L’Onu approva quattro risoluzioni sostenute dai palestinesi in una vittoria storica – Palestinians welcome UN call for settlement database

unnamed (1)Betlemme – Ma’an. In una vittoria storica per la leadership palestinese, giovedì il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani il ha approvato quattro risoluzioni riguardanti il ​​territorio palestinese occupato, una delle quali sarà redigere una “lista nera” delle compagnie che fanno affari negli insediamenti illegali israeliani.

Il Dipartimento degli Affari di negoziazione dell’Olp ha riferito che, in aggiunta alla risoluzione riguardante gli insediamenti – che è passata con 32 a 0 –, un’altra è stata adottata per il diritto inalienabile del popolo palestinese all’autodeterminazione.

Una risoluzione basata sui diritti umani dei palestinesi è stata approvata dal Consiglio e si rivolge alle demolizioni delle case, alle violazioni dei luoghi sacri e alle esecuzioni extragiudiziarie eseguite dalle forze israeliane.

È stata approvata un’altra risoluzione per la promulgazione di sistemi investigativi adeguati per garantire la responsabilità per le violazioni compiute da Israele nei terrori palestinesi occupati.

La risoluzione proposta dalla leadership palestinese che obbliga il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani a formare un database di tutte le parti che svolgono affari nelle aree sotto l’occupazione militare israeliana ha subito l’opposizione maggiore dagli USA e dall’Unione Europea prima del voto di giovedì, secondo i report del Guardian.

A quanto riferito, i leader occidentali hanno avvertito che sostenere la risoluzione potrebbe andare a scapito degli aiuti concessi all’Autorità palestinese.

La risoluzione riecheggia una recente decisione dell’Unione Europea di etichettare i prodotti realizzati negli insediamenti illegali israeliana, una vittoria per il movimento BDS che tenta di utilizzare il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni contro Israele per porre fine alla decennale occupazione.

Traduzione di F.G.

Israeli security forces check the IDs of Palestinians at the entrance of the village of Nahalin (AFP)

Israeli security forces check the IDs of Palestinians at the entrance of the village of Nahalin (AFP)

The Palestinian government has hailed the decision by the United Nations to establish a database of companies working in Israeli settlements, a ruling that Israel called an “absurdity”.

The United Nations Human Rights Council (UNHRC) on Thursday adopted four motions on the Palestinian territories, including one calling for the establishment of a list of companies operating from settlements in the Israeli-occupied West Bank.

Israel has long accused the body of unfairly singling it out.

Ibrahim Khreisheh, Palestinian envoy to the UNHRC, called the vote a “message of hope for our people”.

“Israel continues to systematically violate the inalienable rights of the Palestinians while enjoying impunity from the international community,” he added.

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu labelled UNHRC an “anti-Israel circus” which “attacks the only democracy in the Middle East and ignores the gross violations of Iran, Syria and North Korea.”

UNHRC has also confirmed Canadian Stanley Michael Lynk as its new investigator on the situation of human rights in the Palestinian territories after his predecessor resigned, citing Israel’s continued refusal to grant him access.

Israel occupied the West Bank in the 1967 Six Day War, in a move considered illegal under international law. Around 400,000 Israeli settlers now live alongside around 2.5 million Palestinians there.

Since the beginning of 2016, over 450 Palestinian homes and other structures in the West Bank have been destroyed by Israeli forces.

Friday 25 March 2016

thanks to: Infopal

Middle East Eye

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s