Warplane delivery makes Italy complicit in Israeli crimes

Italy has offered more concrete support for Israel’s latest attack on Gaza than perhaps any other European Union country. Italy is the current holder of the EU’s rotating presidency. Its flagrant disregard for the EU’s law against weapons sales to human rights abusers is, therefore, a most serious matter.

Il jet M346 Alenia Aermacchi

by Stephanie Westbrook – Electronic Intifada
Italy has offered more concrete support for Israel’s latest attack on Gaza than perhaps any other European Union country. As the massacres began earlier this month, two Italian-made M-346 jet trainer aircraft were delivered to Hatzerim, an Israeli Air Force base in the Naqab (Negev). These warplanes — the most “advanced” of their type, according to their manufacturers — will be used to train pilots for similar operations to the one now being carried out against Gaza’s 1.8 million people.

The Rome authorities cannot seriously claim that the timing of the 9 July delivery — two days after the assault on Gaza began — is a pure coincidence. Israel has undertaken offensives against Gaza and Lebanon, and committed countless human rights violations over the past decade. And yet Italy has deepened its military cooperation with Israel.

The two aircraft are the first in a batch of thirty M-346 trainers that Israel bought in 2012 from Alenia Aermacchi, a firm in the Finmeccanica Group, Italy’s top weapons manufacturer. They are part of a $1 billion “reciprocal” procurement package that largely favored Israel.The remaining 28 aircraft are to be delivered by 2016.

Dishonest

Roberta Pinotti, defense minister in the Rome government, stated last week, that “Italy does not provide Israel with weapons of an offensive nature.” She also said that Italy complies with the EU’s code of conduct on arms exports, which has been legally-binding since 2008. Both claims were dishonest. As the M-346 are military aircraft and their end-user — Israel — is occupying the land of another people, they are offensive by definition.

The EU’s code of conduct, meanwhile, forbids weapons sales if the weapons in question are likely to facilitate the abuse of human rights or international law. There is ample evidence that Israel uses weapons to violate the rights of Palestinians and international law.

Filippo Bianchetti, a spokesperson for the No M-346 to Israel Committee, explained that the planes are weaponized in the Alenia Aermacchi plant near Turin before being delivered to Israel. The aircraft are “ready for use in offensive actions,” he said. Because they are smaller than other planes in Israel’s arsenal, they are deemed easier to handle by military strategists and more “suitable” for offensives such as the one against Gaza, he added.

The Italian elite has been courting Israel for some time. In 2005, a government headed by Silvio Berlusconi signed an agreement with Israel, committing the two sides to cooperate on developing new arms, exchanging weapons-related technology and on military training. Lately, there have been some calls for the agreement to be revoked and an arms embargo slapped on Israel. Giulio Marcon, a member of the Italian parliament, has asked, for example, if the purpose of this cooperation is “to massacre civilians and occupy the Gaza Strip.”

Shameful relations

To its shame, Italy appears determined to maintain close relations with the Israeli military. Last week, the United Nations stated that one Palestinian child had been killed by Israel every hour over the previous two days. On the same day that heartrending statistic was published (23 July), it was announced that Sardinia intends to host a multinational military exercise this coming September. The Israeli Air Force — now bombing women and children in Gaza — is scheduled to participate.

Known to tourists for its beautiful beaches, Sardinia is also home to over 60 percent of Italian military ranges, including three of Europe’s largest. When drills take place, no-go zones on land and at sea cover an area larger than the island itself.

What goes on in the firing ranges is classified, though one thing is certain. Years of bombing and the use of experimental weapons have led to grave environmental and health problems. The soil, air, water and food chain are contaminated with heavy metals; a 2010 study conducted found that 65 percent of sheep farmers within a 2.7 kilometer radius of one site for weapons testing were suffering from leukemia or lymphoma.

There have also been birth defects in children and deformities in animals, including the birth of two-headed lambs. The prevalence of such problems is so acute that it has become known locally as the “Quirra syndrome” after the name of one of the military bases.

Focus on boycott

Roughly 40 percent of the activity at the firing ranges is undertaken by private arms-makers who rent the facilities from the Italian defense ministry in order to test experimental weapons and showcase weapons systems to potential buyers.

The Israeli military has no compunction about testing weapons on civilians. Doctors working in Gaza’s hospitals have reported unusual injuries that they believe are caused by the firing of DIME (dense inert metal explosives) and other experimental weapons.

Rosalba Meloni of the Cagliari Social Forum, a group opposing the military bases in Sardinia, said that “two Hollywood-style towns for war games, one European and the other Middle Eastern” are being built on the island as part of the expansion of the Teulada firing range. That is a clear indication of where future wars are being planned.

A national campaign is being organized against Israel’s participation in the Sardinian exercises. “We will also be focusing on boycott campaigns against Israel,” said Meloni.

Italy is the current holder of the EU’s rotating presidency. Its flagrant disregard for the EU’s law against weapons sales to human rights abusers is, therefore, a most serious matter. Sadly, though, there seems to be little prospect of fellow EU governments holding Italy to account. The EU has effectively supported Israel’s attack on Gaza by claiming — without evidence — that it is in retaliation for Hamas’ rocket fire.

It is encouraging that anti-war campaigners here are supporting the Palestinian-led call for boycott, divestment and sanctions against Israel. With EU governments and institutions so happy to repeat Israeli propaganda, it is essential that the ordinary people of Italy and other parts of Europe take action.

Stephanie Westbrook is a US citizen based in Rome, Italy. Her articles have been published by Common Dreams, Counterpunch, The Electronic Intifada, In These Times and Z Magazine. Follow her on Twitter: @stephinrome.

Westbrook: “La consegna degli aerei da guerra rende l’Italia complice dei crimini di Israele”

 

Dall’Italia già inviati in Israele due dei trenta jet M-346 della Alenia Aermacchi. L’Italia è l’attuale titolare della presidenza di turno dell’UE. La sua flagrante violazione del diritto dell’Unione europea contro la vendita di armi a chi viola i diritti umani è, dunque, un problema più grave.

M-346-2

di Stephanie Westbrook – Electronic Intifada 

L’Italia ha offerto un sostegno più concreto per l’ultimo attacco di Israele a Gaza che forse qualsiasi altra nazione dell’Unione Europea . Mentre i massacri sono cominciati all’inizio di questo mese, due jet aerei d’addestramento M-346 fabbricati in Italia sono stati consegnati a Hatzerim, una base dell’Air Force israeliana nella Naqab (Negev) .

Questi aerei da guerra – i più “avanzati” del loro tipo, secondo i loro produttori – saranno utilizzati per addestrare i piloti per le operazioni simili a quella ora in corso contro gli 1,8 milioni di persone di Gaza.

Le autorità di Roma non possono seriamente sostenere che i tempi di consegna del 9 luglio – due giorni dopo che l’assalto a Gaza è iniziato – è una pura coincidenza. Israele ha intrapreso offensive contro Gaza e il Libano , e commesso innumerevoli violazioni dei diritti umani negli ultimi dieci anni. Eppure l’Italia ha approfondito la sua cooperazione militare con Israele.

I due velivoli sono i primi di una serie di trenta formatori M-346 che Israele ha acquistato nel 2012 da Alenia Aermacchi, una società del Gruppo Finmeccanica , primo produttore di armi in Italia. Fanno parte di un appalto da 1 miliardo di dollari di un “reciproco” pacchetto che in gran parte ha favorito Israele. I rimanenti 28 velivoli devono essere consegnati entro il 2016.

Disoneste

Roberta Pinotti, ministro della Difesa nel governo di Roma, ha dichiarato la settimana scorsa, che “l’Italia non fornisce Israele con le armi di natura offensiva.” Ha anche detto che l’Italia è conforme al codice di condotta della UE sulle esportazioni di armi, che è stato reso legge dal 2008. Entrambe le affermazioni erano disoneste. Perché gli M-346 sono aerei militari e il loro utente finale – Israele – sta occupando la terra di un altro popolo, che è offensivo per definizione.

Il codice di condotta dell’Unione europea, nel frattempo, vieta le vendite di armi se le armi in questione sono in grado di agevolare l’abuso dei diritti umani o del diritto internazionale. Ci sono ampie prove che Israele usa armi per violare i diritti dei palestinesi e il diritto internazionale.

Filippo Bianchetti, un portavoce del No M-346 al Comitato di Israele, ha spiegato che gli aerei sono dotati di armi nello stabilimento di Alenia Aermacchi nei pressi di Torino, prima di essere consegnati a Israele. I velivoli sono “pronti per l’uso nelle azioni offensive”, ha detto. Perché sono più piccoli rispetto agli altri aerei in arsenale di Israele, essi sono considerati più facili da gestire dagli strateghi militari e più “adatti” a offensive come quella contro Gaza, ha aggiunto.

L’elite italiana ha corteggiato Israele per un certo tempo. Nel 2005, un governo guidato da Silvio Berlusconi ha firmato un accordo con Israele, legando le due parti a cooperare sullo sviluppo di nuove armi, lo scambio di tecnologia correlata alle armi e sulla formazione militare.

Ultimamente, ci sono state alcune chiamate per l’accordo che deve essere revocato e un embargo sulle armi schiaffeggiato su Israele. Giulio Marcon, un membro del parlamento italiano, ha chiesto , per esempio, se lo scopo di questa collaborazione è quello di “massacrare i civili e occupare la Striscia di Gaza”.

Relazioni vergognose

Per sua vergogna, l’Italia sembra determinata a mantenere stretti rapporti con l’esercito israeliano. La scorsa settimana, le Nazioni Unite hanno dichiarato che un bambino palestinese è stato ucciso da Israele ogni ora nel corso dei due giorni precedenti. Lo stesso giorno in cui la statistica straziante è stata pubblicata (23 luglio), è stato annunciato che la Sardegna intende ospitare una esercitazione militare multinazionale il prossimo settembre. L’aviazione israeliana – che ora sta bombardando donne e bambini a Gaza – parteciperà.

Nota ai turisti per le sue belle spiagge, la Sardegna è anche la patria di oltre il 60 per cento dei poligoni militari italiani, tra cui tre dei più grandi d’Europa. Quando le esercitazioni si svolgono, no-go zone a terra e in mare, coprono un’area più grande della stessa isola.

Quello che succede nei poligoni di tiro è classificato, però una cosa è certa. Anni di bombardamenti e l’uso delle armi sperimentali hanno portato a gravi problemi ambientali e sanitari. Il suolo, l’aria, l’acqua e la catena alimentare sono contaminati da metalli pesanti; uno studio condotto nel 2010 ha rilevato che il 65 per cento degli allevatori di pecore in un raggio di 2,7 km di un sito per i test di armi erano affetti da leucemia o linfoma.

Ci sono stati anche difetti di nascita nei bambini e deformità negli animali, tra cui la nascita di agnelli a due teste. La prevalenza di tali problemi è così acuta che è diventata nota come la ” sindrome di Quirra ” dal nome di una delle basi militari.

Focus sul boicottaggio

Circa il 40 per cento delle attività presso i poligoni di tiro viene effettuato da armaioli privati che affittano le strutture del ministero della Difesa italiano, al fine di testare armi sperimentali e fare vetrina dei sistemi di armi a potenziali acquirenti. L’esercito israeliano non esita a testare le armi sui civili. I medici che lavorano negli ospedali di Gaza hanno riportato lesioni insolite che credono siano causate dal lancio di DIME (esplosivi densi di metallo inerte), e altre armi sperimentali.

Rosalba Meloni del Social Forum di Cagliari, un gruppo che si oppone alle basi militari in Sardegna, ha detto che “due città in stile hollywoodiano per i giochi di guerra, una europea e l’altra mediorientale” sono in costruzione sull’isola come parte dell’espansione del poligono di tiro di Teulada. Questa è una chiara indicazione di dove sono in programma le guerre future.

Una campagna nazionale è stata organizzata contro la partecipazione di Israele negli esercizi sardi. “Ci concentreremo anche sulle campagne di boicottaggio contro Israele”, ha detto Meloni.

L’Italia è l’attuale titolare della presidenza di turno dell’UE. La sua flagrante violazione del diritto dell’Unione europea contro la vendita di armi a chi viola i diritti umani è, dunque, un problema più grave. Purtroppo, però, sembra che sia poco probabile che gli altri governi UE chiamino l’ Italia a rendere conto. L’UE ha efficacemente sostenuto l’attacco di Israele su Gaza sostenendo – senza prove – che è in rappresaglia per il lancio di razzi di Hamas.

E ‘incoraggiante che gli attivisti contro la guerra qui stanno sostenendo l’appello palestinese per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele. Con i governi dell’UE e delle istituzioni così felici di ripetere la propaganda israeliana, è essenziale che la gente comune d’Italia e altre parti d’Europa agisca.

(Traduzione a cura di “Il Popolo che non esiste”)

thanks to: Stephanie Westbrook

Electronic Intifada

Nena News

Annunci

One thought on “Warplane delivery makes Italy complicit in Israeli crimes

  1. Pingback: Fibrillazione nel sistema bancario. Anche la #Bri teme una nuova #crisi | Frontiere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.