Il ciclismo in Israele

 Alaa al-Dali underwent nine operations and had his leg amputated after being shot by an Israeli sniper (MEE/Maha Hussaini)

Una gamba di Alaa al-Dali è stata amputata, dopo che era stato colpito nelle proteste della Grande Marcia del Ritorno, infrangendo il suo sogno di partecipare ai giochi del 2018.

Nel momento in cui Alaa al-Dali è stato colpito alla gamba destra da un cecchino israeliano, un sogno da lungo tempo inseguito si è infranto sul terreno con lui. Il ciclista 21enne si stava allenando da mesi per gareggiare nei Giochi Asiatici del 2018 che si terranno in Indonesia questa estate.

“Il mio sogno ha balenato davanti ai miei occhi come se fosse già diventato una cosa del passato “, al-Dali ha ricordato.

Stava partecipando alle proteste nel 46° giorno della campagna della Grande Marcia del Ritorno nel Giorno della Terra, il 30 marzo, che fa appello per il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi alle loro antiche case ora all’interno di Israele, quando è stato colpito vicino alla recinzione di confine ad est di Gaza.

“Sapevo nel momento in cui sono stato colpito e sono caduto a terra, sapevo che non avrei mai più potuto cavalcare una bicicletta “, al-Dali ha detto a Middle East Eye. “Mi stavo allenando da mesi, per almeno sei ore al giorno per rappresentare la mia squadra e alzare la bandiera del mio paese ai Giochi Asiatici “.

Dopo essere stato sottoposto a nove operazioni, alla famiglia di al-Dali è stato detto dai dottori che la sua gamba doveva essere amputata per il danno alle ossa e ai tessuti causato da un proiettile presumibilmente “esplodente”, che è proibito dalla legge umanitaria internazionale. È congegnato per frammentarsi ed esplodere in seguito all’impatto, frantumando ossa, e lacerando i vasi sanguigni.

? ‘ Non avevo neanche pietre’

Con numerosi riconoscimenti alla sua cintura , al-Dali, un ciclista di Rafah nel sud della Striscia di Gaza e membro della Federazione Palestinese di Motorsport, Motociclismo e Ciclismo, aveva messo gli occhi sul premio ai Giochi Asiatici 2018, che si svolgeranno a Jakarta in agosto.

Solo lo scorso anno, al-Dali aveva vinto tre premi locali, tra cui la medaglia di bronzo nella Tokyo Race 2, una corsa organizzata dal Comitato Olimpico Palestinese in partnership con il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e il governo del Giappone.

Il 30 marzo, al-Dali, insieme a migliaia di altri, si era recato alla recinzione di confine ad est di Gaza per prendere parte alle proteste che chiedevano il loro diritto al ritorno, 70 anni dopo la Nakba palestinese (la catastrofe ) , quando più di 750000 palestinesi furono forzatamente sfollati dalle loro città e villaggi nei territori palestinesi, alla vigilia dell’istituzione dello stato di Israele nel 1948.

“Ho guidato la mia bicicletta alla recinzione del confine orientale con tre dei miei amici quel giorno”, ha ricordato. “Ero disarmato. Non avevo neanche pietre. Stavo solo a circa 200 metri dalla recinzione di confine e sono stato colpito da un proiettile vero proprio sotto il ginocchio “.

Secondo il ministero della salute, almeno 40 palestinesi sono stati uccisi e più di altri 5000 sono stati feriti, mentre dozzine sono stati lasciati con disabilità permanenti dall’inizio delle proteste. Nel frattempo, il capo per i diritti umani delle Nazioni Unite ha criticato l’esercito israeliano per la “deplorevole ” uccisione di 42 palestinesi in quattro settimane.

L’esercito israeliano dice che le sue forze aprono il fuoco su “istigatori” o per fermare i manifestanti dall’avvicinarsi alla recinzione che separa il territorio da Israele.

Tuttavia, gruppi per i diritti hanno detto che Israele sta conducendo una politica di mirare deliberatamente ai manifestanti con fuoco vivo e usando “una forza eccessiva e letale”. Il gruppo israeliano per i diritti B’Tselem ha anche lanciato ai primi del mese una campagna di appello ai soldati israeliani di rifiutare gli ordini di “aprire il fuoco su manifestanti disarmati ” a Gaza.

– Negato il trattamento medico da Israele

La madre 56enne di al-Dali, Intisar, ha detto che aveva avuto un brutto presentimento circa le proteste e aveva avvertito al-Dali prima che partisse per la marcia.

“Alle forze israeliane non importa se i manifestanti sono pacifici o no. Io stessa ho preso parte a molte proteste durante la prima Intifada (rivolta) nel 1987, e i soldati israeliani erano soliti inondarci di proiettili veri anche quando non facevamo altro che scandire slogan”, ha detto.

Al-Dali ricorda di essere arrivato all’Ospedale Europeo di Gaza e di avere aspettato cinque ore prima di essere trattato per l’alto numero di altri manifestanti feriti. Ha perso conoscenza dopo avere perduto molto sangue ed è stato tenuto nell’unità di terapia intensiva per due giorni prima di essere operato.

Secondo Intisar, quando la famiglia ha domandato il suo trasferimento in un ospedale della Cisgiordania per avere accesso ad un migliore trattamento medico ed evitare l’amputazione, le autorità israeliane gli hanno negato il permesso di partire.

“L’ufficio di collegamento del ministero palestinese della salute ci ha detto che le autorità israeliane li avevano informati che non avrebbero accettato alcuna richiesta di trasferimento per i palestinesi feriti durante le proteste “, ha detto.

Al-Dali crede che le autorità israeliane hanno di proposito negato a lui, e a dozzine di altri, il permesso di partire come una forma di punizione,. “Negandomi l’accesso al trattamento medico, l’occupazione ha distrutto tutto quello che stavo costruendo da anni”, si è lamentato.

Reuters ha riferito che l’esercito israeliano ha detto che eccetto “casi umanitari eccezionali “, il trattamento medico non sarebbe stato fornito ai palestinesi che avevano preso parte alle proteste.

“È stato deciso che ogni richiesta di trattamento medico da un terrorista o un rivoltoso che aveva partecipato ad eventi violenti sarebbe stata negata”, ha detto una dichiarazione dell’esercito, “I residenti stranieri non hanno alcun diritto acquisito ad entrare in territorio israeliano, compresi i palestinesi che vivono nella Striscia di Gaza “.

Le forze dell’esercito israeliano erano state posizionate lungo la recinzione che separa Gaza da Israele nelle tre settimane passate, usando gas lacrimogeni, cecchini che sparavano munizioni vere, bombardamento di carri armati, e attacchi aerei.

I dimostranti palestinesi hanno bruciato pneumatici lungo il confine per ridurre la visibilità e hanno lanciato pietre e dispositivi incendiari in direzione delle truppe israeliane.

– ‘Proiettile esplodente’

Il fratello 25enne di al-Dali, Mohammed, dice che c’era una buona probabilità che i medici potessero salvare la gamba di suo fratello se fossero stati disponibili i necessari equipaggiamenti e staff medici.

Gaza sta soffrendo una crisi umanitaria come risultato di un blocco imposto da Israele sulla Striscia dal 2007.

Quasi il 43 per cento dei medicinali necessari a Gaza sono a zero stock e “l’equipaggiamento medico salvavita necessario ha smesso di funzionare per la costante fluttuazione della corrente elettrica “, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO). Come risultato, gli ospedali di Gaza stanno lottando per far fronte al massiccio afflusso di feriti nelle trascorse tre settimane.

“Per salvare la gamba di mio fratello, i dottori avrebbero dovuto trascorrere non meno di dieci ore per eseguire un complicato intervento chirurgico per rimuovere i frammenti del proiettile. Ma c’erano dozzine di altri giovani con bisogno di operazioni urgenti. Trascorrere dieci ore per salvare una persona significa lasciare morire le altre”, ha detto.

Ashraf al-Qidra, il portavoce per il ministero della salute di Gaza , dice che l’uso da parte di Israele di proiettili esplodenti riflette la sua intenzione di infliggere il più alto numero di vittime tra i civili.

“Le munizioni esplosive causano gravi danni e serie ferite che richiedono un’ enorme quantità di forniture e medicinali per essere trattati, e lascia gli ospedali di Gaza completamente sopraffatti “, ha detto a MEE. “Dozzine di casi soffriranno disabilità permanenti, in quanto i principali ospedali di Gaza mancano di staff ed equipaggiamenti medici per trattare centinaia di casi ogni giorno “.

Il proiettile – proibito dalla legge internazionale umanitaria – esplode all’impatto per causare il maggior danno possibile. Ciò rende difficile l’estrazione, costringendo i medici a ricorrere all’amputazione. Secondo Medical Aid for Palestine, i chirurghi a Gaza sono stati costretti ad eseguire 17 amputazioni (13 gambe e 4 braccia ) dal 30 marzo.

“Puoi immaginare come sia difficile per ognuno quando gli viene detto che la sua gamba è stata amputata. La sola cosa che mi sta aiutando a realizzare il mio sogno. ..è stata amputata “, ha detto al-Dali. “Il momento in cui mi hanno detto che avevo perso la mia gamba è stato come un incubo. Non credevo che questa potesse essere una realtà che devo accettare e con cui avere a che fare per il resto della mia vita “.

In una dichiarazione in risposta a Middle East Eye, l’esercito israeliano ha detto che “impiega solo armi e munizioni standard che sono legali sotto la legge internazionale “.

Amnesty International ha chiamato per un embargo globale delle armi contro Israele, accusando le sue forze di commettere crimini di guerra nella Striscia di Gaza.

Sebbene non ci fosse menzione di proiettili esplodenti, il gruppo per i diritti ha detto che la natura delle ferite dei manifestanti palestinesi “mostra che i soldati israeliani stanno usando armi militari ad alta velocità progettate per causare il massimo danno ai manifestanti palestinesi che non costituiscono una imminente minaccia per loro”.

“Questi apparenti deliberati tentativi di uccidere e mutilare sono profondamente inquietanti , per non dire completamente illegali. Alcuni di questi casi sembrano ammontare ad uccisioni volontarie, una grave violazione alle Convenzioni di Ginevra ed un crimine di guerra “, ha proseguito Magdalena Mughrabi, direttrice incaricata di Amnesty per il Medio Oriente e il Nord Africa.

– Mirando agli atleti

Hassan Abu Harb, l’allenatore di al-Dali, aveva grandi speranze che al-Dali avrebbe vinto parecchi premi internazionali. “Alaa è uno dei migliori ciclisti in Palestina. Ha vinto numerosi premi e stavamo dipendendo da lui per rappresentare la Palestina ai Giochi Asiatici”, ha detto Abu Harb, aggiungendo che al-Dali era stato selezionato insieme ad altri due ciclisti per partecipare alla competizione e i preparativi per il suo viaggio erano già in corso

Secondo Abu Harb, dall’inizio delle proteste almeno altri cinque atleti di Gaza avevano perso le gambe per le ferite sostenute da munizioni esplosive, tra cui Muhammed Khalil, un 23enne giocatore di football, la cui gamba era anche stata amputata.

Abdul Salam Hanyya, un membro del Consiglio Supremo per la Gioventù e lo Sport in Palestina, dice che il prendere di mira, da parte di Israele, gli atleti palestinesi non è nulla di nuovo.

“Le forze israeliane hanno sistematicamente preso di mira gli atleti palestinesi per anni. Usando munizioni vere e proiettili esplosivi, stanno chiaramente causando loro con intenzione delle disabilità”, ha detto.

Secondo il ministero palestinese per i giovani e lo sport, 32 atleti erano stati uccisi e altri 27 feriti nella guerra del 2014 lanciata sulla Striscia di Gaza, tra cui Ahed Zaqout, un calciatore palestinese, che è stato ucciso dopo che le forze israeliane avevano bombardato il suo appartamento .

Tuttavia, al-Dali dice che non rimpiange di avere preso parte alle proteste, anche se gli costa una gamba.

Secondo al-Dali, la sua attuale meta è viaggiare all’estero per sostituire la sua gamba con un arto artificiale e partecipare ai prossimi Para Giochi Asiatici , che sono per gli atleti con disabilità. “Sia che otterrò un arto artificiale o no, continuerò il mio allenamento e a lavorare per rinforzare la mia gamba sinistra, per essere in grado di cavalcare di nuovo la mia bicicletta “, ha detto.

“La prenderò come una nuova sfida e dipenderà dall’altra mia gamba realizzare il mio sogno”, ha detto.

di Maha Hussain

( Fonte: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste )

Sorgente: 1-5-18_proiettile-israeliano-distrugge-sogno-ciclista

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.