Il buon Natale del razzista Gopstein: «Cristiani vampiri»

In un articolo per la rivista Kooker, il leader del gruppo di estrema destra “Lehava” ha definito tutti i cristiani «vampiri succhia-sangue». Gopstein da anni, con dichiarazioni e azioni concrete, si rende protagonista ma contro di lui le autorità israeliane non muovono un passo.

Gerusalemme. La manifestazione di Gopstein un mese fa al YMCA contro l'albero di Natale (foto da Twitter)

Gerusalemme. La manifestazione di Gopstein un mese fa al YMCA contro l’albero di Natale (foto da Twitter)

di Michele Giorgio

Gerusalemme, 26 dicembre 2015, Nena NewsOgni tanto si legge di qualcuno che chiede di dichiarare illegale l’organizzazione ebraica “Lehava” per istigazione all’odio razziale e religioso e per atti di violenza. Il suo leader, Benzi Gopstein, però ha le spalle ben coperte ai piani alti della destra israeliana e continua a diffondere senza alcun impedimento dichiarazioni velenose. E non solo contro i palestinesi e gli ebrei di sinistra. In un articolo scritto il 17 dicembre per la pubblicazione religiosa Kooker, Gopstein ha augurato buon Natale ai cristiani definendoli «vampiri succhia-sangue», «nemici mortali» e ha chiesto la loro espulsione da Israele.

Nello stesso articolo il leader di Lehava ha rivolto pesanti accuse all’establishment politico israeliano, colpevole a suo dire di avere un atteggiamento accogliente nei confronti dei «vampiri cristiani». «Non c’è posto per il Natale in Terra Santa. Cacciamo via i vampiri dalla nostra terra, prima che bevano di nuovo il nostro sangue», ha concluso.

Un mese fa Gopstein e una dozzina di militanti di Lehava avevano protestato contro l’accensione delle luci dell’albero di Natale alla sede del YMCA di Gerusalemme e intimato a tutti i cristiani di lasciare immediatamente lo Stato ebraico.

Alcuni militanti di “Lehava”, organizzazione che, tra le altre cose, combatte qualsiasi forma di avvicinamento tra ebrei e palestinesi e i matrimoni misti (rarissimi in verità), alla fine del 2014 furono arrestati per l’incendio della scuola arabo-ebraica “Hand in Hand” di Gerusalemme. Un fatto di estrema gravità che suscitò ampie condanne, anche all’estero. Ciò però non impedì a una importante tv israeliana di invitare come opinionista Gopstein dopo qualche settimana ad un dibattito politico in diretta. Nena News

Sorgente: Il buon Natale del razzista Gopstein: «Cristiani vampiri»

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s