Manlio Di Stefano (M5S) a Laura Boldrini sulla Turchia: “Ma perch Erdogan solo ora un dittatore?”

Manlio Di Stefano (M5S) a Laura Boldrini sulla Turchia:

Dov’erano i moralisti di oggi quando, alle Nazioni Unite, l’Ambasciatore russo Churkin mostrava al mondo le prove di come Ankara addestrasse combattenti terroristi in Siria e del traffico continuo di armi e munizioni nei territori siriani sotto controllo dell’ISIS?”

di Manlio Di Stefano*

“L’accordo per i migranti è stato un errore”, chiosa da ultimo Laura Boldrini. “Scene rivoltanti di giustizia arbitraria e vendetta”, “l’introduzione della pena di morte sarebbe la fine dei negoziati con l’Unione Europea” avevano in precedenza dichiarato tutti coloro, dalla Merkel alla Mogherini, che trattano e osannano il TTIP con quegli Stati Uniti della pena di morte e di Guantanamo.

La repressione di Erdogan, dopo il colpo di stato tentato una settimana fa, è brutale, violenta e tremenda. L’aggiornamento delle “liste di proscrizioni” ha toccato il numero di 60 mila persone. Ma non è certo la sospensione (non confermata) della Carta Europea dei Diritti dell’Uomo, mai rispettata da Ankara e da tanti altri Paesi membri, il punto di indignazione sulla Turchia come ci vogliono far credere.

L’immensa purga che Erdogan sta applicando a migliaia di persone tra le forze dell’ordine, magistrati e giornalisti, supera chiaramente il limite di ciò che si richiede ad un paese dell’Unione Europea.

Mi chiedo allora: due settimane fa la Turchia era sulla giusta strada? Erdogan, l’uomo che Angela Merkel per conto di tutta l’Europa aveva scelto come alleato di riferimento per la gestione dei flussi dei migranti, ha preso solo adesso una via dittatoriale?

I sei/nove miliardi di euro che i Paesi dell’UE hanno deciso di investire in Turchia sono solo ora una scelta sbagliata?

La liberalizzazione dei visti rappresenta soltanto adesso un errore?

Negli ultimi anni la Turchia di Erdogan ha varato una serie di riforme liberticide che hanno conferito pieni poteri ai servizi segreti, tolto alla magistratura gran parte dell’indipendenza, ridotto enormemente il diritto alla libera espressione, umiliato quotidianamente la libertà di stampa e i diritti civili, represso, infine, tutti gli oppositori interni.

Dov’erano i moralisti di oggi quando l'Unione Europea imponeva ai suoi membri l’accordo con una Turchia che faceva tutto questo?

Dov’erano i moralisti di oggi quando, alle Nazioni Unite, l’Ambasciatore russo Churkin mostrava al mondo le prove di come Ankara addestrasse combattenti terroristi in Siria e del traffico continuo di armi e munizioni nei territori siriani sotto controllo dell’ISIS?

Dov’erano quando venivano mostrate al mondo le prove del contrabbando delle opere d’arte e del petrolio provenienti dai territori controllati dall’ISIS?

E, dov’erano, infine, i moralisti di oggi quando alle Nazioni Unite venivano denunciate specifiche aziende turche per aver conferito all’ISIS tutte le componenti necessarie alla costruzione di ordigni esplosivi?

Ve lo dico io, erano a lodare e pontificare Erdogan come l’uomo giusto al momento giusto.

Stati Uniti, Unione Europea e NATO sapevano tutto nel dettaglio, da sempre: la Turchia è, infatti, il secondo esercito della NATO e nel Paese sono distribuite decine di basi militari atlantiche.

Allora, però, non si preoccupavano degli “alti standard” nemmeno di fronte alla repressione brutale nelle regioni curde o al transito delle decine di migliaia di “foreign fighters” che attraversavano il confine per andare a sterminare le popolazioni di Siria e di Iraq.

La NATO degli “alti standard” si impegnava, anzi, a proteggere Erdogan con il suo velo militare.
Vi sembrerà strano ma ciò accadeva pochissimi giorni fa.

Continua a leggere qui:

*Capogruppo della Commissione Affari Esteri del Movimento 5 Stelle

Notizia del: 22/07/2016

Sorgente: Manlio Di Stefano (M5S) a Laura Boldrini sulla Turchia: “Ma perch Erdogan solo ora un dittatore?” – World Affairs – L’Antidiplomatico

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s