane hanno confermato la morte di 56 soldati. Tuttavia, Hamas dice che le perdite sono molto più alte. 

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è impegnato a completare la distruzione dei tunnel di Gaza, con o senza un cessate il fuoco.

Tel Aviv ha anche mobilitato 16.000 riservisti per le operazioni militari di terra a Gaza, portando iltotale a 86.000 unità. 

Tel Aviv ha colpito ospedali, cliniche e rifugi negli ultimi 24 giorni

Traduzione di Edy Meroli

thanks to: Infopal

Warplane delivery makes Italy complicit in Israeli crimes

Italy has offered more concrete support for Israel’s latest attack on Gaza than perhaps any other European Union country. Italy is the current holder of the EU’s rotating presidency. Its flagrant disregard for the EU’s law against weapons sales to human rights abusers is, therefore, a most serious matter.

Il jet M346 Alenia Aermacchi

by Stephanie Westbrook – Electronic Intifada
Italy has offered more concrete support for Israel’s latest attack on Gaza than perhaps any other European Union country. As the massacres began earlier this month, two Italian-made M-346 jet trainer aircraft were delivered to Hatzerim, an Israeli Air Force base in the Naqab (Negev). These warplanes — the most “advanced” of their type, according to their manufacturers — will be used to train pilots for similar operations to the one now being carried out against Gaza’s 1.8 million people.

The Rome authorities cannot seriously claim that the timing of the 9 July delivery — two days after the assault on Gaza began — is a pure coincidence. Israel has undertaken offensives against Gaza and Lebanon, and committed countless human rights violations over the past decade. And yet Italy has deepened its military cooperation with Israel.

The two aircraft are the first in a batch of thirty M-346 trainers that Israel bought in 2012 from Alenia Aermacchi, a firm in the Finmeccanica Group, Italy’s top weapons manufacturer. They are part of a $1 billion “reciprocal” procurement package that largely favored Israel.The remaining 28 aircraft are to be delivered by 2016.

Dishonest

Roberta Pinotti, defense minister in the Rome government, stated last week, that “Italy does not provide Israel with weapons of an offensive nature.” She also said that Italy complies with the EU’s code of conduct on arms exports, which has been legally-binding since 2008. Both claims were dishonest. As the M-346 are military aircraft and their end-user — Israel — is occupying the land of another people, they are offensive by definition.

The EU’s code of conduct, meanwhile, forbids weapons sales if the weapons in question are likely to facilitate the abuse of human rights or international law. There is ample evidence that Israel uses weapons to violate the rights of Palestinians and international law.

Filippo Bianchetti, a spokesperson for the No M-346 to Israel Committee, explained that the planes are weaponized in the Alenia Aermacchi plant near Turin before being delivered to Israel. The aircraft are “ready for use in offensive actions,” he said. Because they are smaller than other planes in Israel’s arsenal, they are deemed easier to handle by military strategists and more “suitable” for offensives such as the one against Gaza, he added.

The Italian elite has been courting Israel for some time. In 2005, a government headed by Silvio Berlusconi signed an agreement with Israel, committing the two sides to cooperate on developing new arms, exchanging weapons-related technology and on military training. Lately, there have been some calls for the agreement to be revoked and an arms embargo slapped on Israel. Giulio Marcon, a member of the Italian parliament, has asked, for example, if the purpose of this cooperation is “to massacre civilians and occupy the Gaza Strip.”

Shameful relations

To its shame, Italy appears determined to maintain close relations with the Israeli military. Last week, the United Nations stated that one Palestinian child had been killed by Israel every hour over the previous two days. On the same day that heartrending statistic was published (23 July), it was announced that Sardinia intends to host a multinational military exercise this coming September. The Israeli Air Force — now bombing women and children in Gaza — is scheduled to participate.

Known to tourists for its beautiful beaches, Sardinia is also home to over 60 percent of Italian military ranges, including three of Europe’s largest. When drills take place, no-go zones on land and at sea cover an area larger than the island itself.

What goes on in the firing ranges is classified, though one thing is certain. Years of bombing and the use of experimental weapons have led to grave environmental and health problems. The soil, air, water and food chain are contaminated with heavy metals; a 2010 study conducted found that 65 percent of sheep farmers within a 2.7 kilometer radius of one site for weapons testing were suffering from leukemia or lymphoma.

There have also been birth defects in children and deformities in animals, including the birth of two-headed lambs. The prevalence of such problems is so acute that it has become known locally as the “Quirra syndrome” after the name of one of the military bases.

Focus on boycott

Roughly 40 percent of the activity at the firing ranges is undertaken by private arms-makers who rent the facilities from the Italian defense ministry in order to test experimental weapons and showcase weapons systems to potential buyers.

The Israeli military has no compunction about testing weapons on civilians. Doctors working in Gaza’s hospitals have reported unusual injuries that they believe are caused by the firing of DIME (dense inert metal explosives) and other experimental weapons.

Rosalba Meloni of the Cagliari Social Forum, a group opposing the military bases in Sardinia, said that “two Hollywood-style towns for war games, one European and the other Middle Eastern” are being built on the island as part of the expansion of the Teulada firing range. That is a clear indication of where future wars are being planned.

A national campaign is being organized against Israel’s participation in the Sardinian exercises. “We will also be focusing on boycott campaigns against Israel,” said Meloni.

Italy is the current holder of the EU’s rotating presidency. Its flagrant disregard for the EU’s law against weapons sales to human rights abusers is, therefore, a most serious matter. Sadly, though, there seems to be little prospect of fellow EU governments holding Italy to account. The EU has effectively supported Israel’s attack on Gaza by claiming — without evidence — that it is in retaliation for Hamas’ rocket fire.

It is encouraging that anti-war campaigners here are supporting the Palestinian-led call for boycott, divestment and sanctions against Israel. With EU governments and institutions so happy to repeat Israeli propaganda, it is essential that the ordinary people of Italy and other parts of Europe take action.

Stephanie Westbrook is a US citizen based in Rome, Italy. Her articles have been published by Common Dreams, Counterpunch, The Electronic Intifada, In These Times and Z Magazine. Follow her on Twitter: @stephinrome.

Westbrook: “La consegna degli aerei da guerra rende l’Italia complice dei crimini di Israele”

 

Dall’Italia già inviati in Israele due dei trenta jet M-346 della Alenia Aermacchi. L’Italia è l’attuale titolare della presidenza di turno dell’UE. La sua flagrante violazione del diritto dell’Unione europea contro la vendita di armi a chi viola i diritti umani è, dunque, un problema più grave.

M-346-2

di Stephanie Westbrook – Electronic Intifada 

L’Italia ha offerto un sostegno più concreto per l’ultimo attacco di Israele a Gaza che forse qualsiasi altra nazione dell’Unione Europea . Mentre i massacri sono cominciati all’inizio di questo mese, due jet aerei d’addestramento M-346 fabbricati in Italia sono stati consegnati a Hatzerim, una base dell’Air Force israeliana nella Naqab (Negev) .

Questi aerei da guerra – i più “avanzati” del loro tipo, secondo i loro produttori – saranno utilizzati per addestrare i piloti per le operazioni simili a quella ora in corso contro gli 1,8 milioni di persone di Gaza.

Le autorità di Roma non possono seriamente sostenere che i tempi di consegna del 9 luglio – due giorni dopo che l’assalto a Gaza è iniziato – è una pura coincidenza. Israele ha intrapreso offensive contro Gaza e il Libano , e commesso innumerevoli violazioni dei diritti umani negli ultimi dieci anni. Eppure l’Italia ha approfondito la sua cooperazione militare con Israele.

I due velivoli sono i primi di una serie di trenta formatori M-346 che Israele ha acquistato nel 2012 da Alenia Aermacchi, una società del Gruppo Finmeccanica , primo produttore di armi in Italia. Fanno parte di un appalto da 1 miliardo di dollari di un “reciproco” pacchetto che in gran parte ha favorito Israele. I rimanenti 28 velivoli devono essere consegnati entro il 2016.

Disoneste

Roberta Pinotti, ministro della Difesa nel governo di Roma, ha dichiarato la settimana scorsa, che “l’Italia non fornisce Israele con le armi di natura offensiva.” Ha anche detto che l’Italia è conforme al codice di condotta della UE sulle esportazioni di armi, che è stato reso legge dal 2008. Entrambe le affermazioni erano disoneste. Perché gli M-346 sono aerei militari e il loro utente finale – Israele – sta occupando la terra di un altro popolo, che è offensivo per definizione.

Il codice di condotta dell’Unione europea, nel frattempo, vieta le vendite di armi se le armi in questione sono in grado di agevolare l’abuso dei diritti umani o del diritto internazionale. Ci sono ampie prove che Israele usa armi per violare i diritti dei palestinesi e il diritto internazionale.

Filippo Bianchetti, un portavoce del No M-346 al Comitato di Israele, ha spiegato che gli aerei sono dotati di armi nello stabilimento di Alenia Aermacchi nei pressi di Torino, prima di essere consegnati a Israele. I velivoli sono “pronti per l’uso nelle azioni offensive”, ha detto. Perché sono più piccoli rispetto agli altri aerei in arsenale di Israele, essi sono considerati più facili da gestire dagli strateghi militari e più “adatti” a offensive come quella contro Gaza, ha aggiunto.

L’elite italiana ha corteggiato Israele per un certo tempo. Nel 2005, un governo guidato da Silvio Berlusconi ha firmato un accordo con Israele, legando le due parti a cooperare sullo sviluppo di nuove armi, lo scambio di tecnologia correlata alle armi e sulla formazione militare.

Ultimamente, ci sono state alcune chiamate per l’accordo che deve essere revocato e un embargo sulle armi schiaffeggiato su Israele. Giulio Marcon, un membro del parlamento italiano, ha chiesto , per esempio, se lo scopo di questa collaborazione è quello di “massacrare i civili e occupare la Striscia di Gaza”.

Relazioni vergognose

Per sua vergogna, l’Italia sembra determinata a mantenere stretti rapporti con l’esercito israeliano. La scorsa settimana, le Nazioni Unite hanno dichiarato che un bambino palestinese è stato ucciso da Israele ogni ora nel corso dei due giorni precedenti. Lo stesso giorno in cui la statistica straziante è stata pubblicata (23 luglio), è stato annunciato che la Sardegna intende ospitare una esercitazione militare multinazionale il prossimo settembre. L’aviazione israeliana – che ora sta bombardando donne e bambini a Gaza – parteciperà.

Nota ai turisti per le sue belle spiagge, la Sardegna è anche la patria di oltre il 60 per cento dei poligoni militari italiani, tra cui tre dei più grandi d’Europa. Quando le esercitazioni si svolgono, no-go zone a terra e in mare, coprono un’area più grande della stessa isola.

Quello che succede nei poligoni di tiro è classificato, però una cosa è certa. Anni di bombardamenti e l’uso delle armi sperimentali hanno portato a gravi problemi ambientali e sanitari. Il suolo, l’aria, l’acqua e la catena alimentare sono contaminati da metalli pesanti; uno studio condotto nel 2010 ha rilevato che il 65 per cento degli allevatori di pecore in un raggio di 2,7 km di un sito per i test di armi erano affetti da leucemia o linfoma.

Ci sono stati anche difetti di nascita nei bambini e deformità negli animali, tra cui la nascita di agnelli a due teste. La prevalenza di tali problemi è così acuta che è diventata nota come la ” sindrome di Quirra ” dal nome di una delle basi militari.

Focus sul boicottaggio

Circa il 40 per cento delle attività presso i poligoni di tiro viene effettuato da armaioli privati che affittano le strutture del ministero della Difesa italiano, al fine di testare armi sperimentali e fare vetrina dei sistemi di armi a potenziali acquirenti. L’esercito israeliano non esita a testare le armi sui civili. I medici che lavorano negli ospedali di Gaza hanno riportato lesioni insolite che credono siano causate dal lancio di DIME (esplosivi densi di metallo inerte), e altre armi sperimentali.

Rosalba Meloni del Social Forum di Cagliari, un gruppo che si oppone alle basi militari in Sardegna, ha detto che “due città in stile hollywoodiano per i giochi di guerra, una europea e l’altra mediorientale” sono in costruzione sull’isola come parte dell’espansione del poligono di tiro di Teulada. Questa è una chiara indicazione di dove sono in programma le guerre future.

Una campagna nazionale è stata organizzata contro la partecipazione di Israele negli esercizi sardi. “Ci concentreremo anche sulle campagne di boicottaggio contro Israele”, ha detto Meloni.

L’Italia è l’attuale titolare della presidenza di turno dell’UE. La sua flagrante violazione del diritto dell’Unione europea contro la vendita di armi a chi viola i diritti umani è, dunque, un problema più grave. Purtroppo, però, sembra che sia poco probabile che gli altri governi UE chiamino l’ Italia a rendere conto. L’UE ha efficacemente sostenuto l’attacco di Israele su Gaza sostenendo – senza prove – che è in rappresaglia per il lancio di razzi di Hamas.

E ‘incoraggiante che gli attivisti contro la guerra qui stanno sostenendo l’appello palestinese per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele. Con i governi dell’UE e delle istituzioni così felici di ripetere la propaganda israeliana, è essenziale che la gente comune d’Italia e altre parti d’Europa agisca.

(Traduzione a cura di “Il Popolo che non esiste”)

thanks to: Stephanie Westbrook

Electronic Intifada

Nena News

Lettera di don Nandino Capovilla (ex-coordinatore di Pax Christi Italia) appena tornato dalla Palestina

30 luglio 2014 – Laura Tussi

Lettere di pace

Lettera di don Nandino Capovilla (ex-coordinatore di Pax Christi Italia) appena tornato dalla Palestina; durante il viaggio ha girato dei video e fatto interviste utili a comprendere il momento drammatico che la gente di terra Santa sta vivendo.

 
Gerusalemme, 25 luglio 2014

anche stanotte, carissimi, faremo fatica ad addormentarci e non solo per il sottofondo di spari e ambulanze. Ogni sera sempre più palestinesi scendono in strada qui al check-point, per sfogare la loro rabbia dopo aver visto tutto il giorno in TV immagini sempre più raccapriccianti di bambini, donne e comunque civili, massacrati nella vicina Striscia di Gaza. 
Come sai sono qui con una Delegazione di Pax Christi per portare anche la tua solidarietà e “scucire la bocca” a chi ci auguriamo non legga mai le cronache dei nostri giornali, piene di falsità e vuote delle più evidenti considerazioni non solo sulla immane tragedia umanitaria di migliaia di persone scacciate dalla loro casa, bombardate dal cielo, dalla terra e dal mare, ma anche sull’ipocrisia di un mondo indifferente che ripete solo ritornelli sul diritto di difesa di uno stato che da anni assedia e opprime, solo a Gaza, un milione e mezzo di persone.
Ascoltiamo i testimoni degli attacchi e i racconti dei parroci che in vivavoce ci tengono aggiornati sui bombardamenti alla…parrocchia e sulla paura delle suore di Madre Teresa e dei 27 bambini con handicap costretti a scappare dal loro istituto e rifugiatisi in chiesa.
 
Ma anche noi, che solo partecipiamo al loro pianto, scriviamo report e filmiamo interviste, anche noi ormai non abbiamo più lacrime, nè parole.
Ci restano solo i nostri piedi per andare ancora a raggiungere qualche altro testimone e la forza che anche tu, con il tuo contributo e la tua vicinanza, ci hai comunicato, per scuotere ancora coscienze intorpidite e ipocriti, reiterati equilibrismi.
 
Vi racconterò al mio ritorno, MA VI PREGO, a nome della gente di Gaza, vi chiedo di DEDICARE ANCORA QUALCHE MINUTO A DIFFONDERE AI VOSTRI CONTATTI E NELLE VOSTRE COMUNITA’ le VIDEO-INTERVISTE e i COMUNICATI che abbiamo prodotto in questi giorni > guardateli facendo copia/incolla dei link nell’allegato
Con questa immensa sofferenza che solo condividendola si potrà alleviare,
abuna Nandino
 
ECCO ALCUNI LINK ad alcune delle interviste MA GUARDATE L’ELENCO COMPLETO DEI DOCUMENTI allegato.
SE AVETE DELLE OCCASIONI PER RACCOGLIERE AIUTI PER GAZA > ecco in allegato il bonifico della CARITAS di Gerusalemme.
Note:Lettera di Padre Alex Zanotelli:
http://www.paxchristi.it/?p=8980

thanks to: PeaceLink

Il massacro della Eid: Israele bombarda un parco-giochi e ospedale al-Shifa uccide 10 bimbi

 

IMG-20140728-WA0006Gaza-Maan e Quds Press. Lunedì 28 luglio, primo giorno di Eid al-Fitr, festa di fine Ramadan, le forze israeliane hanno bombardato un parco vicino alla spiaggia della città di Gaza e l’ospedale al-Shifa, uccidendo almeno 10 bambini. E’ quanto riportano fonti mediche.

 

 

 

 

L’attacco contro l’ospedale al-Shifa, che è il principale di Gaza, ha colpito l’ambulatorio.

Il parco bombardato si trova a fianco del campo profughi di al-Shati, e ha colpito il parco-giochi, uccidendo 10 bambini mentre giocavano con le loro famiglie, vestiti con gli abiti della festa appena iniziata, la Eid al-Fitr.
40 sono stati feriti.

Un dirigente del pronto soccorso dello Shifa ha reso noto che sono arrivati in ospedale 10 corpi di bimbi, uccisi durante due attacchi.

Nomi dei bambini massacrati nel campo profughi di Shati

1 – Ahmed Hazem Shabbir

2 – Mahmoud Hazem Shabbir

3 – Bara’ Akram Miqdad

4 – Hamouda Nahid Miqdad

5 – Youssef Abdel Rahman Hassouna

6 – Mohamed Mahmoud Abu Shaqfa

7 – Khaled Mahmoud Abu Shaqfa

8 – Mansour Raed Hajaj

9 – Jamal Saleh ‘Alian

10 – Ahmed Jaber  Washih

11 – Mohammad Fadi Najjar

12 – Muhammad ‘Ammad Baroud

Israele ha affermato che a colpire sia il parco-giochi sia l’ospedale siano state le brigate palestinesi, tale informazione, che non corrisponde al vero, viene riportata anche da Al Arabiyya, tuttavia, i corrispondenti della NBC confermano che il bombardamento è stato effettuato da aerei da ricognizione israeliani.

thanks to: Infopal