Smear Campaign against The Lancet’s “Open Letter” on Crimes against Humanity in Gaza

In this public response to the smear campaign and personal attacks on Richard Horton, The Lancet Editor-in-Chief, Lancet Complaint to Reed Elsevier, we assert:-

1. Richard Horton is highly regarded as an exceptional leader in global health and as a campaigning Editor of The Lancet in the best traditions of the Journal.

2. Politics is intrinsic to many health issues and a legitimate subject for health commentary and debate, especially in the world’s leading global health journal. Controversy is an inevitable and healthy aspect of public discourse on political issues.

3. The “Open letter to the people of Gaza” addressed an important topical issue, the main points of which have been substantiated by subsequent, independent, reports of what happened in the Gaza Strip in the summer of 2014, of which it is possible that some of the complainants are unaware.

4. To describe the Open letter as ”stereotypical extremist hate propaganda” is inaccurate and unhelpful hyperbole.

5. The Lancet provided equal coverage of views for and against the letter in subsequent published correspondence, reflecting the ratio of letters received by the Journal and allowing a healthy debate to take place.

6. The Lancet Ombudsman’s review of the issue was balanced and fair, highlighting the strengths and weaknesses of the letter and how the controversy was handled, for all to see. She was not persuaded that the letter should be retracted.

7. The Committee on Publication Ethics (COPE) is best placed to judge whether its Code of Conduct and Best Practice Guidelines have been breached. A previous Chair of COPE has written that the Open letter should not be retracted.

8. The heavy-handed attempt to force The Lancet to withdraw the Open letter is the latest in a series of attempts to stifle media coverage of the Israel-Palestine issue and should be resisted.

9. In the light of reports by Physicians for Human Rights-Israel, Amnesty International, Human Rights Watch, the United Nations and others, the “unfinished business” of Operation Protective Edge is to determine whether and by whom, from either side of the conflict, violations of international human rights and humanitarian law were committed.

15 April 2015

Scroll down to read the full response.

WRITING GROUP:

Professor Graham Watt MD FRCGP FRSE FMedSci, Professor of General Practice, University of Glasgow, UK

Sir Iain Chalmers DSc FFPH FRCP Edin FRCP FMedSci, Coordinator, James Lind Initiative, Oxford, UK

Professor Rita Giacaman, PharmD, MPhil, Professor of Public Health, Birzeit University, occupied Palestinian territory

Professor Mads Gilbert MD PhD, Professor of Emergency Medicine, University of Tromsø, Norway

Professor John S Yudkin MD FRCP, Emeritus Professor of Medicine, University College London, UK

If you wish to communicate with the Writing Group please email HandsOffTheLancet@Gmail.Com

SUPPORTING SIGNATORIES:

Professor Emeritus Jarle Aarbakke MD PhD Former President (Rector) UiT The Arctic University of Norway, Tromsø, Norway

Professor Adel Afifi, MD, MS Professor Emeritus, Carver College of Medicine, University of Iowa, US.

Professor Rima Afifi, PhD Faculty of Health Sciences, American University of Beirut, Lebanon.

Dr. Neil Arya, MD, CCFP, FCFP D Litt Assistant Clinical Professor Family Medicine, McMaster University, Adjunct Professor Family Medicine Western University, Adjunct Professor Environment and Resources Studies University of Waterloo, Canada.

Dr. Rajaie Batniji, MD, DPhil Clinical Assistant Professor of Medicine, Stanford University, US

Professor Robert Beaglehole DSc FRS(NZ) ONZM Professor Emeritus, University of Auckland, New Zealand.

Professor Espen Bjertness, PhD Head, Section of Preventive Medicine and Epidemiology, Department of Community Medicine, University of Oslo, Norway.

Professor Rolf Busund, MD PhD Professor of Cardiothoracic and Vascular Surgery, UiT The Arctic University of Norway, Tromsø, Norway.

Professor Simon Capewell DSc MD Professor of Clinical Epidemiology, University of Liverpool, UK.

Professor Phil Cotton MD Professor of Learning and Teaching, University of Glasgow, UK.

Professor George Davey Smith MD DSc FMedSci Professor of Clinical Epidemiology, University of Bristol, UK.

Professor John A Davies Emeritus Professor of Paediatrics, University of Cambridge, UK.4

Dr. James Deutsch, MD, PhD, FRCPC Department of Psychiatry, University of Toronto, Canada.

Judith Deutsch, M.S.W. Faculty, Toronto Psychoanalytic Institute, Canada. Former President Science for Peace (2008-2012)

Professor Abbas Elzein, PhD Associate Professor of Environmental Engineering, University of Sydney, Australia.

Sir Terence English KBE FRCS FRCP. Former President of the Royal College of Surgeons, President of the British Medical Association and Master of St Catherine’s College, Cambridge, UK.

Professor Gene Feder MD FRCGP Professor of Primary Health Care, University of Bristol, UK.

Professor Olav Helge Foerde, MD PhD Department of Community Medicine, UiT The Arctic University of Norway, Tromsø, Norway.

Professor Per Fugelli, MD Professor of Social Medicine, University of Oslo, Norway.

Dr. Miriam Garfinkle, MD Retired Community Physician, Independent Jewish Voices, Canada.

Emilio Gianicolo, Researcher of the Italian National Research Council, Italy. Since September 2013, guest researcher at the University of Mainz, Institute of Medical Biostatistics, Epidemiology and Informatics in Mainz, Germany.

Professor Gordon Guyatt, PhD Distinguished Professor of Clinical Epidemiology and Biostatistics and Medicine, McMaster University, Canada.

Professor Rima Habib, PhD, MPH, MOHS Faculty of Health Sciences, American University of Beirut, Lebanon.

Professor Gudmund Hernes Norwegian Business School, Oslo; Former Norwegian Minister of Education and Research (1990-95), and of Health (1995-97)

Professor Dennis Hogan,PhD Robert E. Turner Distinguished Professor Emeritus of Population Studies and Sociology, Brown University, US.

Professor Gerd Holmboe-Ottesen, PhD Section of Preventive Medicine and Epidemiology, Department of Community Medicine, University of Oslo, Norway.

Professor Anne Husebekk MD PhD Rector of UiT, The Arctic University of Norway, Tromsø, Norway.

Professor Tor Ingebrigtsen MD PhD Hospital Chief Executive/CEO, The University Hospital of North Norway, Tromsø, Norway.

Dr. Lars Jerden, MD, PhD Center for Clinical Research Dalarna, Sweden.

Professor Jak Jervell, PhD Professor Emeritus, Honorary President, International Diabetes Federation, Norway.

Professor Ann Louise Kinmonth CBE FMedSci Emeritus Professor of General Practice, University of Cambridge, UK.

Professor Rebecca Kay PhD Professor of Russian Gender Studies; Co-convenor Glasgow Refugee, Asylum and Migration Network GRAMNET, University of Glasgow, UK

Professor Debbie Lawlor FMedSci Professor of Epidemiology, University of Bristol, UK.

Professor Jennifer Leaning, MD, SMH FXB Professor of Practice of Health and Human Rights, Director, FXB Center for Health and Human Rights, Harvard University, US.

Professor Emeritus Georges Midrè, PhD Department of Sociology, Political Science and Community Planning, The Arctic University of Norway, Tromsø, Norway.

Professor Alan Myers, MD, MPH, FAAP Professor of Paediatrics, Boston University School of Medicine, US.

Professor Kaare Norum, MS, PhD Former president (Rector) University of Oslo, Former Dean of Medical Faculty, University of Oslo, Norway.

Professor Iman Nuwayhid, PhD Dean, Faculty of Health Sciences, American University of Beirut, Lebanon.

Professor Kate O’Donnell PhD Professor of Primary Care Research and Development, University of Glasgow, UK.

Professor Ole Petter Ottersen, MD, PhD Rector of the University of Oslo, Norway.

Professor Alison Phipps, OBE, PHD, FRSE Professor of Languages and Intercultural Studies, University of Glasgow, UK. Co-Convener: Glasgow Refugee, Asylum and Migration Network, UK.

Professor Raija-Leena Punamaki, PhD School of Social Sciences and Humanities, University of Tampere, Finland.

Reem A. Qadir MSW RSW A social worker with extensive work experience in Individual and Family Therapy, Canada.

Dr. Sara Roy, PhD Senior Research Scholar Associate, Center for Middle Eastern Studies, Harvard University, US.

Professor Harry Shannon, PhD Department of Clinical Epidemiology and Biostatistics, McMaster University, Canada

Professor Debbie Sharp PhD FRCGP Professor of Primary Health Care, University of Bristol, UK.

Dr. Angelo Stefanini, MD, MPH Scientific Director, Centre for International Health. Department of Medical and Surgical Sciences, University of Bologna, Italy.

Professor Johanne Sundby, PhD/MD Department of Community Medicine, University of Oslo, Norway.

Dr. George Tawil, MD Clinical Associate Professor, Georgetown University Hospital, Washington DC. Past president of the Medical Staff, Inova Alexandria Hospital, Alexandria, Virginia. Past Chair, Medical Affairs Council, Inova Health Systems, Fairfax, Virginia, US.

Professor Paul Wallace FRCGP FFPHM Emeritus David Cohen Professor of Primary Care, University College London, UK.

Professor Steinar Westin MD PhD Department of Public Health and General Practice, The Norwegian Institute of Science and Technology (NTNU), Trondheim, Norway.

Professor Salim Yusuf, DPhil, FRCPC, FRSC, O.C. Professor of Medicine, McMaster University, Canada

Professor Huda Zurayk, PhD Professor and previous Dean of the Faculty of Health Sciences, American University of Beirut, Lebanon.

Introduction

On 31 March 2015, 396 professors and doctors, led by Professor Sir Mark Pepys, submitted a complaint to the Senior Management and Board of Reed Elsevier concerning “egregious editorial misconduct at The Lancet that is unacceptable in general and also gravely violates your own published Editorial Policies”.

The signatories include 5 Nobel laureates, 4 knights and a Lord. 193 (49%) of the signatories are from the US, 95 (24%) from Israel, 33 (8%) from the UK, 26 from France, 19 from Canada, 12 from Australia with smaller numbers from Belgium (3), Brazil (3), Italy (2), Denmark (2), Mexico (1), Panama (1), South Africa (1), Sweden (1) and Switzerland (1).

The complaint makes brief mention of The Lancet’s publication of the paper by Wakefield, linking MMR vaccine to autism, which was shown subsequently to be fraudulent, but is chiefly concerned with The Lancet Editor-in-Chief, Richard Horton, and his alleged “persistent and inappropriate misuse of The Lancet to mount a sustained political vendetta concerning the Israel-Palestinian conflict, to promote his own well known personal political agenda”.

The centre of the complaint concerns “An open letter for the people of Gaza” by Manduca and 23 others, which was published online by The Lancet on 22nd July and in hard copy on 2nd August 2014, 14 days into “Operation Protective Edge”, Israel’s 50 day attack on Gaza.

The complainants consider that this letter, and The Lancet’s handling of the controversy it aroused, breached both the Journal’s own policies and the Code of Conduct and Best Practice Guidelines for Journal Editors issues by the Committee on Publication Ethics (COPE).

The complaint ends by requiring “Reed Elsevier to behave ethically by retracting the Manduca letter, apologizing for its publication and ensuring that any further editorial malpractice at The Lancet is prevented”.

Chronology of events

8 July 2014

Israel began a major military assault on the Gaza Strip, the fourth in eight years. It lasted 50 days and was more devastating than previous offensives. 2,220 Gaza residents were killed, of whom at least 70% were civilians, including over 500 children. More than 17,000 residents were wounded and over 100,000 made homeless (UN OCHAopt, 2014). According to Israeli official accounts, 73 Israelis were killed: 67 soldiers and 6 civilians, including one child and one migrant worker. 469 Israeli soldiers and 255 civilians were wounded (Bachmann et al. 2014).

15-22 July 2014

A report cited by the Sunday Telegraph newspaper records that 125 children were killed during the week 15-22 July 2014, including 59 on 20th July.

22 July 2014

On the 14th day of Israel’s 50-day assault ‘An open letter for the people in Gaza’, co-authored by 24 signatories from Italy, the UK and Norway, was published by the medical journal The Lancet, initially online and subsequently in print (Manduca et al. 2014a). One of the signatories provided eyewitness accounts of the medical consequences for the civilian population, while working clinically at the largest trauma centre in Gaza during the first weeks of the assault. The letter was endorsed online by more than 20,000 signatories.

9 and 16 August 2014

The Lancet published 20 letters in hard copy editions, divided equally between authors criticising and supporting the Open Letter. Some correspondents declared that medicine “should not take sides” and that those who speak out against the consequences of war for civilians incited hate or introduced politics “where there is no place for it” (see, for example, Konikoff et al. 2014). Others described the letter as “anti-Jewish bigotry, pure and simple” (Marmor et al. 2014), although at least one of the authors of the ‘Open Letter’ was Jewish, and the word “Jewish” did not appear in the letter. Similar charges were made in the lay press, both within Israel and elsewhere (see Simons 2014, for example).

One of the letters published in response to the ‘Open Letter’ was co-authored by seven Jewish health professionals in South Africa (London et al. 2014). They suggested that “remaining neutral in the face of injustice is the hallmark of a lack of ethical engagement typical of docile populations under fascism”. They had witnessed and exposed some of the worst excesses of state brutality under apartheid, and had been harassed, victimised or detained for being anti-apartheid activists. They pointed out that they did not have the opportunity to air their views in their national medical journal, which suppressed public statements made by concerned health professionals and labelled such appeals for justice and human rights as ‘political’.

They expressed support for The Lancet’s decision to permit a discussion of the professional, ethical, and human rights implications of the conflict in Gaza, emphasizing that it is appropriate for health professionals to speak out on matters that are core to their professional values.

30 August 2014

After 20 responses to the ‘Open Letter’ had been published, its authors accepted The Lancet’s invitation to reply (Manduca et al. 2014b). They denied any financial conflicts of interests, as had been alleged, and listed the variety of experiences and affiliations that had led to their support for Palestinian society.

They noted that the allegations by the Ministry of Health in Gaza that gas had been used by the Israeli military would need to be tested by an independent Commission of Inquiry set up by the UN Human Rights Council. They ended by recalling the context in which they had written their letter: during the preceding two days one Palestinian child was being killed, on average, every two hours, and the UN had made clear how serious the situation had become:

The huge loss of civilian life, alongside credible reports about civilians or civilian objects (including homes) which have been directly hit by Israeli shelling, in circumstances where there was no rocket fire or armed group activity in the close vicinity, raise concerns about the principles of distinction and proportionality under international law.” (OCHA oPt 2014)

22 September 2014

Some were dissatisfied with The Lancet’s handling of the Open Letter. Two medical academics at University College London registered complaints with The Lancet Ombudsman (Simons 2014). One of them, Professor Sir Mark Pepys, was quoted in The Telegraph as having written that “The failure of the Manduca et al. authors to disclose their extraordinary conflicts of interest… are the most serious, unprofessional and unethical errors…The transparent effort to conceal this vicious and substantially mendacious partisan political diatribe as an innocent humanitarian appeal has no place in any serious publication, let alone a professional medical journal, and would disgrace even the lowest of the gutter press.”

Pepys suggested that the behaviour of Dr Horton, editor of The Lancet, was “consistent with his longstanding and wholly inappropriate use of The Lancet as a vehicle for his own extreme political views, which had greatly detracted from the former high standing of the journal.” (quoted in Simons 2014).

The article in The Telegraph also alleged that two of the authors of the Open letter – one of them Chinese – have sympathies with the views of “an American white supremacist” (Simons, 2014), following the mistaken forwarding of emails, for which both individuals subsequently apologised.

When one of the authors of the ‘Open Letter’, the Norwegian doctor Mads Gilbert, who has worked clinically in Gaza during every Israeli assault on the Strip since 2006, was voted “Norwegian Name of the Year” in a national poll in December 2014, Pepys and eight other doctors wrote to the largest Norwegian newspaper, VG, to complain about his silence on the ‘loathsome hatred and racism’ of his co-authors. They asked for his national award to be reconsidered (Cohn et al. 2015).

17 October 2014

The Lancet Ombudsman published her report online on 17 October (Wedzicha, 2014). She said that she had received many emails and letters, some supporting and others opposing the position expressed in the ‘Open Letter’, and that some of them had been inappropriate in tone and of a personal nature. She stated that it was “entirely proper that medical journals and other media should seek to guide and reflect debate on matters relevant to health, including conflicts”.

She was not persuaded by calls for retraction of the ‘Open Letter’, “I do not believe that sufficient grounds for retraction have been established, and this would make other letters referring to the publication in question difficult to interpret”.

The Ombudsman went on to address allegations of bias among the authors of the ‘Open Letter’. “Given the shocking images and statistics reported from Gaza at the time, the use by Manduca and colleagues of emotive language, in description of the ‘massacre in Gaza’ for example, can be understood. Where the letter is less successful is in its portrayal of the armed element of the conflict on the Palestinian side. Given the authors’ close association with the region they will have been aware that several thousand potentially lethal rockets and mortars were fired from Gaza into Israel during the conflict, leading to loss of life.”

The authors were criticised for not having disclosed at the time of submission “any financial or other relationships that could be perceived to affect their work”, and she indicated that she would be asking the journal’s editors to put a policy in place as soon as possible to rectify this. The Ombudsman criticised the authors for not referencing in their original letter the source for their statement about the possible use of gas in Gaza.

The Ombudsman’s most serious criticism of the letter was the “regrettable statement” that, because only 5% of Israeli academics had supported an appeal to the Israeli government to stop the military operation in Gaza (Gur-Arieh 2014), the authors had been “tempted to conclude that…the rest of the Israeli academics [had been] complicit in the massacre and destruction of Gaza”.

“In summary”, the Ombudsman concluded, “the letter by Manduca and co-authors was published at a time of great tension, violence and loss of life. Given these circumstances the letter’s shortcomings can be understood, as a measure of balance has been achieved by the publication of further letters from both sides of the debate.”

3 November 2014

The Ombudsman’s decision to reject calls for the letter to be withdrawn from the public record was supported by Dr Richard Smith, former editor of the British Medical Journal, former chair of COPE and author of COPE’s Code of Conduct for Editors (Smith 2014): The Lancet letter was “passionate, overstated in parts, inflammatory to some, and one sided; and the authors failed to declare competing interests and two of them had acted in an objectionable but not illegal way. But none of these are grounds for retraction.”

He ended his commentary on an historical note:

The Lancet was made the great journal it is by Thomas Wakley, the founder and first editor, publishing articles that were so inflammatory that his critics burnt his house down. That radical tradition has not always shone brightly in the nearly 200 years since, but Horton has restored it strongly, establishing the Lancet as a world leader in global health, speaking truth to power and giving a voice to those who are not heard (like the children of Gaza). It’s against that radical tradition and leadership that the Gaza open letter must be viewed. It should and has been disputed, but it shouldn’t be retracted.”

Contrasting views of journal editors

Editors have disagreed on whether political issues should be addressed in scientific journals.

For example, the American Diabetes Association issued a statement, signed by several editors of leading diabetes and endocrine journals, indicating that they “will refrain from publishing articles addressing political issues that are outside of either research funding or health care delivery” (American Diabetes Association 2014).

In response, a commentary signed by the current and two previous editors-in-chief of theEuropean Journal of Public Health, one of whom has longstanding and very extensive collaborations with Israeli colleagues (McKee et al. 2015), voiced strong support for The Lancet, arguing that medical journals cannot ignore the political determinants of health, including those arising from conflicts. They noted, “It seems strange that it was the diabetes community that feels it necessary to take this decision,” noting how the global epidemic of diabetes, fuelled by forcing markets open to energy-dense food, reflects a policy identified primarily with Republicans rather than Democrats in the United States.

Following the Ombudsman’s Report

Soon after Israel’s 2014 assault, Physicians for Human Rights-Israel (PHR-Israel) assembled a medical fact-finding mission (FFM) of 8 international medical experts, unaffiliated with Israeli or Palestinian parties. Four had expertise in the fields of forensic medicine and pathology; four others were experts in emergency medicine, public health, paediatrics and paediatric intensive care, and health and human rights. The FFM made three visits to Gaza between 18 August and November, 2014.

The principal conclusion in the report of the FFM (Bachmann et al. 2014) is as follows: The attacks were characterised by heavy and unpredictable bombardments of civilian neighbourhoods in a manner that failed to discriminate between legitimate targets and protected populations and caused widespread destruction of homes and civilian property. Such indiscriminate attacks, by aircraft, drones, artillery, tanks and gunships, were unlikely to have been the result of decisions made by individual soldiers or commanders; they must have entailed approval from top-level decision-makers in the Israeli military and/or government.

The FFM (pp 98-99) listed many examples “suggestive of several serious violations of human rights and international humanitarian law”, including disproportionality, attacks on medical teams and facilities, and denial of means of escape. They also reported (pp 53-55) evidence which suggested the use of anti-personnel weapons and gas during the conflict.

These accusations have also been made in reports by Amnesty International (Amnesty, 2014), Human Rights Watch (Human Rights Watch, 2014), B’Tselem (B’Tselem – The Israeli Information Centre for Human Rights in the Occupied Territories, 2015) and the United Nations (OCHA, 2014, 2015).

The FFM called on the UN, the EU, the US and other international actors to take steps to ensure that the governments of Israel and Egypt permit and facilitate the entry of investigative teams into Gaza, including experts in international human rights law and arms experts, and noted (in January 2015) that this had still not been done, months after the offensive. Specifically, the UN Commission of Inquiry has been denied entry to Israel, the West Bank and Gaza (See: United Nations Independent Commission of Inquiry on the 2014 Gaza Conflict).

The FFM recommended further urgent and rigorous investigation into the impact of this war, as well as the previous armed conflicts, on public health, mental health and the broader social determinants of health in Gaza, adding that, in its assessment, the implacable effects of the on-going occupation itself would have to be taken into account.

There have been subsequent accusations by Amnesty International of war crimes committed by both sides of the conflict (BBC 2014; Linfield 2015).

Further calls for retraction of the Open Letter

Dissatisfied with the Ombudsman’s report, critics of the Open letter continued to call for it to be withdrawn and for The Lancet editor to apologise for publishing it. In a new development, the authors of the Open letter, and the journal, are being accused of being anti-Semitic. The current complaint to Reed Elsevier now refers to the Open Letter as “stereotypical extremist hate propaganda, under the selective and hypocritical disguise of medical concern”. On 24 February 2015, its lead author Professor Sir Mark Pepys wrote to 58 Israeli academics (Pepys, 2015):

The Lancet under the editorship of Richard Horton has published, for more than the past 10 years, many disgracefully dishonest and unacceptable articles about Israel. Horton has made no secret of the fact that these pieces express his own very strongly held personal views which he has published elsewhere in detail.

Last July, at the height of the Gaza war, The Lancet published a piece by Manduca and others which was at an unprecedentedly low level. It combines outright lies and slanted propaganda viciously attacking Israel with blood libels echoing those used for a thousand years to create anti-Semitic pogroms. It completely omitted the Hamas war crimes which initiated and sustained the conflict. There was no historical or political background. Crucially there was no mention of any conflict of interest among the authors despite the fact that Manduca and all the co-authors have long participated enthusiastically in not just anti-Israel but frankly Jew hating activities. All these individuals are close colleagues and collaborators of Horton.

Many of us have been trying as hard as we can since the Manduca publication to get it retracted, to get an apology for it and to convince Elsevier, the owners of The Lancet to both sanction Horton and to prevent any repetition of such shameful and unacceptable behaviour. So far there has been no satisfactory response. Indeed Horton continues to stand by the Manduca piece and refuses to accept that it is not factual and correct.

The goal of the attached protest to Elsevier document is to get the [‘Open letter’] retracted. I hope that all of you will sign it. Meanwhile colleagues at the Rambam Hospital have, as you know, invited Horton to Israel and shown him the reality of Israeli medicine, as opposed to the vicious anti-Semitic fantasy he has promoted. They have engaged in long discussions with him. Despite his refusal to either retract or apologise for his publications some colleagues are apparently convinced that Horton has reformed. Others, including Professor Peretz Lavie, the President of the Technion, who met with him for one and a half hours, were unconvinced by Horton’s presumed change of heart.

My view is that the Manduca piece was written by dedicated Jew haters, though some choose to mask this by being overtly passionate only about hating Israel. But they all agree that a Zionist/Jewish lobby or power group controls the world and its destiny and must be brought down. The Manduca piece would have made Goebbels proud and Streicher would have published it in Der Stürmer as happily as Horton published it in The Lancet…… anybody who was not a committed anti-Semite would firstly not have published (the Open letter), and secondly would have retracted instantly when the first author’s long track record of blatant anti-Semitism were exposed. In Horton’s case he already knew and liked her and her co-authors well, fully aware of all their vicious anti-Israel and frank, overtly anti-Semitic backgrounds.

Pepys’ text was distributed widely beyond the Israelis to whom the initial text had been sent, including, on 30 March, to over 150 academics with the subject line amended to:

DO NOT CITE The Lancet in your work – Their content includes fraudulent data’ (Lewis 2015).

As a result of this correspondence, 396 people have co-signed the complaint, including the statement “The collaboration of the academic community with Reed Elsevier and its journals is based on trust in their maintaining high ethical and scientific standards. None of us is under any obligation to submit and review material for publication in their journals or to serve on their editorial or advisory boards”.

The long history of pro-Israel suppression of medical freedom of expression

The heavy-handed escalation of the dispute and the use of ad personam charges of anti-Semitism to suppress freedom of expression in medical journals are not new.

In 1981, a short article in World Medicine informed medical readers who were considering attending the ‘medical olympics’ in Israel that the event was going to be held on the site of a massacre ordered by the then prime minister of Israel (Sabbagh 1981). The pro-Israel protest led eventually to the demise of the journal (O’Donnell 2009).

In 2001, pro-Israel objections to the historical background in an article on ‘The origins of Palestinians and their genetic relatedness with other Mediterranean populations’ published in Human Immunology (Arnaiz-Villena et al. 2001) led Elsevier to remove it from the public record.

In 2004, an article entitled ‘Poverty, stress and unmet needs: life with diabetes in the Gaza Strip’ (Tsapogas 2004) published in Diabetes Voice was expunged from the public record and the editor resigned, again because of charges of political bias.

In 2004, there was an outcry from pro-Israel doctors when the British Medical Journalpublished a personal view entitled ‘Palestine: the assault on health and other war crimes’ (Summerfield 2004). The editor received nearly a thousand emails, many of them personally abusive and alleging anti-Semitism (Sabbagh 2009).

In 2009, commenting on several British Medical Journal papers exposing and discussing these issues, a senior British Medical Journal editor concluded that authors, editors, publishers, advertisers, and shareholders should ignore orchestrated email campaigns (Delamothe 2009). Citing another editor he suggested that the best way to blunt the effectiveness of this type of bullying is to expose it to public scrutiny.

Conclusion

The “Open letter to the People of Gaza” was written in deep concern and outrage during a military assault on the Gaza Strip, killing large numbers of civilians, including women and children, on a daily basis. The world was shocked and appalled. The content and tone of the letter were controversial, as shown by subsequent correspondence in The Lancet, for and against.

The Lancet Ombudsman criticised aspects of the letter but neither she nor a former Chair of COPE considered that it should be withdrawn.

The involvement of 396 senior researchers in a mass effort to force Reed Elsevier to withdraw the letter is the latest in a series of heavy-handed interventions to stifle media coverage of the Israel-Palestine issue and should be resisted.

Richard Horton should be supported as an exceptional editor of The Lancet, in the best traditions of the Journal.

The “unfinished business” of Operation Protective Edge is not whether the “Open Letter to the People of Gaza” should be retracted, but in the light of reports by Physicians for Human Rights-Israel, Amnesty International, Human Rights Watch, the United Nations and others, to determine whether and by whom, from either side of the conflict, violations of international human rights and humanitarian law were committed.

Will the 396 signatories of the complaint to Reed Elsevier give their support to that objective?

Writing group

Professor Graham Watt MD FRCGP FRSE FMedSci

Graham Watt has long term academic links with the Institute of Community and Public Health at Birzeit University; has post-doctoral colleagues working at Birzeit University and the University of Hebron; chairs the steering committee of The Lancet-Palestinian Health Alliance* and is a Trustee of the UK charity Medical Aid for Palestinians. He did not sign the Open Letter for the People of Gaza.

Sir Iain Chalmers DSc FFPH FRCP Edin FRCP FMedSci

Iain Chalmers was employed by UNRWA in Gaza in 1969 and 1970, and has returned there (self-funded) at intervals since, most recently to help support the development of Evidence-Based Medicine. He was a member of the steering committee for The Lancet series on Health and Health Services in the occupied Palestinian territory, and serves on the steering committee of The Lancet-Palestinian Health Alliance*. He has supported the Gaza Oxford Brookes University Scholarship scheme financially, and makes regular financial contributions to Physicians for Human Rights–Israel, Jews for Justice for Palestinians, Jewish Voice for Peace, together with other charities supporting human rights. He is a co-author of the Open Letter for the people of Gaza.

Professor Rita Giacaman, PharmD, MPhil

Rita Giacaman is a Palestinian faculty member at the Institute of Community and Public Health, Birzeit University and a member of the steering committee of The Lancet-Palestinian Health Alliance*.

Professor Mads Gilbert MD PhD

Mads Gilbert is a member of the Norwegian Palestine Committee and co-founder of Norwegian Aid Committee (NORWAC); has received funding from the Norwegian Government for medical work in Lebanon occupied Palestine; and has travelled to occupied Palestine, including Gaza, on various medical missions with paid or unpaid leave from the University Hospital of North-Norway for WHO, UNRWA, NORWAC, and the Norwegian Palestine Committee. He has worked as a clinician in Al-Shifa Hospital during recent Israeli incursions (2006, 2009, 2012 and 2014). He is a peer reviewer for conferences and publications of The Lancet-Palestinian Health Alliance*. He delivered testimonies for the Report of the International Commission to enquire into reported violations of international law by Israel during its invasion of Lebanon, to the “Goldstone Commission” and to the current UN Independent Commission of Inquiry on the 2014 Gaza Conflict. He is a co-author of the Open letter for the people of Gaza.

Professor John S Yudkin

John Yudkin is a peer reviewer for conferences and publications of The Lancet-Palestinian Health Alliance* and a member of its steering committee.

*The Lancet-Palestinian Health Alliance (LPHA) is a loose network of Palestinian, regional and international researchers who are committed to the highest scientific standards in describing, analysing and evaluating the health and health care of Palestinians, to contributing to the international scientific literature and to developing local evidence-based policy and practice. The principal activity of the LPHA is an annual scientific conference, selected abstracts from which have been published by The Lancet.

References

American Diabetes Association (2014). ADA/AACE/EASD/TES Statement in response to a recently published letter to the editor in The Lancet and an editorial addressing the Israeli-Palestinian fighting in Gaza. http://www.diabetes.org/newsroom/press-releases/2014/adaaaceeasdtes-statement.html

Amnesty International, 2014.https://www.amnesty.org/en/documents/MDE15/032/2014/en/https://www.amnesty.org/en/countries/middle-east-and-north-africa/israel-and-occupied-palestinian-territories/report-israel-and-occupied-palestinian-territories/

Arnaiz-Villena A, Elaiwa N, Silvera C, Rostom A, Moscoso J, Gómez-Casado, Allende L, Varela P, Martínez-Laso J (2001). The origins of Palestinians and their genetic relatedness with other Mediterranean populations. Human Immunology 62:889-900.

Bachmann J, Baldwin-Ragaven L, Hougen HP, Leaning J, Kelly K, Özkalipci O, Reynolds L, Vacas L (2014). Gaza, 2014. Findings of an independent medical fact-finding mission. Physicians for Human Rights Israel.https://gazahealthattack.files.wordpress.com/2015/01/gazareport_eng.pdf

BBC (2014). Amnesty: Israeli strikes on Gaza buildings ‘war crimes’. 9 December.http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-30393540

B’Tselem (2015). Black Flag: The legal and moral implications of the policy of attacking residential buildings in the Gaza Strip, summer 2014. Jan. 2015.http://www.btselem.org/publications/summaries/201501_black_flag

Cohn JR, Katz D, Zimmet P, Pepys M, Fink RH, Sprague SM, Greenland P, Stone D, Cohen S (2015). Norwegian newspaper VG, 27 January. http://www.ngo-monitor.org/article/translation_of_norwegian_letter_on_mads_gilbert_from_international_doctors

Delamothe T (2009). What to do about orchestrated email campaigns. BMJ 338:491-92. 22

Gur-Arieh N (2014). More than 70 Israeli academics signed a petition condemning the Israel Defence Forces in Gaza. Jewish Journal, 29 July.http://www.jewishjournal.com/israelife/item/more_than_70_israeli_academics_signed_a_petition_condemning_the_israel_defe

Human Rights Watch, 2014 http://www.hrw.org/news/2014/09/11/israel-depth-look-gaza-school-attacks

Konikoff T, Konikoff FM, Shoenfeld Y (2014). Israel-Gaza conflict. Lancet 384:491.

Lewis BS (2015). ‘DO NOT CITE The Lancet in your work – Their content includes fraudulent data’. Email sent to 101 recipients, 30 March.

Linfield B (2015). Amnesty’s other verdict on Gaza war: Hamas committed war crimes as well. The Independent, 26 March. http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/amnestys-other-verdict-on-gaza-war-hamas-committed-war-crimes-as-well-10134099.html

London L, Sanders D, Klugman B, Usdin S, Baldwin-Ragavan L, Fonn S, Goldstein S (2014). Israel–Gaza conflict. Lancet 384:e34.

Manduca P, Chalmers I, Summerfield D, Gilbert M, Ang S, Hay A, Rose S, Rose H, Stefanini A, Balduzzi A, Cigliano B, Pecoraro C, Di Maria E, Camandona F, Veronese G, Ramenghi L, Rui M, DelCarlo P, D’agostino S, Russo S, Luisi V, Papa S, Agnoletto V, Agnoletto M (2014a). An open letter for the people in Gaza. Lancet 384:397-8. http://www.thelancet.com/gaza-letter-2014

Manduca P, Chalmers I, Summerfield D, Gilbert M, Ang S, Hay A, Rose S, Rose H, Stefanini A, Balduzzi A, Cigliano B, Pecoraro C, Di Maria E, Camandona F, Veronese G, Ramenghi L, Rui M, DelCarlo P, D’agostino S, Russo S, Luisi V, Papa S, Agnoletto V, Agnoletto M (2014b). Israel-Gaza conflict. Authors Reply. Lancet 384:746.

Marmore BM, Spirt BA (2014). Israel-Gaza conflict. Lancet 384:491. 23

McKee M, Mackenbach JP, Allebeck P (2015). Should a medical journal ever publish a political paper? European Journal of Public Health 25:1-2.

OCHA oPt (2014). Occupied Palestinian Territory: Gaza emergency. Situation report (as of July, 22, 2014, 1500 hrs).http://www.ochaopt.org/documents/ocha_opt_sitrep_23_07_2014.pdf

O’Donnell M (2009). Stand up for free speech. BMJ 338:512-13.

Pepys M (2015). Complaint to Reed Elsevier. Email sent to 58 Israeli recipients. 24 February. A copy of the full text of Pepys’ email (with recipients’ names and email addresses removed) is available to view here.

Sabbagh K (1981). Mere words: the blood on Begin’s hands. World Medicine 17:93.

Sabbagh K (2009). Perils of criticizing Israel. BMJ 338:509-11.

Simons JW (2014). Lancet ‘highjacked in anti-Israel campaign’. The Telegraph, 22 September.http://www.telegraph.co.uk/news/health/news/11112930/Lancet-hijacked-in-anti-Israel-campaign.html

Smith R (2014). No case for retracting Lancet’s Gaza letter. BMJ Blog, 3 November.http://blogs.bmj.com/bmj/2014/11/03/richard-smith-no-case-for-retracting-lancets-gaza-letter/

Summerfield D (2004). Palestine: the assault on health and other war crimes. BMJ 329:924.

Tsapogas P (2004). Poverty, stress and unmet needs: life with diabetes in the Gaza Strip. Diabetes Voice 49:12-15. Now removed from website. Article of complaint and apology from International Diabetes Federation http://www.idf.org/sites/default/files/attachments/article_290_en.pdf

United Nations Independent Commission of Inquiry on the 2014 Gaza Conflicthttp://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=15456&LangID=E

UN OCHAopt, 2014. http://www.ochaopt.org/documents/ocha_opt_sitrep_23_07_2014.pdf

UN OCHAopt, 2014. “Fragmented lives. Humanitarian overview 2014. March 2015. http://www.ochaopt.org/documents/annual_humanitarian_overview_2014_english_final.pdf

Wedzicha W (2014). Ombudsman’s report on the letter by Manduca and others. Lancet http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736%2814%2961897-3/fulltext?rss=yes

thanks to: GlobalResearch
Advertisements

Robi Damelin, israeliana e Bushra Awad, palestinese: trovare l’umanità nel nemico

Pressenza London

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

Robi Damelin, israeliana e Bushra Awad, palestinese: trovare l’umanità nel nemico
(Foto di The Parents Circle Families Forum Video)

Di Brigit Katz per The Parents Circle Families Forum,  22/04/2015

Robi Damelin è israeliana. Bushra Awad è palestinese. Sono divise dalla lingua, la religione e la guerra, ma ciò che condividono è più potente delle loro differenze. Sono madri che hanno perso un figlio nel conflitto tra Israele e Palestina e la sera di mercoledì 22 aprile 2015, al Women in the World Summit, hanno trasmesso un messaggio di riconciliazione.

In una tavola rotonda moderata da Tina Brown, le due donne hanno parlato di come trasformare il loro dolore in una forza a favore della pace.

Robi Damelin è intervenuta per prima. Nel marzo del 2002 suo figlio David è stato ucciso da un cecchino palestinese mentre presidiava un checkpoint in Cisgiordania. All’epoca studiava filosofia e pedagogia all’Università di Tel Aviv ed era stato richiamato come ufficiale della riserva. David non voleva prestare servizio nei Territori Occupati, ma alla fine aveva deciso di accettare i suoi obblighi militari.

“Non sai mai chi è la persona dietro al fucile,” ha detto Robi Damelin durante la tavola rotonda. “Se non ci vado, che ne sarà dei miei studenti?” si chiedeva David.  “Cosa succederà ai miei soldati? Se ci vado, io e i miei soldati tratteremo la gente in modo dignitoso.”

Dopo la morte di David Robi Damelin era consumata dal dolore, ma ha capito subito che la risposta non era altro spargimento di sangue. “La prima cosa che ho detto, pare, è stata ’Non puoi uccidere nessuno in nome di mio figlio’”, ha raccontato a Tina Brown. “In realtà non me lo ricordo.”

“Tanta gente prova rabbia e desiderio di vendetta. Che cosa c’è stato di diverso in te?” ha chiesto Brown.

“Ho capito molto presto che quelI’uomo non aveva ucciso David perché era David,” ha risposto Robi Damelin. “Se lo avesse conosciuto, non avrebbe mai fatto una cosa simile.”

La sua ricerca di pace l’ha perfino spinta a contattare l’uomo che aveva ucciso suo figlio. Era detenuto in una prigione israeliana e non ha risposto alla sua lettera per due anni. Quando l’ha fatto, non ha usato le parole di riconciliazione che lei sperava di sentire.

“Non era certo una lettera da Martin Luther King,” ha commentato Robi Damelin. “Ma una volta scritta la prima lettera, non mi sono più sentita una vittima di quell’uomo.”

Sei anni dopo l’assassinio del figlio di Robi Damelin, anche quello di Bushra Awad è stato ucciso da un cecchino. Le due donne si sono conosciute a un incontro del Parents Circle Families Forum, un’organizzazione composta da oltre 600 famiglie palestinesi e israeliane che hanno perso una persona cara nel conflitto.  Il Parents Circle si propone di incoraggiare il dialogo tra le due fazioni in guerra attraverso l’umanità condivisa del dolore.

Durante la tavola rotonda è stato mostrato un video del primo incontro tra Robi Damelin e Bushra Awad. All’inizio Robi parla mentre Bushra rimane chiusa in un rigido silenzio, per poi ammorbidirsi quando l’israeliana le mostra una foto di David. “Haram (“E’ una vergogna” in arabo),” commenta Bushra. “Haram,” ripete Robi.

Alla fine del video, Bushra Awad è salita sul palco, accompagnata da una traduttrice. Vestita di nero, portava una foto del figlio appesa a una catenella. Quando si è seduta, Robi Damelin ha spostato la sedia perché potessero stare più vicine.

Il figlio di Bushra Awad, Mahmoud, è stato ucciso durante uno contro con i soldati israeliani.  Aveva 18 anni e si stava preparando a finire la scuola superiore. “Mahmoud era molto bello,” ha raccontato Bushra al pubblico. “Andava bene a scuola, aveva ottimi voti. Voleva fare del bene nella sua comunità. Voleva andare al college. Era la mia principale felicità. E’ nato dopo cinque anni di matrimonio. Era la mia candela, la mia candela accesa.”

“Che cosa hai pensato di Robi al vostro primo incontro?” le ha chiesto Brown.

“Non mi è piaciuta,” ha risposto Bushra ridendo.

“Cos’è cambiato in seguito?”

“Le voglio molto bene da quando ho capito che il suo dolore era uguale al mio,” ha risposto la donna palestinese. “Dopo che mi ha raccontato la sua storia e quella di suo figlio, ho riconosciuto che era una madre come me. Tutte e due abbiamo perso un figlio.”

Ora Robi Damelin e Bushra Awad lavorano insieme per la pace. Con altri membri del Parents Circle tengono conferenze per studenti israeliani e palestinesi e seminari per adulti. Durante l’Operazione Margine di Protezione hanno partecipato ogni giorno a veglie per la pace a Tel Aviv.

Tendere un ramoscello d’olivo a chi viene percepito come un nemico non è sempre facile, soprattutto per Bushra Awad. “Alcune persone della mia comunità accettano il mio attivismo, altre no,” ha raccontato durante la tavola rotonda. “Alcuni mi accusano di vendere il sangue di mio figlio, ma non è così: sto comprando il sangue degli altri miei figli.”

La sera della tavola rotonda Robi Damelin e Bushra Awad portavano scarpe da ginnastica decorate con “uccelli di pace”. “Le scarpe sono un simbolo di percorso comune e dialogo, ” ha spiegato l’israeliana. “In tutto il mondo ci sono donne che portano queste scarpe e chiedono ‘Perché?’ nei conflitti. Non veniamo solo da Israele e dalla Palestina. Ce ne sono molte altre come noi.”

Robi Damelin e Bushra Awad non sono solo vittime gemelle di una tragedia o collaboratrici in un progetto di riconciliazione, ma anche amiche. Prima che le luci si spegnessero sul palco, si sono abbracciate tra gli applausi del pubblico.

Video: Due madri unite da una tragedia trasformano il dolore in riconciliazione

Il Parents Circle – Families Forum (PCFF) è un’organizzazione composta da oltre 600 famiglie palestinesi e israeliane che hanno perso una persona cara nel conflitto. Le attività comuni hanno dimostrato che la riconciliazione tra individui e nazioni è possibile; è questo l’approccio che cercano di trasmettere a entrambe le parti in conflitto, insieme alla conclusione che il processo di riconciliazione tra nazioni è il prerequisito per raggiungere una pace sostenibile. L’organizzazione utilizza pertanto tutte le risorse disponibili nell’educazione, negli incontri pubblici e nei mass media per diffondere le sue idee.

Traduzione dall’inglese di Anna Polo

thanks to: Pressenza

Freddie Gray, le proteste si allargano in USA

Freddie Gray, le proteste si allargano in USA
Manifestazione a New York (Foto di David Andersson)

Nonostante il dispiegamento di 5.000 unità della Guardia Nazionale a Baltimora le proteste continuano e si allargano nel resto degli Stati Uniti. La morte dell’ennesimo afroamericano deceduto subito dopo l’arresto sembra abbia innescato un processo di entità imponenti in tutti gli Stati Uniti.

Le Manifestazioni al grido di ”Giustizia per Freddie Gray”  si stanno moltiplicando in tutto il paese da New York  a  Los Angeles da Chicago a Boston, con una partecipazione e una determinazione probabilmente inaspettate sia da parte degli organizzatori che delle autorità stesse. Le manifestazioni e le proteste vanno avanti da giorni e l’ondata d’indignazione pare non rientrare.

A Baltimora decine di migliaia di persone tra cui molti studenti hanno marciato fino alle 22 ora in cui è scattato il coprifuoco. La dimostrazione questa volta si è conclusa pacificamente davanti alla sede del Municipio. Due giorni fa su tutta la città è entrato in vigore il divieto di circolare per le strade dalle 22 fino alle 5 del mattino, tale disposizione stabilità dal governatore del Maryland andrà avanti almeno per una settimana. Durante la manifestazione sono sfilati cartelli con scritto “I poliziotti assassini meritano la prigione”. Altri che riportavano la scritta “ Anche io sono Freddy Gray”  all’interno della manifestazione , ci sono stati anche diciotto persone arrestate tra le quali due minorenni.

Queste marce che nascono spontanee al grido di ”No giustizia, No pace”, si stanno susseguendo da due giorni,  gli scontri e i saccheggi dei primi giorni per fortuna si sono quasi fermati. La gente sfila in mezzo a imponenti cordoni della polizia e della Guardia Nazionale in assetto antisommossa. La tensione è montata solo in un paio d’occasioni quando gli agenti hanno risposto con lacrimogeni al lancio di alcuni oggetti e sono poi avanzati fino ad evacuare l’intera zona disperdendo i dimostranti.

In città sono comparsi anche diversi blindati delle forze dell’ordine con i cannoni ad acqua pronti ad entrare in azione contro i dimostranti. Le manifestazioni di protesta si sono svolte anche a Boston, Houston, Indianapolis, Atlanta, New York, Los Angeles, San Francisco e in molte altre città americane.

Migliaia di giovani sono scesi in piazza, anche nella capitale di Washington, attraversando la città hanno portato la loro protesta davanti alla Casa Bianca sede del Presidente Obama. Un Presidente che continua a promettere cambiamenti per prevenire altre ingiustizie.  Promesse però e che sono rimaste tali e che probabilmente un Obama politicamente zoppo e indebolito non può mantenere.

Nel resto del paese, le manifestazioni degli ultimi due giorni sono state caratterizzate da un clima di relativa calma, a differenza di New York dove invece la tensione è salita. Una folla enorme di manifestanti ha sfilato durante il pomeriggio di ieri. I manifestanti sono partiti da Union Square, nel cuore di Manhattan, poi il corteo si è sviluppato lungo la Fifth Avenue, concludendosi a Times Square.

La folla ha dimostrato al grido di “Basta violenza della polizia!” ma nonostante la compostezza dei manifestanti la polizia della Grande Mela ha comunque operato circa un centinaio di arresti e ha proceduto a  bloccare l’Holland tunnel, arteria che collega Manhattan al New Jersey, creando così confusione e disordine.

Gli agenti, per non smentirsi, si sono anche prodotti in numerose cariche contro i dimostranti che pacificamente presidiavano le altre strade di New York.

Si ha anche notizia di disordini a Denver dove la polizia ha fatto ricorso agli spray urticanti contro i dimostranti.

Le autorità locali di Baltimora ieri hanno anche fatto emergere una nuova testimonianza, in ritardo di due settimane dalla morte di Gray, secondo questa nuova testimonianza i poliziotti che hanno proceduto all’arresto del ragazzo non avrebbero avuto alcuna responsabilità nella sua morte, avvenuta dopo una settimana di coma.

La testimonianza, come riferito dal Washington Post, viene da parte di una persona arrestata nello stesso giorno in cui era stato arrestato Gray.  Il testimone trasportato nello stesso furgone di Gray riferirebbe di aver sentito il ragazzo che ”sbatteva contro le pareti del mezzo”, come se stesse ”cercando di ferirsi da solo”.  Il testimone afferma di averlo solo sentito perché si trovava in un’altra sezione del furgone, separato da Gray.

Una versione questa che cozza con le immagini apparse nei giorni precedenti sui mass media e che facevano vedere Gray trascinato dalla polizia con brutalità, fuori dal cellulare. Il nuovo testimone, sempre secondo il Washington Post, avrebbe anche dichiarato di temere per la sua incolumità.

Per la giornata di domani le autorità di Baltimora si sono impegnate a diffondere un rapporto sulle circostanze della morte di Freddie Gray, rapporto questo che potrebbe essere determinante per riportare la calma nel paese, oppure che potrebbe compiere l’ennesima ingiustizia e suscitare nuova indignazione fra la popolazione.

Anche il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha aperto ufficialmente un’inchiesta per chiarire le circostanze delle morte del ragazzo.  L’inchiesta federale è stata ordinata dal neo ministro della giustizia, l’afroamericana Loretta Lynch.

Resta forte la situazione di un profondo disagio sociale e d’ingiustizia che sta attraversando tutto lo Stato americano.

thanks to: Pressenza

Il colpo di Stato invisibile e indicibile dei banchieri

Damiano Mazzotti
Il colpo di Stato invisibile e indicibile dei banchieri
(Foto di web.rifondazione.it)

 

 

Il sociologo Luciano Gallino ha approfondito lo studio dello strapotere finanziario e nel mese di ottobre 2013 ha pubblicato “Il colpo di Stato di banche e governi” (Einaudi, 345 pagine, euro 19).

Gallino ripercorre le varie tappe della crisi economica e finanziaria e propone una lunga serie di riflessioni molto significative. In estrema sintesi si può affermare che i tracolli finanziari dipendono dalla creazione di massa monetaria “cattiva” legata al sistema bancario ombra e a titoli più o meno fantasiosi basati su formule matematiche troppo astratte che pretendono di trasformare il piombo in oro, cioè i debiti in guadagni assicurati (i derivati sono titoli bancari che vengono scambiati con moneta reale). I tracolli bancari privati hanno poi aggravato i deficit statali di molti paesi europei.

Quindi tutte le principali istituzioni politiche e finanziarie sono corresponsabili di un pericoloso accentramento del capitale finanziario in titoli virtuali, che impedisce di fare i giusti investimenti nelle varie economie nazionali. Quasi tutte le istituzioni dovrebbero essere incentivate a cambiare le direttive politiche: i governi dei grandi Stati, la Commissione Europea, la Banca d’Inghilterra, la Bce e la Fed (Federal Reserve System, cioè la banca centrale privatizzata degli Stati Uniti) .

Comunque l’astuta operazione bancaria che consente di creare denaro dal nulla, come avviene nell’attivazioni dei muti e dei fidi potrebbe complicarsi in tutta Europa. In Germania “Ad agosto 2012 un’associazione di imprenditori, assistita da un gruppo di giuristi, ha presentato al Bundestag [il Parlamento] una petizione con cui si richiede che gli articoli del codice penale i quali stabiliscono che un debito non ripagato costituisce sempre un reato, in quanto comporta un danno al patrimonio del prestatore, siano rivisti perché non tengono conto che in molti casi il denaro è stato creato da una banca dal nulla” (p. 149). In questi casi si potrebbe essere condannati solo per le spese amministrative sostenute e non per la perdita di denaro virtuale che prima del mutuo non esisteva, dato che il denaro prestato nasce insieme al mutuo (è il gemello siamese del mutuo).

Inoltre secondo Gallino uno dei principali obiettivi della casta finanziaria è quello “di privatizzare i sistemi europei di protezione sociale al fine di dirottare verso le imprese e le banche il loro colossale bilancio”, smantellando così la gestione degli enti pubblici per finanziare i vari sistemi pensionistici privati (p. 204).

In passato erano i re, che arrivano alla bancarotta statale, a causa delle guerre e dell’eccessivo ingrandimento dei territori da governare, che alla fine diventavano troppo costosi da mantenere (i soldati si chiamano così perché vanno pagati). Con l’evoluzione sociale si è arrivati ai re che arrivavano alla bancarotta a causa delle spese eccessive nei lussi e della monetazione incontrollata (prima in metallo svalutato e poi in banconote inflazionate). Oggi i banchieri hanno monopolizzato il potere monetario statale. Del resto nel 1830 Laffitte affermò: “D’ora in avanti comanderanno i banchieri” (banchiere e deputato liberale, dopo il fallimento della Rivoluzione di luglio).

Per approfondimenti:

thanks to: Pressenza

30 Aprile 1975, Sai Gon cade. Il Vietnam vince

30 Aprile 1975, Sai Gon cade. Il Vietnam vince
foto aerea di quel giorno (Foto di United States Navy)

di Francesco Cecchini

Trent’ anni fa le forze comuniste sotto la guida del generale Giap terminavano una marcia vittoriosa di 55 giorni, conquistavano Sai Gon e sconfiggevano definitivamente il regime sudvietnamita. La guerra che devastava il paese da vent’ anni terminava lasciando sul campo tre milioni di morti, tra i quali 60.000 soldati, 300.000 soldati nordvietnamiti, centinaia e centinaia di migliaia di civili oltre milioni di feriti ed handicappati.

Ufficialmente iniziata il 4 agosto sotto la leadership di Ho Chi Minh, morto 4 anni dopo, dopo quella che vide la sconfitta del colonialismo francese, oppose i sudvietnamiti sostenuti dalle truppe nazionali ai guerriglieri comunisti del Viet Cong. La superiorità materiale degli americani non riuscì a sconfiggere i partigiani sostenuti dal Nord Viet Nam, dalla Russia e dalla Cina. La guerra si estese alla Cambogia e dal Laos. Contestati dall’ opinione pubblica internazionale e da un’ opposizione interna pacifista all’ intervento guerra gli Stati Uniti dovettero ritirarsi nel 1973. Ma la guerra non terminò, si dovette aspettare il 30 aprile 1975. Nel mese di marzo di quell’anno, l’ esercito del Nord Viet Nam, i guerriglieri del Viet Cong conseguirono molte vittorie militari strategiche, innanzitutto nel centro del paese. Si trattò della famosa campagna Ho Chi Minh. L’ esercito vietnamita nonostante milioni di soldati e il consistente aiuto militare americano continuarono a perdre terreno che non riuscivano a riconquistare. I “bo doi”, soldati del Nord Viet Nam, sotto il comando di Nguyen Vo Giap, allora ministro del Difesa, circondarono le province del sud  ed avanzavano verso Sai Gon dove gli ultimi americani iniziavano ad abbandonare il paese.

Il 28 aprile l’ aviazione nordvietnamita bombardò l’  aeroporto di  Tan Son Nhat per impedire l’ evacuazione, con l’aiuto americano, di responsabili del regime, di ufficiali e dei loro famigliari.

Il 29 aprile è il teatro di momenti drammatici con l’evacuazione con elicotteri dal tetto dell’ ambasciata degli ultimissimi americani. Un foto di un elicottero che  con un carico di gente che fugge è l’immagine simbolo della sconfitta.

Il mattino del 30 aprile i soldati di Ha Noi entrano trionfalmente in città. Tutte le proposte di negoziato dell’ ultimo presidente del Sud Vietnam, Duong Van Minh, sono respinte. Questi è obbligato ad accettare la resa senza condizioni.

Anni dopo il generale Giap dichiarò: « Il 30 aprile è uno dei grandi ricordi che non dimenticherò mai. Si trattò della vittoria dell’ intelligenza vietnamita sui dollari e le tecnologie americane in una guerra per la quale tutto il popolo vietnamita si mobilitò»

thanks to: Pressenza

Il problema dei profughi nel Mediterraneo: necessità di una percezione etico-umanistica

Milena Rampoldi
Il problema dei profughi nel Mediterraneo: necessità di una percezione etico-umanistica
(Foto di Archivio Pressenza)

 

Il problema dei profughi nel Mediterraneo: ecco la questione alla quale i politici rispondono con i cosiddetti “pacchetti di provvedimenti”, contenenti le cosiddette soluzioni matematiche ed economiche del problema che sembra essere un problema solo europeo. Migliaia di persone disperate ogni giorno cercano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Europa e in particolare il nostro paese. Per centinaia di loro il sogno di una vita migliore finisce nella tomba del Mediterraneo. Dopo l’ultima catastrofe davanti a Lampedusa continuiamo a chiederci le cause della tragedia. La mafia libica sfrutta queste persone senza speranza. La guardia costiera italiana non riesce a salvarle tutte. L’Italia si rivolge ai suoi vicini europei per chiedere il loro sostegno nel salvataggio dei profughi. Allo stesso tempo si sviluppano dei progetti di distribuzione per riuscire a piazzare “correttamente” il numero di profughi per paese. Ma in tutto questo dimentichiamo che l’approccio di fondo è del tutto errato, visto che già la designazione semantica del problema non focalizza sulla vera questione. Infatti qui si tratta di persone e di essere umani come noi e con-noi.

Trovo che innanzitutto si debba iniziare a rinominare il cosiddetto problema. Non si deve parlare più di un “problema dei profughi” per noi europei – che alla fine non siamo altro che gli ex-colonizzatori di tutta l’Africa e del Medio Oriente – nel Mar Mediterraneo, ma della fuga di migliaia di persone (che rappresentano il nostro prossimo) disperate, provenienti soprattutto dai paesi subsahariani più poveri del mondo. Queste persone lasciano il loro paese sperando di iniziare una nuova vita migliore in un paese lontano che ritengono sia democratico e tollerante.

Per me il primo passo nella direzione giusta consiste nell’informazione su questi paesi e sulle loro condizioni, caratterizzate da guerre civili, povertà, malnutrizione, dittatura, schiavitù, malattie, mancanza di acqua, assenza di prospettive. Numerosi tra questi paesi poverissimi da cui provengono questi disperati sono paesi islamici. E qui soprattutto in Germania è fondamentale che i musulmani residenti nel paese si occupino dei profughi, assumendosi la responsabilità di fungere da ponte. Vivere la funzione da ponte oggi in Germania per i musulmani acquista una valenza importantissima per vincere l’islamofobia imperante. Il movimento islamofobo di PEGIDA visto che numerosi profughi disperati provengono dal mondo musulmano cerca di fomentare l’odio contro i musulmani e i profughi allo stesso tempo, costruendo degli stereotipi negativi. Smontare le tesi di PEGIDA mi sembra comunque non essere un compito difficile, se puntiamo su un’informazione impegnata e vera sui paesi da cui provengono queste persone. Infatti in Germania dobbiamo assolutamente prevenire altri incendi appiccati a future case di accoglienza per profughi. PEGIDA parla dell’Islam imperialista che vorrebbe conquistare l’Occidente. Ma se ci guardiamo le foto dei bambini malnutriti in Mali o Niger che si ammalano di noma, si fa fatica a credere alla tesi della conquista dell’Occidente da parte dell’Islam imperialista del petrolio, che si appropria dell’Occidente, lo islamizza, de-cristianizza e trasforma in una dittatura islamica.

Un altro aspetto per me essenziale nel discorso sulla politica dei profughi oltre all’informazione sui paesi di provenienza dei profughi, per smontare le tesi della destra e dei suoi movimenti di cittadini che hanno subito il lavaggio del cervello e allo stesso tempo rimangono impauriti, è la rappresentazione dei profughi quale specchio della loro società di provenienza. Questo sembra un concetto ovvio, ma per molti rimane estraneo: i profughi rispecchiano la varietà sociale, economica ed etnica della loro società di provenienza. Non sono parte di una società monolitica da stereotipare, ma come noi sono parte di una società variegata e differenziata. Questa tesi serve a controbattere le tesi della destra neonazista che disumanizzano il profugo. Il profugo non è un numero iscritto su una tomba di massa a Malta, non è un numero di una casa di accoglienza per profughi a Lampedusa e neppure un numero sulla lista degli espulsi delle autorità tedesca, ma un essere umano o ancora meglio il nostro prossimo. Infatti io stessa posso definirmi solo come essere umano, mettendomi in relazione con l’altro e agendo e vivendo nella società. La relazione tra l’io e il tuo si applica anche a tutti i profughi africani. Io mi definisco, relazionandomi con il tu e viceversa. Ovviamente in questo caso si tratta di un tu straniero, sconosciuto, nei confronti del quale spesso ho anche i miei pregiudizi che devo ancora superare. Ma anche per il profugo, il tu sconosciuto che ho di fronte, io sono uno straniero, ovvero l’altro. Ma egli rimane il mio prossimo, come io sono il prossimo per lui. Il problema del razzismo e della discriminazione consiste proprio nel fatto che si prende all’altro il suo stato di prossimo, disumanizzandolo o insultando la sua dignità umana. I pregiudizi si possono solo combattere, mettendosi in relazione con questo prossimo, entrando in contatto con lui. A differenza dei pregiudizi facili da smontare, la disumanizzazione dell’altro è un processo difficile da interrompere perché la disumanizzazione elimina il tu, annullando dunque la relazione.

Che cosa si può fare concretamente per sensibilizzare la popolazione nei confronti dei profughi? Direi innanzitutto di organizzare giornate aperte nelle case di accoglienza per profughi, di far raccontare ai profughi la loro storia e i loro problemi, di organizzare corsi di lingue, incontri culinari, musicali e sportivi. Tutto ciò permette di incontrarsi a livello umano e di superare i propri pregiudizi. Solo con un approccio umanista radicale e con valori etici solidi si riesce a combattere il razzismo e la discriminazione dei profughi. Lo stesso approccio all’insegna di un umanesimo radicale va applicato in parallelo nel contesto della cooperazione internazionale per lo sviluppo da programmare nei paesi di origine dei profughi. In particolare nei paesi musulmani anche la cooperazione internazionale deve ispirarsi ai valori etici e religiosi dell’Islam affinché le persone siano in grado di identificarsi e non percepiscano la cooperazione internazionale come un tentativo occidentale di appropriarsi della loro cultura e dunque di colonizzarli. La cooperazione internazionale per me esprime una solidarietà che rispetta in modo fondamentale la cultura e la religione del paese da cui provengono i disperati che si imbarcano per raggiungere le coste italiane, che garantisce la dignità di queste persone senza volerle assimilare. Innanzitutto la cooperazione allo sviluppo deve fungere da supporto per riuscire svilupparsi in modo indipendente ed autonomo. La cooperazione allo sviluppo comprende la pedagogia, la presa di coscienza e l’educazione. Infatti le culture e le civiltà diverse non fanno che arricchire la nostra società e ampliare le nostre vedute. Dobbiamo far sì che le persone che ospitiamo mantengano la propria identità e conoscano la nostra diversità. Infatti è proprio nel rapporto dialettico tra identità e diversità che dobbiamo vivere ed agire all’interno di una società multiculturale e multireligiosa. La Germania spesso non comprende di essere un paese caratterizzato dall’immigrazione. Forse l’umanesimo radicale può anche contribuire a concepire questo mosaico dell’immigrazione come positivo e quale fonte di arricchimento. Se i politici della destra estrema in Germania continuano a dire che gli immigrati non arricchiscono il paese, noi invece diciamo che il nostro prossimo per noi rappresenta un arricchimento, permette di sviluppare l’io a livello sociale e culturale. Si costruisce una società basata sul noi e sulla varietà. Chi riesce a costruire una società di questo tipo, poi perde del tutto interesse la monotonia neonazista. Ecco la mia speranza. Ma una cosa lo stato la deve fare con forza: deve combattere le bande della mafia libica che sfrutta questi disperati e li fa imbarcare. Credo che allora la cooperazione internazionale nei paesi di origine, insieme ad una politica umanista per i profughi in Europa, possa costruire l’Europa di domani, multiculturale e multireligiosa come lo erano la Sicilia e l’Andalusia di allora.

thanks to: Pressenza

Perché all’Italia non interessa degli italiani assassinati dai droni

Vittime collaterali, inconsapevoli e innocenti, dell’ennesimo atto di una guerra unilaterale. Niente più eserciti contro eserciti, solo killer-robot contro uomini, donne, bambini. Il cooperante siciliano Giovanni Lo Porto, colpevolmente ignorato dalla politica con la P maiuscola, dalle istituzioni e dall’intero Parlamento italiano, è stato brutalmente assassinato in Pakistan in uno degli innumerevoli bombardamenti scatenati dagli stormi di droni Usa. “Si è trattato di un tragico e fatale errore dei nostri alleati americani, riconosciuto dal presidente Obama, ma la responsabilità della morte di Lo Porto e di un secondo ostaggio, lo statunitense Warren Weinstein, è integralmente dei terroristi, contro i quali confermiamo l’impegno dell’Italia”, il liquidatorio commento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Nessuna colpa dunque per gli agenti Cia che hanno ordinato l’attacco, nessuna responsabilità politica per chi, a Washington – violando il diritto internazionale – ha promosso e legittimato l’uso dei droni, in un’escalation infernale verso la totale disumanizzazione dei conflitti.

I raid Usa contro le presunte postazioni delle milizie filo-al Qaida al confine con l’Afghanistan risalgono allo scorso mese di gennaio. Warren Weinstein, originario di Rockville, Maryland, direttore per il Pakistan della J. E. Austin Associates, era stato rapito a Lahore nell’agosto 2011, qualche giorno prima di rientrare negli Stati Uniti per la fine del contratto lavorativo con l’U.S. Agency for International Development. Giovanni Lo Porto era stato rapito invece nel gennaio 2012 a Multan, nella provincia centro-occidentale del Punjab, dove lavorava per la ong tedesca Welthungerhilfe” (Aiuto alla fame nel mondo), impegnata nella ricostruzione della regione colpita dalle inondazioni del 2011. Nel bombardamento in cui ha trovato la morte il cooperante siciliano, sarebbe rimasto ucciso anche un altro cittadino statunitense, Ahmed Farouq, ritenuto dalla Cia come uno dei maggiori leader di al Qaida in Pakistan. Pochi giorni dopo, sempre con un missile sganciato da un drone, è stato assassinato in Pakistan un terzo cittadino statunitense, Adm Gadahn, indicato come uno dei “portavoce ufficiali” di al Qaida. Secondo Washington, i militari Usa non erano a conoscenza dell’identità degli “obiettivi” spiati dai droni. “Sebbene Farouq e Ghadahn fossero membri di al Qaida, nessuno dei due è stato specificamente preso di mira, non avevamo informazioni che indicassero la loro presenza nei siti delle operazioni”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest. “L’autorizzazione al raid è stata data dopo centinaia di ore di sorveglianza; sulla base delle informazioni in nostro possesso, al momento dell’attacco nel compound controllato c’erano solo quattro militanti di al Qaeda, ma non ostaggi o civili pakistani”.

Il 20 gennaio 2015, una nota d’agenzia aveva rivelato che qualche giorno prima un drone Usa aveva attaccato un compound nell’area di Shahi Khel, nel Waziristan settentrionale, “causando la morte di almeno quattro persone”. La zona oggetto dei raid era già stata bombardata dai velivoli senza pilota statunitensi un anno prima; secondo Amnesty International, quegli attacchi nel Waziristan avevano causato la morte di “numerose persone non legate ad alcun tipo di attività terroristica”. Fonti dell’intelligence americana hanno confermato al New York Times che le operazioni dei droni-killer al confine tra il Pakistan e l’Afghanistan del gennaio 2015 rientravano nella categoria definita in ambito militare come signature strikes, cioè quei raid che vengono attuati sulla base non di informazioni certe sull’identità dei bersagli da colpire ma sulla base “del riscontro, attraverso attività di ricognizione ed intercettazione, di modelli di comportamento che vengono ritenuti conformi a quelli di una possibile organizzazione terroristica”. Cioè l’ordine a migliaia di chilometri di distanza di un omicidio extragiudiziale, già di per sé illegittimo e immorale, viene dato semplicemente sulla valutazione soggettiva di meri elementi “comportamentali” della vittima-target e non certo sulla raccolta di prove certe e inequivocabili sui suoi legami con il terrorismo internazionale.

In Pakistan i signature strikes della Cia (più di 400 solo nell’ultimo anno) hanno causato un numero impressionante di vittime tra la popolazione civile, tra i 556 e 1.128 morti secondo diverse ong internazionali, e ingentissimi danni ad abitazioni, scuole, ospedali. I droni hanno sganciato missili teleguidati contro feste religiose, banchetti nuziali e funerali, scambiando pacifici assembramenti di donne e bambini per campi d’addestramento delle milizie anti-governative. Le stragi hanno prodotto un forte risentimento tra la popolazione e le stesse autorità di governo pakistane. Già nell’ottobre 2012 l’allora ministro dell’Interno Rehman Malik aveva denunciato che appena un 20% delle persone uccise nei raid Usa erano militanti filotalebani o terroristi. Il 24 ottobre 2013, nel corso di un faccia a faccia con il presidente Obama, il primo ministro Nawaz Sharif aveva chiesto di porre fine agli attacchi di droni in territorio pakistano. Qualche tempo dopo Washington si era impegnata a sospendere gli attacchi nel 2014, comunque prima della data in cui si sarebbero dovute concludere le operazioni di guerra in Afghanistan.

Oggi si scopre dal Wall Street Journal che Barack Obama ha invece mentito deliberatamente al governo pakistano e all’opinione pubblica internazionale. Mentre infatti l’amministrazione Usa varava nel 2013 un regolamento più severo sull’impiego dei droni onde ridurre il rischio di vittime “non combattenti”, secondo il quotidiano economico “veniva approvata segretamente un’esenzione che ha concesso alla Cia più flessibilità in Pakistan rispetto che in altri paesi per attaccare militanti sospetti”. Sempre per il Wall Street Journal, “se l’esenzione non fosse stata in vigore per il Pakistan, alla Cia avrebbero potuto essere richieste più informazioni d’intelligence prima degli attacchi che hanno causato la morte di Warren Weinstein e Giovanni Lo Porto”.

Predator tricolore

Il drone-killer protagonista delle sanguinose incursioni Usa nei principali scacchieri di guerra internazionali (oltre al Pakistan, l’Afghanistan, lo Yemen, la Somalia, la regione dei Grandi Laghi, il Mali, il Niger, la Libia, ecc.) è il Predator, armato con missili AGM-114 “Hellfire”, bombe a guida laser Gbu-12 “Paveway II” e Gbu-38 “Jdam” (Joint direct attack munition) a guida Gps. Nonostante sia dotato di sofisticatissime tecnologie di telerilevamento, il Predator non è in grado di distinguere i “combattenti” nemici dalla popolazione inerme. Pur essendo oggi tra i sistemi bellici più stigmatizzati dalle organizzazioni non governative umanitarie e dallo stesso Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, questi famigerati velivoli senza pilota sono ospitati dall’autunno del 2012 nella stazione aeronavale siciliana di Sigonella, sulla base di un’autorizzazione top secret del Ministero della difesa italiano che consente alle forze armate Usa di impiegarli nell’area nordafricana e nel Sahel.

Le forze armate italiane sono inoltre le prime in tutta Europa ad aver acquistato i Predator dall’industria statunitense “General Atomics”. Sino ad oggi questi droni sono privi d’armamento, ma si attende a breve l’autorizzazione del Congresso Usa per una loro conversione in velivoli-killer automatizzati. Il governo italiano ha pure candidato la base aerea di Amendola, Foggia, quale sede per la formazione dei militari europei nella gestione degli aerei senza pilota. Proprio ad Amendola, l’1 marzo 2002 è stato costituito il 28° Gruppo Velivoli Teleguidati per condurre le operazioni aeree con i Predator. Il battesimo di fuoco dei droni “italiani” avvenne in Iraq nel gennaio 2005, nell’ambito della missione “Antica Babilonia”. Nel maggio 2007 i Predator furono trasferiti pure nella base di Herat, sede del Comando regionale interforze per le operazioni in Afghanistan, dove hanno continuato ad operare ininterrottamente sino a qualche mese fa. Nel corso delle operazioni belliche contro la Libia di Gheddafi della primavera-estate 2011, i velivoli a pilotaggio remoto schierati ad Amendola ebbero un ruolo chiave nelle operazioni d’intelligence dell’Aeronautica italiana e dei partner della coalizione internazionale a guida Usa, volando complessivamente per più di 360 ore. Le ultime missioni all’estero risalgono allo scorso anno: due velivoli-spia sono stati schierati a Gibuti (Corno d’Africa), nell’ambito della missione antipirateria dell’Unione Europea “Atalanta”, mentre altri due Predator sono stati trasferiti nello scalo aereo di Kuwait City per operare a favore della coalizione internazionale anti-Isis in Iraq e Siria. Attualmente i velivoli senza pilota del 28° Gruppo di Amendola sono operativi in Kosovo a sostegno delle attività della forza militare internazionale a guida Nato (Kfor).

Per la loro flessibilità d’impiego, i Predator dell’Aeronautica italiana sono utilizzati pure in funzioni d’ordine pubblico, per il controllo delle frontiere e nelle controverse operazioni di “sorveglianza” delle imbarcazioni di migranti e richiedenti asilo nel Mediterraneo centrale (le ultime, in ordine cronologico, Mare Nostrum e Triton). L’“accordo tecnico” di cooperazione bilaterale Italia-Libia sottoscritto il 28 novembre 2013 dai ministri della difesa Mario Mauro e Abdullah Al-Thinni ha autorizzato l’impiego di mezzi aerei italiani a pilotaggio remoto in missioni a supporto delle autorità libiche per il “controllo” del confine meridionale del Paese. Grazie ai Predator, gli automezzi dei migranti possono essere intercettati quanto attraversano il Sahara, consentendo ai militari libici d’intervenire tempestivamente per detenerli in campi-lager o deportarli prima che essi possano raggiungere le città costiere. Nei giorni scorsi, tra le proposte più drastiche per “contenere” i flussi migratori nel Mediterraneo c’è stata quella dell’ex generale dell’Aeronautica Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione ICSA: “impiegare i droni per distruggere i barconi nei porti libici”.

In Sicilia la capitale mondiale dei droni

Nel campo dei droni, l’Italia si è già conquistata una leadership in ambito internazionale. Nei piani delle forze armate Usa e Nato la base siciliana di Sigonella è stata prescelta infatti per fare da vera e propria capitale mondiale dei droni, cioè in centro d’eccellenza per il comando, il controllo, la manutenzione delle flotte di velivoli senza pilota chiamati a condurre i futuri conflitti globali. Oltre ai Predator, dall’ottobre 2010 Sigonella ospita anche tre o quattro aeromobili teleguidati da osservazione e sorveglianza RQ-4B Global Hawk dell’US Air Force. Lunghi 14,5 metri e con un’apertura alare di 40, questi droni possono volare in qualsiasi condizione meteorologica per 32 ore sino a 18,3 km d’altezza e a migliaia di km dalla loro base operativa. Alla iperdronizzazione delle guerre si prepara pure l’Alleanza Atlantica. Entro la fine del 2016 sarà pienamente operativo il programma denominato Alliance Ground Surveillance (AGS) che punta a potenziare le capacità d’intelligence, sorveglianza e riconoscimento della Nato. Il sistema AGS verterà su una componente aerea basata su cinque velivoli a controllo remoto “Global Hawk” versione Block 40, che saranno schierati anch’essi a Sigonella. L’AGS fornirà informazioni in tempo reale per compiti di vigilanza aria-terra a supporto dell’intero spettro delle operazioni nel Mediterraneo, nei Balcani, in Africa e in Medio oriente. Il nuovo sistema Nato potrà contare pure sul supporto dei velivoli senza pilota Sentinel in dotazione alle forze armate britanniche ed Heron R1 che la Francia ha prodotto congiuntamente ad Israele. Successivamente l’AGS s’interfaccerà con il programma d’intelligence Bams (Broad Maritime Area Surveillance) che la Marina militare Usa avvierà grazie all’acquisto dei nuovi pattugliatori marittimi P-8 Poseidon e dell’ultima generazione di droni-spia Triton della Northrop Grumman. Il 2 febbraio scorso, il Dipartimento della difesa ha chiesto al Congresso l’autorizzazione per l’anno fiscale 2016 a spendere 102.943.000 dollari per costruire nella base siciliana gli hangar e una serie di infrastrutture di supporto per i Triton e i Poseidon. Lungo 14,5 metri e con un’apertura alare di 39,9, il Triton potrà operare entro un raggio di 2.000 miglia nautiche dalla base di decollo, a un’altitudine massima di 18.288 metri e una velocità di crociera di 575 km/h. Il velivolo godrà di un’autonomia di volo tra le 24 e le 30 ore consecutive.

Come se ciò non bastasse, Sicilia e Sardegna sono state trasformate in poligoni dove sperimentare altri nuovi velivoli senza pilota d’attacco. Le società Piaggio Aereo Industries e Selex Es (Finmeccanica) utilizzano dal novembre 2013 la base del 37° Stormo dell’Aeronautica militare di Trapani Birgi per i test di volo del dimostratore P.1HH DEMO, l’aereo a pilotaggio remoto realizzato nell’ambito del programma denominato “HammerHead” (Squalo Martello). Con un’apertura alare di 15,5 metri, il drone può raggiungere la quota di 13.700 metri e permanere in volo per più di 16 ore. Il velivolo è stato dotato di torrette elettro-ottiche, visori a raggi infrarossi e radar “Seaspray 7300” che consentono d’individuare l’obiettivo, anche in movimento, fornendo le coordinate per l’attacco aereo o terrestre, o colpendolo direttamente con missili e bombe a guida di precisione (lo Squalo martello può trasportare sino a 500 kg di armamenti). I decolli e gli atterraggi a Trapani Birgi costituiscono un grosso pericolo per il traffico aereo passeggeri di quello che è oggi uno dei principali scali low cost europei e per le popolazioni delle vicine città di Trapani e Marsala. Il 19 marzo scorso si è pure sfiorata la tragedia: un prototipo dello Squalo martello è uscito fuori pista durante le prove di rullaggio, terminando la sua corsa nel prato circostante. L’aeroporto di Trapani è stato temporaneamente chiuso e il traffico civile è stato dirottato a Palermo – Punta Raisi.

A fine marzo, nella base aerea sarda di Decimomannu è giunto il primo prototipo di robot-killer volante nEUROn, l’aereo senza pilota da combattimento coprodotto da Italia, Francia, Svezia, Spagna, Svizzera e Grecia, per intraprendere una serie di test operativi nel grande poligono militare di Perdasdefogu (Ogliastra). Il nEUROn è dotato di materiali con accentuate caratteristiche stealth che gli consentiranno di penetrare nello spazio aereo nemico senza essere individuato. Il drone è più grande di un normale aeromobile a pilotaggio remoto e possiede capacità di carico, autonomia e capacità di volo quasi simili a quelle di un qualsiasi caccia pilotato. Con un costo unitario superiore ai 25 milioni di euro, il nEUROn è lungo 9,2 metri e ha un’apertura alare di 12,5 metri. Il velivolo può raggiungere la velocità di 980 chilometri l’ora e volare per più di otto ore consecutive. Opererà a tutti gli effetti per colpire e uccidere a distanza grazie agli ordigni di precisione per gli attacchi aria-suolo a guida laser da 250 kg. Il drone verrà controllato da terra attraverso un datalink ad alta capacità e standard Nato. “Tramite questo datalink vengono inviati al velivolo i dati della missione, da lì in poi sarà l’intelligenza artificiale del nEUROn ad intraprendere tutte le necessarie azioni che permetteranno il raggiungimento dell’obiettivo”, spiegano le aziende produttrici. “Non vi sarà quindi un controllo diretto e continuo da terra e questo permetterà di mantenere un quasi assoluto silenzio radio, necessario per evitare l’intercettazione”. Il drone avrà inoltre le capacità di controllare a distanza, in modo automatico, le operazioni dei cacciabombardieri di ultima generazione prodotti in Europa, come il “Rafale” e il JAS 39 “Gripen”, consentendo così ai piloti d’intraprendere diverse azioni di combattimento contemporaneamente. Ancora più dei Predator Usa e degli Squalo martello Piaggio (Emirati Arabi Uniti), i nEUROn assumeranno tutti i contorni dei famigerati “LAR” (Lethal Autonomous Robotics), i sistemi d’arma robotizzati che, una volta attivati, possono selezionare e colpire un obiettivo in piena autonomia, esautorando l’operatore umano da ogni intervento.

“Se utilizzati, i LAR possono avere conseguenze di enorme portata sui valori della società, soprattutto quelli riguardanti la protezione della vita, e sulla stabilità e la sicurezza internazionale”, ha denunciato il Consiglio per i Diritti Umani dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in un rapporto speciale pubblicato il 9 aprile 2013. “Raccomandiamo agli Stati membri di stabilire una moratoria nazionale sulla sperimentazione, produzione, assemblaggio, trasferimento, acquisizione, installazione e uso dei Lethal Autonomous Robotics, perlomeno sino a quando non venga concordato a livello internazionale un quadro di riferimento giuridico sul loro futuro”, ha aggiunto il Consiglio D.U. dell’Onu. “Essi non possono essere programmati per rispettare le leggi umanitarie internazionali e gli standard di protezione della vita previsti dalle norme sui diritti umani. La loro installazione non comporta solo il potenziamento dei tipi di armi usate, ma anche un cambio nell’identità di quelli che li usano. Con i LAR, la distinzione tra armi e combattenti rischia di divenire indistinta”. Un accorato appello che Washington, Parigi, Tel Aviv, Londra, Roma e adesso pure Bruxelles non intendono per nulla ascoltare.

Antonio Mazzeo

thanks to: Antonio Mazzeo Blog

Nutrire il pianeta? Serve un altro modello

Non sono “No Expo”, come li classifica una parte della stampa. Anche se hanno scelto di stare fuori dall’esposizione universale che sta per aprire i battenti a Milano. Expo dei popoli è un coordinamento di 50 enti non profit che vede al suo interno organizzazioni ambientaliste come WWF Italia e Legambiente, di cooperazione internazionale come Action Aid e Mani Tese, associazioni come Arci, Acli, Ctm Altromercato e Slow Food. Dal 3 al 5 giugno il Forum dei popoli porterà a Milano 200 delegati di reti contadine da tutto il mondo: piccoli agricoltori e allevatori che si confronteranno per tre giorni per poi proporre il loro punto di vista su come “Nutrire il pianeta”.

«Il nostro è un percorso che dura da tre anni» spiega Giosuè De Salvo, portavoce di Expo dei popoli, «abbiamo elaborato un manifesto in cui indichiamo soluzioni ben precise per garantire il diritto al cibo e un accesso più equo alle risorse. A giugno faremo un altro decisivo pezzo di strada, per poi andare oltre, verso due appuntamenti cruciali: la ridefinizione degli obiettivi di sviluppo del millennio, a settembre a New York, e la Conferenza sul clima a dicembre a Parigi.

Qual sarà il messaggio di Expo dei popoli?

Sarà molto semplice: non ci può essere sicurezza alimentare senza sovranità alimentare. Finché si escludono comunità e interi popoli, basando il sistema di produzione sull’accaparramento delle terre, delle acque e delle foreste, non può esserci una risposta efficace alla fame.

Qual è la vostra posizione rispetto a Expo?

Si tratta di un’esposizione, e quindi non può che mostrare l’attuale modello alimentare guidato dai privati e dall’industria, in cui pochi marchi hanno il controllo del mercato. È illusorio però pensare di riuscire a sfamare il pianeta restando all’interno di un modello che tende a concentrare il controllo del cibo e delle risorse nelle mani di pochi. Oggi sette multinazionali controllano il 70% dei semi, quattro traders commercializzano il 75% dei cereali a livello globale e a una decina di marchi producono gli alimenti che troviamo al supermercato. È un modello che va superato nel suo complesso, dal campo al piatto.

In che modo?

Sciogliendo i monopoli lungo l’intera filiera agro-alimentare globale, delocalizzando i processi produttivi, garantendo ai piccoli agricoltori la partecipazione alle decisioni politiche che li riguardano a tutti i livelli. Perché la realtà, a ben vedere è un’altra: secondo le stime delle Nazioni Unite l’agricoltura famigliare, insieme ai piccoli agricoltori e produttori, fornisce il 70% di cibo a livello mondiale. A sfamare il pianeta, alla base di tutta la piramide, sono i piccoli agricoltori.

Quali le chiavi per il cambiamento?

I movimenti contadini hanno cominciato per primi a parlare di sovranità alimentare inaugurando un progetto politico di trasformazione che li vede protagonisti. Oggi mettono al centro l’agroecologia come via per realizzare la sovranità alimentare, ovvero la costruzione di un “agro-sistema” il meno possibile dipendente dai prodotti chimici, che riutilizza le risorse creando tra territorio, animali, piante ed esigenze alimentari delle comunità locali un ciclo virtuoso.

Basterà a sfamare il pianeta?

Oliver De Schutter, che per due mandati è stato rappresentante Onu per il diritto al cibo delle Nazioni Unite, ha scritto che i metodi agroecologici sono più efficaci dell’uso dei prodotti chimici nell’aumentare la produzione alimentare, che potrebbe raddoppiare in dieci anni utilizzando adeguatamente questo sistema. Una ricerca condotta dall’Onu in 57 Paesi in via di sviluppo ha mostrato come le esperienze di agroecologia abbiano portato a un aumento medio delle rese dell’80%. Serve a questo punto solo la volontà politica di percorrere con convinzione questa strada.

Per la prima volta nella storia di Expo, all’esposizione parteciperà anche la società civile, nel padiglione della cascina Triulza e in altre aree del sito. Perché il Forum dei popoli si svolgerà fuori?

Ce lo hanno chiesto le reti contadine che parteciperanno. Non vogliamo prestarci al tentativo di dare una dimensione politica a quella che è un’esposizione guidata dai privati e dalla grande industria alimentare. L’Expo può essere un’occasione per riflettere sul diritto al cibo ma ci sono luoghi di confronto dove è garantita una presenza più ampia e paritaria di tutti gli attori, come il Comitato di sicurezza alimentare della Fao, dove i piccoli produttori siedono al tavolo alla pari con i governi e il settore privato. La risposta alla sfida della fame deve essere di tipo politico, non può essere delegata alla tecnologia e all’industria alimentare.

Expocrisia 2015

Francesco Gesualdi
Expocrisia 2015
(Foto di http://www.lucianomuhlbauer.it/)

 

“Nutrire il pianeta” recita lo slogan di Expo 2015 e la mente corre subito al miliardo di affamati che affollano il mondo. Ma di affamati all’expo non ce ne sarà neanche uno, perché del loro destino in realtà non importa niente a nessuno. Siamo solo di fronte all’ennesimo caso di ipocrisia, all’ennesimo caso di strumentalizzazione da parte dei potenti che usano le emergenze umanitarie per dare una connotazione buonista ai loro progetti di tutt’altro stampo. Basta scorrere la lista degli sponsor per rendersene conto. Ai primi posti spiccano nomi come Coca-Cola, Nestlè, Ferrero, Unilever, potenti multinazionali che le guide al consumo critico di tutto il mondo indicano come imprese che non brillano per responsabilità sociale e ambientale. Coca-Cola da anni è contestata per la politica antisindacale da parte dei suoi imbottigliatori che in Colombia comprende perfino l’assassinio dei delegati sindacali. Nestlé e Ferrero sono criticate perché acquistano cacao da zone dell’Africa dove le piantagioni giungono ad utilizzare lavoro minorile in schiavitù. Unilever è additata perchéottiene il tè da Kenya e India dove la legge consente di utilizzare lavoratori precari per salari indegni senza nessuna garanzia sociale. Tutte pratiche che contribuiscono a creare la fame, non a eliminarla, perché la fame non dipende dalla scarsità di cibo, ma dall’ingiustizia. Lo dimostra il fatto che il 75% degli affamati si trovano nelle campagne. Muoiono di fame perché non dispongono di terra o perché le terre migliori se le sono prese gli stranieri che stanno tornando nel sud del mondo per produrre cibo da esportare nei paesi ricchi o addirittura per fabbricarebioetanolo. Il fenomeno è stato battezzato landgrabbing (furto di terre) e coinvolge un’area grande come mezza Europa, principalmente in Africa.

Da uno studio che abbiamo realizzato e pubblicato on line, dal titolo “I padroni del nostro cibo”, emerge che il settore agricolo è dominato da poche multinazionali che presidiano i posti chiave della filiera, per fare del cibo nient’altro che un business secondo le più spietate logiche del profitto, dello spreco, del disprezzo umano e ambientale. Una manciata di multinazionali fra cui Monsanto, Syngenta, Dupont, Bayer, controllano il mercato di sementi e pesticidi, cercando di spingere sempre di più verso sementi ogm, modificate per indurre gli agricoltori a utilizzare erbicidi specifici e  utilizzare quote crescenti di fertilizzanti, pur sapendo che nel lungo periodo l’eccesso di sostanze chimiche conduce alla perdita di suolo agricolo. Secondo le Nazioni Unite si perdono ogni anno dai 5 ai 10 milioni di ettari di terra agricola a causa dell’erosione e dell’impoverimento dei suoli.

La parola d’ordine di un sistema che cerca di fare passare per  produttivo, ciò che in realtà è un problema distributivo, è produrre sempre di più. E siamo all’assurdo che la terra è sottoposta a stress per produrre una quantità crescente di cereali,non per sfamare chi ha fame, ma per ingrassare gli animali da carne che assorbono il 40% di tutti i cereali prodotti nel mondo. Insomma è la produzione fine a se stessa nella logica del Pilche deve crescere sempre e comunque con l’unico obiettivo di garantire sempre più profitti alle multinazionali commerciali, Cargill, prima fra tutte, che oltre ad essere un big del commercio di granaglie è anche un big del commercio di carne. Il risultato è che un miliardo di affamati convivono con  un miliardo di obesi con doppia soddisfazione per il sistema che può invocare la fame per imporre sempre più tecnologia finalizzata ad accrescere produzione dicibo mal orientato, e può invocare la malattia per accrescere il consumo di farmaci orientati a problematiche create ad hoc.

Se davvero vogliamo nutrire il pianeta non è di più tecnologia che abbiamo bisogno, ma di un altro modo di distribuire le terre, di gestire le sovvenzioni all’agricoltura, di regolare gli accordi commerciali, di orientarel’intervento pubblico. In altre parole è di un’altra politica che abbiamo bisogno, non più piegata agli interessi dei profittatori, ma alle esigenze delle persone nel rispetto della natura.

thanks to: Pressenza

Lo sfruttamento del lavoro minorile palestinese in vetrina all’Expo 2015

Nelle colonie israeliane si schiavizza il lavoro minorile palestinese. Invece di stigmatizzare Israele per le sue politiche di sfruttamento della terra, dell’acqua, di donne, uomini e bambini palestinesi, l’Italia invece offrirà una vetrina alle aziende israeliane a Expo2015.

di Stephanie Westbrook

Una doppia illegalità. Nelle colonie israeliane costruite in Cisgiordania, occupata in violazione del diritto internazionale, si sfrutta anche il lavoro minorile palestinese. È quanto è emerso dal nuovo rapporto di Human Rights Watch, la nota organizzazione internazionale impegnata per i diritti umani.

Il quindicenne Saleh, che ha lasciato la scuola alla seconda media, porta un serbatoio di 15 litri di pesticidi sulle spalle. Spruzza le piante per mezz’ora alla volta, poi riempie di nuovo il serbatoio. Ripete questo ciclo 15 volte durante la sua giornata lavorativa.

La maggior parte dei bambini intervistati afferma di lavorare con i pesticidi. Non sanno molto delle sostanze chimiche che trattano, ma degli effetti sì. Soffrono di “giramenti di testa, nausea, irritazioni agli occhi ed eruzioni cutanee”. I ragazzi che lavorano nei vigneti dove si usa il pesticida Alzodef, vietato in Europa dal 2008, si riconoscono dalle desquamazioni dell’epidermide. I bambini palestinesi lavorano 6-7 giorni alla settimana, per 8 ore al giorno, anche nelle serre a temperature che si avvicinano ai 50 gradi. Portano carichi pesanti e usano macchine pericolose. Secondo uno studio del 2014 sugli infortuni tra i minori palestinesi che lavorano, il 79% aveva subito un infortunio sul lavoro nei precedenti 12 mesi. E tutto questo per una paga di meno della metà di quella minima garantita dalla legge israeliana e senza assicurazione sanitaria e altri benefit, assicurando così maggiori guadagni alle aziende agricole delle colonie.

Il rapporto di HRW si incentra sulla Valle del Giordano, noto come il granaio della Palestina, dove le grandi estensioni di piantagioni e coltivazioni delle colonie contrastano con i campi aridi dei palestinesi, evidenziando l’iniqua distribuzione delle risorse idriche. I palestinesi che ci vivono, scesi da circa 300.000 nel 1967 agli 80.000 di oggi, hanno accesso solo al 6% dell’area. Il restante 94% è riservato ai 9.500 coloni e alle loro piantagioni, oppure chiuso in zone militari.L’87% della Valle del Giordano si trova in un’Area C che, secondo gli accordi di Oslo, è sotto il controllo totale di Israele. I palestinesi che ci vivono devono ottenere permessi dalle autorità militari israeliane per qualsiasi costruzione che siano case, stalle, strade, pozzi o cisterne, ma anche per coltivare la terra o pascolare il bestiame. I permessi approvati sono una rarità. Guadagnarsi da vivere dall’agricoltura, senza terra e senza acqua e con una serie di check-point tra i campi e i mercati, diventa impossibile. I minori sono costretti a lavorare per aiutare le famiglie e non hanno altra scelta che l’agricoltura delle colonie. In alcuni casi, i bambini finiscono addirittura per lavorare le terre che sono state confiscate alle proprie famiglie. Altri hanno raccontato di genitori malati, morti o in prigione – sono 6.000 i prigionieri politici palestinesi attualmente nelle carceri israeliane. Ai bambini tocca, quindi, provvedere per la famiglia e lasciano la scuola per farlo.

Queste condizioni sono in violazione delle convenzioni sui diritti dell’infanzia nonché della stessa legge israeliana, che si estende ai lavoratori nelle colonie e secondo la quale è vietato ai minori l’uso di sostanze chimiche, di lavorare con carichi pesanti e a temperature alte. Sarebbe anche obbligatorio per i datori di lavoro fornire assicurazioni sanitarie e remunerare i periodi di malattia. Nessuna di queste leggi invece viene applicata per i bambini palestinesi. Le ispezioni sulle condizioni di lavoro nelle colonie sono superficiali se non addirittura inesistenti. Per la forza lavoro, le aziende agricole delle colonie inoltre si servono di intermediari palestinesi, spesso ex lavoratori, anche minori, nelle colonie così da evitare una responsabilità diretta. Una bambina che ha lavorato nella colonia di Kalia dall’età di 13 a 15 anni racconta di essersi nascosta sotto i sedili del furgone dell’intermediario per non farsi vedere dai soldati o dai guardiani, anche se spesso bastava dire che aveva dimenticato i documenti a casa per passare.

Infatti, viene tollerato di aggirare problema dei permessi necessari per consentire ai palestinesi di entrare nelle colonie, perché i campi e le serre si trovano comunque al di fuori dai cancelli. I lavoratori palestinesi, bambini e adulti, non hanno contratti né buste paga. Non hanno nessuna prova di aver mai lavorato per la colonia, nessun diritto lavorativo, nessun ricorso possibile. Chi si azzarda a cercare di far valere i propri diritti finisce spesso nella lista nera con l’intera famiglia senza possibilità così di trovare un altro lavoro.

Visti gli abusi sui minori palestinesi, e le altre violazioni del diritto internazionale da parte di Israele, Human Rights Watch raccomanda di interrompere “i rapporti di affari con le colonie, compresa l’importazione dei prodotti dell’agricoltura delle colonie”. Anche tutte le principali organizzazioni agricole palestinesi, insieme al movimento per il boicottaggio di Israele, invitano a porre fine ad “ogni commercio con le aziende agricole israeliane che sono complici con il sistema di occupazione, colonizzazione e apartheid di Israele” . L’Europa è il principale mercato per i prodotti agricoli israeliani.

Nel rapporto di HRW è finito anche il ruolo della Mekorot, società idrica nazionale di Israele. La Mekorot sottrae l’acqua illegalmente dalle falde idriche sottostanti la Valle del Giordano e rifornisce il 70% del fabbisogno di acqua delle colonie della valle. L’Acea SpA ha firmato un accordo di cooperazione con la Mekorot nel dicembre del 2013.

Il Comitato No all’Accordo Acea Mekorot ha denunciato ripetutamente al Comune di Roma, azionista di maggioranza, e ad Acea le complicità di Mekorot con il regime israeliano di occupazione. Ora si aggiunge il ruolo della Mekorot nello sfruttamento del lavoro minorile palestinese. Nel comunicato del Comitato, si chiede: cosa altro ci vuole affinché si “prendano misure per assicurare che l’accordo non abbia un seguito in modo da evitare complicità con le violazioni dei diritti?” La principale società idrica dell’Olanda, la Vitens, ha già interrotto un analogo accordo con la Mekorot a causa delle violazioni del diritto internazionale.

Invece di stigmatizzare Israele per le sue politiche di sfruttamento della terra, dell’acqua, di donne, uomini e bambini palestinesi, l’Italia invece offrirà una vetrina a Israele a Expo2015. Al padiglione di Israele, che si trova in una posizione strategica, accanto a quello italiano e all’incrocio delle due principali assi del sito, si propaganderanno le menzogne delle meraviglie dell’agricoltura israeliana che ha fatto “fiorire il deserto”, in linea con l’ipocrisia del mega evento che pretende di parlare di agricoltura sostenibile mentre porta le sponsorship di McDonald’s e Coca-cola. Le verità scomode non verranno raccontate dentro i padiglioni, ma fuori sì.

Milano, infatti, si sta preparando per sei mesi di contestazione contro la speculazione e lo sfruttamento rappresentati da Expo2015 a partire dalla cinque giorni di “laboratorio sociale di resistenze e alternative”  dal 29 aprile al 3 maggio. E in tutto il mondo crescono le campagne di boicottaggio dello stato di Israele, per isolarlo a livello internazionale, come è stato fatto con il Sudafrica dell’apartheid, fino a quando non rispetterà i diritti dei palestinesi.

thanks to: lacittafutura.it

Sosteniamo la Corte penale internazionale

Prosegue lo sforzo per raccogliere firme sotto l’appello lanciato dalla Rete di solidarietà con il popolo palestinese in Italia e all’estero per sostenere l’impegno della Corte Penale Internazionale che ha iniziato ad indagare sui crimini di Israele commessi con l’attacco a Gaza dell’estate scorsa. In calce i link per firmare e far firmare la petizione e SOTTO l’articolo di Adista che ne accompagnò il lancio.

http://chn.ge/1J5ufi5

English – http://chn.ge/1DrKa5m

Français – chn.ge/1AsnVNE

L’UE SOSTENGA LA PALESTINA
ALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE. UN APPELLO

38011 ROMA-ADISTA. È di pochi giorni fa la notizia che il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas, ha deciso di creare una commissione – guidata dal capo negoziatore dell’Anp, Saeb Erakat – incaricata di supervisionare i casi da presentare presso la Corte penale internazionale (Cpi), a cui lo Stato di Palestina avrà accesso a partire dal prossimo 1° aprile (v. Adista Notizie n. 4/15). Il rischio per lo Stato israeliano è di essere trascinato davanti alla Corte per crimini di guerra e contro l’umanità: ipotesi già al vaglio della Cpi che il 16 gennaio scorso, per bocca della procuratrice capo dell’Aia, Fatou Bensouda, ha annunciato l’apertura di un esame preliminare per verificare la possibilità di procedere contro Israele per i crimini commessi durante l’attacco della scorsa estate contro la Striscia di Gaza.
Un processo prevedibilmente irto di ostacoli – basti pensare alle proteste già manifestate da parte israeliana e statunitense – nel corso del quale la Palestina avrà bisogno di tutto il sostegno possibile. Per questo un nutrito gruppo di intellettuali, giuristi e religiosi ha lanciato un appello all’Alto rappresentante della Politica estera europea, Federica Mogherini; al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker; all’Alto rappresentante per i Diritti Umani Ue, Stavros Lambridinis e ai ministri degli Esteri dei Paesi Ue, affinché l’Europa sostenga tale percorso.
«L’impunità di Israele sembra non finire mai», si legge nel testo dell’appello sottoscritto, tra gli altri, da mons. Hilarion Capucci, arcivescovo emerito di Gerusalemme in esilio; Giovanni Franzoni, già abate della basilica di S. Paolo; Domenico Gallo, giudice della Corte Costituzionale; Mairead Maguire, premio Nobel per la pace; Luisa Morgantini, già vicepresidente del Parlamento europeo; nonché dalla Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese e dalla Rete Ebrei contro l’occupazione (è possibile firmare l’appello sul sito http://www.change.org). «Sono trascorsi, infatti, più di 67 anni da quando, prima ancora che l’Onu adottasse nel 1947 la Risoluzione 181 sulla spartizione della Palestina storica e vi fosse, nel 1948, la dichiarazione unilaterale di istituzione dello Stato di Israele, iniziarono in Palestina, ad opera di formazioni paramilitari, poi confluite nell’esercito israeliano, aggressioni armate, espropriazioni, distruzioni, eccidi che portarono alla deportazione e al trasferimento forzato della popolazione». «Nei decenni seguenti – continua l’appello – Israele ha proseguito nelle sue politiche di discriminazione razziale, di apartheid, di espulsione degli abitanti storici e naturali, di espansione territoriale fino ad incamerare circa l’80% della Palestina contro il 55% assegnato dall’Onu. Ciò si è accompagnato ad altri crimini, tra cui la demolizione delle case palestinesi, la repressione violenta, il ricorso sistematico a trattamenti inumani e degradanti, agli omicidi mirati, alla tortura e all’imprigionamento senza processo e senza accusa, anche di minori, fino alle terribili aggressioni punitive su Gaza. Nell’ultima, dell’estate 2014, i morti sono stati più di 2.200, quasi tutti civili e per metà donne e bambini, i feriti oltre 11.000. Sono state distrutte proprietà e abitazioni senza alcuna giustificazione militare, sono stati attaccati intenzionalmente civili ed edifici civili (scuole, rifugi Onu, ospedali, ambulanze, centrali elettriche, infrastrutture, luoghi di culto), sono state usate persone come scudi umani». Il percorso che si è aperto con la decisione di aderire alla Cpi, scrivono ancora i firmatari, è costellato di difficoltà per i palestinesi che «dovranno fronteggiare la rabbia di Israele che, disperatamente, vuole mantenere il proprio regime coloniale e di apartheid» e che, a questo scopo, «ha già messo in atto diverse manovre e minacce, che vanno ben oltre il trattenimento di milioni di dollari provenienti dalle tasse raccolte per conto della Autorità Nazionale Palestinese». Perciò, è l’appello, «tale percorso va sostenuto e incoraggiato, soprattutto da parte degli Stati aderenti alla Cpi, ai quali chiediamo di cooperare pienamente con la stessa. È l’applicazione del diritto – concludono – l’unico strumento che può veramente mettere in discussione l’impunità di Israele e portare giustizia in Palestina». (ingrid colanicchia)