Perché i crimini d’odio non esistono

La commissione segre à avuto almeno un merito, quello di far parlare in italia dei crimini d’odio, argomento che in altri paesi invece è già stato discusso da anni. In particolare con la contrapposizione tra Canada e U.S. of A.: nel primo paese le leggi contro i crimini d’odio ti obbligano a usare i pronomi che ogni persona sceglie per sé (quella idiozia per cui la gente si presenta dicendo “he/his”) mentre nel secondo la libertà di espressione difesa dalla costituzione non permette leggi simili.

In questi giorni ò letto le opinioni di tanti italiani che “figurati se mettono ti vietano di dire che…
Di solito è una forma di autodifesa: quando vedi un disastro che si avvicina lo neghi perché non vuoi affrontare la paura di quello che sta per accadere. Prima o poi però devi fare i conti con la realtà.
Come quella di Jordan Peterson, professore universitario canadese che si è opposto alla legge che tutela l’identità di genere sotto il cappello della difesa contro i crimini d’odio.
La storia è lunga e complicata, ma riassumendo: se un suo studente gli chiede di usare dei pronomi di fantasia quando parla con lui deve farlo altrimenti genera odio nei confronti dei transessuali.
Ci sono state violente protesti, Peterson è stato boicottato da tutto il mondo accademico e fortunatamente rimane in piedi perché riesce a raccogliere finanziamenti dai suoi sostenitori, altrimenti sarebbe accademicamente tagliato fuori dal mondo della ricerca.
A voi che “figurati se proibiscono di dire…“, in paesi come il Canada, dove ànno approvato una legge contro i crimini d’odio, questo è quello che succede: o ti metti a π/2 nei confronti dei capricci di chiunque e usi i pronomi che vuole, oppure vieni devastato professionalmente.

Ma no, lo fanno per vietare che uno possa dire “ebrei a fuoco”!
No, lo fanno per obbligarti a chiamare “zhe” un transessuale.

Così come ti obbligano a usare i pronomi di fantasia perché altrimenti è crimine d’odio contro i transessuali, così possono benissimo condannarti perché dici che sei per la famiglia naturale, o se dici che due uomini a letto non fanno figli. Possono condannarti se dici che ci pratica un aborto è un assassino. Possono condannarti per qualsiasi cosa che possa essere considerata odio.

Proprio questo è il problema. In uno Stato civile l’odio non può essere punito dalla legge.
La legge infatti (lo ripeto, in uno Stato civile) punisce ciò che crea un danno. La legge punisce la diffamazione, ad esempio, perché se tu rovini la reputazione di una persona le crei un danno. Il bene da tutelare può anche essere collettivo: se cerchi di fare un colpo di stato la legge ti punisce perché crei un danno alle istituzioni democratiche.
In ogni caso devi sempre chiederti: qual è il bene che la legge vuole tutelare? Qual è il danno che vuole prevenire?

Una delle differenze tra le norme etiche e religiose e la norma giuridica è che mentre per le prime tu puoi fare qualcosa di male anche solo per un sentimento, quando si parla di legge dello Stato dei sentimenti te ne sbatti le palle. Se non fai un danno quel sentimento sono fatti tuoi, e allo Stato non gliene deve fregare nulla.

Sì, in uno Stato civile l’odio è consentito. Io posso anche essere uno stronzo razzista e pensare che i bianki sono una razza inferiore, ma fin quando questo non crea alcun danno è un mio diritto pensarlo e affermarlo. Se io sono uno stronzo razzista è un problema mio e del mio confessore. Alla boldrinova o alla segre non gliene deve fregare nulla. Perché no, lo Stato non à diritto di impormi un’ideologia. Nemmeno se è l’ideologia “dei buoni”. Puoi impormi di non creare danni, questo sì.

Il confine è sottile ma chiaro. Per esempio, sicuramente avrete letto ciò che il prof. odifreddi à scritto negli anni sui cristiani. In un libro, l’avrò ricordato mille volte, scrisse ironicamente che la parola cristiano deriva da “cretino”. Ebbene, il professor odifreddi à tutto il diritto di dire che i cristiani sono cretini, à tutto diritto di dire che chi crede in un essere superiore invisibile è un cretino. Poi però quando gli si presenta davanti all’esame uno studente cristiano con una croce al collo lo deve valutare come qualsiasi altro studente. Se fa l’esame correttamente gli dà il 30 e lode, se invece non si ricorda nemmeno cos’è un logaritmo lo boccia (e magari gli dice di passare alla facoltà di medicina dove pure gli asini si laureano).
Se lo studente è valutato correttamente e senza pregiudizio, se quello studente prende lo stesso voto presentandosi con la croce al collo o con la maglietta di richard dawkins, allora non à nulla di che lamentarsi. Non à subito alcun danno, e se odifreddi scrive che i cristiani come lui sono cretini non gliene deve fregare niente.

Allo stesso modo io ò diritto di dire che chi fa un aborto è un assassino. Fin quando non mi metto davanti a una clinica a impedire l’accesso a qualcuno che vuole ricorrere all’aborto non creo un danno a nessuno, quindi ò diritto di dire che chi fa un aborto è un assassino.
Gli esempi potrebbero continuare all’infinito. In ogni caso dovete sempre domandarvi se si sta creando un danno a qualcuno. Se vi limitate ad esprimere la vostra opinione e non create danno ad alcuno allora non c’è ragione, in uno Stato civile, di punire quella opinione.

Ecco, le leggi sui crimini d’odio vogliono abbattere questo muro. Vogliono punire le opinioni, anche quando non creano danni reali. Lo vogliono fare sul presupposto che il bene da tutelare è il diritto a non sentire opinioni che possano turbare.
Qualcuno a questo punto potrà dire: ma non è forse un danno alla propria serenità il fatto di sentire opinioni che turbano? Se io sono un cristiano e odifreddi mi dice che i cristiani sono cretini io divento triste. Non è forse un danno al mio stato psicologico? Se io sono una persona che à fatto un aborto e mi dici che sono un assassino rimango turbato: non è forse un danno?

No. O meglio, puoi considerarlo come tale, ma lo Stato non deve tutelare il tuo diritto a non sentire opinioni che ti turbano. Perché questo è il prezzo da pagare per vivere in una società con altre persone e non in un eremo da solo.
Se lo Stato dovesse tutelare chiunque da opinioni che possono turbare dovrebbe vietare a chiunque di parlare in pubblico. Perché chiunque potrebbe dirsi offeso da una qualsiasi opinione, quindi dovresti vietare tutte le opinioni.
Se uno è turbato da ciò che dice un’altra persona deve essere lui a crescere, diventare grande, e imparare ad ascoltare le opinioni altrui senza frignare. Non è lo Stato che gli deve assicurare un seif speis. Perché se metti assieme una società fatta di tanti seif space quante persone la compongono di fatto imponi il silenzio a tutti. Non funziona così: tra bambini grandi impari che delle opinioni degli altri puoi anche fregartene. E se qualcuno ti odia, cazzi suoi.

Un cristiano si sente offeso perché toscani dice che una chiesa, con i suoi crocefissi e statue di santi infilzati di spade, sembra un club masochista? Cazzi suoi. Impara a sentire le opinioni degli altri senza frignare. Libero lui di credere, liberi gli altri di ironizzare su ciò.
Sei affetto da disforia di genere e ti senti offeso se ti dico che esistono solo due generi? Fatti tuoi. Non puoi vietarmi di dire la verità perché rimani offeso. Cresci, diventi grande e impari a fregartene delle opinioni degli altri, non tappi la bocca agli altri perché altrimenti tu piangi.

Se volete vi faccio un paio di esempi personali. Quando vivevo in giappone ò subito discriminazione razziale perché sono bianco. Mi sono lamentato e ò condannato ciò che è successo perché ne avevo subito un danno. Quando mi vietano un affitto perché sono un gaijin mi creano un danno, perché a me serve una casa dove vivere, e magari devo affittarmi un appartamento più caro o più lontano dal lavoro.
Questo è un danno, è giusto lamentarsi.
Lo scorso dicembre a Praga uno sbandato mi à gridato “parlate ceco!” mentre passeggiavo con la persona con la quale scambio fluidi corporei che è diversamente pigmentata.
Potevo rimanere turbato da questo messaggio d’odio? Certo, ma la persona in questione non mi à provocato alcun danno. Mi è bastato fregarmene, continuare per la mia via verso la trattoria dove stavamo andando e la mia vita è continuata come prima.
Fin quando questo mi manda messaggi d’odio ma io me ne frego non mi crea nessun danno. Lo stesso devono fare tutti i piccoli fiocchi di neve che si offendono un po’ troppo facilmente e bollano come messaggio d’odio tutto ciò che li intristisce.

Ovviamente la legge italiana già comprende molte norme che funzionano proprio in questo modo, tutelando i piccoli fiocchi di neve. Tutti i delitti contro il sentimento religioso ad esempio, fino ad arrivare alla porcata mancino.
Questo non significa che queste norme sono giuste: significa solo che qualcuno, prima dei segrini, à approvato leggi indegne di un paese civile. Io dal Parlamento mi aspetto che eliminino queste leggi, non che ne approvino altre simili.

thanks to: Butta.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.