Ancient photos of Jerusalem

 

Jerusalem Südöstlicher Teil des Tempelplatzes. Links: Aķșā-Moschee, im Vordergrunde: Ķubbet eș Șachra (sogen. Omar-Moschee). 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südöstlicher Teil des Tempelplatzes. Links: Aķșā-Moschee, im Vordergrunde: Ķubbet eș Șachra (sogen. Omar-Moschee). 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südlicher und südöstlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Südlicher und südöstlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Westlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Westlicher Teil der Altstadt von Nordost. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Nordwestlicher Teil des Tempelplatzes. 1915 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Nordwestlicher Teil des Tempelplatzes. 1915 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

 

Jerusalem Aķșā-Moschee: Miḥrâb (Gebetsnische) erbaut von Saladin nach Rückeroberung der Stadt von den Kreuzfahren I, Jahre 1187 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Miḥrâb (Gebetsnische) erbaut von Saladin nach Rückeroberung der Stadt von den Kreuzfahren I, Jahre 1187 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Mimbar (Predigtkanzel). In Aleppo 1168 angefertigt, von Sultan Saladin für die Aķșā-Moschee gestiftet 1187 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Aķșā-Moschee: Mimbar (Predigtkanzel). In Aleppo 1168 angefertigt, von Sultan Saladin für die Aķșā-Moschee gestiftet 1187 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17.5 : 13.5 m.). 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939).

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17.5 : 13.5 m.). 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939).

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17,5 : 13,5 m.). 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Inneres der Ķubbet eș Șachra (sog. Omar-Moschee) mit dem heiligen Felsen (17,5 : 13,5 m.). 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): Kuppel 30 m. hoch, 20 m. im Durchmesser - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): Kuppel 30 m. hoch, 20 m. im Durchmesser – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): die Trommel der Kuppel mit den alten Mosaiken. 1910 - Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai - Bernhard Moritz (1859–1939)

Jerusalem Ķubbet eș Șachra (Omar-Moschee): die Trommel der Kuppel mit den alten Mosaiken. 1910 – Bilder aus Palästina, Nord-Arabien und dem Sinai – Bernhard Moritz (1859–1939)

 

Advertisements

Ancient maps from Muslim civilization

We reveals 10 marvellous maps from Muslim Civilisation that include one of the earliest known maps of South Amercia and maps where the world appears upside down! A time when North was South and South was North, towards Mecca…

We tend to take many things for granted. Today, we are equipped with numerous means of communication and transport over land, sea and air. We have such freedom to swiftly travel around the globe, so much so that we tend to travel far and wide without ever considering the immense contributions others have made for our convenience. Great scholars from Muslim Civilisation, indeed, turned the world upside down with their maps; not just metaphorically but world maps once were literally upside down (with south dipicted at the top).

As more people began to travel the world 1,000 years ago for trade, exploration and religious reasons, the demand for good maps increased. Some of the world’s most precious maps were drawn then by scholars, geographers and seafarers who assembeld the geographical knowledge known to them – they carried out detailed mathematical analysis, measured and charted the Earth’s features, used sophisticated astrolabes to help assess height and distance – to construct intricate maps of the world. Here we introduce ten key examples.

Let the countdown begin!

10. Ali Macar Map 16th Century

The “Ali Macar Reis Atlas” is housed in the Topkapi Palace Museum Library (Hazine 644) in Istanbul. As a work of art, this atlas certainly ranks among the most successful. It consists of six portolan charts and one mappamundi, all on double pages, i.e., there are fourteen pages. They are drawn on parchment leaves and bound in leather, forming an appealing small volume.

The artist-cartographer who drew these charts must have been professionally connected to those who drew other similar maps in Christian Europe; and the artistic perfection of this atlas strongly argues against it being the isolated work of a captain who would only have been imitating such models; the author must have been a craftsman with great experience of this type of work.

9. Al Istakhri 10th Century


A world map by Abul Qasim Ubaidullah ibn Abdullah ibn Khurdad-bih al Istakhri (934 CE) aka Estakhri. The map is oriented with South at the top as was common of maps at the time. Picture displayed on “Old Manuscripts and Maps from Khorasan”. It was beilieved that Estakhri created the earliest known account of windmills. His Arabic language works included masalik al-mamalik “Traditions of Countries” and Suwar al-Aqaaleem “Shapes of the Climes”.

South Caucasus

From Al- Aqalim

Persian Gulf’s Coast

8. Tārih-i Hind-i Garbī Map 16th Century


The book entitled Tārih-i Hind-i Garbī (History of the West Indies), probably written by Muhammad b. Amir al-Suûdī al-Niksarī (d. 1591) in the 16th century, contains information about the geographical discoveries and the New World (America). This work, based on Spanish and Italian geographical sources, was presented to Sultan Murād III in 1573.

The book tells the amazing stories of the explorations and conquests of Columbus, Cortes, Pizarro, and others, and it also endeavours to incorporate the new geographic information into the body of Islamic knowledge. It presents a major effort by an Ottoman Muslim scholar, almost unique in the 16th century; firstly, to transmit through translation information from one culture (European Christendom) to another (Ottoman Islam), and secondly, to correct and expand Islamic geography and cartography.

7. Ibn Hawqal Map 10th Century


A map (also oriented with South at the top) by the widely travelled Abu al-Qasim Muhammad b. Hawqal, originally from al-Jazira region in Turkey, north of Mardin. He is also referred to as al-Nusaybini, after Nusaybin town located in the region.

Very little is known about Ibn Hawqal but he is believed to have been a Baghdad-based trader who loved traveling. Researchers attribute the dearth of information on Ibn Hawqal to the fact that he spent a substantial part of his life in traveling and never stayed put in a certain region. It is his book, Surat al-Ard, from which we can derive some information about him while to the effect that he was fond of reading especially books by Khurdadhebah, Qudadamah and al-Jihani, which might have been the reason behind his keenness to travel and see the places he read about.

6. Kâtib Çelebi Map 16th Century


Tuhfat Al-Kibâr fî Asfâr Al-Bihâr (The Gift to the Great Ones on Naval Campaigns) was written by Kâtib Çelebi in 1657 and emphasises the importance of the Turkish activities in the seas and the Ottoman contribution to the navigational history.

Kâtib Çelebi emphasised the importance of the science of geography at the introduction of Tuhfat al-kibâr and explained that the rulers of the state should know the frontiers and borders of the Ottoman State and the states in this region even if they do not know the whole of the Earth.

Çelebi valued history like we do in a modern sense today and asserted that most people did not know the real value of this branch of knowledge and thus viewed history as if it were a tale. He expressed his complaint about this saying “who reads and listens to a letter of love and faithfulness?”.


5. Al- Balkhī Map 9th Century


Persian geographer who was a disciple of al-Kindi and also the founder of the “Balkhī school” of terrestrial mapping in Baghdad. Picture displayed on “Old Manuscripts and Maps from Khorasan”.

4. Mahmud of Kashgar Map 11th Century


Mahmud of Kashgar completed his famous book Divânu Lügati’t-Türk in 1074. Famous for being a linguist, he wrote the book in order to teach Arab speakers Turkish and to prove that the Turkish language was as important as Arabic.

Mahmud stated that the regions of all the Turkish tribes from Europe to China were included in full detail within a circular map, which, as he pointed out, was drawn in order to indicate the regions the Turks inhabited.

The western, northern and southern parts of Asia were left undrawn but despite the fact that the map was full of errors, the data about the eastern regions were correct. Mahmud showed the Great Wall of China on his map and mentioned that this wall and high mountains acted as natural obstacles preventing him from learning the Chinese language. He also stated that Japan shared the same fate, being an island in the eastern part of Asia.

3. Book of Curiosities Map 11th Century


The Bodleian Library at the University of Oxford has purchased the medieval Arabic manuscript Kitab Gharaib al-Funun Wa-Mulah Al-Uyun popularised under the title the Book of Curiosities, an exceptionally rich text on cosmography. The treatise is one of the most important recent finds in the history of Islamic cartography in particular, and for the history of pre-modern cartography in general.

The manuscript, a highly illustrated treatise on astronomy and geography compiled by an unknown author between 1020 and 1050, contains an important and hitherto unknown series of colourful maps, giving unique insight into Islamic concepts of the world. The copy owned by the Bodleian library is the only nearly complete copy and the one to have been extensively studied and released in an electronic edition.

Mediterranean Sea

Indian Ocean

2. Piri Reis Map 16th Century

Piri Reis is a well known Ottoman-Turkish admiral, geographer and cartographer from the 16th century. His famous world map compiled in 1513 and discovered in 1929 at Topkapi Palace in Istanbul is the oldest known Turkish map showing the New World, and one of the oldest maps of America still in existence.

The half of the map which survives shows the western coasts of Europe and North Africa and the coast of Brazil with reasonable accuracy in addition to various Atlantic islands including the Azores and Canary Islands.

Cairo

Cyprus

Venice

Canakale

1. Al-Idrisi Map – The World Upside Down 12th century


one of the most famous maps from Muslim Civilisation. It was drawn by Muhammad al-Idrisi who was born in Ceuta (Morocco) in 1099-1100 CE, and died in 1166 CE. The map is oriented with South at the top as was common at the time

Al-Idrisi studied at Cordoba, and although he died in his birth place, he spent his working life at the Norman court of Palermo. At the age of 16, he travelled through Asia Minor, Morocco, Spain and the South of France and even visited England. His description of most of Western Europe is lively and, on the whole, quite accurate. The same is true of his treatment of the Balkans, whilst for the rest of Europe and for most of the Islamic world (with the exception of North Africa, with which he had a firsthand acquaintance) his account is based on the writings of others.

Al-Idrisi was a noteworthy and original geographer. He used in a creative way the system of cylindrical projection of the Earth’s surface, which was to be claimed some centuries later, in 1569, by the Flemish Gerard Mercator. Al-Idrisi’s other merit, according to Udovitch, is the extensive information he provides about contemporary Western Europe. Hitti also notes that Al-Idrisi’s map places the sources of the Nile-supposedly discovered in the latter part of the 19th century in the equatorial highlands of Africa…

Read More: http://www.muslimheritage.com/node/632#sec4

Sorgente: TOP 10 MAPS FROM MUSLIM CIVILISATION | Jack The Lad | Jack The Lad

Lawyer: Israeli authorities torture Palestinian minors during detention, interrogation

RAMALLAH (Ma’an) — Teenage Palestinians in Israeli prisons and detention centers say they have been tortured, verbally abused, kicked, and slapped by Israeli interrogators during detention and interrogation, according to a lawyer from the Palestinian Committee of Prisoners’ Affairs, who recently conducted a series of visits with Palestinian teens in Israeli custody.

Hiba Masalha’s collection of testimonies comes as the latest report amid years of well documented cases of abuse and mistreatment of Palestinian children by Israeli forces.
In a statement from the committee, Masalha quoted 15-year-old Muhammad Abd al-Hafith Atiyeh from the Issawiya neighborhood of occupied East Jerusalem as he recounted the night that “large numbers of Israeli troops and intelligence officers” arrived at his family home around 3 a.m. on April 19, and inspected the house before detaining him.
Some 31 other Palestinians, the majority of them minors, were detained the same night during mass raids in Issawiya, in a detention campaign that has continued to intensify in East Jerusalem neighborhoods as Israeli police crack down on Palestinian youth for alleged criminal offenses like rock throwing.
“After Israeli soldiers handcuffed and took me outside my home,” Atiyeh said, “they violently beat me with their hands, with clubs, with their rifles, and kicked me in the head, back, and abdomen.”
Atiyeh said he was then shoved inside a military jeep between two soldiers with his head down and “whenever I moved they slapped me in the face.”
He was then taken to Israel’s Russian Compound detention center where, according to Masalha, he was forced to “kneel with his face on the ground and his hands cuffed behind his back for 10 hours.”
Another teenage boy, Muhammad Arafat Ubeidat, 16, from the Jabal al-Mukabbir neighborhood of East Jerusalem, told Masalha that he was detained from his home on May, 19 at 3 p.m., after Israeli police and soldiers ransacked his house “messing up whatever they found on the ground.”
A commander then asked Ubeidat to sign a paper in Hebrew and Arabic certifying that “nobody had beaten him or assaulted him.”
After he signed the paper, the soldiers handcuffed him behind his back and took him to a military vehicle.
The teen was then sat between two soldiers with his head facing the ground for the duration of the ride, throughout which “the soldiers beat his back with their elbows and slapped his face repeatedly.”
Like Atiyeh, Ubeida was then taken to the Russian Compound detention center where he was interrogated for six hours until midnight, his hands and feet tied to a chair.
“An interrogator kept swearing at me and slapping my face the whole time telling me to admit to charges (I didn’t commit).”
Ubeida stayed 14 days in a cell at the compound, under no charge, during which he was subjected to 17 interrogation sessions.
Some days, he said, he had three or four interrogation sessions in one day. After the 14 days, he was then moved to Israel’s Megiddo prison.
Ubeidat pointed out that prisoners suffer severely when they have court hearings, as they have to travel from Megiddo prison in the north, to central Israel’s Ramla prison, then to Jerusalem, and back.
“The wardens who escorted us treated us very badly, beating us and swearing at us for no reason,” Ubeida said, “they denied us water and bathroom breaks during the long journey back and forth.”
Masalha reported similar experiences from Muhammad Hussein Halasi, 17, from Jabal al-Mukabbir, Omar Abu al-Foul, 17, from Jabaliya refugee camp in the Gaza Strip, Jihad Salih Ghaban, 17, from Beit Lahiya in the Gaza Strip, and residents of Shufat refugee camp in occupied East Jerusalem Yazan Nidal Issa and Nidal Majid Adwein.
The youth from the Gaza Strip were detained in April and May after they attempted to cross the border fence between Israel and the besieged coastal enclave without proper documentation, in attempt to go to Israel and look for work.
Masalha’s report came two days after the Palestinian Prisoner’s Society (PPS) released a statement saying Palestinians being held in Israel’s Etzion prison were subjected to assaults, while Israeli soldiers reportedly used electric shock on a 16-year-old prisoner. Defense for Children International – Palestine (DCIP) released a report last month describing the well documented abuse of Palestinians children by Israeli forces and the harsh interrogation practices used to force their confessions, which has long been the target of criticism by the international community.According to affidavits taken by DCIP for the report documenting the recent arrests and sentencing of Palestinian minors for rock throwing, two of the teenagers “both had maintained their innocence and confessed only after they had experienced physical and psychological abuse.”The youth described being kicked and punched while handcuffed, choked, and having a door slammed in their face.
Interrogations of Palestinian children can last up to 90 days according to prisoners’ rights group Addameer, during which in addition to being beaten and threatened, cases of sexual assault, and placement in solitary confinement to elicit confessions are also often reported, while confession documents they are forced to sign are in Hebrew — a language most Palestinian children do not speak.

According to the Palestinian Committee of Prisoners’ Affairs, Israeli forces have detained 560 children from occupied East Jerusalem alone since the beginning of 2016, and 110 minors were still being held in Israeli prisons, including four girls and 10 boys in juvenile detention centers.

Sorgente: Lawyer: Israeli authorities torture Palestinian minors during detention, interrogation

I gas tossici e la storia dell’Olocausto

IL GAS TOSSICO TEDESCO (19141944)Di Richard Widmann (2009)[1]

Quando il pubblico pensa all’argomento dello sviluppo e dell’utilizzo del gas tossico, da parte dei tedeschi e dei nazisti, nel corso degli anni precedenti e contemporanei alla seconda guerra mondiale, vengono subito in mente le immagini dei programmi di sterminio su vasta scala e delle camere a gas di Auschwitz e degli altri campi di concentramento. La storia dell’Olocausto tuttavia suggerisce che i nazisti utilizzarono metodi, attrezzature e gas che vennero messi all’opera per uno scopo diverso da quello per il quale erano stati progettati. Viene suggerito che, con delle modalità alquanto primitive, il personale dei vari campi di concentramento sviluppò metodi tra loro differenti per mettere all’opera quello che viene considerato un programma coordinato di sterminio degli ebrei.

La storia tradizionale dell’Olocausto suggerisce l’importanza dell’aver adattato attrezzature e metodi per mettere all’opera un programma di sterminio pianificato a livello centrale. Noi diremo invece che se la classe dirigente nazista avesse ideato un programma di sterminio degli ebrei, le armi di tale sterminio erano già sviluppate e avrebbero potuto essere utilizzate molto facilmente. L’apparato nazista per la guerra chimica era il più progredito del mondo. Il gas tossico prodotto durante gli anni che condussero alla seconda guerra mondiale rende assurda la storia tradizionale dell’Olocausto. Non c’è nessuna ragione per la quale i nazisti avrebbero avuto bisogno di modificare camion sovietici o di stornare l’utilizzo dello Zyklon B dai programmi di disinfestazione, concepiti per tenere in vita i detenuti, ai programmi di sterminio.[2] Le armi richieste per un programma di sterminio non solo esistevano ma erano fabbricate in quantità tale da poter attuare un programma del genere, se fosse stato ordinato.

L’utilizzo del gas velenoso durante la prima guerra mondiale

Per capire le potenzialità dei tedeschi riguardo ai gas tossici durante la seconda guerra mondiale, è importante esaminare brevemente l’utilizzo dei gas tossici durante la prima guerra mondiale. Durante la prima guerra mondiale, entrambe le parti del conflitto utilizzarono grandi quantità di gas tossico. Nel corso della guerra vennero utilizzate più di un milione e trecentomila tonnellate di sostanze chimiche, per agenti che andavano dal semplice gas lacrimogeno al gas mostarda.[3] Quando la guerra ebbe inizio, la Germania aveva la prima industria chimica di tutte le nazioni combattenti; in realtà, i tedeschi erano i leader del mondo intero. Le fabbriche di prodotti chimici più importanti erano situate nella Ruhr, ed erano conosciute come le Interessen Gemeinschaft Farben, o I. G. Farben.[4]

L’introduzione della guerra chimica venne attivamente sostenuta dalla I. G. Farben e dal suo capo, Carl Duisberg. Duisberg non solo esortò nel 1914, nel corso di una conferenza speciale, i vertici militari tedeschi a utilizzare il gas tossico, ma studiò personalmente la tossicità dei differenti gas bellici.[5] Duisberg sostenne anche Fritz Haber, principale scienziato dell’epoca, in Germania, e capo del suo laboratorio scientifico, l’Istituto Kaiser Wilhelm di Chimica Fisica a Berlino. Nei suoi studi sugli effetti del gas tossico, Haber notò che l’esposizione a una bassa concentrazione di gas tossico per lungo tempo aveva spesso lo stesso effetto (la morte) dell’esposizione ad un’alta concentrazione per breve tempo. Egli formulò una relazione matematica tra la concentrazione del gas e il tempo necessario di esposizione. Questa relazione divenne nota come regola di Haber.[6]

Durante la prima guerra mondiale, sia i tedeschi che gli Alleati utilizzarono in modo piuttosto efficace diversi tipi di gas tossico. Questi variarono dal cloro, all’inizio della guerra, al fosgene, che venne introdotto dalla I. G. Farben. Il fosgene era circa 18 volte più potente del cloro. Erano [già] mortali concentrazioni di 1/50.000.[7] Nel corso di questo periodo, i tedeschi svilupparono e inaugurarono diversi nuovi gas, per vedersi poi imitati dagli Alleati. Nel Luglio del 1917, la I. G. Farben creò un nuovo gas chiamato inizialmente dagli artiglieri “Croce Gialla”. La Croce Gialla era più letale di ogni altro gas precedente. Questo gas, il diclorodietilsolfuro, divenne noto come “gas mostarda”.

Le truppe che venivano attaccate con il gas mostarda, all’inizio accusavano solo una lieve irritazione agli occhi. Sembrava che facesse poco o nulla e molte truppe non si preoccupavano di mettere le maschere antigas. Ma nel giro di una giornata, subivano terribili sofferenze. I soldati sviluppavano sulla pelle macchie rosse e umide che si trasformavano in grandi pustole gialle che potevano raggiungere la lunghezza di un piede. Coloro che venivano colpiti dal gas mostarda morivano dopo una lunga agonia. Nel corso di dieci giorni, i tedeschi utilizzarono contro le postazioni alleate oltre un milione di proiettili contenenti 2.500 tonnellate di gas mostarda.[8] Per inciso, anche gli inglesi utilizzarono il gas mostarda negli ultimi giorni della guerra. In un attacco sferrato il 14 ottobre del 1918, Adolf Hitler venne momentaneamente accecato nel corso di una sortita inglese contro il 16° Reggimento della fanteria di riserva bavarese.[9]

Gli anni tra le due guerre

Negli anni successivi alla prima guerra mondiale, i principali combattenti annunciarono la propria opposizione all’utilizzo delle armi chimiche. A Ginevra, nel 1925, i rappresentanti delle maggiori potenze firmarono una restrizione legale contro l’utilizzo delle armi chimiche. Eppure, durante gli anni “interbellici”, varie nazioni europee utilizzarono di fatto il gas tossico. Tra loro vi furono gli inglesi (contro i sovietici nel 1919), gli italiani (contro gli etiopici nel 1935) e i giapponesi (contro i cinesi nel 1937).[10] Nel corso di questi anni la I. G. Farben continuò ad ampliare le proprie conoscenze scientifiche. Nei laboratori della Bayer, membro del cartello della I. G. Farben, uno scienziato, Gerhardt Schrader, fece una scoperta fondamentale. Il 23 Dicembre del 1936, egli mise a punto una nuova sostanza chimica nell’ambito di uno studio sui potenziali insetticidi. Durante l’esperimento, Schrader sperimentò il suo nuovo preparato sui pidocchi in una concentrazione di 1/200.000. Tutti i pidocchi morirono in pochi secondi.[11]

Nel Gennaio del 1937, Schrader scoprì che il suo nuovo prodotto aveva spiacevoli effetti collaterali sugli esseri umani. Il prodotto che Schrader aveva sviluppato era il Tabun, il primo gas nervino del mondo. Il Tabun rappresentava un balzo in avanti esponenziale nel livello di tossicità dei gas velenosi. Anche in dosi molto piccole, l’inalazione o l’assorbimento – attraverso la pelle – del Tabun colpiva il sistema nervoso centrale e provocava delle convulsioni e una morte quasi immediate.[12] Il Tabun era così letale che presto divenne chiaro che non poteva essere utilizzato come insetticida. Schrader, tuttavia, contattò il ministero della guerra e vennero effettuati degli esperimenti per conto della Wehrmacht.

Nel 1938, Schrader venne trasferito in una nuova sede per sviluppare nuovi preparati per la Wehrmacht. Egli scoprì ancora un altro preparato, a cui diede il nome di Sarin. Negli esperimenti iniziali del gas Sarin sugli animali, si scoprì che il Sarin era dieci volte più letale del Tabun.[13] Con l’approssimarsi della guerra, i chimici tedeschi vennero attivamente impiegati nello sviluppo del gas Soman. Il Soman, un altro preparato chimico organico della famiglia del Tabun, venne valutato come 200 volte più letale del Tabun.

Il gas tossico e la storia dell’Olocausto

Nonostante il livello di tossicità e le enormi scorte di questi mortiferi gas nervini, la storia dell’Olocausto si è sviluppata intorno all’utilizzo di due gas, il monossido di carbonio e lo Zyklon B. Lo Zyklon B venne sviluppato durante gli anni ’20, quando gli scienziati che lavoravano all’istituto di Fritz Haber svilupparono questo tipo di gas all’acido cianidrico per utilizzarlo come insetticida, specialmente come disinfettante per i magazzini di grano.[14] E’ interessante notare che la I. G. Farben vendette i diritti di produzione dello Zyklon B poco prima della guerra a due ditte private, la Tesch und Stabenow, di Amburgo, e la Degesch, di Dessau.

Secondo la detta storia, quattro dei sei principali “centri di sterminio” utilizzarono gas monossido di carbonio, che veniva presuntamente prodotto utilizzando mezzi alquanto disparati. A Chelmno, secondo Arno Mayer, I prigionieri venivano “ammucchiati in camion in cui finivano asfissiati dalle esalazioni del monossido di carbonio”. Egli prosegue osservando che “non c’era nulla di particolarmente moderno o industriale sia nelle installazioni che nelle operazioni condotte a Chelmno-Rzuchow”.[15]

Il secondo presunto centro di sterminio era Belzec. Quello che ci viene raccontato è che lì, dopo aver utilizzato monossido di carbonio imbottigliato, gli addetti allo sterminio passarono a utilizzare le esalazioni prodotte da camion.[16] A Sobibor, il gas sarebbe stato prodotto da un motore. Se dobbiamo credere a Kurt Gerstein, venne fornito lì, a scopo di sterminio, anche lo Zyklon B.[17] A volte leggiamo anche, sempre a proposito di Sobibor, del motore di un sottomarino utilizzato per produrre CO, per uccidere detenuti ebrei.[18] A Treblinka leggiamo del monossido di carbonio pompato in una camera dal tubo di scarico di un carrarmato catturato ai sovietici. La storia ortodossa dell’Olocausto contiene persino un episodio in cui il comandante di Auschwitz Rudolf Höss visita Treblinka e conclude che lì il metodo di sterminio è inefficiente.[19]

Si racconta poi che gli ultimi due “centri di sterminio”, Auschwitz e Majdanek, utilizzarono lo Zyklon B. Il processo di sterminio descritto per Auschwitz richiede che qualcuno salga su una scala sopra la “camera a gas”, apra il barattolo di Zyklon B con uno speciale apriscatole, e versi i granuli contenenti l’acido cianidrico in una speciale apertura della colonna di sostegno della camera nella quale i granuli avrebbero sviluppato il gas.[20] L’assurdità della storia riguardante le Zyklon B è che persino degli storici ortodossi dell’Olocausto come Jean-Claude Pressac e Robert Jan van Pelt hanno ammesso che le epidemie di tifo scoppiate nei campi richiedevano che ogni cosa venisse disinfestata, e che “c’era bisogno di tonnellate di Zyklon B per salvare [Auschwitz]”.[21] Così, prosegue la storia, da un lato i nazisti utilizzavano lo Zyklon B per disinfestare i campi, contrastando perciò la diffusione del tifo, e dall’altro utilizzavano lo stesso prodotto per uccidere gli stessi detenuti le cui vite stavano cercando di salvare.

La storia delle gasazioni dell’Olocausto suggerisce una mancanza di coordinazione, da parte del governo nazista. Vi sarebbe stata l’adozione simultanea di metodi diversi, che avrebbero prodotto risultati diversi per attuare quello che viene descritto in modo tipico come un “genocidio” industriale centralizzato. In realtà, la storia ufficiale dell’Olocausto suggerisce in sé stessa che il programma di sterminio fu tutt’altro che organizzato a livello centrale e che i metodi impiegati subirono sul campo un’evoluzione decisamente caotica.

Alla luce dello sviluppo di gas tossici sofisticati come il Tabun e il Sarin, e della loro produzione su vasta scala, la storia ufficiale dell’Olocausto appare assurda.[22] Gli storici dell’Olocausto devono ancora rispondere alla domanda del perché i nazisti non utilizzarono il Tabun o il Sarin se avessero voluto attuare uno sterminio degli ebrei. Inoltre, persino negli ultimi giorni della guerra, quando la classe dirigente nazista cercava nuovi armamenti sofisticati, non utilizzarono le loro scorte di gas tossico su nessun fronte. Tutto ciò si pone in totale contrasto rispetto all’immagine popolare che si ha dei metodi e della mentalità nazista.

Non vi sono dubbi che i sovietici scoprirono grosse quantità di Zyklon B quando giunsero a Auschwitz e a Majdanek, quantità che servivano a combattere il tifo piuttosto che a uccidere i detenuti. Similmente, i racconti dei motori dei sottomarini e dei carri armati catturati ai sovietici che emettevano le esalazioni diesel a scopo di sterminio appaiono essere nient’altro che un prodotto della propaganda di guerra. Se la classe dirigente nazista avesse voluto sterminare gli ebrei d’Europa, avrebbe avuto a disposizione mezzi molto più sofisticati e letali per attuare un tale piano. La storia ufficiale delle gasazioni dell’Olocausto richiede un’interruzione della ragione e una fede nell’assurdo.

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://www.codoh.com/gcgv/gcgvgas.html
[2] Jean-Claude Pressac e Robert Jan van Pelt, “The Machinery of Mass Murder at Auschwitz”, capitolo 8° di Anatomy of the Auschwitz Death Camp, Israel Gutman e Michael Berenbaum editori, Indiana University Press, Bloomington and Indianapolis, p. 215. Pressac e van Pelt raccontano l’incredibile storia delle SS naziste che avrebbero utilizzato il 95% di scorte di Zyklon B a scopo di disinfestazione per tenere in vita i detenuti, mentre avrebbero dirottato il rimanente 5% per azionare le presunte camere a gas in modo da uccidere la medesima popolazione carceraria.
[3] David Tchanz, “A Whiff of Death: Chemical Warfare in the World Wars” [Una zaffata di morte: la guerra chimica nelle guerre mondiali], Command, n°33, Marzo-Aprile 1995, XTR Corporation, San Luis Obispo, CA 93403, p. 48.
[4] L’impero dell’I. G. Farben. http://reformed-theology.org/html/books/wall_street/chapter_02.htm
[5] Tschanz, p. 49.
[6] http://en.wikipedia.org/wiki/Fritz_Haber
[7] Tschanz, p. 52.
[8] Tschanz, p. 53.
[9] William Moore, Gas Attack! Chemical Warfare 191518 and Afterwards [Attacco con il gas! La guerra chimica 1915-1918 e in seguito], Leo Cooper, New York, 1987, p. 223.
[10] Tschanz, pp. 54-55.
[11] Tschanz, p. 55.
[12] Ibidem.
[13] Ibidem.
[14] M. Szöllössi-Janze, “Pesticides and war: the case of Fritz Haber” [Gli insetticidi e la guerra: il caso di Fritz Haber], European Review, 2001.
[15] Arno J. Mayer, Why Did the Heavens Not Darken? TheFinal Solutionin History [Perchè i cieli non si oscurarono? La Soluzione Finale nella storia], Pantheon Books, New York, 1988, p. 391.
[16] Mayer, p. 402.
[17] Per un analisi approfondita del “Rapporto Gerstein” vedi: http://www.vho.org/aaargh/fran/ACHR/ACHR.html
[18] Friedrich Paul Berg, “The Diesel Gas Chambes: Myth Within a Myth”, Journal of Historical Review, Vol. 5, n°1, Inverno 1984, p. 23 [In rete all’indirizzo: http://www.ihr.org/jhr/v05/v05p-15_Berg.html .
[19] Raul Hilberg, The Destruction of the European Jews, Quadrangle Books, Chicago, 1967, p. 565.
[20] Pressac e van Pelt, p. 235.
[21] Ibid., p. 215.
[22] In una versione rielaborata del suo classico articolo sulle camere a gas a motore diesel, Friedrich Berg ha fatto esattamente questa affermazione. In effetti, ha dato un nuovo titolo al suo articolo: “The Diesel Gas Chambers: Ideal fort Torture – Absurdfor Murder” [La camera a gas a motore diesel: ideale per la tortura, assurda per l’omicidio], vedi Ernst Gauss, Dissecting the Holocaust [Esaminare l’Olocausto], Theses & Dissertation Press, 2000 (in rete all’indirizzo: http://www.vho.org/GB/Books/dth/found.html

Sorgente: I gas tossici e la storia dell’Olocausto – Andrea Carancini

Leaked Audio of US Secretary of State John Kerry Shows Obama Wanted ISIS to Grow

Wikileaks released a leaked audio of US Secretary of State John Kerry’s meeting with members of the Syrian opposition, which is an evidence of Trump’s assertion that Obama was the founder of ISIS.

US Secretary of State John Kerry (Photo: Getty Images / AFP / Louisa Gouliamak)

On Wednesday, Wikileaks released new evidence of US President-elect Donals Trump’s assertion that Barack Obama was the founder of ISIS – a leaked audio of US Secretary of State John Kerry’s meeting with members of the Syrian opposition at the Dutch Mission of the UN on September 22. The audio also is an evidence of the fact that mainstream media colluded with the Obama’s administration in order to push the narrative for regime change in Syria, hiding the truth about arming and funding ISIS by the US, as it exposed a 35 minute conversation that was omitted by CNN.

Kerry admits that the primary goal of the Obama’s administration in Syria was regime change and the removal of Syrian President Bahar al-Assad, as well as that Washington didn’t calculate that Assad would turn to Russia for help.

In order to achieve this goal, the White House allowed the Islamic State (IS) terrorist group to rise. The Obama’s administration hoped that growing power of the IS in Syria would force Assad to search for a diplomatic solution on US terms, forcing him to cede power.

In its turn, in order to achieve these two goals, Washington intentionally armed members of the terrorist group and even attacked a Syrian government military convoy, trying to stop a strategic attack on the IS, killing 80 Syrian soldiers.

“And we know that this was growing, we were watching, we saw that DAESH [the IS] was growing in strength, and we thought Assad was threatened,” Kerry said during the meeting.

“(We) thought, however,” he continued to say, “We could probably manage that Assad might then negotiate, but instead of negotiating he got Putin to support him.”

“I lost the argument for use of force in Syria,” Kerry concluded.

According to Wikileaks, “the audio gives a glimpse into what goes on outside official meetings. Note that it represents the US narrative and not necessarily the entire true narrative.”

Earlier the audio was published by the New York Times and CNN, however, the both outlets chose only some its part, reporting on certain aspects, and omitted the most damning comments made by Kerry. In fact, they tried to hide the statements that would allow public to understand what has actually taken place in Syria.

The full audio has never been published by the New York Times; the outlet released only selected snippets. CNN deleted the audio at all, explaining this with the request of some of the participants out of concern for their personal safety.

Sorgente: Leaked Audio of US Secretary of State John Kerry Shows Obama Wanted ISIS to Grow

Parchi italiani: la nuova legge che fa paura a chi ama il verde

 

legge parchi

Legge sui parchi e le aree protette: una proposta di riforma alla precedente legge ancora in vigore (394/91) è stata approvata in Senato. Ma le modifiche introdotte, dalla gestione dei parchi e della fauna, alle norme sulle Aree Protette, sembrano impoverire molto il testo attualmente in vigore. Le proposte di modifica sono passate ora alla Camera, presso la quale si è svolta un’audizione per chiedere sostanziali modifiche al provvedimento.

Il testo era arrivato in aula il 21 ottobre, presentato dal senatore Massimo Caleo, e assegnato alla 13ª Commissione permanente (Territorio, ambiente, beni ambientali) in sede referente il 19 settembre 2013. Nonostante le proteste di associazioni ambientaliste, docenti ed esperti provenienti dal mondo della cultura, Palazzo Madama ha dato l’ok.

Federparchi fondamentalmente approva la riforma. Pur avendo infatti proposto alcune modifiche, giudica il testo un

lavoro indubbiamente migliorativo rispetto al passato, intorno al quale è importante trovare la più ampia convergenza.

Anche dal fronte agricolo plausi al testo. “La Cia-Agricoltori italiani  è sostanzialmente soddisfatta per l’approvazione al Senato del provvedimento sulle nuove disposizioni in materia di aree protette – ci ha scritto Dino Scanavino, Presidente della Confederazione Italiana Agricoltori – Infatti il testo votato riconosce finalmente il ruolo dell’agricoltura di qualità nell’economia dei Parchi, che è stata in questi 20 anni, di fatto, il principale alleato degli enti di gestione per garantire la tutela delle produzioni tipiche locali e un presidio di legalità”.

“La rappresentanza che verrà garantita all’interno dei nuovi consigli dei Parchi è un riconoscimento importante della funzione e dell’importanza che rivestono le aziende agricole sul territorio – ha continuato Scanavino – Ora auspichiamo in un iter veloce alla Camera per arrivare in tempi rapidi all’approvazione definitiva, con alcuni piccoli aggiustamenti utili nell’articolato, in particolare sulla questione “fauna selvatica” e sullo “snellimento burocratico”.

Perché però le associazioni ambientaliste sono insorte nuovamente considerando a voce quasi unanime il testo un pericoloso passo indietro rispetto alla legge attualmente in vigore?

Ecco i principali punti contestati.

Gestione e risorse

Il Presidente e il Direttore dei parchi potranno essere nominati senza competenze specifiche per la gestione, la conservazione e la valorizzazione dei beni naturali e ambientali, denuncia il WWF. Tra l’altro le Riserve Naturali dello Stato, anche quando sono comprese all’interno dei Parchi Nazionali, restano in capo al Ministero delle Politiche agricole, con un’evidente contraddizione gestionale, in quanto il Presidente dei parchi è una carica eletta dal Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Contestato inoltre il sistema gestionale complessivo. “Legambiente chiede l’abolizione dell’Albo dei Direttori dei Parchi – ci ha detto Rossella Muroni, Presidente di Legambiente, che abbiamo raggiunto al telefono – e l’apertura dei parchi a nuove generazioni, alla componente femminile, all’ingresso di nuove professionalità. I Parchi devono essere i luoghi dell’innovazione e di nuove soggettività che si mettono alla prova”.

“Nel nuovo DDL sui parchi manca quell’equilibrio necessario tra una dimensione nazionale dei parchi con l’altrettanto necessaria partecipazione delle comunità locali – ha continuato la MuroniCi vuole equilibrio, perché i parchi rispondono all’esigenza di difesa della natura che è innanzitutto dello Stato italiano. Questo vuol dire che naturalmente le comunità locali devono essere coinvolte a partire dai sindaci, dagli agricoltori, ma ci vuole una visione generale. Inoltre i parchi devono essere in grado di fare rete e devono avere certezze sul futuro”.

Preoccupa inoltre il silenzio sul potenziamento della sorveglianza e delle dotazioni organiche dei Parchi, considerate drammaticamente insufficienti.

“Il vero punto debole sono le riserve regionali, figlie di un dio minore, insieme alle Aree Marine Protette – ha sottolineato ancora la Presidente di Legambiente – Legambiente chiede un investimento certo pluriennale, perché Parchi Nazionali, Parchi Regionali e Aree Marine Protette costituiscono un ecosistema, un capitale naturale, che rappresenta non solo una ricchezza fondamentale in termini di biodiversità, ma anche la chiave di accesso a un futuro economico di sviluppo territoriale e di difesa del territorio (penso per esempio al rischio idrogeologico)”.

Mezzi motorizzati ed eliski nella Aree Protette

Ancora nessun divieto esplicito dell’uso dei sentieri da parte dei mezzi motorizzati e di pratica dell’eliski, sci fuoripista e del freeride che usano l’elicottero per la risalita e che rappresenta un’attività pericolosa per la fauna selvatica (su questo punto particolare accento è stato dato dal Club Alpino Italiano). Per le Aree Marine Protette, inoltre, non è previsto nessun ruolo di gestione per lo Stato.

“Nel tentativo di rendere più snella la Legge sulle Aree Naturali Protette, il Senato ha, di fatto, indebolito la portata ‘nazionale’ dei Parchi – ha detto alla Camera Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia – accentuando l’influenza di interessi locali e logiche estranee alla corretta gestione del comune patrimonio naturale del Paese”.

parchi audizione1

Controllo della fauna

Gli abbattimenti potranno essere condotti anche da cacciatori previa frequentazione di corsi.

“Le “operazioni di controllo” della fauna, trattandosi di aree protette, dovrebbero essere ragionevolmente effettuate soltanto dal personale pubblico di sorveglianza e di polizia ambientale” ha tuonato Annamaria Procacci, Consigliere Nazionale Ente Nazionale Protezione Animali.

Inoltre dagli interventi non sono esclusi gli animali particolarmente protetti dalla legge nazionale di tutela della fauna. E non viene nemmeno considerato il disturbo venatorio che sarebbe causato su tutte le specie dall’uso delle armi, comprese quelle non oggetto di intervento cruento, nonostante l’Unione Europea ponga proprio il disturbo della caccia come uno dei fattori di più forte impatto sulla fauna.

parchi audizione2

Caccia nelle aree limitrofe

La riforma, in alcune parti, consente l’accesso dei cacciatori all’interno dei parchi e nelle aree contigue, le zone “cuscinetto” tra il parco e il territorio esterno. Attualmente possono cacciarvi solo i cacciatori residenti nell’area protetta, ma se passasse la riforma potrebbero farlo tutti gli iscritti agli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) in cui ricadono le aree contigue.

E, date le enormi estensioni degli ATC, vi sarebbero ricompresi i cacciatori di Comuni anche molto lontani dalle aree protette, persino provenienti da altre regioni. Inoltre gli animali che si riproducono all’interno delle aree protette diventerebbero facili prede dei cacciatori immediatamente a ridosso dei confini, dove è attualmente proibito cacciare.

“Si tratta di una proposta inaccettabile che abbiamo chiesto di rimuovere dal Progetto di Legge – ha commentato Massimo Vitturi, responsabile LAV area Animali SelvaticiAbbiamo inoltre richiesto che i Parchi diventino delle aree con specificità d’avanguardia, all’interno delle quali applicare il controllo, assolutamente non cruento,  della fertilità degli animali che vengono indicati come responsabili dei danni all’agricoltura”.

Finanziamento e apertura di nuovi parchi

Gli Enti Parco potranno essere finanziati da titolari di attività economiche all’interno delle aree naturali protette e nelle aree contigue con delle royalties. “É inaccettabile l’inserimento delle royalties, che esporrebbero, ovviamente, le zone più pregiate del nostro Paese a tante forme di sfruttamento a fini di bilancio, riducendo i beni naturali a una merce, come pure la fauna selvatica”, scrive l’Ente Nazionale Protezione Animali.

Inoltre potrebbe essere costituito un nuovo parco interregionale sul Delta del Po, decisione fortemente contestata in quanto la legge 394/91 escludeva esplicitamente la possibilità di due parchi nazionali e prevedeva, dopo il 31 dicembre 1993, l’istituzione di un Parco Nazionale.

“Noi chiediamo di non farlo – tuona Rossella Muroni – perché, per l’ennesima volta, si crea un’eccezione alla regola, mentre i parchi hanno bisogno di regole certe e di futuro”.

Roberta De Carolis

Sorgente: Parchi italiani: la nuova legge che fa paura a chi ama il verde

Il parroco di Scampia attacca Saviano: “Ci hai stancato, l’antimafia a tavolino non serve”

 

 

camorra-Redazione- Don Aniello Manganiello, già parroco di Scampia, contro Roberto Saviano.

“Riconosco a Saviano –dice il sacerdote- il merito di aver raccontato in modo sistematico e chiaro le attività criminali che infestano la Campania, ma ha sempre ignorato il bene che comunque esiste nelle nostre terre. L’opinione pubblica preferisce le storie che aumentano l’adrenalina, le trame violente e criminali. E lo scrittore preferisce ignorare gli uomini le donne che rischiano ogni giorno per contrastare la cultura mafiosa e il degrado del territorio napoletano”.

“Caro Saviano – continua il sacerdote- a Scampia ci sono stato come parroco e so di cosa parlo. Ti dico che non basta scrivere libri, fare antimafia a tavolino, ma occorre lottare per creare nuove condizioni di vita. Caro Saviano, siamo stanchi dei tuoi romanzi, delle produzioni cinematografiche e televisive. Siamo stanchi di Gomorra, vogliamo un’anticamorra delle opere. Anch’io sono stato minacciato di morte dai Lo Russo e ho rifiutato la scorta per stare in mezzo alla mia gente. Non chiedo altrettanto a Saviano, ma abbiamo bisogno di testimoni e non di maestri”

 

Sorgente: Il parroco di Scampia attacca Saviano: “Ci hai stancato, l’antimafia a tavolino non serve” – ArticoloTre | ArticoloTre – Quotidiano online indipendente e di inchiesta

Stefano Cucchi, “Lo pestarono: omicidio preterintenzionale per tre carabinieri” Procura di Roma chiude inchiesta bis

Arrestato, pestato a sangue dagli stessi carabinieri che lo fermarono e quindi deceduto in un letto d’ospedale. Otto anni dopo ecco che la procura di Roma contesta a tre militari l’omicidio preterintenzionale di Stefano Cucchi. Il procuratore capitolino Giuseppe Pignatone e il sostituto Giovanni Musarò hanno infatti chiuso l’inchiesta bis sulla morte del geometra romano, avvenuta in un reparto protetto dell’ospedale Pertini, il 22 ottobre 2009, sette giorni dopo il suo arresto nel parco degli Acquedotti.

I carabinieri che lo arrestarono – e cioè Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco – sono ora ritenuti responsabili del pestaggio del giovane geometra. Ai tre  è contestata anche l’accusa di abuso di autorità, per aver sottoposto Cucchi “a misure di rigore non consentite dalla legge” con “l’aggravante di aver commesso il fatto per futili motivi, riconducibili alla resistenza di Cucchi al momento del foto-segnalamento“.

Le accuse di falso e calunnia nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria processati nella prima inchiesta, sono invece contestate a vario titolo a Tedesco, a Vincenzo Nicolardi e al maresciallo Roberto Mandolini, comandante della stazione Appia, dove fu portato Cucchi dopo il suo arresto il 15 ottobre del 2009.

Cucchi – come si legge nell’avviso di chiusura delle indagini, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio – fu colpito a “schiaffi, pugni e calci“. Le botte, per l’accusa, provocarono “una rovinosa caduta con impatto al suolo in regione sacrale”, provocando sul giovane “lesioni personali che sarebbero state guaribili in almeno 180 giorni e in parte con esiti permanenti, ma che nel caso in specie, unitamente alla condotta omissiva dei sanitari che avevano in cura Cucchi presso la struttura protetta dell’ospedale Sandro Pertini, ne determinavano la morte“.

“Le lesioni procurate a Stefano Cucchi – si legge sempre nel provvedimento dei pm –  il quale fra le altre cose, durante la degenza presso l’ospedale Sandro Pertini subiva un notevole calo ponderale anche perché non si alimentava correttamente a causa e in ragione del trauma subito, ne cagionavano la morte”. “In particolare – scrivono i pm – la frattura scomposta” della vertebra “s4 e la conseguente lesione delle radici posteriori del nervo sacrale determinavano l’insorgenza di una vescica neurogenica, atonica, con conseguente difficoltà nell’urinare, con successiva abnorme acuta distensione vescicale per l’elevata ritenzione urinaria non correttamente drenata dal catetere”. Una quadro clinico che “accentuava la bradicardia giunzionale con conseguente aritmia mortale“.

Tedesco, Nicolardi e  Mandolini, invece, sono accusati di avere “affermato il falso in merito a quanto accaduto nella notte tra il 15 e il 16 del 2009 in occasione dell’arresto” di Cucchi. In particolare “implicitamente accusavano, sapendoli innocenti, tre agenti della penitenziaria, dei delitti di lesioni personali pluriaggravate e abuso di autorità”. Gli agenti della Penitenziaria erano accusati per un pestaggio che si “ipotizzava perpetrato – scrive il pm – ai danni di Cucchi nella mattina del 16 ottobre del 2009, nella qualità di agenti preposti alla gestione del servizio delle camere di sicurezza del tribunale adibite alla custodia temporanea degli arrestati in flagranza di reato in attesa dell’udienza di convalida”.

Il pm Musarò ha dunque ritenuto infondata l’ipotesi della morte per epilessia di Cucchi, emersa dalla perizia d’ufficio disposta dal giudice in sede di incidente probatorio. L’attacco epilettico del quale è stato vittima il giovane nei giorni di detenzione dopo il suo arresto, infatti, non figura tra le cause che ne hanno causato il decesso. Da qui il cambio di imputazione: i carabinieri ai quali viene ora contestato l’omicidio, infatti, sono stati a lungo indagati per lesioni personali aggravate, mentre i militari accusati di calunnia erano sospettati solo di falsa testimonianza. Uno di questi – il maresciallo Mandoliniera stato di recente promosso nonostante l’indagine in corso.

Inchiesta che adesso arriva a una svolta. Fino ad ora ben quattro giudizi avevano portato soltanto ad assoluzioni: confermate due volte in appello quelle per i sanitari dell’ospedale Pertini, diventate definitive, invece, quelle per gli agenti penitenziari che lavoravano nelle celle del tribunale di Roma.

“I carabinieri sono accusati di omicidio, calunnia e falso. Voglio dire a tutti che bisogna resistere, resistere, resistere. Ed avere fiducia nella giustizia”, commenta Ilaria Cucchi, sorella del giovane assassinato.  “Non lo so come sarà la strada che ci aspetta d’ora in avanti, sicuramente si parlerà finalmente della verità, ovvero di omicidio“, aggiunge la donna, che poi ringrazia l’avvocato Fabio Anselmo. “Ci sono voluti sette anni ma ce l’abbiamo fatta – dice invece il legale – Sono emozionato, felice. Credo sia un messaggio importante per tutti: quando si sa di essere dalla parte del giusto, bisogna resistere, resistere, resistere e la verità prima o poi viene fuori”. “La Procura ha esercitato una sua prerogativa e ha formulato il capo di imputazione che ritiene sussistente. Noi riteniamo, di contro, che tale contestazione non potrà essere provata nel giudizio in quanto gli elementi di fatto su cui fonda non sono riscontrabili in atti e, tanto meno, nella perizia disposta dal Gip con incidente probatorio”. dice l’avvocato Eugenio Pini, legale di uno dei carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale. “L’attacco all’Arma è sotto gli occhi di tutti, nonostante le innumerevoli perizie stabiliscano con assoluta certezza che non ci sono state lesioni di alcun tipo che ne abbiano potuto procurare la morte (vedasi perizia disposta dal Gip), vengono cambiati i capi d’imputazione per non incorrere nella prescrizione e mandano a processo dei Carabinieri innocenti, dei padri di famiglia, dei Servitori dello Stato, solo per infangarli“, dice invece Mandolini, uno dei carabinieri indagati per falso e calunnia.

Sorgente: Stefano Cucchi, “Lo pestarono: omicidio preterintenzionale per tre carabinieri” Procura di Roma chiude inchiesta bis – Il Fatto Quotidiano

Libia, Alfano annuncia aiuti umanitari. Haftar rifiuta: ‘Prima via le vostre truppe’

“Rifiutiamo qualsiasi aiuto italiano a meno che l’Italia ritiri le sue truppe dalla Libia“. Lo ha dichiarato Khalifa al Obaidi, portavoce dell’esercito nazionale libico, guidato dal generale Khalifa Haftar, fedele al parlamento di Tobruk. Domenica scorsa, 15 gennaio, il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, nel corso di un’intervista in tv aveva annunciato che l’Italia avrebbe inviato aiuti umanitari “medicinali […]

Sorgente: Libia, Alfano annuncia aiuti umanitari. Haftar rifiuta: ‘Prima via le vostre truppe’ – Il Fatto Quotidiano