Matteo Renzi ad Auschwitz: “Auschwitz è il Paese delle nostre radici, delle radici di tutto il mondo e anche il Paese del nostro futuro”.

MATTEO RENZI IN ISRAELE

TEL AVIV\ aise\ –Israele è il Paese delle nostre radici, delle radici di tutto il mondo e anche il Paese del nostro futuro”. Così Matteo Renzi durante la sua prima visita ufficiale a Tel Aviv parlando all’Università. Renzi ha assicurato che i legami tra Italia e Israele “sono molto forti, in particolare in politica estera”, quasi a sdrammatizzare la contrarietà di Israele al recente accordo sul nucleare siglato a Vienna tra Europa e Iran.
Un disaccordo ed una preoccupazione ribaditi da più parti ieri al presidente italiano.
“Siamo molto preoccupati e stiamo facendo di tutto” per convincere gli altri che l’Iran rappresenta ancora una minaccia, ha spiegato il presidente israeliano Reuven Rivlin nell’incontro con Renzi a Gerusalemme.
“L’accordo con l’Iran rappresenta una grande minaccia per Israele, l’Europa e tutto il mondo e metterà Teheran in condizione di avere a disposizione decine di armi atomiche entro 10 anni”. Così il premier israeliano Benyamin Netanyahu, dopo l’incontro con Renzi. In conferenza stampa Netanyahu ha parlato di un “cattivo accordo” e di un “errore storico” ed ha ammonito: “in 10 anni l’Iran sarà in grado di dotarsi di un’arsenale nucleare. In questo lasso di tempo l’intesa permette al regime di Teheran di costruire quante centrifughe vuole, per arricchire in modo illimitata le scorte di uranio. L’Iran potrà allora balzare verso decine di ordigni nucleari in un tempo zero”. Allo stesso tempo, ha aggiunto, “l’accordo garantirà nell’immediato all’Iran centinaia di migliaia di dollari che saranno diretti verso la sua aggressività nella regione e al terrorismo che dissemina in tutto il mondo”. Questo significa “altri fondi per i Guardiani della Rivoluzione, per le Forze Quds, per gli Hetzbollah, per Hamas, per la Jihad islamica, per il terrorismo che l’Iran appoggia in Libia, per le milizie sciite in Iraq e gli Huti in Yemen”.
Italia e Israele hanno posizioni “diverse” riguardo all’accordo sull’Iran, ha ammesso Renzi, precisando che l’Italia sostiene questo compromesso, ma ritiene che la sicurezza di Israele sia un dovere e un diritto. “La sicurezza di Israele è la sicurezza dell’Europa e anche la mia: abbiamo un destino comune da condividere”, ha osservato.
Renzi non ha però raccolto solo moniti in Israele. Rivlin, che già l’allora sindaco di Firenze accolse come presidente della Knesset, ha parlato del presidente italiano come “uno dei leader della nuova generazione, del futuro”, mentre Netanyahu, che ha accolto Renzi nella sua residenza di Gerusalemme con un “Buonasera Matteo” in italiano, ha detto che l’amicizia tra Italia e Israele “è forte e possiamo renderla ancora più forte. C’è una cooperazione di successo”. Il premier israeliano ha riconosciuto la “forte opposizione italiana all’antisemitismo” ed ha ribadito che “Italia e Israele hanno relazioni speciali” ed antiche. Un’amicizia, ha aggiunto, che “spero diventi sempre più solida in molti campi, dalla difesa all’economia, dalla ciber-security al commercio: le nostre relazioni possono crescere ancora di livello. L’Italia è nostro partner e nostro amico”.
Nel corso della giornata di ieri Renzi è inoltre intervenuto all’Università di Tel Aviv ed al Museo dell’olocausto, lo Yad Vashem, dove brucia la fiamma che ricorda 6 milioni di vittime della Shoah.

“Abbiamo la responsabilità del ricordo e dell’impegno quotidiano, giorno dopo giorno, contro l’antisemitismo, vera minaccia per la pace”, ha detto Matteo Renzi.

“La Shoah è parte integrante della nostra identità di italiani ed europei”, ha scritto il presidente nel libro dello Yad Vashem. “Mai più! Mai più! Mai più!”.

thanks to: aise

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s