Una spia israeliana ammette: abbiamo incoraggiato le teorie delle cospirazioni antisemite

Memo. Generalmente le pubblicazioni di ex militari, politici e agenti dell’Intelligence sono noiose ed egocentriche, volendo a tutti i costi dimostrare le proprie ragioni su episodi di lunga data di cui conservano rancore. Perciò questi volumi raramente fanno parte di letture illuminanti.

Per quanto noiose possano essere queste opere propagandistiche, a volte ne esistono alcune da prendere in considerazione. A tal proposito un libro da sottoporre all’attenzione è Periphery, scritto dall’ex spia israeliana Yossi Alpher.

Alpher è un ex ufficiale dell’Intelligence. Periphery, pubblicato all’inizio dell’anno, è il suo resoconto di anni di disperati sforzi israeliani per trovare alleanze nel Medio Oriente, una regione da cui sono intrinsecamente alienati a causa delle frequenti aggressioni militari contro i paesi vicini, la lunga occupazione militare del ’67 e l’espropriazione delle terre del popolo palestinese.

La cosiddetta “strategia Periphery” mirava a ricercare alleati in stati e gruppi minoritari considerati al di fuori dalla tradizione araba e musulmana. Le spie israeliane hanno cercato di stringere alleanze con i Curdi dell’Iraq settentrionale, della Turchia al culmine del potere politico militare, e dell’Iran, sotto la dittatura dello Shah.

Il piano includeva inoltre l’alleanza con i cristiani maroniti del Libano. Tali piani  hanno una lunga e ben documentata storia che risale al 1954 quando, secondo quanto riportato sui diari dell’ex primo ministro israeliano Moshe Sharett, David Ben Gurion pianificò l’invasione del Libano e l’instaurazione di uno stato cristiano nel paese. Il progetto non riuscì mai del tutto ma la storia dell’alleanza israeliana con le milizie libanesi conservatrici negli anni ’70 e ’80 è ben noto. Al fine di distruggere l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Israele invase finalmente il Libano  nel 1982 imponendovi il leader falangista Bashir Gemayel come un temporaneo presidente fantoccio.

Comunque Gemayel fu assassinato poco dopo la sua imposizione alla guida del paese, lo Shah fu rovesciato da una rivoluzione e in Iran è stata fondata la Repubblica Islamica.

Paradossalmente oggi il principale alleato di Israele è il regime Saudita, proprio nel cuore del mondo arabo. I due paesi, sebbene non abbiano relazioni diplomatiche ufficiali, stanno lavorando insieme su una sovversione senza precedenti, soprattutto per quanto riguarda l’opposizione all’influenza iraniana.

In una recente intervista alla stampa israeliana per la promozione del suo libro sulla dottrina “Periphery”, Alpher fa una dichiarazione eloquente, lasciando forse intendere più di quanto volesse.

Su alcuni regimi anti democratici con cui stava cercando di stringere rapporti afferma: “Sapevamo che la questione dei Protocolli dei Savi di Sion avrebbe avuto un ruolo fondamentale per loro. In un certo modo anche noi abbiamo giocato questa carta in modo che pensassero che avessimo un’immensa influenza sul mondo e avremmo potuto manipolare la politica statunitense a loro favore. I marocchini, egiziani e turchi erano tutti sicuri che una sola nostra parola avrebbe cambiato la posizione di Washington nei loro confronti”.

In altre parole, spie e diplomatici israeliani (nonostante la propaganda sostenga che siano i protettori degli ebrei di tutto il mondo) hanno incoraggiato attivamente la diffusione di un falso antisemitismo.

Israele, allo scopo di convincere certi regimi di avere una forte influenza sugli Stati Uniti, ha in realtà incoraggiato la credenza del complotto antisemita sul fatto che gli ebrei controllassero il mondo (come contenuto nei protocolli).

In realtà il sionismo viene considerato come una forma di antisemitismo. Ciò potrebbe apparire contro intuitivo per un paese che rivendica il fatto di essere uno “stato ebreo”, ma c’è una lunga storia di leader sionisti che hanno rilasciato dichiarazioni antisemite incoraggiando l’odio contro gli ebrei, tra cui Arthur Ruppin e Theodor Herzl.

Ma più di questo è l’idea alla base del Sionismo ad essere antisemita, come affermato da alcuni studiosi palestinesi tra cui Joseph Massad: l’idea che gli Ebrei non appartengono ai loro paesi d’origine (come Francia, Germania e Stati Uniti) ma siano, in realtà, orientali che hanno il bisogno di tornare nella loro mitica “terra d’Israele”.

Il Sionismo estremo ha inoltre minacciato di imporre la “liquidazione dell’esilio” a tutti gli ebrei non residenti in Israele, come riportato dal rabbino Meir Kahane, fondatore della Jewish Defense League e Kach (un tempo considerate dall’FBI organizzazioni terroristiche).

Sarebbe interesse di Israele dividere la regioni in piccoli stati confessionali, troppo impegnati nella guerra per opporsi al colonialismo israeliano. Questa è la ragione per cui vengono alimentate le fiamme della guerra civile in Siria, estendendo l’aiuto ai gruppi ribelli siriani alleati di Al-Qaeda.

Si può considerare dunque una piccola sorpresa apprendere la promozione dell’antisemitismo da parte di Alpher in tutta la regione.

Traduzione di Lorenzo D’Orazio

Una spia israeliana ammette: abbiamo incoraggiato le teorie delle cospirazioni antisemit | InfopalInfopal.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s