40 martiri e almeno 2000 feriti. A Gaza è una carneficina. L’Onu parli ora o resterà imbavagliato per sempre

40 martiri e almeno 2000 feriti. A Gaza è una carneficina. L'Onu parli ora o resterà imbavagliato per sempreOggi, giornata della Nakba per i palestinesi, Trump ha reso, col suo appoggio da vecchio padrino, ancor più violenta la reazione di Israele alle giuste richieste di rispetto della legalità internazionale portate avanti in Palestina.

In particolare, in Cisgiordania, le proteste riguardano il tentativo di “rapina” di Gerusalemme, e lungo la Striscia di Gaza la  rivendicazione del diritto al ritorno (Risoluzione Onu 194 ignorata da Israele) e la rottura dell’illegale assedio israeliano.

La giornata lungo la STRISCIA DI GAZA è iniziata così: BRUCIANDO I VILLAGGI simboleggiati dalle tende degli accampamenti. Infatti stamattina poco dopo l’alba Israele ha mandato i suoi “aquiloni”. Ma non erano innocui né ironici aquiloni con la codina in fiamme. Erano piccoli aerei carichi di benzina con i quali ha volutamente dato fuoco alle TENDE DI ALCUNE FAMIGLIE della marcia. Sei feriti per cominciare. Ed era solo da poco passata l’alba.

Al momento, dopo la preghiera di metà giornata, si contano 40 martiri e la cifra è in continuo aggiornamento. Vogliamo ricordare che per i palestinesi si tratta di martiri e non semplicemente di vittime, e questo ha un significato che in ogni azione o guerra di resistenza nel mondo ha lo stesso significato: dare una spinta in avanti alla lotta e aggiungere coraggio e determinazione nei superstiti. I feriti al momento sono oltre 2000 e i carri armati stanno sparando colpi di mortaio all’interno della Striscia, nella zona a nord di Beit Lahia.

Intanto il portavoce israeliano delle forze armate, Avijaa Adraei,  ha comunicato in TV che se le proteste non cesseranno verrà bombardata Gaza con l’aviazione militare.

Davanti a una dichiarazione pubblica di tale criminale portata ci si aspetta una presa di posizione dell’ONU. Sulla base delle esperienze passate pensiamo che una presa di posizione arriverà e sarà un rimprovero a Israele per l’esagerata reazione alle proteste. Tutto qui.

Questo non risolverà ma probabilmente aggraverà il problema, perché il problema ha un nome preciso, anzi due: assedio e occupazione.

Se l’ONU mostrerà ancora una volta di essere impotente oltre che inefficace rispetto alle violazioni ed ai crimini israeliani, il mondo tutto, e non solo il Medio Oriente, ne pagheranno il prezzo. La legalità internazionale verrà ad essere concretamente quel che al momento è solo  una percezione  che però si alimenta sempre più di prove concrete, cioè diventerà carta straccia e il mondo sarà solo una giungla.

Intanto a Gaza un gruppo di giovani ha tagliato la rete dell’assedio ed è entrato, disarmato, in territorio israeliano. Questi giovani vogliono dimostrare che la libertà è un bene supremo e la gabbia in cui vivono da 11 anni deve essere rotta.

Ora ci sono davvero gli scontri, quelli che per un mese e mezzo non ci sono mai stati nonostante le parole scritte o pronunciate da giornalisti ignari e lontani da Gaza, erano solo omicidi e ferimenti di dimostranti pacifici. Ora ci sono scontri e sono molto duri. Da una parte la resistenza, dall’altra l’occupazione. Da una parte il desiderio di libertà, dall’altra la forza delle armi. Gli ospedali di tutta la Striscia non hanno più posti e si stanno attrezzando tutti  gli ambulatori, le cliniche, i centri medici per ospitare i feriti per l’emergenza.

Si parla per la prima volta di centinaia di giornalisti internazionali entrati per fornire le loro testimonianze. Al momento sappiamo che solo pochissimi sono realmente sul campo e saranno quelli, se l’onestà professionale avrà la meglio sulla censura, a testimoniare che se i Gazawi della “Grande marcia” seguiteranno ad essere coesi e al di sopra delle divisioni politiche dei vari leader, questo bagno di sangue segnerà una pagina di storia nel difficile percorso dell’indipendenza della Palestina. Sempre che i potenti della terra, in primis gli USA capiscano che è più conveniente scegliere la legalità internazionale piuttosto che la legge del più forte.

Patrizia Cecconi, 14 maggio 2018

Sorgente: 40 martiri e almeno 2000 feriti. A Gaza è una carneficina. L’Onu parli ora o resterà imbavagliato per sempre

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.