La Francia richiama le imprese con attività nelle colonie israeliane. Che fa l’Italia?

Due imprese francesi si ritirano dalla costruzione della funivia a Gerusalemme. In Italia, la Pizzarotti e l’Acea hanno collaborazioni in attività presenti nei Territori palestinesi occupati e il governo tace.

A fine marzo, due imprese francesi, la Safege, filiale della Suez Environnement, e la Poma, si sono ritirate dal progetto per la costruzione della funivia che, in violazione del diritto internazionale, collegherebbe a Gerusalemme insediamenti illegali di Israele. A seguito di un recente richiamo da parte dei Ministeri francesi della Finanza e degli Esteri circa i rischi a cui potrebbero essere esposte per violazione del diritto, le due imprese hanno annunciato il loro ritiro.[1]

Nell’estate 2014, in un’azione coordinata, 19 stati membri dell’Unione europea, tra cui Francia e anche Italia, hanno pubblicamente messo in guardia le imprese sui rischi economici, legali e di credibilità in cui sarebbero incorse causa attività condotte negli insediamenti israeliani in Cisgiordania, a Gerusalemme Est e nelle alture del Golan.

L’allora Ministro degli Esteri, Federica Mogherini, attuale capo della diplomazia UE, aveva dichiarato che l’avviso pubblicato dall’Italia era “in sintonia con altri Paesi europei”.[2] Tuttavia, a differenza di altri governi europei, il governo italiano non ha mai preso misure nei confronti delle imprese italiane che fanno affari con l’occupazione israeliana.

A dicembre 2013, durante il vertice Italia-Israele, l’Acea SpA, che per il 51% è di proprietà del Comune di Roma, ha firmato un Memorandum d’intesa con la Mekorot, società idrica nazionale di Israele. La Mekorot sottrae acqua illegalmente dalle falde palestinesi e fornisce alle colonie israeliane illegali l’acqua rubata, come documentato da organizzazioni internazionali quali Human Rights Watch e Amnesty International. Inoltre, l’organizzazione israeliana Who Profits afferma che la Mekorot “è attivamente impegnata nella conduzione e nel mantenimento” della occupazione israeliana.[3]

Vitens, il primo fornitore di acqua in Olanda, a seguito delle indicazioni del proprio governo, ha interrotto un analogo accordo con la Mekorot, motivando la decisione con il proprio impegno a rispettare la legalità internazionale.[4]

Anche la Pizzarotti SpA, società privata che campa con i lavori pubblici, fa affari con l’occupazione israeliana. L’impresa di Parma sta costruendo la TAV israeliana che collegherà Tel Aviv e Gerusalemme attraversando per 6,5 km la Cisgiordania occupata e confiscando terre palestinesi, per realizzare un mezzo di trasporto che sarà riservato esclusivamente ad israeliani.[5]

La nota organizzazione palestinese per i diritti umani, Al Haq, ha affermato, in un parere legale, che ci sono “fondati motivi” per ritenere Pizzarotti responsabile di “atti che possono costituire gravi violazioni del diritto internazionale, come i crimini di guerra di saccheggio e di distruzione e appropriazione di beni”.[6]

Già dapprima la Deutsche Bahn (ferrovie tedesche) si era ritirata dal progetto su suggerimento del Ministero tedesco dei Trasporti, perché “ha ricadute problematiche in ambito di politica estera e potenzialmente contrarie al diritto internazionale”.[7]

La complicità con le violazioni israeliane del diritto internazionale da parte dell’Acea e della Pizzarotti vengono denunciate da tempo dalle campagne No all’Accordo Acea-Mekorot e Stop That Train, nell’ambito del movimento internazionale per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele.[8]

Il governo italiano, che ai sensi del diritto internazionale ha il dovere di intervenire, fino ad ora ha colpevolmente taciuto, implicitamente permettendo alle imprese italiane succitate di lucrare sulle violazioni dei diritti umani.

Si ricorda che la Corte Penale Internazionale ha avviato una istruttoria, tra l’altro, proprio sugli insediamenti nei territori occupati, considerati dal Diritto Internazionale crimini di guerra. Ciò significa che il nostro Governo acconsente al perpetuarsi di tali crimini.

Chiediamo quindi con forza al Governo di intervenire e porre fine a tale illegalità.

Comitato No all’Accordo Acea Mekorot
fuorimekorotdallacea@gmail.com

Coalizione Italiana Stop That Train
fermarequeltreno@gmail.com

Note:

[1] http://www.lefigaro.fr/societes/2015/03/25/20005-20150325ARTFIG00062-telepherique-a-jerusalem-est-suez-environnement-jette-l-eponge.php

[2] http://www.lastampa.it/2014/06/27/esteri/litalia-alza-il-tiro-contro-israele-stop-agli-affari-nelle-colonie-bRDWy513nUzJGa6FxyDFyN/pagina.html

[3] http://www.hrw.org/sites/default/files/reports/iopt1210webwcover_0.pdf
http://www.amnestyusa.org/pdf/mde150272009en.pdf
http://www.whoprofits.org/content/mekorot%E2%80%99s-involvement-israeli-occupation

[4] http://www.vitens.nl/overvitens/organisatie/nieuws/Paginas/Vitens-be%C3%ABindigt-samenwerking-Mekorot.aspx

[5] http://bdsitalia.org/index.php/campagne-footer/stop-that-train/307-dossier-crossing-the-line-il-treno-ad-alta-velocita-tel-aviv-gerusalemme

[6] http://bdsitalia.org/index.php/comunicati-pizzarotti/789-alhaq-pizzarotti

[7] http://www.inge-hoeger.de/start/regionalesnrw/detail/browse/64/kategorie/inge-hoeger-1/zurueck/regionalesnrw/artikel/bundesregierung-findet-israelisches-bahnprojekt-politisch-sensibel/suchen/

[8] http://bdsitalia.org/index.php/campagne/no-mekorot
http://bdsitalia.org/index.php/campagne/stop-that-train

thanks to: Palestina Rossa

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s