Matteo Renzi l’antisemita

Il Presidente del Consiglio italiano è stato in visita per due giorni in Israele, con un breve passaggio a Betlemme. Nei suoi discorsi tanti slogan e non poche banalità.

Matteo Renzi alla Knesset

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Gerusalemme, 23 luglio 2015, Nena NewsMatteo Renzi si proclama l’artefice della ripresa dell’Italia, il capo del governo che ha rilanciato il nostro Paese, anche in politica estera. Al contrario con il suo primo viaggio ufficiale in Israele, ieri e martedì, con una breve parentesi a Betlemme dove ha incontrato il leader dell’Anp Abu Mazen, il Presidente del Consiglio ha confermato che dell’Italia lui rappresenta l’inconsistenza nelle questioni che contano. Il primo ministro di un Paese che è parte del G8, punto sul quale insiste proprio Renzi, non può limitarsi a ripetere slogan e ovvietà quando si confronta con una delle crisi centrali del nostro tempo, quella israelo-palestinese. Una questione che chiama in causa la legge internazionale, le Convenzioni di Ginevra, il ruolo delle Nazioni Unite e della Corte penale internazionale, che condiziona la politica estera di Paesi arabi ed occidentali e che continua a generare attivismo e passioni in tutto il mondo. E’ in queste occasioni che un protagonista della scena internazionale si dimostra tale. Matteo Renzi ha confermato di non esserlo.

Si sa dove da sempre batte il cuore del Presidente del Consiglio. E lo ha confermato lui stesso ieri a Gerusalemme con il discorso che ha pronunciato davanti alla Knesset, presente il premier Netanyahu. Trenta minuti di esaltazione acritica di Israele, di dichiarazioni d’amore eterno condite da storie personali che da un lato hanno suscitato l’applauso di deputati, ministri e del folto pubblico presente ma dall’altro devono essere apparse troppo enfatiche agli stessi dirigenti e parlamentari israeliani. «Voi avete il dovere di esistere e di resistere e di tramandare ai vostri figli, come ai miei tre figli – Francesco, Emanuele ed Ester – perché siete un punto di riferimento anche se a volte possiamo avere dei dissensi», ha detto ad un certo punto Matteo Renzi. Martedì aveva proclamato che «Israele è il paese delle nostre radici, delle radici di tutto il mondo e anche il paese del nostro futuro».

Nessuno vieta a Renzi di esprimere la sua ammirazione per Israele e di banalizzare la storia. Ma il Presidente del Consiglio italiano è anche il rappresentante del terzo Paese dell’Ue e non può riassumere “tutto il resto” in quattro parole: «La pace sarà possibile solo con due Stati e due popoli e solo se sarà garantita piena sicurezza di tutti: il diritto dello Stato palestinese all’autodeterminazione e quello dello Stato ebraico alla propria sicurezza». Non può limitarsi a pronunciare frasi ad effetto, per compiacere Netanyahu e i suoi ministri, come «Chi pensa di boicottare Israele non si rende conto di boicottare se stesso, di tradire il proprio futuro. l’Italia sarà sempre in prima linea nel forum europeo e internazionale contro ogni forma di boicottaggio sterile e stupido». Perchè dall’altra parte del Muro costruito da Israele in Cisgiordania e che Renzi ha certamente visto mentre si recava a Betlemme – Silvio Berlusconi riuscì addirittura a non scorgerlo – ci sono quasi tre milioni di palestinesi che reclamano libertà, fine dell’oppressione e dell’occupazione militare israeliana. E ci sono inoltre due milioni di palestinesi di Gaza che vivono in una prigione a cielo aperto che possono aprire e chiudere solo Israele e l’Egitto di Abdel Fattah al Sisi, quello figlio del golpe, delle centinaia di condanne a morte, degli attivisti anti Mubarak sbattuti in galera, della libertà di stampa negata, del quale il Presidente del Consiglio si è detto un sostenitore e uno stretto alleato. E non si possono dimenticare i cinque milioni di profughi palestinesi sparsi nei campi profughi di Libano, Siria e Giordania.

Renzi e il presidente palestinese Abu Mazen

Renzi, davanti alla Knesset, non ha mai pronunciato la parola occupazione, non ha fatto riferimento alle risoluzioni internazionali, ha evitato accuratamente di affrontare la questione della colonizzazione dei territori occupati, ha ricordato solo le sofferenze israeliane per il razzi palestinesi di un anno fa dimenticando i 2.200 palestinesi uccisi, tra i quali centinaia di bambini, e le distruzioni immense subite da Gaza sotto bombardamento israeliano per 50 giorni.

Chi proclama di voler fare grande l’Italia non può chiudere nello scantinato i palestinesi e i loro diritti, come ha fatto il primo ministro italiano ieri durante il breve passaggio per il palazzo presidenziale a Betlemme. Durante la conferenza stampa (non aperta alle domande dei giornalisti) il presidente palestinese ha denunciato la colonizzazione. «La continua costruzione di colonie da parte di Israele fa perdere speranza al popolo palestinese che attende la sua patria da circa 70 anni», ha detto, aggiungendo subito dopo «ma le nostre mani sono tese per la pace verso i nostri vicini israeliani sulla base delle risoluzioni internazionali». Renzi è rimasto impassibile. Poi, come se Abu Mazen non avesse mai aperto bocca, ha esortato il leader palestinese a «lottare contro il terrorismo», promettendo l’assistenza dell’Italia all’economia e lo sviluppo dei territori palestinesi. Pane non libertà.

thanks to: Nena News

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s