L’assedio di Gaza impedisce una ricostruzione indispensabile

Imeunnamedmc. Due anni dopo lo scoppio della guerra del 2014, che costò la vita a 1.492 civili palestinesi, tra cui 551 bambini, la gran parte della Striscia di Gaza giace in rovina. Interi quartieri non vengono riforniti d’acqua, gli ospedali e le cliniche distrutte non sono ancora stati ricostruite, e decine di migliaia di persone restano senza casa.

Mentre sono iniziate alcune ricostruzioni, la situazione a Gaza rimane terribile. Meno del 10% delle 11.000 case completamente distrutte durante i 51 giorni di bombardamenti sono state ricostruite. Come conseguenza della guerra e dell’impatto del blocco imposto dal 2007 da Israele, più di 75.000 Palestinesi di Gaza restano senza una casa in cui tornare.

“Due anni dopo l’inizio della guerra, l’assedio ostacola fortemente la ricostruzione e la ripresa a Gaza. A meno che non venga tolto, i Palestinesi che vivono a Gaza non saranno in grado di vivere la loro vita in libertà, dignità e sicurezz”, ha affermato Chris Eijkemans, direttore di Oxfam Country secondo il PNN.

“Quando è iniziato il cessate il fuoco, i leader mondiali hanno promesso di lavorare per uno sviluppo sostenibile e a lungo periodo per i Palestinesi che vivono a Gaza. Tuttavia, ci sono poche prove di quelle promesse nei fatti”.

Le organizzazioni internazionali che operano nei Territori Palestinesi Occupati lanciano l’allarme per la  mancanza di progressi nella ricostruzione di Gaza a seguito delle pesanti restrizioni di Israele per l’ingresso di materiali strategici per il processo di ripresa. Le organizzazioni hanno invitato i leader mondiali e la stampa a farsi carico degli impegni assunti per la fine immediata del blocco.

Il blocco quasi decennale ha paralizzato l’economia di Gaza. Senza poter vendere ai mercati esteri, l’occupazione nel settore privato è crollata. La disoccupazione complessiva è superiore al 40%, con quella giovanile tra le più alte al mondo.

L’impatto dell’assedio sui bambini è particolarmente devastante, decine di migliaia sono ancora senza casa a causa del conflitto del 2014. “La metà della popolazione di Gaza è composta da minorenni, molti dei quali hanno vissuto tutta la loro vita sotto assedio. A centinaia necessitano di trattamenti medici essenziali, ma viene impedito di lasciare Gaza. Due anni dopo, le cause all’origine della loro sofferenza non sono ancora state affrontate”, ha spiegato Fikr Shalltoot, direttore dei Programmi di aiuto medico ai Palestinesi di Gaza.

Eijkemans ha detto che la fine del blocco è l’unica soluzione per dare alle persone l’accesso ai servizi di base di cui hanno disperatamente bisogno, per  permettere che la  ricostruzione proceda e per consentire che l’economia paralizzata di Gaza riparta.

“Il blocco è illegale secondo il diritto internazionale ed equivale alla punizione collettiva di un intero popolo. Solo la sua fine immediata porterà la sicurezza a lungo termine per i Palestinesi e gli Israeliani”.

Secondo le statistiche dell’ONU, i Palestinesi costituiscono ora la più alta percentuale di rifugiati in tutto il mondo.

Video IMEMC Archivio: 09/02/14 di Gaza City devastato Al-Shuja’eyya Suburb

Traduzione di Edy Meroli

thanks to: Infopal

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s