Esecuzione dei due Palestinesi a Qalandiya: avevano sbagliato strada e non rappresentavano una minaccia

377628CIsraele si conferma ancora una volta come una realtà criminale e violatrice di ogni diritto umano.

I due giovani – fratello e sorella – uccisi a sangue freddo mercoledì mattina al check-point di Qalandiya, e presentati al mondo dalla propaganda israeliana come “attentatori”, in realtà erano due cittadini che si sono trovati per sbaglio a percorrere la carreggiata per autoveicoli, e non quella per i pedoni, e che non hanno capito gli ordini dei militari. La confusione è stata fatale, poiché i robo-killer israeliani li hanno crivellati di colpi.

Lei lascia due bimbi di 6 e 4 anni ed era incinta di 5 mesi.
Il fratello, di 16 anni, ha tentato di portarla via da lì, ma è stato troppo tardi.

Nessuno dei due rappresentava una minaccia.

Testimoni hanno raccontato all’agenzia Ma’an che Maram Salih Hassan Abu Ismail, 23 anni, incinta di cinque mesi e madre di due bimbi, e suo fratello Ibrahim, di 16 anni, si stavano dirigendo verso Gerusalemme, quando hanno imboccato l’ingresso per i veicoli e non quello per i pedoni, dentro il check-point di Qalandiya, vicino a Ramallah.

I due sembrano non fossero in grado di comprendere ciò che i soldati israeliani stavano gridando in ebraico e si sono fermati. I testimoni hanno affermato che Ibrahim sembra avesse tentato di prendere la sorella per un braccio e allontanarla di lì, quando i soldati hanno aperto il fuoco, colpendola. Maram è caduta a terra e quando Ibrahim ha tentato di aiutarla, è stato colpito a sua volta.

Un autista di autobus palestinese, Muhammad Ahmad, ha detto a Ma’an che il soldato che ha sparato a Maram si trovava dietro a un blocco di cemento a 20 metri di distanza da lei, e che né lei né il fratello rappresentavano una minaccia.

Un altro testimone dell’attacco contro i due Palestinesi ha dichiarato a Ma’an che i militari israeliani si sono avvicinati ai due dopo che già erano a terra e hanno di nuovo aperto il fuoco per assicurarsi che fossero morti.

Il testimone ipotizza che i soldati abbiano piazzato i coltelli sulla scena, così che la fotografia potesse essere diffusa dalla polizia israeliana a giustificazione del duplice omicidio.

Le testimonianze raccolte, infatti, contraddicono la versione della polizia israeliana.

Maram aveva ottenuto, per la prima volta, un permesso dalle autorità israeliana per entrare a Gerusalemme. Anche questo spiega la sua confusione sul percorso da prendere nel check-point.

 

  thanks to: Agenzia stampa Infopal

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s