Thousands rally in Israel to condemn govt. corruption

Alarmed and angered by a draft bill that would strip Israel’s Supreme Court of the power to overturn laws, thousands of activists have staged a protest in Tel Aviv, accusing Prime Minister Benjamin Netanyahu of a power grab.

Chanting slogans against the Israeli PM, hundreds of anti-government activists marched down the streets of Tel Aviv holding banners. “’Bibi take your hands off the supreme court’, ‘Corrupted, you don’t have a mandate’ and ‘Bibi, organized crime, leave the supreme court alone’,” they shouted.

Israeli nationalists rage & burn Palestinian flag outside joint Memorial Day service (VIDEO)

The Knesset’s next parliamentary session, which starts on April 29, will debate and vote on the bill, designed to curb the High Court’s power. If adopted, the bill, based on the so-called ‘British model’, would allow only the Israeli parliament to cancel or change laws, limiting the Supreme Court’s power to override the Knesset in approving legislation that could potentially be unconstitutional.

Opponents of the initiative see the new bill as an infringement on their guaranteed rights, and as a potential power grab by the Prime Minister.

The Supreme Court is the “last place laws and regulation can be stopped, the ones which Netanyahu is trying to pass in order to make this country a ‘Netanyahu’ state,’” Tom Tzoker told RT’s Ruptly video agency at the rally. “I hope we will live in a better country, one that supports its residents.”

“Today I’m especially concerned, we are talking about a new law, that means the supreme court will not be able to tell the parliament that a law is illegal,” Hani German added. “I’m also concerned about the democracy that is getting weaker.”

Sorgente: RT

Advertisements

Netanyahu faces criminal probe over donation by fraudster

 

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu © AFP
Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu © AFP

Israel’s attorney general has ordered a criminal investigation into allegations of corruption by Prime Minister Benjamin Netanyahu.

The attorney general has instructed a review of possibly non-reported millions in funds transferred by French fraudster Arnaud Mimran to Netanyahu during the 2009 elections, Israel’s Channel 10 said.

Mimran testified at a Paris court last month that he gave one million euros to Netanyahu’s election campaign.

“I financed him [Netanyahu] to the tune of about one million euros,” he said at the time.

The Israeli prime minister’s office called the claim a lie, saying Netanyahu did not receive any prohibited donation from Mimran.

Mimran is currently on trial in France for his alleged role in the massive fraud involving the sale of carbon credits in a case referred to in France as the “heist of the century.”

A joint investigation by Israeli newspaper Haaretz and the French website Mediapart published in April showed that Mimran financed vacations for Netanyahu and his family in the Alps and on the French Riviera.

The report said since the early 2000s, the Mimran family had loaned Netanyahu a spacious apartment on Avenue Victor Hugo, in the heart of Paris’ 16th Arrondissement.

Arnaud Mimran (R) arrives flanked by his lawyer at the Paris courthouse, on May 25, 2016, to attend his trial in the case of the value-added tax (VAT) fraud. (AFP photo)

Earlier in May, an Israeli watchdog cited a “fear of criminality” over a case involving the prime minister and his family when he was the finance minister over a decade ago.

The report by the Israeli comptroller said Netanyahu received funding from private organizations and donors for family travels between 2003 and 2005.

The payments were made by “foreign entities,” mainly US-based broker-dealer Israel Bonds that underwrites Israeli debt securities.

The revelations came only three months after former PM Ehud Olmert began serving a 19-month prison sentence for bribery and obstruction of justice.

Similar reports over the last few years have denounced the extensive costs of the Netanyahu family’s lavish life style.

Last year, the official watchdog revealed that Netanyahu and his wife had spent vast amounts of taxpayers’ money on food, furniture, cleaning and gardening at their residence.

Netanyahu’s wife has also come under fire for her lavish tastes and abusive behavior toward staff members.

thanks to: Presstv

Leaked report: Saudi King financed Netanyahu’s 2015 election bid

A member of Zionist regime’s Knesset (parliament) has revealed that Saudi King Salman bin Abdulaziz Aal-e Saud helped finance the election campaign of Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu in 2015.

According to Press TV, citing a massive leak of confidential documents dubbed the “Panama Papers,” Isaac Herzog, who is the chairman of the Israeli regime’s Labor party said, “In March 2015, King Salman has deposited eighty million dollars to support Netanyahu’s campaign via a Syrian-Spanish person named Mohamed Eyad Kayali.”

Panama Papers, which detail the offshore wealth of politicians and public figures across the globe, exposed more than 11.5 million financial and legal records earlier in April.

“The money was deposited to a company’s account in British Virgin Islands owned by Teddy Sagi, an Israeli billionaire and businessman, who has allocated the money to fund the campaign [of] Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu,” the lawmaker said.

In the recent past, Netanyahu has on several occasions talked of a budding relationship between the illegal Zionist entity and Arab countries.

thanks to: Parstoday

Parlamentare israeliano: Re saudita Salman ha finanziato campagna elettorale di Netanyahu

TEL AVIV (Parstoday Italian)- Un membro del parlamento israeliano ha rivelato che il re saudita Salman bin Abdul-Aziz Al Saud ha contribuito a finanziare la campagna elettorale nel 2015 del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Citando dati provenienti dai documenti riservati “Panama Papers,” Isaac Herzog, che è il presidente del partito laburista israeliano ha dichiarato: “Nel marzo 2015, il re Salman ha depositato ottanta milioni di dollari per sostenere la campagna di Netanyahu grazie a un tramite spagnolo di nome Mohamed Eyad Kayali”. “Il denaro è stato depositato sul conto di una società delle Isole Vergini britanniche di proprietà di Teddy Sagi, un miliardario e uomo d’affari, che ha stanziato i soldi per finanziare la campagna del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu”, ha dichiarato Herzog.

Il regime sionista israeliano ha legami segreti con diversi Stati arabi, nonostante tali Paesi affermino ipocritamente che le relazioni con Israele si normalizzeranno solo quando verrà raggiunto un accordo con i palestinesi. Lo riferisce il faro Sul Mondo precisando che Riyadh mantiene anche legami militari con il regime di Tel Aviv. Nel mese di aprile, lo sceicco Naim Qassem, vice segretario generale di Hezbollah, ha dichiarato che il regime israeliano addestra le forze militari saudite nel quadro delle relazioni segrete tra i due Paesi.

thanks to: Parstoday

Spain: City Council Announces Support for BDS, Warrant Issued for Netanyahu’s Arrest

The Santiago de Compostela City Council (capital of Spain’s Galicia region) passed a motion declaring itself a space free of discrimination against the Palestinian people and in support of the BDS campaign on 10 November.

santiagobdsaic.jpg

According to the Alternative Information Center (AIC), the BDS Galicia group reports that ruling electoral alliance in the City Hall, Compostela Aberta, and two of the groups in the opposition, the Socialist Party (PSdeG-PSOE) and the Galizan Nationalist Bloc (BNG) voted in favour, while the People’s Party (PP) abstained.

Such initiatives were set in motion in 2010 by the South African Municipal Workers Union (SAMWU), which after the Israeli massacre in Gaza in 2008-09 started spreading this Apartheid Israel Free zone idea.

BDS Galicia provides us with the full text of the motion passed by Santiago City Council:

Emergency motion presented by the Compostela Aberta municipal group at the plenary meeting of the city council regarding the request for Santiago City Council to support the global BDS movement.

Concepción Fernández Fernández, councillor for Social Policy, Diversity and Healthcare, tabled the following emergency motion for approval at the city council plenary meeting:

In July 2005 a broad-based coalition of Palestinian groups launched the Global BDS Campaign (boycotts, divestment and sanctions against Israeli settlements, apartheid and occupation) against Israel, urging “people of conscience around the world to impose broad boycotts and implement divestment initiatives against Israel” as a measure designed to help put an end to the increasingly bloody ethnic cleansing inflicted on the Palestinian people.

Trade unions, universities, grassroots organisations, consumer associations, pacifist movements, municipalities, artists, students and professionals from all walks of life and from all around the world have come together in a peaceful, citizen’s movement whose influence increases daily. This global movement has become the touchstone for solidarity with Palestine. It is a global movement that Galiza cannot afford not to be part of.

For these reasons, the Compostela Aberta municipal group tables to following motion before the plenary session of Santiago de Compostela City Council for its approval:

1.- To declare Santiago City Council as a space free from discrimination against the Palestinian people and supporting the BDS Campaign with the following aims:

– To end occupation and settlements in all of the Palestinian territories and to dismantle the wall;

-To recognise the basic rights of the Arab-Palestinian citizens living in Israel to full equality;

-To recognise the right of the Palestinian refugees to return to their homes and properties as stated in United Nations General Assembly Resolution 194;

2.- To refrain from collaborating with the State of Israel, its public bodies and its official representatives in the Spanish State and in any kind of agricultural, educational, trade, cultural or security projects;

3.- To spread awareness of the BDS Campaign and to support it in all areas (economy, culture, sports, academia and public institutions).

— —

In related news, Turkish news site, Yenis Afak, recently reported that a Spanish court has found Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu and six other senior officials guilty of crimes against humanity for their role in the 2010 raid on Gaza-bound aid ship, Mavi Marmara.

Nine activists were killed, including one Turkish-American, and dozens injured when Israeli commandos boarded the lead ship of a Gaza-bound flotilla, Mavi Marmara, when it attempted to breach the blockade of the Palestinian territory. Spanish activists were also on board the ships.

The Madrid-based Supreme Court has ordered arrest of Prime Minister Benjamin Netanyahu, ex-foreign minister Avigdor Lieberman, ex-defense minister Ehud Barak, then-deputy PMs Moshe Ya’alon and Eli Yishai, and then-state minister Benny Begin. Israel’s ex-Navy Commander Eliezer Marom is among the co-defendants found guilty by the Spanish judge.

Also from AIC: 11/12/15 Bill Banning BDS Supporters Passes First Stage

thanks to: IMEMC News

L’invenzione sionista della minaccia iraniana – intervista con il Prof. Yakov Rabkin

Buonasera dalla redazione italiana di ProMosaik e.V.,

In queste settimane, all’indomani dello storico accordo di Vienna, raggiunto finalmente in data 14 luglio 2015 dopo un impegno durato 12 anni, abbiamo già parlato diverse volte dell’Iran e di Israele. L’unico stato che si oppone a questo accordo è Israele che parla della minaccia iraniana per lo Stato sionista.

Abbiamo parlato con il Prof. Yakov Rabkin dell’università di Montreal di questa invenzione e di questa cultura della paura su cui si basa il sionismo. Vorrei ringraziare il Prof. Rabkin per la sua disponibilità.  


Abbiamo già pubblicato il suo grandioso articolo sull’Iran e Netanyahu prima della conclusione dell’accordo di Vienna (vedi
http://promosaik.blogspot.com.tr/2015/03/netanyahu-and-iran-must-read-by-prof.html), in occasione del discorso di Netanyahu rivolto al Congresso statunitense sulla cosiddetta “minaccia iraniana”.

Grazie della vostra attenzione e buona lettura!

Potete mandarci i vostri commenti e i vostri suggerimenti a
info@promosaik.com

Cordiali saluti


Dr. phil. Milena Rampoldi

ProMosaik e.V.


Dr. phil. Milena Rampoldi:
In che modo Israele ha inventato la minaccia iraniana e con quali mezzi cerca di mantenerla?
Prof. Yakov Rabkin:
In un mio articolo precedente ho trattato della storia di questa invenzione (http://www.acjna.org/acjna/articles_detail.aspx?id=575 ). Israele ha usato i suoi alleati ed agenti per trasformare la questione iraniana in un problema internazionale. In questo modo il regime israeliano è riuscito a distrarre il mondo dalla questione palestinese per poter continuare a violare con impunità i diritti dei palestinesi. Un altro aspetto non meno importante: questa invenzione ha offerto alla società israeliana una “nuova minaccia esistenziale”. Apparentemente l’inesistente bomba atomica iraniana ora è stata rimpiazzata da un’altra “minaccia esistenziale”, quella del movimento BDS, una campagna internazionale pacifica volta all’applicazione del boicottaggio, del disinvestimento e delle sanzioni economiche per costringere Israele a cambiare la sua politica nei confronti dei palestinesi. Alcuni israeliani sono dell’idea che la loro società imploderebbe senza queste minacce esistenziali. Infatti la paura è la forza di coesione sociale.  
Dr. phil. Milena Rampoldi:
Come possiamo oggi, rifiutando l’ideologia sionista, promuovere l’amicizia tra il popolo ebraico e quelli musulmani in generale e quello iraniano in particolare?

Prof. Yakov Rabkin:
È fondamentale sottolineare che il sionismo rappresenta una rottura con e una ribellione nei confronti del giudaismo. Molti ebrei si opposero ad esso quando fu fondato alla fine dell’Ottocento. Si devono abbandonare tutte le teorie cospiratorie antisemite e capire che gli ebrei sparsi per il mondo, indipendentemente dal fatto se sostengono Israele o meno, non esercitano alcuna influenza sulla politica israeliana. Non vanno ritenuti responsabili di quello che Israele rappresenta e di come agisce. Allora si percepisce che l’ebraismo e l’islam sono le religioni più simili tra loro e che gli ebrei vivevano molto meglio nei regimi islamici che non in quelli cristiani e che numerose opere dell’ebraismo furono redatte in lingua araba. Inoltre, gli ebrei, grazie alla loro esperienza dell’antisemitismo nei paesi cristiani, possono anche aiutare tantissimo i musulmani nell’affrontare la crescente islamofobia.  


Dr. phil. Milena Rampoldi:
Che cosa vorresti dire al Presidente del Consiglio degli ebrei in Germania, il Dr. Schuster, il quale afferma che l’accordo con l’Iran rappresenterebbe una minaccia per Israele e per la stabilità dell’intero Medio Oriente?

Prof. Yakov Rabkin: 

I sostenitori di Israele in tutto il mondo non fanno che dire quello che viene ordinato loro dai loro padroni. Con tutto il rispetto per i funzionari delle organizzazioni ebraiche in Germania: esse non possono essere informate meglio dei loro governi che hanno firmato l’accordo di Vienna. Questo sostegno a favore di Israele non è affatto innocente. Di recente è emerso (http://972mag.com/for-the-first-time-in-history-jews-can-take-part-in-war-from-home/109087/) che le organizzazioni ebraiche erano state usate di nascosto dall’esercito israeliano per diffondere il suo messaggio durante la guerra di Gaza del 2014. Ovviamente dei funzionari ebrei pronti ad agire in questo modo espongono tutti i membri della loro comunità a rappresaglie anche violente. E questo è particolarmente grave, visto che gran parte degli ebrei, almeno negli Stati Uniti, si dichiara a favore dell’accordo di Vienna con l’Iran. Inoltre gli ebrei americani lo sostengono di più degli americani medi (http://www.jpost.com/Diaspora/US-Jews-much-likelier-to-back-Iran-deal-than-non-Jews-poll-410094). Questo fatto mostra il crescente alienamento degli ebrei americani nei confronti di Israele, cosa che non fa che corroborare la tesi espressa nella mia domanda precedente. Dunque ci si deve chiedere: Chi rappresentano esattamente questi funzionari delle organizzazioni ebraiche? Gli ebrei nei loro paesi o lo stato di Israele?

Dr. phil. Milena Rampoldi:
Quanto ci metterà la gente a capire che Netanyahu ha torto? Come possiamo spiegare loro questo fatto per farli cambiare idea?

Prof. Yakov Rabkin:
Netanyahu fa affidamento sul supporto di uno dei grandi sponsor del Partito Repubblicano. Dunque probabilmente la credibilità del primo ministro rimarrà invariata in quei circoli e media. Comunque, altrove, sembra essere molto più debole. Ma la questione non riguarda la sua personalità. La maggioranza politica israeliana sostiene Netanyahu nella sua opposizione all’accordo di Vienna.
Fa parte di un inesorabile spostamento del pubblico israeliano verso destra (http://972mag.com/for-the-first-time-in-history-jews-can-take-part-in-war-from-home/109087/) che causa il progressivo isolamento di Israele nel mondo, incluso l’isolamento dagli ebrei nei paesi più importanti.  
Il Prof. Yakov Myronovytsch Rabkin (nato a San Pietroburgo nel 1945) è professore di storia all’Università di Montréal (in Québec). I suoi ambiti di specializzazione sono la storia sovietica e la storia della scienza e la storia ebraica contemporanea. È autore dell’opera A Threat from Within: A Century of Jewish Opposition to Zionism (Nel nome della Torah – L’opposizione ebraica al sionismo), tradotta in 12 lingue e di Comprendre l’État d’Israël (Comprendere lo stato di Israele). Il suo nuovo libro intitolato What is Modern Israel?, verrà pubblicato nel maggio del 2016 da Pluto Press a Londra.

thanks to: ProMosaik e.V.

Unioni gay, la corte europea dei diritti umani condanna l’Italia ingiustamente.

Renzi: Quando ho visto Bibi è stato amore a prima vista. Sarà per quel nome così evocativo, B.B., che mi ricorda antiche passioni, sarà la faccia da nazista sempre pronto a bombardare qualcuno, sarà quell’odore…

… di bambini morti, bruciati dal fosforo bianco…

…ma io per lui farei pazzie!

Netanyahu: Come t’incula Renzi nemmeno John Holmes!

“Grazie, Netanyahu, per aver detto la verità”

di Gideon Levy

Il premier riconfermato, scrive il giornalista di Haaretz in un editoriale, sarà ricordato per aver detto la verità su Israele: non ci sarà mai uno stato palestinese

Vorrei ringraziare il primo ministro Benjamin Netanyahu. Grazie per aver detto la verità. Per almeno 25 anni statisti israeliani hanno mentito, ingannato il mondo, gli israeliani e se stessi. Ora Netanyahu ha detto la verità. Se solo questa verità fosse stata detta da un primo ministro israeliano 25 anni fa, o forse anche 50 anni fa, quando nacque l’occupazione. Tuttavia meglio tardi che mai. Il pubblico lo ha premiato per questa verità e Netanyahu è stato eletto per un quarto mandato.

Netanyahu ha annunciato la scorsa settimana che, se fosse stato rieletto, uno Stato palestinese non sarebbe mai sorto. Chiaro e semplice, forte e chiaro. Nessuno ha avuto il coraggio di rivelare la verità nel passato. L’ultimo di questi imbroglioni è stato Isaac Herzog: il suo audace piano comprendeva cinque anni di negoziati. Il pubblico lo ha ricompensato per questo.

Dopo tutto si dovevano ingannare gli americani, gli europei e i palestinesi. Bisognava anche giocare per tempo, costruire insediamenti e sbarazzarsi di ogni possibile partner palestinese: Yasser Arafat era troppo forte, il presidente Mahmoud Abbas è troppo debole; e Hamas è troppo estremo. Si deve giocare per tempo in modo che i palestinesi diventino più estremisti e tutti capiscano che non c’è nessuno con cui parlare.

Ora arriva l’uomo considerato un bluffer e solo lui racconta la fatidica verità storica: non ci sarà alcuno stato palestinese. Non durante il suo mandato, che ora sembra eterno e non dopo perché allora sarà troppo tardi. La fine dei negoziati è la fine dei giochi. Non ci sarà più spola diplomatica, quartetti, emissari, mediatori e piani.

Non c’era alcuna possibilità fin dall’inizio. In Israele non c’è mai stato un primo ministro – tra cui i due vincitori del Premio Nobel per la Pace – che intendesse anche per un secondo stabilire uno stato palestinese. Ora Netanyahu ha posto fine alla convenienza dell’inganno. Se Israele avesse giocato le sue carte apertamente fin dall’inizio, come Netanyahu ha fatto oggi, forse saremmo in un luogo diverso, in un posto migliore.

Se solo Israele avesse detto prima che brama il territorio occupato per sé e non potrà mai rinunciarci, che centinaia di migliaia di ebrei vivono lì e non ha alcuna intenzione di evacuarli, che non si preoccupa del diritto internazionale e non gli importa di quello che tutto il mondo pensa, che i palestinesi non hanno diritto di vivere lì, che Abramo, il nostro patriarca, è sepolto lì, che Rachel, la nostra matriarca, piange lì, che la sicurezza di Israele dipende da questo e che l’Olocausto è alle porte! Le ragioni sono molte e varie, ma tutti dicono una cosa: ora e per sempre da Hebron a Jenin. Sì all’autonomia di leghe di villaggio o di una Autorità palestinese, ma no a uno stato. Mai.

Se un leader onesto come Netanyahu avesse detto questo anni fa: gli israeliani, i palestinesi, tutto il mondo lo avrebbe saputo. Allora sarebbe stato possibile cercare altre soluzioni, invece di perdere tempo a barare, o di vedere l’odio crescere e il sangue versato per niente. Avremmo potuto pensare molto tempo fa ad alternative alla soluzione dei due Stati come la creazione di un unico uno stato e in tal caso le alternative sono due: democrazia o apartheid. Invece, siamo stati ingannati.

Ora Benjamin Netanyahu ha posto fine a tutto questo. Dobbiamo essere grati a lui per questo. La storia ricorderà che è stato il primo premier israeliano a dire la verità.

( Fonte: NenaNews )

via23-3-15_Grazie-Netanyahu.

Netanyahu è Israele

di Michele Giorgio

 


L’affermazione ottenuta dal Likud dice che la grande maggioranza degli israeliani ebrei si identifica totalmente con le idee del primo ministro. Il dissenso esiste, la società è complessa ma Netanyahu senza alcun dubbio rappresenta Israele

Il grande sconfitto Yitzhak Herzog, leader laburista e della lista Campo Sionista, promette, «solennemente», che un giorno in Israele arriverà il «cambiamento». Ora però Israele è con Benyamin Netanyahu e Netanyahu è Israele. La vittoria schiacciante – un vero e proprio referendum sulla sua persona – ottenuta due giorni fa dal primo ministro, dice in modo inequivocabile che gran parte di Israele si identifica con lui e la destra radicale. Crede alle sue idee, Israele contro tutto e tutti, che non esita a farla pagare cara ai suoi nemici e a punire gli alleati che dissentono troppo, come il presidente Barack Obama, umiliato a casa sua dal discorso pronunciato il 3 marzo da Netanyahu davanti al Congresso contro l’accordo sul programma nucleare iraniano che gli Usa stanno negoziando con Tehran. A Netanyahu per vincere le elezioni è bastato lanciare l’allerta sul «pericolo palestinese», sugli insidiosi arabo israeliani che martedì, fatto “gravissimo”, andavano alle urne in gran numero, e sul centro sinistra «che mette a rischio la sicurezza di Israele». per ritrovarsi dietro più della metà dell’elettorato. È stato sufficiente dire di no allo Stato di Palestina e annunciare una colonizzazione incessante a Gerusalemme Est e in Cisgiordania, per portare dalla sua parte tanti coloni e sostenitori dell’ultradestra. Il distacco inflitto ai principali avversari, 29 seggi per il Likud e 24 per Campo Sionista, è frutto del fiuto politico del premier.

Case troppo care e insufficienti, affitti elevati, carovita, famiglie indebitate e che non arrivano alla fine del mese. Netanyahu su questi temi le elezioni le aveva davvero perdute, i sondaggi precedenti al voto non ci hanno raccontato una realtà virtuale. Fino a una settimana fa Netanyahu era sconfitto. Poi ha pronunciato la parola magica: sicurezza. E ha vinto. Il caso del “progressista” David Grossman spiega come funziona in Israele la costruzione del consenso. Grossman passa la vita tra carte, libri e la tastiera del computer e non sa nulla di centrifughe, arricchimento dell’uranio e di plutonio. Eppure qualche giorno fa non ha esitato ad affermare con determinazione che è vero quello che dice Netanyahu: l’Iran si sta costruendo la bomba atomica. Sebbene queste affermazioni siano in forte contrasto con quello che spiegano il generale Uzi Eilam, ex capo dell’agenzia israeliana per l’energia atomica, e tanti altri comandanti militari e dei servizi di sicurezza. L’ex capo del Mossad, Meir Dagan, che pure ha inviato i suoi agenti a Tehran ad ammazzare non pochi ingegneri nucleari iraniani, denuncia l’allarmismo di Netanyahu, smentisce le teorie del primo ministro che ritiene propaganda politica. Eppure lo scrittore pacifista Grossman non ha dubbi: Netanyahu ha ragione, l’Iran è sul punto di assemblare ordigni atomici e l’accordo internazionale va impedito.

Sicurezza nazionale e politica un connubio micidiale che ha regalato il trionfo a Netanyahu e inflitto una sconfitta umiliante a Herzog e alla sua alleata Tzipi Livni, ha ridimensionato le ambizioni dei centristi Yair Lapid (Yesh Atid) e Moshe Kahlon (Kalanu) e ha quasi fatto sparire il Meretz, la sinistra sionista. Netanyahu Tel Aviv non è riuscito a conquistarla ma è andato giù come una valanga a Gerusalemme, perenne feudo della destra e dei religiosi, dove il Likud si è aggiudicato il 24 per cento dei voti lasciando un altro 48 per cento a quattro liste confessionali ideologicamente alleate. Nelle periferie di Israele e nelle colonie la destra ha dilagato sotto la spinta degli appelli lanciati dal premier. Ad Ariel, il secondo più grande insediamento colonico in Cisgiordania, il Likud ha rastrellato metà dei voti. Risultati molto simili si sono registrati in un’altra colonia, la più grande, Maaleh Adumim. Interessante il dato elettorale del sud di Israele. Nei centri urbani ha dominato il Likud. Invece i kibbutz adiacenti a Gaza, che pure erano stati la scorsa estate tra i bersagli dei razzi lanciati dalla Striscia in risposta ai bombardamenti israeliani, hanno dato gran parte dei loro voti a Campo Sionista e, in misura minore, a Yesh Atid e al Meretz. Scontate le percentuali bassissime ottenute dal Likud a Nazareth, Umm al Fahem e negli altri centri abitati arabo israeliani, dove la minoranza palestinese ha votato in massa per la Lista Araba Unita. I partiti arabi sul filo di lana ha ottenuto un 14esimo seggio, cogliendo un successo senza precedenti che l’ha portata a diventare il terzo gruppo alla Knesset (ci sono altri 4 deputati arabi ma sono stati eletti in liste diverse). Voti che rappresentanto una risposta alle discriminazioni e un rifiuto delle politiche, della destra e non solo, verso i cittadini arabi.

I riflessi regionali ed internazionali della vittoria elettorale di Benyamin Netanyahu sono stati immediati. Tra le prime reazioni c’è, naturalmente, quella dell’Amministrazione Obama. Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha detto che alla luce dell’esito delle legislative in Israele, gli Stati Uniti valuteranno la strada da seguire per portare avanti il processo di pace in Medio Oriente. Washington insiste nonostante Netanyahu abbia dichiarato la sua totale opposizione alla nascita di uno Stato palestinese, annullando in un colpo solo la soluzione dei “Due Stati”, Israele e Palestina, pilastro per anni del negoziato mediato dagli americani. Tra la Casa Bianca e il primo ministro israeliano è sempre gelo. Obama ieri sera non si è ancora congratulato con Netanyahu. Fanno sentire la loro voce anche le Nazioni Unite attraverso il Segretario Generale Ban Ki moon secondo il quale solo l’adesione al processo di pace garantirà che Israele resti una democrazia in futuro. Netanyahu non ha risposto. Ha preferito ribadire che in 2-3 settimane formerà il suo nuovo governo con i partiti nazionalisti e religiosi, un vero e proprio “gabinetto di guerra”.

( Fonte: IlManifesto )

 

20-3-15_Netanyahu-e-Israele.