Arriva Calipso V, nuovo pozzo ENI al largo di Falconara

Nitrati (NOx) che saranno emessi da Calipso V, dell’ENI al largo di Falconara
“Le attivita in progetto non comportano impatti significativi per l’ambiente”
Tutto questo e’ firmato dal legale rappresentante dell’ENI, Mr. Diego Portoghese
Ovviamente da San Donato Milanese e’ sempre tuttapposto!
Siamo a circa 35 km dalla costa fra Falconara ed Ancona, ad una profondita’ d’acqua di circa 75 metri. E’ qui che l’ENI (al 51%) vuole trivellare assieme alla Edison Gas (al 49%), piazzandoci il pozzo Calipso V.
Ai tempi della scuola Calipso era una ninfa che trattenne Ulisse sulla sua isola, Ogigia, in Grecia, per sette anni. I due si amarono, lei gli offri’ l’immortalita’ ma lui la rifiuto’ perche’ voleva tornare ad Itaca.
Adesso Calipso e’ un petrol-mostro, perche’ questi signori del petrolio non sanno neanche rispettare la sacralita’ della letteratura greca e devono inquinare pure la mitologia antica.
Ad ogni modo, questi galantuomini dell’ENI gia’ operano, e dal 2002, la piattaforma Calipso, collegata alla centrale di Falconara, citta’ martoriata dal petrolio.
Quello che vogliono fare con Calipso V e’ di trivellare un nuovo pozzo per l’estrazione del gas, il quinto della serie, e aggiungerlo a tutti quelli che gia’ fanno riferimento alla piattaforma Calipso. Di questi due sono gia’ produttivi, Calipso 003 DirA e Calipso 004 DirB.
Quello che vogliono fare e’ di perforare, fare test sulla natura del gas estratto, e metterlo in produzione. Il giacimento e’ a circa 1.8 chilometri dalla piattaforma, per cui non e’ ben chiaro come ci arriveranno. Il loro documento di valutazione ambientale non lo spiega chiaramente. Trivelleranno in orizzontale per 1.8 chilometri? Non si sa, ma parrebbe l’unica possibilita’.
Ovviamente non possono non sparare sulla loro presunta benevolenza: dicono che il modello di business di ENI e’ “volto alla creazione di valore” per tutti, perseguita per varie strade, fra cui “la prevenzione dei rischi di business”, “la tutela dell’ambiente e delle comunità dove l’azienda opera”, “la salvaguardia della salute e sicurezza delle persone che lavorano in Eni e con Eni e il rispetto dei diritti umani, dell’etica e della trasparenza.”
Ormai sono tanti anni che leggo sviolinate del genere, e basta andare a Gela o a Viggiano per capire che sono solo balle e che di tutela dell’ambiente o di rispetto per i residenti c’e’ solo l’inchiostro con cui cotante sciocchezze vengono scritte.
Perche’? Perche’ il vero rispetto di ambiente e di persone significherebbe chiudere Gela, Viggiano, Porto Torres, Falconara e tutte le raffinerie d’Italia, ma questo ovviamente significherebbe fine del petrol-business, e dunque e’ piu’ facile mandare alla stampa e alla propaganda parole al vento che non significano niente.
E con queste belle parole ci propinano altri pozzi, come se a Falconara non ne avessero gia’ abbastanza di sirene che annunciano pericoli dalla raffineria, scoppi, puzze e disperazione, dal mare e dalla terraferma.
Partiamo con la litania del tuttapposto, del tanto-non-c’e’-niente-di-interessante e del fa-tutto-schifo-cosi’-possiamo-trivellare.
Secondo l’ENI nell’area interessata non ci sono beni paesaggistici, culturali o archeologici vincolati, ad eccetto dell’ area archeologica sommersa “Peschiera romana della Scalaccia” a sud di Ancona.
Tuttapposto.
Ancora, nella Regione Marche non ci sono aree marine protette, anche se presto dovrebbe essere instaurata l’area marina Costa del Monte Conero a 33 chilometri e anche se ci sono vari SIC, ZPS, ZSC ed IBA lungo le coste marchigiane piu’ o meno vicine a Calipso.
ZSC IT5310006 Colle San Bartolo;
ZSC IT5320005 Costa tra Ancona e Portonovo;
ZSC IT5320006 Portonovo e falesia calcarea a mare;
ZSC IT5340001 Litorale di Porto d’Ascoli;
SIC IT5340022 Costa del Piceno – San Nicola a mare;
ZPS IT5310024 Colle San Bartolo e litorale pesarese;
ZSC e ZPS IT5310022 Fiume Metauro da Piano di Zucca alla foce;
ZPS IT5320015 Monte Conero;
ZSC IT5320005 Costa tra Ancona e Portonovo;
ZSC IT5320006 Portonovo e falesia calcarea a mare;
ZSC IT5320007 Monte Conero;
ZPS IT5320015 Monte Conero;
Ma non solo Calipso non portera’ effetti negativi, sara’ un toccasana, come lo sono gia’ tutte le piattaforme petrolifere in zona. Infatti l’ENI ci ricorda che nel mare Adriatico esiste una area di “Barbare” a 20 chilometri a nord di Calipso dove le piattaforme servono per… difendere i litorali contro la pesca a strascico illegate!
Questa mi mancava proprio! Le piattaforme che ci salvano dalla pesca illegale!
Aggiungon ancora che …  le piattaforme, “con le loro strutture intricate, ricche di anfratti, rifugi”, rappresentano “un elemento di diversificazione nell’habitat originario monotono” e costituiscono dei “meccanismi bio-ecologici” in grado di aumentare la produzione alieutica di un ecosistema.
Oddio, la vita marina senza trivellatori e’ monotona, per cui arrivano i petrolieri a renderla piu’ intricata, e piu’ interessante! A darci piu’ pesci!
Ma che si sono bevuti questi qui?
Fanno ridere e piangere assieme. Interessante che molte delle frasi scritte sono state scopiazzate di qua e di la da internet. Per esempio la frase “costituiscono dei meccanismi bio-ecologici in grado di aumentare la produzione alieutica di un ecosistema” e’ stata presa pari pari da un sito che si chiama Il Pesce, del 2003.
La fantasia non e’ petrolio, eh?
Ad ogni modo, nonostante queste piattaforme romperanno la monotonia e porteranno alla maggior “produzione alieutica” (perche’ non scrivono come trivellano?), e’ interessante notare che navigazione, ancoraggio, pesca sara’ tutto vietato in un raggio di 500 metri dalla piattaforma.
Chissa’. Dei fluidi di perforazione, dei detriti, dell’inquinamento non se ne parla. Quei pesci aumenteranno, ma nessuno si potra’ avvicinare loro.
Ci sono invece, verso costa degli allevamenti di cozze, di allevamento ittico ed acquacoltura ma, secondo l’ENI e’ tutto lontano dalle loro trivelle e dunque anche qui, tuttapposto.
Ma poi, quanto gas arrivera’ da Calipso V?
La bellezza di 280 milioni di metri cubi in totale, su un arco di sette anni.
In Italia ne consumiamo circa 700 miliardi di metricubi l’anno, per cui qui siamo a
Un altro tuttapposto viene dall’affermazione dell’ENI che Calipso V potrebbe aiutarci a “sostenere l’attuale situazione di criticità del mercato italiano del gas, caratterizzato da riduzione della produzione nazionale dovuta alla diminuzione delle riserve nazionali e crescente dipendenza di forniture dall’estero”.
Dulcis in fundo, fanno “simulazione modellistica” e trovano… indoviniamo?
Tuttapposto!!
Tutto e’ sotto i limiti di legge, e al massimo ci sara’ un po di inquinamento a causa di tre motogeneratori durante le operazioni di trivellazione che dureranno circa 65 giorni.
Non ci saranno danni alle tartarughe, alla pesca, all’ambiente, a nessuno. Tutto e’ perfetto. E anche cio’ che perfetto non dovrebbe esserlo e’ “secondario”. Ci sara’ una “verifica periodica del corretto funzionamento dell’impianto di trattamento delle acque di scarico”, “l’ispezione periodica dei serbatoi contenenti liquidi pericolosi” e “manutenzione relativa ai motori e alle tubazioni” che contribuiranno a ridurre il rischio di rilasci anche accidentali.
Ma se l’ENI e’ la regina dei disastri, per dirne una, in Norvegia, dove ogni tanto le capita di essere sgridata dall’ente per la sicurezza petrolifera per irregolarita’ nelle sue operazioni? E poi, di grazia, quali sono questi “liquidi pericolosi”? Cosa c’e’ dentro? E le acque di scarto? Dove le metteranno? Quante ne saranno prodotte?
E  poi, niente paura.
Ci sara’ una nave di appoggio permanente dotata di attrezzature e materiali antinquinamento.
Ma non era tuttapposto? Perche’ allora la nave antinquinamento?  Per di piu’ con sistemi meccanici per separare olio ed acqua che lavoreranno almeno a 35 metri cubi/ora, e con sistemi di materiale per lo “spandimento in mare.”
Ma siamo gia’ a pagina 49 di 50, per cui questi sono solo piccoli dettagli. Come detto, e’ tutto perfetto, e perche’ perdere tempo con queste cosucce, come sapere di che monnezza si tratta e quanta ne finira’ in circolazione?
E cosi arriviamo all’ultima pagine dove di tuttapposto in tuttapposto siamo arrivati alla piena “coerenza tra il progetto” e “l’attuale situazione energetica italiana”. Ovviamente le “attività previste non determinano impatti rilevanti” su niente e nessuno, e si prevede “assenza di impatti significativi”, trascurabili, lievi e completamente reversibili. E anche se l’impatto e’ basso, il disturbo non e’ significativo e tutto sara’ condotto nel massimo rispetto e tutela dell’ambiente.
Come detto, e’ perfetto!
Purtroppo che dopo 50 anni di racconti su tutta questa perfezione, i residenti di Falconara non ci credono piu’.
Non c’e’ niente di perfetto in queste trivelle, ci sono invece scarichi di materiale tossico in aria, in acqua, pericoli di scoppio, danni alla vita marina, e se vogliamo essere piu’ grandi dell’orticello marchigiano, cambiamenti climatici, dipendenza cieca dalle fonti fossili, e peggior qualita’ della vita per tutti.
Come sempre, meglio il sole, meglio il vento.
Meglio Omero e la mitologia greca.
thanks to: dorsogna
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.